3 Dicembre 2019 / / Idee

Come scegliere le tende: tutto quello che devi sapere per poter fare la scelta giusta. Funzioni, tipologie di tende e finestre e come abbinarle.


Sei pro o contro?

Le tende per casa non conoscono mezze misure.
Dividono le persone in due gruppi: il gruppo di chi le ama e il gruppo di chi
le trova inutili orpelli.

Inutile che ti specifichi a quale gruppo appartengo io.

Però sono sicura che molto spesso non si conoscono i veri
vantaggi di questi elementi e per questo voglio aiutarti a capire come
scegliere le tende da interni
.

Si parte.

cameretta con letto a castello, quadri astratti a parete, divani bianchi e finestre con vasistas superiore
Zarahome

Perché è importante scegliere le tende da interni

Se non hai le tende in casa è perché le sottovaluti.

Difatti questi prodotti non hanno una funzione meramente estetica. Certo, il primo impatto che si ha quando si entra in una casa con le tende è quello. Le guardi e dici “che brutte” o “che belle”. Dietro a questa prima impressione però si celano una serie di motivazioni tecniche non indifferenti.

Pensa ad esempio ai paesi del Nord Europa dove non esistono le tapparelle o le persiane. Come farebbero a schermarsi dalla luce e dagli sguardi indiscreti senza tende?

In questi paesi le tende sono quanto mai importanti e di solito ce ne sono sempre di doppie. Quelle sotto più chiare e leggere e quelle sopra pesanti ed oscuranti. Vengono appese sui bastoni doppi o con binari a soffitto.

Quindi: l’oscuramento dalla luce troppo forte o in momenti della giornata particolari (soprattutto in estate) è una delle prime funzioni.

Si tratta di una scelta che è molto legata all’esposizione della stanza. In stanze esposte a sud e sud-est la presenza delle tende è quanto mai importante. Soprattutto nei picchi di illuminazione, le tende possono davvero fare la differenza contro il riverbero.

Protezione contro surriscaldamento e ficcanaso

Ma anche contro il surriscaldamento della stanza stessa e del pavimento. Se scelte di materiali adatti allo scopo, ti aiuteranno a tenere la temperatura della stanza più bassa di qualche grado. In stanze esposte a nord e nord-est potresti anche decidere di scegliere delle tende in tessuti chiari e leggeri, che non limitino molto l’ingresso della luce e del calore.

Un altro compito importante è quello della difesa della privacy. Sempre più spesso condomini e case sono costruiti a ridosso le une delle altre e non è così insolito riuscire a vedere all’interno delle camere altrui. Qui entrano in gioco le tende.

Ti basterà un solo gesto per nascondere ad occhi indiscreti qualsiasi cosa tu stia facendo. Ora: è chiaro che se hai la casa in mezzo al nulla con un panorama mozzafiato, le tende non ti servono. Se così fosse sei davvero fortunato e sei autorizzato a non averle!

Quanti
modelli di tende da interni esistono?

Come puoi scegliere correttamente se non hai la giusta panoramica
di quello che esiste
?

Voglio cercare di darti una panoramica veloce ma esaustiva,
di modo che tu abbia il quadro completo. Esistono principalmente 9 modelli di
tende da interni:

  • Tende con patte a vista o nascoste: hai presente le tende che hanno i nastri di tessuto cuciti in alto, da inserire su bastoni porta-tende? Ecco, si tratta di loro. Ma le patte possono anche essere nascoste dietro il telo della tenda, garantendo una maggiore schermatura dalla luce.
  • Tende con occhielli passanti: sono le classiche tende con fori orlati o bordati in alluminio, da inserire sui bastoni.
  • Tende con laccetti: una versione più romantica e shabby delle classiche tende con patte. Dei laccetti nella parte alta della tenda ti permettono di legare i teli ai bastoni liberamente.
  • Tende con bordo arricciato: un unico telo che presenta un nastro nella parte alta posteriore, cucito in modo da far arricciare il telo.
  • Tende per interni a pacchetto: sono pannelli fissati ad un bastone, che presentano dei piccoli anelli di plastica sul retro. Questi anelli sono connessi tra loro da fili che permettono di alzare o abbassare la tenda.
  • Tende per interni a rullo: si tratta di solito di tende in materiali tecnici, anche oscuranti e sono perfette anche per gli esterni. Sono teli semi-rigidi che si arrotolano su un cilindro in plastica e sono azionate da una corda.
  • Tende passa-anta: sono le classiche tende a vetro, che si inseriscono su piccoli tubi in plastica o in metallo da agganciare direttamente sul serramento (tramite ganci ad L).
  • Tende a pannello: si tratta di teli irrigiditi da un peso posto nell’orlo finale. Si installano si binari a soffitto e sono estremamente utili in piccoli spazi.
  • Veneziane: le tende per ufficio per eccellenza. Sono formate da sottili listelli orizzontali in alluminio verniciato o in plastica e connesse tra loro da fili in plastica. Di solito i listelli si possono regolare in obliquo, permettendo una filtrazione della luce differente in base alle esigenze.
come scegliere le tende: tende bianche con patte a vista e bastone nero
come scegilere le tende: tende passa-anta
Laredoute
tende a pacchetto
tende con occhielli passanti e tende con anello e pinza
Laredoute
tenda veneziana

Come scegliere le tende in base alle finestre

Va da sé che il modello di tenda
da scegliere è legato imprescindibilmente al tipo di finestra che hai.

È importante infatti scegliere un
modello che non intralci l’apertura del serramento ma che anzi, la renda
agevole e veloce.

Quanti tipi di finestre
esistono?

Tra le più comuni ci sono le finestre
ad anta battente
(anta singola o doppia). Le cerniere sono poste sul lato
verticale del serramento, che di solito si apre all’interno della stanza. Diciamo
che per questo tipo di finestra vanno bene un po’ tutti i modelli. Il migliore
in termini di usabilità rimane quello della tenda a patte / occhielli /
laccetti, estremamente veloce da aprire e chiudere.

Le tende a pacchetto e rullo ti obbligano
a dover alzare tutto il tessuto per poter aprire il serramento, a meno che non
opti per delle tende a pacchetto che si agganciano direttamente al serramento.

Ci sono poi le finestre
scorrevoli
(in orizzontale o verticale), che si aprono scorrendo su piccoli
binari. Per queste tende ti puoi sbizzarrire: non avrai alcun tipo di intralcio
col serramento, che infatti si apre rimanendo sul suo asse. Qui davvero puoi
scegliere in base allo stile di casa e al tuo gusto.

camera da letto con finestra a battente aperta

Diverso il caso della finestra
che combina anta a vasistas e scorrevole parallelo. In questo caso le
due aperture creano qualche ostacolo in più, per cui la scelta dovrà essere
oculata. Valuta anche in base allo spazio che hai davanti alle finestre, per
evitare di scegliere tende troppo ingombranti.

Le tende a pannello possono
essere un’ottima soluzione in questo caso: poco ingombranti, veloci da aprire e
chiudere, decorative.

Gli ultimi due modelli di
finestre di cui ti parlo sono quelle a vasistas e a bilico. Nel primo
caso le cerniere si trovano sul lato inferiore orizzontale del serramento, che
si apre in obliquo all’interno della stanza. Quelle a bilico invece hanno dei
perni al centro dei lati verticali o orizzontali, che fanno aprire il
serramento per metà dentro la stanza e per metà fuori.

 Anche in questo caso la scelta del modello di
tenda si stringe parecchio, se si tratta di serramenti che utilizzi spesso. Il
modello migliore può essere quello passa-anta o le tende a patte / occhielli /
laccetti.

Stesso discorso per la finestra
ad anta-ribalta
: avendo una doppia apertura del serramento (vasistas e battente),
vuoi essere sicura che sia il più pratica possibile.

Cameretta in stile classico con tepee, tappeto a pelo corto e pupazzi natalizi
Zarahome

Le ultime considerazioni

Tutto quello che ti ho raccontato
finora tiene conto degli aspetti tecnici e pratici dello scegliere le
tende.

Ci sono altri punti da tenere in
conto, come i colori della stanza e l’esposizione della stessa.
Se infatti hai dei colori molti decisi, la soluzione migliore è prendere delle
tende in tessuti chiari che lascino passare quanta più luce possibile.

Stesso discorso per una stanza
poco esposta: prendi delle tende super leggere, che ti permettano di godere di
calore e luce naturale.

Se invece hai deciso di tenere pareti
e arredi in colori pastello o neutri, puoi decisamente inserire un accento di
colore con le tende. Assicurati però che l’esposizione della stanza te lo
consenta, per non ritrovarti a mezzogiorno al buio.

 A te la parola

Ora sono curiosa di sapere il tuo pensiero: tende sì o no? Con che criteri le hai scelte? Te ne sei pentita?

Ricorda sempre che sei hai bisogno di una consulenza per risolvere dubbi legati all’arredo di casa, io sono al tuo servizio. Ti basta mandare una e-mail e ti aiuterò al più presto!

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Come scegliere le tende da interni. Guida base alla sopravvivenza sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

3 Dicembre 2019 / / Architettura

Un appartamento di città trasformato in una vera e propria oasi naturale per una famiglia abituata a vivere in campagna.

La proposta per questo progetto era quella di creare un elegante spazio zen per una giovane coppia con due bambini piccoli nel cuore di Barcellona. Abituati a vivere in campagna, volevano che il loro amore per la natura fosse presente anche nella loro abitazione in città e, soprattutto, che trasmettesse il loro gusto personale e il loro stile di vita.

Per raggiungere questo scopo, lo studio catalano A & B Curated ha iniziato modificando il layout originale dell’appartamento e trasformandolo in uno spazio di vita interattivo con la cucina al centro. Grazie a questa scelta hanno migliorato la connessione tra i vari spazi e aumentato la quantità di luce naturale.

Per quanto riguarda l’arredamento, i progettisti hanno optato per mobili e complementi dai colori tenui, utilizzando materiali naturali e diverse trame, che si sposano perfettamente con il vecchio soffitto a volta catalano che caratterizza l’intero appartamento. Sono state incorporate alcune opere d’arte, dettagli in macramè e gres, che nell’insieme donano allo spazio un aspetto familiare e accogliente.

Il risultato è un successo e la famiglia lo adora!

 

L’articolo L’amore per la natura in un appartamento a Barcellona proviene da Dettagli Home Decor.

3 Dicembre 2019 / / Design

READ IN ENGLISH

Per l’arredamento interno di un’abitazione moderna e stilisticamente impeccabile occorre dare una grande importanza al tavolo e alle sedie che occupano un ruolo centrale nell’accoglienza degli ospiti e nella vita quotidiana di ogni famiglia.

Il tavolo rappresenta da sempre il senso di unione dell’ambiente domestico e l’accoglienza che questa vuole far presente a tutti coloro che avranno la gioia di condividere un momento insieme.

Sedie di design famose che più amo

Le sedie di design sono ispirate da ambienti che coniugano modernità nello stile e nei materiali e senso del focolare di tipo tradizionale.

Gio Ponti disegnò la famosa “Superleggera(1957) realizzata in frassino naturale oppure laccata nero o bianco, dalle linee geometriche definite e con sedile in canna d’India.sedie di design

La “Timida chair” di Paulo Pedro Venzon, allo stesso modo risulta ben squadrata, dai materiali leggeri e dal design che esprime sicurezza e che attira l’attenzione.

sedie di design

Per forme più sinuose, cito la sedia No 14 Thonet, design Michael Thonet (1860): la sua forma leggera si esprime nella curvatura del legno, rendendola una sedia dall’aspetto essenziale ma di stile.

Per un’estetica più avvolgente, che accompagni il corpo durante quel meritato risposo prima e durante i pasti, sono presenti sul mercato sedie più morbide, con colori che richiamano la terra e la natura, con punte dall’arancio fino al legno.

Ne è un esempio la sedia Wishbone / CH24, Carl Hansen & Søn (1950).

sedie di design

I colori caldi del legno e le forme tondeggianti rassicurano, rendendo accogliente qualsiasi ambiente.

Sedie dai colori bianchi, candidi, dal disegno tondeggiante e altrettanto romantico, si collocano bene anche in ambienti più moderni, per la leggerezza del design che li caratterizza.

Materiali ed innovazione

Oltre le forme, dai caratteri innovativi, vi sono anche novitá nei materiali di costruzione: il legno dalle sue venature naturali e dai colori adeguatamente trattati, primeggia in questo panorama di possibilità.

I tessuti di rivestimento sono tesi, semplici nella loro bellezza: beige per un ambiente dai colori pastello e più scuri nel caso di bianco o nero predominanti.

L’idea di questo genere di arredamenti comporta l’abbinamento di tessuti e colori in più punti del mobilio, come sprazzi di colore distribuiti nello spazio, magari ripresi da un lampadario o da una tenda o da una cornice appesa di un quadro moderno.

In questo senso é opportuno coniugare modernità e tradizione, creando un’atmosfera in grado di comunicare senso dello stile ed emozioni allo stesso tempo.

Raggiunto il giusto equilibrio dell’ambiente, che rappresenti l’equilibrio interiore di ciascuno, si avrà la consapevolezza di aver costruito in modo accurato il proprio mondo.

L’articolo Ispirazioni sulle sedie da interno proviene da easyrelooking.

2 Dicembre 2019 / / Idee

Ancora una cameretta magica, ancora sogni che si avverano.

Per la stanzetta di due sorelline di 1 e 3 anni ancora una volta mi sono ispirata al concetto di interno/esterno e così ho creato una magica città, in cui le due bambine possono giocare, creare e divertirsi.

Lo spazio è organizzato per aree specifiche dedicate alle varie attività delle bambine

La mamma desiderava una cameretta con arredi e complementi montessoriani per poter rendere autonome le bimbe nel loro spazio.

Ognuna delle due sorelline ha aree dedicate, avendo età ed esigenze diverse, ma allo stesso tempo possono condividere lo spazio e giocare anche insieme.

Area dedicata ai più piccoli

Appena entriamo sulla sinistra c’è lo spazio dedicato alla bimba più piccola, con il tappetone a pavimento che riproduce il gioco della campana, in linea con il tema della città.

In questa zona sulla parete troviamo, come da richiesta, un pannello sensoriale per stimolare la piccola che vi potrà giocare comodamente seduta sul tappeto.

Sul soffitto vengono applicate sospese delle nuvole/lampade di carta, per illuminare ma anche per creare un ambiente molto suggestivo ed un’area più racchiusa e circoscritta anche nella parte superiore dell’ambiente.

In questa area della stanza c’è anche quella che chiamo boutique
e cioè l’armadio montessoriano al quale le bambine possono accedere liberamente,
aperto sotto e chiuso sopra.

Il tetto di nuvole può essere realizzato anche con le lampade Krusning di Ikea alcune con lampadina altre senza

L’armadio sulla destra è realizzato artigianalmente su misura con la parte di sotto aperta a giorno per permettere alle bimbe di scegliere gli abiti e vestirsi da sole e la parte sopra chiusa da ante.

Gli armadi Montessori a portata di bimbo si trovano anche in commercio, quello a sinistra su piedini con schienale lo trovate QUI e quello a destra dotato anche di specchio lo trovate QUI

Oppure si può realizzare un armadio Montessori anche con le serie componibili Ikea come Kallax a sinistra e Stuva a destra

Questo bellissimo tappeto che riproduce il gioco della Campana o Cielo come lo chiamano altri, lo trovate disponibile QUI. I più grandi potranno esercitarsi e i più piccoli sedersi a giocare a guardare

I pannelli sensoriali con le attività montessoriane sono degli elementi adatti dai 6 mesi ai 2 anni circa, che permettono al bambino di scoprire ed esplorare con i 5 sensi (in particolar modo con il tatto) oggetti di uso comune. Quello in alto a sinistra con l’orsetto lo trovate QUI, quello in alto a destra rigido grigio e rosa, QUI e quello in basso QUI

A questo Link trovate anche delle informazioni per realizzare un pannello sensoriale con le vostre mani!

Il chiosco dei gelati

Davanti alla porta di ingresso troviamo uno scaffale con il
quale viene ricreato il classico banchetto per gelati o limonate che si è
soliti vedere nelle feste di paese, questo elemento serve a organizzare gli
spazi e a contenere il materiale e i giochi dedicati alla bambina più grande, per
la quale davanti alla finestra è stata organizzata l’area con il tavolino
luminoso e la libreria montessoriana.

Il letto è una graziosa casetta con scaletta contenitore per
accedere al piano superiore.

Nel piano inferiore con letto Montessori dorme la bimba più
piccola e a quello superiore la più grande.

Anche con arredi di produzione industriale come quelli di Ikea si possono realizzare creazioni originali, creative ed unica, a misura di bambino, funzionali ed economiche. Basta un po’ di tempo, buona volontà e tanta fantasia

Esempio di un chioschetto realizzato con un modulo kalaax di Ikea e tendone realizzato artigianalmente

Le librerie Montessori sono un altro elemento molto utile per i bambini in quanto i libri vengono posti con il fronte visibile ed è certamente più semplice per i bambini scegliere e prendere il libro che perefriscono.

La libreria bianca a sinistra la trovate disponibile QUI, quella a destra a forma di casetta può essere realizzata artigianalmente

Per realizzare la struttura del letto che andrà poi rifinita con pannellature realizzate artigianalmente che la trasformeranno in un’adorabile casetta per i giochi, è stato utilizzato il letto kura e la scaletta Trofast di Ikea già in possesso della committente e che sono state modificate ad hoc

Una città a misura di bambino

All’ ingresso della stanza va a completare lo spazio uno stickers
attaccapanni raffigurante anche esso delle casette, che può anche essere
realizzato con carta adesiva o dipingendo direttamente le sagome delle case sulla
parete e applicando dei pomelli per appendere gli abiti.

In questa allegra città a misura di bimbo troviamo la
casetta, la boutique, la gelateria, la biblioteca, la strada con la campana per
giocare e tanti spazi dedicati, attività ben organizzate e spunti stimolanti
per giocare, divertirsi, imparare e riposare.

Il letto è realizzato con la struttura Ikea Kura, che ben si
presta ed essere modificata e decorata in maniera creativa, noi abbiamo
realizzato tramite pannellature artigianali in legno una casetta con finestra
al piano inferiore e parapetto a forma di tetto al piano superiore.

Nessun dettaglio viene lasciato al caso e così, dei graziosi
vasetti vengono attaccati al parapetto/davanzale per contenere fiorellini e
altri materiali, pennarelli, piccoli giochini o peluches.

La parete è sovrastata da uno stickers raffigurante una
città, se lo desideriamo possiamo realizzarlo da noi con carta adesiva e dipingendo
alcuni dettagli con la pittura fosforescente per far illuminare alcuni elementi,
come ad esempio le finestrelle, al buio o applicare le classiche stelline
luminose così che anche la città cambi aspetto di notte e di giorno.

si possono realizzare tante casette fantasiose utilizzando carta adesiva o avanzi di carta da parati

casetta realizzata con scampoli di carta da parati che funge da attaccapanni e bacheca

Stickers adesivo a forma di casetta lavagna su tenstickers.it

Casetta adesiva disponibile in molti colori su stikid.com

Il letto kura può essere trasformato in casetta

…o capanna

Ecco un nostro progetto che prevede la trasformazione di una struttura ikea con scaletta Trofast in una graziosa casetta shabby

Hacker ikea

Sopra al letto troviamo il calendario didattico come da
richiesta della committente.

La scaletta per accedere al letto è Trofast di Ikea, anche
essa dipinta in linea con il tema e i colori scelti per la cameretta ed
integrata con la struttura dell’armadio realizzato su misura.

La scaletta viene accessoriata internamente, dalla parte
dell’armadio con delle mensole, per il resto può essere chiusa da sportelli o completata
con cestini o ripiani, eventualmente accessibili anche dell’interno dell’area
letto, per fungere pure come ripiano /comodino per la notte.

Anche il chiosco dei gelati può essere realizzato con un elemento della serie kallax di Ikea, eventualmente montato su piedini e completato da un tendone realizzato artigianalmente; eventualmente sono anche disponibili in commercio strutture del genere già finite.

Anche in questo caso possiamo pannellare l’elemento Trofast
chiudendolo con sportelli realizzati su misura in tinta con la cameretta o
accessoriarlo semplicemente con cestelli e contenitori di produzione.

Vediamo come la scaletta si integra nella progettazione dell’armadio

Il calendario perpetuo è un altro strumento per insegnare ai bambini lo scorrere del tempo

Per realizzare questo bellissimo calendario perpetuo trovate il tutorial a questo link

Calendario perpetuo magnetico disponibile QUI

Chiosco dei gelati fai da te

Potete acquistare un chiosco dei gelati giocattolo già realizzato. A sinistra struttura da decorare e completare come si preferisce disponibile QUI. A destra carretto gelati gioco che potete trovare QUI

Possiamo utilizzare un elemento kallax su piedini per realizzare la struttura del carretto

La panchetta

Come alternativa al chiosco gelati abbiamo proposto una
struttura realizzata sempre con moduli Ikea che prevede una parete attrezzata
con contenitori e panchetta integrata, come richiesto dalla committente che si
era innamorata di un’immagine vista su internet.

Personalmente ritengo però che sia più utile, divertente e
organizzi meglio lo spazio, il chioschetto dei gelati.

La panchetta può essere realizzata con due elementi scaletta Trofast o tre elementi kallax, chiusi da sportelli e completati da cuscini per la seduta della parte più bassa dedicata alla panchetta.

In questa piccola città a prova di bambino non manca davvero nulla e le due sorelline potranno crescere ed esplorare con gioia allegria e serenità.

Due scalette trofast sono sufficienti per realizzare questa struttura per contenere e per sedersi

Un altro modo per realizzare una composizione storage e relax

L’alternativa al progetto con il chiosco è raffigurata da quella con la panchetta contenitore realizzata con i moduli trofast

L’articolo La cameretta si trasforma in una magica città proviene da Architettura e design a Roma.

2 Dicembre 2019 / / Charme and More

Le candele profumate sono regali sempre apprezzati a Natale.

La piccola fiamma di una candela accesa crea subito un’atmosfera calda e accogliente e illumina le serata di festa e inebriano l’olfatto con sentori e note di pino, abete, cedro, spezie, incenso e frutti.

In vetro decorato da maestri vetrai o da artisti,  classiche  ed eleganti o più moderne e lineari sono complementi d’arredo unici da conservare una volta esaurita la cera e riutilizzare come vasetto per succulente o cactus, contenitore per le spezie o porta spazzolino.

natale-candele

 SK Homedesign Candela profumata in cera di soia naturale 100% in Barattolo di ceramica. Porcellana decorazione marmo. La fragranza “Montenapoleone” realizzata dai più grandi profumieri toscani è sensazionale e unica.
 OldManAndMagpie Candela di cera di soia Black Spice con una miscela profumata di pepe nero, zenzero e un pizzico di limone con base note di rovere fumé e pimento.
Candela fatta a mano in Francia da Bon Ton in cera vegetale racchiusa in un bicchiere in ceramica decorato con stelle dorate.
Candela fatta a mano in Francia da Bon Ton in cera vegetale racchiusa in un bicchiere in ceramica decorato con stelle dorate.
 natale-candele2
Maison Sarah Lavoine Candela Troisième avenue – Mystère d’encens
Candles Supplies Crafts Candela vegana in cera di soia colata a mano contenuta in un elegante bicchiere in marmo rosa
La Langerie Candela profumata – 190 g. Verbena, fiore d’arancio, muschio bianco. Una fragranza leggera, per un effetto distensivo e rilassante in tutte le stanze della casa.
Feu Sacré – Fuoco Sacro;  una candela di cera di soia naturale con stoppino in legno che produce un sonoro scoppiettio che ricorda quello di un fuoco acceso.
candele-natale-arredo
Candles Supplies Crafts Candela vegana in cera di soia colata a mano contenuta in un elegante bicchiere in marmo rosa
Eleganza moderna racchiusa in bicchieri in vetro o marmo per coccolarsi nei momenti di relax e lasciarsi trasportare in luoghi e ricordi lontani dalle  fragranze inebrianti e avvolgenti.
Ti è piaciuto questo post?
Condividilo sui tuoi canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguimi  su  Instagram, Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.
𝐿𝑒𝓉’𝓈 𝓀𝑒𝑒𝓅 𝒾𝓃 𝓉𝑜𝓊𝒸𝒽!
*Questo post contiene link affiliati
 

L’articolo Candele per un romantico Natale. proviene da Charme and More.

2 Dicembre 2019 / / Design Ur Life

 Volete saper quali sono le fiere di Architettura & Design 2020 più importanti al mondo? In questo articolo ho preparato per voi un calendario di tutti eventi che si terranno a Gennaio nel mondo di design e architettura.

Per scoprire tutte le tendenze nel mondo di design e architettura ci sono le fiere e gli eventi con le novità dei principali brand internazionali. In questo articolo scoprite tutti eventi, appuntamenti e le fiere di Architettura & Design 2020. Questi eventi sono dedicati agli addetti ai lavori come ad esempio, architetti, designer, progettisti, aziende e imprenditori del settore.

Fiere di Architettura & Design


Nove eventi e Fiere di Architettura & Design da non perdere assolutamente a Gennaio 2020. Se clicchi sulle date puoi salvarle direttamente sul tuo google calendar:

1. Heimtextil 07-10 Gennaio 2020

Dove: Francoforte, Germania

Oltre 3000 espositori, Heimtextil è la più grande e importante fiera al mondo dedicata al tessuto per l’arredamento, sia per la casa, sia per il contract. Tutti gli editori tessili si riuniscono a Heimtextil per mostrare le ultime novità e le tendenze in termini di colori, materiali e lavorazioni all’avanguardia. Un punto di riferimento fondamentale per gli amanti dei tessuti d’arredo.

2. Domotex Hannover  10-13 Gennaio 2020 

Dove: Hannover , Germania

Molto più Internazionale, più professionale che mai, riafferma la sua posizione da leader con risultati record : gran numero di partecipazioni internazionali, forte competenza internazionale tra i visitanti , forte crescita in settori commerciali specifici.

Nel suo programma, Domotex Hannover prevede un gran numero di meeting e conferenze dove veranno presentate le ultime novità del settore. L’evento è aperto solo ai professionisti.

3. Imm Cologne 13-19 Gennaio 2020 

Dove: Colonia, Germania

E’ la più importante fiera del Nord Europa che inaugura il nuovo anno. Un incontro dedicato ai produttori, rivenditori, progettisti e buyer di tutto il mondo che anticipa le tendenze in tema di arredamento.

Da non perdere è l’evento biennale LivingKitchen, il salone punto centrale in tutto il mondo dedicato esclusivamente al settore cucina.
Elettrodomestici, accessori e arredi vengono presentati dalle più grandi aziende, occupando uno spazio che raccoglie ben 200 espositori.

4. Interior design Show 16-19 Gennaio 2020 

Dove: Toronto, Canada

L’Interior Design Show è la principale vetrina canadese di nuovi prodotti e mobili, designer famosi e concetti d’avanguardia dal Nord America e oltre.

5. Paris Déco Off 16-20 Gennaio 2020 

Dove: Parigi, Francia

E’ la manifestazione nel settore del decorazione d’interni, che accompagna la fiera di Maison&Objet, con tutti i showroom diramati nel centro di Parigi.

6. Maison&Objet 17-21 Gennaio 2020 

Dove: Parigi, Francia

La fiera Maison & Objet si tiene con cadenza semestrale nei mesi di gennaio e settembre e si conferma a livello internazionale il più importante e prestigioso appuntamento per il settore moda/casa, inteso anche come decorazione, design ed innovazione creativa. Il salone comprende: mobili, biancheria per la casa, oggettistica, decorazioni, altri complementi d’arredo anche per esterno ed accessori

7. Design To (Toronto Design Offsite Festival) 17-26 Gennaio 2020

Dove: Toronto, Canada

Il Toronto Design Offsite Festival (TO DO) è il più grande evento canadese di celebrazione culturale del design con più di 100 esibizioni ed eventi che formano la Toronto Design Week. TO DO trasforma Toronto in un hub per la creatività, tirando il design e l’arte fuori dagli studi e inserendoli nella sfera urbana e portando le persone a celebrare la cultura contemporanea.

8. Klimhouse 22-25 Gennaio 2020 

Dove: Bolzano, Italia

Klimahouse è la Fiera Internazionale specializzata per l’efficienza energetica e la sostenibilità in edilizia. La fiera presenta oltre a una ricca vetrina espositiva, una serie di eventi collaterali come congressi, seminari, workshop e visite guidate.

9. HOMI 24-27 Gennaio 2020 

Dove: Milano, Italia

HOMI è la casa che si rinnova e diventa stile. Il Salone degli Stili di Vita evolve per raccontare le tendenze dell’abitare attraverso una manifestazione ricca di opportunità di business, ma anche di occasioni per comprendere come cambia il design. Tavola e cucina, home decor, tessili, profumazioni, idee regalo, mondo delle feste.

Hai visto quanti eventi interessanti ti aspettano a Gennaio 2020? fammi sapere nei commenti se parteciperai a qualcuno di questi. Invece se hai altri eventi da segnalarmi per i mesi successivi non esitare di contattarmi.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


 

L’articolo Fiere di Architettura & Design Gennaio 2020; nove eventi internazionali da non perdere proviene da Design ur life blog.

2 Dicembre 2019 / / Coffee Break

Per coloro che amano un bianco Natale, queste decorazioni, con rami, un albero di Natale e stelle dappertutto sono elementi indispensabili!

Christmas decorations from the woods

For those who love a white Christmas, these decorations, with branches, a Christmas tree and stars everywhere are indispensable elements!

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

2 Dicembre 2019 / / Architettura

Sopraelevare il tetto è un intervento che consente di aumentare lo spazio abitabile, ed è utile anche per chi desidera rivendere la casa ad un prezzo più vantaggioso.

Sopraelevare il tetto

Naturalmente vanno valutati i costi dell’opera, sui quali incide in modo sostanziale quello per il rifacimento del tetto, cui vanno aggiunti quelli per l’elaborazione dei documenti da presentare per le autorizzazioni.

Un elemento a favore della soprelevazione resta il fatto che cambiare casa per disporre di una o due stanze in più potrebbe essere molto più costoso.

Vediamo quali sono i passi necessari per ricavare una mansarda sopraelevando il tetto.

Sopraelevare il tetto: le autorizzazioni necessarie

Lo scopo della soprelevazione è quello di rendere abitabile un sottotetto già esistente, adeguando l’altezza interna a quella prevista dalla normativa, che varia da regione in regione. Per ricavare una mansarda, in alcuni casi si procede abbassando il solaio del piano sottostante, ma questa modalità non sempre è praticabile. 

Nel caso dei condomini, per legge la soprelevazione è un diritto che spetta al proprietario dell’ultimo piano, che può costruire sul tetto senza richiedere l’autorizzazione degli altri condomini.

In sostanza la questione è simile al caso della costruzione di un terrazzo a tasca.

Tuttavia, chi costruisce deve rispettare alcune condizioni:

  • L’opera non deve pregiudicare la stabilità del palazzo. Per questo, è necessaria una valutazione della sicurezza, effettuata da un tecnico. Questo passaggio è necessario perché il nuovo volume che si verrà a creare aumenterà il peso che grava sulle strutture portanti. Al termine delle verifiche, il tecnico rilascerà una Attestazione di idoneità statica. Se l’esito delle verifiche non è positivo, è necessario presentare un progetto di adeguamento strutturale.
  • L’opera non deve pregiudicare il decoro architettonico dell’edificio, o privare le altre abitazioni di luce e aria.
  • Nel caso in cui la copertura dell’edificio termini con un tetto a falde (e non con un lastrico solare o terrazzo) il nuovo tetto deve garantire le prestazioni di quello originario. 
  • L’opera deve rispettare le normative urbanistiche. Sarà dunque necessario presentare presso gli uffici comunali il Permesso di costruire
  • La soprelevazione rientra nella categoria degli ampliamenti. Trattandosi di una nuova costruzione che, essendo destinata ad essere abitata, sarà dotata di impianto di riscaldamento, è sottoposta all’obbligo di copertura del fabbisogno energetico da parte di fonti rinnovabili per almeno il 50% (ma solo nel caso in cui il volume della nuova porzione climatizzata superi del 15% quella preesistente).

Sopraelevare il tetto: il progetto e la costruzione

A questo punto possiamo pensare al progetto della nostra nuova mansarda. Per un progetto di soprelevazione bisogna rivolgersi ad uno studio di progettazione competente e qualificato.

Sopraelevare il tetto

Può essere utile comunque sapere che esistono oggi tecnologie e materiali innovativi, che consentono di costruire più velocemente e in sicurezza.

I materiali devono essere leggeri e garantire allo stesso tempo elevate prestazioni in termini di stabilità, durata, isolamento.

Il legno è il materiale più idoneo, e oggi si possono utilizzare pannelli sandwich prefabbricati da parete che, una volta posati, necessitano solo della finitura esterna finale. Lo stesso vale anche per i tetti in legno, oggi sempre più performanti.

In alternativa, si può conservare il tetto esistente, a patto che sia in buone condizioni. Alcune ditte specializzate propongono il sollevamento della struttura grazie a sistemi innovativi. Un’altra soluzione è quella di smontare il tetto e di rimontarlo in loco, riutilizzandone tutti gli elementi o solo una parte. Considerato il fatto che andranno previste delle aperture vetrate, e che il tetto dovrà essere adeguato in termini di isolamento, spesso conviene rifarlo ex novo.

Le detrazioni fiscali

Infine, tenete in considerazione le detrazioni fiscali. Per gli interventi di riqualificazione energetica, le detrazioni possono arrivare fino al 65% e si può optare per lo sconto immediato al posto della detrazione.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la Kitchen Trends Guide 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

1 Dicembre 2019 / / Blog Arredamento

Siamo nell’era della smart home, in cui i vantaggi della rivoluzione tecnologica e digitale migliorano costantemente il nostro ambiente domestico rendendolo al contempo sempre più ecosostenibile.

Tra gli strumenti protagonisti del processo d’innovazione che stanno attraversando le abitazioni si annoverano senza dubbio i termostati smart, che permettono tanto di tenere sotto controllo quanto di regolare a distanza la temperatura di tutti gli ambienti.

Questi dispositivi, infatti, possono essere controllati anche attraverso smartphone e tablet, garantendo in questo modo un utilizzo mirato delle risorse energetiche. Il tutto è reso possibile da specifiche app che, sfruttando la connessione Wi-Fi, garantiscono il controllo da remoto delle apparecchiature. I vantaggi principali dell’utilizzo di un termostato smart, allora, sono rappresentati dalla possibilità di limitare il consumo energetico quando non si è in casa o di fare in modo che il dispositivo provveda a riattivare il riscaldamento per l’ora del rientro.

Ovviamente, un termostato smart può essere parte integrante di un sistema di domotica e interagire al meglio con la centralina e con i sensori ambientali.

Come scegliere il migliore termostato smart

Il mercato, attualmente, offre un’ampia gamma di soluzioni smart tra cui i consumatori possono scegliere. Per essere certi di optare per proposte sicure e all’avanguardia è sufficiente rivolgersi ad aziende dalla grande esperienza nel settore, come per esempio Ariston.

Il termostato wifi Ariston Cube S Net, per esempio, è un dispositivo innovativo di ultima generazione e di dimensioni contenute, che include numerose nuove funzionalità. Il design è moderno ed accattivante, così da permettere al mezzo una facile integrazione nello stile di casa. Presenta un’interfaccia intuitiva e immediata, con interfaccia touch e display ben visibile, dove sono riportate tutte le informazioni necessarie. È dotato del sistema di connettività Ariston NET, che gli permette di essere connesso non solo con i dispositivi dell’utente, ma anche con la rete, attraverso cui il termostato ha accesso alla temperatura esterna per adattare al meglio quella dell’ambiente domestico. È un dispositivo che può essere collegato anche con l’apposito centro assistenza, al fine di comunicare eventuali malfunzionamenti e consentire un intervento risolutivo da remoto o pianificare un intervento in loco rapido ed immediato. Cube S Net, inoltre, opera in modo naturale con le caldaie Ariston Alteas e Genus e Clas, prodotti concepiti per essere interamente compatibili tra loro.

Perché scegliere un termostato smart

Scegliere un termostato smart implica un risparmio economico ed una comodità di utilizzo senza precedenti. Il termostato smart, come altri dispositivi, rientra nella normativa sull’efficientamento energetico delle abitazioni e consente, dunque, di accedere ai corposi sgravi fiscali previsti dalla legge.

Oltre al risparmio per l’installazione, fino al 65%, il termostato smart consente di risparmiare sull’energia necessaria al riscaldamento della casa in modo consistente, se abbinati a una caldaia a condensazione in sostituzione di un impianto con caldaie convenzionali. Il risparmio energetico, ovviamente, non riguarda il solo nucleo familiare ma si riflette sulle emissioni di CO2 nell’ambiente. Impiegare dispositivi che migliorano la qualità della vita e preservano l’ambiente è importante per il futuro del pianeta e dei nostri figli.