1 Ottobre 2018 / / ChiccaCasa



In ambito botanico questo è l’anno del kokedama. Una tradizione giapponese che vuole le piante più piccole, poste in una sfera di terra e muschio, anziché in vaso. Questa nuova veste delle piante è impazzata su web, diventando una vera e propria tendenza! Sono la prima ad ammettere di essermene innamorata sin dalla prima foto vista su Pinterest!

Puoi comprarli dal fioraio!
Sono composti da una sfera di terricci speciali e uno strato esterno di muschio, attaccato alla terra attraverso vari giri di spago.

Puoi agganciarli al soffitto e lasciarli sospesi, o appoggiarli su un piano (la prima versione è la mia preferita!).
I kokedama sono perfetti per le baby plants ed hanno davvero un grande potere decorativo!

Per innaffiarli basta immergerli per un po’ in un contenitore, per poi strizzarli delicatamente. Originale, non trovi?

Ma che si fa se la piantina del kokedama cresce troppo o appassisce? 
No, non devi necessariamente buttare tutto il pacchetto!
Segui queste istruzioni, per cambiare la piantina al tuo kokedama.

1. Libera il kokedama dagli strati di spago.


2. Apri delicatamente il kokedama in due, con le mani ed elimina la piantina e le vecchie radici.



3. Togli una porzione di terra dal cuore delle semisfere e tienila da parte.



4. Aggiungi, in rapporto 1 a 1, del terriccio universale alla terra ricavata dal kokedama. Mescola il composto ottenuto.



5. Aggiungi al composto un po’ d’acqua, impasta e fai una polpetta che possa essere chiusa all’interno delle due parti del kokedama.




6. Apri la polpetta in due e metti in sede la nuova piantina. Poi richiudi la polpetta.


7. Vaporizza le pareti interne del kokedama e poi ricomponi il tutto: avvicina le semisfere alla polpetta e tienili stretti con le mani.


8. Assicura il kokedama con dei giri di spago e nodi. E voilà, il tuo kokedama è tornato splendente!


Sul web ci sono un sacco di video ed articoli che spiegano come autoprodurre un kokedama, ma raramente si parla di come mantenerlo vivo nel tempo. Quindi, se conosci qualcuno che ha un kokedama, consigliagli questo post! 

http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
1 Ottobre 2018 / / +deco

Nell mani di Fabio Viale il marmo diventa malleabile e leggero ma anche urbano ed irreverente.

Fabio Viale crea delle sculture raffinate quanto quelle classiche ma poi le copre di tatuaggi a tutto torso; crea degli aeroplani di carta con il marmo, delle vere e proprie barchette a motore, delle ruote di tir.

Nelle le sue mani il marmo diventa il più versatile materiale che ci sia, diventa carta, legno, carne, gomma, plastica. Viene usato come prima mai.

The post I ♥ Fabio Viale (vedrai, pure tu) appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

1 Ottobre 2018 / / Idee

In cerca di ispirazioni per dare un nuovo tocco in casa, in particolare al soggiorno? Un copia il look dal sapore nordico, con un occhio a budget e stile.

English version >> http://bit.ly/2dayC0y

………

Siete in cerca di idee per arredare casa in stile nordico o per rifare il look al soggiorno ad esempio? Bene, siete proprio fortunelli oggi: qualche tempo fa ho trovato un’immagine che mi ha molto colpito e ho voluto condividerla con voi.

Capita spesso di vedere immagini di interni sul web e sui giornali, di spazi che sembrano molto sofisticati. Tante volte vorremmo raggiungere quello stesso stile, ma ci scoraggiamo.

Un po’ perché non si sa da che parte cominciare per scegliere gli arredi, un po’ perché alla sola idea di mettere insieme i pezzi ci viene in mente quello che spenderemmo.

Invece non è necessariamente vero; bisogna dedicare tempo alle ricerche ma ne vale la pena. Volete rimanere con me per vedere come rifare lo stile del soggiorno?

NORDICO, ELEGANTE E CON GUSTO

stile nordico

Eccola qui la mia musa ispiratrice per oggi. Colori neutri, legni dalla forte personalità che contrastano coi toni freddi dei mobili. Pochi accessori misurati, per completare il quadro.

Un insieme armonico ed equilibrato, per una zona giorno in perfetto stile scandinavo. Vi piace qualche pezzo o li volete tutti? Tenetevi pronti, stanno per arrivare lista della spesa e rendering del risultato finale!

stile nordico

Moodboard

Ecco qui il dove e quanto:

1/3. Quadri vari Bjorksta, Ikea € 39,99

2. Credenza Trocadero, Maison du Monde, € 599,90

4. Applique orientabile in ottone H 50 cm, FACTORY, Maison du Monde € 99,99

5. Copricuscino fantasia, H&M, € 4,99

6. Plaid maglia punto riso, H&M, € 49,99

7. Divano due posti Stocksund, Ikea, € 499

8. Copricuscino punto riso, H&M, € 19,99

9. Vaso grigio Atgang, Ikea, € 9,99

10. Quadro Pjatteryd, Ikea, € 9,99

11. Lampada da tavolo Tris, Made, € 55

Ora che la lista della spesa è fatta, non rimane che vedere come questi pezzi simili ma non uguali agli originali stanno insieme. Così potrete decidere se vi piace oppure no.

Ecco qui:

stile nordico

Che fate, rimodernate?

 

L’articolo Nordico ed economico: il soggiorno perfetto sembra essere il primo su VHD.

1 Ottobre 2018 / / Amerigo Milano

Non è solo la Milano Fashion Week a suggerire l’eterno ritorno dell’animalier, tendenza moda sempre pronta a rientrare a gamba tesa nelle preferenze dei più grandi stilisti, ma anche la settimana della moda di Parigi appena terminata, nella quale l’animalier si è imposto trionfalmente con capi che uniscono zebrato e maculato negli stessi set oppure riproponendo scarpe maculate insieme a borse pitonate. Lungi dall’essere rielaborazione di cose già viste, l’animalier si sa sempre riproporre come una novità, ed è infatti perennemente in grado di stupire, creare dibattito e talvolta anche scandalo.

Perché l’animalier esercita sempre questo strano fascino senza tempo?

slippers maculate Amerigo Milano

Perché l’animalier, a differenza di molti altri pattern e cromie, non esce mai dai guardaroba di chi è attento ai dettami della moda o dagli spunti creativi dei più sofisticati stilisti?

I motivi sono diversi; se da un lato, come già accennato, c’è la capacità che l’animalier ha di stupire e scandalizzare sempre, attitudine intorno alla quale il mondo fashion ama gravitare, dall’altro esso è anche un porto sicuro in fatto di stili e possibilità di abbinamento.

Adatto a chi ha non solo fantasia ma anche attrazione per la sperimentazione, la tendenza moda animalier mette d’accordo sia chi vuole un “porto sicuro” in fatto di stile sia chi non vede l’ora di scandalizzare, capo dopo capo, stagione dopo stagione.

L’attività di abbinare l’animalier è il primo elemento creativo che attira così tante persone verso questo stile.

Dunque, come si abbina l’animalier?

Abbinare l'animalier_amerigo Milano

Tra i motivi per cui l’animalier torna sempre di tendenza ci sono i suoi infiniti possibili abbinamenti, sia con cose più eccentriche che con tinte classiche e più neutre.

L’abbinamento di accessori, dalle borse alle scarpe animalier, con abiti e sottovesti di seta a tinta unita o con giacche e completi palesemente classici, veicola un messaggio che vuole spezzare i riti del quotidiano, dell’eleganza formale, dell’approccio pacato e sobrio alla vita e alle relazioni.

E poi c’è la scelta animalier total look (la più in voga nelle passerelle parigine di quest’anno) che si impone come affronto ad ogni forma di monocromaticità e alla quale si orientano coloro che vogliono essere notati subito; chi indossa l’animalier total look vuole aprire l’aria in due al proprio passaggio, senza se e senza ma.

Ad entrambe le scelte, dall’animalier come infiltrazione in uno stile classico, allo sfoggio total look, si abbinano alla perfezione alcuni accessori che dell’animalier non si stancano mai, dalle borse alle cinte alle scarpe maculate.

Come nel caso delle slippers Amerigo Milano, adatte ad uno stile classico ma anche metropolitano, per un gentleman o una lady perfettamente a proprio agio nella giungla metropolitana, nella quale reintroducono classe e pacatezza, senza rinunciare al diritto all’eccentricità.

Slipeprs donna Amerigo Milano

Le slippers Amerigo Milano, in stile maculato, fanno coesistere tre provocazioni, molto care al mondo della moda:

1. la comodità che rende la città simile ad una casa, risultando perfette ai piedi di persone dal passo sicuro, in pieno controllo del proprio destino;
2. L’eccentricità della tendenza maculata;
3. La possibilità di abbinare l’animalier con vari pattern (maculato con zebrato, ad esempio), ma anche con completi classici, monocromatici tendenti all’antracite o al bianco.

Inoltre, le slippers maculate si abbinano alla perfezione con il colore tendenza top di questo autunno, cioè le sfumature di arancio e ocra carico.

Abbinare l’animalier con le mille forme del body art

abbinamento maculato body art

Siamo nell’epoca in cui non sono più solo capi ed accessori le cose da “indossare” e abbinare ma anche il proprio corpo, i propri tatuaggi, la nail-art e scelte di hairlook.

I segni e disegni che scegliamo per il nostro corpo diventano ulteriore abito, perenne messaggio del nostro modo di stare al mondo. Così, come risulta anti convenzionale e irresistibile un uomo che “indossa” i suoi dread su un completo giacca e cravatta blu notte o come aumenta il suo fascino una donna che sfoggia il suo tatuaggio tribale sulla mano ornata da un anello della linea più classica di Tiffany, allo stesso modo un accessorio animalier, come una scarpa maculata, risalta un tatuaggio sulla caviglia, il tutto sotto una rassicurante gonna anni ’50 o una sexy longuette.

Le slippers Amerigo Milano, nei loro pattern animalier, sono irresistibili per il loro essere un potenziale trait d’union tra le mille dicotomie della vita moderna, ad un confuso ma eccitante incrocio tra la ricerca di comodità e serenità casalinga e la voglia di sfidare, ogni giorno, la nostra personale giungla.

1 Ottobre 2018 / / Easy Relooking

LEGGI IN INGLESE

L’ambiente più intimo e riservato della casa diventa protagonista. Il bagno è, infatti, la stanza dove trascorriamo sempre più tempo per prenderci cura di noi stessi. Creare un ambiente funzionale ma allo stesso tempo elegante e rilassante diventa dunque la parola d’ordine quando si parla di home living e decor. Le tendenze abitative degli ultimi anni confermano che l’utilizzo di resine, malte e microcemento stanno conquistando gli addetti ai lavori e soprattutto la clientela.

Bagni in resina, una scelta di design e gusto estetico

Ambienti minimal, spesso monocromatici, che donano alla stanza un senso di continuità e ampiezza. Le resine impiegate come rivestimento per pavimenti e pareti del bagno sono in grado di conferire all’ambiente un aspetto materico, uno spiccato gusto industriale, un mood essenziale, lineare e pulito che si sposa con l’utilità di questo spazio. Bianco, tonalità di grigio e marrone, dai toni più chiari ed eterei a quelli più scuri e decisi, sono i colori più in voga, quelli che conferiscono allo spazio un aspetto più naturale. Ad arricchire (ma non troppo) gli ambienti ci pensano sanitari lineari e sospesi, lavabi dalle linee basiche poggiati su top ricercati (in marmo, legno o pietra), vasche e box doccia anch’essi rivestiti in resina e pochi alti elementi di arredo. Tutti elementi in grado di conferire uno stile elegante ma minimal ed essenziale.

Bagni in micro cemento, una scelta di stile per ristrutturazioni e non solo

La tendenza del momento è ristrutturare utilizzando il microcemento per pareti e rivestimenti. Un materiale  ultra resistente e pratico da pulire. Mixando top in legno a complementi d’arredo dal gusto retrò (con specchi a cornice o mensole laccate) anche case classiche, rustiche oppure in stile acquistano un mood contemporaneo, moderno. Questo particolare rivestimento è, infatti, estremamente versatile e si combina alla perfezione con differenti stili, sia classici che moderni. L’atmosfera che si respira è quella di un ambiente intimo e accogliente ma con carattere ed eleganza. Il senso di ampiezza degli spazi e la continuità delle dimensioni sono garantite dalla possibilità di utilizzare il microcemento anche per rivestire interamente una vasca, un lavabo o addirittura un box doccia.

Via Pinterest

Microtopping: cos’è e perché sceglierlo

Il microtopping, o micro cemento, è perfetto per rinnovare gli ambienti, è veloce da applicare, è innovativo ed ecologico, ma è soprattutto un elemento di design grazie all’effetto materico che conferisce agli spazi. Si tratta di un prodotto unico, in grado di personalizzare bagni o altre stanze grazie alla realizzazione a mano.

Perchè sceglierlo rispetto ad altri rivestimenti?

