15 Gennaio 2020 / / Idee

Organizzare i pensili della cucina è un lavoro che si rimanda sempre. Ma non basta farlo una volta all’anno. Con questi prodotti sarà un gioco da ragazzi.


Sii onesta.

In che stato sono gli interni dei tuoi pensili e delle tue basi della cucina? Siamo sempre di fretta, prendiamo gli oggetti che ci sono all’interno e non sempre stiamo attenti a rimetterli al loro posto.

Il risultato è che dopo qualche settimana ogni cosa è sull’altra, con un caos incredibile e fai fatica a trovare qualsiasi cosa.

Organizzare i pensili della cucina potrebbe essere davvero un compito semplice se fatto con i giusti prodotti. Ed è proprio di questo che voglio parlati oggi, per farti avere una cucina efficiente e pratica.

Sei con me?

Cucina con basi ed isola bianche, senza pensili. Muro a calce beige e soffitto a travi in legno.
Zarahome

Organizzare i pensili della cucina si, ma con stile

Non ha senso inserire oggetti a caso all’interno dei pensili, ma questo già lo sai. Come prima cosa pensa in modo razionale a dove mettere cosa, in base a quanto lo usi e quando lo usi.

Ti faccio qualche esempio: noi usiamo tantissime spezie e se avessimo potuto progettare la cucina avremmo sicuramente pensato ad un cassetto solo per loro. Da avere vicino al piano cottura, così da evitare di averle sempre sul piano top ad occupare spazio.

Abbiamo anche moltissimi tupperware e usiamo anche molto la pellicola. Non ci piace sprecare il cibo e lavorando fuori in pausa pranzo, la sera prepariamo in più di modo da essere a posto anche per il giorno dopo.

Quindi i contenitori di plastica e la pellicola sono nei pensili di fianco al frigo, sopra al forno (si trovano di fianco). In questo modo è più facile trovare quello che cerchiamo e sono più veloci le operazioni di refrigerazione.

Una volta che hai ben chiaro in mente quali sono le dinamiche di tutta la famiglia puoi definire quali oggetti andranno in quale posto. Vedrai che ti si delineerà in mente anche un elenco di oggetti che ti potrebbero semplificare la vita.

Il mio consiglio è di non sceglierli a caso. Datti tempo di guardare in giro e comprali di buona qualità. Prendili in massimo due colori, che si accordino a quelli della cucina e della casa. In questo modo avrai coerenza stilistica e armonia.

Perché ok essere organizzati, ma anche l’occhio vuole la sua parte. Mi raccomando: stai attenta alle dimensioni. I pensili della cucina hanno profondità ed altezze variabili, per cui prima prendi tutte le dimensioni interne e poi acquisti.

organizzare i pensili della cucina con barattoli in vetro e cesti di differenti misure
ORNAMI Piccolo barattolo in vetro per alimenti con coperchio in sughero e chiusura ermetica Amazon | RABBLA scatola in tessuto con coperchio in bambu impilabile di IKEA | Kitabetty Cestello in Ferro Amazon

Organizzare ed incastrare gli elementi per massimizzare lo spazio

Ci sei. Hai analizzato tutto come una ninja, flussi e percorsi. Sei sicura di dove mettere cosa e potresti anche aver trovato i vari contenitori per tutti i tuoi piccoli pezzi.

Ma come effettivamente sfruttare l’altezza e la capienza del pensile?

Perché ci sono dei pensili che effettivamente sono molti alti e quindi se non sono correttamente attrezzati all’interno rischiano di diventare un luogo di accumulo di oggetti senza criterio.

Ci sono degli strumenti che possono venirti in soccorso, permettendoti finalmente di utilizzare lo spazio che hai lì a far nulla. Sapevi ad esempio che esistono dei cestelli estraibili che si avvitano direttamente ai fianchi del tuo mobile?

In questo modo puoi estrarlo e prendere anche i prodotti che si trovano più in fondo comodamente, senza dover andare in punta di piedi e slogarti una clavicola (non riuscendo comunque a prenderlo). Esiste la versione singola e doppia e ce ne sono in più larghezze (40 e 60 cm), così da adattarsi a diversi tipi di arredi.

Potresti ad esempio prendere il cestello estraibile singolo ed avvitarlo sul fondo del pensile e sopra mettere binario per il supporto dei bicchieri in vetro ad esempio. Un’idea smart se ne hai un po’ e non sai mai dove metterli.

(Se hai un pensile alto 45 cm in totale all’interno, entrambi gli elementi ti ci staranno. Considera che un calice da champagne è alto 25 cm e il cestello estraibile è 13 cm).

In questo modo saranno al sicuro dalla polvere e dal rischio di rompersi ogni volta che ne prendi uno e ne riponi un altro.

Un’altra combinazione potrebbe essere quella del cestello estraibile e cestello sotto ripiano. Con un’altezza di soli 14 cm è perfetto per riporre piccole scatole o piccoli oggetti che non vuoi perdere e che non sapresti dove altro mettere.

Hai solo bisogno di una mensola o ripiano nel mezzo per dare ordine a tazze e piatti?

C’è il porta piatti di mDesign, che è allungabile e può essere configurato come preferisci. In due pezzi singoli, in combinato, uno sull’altro. Robusto e multiuso, è perfetto per chi ha una micro cucina e vuole fare miracoli dove non sembra poter fare di meglio. 

mensola allungabile mdesign | contenitori in plastica personalizzabili | decals personalizzabili | contenitori in vetro con tappo in sughero binario porta bicchieri
mensola allungabile mdesign | contenitori in plastica personalizzabili | decals personalizzabili | binario porta bicchieri

Organizzare i pensili della cucina con un po’ di creatività

Un po’ di originalità non ha mai fatto male a nessuno. Se ad esempio ti avanza uno di quei porta documenti in plastica aperti, dal taglio obliquo, potrei usarli per metterci dentro l’alluminio, la pellicola e la carta forno.

Sono della misura giusta e potresti addirittura incollarlo con del nastro adesivo all’interno di un’antina di una base.

Altra idea fai da te: usa i ganci che si usano per i bastoni delle tende e recupera dei tondi in legno. In questo modo avrai realizzato dei comodi dispenser per i sacchi dell’immondizia.

Troppi taglieri, tortiere e leccarde del forno? Usa uno stand porta coperchi. Ti aiuterà a recuperare spazio e a tenere ordine.

Ed infine un consiglio per chi non è un drago della calligrafia come me. Se usi i contenitori trasparenti per pasta e simili e vuoi che tutti capiscano cosa hai scritto, hai due soluzioni. Comprare dei contenitori che si possono personalizzare nelle iscrizioni come quelli proposti da Shabby2ChicStudio.

Oppure comprare le decalcomanie da applicare sui tuoi contenitori. Puoi scegliere il colore, il tipo di carattere e quando li acquisti dovrai dire cosa vuoi che arrivi scritto.

Semplice vero?

Stand porta coperchi | Mensola sotto pensile | Cestello retrattile
Stand Porta Coperchi a 6 Posti | Cestello Sotto Ripiano 40cm in Acciaio Bianco | Cestelli a Rete Estraibili

Direi che è tutto

Di idee se ne possono trovare davvero tante e avrei potuto continuare ancora. Il punto importante è partire da quelle che sono le tue esigenze.

Focalizza bene quello che fai quotidianamente, i tuoi percorsi e le tue abitudini e poi pianifica. Solo così sarai sicura di creare un’organizzazione che funziona per te e per tutta la famiglia.

Fammi sapere nei commenti se qualcuno dei consigli e dei prodotti qui sopra ti è tornato utile!

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Organizzare i pensili della cucina: i prodotti da non perdere. sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

10 Dicembre 2019 / / Design

READ IN ENGLISH

I tavoli ad isola in cucina costituiscono una soluzione interessante nell’arredamento d’interni contemporaneo.

L’idea di un tavolo che sia l’estensione del piano di lavoro nasce, inzialmente, per sopperire alla mancanza di spazio e garantire, allo stesso tempo, piena funzionalità in cucina. Oggi i tavoli integrati nell’isola sono un elemento che dona un valore aggiunto, in grado di elaborare forme sempre nuove e diverse, a seconda della metratura disponibile nell’ambiente e della creatività del designer.

Alcune idee per tavoli ad isola: ispirazioni e idee per integrarli

La personalizzazione, nell’ambiente cucina, è la parola d’ordine del tavolo ad isola. Quest’ultima può essere un’estensione del piano di lavoro, e realizzata in legno massello, e avere un piede in ferro battuto che si adatta al taglio minimal della cucina e dona un tocco in stile industriale. In questo caso la funzionalità è assicurata, poiché i pasti sono preparati e consumati nello stesso ambiente.

Per questa soluzione è preferibile disporre di ampie metrature in cucina, per consentire il passaggio di più commensali nell’ambiente. Il fascino di un tavolo a isola è indiscutibile: questo elemento sarà il re indiscusso della cucina e del living, se si tratta di una zona unica.

Ispirazione moderna per i tavoli: ampio spazio alle forme geometriche

Nella progettazione dei tavoli ad isola la creatività regna a 360 gradi: è per questo che le sue forme possono essere non solo quadrate o rettangolari, ma anche rotonde.

La sagoma circolare è indicata negli spazi lunghi e stretti, e in quelle situazioni in cui la cucina si trovi nei luoghi di passaggio, poiché permette di risparmiare centimetri preziosi. Allo stesso tempo i commensali hanno la possibilità di riunirsi a un tavolo e fare colazione, pranzo e cena, o semplicemente leggere qualche pagina di un giornale prima di uscire.

Anche in questo caso l’elemento isola è integrato e contemporaneamente a sé stante, soprattutto se realizzato in un materiale diverso da quello di top e pensili, per distinguersi con armonia.

I monolocali funzionali sono contesti ideali ad accogliere un tavolo a isola, magari in legno massello, dall’aria un po’ vissuta e dalle liste irregolari, che può fungere anche da tavolino living.

Tra interno ed esterno: un grande spazio delimitato da tavolo e isola

Immaginando un’abitazione luminosa, in cui la cucina comunica con un patio esterno per grandi tavolate con gli amici, l’isola è un’estensione del piano di lavoro. In questa concezione la convivialità, tipica di una grande tavola allestita con raffinatezza ed eleganza, comunica con la dimensione interna della cucina, in cui si preparano piatti deliziosi da condividere con i commensali.

Ciò che contraddistingue questo concept sono gli spazi ariosi, luminosi, delimitati da arredi e complementi dai toni chiari, che riportano all’estate e a piacevoli momenti di svago. Non solo, quindi, risparmio di spazio: i tavoli uniti all’ isola della cucina, inseriti in ambienti comunicanti, sono la soluzione contemporanea che funge da raccordo tra dimensione intima, quella della preparazione dei pasti, e quella della condivisione e della riunione attorno a un tavolo, sia esso rettangolare, quadrato o dalle linee circolari.

L’articolo Tavoli e isola in cucina: ispirazioni e idee per integrarli  proviene da easyrelooking.

9 Dicembre 2019 / / Design

Globetrotting: viaggiare per ritrovarsi in cucina, questa la nuova visione Doimo Cucine per la nuova edizione di EuroCucina 2020

Il viaggio è un’esperienza unica per l’intensità delle emozioni, delle scoperte e delle suggestioni che portiamo dentro di noi e che condividiamo con chi amiamo. Possiamo essere globetrotter, cittadini del mondo, ma c’è sempre un ritorno, un luogo che ci aspetta e in cui ritroviamo le nostre radici: la casa e – in particolar modo – la cucina. Qui interagiscono ritmi atavici, profondi, immutabili al trascorrere del tempo: acqua, fuoco, calore, condivisione. La cucina è un luogo di relax, il cuore della casa, della tradizione e della memoria. Ma è anche un ambiente profondamente sociale in cui, da una parte si soddisfano esigenze umane fondamentali, dall’altra si interagisce con la famiglia e la società: si parla, si legge e si lavora.

