8 Novembre 2013 / / Coffee Break

Questo loft a Bruxelles, realizzato da Bekhor Architecte, era in origine un laboratorio di falegnameria ed è stato abbandonato per 20 anni; con il recupero attuale i muri in mattone sono stati riportati a vista e è stata data un’impronta fortemente strutturale grazie alle travi in ferro a vista.


_________________________

CAFElab | studio di architettura


6 Novembre 2013 / / Coffee Break

È online Rimetti la casa al centro del tuo mondo il nuovo sito promosso dal Governo con la guida dedicata alle agevolazioni fiscali per la casa. A promuovere il progetto è il Governo, autore di una guida che spiega nel dettaglio gli incentivi e le detrazioni previste per lariqualificazione energetica degli immobili, compreso l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici come anche le agevolazioni per l’adeguamento antisismico.

Il sito consente anche di scaricare specifiche guide realizzate a cura dell’Agenzia delle Entrate e dedicate alle “Agevolazioni fiscali per il risparmio energetico”, ai “Bonus mobili ed elettrodomestici” e alle “Ristrutturazioni edilizie”.

Rimetti la casa al centro del tuo mondo


_________________________

CAFElab | studio di architettura


6 Novembre 2013 / / Coffee Break

Colori vivaci e fluorescenti, dettagli colorati, insomma il colore contraddistingue in vari modi queste cucine! Enjoy it!

Via OneKindDesign


_________________________

CAFElab | studio di architettura


5 Novembre 2013 / / Coffee Break

Il recupero di questa immensa fattoria della Pennsylvania (USA) a cura di MSR Design è molto suggestivo; brani di muratura in pietra lasciati a vista, strutture in legno con volumi ampie luminosi, grazie agli inserti in vetro che lasciano entrare la luce diurna, insomma una reinterpretazione in chiave moderna di un edificio con una sua storia.

 

Via HomeDSGN


_________________________

CAFElab | studio di architettura


4 Novembre 2013 / / Coffee Break

Con immenso piacere vi segnaliamo l’articolo dedicato a Casa Appia Antica (realizzata da CAFElab Studio di Architettura a Roma – Italy) dal magazine DeAr, dedicato al mondo dell’arredo, del design e dell’architettura; inoltre in ambito internazionale ringraziamo HomeDSGN e Trendir per gli articoli che hanno pubblicato sul ns progetto.
Un ringraziamento inoltre, per averci pubblicato va ai seguenti siti:

Best of Interiors

Interior redesign seminar

Luxuries home design

Interior sign design

Architect lover

Home intent

Interior design trend

Ion Decorating

New home designz

Per info: CAFElab Studio di Architettura | Roma (Italy)

Per contattare CAFElab Studio di Architettura riempite il form sottostante:

CONTACT FORM


     

Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse


_________________________

CAFElab | studio di architettura


2 Novembre 2013 / / Coffee Break

Al momento di ristrutturare i vostri spazi, il primo problema con cui dovrete scendere a patti sarà quello del budget: non importa se sarà alto o basso, largo o stretto, dovrete fare attenzione per non incorrere in costosi errori di valutazione!

Bisogni vs Necessità
Prima di procedere a qualsiasi acquisto, vi consigliamo di creare un elenco di ciò che possedete già; quindi, smistate arredi e complementi fra i vari ambienti, naturalmente secondo l’importanza che ogni determinato oggetto riveste per voi. Apparirà subito chiaro cosa NON AVETE e ciò DI CUI AVETE BISOGNO, e le vostre ricerche saranno molto più facili!

Priorità
Prendetevi del tempo per valutare e quindi assegnare le giuste priorità agli elementi che compongono la vostra listala vostra lista, per capire come allocare al meglio le vostre risorse, e soprattutto, per individuare ciò che farebbe aumentare la qualità della vita nei vostri ambienti.

Gestione
Dopo aver buttato giù le vostre esigenze, averle ordinate per priorità, è arrivato il momento di fare una stima di spesa; internet può aiutare molto in questa fase, visto che praticamente è possibile cercare il prezzo di ogni arredo. In questo modo, arriverete preparati alla fase di acquisto, con uno scarto minimo rispetto a quanto preventivato!

Shopping Time
E’ vero, fare shopping d’impulso è molto divertente, e sicuramente appagante! Inoltre, è molto più divertente comprare – ad esempio – un cuscino bordato di piume di struzzo che non valutare l’utilità di un materasso o di una rete ortopedica…ma “purtroppo” è necessario in fase di spesa assicurarsi di avere gli elementi essenziali prima di dedicarsi agli accessori.

Progettazione & Design
Se contate di rimanere, diciamo, per più di 5 anni in un appartamento o una casa, che magari è anche di vostra proprietà, forse vale la pena di farvi coadiuvare da un esperto per la progettazione ed il design dei vostri ambienti, devolvendo a questo scopo una parte del budget. Infatti, spesso si sceglie di accontentarsi di una soluzione “a basso budget” per scoprirsi a sostituirla o rinnovarla dopo poco tempo perchè non soddisfa nella funzionalità o nella qualità.

Sorpresa!
Last but not least, nell’elenco di questi consigli, l’ultimo è quello di lasciare una parte di budget per le sorprese, belle o brutte che siano. Potrà capitare una lavorazione o un acquisto inatteso ma necessario oppure…se sarete stati oculati, potrete arrivare ad avere un piccolo fondo accantonato da spendere per soddisfare i vostri desideri nascosti!

Via Lonny Magazine | Design-Milk

Devi ristrutturare o semplicemente vuoi dare un nuovo volto ai tuoi ambienti? Contattaci subito e richiedi un preventivo!

CONTACT FORM


Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2013 / / Coffee Break

I due fratelli Homer Lusk e Langley Collyer sono noti per la loro natura ossessivo-compulsiva, fonte d’inspirazione per il programma TV “Sepolti in Casa”
Figli di una famiglia newyorkese altolocata, rimangono soli nella casa di Harlem;  il quartiere originariamente di lusso, a prevalenza bianca, in cui risiedevano molti professionisti altolocati e grossi nomi della finanza e dello spettacolo, perde velocemente lo status di zona bene diventando malfamato, i fratelli reagiscono a questo cambiamento facendosi sempre più reclusi ed eccentrici.

La loro casa si riempie a poco a poco degli utensili più disparati che i Collyer accatastano ovunque: giocattoli, carrozzine deformate, pezzi di violini, corde e cavi elettrici attorcigliati a pile di giornali vecchi di anni, cataste di scatoloni pieni di bicchieri rotti, cassepanche ricolme di lenzuola di ogni genere, fasci di decine di ombrelli, candelabri, pezzi di manichini, 14 pianoforti, un’intera automobile disassemblata e un’infinità di altre cianfrusaglie.

Sepolti in casa

Negli anni ’30 Homer diventa cieco. Langley, allora, decide di prendersi cura del fratello, e la vita dei due si fa ancora più misteriosa e appartata.
Homer resta sempre sepolto in casa, all’interno della fitta rete di cunicoli praticati all’interno della spazzatura che ormai riempie la casa fino al soffitto; Langley esce di rado, per procurarsi le cento arance alla settimana che dà da mangiare al fratello nell’assurda convinzione che serviranno a ridargli la vista.

Trappole e trabocchetti

I ragazzini tirano i sassi alle loro finestre, li chiamano “i fratelli fantasma” gira voce che siano estremamente ricchi, dopo qualche tentativo di furto, Langley diviene sempre più ossessionato dall’idea che qualche intruso possa fare irruzione nel loro mondo distorto; così, costruisce una serie di trappole, anche mortali, che dissemina nella confusione di oggetti stipati in ogni stanza.

Chiunque abbia l’ardire di entrare nel loro mondo la pagherà cara.

Nel Marzo del 1947, mentre sta portando la cena a Homer, strisciando attraverso un tunnel scavato nella parete di pacchi di giornale, Langley attiva per errore uno dei suoi micidiali trabocchetti: la parete di valigie e vecchie riviste gli crolla addosso, uccidendolo sul colpo.

Qualche metro più in là sta seduto Homer, cieco e ormai paralizzato, morirà di fame e di sete qualche giorno più tardi.
Il 21 marzo del 1947 un informatore anonimo chiama il 122° distretto di Polizia affermando che c’é un cadavere nella casa dei fratelli. La polizia, con grandi difficoltà fa irruzione nell’appartamento, ma il corpo di Langley, sepolto sotto uno strato di immondizia, non viene trovato e gli investigatori attribuiscono l’insopportabile odore alla quantità di immondizia.

Contenuto della Casa

Tra gli oggetti rimossi dalla casa si trovarono un passeggino, un passeggino per bambole, biciclette arrugginite, cibo andato a male, pelapatate, una collezione di armi, candelabri di cristallo, palle da bowling, la capote di un calesse, un cavalletto, tre manichini, ritratti, foto di pin-up, busti in gesso, il baule della Signora Collyer, una stufa a kerosene, un sediolone da bambino, più di 25000 libri, organi umani sotto formalina, 8 gatti vivi, tappezzeria, centinaia di rotoli di tessuti e seta, orologi , 14 pianoforti sia a coda che verticali, un clavicordo, 2 organi, alcuni benjo, violini, corni da caccia, organetti, un grammofono con dischi e innumerevoli pacchi di riviste e giornali, alcuni dei quali risalenti a decine di anni prima.
Gli agenti, dopo quasi due settimane di ricerche fra le ben 180 tonnellate di rifiuti accumulati dai Collyer negli anni, trovano Langley l’8 aprile, mentre il cadavere è già preda dei topi.
La casa, ritenuta pericolosa secondo le norme antincendio, venne rasa al suolo.

La sedia

La sedia dei Collyer passò attraverso diversi collezionisti privati fino alla rimozione dall’esibizione al pubblico dal 1956.
Col passare del tempo la fama sinistra dell’oggetto aumentò per colpa del destino dei possessori ed oggi è proprietà di Babette Bombshell di Orlando, una collezionista di oggetti strani e rarità.

Fonti: wikipedia
Bizzarro Bazar


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2013 / / Coffee Break

Scarica il calendario di novembre FREE per tutti i nostri lettori!

Scegli la dimensione adatta al tuo schermo, in formato 4:3 o 16:9.

  

Per contattarci o visionare alcuni dei nostri lavori:
www.cafelab.it

CONTACT FORM


Html email form powered by 123ContactForm.com | Report abuse


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2013 / / Coffee Break

Un buon Halloween a tutti i nostri amici lettori!!! E attenzione...trick o treat?


_________________________

CAFElab | studio di architettura


30 Ottobre 2013 / / Coffee Break

Riuscire a ricavare uno spazio, anche piccolo da dedicare a Home Office, per studio, lavoro o divertimento è una tendenza molto sentita!

Ecco alcuni esempi di spazi ridotti ma funzionali, fra cui uno realizzato da noi CAFElab Studio di architettura, per uno dei nostri ultimi progetti, casa Appia Antica, una piccola postazione di lavoro che scompare dietro a dei pannelli realizzati con lo stesso legno della pavimentazione.

Una soluzione che privilegiamo [tweet this] in quanto, come sa bene chi lavora da casa, è fondamentale distinguere accuratamente gli spazi e i tempi dedicati al lavoro da quelli dedicati alla casa e alla famiglia;
in questa maniera riusciamo a nascondere alla vista documenti, carte e computer, in più lasciando in ordine il soggiorno.

Immagini: Pinterest


_________________________

CAFElab | studio di architettura