25 Ottobre 2018 / / Architettura

Mi ero ripromessa di scrivere questo post un paio di settimane fa ma ci è voluto molto più del previsto per riordinare le centinaia di foto ( e le idee ) e mettere tutto nero su bianco. 
Tantissime novità al Cersaie e, per me che ho una vera passione per l’ambiente bagno, ci sarebbero volute due settimane di fiera, visto che mi fermerei ore in ogni stand a osservare, fotografare, chiedere informazioni, toccare con mano…
Anche a scriverne andrei avanti ore ma, poichè ho promesso a me stessa di essere sintetica, ho concentrato quanto visto in 5 tendenze per il bagno, colte osservando i diversi  allestimenti.
TEXTURES 
Micro o macro, tono su tono o con colori a contrasto, su gres, su legno, su carta da parati, le textures sono una delle tendenze che più mi sono saltate all’occhio.

 

LEGNO

Il legno, nelle sue finiture più naturali, ha preso possesso dell’ambiente bagno, non solo per i pavimenti, dove ormai  l’uso del legno è sdoganato da tempo, ma anche come boiserie a parete, pannelli e mobili realizzati con legni di recupero. 

CARTA DA PARATI
Dopo il  legno,la frontiera dell’ambiente bagno è stata superata anche dalla carta da parati. Gli effetti e le atmosfere che si possono ottenere con l’uso della carta da parati in bagno sono infinite. Sofisticata nell’aspetto, versatile nell’uso, tecnologica nei materiali, che la rendono assolutamente a prova di acqua, la carta da parati nella sua illimitata varietà ha un unico problema: la difficoltà di  doverne scegliere solo una. 

TERRAZZO
La tendenza terrazzo alla veneziana è molto attuale. Rivestimenti in gres, con effetti di graniglie di diverse granulometrie e toni di colore, non solo con il classico effetto di pavimentazione continua ma anche con rielaborazioni più modaiole, in formati più piccoli e geometrici. Nemmeno le ceramiche sfuggono a questa tendenza.  
 

 
EFFETTO OXYDE
Gres effetto metallo, soprattutto con finiture ossidate, nel classico effetto acciaio corten ma anche nelle sfumature del rame e del bronzo ma anche materiali metallici lavorati e decorati come tessuti. 
 
 
COLORE E FANTASIA
Colori omogenei e pastello, decorazioni e toni accesi, accostamenti audaci, il colore, la fantasia e la personalizzazione sono i grandi protagonisti dell’ambiente bagno del 2019. 
 

Quale tra queste tendenze vi piace di più? Preferite un rivestimento in gres o la carta da parati? Preferite un bagno dai colori soft o più accesi? Se prima di questo Cersaie avrei saputo dare delle risposte certe sui miei gusti, ora mi riesce davvero difficile. Credo che avrei bisogno di una casa con almeno cinque bagni per poter scegliere tutto quello che mi ha colpito.

Enjoy Your Home!

In questo post compaiono gli stand di Atlas Concorde, Bathco, Bisazza, Ceramica Globo, Ceramica Rondine, Ceramica Sant’Agostino, CIR Manifatture Ceramiche, DeCastelli, Flaviker, Glamora, Mobildueemme, Original Parquet, Rewood, Veromar, Wall & Deco

Se vi è piaciuto questo post fate click sul pulsante g+ proprio qui sotto. Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web e il lavoro di chi scrive. A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica. Potete anche un lasciare un commento nel form apposito. I commenti e le critiche sono i benvenuti!
25 Ottobre 2018 / / +deco

Parliamone.

Questa bellissima, dolce giovane donna di nome Anna Karlin

……disegna gli affascinanti arredi qui sotto.

Non sono una persona invidiosa generalmente ma alcune persone sembrano essere dotate di tanta bellezza e tanto talento, alcune più di altre a dirla tutta.

La domanda, quindi, sorge spontanea essere belli aiuta a raggiungere il successo?

Credo che possa o aiutarti o alla lunga complicarti la vita alla lunga. Se riesci a non far conto solo sul tuo aspetto ma ad investire sulla tua personalità e abilità, essere di bell’aspetto aiuta. Se invece ti affidi solo sulla bellezza fisica, diventi fragile perchè ti serve molto altro per sopravvivere bene in questo mondo.

Ma parliamo di questa strepitosa collezione di mobili che porta la firma di Anna Karlin.

Gli sgabelli sono magnifici, eleganti ed interessanti.

I porta vasi sono praticamente gli unici portavasi che ho mai visto che mi piacciono,  pezzi d’arredo e non mere gabbie per vasi.

E’ ufficiale, mi sono innamorata!

The post I sexy arredi di Anna Karlin appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

25 Ottobre 2018 / / Colori

Cosa c’è di meglio che lasciarsi ispirare dalla natura per trovare le giuste tonalità per casa? Ecco qui due schemi di colore autunnali.

……….

Gli alberi che mutano colori e pian piano si svestono delle foglie verdi che li hanno coperti per tutta la bella stagione. Il prato che si copre di tante foglie dai colori caldi, formando un tappeto naturale dalla bellezza unica. Passeggiando in un parco vicino casa ho fotografato alcuni aceri bellissimi e le foglie tutt’attorno.

I colori erano così belli, resi ancora più nitidi dal sole, che non ho resistito e ho creato due schemi di colore autunnali anche molto trendy. Uno sui toni del rosso e l’altro nei toni dei verdi scuri. Colori accoglienti che creano atmosfera e ambienti caldi e invitanti. Passe-par-tout per tutte le stanze perché non troppo accesi.

Si adattano bene anche a tutti gli stili, giocando con i chiari e gli scuri tra pareti e accessori.

SCHEMI DI COLORE AUTUNNALI #1: BRICK RED E SIENNA

Come dicevo, il primo schema è sui toni del rosso ma non rosso fuoco. Rosso mattone, rosso terra, rosso scuro. Colori con carattere ma allo stesso tempo abbastanza smorzati da permetterne l’utilizzo in tutte le stanze, camera compresa. Rimandano un po’ agli stili orientali e ai tessuti preziosi dello stile marocchino. Fanno venire in mente la terracotta e i tappeti berberi.

schemi di colore autunnali

Un divano nel tono più scuro (dark olive gray) o le pareti decorate con il dark salmon e il brick red. Perfetto in ogni stanza e con ogni stile, è uno schema versatile molto moderno.

schemi di colore autunnali

|Image credits: Ikea – Maisons du Monde – Apartmenttherapy|

SCHEMI DI COLORE AUTUNNALI #2: DARK OLIVE GREEN E SADDLE BROWN

Il secondo schema è decisamente più fresco, virando sui toni dei verdi scuri e neutri. Un insieme di toni sicuramente più appetibile per tutti, in quanto meno audace e più adatto a sopravvivere alle mode del momento.

schemi di colore autunnali

Sono colori senza tempo, che non rischiano di stancare o passare di moda e che si possono adattare meravigliosamente ai cambi che la vostra casa subirà negli anni. Provate i colori dark olive green e saddle brown sulle pareti: sono tonalità così decorative che potrete ridurre al minimo mobili e accessori.

schemi di colore autunnali

|Image credits: apartmenttherapy – makingitlovely – Maisons du Monde|

L’articolo Due schemi di colore autunnali per portare il calore in casa sembra essere il primo su VHD.

25 Ottobre 2018 / / Coffee Break

Pierce è un’altra iconica lampada che rappresenta orgogliosamente il made in Italy; disegnata da Giuseppe Maurizio Scutellà per Artemide, è una sospensione semplice ma dallo straordinario effetto:
ricavata da un unico disco di allumino tagliato a laser ricade si dispiega per gravità con una serie di anelli che non sono circolari come può sembrare dalle immagini

Pierce di Artemide ha vinto numerosi premi come per esempio il Red Dot Award, il Good Design Award e l’iF Design Award.
La lampada disponibile nelle versioni sospensione, soffitto e applique e in varie dimensioni 97, 68 e 48 cm di diametro e nelle finiture bianco e oro.

Clicca qui per acquistare Pirce di Artemide su Amazon 

Design icons: Pirce by Artemide

Pierce is another iconic lamp that proudly represents Made in Italy; designed by Giuseppe Maurizio Scutellà for Artemide, has a simple design with an extraordinary effect:
Made from a single laser-cut aluminum disk, unfolds by gravity with a series of rings, not circular as it may seem from the images

Pierce di Artemide has won numerous awards such as the Red Dot Award, the Good Design Award and the iF Design Award.
The lamp is available in the suspension, ceiling and wall versions and in various sizes 97, 68 and 48 cm in diameter and in white and gold finishes.

click here to buy Pirce by Artemide on Amazon

_________________________
CAFElab | studio di architettura

25 Ottobre 2018 / / News

instapro

instaproinstapro

Sono la ricerca del comfort e delle comodità a convincere gli italiani a ristrutturare casa.

Una casa confortevole è, per il 64%, un traguardo dal valore inestimabile.
I nostri connazionali equiparano le mura domestiche ad un’oasi tranquilla e rilassante dove godersi in pace la famiglia, leggere, riposare o ricevere gli amici.

A vantare scelte tecnologicamente avanzate per la propria casa è una percentuale inferiore, che si assesta sul 29%, mentre è solo il 7% che, pensando di ristrutturare la casa, fa scelte di stile, seguendo i trend più attuali in tema di design anche se il numero tende ad aumentare.

A rendere noti numeri e percentuali, che delineano le priorità laddove si intende risistemare la casa, é il Barometro dei servizi per la casa, la ricerca semestrale di Instapro.it – piattaforma di preventivi, che permette agli utenti di richiedere e confrontare in tempi rapidi proposte e preventivi, come i prezzi per dipingere la casa.

instapro

instapro

 

instaproinstaproinstapro

Instapro.it debutta ufficialmente in Italia nel 2014

Instapro.it, attivo in Italia dal settembre del 2014, è la piattaforma dedicata a chi intende fruire dell’attività di un professionista per ristrutturare la casa.
Negli anni ha riscosso un grande successo mettendo a segno 190.908 richieste di preventivo, ottenendo 17.764 recensioni e coinvolgendo 2.451 ditte.

Presente on line Instapro.it mette in contatto diretto i consumatori, che devono realizzare lavori all’interno delle loro case, e i professionisti che si occuperanno di interventi di edilizia di varia tipologia.
Le ditte presenti sul marketplace si occupano di attività di manutenzione e progetti di ristrutturazione e costruzione.
Parliamo di interventi specifici quali imbiancatura, termoidraulica, cartongesso, isolamento, posa di infissi e serramenti, antifurti e videosorveglianza, ma anche messa in opera di pavimenti, impianti elettrici, illuminazione e giardinaggio. Come diciamo spesso la creatività e le buone idee sono fondamentali ma serve anche chi abbia le capacità e la professionalità per realizzarle.

Ma come funziona Instapro

Utilizzare Instapro.it è facile e veloce e si completa tutto in tre semplici passaggi.
Il primo step considera l’invio, in maniera del tutto gratuita, della richiesta.
E’ necessario descrivere il lavoro di cui si ha necessità e Instapro provvederà a girare la richiesta di preventivo alle ditte ed ai professionisti qualificati che operano nella zona di residenza dell’utente.

Quale secondo passaggio si attende la risposta del professionista, che di norma garantisce un riscontro entro 24 ore dall’invio della richiesta.

Il terzo passaggio considera operazioni quali il confronto e la scelta.
Ottenuti i preventivi, inviati dai professionisti coinvolti da Instapro.it, all’utente che ha richiesto il preventivo non resta che vagliare le offerte considerando quella migliore in termini economici, ma non solo.
L’utente infatti può valutare attentamente anche l’esperienza del professionista e le recensioni che lo coinvolgono, postate sulla piattaforma da altri utenti che hanno già avuto modo di valutarne il lavoro e sono titolati a dispensare consigli.

instaproinstaproinstaproinstapro

 

La top degli interventi più richiesti

Nella classifica delle attività più richieste nei primi sei mesi dell’anno troviamo sul podio d’onore al primo posto la tinteggiatura delle pareti, seguita a ruota dalle attività di idraulica e di manutenzione di infissi e serramenti.

Le ditte che eseguono i lavori e sono regolarmente registrate alla piattaforma vengono selezionate accuratamente dal team di Instapro.it per assicurare elevati standard di qualità e affidabilità.

Dunque cominciate a raggruppare le idee e a far salire la statistica degli interessati al design! Scegliete il colore delle vostre pareti, magari una soluzione particolarmente creativa, realizzate la vostra nuova zona giorno che potrebbe, ad esempio, comprendere cucina a vista sul soggiorno e, soprattutto, rivolgetevi a ditte e professionisti qualificati.

instapro  instapro  

L’articolo Ristrutturazione? Si grazie. Gli italiani pensano a garantirsi una casa comoda e confortevole. Un aiuto concreto in termine di ristrutturazione delle mura domestiche arriva da Instapro.it proviene da Architettura e design a Roma.

25 Ottobre 2018 / / Colori

Poltrone Fringe by Munna

Divani per un comodo relax, pouf, poltrone e sofà, nelle collezioni design 2018, sembrano ispirarsi tutti al blu del cielo e del mare

Divani e poltrone quest’anno sembrano avere tutti qualcosa in comune, un filo conduttore nelle tendenze per lo spazio living. Forme pulite, essenziali e senza fronzoli; linee morbide e avvolgenti; un forte richiamo all’estetica vintage e agli stili del passato; ma soprattutto tante bellissime sfumature di blu che virano dall’oltremare al cobalto, dall’ottanio al turchese, fino a spingersi nei territori del verde.

Albert e Ile by Minotti

Albert e Ile sono due nuove famiglie di sedute Minotti dal sapore inequivocabilmente vintage. Hanno in comune il design della gamba slanciata con puntale dal gusto rétro, e sono presentati in bellissime tonalità di blu. A parte questo si differenziano completamente nelle forme e nello stile.

Sofà Albert by Minotti

Sofà Albert by Minotti

Il sofà Albert mantiene i braccioli d’ispirazione ’900 e linee classiche tipiche dell’estetica anni cinquanta. Con la sua forma avvolgente sostenuta dalle gambe sottili, risulta di grande eleganza, soprattutto in questa stupenda tonalità ottanio. La poltrona Ile invece è più vicina all’estetica degli anni sessanta. La caratterizza la particolare forma cava nello schienale e il disegno derivato dalle poltrone classiche. Il rivestimento è in velluto di lana mohair blu oltremare dai suggestivi riflessi cangianti.

Poltrona Ile by Minotti

Poltrona Ile by Minotti

Dream Armchair by Vibieffe

La poltrona  Dream by Vibieffe è una delle nuove proposte della collezione 2018 di Vibieffe. Progettata dall’architetto Gianluigi Landoni, nasce in un rilassante velluto azzurro come una seduta di assoluto comfort. Un obiettivo facilmente raggiungibile grazie alla possibilità di regolare i vari elementi della poltrona, dallo schienale al poggiapiedi. L’elemento caratteristico sono i braccioli più larghi sopra e più sottili verso le estremità, che regalano leggerezza ed eleganza alla forma pur mantenendo la loro funzionalità.

Poltrona  Dream by Vibieffe

Poltrona  Dream by Vibieffe

Fringe Armchair by Munna

Fringe è sicuramente una delle poltrone più eccentriche dell’anno. Realizzata dal brand portoghese Munna, si distingue per tre balze di lunghe frange che corrono attorno alla sua struttura stondata, dalla forma peraltro molto classica.  Grazie alla sua aria divertente e scanzonata, e ai suoi moltissimi colori, Fringe è la poltrona in velluto che stupisce e riesce a portare una ventata di freschezza anche nell’ambiente più impostato. Allo stesso tempo si integra benissimo anche in ambienti moderni che non vogliono apparire troppo convenzionali. Un vero classico contemporaneo!
La collezione, che oltre alle poltrone comprende anche divani e pouf, ha vinto il secondo premio allo European Product Design Awards 2018 nella categoria Furniture. 

Poltrona Fringe by Munna

L’eccentrica poltrona Fringe (con il pouf sullo sfondo)

Gubi Bat Lounge Chair

Design scandinavo e cuore italiano? Si può fare! La poltrona Bat Lounge Chair è progettata dal duo italo-danese GamFratesi e prodotta dall’azienda danese Gubi. E’ l’espressione del più puro spirito scandinavo – semplicità, funzionalità e minimalismo –  mescolato all’eleganza del design italiano che si rivela nelle linee ricercate e nelle gambe sottili e slanciate. Disponibile con lo schienale alto o basso, la poltrona Bat è chiamata così per la sua forma che, a detta dei progettisti, ricorda l’apertura alare di una pipistrello… ma è molto, molto più bella!

Poltrone Bat di Gubi

Poltrone Bat di Gubi

Poltrone Fuuga by Bolia

Anche in questo caso ci troviamo di fronte a un’azienda scandinava, Bolia, e a un design tutto italiano. Busetti Garuti Redaelli sono infatti i tre giovani progettisti che hanno disegnato la famiglia si sedute Fuuga. Sofà e poltrone dalle forme morbide e accoglienti grazie allo schienale imbottito che ci invita a farci avvolgere da un comodo abbraccio. Sia per le poltrone sia per il sofà è disponibile un rivestimento in lana in un’ampia gamma di colori.

Poltrone Fuuga by Bolia

Poltrone Fuuga by Bolia

La Poltrona D.154.2 di Giò Ponti by Molteni

Appositamente progettata da Giò Ponti negli anni ’50 per la realizzazione di Villa Planchart a Caracas, la poltrona D.154.2 è una poltrona storica, l’unica che non fa parte di nuove proposte 2018. Ma è talmente bella e moderna che nessuno le darebbe mai 60 anni!! La poltrona ha una forma a guscio particolarmente accogliente e si completa con un morbido cuscino. Nella versione contemporanea è rivestita nella gamma di tessuti e pelli Molteni&C, con la possibilità di differenziare gli elementi. Particolarmente bella in questo caldo azzurro!

• LEGGI ANCHE: Sedie e poltrone d’autore che hanno fatto la storia del design

Poltrone di Giò Ponti by Molteni

Poltrone di Giò Ponti by Molteni

LaCividina, poltrone sofà e pouf ispirati alla natura

Il brand italiano LaCividina ha presentato quest’anno alla Milano Design Week la sua nuova collezione Waves progettata dalla designer francese Constance Guisset. Waves è una serie di pouf dalle linee sinuose e organiche che si ispirano ai paesaggi naturali come le onde dell’oceano, i profili delle colline o le rocce levigate dall’acqua. I pouf sono modulari e possono essere usati da soli oppure in gruppi per creare diverse configurazioni. Anche i colori disponibili sono quelli della natura. Bellissime in particolare le varie tonalità di blu, azzurro e celeste che sembrano rubate alle sfumature del cielo.

Waves la serie di pouf de LaCividina

Waves la serie di pouf de LaCividina

Waves la serie di pouf de LaCividina

L’articolo Divani, poltrone e sofà… nel blu dipinto di blu proviene da Things I Like Today.

25 Ottobre 2018 / / La Gatta Sul Tetto

Elegante e raffinato, lo stile Art Déco riproposto in chiave contemporanea rivoluziona gli interni con audaci geometrie e inediti accostamenti.

Tendenze contemporary Art Deco Sella Concept

Tra le varie tendenze che costellano il mondo dell’interior design, forse quella che vede il ritorno dell’Art Déco è la più rivoluzionaria. Da molti anni, infatti, non si vedevano negli interni geometrie singolari, materiali lussuosi e colori audaci proposti contemporaneamente.

L’Art Déco delle origini

L’Art Déco è un movimento che ha caratterizzato l’estetica degli anni Venti e Trenta influenzando l’arredamento, ma anche la gioielleria, la moda, la grafica e l’architettura, la letteratura, la musica e il cinema (Pensate al Jazz e al grande Gatsby). Proprio per la sua trasversalità, l’Art Déco fu più uno stile di vita che un fenomeno circoscritto all’ambito della decorazione.

E’ uno stile eclettico che si fonda sul predominio della geometria astratta, dei colori intensi, dei materiali luccicanti come i metalli, il vetro, le lacche. Abbondano i motivi decorativi, da quelli geometrici come il triangolo in tutte le sue declinazioni, a quelli stilizzati ispirati alla natura (raggi solari, fiori, foglie, uccelli, onde).

Qualche esempio famoso nel campo dell’arte e del design? Il Chrysler Building e l’Empire State Building a New York, l’Art Déco Historic Districts a Miami, i dipinti di Tamara de Lempicka, le ceramiche di Giò Ponti, solo per citarne alcuni.

L’Art Déco contemporaneo

Salito alla ribalta inizialmente nei locali pubblici, il Contemporary Art Déco è più minimalista e meno decorativo rispetto all’originale, è comunque uno stile dal grande impatto estetico e tra i più innovativi, grazie anche alla contaminazione con il Memphis-style di Ettore Sotsass.

Tendenze contemporary Art Deco Daria Zinovatnaya

La collezione Cherokee della designer ucraina Daria Zinovatnaya si ispira al Memphis Style

Tra le geometrie, predominano i cerchi, gli archi, le forme composte e le linee rette. Molto gettonata la forma ovale, ma con i lati maggiori dritti, utilizzata soprattutto per specchi, lampade, frontali dei mobili, come si vede nella consolle di Daria Zinovatnaya.

Tendenze contemporary Art Deco porte ad arco

Gli uffici di Vizor Interactive progettati da STUDIO11 a Minsk

Tendenze contemporary Art Deco

Casa a Barcellona, by Colombo and Serboli Architecture (CaSA)

Tenete d’occhio anche i motivi a scanalature, che ormai sono utilizzati un po’ ovunque, dalle decorazioni delle pareti, alle gambe dei tavoli, agli schienali di sedie e poltrone e via via fino agli accessori.

Tendenze contemporary Art Deco Nana patisserie

NANAN Patisserie © PION Basia Kuligowska, Przemysław Nieciecki

I materiali sono spesso sinonimo di lusso: marmo, legni pregiati, ottone, velluti e carte da parati, mentre i colori sono giocati su palette dai toni intensi oppure in accostamenti di colori pastello, con una netta predominanza del rosa. Una curiosità: questo stile è particolarmente apprezzato dai designer dei paesi dell’Est Europa.

Tendenze contemporary Art Deco HARRY NURIEV

Progetto del designer russo Harry Nuriev e del suo studio Crosby Studios

I must have

Ecco i mobili e gli accessori che non devono mancare se si desidera arredare la casa in stile contemporary Art Déco:

Tendenze contemporary Art Deco

Charlotte Sofa by India Mahdavi

Tendenze contemporary Art Deco julius chair

Julius Chair by Carlyle Collective

Tendenze contemporary Art Deco azucena caccia dominioni

Il pouf Azucena di Luigi Caccia Dominioni

Tendenze contemporary Art Deco IC lights

IC Lights by Michael Anastassiades

Tendenze contemporary Art Deco ceramica cielo specchio

Specchio ovale collezione I Catini by Ceramica Cielo

Tendenze contemporary Art Deco prettypegs

I frontali per mobili Ikea by Prettypegs

Tendenze contemporary Art Deco letto Essential Home

Letto Sophia by Essential Home

Crediti foto di copertina Sella Concept


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

24 Ottobre 2018 / / Architettura

Una tendenza sempre più in voga in abitazioni di nuova costruzione o in case ristrutturate sia in città, montagna, mare o campagna, è quella di riuscire ad avere ampie superifici finestrate che permettano di illuminare abbondantemente gli spazi interni e al contempo lascino godere della vista di splendidi panorami.

In una CASA PASSIVA, queste finestre rivestono un ruolo fondamentale in due sensi: consentono di ridurre la dispersione del calore e permettono di recuperarlo dall’irragiamento solare.

GRANDI FINESTRE

I materiali, le dimensioni delle ampie vetrate e la qualità di posa, non solo determinano l’ingresso della luce e l’isolamento termico ed acustico ma anche l’aspetto esteriore di un edificio. Gli ambienti in&out non hanno più confini delineati e la bellezza dell’esterno dialoga e si fonde con l’interior della casa.

GRANDI FINESTRE

Nella maggior parte delle soluzioni che adottano questa tipologia di serramento,  vengono inserite delle sedute più o meno ampie, per godere al meglio della vista e rilassarsi leggendo un libro o bevendo una cioccolata calda.

GRANDI FINESTRE

GRANDI FINESTRE

Spazi inglobati nella finestra o posizionati di fronte a questa, vengono arricchiti da materassi, coperte e cuscini per completare il confort. Pur avendo dimensioni limitate, anche questo è un luogo della casa da gestire e arredare. Finiture in legno, pietra o mattoni, scelta di colori e tessuti determinano il risultato finale del progetto.

GRANDI FINESTRE

GRANDI FINESTRE

FINESTRE