3 Aprile 2014 / / Blogger Ospiti

Il Salone del Mobile 2014 è veramente vicino. Architetti e interior designer, aziende produttrici ed esperti del settore o più semplicementi amanti dell’arredamento invaderanno Milano dall’8 al 13 aprile. Nonostante manchino ancora (o solo?!) 5 giorni la macchina si è già messa in movimento e l’agenda è fitta di eventi. Non dimenticatevi che al Salone del Mobile è associato il FuoriSalone e quindi…
…quindi l’appuntamento è per questa sera in via Savona 127, Hotel Details.

Lo spazio industriale ex loro Parisini è stato per l’occasione reinterpretato dal designer e direttore artistico Fabio Orsolini.
Quindici esposizioni suddivise in tre aree e collegate tra loro da un percorso di illuminazione scenografica ed essenze olfattive.
BlogArredamento non poteva certo mancare e quest’oggi sarà rappresentato da un’inviata speciale, Francesca di ArchitettaMi.

Buona serata e… tienici aggiornati! 🙂

press-day-salone-del-mobile-architettami-blog-arredamento

18 Novembre 2013 / / Blogger Ospiti

Mancano pochi giorni alla sesta edizione di LoveDesign®, un evento benefico a sostegno della ricerca oncologica organizzato da AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) in collaborazione con ADI (Associazione per il Disegno Industriale).

Alcuni dei migliori marchi di design si uniscono a favore della solidarietà e partecipano all’iniziativa donando particolari oggetti di arredamento e non solo. Sedie, sgabelli, poltrone, lampade, divani, tavolini, gioielli e molto altro ancora saranno in vendita per il pubblico e il ricavato sarà devoluto alla ricerca sul cancro. A questa iniziativa di raccolta fondi parteciperanno marchi come Kartell, Magis, Cassina, Foscarini, Martinelli Luce, Caimi Brevetti, B&B Italia, Luceplan e molti altri ancora, tra cui Fiat, Nespresso e Technogym.

Le aziende che desiderano partecipare all’iniziativa ma non dispongono di oggetti da donare per la messa in vendita potranno comunque sostenere l’evento attraverso una donazione in denaro.

L’appuntamento è da venerdì 22 a domenica 24 novembre 2013 alla Fabbrica del Vapore a Milano in via Procaccini 4, dalle ore 10 alle 21, ingesso libero.

Domenica 24 alle ore 18 avverrà l’estrazione dei biglietti della lotteria, acquistabili presso la sede AIRC di Milano.

 

4 Aprile 2013 / / Blogger Ospiti

Parole come lavanda, colori pastello, legno grezzo, richiamano subito alla mente lo stile provenzale. Uno stile che, in un’epoca come questa in cui il design moderno e lo stile minimalista sembrano farla da padroni, rientra fra quelle tendenze che non passano mai di moda, con le sue atmosfere familiari e calde, le sue luci soffuse e delicate, i suoi arredi d’altri tempi. Ogni elemento nello stile provenzale ci trascina lontano dalla frenesia di tutti i giorni, quella delle grandi metropoli, procurando un effetto rasserenante e distensivo.

Lo stile provenzale nasce appunto in Provenza, una regione del sud-est della Francia, e da qui prende le sue principali caratteristiche: l’azzurro del mare, il lilla dei fiori di lavanda, il giallo del sole vengono rubati ai paesaggi meridionali e trasportati all’interno delle case. Si tratta di uno stile che non risponde a delle regole precise: ognuno può dar libero sfogo alla fantasia tenendo bene a mente solo alcuni accorgimenti.

Prima di tutto i colori. Si passa dalle tonalità pastello come il rosa antico, il celeste, il verde pallido, ma anche il tortora, il beige e il bianco, fino ad arrivare a tonalità più accese come il giallo o l’arancione. I materiali usati sono prevalentemente il legno naturale, la pietra, ma anche il ferro battuto. E per i tendaggi, le tovaglie o le coperte si prediligono tessuti come il lino e il cotone, ancora meglio se ricamati a raffigurare motivi floreali.

Non ci sono limitazioni: ogni ambiente della propria casa può essere arredato in questo modo. Bagni, cucine, camere da letto e salotti acquistano così con pochi, ma mirati tocchi quella tipica atmosfera suggestiva e accogliente.

I mobili caratteristici sono le credenze, con ante a vetri o ripiani a giorno, i grandi cassettoni, armadi spaziosi, divani morbidi e magari colmi di cuscini, comodini. Arredi che trovano la loro origine nei mobili dell’arte povera contadina a cui si ispirano e che ripropongono, nelle loro forme sinuose e lineari insieme, una chiara rivisitazione dello stile classico.

Spesso i singoli pezzi d’arredamento presentano superfici decapate, ovvero a cui è stata tolta la vernice di finitura, proprio per dare all’oggetto quel carattere di vissuto e di antico, che altrimenti una patina lucida e senza difetti non conferirebbe. Ma molti possono presentarsi anche laccati, di solito in tonalità avorio o giallo e verde chiaro, oppure addirittura lasciati senza colore, con il legno allo stato naturale. L’importante è che rispecchino quei criteri di genuinità e di tempi antichi che sono alla base di questo stile.

Un ruolo importantissimo è svolto poi dagli accessori, ovvero dai complementi d’arredo che contribuiscono a creare l’atmosfera desiderata. Oltre ai già menzionati cuscini, si ricordano ad esempio tutta una serie di gabbiette in ferro per uccelli, di norma bianche, a cui viene cambiata però destinazione d’uso. In questo contesto infatti si presentano spesso ricolme di fiori, decorate con tralci d’edera, oppure, se sono particolarmente belle e bastano da sole a creare il clima giusto, anche vuote, sia appese al soffitto che poggiate a terra o sui mobili.

Non possono poi di certo mancare all’appello, in ogni stanza arredata in stile provenzale, gli ormai noti sacchetti profumati. Non solo per donare all’interno dei cassetti quella fragranza deliziosa, ma anche per impreziosire qualche angolo in particolare. Il fiore prediletto per confezionare tali ninnoli è sicuramente la lavanda, ma sono presenti anche tante altre varietà floreali come rose, gelsomini, camomilla.

A proposito della lavanda è d’obbligo ricordare che questo speciale fiore dalle tonalità blu e violacee viene spesso fatto essiccare in mazzetti da appendere poi alle pareti o da utilizzare come semplice decorazione all’interno delle stanze.

Anche la luce gioca un ruolo fondamentale. Oltre alla predilezione per la luce naturale, agevolata magari da vetrate che danno sull’esterno, lampade da terra e abatjours diventano di sera protagoniste indiscusse, meglio ancora se in ferro battuto e caratterizzate da coprilume in stoffa. E accanto a questi, le candele, tante e di tutti i tipi, da distribuire un po’ ovunque all’interno della casa per creare suggestivi giochi di luce e dare calore agli ambienti grazie al fuoco.

Lo stile provenzale è quindi uno stile fatto di atmosfere, di richiami al passato, alle vecchie case di campagna, al profumo di torte appena sfornate. E’ lo stile di chi desidera, magari dopo un’estenuante giornata di lavoro, tornare nella propria abitazione e sentirsi davvero ‘a casa’.

12 Marzo 2013 / / Blog Arredamento

Due cuori e una capanna? No, a quanto pare è l’esatto contrario: secondo un sondaggio condotto da un sito che si occupa di architettura e design, uno dei fattori che dividono le coppie moderne è la scelta dell’arredo.

“Amore che ne diresti di fare quella parete arancione?” “Pensa che io la immaginavo blu”. Il tono iniziale delle discussioni è piu o meno questo; un tono che però può decisamente peggiorare quando oltre all’argomento colori (è noto che fra l’universo maschile e quello femminile a tal proposito ci siano oggettive differenze), si passa a parlare dei mobili veri e propri e infine dello stile d’arredo (classico per i maschietti, moderno o anche ultracontemporaneo per le femminucce; anche se conoscendo le differenze tra Venere e Marte e considerando l’amore degli uomini per l’hi-tech, stento a credere a quest’ultimo dato).

Non solo: la discordia metterebbe bocca anche sulla scelta delle stanze da ampliare o ristrutturare; pare che la prediletta dal mondo femminile sia la cucina, mentre per l’uomo è più importante avere una grande camera da letto. Luoghi comuni difficili da sfatare (e se invece fosse una buona volta l’uomo a comandare in cucina e la donna a letto?!?).

Al di là dei gusti prettamente maschili o femminili tuttavia, la riflessione è d’obbligo: perchè l’arredamento ha tutto questo potere? Ed è davvero impossibile scendere a compromessi?

Intanto toccherebbe capire se l’arredo sia “utilizzato” soltanto come capro espiatorio, questione di principio su cui impuntarsi per ribadire le proprie ragioni in tutt’altri contesti, oppure se sia considerato davvero così fondamentale da creare tensioni e litigi.

Nel mio caso la risposta sarebbe la seconda: i mobili, gli accessori, i colori sono elementi fondamentali per il benessere in casa, sono in grado di trasmettere emozioni e di influire sull’umore, oltre a dare la possibilità di esprimere una propria personalità.

E l’ampia scelta a cui ci stiamo abituando, pur essendo una grande conquista dei nostri tempi, in questo caso potrebbe rivelarsi deleteria: troppi modi per esprimere i propri gusti, troppe occasioni su cui scontrarsi.

Dunque io cercherei di ribaltare la cosa a favore della coppia: tante teste tante idee? Tante idee tante realtà? Benissimo: lasciamo che ci vengano in aiuto concetti come il “fusion”, che ci permettono di far convivere più stili nella stessa casa o addirittura nella stessa stanza, dando poi effettivamente voce a soluzioni completamente inedite e quindi uniche nel loro genere.

Il segreto è accontentare tutte le parti, con un poco di sacrificio da ognuna. E magari il risultato potrebbe rivelarsi un autentico punto di incontro, meglio di qualsiasi terapia di coppia.

18 Febbraio 2013 / / Blog Arredamento

Cucine con penisola: hanno cambiato anni fa il modo di pensare l’ambiente cucina; domani rivoluzioneranno ancora le nostre case. Come? Basta guardare alcune novità, capaci di proiettarci subito in un futuro molto prossimo: è il caso di Board, la nuova cucina firmata Pietro Arosio per Snaidero, un modello che promette di sconvolgere ancora una volta la nostra percezione degli spazi domestici.

Board ha una caratteristica peculiare che la rende per il momento unica nel panorama del design: la sua penisola supporta il blocco operativo della cucina (e fin qua nulla di strano), ma lo fa rimanendo totalmente sospesa; la sua forma “aerodinamica” proietta la penisola nel vuoto, mantenendo un colpo d’occhio leggero e pulito, sicuramente futuristico, quasi quasi spaziale.

E lo dice anche il nome: Board. Sa molto di navicella, così come le sue linee. Interessante, accattivante, particolare. Decisamente. Ma devo ancora capire se mi piace, se mi emoziona autenticamente oppure se è soltanto la novità a stupirmi.

Probabilmente, come sempre accade, ci vorrà del tempo per abituare il mio occhio a questi nuove realtà; ci vorrà tempo per convincermi che questa possa essere LA soluzione definitiva, in grado di incarnare tutti i miei sogni di cucina, una cucina perfettamente calata nei panni della regina di una zona giorno sempre più open e sempre più contaminata.

Intanto Board può vantarsi probabilmente di essere efficace, funzionale ed efficiente. Perché è inutile raccontarsela, i vantaggi ci sono e si vedono: una leggerezza senza precedenti, l’impareggiabile sensazione di cucinare fluttuando nell’aria, nonché un’organizzazione innovativa degli spazi in cucina, per cui il blocco operativo risulta subito a portata di mano, facilmente raggiungibile da qualunque punto ci si trovi.

Da qualche parte leggevo che la cucina dei sogni dovrebbe essere COMPLETAMENTE sospesa. Esempi ne abbiamo già visti in questo senso, ma privi di una penisola che segua lo stesso concetto, che ora invece esiste. E quando arriveremo a un’isola sospesa, allora il processo sarà compiuto. Avremo la nostra leggerezza ultraterrena e potremo volare nello spazio, mentre prepareremo la pasta. Ma intanto viene da chiedersi se la visione di una cucina simile rasenti davvero la perfezione, oppure se si tratta soltanto di un concetto amorfo ed etereo.

Ma finchè siamo ancora coi piedi per terra, Board rimane l’inizio di un nuovo percorso, una di quelle realtà che poi arriveremo a percepire come consuete, quasi “normali”. Anche se il concetto di normalità nell’arredo e nel design viene stravolto continuamente, rimanendo di fatto soltanto una mera dissertazione filosofica.

Io so soltanto una cosa: che per quanto il cappello da chef non sia fatto per me, la cucina è uno degli ambienti della casa che più mi affascinano. E in attesa di trovare quella perfetta per i miei sogni, mi lascio ispirare, osservo, immagino, creo. Perché esplorare nuovi concetti, come quello espresso da Board, non fa mai male: aiuta a capire le tendenze del domani, che rivoluzioneranno l’oggi, plasmando anche le nostre esigenze.

Conoscere le novità in questo senso dunque, ci può suggerire oggi quello che vorremo dal domani, risolvendoci in sostanza un bel po’ di problemi filosofico-esistenziali. Insomma stare sul pezzo ci salverà, se non altro da un po’ di stress.

 

5 Ottobre 2011 / / Blogger Ospiti

E’ online il nuovo sito Clever, completamente rinnovato nella raffinata ed elegante veste grafica, con nuove immagini, tantissime informazioni e contenuti su tutte le collezioni.
Clever è lieta di annunciare la nascita del nuovo portale dedicato al mondo dell’arredamento.

Clever.it

Il nuovo sito Clever.it non è semplicemente una galleria di prodotti, nasce infatti per offrire all’utente un maggiore e più semplice livello di interazione. Alla bellezza del layout grafico si è affiancato lo studio della navigabilità, con una struttura studiata per rendere l’esperienza d’uso familiare ed intuitiva.

Clever - camerette e sistemi d'arredo per ragazzi
Clever - camerette e sistemi d'arredo per ragazzi

Navigare nel sito diventa semplicissimo grazie al menu principale, diviso in 4 reparti pensati per soddisfare i bisogni della persona negli spazi abitativi: “Composizioni Cameretta”, “Dormire e Riposare”, “Contenere e Organizzare” e “Studiare e Lavorare”.

Da ogni reparto è possibile consultare le categorie e accedere alle singole schede prodotto e configurare le collezioni attraverso i menu a tendina: è possibile poi salvare il risultato finale con lo strumento Preferiti.

Abbiamo infine pensato anche ad un Campionario Digitale con tutte le finiture disponibili per ciascun prodotto, consultabile direttamente all’interno di ciascuna scheda per rendere al meglio all’utente il potenziale di personalizzazione del mondo Clever.

19 Settembre 2011 / / Blogger Ospiti

Abbiamo scoperto un nuovo sito che offre una risposta efficace a tutti quelli che cercano un artigiano per un lavoro, in casa od in azienda. Muratori, idraulici, elettricisti, fabbri, decoratori, geometri,…una completa serie di professionalità utile sia ai privati che agli amministratori di condominio.

Il sistema è semplicissimo: il cliente deve realizzare un lavoro ed ha bisogno di un professionista, descrive le sue necessità a  borsartigiano che inoltra la richiesta di preventivo a tutti gli iscritti che ne hanno le competenze. Così il cliente riceve diversi preventivi e contatti, ne sceglie uno e da il via ai lavori!

Borsartigiano - Artigiani, professionisti e clienti
Borsartigiano - Artigiani, professionisti e clienti

Il sito è ora nella sua fase di lancio, e lo staff di borsartigiano sta quindi lavorando per far crescere il database di artigiani e professionisti aderenti.

Abbiamo deciso di segnalarlo ai nostri lettori perchè in un’epoca in cui alcune professionalità sono sempre più rare, ecco emergere l’estrema comodità di trovare numerosi artigiani e professionisti direttamente online in una sorta di “enciclopedia dei mestieri”.

Auguriamo a borsartigiano il successo che si merita visto che si tratta di un’idea semplice che risponde ad un bisogno concreto.

8 Giugno 2011 / / Blog Arredamento

I Tavoli Allungabili offrono la possibilità di guadagnare spazio con lo stesso ingombro dei tavoli fissi: questa preziosa caratteristica li rende assai più versatili dei “cugini” fissi e quindi utilizzabili in molteplici ambienti e situazioni.
La scelta di un tavolo allungabile è da effettuarsi ogni qual volta si ricerchi un tavolo capace di adattarsi ai piacevoli imprevisti quotidiani, come una cena con amici o la classica tombolata natalizia.
I tavoli allungabili moderni sono dotati infatti di pratici sistemi di allunga che in pochi istanti fanno “lievitare” la lunghezza del piano, fino anche a raddoppiarne le dimensioni originali.

La forma del tavolo è sicuramente un primo criterio per capire quale tra i numerosi modelli di tavolo allungabile sia il più adatto alle proprie necessità:

Tavoli Ellittici / Ovali: i tavoli ellittici si adattano maggiormente in spazi dalla forma rettangolare, in modo che la linea allungata si inserisca parallelamente alle pareti e all’arredo circostante; i tavoli rotondi trovano invece una migliore collocazione iniziale in spazi dalla forma quadrata, anche se una volta aperti assumono le caratteristiche dei tavoli ellittici.

Tavolo allungabile modello Atelier con piano ellittico o rotondo
Tavolo allungabile modello Atelier con piano ellittico o rotondo

Tavoli Rettangolari: i tavoli allungabili rettangolari prediligono una collocazione in spazi rettangolari, proprio per seguire sia da chiusi che da aperti la morfologia dell’ambiente e dell’arredo. I tavoli allungabili rettangolari sono perfetti in soggiorno come in cucina, ma risultano ben collocati anche all’interno di uffici come tavoli da riunioni.

Tavolo allungabile Bridge con piano rettangolare
Tavolo allungabile Bridge con piano rettangolare

Tavoli Quadrati: come per i tavoli rotondi, i tavoli quadrati possono essere posizionati sia in spazi quadrati che rettangolari, poichè una volta aperti possono mantenere i lati uguali o diventare dei veri e propri tavoli rettangolari.

Tavolo quadrato allungabile modello Bombo
Tavolo quadrato allungabile modello Bombo

Tavoli Sagomati: se lo spazio in cui “inscrivere” il tavolo è irregolare può essere opportuno valutare il posizionamento di un tavolo sagomato, senza comunque escludere alcuna alternativa.

Tavolo sagomato allungabile modello Daytona
Tavolo sagomato allungabile modello Daytona
15 Novembre 2010 / / Blogger Ospiti

Le lampade Slamp sono entrate ufficialmente nella casa del Grande Fratello 11, il reality show più seguito dalla televisione italiana che ha acceso i riflettori il 18 Ottobre in prima serata su Canale 5 con la storica presentatrice Alessia Marcuzzi.
A illuminare l’entrata dei concorrenti e la loro permanenza nella Casa, prorogata quest’anno a 6 mesi, ben 63 lampade marcate SLAMP: Ginetta, di Nigel Coates, è stata scelta per la nuovissima riproduzione di un Caveau, Harris e Cactus per la cucina, l’imponente Ceremony nella zona living, Girafiore e Marie Fleur per le pareti naturalistiche della stanza relax. E per scovare gli altri prodotti, tra cui padroneggiano i best seller assoluti Fiorella, Mille Bolle, Veli, Goccia e Bach basterà spiare in tutte le stanze della Casa, completamente arredata dalla storica scenografa Trixie Zitkowsky.
Ogni anno la casa del Grande Fratello stupisce il suo pubblico con uno stile d’arredamento sempre più al passo con i tempi: cucina, suite, zona living e relax si arricchiscono di modernità, creatività e tecnologia. Per questa edizione nulla è lasciato al caso e la presenza di SLAMP è ciò che renderà la dimora più accattivante, misteriosa e sexy. La disposizione delle lampade, seguita attentamente dai creativi SLAMP grazie alla sinergia instauratasi con gli arredatori GF, è pensata per dar vita a location calde e accoglienti, ma soprattutto per sfatare lo stereotipo di un design inaccessibile e destinato a pochi. L’illuminazione SLAMP, che emergerà per le caratteristiche uniche e incomparabili, sarà il nuovo must per coloro che vorranno donare alla propria casa la stessa atmosfera magica e suggestiva vissuta dagli inquilini del reality.
Le lampade Slamp sono entrate ufficialmente nella casa del Grande Fratello 11, il reality show più seguito dalla televisione italiana che ha acceso i riflettori il 18 Ottobre in prima serata su Canale 5 con la storica presentatrice Alessia Marcuzzi.
A illuminare l’entrata dei concorrenti e la loro permanenza nella Casa, prorogata quest’anno a 6 mesi, ben 63 lampade marcate SLAMP: Ginetta, di Nigel Coates, è stata scelta per la nuovissima riproduzione di un Caveau, Harris e Cactus per la cucina, l’imponente Ceremony nella zona living, Girafiore e Marie Fleur per le pareti naturalistiche della stanza relax. E per scovare gli altri prodotti, tra cui padroneggiano i best seller assoluti Fiorella, Mille Bolle, Veli, Goccia e Bach basterà spiare in tutte le stanze della Casa, completamente arredata dalla storica scenografa Trixie Zitkowsky.
Ogni anno la casa del Grande Fratello stupisce il suo pubblico con uno stile d’arredamento sempre più al passo con i tempi: cucina, suite, zona living e relax si arricchiscono di modernità, creatività e tecnologia. Per questa edizione nulla è lasciato al caso e la presenza di SLAMP è ciò che renderà la dimora più accattivante, misteriosa e sexy. La disposizione delle lampade, seguita attentamente dai creativi SLAMP grazie alla sinergia instauratasi con gli arredatori GF, è pensata per dar vita a location calde e accoglienti, ma soprattutto per sfatare lo stereotipo di un design inaccessibile e destinato a pochi.
L’illuminazione SLAMP, che emergerà per le caratteristiche uniche e incomparabili, sarà il nuovo must per coloro che vorranno donare alla propria casa la stessa atmosfera magica e suggestiva vissuta dagli inquilini del reality.
4 Novembre 2010 / / Blogger Ospiti

Il grande design diventa low cost. Dal 3 novembre Pallucco, uno dei marchi più influenti e creativi del panorama internazionale, inaugura all’interno della propria sede di Paese (TV) un nuovo spazio dedicato a chi ricerca l’originalità di complementi d’arredo dai forti contenuti estetici, senza rinunciare alla convenienza. Nel nuovo showroom Pallucco si potranno trovare mobili e lampade provenienti da fiere, mostre o servizi fotografici, fuori produzione e prototipi proposti a condizioni estremamente vantaggiose.

Dopo il successo del temporary store, aperto solo in occasione di svendite speciali in particolari momenti dell’anno, Pallucco lancia il suo primo showroom permanente, dove si potranno incontrare ottime occasioni per arredare la casa con straordinari complementi firmati dai più importanti designer internazionali come Jean Nouvel, Hannes Wettstein, Enrico Franzolini, Kazuhiro Yamanaka, Susanne Philippson, Matali Crasset, Denis Santachiara. Questo nuovo spazio sarà al tempo stesso il luogo dell’incontro con il design, dove ammirare dal vivo le originali creazioni di Pallucco, e il luogo degli affari, dove ottenere sconti reali.
La produzione di Pallucco è un mix di oggetti contemporanei, storici e senza tempo che trova la sua icona nella lampada Fortuny, disegnata a Venezia nel 1907 da Mariano Fortuny y Madrazo e sempre sorprendentemente attuale grazie alla capacità di rinnovarsi nel segno dell’eleganza, mai ostentata, e di grande effetto. Gli oggetti Pallucco sono protagonisti dello spazio che si allontanano dallo stile dominante per sperimentare nuove soluzioni, tanto nel settore del mobile quanto della luce. All’ultimo salone del mobile l’azienda ha confermato ancora una volta la sua genialità presentando con successo Tabard di Denis Santachiara, un attaccapanni unico nel suo genere perché nascosto da un elegante mantello protettivo, Foglie di Matali Crasset, una famiglia di lampade ispirate alle forme della natura che si ripetono secondo uno schema frattale, e Buky dello studio Lagranja, una lampada aquilone definita solamente da cavi soft touch in tensione.
Questi e altri oggetti si potranno trovare nello showroom, uno spazio in continua evoluzione che ogni volta regalerà il fascino della scoperta, arricchendosi di nuovi arrivi, prototipi e pezzi storici. A rimetterci non è la qualità: non si tratta di prodotti difettosi, ma provenienti da fiere, set fotografici o da esposizioni nei negozi dove hanno lasciato posto ad altri mobili dell’ultima produzione. Nello showroom continua anche la collaborazione con Horm, altra azienda simbolo del design italiano, che presenta una selezione dei suoi mobili, insieme alle convenienti proposte Pallucco.

Lo showroom Pallucco è aperto al pubblico:
Lunedì, mercoledì e venerdì dalle 14.00 alle 18.30.
Il primo e il terzo sabato del mese dalle 10.00 alle 17.00.
Per eventuali altre disponibilità è possibile chiamare il numero 0422/438768.