2 Ottobre 2018 / / Coffee Break

casa PL

La ristrutturazione di un appartamento anni 60 nell’elegante Monte Sacro a Roma completamente riprogettato da cafelab architetti per ottenere un’atmosfera luminosa e contemporanea

La ristrutturazione ha modificato la distribuzione interna:
gli appartamenti anni ’60 e ’70 hanno sempre ingressi grandi e corridoi importanti che attraversano tutta l’abitazione e su cui affacciano tutti gli ambienti della casa; curiosamente, anche in appartamenti di taglio medio-grande come questo, in fondo al corridoio c’è invariabilmente il bagno!

Questo pone seri problemi di privacy; nei nostri progetti separiamo sempre l’area pubblica del living room dalla zona privata delle camere da letto.

Nel caso di questa ristrutturazione abbiamo diviso la casa in tre fasce parallele: una zona giorno, una fascia centrale di servizi: cucina, bagni, stireria e una terza fascia dedicata alle camere da letto e ai bagni privati: una distribuzione che risolveva anche problemi impiantistici.
La zona giorno si sviluppa per tutta la lunghezza dell’appartamento, creando uno spazio molto articolato con zone per parlare, mangiare, guardare la tv o rilassarsi

vedi il progetto a 360 gradi

Entrando in casa ci si trova in una grande sala inondata di luce, con pavimenti in legno di rovere scuro e cucina centrale, in fondo alla sala una doppia vetrata  a tutta altezza in vetro retro-verniciato color latte divide il living dalla zona TV – studio che all’occorrenza si può trasformare in camera degli ospiti.

I controsoffiti a varie altezze incorporano l’illuminazione diretta e indiretta e individuano le diverse zone senza essere invasivi per l’estetica del design complessivo.

La cucina

La cucina è l’elemento centrale attorno a cui si articola la ristrutturazione dell’appartamento, aperta sul living con piano di lavoro e penisola in marmo di Carrara, gli elettrodomestici sono chiusi da pannelli laccati bianchi e pensili in rovere trattato

Il progetto prevede due camere per le figlie della coppia, che possono essere messe in comunicazione da una doppia porta scorrevole, in modo da creare una bella zona gioco in comune; la camera da letto principale è dotata di bagno privato e terrazza

Gli arredi sono realizzati su disegno in Noce Canaletto e Rovere Trattato

I colori

Per Casa PL abbiamo scelto una paletta di colori eleganti:
le pareti sono avvolte in un delicato bianco caldo, un colore che usiamo spesso e abbiamo definito Luxury White, selezionato per la sua eleganza e per il piacevole contrasto che crea con il parquet in legno scuro e i controsoffitti bianco ottico e greige e anche per la corrispondenza con le palette RAL dei nostri produttori di vernici preferiti.

I controsoffitti della cucina e del corridoio delle stanze sono nel colore Fine Greige, un grigio caldo che abbiamo individuato (dopo moltissime prove) e che funziona molto bene sui soffitti (vedi l’esempio di un altro appartamento, casa Tuscolana)

Hai bisogno di aiuto con il tuo progetto? Clicca qui per richiedere la nostra consulenza preliminare

PL house a modern apartment in Rome

A 60s apartment in the elegant Monte Sacro in Rome completely redesigned by cafelab architectsto create a bright and contemporary atmosphere

The design also involved internal distribution:
The apartments of the ’60s and’ 70s always include large entrances and important corridors that pass through the whole house and onto which all the rooms of the house overlook; curiously, even in apartments of medium-large size like this, at the end of the corridor there is invariably the bathroom!

This creates serious privacy problems; in our projects we always separate the public area of the living room from the private area of the bedrooms.

In this project we divided the house into three parallel bands: a living area, a central range of services: kitchen, bathrooms, ironing room and a third section dedicated to bedrooms and private bathrooms: a distribution that also solved plant engineering problems
The living area extends for the entire length, creating a very articulate space with areas for talking, eating, watching TV or relaxing

Entering the house you find yourself in a large room flooded with light, with dark oak floors and an open central kitchen with a carrara marble peninsula and treated oak wall units.

at the back a double full-height glass window in milk-colored retro-varnished glass divides the living area from the TV-Studio area, which doubles into a guest room if necessary (or more likely in a man’s den to lock up and watch the football match)

The ceilings at various heights incorporate direct and indirect lighting and identify the different areas without being invasive for the overall design aesthetics.

The project includes two rooms for the couple’s children, who can be put in communication by a double sliding door, in order to create a nice shared play area; the master bedroom has a private bathroom and a terrace

The furnishings are made to design in Canaletto Walnut and Oak

Colors

For Casa PL we have chosen a palette of elegant colors:
the walls are wrapped in a delicate warm white, a color that we often use and we have defined Luxury White, selected for its elegance and for the pleasant contrast that it creates with dark wood parquet and the optical and greige white countertops and also for the correspondence with the RAL pallets of our favorite paint manufacturers

The false ceiling of the kitchen and the corridor of the rooms are in the color Fine Greige, a warm gray that we have identified (after many tests) and that we think works very well on the ceilings

Let’s talk about your next project: click here to request preliminary advice

immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

2 Ottobre 2018 / / Colori

Il color blocking é una tecnica pittorica che utilizza forme geometriche di colori diversi per decorare le pareti.

Dipingere le pareti con il color blocking

Molto di tendenza da qualche anno, il color blocking continua ad essere utilizzato da architetti e interior designer per dare agli spazi una personalità unica ed un aspetto accattivante.

E’ adatto a tutti gli ambienti di casa, anche negli uffici e nei locali pubblici, e offre un ventaglio di soluzioni pressoché infinite, tra abbinamenti di colori e di forme. Si parte dal più semplice zoccolo che divide a metà le pareti in orizzontale, fino a geometrie più complesse che possono contemplare parallelepipedi e curve combinati tra loro.

Dipingere le pareti con il color blocking tono su tono

Decorazione con una tonalità dominante

Se desiderate un interno di carattere, allora il color blocking è la soluzione giusta, a patto che il lavoro sia eseguito in modo impeccabile. Per questo è importante affidarsi ad un imbianchino esperto che accetti di eseguire un lavoro così impegnativo.

Combinazioni di colori

Di fronte ad una parete vuota da decorare, scegliere la combinazione giusta di colori può essere difficile. L’essenziale è riuscire a creare un insieme armonico che non stanchi la vista e che si integri correttamente all’arredo.

Dipingere le pareti con il color blocking policromatico

Decorazione policromatica

Ogni colore, (o tonalità o tinta), viene percepito in modo diverso secondo diversi parametri, come la chiarezza e la saturazione: i colori possono risultare chiari, neutri, pastello, brillanti, vividi, tonali, scuri. Per aiutarvi nella scelta potete utilizzare un cerchio cromatico, come spiegato in questo post.

Per scegliere i colori e gli accostamenti giusti, basta seguire un paio di semplici regole:

  1. Se la parete è una quinta per diversi elementi d’arredo, scegliete uno o due colori della stessa tinta ma con chiarezza e saturazione diversi (tono su tono).
  2. Se la parete è protagonista, si possono invece creare schemi policromatici.
  3. Ricordatevi che i colori scuri “avvicinano” le pareti, cosicché lo spazio sembra più piccolo; viceversa i colori chiari “allontanano” le pareti generando un effetto opposto. Considerate quindi le dimensioni della stanza.
  4. Infine, i colori scuri assorbono la luce, mentre quelli chiari la riflettono. Valutate la luminosità della stanza e scegliete il grado di chiarezza della tinta di conseguenza.

Combinazioni di forme

Anche nel caso delle forme, ci si può sbizzarrire nel creare combinazioni all’infinito. Le più semplici sono le strisce di colore diverso, dipinte in orizzontale o in verticale. Si può scegliere di far proseguire la decorazione anche sulle porte, sul pavimento, nella stanza accanto: non avete paura di osare!

Dipingere le pareti con il color blocking

Il classico zoccolo che divide a metà la parete in altezza

Dipingere le pareti con il color blocking

Decorazione a strisce in bianco e verde

Seguono le figure geometriche regolari, come triangoli, quadrati, rombi: queste si possono dipingere al centro della parete, oppure, come nel caso delle strisce, si possono collocare in modo insolito per una soluzione originale. Si possono poi tracciare linee rette o curve per creare poligoni estesi su tutte le pareti della stanzaInfine, una maniera molto interessante quella che di usare i blocchi di colore per sottolineare porzioni di parete significative, ad esempio in corrispondenza di porte e passaggi, di mobili come letti o scrivanie, oppure per valorizzare nicchie o altri elementi architettonici.

Dipingere le pareti con il color blocking

Tecniche pittoriche

Il colore può essere steso in campiture piatte con i bordi netti, e questa è la soluzione più semplice. Se vogliamo movimentare la parete, invece, si può giocare sui bordi, come in questi esempi:

Dipingere le pareti con il color blocking

Usando la tecnica della velatura, si può ottenere un effetto simile all’acquerello, ancora più spettacolare se si sovrappongono le forme. Per la buona riuscita del progetto è fondamentale rivolgersi ad un imbianchino che sappia padroneggiare tutte le tecniche pittoriche.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

2 Ottobre 2018 / / Design

nuovo erogatore antispreco 4N1 Touch InSinkErator

La cucina del futuro sarà sempre più silenziosa e semplice. Basta bollitore, teiera e sacchetti, in cucina si potrà fare Yoga!

