22 Novembre 2019 / / Charme and More

Curly Bags è un brand di borse artigianali fondato nel 2015 da Tiziana Randazzo, top model palermitana che dopo aver sfilato per gli stilisti più noti ha deciso di passare dall’altra parte del palcoscenico e lanciarsi nel mondo dell’imprenditoria con la sua linea di borse.

Le creazioni “Curly Bags” hanno  uno stile versatile e sofisticato e un design essenziale.

Sono realizzate artigianalmente con con materiali pregiati di alta qualità, prodotti dai migliori pellettieri fiorentini. Ogni borsa è un inno alla donna contemporanea, versatile, grintosa, femminile e raffinata.

Borse dall’allure ricercata ed elegante, attenta ed accurata che esprime l’amore per la bellezza autentica.

Accessori irrinunciabili, caratterizzati da uno stile “transictional”, ovvero forme e linee classiche che avvolgono con delicatezza ed eleganza concetti contemporanei sfruttandone appieno la sinergia.

Tutte le borse “Curly Bags” sono il frutto magico della passione, dell’amore per il bello e rappresentano perfettamente tutto lo stile e la qualità del Made in Italy.

La selezione dei colori, la sobrietà delle linee, la scelta dei particolari uniti alla nobile arte pellettiera dei maestri toscani hanno dato vita ad accessori capaci di contenere non solo semplici oggetti, ma sopratutto infiniti sogni.

CURLY BAGS – LO STILE E L’ELEGANZA DELLE BORSE MADE IN ITALY

Collezione Autunno/Inverno 2019

curly-bags-cavallino-fucsia

curly-bags-indossata

curly-bags1curly-bags-florian-yellowcurly-bags-group

curly-bags-anisa-bag

www.curlybags.it

 

 

 

L’articolo Curly Bags; eleganza e stile a portata di mano. proviene da Charme and More.

22 Novembre 2019 / / Design

Madie, credenze e cassettiere di design per vestire la tua casa con stile, gusto e unicità.

Oggi vi parliamo di Barba Design, la giovane azienda salentina nata da sentimenti condivisi e maturati con il tempo dove l’elemento chiave è la passione per l’arte e il bello, con la voglia di innovare senza perdere di vista l’esperienza del passato.

Il progetto Barba Design

Situata a Lecce, Barba Design trova le sue radici nella storica falegnameria di famiglia, dove Mattia Barba, ideatore del progetto, cresce, lavora e matura negli anni condividendo l’amore per il legno e l’artigianalità.

L’azienda realizza madie, credenze e cassettiere per la cucina, il living e la zona notte, adate per ambienti moderni e classici. Progettati nei minimi dettagli, ogni prodotto viene realizzato artigianalmente, inoltre, su richiesta del cliente, possono essere personalizzati nella dimensione e nella finitura.

Due le collezioni dell’azienda: TILES e TRAME, scopriamole insieme.

Collezione TILES

Fiore all’occhiello dell’azienda, TILES nasce dalle idee di Mattia unite alla passione che l’Arch. Manuela Pelizzon, designer industriale di grande esperienza e  amante del Salento e dei decori, ha per le “cementine” . Colori e decori dei tradizionali pavimenti vengono rivisitati dando vita a questa collezione che mescola il bello e l’antico.

La collezione TILES include madie e contenitori per la zona giorno e la zona notte , la cui caratteristica principale è l’utilizzo di tecniche di lavorazione attuali e innovative, quali l’incisione computerizzata attraverso la quale i decori vengono riportati sulle superfici in una connotazione estetica originale e brillante.

E’ proprio l’arte di decorare, che rappresenta il cuore dei prodotti Barba Design.

 

L’ampia gamma di colori permette di soddisfare qualunque richiesta ed esigenza: laccatura opaca con incisione monocolore o bicolore per una linea pulita, sicura ed elegante.

 

Collezione TRAME

Storia ed artigianalità si intrecciano ancora una volta per dare vita alla collezione Trame, dove preziosità dei materiali e delle lavorazioni si esprimono in pura eleganza.

I decori geometrici puri di Trame si ispirano alla giapponese “Kumiko”, antica tecnica di lavorazione ed assemblaggio di sottili pezzi di legno senza chiodi. La tecnica di lavorazione del legno Kumiko si è sviluppata in Giappone durante l’era Asuka (600-700 d.C.) e da allora è stata perfezionata e tramandata da generazioni di artigiani.

I disegni per i pezzi di kumiko non sono scelti a caso: molti dei quasi 200 modelli usati oggi sono in circolazione dall’era Edo (1603-1868). Ogni disegno ha un significato o imita un disegno presente in natura che è pensato per essere un buon auspicio.

Anche per Trame i decori sono stati reinterpretati per poterli riportare ai nuovi linguaggi moderni.

Come detto ogni prodotto è realizzato artigianalmente a Lecce e sono completamente personalizzabili, possono essere decorati mediante incisione e si possono richiedere con finitura laccata opaca,  monocolore e bicolore, oppure in Noce Canaletto naturale.

Per conoscere tutti gli arredi che compongono queste due collezioni visita www.barbadesign.it

 

L’articolo Barba Design, amore per il legno e l’artigianalità proviene da Dettagli Home Decor.

22 Novembre 2019 / / Colori

Per tinteggiare una parete, il modo naturale per eccellenza è la tinteggiatura a calce. Quella tradizionale delle case dei nostri nonni, e quella ancora oggi richiesta per le opere di restauro.

Perché non tornare ad usarla nelle nostre case? Quanti sono i colori della calce? Come incide il colore all’interno di un ambiente e quindi nel progetto?

Caratteristiche della calce

Partiamo dalla descrizione della tinteggiatura a calce e delle sue caratteristiche. La calce è bianca, in realtà tra il bianco e il giallo paglierino e vedremo dopo perché. E grazie ai cristalli di cui è formata è particolarmente riflettente, si dice birifrangente.

Per questo motivo i colori a calce sono più vividi, più riflettenti perché si può dire più in generale che una superficie decorata a calce, ha effetti di birifrangenza, essendo composta da cristalli.

Campioni di colori a calce, foto di La Banca della calce

Come si fa a
preparare una tinta a calce?

Si parte dal grassello di calce, che a seconda della sua origine, può essere bianchissimo, come ad esempio quello pugliese di Fasano, oppure giallo paglierino, come quello di Piasco. Ovviamente questo inciderà sul colore finale.

La tinteggiatura a calce può essere colorata aggiungendo all’impasto del grassello di calce terre naturali o ossidi, che vengono aggiunti durante la preparazione della tinteggiatura stessa.

Le
tinte con le terre sono molto stabili, e prendono nel tempo una patina, detta
nobiliare, che valorizza nel tempo la tinteggiatura. Questo grazie al processo
di ossidazione, che continua dopo essere stata stesa sul muro.

Esempi di grassello di calce

Il colore nel progetto

Il colore incide molto all’interno di un progetto. Lo spazio e la percezione che si hanno di un ambiente sono modificati dal colore. Quando si parla dei colori è sempre affascinante. È affascinante vedere come incidano sulla persona e come modifichino le percezioni che si hanno di uno spazio.

Un aspetto magico dei colori, è che questi quando sono accostati l’uno all’altro s’influenzano reciprocamente. Mentre separando il colore con aree bianche o nere, cessa il risultato di irradiazione fra i colori e di influenza reciproca.

Questo può essere molto utile saperlo all’interno di un progetto, dove si può giocare e sperimentare con pareti colorate, anche accostate tra loro, per esaltare o mettere in risalto un passaggio o un dettaglio.

Ci sono colori caldi e colori freddi, entrambi hanno un particolare “impatto” sul nostro corpo. Ad esempio è stato provato che i colori agiscono sul nostro sistema circolatorio. I colori freddi, come un verde-blu, rallentano la circolazione facendo avvertire più freddo, mentre i colori caldi, come un rosso-arancio, attivano la circolazione facendo avvertire più caldo.

Campionatura colori a calce, La Banca della calce

Le tre variabili del colore

Quando si parla di colore
occorre identificare 3 variabili:

TONALITÀ: uno dei 12 colori del cerchio cromatico

LUMINOSITÀ: se il colore è chiaro o scuro, dove si colloca nella scala dei grigi

SATURAZIONE: pienezza o
intensità del colore

I colori complementari

Sappiamo da quando siamo piccoli che esistono i cosiddetti colori primari e colori secondari, e poi i colori complementari.

I colori complementari sono un po’ magici!

“Per quanto contrari si richiamano reciprocamente: giustapposti raggiungono il loro massimo grado di luminosità, mescolati si annullano- come il fuoco e l’acqua- nel grigio.”

“Se scomponiamo le coppie di complementari , constatiamo che in esse sono sempre contenuti i tre colori fondamentali”

Un po’ di teoria del colore può essere utile quando si sceglie il colore di una camera e di una stanza della casa.

Il cerchio cromatico di Itten

La tinteggiatura a calce e i suoi colori

Una caratteristica che mi piace molto della tinteggiatura a calce è l’essere legata al mondo artigianale, si può preparare direttamente in cantiere a partire dal grassello di calce, acqua, zucchero e altri ingredienti naturali seguendo una ricetta ben precisa.

E questo fa sì che una parte del lavoro rimanga empirica. Si possono fare delle prove colore, ma il tutto avviene in cantiere.

Questo può avere degli svantaggi (per chi va di fretta!): tempi di attesa più lunga o impossibilità di scegliere un colore a partire dalla classica mazzetta RAL.

Ma degli incredibili vantaggi: una casa più sana, dove non c’è il rischio che si respirino componenti tossici per l’uomo come purtroppo accade con le tinteggiature in commercio, anche quelle all’acqua, in cui vi sono formaldeide e altri componenti volatili.

Non avendo una palette preconfezionata, si possono fare delle prove colore direttamente in cantiere e direttamente sulla parete scelta. Questo permette di fare una scelta più accurata, infatti di solito si sceglie la latta della tinteggiatura tra gli scaffali e sotto una luce artificiale. Così invece si può verificare direttamente il colore desiderato, che dipenderà in base anche alla luce naturale presente in quella stanza.

Preparando in cantiere la tinteggiatura, si può aggiungere man mano la terra al grassello di calce, e poi stenderla. Una volta che si raggiunge l’effetto desiderato, si può preparare la tinteggiatura necessaria per tutta la parete.

Che ne dite? Vi piace questo processo nella scelta del colore? Non vedo l’ora di fare le prossime prove colore a calce in cantiere!

Prove colore, foto di La Banca della calce

Bibliografia e riferimenti:

Piccolo compendio sull’uso della calce naturale per intonaci e pitture, a cura di Daniela Re sulla base degli appunti del maestro Danilo Dianti, Rete solare per l’Autocostruzione.

Arte del colore, Johannes Itten, Il Saggiatore

L’arte del colore, guida pratica all’uso dei colori, Betty Edwards, Longanesi

Tutti i colore della calce nel tinteggio e nella decorazione, Corso a cura di Enrica Moratelli, consulente per il colore, presso La Banca della Calce, Bologna.

L’articolo I colori a calce sembra essere il primo su LEGALOSCEGIALLE.

22 Novembre 2019 / / Architettura

Gli interni di questa casa a schiera sono stati ripensati secondo i dettami contemporanei dell’interior design, con colori neutri e materiali naturali; inoltre ha la particolarità di avere una piccola piscina nel suo seppur ridotto giardino.
Questa, di dimensioni 3x6m, è dotata della possibilità di poter effettuare nuoto controcorrente ed è abbastanza grande per rilassarsi.

A terraced house with a swimming pool


The interiors of this terraced house have been redesigned according to the contemporary dictates of interior design, with neutral colors and natural materials; furthermore it has the peculiarity of having a small pool in its albeit small garden. The pool, which dimensions are 3x6m size, is equipped with the possibility of being able to swim against the current and is large enough to relax.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura