10 Ottobre 2018 / / Dettagli Home Decor

detrazioni fiscali ristrutturazione casa 2018

Bonus ristrutturazioni 2018, siamo ancora in tempo per approfittare delle agevolazioni finanziarie previste fino a dicembre 2018.

Anche quest’anno si spera in una proroga per l’anno successivo, ma non avendo ancora informazioni definitive a proposito, meglio non perdere questa interessante occasione.

In generale, sono inclusi tutti gli interventi volti a migliorare la classe energetica. Ad esempio l’acquisto di elettrodomestici a basso impatto ambientale, oppure ridurre la dispersione energetica cambiando gli infissi e migliorando l’isolamento, o creare spazi verdi.

Il requisito principale per aderire al bonus ristrutturazioni del 2018 è quello di essere in linea con gli adempimenti fiscali, infatti essere contribuente è condizione fondamentale per avere diritto a questo tipo di agevolazioni.

Hanno diritto a richiedere il bonus i proprietari dell’immobile in cui si svolgono gli interventi di manutenzione e ristrutturazione, gli usufruttuari, i nudi proprietari, gli inquilini, familiari e conviventi intestatari delle fatture.

Tra gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria e di ristrutturazione, ricordiamo i principali: sistemi di allarme e videocitofoni, finestre, box, ampliamenti di volume e cambi nella struttura, balconi e terrazzi, davanzali e cornicioni, abbattimento barriere architettoniche, isolamento acustico, canna fumaria e caldaia, impianti elettrici, di riscaldamento e idraulici, pavimentazioni, piscine, sanitari, tetti e mansarde.

Per avere diritto alle detrazioni, è necessario compilare il bonifico parlante. Ovvero un bonifico completo dei dati dell’azienda che ha effettuato i lavori; del richiedente e il riferimento normativo dell’agevolazione.

Importantissimo. La documentazione necessaria per avere accesso al bonus ristrutturazioni 2018 è la seguente:
  • bonifico parlante
  • fatture delle spese sostenute
  • dichiarazione di inizio lavori (con data)

ristrutturazione casa

I bonus casa 2018 attivi fino a dicembre sono:

Ristrutturazione fino a un massimo di 96.000 €: incentivi del 50%

  • Lavori in casa e acquisto di elettrodomestici in classe energetica alta (A+): incentivi del 50%
  • Caldaie in classe A: incentivi tra il 50% e il 65%
  • Assicurazione casa: detrazione fiscale del 19%
  • Ecobonus, ovvero tutti gli interventi volti alla riqualificazione energetica di edifici esistenti, facciate, pannelli solari, isolamento termico: incentivi tra il 50% e il 65%
  • Super Bonus, per le zone sismiche. Per i lavori che riguardano sia riqualificazione sismica che energetica, gli incentivi sono tra l’80 e l’85% della spesa.
  • Bonus Verde: fino a un massimo di 5.000 € di spese, incentivi del 36%. Il bonus nasce con l’obiettivo di aumentare le aree verdi e migliorare la cura di tetti, balconi, terrazze e giardini.

Gli incentivi fiscali in molti casi permettono di realizzare lavori e migliorie che altrimenti sarebbe impegnativo sostenere. La percentuale di incentivo corrispondente verrà detratta durante i successivi dieci anni.

Il Bonus ristrutturazioni 2018 è un’ottima occasione per realizzare quei lavori da tanto sognati che si continuano a posticipare!

10 Ottobre 2018 / / Amerigo Milano

Il camino contemporaneo? Questione di design

L’autunno è cominciato e l’inverno è alle porte. Si riapre la stagione fredda e per molti, la possibilità di riaccendere il camino. Camino, che negli anni è diventato un elemento di design potentissimo all’interno di una casa. Luogo in cui ci si ritrova, si parla, ci si rilassa e perché no, si sorseggia dell’ottimo vino in compagnia. 

camino contemporaneo

Camino a legna o stufa a legna?

Camino o stufa? Se state progettando di inserire questo elemento in casa, il dilemma è piuttosto frequente. Oltre all’utilità dello strumento, oggi si può scegliere tra un’infinità di prodotti di altissimo design, quindi, che sia camino a legna o stufa a legna, la scelta è sempre vincente. E l’ambiente di casa, il calore e l’aspetto renderanno la vita quotidiana ancora più “calda”.

Sam Noonan Photographer

Il portalegna, oggetto di design per un camino di design

Una volta scelto se camino a legna o stufa a legna, è giunto il momento di pensare a dove accatastare la legna necessaria per alimentare il fuoco. Il portalegna diventa un oggetto fondamentale e per questo motivo, abbiamo deciso di realizzare una borsa portalegna unica, in grado di mantenere alto il livello estetico della vostra zona camino e che sia utile proprio per accumulare la legna necessaria per accendere un caloroso fuoco casalingo.

Borsa portalegna

La prima borsa da casa personalizzabile

Si tratta di una delle nostre sfide più recenti, la borsa da casa. L’abbiamo creata apposta come contenitivo, ricercato e di design per la quotidianità. Una home bag che si può personalizzare e da borsa da casa portalegna, può diventare una borsa da casa con tavolino carica smartphone, oppure una borsa da casa portariviste. Le variabili sono davvero numerose, però in questo caso può essere un portalegna elegante, caldo e di design raffinato per il soggiorno.

Il calore del camino e il design della borsa portalegna

Questa è stata un’estate davvero lunga e con l’arrivo dell’autunno e dell’inverno, le mura di casa tornano protagoniste. E dato che si torna ad accendere il camino (o la stufa), perché non arricchire il tutto con una borsa in grado di donare sempre più calore e stile al nostro soggiorno?

10 Ottobre 2018 / / Luxemozione

L’articolo PLDC 2019 a Rotterdam, è aperto il Call for Papers proviene da Luxemozione.

Siete pronti per  PLDC Professional Lighting Desing Convention 2018, che tra poche settimane si svolgerà a Singapore? Vi ricordo infatti che l’organizzazione dell’evento, subito dopo la chiusura dell’edizione 2017 , svoltasi a Parigi il novembre scorso, ha deciso di esportare l’evento anche fuori Europa, trasformandolo a tutti gli effetti in appuntamento globale di riferimento per il settore della progettazione della luce.

PLDC2018 in singapore

Giusto per ricordare, PLDC Professional Lighting Design Convention è un evento annuale (in passato si svolgeva con cadenza biennale) di riferimento per il settore lighting, mirato sia alla categoria dei progettisti indipendenti, che alle aziende produttrici ed  altri  attori connessi al campo dell’architectural lighting design. Tuttavia, mentre si aspettano gli eventi del prossimo 25 ottobre, l’organizzazione ha già cominciato il conto alla rovescia per l’appuntamento di PLDC 2019, che si terrà a Rotterdam  dal 23 al 26 di ottobre 2019, sono infatti aperti i Call for Paper per sottoscrivere i documenti da proporre quale traccia per la prossima conference.

PLDC

Call For Papers PLDC 2019 a Rotterdam

Il call for paper è rivolto a professionisti della luce indipendenti senza limiti d’età o meriti, oltre che a ricercatori, docenti e in generale a coloro che lavorano nei settori della luce, in cui sono coinvolti lighting designers professionisti.

L’invio della documentazione è consentito solo fino al 16 di novembre 2018, l’esito della selezione dei papers sarà comunicata a febbraio 2019.

Il materiale dovrà essere inviato attraverso il sito dell’evento, al seguente link.

Maggiori informazioni sul call for papers le potete trovare all’interno del pdf completo della call.

PLDC, vi ricordo,  è un evento che nasce con l’intento di incoraggiare la condivisione di competenze dove anche i “ maestri “possono apprendere dai nuovi arrivati.

La conferenza si svolge 3 giorni, durante i quali si susseguono conferenze o altre attività correlate, tra cui workshop, eventi culturali, ecc. Le sessioni di dibattito, che si terranno in lingua inglese, comprenderanno 6 Keynote Speakers, oltre a circa 80 presentazioni, i cui argomenti saranno selezionati durante lo scrutinio (blind selection) dei documenti inviati in fase di Call for Papers.

Gli argomenti che verranno trattati durante la 3 giorni di conferenza, saranno suddivisi i 4 track principali:

  1. ricerca,
  2. lighting Application e casi studio,
  3. pratiche professionali e problemi correlati allo svolgimento della professione e,
  4. hot topic dell’edizione di Rotterdam sarà Office&Retail.

Ricordatevi quindi in fase di invio della documentazione di selezionare adeguatamente la categoria.

La durata di ogni intervento sarà di 45 minuti, incluse domande e risposte finali.

Oltre al call for papers per le conferenze è aperta la sessione di invio per le Experience Rooms, aree dove i visitatori potranno vivere l’esperienza della luce (o dell’ombra) attraverso diversi ergomenti d’interesse che verranno proposti.

Tutte le info aggiuntive le potete trovare sul sito di PLDC 2019 a Rotterdam

Quindi, mi raccomando, inviate il materiale. Non mi resta che augurarvi in bocca al lupo!

 

L’articolo PLDC 2019 a Rotterdam, è aperto il Call for Papers proviene da Luxemozione.

10 Ottobre 2018 / / Idee

La parete attrezzata è per molti uno degli elementi di arredo irrinunciabili per il soggiorno.

Parete attrezzata soggiorno moderno bianco

Sempre di moda, la parete attrezzata è la protagonista del soggiorno, risponde a diverse esigenze e spesso rispecchia i gusti estetici personali.

