18 Maggio 2016 / / Architettura

​Un loft a Milano, in zona Porta Garibaldi, aveva bisogno dell’intervento di un interior designer che potesse studiarne la progettazione di interni, per sfruttare tutti gli spazi.
Soffitti alti ma spazi limitati per un famiglia di due adulti e una bambina! Per questo sono stata contattata e abbiamo dato il via alla progettazione di interni di questo loft nel cuore di Milano.

La richiesta principale era quella di studiare la creazione di armadiature per sfruttare in maniera funzionale tutti i possibili spazi, con soluzioni pratiche e, ovviamente, belle.
E’ qui che sono entrata in gioco io: grazie al primo sopralluogo, mi sono fatta da subito un’idea delle possibili soluzioni. La casa si presentava già con un soppalco, troppo stretto e che necessitava di essere allargato. Ma non ti anticipo niente! 
Scopriamo insieme quali esigenze sono state affrontate e quali scelte sono state portate avanti nel corso del progetto.  

Progettazione interni loft Milano

COLPO D’OCCHIO
Chi ci abiterà: mamma, papà e figlia
Esigenze principali: creazione di armadiature; sfruttare al meglio gli spazi; ricollocare alcuni arredi già in possesso
Progettazione di interni loft Milano

La camera matrimoniale sul soppalco

​La camera matrimoniale è stata pensata sul soppalco: il suggerimento è stato quello di ampliare la profondità del soppalco dai 170cm attuali a 240cm, visto che lo spazio lo permetteva. In questo modo si riesce a posizionare un letto matrimoniale lasciando anche un passaggio da uno dei due lati, in modo da non avere troppa difficoltà quando si tratta di rifare il letto o cambiare le lenzuola.
Si riesce anche a ricavare lo spazio per un comodo cassettone. 
Camera da letto su soppalco in loft

​L’idea di avere però la camera a vista sul soggiorno può non entusiasmare, inoltre per il marito era importante poter avere buio assoluto una volta a letto! Per questo ho proposto l’installazione di un binario a cui montare delle tende scorrevoli color grigio scuro. Gli accessori necessari si possono trovare facilmente anche da Ikea. Questo permette anche di nascondere la camera matrimoniale nel caso in cui si abbiano ospiti e non si riesca proprio a riordinare. 
Camera da letto su soppalco in loft

Camera da letto su soppalco in loft

Cucina e zona living

​La cucina è ridotta al minimo ma è super funzionale. Si è riusciti a ricavare anche un piccolo bancone snack per la colazione. Il frigorifero rimane a libera installazione, posizionato sotto il soppalco sfruttandone parte dello spazio, che, come vedremo più avanti, non viene assolutamente lasciato vuoto! Di fianco al frigorifero rimane lo spazio per creare un’altra zona contenitiva, con ante, cassetti e un piccolo microonde da incasso.
Progettazione di interni loft Milano

Tutte le ante sono laccate opache: di più facile manutenzione e più eleganti del lucido.
In linea con il tavolo, ho consigliato l’inserimento di due stampe a inchiostro su pannello in legno, ricavate da fotografie di Milano in alta risoluzione. 
Progettazione di interni loft Milano

​Nella zona TV, troviamo alcuni mobili recuperati dalla precedente abitazione: un sideboard in legno scuro e una radio Brionvega che richiamano lo stile industrial. 
Progettazione di interni loft Milano

La cabina armadio sotto il soppalco

La zona sotto il soppalco è molto preziosa, soprattutto in casi in cui non si hanno a disposizione ampi spazi. E’ per questo che ho pensato di chiuderlo con cartongesso e porta scorrevole filomuro, che, come tutti le altre porte suggerite, hanno la caratteristica di non avere lo stipite e di poter essere pitturate come il muro.
All’interno, si ha l’opportunità di creare una cabina armadio funzionale e con buoni spazi di movimento. 
Cabina armadio loft Milano

Tutte le luci della sala sono di Flos: l’IC Light sopra il tavolo e il divano, l’Arco di Castiglioni che i committenti già possedevano, e le Glo Ball per l’ingresso, zona soppalco e zona cabina armadio.
Spunta la Tolomeo di Artemide basculante sopra il bancone snack.

La cameretta

La cameretta aveva a disposizione una zona soppalcata che però risultava davvero troppo bassa per poter farci stare una camera (130cm di altezza tra fine del soppalco e soffitto). La zona del soppalco si sviluppa praticamente sopra al bagno. 
Per cui si è optato per posizionare il letto in basso e sfruttare la parete del soppalco con armadiature su misura, in modo che per l’ultima parte si potesse creare una ulteriore zona contenitiva con ante scorrevoli e che fosse molto più profonda del resto delle armadiature (almeno 1metro, 1.20 metri) dal momento che si sviluppava sopra il soppalco (profondo complessivamente 2metri).

Progettazione interni loft Milano

Bagno con doccia passante

​Il bagno dà direttamente sul soggiorno, per cui c’era la necessità di mantenere l’antibagno. La proposta, subito piaciuta, è stata quella di creare una doccia passante, che permette di separare la zona lavabo dalla zona sanitari, dando la possibilità di inserire una doccia che può potenzialmente essere larga quanto il bagno.
Le comode porte scorrevoli in vetro extrachiaro permetteranno il passaggio quando la doccia non è utilizzata.
Bagno con doccia passante

​Un bagno che anche in questo caso può essere dal sapore moderno ma con cenni industrial: lavabo in finitura rovere abbinato a gres effetto pietra posizionato solo dal lato sanitari, lavabo e doccia.
Le pareti interne della doccia si possono caratterizzare anche con rivestimenti completamente diversi, come cementine o il gres effetto tessuto di Ceramiche Sant’Agostino
Rivestimento interno doccia

La linea effetto tessuto di Ceramiche Sant’Agostino
Immagine

Linea Materika Marazzi
Un rivisitazione industrial è stata richiesta anche per la zona giorno, dove la cucina assume colori più scuri, il soppalco viene verniciato in nero,  gli infissi e  il divano diventano grigio scuro. 

Progettazione interni stile industrial loft

Progettazione loft industrial

Cosa ne pensi? tu quale versione preferiresti, se dovessi scegliere?

Se ti piace questo progetto, condivi e metti un bel “Mi piace”! fa sempre piacere 🙂

6 Maggio 2016 / / Easy Relooking

Arredare l’ingresso di casa, piccolo o grande che sia, è importante perché è il biglietto da visita dell’abitazione. 
Purtroppo nelle nuove costruzioni, anche quelle di ampia metratura, spesso l’ingresso non è neanche presente. Per me invece è importantissimo! Non pretendo un ingresso grandissimo, da villa americana per intenderci, ma almeno un piccolo disimpegno iniziale dove accogliere gli ospiti. Non credi? 
Detto questo, se sei capitata su questo articolo, significa che hai la fortuna di possedere una casa con ingresso! Complimenti, quindi devi valorizzarlo al meglio. In questo post ti presenterò alcune idee e spunti d’arredo per arredare l’ingresso di casa
Arredare ingresso

Ottimizzare gli spazi della zona ingresso

​Se lo spazio lo consente, è utile ricavare una zona appenderia per giacche e cappotti degli ospiti. Si evita in questo modo di dover portare i giacconi in camera da letto o abbandonarli sul divano.
Belle in questo caso le soluzioni con porte a filomuro, dove dietro una porta scorrevole o porta a libro si nasconde la zona appenderia.  La porta filomuro ha proprio la caratteristica di nascondersi con il muro fin quasi a scomparire, adatta per arredare un ingresso in stile moderno e minimal. 
Arredare ingresso con zona appenderia o ripostiglio

Le porte filomuro si prestano anche a essere rivestite con la carta da parati! Come nel caso di questo mio progetto, in cui la zona appenderia in ingresso è stata rivestita con una carta da parati della Wall&Decò. 
Arredo ingresso con zona appenderia

Se non si ha molto spazio invece, una soluzione valida per risolvere il problema cappotti degli ospiti è inserire un appendiabiti di design, sia da terra che da parete.
Simpatici e giovanili i pomelli “Chiodo” colorati di Miniforms. 
Appendiabiti per ingresso

Chiodo by Miniforms

Illuminazione in ingresso: no agli ingressi bui

​Puoi creare un ribassamento con i faretti per un’ambientazione moderna e minimal. 
Faretti ingresso

faretti in ingresso

O mantenere un punto luce centrale inserendo una lampada che diffonda la luce, come la Dioscuri di Artemide, presente ad esempio in questo ingresso. L’importante è che quando si entra, non ci si trovi al buio.
Illuminazione ingresso

Il colore in ingresso

​Quello dei colori è sempre un tema personale. A parte il caso di effetti particolari da creare che siano studiato in relazione a luce e arredi, consiglio sempre un colore chiaro e luminoso. Questo perché è raro che in ingresso arrivi luce diretta dalle finestre e quindi spesso è già di per se un ambiente poco luminoso (vedi il punto precedente sull’illuminazione). Eviterei quindi l’utilizzo di colori scuri! 
Arredare ingresso colore chiaro

www.planete-deco.fr
28 Aprile 2016 / / Easy Relooking

In questo articolo ti presento uno degli ultimi progetti conclusi: la progettazione di interni di una casa unifamiliare in costruzione. Non è la prima volta che mi capita di progettare gli interni di un’abitazione che è in fase di realizzazione: avevamo già visto la casa di F&F in “Come arredare un open space cucina e soggiorno”  dove avevamo un open space con cucina a vista. E non sarà l’ultima visto che proprio mentre pubblico l’articolo sto già lavorando alla disposizione di interni per un’altra casa in costruzione!
Rivolgersi a un professionista mentre la casa è in fase di realizzazione è un’ottima soluzione, perché si ha molta più libertà nelle scelte e si può studiare una soluzione ad hoc senza (o con pochi) compromessi.

In questo progetto in particolare, si è iniziato considerando la cucina e il living, dove la zona pranzo e la zona soggiorno sono ben distinte.
Continua nel post per scoprire chi ci abiterà e quali erano le esigenze e i desideri da rispettare!

Progettazione soggiorno con cucina separata

COLPO D’OCCHIO
Chi ci abiterà: una giovane coppia, in dolce attesa
Richieste: camino, per cui era già stata prevista la canna fumaria, zona armadiatura in ingresso per le giacche degli ospiti, piano cottura su isola o penisola posizionata centralmente in cucina, senza piano snack
Stile: contemporaneo, moderno

 

Progettazione soggiorno con cucina separata

 Iniziando dall’ingresso, l’idea proposta è stata quella di creare un ribassamento sinuoso che avesse lo scopo di:
  • Delimitare la zona ingresso dalla zona living
  • Inglobare la colonna portante che altrimenti sarebbe stato isolata in mezzo al soggiorno
  • Accogliere gli ospiti, creando un percorso luminoso studiato con faretti regolabili con il dimmer

La creazione del ribassamento permette inoltre di inserire una striscia led di luce bianco-calda rivolta verso la zona living. Un mobile sospeso con anta a ribalta e con mensole in Briccola di Venezia arreda l’ingresso senza appesantirlo.

La creazione del ribassamento permette inoltre di inserire una striscia led di luce bianco-calda rivolta verso la zona living.
Un mobile sospeso con anta a ribalta e con mensole in Briccola di Venezia arreda l’ingresso senza appesantirlo.
La finitira Briccola mi piace molto e permette di scaldare un mobile che solo opaco potrebbe rendere troppo freddo l’ambiente. Questo mobile lo trovi su Arredaclick, con cui EasyRelooking ha una partnership: progettando cone me, si può accedere anche a un piccolo sconto aggiuntivo sui prezzi già scontati di Arredaclick.

La carta da parati diventa protagonista

Già dall’ingresso si intravede quella che è la vera protagonista della sala: una carta da parati della Wall&Decò sui toni del verde e oro. Inserisce un elemento di verde, staccando dai colori grigi tenui e bianchi della sala. Contrasto creato apposta ovviamente! La carta da parati inoltre ha la funzione utile di nascondere la zona armadiatura per le giacche degli ospiti, creata su misura.

Progettazione soggiorno con cucina separata

Un armadio nascosto, chi non lo vorrebbe?

Progettazione soggiorno con cucina separata

Anche il mobile del soggiorno è studiato su misura, con la parte a sinistra del camino (posizione obbligata) sfruttata in altezza con ante push pull e vani a giorno.
Tutto rigorosamente laccato opaco sulle tonalità del grigio perla.

Il divano bifacciale crea continuità tra zona soggiorno e zona pranzo

Il divano modulare di Bonaldo è anche bifacciale e dà continuità tra la zona soggiorno e la zona pranzo. In un dopo cena, chi si siede sul divano può rivolgersi anche verso il tavolo da pranzo!

Progettazione soggiorno con cucina separata

E’ nella sala da pranzo che ritroviamo il colore, sempre equilibrato e non invadente. Il grigio si abbina al senape spento della parete, intonato alla madia by Lema, con colori scelti ad hoc (madia disponibile in moltissime combinazioni di colore).

Progettazione soggiorno con cucina separata

Progettazione soggiorno con cucina separata

Per la cucina, il piano cottura è centrale

Progettazione cucina separata da soggiorno

Si arriva infine alla zona cucina, con doppia apertura su soggiorno e sala da pranzo. Nonostante, devo ammetterlo, i miei tentavi di convincere i committenti a modificare e/o a chiudere le aperture della cucina (per avere uno composizione più lineare e una cucina con molto più spazio contenitivo), i committenti hanno preferito mantenerla così.

Progettazione cucina separata da soggiorno

Qui il progetto ha previsto il piano cottura su penisola che fosse disposto al centro della composizione e armadiatura con colonna forno e dispensa. Frigorifero a parte e a libera installazione. Il grigio opaco delle basi della cucina, da sembrare quasi bianco, si abbina al grigio blu spento dei due pensili, richiamati dalle bellissime piastrelle Tratti di Mutina nella combinazioni di colori più accesa.

Progettazione cucina separata da soggiorno

Piastrelle rivestimento cucina Tratti by Mutina

Tratti by Mutina

Cosa ne pensi di questo progetto?
Se lo hai apprezzato, fammelo sapere nei commenti o con un Mi Piace al post!Cosa invece avresti inserito di diverso?Trovi il book caricato anche nella sezione progetti con indicati alcuni degli arredi inseriti.

L’articolo Unifamiliare di V&A: progettazione soggiorno con cucina separata proviene da easyrelooking.

20 Aprile 2016 / / Easy Relooking

Venerdì 15 Aprile per il Fuorisalone 2016 a Milano, sono stati invitata come professionista del giorno da Houzz!
Lo stand si trovava in Via Tortona 31, nella location conosciuta come Opificio 31: un’area di svariati metri quadrati che propone sempre diverse installazioni avendo a disposizione molti spazi, sia chiusi che aperti.
Lo stand consisteva in una casetta di vetro decorata con piante e accessori verdi, che è il colore principale di Houzz.

Il mio tema del giorno? “Organizzare e ottimizzare gli spazi in casa“, con particolare attenzione allo studio dello spazio per ricavarne armadiature o zone ripostiglio a volte anche invisibili o mimetizzate. Insomma tutti quei trucchi ottimizzare lo spazio!
Quel giorno ho avuto finalmente modo di conoscere chi fino a prima avevo solo sentito per telefono: cioè Franscesco e Silvia, due dei tanti italiani che lavorano nella sede Houzz a Berlino e che gestiscono la comunicazione e la community online di Houzz.
Prosegui nel post per vedere altre foto scattate quel giorno, anche con Francesco e Silvia!
E’ stato un pomeriggio positivo, circodata dall’atmosfera del Fuorisalone 2016: ho avuto modo di spiegare a professionisti e studenti interessati quale fossero i vantaggi di essere iscritti ad Houzz e soprattutto scambiare contatti con potenziali clienti.
Tra l’altro ho notato che erano presenti davvero molti stranieri!Grazie Houzz, sono stata felicissima! alla prossima!

L’articolo Fuorisalone 2016: un pomeriggio da professionista allo stand Houzz Italia proviene da easyrelooking.

8 Aprile 2016 / / Design

Tanta confusione, tanti articoli, tanti eventi. Ma per chi vuole vedere davvero qualcosa legato al Design, condito con una spolveratina di Food, dove deve andare?
Ecco perché io, per te, mi sono fatta un po’ largo tra i vari inviti arrivati per l’inaugurazione del Fuorisalone e tra le informazioni che si trovano in internet e ne ho scelti 5!
 
Continua a leggere per segnarti in agenda i 5 eventi del Fuorisalone 2016 consigliati by Easy Relooking che secondo me vale davvero la pena vedere. Io questi li ho già messi in programma, tu cosa dici?  Per seguire i miei “spostamenti” dal vivo, ti consiglio di seguirmi su Facebook o su Instagram

La guida ai 5 eventi consigliati la puoi anche portare con te! scarica qui sotto il file pdf, stampalo fronte e retro e avrai indirizzi e mappa sempre con te 🙂

fuorisalone2016.pdf
File Size: 814 kb
File Type: pdf

Scarica file


Wall&Decò “Wall Paper Machine”, 12-17 Aprile

​Installazione dove le carte da parati di un marchio che a me piace moltissimo – Wall&Decò – diventano protagoniste!
Wall&decò presenta la collezione di carta da parati da interni 2016 in due location
esclusive: il nuovissimo Showroom di via Solera Mantegazza 7, uno spazio di 300
mq che proprio durante il Fuorisalone vedrà l’inaugurazione ufficiale, e il Temporary
Showroom di via Palermo 1
, presso Raw Brera.
Carinissima l’idea della WallPaper Machine: nello Showroom di via Solera Mantegazza, grazie alla tecnologia del vapore, un gomitolo di lana può evolversi in carta da parati.
La stessa metamorfosi, tra scoppi, luci e fumi, la possono subire le carte da gioco o i ritagli di giornale.
E il visitatore può portare via con sé un pezzo di carta appena uscita da questa singolare macchina “magica”.
Da non perdere anche le installazioni con il sistema Wet System adatte ad ambienti umidi: via libera alla carta da parati in bagno o in cucina! Ne parlavo già tempo fa in questo post “Carta da parati: da oggi anche in bagno!”
Wall&Decò fuorisalone 2016

Archiproducts “Live, Work, Design”, 12 – 17 Aprile

Dal 12 al 17 Aprile in Via Tortona 31 Archiproducts Milano, in occasione del Fuorisalone, ospiterà Live, Work, Design, ad ingresso gratuito.
Per l’occasione il grande appartamento di via Tortona diventerà una “co-networking hub”, ovvero un luogo in cui vivere, lavorare e incontrarsi;
Potrai vedere realizzazione di brand molto noti nel mondo del design: Desalto, Saba Italia, Vibia, Ton, NORR11, Ethimo, Simes, Alpes Inox, Vitrum, Hey Sign, Dieffebi, Kriska Decor, Stellar Works, Buxkin, Roofingreen, Velux, Kiasmo, Iittala

Per pre iscriversi all’evento, clicca qui 

L’evento “Maistri la Cucina” nel Sant’Ambrogio Design Destrict – Giovedì 14 Aprile

E’ scritto proprio Destrict e non District (non è un errore di battitura 🙂 )

Un distretto giovane che promuove eventi dal Food al Design tra Piazza Sant’ambrogio, Piazzale Baracca, Cadorna, De Amicis e Ticinese.

Per chi ama unire il cibo al design, consiglio l’evento “Maistri la Cucina” giovedì 14 aprile alle ore 20:00 da Actual Spotti in Via San Michele del Carso 4. Troverai uno spazio di puro design, con cucine Maistri, zone giorno Former e imbottiti Vibieffe. Il tutto completato da showcooking by Electrolux e degustazione vini Cantine Cottini di Verona.

​Io voglio già essere lì.

Per altri eventi, visita il sito del distretto.

Eventi fuorisalone Milano 2016

Eventi Fuorisalone Milano 2016

Brunch domenicale agli Orti di Leonardo – Domenica 17 Aprile

Ancora una volta, cibo e design si incontrano.

La location si chiama Orti di Leonardo proprio perché è strettamente legata a Leonardo da Vinci, che pochi sanno (io non lo sapevo, piacevole scoperta) che nel periodo che trascorse a Milano, ricevette in dono da Ludovico il Moro una vigna e un orto a pochi passi dal Cenacolo delle Grazie. Il ristorante Gli Orti infatti è collocato in un’ala dell’ex convento. 
I temi di questa installazione, a cura di Principioattivo Architecture Group e Orama Factory, saranno ecologia e riciclo e infatti gli oggetti di design e i mobili saranno realizzati con cellulosa da recupero. Ci sarà anche un’installazione per i più piccoli, a sorpresa.

Potremo quindi gustarci un brunch sedendoci sulle sedute predisposte o direttamente sul prato. Menù molto vario, da piatti vegetariani, a sandwich, primi, carni e affettati.
Preparati, perché se sarà una bella giornata di sole, prevedo moltissima gente. 

Evento Fuorisalone 2016 Orti di Leonardo

Color Inside di Andrea Castrignano, 12-17 Aprile

​Da amante quasi maniacale del colore (chi ha avuto modo di progettare con me – da clienti a collaboratori – sa quanto sia fissata sul colore e sul valutare le giuste sfumature a seconda del contesto) non potevo non condividere l’evento Color Inside di Andrea Castrignano.
Andrea è l’ormai celebre interior designer che tutti avremo visto nei programmi di Real Time.

Cinque saranno le ambientazioni ricreate nel loft di Via Adige: dehor esterno, sala da pranzo, zona living, camera da letto e bagno.
Il colore diventa il filo conduttore tra gli ambienti che rivela ai visitatore quanto è importante l’uso del colore in un progetto di interni.

Si chiude con un tuffo nel benessere nella Home SPA progettata da Andrea Castrignano e un immancabile spazio dedicato al food.
Anche qui alla fine food e design vanno a braccetto!

Io ci sarò! e tu? 

Evento Color Inside Andrea Castrignano Fuorisalone 2016

Ma l’anno scorso al Fuorisalone 2015?

Per le foto e gli articoli del Fuorisalone 2015, ti rimando alla categoria Fuorisalone Milano
2 Aprile 2016 / / Design

Ieri ho postato sulla pagina Facebook l’immagine che vedete nell’anteprima di questo post, chiedendo di indovinare quale fosse il brand che ha lanciato la nuova line di arredi in stile nordico per la cameretta. Stupore quando si è scoperto essere Ikea!
Devo dire che Ikea quest’anno mi sta davvero stupendo con un sacco di nuove collezioni! 

Abbiamo visto in Febbraio la collezione in edizione limitata TILLFALLE e altri nuovi arredi che ho elencato in una lista con i 10 arredi da non perdere

Non posso ora non condividere anche questa nuova fantastica linea di arredi in legno per la cameretta!
Scopriamola insieme nel post. Questo mi ha dato modo di inoltrarmi più a fondo nel mondo arredi-in-legno per i più piccoli. E guarda un po’ che bel brand ho trovato (lo scopri in fondo al post). Prima però leggiamo cosa ci propone Ikea.  

Arredi cameretta Ikea Flisat

Ikea propone la collezione FLISAT, una linea di arredi per bambini totalmente in finitura legno! La collezione è disponibile da Aprile e quindi forse puoi già trovarla in qualche Ikea in Italia. 

E’ una collezione che mi piace molto per diversi motivi:

  • Questa tonalità di colore del legno si abbina facilmente e dà senso di calore
  • Può essere, volendo, laccato di un altro colore
  • Gli arredi hanno una linea semplice e pulita, molto nordic style (che come sai a me piace molto!) 

Per la camera dei bambini i nuovi arredi in legno FLISAT di Ikea sono fenomenali. Peccato non ci fossero mesi fa quando ho avuto a che fare con la progettazione di una cameretta in stile nordico. Gli sgabelli e il carrellino li avrei proposti sicuramente! 

Arredi cameretta Ikea Flisat

Arredi cameretta Ikea Flisat

Arredi cameretta Ikea Flisat

Arredi cameretta Ikea Flisat

Arredi cameretta Ikea Flisat

In caso di arredi in legno, è bene comunque evitare di acquistare tutto color legno ma fare un buon mix tra effetto legno e mobili laccati e/o colore. La camera dei bambini si presta molto bene a questo mix di soluzioni in legno con tocchi di colore! 
Ovviamente gli arredi in legno, anche quelli dell’Ikea certo, possono essere dipinti, cambiandogli completamente aspetto.
Guarda ad esempio questo pensile in legno dell’Ikea, come è stato trasformato dipingendo profili di montagne e pinete. Approvato per una cameretta e se sei un bravo pittore! 
Arredi cameretta Ikea

Therustyhome.dk
​Invece quest’altro cassettone guarda come ha cambiato aspetto! Questo è già più facile da replicare.
Arredi cameretta Ikea

Planete-deco/Skonahem

Kutikai – ispirazioni naturali per la cameretta

​Scopriamo anche l’altro brand di cui ti ho parlato all’inizio del post!
Un brand interessantimo per rimanere in tema di arredi in legno per la cameretta.
Più costoso di Ikea, ma non immaginarti prezzi folli. Ma guarda quanto sono belli! 
Amore a prima vista.
Arredi cameretta in legno

Arredi cameretta in legno

Arredi cameretta in legno

Arredi cameretta in legno

​Gli arredi sono davvero belli e soprattutto naturali e ecologici!
Ti consiglio un giro sul sito ufficiale www.kutikai.pl, disponibile nella versione inglese.
La bella notizia? Spediscono in tutta Europa!

Cosa ne dici di questi arredi in legno per la cameretta dei bimbi? Se anche tu ami il design nordico, non puoi che essere rimasta affascinata da queste immagini! 

30 Marzo 2016 / / Design

Nell’offerta di arredo, esistono soluzioni interessantissime per arredare la zona lavanderia: uno spazio che ritengo utilissimo!
Chi ha la fortuna di adibire un piccolo angolo o stanza a zona lavanderia, ha risolto gran parte dei suoi problemi in casa, perché la lavanderia si presta ad essere un luogo dove vale tutto: il disordine può regnare sovrano purché sia in ordine tutto il resto della casa! E‘ il luogo jolly insomma, dove puoi stendere, mettere il cesto della biancheria fino a ricavarti un posticino per il tuo hobby! È questo il caso di una cliente che, avendo una zona lavanderia spaziosa, mi ha chiesto anche di pensare a un angolino dove potesse lavorare indisturbata al suo hobby, cioè creazione di oggetti fatti a mano. Si tratta quindi di un mamma-crafter

Vediamo insieme le soluzioni proposte.

Arredare zona lavanderia

Gli elementi d‘arredo che non possono mancare in una zona lavanderia sono sicuramente:

  •  ampio lavatoio
  • lavatrice
  • asciugatrice

E‘ esteticamente bello prendere mobile lavabo coordinato con mobili in cui incassare lavatrice con sopra l’asciugatrice. Oltre che funzionale, perché si risparmia spazio nel mettere l’asciugatrice sopra la lavatrice!
Diversi produttori ormai propongono questo genere di soluzioni che a me piacciono molto e consiglio sempre perché danno senso di “tutto al loro posto”! 

La soluzione che ho proposto alla cliente infatti è stata proprio una di queste: qui sotto trovi la composizione RING di Gruppo Geromin che mi è piaciuta subito per la sua linearità.

Arredo zona lavanderia

Questa composizione invece è di un’altra azienda interessante che propone arredi anche per la zona lavanderia. Ha uno stile un po’ più industrial in questi colori e la lavatrice è nascosta nel mobile con le due ante. La stessa soluzione può essere scelta per l’asciugatrice. La composizione è della linea Acqua e Sapone della Birex.
Arredo zona lavanderia

Anche Arredaclick propone mobili lavanderia molto carini con ante pushpull dove nascondere lavatrice e asciugatrice. Utili soprattutto nel caso in cui dovessi inserire la lavatrice in bagno non avendo un locale lavanderia dedicato: si riesce a nasconderla e a creare una soluzione coordinata col mobile lavabo!
E’ il caso della serie Blizzard, abbinabile ai mobili della stessa serie, o della serie Atlantic
Arredare zona lavanderia

Serie Blizzard zona lavanderia – Arredaclick
Arredare zona lavanderia

Serie Atlantic zona lavanderia – ArredaClick
​Ma lo sai che EasyRelooking ha una partnership con Arredaclick? Progetta con me e potrai avere un consulente personale di ArredaClick che ti seguirà per i tuoi acquisti online, oltre ad inviarti foto dal vivo dei campioni di tessuti e colori! 
Nell’arredo della lavanderia, se c’è abbasta spazio, non può mancare un armadio porta scope con scarpiera e cesti porta biancheria! Se vuoi risparmiare qualcosina, il PAX dell’Ikea è una valida soluzione: componibile all’interno con diversi tipi di accessori. Consigliato! In particolare consiglio almeno due ante con:

  • anta libera con ripiano solo in alto per porta scope/secchi e altri accessori per la pulizia
  • anta con cestelli estribili porta biancheria e ripiani (per scarpe o asciugamani, a seconda delle necessità)
Arredare zona lavanderia

Armadio PAX – Ikea
Accompagna il Pax con un cesto portabiancheria: tra i più economici, consiglio quelli di Ikea e di H&M Home
Arredare zona lavanderia

Cesti biancheria Ikea e H&M

L’angolo dedicato alla mamma-crafter

​Come richiesta ulteriore, in questo caso ho dovuto pensare anche ad un angolo dedicato a una mamma crafter, cioè un angolo da creativi che al momento opportuno potesse essere sfruttato per dare sfogo alla creatività!
La soluzione è stata scovata su Arredaclick (mio fedele partner) e da Ikea:

  • il tavolo Spacebox appeso a parete di Calligaris con piano recrinabile, con inclusi piccoli vani a giorno dove sistemare tutto l’occorrente 
Arredare la zona lavanderia

Spacebox di Calligaris
  • lo scaffale Kallax di Ikea, con la possibilità di personalizzarlo con cassetti e ante. Perché lo spazio contenitivo serve sempre!
Arredare zona lavanderia

Scaffali Kallax – Ikea
Sempre per l’angolo craft, ma anche per il resto della lavanderia, è importante pensare all’illuminazione. 
Queste le proposte di EasyRelooking per l’illuminazione della zona lavanderia e della zona scrivania per la mamma-crafter.

L’illuminazione è sempre l’elemento che molti sottovalutano ma che è super importante, ricordatelo!

Arredare zona lavanderia

Cosa ne pensi dell’arredo di questa zona lavanderia? 
A me piacerebbe un sacco avere una stanza così attrezzata!! Cosa ne dici?
18 Marzo 2016 / / Design

Dedicare uno spazio per arredare un ufficio in casa è fondamentale per chi ha la necessità o la fortuna di lavorare da casa!
E’ uno dei casi che mi è capitato in uno degli ultimi progetti: una costruzione di una villa su due piani che abbiamo già visitato con il post “Come arredare un open space cucina e soggiorno – la casa di F&F” o con l’articolo sulla progettazione della cameretta della bambina, con cabina armadio
​In questo caso, i clienti hanno dedicato un’intera stanza per il loro ufficio in casa!

Vediamo quali erano le richieste?
RICHIESTE

  • Almeno due scrivanie, una più ampia per il marito e per ricevere anche clienti saltuari, e una più piccola d’appoggio utilizzabile dalla moglie
  • Numerosi cassetti e contenitori
  • Angolo dove sistemare la stampante
  • Spazio libero di manovra per lavorare sui progetti 
  • Attenzione al budget!

​Come puoi vedere dalla pianta in 2D, la stanza è assolutamente spaziosa e adatta per organizzare un ampio ufficio casalingo ma che sia professionale.
​Ho pensato di creare una zona di lavoro con la scrivania principale rivolta verso l’ingresso, in modo da mantenere la privacy di chi si trova al pc e accogliere in maniera adeguata i clienti.
Per i clienti in arrivo è stata predisposta una sedia, inizialmente posta lontano dalla scrivania, ma che al bisogno può essere avvicinata. La scrivania misura 2 metri per 1 metro di profondità: il piano di lavoro non manca! ​La Tolomeo di Artemide da tavolo illuminerà il lavoro quotidiano. 
​Alle spalle della scrivania principale, prende posto una comoda libreria con vani a giorno e cassetti, utili per archiviare materiale e documenti. In linea con la scrivania, anche lei è larga 2metri. 

Sia scrivania che libreria le puoi trovare su Arredaclick! Lo sai che EasyRelooking ha una partnership con Arredaclick che permette al cliente di avere un consulente personale che lo segue nell’ordine?

Le casse che vedi sopra la libreria fanno parte di un super impianto audio che i clienti hanno deciso di installare! E’ per questo che in una delle due soluzioni sono stati proposti dei pannelli colorati fonoassorbenti: funzionali e di design!  
​A fianco della libreria bassa, si ricava una zona per la seconda scrivania d’appoggio, molto più piccola di quella principale.
Verrà usata saltuariamente dalla moglie e sarà illuminata dal faretto Tolomeo di Artemide a parete, in modo da non avere niente che intralci sul piano della scrivania. Questa scrivania è di Ikea, dalle forme squadrate e minimal ben si adatta alla Arrow di Arredaclick
​Dal lato opposto della stanza, troviamo la zona stampante su un semplice mobile aperto e la sedia About a Chair di Hay, uguale alla seduta per la scrivania più piccola.
 
Inoltre, sono stati inseriti altri due cassetti sospesi ad apertura push-pull di Ikea, collezione Valje, in modo da avere altro spazio di archiviazione.
Per l’illuminazione, si avevano a disposizione 3 punti luce e ho proposte le Costanzine di Flos a sospensione.
Cosa ne pensi, avresti inserito qualcosa di diverso in questo progetto? Hai anche tu un angolo in casa dedicato a zona studio/ufficio?
​Fammelo sapere nei commenti 😉

Vuoi vedere altri render di questo progetto? Clicca sul pulsante seguente!

8 Marzo 2016 / / Design

Una partnership speciale è attiva per tutti i clienti di EasyRelooking!
Se progetti la tua casa o anche solo una stanza con EasyRelooking, potrai avere un consulente personale su ArredaClick, che ti seguirà nell’acquisto e configurazione dell’ordine.Continua a leggere per scoprire meglio come funziona e per conoscere ArredaClick!
progetta con EasyRelooking e Arredaclick

Come funziona la partnership EasyRelooking – ArredaClick?

Grazie al progetto con inclusa la selezione di arredi, tra i vari brand ho sempre proposto anche i prodotti di ArredaClick: arredi made in Italy con finiture e colori personalizzabili. La vastità di tipologie di arredo presenti è incredibile! Da tavoli e sedie, da divani e letti, fino a pareti componibili per il soggiorno.​Ho ovviamente provato io stessa ad acquistare numerosi arredi per la mia casa: mi sono sempre trovata molto bene e quindi non ho alcun dubbio nel consigliarlo ai clienti!
​

Finalmente, grazie a questa collaborazione, posso dare un servizio completo al cliente che, se vorrà acquistare molti complementi d’arredo su ArredaClick, potrà parlare con un professionista che lo seguirà dall’inizio alla fine dell’ordine, dandogli qualche consiglio ulteriore, che non guasta mai!

progetta con EasyRelooking e Arredaclick

Quali sono i vantaggi per il cliente?

Ti stai chiedendo quali siano i vantaggi di acquistare su ArredaClick, anche dopo aver progettato con EasyRelooking?

  • troverai prodotti di brand famosi ad un prezzo scontato solitamente del 20-30%
  • avrai ampia possibilità di scelta e personalizzazione (colori, finiture)
  • troverai ​qualità e trasparenza
  • avrai diritto ad un consulente personale, che può anche inviarti fotografie dei campioni di colore e finiture, nel caso ci fossero dubbi sul già esaustivo campionario!
  • non dovrai rispiegare al consulente i dettagli del progetto o inviargli la lista degli arredi: quel passaggio lo farò io per te 🙂 
  • se avrai una parete del soggiorno difficile da progettare, oltre al mio aiuto potrai contare sull’aiuto del professionista di Arredaclick che, ricevuto il mio progetto dopo averlo concordato con te, potrà aiutarti a configurare l’ordine senza dimenticare niente! 
  • Il consulente rimarrà sempre lo stesso, anche se la configurazione dell’ordine dovesse prolungarsi per più giorni. 
Il design diventa davvero alla portata di click!

Una testimonianza di chi ha già usufruito di questa partnership!

Ho concluso da poche settimane la progettazione d’interni di una villa su due livelli a Trento. Francesca, la cliente, è stata la prima che ha potuto usufruire di questo servizio! E’ stata contattata da una professionista di ArredaClick che è diventata il suo consulente personale! Francesca ha valutato conveniente acquistare su ArredaClick molti degli arredi preventivamente concordati!

  • settimanali della camera da letto
  • composizione per la parete del soggiorno, disegnata e studiata prima da me
  • mobile per l’ingresso
  • mobili lavabo per i due bagni
  • divano per il soggiorno
  • tavolo per il soggiorno

Un ordine decisamente complesso! Dopo aver concluso l’ordine, Francesca mi ha dato il suo parere e mi ha spiegato come si è trovata a collaborare con il consulente personale:

Sono stata seguita da una persona molto disponibile e cordiale. Mi ha inviato molte foto dei campioni di colore per il mobile del soggiorno: a seconda della luce i colori cambiano ed è importante poter vedere le foto fatte dal vivo!

Non ti resta che conoscere meglio ArredaClick..qui un’anteprima!

Un’anteprima, assolutamente piccola e breve rispetto a quello che si può trovare sul sito!
Poltrona rosa quartz e grigio

La poltrona Blazer – ArredaClick
parete soggiorno attrezzata

Parete componibile Logic – ArredaClick
Struttura cabina armadio

Cabina armadio Kali – ArredaClick
Letto con contenitore e testiera imbottita grigio

Letto imbottito Brooklyn – ArredaClick
Se hai bisogno di altre informazioni, puoi contattarmi senza impegno o scrivere nei commenti!
4 Marzo 2016 / / Design

Quando si rinnovano gli spazi, l’arredamento della cameretta viene assolutamente preso in considerazione, alla pari delle altre stanze. Come è giusto che sia.
Anzi, la cameretta, che sia per neonati o per adolescenti, è la stanza che permette di dare libero sfogo a soluzioni fantasiose: dalle carte da parati, ai colori, agli accessori fino agli stickers murali! 
Io prediligo uno stile comunque sobrio: non amo soluzioni con camerette principesche che possono risultare anche fuori luogo se la camera non è adeguatamente spaziosa. Mi piace uno stile pulito con tocchi di colore, lampade pendenti e carte da parati ad impreziosire una parete della camera.
Infatti il progetto da cui è tratto questo post, riprende lo stile nordico per arredare una cameretta di una bambina, che di principesco e sfarzoso non vuole avere niente. Vuole una cameretta fresca e giovane!
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

COLPO D’OCCHIO
Tipologia di cameretta: mansardata, con travi a vista
Età della “proprietaria”: 5 anni
Richiesta: studiare la disposizione della cameretta, con studio colori, luci e scelta arredi. In particolare, considerare l’inserimento di un futuro letto a una piazza e mezzo e di una cabina armadio.

Progetto cameretta in stile nordico

I committenti sono gli stessi della progettazione della villa indipende, il cui progetto di soggiorno con cucina è stato spiegato nel post “Open space soggiorno con cucina a vista”. 
​Per la cameretta avevano già in mano un progetto 2D in pianta, fatto da un altro professionista. Me l’hanno inviato.

Il progetto della cameretta prima del mio intervento

Qui sotto il progetto della cameretta che avevano in mano, prima del mio intervento. Come si può intuire dal disegno, il tetto si abbassa ai lati della porta finestra. 

Appena l’ho visto, ho subito notato gli aspetti negativi di questa composizione: la posizione consigliata per la cabina armadio non era ottimale, considerando che la cameretta è mansardata. La cabina armadio partiva dall’angolo più basso (140cm di altezza) per poi alzarsi seguendo l’andamento delle travi a vista. 

Progetto cameretta con cabina armadio

Progetto cameretta prima del mio intervento
La posizione della cabina armadio, oltre a creare un brutto ingresso nella camera (perché ci si sarebbe trovati subito di fronte il muro della cabina armadio), avrebbe creato anche problemi nell’arredo della cabina armadio perché i moduli avrebbero dovuto seguire l’andamento del tetto spiovente, perdendo sicuramente molto spazio! 

Progetto cameretta definitivo: cabina armadio e zona gioco in stile nordico

​L’analisi ha portato a creare la cabina armadio nella porzione di camera con la parte di soffitto più alta, in modo che anche i moduli interni possano sfruttare tutta l’altezza. Inoltre la porzione si spazio che si “ruba” alla camera è assolutamente la stessa. Una porta scorrevole sul lato lungo, facilita l’apertura e permette di sfruttare ancora meglio tutto lo spazio interno.
In questo modo, la cameretta avrà una cabina armadio assolutamente ben organizzata! 
Progetto cameretta con cabina armadio

Studio disposizione cabina armadio
​Davanti alla cabina armadio si libera lo spazio da dedicare al gioco e si può inserire il letto a una piazza e mezzo.
L’area gioco verrà attrezzata con una libreria componibile dell’Ikea, con la possibilità di inserire ante e cassetti, in modo che i giochi siano sempre in ordine. In aggiunta, una mini libreria colorata a forma di casa verrà invece inserita di fianco. Un elemento giocoso e in linea con lo stile nordico da dare alla cameretta. 
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Immagine

​La zona gioco della cameretta in futuro ospiterà la scrivania: dietro la libreria bassa infatti erano già state predisposte le prese elettriche, attacco internet compreso. La libreria componibile di Ikea si potrà assolutamente rinnovare a lato della scrivania, sviluppando i moduli in altezza se ce ne fosse bisogno
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Gli elementi decorativi: dagli stickers alla lavagna murale

​Uno degli elementi particolari e d’effetto proposti per arredare la cameretta ispirandosi allo stile nordico sono gli stickers murali: i triangolini neri sullo sfondo grigio chiarissimo della cameretta sono bellissimi e non appesantiscono l’ambiente pur arricchendolo di dettagli. Altri stickers sono stati proposti nel book, sempre in linea con uno stile sobrio da dare a questa cameretta in stile nordico. Secondo me nella cameretta dei ragazzi almeno una parete bisogna dedicarla agli stickers!
​Sempre nella zona gioco, non può mancare un mini tavolino che sostituisce al momento la futura scrivania! Tavolino basso dell’Ikea con sedie di design: le Little Nobody di Hay, più piccole delle Nobody e adatte ai bambini! 
Cameretta bambina in stile nordico con sedie Little Nobody Hay

Le sedie Little Nobody di Hay, proposte nel progetto
Un’altra decorazione che volevo inserire assolutamente per arredare questa bellissima cameretta in stile nordico e che ho proposto, è una lavagna murale! Anche in questo caso parliamo di stickers, solo che è effetto lavagna! Questo a forma di casetta lo trovi su Etsy.com.
I bambini hanno il desiderio e il bisogno di disegnare e il muro spesso è uno degli spazi più ambiti…dedichiamogli lo spazio per farlo!  
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

​Sul lato opposto della camera, si ha lo spazio adeguato per inserire un letto a una piazza e mezza. Sfruttando il punto luce a parete sopra il letto, si riesce a far pendere una lampada sul comodino ancorando il filo alla trave.
I comodini sono rigorosamente in stile nordico: un tavolino bianco con le gambe in legno adibito a comodino a destra del letto, e un vero e proprio comodino con cassetto, color rosso amarena e legno che riprende i colori del cassettone inserito all’ingresso della camera.  
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

​Nell’arredare la cameretta in stile nordico, non dimentichiamoci infine quadretti da appendere sopra al letto o appoggiare sopra i mobili: questi li puoi trovare su Etsy.com nel negozio online LaSardinaRosa!
Quadri progetto cameretta bambina in stile nordico

E non dimentichiamo un bel tappeto per la zona gioco! Questo quello suggerito nel book del progetto, che trovi su Benuta.it. Adorabile!!
Tappeto progetto camera bambina

Tappeto per la zona gioco suggerito nel progetto

Alcune foto del progetto in corso

​Queste sono alcune immagini gentilmente inviate dalla cliente, dove si può vedere la struttura del soffitto mansardato e la cabina armadio costruita secondo le indicazioni di progetto.
 
Le pareti sono state appena tinteggiate, utilizzando per la parete dietro al letto un fantastico rosa cipria spento, codice Grenadin 55 della Caparol, come suggerito nel book di progetto. 
Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Cameretta bambina in stile nordico con cabina armadio

Cosa ne pensi di questo progetto? Fammelo sapere nei commenti se anche tu hai apprezzato questo progetto di arredo!

Intanto..mi merito un bel mi piace al post

Se invece vuoi guardare altri render e viste 3D di questo stesso progetto, clicca sul pulsante qui sotto!