Il microtopping è utilizzabile sia in ambienti esterni sia interni, grazie alla sua particolare resistenza agli agenti atmosferici. E’ estremamente resistente alle sollecitazioni e agli urti, è facile da pulire e anche da riparare in caso di danneggiamento. Ma la caratteristica principale è la resa in termini estetici unica e particolare. Può essere applicato sopra qualsiasi superficie evitando di dover rimuovere vecchi pavimenti o rivestimenti e viene realizzato in pochi giorni. Questo particolare tipo di rivestimento è uno dei pochi in grado di offrire al cliente soluzioni estetiche di design innovative, visto che è personalizzabile in base al gusto estetico. Un box doccia interamente in microtopping con nicchia per accessori o una vasca da bagno con scalini sono solo alcuni esempi di cosa si può fare con il microtopping.

Voi lo utilizzereste nel vostro bagno?

L’articolo Bagni in resina e microcemento proviene da easyrelooking.

1 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

I quadri sono di fondamentale importanza per completare l’arredamento della casa o dell’ufficio con gusto e originalità. I quadri moderni e di design sono ideali per ornare le pareti dell’ingresso, del soggiorno, del salotto, della cucina, della camera da letto, ma anche del corridoio e del bagno aggiungendo quel giusto tocco di colore. Quadri dallo stile moderno possono fare la differenza nel rendere elegante la sala di attesa, l’ufficio o la sala riunioni di un’azienda conferendole maggiore prestigio. Sono essenziali per rendere l’ambiente esclusivo e allo stesso tempo accogliente. Online troverete molti negozi con un’ampia scelta di quadri moderni, noi abbiamo chiesto un consiglio allo staff di mazzolaluce.com, store specializzato in prodotti di illuminazione e complementi d’arredo.

Soggetti, temi e forme differenti a seconda dei gusti

Nell’acquisto di un quadro moderno è possibile scegliere tra soggetti e temi differenti; dai quadri moderni astratti, a quelli floreali o a sfondo paesaggistico, dai soggetti pop, a quelli etnici fino alle riproduzioni su stampa di quadri famosi, il tutto per soddisfare gusti ed esigenze differenti. E’ possibile optare per quadri dai colori forti e vivaci piuttosto che tenui, dalle tonalità più calde a quelle più fredde. E’ possibile scegliere tra quadri di grandi dimensioni da appendere alle pareti di ambienti ampi, e quadri di piccole dimensioni che risultano più indicati per gli ambienti più ristretti. Si possono acquistare quadri con forme quadrate, rettangolari da appendere in verticale o in orizzontale, oppure dalle forme libere realizzate su supporti rigidi che possono essere modellati seguendo le linee dei soggetti rappresentati.

 

Stampe digitali su tela o ecopelle

Molto diffusi e con un ottimo rapporto qualità-prezzo sono i quadri moderni realizzati con stampe digitali di alta qualità su tela o ecopelle e istallati su telai in legno di forma quadrata o rettangolare. La tela presenta una superficie più ruvida data dalla tessitura del cotone o del canvas. Le linee di stampa risultano, così, meno definite e il risultato è un effetto pittorico dell’immagine come fosse dipinto a mano. L’ecopelle al contrario è caratterizzata da una superficie più liscia e lucida con il risultato di una stampa più luminosa, nitida ed elegante. L’azienda MANIE realizza numerosi quadri stampati su tela o ecopelle con la possibilità di scegliere tra numerosi formati, da quelli quadrati (30×30, 50×50, 70×70, 100×100 e 120×120 cm) a quelli rettangolari (70×40, 100×50, 140×70, 180×90 fino a 200×120 cm), con la possibilità di inserire la cornice di colore bianca e nera lucida, cromata, argento, oro e wenge lavorata vintage. Infine cosa non meno importante, su richiesta del cliente, è possibile decorare il quadro tramite l’applicazione di pennellate di colore, di glitter, di strass e punti luce realizzate a mano dopo la stampa al fine di valorizzare e personalizzare il quadro scelto. Infatti trattandosi di una lavorazione eseguita a mano libera, il quadro, frutto di una stampa digitale prodotta in serie, diventa un oggetto esclusivo ed originale che arreda ed impreziosisce l’ambiente.

Stampe su forex

Una soluzione molto originale e moderna è l’utilizzo di quadri stampati su forex. Questo è un materiale rigido dello spessore di 3-5 massimo 10 mm sul quale viene applicata la stampa digitale ad alta definizione. Il pannello in forex può essere sagomato e tagliato in modo da ottenere quadri di dimensioni e forme differenti; quadrati, rettangolari, ma anche rotondi o di forma più libera ritagliando il soggetto del quadro lungo le linee di disegno. Il risultato è un’immagine moderna, nuova e d’impatto che arricchisce la parete sulla quale viene appesa. E’ possibile scegliere tra soggetti differenti stampati a colore o in bianco e nero, decorati con resine, glitter e strass o semplicemente stampati; è il caso di molti quari prodotti da MANIE.

Quadri a taglio laser

Se invece l’obbiettivo è di impreziosire la parete con un prodotto nuovo e moderno la soluzione è certamente un quadro da parete a taglio laser su MDF di alta qualità come quelli realizzati dalla L.A.S. (LASER ART STYLE); un’azienda italiana leader nella produzione di complementi realizzati con l’innovativa tecnica del taglio e dell’incisione laser. E’ possibile scegliere tra quadri astratti, floreali e figurativi realizzati utilizzando una o più pannelli sovrapposti che vengono sagomati, incisi e colorati. Si ottengono quadri tridimensionali dove i pieni e i vuoti si alternano in modo armonioso stabilendo un rapporto diretto e intimo con la parete sulla quale sono appesi. I quadri a taglio laser sono personalizzabili nei colori e si integrano perfettamente con l’arredamento. Le vernici utilizzate per le personalizzazioni sono atossiche. Il risultato è un quadro moderno assolutamente di valore, esclusivo realizzato su misura per il cliente.

Quadri dipinti a mano su tela

Una soluzione molto raffinata per arredare le pareti della casa o dell’ufficio è data di sicuro dall’utilizzo di quadri dipinti a mano su tela. E’ il caso dei prodotti del brand italiano ART MAIORA. E’ possibile scegliere tra dipinti astratti, dipinti floreali, quadri colorati o eleganti e raffinate pitture monocromatiche dalla tonalità beige o tortora. Possono essere dipinti su tela o iuta con la tecnica del bassorilievo. Le dimensioni dei quadri sono in media di 140×70 cm compresa la cornice che può essere scelta nelle colorazioni del bianco, legno naturale, argento o oro. Ogni quadro dipinto a mano risulta diverso dall’altro e ciò lo rende ancora più bello ed importante ideale per contribuire a realizzare ambienti eleganti ed esclusivi.

Quadri artigianali intagliati

Infine è possibile acquistare quadri in rilievo, moderni realizzati artigianalmente lavorando la balsa con la tecnica dell’intaglio e decorati con glitter, applicazioni di foglia oro, foglia argento e pietre colorate. Si può scegliere tra soggetti con colori che vanno dalle sfumature del beige e del tortora a del grigio, con inserti decorativi che vanno dal rosso al giallo e al verde. E’ possibile optare tra diverse dimensioni che di norma non sono però personalizzabili.

Dove è possibile comprare quadri moderni?

Sia che si tratti di quadri stampati su tela, ecopelle o forex, piuttosto che quadri a taglio laser, intagliati o dipinti a mano è possibile acquistare i prodotti menzionati in un negozio di complementi di arredo specializzato nella vendita di quadri oppure online presso un sito e-commerce specializzato online come Mazzola Luce che offre un ampia scelta di quadri in pronta consegna con spedizione gratuite e assicurate in 24h, con garanzia 5 anni gratuita, con i prezzi più convenienti e competitivi sul mercato. Scegliere il quadro giusto non è semplice, quindi è opportuno che ci si rivolga a un rivenditore affidabile e competente che può garantire sul buon esito dell’acquisto.

 

1 Ottobre 2018 / / Decor

art nouveau alphonse mucha

Alphonse Mucha, il più importante artista dell’Art Nouveau, ha definito un nuovo stile pieno di grazia ed eleganza, rendendo l’arte accessibile a tutti

Alphonse Mucha si muove in quel breve periodo storico che è la Belle Époque, a cavallo fra la fine dell’800 e l’inizio della Prima Guerra mondiale. Un periodo di prosperità spensierato e positivo, pieno di fiducia nel progresso, caratterizzato da grandi invenzioni tecnologiche ma anche da novità e sperimentazioni nel campo dell’arte. Parigi è il centro del mondo, nasce il cinema, si afferma l’Impressionismo e in Italia nasce il Futurismo ma l’Art Nouveau è lo stile artistico più in voga in tutta Europa.

alphonse mucha maestro art nouveau

La Belle Époque e l’Art Nouveau

La carriera di Mucha – considerato il pioniere dell’Art Nouveau – inizia da autodidatta quando è ancora giovanissimo e lavora come pittore per le scenografie teatrali, decoratore e ritrattista. Studia all’Accademia di Belle Arti a Monaco di Baviera e nel 1887 si trasferisce a Parigi dove continua a perfezionarsi presso l’Académie Julian.
E’ qui che trova il successo grazie a un incontro casuale con l’attrice teatrale Sarah Bernhardt che gli commissiona un poster per la Gismonda. L’attrice rimane così colpita dall’originalità dell’opera, che propone a Mucha un contratto per sei anni, rendendolo uno degli illustratori più noti e apprezzati dell’epoca.

L’Art Nouveau nasce come evoluzione del movimento inglese Arts and Crafts (che promuoveva la libertà della creazione artigianale come alternativa alla mediocrità della produzione in serie) ma ha diverse affinità anche con la pittura Preraffaellita e Simbolista pur se in una direzione decisamente più moderna, rivolta all’eleganza del segno grafico, all’astrazione del design e al desiderio di rendere l’arte accessibile a tutti.

art nouveau alphonse mucha montecarlo monaco

Alphonse Mucha – Poster for ‘Monaco – Monte Carlo’, P.L.M. railway services (1897 – detail)

Lo “Stile Mucha”

Alla fine dell’800 la diffusione delle stampe artistiche giapponesi amplifica il gusto per l’esotico (giapponismo) e lo stesso Mucha ne rimane influenzato. In tutta la sua produzione artistica, compresi i gioielli, si ritrovano temi ispirati al giappone come le libellule, i motivi a onda, gli iris, o i drappeggi degli abiti. Ispirandosi in particolare all’arte giapponese  ma anche all’arte classica greca, l’artista ceco realizza opere di grande raffinatezza definendo un nuovo, personalissimo stile nell’ambito dell’Art Nouveau: lo “stile Mucha“.

Le protagoniste delle sue illustrazioni sono figure femminili aggraziate e donne avvolte in abiti neoclassici, con ricchi panneggi ed elaborate acconciature in cui i capelli sono mossi dal vento o abbelliti di fiori. Le figure sono sempre delimitate da un tratto netto e corposo e si stagliano al centro della composizione con sguardi ammiccanti e pose sensuali, esaltate da una palette di colori pastello e incorniciate con bordature decorate da elaborati motivi floreali e geometrici. Queste giovani donne sono spesso rappresentate come figure allegoriche ispirate alle arti, alle quattro stagioni, alle pietre preziose o allo zodiaco.

art nouveau alphonse mucha Le Arti: Danza, Poesia, Musica e Pittura

Alphonse Mucha – Le Arti nell’Art Nouveau: Danza, Poesia, Musica e Pittura

L’Art Nouveau continua a ispirare ancora oggi

Artista eclettico, Alphonse Mucha ha realizzato ogni genere di opera grafica: dalla pittura alle illustrazioni commerciali per poster e manifesti pubblicitari, copertine per riviste, libri o calendari, senza dimenticare i gioielli o elementi di arredo. La sua influenza sulla grafica e sull’arte è forte ancora oggi nelle opere di tanti artisti contemporanei come Kelsey Beckett o Audrey Kawasaki, pittrici che si ispirano all’Art Nouveau di Mucha esaltandone la languida bellezza e la sensualità in chiave contemporanea.

Lo stile di Mucha è così particolare che o si ama o si odia e nel corso dei decenni ha avuto alti e bassi: spesso è stato considerato datato e fuori moda, altre volte riportato in auge, come oggi che gli si dedicano mostre e retrospettive.
Dal 29 settembre fino al 20 gennaio 2019 a Palazzo Pallavicini di Bologna saranno esposte 80 tra le più celebri opere dell’artista ceco, in collaborazione con la Mucha Foundation.

mucha poster art nouveau

Poster per lo Champagne Moët & Chandon illustrati da Mucha nel 1899

alphonse mucha art four seasons art nouveau

Le Quattro Stagioni di Mucha

alphonse-mucha-art-nouveau

Alphonse Mucha – The Seasons: Summer (1896 – detail)

art nouveau alphonse mucha iris

Iris – The Flower Series (1898)

L’articolo Si scrive Art Nouveau, si legge Alphonse Mucha proviene da Things I Like Today.