26 Dicembre 2019 / / Dettagli Home Decor

Uno spazio contemporaneo dove si respira un’atmosfera montana che reinterpreta i codici stilistici dell’architettura alpina.

L’enoteca e bistrot 75 Café & Lounge si trova all’interno di una tipica casa di campagna nel centro della località montana di Ponte di Legno, in Italia. Il progetto curato dallo studio Lissoni Associati ha riguardato la progettazione degli spazi del piano terra che sono stati trasformati in un’unica area configurata attorno a tre sale comunicanti: una zona bar con bancone, una sala centrale con tavoli e panche e da un lato un’area salotto. L’intervento comprendeva anche il rinnovamento della facciata con rivestimento in legno di larice tinto scuro, la regolarizzazione delle aperture e lo sviluppo della terrazza esterna.

L’intento di Lissoni Associati era di riportare gli ospiti al calore e all’ospitalità di un tempo realizzando uno spazio contemporaneo con un’atmosfera montana che reinterpreta i codici stilistici dell’architettura alpina.

Il lounge bar è caratterizzato da interni dai toni scuri dove finiture e lavorazioni tipiche della zona si combinano con elementi e influenze contemporanei. Materiali semplici e robusti come la pietra a vista delle pareti, il pavimento in granito spazzolato e la boiserie in legno trattato termicamente sono stati abbinati a materiali moderni come profili in acciaio, vetro e metallo per le finestre che si affacciano sulla strada.

Fotografo – Thomas Pagani
Styling – Studio Salaris

 

L’articolo Il Seventyfive Café & Lounge a Ponte di Legno firmato Piero Lissoni proviene da Dettagli Home Decor.

26 Dicembre 2019 / / Coffee Break


Questa splendida residenza nelle Rocky Mountains, Stati Uniti occidentali, è stata progettata dallo studio di architettura Michael Doty Associates.
Chiamata Shaw Mesa, la proprietà di 350 metri quadrati è stata realizzata con struttura in legno su pilastri in acciaio.

Le pareti sono rivestite con assi di legno che sono state carbonizzate, una tecnica tradizionale che rende il legno resistente sia alle muffe che al fuoco.
Il tetto in metallo ondulato nero completa l'esterno monocromatico della casa, la pietra locale, estratta durante gli scavi è stata utilizzata per i muri a gabbioni.

Gli architetti hanno suddiviso la residenza in tre volumi per separare le diverse funzioni; il primo ospita il soggiorno, la cucina e la sala da pranzo, mentre quattro camere da letto si trovano in un'altro, il terzo costituisce il garage.
Si accede alla casa attraverso un volume di vetro centrale che separa il blocco notte dalla zona giorno, dove la cucina e un bar occupano un mezzo piano con una rampa che porta alla zona pranzo e al soggiorno.
I volumi creano così differenti zone esterne, più o meno protette o ombreggiate fra cui scegliere in base alla stagione e alla posizione del sole o del vento.




Minimal villa on the Rocky Mountains

This beautiful residence in the Rocky Mountains, western United States, was designed by the architecture firm Michael Doty Associates.
Called Shaw Mesa, the 358 square meter property was built with a wooden structure on steel pillars.

The walls are lined with wooden planks that have been charred, a traditional technique that makes the wood resistant to both mold and fire.
The black corrugated metal roof completes the monochromatic exterior of the house, the local stone, extracted during the excavations, was used for gabion walls.

The architects divided the residence into three volumes to separate the different functions; the first houses the living room, the kitchen and the dining room, while four bedrooms are located in another, the third is the garage.
The house is accessed through a central glass volume that separates the night block from the living area, where the kitchen and a bar occupy a half floor with a ramp leading to the dining area and the living room.
The volumes thus create different external areas, more or less protected or shaded to choose from according to the season and the position of the sun or wind.