23 Luglio 2018 / / La Gatta Sul Tetto

armadio-a-muro-arredamento-desArmadi da incasso una soluzione pratica per spazi ridotti
Avete degli spazi in casa fuori misura? Ci sono delle nicchie nei muri? Oppure qualche parete è fuori squadro?

Il modo migliore per sfruttare questi spazi è quello di studiare un arredo su misura da inserire a incasso, come gli armadi che, oltre a contenere, aiutano a nascondere alla vista le irregolarità delle pareti.

Potete farlo realizzare da un falegname o, se siete capaci, costruirlo voi con il fai da te, magari seguendo le guide di bricoportale, grazie alle quali potrete riuscire a ottenere un mobile dal design originale e personalizzato.

Armadi ad incasso per sottoscala

Gli armadi a parete e in particolare gli armadi da incasso, possono adattarsi a tutte le situazioni della vostra casa o del vostro negozio. Spesso, in presenza di scale, si viene a creare uno spazio che non si sa come utilizzare, ma che potrebbe essere sfruttato per riporre tutto ciò che si desidera nascondere alla vista. La profondità e l’altezza del sottoscala sono fattori importanti da tenere presente, sia per decidere cosa riporvi, sia per progettare il vostro mobile da incasso su misura: un sottoscala ampio potrà ospitare un guardaroba o un ripostiglio, mentre uno spazio ridotto può contenere scarpe e borse. Se poi siete abili con il fai da te, potreste anche adattare gli armadi che già avete.

Armadi da incasso sottoscala

Armadi ad incasso nello spazio tra i pilastri

Spesso nelle nostre case gli elementi strutturali, come i pilastri, sporgono dalle pareti creando degli spazi difficili da arredare: in questi casi, gli armadi ad incasso possono essere un’ottima soluzione. Se poi avete due o più pilastri posizionati nel mezzo di una stanza,  la luce tra essi può essere usata per inserirvi dei mobili su misura, giocando con le diverse soluzioni possibili: potete semplicemente inserire delle mensole, oppure alternare mensole e spazi chiusi con ante, mentre inserendo degli armadi su misura delimiterete lo spazio ricavando due stanze separate, guadagnando anche uno spazio utile per riporre tutti quegli oggetti che volete nascondere alla vista. Un’idea potrebbe essere quella di dotare il vostro armadio di porte scorrevoli per guadagnare spazio davanti all’apertura.
Potrebbe interessarti anche: Armadio nascosto in appartamento di 11 mq a Parigi

Armadi da incasso

L’uso degli armadi a muro da incasso nei tempi passati

Nelle case antiche, grazie alle pareti molto spesse si potevano ricavare nicchie che, una volta chiuse con ante, fungevano perfettamente da armadio o ripostiglio.  L’uso delle armadiature a muro era inoltre un sistema molto economico, considerando il fatto che un tempo non esistevano i mobili modulari e che si doveva necessariamente ricorrere ai falegnami per creare arredamenti su misura. Come alternativa venivano infatti spesso create stanze armadio, dette anche guardaroba, attrezzate poi su misura.

Armadi da incasso nella nicchia

La scelta di realizzare armadi incassati su misura

Trattandosi di mobili su misura, l’attenzione ai dettagli e qualità nella manodopera sono fondamentali per la buona risuscita del progetto. Indubbiamente si tratterà di mobili più costosi rispetto ai classici modulari dalle misure standard, ma bisogna anche tenere presente che i mobili su misura artigianali sono praticamente indistruttibili: una scelta che vi ripagherà nel tempo.


Crediti foto di copertina: Ulrich Kehrer
23 Maggio 2018 / / Design

Le mansarde son tanto belle e affascinanti, ma sono altrettanto difficili da arredare soprattutto quando si tratta di cabine armadio. Nel post di oggi tre progetti per arredare una cabina armadio in mansarda.

………

Quanto ci piacciono le mansarde eh? Tutti (più o meno) ne subiamo il fascino, perché il tetto spiovente con le travi in legno magari, dà subito quel tocco di intimità.

Il problema delle mansarde sta nell’arredarle: i mobili standard difficilmente si adattano in ogni parte della casa, soprattutto dove ci sono i punti bassi. Le altezze talvolta sono proprio minime, ancor più basse di quello che le aziende di mobili forniscono. Il risultato? Tanti angoli della casa che rimangono inutilizzati, perché il pensiero dei mobili su misura ci spaventa.

Mettiamo il caso che la nostra camera sia proprio in un piano mansardato. Come creare una zona armadi o cabina armadio che tenga conto delle altezze reali e ne sfrutti tutta la lunghezza?

In questo post vi porto l’esempio pratico di casa nostra, che ha un piano mansardato di tutto rispetto. Altezza massima 3,73 mt e altezza minima 1,04 mt, con una lunghezza di 5,15 mt. Quindi niente male per la parete da dedicare agli armadi. Ma i ragionamenti e le scelte che vedrete oggi sono applicabili a tutte le altre altezze e larghezze. Il punto di partenza è decidere: armadi chiusi o cabine armadio a giorno? 

