6 maggio 2019 / / Design

Ospiti improvvisi e ambienti da organizzare all’ultimo minuto.

Nel periodo estivo può succedere…dopo una giornata trascorsa in allegria a chi non è capitato di concludere con una aperitivo o una cena tra amici a casa propria?

Se lo spazio è esiguo ecco che le semplici, ma utilissime sedie pieghevoli, vengono in nostro aiuto dal momento che ben si adattano ad ogni location, sia esterna che interna.

Da quelle colorate, al tessuto o completamente realizzate in metallo, possiamo trovare le più adatte alle nostre esigenze.

Caratterizzate da versatilità e leggerezza, diventano nostre complici, per rendere unico uno spazio che si trasforma in un set dal design raffinato da condividere con le persone più care! 

NARDI – SEDUTA ZAC SPRING: Sedia pieghevole in polipropilene fiberglass trattato anti-UV e colorato in massa. Dotato di piedini antiscivolo. Finitura in quattro varianti di colore.

FERMOB – SEDUTA BISTRO: La gamma Bistro dal modello originale descritto nel brevetto “Simplex” registrato nel 1889 – e di cui il marchio è ora il trustee – è il prodotto di una collezione geniale e semplice che esplode di gioia e che non ha perso nulla del suo fascino e autenticità! Bistro continua a deliziare oggi, con le sue sedie distintive e 10 formati di tavoli da abbinare. 

EMU – SEDUTA CIAK: Ricerca formale, attenzione al dettaglio e combinazione di materiali tecnologici caratterizzano la seduta da regista contemporanea di Stefan Diez. Essenziale e raffinata, Ciak rappresenta la sintesi perfetta tra funzionalità e design. La linea a spirale della struttura in alluminio e il tessuto altamente performante caratterizzano la seduta, creando un prodotto da esterno solido e di lunga durata, adatto a diversi ambienti.

ETHIMO – SEDUTA LAREN: Sedia chiudibile in metallo e teak decapato. Fa parte di una collezione strepitosa insieme a tavoli e sgabelli. Elegante e meravigliosa con i semplici caratteri di una pieghevole.


 
 

 
 
 
2 maggio 2019 / / Design

Quadro Design, brand leader nel settore del rubinetto in acciaio inox, è da sempre attento alle esigenze e alle richieste di architetti e designer per offrire qualcosa di unico. E lo dimostra ampliando la disponibilità di erogatori per i suoi modelli bagno. A disposizione dei progettisti ci saranno 33 varianti di bocche – da muro, da piano e da terra – tutte facilmente combinabili con le 5 tipologie di miscelatori a catalogo. 

Quadro Design mette a disposizione del cliente un ampio ventaglio di opportunità e di suggestioni compositive. 

L’azienda, grazie a questa evoluzione, conferma la propria vocazione alla flessibilità totale. La struttura snella e la produzione interna garantiscono che, anche su piccoli quantitativi, si possa avere un’estrema personalizzazione. 

Che vogliate usare ModoStereoHBLevo o Ottavo ogni progetto di bagno trova la sua soluzione. Diverse altezze e disposizioni, profondità differenti e comandi singoli o doppi, ora si può lasciar scorrere la creatività. Liberamente, come acqua.

Levo è la nuova collezione di rubinetti dal disegno essenziale sia per l’ambiente bagno sia per la cucina. Disegnat adallo Studio Adolini, la nuova linea è realizzata in acciaio inossidabile. Accosta la forma semplice alla tecnologia, con un’attenzione all’ergonomia. La cartuccia progressiva riduce l’utilizzo della caldaia, l’areatore aiuta a ridurre il flusso dell’acqua-per garantire il risparmio idrico. 

HB riporta alla memoria la traccia della matita sul foglio, luogo di nascita di ogni progetto. La matita è il prolungamento della mano, come il miscelatore è quello dell’acqua. Entrambi sono portatori di qualcosa di ancestrale, che da sempre definisce l’uomo e il suo rapporto col mondo. L’elegante profilo di HB riprende questo legame e lo porta nella stanza più preziosa e intima della casa.

Modo con le sue profonde scanalature a lunetta propone un dialogo tra essenzialità e tecnica. Da una parte l’ergonomia ben studiata garantisce una precisa regolazione del flusso, dall’altra il linguaggio estetico gioca con i riflessi metallici delle finiture rame e cromo nero e veste nuove sensuali scenografie del benessere. Disponibile in due altezze e due diametri,con manopole simmetriche o asimmetriche affiancate da una semplicissima canna lineare. Modo diventa il passepartout dell’eleganza,in qualsiasi contesto.

La forma di Ottavo è ispirata ad una naturale goccia d’acqua in caduta libera. Esaltato nelle forme dal simbolo infinito.Abbracciato per sempre dall’acciaio inossidabile.

Stereo, ispirato al mood Eightees e alle manopole dei mitici Hi-Fi stereo, nasce da un essenziale dettaglio tecnico, il minuto segmento verticale che ne arricchisce la forma. Un segno preciso e deciso che fa di questo modello l’elemento decor del bagno contemporaneo. La perfezione della lavorazione meccanica,la purezza estetica e le nuove finiture lo rendono perfettamente riconoscibile nel vasto panorama della rubinetteria di design.Un archetipo di stile senza tempo.

www.quadrodesign.it

29 aprile 2019 / / Design

Milano Bedding, da oltre vent’anni, coniuga relax, comfort e design made in Italy attraverso i suoi divani, divani letto e letti; proposte in continua evoluzione non solo a livello estetico ma anche funzionale, garantendo meccanismi di apertura/chiusura all’avanguardia, materassi specifici, per necessità e preferenze, e molteplici rivestimenti per ogni gusto.

Presentato al Salone del Mobile a Milano, Oliver è il nuovo divano letto presentato dall’azienda Brianzola. Disegnato da Alessandro Elli, si distingue per le linee decise e pulite e, in particolare, per l’alto schienale dalla forma trapezoidale che crea una decorazione distintiva: esso sostiene i cuscini nella versione divano, esaltandone la comodità, e, una volta aperto a letto, si presenta come una piacevole testata.

Lo stesso design dello schienale viene ripreso nei braccioli sagomati che accolgono e avvolgono aggiungendo comfort, grazie anche alla qualità delle imbottiture dei cuscini.
Oliver è stato progettato e realizzato per trasformarsi, con un solo e semplice gesto, in un vero e proprio letto.

Le doghe di legno o la rete a maglie elettrosaldata e il materasso, da 16/18 cm, sono gli altri requisiti per un riposo rigenerante. I piedini sono rivestiti nel tessuto scelto per il divano. Oliver è interamente sfoderabile e lavabile a seconda del rivestimento ed è disponibile anche nella versione fissa, completamente smontabile per un facile trasporto.

Un oggetto di design, funzionale e bello alla vista, che non può mancare in una casa!


 
 

 
 
 
23 aprile 2019 / / Idee

Il cuore della casa….il luogo per antonomasia dove ci si ritrova in famiglia e con gli amici per trascorrere momenti indimenticabili!

La CUCINA è lo spazio domestico più amato e ricercato dagli italiani, secondo i dati della nota piattaforma Homelook.it, specializzata in interior design e arredamento.

L’ambiente che riceve più attenzioni dagli utenti e che si traducono in una continua e costante ricerca di idee e spunti per essere rinnovato. Ecco che Homelook.it ha chiesto ai migliori interior designer come rinnovare la cucina senza cambiarla. Il risultato sono 5 progetti di interior relooking da cui trarre ispirazione, per migliorare la propria stanza del cuore nel rispetto dello stile di appartenenza ma senza rinunciare a nuovi mood e tendenze.

1. Stile industriale, che passione.

Basta intervenire su pochi elementi per modificare del tutto l’aspetto della propria cucina. Lo sa bene Cinzia Corbetta, La gatta sul tetto, che si confronta con un ambiente dalle linee country chic per virare verso l’industriale.

Due stili che si combinano perfettamente, come dimostra l’ampio utilizzo per entrambi di elementi retrò. Come la nuova lampada a sospensione, un oggetto di design dal cuore nostalgico. Guardano al passato anche le sedie in metallo anticato.

Emerge sul fondale nero la cappa in acciaio inox. Dello stesso materiale anche le mensole introdotte in sostituzione dei mobili pensili.

2. Scandinava nell’anima.

Insegue l’armonia dello stile nordico il progetto di Mariana Bettinelli, Interior Notes, alle prese con una tipica cucina degli anni ’80.

Nel segno della sobrietà, profili e maniglie si adattano al bianco dell’arredo, mentre la scelta per il top della cucina va verso un legno in essenza chiara. Uniformità anche per le pareti, ritinteggiate in grigio chiaro.

Le linee del tavolo si ammorbidiscono sulle tracce del nordic style. Il legno delle gambe richiama quello delle sedie e della credenza in quercia naturale. La pulizia è di casa anche grazie al disegno leggero della lampada a sospensione.

3. Il calore della modernità.

Una cucina in stile scandinavo diventa con la guida
di Giorgia Congiu, GiCiArch, un ambiente decisamente più vicino
ai gusti degli italiani.

Ecco che l’area adotta
uno stile contemporaneo, con le pareti
arricchite da una speciale carta da
parati
in fibra di vetro caratterizzata dai toni del grigio e dell’azzurro.
Colori che si ritrovano anche nelle nuove sedie
in velluto turchese e naturale.

L’eleganza entra in scena con il lampadario a sospensione in vetro. Dalle linee moderne e attuali, accompagna le linee arrotondate del rivestimento delle pareti. L’atmosfera si alleggerisce anche grazie alla sostituzione delle veneziane con morbide tende a pacchetto.

4. Contemporanea con accenti boho chic .

La cucina rinnovata da Fabio Cipriano ed Emanuela Carratoni, CAFElab architetti, è un concentrato di energia, grazie alla forte presenza del colore.

Se l’arredamento di partenza trasmetteva un senso di confusione, qui è tutto più ordinato. Il colore prescelto per basi e pensili è il verde petrolio, utilizzato in due tonalità diverse.

Una ventata di calore arriva dalle finiture cromate e satinate di nuovi elementi, quali lavello, rubinetto e pomelli. A centro stanza compaiono un ampio tavolo dalle linee scolpite circondato da sedie.  La ricercatezza dei materiali si rivela nell’uso del Marmo di Carrara per piano e backsplash. Il lampadario dalle forme geometriche aggiunge all’ambiente contemporaneo un tocco boho chic.

5. Minimal sì, ma traboccante di vita.

La cucina è un ambiente vivo, e così va trattato. Lo sa bene Martina CimaSpunti e Virgole, qui alle prese con una cucina minimal rigorosa e severa.

E allora, spazio sul piano di lavoro ad oggetti della quotidianità, come l’immancabile macina sale e pepe. E poi, ancora, un thermos e una tazza rigorosamente bianca in cui versare la propria bevanda preferita. Anche le erbe aromatiche, accompagnate da un coprivaso in legno, danno corpo all’ambiente.

Di tendenza e funzionale il tappeto in iuta davanti al lavandino. Due mensole nere aggiungono superficie utile e segnano lo spazio che sovrasta il piano di lavoro, interrotto da due lampade in stile industriale.   

17 aprile 2019 / / Design

Funzionalità particolari, prestazioni affidabili e dettagli estetici ricercati aggiungono un tocco di stile in cucina.


Adattare lo spazio in cui si viviamo alle innumerevoli esigenze, stili e tendenze e che sia in completa sintonia con i nostri desideri, è il punto fondamentale che il consumatore di oggi cerca di soddisfare.Si è sempre alla ricerca di complementi e accessori attuali che possano colpire la nostra attenzione per rendere la casa un vero nido confortevole e funzionale.

Grazie al completo restyling della collezione Kitchen, Ritmonio propone tredici nuovi prodotti, progettati cercando un perfetto bilanciamento tra qualità dei materiali, le più avanzate tecnologie del settore e l’attenzione al design e all’ergonomia, che da sempre contraddistinguono il lavoro dell’Azienda.

Tre le serie principali:

  • Diametro 35 Cucina, un classico evergreen che incorpora tutti i plus della rubinetteria Ritmonio:
  • Diametro 35 Cucina Inox: quattro modelli in finitura inox.
  • Reverso Cucina, con tre proposte, che si distinguono per essere poliedriche e versatili.

Scegliere le proprie combinazioni preferite, mixando le diverse collezioni oppure optando per la linearità, permetterà a ciascuno di trovare il proprio stile caratterizzato da forte personalità, indispensabile per creare luoghi “su misura”, dove finalmente riconoscersi, trasformando ogni esperienza di utilizzo in un’esperienza unica di benessere in casa.

www.ritmonio.it

15 aprile 2019 / / Interiors

Un loft completamente rivisitato con una splendida vista sul fiume che attraversa la città. Un progetto intelligente, con decorazioni raffinate, pochi colori, strumenti contemporanei che hanno fornito un nuovo volto a questa ex fabbrica abbandonata.

Appartamenti di importanti dimensioni, con zone living aperte e ariose.

Splendido l’utilizzo del vetro per il parapetto dei balconi che aumenta la luminosità e la leggerezza di un edificio in laterizio a vista troppo “serio”.

Immagini via Planet Deco.fr

9 aprile 2019 / / Idee

Arredare un monolocale non è un progetto così ambizioso dal momento che gli spazi sono piccoli e oltremodo contenuti?

Niente di più sbagliato. A volte le soluzioni più creative e originali nascono proprio dall’ingegnarsi nel trovare escamotage per rendere un’area limitata, funzionale, incantevole e di stile.

Probabilmente, il punto nodale è la suddivisione tra zona giorno e zona notte. Riuscire a creare ambienti distinti, ma che si completino, può essere impresa ardua ma non impossibile.

Ecco che il team di VogliaCasa.it ha trovato per voi alcune idee che potranno ispirare.

Pareti vetrate, mobiletti bassi, muri separatori….ecco che cosa può venire in aiuto per separare le funzioni in una casa. Ottenere un risultato unico e di design dipende molto dalla scelta degli accessori, dall’utilizzo dei colori e dalla disposizione degli arredi.

Affidarsi ad un professionista? Una mossa vincente nella fase progettuale.

Per info contattare vogliacasa.it@gmail.com

4 aprile 2019 / / Design

Molto in voga nelle cucine contemporanee, ma non solo, è la tanto sognata “isola”. Un monoblocco collocato solitamente in posizione frontale rispetto ai pensili a vista o a scomparsa.

I designer dei migliori brand hanno arricchito questo piano di lavoro con innumerevoli optional, sportelli ad angolo e tante piccole innovazioni utilissime per chi ama stare tra i fornelli.

Le più accessoriate prevedono zona cottura e d’appoggio, lavelli, cassettoni, angolo snack o pranzo. Insomma, niente più tavoli aggiuntivi e piani di lavoro tra mobiletti sospesi. Insomma un processo di rinnovamento per creare un look originale, funzionale e versatile.

Ecco 5 meravigliose alternative per ispirare futuri progetti di “”KITCHEN RELOOKING”!

…numero 1…
…numero 2…
…numero 3…
…numero 4…
…numero 5…
2 aprile 2019 / / Decor

Quando si giunge alla conclusione
di un progetto d’interni, a volte ci si accorge che manca “qualcosa”, quel
tocco originale che renderebbe l’intervento di restyling davvero ultimato.

Un piccolo accessorio, infatti,
può essere utile e indispensabile.

Ecco che un bel tappeto, piccolo o grande che sia, ha sicuramente la capacità di delineare al meglio il nostro ambiente, connotandolo di particolarità e caratterizzandolo in stile e decor.

L’ elemento che in primis va sottolineato, è la meravigliosa sensazione tattile che questo complemento d’arredo fornisce. Camminare a piedi nudi e avere il contatto diretto con il tessuto è un modo per assaporare pienamente la propria casa, oltre a percepire senso di calore e benessere.

Altro fattore importante è la delimitazione degli spazi che offre.

Inserire un tappeto in una stanza
crea delle zone di passaggio, delinea percorsi e aree dedite a svariate
attività. Molte utile se utilizzato in camere con pochi arredi e con necessità
di essere personalizzate.

E’ oltremodo un oggetto versatile che trova la sua collocazione in ogni contesto. Dalla passatoia allo scendiletto, dal bath mat allo zerbino…

Il mood di tendenza, le
dimensioni o i colori da scegliere, non hanno vincoli prestabiliti e combinare
soluzioni differenti tra gli stili in casa o propendere per una soluzione più
neutra dipende dall’azzardo che ognuno di noi ha voglia di affrontare!

1 aprile 2019 / / Interiors

Un meraviglioso appartamento ad angolo in un edificio a piano terra nella città de L’Aia. I proprietari, attivi nel settore creativo, erano alla ricerca di spazio sufficiente per esporre la loro collezione di oggetti, libri, mobili e ceramiche. Colori caldi e una varietà di tessuti combinati in un ambiente semplice, originale e con modanature splendide nella zona giorno.

Da una piccola camera è stato ricavato un luminoso giardino d’inverno collegato direttamente con quello esterno, per creare un’atmosfera magica di continuità tra i due ambienti.

I colori scuri delle pareti nella cucina, soggiorno e camera da letto, creano uno sfondo neutro e scenico per le vivaci colorazioni di arredi e complementi. Tutto sembra posizionato in modo casuale ma i diversi materiali e tessuti sono combinati alla perfezione e rendono ancora più unica questa splendida piccola casa.

Photography courtesy of the form makers.