20 Dicembre 2018 / / Non Solo Arredo

L’esaltazione delle atmosfere della cucina e la cultura del progetto di qualità convivono nel design della cucina SEI, firmata da Marc Sadler per il Gruppo Euromobil. Si tratta di un concept minimale che sfrutta però i materiali più selezionati e di primissima qualità per comporre un ambiente cucina sobrio, accogliente, dal sapore solo vagamente industrial.

L’azienda ha da tempo riconsiderato il ruolo della zona cucina, espandendolo da mero spazio funzionale in qualcosa di più completo ed articolato, un luogo dove vivere e condividere il piacere del consumare i pasti ma anche la compagnia.
Il nome SEI voluto da Marc Sadler, un designer tecnico già insignito in passato del Compasso d’Oro, richiama lo schema progettuale che gioca per l’appunto sul numero 6, i millimetri di spessore per ciascuna componente, dalle mensole ai ripiani, dai fianchi agli accessori fino ai dettagli dell’isola e della zona cottura.
Un’eleganza rigorosa ma leggerissima che rende l’ambiente cucina dinamico ma sofisticato con le sue poche linee pulite, i dettagli ricercati e la scelta di accostare tra loro materiali e finiture deluxe.

Se ci sbilanciamo così tanto, attribuendo al progetto SEI lo scettro di cucina contemporanea per eccellenza, è perché abbiamo avuto modo di osservarne da vicino gli elementi che la rendono così unica, con una disposizione basata su un blocco centrale multifunzione che può accogliere area lavaggio e/o cottura abbinato ad un alto tavolo centrale con sgabelli che esaltano il comfort frizzante: una strizzata d’occhio ai fanatici dello street style!
Completa il progetto l’ampio modulo da parete che include dispensa, basi con mobili contenitori e ripiani a giorno.

In un perfetto connubio tra emozione e tecnica, la cucina SEI di Euromobil costituisce espressione lampante della mission aziendale, quella di plasmare arredi da vivere e capaci di alimentare e creare un’atmosfera conviviale, accogliendo le persone e mettendole a loro agio.
La creatività del design e la manifattura rigorosamente Made in Italy trovano espressione nelle diverse finiture nelle quali SEI viene proposta, con materiali nobili abbinati a laminati tradizionali oppure più tecnologici come il Fenix NTM, con in più la possibilità di aggiungere tocchi più personali come marmi, legno di olmo, acciaio inox.

 

ShareThis

20 Dicembre 2018 / / Design

cucina freestanding colorata

Le tendenze per l’arredo cucina 2019 si riflettono nei nuovi prodotti built-in e freestanding Bertazzoni, ideali per gli appassionati di design e della cucina di alto livello

Gli elettrodomestici Bertazzoni, da più di 135 anni sinonimo di Made in Italy di qualità, ridefiniscono in chiave contemporanea il design dell’ambiente della convivialità quotidiana per eccellenza: la cucina. Ogni Serie Bertazzoni è progettata per interpretare uno stile preciso caratterizzato da elementi unici e distintivi. I nuovi prodotti built-in presentati a Eurocucina 2018 e le iconiche cucine freestandig colorate declinano nelle diverse serie del brand le tendenze per l’arredo cucina del prossimo anno. Valentina Bertazzoni, Direttore Stile e Comunicazione dell’azienda, ha identificato i trend da non perdere per il design 2019.

FINITURE SPECIALI MADE IN ITALY

Bertazzoni coniuga le più alte competenze ingegneristiche con l’amore per il design italiano. Questa filosofia ha dato vita a quattro nuove finiture speciali ispirate all’eccellenza dell’artigianato italiano, portando a nuovi livelli la sintesi tra forma e funzionalità, tecnologia e stile inimitabile. Designer e progettisti si sono ispirati alle impeccabili verniciature delle auto supersportive di lusso italiane, alla lavorazione dei metalli e alle finiture a polvere create dagli artigiani italiani, oltre che ai tradizionali smalti originali delle cucine Bertazzoni della metà del Novecento. Ogni finitura si abbina a serie diverse e completa un’estetica raffinata e immediatamente riconoscibile. Qualunque sia la serie o la finitura scelta, i prodotti Bertazzoni regalano un tocco unico al design e allo stile della cucina all’insegna dei trend di design del prossimo anno. 

UN AMBIENTE CUCINA UNICO, ALL’INSEGNA DEL COLORE

Il Giallo, l’Arancio e il Rosso delle iconiche cucine freestanding Bertazzoni interpretano il trend del colore 2019. Le tonalità pastello lasciano il passo a colori più accesi e brillanti. “Il nostro Centro Stile svolge una ricerca continua sulle tendenze del design italiano ed internazionale, cercando di interpretarle e declinarle secondo le linee guida che caratterizzano lo stile unico Bertazzoni. Ne è un esempio la palette di colori automotive Bertazzoni, la cui ispirazione nasce dal territorio dell’Emilia e dai colori brillanti delle auto sportive di lusso che qui vengono prodotte” afferma Valentina Bertazzoni. “I clienti Bertazzoni che acquistano un elettrodomestico colorato lo fanno per esprimere la propria personalità, per creare un ambiente unico”.

cucina freestanding Bertazzoni Serie Professional

cucina freestanding Bertazzoni Serie Professional

DESIGN MULTIFUNZIONE

I mobili e gli elettrodomestici multifunzione rappresentano una soluzione vincente per arredare con stile ogni singolo spazio della propria casa. I piani cottura a induzione Bertazzoni si distinguono per l’elegante grafica minimalista e per la semplicità di utilizzo. I comandi touch permettono intuitivamente di azionare fino a nove livelli di cottura oltre alla funzione Booster per cuocere a piena potenza. Le quattro zone di cottura garantiscono ampio spazio e facilità di movimento delle pentole sul piano a induzione grazie anche alla tecnologia Flexi. Il sistema di aspirazione integrata aggiunge un ulteriore livello di funzionalità ed è disponibile in due opzioni: con la griglia di aspirazione posizionata al centro del piano cottura oppure con una sottile cappa con apertura automatica sulla parte superiore del piano. Ideale per installazioni ad isola, tutti i filtri e i motori di questi innovativi piani cottura Bertazzoni sono perfettamente integrati in modo che l’aspetto sia quello di un normale piano cottura a induzione. La cucina assume così un design funzionale, elegante e moderno.

elettrodomestici serie Modern Bertazzoni

piano cottura, cappa e forno Serie Modern Bertazzoni

IL RITORNO DEL VETRO NELL’ARREDAMENTO MINIMAL

Bello ed essenziale: anche l’arredo 2019 si declina nel minimalismo di design. In questo contesto, il trend più rilevante è l’utilizzo del vetro. Le nuove serie Modern e Professional Bertazzoni presentate a Eurocucina 2018 esprimono alla perfezione questa tendenza nello stile dell’azienda. I piani cottura a induzione, così come i gas on glass, realizzati in vetro nero temperato termo-resistente si abbinano perfettamente alle maniglie con finitura in cristallo nero dei nuovi forni Bertazzoni della Serie Modern. Della stessa finitura sono anche le eleganti e innovative cappe a parete Bertazzoni con comandi touch, che permettono di completare l’ambiente cucina all’insegna di questa nuova tendenza.

L’articolo Tendenze per l’arredo cucina 2019 proviene da Dettagli Home Decor.

20 Dicembre 2018 / / News

Anche quest’anno siamo alla fine e voglio vedere con voi quali sono stati gli articoli più letti del 2018. Quali temi vi staranno più a cuore?


Quando l’anno inizia ci sembra di avere davanti tutto il tempo del mondo. Dodici lunghi mesi in cui pianificare, progettare, vivere le emozioni. Eppure quando giungiamo alla fine c’è sempre quella sensazione di fretta. Di tempo che scivola via senza chiedere il consenso, perché mica abbiamo fatto tutto quello che volevamo.

Colpa delle nostre altissime aspettative, che creano stress e ci lasciano sempre un po’ insoddisfatti. Il blog per me è uno spazio catartico direi, che mi permette di svagarmi e tenermi comunque aggiornata sulla mia passione e lavoro.

Cerco di parlavi sempre di argomenti attuali e pratici, ma ce ne sono alcuni che vi stanno più a cuore di altri, come le pulizie di casa. Quei post rimangono sempre i più letti, ma essendo del 2017 non entrano in classifica.

Quali sono stati gli articoli più letti del 2018?

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DEL 2018: ORGANIZZAZIONE E TECNICA

L’articolo che più vi è piaciuto è quello che parla dell’organizzazione di casa per liberare spazio, facendo decluttering. Darsi obiettivi settimanali per passare in rassegna con calma tutte le stanze della casa e fare l’inventario di quello che serve e quello che è inutile. Organizzare gli oggetti utili in modo razionale, per avere spazi ordinati e ridurre il caos che produce stress.

articoli più letti del 2018
| Ikea |

Il secondo articolo più letto riguarda sempre l’organizzazione degli spazi, ma di quelli piccoli e micro. Quattro idee per sfruttare elementi propri di ogni casa per moltiplicare lo spazio a disposizione. Le scale, le nicchie, le pareti lunghe e i mobili multi-funzione. Mai come in piccole case l’organizzazione razionale è fondamentale.

articoli più letti del 2018
| Interior studio: A Little Design | Photo Hey! Cheese |

L’ultimo articolo è tecnico, nel senso che spiega la differenza tra due materiali di rivestimento molto usati ultimamente, ma su cui c’è poca informazione. Qual è la differenza tra pavimenti in laminato e in vinilico? Quando scegliere uno o l’altro? Tutte le risposte ai vostri dubbi.

articoli più letti del 2018
Laminato Breyten di Artens | Lamianto Tortora di Artens | Laminato Authentic

L’articolo Gli articoli più letti del 2018 tra programmazione e tecnica sembra essere il primo su VHD.

20 Dicembre 2018 / / Architettura

Gli interruttori wireless sono dispositivi indispensabili per rendere smart la propria abitazione, aumentare il confort e risparmiare sui consumi.

Interruttori wireless cosa sono e come funzionano

Interruttori, prese, ma anche caricatori USB, termoregolatori e altri dispositivi, grazie alla connessione wifi si possono controllare a distanza, tramite lo smartphone , il tablet o un assistente vocale. Agli interruttori smart si possono collegare le lampadine, gli elettrodomestici, l’impianto di riscaldamento, il sistema d’allarme, i serramenti elettrici e via dicendo. Scopriamo cosa sono gli interruttori wireless e come funzionano.

Cosa sono gli interruttori wireless

Gli interruttori wireless sono dei dispositivi mediante i quali si apre o chiude un circuito elettrico da remoto. In commercio esistono ormai diverse tipologie di interruttori intelligenti: dispositivi da inserire nei punti luce esistenti, interruttori e prese collegati ad un gateway o funzionanti in completa autonomia.

Per far sì che gli interruttori wireless funzionino, è necessaria una connessione alla rete internet wifi. 

Tramite gli interruttori e altri dispositivi, di cui vi parlerò tra poco, è possibile automatizzare la casa, completamente o parzialmente. Tutto dipende dal sistema con il quale i vari dispositivi dialogano tra loro.

Livelli di automazione

Esistono diversi livelli di automazione tra cui scegliere:

  • Integrazione con il vecchio impianto elettrico tramite dispositivi da inserire nei punti luce esistenti. Non necessita di un gateway o centralina di controllo, funziona con la rete wifi domestica e si controlla tramite App apposite. Questo è il sistema più semplice ed economico e permette di automatizzare alcune funzioni, come il controllo delle luci e degli avvolgibili e sistemi di oscuramento automatizzati.  
  • Impianto demotico cablato. L’innovazione tecnologica sta facendo enormi passi avanti in questo settore. Fino a poco tempo fa l’installazione di un impianto domotico richiedeva la sostituzione dei cavi elettrici, con i conseguenti disagi e costi. Oggi è possibile collegare i dispositivi all’impianto elettrico esistente semplicemente sostituendo i punti luce desiderati con i nuovi interruttori e collegarli alla rete wifi tramite una centralina, solitamente un dispositivo touchscreen.
  • Domotica wireless. Con questo sistema il vecchio impianto elettrico viene abbandonato per essere sostituito con dispositivi wireless. Il vantaggio di questo sistema è la flessibilità: interruttori e prese possono essere collocati dove si desidera, senza opere murarie. Per contro, questa soluzione è meno affidabile delle precedenti.

Indipendentemente dal sistema, bisogna controllare il protocollo di interconnessione. Per maggiori informazioni potete documentarvi con questo articolo di elettronicanews .

Cosa puoi fare grazie agli interruttori wireless

Secondo il tipo di interruttore e il livello di automazione scelto, ecco tutto quello che puoi fare installando interruttori e prese wireless:

Controllare e programmare

  • illuminazione: accensione e spegnimento, intensità (dimmer), colori (con le lampadine smart apposite)
  • elettrodomestici
  • Climatizzazione e riscaldamento
  • Impianto di allarme
  • Tende, tapparelle, cancelli motorizzati
  • Chiusura porte
  • Irrigazione
  • Gestione di contenuti audio e video, diffusione sonora

Quale interruttore scegliere

Il problema principale nella scelta degli interruttori è la compatibilità con terze parti, come per esempio il software dello smartphone o gli speaker vocali come Google Home, Alexa di Amazon o Siri di Apple. Per questo vi consiglio di leggere attentamente le specifiche del prodotto prima di acquistarlo, soprattutto se servirà per integrare dispositivi wireless già presenti. L’alternativa è quella di scegliere interruttori che appartengono a sistemi completi offerti da aziende leader nel settore, così da ottenere una certa uniformità estetica e avere la possibilità di integrare altri dispositivi in futuro.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

20 Dicembre 2018 / / Case e Interni

5 centrotavola per la cena di Natale last minute  

Niente stress con queste idee fai da te last minute per il centrotavola di Natale.

Si arriva spesso al 24 dicembre con corse frenetiche e budget ridotto, il che significa che la probabilità di acquistare o assemblare un elaborato centrotavola per la cena della Vigilia o per il pranzo di Natale è praticamente nulla.

Fortunatamente, poiché il resto della casa è già addobbato, non occorre esagerare con le decorazioni della tavola. In effetti, il momento è davvero dedicato al cibo e alla famiglia, quindi le decorazioni più semplici sono le migliori.

Il centrotavola può essere realizzato con un po’ di facile fai da te e con materiali semplici, da recuperare anche in casa o in giardino. Chi l’ha detto che il centrotavola di Natale debba essere per forza costoso per essere bello?

Cosa usare nelle composizioni del tuo centrotavola di Natale
  • Ricordati di guardare nel tuo giardino, cortile o nel parco vicino casa. Quando esci di casa porta un paio di forbici da giardinaggio e potrai recuperare qualche rametto, foglia, bacca, utile per la tua composizione. In pieno inverno è facile trasformare alcuni ramoscelli di siepi e cespugli in perfetti bouquet festosi. Pino, alloro, bosso, agrifoglio e pigne sono un ottimo modo per avere un bouquet economico (assicurati di indossare i guanti per tagliare l’agrifoglio).
  • Altri oggetti utili per le composizioni del centrotavola sono piccole e medie palline o altre decorazioni dell’albero di Natale. Anche campanellini, spago o nastri possono aiutare.
  • Anche la frutta secca, come noci, mandorle, nocciole o alcune spezie come bastoncini di cannella o anice stellato, sono utili per riempire una ciotola o un vassoio.
  • Candele o lumini aiutano a dare atmosfera all’ambiente. In alternativa si possono usare lucine a led.
  • Un’altra idea low budget sono finti pacchetti regalo, recuperando qualche scatolina o imballo, da incartare e infiocchettare: basta della semplice carta da pacco e dello spago.
  • Non dimenticare che anche qualche frutto fresco come melograno o mele rosse, possono creare subito qualcosa di interessante per un centrotavola invernale, quindi dai un occhio al reparto frutta e verdura del tuo supermercato.

Se sei riuscita a recuperare il materiale, non resta che trovare dei contenitori adatti per le tue composizioni natalizie.

Ecco 5 idee a basso costo, dell’ultimo minuto, che richiedono uno sforzo minimo e rappresentano un’ottima alternativa alle costose composizioni floreali.

5 centrotavola per la cena di Natale last minute

1. Pesca tra i tuoi bicchieri

I bicchieri sono ottimi centrotavola soprattutto se a tavola c’è poco spazio. Prova a mettere ramoscelli singoli o bacche in un bicchiere cilindrico o in un flut per un’eleganza sobria. Puoi anche mescolare tipologie ed altezze.

Un’altra idea con i bicchieri? Capovolgi i calici a testa in giù, da usare come campane di vetro, dentro cui potrai mettere le tue piccole composizioni fatte di rametti di agrifoglio o mini palline dell’albero di Natale. Poi puoi appoggiare le candeline sulle basi rovesciate dei calici. Ecco fatto il tuo centrotavola low budget e tres chic!

5 centrotavola per la cena di Natale last minute

2. Riempire una ciotola o zuppiera

Le ciotole, le zuppiere  ma anche i cestini per il pane, possono diventare un centrotavola con poco sforzo. Puoi mettere all’interno della carta di giornale per alzare la composizione, sull’ultimo strato metti carta velina o carta bianca di stampante, per nascondere la carta da giornale. Appoggia sulla carta palline e decorazioni dell’albero oppure usa lucine led e qualche pigna, ma anche mele rosse e rametti di pino. Insomma qui non c’è che da sbizzarrirsi.

5 centrotavola per la cena di Natale last minute

3. Barattoli di vetro

Non c’è nulla di più versatile dei barattoli di vetro delle conserve. Tenerne da parte qualcuno torna sempre utile, soprattutto per le decorazioni di Natale.

Riempi un barattolo di vetro con un po’ di sale (che imita la neve) dove appoggerai le candele o frutti rossi e foglie. Trovi il tutorial su Yellow Bliss Road.

5 centrotavola per la cena di Natale last minute

4. Un’alzatina per torte o frutta

Se in casa hai un’alzatina ti basterà appoggiare delle candele di altezze diverse circondate da ramoscelli di pino, foglie di agrifoglio o altre piante.

centrotavola-natale-barattolo-latta

5. Barattolo di latta

Questo incantevole centrotavola è realizzato con un semplice barattolo di latta riciclato e alcuni rami appena tagliati. Una bella decorazione per la tavola a costo zero, basta mettere da parte una bella latta grande della salsa di pomodoro e recuperare qualche rametto di pino e pigna. Per vestire il barattolo ti basterà un nastro di juta o altro avanzo di tessuto, ma anche un bel tovagliolo legato con lo spago andrà bene. Se vuoi puoi dare un tocco di finta neve alle pigne, con un po’ di acrilico bianco. Trovi il tutorial su apieceofrainbow.com.

Insomma, non importa come deciderai di decorare la tua tavola delle Feste, ricorda solo di fare un centrotavola basso, in modo che tutti al tavolo possano vedersi, chiacchierare e scambiarsi sorrisi. Dopotutto è questo che si fa a Natale in famiglia!

Scopri altri modi semplici per decorare la tua casa durante le Feste leggendo tra le pagine del nostro blog o visitando la nostra pagina Facebook.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

20 Dicembre 2018 / / Design Ur Life

Un trasloco spesso può risultare un evento molto stressante. Infatti il segreto di traslocare senza stress sta nell’organizzazione.

Ho un pò di esperienza con i traslochi, in effetti ne ho fatti tanti e ho sempre dovuto organizzarmi al meglio per traslocare senza stress. Inoltre all’organizzazione bisogna avere una preparazione con largo anticipo e un piano strategico da seguire passo per passo quando arriva il momento del trasloco.

traslocare senza stress

Tipologia del trasloco

Individuare la tipologia del trasloco in base alle tue esigenze:

  1. La quantità degli oggetti che vuoi trasferire
  2. Quanto tempo puoi dedicare al trasloco
  3. La distanza della nuova casa oppure l’ufficio

In base alla distanza ci sono vari tipologie di trasloco sia per la casa che per gli uffici:

    1. Nella propria città
    2. Nella stessa nazione
    3. All’estero

Decluttering

Il trasloco è un buon momento per fare il decluttering e liberati degli oggetti e i mobili che non ti servono e che non usi mai. Puoi iniziare già da diversi mesi prima e cosi facendo faciliterai l’operazione dell’imballaggio e risparmi sui costi del trasloco.

traslocare senza stress

Traslocare da soli o con una ditta di traslochi?

Se decidi di fare il trasloco da solo dovresti rispettare questi passaggi:

  1. Prepara gli scatoloni
  2. Se devi chiedere aiuto ad un amico affidato dovresti farlo con sufficiente anticipo
  3. Chiedi in prestito oppure noleggia un furgone per fare il trasloco
  4. Carica e scarica tutto e sostituisci il furgone

Invece se pensi di traslocare con una ditta specializzata:

  1. Fai una ricerca per trovare la ditta di traslochi
  2. Chiedi alla ditta se effettuano un sopralluogo e un preventivo gratuito
  3. Chiedi almeno 4 o 5 preventivi
  4. Guarda su internet se hanno un sito web valido e valuta le recensioni
  5. Una volta deciso a chi affidare il lavoro, fissa la data del trasloco

 I vantaggi di un trasloco con una ditta specializzata sono:

  1. Traslocare senza stress

La difficoltà e lo stress che un trasloco può comportare non sono da sottovalutare. In caso di un trasloco fai da te non basta solo un furgone e tanto tempo da dedicare, devi considerare anche costi marginali, come il prezzo per la benzina, delle pellicole protettive e degli scatoloni, oltre ad eventuali giorni di ferie o permessi che dovrai prendere. A questo devi aggiungere lo stress fisico e la perdita di tempo per sbrigare e varie incombenze.

traslocare senza stress

2. Meno rischi di imprevisti

Le aziende specializzate hanno a disposizione attrezzi, carrelli e piattaforme elevatrici. Il personale è in grado di smontare e montare i mobili velocemente ed in maniera efficiente con minor rischio di danneggiamenti.

traslocare senza stress

Ricordati prima di traslocare di controllare se ci sono dei lavori da fare come ad esempio imbiancare i muri oppure fare l’allacciamento e l’attivazione dei servizi per la nuova casa o il tuo ufficio.

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche scriverti al blog per non perderti i miei post.

L’articolo Come traslocare senza stress proviene da Design ur life blog.