25 Settembre 2018 / / GiCiArch

La stagione autunnale è ormai cominciata, i grandi marchi di arredamento hanno aggiornato i loro cataloghi e ci sono tante novità ripetto alle stagioni precedenti, sia in fatto di colori che di stile.  In questo articolo potrete trovare idee e anticipazioni sulle tendenze in campo di arredamento e design per la stagione autunno-inverno 2018 2019.

maison du mone 1

Foto: Maison du monde

I materiali naturali saranno i protagonisti, infatti confrontando le varie proposte dei grossi marchi di arredo emerge proprio questa caratteristica. Materiali naturali affiancati a imbottiti, i tessuti saranno molto importanti, vengono proposti in colori vivi ma mai eccessivi. La tendenza arredo per questo autunno punta a creare ambienti caldi e accoglienti, vivere bene senza esagerazioni.

casa natural

Foto: http://www.dettaglihomedecor.com

Il motto è “vivere bene” e lo stile che più rispecchia questo pensiero è lo stile scandinavo, o nordico, uno stile caratterizzato da arredi semplici, dalle linee pulite e minimal, ambienti caldi semplici ed accoglienti. In campo di arredamento, gli elementi appartenenti alle  tradizioni del passato ritornano e diventano  protagonisti, le carte da parati sulle pareti, l’utilizzo di tessuti avvolgenti e importanti per rivestire sedie e poltrone, le piante che rendono l’ambiente più caldo, infondono serenità. Utilizzo di tappeti in tessuti morbidi.

Ikea inspire

Foto: Ikea

carte-da-parati-luxury-segni-2-362

Foto: “Segni” di Carta da Parati Artistica

Come già accennato un’altra caratteristica delle tendenze trend 2019 saranno gli imbottiti, eleganza e morbidezza per cuscini, poltrone, divani in stile moderno affiancati a elementi vintage come i tappeti anni ’80 a pelo lungo.

Imbottiti

Foto: Maison du Monde

Le aziende sono sempre più attente verso l’ambiente, per questo propongono oggetti e complementi  realizzati con materie prime naturali, come legno grezzo, il vetro ed i tessuti quali lana, pelle e velluto.

Tappeto pl

Foto: http://www.benuta.it

Le case moderne, sopratutto nelle grandi città, sono sempre più piccole e sfruttano al massimo gli spazi. Una tendenza che caratterizzerà questo autunno–inverno sarà l’impiego di mobili multifunzionali, nati proprio per gestire e sfruttare al meglio lo spazio a disposizione. Si tratta di comlementi di design, belli ma anche pratici e funzionali.

img_0559

Foto: Arredaclick

Altra tendenza è quella che vede il ritorno del dorato, e questo riguarda l’arredo di tutta la casa, sopratutto il bagno. In commercio troviamo tantissime proposte di arredi e complementi con dettagli in metallo dorato, lampade, rubinetteria, piccola ogettistica, specchi.

H&M oro

Foto: H&M home

Per finire parliamo dei colori. Gli anni passati sono stati caratterizzati da tinte pastello e tenui,  ora sarà in momento dei colori sicuri e accesi, il rosso, il verde, il blu e il viola!

 

 

 

25 Settembre 2018 / / Blogger Ospiti

Il bagno è una stanza molto usata dai clienti della tua attività aperta al pubblico, quindi non puoi permetterti errori! Deve essere una stanza bella, curata e accogliente. Qui ti do alcuni suggerimenti su come fare.

Il bagno del tuo ristorante, negozio o in generale attività aperta al pubblico dice moltissimo di come lavori. Da questa stanza, i tuoi clienti carpiscono delle importanti informazioni sul tuo conto (specie se si tratta di un ristoratore): che valore dai alla pulizia e all’igiene? Quanta cura metti nell’essere accogliente nei confronti della clientela?

Questa, come puoi facilmente intuire, è una stanza che necessita di poche, ma sostanziali accortezze.
Non sto qui a ricordarti quali sono gli accessori necessari che per legge devono essere presenti nel tuo bagno commerciale, ma sono qui per parlarti di come questi possono esprimere la tua personalità e lanciare un messaggio chiaro ai clienti che vi entrano: sai essere accogliente nei loro confronti.

Il tuo bagno commerciale può parlare (bene) della tua attività, o non farlo

Ho dedicato diversi articoli all’arredo bagno, parlandoti di novità e tendenze per il bagno di casa. Ecco, il punto è proprio questo: vuoi che i tuoi clienti si sentano i benvenuti? Vuoi che si sentano a casa quando vengono nel tuo locale? Allora devi trattarlo non dico come se fossi a casa tua perché sarebbe un’esagerazione, ma con tanta cura e attenzione.

Innanzitutto ti consiglio di scegliere uno stile d’arredamento coerente con il resto del locale. Se per esempio il tuo locale commerciale è arredato in stile Shabby, con i suoi mobili vintage e le sue tinte pastello, io da cliente verrei (consapevolmente o no) delusa dal trovare un bagno minimale, ma vorrei trovarci lo stesso calore che trovo all’interno della sala.
In questo caso, potresti sorprendermi ad esempio con dell’elegante carta da parati per bagno, che sceglierai in tinta con il colore dei servizi, in modo che accolga il mio occhio e lo coccoli ancora una volta.

Con questo non voglio assolutamente dire che lo stile minimal per l’arredamento bagno sia da meno. Anzi, ci sono delle trovate veramente eleganti anche negli oggetti di uso più comune. Prendi ad esempio un “banalissimo” dispenser sapone; documentandoti scoprirai che ce ne sono di tantissimi tipi e con tantissime caratteristiche diverse: la tipologia di sapone che erogano, se sapone liquido o schiuma di sapone, il materiale in cui sono realizzati, se plastica o acciaio, la forma! Quanto è importante la forma in un oggetto d’arredamento? Moltissimo! Scegline uno che non sia fuori contesto, ma che anzi rafforzi lo stile del tuo locale.

Un consiglio per l’arredo del tuo bagno commerciale

Visto che in questa sede ho deciso di mettere da parte “l’essenziale” per occuparmi invece della cura del dettaglio, ti do qui anche alcuni suggerimenti per arredare il tuo bagno commerciale in modo fantasioso.

Oltre alle carte da parati di design di cui ti ho parlato prima, e agli oggetti indispensabili per legge, potresti abbellire ulteriormente il tuo bagno commerciale aggiungendo degli oggetti di design puramente decorativi! Questi potrebbero richiamare lo stile del tuo locale, e far sorridere o stupire i tuoi clienti.
Ti faccio un esempio pratico: mettiamo che il tuo locale sia arredato in stile provenzale, quindi tratti romantici, colori pastello tendenti al chiaro e quell’immancabile pizzico di malinconia. Non troveresti una buona idea sistemare sulle finestre dei bagni o a pavimento delle piccole fioriere e vasi in metallo che richiamino i colori della stanza? Io da cliente penserei che ci tieni davvero a farmi sentire a mio agio.

Seguendo quindi questo principio, in base al tipo di arredamento scegli anche degli accessori puramente decorativi per il tuo bagno commerciale per far sentire “a casa” i tuoi clienti.

Qui sul blog ne trovi a bizzeffe!

25 Settembre 2018 / / +deco

Anche se a Roma l’estate sembra non voler finire mai, già mi vedo raggomitolata su una bella poltrona, avvolta da un maglione e con un libro in mano (e un bicchiere di vino sul tavolino accanto).

Sicuramente mi sarò anche stufata del caldo ma la verità è che amo l’Autunno. Mi piace la sua luce dorata e nostalgica, tipica di Ottobre, mi piace la sensazione delle maniche lunghe sulla pelle dopo i mesi estivi, mi piace dormire con una copertina dopo un lungo periodo di sudate, mi piace fare la lista dei buoni propositi anche se poi la tradirò (ebbene sì, io sono una di quelle che si organizza mentalmente secondo l’anno scolastico).

Per aiutarvi ad entrare nel mio umore autunnale che di triste non ha proprio nulla, vi farò vedere delle poltrone sexy e irresistibili.

La maggiorparte dei modelli sono nuovi, alcuni sono usciti l’anno scorso ma tutti trasformeranno la tua sala o camera o studio e nessuno dei ospiti resisterà la tentazione di sedercisi sopra!

Sexy armchairs, Geo by Saba.

“Nilson” by Verzelloni

“Vincent” by Swoon.

“Hepburn” by The Conran Shop

“Blendy” by De Padova.

“Archibold” by Frau.

“Fanny” by Fendi Casa.

 

The post Poltrone sexy appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

25 Settembre 2018 / / Interiors

Anche i ragazzi sono stati piccoli e meritano un posto in questo mese. Vi voglio parlare di un hotel per studenti (quindi ragazzi), The Student Hotel a Barcellona.

Quando eravate ragazzi e studenti e organizzavate i viaggi con i vostri amici, sognavate un hotel a misura di ragazzo. Divertente ma pratico, in cui poter passare qualche giorno ma senza sentirsi a casa della nonna.

Per gli studenti e i giovani non sono molti i posti che ne rispecchiano il gusto e l’anima. L’hotel di cui vi parlo oggi è assolutamente audace e originale e per questo son sicura piacerà ad adolescenti e universitari ma anche ai più piccini.

THE STUDENT HOTEL A BARCELLONA: IL NUOVO PROGETTO DI MASQUESPACIO

Dell’agenzia e studio di consulenza creativa Masquespacio vi ho già parlato e anche di alcuni loro progetti. Li adoro perché sono capaci di creare progetti assolutamente inaspettati, fuori dalle righe e audaci. Pieni di colore, grafica e pattern e rimandi colti a stili di design che non molti conoscono.

Tutto ciò dando agli spazi che creano un tocco divertente e scanzonato. E questo hotel non è da meno: The Student Hotel è un gruppo di Hotel tedesco che offre un’esperienza unica di co-living (vivere insieme) e co-working. Hanno appena aperto ben due sedi a Barcellona e hanno affidato la progettazione proprio allo studio Masquespacio.

La sede nella Marina di Barcellona trova spazio in un edificio di quattro piani con ben 500 stanze. Comprende spazi comuni come piscine e zone gioco, così come zone più appartate da dedicare allo studio.

The Student Hotel a Barcellona

| Design: Masquespacio (http://www.masquespacio.com) | Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)|

 

Nel progetto trovano sintesi la forte immagine del brand tedesco e la clientela internazionale, attraverso un mix di stili che da vita ad un hotel assolutamente eclettico. Un’immagine finale che coniuga lo stile già conosciuto del gruppo ad un tocco mediterraneo, attraverso l’uso di materiali locali e colori audaci. 

Un mix perfettamente riuscito dello stile Memphis, degli anni settanta e dell’estetica industriale, che si ripercuote fin nei minimi dettagli. Ogni angolo, dettaglio decorativo o elemento visuale vuol essere parte integrante della vita degli studenti, accompagnandoli nelle loro attività quotidiane ed essendone fonte di ispirazione.

The Student Hotel a Barcellona

| Design: Masquespacio (http://www.masquespacio.com) | Photography: Luis Beltran (http://www.luisbeltran.eu)|

Colori audaci, grafica, linee e forme geometriche si fondono in hotel che già di per sé è un’esperienza. E come Ana Hernandez (direttore creativo del gruppo) afferma:


Bisognerebbe notare come l’uso del colore non solo influenza il modo di essere di una persona, ma può essere utilizzato per creare una coraggiosa affermazione di design in un ambiente.
Condividi il Tweet


The Student Hotel a Barcellona

| Image credits: Masquespacio – Luis Beltran |

 

L’articolo The Student Hotel a Barcellona: un nuovo successo di Masquespacio sembra essere il primo su VHD.

25 Settembre 2018 / / Coffee Break

I sottotetti o mansarde emanano da sempre un grande fascino; soprattutto le forme geometriche dei tetti, se a una o più falde inclinate conferiscono a questi ambienti un fascino tutto particolare. Inoltre, spesso, almeno potenzialmente, il sottotetto è la stanza più luminosa della casa, grazie alle finestre aperte sul tetto stesso stesso, che ricevono luce naturale zenitale, cioè perpendicolare. Infatti le finestre sul tetto, grazie alla loro posizione, se ben orientate (sud-ovest), forniscono praticamente il doppio della luce di una finestra normale. I vantaggi di una buona illuminazione naturale sono molti, a partire da quelli che incidono sulla nostra salute; in più si risparmiano soldi in bolletta e si può godere di una bellissima visuale.
Il loft delle foto si trova in Svezia; i colori tenui tipici degli interni nordici gli conferiscono un’atmosfera luminosa ma fredda, affascinante insieme alla struttura particolare a vista delle falde del tetto.

Attic and natural light, a winning combination


Attics always give off great charm; above all the geometric shapes of the roofs, if one or more inclined pitches give these environments a special charm. Moreover, often, at least potentially, the attic is the brightest room in the house, thanks to the open windows on the roof itself, which receive natural light zenithal, ie perpendicular. In fact, the windows on the roof, thanks to their position, if well oriented (south-west), provide almost twice the light of a normal window. The benefits of good natural lighting are many, starting with those that affect our health; in addition you save money on bills and you can enjoy a beautiful view.

The photo loft is located in Sweden; the soft colors typical of the Nordic interiors give it a bright but cool, charming atmosphere together with the particular structure of the roof pitches.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

25 Settembre 2018 / / Dettagli Home Decor

Nel corso della riqualificazione nell’area di King’s Cross, gli architetti britannici Wilkinson Eyre hanno trasformato tre ex gasometri in un complesso residenziale con negozi, uffici e 145 appartamenti di lusso. 


Il progetto di interior design di alcuni appartamenti all’interno del Gasholders London, è stato curato dallo studio di design e architettura N°12.
Gli interni sono scanditi da un design contemporaneo e dettagli raffinati, arredati con mobili e complemeti realizzati quasi tutti su misura.
Ogni appartamento dispone di una terrazza o un balcone, con vista su tutta la città e sul Regent’s Canal che scorre a poca distanza, elemento fondamentale che permette agli spazi interni  di essere inondati dalla luce naturale per tutta la giornata.
Gli appartamenti si differenziano tra loro per dimensione, disponibili a due o tre camere, e per stile: quelli più grandi hanno un look più “maschile” e un gioco di colori dove prevale il blu e verde, mentre i più piccoli sono caratterizzati da un’atmosfera più “femminile” e nuance più delicate.
Oltre agli interni, N°12 ha curato la progettazione degli spazi comuni: dalle lobby alla reception, dalla business suite alla sala meeting, dalla sala intrattenimento alla spa, fino al giardino pensile condiviso.


Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London
Gasholders London

25 Settembre 2018 / / Idee

serre da giardinoserre da giardinoserre da giardinoserre da giardino

È in arrivo la brutta stagione ma voi non volete proprio rinunciare al vostro orto che vi permette di mangiare sano, fare conserve e, perché no, passare il tempo in maniera piacevole.

Una soluzione c’è e la potete trovare nel web: serre da giardino online.

serre da guardinoserre da giardinoserre da giardino

Ma, c’è sempre un ma, le soluzioni per quanto riguarda i materiali sono molteplici, vediamole!

Serre da giardino in vetro

Esse permettono di coltivare tutto ciò che volete ricreando le condizioni ottimali per la crescita anche quando le temperature esterne sono avverse. E non dimentichiamo la luce, indispensabile per la fotosintesi delle piante, che provenendo dal vetro antinfortunistico, permette di mantenere il giusto calore e la giusta umidità aprendo o chiudendo gli sfiatatoi.

Per l’esposizione di questo tipo di serra bisogna considerare che il sole mattutino è quello più benefico per le piante, quindi andrà messa a sud e mai sotto alberi che fanno ombra in inverno perché il sole ha meno forza in questo periodo. Se poi riusciste a riciclare l’acqua piovana, magari accostando la serra a un punto dove cade, sarebbe proprio l’ideale per il risparmio idrico.

E la manutenzione è semplice perché basterà tenere puliti i vetri, sostituirli se si rompono ed eventualmente, trattare le superfici che costituiscono lo scheletro della serra con prodotti conservanti.

serre da giardinoserre da giardinoserre da giardino

Serre da giardino in PVC

Parlando di coperture plastiche possiamo dire che ve ne sono di rigide, di semi-rigide o a film plastici. Esse sono anche resistenti, leggere, maneggevoli ed economiche però hanno una durata limitata nel tempo, spesso vanno frazionate per via delle deformazioni che subiscono e trattengono meno calore del vetro. Questo però varia in base allo spessore del materiale plastico che, più sarà rigido e più si assimilerà al vetro in quanto a caratteristiche.

serre da giardino  serre da giardinoserre da giardino

Serre da giardino in policarbonato

Serre leggere ma resistenti, più leggere del vetro e con un punto di rottura più alto (si rompe meno facilmente). Possono essere alveolari (costituite da vari pannelli) oppure compatte con lastre di spessore diverso per ottimizzare l’isolamento termico con proprietà anti UV. Ulteriori vantaggi di questo materiale sono la resistenza agli urti, la flessibilità e la garanzia contro l’ingiallimento tipico della plastica.

Anche queste serre necessitano di manutenzione e pulizia, soprattutto all’interno per evitare il proliferare di funghi e muffe. Inoltre, non bisogna trascurare di oliare tutti i cardini che di porte e sfiatatoi.

serre da giardino

Dopo questa breve panoramica sui tipi di serra in commercio, potrete coltivare i vostri ortaggi preferiti anche con delle temperature esterne non ottimali.

L’articolo Serre da giardino: i materiali proviene da Architettura e design a Roma.

25 Settembre 2018 / / Idee

L’ampliamento può essere, in alcuni casi, una soluzione valida per aumentare la superficie abitabile della casa.

ampliamento casa come fare cucina veranda

Spesso accade che, con il passare del tempo, la casa in cui viviamo diventa troppo piccola per le nostre esigenze. L’arrivo di uno o più figli, il desiderio di avere uno spazio da dedicare agli hobby o al relax, o semplicemente, di allargare uno spazio ormai percepito come angusto; tutti questi motivi spesso ci spingono a cambiare casa. Tuttavia, in alcuni casi è possibile risolvere la situazione con un ampliamento.

In alcuni paesi del nord Europa le estensioni dei volumi esistenti sono ormai una realtà consolidata, mentre in Italia questa pratica è ancora poco diffusa. Eppure, oltre ad essere pratici, gli ampliamenti posso essere davvero d’impatto: basta guardare le immagini che ho selezionato e che possono essere fonte di ispirazione:

ampliamento casa come fare veranda
ampliamento-casa-come-fare progetti

Foto 1: Austen House, Adam Knibb Architects//Foto 4: progetto di WT Architecture, PH Matt Laver

Vediamo quali sono i passi da compiere per realizzare un ampliamento:

Requisiti per la progettazione

Per estendere il volume di un’abitazione esistente bisogna rispettare alcuni requisiti fondamentali. La prima cosa da fare è quella di rivolgersi a dei professionisti, i quali verificheranno la fattibilità e faranno una stima dei costi del progetto. Andranno valutate le caratteristiche fisiche (orografia dell’area, dislivelli, alberi e così via) e urbanistiche (vincoli normativi e rispetto degli standard specifici dell’area).

ampliamento casa come fare moderno

Progetto: Arch. Kenny Forrester//PH Adam Scott

Il progetto dovrà prevedere necessariamente l’ampliamento delle fondamenta della casa, passo fondamentale per garantire la stabilità strutturale e la sicurezza di tutto il fabbricato nel suo insieme, soprattutto se si prevede la demolizione di porzioni dei muri portanti. E’ quindi molto importante rivolgersi ad imprese affidabili e specializzate nella costruzione di edifici, dalle fondamenta al tetto.

Le tipologie di ampliamento

Una volta valutata la fattibilità, occorre stabilire il tipo di ampliamento che si desidera e realizzare il progetto. Le estensioni possono andare dalla chiusura o dalla realizzazione ex novo di balconi, verande, loggiati, terrazzi; dalla costruzione di nuovi fabbricati fino alla trasformazione di locali tecnici, rimesse, garage in ambienti abitabili, se contigui all’edificio esistente.

Norme

Il testo di riferimento per tutti gli interventi edilizi è il TUE -Testo Unico per l’Edilizia (Download). Inoltre, bisogna riferirsi alle leggi del Piano Casa. Tenete presente che in molte regioni il Piano Casa è già scaduto mentre in altre verrà prorogato, dunque occorre informarsi sulla situazione nel proprio comune di residenza. In generale tutti i Piani Casa prevedono la possibilità di aumentare la cubatura fino al 20% dell’esistente in deroga alle normative locali. 

a proposito di ampliamento, hai visto questo post sul recupero del sottotetto?

ampliamento casa come fare casa vecchia

In generale, l’ampliamento deve essere contiguo al fabbricato esistente, nel rispetto delle norme di tutela del paesaggio e dei beni storici, di quelle igienico sanitarie e anti sismiche. Inoltre sussiste l’obbligo di integrare le fonti energetiche che serviranno la nuova unità con quelle sostenibili.

Incentivi

Per gli ampliamenti non sono previsti incentivi, a meno che non si tratti di interventi che riguardano terrazzi, balconi e verande. E’ possibile ottenere la detrazione del 50% prevista dal bonus ristrutturazione se si realizzano nuovi balconi, si chiudono terrazze con demolizione del muro che dà sul balcone creando un aumento di superficie lorda di pavimento, se si trasforma il balcone in veranda (spazio coperto chiuso con elementi trasparenti parzialmente o totalmente apribili). Il tutto sempre nel rispetto delle norme edilizie e urbanistiche vigenti nel comune di residenza.

ampliamento casa come fare legno

Permessi

Infine, una volta pronti il progetto e tutta la documentazione necessaria, si può passare alla parte burocratica. L’ampliamento, essendo una nuova costruzione, richiede il rilascio del Permesso di Costruire. Le uniche eccezioni riguardano quei comuni in cui è ancora in vigore il Piano Casa, e per ampliamenti che non superino il 20% del volume esistente: in questo caso è sufficiente presentare la SCIA. Anche questa fase, consiglio di affidarsi a professionisti del settore edile, così da essere certi di non avere problemi in fase di approvazione del progetto.

Crediti foto di copertina: progetto Arch. Manuel Sequeira//PH ©  Meero


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER