16 Luglio 2019 / / Charme and More

Per la rubricaRicette dell ‘Alto Adige ~ Südtirol” ecco oggi le indicazioni per preparare la Torta di carote.

Un dolce genuino, ricco di vitamine, privo di burro, facile da preparare e ottimo da mangiare da mangiare  a colazione oppure come merenda per i vostri bambini.

 Ingredienti

7 uova
200 g di zucchero
300 g di carote grattugiate
250 g di nocciole tritate
220 g di farina
20 g di miele
5 g di lievito per dolci
1 bustina di zucchero vanigliato
buccia di limone
un pizzico di sale
Ph via
Ph via 
Ph via
Ph via

Preparazione

Rompete le uova e separate i tuorli dagli albumi.

Mescolate i tuorli con 120 g di zucchero e il miele, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete lo zucchero vanigliato, la scorza di limone grattugiata e le carote grattugiate.

Montate a neve gli albumi con lo zucchero rimasto e un pizzico di sale, quindi aggiungeteli al composto mescolando da sotto in su.

Aggiungete infine le nocciole tritate, la farina e il lievito.
Infornate a 180 ° C per circa 50 minuti.

Gabi Pichler del maso Wernerhof di San Genesio augura buon appetito.

torta-di-carote

Ricetta da gallorosso.it

 

FirmaFellinSMALL

 

 

L’articolo Torta di carote. proviene da Charme and More.

16 Luglio 2019 / / Architettura

terrazzo villa Lago di como

“Appoggiata sull’acqua del Lago di Como come una barca, una villa celebra il proprio passato industriale con finiture e soluzioni ruvide, contemporanee, urbane.”

Breakwater è il risultato ottenuto da una ristrutturazione di un’industria di barche medio piccole situata sulle rive del Lago di Como.

Dal 1921 questo edificio era la sede del cantiere navale Cramar dei fratelli Cranchi, attivo sul lago fin da metà 800 e dal quale sono usciti, negli anni, motoscafi entrobordo, cabinati, imbarcazioni a vela, a remi e da canottaggio. Dell’antico fabbricato rimangono i volumi e l’aspetto di massima, che oggi appare geometricamente lineare: “un parallelepipedo di cemento bianco con grandiose aperture sul lago che entra nelle stanze”.

sala da pranzo con vista sul lago

zona giorno con pareti vetrate

piscina e solarium villa sul lago di Como

Trattandosi di una ristrutturazione, l’interior designer Dario Turani e l’architetto Massimiliano Nutricati hanno dovuto progettare il nuovo edificio con la stessa volumetria del precedente, ovviamente ridistribuendola in modo che venisse incontro alle richieste della committenza.

Particolari degni di nota sono i pilastri in pietra di Moltrasio, il resto è volutamente contemporaneo, nell’aspetto ammicca più a un loft urbano che a una casa di villeggiatura, ha un dècor ruvido e industriale; legno di recupero grigio e rovere marchiato per pavimenti e boiserie, resine, cemento e serramenti in ferro contrastano con la delicatezza del paesaggio.

cucina stile industriale
interno Villa Breakwater

ex cantiere navale trasformato in villa privata

Appoggiata sul lago come una barca, la villa si sviluppa su tre livelli. Al piano lago si trova la zona giorno (cucina e living), la palestra attrezzata con macchine Techongym, una sala fumatori, la cuba room e una sala gioco con un grande tavolo da biliardo Sir William Bentley; al primo piano le camere da letto composte dalle rispettive sale da bagno; mentre al secondo piano vi sono due ulteriori proprietà immobiliari separate, che il proprietario ha tenuto per sè.

Una terrazza di 350 metri quadrati circonda il primo piano, dove si trovano la piscina e il solarium, arredato con poltroncine e letti Royal Botania.

zona giorno Villa Breakwater

living con vista sulla piscina e il lago

zona relax in terrazza

camera da letto vista lago

poltrone di Royal Botania

interno di Villa Breakwater

boiserie in legno nel living classico contemporaneo

bagni di Villa Breakwater

Per avere maggiori informazioni e affittare questa meravigliosa Villa di lusso sul Lago di Como, visita www.breakwatercomo.com

L’articolo Breakwater, una Villa di lusso sul Lago di Como proviene da Dettagli Home Decor.

16 Luglio 2019 / / Architettura

READ IN ENGLISH

Alexis Christodoulou, emergente digital artist sud africano, sta dimostrando al mondo intero che una nuova visione dell’architettura è possibile, direttamente sfruttando le sue doti del mestiere.

Utilizza molto spesso colori pastello, che a me ricordano l’estate e i gelati. Quindi per me i suoi lavori sono stati amore a prima vista!

Oltre al fatto che sono appassionata di render e architettura, come potete immaginare. 

Nell’immaginario metafisico dell’artista esistono una serie di caratteristiche che ogni ambiente, classico, moderno o tradizionale debba avere per essere considerato di tendenza e decisamente sopra le righe. Se ami le nuove architetture in fatto di arredamento, dipinti, costruzioni architettoniche e visioni del mondo caratterizzate dalla presenza di immagini futuristiche, il genio potrebbe costituire per te un punto d’approdo fondamentale.

 

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Alexis Christodoulou (@teaaalexis) on Feb 14, 2018 at 7:46am PST

Il profilo Instagram e le immagini digitali

Attraverso il suo profilo Instagram, Alexis sta leteralmente spopolando. La sua missione fondamentale resta quella di catturare l’attenzione di chi crede fortemente nella potenza straordinaria delle nuove architetture, fatta di realismo, metafisicità e soprattutto fantasia. L’immaginazione di una realtà quasi irreale, ad esempio, diviene una possibilità concreta e reale, dal momento che visitando un’immagine pubblicata dall’artista potrai renderti conto che si tratta semplicemente di una foto digitale, molto distante dalla verità.

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Alexis Christodoulou (@teaaalexis) on Dec 4, 2017 at 8:43am PST

 

Fatto sta che, realtà a parte, gli accostamenti di colore, le tonalità utilizzate per mescolare le varie sfumature e gli oggetti disposti in un certo modo all’interno dell’immagine conservano comunque tutta la loro entusiasmante ragione.

Provando ad osservare ogni creazione dell’artista, potrai perciò abbandonarti alla fantasia di un sogno, lasciandoti cullare da tutto ciò che la tua mente prova a comunicarti nel momento in cui analizza ogni creazione. 

Dalla vigna alla passione per l’arte

Alexis Christodoulou, secondo quanto si apprende da fonti verificate, appartiene ad una famiglia di umili origini. A seguito di tanto lavoro nelle vigne, ha ben pensato di specializzarsi nelle arti visive, dando un seguito importante ad una delle sue più grandi passioni per l’arte.

Così, con il passare del tempo, ha avuto modo di perfezionarsi e di aprire account sui vari social dedicati, facendosi conoscere da un vasto e variegato pubblico di naviganti in rete. Il risultato è, oggi, piuttosto tangibile, dal momento che i suoi follower continuano ad apprezzare i lavori più disparati.

 

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Alexis Christodoulou (@teaaalexis) on Feb 24, 2017 at 8:18pm PST

I rendering digitali vengono pubblicati dall’artista in modo costante e costituiscono tuttora la chiave di un successo meritatissimo, tant’è che gli oltre 87mila seguaci lodano ogni sua iniziativa, rivolta soprattutto ad una vera e propria creazione di giochi di luce, accostamenti di tonalità differenti, disegni ultradimensionali.

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Alexis Christodoulou (@teaaalexis) on Jul 9, 2018 at 4:39am PDT

 

Le caratteristiche peculiari dei suoi lavori

Se sei particolarmente acuto nell’analizzare lavori di questo tipo, allora potrai sicuramente apprezzare moltissimo le doti artistiche di Alexis Christodoulou. Decisamente strabilianti e di grande impatto visivo, le sue architetture si ispirano ad una rinnovata visione dell’architettura, tutta rigorosamente incentrata sull’architettura moderna, fondata sull’ottimizzazione della luce all’interno degli edifici, sulla creazione di spazi architettonici tridimensionali e schizzi approssimativi ispirati alle più importanti città del mondo.

L’articolo Architetture surreali, con colori che sanno di estate proviene da easyrelooking.