4 Novembre 2020 / / Design

Senti spesso parlare di moodboard ma non sai esattamente cos’è? Senti dire anche che è importante farla per avere le idee chiare sul progetto che vuoi realizzare? In questo articolo ti spiego cos’è una moodboard e come crearla. Ti mostrerò infatti come io realizzo le mie moodboard, in maniera molto semplice e intuitiva, proprio come se fosse la ricetta di una torta. In modo che anche tu possa realizzare la tua moodboard in piena autonomia. Non è necessario essere dei professionisti, se stai meditando di arredare casa in autonomia, questo strumento può esserti di grande aiuto per fare chiarezza e ordinare fin da subito le idee del tuo progetto.

Per prima cosa rispondiamo alla domanda: cos’è una moodboard?

Scomponiamo e traduciamo dall’inglese: mood significa umore e board significa tavola. Dunque una moodboard è una tavola, un foglio o un elaborato che contiene e raccoglie idee, ispirazioni e suggestioni che servono come fondamenta per costruire un progetto. In altre parole è una raccolta di immagini e oggetti che definiscono il tema e lo stile di quel progetto. 

La moodboard è il concept, la base di ogni progetto. Senza di essa non esisterebbe coerenza. La moodboard aiuta infatti a determinare fin dall’inizio alcune scelte progettuali e ti aiuta a mantenere un filo conduttore con tutti i dubbi che si possono presentare durante la fase di definizione di alcuni dettagli.

Per farti un’idea generale di cos’è una moodboard vai su Pinterest e digita nella barra in alto di ricerca: moodboard interior

Se non conosci Pinterest corri subito a leggere il mio articolo in cui ne parlo dettagliatamente: Pinterest: come fare ricerca e sfruttare al meglio questo social

Bene, ora veniamo alla pratica! Ti mostro come io realizzo la mia moodboard.

Si vedono in giro tante tipologie di moodboard, ma io preferisco adottare questa tecnica semplice e adattabile ad ogni situazione. 

Non sempre si hanno a portata di mano materiali, superfici e tessuti. Quindi spesso realizzo la moodboard digitalmente, a computer.

Ho stilato 7 regole che ogni moodboard deve rispettare e ho pensato di chiamarle ingredienti, perchè è come se fossero dei veri e propri ingredienti di una ricetta.

Ecco la mia ricetta personale per realizzare una moodboard.

Ingredienti:

  • 2 IMMAGINI DI ISPIRAZIONE DALLA NATURA

Paesaggi naturali, landscapes, piante, animali, dettagli, qualsiasi cosa legato alla natura che ti susciti emozioni.

  • 2 INTERIOR INSPIRATIONS

Seleziona accuratamente 2 situazioni di interior che ti piacciono davvero e interrogati su ciò che ha catturato la tua attenzione in quelle determinate immagini.

  • 2 TEXTURE DI MATERIALI

Che sia legno, cemento, acciaio, vetro oppure gres, scegli le tue textures preferite.

  • 2 TRAME DI TESSUTI

Grafiche geometriche, fantasie floreali o tinte unite. Opziona tutto ciò che ti piace e che rispecchia la tua personalità.

  • 2 ELEMENTI DECORATIVI 

Quali sono i tuoi elementi decorativi preferiti? Poniti questa e definisci quali elementi non possono sicuramente mancare nel tuo progetto:  piante verdi, oggetti particolari, poster che ritraggono…decidilo tu.

La palette deve essere composta da 5 o 6 tinte principali contenute all’interno delle immagini presenti nella moodboard. I rettangoli (oppure quadrati o tondi, scegli la forma che preferisci) devono essere disposti in scala graduata, partendo da un tono fino ad arrivare al suo opposto.

  • 5 PAROLE/AGGETTIVI

Ora osserva i colori, le forme e le emozioni contenute nelle immagini che hai selezionato e, attraverso di loro, ispirati per definire 5 parole che rappresentano, il tuo progetto.

Svolgimento:

Componi le immagini senza essere troppo precisa nella disposizione, cercando di non sovrapporre troppo le foto per non coprirne il contenuto. Semplice, tutto qua, ora hai la tua moodboard, cioè la base per iniziare a creare il tuo progetto. Tutte le scelte progettuali che farai dovranno essere coerenti con la moodboard, quindi consultala spesso per non trovarti fuori strada.

Puoi scegliere di realizzare una moodboard per ogni stanza, oppure una unica per tutta la casa. Non tutti ad esempio vogliono mantenere la stessa palette colori per tutta la casa, come ad esempio casa mia, ma preferiscono caratterizzare ogni ambiente in maniera differente.

Ecco qua un esempio di moodboard realizzata con le immagini che ti ho mostrato sopra.

Questa moodboard l’ho realizzata tutta a computer con Canva, ma se preferisci o ti viene più comodo, puoi stampare le singole immagini e assemblarle manualmente su un foglio grande.

Spero di essere riuscita a darti i suggerimenti giusti per realizzare la tua moodboard, soprattutto ora che sai cos’è 😜

Se questo articolo ti è davvero piaciuto, clicca sul bottone Facebook Like, oppure fai un screenshot e condividimi nelle tue Instagram Stories, naturalmente non scordarti di taggare @rominasitablog

Ci vediamo alla prossima! 😉

P.S. Se non vuoi perderti neanche uno dei miei prossimi consigli iscriviti subito alla newsletter e ogni volta che pubblico un articolo riceverai una mail nella tua casella di posta elettronica.


Testi: Romina Sita
Immagini: Pinterest
Non copiare senza autorizzazione

L’articolo Cos’è una moodboard e come crearla: ecco la mia ricetta personale sembra essere il primo su ROMINA.

3 Novembre 2020 / / Idee

Tutto quello che c’è da sapere sui ventilconvettori e deumidificatori: funzioni, caratteristiche e tipologie

Il comfort termico è definito come una sensazione di benessere fisico e mentale, quando ti senti soddisfatto nei confronti dell’ambiente in cui ti trovi, ovvero non senti né troppo caldo né troppo freddo.

Per avere questo benessere termico bisogna bilanciare il calore presente e l’umidità interna del nostro corpo con l’ambiente in cui ti trovi.

Con l’utilizzo di impianti di climatizzazione come deumidificatori e ventilconvettori, si può controllare la qualità dell’aria e soprattutto la temperatura e l’umidità presente negli ambienti.

Ventilconvettori o fan coil: cosa sono e come funzionano

si usano per produrre sia aria calda che aria fredda. All’interno sono formati da una o due batterie di scambio termico aria/acqua, un ventilatore, un filtro dell’aria e una vaschetta per la raccolta della condensa.

Il ventilconvettore prende l’aria dell’ambiente, tramite un’apertura posta in basso, una volta entrata l’aria è prima filtrata e poi spinta verso la batteria di scambio termico. Per convenzione forzata questa scambia calore con l’acqua. In base se serve per il riscaldamento o raffrescamento il calore viene prelevato o ceduto.

Non sai dove posizionare il tuo fan coil? Ecco tutte le tipologie differenti e il posizionamento

Le varie tipologie di ventilconvettori si differenziano in base a dove vengono posti.

  • Ventilconvettori ad incasso: l’impianto non si vede perché viene nascosto dalla struttura del fabbricato
  • Ventilconvettori a parete: ideali per l’ambito residenziale e a livello commerciale per chi ha spazio come uffici, negozi ecc…
  • Ventilconvettori a soffitto: molto funzionali se si vuole risparmiare spazio. Grande vantaggio è che rende la diffusione della temperatura in modo perfettamente omogeneo

Quali sono i vantaggi del ventilconvettore?

Tanti punti di forza per quanto riguarda i fan coil e ora te li presentiamo tutti:

  • Miglior livello di comfort grazie ad un riciclo sempre presente di aria
  • Maggior pulizia e igiene nell’ambiente
  • Assenza di stratificazioni di correnti fredde
  • Possibilità di avere la regolazione manuale della temperatura
  • Facilità di installazione

Oltre a questi prodotti, per saperne di più sulla climatizzazione, ne puoi trovare tanti altri nell’e-commerce Tavolla.

Deumidificatori: elimina l’umidità in eccesso presente nella casa

L’umidità fa sì che si creino delle macchie scure negli angoli delle tue stanze e che ci siano delle gocce sui vetri delle finestre in inverno.

Il deumidificatore è un apparecchio che serve per togliere la troppa umidità presente negli ambienti. Avere una quantità elevata di umidità nell’aria non va bene per la salute delle persone e può causare la formazione di muffe nelle stanze. Inoltre hanno una duplice funzione di inverno servono per togliere l’umidità e d’estate svolgono la funzione benefica di contrasto al calore eccessivo.

Modelli differenti di deumidificatori

Esistono varie tipologie di deumidificatori in base a differenti caratteristiche:

  • Deumidificatori fissi e portatili
  • Deumidificatori incasso o professionali

Pro e contro dell’avere un deumidificatore in casa

L’umidità ha colpito casa tua? Il deumidificatore è la soluzione che fa per te, ti aiuterà a risolvere il problema dell’umidità.

  • Controlla il livello di umidità
  • Aiuta la prevenzione della muffa: i soffitti e gli angoli delle tue stanze non saranno neri
  • Benessere e salute: togliere l’eccessiva umidità in casa ti aiuta a prevenire i malanni

Esistono anche alcuni svantaggi nell’utilizzare il deumidificatore:

  • Mai fare uso eccessivo perché come in tutto le cose il troppo poi storpia, un uso eccessivo di deumidificatore porta poi a problemi di salute
  • Non sono tutti silenziosi

Il deumidificatore è un dispositivo efficace perché aiuta a contrastare l’aria troppo carica di acqua che può causare svariati problemi, ma nonostante questo non bisogna abusarne.

L’articolo Casa fredda, umida e invivibile? Utilizza i deumidificatori e i ventilconvettori proviene da Architettura e design a Roma.

1 Novembre 2020 / / Interiors

Si sceglie in base al proprio stile di vita, il frigorifero oltre a mantenere in fresco gli alimenti, può essere un elemento di design,

ne esistono per tutti i gusti e per tutte le esigenze, ma in base a che cosa si decide quale frigorifero acquistare?

  • quanto costa?
  • quale il più resistente ?
  • il migliore?

ai tempi della pandemia, in cui la gente presa dal panico corre ad acquistare cibo da conservare in casa , qual’è la scelta giusta da fare?

Frigoriferi syde by syde e multidoor

Si tratta di frigoriferi a libera installazione

i side by side in genere hanno due porte,

mentre i multidoor ,

beh lo dice la parola stessa, hanno 4, 5 ,6 porte

possono avere :

  • capacità totale superiore ai 700 litri,
  • sistema di raffreddamento No frost , ovvero a circolazione d’aria forzata costante che evita la produzione di brina
  •  il dispenser di acqua fresca e ghiaccio tritato o in cubetti. 
  •  la possibilità di programmare un avviso sonoro a tempo

e tante altre caratteristiche ancora.

Per quanto mi riguarda tra i top di gamma ci sono:

  • Liebherr SBSbs 8673 con i suo 629 litri e la classe A+++

ha tra le sue peculiarità il sistema BioFresh

che consente di conservare gli alimenti alla temperatura e al livello di umidità ideali, per mantenere la frutta e la verdura, la carne, il pesce e i latticini freschi più a lungo rispetto a un frigorifero tradizionale.

Nota dolente di questo frigorifero il costo che sfora i 4000,00€

  • LG GSJ960PZBZ 601 litri netti classe A++

Un particolare molto interessante e di grande utilità è il cosiddetto sistema Door-in-Door,

un vano supplementare che consente di sistemare bevande, snack e piccole quantità di cibo.

Frigorifero combinato

Il frigorifero combinato è nato con il concetto di combinare le due celle, frigorifero e congelatore, alimentandole con due motori distinti , (cosa che accadeva fino ad una decina anni fa )

oggigiorno però,

con l’evolversi della tecnologica ,

ma soprattutto con la necessità di avere un prodotto con alte prestazioni a basso consumo energetico,

il frigorifero combinato di nuova generazione è quasi sempre alimentato da un solo motore, in grado di gestire entrambe le celle con due temperature separate

Tra i miei preferiti :

  • Il frigorifero da incasso Everest serie 400 di Whirpool ,

con una capacità di 400lt in soli 75 cm di spazio , il più capiente della categoria.

Le sue caratteristiche principali:

6° SENSO FreshControl

Il cibo rimane fresco per il doppio del tempo

La tecnologia intelligente 6° SENSO mantiene la corretta temperatura e umidità in ogni parte del frigorifero, conservando più a lungo i cibi.

  • Il nuovo modello FAB38, di Smeg

L’unico della famiglia con larghezza di 70 cm,

dotato di display digitale a LED con controllo della temperatura, indipendente per l’unità frigorifero e il vano congelatore.

Il prezzo si aggira intorno ai 2000,00€

Frigorifero monoporta o con cella freezer

Sono meno capienti rispetto ai combinati,

Solitamente non superano i 320 litri e hanno il freezer nella parte superiore,

Adatti a chi ha poco da conservare,

a chi possiede un congelatore a pozzetto e non vuole riempire la cucina con un frigorifero di grandi dimensioni,

oppure semplicemente come supporto ad un altro frigorifero,

sono disponibili in versione incasso e appoggio.

Alcuni modelli,

soprattutto quelli sottotop,

si trovano nelle camere d’albergo, nelle residenze di villeggiatura,

ma anche negli uffici , negli studi.

i miei privilegiati?

quelli a libera installazione,

sopratutto se belli colorati e bombati

Come il modello FAB30 di Smeg

quali sono le sue qualità ?

il compressore inverter a sistema di raffreddamento Multiflow ,che diffonde costantemente e in modo omogeneo l’aria all’interno del frigorifero.

L’articolo Frigorifero da incasso o frigorifero a libera installazione? proviene da Laura Home Planner.

1 Novembre 2020 / / Case e Interni

Mix di stili e trame naturali e i consigli per copiare lo stile

Ami le linee pulite, ma desideri allo stesso tempo un arredamento accogliente? Scopri come ottenere l’aspetto moderno di questa casa con i semplici consigli degli esperti di Case e Interni.

La proprietaria di questa casa è l’interior designer spagnola Montse Morales, che ha acquistato l’abitazione nei pressi di Barcellona. Oggi è la sua casa e allo stesso tempo il suo studio. L’ha completamente ristrutturata: erano infatti due case adiacenti e per unirle si è dovuto abbattere un muro, mettere una trave da 7 metri e un pilastro in ferro antico, ben rinforzato.

Una parte del patio è stata chiusa da una vetrata, dove sono stati creati due spazi: il giardino d’inverno e uno studio per lavorare.

Troviamo mobili realizzati su misura, altri di Maisons du Monde, Ikea, altri brand spagnoli, ma anche pezzi proveniente dai mercatini dell’usato e dell’antiquariato.

Quello che colpisce è la scelta dell’arredamento, un mix di stili moderni declinati su colori neutri e naturali ottenuti mescolando legno, bianco e fibre naturali.

Come copiare lo stile:

DESIGN SENZA TEMPO

Cominciamo con i mobili più importanti del tuo arredamento. Questi sono i pezzi forti per l’intero spazio e dovrebbero essere una scelta ben ponderata. Non sbagli mai se scegli elementi dalle linee pulite o mobili di design senza tempo, come le sedie CH24 Wishbone Chair disegnate da Hans J. Wegner e prodotte nel 1950, ancora molto attuali (le puoi vedere intorno al tavolo da pranzo).

MESCOLA GLI STILI

Assicurati di mescolare pezzi moderni dalle linee semplici ad altri vintage. Sono questi elementi che aiutano ad aggiungere interesse, sapore e storia e mantenere il tuo spazio davvero accogliente e personalizzato.

L’IMPORTANZA DELLE TEXTURE

Il nostro ultimo consiglio riguarda gli accenti e la decorazione. L’arredamento della casa con un mix di stili moderni prevede l’utilizzo di cuscini, plaid, tappeti dalle belle trame, ma anche specchi, cesti e perché no, una collezione, come quella di vecchi taglieri, che vediamo qui in cucina. Questi semplici accenti aggiungono l’elemento, che fa la differenza. Qui si è scelto di optare per materiali e fantasie che ricordano l’elemento naturale.

Foto: Jordi Canosa per Micasa

______________________________________

Anna e Marco DMstudio – CASE E INTERNI