28 Febbraio 2019 / / Design

READ IN ENGLISH

La stanza da bagno ha assunto una sempre maggiore rilevanza e da locale dove passare frettolosamente e soltanto per espletare funzioni necessarie si è trasformata in una vera e propria area di relax.
Per ottenere tale risultato devi fare in modo che ogni zona dell’ambiente sia caratterizzata da funzioni performanti ed esteticamente accattivanti.

In particolare per quanto riguarda il lavabo cerca di armonizzarlo con il miscelatore più adatto e rispettoso del suo stile.

Pensa che Hansgrohe ha svolto anche dei test per definire il livello di comfort di diverse combinazioni di lavabo e miscelatore!

  • ©EasyRelooking project
  • ©EasyRelooking project

Che cosa sono i test di Hansgrohe sulla comfort zone

I seguenti test di funzionamento sono svolti per testare le migliori combinazioni tra lavabo e miscelatore:

  • spazio libero, che analizza quale sia il reale spazio che intercorre tra la rubinetteria e la struttura del lavabo per verificare quanto sia agevole potersi lavare le mani
  • pratica, il cui scopo è quello di verificare l’entità degli spruzzi prodotti durante l’utilizzo del miscelatore
  • spruzzi, ottenuto mediante aperture e chiusure del miscelatore con differenti pressioni.

In seguito a tali prove si ottiene la certezza del migliore abbinamento tra miscelatore e lavabo sia dal punto di vista tecnico e funzionale che da quello estetico.

  • ©EasyRelooking project
  • ©EasyRelooking project

Quali sono i tipi di lavabo

In sintesi è possibile classificare i lavabi nelle seguenti tipologie:

  • a colonna o semicolonna: si tratta di lavabi posti su una struttura che arriva al pavimento, oppure che si ferma a metà parete; sono modelli classici ed estremamente diffusi
  • sospesi: ancorati alla parete senza alcun collegamento con il pavimento e sono caratterizzati da un’estrema leggerezza
  • semincasso: il lavabo è integrato in un mobile progettato a tale scopo e lo spazio occupato risulta notevolmente contenuto
  • incasso soprapiano o sottopiano: il lavabo è contenuto in un mobiletto che, a seconda della modalità di montaggio, ne lascia sporgere il bordo oppure lo contiene
  • da appoggio: in questa soluzione il lavabo è appoggiato su un piano che spesso svolge anche altre funzioni, offrendo continuità con tutto l’arredo
  • free standing: sono quelli posizionabili ovunque, anche al centro della stanza, quando è disponibile un punto d’acqua a pavimento e non a parete
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest

Come scegliere il rubinetto giusto per il proprio lavabo

A seconda della differente tipologia di lavabo di cui disponi, cerca di effettuare una scelta attenta riguardo al miscelatore.

Se il tuo lavabo è dotato di incasso poco profondo, il rischio principale che si configura è quello legato alla generazione di fastidiosi schizzi d’acqua che si distribuiscono ovunque nello spazio circostante. Per evitare questo inconveniente, dovrai scegliere un miscelatore basso che possa così contenere il rimbalzo dell’acqua.

Ricorda che però l’altezza del miscelatore deve essere tale da consentire di lavarsi agevolmente le mani, evitando l’assunzione di posture scomode.
E’ buona regola cercare una corrispondenza tra l’ergonomia del lavabo ed il miscelatore: la profondità del beccuccio di quest’ultimo dovrebbe corrispondere allo scarico del lavandino in modo da indirizzare il getto d’acqua al meglio.

  • Via Pinterest
  • Via Pinterest
  • Via Pinterest

Per un lavabo da appoggio, sempre più trendy e quindi diffuso nelle nostre abitazioni, puoi valutare eventualmente un miscelatore a bocca alta, necessario per la possibilità di superare la parte laterale del lavabo.

Molto belli e assolutamente di design i miscelatori a muro. Calcola bene l’altezza a cui viene istallato!

L’articolo Bagno: ad ogni lavabo il suo giusto rubinetto proviene da easyrelooking.

26 Febbraio 2019 / / Design

READ IN ENGLISH

Gli arredi realizzati in ferro per l’esterno rientrano tra le tipologie più resistenti, se trattati in maniera adeguata e costruiti con sapienza e passione. Inoltre, esistono pochi materiali come il ferro in grado di evocare sensazioni e ricordi di eleganza e semplicità al tempo stesso.

A livello personale, è impossibile non associare l’utilizzo del ferro a quei romantici scenari parigini con un balcone che si affaccia sulla città dalle mille luci. Le strutture in ferro dei complementi d’arredo da esterno evocano scenari chic ma al contempo informali, ideali per godersi la vita durante un pomeriggio primaverile assieme ad amici e parenti. Tavoli bassi dalle linee eleganti, divani da esterno con strutture essenziali e motivi semplici: il ferro costituisce in sé un elemento in grado di arredare e, come tale, predilige mobili da esterno con strutture a vista, come quelle tipiche dei dehors parigini.

Ne sono un esempio le collezioni Conrad e Aurora di Unopiù.

Conrad – Unopiù

Aurora – Unopiù

Non solo, il ferro richiama subito alla mente le splendide località di campagna, contesti nei quali proprio il ferro riesce a conferire un senso di rustica eleganza. Grazie alla sua resistenza e praticità, il ferro è protagonista assoluto negli arredi da esterno: è sufficiente pensare alle meravigliose sedie che adornano un tavolo per barbecue.

O ancora, quei piccoli e graziosi set per fare romantiche colazioni in terrazza: nulla si adatta meglio di un paio di sedie in ferro per questo tipo di situazioni. Si tratta di atmosfere magiche, che anche in un ambiente urbano riescono a ritagliare una piacevole parentesi rustica, per rilassarsi e godersi gli spazi esterni in maniera inedita. Inoltre, grazie alla sua praticità, il ferro risulta semplice da mantenere, un aspetto che non può che aumentarne il fascino moderno.

Via Pinterest

Il tavolo Loft di Unopiù: ferro ed elementi moderni in un connubio unico

All’interno della collezione 2018 Unopiù, il tavolo Loft, novità firmata dallo
Studio Adolini, costituisce uno dei complementi certamente più interessanti. Tra le caratteristiche distintive di questo tavolo da esterno una delle più rilevanti è certamente l’essenzialità delle sue linee geometriche. Si tratta infatti di una struttura rigorosa e ben delineata che, proprio per la pulizia del suo design, risulta particolarmente adatta ad inserirsi in svariati contesti abitativi. A prescindere che un ambiente esterno presenti elementi d’arredo moderni oppure classici, il tavolo Loft sarà perfettamente in grado di valorizzare i contesti esterni, grazie alla sua eleganza senza tempo.

Loft – Unopiù

Ad esaltare le linee pulite di questo tavolo si trovano dei profili metallici che completano la struttura, donando una particolare eleganza. L’innovativo l’utilizzo del piano in Dekton, una tipologia di materiale che viene di norma utilizzato per i ripiani delle cucine, costituisce una vera e propria novità.

Questo materiale si ottiene da una miscela accurata di materie prime che presentano come caratteristiche di base una porosità molto bassa, una facilità di manutenzione e soprattutto un’ottimale resistenza a tutti quei fattori che potrebbero danneggiare i complementi di arredo per esterno, come ad esempio i raggi UV, i graffi da usura ed eventuali macchie. Il piano, con uno spessore di soli otto millimetri, costituisce perciò uno dei punti di forza principali del tavolo Loft, che vanta caratteristiche tecniche tali da collocarlo al top della gamma.

Loft – Unopiù

Infine va notato come, nonostante Unopiù sia nota principalmente per i suoi arredi da esterno, il tavolo Loft costituisca il perfetto complemento d’arredo anche per altri contesti. Esso infatti si può adattare alla perfezione anche ad ambiente interno, nel quale saprà inserirsi con discrezione grazie alle sue linee eleganti e pulite.

L’articolo Arredi in ferro e la bellezza dell’innovativo tavolo Loft di Unopiù proviene da easyrelooking.

22 Febbraio 2019 / / Decor

READ IN ENGLISH

Se segui il mio profilo Instagram, sai già che da pochi mesi ci siamo trasferiti in una nuova casa.

Dopo aver archiviato la questione “arredi – montaggio tende e lampade”, arriva il momento dei quadri alle pareti.

La decorazione delle pareti con quadri o stampe viene sempre lasciata per ultima, ma come è giusto che sia. E’ fondamentale vivere la casa e pensare e ripensare a quale tipo di stampa o quadro vorresti vedere su quella determinata parete.

Così è stato anche per noi!

Nella mia ricerca del “poster perfetto” ho scoperto il profilo Instagram di Poster Store. E mi sono subito innamorata di alcune stampe.

Poster Store, stampe di alta qualità

Poster Store è un sito nato da poco, che offre una proposta molto interessante di stampe in alta qualità in stile scandinavo, stampate su carta con grammatura di 240 g/mq .

E’ possibile scegliere tra bellissime fotografie o anche illustrazioni di artisti.

Per il soggiorno ho scelto due poster fotografici sui toni del beige. Il primo raffigura una donna con un bellissimo vestito blu che protende le braccia in un deserto di sabbia rosa; il secondo ha come protagonista fili d’erba dorati mossi dal vento. Entrambi mi evocavano sensazioni di pace e armonia. Entrambi sono nelle dimensioni 50x70cm.

My home – ©EasyRelooking

Per la cameretta di Leonardo, ho voluto acquistare sempre nella dimensione 50x70cm questa illustrazione astratta di Catrin Stein-Walz con il motivo di un tarassaco completamente sbocciato avente la forma di una mongolfiera che vola in una chiara notte. La cesta della mongolfiera ha la forma di un vecchio cappello rovesciato. 

Un’immagine paradossale che però mi ha fatto sognare appena l’ho vista!

Infine per la mia zona studio, ho voluto acquistare un foto in bianco e nero, con la luce che filtra attraverso un’alta vetrata.

My home – ©EasyRelooking

 

Se quindi anche tu sei nella fase “pareti spoglie”, ti consiglio di andare a vedere le belle proposte di Poster Store

L’articolo Poster Store: alla ricerca del poster perfetto proviene da easyrelooking.

14 Febbraio 2019 / / Architettura

READ IN ENGLISH

L’idea di avere una serra in giardino, o in terrazzo, non è cosa comune.

Non tutti conoscono i vantaggi che una serra può dare e non tutti immaginano che esistono soluzioni anche per viverci!

Dopo che leggerai questo articolo secondo me ti verrà voglia di approfondire la “questione serra”. E parlo di serre di design ovviamente!

Le piante sono al riparo dal freddo

Ogni inverno abbiamo il problema di dove mettere al riparo le piante.

La questione “riparare le piante dal freddo” mi riguarda da vicino, visto che adesso abitiamo in una casa dove abbiamo diversi cactus, un limone, un rosmarino gigante, una pianta di chinotto e un mandarino, un Ficus Benjamin comprato all’Ikea 5 anni fa che ormai sta crescendo a vista d’occhio. In primavera e d’estate sono all’aperto, sul terrazzo.

Puntualmente il Ficus Benjamin e i cactus, al primo freddo, vengono portati in casa, mentre le altre piante vengono coperte. La situazione è che siamo sommersi di piante (anche se un po’ di verde in casa non guasta mai!)

Una serra, anche piccola, risolverebbe la situazione e ho trovato tra le proposte di Unopiù, brand noto da tempo per la sua qualità degli arredi da esterno, la serra Floralia adatta sia a spazi piccoli che a spazi più grandi, essendo disponibile in varie misure.

Si può creare un angolo lettura con vista

Anche d’inverno le serre mantengono una temperatura piacevole, soprattutto se adeguatamente esposte al sole.

E’ quindi possibile disporre nella serra, oltre alle piante, anche un divano, una poltrona e dei tavolini a seconda dello spazio a disposizione. Aggiungiamo un buon libro, una coperta e una tisana, e il relax è assicurato.

In questo caso sarebbe adorabile poter arredare la serra Orangerie, altra proposta di Unopiù, di dimensioni decisamente più grande della precedente! Adatta a chi ha un grande giardino.

Orangerie – Unopiù

 

E’ una soluzione di design… anche dentro casa

Non mancano le proposte di architetti che utilizzano le serre anche negli spazi interni delle case. Si tratta solitamente di spazi di grandi dimensioni, come nei progetti di recupero di ex magazzini industriali.

E’ il caso di Gregoire de Lafforest che in un suo progetto ha inserito la cucina proprio in una serra.

Project by Gregoire de Lafforest

Oppure le serre sono molte utilizzate per la creazione di giardini di inverno o nella copertura di passaggi tra due parti separate di un’abitazione.

Soluzioni accattivanti che mi fanno sognare e che mi fanno desiderare un angolo caldo e accogliente, circondata dal verde, anche d’inverno!

L’articolo Perché mi piacerebbe avere una serra tutta mia proviene da easyrelooking.

5 Febbraio 2019 / / Architettura

READ IN ENGLISH

L’arredo attuale, soggetto alle nuove proposte affiancate all’innovazione, ha portato a guardare la stanza da bagno nell’ottica di un posto dove ricercare comodità, agio e, perché no, design.

Sono ormai moltissime le proposte di bagni con pavimento in parquet. Io sono favorevole, però con alcune precauzioni!

Parquet in bagno: Sì per tre motivi, quali?

Estetica

Non si può negare: il parquet conferisce un alto valore di fascino all’ambiente. Qualunque esso sia.
La forza estetica dell’essenza stessa del parquet completa tutti gli elementi di arredo.

Profondamente personalizzabile nel colore, finitura stessa e schema di posatura, ama ogni soluzione di stile dal minimal al rétro nonché classico passando per l’ipertecnologico. 

Se lo spazio è sufficiente, inoltre, si può combinare il legno con altri materiali. Così facendo si realizzano diverse zone, ognuna con la propria funzione, nello stesso bagno. 

EasyRelooking – all rights reserved

Funzionalità 

Ebbene si. Il parquet in bagno è funzionale. Proprio come gli altri rivestimenti tradizionalmente impiegati. Infatti, dopo una doccia, facciamo arieggiare il bagno per asciugare la normale umidità che si crea e non lasciamo acqua stagnante per terra. Comuni accorgimenti evitano che l’umidità si posi e venga assorbita.

Identico principio per il parquet: la stessa premura evita che le fibre del legno perdano colore e subiscano deformazione strutturale. 
Scegli la posa del parquet in bagno solo se esso non è cieco, senza finestre, e se la sua aerazione è ottimale. Un’attenzione che si applica comunque, a prescindere dai materiali di rivestimento usati.

Cura e conservazione

La cura del parquet è davvero semplice. Molto più di altre superfici. Aspirapolvere e panno leggermente intriso del giusto prodotto sono sufficienti.

Il legno, sì, è morbido, in confronto a materiali più duri. Ma il segreto è proprio nella sua naturale morbidezza: combinando l’essenza giusta assieme alla finitura è semplice rimuovere tracce e graffi senza paura.

Seducente, agevole, perpetuo e fermamente delizioso al tatto: aspetti che interessano le superfici del bagno dove è normale essere a piedi nudi.

EasyRelooking – all rights reserved

Dalla teoria alla pratica: la scelta del parquet 

Al momento della scelta del parquet per il bagno è bene ricordarsi della variabile data dall’umidità. Dunque l’attenzione sarà volta alle essenze quali il Frassino, la Quercia e la Betulla. Sono legni molto forti anche in ambienti con una umidità accentuata. 

Per le soluzioni di estrema umidità quali, per esempio, saune oppure bagni turchi è indicato il Rovere. Esso è usato anche per i terrazzi e per le piscine. Puoi usarlo comunque anche per il semplice bagno della tua casa.

Non solo estetica ma anche pulizia: l’igiene stessa del parquet in bagno è preservata. Infatti, con gli opportuni trattamenti impermeabilizzanti viene abbattuto il microclima dovuto dall’umidità, causa di batteri e germi. 

EasyRelooking – all rights reserved

Suggerimenti tecnici: pro e contro

Per il bagno meglio il parquet verniciato. A differenza di quello oliato esso ha una microporosità maggiore che resiste all’assorbimento di umidità. 

Mentre per la posa la soluzione ottimale è quella incollata. Non la posa flottante. Infatti la posa incollata è garante di maggiore isolamento del legno. Nonché protezione per tutti gli strati del parquet. 

Le eventuali infiltrazioni si prevengono sigillando, con il silicone, i tasselli nonché il perimetro del bagno. Oltre che isolare, il silicone, mantiene la naturale elasticità del legno. Dunque una protezione da solleciti di dilatazioni e restringimenti per via della natura viva del legno.

L’articolo Perché sono favorevole al parquet in bagno – con alcune precauzioni! proviene da easyrelooking.

22 Gennaio 2019 / / Decor

READ IN ENGLISH

L’arrivo di un bambino è sempre qualcosa di straordinario e magico. Una piccola creatura che è in grado di stravolgerci completamente la vita migliorandola e rendendoci straordinariamente felici. 

E parlo per esperienza visto che oggi Leornardo compie 6 mesi!

Dopo i primi mesi di scombussolamento arriva il tempo di pensare alla cameretta. Per loro naturalmente vogliamo il meglio e immaginiamo la sua stanza come un mondo fatato dove possa giocare e vivere momenti meravigliosi. 

Nelle mie ricerche, ho trovato una carta da parati per la cameretta che ho amato a prima vista! Ma prima una piccola premessa.

Arredamento perfetto

L’arredamento è la prima cosa a cui si pensa, ma ciò che può piacere agli adulti può non essere quello che loro vogliono. Per i primissimi anni di vita del piccolo sarebbe meglio scegliere pochi complementi d’arredo indispensabili e rimandare l’arredamento vero e proprio a quando saranno in grado di dirvi come vogliono la loro stanza.

Oltre a pensare all’arredamento giusto, bisogna pensare ai colori, ma soprattutto se vogliamo rendere la stanza davvero speciale dobbiamo pensare a come decorare le pareti. Non intendo di improvvisarci Picasso, non è proprio il caso. La carta da parati per la cameretta può essere la scelta giusta. 

L’opinione dei più piccoli

Se si vuole ottenere davvero la cameretta perfetta, bisogna tenere conto dei loro gusti. Non importa se troppo colorati o appariscenti, l’importante è che si sentano a loro agio. In fondo la cameretta è la loro e deve rappresentare i loro sogni e tutto ciò che amano. 

Carte da parati

La carta da parati è il modo ideale per decorare le pareti della cameretta in modo semplice e creativo.
Sul sito di Little Hands Wallpaper se ne trovano di veramente belle, con una infinità di disegni diversi per maschietti e femminucce e tutti personalizzabili nei colori. Si trovano moltissimi modelli: gli aeroplani, la città dei sogni, gli animali o l’alfabeto e molto altro ancora. 

Una cameretta con le pareti decorate può immediatamente trasportarli in mondi fantastici, dove possono volare con la fantasia.

Le mongolfiere e gli aereoplani ad esempio sono in grado di trasportarli ovunque la loro mente voglia andare. Viaggi fantastici su mondi a loro sconosciuti e inesplorati che è possibile fargli conoscere attraverso dei racconti.

Gli animali: le simpatiche balene, i teneri cagnolini, gli orsi polari, le giraffe,i koala o degli splendidi paesaggi sottomarini popolati di buffe creature che gli terranno compagnia durante le fredde giornate trascorse in casa dove potrà trasferirsi con l’immaginazione per diventare a sua volta un pesce e nuotare libero in uno splendido mare azzurro. Si trova anche un bellissimo alfabeto con tutti gli animali per imparare giocando.

Le città con le loro case stilizzate, colorate o con il tour di animali in un auto anni sessanta, con la mongolfiera, l’aereo e un paesaggio primaverile. Una vista da favola che non può non piacere alle piccole principesse romantiche dove possono trasferirsi ogni volta che vogliono senza muoversi di casa. 

Le mappe del mondo per quelli un po’ più grandi che vogliono imparare divertendosi e esplorare il mondo con un dito. Grazie a questa carta da parati possono scegliere un luogo e insieme si possono inventare delle straordinarie avventure ogni volta diverse ed emozionanti. 

Insomma mille e una avventure diverse solo grazie a una carta da parati dalle stampe sempre belle e dai colori brillanti. La qualità di queste carte da parati è altissima e sono stati seguiti tutti gli standard di sicurezza per assicurare materiali resistenti agli urti, ignifughi e lavabili.

L’articolo Little Hands Wallpaper: carte da parati per i più piccoli proviene da easyrelooking.