23 Dicembre 2019 / / Clever

Arredare una cameretta condivisa significa ricorrere a soluzioni pratiche e, allo stesso tempo, a prova di bambino.
E non è un segreto, cari mamme e papà, che tra tutti i modelli in commercio i letti a castello, a soppalco e scorrevoli restino tra i preferiti di grandi e piccini.

Vuoi per la struttura verticale, vuoi per il meccanismo a scomparsa, il segreto del loro successo è piuttosto evidente. La disposizione in altezza dei letti, sovrapposti uno sull’altro, permette infatti di risparmiare preziosi, ma che dico, preziosissimi centimetri in larghezza – un vero toccasana per l’organizzazione di camere poco spaziose.

E fin qui, la teoria regge.

Ma ti sei mai chiesto, nella pratica, cosa dovresti valutare prima di scegliere un letto doppio per i tuoi ragazzi? E quale modello sia preferibile inserire nella camera di bambini più piccoli?

Ecco tutto quello che devi sapere per ogni modello.

Il letto a castello: il paradiso dei bambini

Prometto: non parlerò di fantastici lettini con scivolo o bellissimi letti sopraelevati a forma di casa (che noi adulti un po’ invidiamo ai piccoli, ammettiamolo…)! Mi concentrerò piuttosto sul modello più classico, senza variazioni sul tema.

Il letto a castello è uno speciale tipo di letto doppio, la cui struttura dispone di due reti posizionate in altezza, ad una certa distanza l’una dall’altra.

Rientra a pieno titolo nella famiglia dei letti salvaspazio poiché si sviluppa verso l’alto e non richiede molto spazio in profondità. Può essere posizionato semplicemente contro la parete più lunga della cameretta, lasciando libero il centro della cameretta.

Cosa caratterizza un letto a castello?

  • la presenza di due letti, in genere singoli. Esistono anche modelli che combinano sopra un letto a 1 piazza, e sotto un matrimoniale o piazza e mezza
  • una scaletta a pioli frontale o laterale. Alcuni letti “ibridi” sostituiscono la scala con dei veri gradini, più facili da salire
  • una solida struttura salvaspazio, più o meno minimalista, che nello spazio occupato da un solo letto ne integra due (con una notevole diminuzione dell’ingombro in profondità e larghezza, tenuto conto anche del fatto che esistono letto a castello corti).

Qual è l’altezza del soffitto per un letto a castello?

Considerate le misure standard degli appartamenti moderni, un letto a castello si inserisce senza problemi in una cameretta con soffitto alto 2,70 metri.

È necessario preservare dello spazio al di sopra del lettino affinché sia possibile sedersi e sdraiarsi sul materasso in maniera agevole.

Quanti tipi di letto a castello esistono?

  • i letti a castello classici, con struttura fissa e due dormite parallele
  • i letti a castello a sbalzo laterale (o frontale, in cui il letto inferiore è leggermente più ampio di quello superiore)
  • i letti a castello a elle, ovvero perpendicolari
  • i letti a castello richiudibili o a scomparsa (che a tutti gli effetti sono annoverati tra i mobili trasformabili)

Esempio di un letto a castello a L

Un modello speciale: il letto a castello a scomparsa

Cosa rende i letti a castello richiudibili a parete unici nel loro genere? La possibilità di nascondere reti e materasso all’interno della struttura. Il meccanismo di apertura orizzontale è in tutto simile a un comune letto a scomparsa, con la differenza che i due letti possono essere aperti e chiusi insieme o singolarmente.

Il letto a soppalco: il regno di ragazzi e ragazze

Generalmente, per soppalco si intende una struttura autoportante che suddivide lo spazio in altezza aumentando la superficie calpestabile di un locale. Per associazione, il termine è stato assorbito dal linguaggio comune e adottato per definire sia un tipo di letto sovrapposto che la camera (o cameretta) che lo contiene.

Quali sono le caratteristiche dei letti con soppalco?

  • la presenza di uno o due materassi, a seconda del modello scelto
  • la struttura complessa che, oltre ai piani di riposo, permette di integrare mobili da cameretta come una scrivania, un armadio, un divanetto
  • la modalità di salita tramite una scala contenitore con cassettoni o cassetti.

Dettaglio della scala contenitore con cassettoni

Quali sono i vantaggi di un letto a soppalco?

I moderni letti a soppalco offrono una libertà di personalizzazione davvero straordinaria. A differenza dei classici castelli, bloccati nella configurazione, i soppalchi permettono di progettare composizioni complete che integrino, in uno spazio relativamente limitato, tutto ciò che serve nella camera di bambini, adolescenti e giovani adulti.

Se il letto superiore è una delle costanti, la parte inferiore del soppalco può essere personalizzata e attrezzata in base alle necessità di tuo figlio. Basta inserire una scrivania per creare un’ottima zona studio, un letto a scomparsa da aprire quando ospita un amico o un divanetto per creare un piccolo salottino esclusivo.
E se ti stai chiedendo come sia possibile sistemare un letto a soppalco senza troppi intoppi, sappi che alcuni modelli sono abbastanza facili da rifare.
Il segreto è salire i gradini, stare in piedi davanti al letto e utilizzare la pedana della scala come base per spostare coperte e lenzuola in sicurezza, rapidamente e con poco sforzo.

Letto a soppalco con secondo letto a scomparsa

Quanti tipi di letto con soppalco esistono?

  • i letti a soppalco con un solo letto, utili per chi vuole sfruttare lo spazio sottostante inserendo mobili
  • i letti a soppalco con due reti, più simili ai letti a castello
  • i letti a soppalco con scrivania, armadio o divano
  • i letti a soppalco angolari, con materassi in posizione perpendicolare
  • i letti a soppalco sfalsati, posizionati sulla stessa parete ma non lungo lo stesso asse verticale
  • i letti a soppalco scorrevoli

Un modello speciale: il letto a soppalco scorrevole

Si tratta di un letto a soppalco spostabile in avanti o indietro. La profondità della struttura, che corre su un binario a muro, può essere modificata per adattarsi alle esigenze dei ragazzi.

Di giorno, quando il letto superiore non serve, il soppalco può rimanere vicino al muro, adeso alla parete per rendere la stanza più ampia e gli spostamenti più agili. Di sera, quando è ora di andare a dormire, basterà riportare il letto in posizione di partenza per accedere liberamente alla scala contenitore.

Cameretta con letto a soppalco scorrevole: struttura aperta

Cameretta con letto a soppalco scorrevole: struttura chiusa

Il letto scorrevole: il salvaspazio per eccellenza

Scelta obbligata per i piccoli ambienti, i letti scorrevoli non hanno nulla da invidiare né ai soppalchi, né ai castelli. Come dice il nome, questo tipo di letto possiede reti estraibili e materassi nascosti in una struttura rialzata, capace di contenere fino a 3 lettini singoli.

Utilizzare un letto estraibile è davvero semplicissimo, a prova di bambini: basta far scorrere in avanti il piano di riposo proprio come si farebbe per un cassettone (motivo per cui devi sincerarti che nella cameretta ci sia spazio sufficiente per aprire e movimentare le reti aggiuntive). Non a caso, alcuni definiscono questo sistema di apertura del letto “a cassetto”!

In termini di spazio, il risparmio in centimetri è notevole. Quando le reti sono chiuse, l’ingombro totale si riduce alle dimensioni del letto principale.

Quali sono le caratteristiche dei letti estraibili?

  • la facilità di movimentazione dei letti a scomparsa, apribili e richiudibili senza sforzo grazie a rotelle che ne agevolano lo scorrimento
  • la possibilità di trasformare un letto singolo in doppio… o triplo! I letti sono divisibili e possono essere utilizzati separatamente
  • l’altezza ridotta: in termini di struttura, un letto scorrevole è meno alto di un letto a castello, dettaglio che ne facilita l’inserimento sotto un modulo a ponte. Anche tra i lettini l’altezza è diversa: puoi sfruttare questa differenza a tuo vantaggio per adattare i piani di riposo all’età dei bambini (bimbo più piccolo = lettino più basso).

Quanti tipi di letti a scomparsa scorrevoli esistono?

  • il letto doppio scorrevole, il salvaspazio più utilizzato. Il letto rialzato integra una seconda rete che può essere utilizzata sia tutti i giorni, che in caso di emergenza (i famosi pigiama party…). Per alcuni modelli si può scegliere di inserire una pratica scrivania a scomparsa tra i due materassi
  • il mobile con 3 letti scorrevoli. Ottimi per arredare una cameretta tripla, sono leggermente più alti dei modelli doppi perché devono garantire l’inserimento di tre reti e altrettanti materassi. Per questo, l’accesso al lettino superiore può essere facilitato da una scaletta a scomparsa
  • il letto sottoponte con seconda rete estraibile. A tutti gli effetti è uno scorrevole doppio, pensato per inserirsi nella nicchia di un armadio a ponte. Come tutti i letti estraibili, può essere attrezzato con protezioni anticaduta e pratici accessori.

Come scegliere il letto giusto per i bambini?

Dopo questa panoramica, non resta che evidenziare quali sono gli elementi che dovresti considerare per scegliere il miglior letto doppio.

1 – Lo spazio e la forma della camera dei ragazzi

Camera grande o stanza piccola? Cameretta lunga e stretta, quadrata di forma irregolare?

Benché banali, queste domande sono determinanti per effettuare una scelta corretta. Nati per ovviare a problemi di spazio, letti a cassetto o sopraelevati occupano comunque un certo ingombro.

Dai centimetri utili dipende l’individuazione del modello e, nel caso dei castelli o dei soppalchi, la posizione dei lettini. In linea generale, è più facile optare per un letto con seconda (o terza) rete estraibile o per un soppalco con letti a elle se nella camera dei bimbi c’è una buona larghezza.

2 – Il numero dei bambini e l’età dei ragazzi

Quanti bambini dormiranno in camera, due o tre? E quanti anni hanno i piccoli abitanti di casa, 8 o 14?

Sul numero di bimbi c’è poco da discutere: se hai tre figli, avrai bisogno di tre posti letto nella stessa camera! Sempre che tu non decida di riconvertire lo studio e trasformarlo in una cameretta aggiuntiva…

Sull’età dei ragazzi hai più margine d’azione. Se i bambini sono ancora in tenera età puoi giocare d’anticipo e scegliere un letto divisibile come quelli a scomparsa, in cui rete e materasso possono essere movimentati abbastanza facilmente grazie alle rotelle che hanno in dotazione.

Una volta cresciuti, i tuoi figli potranno disporre i letti singoli come meglio credono. Allo stesso modo, se la camera è condivisa tra ragazzi grandicelli o sorelle adolescenti, lascia che ognuno abbia la sua privacy. In questo, i letti a castello sfalsati ma paralleli sono piuttosto vincenti.

3 – Un letto pratico da usare

Immagina la camera dei ragazzi. Ora immagina i tuoi figli pronti per la favola della buonanotte. Se pensi che aprire ogni sera un letto estraibile sia per loro una vera scocciatura, opta per una struttura fissa e pronta all’uso.
Lascia i letti a castello richiudibili ai ragazzi più grandi. Per loro sarà una passeggiata sistemare il letto, ognuno il suo s’intende, prima di andare a scuola!

4 – In cameretta, la sicurezza prima di tutto

“I letti a castello sono sicuri o pericolosi”? – si chiesero mamma e papà aria interrogativa.

Scherzi a parte, è plausibile che un genitore si faccia questa domanda se ha intenzione di arredare la cameretta con un letto diverso dai modelli a terra.

I letti a castello moderni sì, possono essere considerati sicuri. Sono infatti dotati di protezioni che garantiscono la sicurezza ed evitano pericolose cadute a chi occupa il lettino superiore ed evitano pericolose cadute. A seconda delle proposte, sbarre e sponde possono essere rimovibili o fisse, perlopiù imbottite e perfettamente integrate nel sistema letto.

Allo stesso modo, i migliori letti a castello a scomparsa laterale devono integrare sistemi di blocco a prevenzione di aperture accidentali e improvvise.
Tuttavia, pur non esistendo un’età giusta per il letto a castello, è raccomandato un uso a partire dai 6 anni; in caso di bambini più piccoli è preferibile considerare una soluzione con letti a terra.

5 – Materiali di qualità per lettini robusti e solidi

La scelta di un letto robusto e solido passa anche dai materiali con cui è realizzato. Sempre più attenti alla salvaguardia dell’ecosistema e alla tutela dei piccoli, molti produttori hanno deciso di utilizzare solo materie di altissima qualità, reperibili sul territorio nazionale e la cui estrazione ha un impatto limitato sull’ambiente.

A questo si aggiunge l’attenzione per le finiture esterne che, come nel caso della laccatura ad acqua, devono essere realizzate con vernici atossiche e prive di sostanze chimiche dannose per la salute.

Ora che sai tutto sui letti sovrapposti, quale modello sceglierai?
Vorresti qualche consiglio per arredare al meglio la camera di un adolescente o una piccola stanza da bambina? Non perdere i nostri articoli:

Clicca qui per chiedere un progetto personalizzato dal rivenditore Clever più vicino a te.

23 Dicembre 2019 / / Design Ur Life

Nel 2019 sul mio blog ho pubblicato 84 articoli e ora che siamo quasi a fine l’anno ho pensato di condividere la classifica dei top 10 articoli più letti.

Quest’anno il mio blog è cresciuto tanto e quindi ho pensato di condividere gli articoli più letti nel 2019. Ecco di seguito la classifica del top 10 articoli:

digit-one_31 (1)13 idee per il terrazzo o la veranda

Questo post è stato pubblicato a Marzo 2018 e viene visualizzato e letto tutti giorni. Nella classifica dei Top 10 articoli e’ il primo e ha avuto tantissime letture anche nel 2018. Si tratta di qualche consiglio per un piacevole spazio esterno da godersi per l’arrivo della bella stagione.

Top 10 articoli

digit-two_32La cucina shabby chic, 12 idee

Anche questo post è stato pubblicato nel 2018 ma a Luglio. Si tratta di 12 idee di arredamento per una cucina shabby chic, alcuni consigli e ispirazioni.

Top 10 articoli

digit-three_33Tendenze colori 2020 per dipingere le pareti

Un post che parla delle tendenze colori 2020 e come scegliere il colore giusto per le pareti. E’ stato pubblicato a fine settembre 2019, quindi qualche mese fa. In cosi pochi mesi ha ottenuto il terzo posto nella classifica Top 10 articoli.

tendenze colori 2020

digit-four_34Come creare una moodboard e a cosa serve

In questo articolo pubblicato a Maggio 2018 parlo di come creare una moodboard. Questo strumento grafico che aiuta l’interior designer a comunicare la propria idea del progetto iniziale, ha avuto tante letture anche nel 2019!

moodboard4
moodboard

digit-five_35  8 Idee per arredare il bagno

Rivestimenti, arredi, colori, lampade, specchi sono tutte scelte che bisogna fare per avere un bagno di stile. Anche questo post pubblicato a Luglio 2018 ha riscontrato tante letture e visite.

Idee per arredare il bagno

digit-six_36  Apparecchiare la tavola in giardino, 6 idee!

A giugno 2018 ho pubblicato questo post dove propongo delle idee per apparecchiare la tavola in giardino in vista dell’estate. Anche questo articolo ha continuato ad avere un bel riscontro nel 2019.

apparecchiarela tavola in stile meditteraneo

digit-seven_37  Carta da parati, le tendenze 2019

La carta da parati è sempre più protagonista della decorazione e interior design. Infatti in questo post pubblicato a Gennaio 2019 parlo delle tendenze wallpaper 2019.

Mayfair-B_311522_1440x1100

digit-eight_38  8 idee per trasformare un piccolo soggiorno

A Maggio 2019 ho parlato di alcune idee di design per sfruttare al massimo il tuo spazio e rinnovarlo.

www.designurlifeblog.com

digit-nine_39  Moodbooard dell’estate

Una moodboard e wishlist dal sapore estivo e una ventata di fresco e il mare in casa. Questo post del Giugno 2018 è stato tanto apprezzato anche nel 2019.

coastallivingroom-1

digit-one_31 (1)digit-zero_30Arredare in stile Nordico Scandinavo

Ci sono elementi come i colori chiari, il legno naturale, le linee essenziali che fanno riconoscere subito questo stile nordico scandinavo. In questo post del Maggio 2019 parlo di come riconoscere questo stile.

stile Nordico Scandinavo

Hai letto questi articoli? Fammi sapere nei commenti qual’è tra i tuoi preferiti?

Intanto colgo l’occasione di farvi tanti Auguri di Buon Natale 2019 e buon fine anno!!!

Top 10 articoli
Buon Natale

Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


Per i crediti delle foto clicca sul post correlato

L’articolo Top 10 articoli: i post più letti del mio blog nel 2019 proviene da Design ur life blog.

23 Dicembre 2019 / / Charme and More

 

Il rosso è il colore simbolo del Natale.

Nuance intensa, passionale e vitale tinge abiti e accessori da indossare durante i pranzi e le cene natalizie.

rosso-natale-001

Chloé Borsa a spalla Chloe C in pelle rossa| Ph Pinterest| Abito chemisier in similpelle con cintura Imperial| Decolletè Anauk in vernice rossa Jimmy Choo

“Il rosso è vita, passione, amore, è il rimedio contro la tristezza. Penso che una donna vestita di rosso, soprattutto di sera, sia meravigliosa”

~ Valentino Garavani

Rosso

Ph via
Ph via
b8534fbe3975c80b7f356ab709871792
Wall Art Home décor MyInspirationArt

 

Ph via
Ph via

Ti è piaciuto questo post?

Condividi sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto.

Puoi iscriverti alla newsletter del blog per non perderti gli ultimi post e seguirmi su Instagram, Facebook Pinterest.

*Questo post contiene link affiliati.

 

 

L’articolo Moodboard ispirazione: rosso Natale. proviene da Charme and More.

23 Dicembre 2019 / / Dettagli Home Decor

 

Materiali preziosi e arredi di design impreziosiscono gli ambienti di una bella casa creando un’atmosfera delicata e di classe.

Etiler è una delle zona residenziali più chic di Istanbul oltre che uno dei quartieri più vivaci della città per la presenza di bellissimi caffè di lusso. Qui, lo studio di architettura Escape from Sofà, fondato nel 2009, ha realizzato una meravigliosa ristrutturazione seguendo le richieste dei proprietari e il loro stile di vita.

L’appartamento, al piano terra, si sviluppa su 100 mq ed è provvisto di un ampio giardino a cui si accede dalla zona giorno e che regala un effetto tropicale anche agli ambienti interni. In effetti dentro ogni stanza ci sono numerosi richiami verdi che creano un forte legame con l’esterno.

Etiler House

Etiler House

Etiler House

Grazie alle grandi vetrate è possibile scorgere l’area verde da ogni punto della casa, avendone una percezione sempre differente. Ingresso, soggiorno e cucina sono stati immaginati in una sola zona aperta per sfruttare al massimo la luminosità e lo spazio disponibile. L’unica separazione è data da un originale porta in vetro e ferro che fa intravedere la cucina.

Etiler House

Etiler House

Etiler House

I colori sono pacati ma studiati con attenzione, riuscendo ad abbinare tonalità pastello ad accenti di nuance metalliche che donano un tocco di classe all’abitazione. I muri, lasciati volutamente bianchi, danno rilievo alle linee nette degli arredi e dei complementi. Ottone, tessuti pregiati e dettagli in ferro riescono, infatti, a combinarsi perfettamente impreziosendo con carattere l’appartamento.

Etiler House

Etiler House

Nel living, il parquet scelto per il pavimento si interrompe in più punti, quasi a definire un’area centrale, che lascia il posto ad una fascia in pregiato marmo bianco che si prolunga fino alla cucina. Ogni mobile ha un design esclusivo che è stato conservato anche nella zona notte che comprende una cabina armadio e un bagno privato.

Etiler House

Etiler House

Photo credit: Ibrahim Ozbunar

Articolo di Eleonora Bosco 

L’articolo Eleganza senza tempo in un appartamento a Istanbul proviene da Dettagli Home Decor.

23 Dicembre 2019 / / Decor

Il rosso è sempre il colore preferito dal Natale, questa tavola è molto semplice da realizzare ma anche molto, molto natalizia

Parecchio ingombrante ma tra i miei preferiti il centrotavola che si sviluppa lungo tutta la lunghezza del tavolo, realizzato allestendo su una tavola rami, e luci

Versione glamour della precedente con pigne e vasi cilindrici

Molto scenografico l’albero a centrotavola

Anche un classico centrotavola centrale può essere davvero grazioso, carino anche come dono da portare agli ospiti

Molto attuali e semplici da realizzare, ma di grande effetto, i centrotavola in ghiaccio stile Frozen!

Siete ancora indecisi su come apparecchiare la tavola di Natale e, sopratutto, sul centrotavola da utilizzare?

Allora questo è l’articolo che fa per voi, vi parlerò di centrotavola fai de te last minute per la tavola delle feste, ormai da tempo, anche guardando i vari programmi televisivi, abbiamo scoperto la bellezza e il fascino di una tavola allestita con un bel centrotavola.

Certo a volte non credo molto nella praticità di questi, in quanto i più belli sono anche parecchio ingombranti e sulla tavola delle feste c’e sempre bisogno di molto spazio a disposizione.

Alle brutte allestiremo la tavola con il nostro scenografico centrotavola per l’aperitivo e il benvenuto agli ospiti e poi provvederemo a spostarlo per fare spazio alle portate, oppure sceglieremo tipologie poco ingombranti e ben studiate.

Centrotavola di Natale che si sviluppa in lunghezza

Parlavo di ingombro perché i centrotavola che mi piacciono di piu ultimamente, sono quelli che si sviluppano su buon a parte della lunghezza della tavola, se avete una tavola rettangolare, e dunque occupano parecchio spazio, ma li trovo davvero belli, proporzionati e accoglienti.

Rendono partecipi tutti gli ospiti, nessuno escluso, e rendono il desco una vera tavolata addobbata.

Possiamo utilizzare un lungo vassoio o una tavola di legno per allestire gli oggetti o anche organizzarli direttamente sul tavolo, magari su un runner.

Potrà trattarsi di una serie di elementi alternati come candela e palline di Natale o anche di un bell’intreccio di rami, pigne, frutti e decori (quelli che amo di più).

Trovate il tutorial di questo bel centrotavola che si sviluppa in lunghezza, con pigne, verde, cannella e fettine d’arancia , su http://www.donnad.it

Una poetica tavola che sembra un bosco

Pigne rametti di pino palline e piccole candele per questa bellissima tavola

Una bella tavola di legno è perfetta per riunire elementi come semplici candela bianche, piccole pigne e palline

Centrotavola che si estende in lunghezza, con candele bianche e bacche di pungitopo, su donna.it

Molto bello e scenografico il centrotavola che vede cachi, rametti , noci, e alte e sottili candele nere, organizzati su un runner chiaro

Una piccola foresta di abeti dorati

Elemento centrale

Esistono poi i classici centrotavola centrali, scusate il gioco di parole, perfetti per tavoli tondi, ovali o quadrati, anche rettangolari, per chi ama lo stile classico.

Sicuramente questi sono meno ingombranti e più semplici da allestire e maneggiare.

Come sempre regnano sovrani gli allestimenti con le candele che, sopratutto durante le festa, creano una bellissima atmosfera, frutti, fiori, rametti verdi, pigne e palline.

Se vogliamo possiamo realizzare però anche delle mise en place più creative allestendo, ad esempio, un vero è proprio alberello al centro del tavolo o realizzando un centrotavola in ghiaccio, bellissima novità degli ultimi tempi.

Il rosso è il colore più natalizio che ci sia, bellissimi i centrotavola declinati in questo colore con frutti e fiori su donna.it

Centrotavola aromatico

Molto bello il centrotavola rustico perfetto per un Natale in baita

QUI sul sito di casa facile trovate il tutorial per realizzare dei fantastici centrotavola di ghiaccio in pieno stile Frozen. Meraviglia per grandi e piccini.

Anche su amando.it trovate diverse realizzazioni di creazioni con il ghiaccio

Un classico alberello di Natale, posizionato in modo non convenzionale, al centro della tavola

Troviamo tre graziosi alberelli avvolti in bacche di agrifoglio, allestiti in una adorabile cassettina di legno vintage, nel progetto fai da te via thenorthendloft.com

Molto scenografico, per Natali sfavillanti

Centrotavola di Natale diffuso!

Esiste infine il centrotavola diffusso, sparpagliato per la tavola per capirci, anche se forse non è il modo più elegante per descriverlo!

Si tratta perlopiù di vasetti, distribuiti sul tavolo a contenere fiori o altre composizioni, o candelabri, realizzati in varie maniere.

Allestimenti molto semplici da organizzare, da spostare e ordinare come meglio si preferisce, per non ingombrare troppo, ma addobbare comunque tutta la tavola, sopratutto se lunga.

Decorazioni diffuse, piccoli punti luce che si richiamano e si rincorrono con delicatezza sulla tavola.

Piccoli vasetti con mughetto e candeline costellano questa elegante e candida tavola natalizia

Originale e sbarazzina la decorazione della tavola con sacchettini di carta e candelae su candelabri fai da te con le bottiglie di vetro.

Alberelli e renne sparse per la tavola in stile nordico

Candele alte e basse arricchiscono questa classica tavola in rosso e bianco

Candelabri creativi realizzati con piattini e tazzine…e fiocchi di neve

Alberelli e palline in Total white per un bianco Natale

E voi? Che tipo di decorazione preferite per la tavola delle vostre feste?

L’articolo Centrotavola di Natale last minute proviene da Architettura e design a Roma.

23 Dicembre 2019 / / Coffee Break





Questa affascinante casa era in origine una vecchia fattoria, situata in una cittadina della Svezia; grazie alla passione della proprietaria è divenuta un'attualissima casa in stile scandi, cioè colori freddi e legno chiaro, ora impreziosita dai decori natalizi.

Christmas on the old farm


This charming house was originally an old farm, located in a small town in Sweden; thanks to the passion of the owner, it has become a very current scandi-style house, that is, cold colors and light wood, now embellished with Christmas decorations..









Via
23 Dicembre 2019 / / Amerigo Milano

In questa stagione i colori del nostro giardino o del nostro terrazzo sono meravigliosi.

Un tripudio di tonalità e di emozioni, ma anche quanta fatica per mantenerli in salute.

Chi ha la fortuna di avere un piccolo o grande giardino sotto casa sa quanto è difficile trovare giardinieri all’altezza di curarlo.

Perché, soprattutto con piante e fiori, l’improvvisazione è bandita: bisogna affidarsi assolutamente a professionisti che conoscono la botanica, che sanno scegliere le piante per quel determinato clima e per quel terreno, che sono informati sulle modalità e tempi di irrigazione. Giardinieri professionisti, così come è previsto dalla legge.

giardiniere

Dal 2016, infatti, in Italia è stata introdotta la figura professionale del giardiniere che, per lavoro, si occupa della manutenzione del verde. Ma che cosa fanno esattamente i giardinieri? Non si occupano solo della manutenzione delle piante, dei fiori e del prato.

I giardinieri si occupano anche della progettazione di un giardino, elemento questo fondamentale perché la scelta di alberi sbagliati potrebbe compromettere il futuro del nostro piccolo (o grande) paradiso verde sotto casa.

Scegliere il giardiniere ( o i giardinieri) migliori per il nostro giardino condominiale o privato, o anche per il nostro angolo di verde sul balcone, è fondamentale.

Un aiuto prezioso arriva da Homedeal, il sito Internet dove trovare i professionisti vicino a casa e ricevere gratuitamente i preventivi.

Poi spetterà a voi scegliere a chi affidare il vostro giardino. Su Homedeal ci sono anche interessanti suggerimenti che vi aiuteranno a muovervi meglio nella scelta dei giardinieri.

giardino di casa

Tra gli elementi di valutazione la grandezza del giardino: si potrà decidere se affidarsi periodicamente al professionista , oppure affidargli tutto l’anno la cura del giardino.

Non è solo una questione di budget, ma anche di servizi che vengono richiesti ai giardinieri: la progettazione di un giardino compresi anche gli impianti di irrigazione e le pavimentazioni, oppure i semplici servizi base di potatura, manutenzione e pulizia del verde. Il prezzo può variare da 10 euro all’ora per i lavori base, a 25 euro all’ora per la manutenzione delle piante. Un discorso a parte riguarda invece l’irrigazione del giardino.

giardino di casa

Anche in questo caso su Homedeal è possibile richiedere preventivi gratuiti, ma soprattutto farsi un’idea di quanto costa e di come scegliere l’impianto di irrigazione più adatto, passando da un centinaio di euro per un terrazzo fino a 2 mila euro per giardini oltre i 200 metri quadrati. Prima di scegliere il tipo di irrigazione del giardino bisogna aver chiaro anche il tipo di terreno, ricordandosi che in primavera e in estate l’irrigazione dovrà essere più regolare, mentre in autunno sarà sufficiente irrigarlo una volta alla settimana.

Poi ci sarà solo l’imbarazzo della scelta sul tipo di irrigazione del giardino: se automatica o manuale, a pioggia o a goccia, a manichette e tubi forati oppure per scorrimento.

Scelte consultabili anche su Homedeal per non arrivare impreparati al colloquio con il giardiniere.

Barbara Apicella

Redazione Amerigo Milano