Arredare casa giorno #2: capire quale stile fa per voi

Capire quale stile fa per voi può essere un compito arduo, soprattutto data la quantità enorme di informazioni che abbiamo. Come decifrarle?


Si parla così tanto di questi stili d’arredo ultimamente che se anche si ha un dubbio, si ha vergogna di chiederlo. Per evitare di sentirsi non aggiornati o per paura di non aver capito qualcosa che ci viene continuamente proposto.

Tantissime informazioni anche diverse, che molto spesso finiscono per crearci ancora più confusione. Per prima cosa: cos’è uno stile? Uno stile è l’insieme di scelte (nel nostro caso i colori, i materiali..) e di arredi per ricreare un certo periodo storico o luogo. Di stili d’arredo ce ne sono tanti ma i principali sono nove: classico, industriale, moderno, contemporaneo, minimal, marino, nordico, eclettico, rustico.

Come riconoscere il proprio?

Capire quale stile fa per voi cominciando dai colori…

Se leggete il blog da qualche tempo, sapete che questa è una “serie” dedicata proprio alla domanda che viene posta più spesso:da dove comincio per arredare casa? L’altro giorno tra gli altri punti, c’era quello che diceva di cercare ispirazione su Pinterest (lo conoscete, giusto?).

Il più grande motore di ricerca per immagini è il vostro più grande alleato nella ricerca delle immagini che più vi ispirano, mentre siete alla ricerca del VOSTRO stile. Cercate uno stile per volta e analizzate bene gli ambienti: vedrete che ognuno ha delle caratteristiche peculiari.

Immagini di soggiorni nei vari stili d'arredo
| Image credits: Maisons du Monde – H&M – Unsplash |

Cominciate dai colori: quali sono quelli che sentite più vostri, con cui sareste a vostro agio nell’arredare casa? Annotatevi i colori per grandi gruppi e poi con l’aiuto di una mazzetta colori (di quelle che si usano per scegliere le vernici) scendete nel dettaglio.

Nello stile minimal il bianco è il grande protagonista. Nello stile nordico invece, c’è spazio per bianchi, grigi, neri, verde salvia e blu. Vi piace lo stile moderno? Allora rosso, blu, grigio e i toni del legno sono i vostri compagni.

…Passando poi per arredi e complementi

Passate poi agli arredi veri e propri: quanti ce ne sono? Che tipi di materiali ricorrono più spesso? I legni chiari come il frassino e la betulla sono tipici dello stile nordico. I legni pregiati come il palissandro e il teak invece, sono dello stile moderno. E’ tutto bianco e non c’è quasi traccia del legno? Siete davanti allo stile minimal.

Immagini di camere da letto nei diversi stili d'arredo
| Image credits: Ikea – Maisons du Monde – Unsplash – Kaboompics |

Il passo finale è guardare i complementi d’arredo: sono proprio loro a definire uno stile e renderlo tale. Lo stile industriale ne avrà tanti e tutti che si ricollegano al mondo delle fabbriche: tanto metallo, tanto legno grezzo, mattoni, cemento. Ingranaggi utilizzati come orologi, lampade a soffitto che sono i grandi riflettori che si usavano nei capannoni.

Per contro, lo stile minimal quasi non ne ha: l’essenzialità espressa al suo meglio. E se invece c’è qualcosa in ogni stile che vi piace? Vuol dire che siete degli appassionati dello stile eclettico: lo stile che mette insieme pezzi di stili diversi, creando ambienti raffinati e unici.

banner blog stili d'arredo

Non pensiate però che uno stile solo riesca a definirvi; come esseri umani siamo tanto complessi ed è quasi impossibile che ci sia un solo stile che racchiuda tutto quello che vi piace. Di solito solo almeno un paio ed proprio il metterli assieme che crea il vostro unico stile. Avete fatto il test?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Arredare casa giorno #2: capire quale stile fa per voi sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

Written by: