31 Marzo 2020 / / Blog

tavolo in resina epossidica e legno
lavorazione tavolo in legno con inserto in resina epossidica

Qualità, resistenza, verstilità della resina epossidica

Qualità, resistenza e versatilità: queste sono le parole chiave che ruotano intorno ai progetti in resina epossidica e legno, che assicurano una miriade di opportunità anche per quanto riguarda le scelte di design.

Prima di tutto, deve essere precisato che i rivestimenti così realizzati, beneficiano del bilanciamento perfetto tra due materiali, quali chiaramente la resina ed un altro considerato indurente. La sinergia e l’equilibrio tra questi materiali permette di realizzare una superficie resistente ad ogni tempo, oltre che all’utilizzo, ai graffi ed all’azione di detergenti e prodotti chimici.

Progetti in resina epossidica e legno

Più nello specifico, per quanto riguarda i progetti in resina epossidica e legno,  è opportuno evidenziare che la combinazione – se non fatta a regola d’arte – potrebbe determinare qualche criticità.

Infatti il legno, in presenza di umidità, tende a rimodellarsi aumentando il suo volume o ridimensionandolo.

Per questo motivo è necessario che la resina sia caratterizzata da bassa viscosità nel caso in cui dovranno essere trattate superfici in legno.

decorazione in resina epossidica
decorazione di tavolo in legno con resina epossidica

Applicazione in ambienti esterni

Qualora i progetti in resina epossidica e legno dovessero interessare ambienti esterni, invece, sarà opportuno acquistare materiale che sia resistente ai raggi UV e che, pertanto, eviterà l’ingiallimento della parte trattata con la resina trasparente.

In più, un altro consiglio utile è quello di acquistare sempre una resina epossidica che sia di alta qualità e che, di conseguenza, abbia minimo margine di restringimento.

In relazione alla colata, questa può arrivare ad uno spessore massimo di 2cm e bisogna avere cura di non eccedere perché altrimenti si determinerà un indurimento immediato che comporterà la presenza di macchie.

resina epossidica Uv per esterni
tavolo in legno con inserto in resina epossidica

Progetti in resina epossidica e legno: esempi concreti

Tra i progetti in resina epossidica e legno rientra quello che riguarda un’eventuale sigillatura di superfici, in modo tale da renderle resistenti all’acqua. È chiaro che, in questo caso, sarà bene optare per un ambiente di lavoro completamente asciutto che contribuirà al raggiungimento di risultati ottimali. Imperativo fondamentale è quello che la temperatura del legno e della resina epossidica sia pressoché identica a quella ambientale e che la superficie da lavorare risulti completamente pulita ed asciutta. In più, la stessa dovrà essere successivamente ben levigata e resa uniforme. Dopo aver calcolato la quantità necessaria di resina e averla miscelata con l’indurente, sarà possibile – nell’eventualità – colorare il materiale. Una volta che sarà pronto, dovrà essere colato sulla superficie eseguendo costanti movimenti a spirale o zig zag per permetterne la sua distribuzione lineare ed uniforme e procedere al suo livellamento. Quando raggiunge la consistenza di un gel, non dovrà più essere lavorata e, alla comparsa delle bolle, le stesse dovranno essere tempestivamente eliminate con un bruciatore apposito.

lavorazione tavolo in legno e resina epossidica
resina epossidica colorata

Applicazione su legno mordenzato

Tra gli altri progetti in resina epossidica e legno, rientra anche l’applicazione del materiale su legno mordenzato, fermo restando che bisognerà avere cura di testare la miscela su una piccola parte della superficie per verificarne la compatibilità. La resina epossidica viene anche impiegata per riparare il legno così come per la realizzazione di vari oggetti mediante l’operazione di un’apposita fusione.

In pratica, sono davvero tantissimi i progetti in resina epossidica e legno realizzabili ognuno a seconda delle proprie esigenze e, se le operazioni verranno svolte con cura ed attenzione, i risultati saranno certamente ottimali!

L'articolo Resina epossidica e legno: quali progetti realizzare proviene da Architettura e design a Roma.

29 Marzo 2020 / / Architettura

Prima regola: la sicurezza. Scegli la migliore porta blindata per la tua casa

porta blindata

Abitare in un condominio o in una villetta significa anzitutto fare i conti con la propria sicurezza e quella della propria famiglia e scegliere . Questo fattore viene prima di qualsiasi cosa, anche delle scelte estetiche per la propria casa.

Ecco perché dotare la propria abitazione di una porta blindata è una scelta corretta per chi vuole vivere serenamente i propri ambienti, senza però dover cedere all’estetica!

Le moderne porte blindate offrono infatti performance di primo livello in termini di prestazioni, ma allo stesso tempo consentono di scegliere finiture e colori che si sposano perfettamente con lo stile dell’arredamento tanto quanto con l’estetica esterna della casa, come le numerose soluzioni presenti sul sito Garofoli.

porta blindata
porta blindata

La prima cosa da valutare quando scegli una porta blindata

Andiamo con ordine, come si sceglie una porta blindata?

Molti pensano che questi supporti siano tutti uguali o che comunque abbiano poche differenze, ma in realtà non è così.

Nelle prossime righe ti accorgerai che sono moltissime le scelte da fare per scegliere la tua porta blindata perfetta.

Il primo aspetto, anzitutto, è capire se la porta andrà montata in una villetta o in un appartamento all’interno di un condominio.

La differenza è importante per due motivi: anzitutto le porte degli appartamenti nei condomini sono vincolate a una serie di norme estetiche, quindi prima di scegliere la tipologia e i materiali dovrai fare i conti con i regolamenti del condominio.

In linea di principio, infatti, è opportuno selezionare modelli che non si discostino troppo dall’estetica delle altre porte del palazzo.

Viceversa, se abiti in una casa singola, potrai sbizzarrirti nella scelta delle finiture come vorrai.

In secondo luogo se la porta blindata affaccia sull’esterno, come per le ville, sarà importante scegliere modelli in grado da proteggere dagli agenti atmosferici, dotate cioè di supporti para spifferi.

In questo modo eviterai dispersione di calore tra interno ed esterno, a beneficio delle future bollette energetiche.

porta blindata
porta blindata

Sicurezza delle porte blindate: sono tutte uguali?

Un altro errore è pensare che a livello di anti-effrazione le porte blindate siano tutte uguali. Non è cosi, esistono sei classi diverse (che corrispondono a livelli di protezione interna). Fai in modo che il tuo rivenditore possa aiutarti nello scegliere la classe più adatta alle tue esigenze.

Inoltre, soprattutto se la porta va montata in casa di persone anziane o sole, potrai integrare degli optional molto utili come lo spioncino digitale.

Questo moderno ritrovato della tecnologia ti permette di usufruire di un piccolo schermo montato sull’interno della porta, ed avere una panoramica a 180 gradi dell’ambiente esterno.

Porte sicure ma anche… belle!

Chi l’ha detto che per la sicurezza bisogna rinunciare all’estetica? Le moderne porte blindate di permettono di scegliere diversi tipi di pannelli sia per la parte esterna che interna, nonché di integrare moltissime varianti di maniglia che si abbinino perfettamente all’arredamento della tua casa.

Senza contare che giocando con i colori potrai valorizzare il tuo ambiente di ingresso in modo sobrio ed elegante allo stesso tempo.

porte blindate
porte blindate
maniglia porta blindata
maniglia porta blindata

L'articolo Porta blindata: scegli la migliore per casa tua proviene da Architettura e design a Roma.

28 Marzo 2020 / / Blog

Aggiornato al 29 Marzo, 2020 -

Certi contrasti sono irresistibili, come quello che caratterizza lo stile country industrial, ovvero la contaminazione tra  stile country e stile industrial.  Rilassato e vintage il primo, moderno e urbano il secondo.

Le origini country dello stile industrial

Il country è uno stile caldo e invitante che predilige il legno, i colori pastello, motivi floreali e tessuti corposi. È uno stile con un’anima femminile e decorativa. L’arredamento industrial è invece l’esatto opposto: ha un’anima più maschile, con materiali freddi e colori scuri.

Le origini dello stile industrial risalgono agli anni ’60 e ’70 del Novecento. L’ispirazione sono i primi loft degli artisti americani, con un mood allo stesso tempo contemporaneo e vintage. Le abitazioni-studio, ricavate proprio da ambienti industriali o commerciali dismessi conservavano caratteristiche della struttura originaria, come, per esempio, le tubature a vista.

In tempi più recenti si sono iniziate a sperimentare contaminazioni dell’industrial con il country e il risultato ha riscosso un immediato successo. Per quanto opposti, questi due stili di arredo funzionano alla perfezione insieme. Cio avviene grazie alla loro capacità di bilanciare i contrasti sia a livello materico che cromatico. Una sfida intrigante che può regalare grandi soddisfazioni!

Colori, tessuti e fantasie dello stile country industrial

Lo stile industrial è caratterizzato da colori scuri o neutri come il grigio, il nero, il grafite, o tinte piene come il verde scuro. Le finiture sono perlopiù opache ed è molto tipico l’effetto cemento o ruggine.

Quando l’industrial si mischia al country la durezza dei colori viene stemperata grazie all’introduzione nell’ambiente di elementi in colori pastello. I toni tendono ad essere naturali e attenuati, non c’è niente di eccessivamente luminoso o audace.

Nel country industrial un ruolo importante è giocato dai tessuti, con la presenza di tappeti, cuscini e tende magari in fibre naturali come lo juta, il lino, il sisal, comunque niente di troppo delicato.

Come è facile immaginare, nell’arredamento country industrial non trovano posto i motivi leziosi o floreali del country più classico, ma si privilegeranno ad esempio decori a strisce o a quadri. Spesso si troveranno cuscini in pelliccia o con pattern che richiamano gli animali (ad esempio lo zebrato o il maculato), che grazie al richiamo della natura danno un immediato tocco stravagante all’ambiente.

cucina industrial astra
Fonte: Cucina industrial Astra

L’arredamento e i materiali utilizzati (legno, mobili, pavimenti)

Lo stile industrial è caratterizzato da spazi aperti e minimal, con soffitti alti e spaziosi tipici dei loft.
Le forme sono geometriche, spesso spigolose, e i materiali duri, grezzi ed esposti. Il metallo è il materiale industrial per eccellenza – dalla latta all’alluminio, dal ferro all’acciaio – e spesso viene abbinato a mattoni a vista.

Quando l’industrial si fonde il country, il freddo del metallo viene stemperato dal legno. In questo modo si crea quella connessione con la natura che è l’elemento tipico del country. Così in una casa in questo stile non possono mancare pezzi in legno grezzo: ad esempio un tavolo in legno di recupero, magari caratterizzato da un elemento originale come un dettaglio in ferro battuto o una ruota.
Le forme dure e squadrate dell’industrial sono ammorbidite dall’incontro con quelle più morbide e tondeggianti del country, e si declinano in cassettiere, madie e carrelli in legno e metallo.

Per il salotto si può puntare sia su un divano snello e minimal con piedi in metallo, sia, per un effetto più accogliente, su un divano grande e tradizionale.

cucina stosa country industrial moderno
Cucina Stosa in stile country industrial.

Decorazioni in stile country industrial (fiori, soprammobili)

Per dare subito un tocco di country al tuo loft industrial puoi utilizzare un tappeto dal pattern fantasioso e dalla texture corposa: una certa varietà di trame rende subito lo spazio più accogliente e caldo.

Punta inoltre su soprammobili dalle forme tondeggianti per stemperare la geometria tagliente dei mobili industrial: ad esempio una lampada da tavolo dalle forme morbide o un semplice vaso con i tuoi fiori preferiti.

Anche lo stile country-industrial ama le grandi librerie a parete, magari con una scaletta di metallo per raggiungere i libri collocati più in alto.

Rispetto agli altri tipi di arredamento country, nel decor country industrial il caos e la mescolanza sono meno casuali e più bilanciati: è importante che caldo e freddo, legno e metallo, morbido e duro, insomma le due anime femminile e maschile, yin e yang di questi due stili siano sempre bilanciate a dovere. Il risultato sarà una casa piena di carattere e assolutamente unica.

Questo articolo Il country industrial proviene da NellEssenziale.

27 Marzo 2020 / / Architettura

Bellissimo interno eclettico

Corridoio extraglamour

Interno Decò

Boiserie classiche rese moderne dal colore

Finta boiserie realizzata applicando delle cornici direttamente sulla parete

Torna la moda della boiserie

Tra le tante cose tornate di moda negli ultimi anni, dal delizioso sapore vintage, c’è anche la boiserie, pure detta meno comunemente Lambis.

Si tratta di una decorazione murale costituita da pannelli di legno che ricoprono le pareti. La boiserie più classica, e lasciatemelo dire anche quella più elegante e affascinante, è quella composta da pannelli di legno decorati da cornici che creano riquadri di varie dimensioni.

Se un tempo tutto ciò era realizzato in legno da abili falegnami oggi abbiamo imparato che ci sono tante soluzioni più rapide e materiali più economici, per realizzare questo effetto caratteristico di cornici decorative sulla parete.

I riquadri di legno o altro materiale come polistirolo, gesso, resina o stucco, ad, esempio, possono essere posati direttamente a parete senza che vi sia un pannello retrostante.

L’altezza della boiserie

La boiserie è composta da un pannello che può essere variamente decorato, intarsiato, inciso e che può avere diverse altezze: 90cm è il mino,

1.10/1.20 la misura classica più utilizzata,

1.80 l’altezza media,

2.10 che è l’altezza standard di una porta, l’altezza a cui far arrivare la boiserie per un senso di continuità

Altrimenti possiamo rivestire la parete per tutta la sua altezza arrivando fino al soffitto.

Quando scegliamo una boiserie bassa abbiamo poi l’imbarazzo della scelta su come decorare la parte superiore della parete che potrà essere lasciata al naturale o meglio ancora rifinita da una carta da parati.

Carta da parati Oh la la di Caselio sopra la Boiserie realizzata su mio disegno della camera Inverno della guesthouse Suite Cavour a Roma

E’ del grande Fornasetti la carta da parati “Teatro” sopra la Boiserie retroilluminata della sala colazioni della guesthouse Suite Cavour a Roma

Carta da parati acquistata on line (non ricordo più dove!), per la camera Primavera della Guestghouse Suite Cavour a Roma , anche qui sotto alla carta da parati troviamo una boiserie in legno laccata realizzata su nostro disegno

Boiserie bianca, parete scura, bellissimo contrasto in camera da letto

Un bel color pastello in bagno

Fiori romantici nella nursery

Sopra alla boiserie colori tenui e composizione di stampe

In salotto

Zone di passaggio

Perfetto ed elegantissimo il grigio verde abbianto alla boiserie classica

Arredare con la boiserie classica

La boiserie che a me affascina di più rimane quella dall’estetica classica di riquadri su un fondo liscio, che esso sia un pannello di legno o il muro, che riquadri siano in legno pregiato, o stucco o gesso o altri materiali.

Arredi moderni, pavimento e boiserie classico che non tramonta mai

Boiserie bassa utilizzata come porta cornici

Bellissimo il salotto con boiserie che incornicia i quadri

Giusto mix di stili

Boiserie e stile nordico

Boiserie decorata

Bellissimo salotto eclettico dai tocchi vintage

Salotto elegante…forse avrei fatto arrivare la boiserie all’altezza della porta

La boiserie classica diventa moderna con la scelta giusta del colore

In camera da letto a tutta altezza come testata per il letto

Le boiserie nel progetto di NDAA

Per un mio recente progetto di una guest house, molto articolato, che prevedeva diverse boiserie scelte per impreziosire gli ambienti caratterizzati da uno stile eclettico, con un gran mix tra classico e moderno, abbiamo provveduto sia con la realizzazione di cornici in stucco sulla parete per la stanza più classica, sia con la realizzazione di boiserie basse in legno, con riquadri incisi in basso rilievo, dotate di luce inclusa.

Per la stanza più classica abbiamo realizzato cornici in stucco e completato la composizione con una cornice a soffitto che permetteva l’incasso della luce a led.

Per due camere abbiamo disegnato e fatto realizzare in falegnameria una boiserie moderna, molto semplice e lineare con riquadri scanalati e l’inserimento di una stripled incassata di grande effetto. In un caso abbiamo realizzato anche delle piccole mensoline posa cellulare, mentre nell’altro la boiserie è stata completata da un mobile contenitore. Infine abbiamo fatto realizzare artigianalmente, sempre su nostro disegno, una boiserie comprensiva di panca contenitore per la sala colazioni, anche in questo caso essa era dotata di una luce incassata nella parte più alta.

StanzaAutunno, la più classica della Guesthouse Suite Cavour, con cornici di gesso alle pareti effetto boiserie

Camera Primavera con boiserie in legno completa di mensoline e luce realizzata su nostro disegno

Camera singola Inverno con boiserie con luce e mobiletto integrati, realizzata su nostro disegno

Boiserie nella sala colazioni della Guesthouse Suite Cavour, progetto NDAA. Boiserie con panca contenitore e luce integrata, realizzata su nostro disegno

La classica boiserie in legno è un arredo di pregio che vede la sua nascita in Francia nel XVII sec., ma che ha ormai preso piede anche negli ambienti più moderni; ha un forte carattere decorativo, ma anche potere di isolante termico e fono assorbente.

Arredare con la boiserie shabby

La boiserie in legno dogato e decapato è anche un elemento caratteristico dello stile shabby e la ritroviamo spesso anche in bagno.

Lo shabby che piace a noi è quello con grandi incursioni di stile nordico e industriale!

Boiserie in legno anche in bagno per gli amanti dello stile shabby

shabby contemporaneo con molte incursioni nordiche per questo salotto con boiserie dogata in legno grigio

Il bagno è l’ambiente ideale per gli amanti di questo stile

Cucina shabby industrial

Shabby contemporaneo in carta da zucchero

Arredare con la boiserie moderna

Esistono diverse soluzioni di boiserie moderne che non vedono i classici pannelli con riquadri ma realizzazioni creative di ogni genere, per la maggior parte a tutta altezza.

Bellissima la boiserie moderna in tital black

Boiserie moderna in metallo

Anche la boiserie moderna può integrare e nascondere le porte come in questo eccellente esempio

Boiserie moderna curva

Stile nordico

Moderna con porte Edge di Lualdi

Boiserie moderna con porte Matrix di Lualdi

Arredare con la boiserie: soluzioni alternative

Come dicevo all’inizio ci sono soluzioni alternative e più economiche alla classica boiserie in legno, gesso, polistirolo, poliuretano e altri materiali ma anche l’applicazione di cornici e pannelli direttamente sul muro.

Ultimamente mi sono imbattuta nei prodotti dell’azienda “Le boiserie” i cui prodotti sono realizzati in duro polimero, un materiale moderno ed ecocompatibile, realizzato in polistirolo espanso ad alta pressione e temperatura, resistente ad acqua ed urti, che mi è sembrata un’ottima soluzione alternativa.

Brioso interno con crnici a contrasto su parete rosa

Dall’atmosfera dannunziana la parete scura con cornici dorate a contrasto che realizzano una finta boiserie

Moderna boiserie in materiale alternativo proposta da bianchi Lecco

Ital decori propone una linea completa di boiserie in legno composte in MDF light

Semplici da realizzare ed accessibile le boiserie di Bianchi Lecco in poliuretano ad alta densità

Cornici su parete tono su tono

La boiserie di Casa Moreno, una casa vacanza a Trastevere, è realizzata con pannellini di mdf modanato da 5mm e un sottile torello, applicati alla parete per imitare i rivestimenti in legno più pregiati delle boiserie

I rivestimenti di Le Boiserie riprendono spesso gli schemi classici ma con materiali altamente innovativi

Carta da parati effetto boiserie

Un’altra soluzione alternativa è quella di utilizzare carte da parati che riproducono il motivo della boiserie, in questo caso con scopo puramente decorativo

Fotomurale Autoadesivo raffigurante una boiserie bianca disponibile QUI

Molto affascinante la fotomurale autoadesiva effetto boiserie di colore scuro con riquadri a contrasto che trovate QUI

Non per tutti la carta da parati con disegni in rilievo, raffiguante una boiserie in stile barocco disponibile QUI

Carta da parati di wallpepper, scraped boiserie design by Archmazlab

Carta da parati “Archi blu” di Murals Wallpaper

Arredare con la boiserie di ceramica

Soprattutto per l’ambiente bagno si utilizzano anche boiserie in ceramica, lastre di ceramica solitamente alte tra i 90 e 120cm che terminano con un bordo, una cornice o un torello, decorate e colorate in tantissime maniere. Perfette per un bagno in stile inglese, dal sapore classico o vintage, meno adatte allo stile moderno.

In bagno possiamo però anche realizzare un rivestimento basso, alto sempre tra i 90 e 120 cm, con qualsiasi tipo di piastrella, che viene comunque comunemente chiamato boiserie per le sue caratteristiche.

Affascinante il bagno con boiserie di ceramica e pavimento in cementine proposto da Fratelli Pellizzari

Boiserie di ceramica Élysées di Devon & Devon, very english style

Sopra la boiserie in ceramica rigoni dipinti

Rivestimento altezza boiserie realizzato per un piccolo bagno in black & white progettato da noi di NDAA in questo appartamento di cui potete vedere di più QUI

Collezione elegance di Marazzi posata altezza boiserie

La boiserie ceramica non deve essere comunque relegata solo al bagno ne esistono di bellissime e adatte anche al resto della casa, come la collezione “Scenari” prodotte da Sartoria al costo di 245€ al mq su tile. expert.it

Boiserie moderna in ceramica effetto legno proposta da Ceramica Sant’Agostino

Arredare con la boiserie dipinta

Un’alternativa alla classica boiserie è la boiserie dipinta, possiamo dipingere una fascia colorata dell’altezza che preferiamo a contrasto con il colore della parete, volendo possiamo completarla con una riga, una bacchetta o una cornice nel finale.

Una soluzione semplice, rapida, economica e molto decorativa da realizzare in ogni ambiente della casa, dal corridoio alla camera dei bambini. La boiserie dipinta può includere e inglobare, anche porte e arredi, che si mimetizzano in questo modo sulla parete con un bellissimo effetto camaleonte. Ciò ci permette di rinnovare anche quel vecchio mobile che non riuscivamo più a vedere.

Boiserie dipinte, moderne, bellissime, nordiche e attualissime

Possiamo integrare nel disegno della parete anche le porte

Boiserie dipinta anche in bagno

Il corridoio cambia grazie alla boiserie dipinta. Progetto di NDAA

Un bellissimo styling di Cristina Gigli che prevede la realizzazione di finte boiserie dipinte

La parete si dipinge a metà e la boiserie è fatta

Basta poco per realizzare una parete creativa

Stile nordico

Effetto scomparsa

Ma l’effetto scenico della scomparsa e della possibilità di inglobare varie funzioni può essere realizzato anche dalle classiche boiserie, perfette per includere e nascondere le porte o armadi.

Le boiserie sono inoltre molto comode per nascondere le tracce elettriche a viste, se non vogliamo o non possiamo fare dei lavori di muratura. La boiserie ci permette di portare i punti luce dove preferiamo nascondendo i fili alla vista.

Per tutti quelli che non hanno mai preso in considerazione questo tipo di soluzione, che oltre ad avere una forte estetica ha, come abbiamo visto anche delle ottime caratteristiche tecniche, credo che alla luce di quanto detto siamo tutti pronti a cambiare idea!

Questa moderna boiserie sembra sospesa ed integra un mobile a scomparsa

la boiserie può essere posizionata anche su una sola parete e fare da quinta a mensole e mobili

Moderna boiserie attrezzata

Anche in bagno boiserie perfetta per mimetizzare la lavanderia

Elegante e preziosa la boiserie moderna a tutta altezza con porta integrata

Le boiserie classiche sono perfette per nascondere porte e sportelli…

…ma anche quelle moderne

Boiserie moderna con parete attrezzata integrata di Garofoli

Boiserie realizzate con materiali di recuepero

Ed infine quale suggerimento per i più audaci con boiserie realizzate con materiali di recupero.

Doghe in legno di recupero per la cameretta

Vecchie persiane dipinte di grigio per il salotto shabby creativo

Cassette di legno per la boiserie

Vecchie porte e infissi per una boiserie mooolto particolare

L'articolo Arredare con la boiserie proviene da Architettura e design a Roma.

18 Marzo 2020 / / Blog

Due proposte su come organizzare la camera dei bambini

Ho tanti progetti che devo ancora mostrarvi e ancora da pubblicare, ma ho scelto proprio questo, che è uno degli ultimi ed è stato realizzato proprio in questi di giorni, in cui siamo tutti chiusi in casa.

Si tratta del progetto di uno degli ambienti che mi appassionano di più, la cameretta dei bambini.

Progetti pensati per rendere gli spazi dedicati ai bambini più piacevoli, funzionali e vivibili. Certo questo concetto dovrebbe essere valido per ogni ambiente della casa, che seppur piccolo dovrebbe essere dotato di tutto ciò che ci occorre.

Organizzare la camera dei bambini è fondamentale poichè essa è il loro piccolo mondo e dovrebbe contenere tutto ciò che gli occorre: dall’angolo studio, all’angolo gioco, allo spazio notte.

Anche se a volte gli spazi sono limitati, la mia sfida è sempre quella di cercare di fare il massimo per ricavare tutti questi ambiti nel modo più funzionale, creativo e gradevole che si possa.

Le richieste e i vincoli

In questo caso specifico si è trattato della riorganizzazione della cameretta di due fratellini gemelli di 4 anni, un maschio e una femmina.

La stanza necessitava di disporre del maggior spazio possibile per giocare e della possibilità di inserire un tavolino con due sedioline, oltre ad uno scaffale per contenere giochi e materiali.

C’erano inoltre diversi vincoli, come la necessità temporanea di utilizzare un letto matrimoniale e il posizionamento di alcuni stickers alle pareti, posati di recente e che non si sarebbero potuti rimuovere.

Devo dire che i mobili nella stanza erano già stati organizzati in modo adeguato, come spesso accade quando lo spazio è vincolante (nella stanza oltre alla porta vi è una portafinestra).

Anche le decorazioni stickers alla parete erano state realizzate in modo molto grazioso e attento.

L’ambiente risultava solo un po’ freddo, ma molto elegante, a causa del pavimento in resina grigia (comunque bellissimo) ed il total white degli arredi.

Come prima cosa quindi ho pensato subito alla necessità di riscaldare lo spazio con un tappeto.

Tappeto da gioco per bambini con raffigurante la fattoria, disponibile QUI in diverse misure

Due tappeti rotondi che fungono entrambi anche da sacche porta giochi. A sinistra il grazioso tappeto raffigurante gli animali del bosco che si trasforma in sacco disponibile QUI anche in altre fantasie e a destra il tappeto verde con la stessa funzione (comodo anche il bordo) che trovate QUI

La camera presentava degli stickers (molto graziosi) applicati recentemente e dei quali bisogna tenere conto con lo spostamento dei mobili

Prima proposta per organizzare la camera dei bambini

Le proposte sono state due, una prevede lo spostamento del letto matrimoniale sul muro opposto a quello attuale e la realizzazione di una parete attrezzata, realizzata continuando la composizione dei moduli a profondità ridotta già presenti nella camera con altri elementi.

In alternativa si sarebbe potuto variare e movimentare un po’ l’arredamento con l’inserimento di uno scaffale diverso, come Bulle o Happy di Maison du monde.

In questo caso specifico però ho consigliato di continuare la parete attrezzata, aggiungendo dei moduli a profondità ridotta a quelli preesistenti, per dare un senso maggiore di ordine e continuità. Lungo la parete dove trovano spazio i vari scaffali c’è posto anche per il tavolino da lavoro.

Sulla paretina laterale al letto viene, realizzata una libreria Montessori con porta-cornici ikea “Mossalanda”, utile e comoda per creare un angolo lettura per giorno e notte.

Composizione a parete a scaletta realizzata con gli scaffali Alsapan da 6 box e 3 box

La libreria Bulle e la libreria Happy di Maison du Monde

I moduli della serie Alsapan che trovate QUI da 6 box, QUI da 6 box con sportelli, QUI da tre box, QUI da tre box cpon cassettino QUI a scaletta, in vari colori, hanno una profondità di soli 29.5cm e sono l’ideale per contenere libri e giocattoli, grazie alle ceste che trovate QUI, senza rubare centimetri importanti alla stanza

Libreria in stile Montessori realizzata con le mensole porta-cornici Mossaland di ikea

Seconda proposta per organizzare la camera dei bambini

Nell’altra proposta sono state fatte scelte più radicali per gli arredi, in vista anche del futuro, così ho inserito nel progetto due letti personalizzati: singoli e contenitori (come da richiesta), che hanno anche le rotelle.

Le ruote permettono ai letti di poter essere spostati agilmente e quindi accostati facilmente l’uno all’altro per diventare un matrimoniale, quando necessario, altrimenti sono accostati lungo la parete lasciando parecchio spazio libero per i bambini. I due letti sono divisi da una testiera Brimnes di Ikea, modificata in modo da essere rifinita fronte e retro.

Sopra ai letti vi è una composizione sospesa con i moduli Eket di Ikea in due profondità per creare un pò di movimento e non risultare troppo pesante.

In questo caso è necessario che l’armadio sia ad ante scorrevoli e non a battente (che non avrebbero lo spazio per aprirsi), quindi bisognerebbe sostituire l’armadio presente o anche solo le ante.

L’armadio ad ante scorrevoli è quasi sempre consigliabile visto che l’apertura richiede molto meno spazio di ingombro.

Anche in questo caso, accanto agli scaffali esistenti troviamo la libreria Montessoriana e qui c’è anche il tavolino con le due sedie.

In realtà per una stanza del genere, una volta cresciuti i bambini, sarebbe consigliabile un letto a castello, ma questa proposta è una soluzione che risulta comoda nel presente, viste le esigenze specifiche, e può essere sfruttata anche nel futuro.

I letti contenitore su rotelle dell’azienda Vama Divani

L'articolo Organizzare la camera dei bambini proviene da Architettura e design a Roma.

11 Febbraio 2020 / / Blog

L’arredamento in Stile Provenzale è una rielaborazione più classica dello stile country francese, da questo infatti nasce e si evolve. Sempre rustico eppure elegante, semplice ma anche raffinato è confortevole ed allo stesso tempo chic. Gli affascinanti contrasti che lo stile country francese racchiude in sé ne fanno uno degli stili di arredo più amati al mondo.

Questo stile si distacca dallo stile country classico grazie ai motivi che caratterizzano i tessuti ed ali colori. Il colore country infatti, rispetto al colore provenzale è più caldo, ed i tessuti sono prevalentemente fiorati.

Le origini e la storia dell’arredamento in stile provenzale

L’essenza del Arredamento in Stile Provenzale è il French country, ispirato alla natura e ai colori del sud della Francia e in particolare della Provenza.

Le origini dell’arredamento country francese risalgono al 1600, quando il re Luigi XIV decise di far diventare Parigi un centro nevralgico di stile. Con quest’obiettivo fece rinnovare la reggia di Versailles dai migliori artigiani e artisti dell’epoca rendendola un esempio di lusso e raffinatezza.

Non passò molto tempo che gli influssi parigini iniziarono a diffondersi anche nelle zone di campagna e in particolare in Provenza. Così, gli abitanti di questa regione iniziarono a contaminare le loro dimore country con le raffinate influenze provenienti dalla capitale, in quell’inconfondibile mix di relax e raffinatezza che da allora è la cifra principale del country chic provenzale.

Marchi Cucine Incontrada arredamento in stile provenzale
Arredamento in stile provenzale Ditta Marchi Cucine, modello Incontrada.

Colori, tessuti e fantasie dello stile country provenzale

La palette colori di una casa provenzale si ispira alle nuance e al mood del Sud della Francia, caratterizzato da una vita semplice, rilassata e open air. La delicatezza è una costante, nei colori come nei materiali.

Il colore che meglio identifica l’arredamento provenzale è quello della lavanda, il fiore simbolo della Provenza, che ogni estate ne inonda i campi con scenografici tappeti lillà. Il color lavanda e le altre tinte pastello (in particolare l’azzurro e il verde salvia) sono il principale riferimento cromatico per l’arredamento in stile provenzale. Questi colori a volte possiamo trovarli anche su intere pareti. A far da contrappunto alle tinte pastello ci sono tutte le varianti del bianco e dell’avorio, spesso vivacizzate da dettagli di colore blu o gialli.

Anche per quanto riguarda i tessuti, il french country  di Provenza ha caratteristiche molto tipiche. Prevalgono infatti la delicatezza del lino e del cotone leggero, quest’ultimo declinato su tende, divani, cuscini, biancheria e trapunte ricamate con l’antica tecnica del boutis, risalente al 1600.

Le fantasie invece sono dominate da motivi floreali delicati.

Cucina provenzale Marchi Cucine Granduca
ⓘ Cucina provenzale ditta Marchi Cucine, modello Granduca.

Materiali utilizzati nel Country Francese

Il legno è il materiale principe nell’arredamento country provenzale. Non si tratta però di un legno qualsiasi ma di legno recuperato e accuratamente decapato. Il decappaggio infatti, è una tecnica che regala ai mobili un aspetto vissuto e invecchiato. Il country provenzale viene spesso assimilato allo stile shabby chic. Ma a differenza dello shabby il colore del legno non è mai bianco ma più spesso color lavanda, azzurro o avorio.

Un altro materiale molto utilizzato nel country chic francese è il ferro battuto, che si trova in particolare nelle testiere dei letti, nelle sedie o nei tavolini in versione laccata di bianco o di avorio.

Il terzo posto sul podio dei materiali caratteristici di questo stile di arredo è la pietra. Questo materiale è usato per i pavimenti in alternativa al legno ed è frequente in cucina.

La stanza principale è sempre il soggiorno, qui non può mancare un divano accogliente ed un camino in pietra, completati da credenze e madie in nuance pastello. Nel country provenzale il soggiorno è l’ambiente della convivialità per eccellenza.

coordinato con copriforno stile provenzale
 Coordinato per cucina collezione blu Provenza by Nell’Essenziale.

Decorazioni in stile provenzale

Oltre che nella tavolozza dei colori, la lavanda non può mancare anche come fiore in una casa. L’arredamento country provenzale è caratterizzato infatti,  da scenografici bouquet e da profumati sacchetti di lavanda da tra la biancheria.

In una dimora arredata in stile provenzale tutto deve contribuire a dare una sensazione di relax e accoglienza. L’effetto è proprio quello di sentirsi avvolti in un caldo abbraccio. Non possono mancare infatti cuscini colorati e candele, vivaci saponette, mazzi di fiori freschi, tappeti, specchi. Frequenti sono anche cesti in materiali naturali come il vimini, ma anche porcellane e pentole in rame da tenere a vista.

Infine, non deve mai mancare un tocco vintage: gli oggetti nuovi si mescolano con nonchalance a quelli tramandati dai nonni, second-hand o scovati nei mercatini delle pulci.

Lo stile country provenzale permette di fare un vero e proprio salto indietro nel tempo. Rimanda infatti a una vita bucolica scandita dai ritmi della natura. Questo è reso possibile anche grazie al potere evocativo dei profumi. Eppure, questo stile così legato al passato è oggi più che mai attuale. Questo stile è amato soprattutto da chi ricerca un’alternativa calda e romantica al minimalismo.

E tu cosa ne pensi dello stile Provenzale?

Questo articolo Arredamento in Stile Provenzale proviene da NellEssenziale.

8 Febbraio 2020 / / Blog

Ciao cara!  oggi ti parliamo ancora di stile country in un contesto particolare, quello della casa di montagna in stile country.

Sia in un tradizionale chalet che in un appartamento più moderno, lo stile country si presta particolarmente ad arredare e decorare una casa in montagna, perché ricorda lo stile in cui si arredavano le case una volta e si adatta perfettamente al paesaggio fatto di boschi e natura incontaminata.

casa di montagna con dettagli rossi
casa di montagna con dettagli rossi

Arredamento di una casa di montagna in stile country

A caratterizzare l’arredamento di montagna sono materiali di costruzione, mobili, decori e tessuti.

I materiali

Una delle caratteristiche principali nella casa di montagna in stile country riguarda i materiali impiegati. Ritroviamo soprattutto il legno, utilizzato non solo per i mobili, ma anche per pavimento e murature. Pensa alle meravigliose boiserie in legno naturale.

Negli chalet di montagna in stile country sono molto frequenti le travi a vista sul soffitto e le pareti rivestite in legno. Questi due elementi sono un’ottima soluzione sia decorativa che strutturale, e svolgono anch ela funzione di isolare dal freddo durante l’inverno. Anche le scale e serramenti sono abitualmente in legno.

Un altro materiale spesso utilizzata è la pietra, che troviamo ad esempio sui ripiani della cucina o nel caminetto.

Mobili, decori e tessuti di uno chalet di montagna

Il cottage di montagna in stile country non deve essere necessariamente di grandi dimensioni, ma l’importante è che tutti gli ambienti siano ricchi di elementi. Nel country infatti ogni spazio non va lasciato vuoto, ma riempito con mobili e decori per enfatizzare il senso di calore e accoglienza tipico di questo stile.

Questo si riflette in ogni stanza, dove ogni angolo è studiato per infondere un’atmosfera che ricorda la natura e le cose semplici di una volta. In particolare nelle case di montagna si tende ad enfatizzare quest’aspetto utilizzando elementi decorativi tipici come cestini pieni di legna per il camino, orologi a cucù appesi alle pareti e vecchie pentole di rame.

interno di una casa in montagna
Interno di una casa in montagna. Località Crans-Montana

I mobili sono prevalentemente in legno, lasciato al naturale o verniciato. Le ante degli armadietti hanno solitamente un decoro in rilievo o sono dipinte con motivi ornamentali.

I tessuti di tendaggi e tovaglie possono essere sia bianchi che a colori vivaci, come rosso, blu e arancio. Sono molto utilizzate le fantasie a quadretti, a fiori e lo scozzese. E’ frequente, soprattutto in cucina, trovare le tendine a metà finestra, raccolte in modo grazioso da nastrini.

casa di montagna in stile country
casa di montagna in stile country

Un particolare per ogni stanza

Salotto Nel salotto della casa di montagna lo stile country si esprime attraverso il caminetto, un divano in pelle o tessuto a quadri e tanti cuscini.

Cucina Questo è il cuore della casa, dove si trova generalmente una tavola in legno con sedie intarsiate e una cassapanca. Via libera inoltre a suppellettili in terracotta da esporre sulle mensole e sopra la cappa.

Camera da letto Nella stanza da letto ci si può sbizzarrire con coperte e trapunte patchwork, per ripararsi dal clima freddo di montagna.

Bagno Frequenti negli chalet di montagna sono le pareti in legno anche in bagno. Una bella idea può essere inserire una vecchia vasca in porcellana, mobiletti in legno e uno specchio con cornice dipinta.

Giardino Anche nel giardino di una casa di montagna si può infine ricreare un angolo in stile country, con una panchina e tanti fiori.

Idee per arredare uno Chalet di montagna in stile country

Ed ecco qualche nostra idea per arredare uno chalet in questo stile:

copribimby rosso country

Copri bimby rosso a Quadretti

Runner country flowers rosso

Runner Country Flowers

Copriforno Country Christmas rosso-min

Copriforno Country Chic

Copriforno fiori country

Copriforno Country Flowers

Copriforno a Cuore rosso di Natale

Copriforno Cuore

Cosa ne pensi dello stile country per la casa di montagna?

Questo articolo Casa di montagna in stile country proviene da NellEssenziale.

6 Febbraio 2020 / / Blog

Se ti stai chiedendo come far diventare splendente il tuo pavimento di marmo o in parquet, allora devi sapere che ci sono diverse soluzioni per farlo.

Capita molto spesso, infatti, che a causa di un utilizzo eccessivo o completamente sbagliato del detersivo, i pavimenti di casa non solo non brillino, ma rimangano opachi, spenti e con qualche alone.

Insomma tutto l’opposto di quanto ci si aspettava.

Come curare i pavimenti in marmo

Sé è vero che il pavimento in marmo fa un certo effetto all’occhio, è altrettanto vero che richiede un certo tipo di attenzioni.

Quando si ha in casa questo tipo di pavimento bisogna prestare attenzione alle macchie: un caffè rovesciato sul pavimento in marmo e non trattato immediatamente, può lasciare un segno indelebile sulla superficie.

In questi casi partiamo con il dire che sul marmo è sempre sconsigliato l’utilizzo dell’aceto: è un anti calcare naturale che rovinerebbe il tuo pavimento per sempre. L’ideale è utilizzare invece un panno morbido al posto del mocio, che potrebbe graffiare la superficie, e aggiungere all’acqua del secchio due cucchiai di bicarbonato di sodio, dieci di alcool e due di sapone, che abbia un ph neutro.

Per quanto riguarda la lucidatura, è sufficiente utilizzare una volta al mese una piccola quantità di olio di lino o le cere lucidanti per marmo che si trovano in commercio. Per conferire nuovamente lucentezza è possibile usare anche la polvere di pietra pomice.

È sufficiente miscelare due cucchiai di pietra pomice con due litri di acqua, passandola poi in modo omogeneo su tutto il pavimento con un panno morbido.

Dopo aver utilizzato la pietra pomice, bisogna lavare il marmo con la classica soluzione di acqua e sapone di marsiglia, risciacquando con acqua calda.

Come curare i pavimenti in parquet

Per la pulizia dei pavimenti in legno, basta utilizzare un panno in microfibra e dell’acqua tiepida a cui aggiungere un paio di gocce di olio essenziale. L’importante è strizzare bene lo straccio, affinché il parquet non si bagni eccessivamente.

Per quanto riguarda la lucidatura del parquet, è possibile usare delle soluzioni naturali come qualche goccia di olio d’oliva da strofinare sul panno da passare sul pavimento oppure una soluzione di acqua calda e tè verde in cui immergere il panno che andrà passato sul pavimento.

Per avere i risultati sperati, è necessario lasciare agire almeno un paio di ore e poi risciacquare.

I vantaggi della lucidatrice

Per rendere il tuo pavimento di marmo o parquet splendente, è possibile infine ricorrere ad un’ultima soluzione, ossia la lucidatrice.

Si tratta di un elettrodomestico realizzato appositamente per conferire lucentezza ai pavimenti più spenti e delicati, che tendono a rovinarsi con maggiore facilità.

Come appunto il parquet ed il marmo.

Grazie alla lucidatrice è possibile applicare tutte quelle cere e quei prodotti lucidanti che conferiranno nuovo splendore ai pavimenti in marmo e parquet.

Per scegliere la lucidatrice più adatta alle proprie esigenze, occorre valutare dei fattori, come la potenza, la capienza del serbatoio, le tipologie di pavimento e gli accessori.

L'articolo Come rendere il tuo pavimento di marmo o parquet splendente proviene da Architettura e design a Roma.

4 Febbraio 2020 / / Blog

Finalmente sono qui anche io a parlarvi del colore pantone 2020 il CLASSIC BLUE!

Una nuance di blu pacifica, elegante e rilassante, semplice da introdurre nella nostra casa e nel nostro abbigliamento.

Proposte di design
Stampe Desenio in classic blue
Classic Blue colore pantone 2020 perfetto per arredamento e moda grazie al suo aspetto, rassicurante e confortevole e ai suoi guizzi di eleganza ed energia
Confalone punta sul velluto

Se il colore del 2019, il living coral, era una cromia bellissima ed audace, adatta agli azzardi, che poteva mettere in crisi anche qualche architetto (ma non diteglielo!), con il classic blue si va sul sicuro e ciò ci conforta parecchio.

Sicuramente il pantone 19-4052 Classic Blue interpreta un concetto di bellezza ed eleganza senza tempo che, in maniera solida, e stoica (dite che esagero?!) continua a resistere rassicurante, attraverso il susseguirsi delle mode.

Architettura di interni

Ritroviamo il classic blue in diversi interni, anche di qualche anno fa, come quelli realizzati a Taiwan da W&Li o a Kiev da Za-Za interior design e ancora a Milano da Nick Maltese, insieme a molti altri, tutti bellissimi e sempre attuali. Come possiamo vedere nella meravigliosa selezione di interni realizzata da Archilovers, il Classi blue è un colore che si sposa perfettamente con l’interior design, sia che si tratti di appartamenti che locali e ristoranti.

Affascinante, misterioso, avvolgete, elegante.

Clubhouse by ZO. a New York realizzata nel 2018 da Michaelis boyd su Archilovers

I MORI a Milano by Nick maltese su Archilovers

Llull apartament in Barcellona by YLAB Arquitectios realizzato nel 2019 su Archilovers

Rothschild & co Italia spa del 2019 a Milano by GBPA Architetcts su archilovers

Middkletown cafè a Melbourne. progetto del 2016 dello studio Tate su Archilovers

#68 appartamento a Leopoli in Ucraina realizzato nel 2018 da LIS design studio su archilovers

The club a Parigi è un progetto di Sara Lavoine su archilovers

Evening, locale a Kiev di Za-za interior design su Archilovers

Torsgatan21 a Stoccolma è un progetto addirittura del 2014 di Tengbom Architects, ma potrebbe essere stato anche progettato ieri! Su Archilovers

Residence C.A a Taiwan by W&Li design su Archilovers

Moon Club a Praga inaugurato nel 2019 di FormaFatal su archilovers

Design

Troviamo il classic blue nei nuovi prodotti lanciati dalle aziende e dei quali ci siamo già perdutamente innamorati, per la loro eleganza e semplicità di inserimento nelle nostre case.

Parlo ad esempio della carta da parati di Murals Wallpaper, che in occasione dell’annuncio del colore Pantone 2020 ha prodotto in tempo record una speciale carta ispirata al cielo al crepuscolo, progettata e rilasciata in 24 ore.

Oppure la porta AND, disegnata dello studio tecnico interno di Albed, disponibile a catalogo nella versione battente e scorrevole. Un modello realizzato in legno e proposto in diverse essenze e laccature ral tra cui il nostro classic blue, subito inserito a catalogo dall’azienda.

La Carta da Parati a Effetto Cielo con Pennellate di Vernice in Classic Blue di MralsWallpaper

La porta AND, disegnata dello studio tecnico interno di Albed, è disponibile a catalogo nella versione battente e scorrevole. Realizzata in legno è proposto in diverse essenze e laccature ral tra cui il Classic blue

Divertente la poltrona richiudibile in legno che Dialma Brown propone in numerose laccature tra cui il classic blue.

Tappeto “Posillipo” di Illulian

Mobili etnici in versione classic blue, li trovate da Confalone tra il suo vasto assortimento di arredi orientali

Come ogni anno Pantone propone il colore scelto per i suoi complementi d’arredo come la tazza che trovate QUI

David Beckam era già avanti nel 2014 dquando ha lanciato sul mercato il suo profumo Classic blue che trovate disponibile QUI

Moda

È il pantone color institute stesso a descrivere Classic blue come un colore intramontabile e affidabile che ci trasmette una sensazione di fiducia e piacere simile a quella che si sente tra le pareti di casa, per questo è certamente il colore ideale per l’arredamento, ma anche per la moda, capace di farci sentire sempre a posto e a nostro agio.

Leatrice Eiseman, Direttore esecutivo introduce così Classic Blue:

“Viviamo in un tempo che richiede fiducia e fede. Pantone 19-4052 Classic Blue esprime stabilità, è una tinta blu solida e affidabile su cui possiamo sempre contare. Imbevuto di una profonda risonanza, Classic Blue è come una base di ancoraggio. Un blu sconfinato che evoca il vasto e infinito cielo di sera, che ci incoraggia a guardare oltre l’ovvio per ampliare il nostro pensiero; sfidandoci a pensare più profondamente, ad accrescere la nostra visione e ad aprire il canale della comunicazione!” 

Questa nuance di blu brillante, che si avvicina parecchio all’indaco e per questo emoziona così tanto da avere addirittura qualcosa di spirituale, risulta classica ma mai banale e scontata, grazie a quella punta elettrica che sprizza energia vitale.

Il suo compito è quello di comunicare relax, fiducia e speranza all’alba della nuova decade che sta cominciando, il classic blue si avvicina infatti molto al colore del cielo al crepuscolo, quando un giorno sta per finire ed un altro nuovo sta per incominciare.

Il suo stesso nome incarna il desiderio di tornare a qualcosa di stabile, classico appunto, ma profondo e intenso come il blu.

Per quanto riguarda la moda, come l’arredamento, si tratta di un colore molto versatile adatto a tutti, a tutte le occasioni e a tutti gli ambienti.

Missoni
Ugo Boss

Capo di abbigliamento attualissimo perfetto per lo street style è il cappotto peluscioso chiamato in gergo teddy coat.  Questo di Max Mara in versione classic blue è ancora più fashion

Già un anno fa Valentino “a gennaio 2019” propose un abito classic blue per Gemma Chan ai Golden Globes

Per tutte le occasioni

Salvatore Ferragamo

Il colore elegante e rassicurante amato dalle done reali d’Inghilterra

Accessori Classic blue di Off White e Givenchy

Outfit sportivo con il portafoglio Madarina Duck che trovate QUI o le snackers New Balance o Puma disponibili anche in altri colori

CUCINA

In cucina il classic blue si abbina benissimo con elementi in acciaio e arredi in legno.

Il colore ideale per chi non vuole sbagliare ma vuole comunque osare; perfetto per una cucina a vista su un’elegante zona giorno, in versione sia opaca che laccata.

Anche se non è frequente vedere una cucina blu, guardando le immagini delle proposte delle varie aziende del settore, sembra proprio che il classic blue sia il colore ideale per una cucina, ed è questa una delle caratteristiche di questo colore…rendere tutto perfetto.

L’abbinamento bianco e Classic blue è sicuramente perfetto per una cucina

Il classic blue rende contemporanea e senza tempo anche una cucina dallo stile più classico, che in questo modo si inserisce perfettamente in un saloto moderno

Pannelli retro Cucina Monocromo anche in Classic blue by LI. ZE.A

Le soluzioni che adoro!

Programma Loft di Arrex: Rovere e Classic blue

Atelier Abimis la cucina in acciaio inox custom made versione classic blue

Marina 3.0 è la cucina componibile in laminato di Febal  disponibile anche nel colore Pantone 2020

Accessori legati al food sono anche le stoviglie come la bellissima borraccia Pantone che trovateQUI

Rubinetti da cucina di Atco flessibili e orientabili, modello da piano “Flamingo” e modello da parete

BAGNO

La scala dei blu e degli azzurri è perfetta e spesso utilizzata nell’ambiente bagno, non fosse altro che per la banale associazione all’acqua, ma siamo più abituati a vedere usati degli azzurrini che un colore deciso e affascinante come il classic blue.

Arbi Arredobagno, come altre aziende del settore, ha proposto diversi arredi e mobili contemporanei declinati in questa nuance, che rendono l’ambiente davvero speciale e contemporaneo.

Per chi ama invece lo stile più classico ed eclettico Devon & Devon ha pensato di riproporre la vasca Admiral regalando nuova vitalità al suo carattere bohémienne grazie al colore pantone 2020. 

Per celebrare il colore dell’anno, inoltre, Devon&Devon tinge di blu anche Casablanca, best-seller della sua Wallpaper Collection.

Rivestimento ceramico Cklassic blue style!

Classic blue da capo a piedi

Smalto classic blue per il bagno minimal english

Devon&Devon interpreta il colore Pantone dell’anno presentando un’inedita versione Classic Blue della sua vasca-icona Admiral e della carta da parati Casablanca.

Composizione Alma 11 di Arbi Arredobagno,costituita da piano top in Fenix Bluriva con lavabo integrato

Ancora Classic Blue per il Arbi arredobagno, questa volta con lavabo da appoggio

Mosaico + collezione nella collezione Cromieha anche una nuance molto simile al nostro Classic Blue

Asciugami classic blue per donare un attimo la nota di colore giusta al bagno. Li trovate QUI in svariati colori

Accessori per un bagno classic blue, disponibiliQUI anche in tanti altri colori

CAMERA DA LETTO

La camera da letto diventa sia maschile che femminile, quasi neutra oserei dire, grazie a classic blue.

L’elemento fulcro potrebbe essere proprio il letto che numerose aziende propongono declinato in questa nuance così notturna, raffinata e sensuale.

Un letto da mille e una notte come Mid-Century Linda di Ottiu, che reinterpreta la lussuria dell’età dell’oro grazie alle forme avvolgenti e al rivestimento in velluto.

La “mascolinità” del blu, se così si può dire, in camera da letto viene scaldata da elementi in oro, bronzo, rame e tessuti preziosi, raso, velluto, seta.

I nostri vecchi arredi spiccheranno meglio e acquisteranno tutto un altro aspetto su una parette dipinta in classic blue

ZONA GIORNO

La zona giorno è lo spazio ideale per dare libero sfogo alla vostra creatività con Classic blue, potete scegliere in questa meravigliosa ed elegantissima nuance i nuovi tessili del vostro salotto, divani e/o poltrone, magari in velluto, un tessuto perfetto per esprimere al massimo le potenzialità del colore Pantone dell’anno, soprattutto in un raffinato soggiorno.

Se non avete intenzione di cambiare il divano potrete comunque acquistare una graziosa poltroncina, cuscini, pouf o un tavolino di questo colore, che facilmente si abbina a tutti gli altri.

Vi saranno d’aiuto anche le palette cromatiche per gli abbinamenti che il color institute ci propone per utilizzare al meglio classic blue.

Esistono poi meravigliosi mobili, madie e consolle, che oltre ad essere molto utile in una zona giorno come contenitore, magari per tovaglie, servizi di piatti o anche documenti o altro, completeranno a perfezione la vostra zona giorno con un tocco creativo davvero di gran gusto.

Un mobile in blu non è comune da vedersi eppure pare proprio questo sia il colore perfetto per ogni tipo di stile dal moderno all’etnico al rustico e quindi troverete certamente il mobile giusto per la vostra casa.

Potete anche decidere di dipingere di questo colore una parete della stanza per dare un vetro tocco scenografico o scegliere una carta da parati in queste tonalità.

Date libero sfogo alla fantasia e non perdete l’occasione di essere davvero alla moda inerendo un tocco di classic blue nel vostro soggiorno.

Angolo total classic blue per un effetto molto scenografico

Sedia-poltroncina di vellutto, perfetta in classic blue, by Confalone

Madia classica (Team7), moderna (Lago) o etnica (Confalone)? Comunque sempre classic blue

Fresco e dallo stile nordico il salottino con elementi Classic blue

Anche lo stile rustico dei mobili Scandola si sposa benissimo con il color classi blue rendendoli più attuali e contemporanei

Il divano di velluto, ma dalle line moderne, esprime al massimo le potenzialità di Classic blue

Classico, ma intramontabile (e unico nella versione classic blue) il sofà in capitonnè di velluto di salotto Dialma Brown

Un colore intramontabile ( by Confalone)

Anche Cave home scegli il velluto per esprimere il Classic blue

Uno smalto classic blue esalta la parete attrezzata moderna

ABBINAMENTI E PALETTE CROMATICHE.

Come ogni anno, Pantone, oltre a decretare il colore dell’anno propone anche cinque palette cromatiche che servono a suggerirci i giusti abbinamenti che di volta in volta generano armonie e suggestioni diverse tra loro.

Abbiamo coì la prima proposta che si chiama;

PONDER:

da “to ponder”, riflettere in italiano. Questa è la palette più neutra e rilassante, che combina tonalità fredde di blu e grigio a sfumature più calde e rassicuranti…perfetta per fermarci a meditare!

Ponder
SErio, rassicurante, elegante…sempre perfetto

SNORKEL:

Si tratta già di una palette più vivace che, vicino ai toni neutri del bianco e nero, pone dei verdi molto brillanti quasi a voler ricreare un paesaggio tropicale in una città metropolitana, che bello sarebbe poter andare a fare un po’ di snorkeling in qualche mare blu e verde!

Snorkell
Gli abbinamenti freschi e vibranti della natura

DESERT TWILIGHT

Questa palette accosta classic blue a tinte brillanti e metallizzate, quelle che lo valorizzano e lo rendono ancora più prezioso e a tratti femminile. Troviamo anche i viola che ne amplificano la componente misteriosa e spirituale.

EXOTIC TASTES

La palette exotic tales ci rimanda alle atmosfere, ai colori e ai sapori esotici e orientali, rabarbaro, mango, miele ma anche gin fiz…ho già l’acquolina in bocca!

Colori caldi e naturali della terra e delle spezie, abbinati a quelli più freddi del cielo, dai blu ai violacei

Exotic tastes

Nella moda uno degli abbinamenti più azzeccati

Perfetti anche gli accessori

I colori della terra…

…e delle spezie

UNTRADITIONAL

L’abbinamento di colori molto vivaci ed effettivamente poco tradizionali, ma molto modaioli, nel senso di adatti alla moda, blu e oro sono super fashion, come i glitterati che quest’anno vanno tantissimo; e ancora grigio chiaro e bianco per smorzare questa palette scintillante.

Blu e magenta è certamente un ottimo abbianmento

Moschino ci mostra un modo classico ma brioso di interpretare la palette Untradicitional

Fantastiche le Nike Air Force 1 glitterate blu, rosso e argento in perfetto stile palette unconventional

Costume da bagno glitterato ed elegantissimo quello proposto da Mc2 Saint Barth

Credo di avervi detto proprio tutto in questa guida al Classic blue 19-4052 colore pantone 2020 siete pronti per arredare la vostra casa e rinnovare il vostro guardaroba seguendo le line delle tendenze attuali ma sempre rispettando il vostro gusto personale e interpretando a vostro modo le indicazioni dei trend.

Io devo dire, per quanto mi riguarda, che ho addirittura anteceduto la moda, visto che nel 2019 ho utilizzato molto il classic blue, o suoi simili, per i miei interni…che dire, sono troppo avanti!

L'articolo Classic Blue colore Pantone 2020 proviene da Architettura e design a Roma.

29 Gennaio 2020 / / Blog

L’estate è ancora lontana, ma per fortuna le belle giornate non mancano.

Quelle freddine e con un bel sole che io adoro, che puliscono l’aria e riempiono il cuore.

Proprio in occasione di una di queste belle mattinate, io e Matteo abbiamo deciso di provare la nostra bellissima amaca gigante da viaggio di Tropilex.

L’abbiamo scelta qualche tempo fa per i nostri pic nic e vacanze estive, poichè ci aveva colpito particolarmente.

Purtroppo sono state giornate molto piene, tra influenze e compleanni e, pur avendo il parco vicino, non riuscivamo proprio a trovare il tempo di andare a provare l’amaca.

Matteo però insisteva molto e anche io ero davvero curiosa di provare a montare l’amaca e vedere se era davvero così semplice come sembrava.

Abbiamo quindi deciso all’improvviso di scendere giù nel nostro cortile condominiale e…ci siamo divertiti tantissimo!

Qualità e comodità

Abbiamo passato un’oretta a divertirci a dondolare sulla nostra nuova amaca gigante.

L’abbiamo testata per bene, pianificando i nostri prossimi pic nic.

Abbiamo pensato di portarla anche al mare e in vacanza con noi, visto che è davvero compatta, leggera e maneggevole.

Dentro ad una comoda sacchettina vi è tutto l’occorrente per montare l’amaca in pochi secondi…e se ci sono riuscita io può riuscirci chiunque!

Il materiale tecnico è di ottima qualità ( tessuto paracadute WOW ) ed il colore bellissimo, si può scegliere tra tanti ma io mi sono fatta ispirare dal colore del cielo e del mare…e del pantone 2020: il blu!

Occorrente per il pic nic perfetto

Devo dire che questa amaca gigante matrimoniale va a completare il nostro kit per pic nic di relax ad alto tasso di design composto da:

Una meravigliosa lampada impermeabile da outdoor, “Queen” di linea zero, a batteria ricaricabile, controllabile a distanza con telecomando e facilemnte trasportabile

La nostra bellissima borsa termica con i cactus per tenere bevande e cibi in fresco e trasportarli con comodità

Il nostro plaid da pic nic anch’esso facilmente richiudibile e trasportabile!

Ci stiamo attrezzando per giornate al TOP perchè ogni attimo va vissuto con gioia, allegria, comodità e bellezza…meglio se all’aria aperta.

Ho apprezzato davvero moltissimo questa amaca per la qualità dei materiali, la facilità di montaggio, la comodità di trasporto e la bellezza dei colori e non ultimo il fatto che Tropilex doni l’1% di ogni vendita per la salvaguardia del nostro pianeta, cosa da non sottovalutare assolutamente.

L'articolo Su un’ amaca gigante… aspettando la primavera proviene da Architettura e design a Roma.