Generalmente le pareti attrezzate sono composte da un mobile basso per la TV e da uno o più scaffali da appoggio o pensili, a volte integrati da mensole; la loro funzione principale è quella di contenere libri, oggetti vari e servizi per la tavola, fornendo anche uno o più piani di appoggio per TV, impianti hi-fi, elementi decorativi. Il loro punto forte è quello di sfruttare lo spazio, sia in orizzontale che in verticale, in modo ottimale, dando al soggiorno un aspetto pulito ed ordinato. Oggi sul mercato vengono proposti sistemi modulari che permettono di personalizzare a piacere la parete, creando soluzioni adatte a qualsiasi ambiente. Prima di scegliere la parete attrezzata, bisogna avere ben chiaro qual’è lo stile di arredo del soggiorno, così da scegliere il modello che si integri con armonia agli altri elementi.

Le pareti attrezzate on line

Per chi desidera comporre la propria parete attrezzata nello stile preferito, magari abbinandola ad altri mobili per il salotto e ricevere il tutto a casa propria, senza estenuanti ricerche e richieste di preventivi nei negozi di mobili, una soluzione potrebbe essere JUSTyou24, un e-commerce tedesco creato nel 2013 e oggi presente in Italia, Francia, Spagna e Regno Unito.

Su JUSTyou24 puoi trovare oltre 10.000 mobili di qualità suddivisi in tante collezioni per arredare ogni ambiente della casa a prezzi accessibili, e grazie al motore di ricerca puoi scegliere i mobili in base al tuo stile preferito. Vediamo degli esempi:

Stile moderno

Minimalismo e purezza delle linee, finiture ricercate e funzionalità: sono le principali qualità di una parete attrezzata in stile moderno. I colori prevalenti sono il bianco o il nero, ed è composta da moduli chiusi alternati a mensole disposte a varie altezze. Le ante sono preferibilmente laccate lucide con apertura push-click, così da evitare le maniglie e rispettare l’essenzialità della composizione. Per un arredo coordinato del salotto, si possono abbinare mobili con la stessa finitura della parete attrezzata, spezzando con imbottiti dai colori accesi, come vogliono le tendenze più attuali.

Parete-attrezzata-soggiorno-MOODBOARD-MODERNO

Stile scandinavo

Caratterizzato da colori chiari, dalla presenza del legno e dalle finiture sobrie, lo stile scandinavo ha conquistato un posto stabile tra le tendenze più gettonate.

Il soggiorno in stile scandinavo è caldo, accogliente e funzionale allo stesso tempo, e una parete attrezzata bianca con inserti in legno chiaro è perfetta per questa scelta di stile. Per i mobili del salotto, optate per sedute di design, tavolini con le gambe oblique, e ravvivate l’ambiente con una carta da parati a motivi geometrici.

Parete-attrezzata-soggiorno-scandinavo

Stile rustico

Perfetto per le case di campagna, ma non solo, lo stile rustico non passa mai di moda.  Mobili massicci e finiture in legno, nelle versioni naturale o decapé, caratterizzano questo stile dal sapore antico che non disdegna la funzionalità e che sa adattarsi alle esigenze contemporanee. In questo caso, la composizione della parete attrezzata è fatta con mobili indipendenti che si possono accostare tra loro in assoluta libertà: immancabile il mobile basso per la TV, da affiancare a vetrine e scaffali coordinati.

Parete-attrezzata-soggiorno-RUSTICO

Industriale

Di grande impatto estetico, lo stile industriale, con le tubature a vista, le pareti di mattone nude e i mobili di recupero, è adatto ad ambienti ampi, come loft e open space.

I mobili e i complementi in stile industriale privilegiano il legno scuro, il cemento, il cuoio e il metallo. Gli scaffali sono essenziali, solitamente aperti per dare risalto alla struttura e mettere in valore gli oggetti, meglio se provenienti dai mercatini dell’usato.

Abbinate alla vostra parete attrezzata in stile industrial divani e pouf in pelle naturale o tinta di grigio o nero, tavolini e sgabelli in metallo, e scritte luminose da appoggio o da parete per completare l’atmosfera.

Parete-attrezzata-soggiorno-INDUSTRIAL

Il dopo acquisto su JUSTyou24

La filosofia di JUSTyou24 è tutta contenuta nel nome: i prodotti sono disponibili 24 ore al giorno, e puoi contare su un servizio clienti sempre presente, anche post-vendita: consigli sulla scelta dei mobili, consegna direttamente al piano compresa nel prezzo, diritto di recesso di 30 dalla consegna e, su richiesta, un efficiente servizio di montaggio.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

9 Ottobre 2018 / / Colori

Pochi colori per una zona living semplice, elegante e ospitale.

Il bianco fa da padrone dal soffitto alle pareti passando per gli arredi. Tocchi di legno nel parquet e in alcuni mobili scaldano l’atmosfera, resa ancor più accogliente dagli immancabili accessori in blu.

Immagini che parlano davvero da sole!

Idee da studiare e riprorre in nuovi progetti.