29 Luglio 2014 / / Architettura

Un “uomo invisibile” abita questa casa parigina progettata dall’architetto Paul Coudamy. Questo architetto non è nuovo a questo tipo di esperienza, ovvero  includere figure misteriose nelle case da lui ristrutturate.
L’appartamento, di soli 35 mq, è stato progettato per essere molto funzionale, con arredi realizzati quasi interamente su misura. Essendo collocata al pianterreno di un edificio, l’abitazione soffriva di carenza di luce naturale; per questa ragione è stata inserita una “nuvola” geometrica luminosa sul soffitto, “Nuctale” (nuage fractale) composta da 76 triangoli di vetro tenuti insieme da cerniere e rivetti, lunga 5 m e dalla configurazione modificabile nel tempo.

Via Dezeen


_________________________

CAFElab | studio di architettura


22 Luglio 2014 / / Architettura

Compatto ed  interessante nella scelta delle finiture, questo piccolo appartamento polacco progettato da Klara Wesol di KW Studio, è organizzato secondo una pianta estremamente funzionale.

Via Desiretoinspire


_________________________

CAFElab | studio di architettura


16 Luglio 2014 / / Architettura

Hilgard Garden di Mary Barensfeld Architecture si sviluppa attraverso una rampa che si snoda tra sentieri ed aiuole coltivate con piante aromatiche e, con tre aceri giapponesi si presenta come un sentiero di giardino Zen. Visibile e accessibile nell’attuale residenza dal soggiorno, il livello più basso, rivestito in granito bianco ospita una piscina con getto d’acqua, contornato da schermi in acciaio corten che servono sia come fioriere per il bambù che cpme divisori tra cortili posteriori delle case vicine.

Via HomeDSGN


_________________________

CAFElab | studio di architettura


7 Luglio 2014 / / ArchitettaMI

Elena, la proprietaria, ha un appartamento a Como, che è una porzione di una casa settecentesca su due piani. Questo appartamento presenta vari vincoli, tra cui un muro portante che divide lo spazio in due.

Elena vorrebbe avere una casa con tutti i comfort, ma non vede soluzione per via dei mq e soprattutto per le varie problematiche dell’appartamento.

Così le propongo in realtà varie soluzioni e alla fine arriviamo a queste due che vi presento. La prima con il vincolo di una sola colonna per il bagno; la seconda con la possibilità di sfruttare anche un’altra zona, che verrà verificata al momento della demolizione.

Elena alla fine avrà la casa dei suoi sogni? Penso proprio di si!

 

4 Luglio 2014 / / Architettura

dettagli home decor
La mansarda è lo spazio più affascinante della casa, la luce è più calda e morbida ed è piacevole l’idea di vivere a un passo dal cielo. Recuperare la soffitta guadagnando ulteriore spazio abitabile è un’ottima soluzione per rinnovare la propria casa, inoltre l’immobile acquista un valore aggiunto. 

Una famiglia di Como, composta da mamma, papà e due bambini, ha deciso di intervenire nel sottotetto per ricavarne uno spazio multifunzionale da destinare prevalentemente ai bambini.
Si tratta di una casa realizzata negli anni settanta pertanto è stato necessario intervenire innanzitutto sulla copertura. Rimossa quella vecchia, si è proceduto alla sostituzione della struttura portante in legno e della copertura in tegole marsigliesi; ovviamente, è stato realizzato un tetto completamente isolato e sono stati sostituiti i lucernari con nuove finestre in legno.
Le pareti perimetrali sono state rivestite internamente con pannelli di cartongesso, dietro le quali passano i cavi dell’impianto elettrico. Le colonne portanti, inizialmente intonacate con malta, sono state rifinite a malta fine e tutto è stato tinteggiato in colore bianco. Sono state mantenute, senza alcun intervento, le due pareti in mattoni che conducono ad un’altra porzione di sottotetto.
L’intervento ha interessato, naturalmente, anche la pavimentazione. Per non appesantire la soletta è stata realizzata un’intelaiatura in listoni di legno di abete (5×400 cm), tutti accuratamente avvitati alla soletta, sulla quale poggiano dei pannelli in materiale isolante (spessore 4cm). Sotto l’intelaiatura corrono tutti gli impianti tecnologici. E’ stata, inoltre, inserita una guaina fonoassorbente per assicurare un buon isolamento acustico della soletta.
Ed eccoci giunti in fase di posa del pavimento. Considerando la funzione dello spazio si è pensato ad una soluzione pratica e resistente: Robusto di Kronotex, azienda leader del settore. Tavole in laminato nel colore Rovere bianco. Grazie al suo spessore di 12 mm di fibra è particolarmente resistente all’usura e adatto per ogni spazio, anche locali commerciali. Il suo sistema di collegamento ad incastro maschio-femmina CLIC lo rende davvero semplice da posare.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

I lavori sono in fase di completamento, tra qualche giorno vi illustreremo la mansarda ultimata e pronta per essere arredata e decorata.

dettagli




27 Giugno 2014 / / Architettura

dettagli home decor
Lo studio di architettura e design spagnolo La Buhardi,  si è occupato del recupero e del restauro
 di  questa vecchia casa di Minorca, mantenendo intatto il carattere autentico che ha sempre avuto.
Ca Marichin è situata nel delizioso centro storico di Ciutadella de Menorca, caratterizzato da un intenso intreccio di stradine strette. La casa, risalente alla metà del XIX secolo, è disposta su due livelli con una superficie complessiva di 180 mq, oltre al  delizioso cortile interno che la rende davvero particolare. 
In fase di ristrutturazione si è cercato di mantenere tutte le caratteristiche originali e nulla è stato cambiato. La struttura è rimasta intatta, i rivestimenti, gli infissi e i materiali sono tutti originali, dalla pietra arenaria che caratterizza l’edificio e i rivestimenti, alle pareti di calce bianca, così come le travi e i soffitti di legno che sono stati tutti sapientemente recuperati.
Un lavoro eseguito con rispetto e sensibilità che ha riportato in vita Ca Marichin mettendo in risalto la sua bellezza originaria.    

dettagli home decor
dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli

26 Giugno 2014 / / Architettura

Un loft, quello di Gustavo Salmerón, un attore spagnolo, dove natura e artificio si fondono per creare una scenografia unica. Salmerón racconta di avere le idee chiare per quanto riguarda l’immagine da evocare attraverso i suoi spazi: un loft d’impronta newyorkese, industriale, dove la decorazione sia totalmente assente, così come ogni sorta di sovrastruttura decorativa, ma che abbia un sapore decadente, e comunque ricordi alcune abitazioni “occupate” del terzo mondo tropicale, o brasiliane, dove la natura abbia iniziato a riprendersi i suoi spazi. Cemento a terra, cemento sulle pareti, cemento sul soffitto; una grande luce piove dall’alto, dal tetto a shed, retto da travi in ferro ormai arrugginito. Ad ingentilire il tutto piante di bambu e verde a cascata spuntano a sorpresa.

Via AD


_________________________

CAFElab | studio di architettura


23 Giugno 2014 / / Architettura

Questo loft di 4.700 metri quadrati si trova sulla Worth Street a Tribeca, è stato progettato dal New York + I design Corp studio. Il loft è un grande mix di arredi moderni e di design, mentre le strutture originali sono lasciate a vista, come le pareti in mattoni e i soffitti con travi di legno.


_________________________

CAFElab | studio di architettura


13 Giugno 2014 / / Architettura

Una delle ultime tendenze in fatto di edilizia è il duplex: appartamenti disposti su due livelli in cui quello inferiore è occupato dalla zona giorno e il superiore dalla zona notte. Questa tipologia di abitazione si trova in condomini in cui solitamente il piano terra dispone di giardino mentre primo e secondo piano (spesso mansardato) costituiscono appunto il “duplex”. La zona giorno può essere divisa in cucina e salotto, oppure unita in un unico spazioso open space.
Progettare un open space potrebbe sembrare semplice, ma in realtà prevede una pianificazione più accurata poiché in un unico ambiente troviamo cucina, salotto e soggiorno: diventa quindi necessario abbinare tra loro elementi molto diversi come i mobili cucina, il tavolo da pranzo con le sue sedie, il divano, la parete attrezzata per il televisore e i vari complementi come tappeti, tavolino da salotto, mensole. Il rischio dell’effetto Arlecchino e del “sovrammobiliamento” è dietro l’angolo. Ecco perché è consigliabile usare dei programmi di progettazione o ricorrere al supporto di professionisti e farsi progettare casa online.

Progetto duplex: vista soggiorno e cucina

Progetto duplex: vista soggiorno e cucina

Per quanto riguarda la disposizione degli elementi d’arredo, la priorità va all’ottimizzazione degli spazi.

La parete libera più ampia si trova a lato della porta di ingresso. Qui abbiamo collocato una parete attrezzata con cassettoni a terra che fungono da mobile porta tv e da contenitori al tempo stesso, mobili pensili e mensole con divisori per libri, cd, dvd e oggetti. Il living-ingresso è inoltre completato da un’intelligente specchiera ad angolo che cela sul retro un appendiabiti.
Il divano con penisola è stato volutamente pensato con chaise longue a sinistra per occupare tutto quello spazio libero al di sotto della seconda rampa di scale. Inoltre celando il vano scala è stato possibile creare una nicchia dove collocare delle mensole.
Su espressa richiesta del cliente abbiamo inserito un tavolo allungabile con 4 sedie estremamente moderne e dal design leggero, a cui abbiamo aggiunto un set di sedie pieghevoli da utilizzare secondo le necessità.

Parete attrezzata in soggiorno. BeFree FS72.

Parete attrezzata in soggiorno. BeFree FS72.

Per scegliere i colori il consiglio dei nostri interior designers è quello di creare una palette, o “mood board”: si parte da un colore di base a cui si accostano altri 2 colori ed eventualmente alcuni complementari o toni delle stesse nuance per complementi e piccoli accessori. In questo caso il cliente ha esplicitamente richiesto una parete color giallo-ocra o rosso ed allo stesso tempo ci ha informato della presenza di una cucina rovere grigio e di serramenti in legno marrone scuro: il colore d’accento è ripreso dalla parete attrezzata, dalle mensole e dai cuscini d’arredo, mentre il resto degli arredi gioca con le nuance del grigio e del sabbia (una variante del marrone che a differenza di questo non appesantisce l’ambiente).

Divano con penisola.

Vista del salotto con divano a penisola.

Vista del soggiorno dalla cucina.

Vista del soggiorno dalla cucina.

Certo un progetto è ancora più bello quando potete metterci del vostro. E’ proprio con il desiderio di offrire questa libertà che la progettazione 3D di casa offerta da ArredaClick – oltre che ad essere davvero low cost – prevede la consegna del progetto originale e modificabile. Basta usare il software gratuito SketchUp per sbizzarrirsi con i colori e modificare tutto ciò che si vuole. Naturalmente per alcuni dettagli ci vuole un po’ di dimestichezza, ma siamo sicuri che quando si tratta della propria casa nessuno si ferma di fronte a qualche piccolo ostacolo informatico. Il nostro cliente l’ha fatto, con risultati davvero sorprendenti. Giudicate voi!

Il progetto rielaborato dal cliente.

Il progetto rielaborato dal cliente.

Progetto casa duplex rielaborato dal cliente.

10 Giugno 2014 / / Architettura

Linee verticali ed una scala-scultura fanno di questa casa ad Oslo, progettata da Haptic Architects, uno spazio luminoso, dall’interessante geometria.

_________________________
CAFElab | studio di architettura