21 Febbraio 2013 / / diotti.com - ArredaClick

L’arredamento classico può riservare delle piacevoli sorprese, soprattutto quando si tratta di rivisitazioni in chiave moderna di mobili provenienti da epoche passate. Spesso bistrattato, lo stile “classico” è spesso visto come antitesi del più prestigioso design moderno, come se le due cose appartenessero a due mondi differenti: in realtà molti designer sono riusciti ad attuare un restyling dei classici, lanciando mode come l’arredamento in stile barocco moderno.

Modà si distingue per la reinterpretazione dei classici attraverso mobili come Princerelax: un divanetto con struttura barocca in legno massello riccamente decorato.
All’ingresso di casa non può mancare una consolle classica con le caratteristiche gambe a sciabola. Mademoiselle ha anche un cassettino centrale ideale per riporvi le chiavi.

Il soggiorno con mobili in stile barocco moderno è un ambiente in cui si alternano forme classiche e materiali moderni. Spicca il tavolo con gambe a sciabola Raffaello con piano in vetro serigrafato e molato a filo lucido. Una vera opera d’arte che non avrebbe sfigurato all’interno del Salone degli Specchi di Versailles.
La camera da letto impone la presenza di imponenti testiere con profili in legno intarsiato e imbottitura rivestita in tessuti preziosi. Amburgo è un letto barocco con testiera capitonné con profilo in legno rifinito in foglia oro.
Ai piedi del letto o all’interno della cabina armadio, una panchetta imbottita classica come Loulou è il giusto completamento della vostra camera da letto in stile barocco moderno. Piedini sagomati e tessuti di rivestimento eleganti creano l’atmosfera che state ricercando.

Se siete dei veri cultori dello stile, l’arredo bagno non può essere esulato dalla piacevole contaminazione di forme ricciolute. Anche in questo caso Modà fa scuola con Well Concept mobile bagno in legno massello “travestito” da comò.

tratti essenziali dei mobili in stile barocco moderno sono le forme bombate, l’eleganza sfarzosa e l’abbondanza di decorazioni, incisioni, dettagli preziosi, dorature e argentature. Insomma: uno stile che potremmo definire assolutamente anti-minimalista!

14 Febbraio 2013 / / diotti.com - ArredaClick

Non fraintendetemi, non intendo dare consigli per passare una serata di San Valentino in maniera “alternativa”. Dark room, nel nostro caso, è una casa dark nel vero senso della parola: soggiorni dalle pareti scure, ma soprattutto credenze moderne dalle finiture futuristiche. Eleganza, raffinatezza e superfici scolpite sono il fil rouge delle nostre Dark Room.
La cena perfetta per un San Valentino gotico? ostriche, naturalmente. O meglio, Oyster: una credenza dal design moderno, definito da forme e colori neutri, e da una texture quasi vellutata interrotta da un inserto in acciaio inox. Questa credenza moderna arreda una dark room oscura, in cui l’unico spazio di fuga è lo specchio neo-barocco alla parete.
Superfici scolpite simili ad un prisma imperfetto per Poliedro, una credenza moderna bianca a moduli perfettamente cubici. Questa dark room è un soggiorno in cui c’è spazio per dettagli di colore. Ma non esagerate. Arredare un soggiorno in bianco e nero è un’intramontabile scelta di stile.
Luna gioca con i volumi delle ante e propone un design rigato, scavato sulle superfici dei frontali sporgenti. Rigatissima e bianchissima, questa credenza moderna con ante bombate arreda e decora: obbligatoria quindi la parete del soggiorno nera o in colori scuri che creino un contrasto forte con il bianco. Sarebbe davvero un peccato far sparire il gioco di luci, ombre e volumi collocando la credenza a ridosso di una parete bianca o in toni pastello.
Gli amanti del fetish non possono non adorare questa credenza in ecopelle bianca: Square ha una struttura laccata ed ante diamantate con un motivo simmetrico ad effetto trapuntato. Una moderna credenza per ambienti ricercati e funzionali al tempo stesso: l’anta centrale nasconde infatti un comodo cestone.
Spesso mi capita di conferire caratteristiche umane agli oggetti: una sedia dal design divertente, una poltrona “che abbraccia”, una libreria “simpatica”. Slide è lunatica: una credenza moderna, anzi futuristica. Sembra pensata da un regista visionario, da un Kubrick che negli anni ’60 si immaginava un Ventunesimo secolo arredato in stile barocco. È strano come pensando al futuro sia facile collegare abbigliamento e arredamento al colore argento e a materiali metallici, freddi. In realtà Slide è una credenza con ante in foglia argento: una lavorazione tutt’altro che futuristica, anzi proveniente da antiche tradizioni pittoriche.

Non mi resta che augurarvi un Buon San Valentino…e che Dark Room sia.

10 Febbraio 2013 / / diotti.com - ArredaClick

Ingredienti per una casa romantica: abbondante rosa, una manciata di bianco, un pizzico di shabby chic ben mescolato ad atmosfere vittoriane, una spruzzata di tenui toni pastello, versare a pioggia tessuti a quadretti di ispirazione country. Condire il tutto con mobili retrò e qualche studiatissimo dettaglio di design moderno. Ho detto qualche.
Ingredienti per una cena romantica: vedi sopra e aggiungi un’ottima cenetta preparata con le tue manine, una buona dose di candele, e fiori freschi in quantità. Il resto…it’s all about Love!
Una casa romantica che si rispetti non può fare a meno di un tappeto fiorato, specialmente se sembra un dipinto ad acquerelli. Una serata romantica originale? organizzate un pic-nic casalingo immersi tra i fiori di Blossom.
L’arredamento floreale è un must per la casa romantica, anche se i fiori sono stilizzati e di ispirazione Liberty moderno come per questo specchio con cornice in ferro. E non scordate le candele, meglio se profumate. Un consiglio? Gelsomino, avvolgente e sexy.
Un letto con fiocchetti sulla testiera, comodo, dalla silhouette morbida e accogliente, rivestito in tessuto dai colori pastello: la casa romantica ha una camera da letto confortevole, con cuscini e calde coperte pronte ad accogliervi. Per il dopo cena.
In camera da letto, o in un privatissimo angolo del soggiorno della nostra casa romantica, trova posto lo scrittoio. Non scrivete più lettere d’amore? usatelo come porta-pc, nell’era di Facebook possiamo ancora essere in grado di mandare e-mail d’amore! La linea dello scrittoio con cassetto, da tenere rigorosamente chiuso a chiave, ricorda il classico design dei secrétaire vittoriano e dei suoi vellutati boudoir.
Ultimo tocco di stile: la lampada da tavolo con piedistallo classico e paralume bianco latte, per una luce soffusa ed un’eleganza estremamente misurata. Favoloso l’abbinamento con i tulipani bianchi: la casa romantica vive di dettagli curati e studiati.
E per la vostra cena romantica ricordate che anche l’amore si nasconde nei dettagli…o era il diavolo?
Per la tappezzeria nella prima immagine: www.designyourwall.com

8 Febbraio 2013 / / Rosso Papavero

Vi ho parlato tempo fa di come generalmente viene visto e pensato un bagno al femminile. Delle caratteristiche e delle specifiche che spesso mi vengono richieste. L’occhio della donna oltre a vedere da esteta ha una particolare propensione alla praticità. Infatti, si sà, che proprio questo punto viene difficilmente preso in considerazione dagl’uomini.
Non me ne vogliano i maschietti, ma ad oggi non c’è stato cliente di sesso maschile che sia preoccupato di avere un posto in cui riporre anche solo l’asciugacapelli ed il rasoio elettrico!
Bene, un bagno maschile si differenzia sostanzialmente per la velocità di scelta e per la definizione di materiali e colori che si dirigono in due direzioni: i più svogliati e meno fantasiosi mi chiedono bagni molto basic, piastrelle chiare, azzurro-verde, sanitari da appoggio e mobiletto (“ma sì, uno vale l’altro”); i più esigenti e sofisticati in genere danno più soddisfazione perchè sono più attenti al colore, spesso scuro e alle finiture. Richiedono elementi più ricercati, d’impatto e più di carattere.
A tal proposito le scelte sono ampie, partendo dal rivestimento di pavimento e parete finendo alla scelta dei sanitari, che in un bagno che vuole avere carattere ed un impronta che non lasci dubbi sulla sessualità di chi lo utilizza è fondamentale.
Elemento distintivo potrebbe essere, ad esempio, la scelta dei colori. Scuri, sui toni dei grigi, del marrone o perchè no, dei blu in tutte le sfumature. Il rivestimento del pavimento (se si decide di farlo diverso dal resto dell’appartamento) è sempre bene che sia più scuro, magari con una piastrella ceramica opaca e martellata, il rivestimento delle pareti invece potrebbe riprendere il colore del pavimento fino ad una certa altezza (generalmente consigliata tra i 90 cm e 150 a seconda del formato delle piastrelle)e seguire con una piastrella più chiara.
La doccia, fondamentale per un uomo, se possibile di dimensione ampia, oggi può vantare innanzitutto di avere dei piatti doccia in resina effetto pietra disponibili in vari colori (per cui facilmente abbinabili anche alla scelta del rivestimento), se si sceglie un piatto doccia a filo pavimento è bene che anche il box doccia sia essenziale nella struttura, per cui profili inox cromati molto sottili. Vetro rigorosamente trasparente per un impatto niente male.
Per quanto riguarda i sanitari, il mercato offre di tutto. Ovviamente i più gettonati rimangono sempre quelli in ceramica bianca, sospesi o da appoggio, purchè molto essenziali e puliti nelle forme. Ma nulla vieta di scegliere una ceramica in colorazione Ral oppure dei sanitari o dei mobili lavello con una struttura in acciaio. Una donna è assodato che non farebbe mai una scelta del genere, cosciente del tempo che bisogna impiegare per tenerli ben puliti e lucidi. Un uomo forse potrebbe pensarci …


Il verde è il colore del 2013: lo dice Pantone, che ha eletto il verde smeraldo colore dell’anno. Nel mio vagabondaggio informatico alla ricerca di nuove tendenze d’arredamento da proporvi, ho constatato con molto piacere che la casa si tinge di colori naturali. Non solo: il giardino, il verde vero, il verde per eccellenza, entra nelle nostre case appropriandosi degli spazi domestici in tutto il suo splendore. Diciamocelo: prima o poi abbiamo tutti un disperato bisogno di verde, pollice o meno permettendo. Proprio perché il mio pollice è tutt’altro che green-friendly provo un’enorme invidia accompagnata da un altrettanto enorme fascino per immagini come questa.

Immagino pochi possano vantare terrazze come questa, soprattutto perché si tratta di un community garden: un concetto accettato e apprezzatissimo nei paesi anglosassoni, negli Stati Uniti e in alcuni paesi europei, assolutamente sconosciuto qui da noi. In poche parole un giardino condominiale, in questo caso a centinaia di metri dal livello della strada.
Non so voi, ma il mio giardino condominiale è terra di nessuno, giardinieri e qualche sparuto passerotto a parte. Non ci resta che portarci il giardino in casa e arredare con le piante!
Dalle piante d’interni alla filosofia “Be Green”: un’ispirazione che sta portando numerosi produttori di arredamento a lanciare intere collezioni ideate nel segno della natura in tutte le sue forme. Materiali eco-friendly e ambientazioni in cui non possono mancare elementi naturali: il verde, in tutte le sue declinazioni, diventa colore irrinunciabile per arredare la casa contemporanea.
E parlando di verde, non possiamo certo trascurare il risvolto eco-friendly della tematica del Be Green. Completamente realizzata in materiali naturali e riciclati la sedia ecologica di design Zartan è opera di Philippe Starck per Magis.
Potete trovare tutte le foto del giardino pensile a New York qui: AT CASA
Per sapere di più sul colore dell’anno: Pantone


Alzi la mano chi, se dico bianco e blu, non può fare a meno di pensare ad una casa al mare, alle casette greche arroccate sulle scogliere di Santorini, a stanze inondate di sole…e va bene, siamo nel bel mezzo dell’inverno, allora perché non portare un po’ del fascino Mediterraneo anche in città? Le ultime tendenze d’arredamento parlano chiaro: arredare casa in bianco e blu è possibile anche in città, ma senza dimenticare il legno ed i toni del grigio, protagonisti indiscussi della casa contemporanea. Colori sobri e rilassanti accostati alle calde essenze legno, perché la casa di città non sia soltanto una fredda parentesi in attesa dell’estate. La nostra Giorgia, curatrice della home page di ArredaClick, ha sempre un occhio puntato sulle ultime mode e ha scovato arredi e complementi moderni, tra design di ispirazione naturale e suggestioni vintage.
Sembra il tavolo di lavoro di un’architetto Hyperion, uno scrittoio moderno in legno rovere Carbone. Una scrivania a parete che crea un’originale penisola su cui si può lavorare, studiare o pranzare. Il Fashion Wood rovere Carbone e gli elementi blu Avio creano un accostamento estremamente moderno. Il nostro consiglio infatti è quello di non cercare a tutti i costi di abbinare il bianco ed il blu in ogni singolo elemento d’arredo, bensì di giocare su accostamenti materici e cromatici che coinvolgano elementi differenti: tentare di ricreare le suggestioni di una casa sulla spiaggia in centro a Milano, diciamocelo, potrebbe risultare decisamente fuori luogo. Nulla vi vieta di piazzare sul pianerottolo un portaombrelli a forma di conchiglia, ma non esagerate con i complementi barocchi quando potete optare per le curve di design del portaombrelli in metallo Narciso.
Realizzata da un singolo pezzo di legno curvato, sembra rubata alla spiaggia dopo una tormenta invernale: è la sedia di design Evoque, una reinterpretazione ed un omaggio all’opera dell’ebanista Michael Thonet. Si può avere in legno di faggio, in noce, in rovere, bianca, blu, grigia o nera.
Anche in camera da letto la parola d’ordine è navy. Il letto contenitore New York è rivestito in tessuto blu scuro con profili a contrasto a righe bianche; stessa fantasia per il tappeto, in perfetto stille “alla marinara”.
Bourby è blu, in fantasia plaid ed è trapuntato. Lo so, è più country che mediterraneo, ma calza a pennello alla nostra casa di città ed alle lunghe serate invernali da passare rigorosamente accoccolati sul divano. Un pouf trapuntato in tessuto morbido, comodo e fantasioso: per rallegrare un divano in tinta unita o completare una vecchia poltrona in pelle con un tocco di originalità british.