Noi abbiamo optato per la seconda scelta e abbiamo trovato tre soluzioni.

ARREDARE UNA CABINA ARMADIO IN MANSARDA: CON PANNELLI IN OSB E ACCESSORI DA NEGOZIO

Iniziamo con la soluzione che richiede più manualità e predisposizione al fai-da-te. Partendo dal disegno della parete, ho tracciato una riga a metà della larghezza della parete, a circa 2,58 mt. Per calcolare la larghezza dei pannelli ho lasciato un po’ di margine: facendo i pannelli larghi esattamente come la parete poi è impossibile montarli e si correrebbe comunque il rischio di doverli rifilare. Ho così ottenuto due pannelli larghi 252 cm (con uno scarto di circa 11 cm).

In altezza i pannelli saranno da 125 cm, arrivando ad un’altezza totale di 250 cm. Ben oltre le dimensioni standard degli armadi disponibili in commercio. Ma queste misure derivano anche dai pannelli pretagliati esistenti in commercio, come quelli di Leroy Merlin in compensato multistrato di pioppo (spess. 18 mm). Abbiamo scelto lo spessore di 18 mm perché è quello richiesto dai ganci per i tubi appendiabiti e le mensole che ho trovato.

Questi pannelli di solito sono forniti in diverse finiture: potete scegliere se prenderli grezzi per poi pitturarli o applicargli la carta da parati. Mediamente un pannello in compensato grezzo, da 125 x 252 costa circa € 53. Ci sono anche i pannelli di OSB se volete un look più industriale e meno formale (come abbiamo deciso di fare noi). Anche qui spessore 18 mm, con dimensioni 125 x 250 cm. Il prezzo scende notevolmente: circa € 29 a pannello.

A noi serviranno 4 pannelli di cui due da tagliare in sito. Come li fisseremo? Con listelli di legno da 4 cm x 2 cm di spessore e lunghi 2 mt. Li fisseremo a parete (circa due listelli verticali per pannello, ma si possono mettere anche in orizzontale per dare maggior rigidità) e poi avviteremo i pannelli ai listelli.

arredare una cabina armadio in una mansarda

Tubi appendiabiti, ganci per le borse e reggimensole sono dell’azienda Display Online, la linea di prodotti Kode.02. Ho scelto arredi per negozio perché sono i più flessibili e si prestano a mille configurazioni, in base alle necessità. Se avete dubbi su come si progetta un armadio, leggete questo post!

Per le mensole: l’azienda ha in catalogo mensole in vetro, ma se vi sembra scomodo per la facilità con cui si sporca potete optare per le classiche mensole in legno (per i loro supporti lo spessore massimo deve essere di 8 mm, quindi dovrete farle tagliare su misura).

Costo totale? Con ripiani in vetro, € 1800 circa. Senza ripiani in vetro, € 1400. 

ARREDARE UNA CABINA ARMADIO IN MANSARDA: CON IKEA

Se non siete per il taglia e monta, allora un’opzione sicuramente da valutare è Ikea, con il suo sistema di armadiature a giorno Elvarli. I moduli esistono in due larghezze (40 cm e 80 cm) e due altezze (216 cm e 126 cm). Sono ovviamente liberamente affiancabili e componibili, cosa che vi permetterà di adattare i moduli allo spazio che effettivamente avete. All’interno ci sono i mille accessori per cui Ikea si distingue: tubi appendiabiti, mensole, cassetti, librerie. Tutto questo vi permetterà di cucire addosso a voi l’armadio che vi serve.

arredare una cabina armadio in una mansarda

| Image credits: Ikea|

Io ho scelto tutti moduli da 80 cm, in totale 5. Due alti 216 cm e 3 altri 126 cm. Lunghezza totale circa 4,05 cm. Li ho attrezzati con 4 tubi appendiabiti, 6 cassetti e il resto a mensole. Ê un armadio pensato per due persone adulte, con la possibilità di avere a disposizione sia abiti invernali che estivi, scarpe e accessori. Noi abbiamo a disposizione già altre cassettiere, motivo per cui in questi progetti non sono state aggiunte.

Costo totale: € 1400 circa.

arredare una cabina armadio in una mansarda

ARREDARE UNA CABINA ARMADIO IN MANSARDA: CON CONFORAMA

Finiamo con una soluzione classica che sta spopolando moltissimo in questi ultimi tempi. Montanti di alluminio con attacco a parete che arrivano a 3 mt di altezza. Si possono tagliare, quindi sono perfetti per una situazione del genere. Per il nostro progetto ne servirebbero 6. Questi montanti possono essere attrezzati davvero con la massima libertà: cassetti, mensole in vetro, mensole in legno, tubi appendiabiti..

arredare una cabina armadio in una mansarda

Anche qui date sfogo ai vostri bisogni e necessità. Il mio consiglio è di farvi un disegnino della parete con le misure corrette e poi abbozzare i vari pezzi di cui avrete bisogno per la vostra cabina. Solo così sarete effettivamente in grado di configurare l’armadio che fa per voi, senza dimenticare nessun dettaglio. Questa soluzione è di Conforama ed è davvero flessibile: si adatta a mille soluzioni diverse. Come elemento divisorio tra due stanze, come piccola zona studio. Insomma tutto quello che la fantasia vi suggerisce.

Costo totale della mia composizione (con mensole in legno che sono più costose)? € 2.400 circa. 

arredare una cabina armadio in una mansarda

 

L’articolo Come arredare una cabina armadio in mansarda: tre soluzioni sembra essere il primo su VHD.

15 Maggio 2017 / / Dettagli Home Decor

Scopri come organizzare un armadio perfetto

Con l’arrivo della bella stagione è il momento di dedicarsi al cambio degli armadi, occasione giusta per rivedere l’organizzazione degli spazi al fine di mantenere tutto sempre in perfetto ordine. 
Quante volte vi è capitato di aprire l’armadio e rimanere insoddisfatti alla vista di tanto disordine? Tra i vari impegni lavorativi e familiari, siamo sempre di corsa e non abbiamo mai tempo di mettere in ordine l’armadio.

Grazie ad una buona organizzazione degli spazi, alla corretta sistemazione dei capi d’abbigliamento e con i giusti accessori, finalmente potremo avere un armadio sempre in ordine!


Ma vediamo nel dettaglio come organizzare un armadio perfetto.

Per una maggior praticità i capi della stagione in corso devono essere riposti in modo da essere sempre a portata di mano e divisi per tipologia: pantaloni, gonne, abiti, camicie e giacche.  Di norma è consigliabile appendere un solo capo a ogni gruccia per evitare che si possa stropicciare.  Scegliete delle grucce della stessa tipologia e appendetele con il gancio rivolto all’interno.  


Scopri come organizzare un armadio perfetto

Da un lato appendete tutti i pantaloni, le camicie, gli abiti e per finire le giacche. A seconda di come è strutturato il vostro armadio, per quanto riguarda magliette, canotte, felpe e maglioni, meglio sfruttare ripiani o cassetti. Nel caso vi mancasse lo spazio per appendere tutte le camicie, potete sempre piegarle e sistemarle all’interno dei cassetti.  


Scopri come organizzare un armadio perfetto

Per quanto riguarda gli accessori, come calze, calzini, cinture, guanti e sciarpe, utilizzate delle praticissime e comode scatole per armadi, in questo modo la mattina sarà più facile trovare quello che vi occorre.

Semplici, colorate e proposte in diversi formati e dimensioni, le scatole per armadi sono la soluzione ottimale per tenere tutto sempre in ordine e quando non servono le potrete sempre chiudere oppure riporle una dentro l’altra sistemandole altrove.

In commercio si trovano scatole in tessuto, cartone e plastica. Naturalmente quelle in plastica, essendo trasparenti, sono le più pratiche in quanto ci permettono di vedere cosa contengono senza doverle necessariamente aprire. 

Scopri come organizzare un armadio perfetto

In alternativa alla plastica, possiamo sceglierle di cartone. In questo caso il vantaggio è certamente quello che possono facilmente essere smontate e risposte ovunque occupando pochissimo spazio e quando servirà nuovamente basterà rimontarla in pochi secondi. Per chi invece desidera un prodotto più raffinato, la soluzione ideale sono le scatole in tessuto. Leggere e facili da spostare, sono disponibili in cotone e altri materiali, in tinta unita o fantasia. Le scatole in tessuto sono perfette anche da lasciate a vista.

Scopri come organizzare un armadio perfetto

Oltre alle scatole contenitive, per sfruttare al meglio lo spazio all’interno dell’armadiopotete sfruttare dei pratici portatutto pensili dotati di più scomparti, perfetti per ospitare accessori leggeri come ad esempio le sciarpe, i foulard. Esistono anche contenitori a più scomparti da appoggio utili per le cinture, l’intimo o più semplicemente per riporre la bigiotteria.  Nel caso in cui si disponga di un armadio poco capiente e quindi in grado quindi di ospitare solo l’abbigliamento della stagione in corso, le scatole diventano estremamente preziose per riporre i capi invernali altrove, ma ricordate di collocarli in un luogo asciutto e privo di umidità. 

18 Aprile 2017 / / Design

READ IN ENGLISH

In questo post ti racconto di un soppalco con cabina armadio, una soluzione utilizzata in uno dei miei progetti recentemente realizzato e fotografato. Il progetto è “Loft nel cuore di Milano”, le cui foto complete le puoi vedere nella sezione dedicata del Portfolio.

I clienti Rossella e Marco han pensato di dedicare la camera da letto alla bambina. Nella zona open space del Loft era necessario ricavare una zona letto! I soffitti abbastanza alti han portato a pensare subito a un soppalco.

Per me è importante in ogni progetto ricavare zone contenitive, perché gli ripostigli e armadiature non bastano mai in una casa!

Ho proposta quindi da subito di creare una cabina armadio sotto il soppalco. Proposta accettata con entusiasmo dai clienti!

Soppalco: sopra letto, sotto cabina armadio

L’altezza del locale non era generosissima, per cui è stato importante favorire l’altezza della cabina armadio sotto il soppalco visto che è importante poter stare comodamente in piedi mentre si scelgono i vestiti.

Su mio disegno, la struttura del soppalco è stata create in ferro in modo da fare i sostegni i più sottili possibili. La struttura è stata poi verniciata di bianco e nero.

La scalinata laterale e il pavimento della zona letto è stato rivestito invece con lo stesso parquet utilizzato per tutta la casa, un rovere naturale.

Sotto il soppalco è stata creata una chiusura in cartongesso per delimitare la cabina armadio e lasciare lo spazio per l’incasso di frigorifero e di una colonna o madia contenitiva.

Ma entriamo ora nella cabina armadio sotto il soppalco!

Si entra con una porta scorrevole, da preferire in questi casi. L’interno è un piccolo gioiellino: il punto luce a parete opportunamente indicato durante il progetto illumina in maniera uniforme. Le pareti sono state rivestite con carta da parati sul grigio argento, donando un tocco chic non indifferente.

Le soluzioni contentive e sono di Ikea, mentre per la barra appendiabiti è stata recuperata una barra di ferro.

Marco ha voluto creare qui dentro una sua postazione “solitaria” da utilizzare saltuariamente per il suo lavoro, per questo troviamo un alto sgabello con un ripiano. Abbiamo comunque 207cm di altezza per cui lo spazio è confortevole!

Cosa ne pensi di questo progetto? Ti piacerebbe avere una cabina armadio come questa?

L’articolo Cabina armadio sotto il soppalco proviene da easyrelooking.

27 Marzo 2017 / / Idee

Dite la verità, voi sapere come organizzare l’armadio al meglio? O come me, fate sempre tanti buoni propositi che poi svaniscono? Ecco qui una guida passo passo, per un armadio a prova di negozio. 

English version >> http://bit.ly/2mDS1gh

………..

È arrivata la primavera, quindi vuol dire che è arrivato anche per voi (non potete scampare a questa cosa e lo sapete) il momento delle “pulizie di primavera”.

Che poi, uno in realtà potrebbe farle tutto l’anno ma si sa, in inverno siamo pigri, fa freddo, chi ha voglia di mettersi li a fare la cernita tra vecchio e nuovo?

Tra le cose da tenere e quelle da buttare? Siccome la bella stagione è alle porte, vi tocca fare un po’ di decluttering (che parola è??? Che vuol dire?? Per tutti quelli che hanno la faccia a punto di domanda, e mi stanno insultando chiedendo di scrivere come mangio, bè seguirà articolo a tema).

Una volta che avete fatto la selezione all’ingresso, allora potete passare allo step 2: organizzare l’armadio.

Il momento del panico vero e proprio è arrivato: perché scommetto che se aprite le ante del vostro armadio, potrebbe cadervi tutto in testa.

Eppure, con pochi giusti accessori anche il vostro armadio potrebbe sembrare uscito da un catalogo e non ci mettereste più quattro ore a trovare il vostro amato vestito.

Vediamo insieme come.

ORGANIZZARE L’ARMADIO: GUIDA PASSO-PASSO ANTI-SBAGLIO

Soprattutto quando lo spazio è poco, saper scegliere l’armadio correttamente è di fondamentale importanza (qui qualche idea in proposito).


Ma voi sapete di che dimensioni sceglierlo? Quanti moduli a colonna vi serviranno?
Condividi il Tweet


Se siete andati in paranoia per la raffica di domande, tranquilli: vi ho preparato un’infografica “zero sbatti”: tutto quello che vi serve sapere in un posto solo.

organizzare l'armadio

Diciamo subito che se potete permettervi una cabina armadio, allora potete organizzare l’armadio sia per lei che per lui.

Quindi: due colonne di almeno 2 mt di altezza, divise in quattro parti. In questo modo potete organizzare i vestiti per colore e per tema, diciamo. Gonne, pantaloni, giacche e camicie.

Due piccole colonne, sempre a tutta altezza; una da dedicare alle scarpe, l’altra con cassetti (per la biancheria) e mensole (per maglioni e magliette).

Se però avete una sola parete da dedicare all’armadio, dovreste scegliere tre moduli da 100 cm di larghezza circa, per almeno 240 cm di altezza.

In questo modo una colonna da 100 cm sarà divisa in due moduli alti 100 cm; una per lei, una per lui e la rimanente organizzata in cassetti e mensole.

La parte alta dell’armadio sarà da dedicare a borse, cappelli e accessori poco utilizzati, da riporre in scatole.

organizzare l'armadio

Komplement appenditutto Ikea € 3,99 | Stajilig appenditutto Ikea € 0,99

Una volta scelto l’armadio, non vi rimane altro che scegliere gli accessori interni: divisori interni per cassetti, ganci per le borse, appenditutto per cravatte e cinture….

organizzare l'armadio

Divisorio interno per cassetti Semeraro € 12,99 | Hofta divisorio per cassetti Ikea € 1,99

I divisori interni per i cassetti sono un must have: vi obbligano a tenere in ordine per forza. Se preferite un divisorio da tagliare a misura, allora Hofta di Ikea fa per voi. Tre pezzi da combinare in base alle vostre esigenze.

Se poi la parte alta dell’armadio non è abbastanza, perché avete troppe borse, allora usate il gancio Astuto di Semeraro: vi permetterà di tenere a portata di mano quelle che usate di più.

organizzare l'armadio

Gancio Astuto Semeraro € 1,99 | Skubb portascarpe appendibile Ikea € 5,99

 

L’articolo Organizzare l’armadio: guida step-by-step, a prova di dubbio sembra essere il primo su VHD.

15 Marzo 2017 / / Idee

L’armadio è forse l’elemento della casa a cui destiniamo tutto quello che non vogliamo a vista e a cui dedichiamo meno attenzione. Ma quando la casa è piccola, come lo progettiamo? Avremo abbastanza spazio? 

English version >> http://bit.ly/2mpkykD 

……….

Provate a pensarci: come fareste a vivere senza gli armadi? Li diamo per scontati e magari non ci prestiamo molta attenzione, quando li scegliamo per le nostre case.

Eppure, al momento della progettazione e della scelta degli arredi, bisognerebbe fare una scelta molto ben ragionata. Si dovrebbe pensare a quanti vestiti e accessori si hanno, di che tipo, se siamo disposti a fare sempre il cambio di stagione o no.

Tutti questi punti ovviamente valgono in caso di appartamenti normodotati: dagli 80 mq in su.

Se invece le nostre case sono sotto i 50 mq? Che facciamo? Che regole utilizziamo?

Vediamo un po’ come alcuni architetti hanno risolto la questione, in giro per il mondo.

ARMADIO #1: A VISTA, IN RUSSIA

Cominciamo con un appartamento di 48mq in quel di Saratov, ristrutturato da Anton Lebedev (qui il post originale). In questa casa tutti gli ambienti sono a vista e comunicanti, così da sfruttare la luce proveniente dalle finestre laterali.

Il letto è separato da porte scorrevoli in vetro satinato, che danno privacy quando serve, ma non rendono la casa claustrofobica. Intorno a quella che è la stanza dedicata al bagno, è stato ricavato un armadio a giorno.

In questo caso lo spazio non è molto, quindi l’armadio ha due moduli con tubi appendiabiti. In casi del genere il cambio di stagione è d’obbligo, non è possibile avere tutto a portata di mano. Un paio di cassetti sono sempre presenti, ma non di più.

L’organizzazione interna è di fondamentale importanza, per evitare confusione.

armadio

http://lebedevarch.wix.com/

ARMADIO #2: SUPER ORGANIZZATO, IN CAMERA

Scendiamo ancora con i mq: arriviamo a 33.

Siamo sempre in Russia (questi giovani interior designer sono un pozzo di idee e creatività), dove gli interior designer dello studio Ins Design hanno ristrutturato questa confortevole casa (qui il post originale).

È piccola si, ma non manca nulla. Addirittura nella zona notte c’è una piccola zona fitness e un ufficio, che può essere schermato da tende.

In questa zona di transizione trovano posto gli armadi: a metà tra moduli a giorno e cabina armadio, regalano davvero tantissimo spazio per contenere.

4 moduli appendiabiti, 1 colonna per vestiti lunghi e cappotti e cassetti: tutto quello che serve. Il tocco finale? Gli specchi che moltiplicano gli spazi.

armadio

insdesign.ru

 ARMADIO #3: SOTTO IL LETTO MATRIMONIALE

Con questo progetto l’architetto si è superato, in quanto a creatività progettuale.

Siamo a Stoccolma, in una micro-casa di 36 mq, ristrutturata dall’architetto Karin Matz (qui il post originale).

L’architetto rimane colpita dalla storia di questa casa: la ristrutturazione cominciata negli anni ’80 rimane in sospeso per vent’anni. Il lavoro di ristrutturazione vuol proprio essere la testimonianza di questa storia: metà casa viene infatti completamente rinnovata, mentre l’altra metà rimane incompleta.

La sfida più grande? Accontentare tutte le richieste del cliente: spazi generosi, luce e aria e una cabina armadio.

La soluzione: letto matrimoniale sopraelevato, sotto il quale trova posto una vera e propria cabina armadio, degna di questo nome. Date un occhio voi stessi: vi accorgete che c’è spazio per davvero molte cose (e il cambio stagione non è necessario).

armadio

H6B6 | Karin Matz

L’articolo Armadio e micro-case: idee pratiche per progettarlo al meglio sembra essere il primo su VHD.

3 Marzo 2017 / / Idee

Buondì cari amici! La primavera si avvicina e presto saremo alle prese con il cambio del guardaroba, un compito che molti vorrebbero evitare, me compresa: le camere da letto in disordine per giorni tra scatole, grucce e montagne di capi da lavare. E poi capita sempre di non trovare più quella bella camicetta acquistata appena prima dell’arrivo dell’autunno, infilata chissà dove; o di ritrovarsi sempre quel vestito che ormai non mettiamo da molto tempo e che a ogni cambio di stagione riaffiora per restare appeso fino al prossimo cambio, perché “non si sa mai”.
Ebbene, possiamo guardare le cose in positivo, così il compito sarà meno sgradevole: approfittiamone per fare alcuni cambiamenti al nostro armadio o, per chi ha la fortuna di averlo, al dressing. 
Ho selezionato per voi alcune immagini che potranno ispirarvi alcune idee per fare quei piccoli aggiustamenti che magari volevate fare da tempo: buon cambio di stagione a tutti!

19 Gennaio 2017 / / Design

dettagli home decor

Storage, il sistema modulare Porro per la zona notte, si amplia perfezionando e combinando tra loro nuove finiture, componenti ed accessori all’insegna di una fattura eccellente e della massima personalizzazione


Dalle nuove ante Block in cristallo con profilo metallico, alla nuova finitura scura per gli interni, il melamminico Eucalipto, l’armadio Porro si è trasformato nel tempo da vano tecnico a luogo emozionale, a cui riservare sempre più spazio. 
La prima immagine mostra la versione dell’armadio Storage Battente con le nuove ante Block in cristallo con profilo metallico dalla raffinata semplicità, un telaio leggero all’insegna della sottrazione disponibile in nero o in finitura iron accoppiato con anta trasparente, smoke o reflex. Tra i suoi moduli da 120 cm viene ricavato un vano scrittoio Modern Load-it con mensole in acciaio, pannelli in rovere termotrattato e specchio e piano sospeso abnato alla nuova poltroncina Draped Chair delle Front.

dettagli home decor

Declinata in una finitura espressiva come il mongoi, la Dressing Room Storage proposta in una grande composizione angolare “effetto baule” che alterna su entrambi i lati moduli a giorno e vani chiusi dalle nuove ante in cristallo Block, scelte nella versione trasparente con telaio iron senza serratura, che racchiude al centro le cassettiere Acquario in cristallo trasparente.

dettagli home decor

Soluzione a metà strada tra la tipologia della cabina armadio e quella dell’armadio a giorno, Boiserie Storage, una superficie continua senza nessun tipo di interruzione frontale caratterizzata da pannelli a muro modulari sui quali appendere le varie attrezzature nel nuovo melamminico Eucalipto, abbinati alla purezza di ripiani in cristallo.

dettagli home decor

Ai due estremi di questa zona armadi una piccola Boiserie angolare in teak, proposta accessoriata con ripiani luminosi e appenderia e l’immancabile Dressing Room angolare a giorno in mongoi. Il cuore è rappresentato dall’ armadio Storage Complanare con interni in hemlock “cenere”, vero e proprio scrigno per i vestiti racchiuso dalle ante 32S a forte spessore, che diventano di serie per un maggiore comfort tattile. DI fronte la raffinata Scarpiera in mongoi con ripiani luminosi inclinati, realizzata su misura in altezza per ottenere in pochi metri di larghezza la massima superficie espositiva per le proprie scarpe.

dettagli home decor

L’armadio Storage Battente con ante Iron in cristallo racchiuse dal nuovo prezioso profilo in ottone 
brunitoconiuga visione degli interni, protezione e il massimo dell’eleganza chic. Il fondale in rovere carbone, le luci interne e i ripiani luminosi, i vani portaborse, cosi come le cassettiere con top in cristallo, i porta pantaloni con vassoio, rendono questa soluzione ricca di possibilità funzionali.

dettagli home decor


19 Dicembre 2016 / / BlogArredamento Aziende

Una nuova missione per i nostri arredatori: arredare una cabina armadio piccola e stretta, interamente dedicata ad una lei. La cabina deve contenere delle cassettiere, ripiani e tubi appendiabiti necessari per collocare abiti, cappotti e camicie su più livelli. Avendo una superficie ridotta a disposizione si rende infatti necessario lavorare in altezza, sfruttando le pareti in verticale fino all’ultimo centimetro.

La parete di 203 cm è tutt’altro che piccola, ci si può lavorare molto bene sfruttandola per l’inserimento di almeno 2 cassettiere capienti. L’ostacolo nella progettazione di questa cabina è la profondità limitata (il lato corto della stanza misura 151 cm) e la presenza di una porta battente che si apre verso l’interno rendendo praticamente inutilizzabile la parete di sinistra. La parete a destra dell’entrata misura 120 cm.
Le  misure però possono trarre in inganno: vi sembrerà di avere molto spazio a disposizione, ma dovrete sempre tenere in conto che un sistema di arredo per cabine avrà ripiani con una profondità minima di cm 45 cm (meno profondi non vi consentirebbero di sistemare abbigliamento e accessori). Oltre a ciò, essendo una cabina armadio, bisogna poterci entrare e muoversi agevolmente, sia per scegliere i capi che intendete indossare, sia per fare cambi di stagione e pulizie.

Vediamo insieme alcune idee e consigli utili per progettare ed arredare questo ambiente.

Che tipo di sistema per cabina armadio è ideale per arredare piccoli spazi?

Per arredare una cabina armadio piccola ci sono due opzioni ideali:

cabina armadio a moduli componibili: consente di abbinare moduli di dimensioni ridotte collocandoli liberamente sulle pareti a disposizione, qualsiasi sia la loro altezza e configurazione (lineari o sottotetto, ad esempio). Possono incastrarsi e sovrapporsi come preferite, su pareti lineari, ad angolo o a ferro di cavallo. Ci sono varie dimensioni, sia in larghezza che in altezza, e vari modelli che permettono di ricoprire anche l’intera parete con pannelli boiserie.

cabina armadio a pali terra-soffitto:  un sistema free standing a pali permette di regolare l’altezza e l’inclinazione a seconda delle esigenze, oltre a sfruttare nel migliore dei modi tutta l’altezza a disposizione. I pali possono essere attrezzati con ripiani e cassettiere, mentre i moduli componibili offrono una vastissima gamma di opzioni, dai normali ripiani ai portacamicie, passando per cassettiere e molti altri utilissimi accessori.

Il progetto per la cabina armadio di lei

Per arredare la cabina armadio dedicata a lei abbiamo creato una composizione modulare con elementi Easy dotati di ripiani e tubi appendiabiti. Il vantaggio è che si possono collocare dove si preferisce, si possono spostare ed eventualmente integrare in futuro con altri moduli. Per biancheria e capi delicati abbiamo inserito due cassettiere, per maglieria e abiti lunghi abbiamo alternato e mescolato moduli a parete dotati di piani di appoggio e appenderia. Sulla parete più corta abbiamo unito e sovrapposto alcuni moduli per creare una parete di contenimento per maglie oppure per scatole, borse e scarpe.

Le dimensioni degli elementi che abbiamo scelto per la cabina armadio sono:
– moduli a parete: cm 66 p.46,4 h.48
– cassettiere 4 cassetti: cm 66 p.48,5 h.76,6

3. consigli utili per sfruttare al meglio una cabina armadio piccola

1. Partiamo dall’ingresso: l’ideale sarebbe recuperare spazio all’interno della cabina eliminando le porte a battente sostituendole con una porta a scrigno. Se non volete intraprendere lavori di muratura, optate per una porta scorrevole esterno muro. Per dare un tocco in più e distinguere l’ingresso alla cabina dalle normali porte di casa, scegliete una porta decorata o colorata.

2. Fate una lista di tutto quello che volete riporre nella cabina armadio e basatevi su questa per decidere di quali attrezzature avete bisogno. Avete tanti abiti, tailleur e vestiti? Non fatevi mancare tubi appendiabiti e lasciate il giusto spazio per appendere tutto senza spiegazzare. Siete dei tipi sportivi tutti jeans e t-shirts, con una collezione di caldi maglioni multicolore per l’inverno? Riempite la cabina di ripiani su cui disporre tutto ben piegato, magari diviso per colore. Dipendenti da sneakers o tacco 12? Non dimenticate di attrezzare uno spazio per le scarpe, con una scarpiera a ribalta o una panca a terra su cui ordinare le vostre décolleté.

3. Anche se lo spazio è ridotto il desiderio è sempre quello di sfruttarlo fino all’ultimo millimetro. Ricordate però di lasciare lo spazio necessario per muovervi all’interno della cabina ed effettuare anche operazioni di pulizia o di cambio di stagione, magari con l’ausilio di una scaletta. Lo spazio minimo per un agevole passaggio è di 60 cm, ma naturalmente dovete tenete in considerazione la vostra corporatura.

Dovete arredare una cabina armadio e non sapete come fare? I modelli che avete visto in questo articolo non fanno per voi?
Cliccate qui sotto per chiedere un consiglio ai nostri arredatori.


Sono necessari circa 65/70 cm calpestabili per assicurare il passaggio e circa 60 cm di profondità per appoggiare i vestiti. Per ogni persona bisogna poi prevedere almeno 130 cm in larghezza mentre non ci sono limiti in altezza e lo spazio è sfruttabile fino all’ultimo centimetro, secondo esigenze e gusti.
Queste sono le dimensioni minime consigliate per progettare una cabina armadio, altri discorsi riguardano invece la forma e le attrezzature interne. Quello che è certo è che se disponi di una stanza piccola adiacente alla camera da letto puoi trasformarla in unacabina armadio a vista. Dal momento che questo spazio è utilizzato unicamente come grande armadio guardaroba è superfluo prevedere ante, antine o pannelli di copertura. I moduli e i ripiani possono essere comodamente lasciati a vista.

Queste riflessioni sono state il punto di partenza per il nostro ultimo progetto per una cabina armadio a vista.
Richiesta Cliente: trasformare una stanza di circa 4,37 mq con pareti di 1,90 e 2,30 metri in un guardaroba per due persone.

Piantina zona notte della casa della Cliente - camera matrimoniale con bagno e cabina armadio

 

Di seguito gli schemi indicativi realizzati dalla Cliente.
A sinistra la cabina armadio lineare a vista: due moduli laterali con barre appendiabiti e un modulo centrale con cassettiera e ripiani a giorno. A destra i complementi da collocare all’interno della stanza guardaroba: scarpiera, specchiera, settimanale.

Schema cabina armadio realizzato dalla Cliente
Schema dei lati della cabina armadio realizzato dalla Cliente

 

Quale cabina armadio inserire in questa stanza?
Flavia del Servizio Clienti propone la cabina armadio Player, una cabina armadio autoportante che sembra un armadio senza ante, da attrezzare a piacere con numerosi accessori, comprese barre appendiabiti, cassettiere e ripiani a giorno.

La soluzione pensata per questo specifico progetto è la seguente:
– un modulo cm 51,4 (spazio utile cm 46,3)
– un modulo cm 115,6 (spazio utile cm 110,6)
– un modulo cm 59,1 (spazio utile cm 54)

Da sapere:
– ogni modulo è dotato di serie di 1 ripiano e 2 tubi appendiabiti;
– ogni modulo è preforato a tutta altezza ed è quindi possibile valutare il posizionamento del ripiano mentre si sta montando la cabina;
– l’altezza dei moduli può essere scelta tra cm 226, 239, 255, 291;
– il modulo centrale da cm 115,6 è attrezzato con cassettiera con cassetti e vani a giorno e ripiani;
– per montare in totale libertà e sicurezza la cabina sono necessari 3 cm in larghezza per liberare i perni di fissaggio del fianco e 1,5 cm in altezza per inserire la schiena sul coperchio.

Questi vincoli dimensionali sono stati determinanti nella scelta della configurazione della cabina.
Dal momento che la parete totale misura cm 230 e che è necessario considerare 3 cm liberi utili per il montaggio, l’effettiva larghezza utilizzabile è di massimo cm 227. In questo spazio bisogna prevedere 3 moduli, attrezzati come spiegato prima.
Dal momento che i singoli moduli della cabina armadio a vista Player sono disponibili nelle larghezze cm 51,4 – 59,1 – 100,2 – 115,6 vi sono due soluzioni progettuali.

  1.  Moduli di serie
    Abbinare tre moduli di dimensione standard.
    Vantaggi: gli elementi sono di serie, non bisogna prevedere lavorazioni ad hoc, non ci sono costi aggiuntivi.
    Svantaggi: le dimensioni standard potrebbero non corrispondere perfettamente allo spazio a disposizione. In questo caso bisogna prevedere dimensioni leggermente minori con l’inconveniente di non occupare tutto l’effettivo spazio.
  2.  Tagli su misura
    Abbinare i moduli e prevedere lavorazioni ad hoc per diminuire o aumentare la larghezza.
    Vantaggi: si può realizzare una cabina armadio su misura, occupando e sfruttando tutto lo spazio a disposizione.
    Svantaggi: è necessario prevedere lavorazioni e tagli appositi che comportano costi aggiuntivi e maggior tempo di produzione.

In questo progetto si è preferito sfruttare i moduli di serie ed evitare costosi tagli su misura. I tre moduli scelti permettono di occupare 226,1 cm e risultano un’ottima soluzione arredativa per questa cabina armadio a vista.

 

Di seguito due immagini esemplificative che mostrano cosa è possibile realizzare con la cabina armadio a vista Player.

Cabina armadio a vista Player
player-cabina-armadio-a-vista

Il progetto per una cabina armadio a vista è così terminato, rimangono da scegliere gli elementi con i quali completare la stanza guardaroba. La scelta può ricadere su moltissimi arredi da acquistare anche singolarmente e i gusti personali hanno sicuramente la meglio. Seguendo le richieste della Cliente ecco alcune nostre proposte.

Scarpiera

Scarpiera Space: 1 anta a specchio, contiene circa 10 paia di scarpe
Scarpiera Dama: 5 ante a ribalta a specchio senza maniglie, profonda 26 cm
Scarpiera Iride: 5 ante a ribalta con maniglie colorate, alta cm 86, 121 o 180

Settimanale

Settimanale Brick: alto 126 cm, con 6 cassetti dotati di chiusura ammortizzata
Settimanale Mayfair: settimino a 7 cassetti profondo 45 cm, colorato
Settimanale Havana: 4 o 5 cassetti apertura push-pull, largo 45, 60 o 90 cm

Specchiera

Specchiera Spiral Mirror: rettangolare, larga 70 cm, alta 169 cm, spesso 6 cm
Specchiera Alma: con cornice, largo 70 cm, alto 120 o 150 cm, spesso 3,5 cm
Specchiera Breccia: angolo con cornice in gesso, largo 45,3 o 75,3 cm, alto 215,4 cm

 

Ti piacerebbe avere altri spunti arredativi su come progettare una cabina armadio? Dai un’occhiata ad altri nostri progetti:
Il progetto di Pamela: una cabina armadio in mansarda
Il progetto di Sara: una cabina armadio in lavanderia
Se desideri un preventivo personalizzato clicca sull’immagine qui sotto e contatta direttamente il nostro Staff.