Perché ho scelto solo lampade da parete (e nessun lampadario)

Ovvero: come illuminare casa senza lampadari, plafoniere, sospensioni e faretti

Quando si va a vivere in una nuova casa ci si concentra spesso su cucina, bagni, impianti e pavimenti, trascurando gli accessori. Ma ci sono dei complementi che sono davvero indispensabili…le lampade! Sceglierle può rivelarsi una vera e propria sfida, perché quello dell’illuminazione è un mondo vastissimo. Un ottimo portale è Lampade.it, sito tedesco che è sbarcato in Italia nel 2017 ma che esiste dal 1999 e che propone collezioni decisamente ben curate. Brand di design e prodotti dalle linee moderne super accattivanti lo rendono definitivamente la scelta giusta per arredare…anzi, illuminare, tutta la casa.
Insomma, un mix perfetto di lampade di marca (per me fondamentale visto che nella mia wishlist avevo due must have: la Tolomeo di Artemide e la mitica Ariette di Flos) e prodotti economici ma ben fatti. Una volta studiati i tantissimi modelli a disposizione abbiamo capito che l’illuminazione a soffitto non fa per noi e non rappresenta la nostra idea di casa. Preferiamo l’illuminazione da parete perché più omogenea e d’atmosfera quindi, in casa nostra, solo applique. Ci siamo trovati d’accordo sul fatto che usare una lampada da parete diversa in ogni stanza è il tipo di illuminazione da interni che si addice alla nostra idea di ambiente domestico. NO a lampadari vistosi o sospensioni, faretti e abuso di controsoffitti in cartongesso, plafoniere anonime.

Uniche eccezioni saranno una piantana lato divano e dei faretti a binario all’ingresso e davanti all’armadio in camera.

Ad ogni parete la sua lampada: ecco la wishlist definitiva

In cucina: lampade a braccio flessibile

Sopra il top della cucina ci vuole la giusta illuminazione diretta per preparare i cibi, lavare, cucinare. Un’applique a braccio allungabile è ideale, soprattutto se ti piace un tocco industrial o vintage.

Sopra il tavolo: da parete orientabile

Sopra il tavolo una maxi lampada da parete con braccio snodabile lungo è un vero tocco di design. La struttura mobile permette di spostare la fonte luminosa anche su altre zone della cucina o della sala da pranzo, un’idea perfetta se vivi in un open space.

Zona tv: striscia led

E’ importante retroilluminare il televisore per guardare la tv senza stancare gli occhi. Le strisce LED sono una soluzione economica che puoi applicare dove vuoi.

Divano: lampada da lettura

Leggere, lavorare al pc, rilassarsi con una tisana e un po’ di musica. Qui serve solo una fonte luminosa localizzata e rilassante, d’atmosfera o da lettura.

In camera da letto: applique da comodino e faretti per armadio

Il lato del letto va illuminato al meglio. In camera si vive più che altro la sera, ci si rilassa e si riposa. Qui la luce è calda e avvolgente, quindi due applique al lato del letto dovrebbero essere schermate da un paralume ed essere orientabili per leggere a letto.

Corridoio: economiche, in gesso

Noi abbiamo voluto risparmiare sulle lampade per il corridoio. È una scelta personale. Si tratta di un luogo di passaggio che non ha bisogno di grande progettazione.

Bagno: applique cubo o faretto?

Per lo specchio del bagno ci vuole un’illuminazione abbastanza potente per permettere di diffondere bene la luce, truccarsi / radersi, vedere bene le superfici quando bisogna pulire. Una lampada da parete a cubo si adatta bene ad ambienti moderni e illumina in maniera omogenea in tutte le direzioni. Ma qui c’è stato uno scontro di stili e quindi per il bagno di lui abbiamo scelto il cubo, per il mio il faretto di design di Louis Poulsen.

Esterno: led con sensore o decor?

La maggior parte delle lampade per balconi e terrazzi è a parete, quindi è stato facile trovarle. Philips ad esempio offre sempre un ottimo rapporto qualità prezzo. Esistono anche le applique murali con sensore di movimento, ma per la zona del salottino io opto per lampadine decorative!

La caratteristica principale di questo tipo di illuminazione, che ci ha convinti ad optare solo per lampade a parete, è che ci sono talmente tante forme e materiali che è stato facile trovare quelle perfette per i nostri gusti.
Ma quello che più ci piace è che puoi mimetizzarle completamente oppure farne oggetti d’arredo, decorativi e di design. In questo modo ora ogni stanza ha il suo carattere e la sua personalità, proprio come desideravamo.

Written by: