20 Dicembre 2019 / / Charme and More

Le ispirazioni dorate di Charme and More.

Dal web alcuni spunti nel colore oro per essere sempre al passo con i trend del momento e sfoggiare look a tutto glam durante le feste….sopratutto durante la notte di Capodanno.

Consigli e suggerimenti per chi ama distinguersi con uno stile ricercato ed esclusivo.

Style & Beauty.

Abiti, accessori, dettagli color oro e paillettes sono i protagonisti assoluti delle festività natalizie per risplendere e luccicare come una stella.

 

ispirazioni-dorate-chiodo
Chiodo in similpelle metallizzata Imperial

ispirazioni-dorate-dal-web-trend-stile-home-decor-2-001

Red Valentino Pochette in pelle oro | Grey Mer tronchetti tacco alto in Pelle Oro | Abito sequin

Ph via
Ph via
ispirazioni-dorate-dal-web-abito
Mini abito con gonna svasata e inserti in metallo  Imperial

 Sfavillanti tocchi dorati anche per il make up che si fa glam con un’esplosione di glitter, paillettes e colori stellari per un look seducente e audace.

ispirazioni-dorate-dal-web-trend-stile-beauty-001

Ombretto Sequin Crush N.1 Legendary Gold| Ombretto liquido dorato Twinkle Twinkle ultra lucido con glitter mette in evidenza le palpebre e dona un look brillante.

 

Valentine Gauthier Camicia in seta lurex Zeppelin Dorato
Valentine Gauthier
Camicia in seta lurex Zeppelin Dorato
Etsy, Stampa dorata
Etsy, Stampa dorata

Siete pronte per sfoggiare abiti e accessori gold e risplendere durante le cene di Natale e la feste di fine anno?

Vi è piaciuto questo post?

Condivididetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

𝐿𝑒𝓉’𝓈 𝓀𝑒𝑒𝓅 𝒾𝓃 𝓉𝑜𝓊𝒸𝒽!

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Ispirazioni dorate dal web: Trend, Stile, Beauty. proviene da Charme and More.

20 Dicembre 2019 / / Colori

Abbinare i colori per imbiancare casa partendo dai pavimenti. Schemi di colore per tutti gli stili, per non sbagliare accostamenti e dosaggi.


Da cosa parti per scegliere i colori di casa? 

Dalle mode del momento, dai tuoi gusti personali o da qualcosa che hai già in casa? 

Scegliere i colori per imbiancare casa può sembrare un passo facile, ma così non è. I colori sbagliati possono contribuire a rimpicciolire visivamente una stanza, così come a farla sembrare più buia.

Io ho un metodo per scegliere i colori che è quasi scientifico. Te lo voglio mostrare.

colori per imbiancare casa

Colori per imbiancare casa: distinguiamo tra neutri, pastello e off white

Una nota prima di cominciare va fatta ai colori neutri, a quelli pastello e agli off white. Si tratta di tre famiglie di colori indispensabili in ogni schema di colore, perché apportatori di luminosità e chiarezza.

Come dico sempre, uno schema colori perfetto è composto da cinque colori, di cui tre neutri o pastello e due saturi. In questo modo potrai usarli e dosarli come meglio preferisci e interscambiarli in base alle zone d’uso.

Dei colori neutri ho già parlato ampiamente in un mio post precedente, ma ricordare cosa sono non fa mai male. I colori neutri proprio per loro dicitura non hanno nessun viraggio particolare verso il caldo o il freddo.

Non ricordano nessuna tonalità in modo speciale perché nascono dalla mescolanza di più colori in percentuali uguali. Sono perfetti per le zone studio e lavoro, perché agiscono da fondo bianco per l’occhio, aiutandolo a concentrarsi.

I colori pastello invece nascono dai colori saturi, quindi i colori pieni, che vengono schiariti dal bianco. Si tratta di colori estremamente riflettenti che possono virare verso una certa tonalità o un’altra. Sono perfetti in stanze sotto-esposte e nelle zone living, per aumentare il senso di spazio.

Chiudiamo poi con i colori off white. A differenza del bianco ottico che è quasi accecante, gli off-white sono gradazioni di bianco più o meno intense. Non è vero che tutti i bianchi sono uguali, perché differiscono enormemente in base ai colori usati per comporli. Può esserci un bianco che tende più al giallo o un bianco che tende più all’azzurro.

La scelta va fatta in base agli elementi di partenza che avete in casa, come il colore dei serramenti, il colore del pavimento, qualche complemento speciale da tenere..

Passiamo al lato pratico: schemi di colore per ogni pavimento 

colori per imbiancare casa: acero e rosso

Passiamo ora al lato pratico della scelta. 

Ho selezionato per te ben sei differenti tipi di pavimenti in legno, tra le essenze più comuni. Si tratta di parquet che è davvero comune trovare sia nei negozi che nelle case, con cui ci si trova facilmente a far i conti. 

Ma come si trovano i colori giusti per questi pavimenti? 

Partendo proprio dai colori dominanti dei legni. Fai una foto dall’alto del tuo parquet e caricala sul tuo pc. Usa un sito come image-color.com o per estrarre alcuni colori base dal tuo pavimento. 

colori per imbiancare casa: acero e rosa
schemi di colore con il noce

Una volta fatto questo potete inserire questi colori di partenza in uno dei tanti programmi che esistono e che ti aiuteranno a ricavare degli schemi di colore.

Io uso colormind.io che è stupendo perché permette di mettere i colori che già in qualsiasi posizione dello schema e così facendo produce palette sempre differenti.

Sentiti libero di skippare finché non trovi la combinazione che più ti soddisfa e che sei sicura potrà davvero essere impiegata in casa tua.

colori per imbiancare casa noce e rosa
schemi di colore col castagno
schemi di colore col castagno

Come funzionano queste moodboard?

Le moodboard che ho pensato in questo post sono molto pratiche. Partendo da quelle che sono le caratteristiche fisiche del pavimento ho individuato un paio di schemi di colore che ne evidenziano i pregi.

Ci sono schemi più monocromi, che dialogano di più con le sfumature del legno e schemi più audaci. Con colori a contrasto che servono a evidenziare e tirare fuori dei particolari che altrimenti potrebbero passare inosservati.

Come sempre trovi le corrispondenze RAL e questa volta ho aggiunto qualcosa in più. Trovi il suggerimento di due pattern e tessuti nei colori degli schemi, da usare in casa. Questi che vedi sono stati presi tutti su spoonflower.com, che ti consiglio davvero di visitare.

rovere sbiancato e verde
rovere sbiancato e rosa
teak e magenta
teak, azzurro e viola
colori per imbiancare casa per rovere naturale e verde
schemi di colore con rovere naturale e rosa

Quale schema hai preferito?

Sono sicura che uno tra questi schemi ti è piaciuto più degli altri. Quale?

O magari hai un pavimento proprio come quelli che ho indicato qui sopra. Quale occasione migliore allora per prendere spunto da queste moodboard e sfruttare questi colori a tuo vantaggio?

Fammi sapere poi nei commenti quale hai scelto!!

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Come abbinare i colori per imbiancare casa. Schemi pronti all’uso. sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

20 Dicembre 2019 / / Dettagli Home Decor

Lo stile Haussmann di un appartamento parigino reso attuale grazie alla trasformazione intelligente degli spazi, dall’involucro agli interni.

Nel cuore di un bellissimo condominio parigino, vicino a Place des Ternes, un appartamento in stile Haussmann è stato completamente ridisegnato e ristrutturato dall’Agence Véronique Cotrel. Un importante lavoro di studio per una trasformazione intelligente degli spazi, dall’involucro agli interni.

La pianta originale comprendeva una sola camera da letto e una cucina indipendente: dopo la ristrutturazione, invece, la cucina è stata “spostata” creando una zona comunicante con il living, permettendo così di ricavare una camera da letto in più.

L’integrazione della cucina nel soggiorno è stata una vera sfida, che ha previsto anche la rimozione parziale di una parete portante. Lo studio di architettura ha risposto combinando ergonomia ed estetica, design contemporaneo e tipica tradizione haussmanniana di Parigi, stile che caratterizza tutta l’abitazione.

La cucina è stata pensata nera opaca, di forte impatto visivo, ma inserita in cornici rientranti, con una soluzione space saving ricavata da un vecchio corridoio di distribuzione, che non impatta nella sala da pranzo. La superficie della credenza è a specchio fumé e riflette il soggiorno, conferendo una profondità e un calore molto suggestivi, sottolineati dalla particolare pavimentazione a parquet a spina ungherese.

Nella zona notte, ogni camera ha il proprio bagno privato con doccia, separato da finestre grigio chiaro, estremamente discrete. Design risoluto, i materiali e i sanitari utilizzati si adattano al vecchio stile degli appartamenti classici parigini.

Per la rubinetteria, i progettisti hanno scelto la serie Diametro 35 Inox di Ritmonio per la sua modernità essenziale e misurata, ideale per creare ambienti bagno esclusivi, dallo stile intramontabile, che dura nel tempo.

Il risultato è perfettamente in linea con il gusto dei committenti: stanze coerenti e armoniose, di ampio respiro, che dialogano tra loro, senza mai perdere il file rouge dello stile Haussmann, in tutta la sua eleganza.

Progetto e foto: Agence Véronique Cotrel, architetto d’interniwww.verocotrel.fr

L’articolo Ristrutturazione di un appartamento in stile Haussmann a Parigi proviene da Dettagli Home Decor.

20 Dicembre 2019 / / Paz Garden

Ma davvero è già arrivato "quel" momento magico dell'anno?
Ma davvero sono qui a scrivervi, immaginandoci tutti insieme, stretti nella lettura dell'ultimo Post di questo 2019?
La risposta affermativa me l'avete data voi, insieme ai messaggi e alle affettuose raccomandazioni che non potevo mica sparire fino all'anno nuovo senza salutarvi per bene come ho sempre fatto.
E allora perdonate questa Pazzerella, che è riuscita finalmente a finalizzare il progetto di interior per la sua Casa Paz, ma che per farlo si è allontanata da questi schermi ( e anche da quelli del cellulare), per far spazio alle idee, ai disegni esecutivi, alle visite in Showroom e tutte le altre cose che la Vita vera ti insegna a non posticipare. Ad abbracciare subito, appena puoi e non solo quando devi.


Volevo scrivere un Post lunghissimo, pieno di parole e auguri e chissà che altro... ma poi, come ogni volta che l'emozione vince, il desiderio di mandare vibrazioni positive può bastare a superare da solo le distanze.
E il silenzio di questi mesi verrà spazzato via comunque. E il mio abbraccio più sincero e speciale che ho, vi arriverà forte e luminoso lo stesso.
E siccome la Bellezza di questo periodo vive sempre e solo nelle piccole cose, ho scelto, per farvi i miei auguri, di utilizzare le foto speciali di WALTHER & CO, un brand danese che, ispirato dai viaggi in Oriente del suo antico fondatore, ha saputo unire in tutte le sue decorazioni e i suoi accessori natalizi, non solo le antiche tradizioni scandinave ma anche quel tocco di Mistero e Nostalgia che rende da sempre unico l'Oriente e il suo artigianato.
Perchè nulla potrebbe essere altrettanto allegro o luminoso, se non avessimo aperto anche quest'anno "la nostra scatola delle decorazioni", vero?  Se non avessimo dedicato Tempo e Spazio ai piccoli richiami scintillanti che rendono Magica e la nostra Casa.

E allora BUONI GIORNI, BUONE FESTE... anche quest'anno promettiamo di tornare bambini, apriamo porte, finestre, braccia e abbracciamo piccoli e grandi spiragli di Luce.
Per lasciare che sia di nuovo MAGIA.

ALL THE PHOTOS ARE PROPERTY OF WALTHER & CO





20 Dicembre 2019 / / Interiors

Mai le icone del design hanno trovato dimora più aristocratica. Oggi vi porto a visitare la casa di Knud Erik Hansen, che a dire il vero è un magnifico castello del XVII secolo, appartenente al patrimonio culturale danese.

Knud Erik Hansen è il direttore di terza generazione della Carl Hansen & Son, che tutti gli amanti del design conoscono perfettamente. Da 110 anni l’azienda produce arredi in stile scandinavo di altissima qualità per design, materiali e lavorazione. Alcuni pezzi disegnati da Hans J. Wegner, Arne Jacobsen, Kaare Klint and Børge Mogensen sono entrati nell’Olimpo delle icone del design.

Scopriamo gli interni di questo meraviglioso castello e come gli arredi moderni sono stati perfettamente integrati alle strutture originali.

Un castello da favola

Il castello, dimora di Knud Erik Hansen e di sua moglie Inger, appartiene al patrimonio culturale danese. Per questo i coniugi hanno dovuto rispettare alcuni requisiti in fase di ristrutturazione. Per esempio, hanno dovuto mantenere i colori originari dei muri , o utilizzare materiali specifici.

Costruito sull’isola di Funen, che diede i natali allo scrittore Hans Christian Andersen, autore della celebre Sirenetta, il castello è ammantato da un’aura storica e fiabesca.

La dimora si sviluppa su quattro piani e conta due cucine, diversi salotti e sale da pranzo, camere da letto a volontà e una mansarda da sogno.

Lo circonda un meraviglioso parco con alberi secolari cinto da un bastione. L’arredo è composto da pezzi provenienti dalla produzione dell’azienda di famiglia e da pezzi appartenenti a edizioni speciali o fuori produzione, anche di altri brand. 

Le icone del design firmate Hans J. Wegner.

La collezione di pezzi di design che arreda il castello è per la maggior parte frutto della creatività e dell’ingegno di Hans J. Wegner.

Forse l’esemplare più significativo è la CH24 Wishbone Chair, caratterizzata dalla forma a Y che diede il nome alla sedia. La troviamo naturalmente in sala da pranzo, nella versione legno naturale.

icone del design

La CH25 lounge chair si fonde perfettamente all’ambiente del salottino, accanto alla tradizionale stufa in maiolica. Una sedia che richiede 10 ore di lavoro e 400 metri di cordoncino per confezionare lo schienale e la seduta, rigorosamente a mano. 

icone del design

E poi c’è la CH07 Shell Chair, classe 1963, che all’epoca fu apprezzata per il look avanguardista, anche se la sua forma particolare non fu accettata dal grande pubblico. Reintrodotta nel 1998 da Carl Hansen & Son, nel momento in cui l’interesse per il design scandinavo si risvegliava, divenne un must per le nuove generazioni. 

icone del design

Il suo schienale curvato e la seduta alata donano a questo pezzo una straordinaria leggerezza e il confort è ai massimi livelli.

Infine, la CH445 Wing Chair, dalla caratteristica forma scultorea, con la sua scocca in legno imbottita e rivestita e le gambe in acciaio, è in realtà una confortevolissima poltrona. Anch’essa è stata concepita negli anni 60 ed è stata rimessa in produzione di recente.

icone del design

Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.carlhansen.com.

Scopri le icone del design nei miei articoli sull’argomento


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la Kitchen Trends Guide 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

20 Dicembre 2019 / / Design

Il design sostenibile aiuta il nostro pianeta eliminando l’impatto negativo sull’ambiente attraverso un design intelligente e sensibile.

Zane & Reinis sono due designer da Lettonia e la loro azienda si chiama Honey furniture. Creano oggetti di design sostenibile fatti artigianalmente dal legno di recupero. Dal legno al vetro, dai metalli come il rame diventano risorse per l’arredamento. Ispirando nuove creazioni che uniscono design e sostenibilità a tutto vantaggio dell’ambiente. Creano oggetti dal design contemporaneo utilizzando il legno vecchio più di 200 anni dandogli una terza vita. Ogni prodotto che creano ha una sua storia da raccontare. Tutti legni recuperati sono unici e per questo motivo sopra tutti complementi d’arredo che creano con il legno c’è un certificato in acciaio inciso. Questo certificato indica l’anno e il luogo di nascita del legno.

Vi presento qui di seguito alcuni loro lavori e progetti di design sostenibile

Sidelight box è la loro nuova collezione in cui il comodino in legno di recupero e la lampada diventano un unico oggetto.

Design sostenibile
Design sostenibile
Design sostenibile

Fliying lights è la collezione di plafoniere che è stato creato recuperando il legno delle travi di vecchi edifici con un tocco di rame.

Lampada
lampada
lampada

Tra le proposte di design della azienda Honey Furniture ci sono anche arredobagno dallo stile rock’n’roll. Questi arredi sono stati creati dal legno di recupero dalle travi o pavimenti di vecchi edifici.

Design sostenibile
Design sostenibile
Design sostenibile

Fare delle scelte rispettose dell’ambiente, oltre a farci sentire più consapevoli e responsabili, ci permette di ricreare un ambiente che trasmette sensazioni positive.

Se anche tu ci tieni all’ambiente e il futuro del nostro pianeta e vorresti arredare la casa con il design sostenibile, allora clicca qui e scopri tutte le loro creazioni.

Leggi anche questo post per scoprire come riscaldare la casa ecosostenibile.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


 

 

 

 

 

 

 

 

L’articolo Design sostenibile e una terza vita al legno proviene da Design ur life blog.

20 Dicembre 2019 / / Le Galosce Gialle

Come purificare l’aria con le piante e contrastare l’inquinamento indoor.

Una casa naturale anche in città può esistere e forse deve esistere. Il modo più semplice è quello di riempirla di piante. Le piante hanno dei super poteri, tra i tanti quelli di aiutare a purificare l’aria delle nostre case o uffici. E allora perché non usarle? Con le piante da interni possiamo rendere i nostri ambienti più sani e naturali perché sono capaci di assorbire alcuni inquinanti che purtroppo ci circondano! Vi riporto le piante che la Nasa ha studiato e analizzato come le migliori per purificare l’aria degli ambienti interni.

Negli ultimi anni si sta sempre di più parlando di inquinamento indoor, di qualità dell’aria interna. L’aria all’interno delle abitazioni e in generale degli ambienti interni, è più inquinata dell’aria esterna. Nell’aria indoor si somma l’inquinamento che deriva dall’esterno, e l’inquinamento dovuto ai materiali da costruzione, da arredo o ai prodotti per pulire la casa stessa!

Come possiamo fare se viviamo in città e vogliamo respirare nella nostra casa o nel nostro ufficio senza avere aria “malsana”? Possiamo chiedere aiuto alle amiche piante!

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Consigli utili per una casa naturale

Quando ci troviamo in una casa già realizzata o ristrutturata, dove quindi non abbiamo potuto scegliere materiali il più possibili naturali, possiamo comunque fare alcune scelte importanti. Oltre ad aerare bene gli ambienti e limitare l’utilizzo di prodotti chimici, possiamo utilizzare piante da interni, per migliorare la qualità dell’aria indoor.

La prima soluzione è sicuramente quella di aerare bene gli ambienti, bastano 10 minuti per cambiare l’aria di una stanza. Poi si dovrebbe cercare di limitare l’utilizzo di prodotti chimici per pulire la casa (sostituirli con prodotti naturali a base di bicarbonato, limone, aceto, ecc.. se volete potete vedere qualche consiglio su come creare un kit di pulizia naturale qui). Ma se volete migliorare la qualità dell’aria interna in modo “indiretto”, si può ricorrere alla strategia di purificare l’aria con le piante. Cattureranno loro per voi alcuni inquinanti presenti nella casa. Esistono infatti piante da interno che aiutano a purificare l’aria. E ogni pianta è adatta per una specifica sostanza inquinante.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Che tipi di inquinamento esistono?

Inquinamento chimico: i prodotti chimici immettono nell’aria particelle volatili inquinanti che sono nocive per l’organismo umano. Tra queste vi sono i VOC (composti organici volatili) che si sprigionano per l’umidità e per il riscaldamento, Cloruro di Polivinile (PVC) che si trova in pitture, solventi, amianto, colle, vernici, prodotti per trattamento del legno biocidi; Monossido di carbonio, che può essere emesso da apparecchi a gas, a carbone, a petrolio, a benzina, a gasolio, o a legna (stufa, scaldabagno, sistema di riscaldamento a gasolio, fumo di sigaretta).

Si parla anche di Sick building syndrome “Sindrome dell’edificio malato” per quanto riguarda alcuni malesseri quali irritazione agli occhi o delle vie respiratorie, mal di testa, spossatezza, reazioni allergiche che possono poi trasformarsi in malattie anche più gravi.

Inquinamento elettromagnetico: onde elettromagnetiche che è importante prendere in considerazione (da elettrodomestici, televisori, computer, radio).

Inquinamento biologico: odori corporei, microorganismi, inquinamento derivato dai materiali da costruzione.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration and photo by Kristina Kemenikova

Qualità dell’aria e la NASA

Tornando al tema delle piante che purificano l’aria, è interessante sapere che anche la NASA ha eseguito degli studi scientifici che si sono conclusi pubblicando un documento che descrive 17 piante che purificano l’aria, in quanto assorbono quelle sostanze inquinanti che si trovano all’interno di un determinato ambiente. Trovate il report completo qui.

“Il concetto di qualità dell’aria interna è apparso per la prima volta nel 1974 ed è divenuta oggetto di studi condotti da Bill Wolverton, impiegato dalla NASA per studiare qualità dell’aria nei missili spaziali abitati. Wolverton introdusse in una scatola ermetica contenente una pianta in vaso, dell’aria inquinata e misurò sull’arco di 24 ore le variazioni nella quantità di ciascuna sostanza inquinante assorbita dalla pianta. In seguito estese i suoi studi all’aria presente negli uffici e nelle abitazioni.”

Da qui sono state classificate le piante in base al loro grado di assorbimento di un materiale e quindi della loro conseguente capacità di purificare l’aria interna.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

I principali inquinanti e le piante che purificano l’aria

Per purificare l’aria con le piante bisogna conoscere quali piante in particolare sono in grado di migliorare la qualità dell’aria interna catturando alcuni inquinanti.

I principali inquinanti sono:

  • tricloroetilene (si trova in inchiostri, pitture, lacche, vernici, adesivi, sverniciatori)
  • formaldeide (si trova in sacchetti di carta, carte cerate, tessuti, tovaglioli di carta, truciolari, pannelli di compensato, tessuti sintetici)
  • benzene (usato per fare plastica, tessuti sintetici, lubrificanti di gomma, coloranti, detergenti, droghe e pesticidi. Anche in fumo di sigaretta, gas di scarico, colle, pitture e cere per mobili)
  • xilene (si trova in stampe, gomma, pelle e pitture industriali, fumo di sigaretta e gas di scarico)
  • ammoniaca (si trova in prodotti per pulire i vetri, cera per pavimento, sali profumati e fertilizzanti).

La NASA consiglia di posizionare almeno una pianta ogni 100 mq di casa o ufficio. Attenzione, alcune piante sono tossiche per animali (e immagino anche per bambini piccoli che sono abituati a leccare e mettere tutto in bocca!)

Please note: Several of these plants are known to be toxic to cats, dogs and other pets. If you are a pet owner, please do check the toxicity of plants before introducing them to your home.

Come purificare casa con le piante - illustrato by Kristina Kemenikova
Illustration by Kristina Kemenikova

Lista delle piante che purificano l’aria, ovvero catturano inquinanti dall’ambiente:

  1. Palma da datteri nana (Phoenix Roebelenii) : formaldeide e xilene
  2. Felce di Boston (Nefrolephis exaltata): formaldeide e xilene
  3. Felce australiana (Nefrolephis obliterata): formaldeide e xilene
  4. Falangium (Chlorophytum comosum): formaldeide e xilene
  5. Aglaonema (Aglaonema modestum): formaldeide e benzene
  6. Palma di Bambù (Chamaedorea seifrizi): formaldeide e xilene
  7. Ficus Benjiamin (Ficus Benjamina): formaldeide e xilene
  8. Pothos (Epipremnum aureum): formaldeide, benzene, xilene
  9. Anthurium (Anthurium andraeanum): formaldeide, xilene, ammoniaca
  10. Liriope (Liriope spicata): tricloroetilene, xilene, ammoniaca
  11. Lady palm (Raphis excelsa): formaldeide, xilene, ammoniaca
  12. Gerbera (Gerbera jamesonii): tricloroetilene, formaldeide, xilene
  13. Tronchetto della felicità (Dracaena fragrans ‘Massangeana’): tricloroetilene, formaldeide, benzene
  14. Edera comune (Hedera helix): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  15. Lingua di suocera (Sansevieria trifasciata ‘Laurentii’): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  16. Spatafillo (Spathiphyllum ‘Mauna Loa’): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene
  17. Dracena marginata (Dracaena marginata): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca
  18. Crisantemo (Chrysanthemum morifolium): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca
  19. Aloe vera (Aloe vera): benzene, formaldeide
  20. Banana (Musa oriana): formaldeide

In questo sito trovate illustrazione che raggruppa l’inquinante assorbito da ogni pianta. E se volete approfondire le caratteristiche di ogni pianta vi consiglio questo sito qui.

Quali pianta scegliere stanza per stanza

Ecco una selezione di piante che aiutano a purificare l’aria, suddivise per ambienti:

CUCINA o BAGNO

Lady palm (Raphis excelsa): formaldeide, xilene, ammoniaca. Raccomandata per ambienti dove ammoniaca viene emessa da prodotti per la pulizia della casa, 1° posizione NASA per assorbimento di ammoniaca)

Anthurium (Anthurium andraeanum): formaldeide, xilene, ammoniaca

Edera comune (Hedera helix): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene. Raccomandata per tutte le stanze, principalmente cucina e bagno

SOGGIORNO O STUDIO

Cereo del Perù (Cereus Peruvianus): Contro onde elettromagnetiche

Palma di bambù: Per eliminare benzene contenuto in certi profumi, anche formaldeide e xilene. Raccomandata per uno studio ben illuminato e riparato.

Monstera (Filodendrum): Ottimo depuratore di formaldeide. Raccomandata per soggiorno o in bagno dove l’umidità sarà ideale.

TUTTE LE STANZE

Dracena marginata (Dracaena marginata): tricloroetilene, formaldeide, benzene, xilene, ammoniaca

Ficus Benjiamin (Ficus Benjamina): formaldeide e xilene9 posizione NASA per capacità di assorbimento di formaldeide, xilene e ammoniaca. Raccomandata per: soggiorno, evitare cameretta perché è leggermente tossica a causa della sua linfa che contiene un lattice irritante per ingestione di foglie e rami!

Felce di Boston (Nefrolephis exaltata): 1° posto tra piante che filtrano meglio la formaldeide, raccomandata per stanze umide o esposte a nord.

Pothos (Epipremnum aureum): Capacità di assorbire toluene, benzene e formaldeide. Consigliata per tutte le stanze eccetto cameretta (perché linfa può essere irritante per la pelle).

CAMERA BAMBINI

Falangium (Chlorophytum comosum): formaldeide e xilene.

Tronchetto della felicità (Dracaena fragrans ‘Massangeana’): tricloroetilene, formaldeide, benzene. Raccomandata per: cameretta e qualunque stanza con mobili in truciolato.


E dopo questa carrellata di piante, correte a comprare ultimi regali di Natale…CHRISTMAS GIFT WITH PLANT?!

Illustration by Kristina Kemenikova

Un grazie speciale per le illustrazioni e immagini di questo articolo cortesemente concesse da Kristina Kemenikova. Se volete sbirciare un po’ i suoi lavori potete trovare qui il suo sito website, la sua pagina instagram e etsy.

A special thanks for illustrations and images of this article courtesy of Kristina Kemenikova. If you want to have a look about her works, you can you can find here her website, her instagram and etsy page.


Bibliografia e riferimenti:

Piante che purificano l’aria, Ariane Boixière-Asseray e Geneviève Chaudet, Edizioni il punto d’incontro, 2019 (originale Mes Plantes dépolluantes Rustica Edizioni, 2018)

Articolo della NASA: Interior Landscape Plants for Indoor Air Pollution Abatement.

L'articolo Una casa naturale: le piante e i loro super poteri per purificare l’aria! sembra essere il primo su LEGALOSCEGIALLE.