14 Novembre 2018 / / Dettagli Home Decor

evento di design internazionale organizzato da Promodesign.it

Riaprono ufficialmente le selezioni di Din – Design In, evento di design internazionale che avrà luogo dal 9 al 14 aprile 2019 in occasione del Fuorisalone di Milano. 


Dopo il successo delle 6 edizioni precedenti conferma la sua presenza all’interno del distretto più stimolante della Milan Design Week: il Lambrate Design District, dove il visitatore potrà perdersi fra mostre di qualità realizzate da designer e realtà imprenditoriali indipendenti, scuole e accademie internazionali.

La sede espositiva è un ex capannone industriale di 2000 mq, dove Promotedesign.it creerà un percorso esperienziale scovando e selezionando accuratamente brand innovativi,  young label e marchi storiciper mostrare il meglio che il panorama del design contemporaneo ha da offrire. Nelle 6 edizioni precedenti Din – Design In ha ospitato oltre 600 realtà provenienti da più di 30 nazioni differenti che hanno mostrato la propria idea di design, raccontato l’iter progettuale che ha portato alla realizzazione dell’oggetto e messo in evidenza le caratteristiche distintive di ogni singolo Paese. 



Aperte le selezioni per la settima edizione


“Durante l’edizione 2018 – afferma Enzo Carbone, CEO di Prodes Italia, società che ha fondato nel 2010 Promotedesign.it,  – abbiamo piacevolmente constatato negli occhi dei visitatori lo stupore nel trovare così tante realtà internazionali e innovative all’interno di un unico spazio così ampio. Per il 2019 stiamo già lavorando attivamente per coinvolgere organizzazioni e Design Week da tutto il mondo, che possano valorizzare a Lambrate il design del proprio Paese.”

Per ampliare il proprio network commerciale, anche dopo l’intensa settimana del Fuorisalone, Promotedesign.it dà la possibilità ai designer e ai brand selezionati di pubblicare i propri prodotti all’interno del Catalogo Design For giunto alla sua 8° edizione. Per dare l’opportunità ai partecipanti di accrescere ulteriormente i propri canali distributivi, il volume, edito dalla Fausto Lupetti Editore, è distribuito a livello internazionale e inviato gratuitamente ad oltre 5000 contatti commerciali di tutto il mondo: concept store, studi di architettura e showroom multibrand potranno contattare i designer per acquistare gli oggetti e stringere collaborazioni.

catalogo DESIGN FOR 2019


All’interno dello spazio industriale riconferma inoltre la sua presenza il Temporary shop di circa 300 mq firmato Artistarjewels.com e dedicato alla vendita di creazioni uniche e creative di gioiello contemporaneo. Nell’aera esterna invece, dedicata al food, verrà realizzato un giardino d’inverno, pronto ad accogliere i visitatori che da tutto il mondo creeranno sinergie stimolanti con i designer coinvolti dell’esposizione.


14 Novembre 2018 / / Idee

PRIMA: lo spazio accanto al divano era occupato da due tavolini che non venivano utilizzatiDURANTE: ho deciso di sfruttare quello spazio acquistando una piccola ma graziosa scrivania che si adattava perfettamente allo spazio e risultava poco invadente DOPO: il piccolo angolo home office è stato poi arredato e perfezionato con piccoli accorgimenti come il sottomano in pelle che lo rende elegante e curato

Sono un’interior designer, sono una libera professionista e sono una mamma, questi tre aspetti della mia vita mi hanno portata a lavorare da casa e a creare quindi il mio piccolo home office.

All’inizio della mia nuova vita ho colonizzato la sala da pranzo con la mia amica e collega Marta ed il salotto e diventato il nostro quartier generale poi, una volta rimasta sola (ma Marta sempre collegata on line) mi sono trasferita sul divano!
Si, perché io sull’amato divano ci ho fatto tutta la maturità classica e poi ci ho conseguito anche una laurea e devo dire che ci si lavora davvero bene, ma ad un certo punto mi sono detta : “Francesca basta, sei una professionista, comprati una scrivania!”.

Sono partita dunque alla ricerca di una piccola scrivania da inserire in un grazioso angolino del salotto, vicino alla finestra, che sembrava non aspettare altro che di diventare il mio ufficio. Lo spazio era davvero contenuto, ma tutto sommato ben organizzato e a me sembrava davvero perfetto!

Su Amazon ho acquistato una piccola scrivania bianca dalle linee semplici e minimali, di dimensioni molto ridotte, perfetta per contenere giusto il pc portatile, ma resa più comoda da due ganci laterali per fili, borse e chi più ne ha più ne metta ed un cassettino invisibile sul davanti.

A completare l’opera è arrivato il bellissimo sottomano in pelle di Maruse, un’azienda italiana specializzata nella realizzazione artigianale di oggetti e complementi in pelle di altissima qualità.

 Un esempio di alta pelletteria italiana in cui ogni prodotto è realizzato con cura per riflettere secoli di tradizione e stile artigianale.

L’azienda si sviluppa nella meravigliosa cornice della costiera Amalfitana ed utilizza solo il vitello pieno fiore e la nappa di prima qualità provenienti direttamente da Santa Croce sull’Arno, un comune toscano in provincia di Pisa noto per la sua secolare industria della pelle, successivamente un team di artigiani altamente qualificati lavora ogni pezzo con metodi tradizionali artigianali italiani. Da questa passione nascono prodotti finemente lavorati che rispettano standard rigorosi che permettono di eliminare eventuali imperfezioni e che garantiscono prodotti di altissima qualità.

Io personalmente ho scelto la finitura coccodrillo che trovo più decorativa, elegante ma allo stesso tempo ironica, perfetta per il mio piccolo angolo di lavoro che, in questo modo, ha acquistato un aspetto del tutto nuovo, ricercato, curato e raffinato.

Il sottomano oltre ad essere bellissimo è anche comodo per proteggere il piano del tavolo da oggetti che possono graffiare la superficie come penne, computer o tastiera, può essere utilizzato come copri scrivania, come superficie di scrittura e/o lettura o per dare semplicemente un tocco speciale al tuo ufficio.

Come dico sempre, a volte basta davvero poco per rendere più piacevoli ed accoglienti i nostri spazi.

L’articolo Il mio nuovo spazio home-office proviene da Architettura e design a Roma.

14 Novembre 2018 / / Architettura

Waveon Coffee caffetteria a picco sul mare

Waveon Coffee è la caffetteria a picco sul mare in cui ogni elemento è pensato per valorizzare al massimo la presenza della natura e il panorama dell’oceano

Gijang è una rinomata località marina in Corea del Sud, famosa per le sue bellissime spiagge e scogliere, le alte pinete e il panorama dell’oceano che si può ammirare dalla costa. E’ qui che sorge Waveon Coffee, una caffetteria costruita proprio sugli scogli che si affaccia a picco sul mare. Dalle sue vetrate e dalla sua terrazza si può ammirare il panorama corcostante a 360°.

La caffetteria, che si estende per 500mq è stata progettata dall’architetto Hee Soo Kwak dello studio coreano IDMM Architects e completata nel 2016. Due blocchi di cemento dalle forme angolate sono disposti in modo sfalsato uno sull’altro e creano una struttura a tre livelli in cui ogni singolo aspetto della progettazione è pensato per valorizzare al massimo la vista dell’oceano e il variegato paesaggio naturale.

Waveon Coffee caffetteria a picco sul mare

All’interno, un grande spazio a doppia altezza funge da nucleo centrale mentre una serie di ambienti di altezza diversa si susseguono in sequenza per esaltare la vista verso l’esterno. Waveon Coffee dialoga con la natura circostante attraverso ampie vetrate e tagli nelle pareti che lasciano filtrare la luce naturale. I fori nelle pareti richiamano l’erosione delle rocce e degli scogli e creano allo stesso tempo dei giochi di luce e di ombre sempre mutevoli. Una serie di scalinate interne e esterne raccordano i vari livelli e fungono anche da seduta per consentire una fruizione libera e informale degli spazi.

Waveon Coffee caffetteria a picco sul mare

Spazi di altezza diversa e ampie gradinate per una fruizione informale degli spazi

All’esterno gli spazi di pertinenza sono organizzati attraverso i cosidetti “pyeongsang“, un arredo outdoor tipico del luogo. Utilizzata al posto dei tavolini, questa sorta di panchina quadrata di legno,  può ospitare piccoli gruppi di persone per una fruizione dello spazio più intima e per rilassarsi in compagnia all’ombra degli alberi. ​
Ogni angolo della struttura è stato sfruttato per godere del paesaggio e del panorama sul mare e anche la terrazza sulla copertura è resa accessibile attraverso una gradinata in legno che, come idea, ricorda quella della celebre Villa Malaparte a Capri.

La terrazza panoramica del Waveon Coffee

La terrazza panoramica del Waveon Coffee

Photo © Kim Jaeyoon

L’articolo Waveon Coffee la caffetteria a picco sul mare proviene da Things I Like Today.

14 Novembre 2018 / / Decor

Nel 2019 ricorre il centenario del Bauhaus, e per l’occasione Murals Wallpapers ha creato una nuova collezione di carte da parati a dir poco strepitosa.

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus

La celebre scuola di architettura, arte e design fondata nel 1919 dall’architetto Walter Gropius a Weimar, in Germania, punto di riferimento di tutti i movimenti di avanguardia del Novecento, ha rivoluzionato il gusto estetico e il nostro modo di vivere. Basti pensare a personaggi del calibro di Mies Van der Rohe, Marcel Breuer, Paul Klee e Wassily Kandinsky, solo per citarne alcuni, che insegnarono nella scuola; oppure agli oggetti di design che sono divenuti delle icone ancora attuali.

La collezione Carta da Parati Geometrica

In occasione del centenario del Bauhaus, Mural Wallpapers ha lanciato la collezione Carta da Parati Geometrica, ispirata al movimento artistico De Stijl, il cui capostipite fu il pittore e architetto olandese  Theo van Doesburg, anch’egli annoverato tra i docenti del Bauhaus. Tra i trend più attuali, lo stile geometrico alla Mondrian e il Contemporary Art Déco, testimoniano, parte dei designer, la volontà di puntare su un’estetica sofisticata e una certa sensibilità nei confronti di un patrimonio culturale che appartiene a tutti noi. 

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus gialla

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus

I designer di Murals Wallpapers si sono infatti ispirati alla teoria del colore di Josef Albers e alle composizioni di László Moholy-Nagy, entrambi membri del Bauhaus; giocando con le forme e interpretando in chiave contemporanea la tavolozza dei colori primari tipici del movimento De Stijl, hanno creato una collezione dal grande impatto estetico. Lo spirito rivoluzionario del Bauhaus e la sua visione futuristica rivivono nei nostri interni cent’anni dopo, e si rivelano più attuali che mai.

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus

Nuova collezione di Murals Wallpapers per il Centenario del Bauhaus

In pratica

Le sei carte da parati della collezione sono proposte in murales di grande dimensione e solo su misura, per sfruttare al massimo l’effetto scenografico delle geometrie e delle textures piatte effetto cemento. Tutte le carte sono disponibili in tre grammature:

  • pesante, con finitura testurizzata in filato di lino stampata su supporto vinilico di alta qualità, adatta a rivestimenti murali di pregio,
  • media, per uso domestico e per luoghi pubblici,
  • leggera, ideale per rivestire i muri con stile anche per piccoli budget.

Vedi la collezione: Murals Wallpapers Collezione Geometrica

Per info sugli eventi organizzati in occasione del centenario del Bauhaus visita il sito ufficiale: Bauhaus100


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

14 Novembre 2018 / / ChiccaCasa

Ecco una mini-guida svuotatasche, dedicata agli scandi-lovers! 
Ho raccolto le sedie più famose di Pinterest, protagoniste dei migliori allestimenti di zone pranzo in stile scandinavo.
Le più celebri, le più stilose, le più ricercate, quelle che ti fanno dire: “che bella, la voglio!”
Qui trovi:
  • – come si chiamano
  • – dove trovare le originali

Una sedia di design è sempre una buona idea. Questo per due motivi fondamentali:

  • – L’estetica. Il buon design nasce per far venire le stelline agli occhi. Quindi i suoi prodotti sono belli, particolari e pieni zeppi di personalità. Questo non può che influire sul mood dell’ambiente circostante. In parole povere, se scegli di inserire in un ambiente un pezzo di design, questo non passerà inosservato, anzi, innalzerà il livello complessivo del tuo arredamento (nel prossimo punto ti spiego il perché).
  • – L’attribuzione stilistica. Molti brand seguono una corrente stilistica ben precisa, per rispondere ai desideri di un pubblico innamorato di uno stile in particolare. Normann Copenhagen, ad esempio, ha fondato la sua identità sul minimalismo dello stile nordico. Se il tuo obiettivo è definire lo stile della tua casa, la strada più sempilce (ma non di certo la più budget friendly, ahi noi!) è arredare utilizzando le icone di design tipiche di quello stile!
ISPIRAZIONI PER ARREDARE CON LE SEDIE DI DESIGN

ZONA PRANZO
Non so tu, ma io mi incanto a guardare le immagini di una serie di sedie belle attorno ad un tavolo. Io le preferisco spaiate, o uguali a due a due. E tu, quale soluzione sceglieresti?

Mix and match

Uguali a due a due


Tutte uguali


HOTSPOTS
Puoi usare una sedia di design, anche per vestire un’angolo della tua casa. Ad esempio, puoi allestire una mini zona lettura semplicemente con una bella seduta, delle mensole e un punto luce. Puoi aggiungere un tappeto per definire lo spazio, un portariviste e qualche cuscino. 
Prendi ispirazione da questi styling!
Ecco alcune delle sedie di design più popolari perfette per un ambiente arredato in stile scandinavo, ma non solo!

VISU di MUUTO

Disegnata da Mika Tolvanen, questa sedia è perfetta per creare ambientazioni sofisticate ed eleganti. Il suo design è semplice e raffinato e lo schienale segue le curve del corpo umano rivelandosi, pertanto, comodo. È disponibile sia in frassino che in rovere verniciato in tante nuance delicate e di tendenza.

Puoi trovarla qui -> LOVETheSIGN


J77 di HAY

J77 è un’icona del design nordico, ma piace tanto anche ai vintage lovers. La sua particolarità è la posizione dei listelli dello schienale: quelli esterni sono inclinati, mentre quelli interni sono verticali. J77 non è mai fuoriluogo: fa scena attorno al tavolo della cucina e conferisce un mood young ed easy in sala da pranzo. Ah, è perfetta anche da sola, in camera o come seduta complementare in salotto!

La trovi qui -> LOVETheSIGN

J104 di HAY

J104 fu prodotta per la prima volta negli anni ’40, ma ancora oggi, ha mantenuto il suo intramontabile design retrò. Continua ad essere una delle sedie di design più apprezzate, anche grazie all’autenticità del materiale di cui è composta. Si tratta di legno di faggio, uno dei più durevoli e robusti. 

La trovi qui -> LOVETheSIGN


N°18 – TON

La n°18 è una delle prime sedie ad essere stata realizzata in legno curvato! Lo schienale sinuoso la caratterizza. È sulla cresta dell’onda da oltre 40 anni, grazie al suo design unico ed inconfondibile. È una seduta elegante, che si sposa bene con un arredamento classico, vintage o nordico.

La trovi qui -> LOVETheSIGN


DSW di VITRA

I designer Charels e Ray Eames furono (oltre ad essere coniugi innamorati) pionieri dell’uso della plastica per costruire arredi. Le loro sedie oltre ad essere innovative dal punto di vista del materiale, furono anche le prime monoscocca (schienale e seduta sono un pezzo unico). La Dsw è una delle sedie più pinnate (e copiate) della storia! Una vera icona di design, non solo scandinavo, distribuita da Vitra.

La trovi qui -> Vitra su Amazon

ABOUT A CHAIR (AAC22) di HAY

Una sedia versatile, super comoda e piena di personalità. About a Chair di Hay ha tutto ciò che di buono si può pretendere da una seduta. AAC22 è distribuita in tantissimi colori, e con diverse tipologie di gambe: a slitta, in legno di quercia e oppure in acciaio.

La trovi qui -> Smallable

Ora dimmi, qual è quella che ti ha fatto innamorare?

Credits immagini: VISU,J77, J104,N°18, DSW, AAC22
LEGGI ANCHE…

THONET N°14, LA SEMPLICITÀ È SEMPRE DI MODA

INGRESSI DAL SAPORE NORDICO – NORDIC ENTRYWAYS


http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
13 Novembre 2018 / / Colori

Tinteggiare le pareti è una consuetudine tipica di ogni casa. E farlo con colori differenti è sempre più una pratica comune.

Ma realizzare un progetto di pittura seguendo geometrie, casuali o studiate, abbinate a palette di colore in sfumatura o decisamente differenti non è da tutti.

Contattare un professionista del settore, il tradizionale “imbianchino” è sicuramente da preferirsi, piuttosto che cimentarsi in solitudine in un progetto che nella fase finale non darebbe le soddisfazioni tanto attese.

In cucina, in camera da letto, in uno studio o in salotto questo metodo trova larghissimi consensi sia in ambientazioni più tradizionali che contemporanei.

a1f8c814c7860e5c5fa19bc81cd996dc

2a0d91c2cd9cb251126a9b4826a109ad

02019f49243edaf3860478d8db08e083

Salva

Salva

Salva