Dalla casa all’ufficio, dalle strade allo stadio, il rumore è ormai un compagno dal quale è sempre più difficile separarsi, ma se almeno la cucina potesse rivelarsi un’oasi di pace e tranquillità? Quali sono i nemici del silenzio?

Il bollitore, ad esempio, è definito dagli inglesi il terzo elettrodomestico più fastidioso e anche la classica teiera con il suo caratteristico fischio, non è da meno. Il nuovo erogatore antispreco 4N1 Touchche la marca americana InSinkEratorha appena presentato in anteprima europea in Italia, manda in pensione tutto questo. Questo rubinetto è infatti in grado di offrire acqua a una temperatura prossima a quella d’ebollizione all’istante. 

nuovo erogatore antispreco 4N1 Touch InSinkErator

Con il suo innovativo pulsante “touch” eroga un flusso d’acqua bollente di 30’’. Fare il tè, tisane , una pasta, etc.. diventa rapido e…silenzioso. Inoltre, il 4N1 Touch offre anche acqua filtrata quindi basta rumore di bottiglie di plastica accartocciate per la cucina. 

nuovo erogatore antispreco 4N1 Touch InSinkErator

I rubinetti per acqua calda a vapore di InSinkErator® sono dotati di un serbatoio dell’acqua compatto da 2,5 litri, il NeoTank, che beneficia di un design interno ed esterno migliorato per garantire un funzionamento silenzioso. Il NeoTank dispone inoltre di un termostato digitale regolabile che consente agli utenti di ottenere la tazza perfetta impostando la temperatura desiderata dell’acqua tra 88 e 98 ° C. 


Neo Tank serbatoio dell'acqua compatto da 2,5 litri
Silenzioso e rapido. In questo modo si evitano le attese ed ogni operazione viene fatta ottimizzando i tempi e senza sprecare acqua, una risorsa sempre più preziosa.


A proposito di silenziosità, è utile sfatare un diffuso luogo comune che vede il dissipatore alimentare domestico indicato come un elettrodomestico rumoroso.  In occasione del recente National Quiet Day, il dissipatore alimentare domestico Evolution 200 è stato testato da un’associazione indipendente europea e ha raggiunto il livello di rumore più basso tra tutti i dissipatori del mercato funzionando a soli 25 decibel. Tanto per capire, si tratta dello stesso livello delle frusciare delle foglie ed è più silenzioso del cereali scoppiettanti in una ciotola di latte.

L’avanzo organico invece di finire in sacchetti sparsi per la cucina, con conseguenti liti su dove buttare la buccia della mela o l’osso del pollo (altro rumore) viene comodamente gettato direttamente nel lavello e smaltito tra le acque chiare grazie a un processo meccanico.


dissipatore alimentare domestico Evolution 200 InSinkErator®
I dissipatori alimentari InSinkErator® consentono di trattare gli sprechi in modo istantaneo, igienico e sostenibile, con ulteriori vantaggi in termini di spazio e qualità della vita


Anne Kaarlela, responsabile delle comunicazioni marketing, Europa e Russia InSinkErator®, afferma: “Il rumore degli apparecchi può essere ingrandito in uno spazio più piccolo e può avere, con il passare del tempo, un effetto negativo sul benessere del consumatore. Pertanto, gli apparecchi con bassa rumorosità sono molto richiesti dai consumatori con cucine compatte e da coloro che hanno abbracciato la vita open space. Grazie al loro funzionamento silenzioso, i prodotti InSinkErator® offrono ai consumatori soluzioni convenienti e sostenibili riducendo al contempo i livelli di rumore nell’abitazione “.

Strumenti che semplificano la vita in cucina, difendono il pianeta e fanno stare meglio. Chissà che fare yoga in cucina, lontano dalla televisione e dal telefono, non diventi davvero la nuova moda!


Per maggiori informazioni www.insinkerator.it

1 Ottobre 2018 / / Architettura

Una rivisitazione intelligente di una casa di montagna incastonata tra le montagne dell’Alto Adige acquistata dallo scultore e designer di mobili Othmar Prenner.

L’ abitazione è stata costruita sulle rovine di una vecchia fattoria alpina del XIV secolo. La struttura, che in precedenza era solo un edificio in pietra con soggiorno, dispensa e fienile attiguo, è stata accuratamente trasformata in un lussuoso chalet di montagna .

Il design innovativo permette al proprietario e ai suoi ospiti di godere di una splendida vista sulle montagne da ogni stanza della casa, e le finestre riflettenti offrono meravigliosi ritratti di montagna che possono essere goduti dall’esterno.

montagna