È questo uno dei tratti che definirà la nuova visione Doimo Cucine alla prossima EuroCucina: la cucina non è un modello, ma libertà di interpretazione consentendo ampia selezione tra le molteplici combinazioni degli elementi, modulabili secondo le proprie esigenze, grazie alla alta artigianalità e al saper fare 100% Made in Italy del brand. L’anta è il filo conduttore di una soluzione che può diventare infinita abbinando sistemi di apertura, materiali, finiture e ripartizione degli spazi.

Il globetrotting ci fa scoprire mondi incontaminati, nature selvagge, paesaggi che donano serenità e queste sensazioni sono riportate all’interno degli ambienti cucina, con accostamenti che richiamano la natura nordica e i suoi colori. Un design lineare, pulito, “silenzioso”, sinonimo di eleganza e funzionalità.

Legni, pietre e superfici in vetro trasparente bronzato compongono gli ambienti Doimo Cucine, richiamando cieli plumbei, ghiacci e nebbie con le loro colorazioni grafite, malto e bianco. Rocce e foreste si animano nelle superfici scabre del gres nero, della graniglia basalto e del rovere. La luce si diffonde attraverso schienali luminosi accessoriati con elementi calamitati da posizionare liberamente.

Sono poi i dettagli a catturare l’attenzione.

L’anta rientrante nasconde gli elettrodomestici nei momenti di relax o di relazione, non legati alla cottura del cibo. Il cestone con accessorio porta posate in noce canaletto prosegue il leitmotiv della natura anche all’interno degli spazi, mentre la maniglia Rail simula gole orizzontali e verticali, creando giochi di linee e profondità. Le colonne con anta vetro sono impreziosite dalla schiena Synchroface rovere dogato Pepe. Gli elementi isola concentrano e suddividono gli spazi per funzioni e forniscono piani di appoggio alternativi. L’ergonomia è studiata ai massimi livelli e la flessibilità è tale che la cucina sfuma lentamente nel soggiorno, con continuità di forme e materiali.

Un viaggio per ritrovare nella propria casa il ricordo di un paesaggio. Una cucina che parla per suggestioni e non per modelli, perché la personalizzazione è unicità!

Composizione 1

Un open space con un’organizzazione degli spazi orientata alla funzionalità: il lavello è posizionato di fronte alla zona cottura, così da concetrare in una zona ristretta le parti operative.

Lo snack fornisce un ulteriore piano di appoggio, anche per pasti veloci e colazioni.

Anta rientrante

L’anta rientrante nasconde gli elettrodomestici, con un vantaggio sia funzionale che di pulizia delle forme. Le colonne con anta vetro sono impreziosite dalla schiena Synchroface effetto legno.

Cestone accessoriato

Ordine e praticità grazie a cassetti e cestoni con divisori per piatti, pentole e portaposate in Noce Canaletto. La gola che prosegue nel fianco e il blocco lavello in gres costruito danno carattere scultoreo ai volumi.

Composizione 2

Una cucina dalla struttura scomposta, articolata in blocco colonne, blocco parete con piano cottura e blocco isola con lavello. Lo snack di collegamento è funzionale sia comme piano di lavoro che come appoggio per cibi e bevande.

Il gioco dei pensili a doppia altezza crea un particolare dinamismo nelle forme.

Maniglia Rail

La maniglia su anta che simula una gola crea un gioco di linee verticali e orizzontali dal grande impatto estetico. Funzionalmente, si ha recupero di spazio unito a comodità di presa.

Modular a isola

Gli elementi Modula in metallo nero permettono di riporre gli oggetti nelle fasi di preparazione. Le ante a terra con apertura push pull danno vita a un effetto monoblocco, riscaldato dalla mano tattile del legno.

Composizione 3

Una cucina a golfo, con la zona dedicata alla preparazione strutturata per rendere funzionali gli spostamenti. Pensili e colonne a tutta altezza permettono di sfruttare l’intero spazio, aumentando la parte contenitiva.

Il retro isola aperto si può utilizzare come snack, mentre le colonne sfociano in un living con elemento a giorno illuminato.

Schienale luminoso

Attivato da telecomando o interruttore, lo schienale luminoso è completato da accessori calamita (contenitori, porta-rotolo, vaschette, porta-mestoli…) da posizionare liberamente.

Domino

Il sistema modulare Domino permette di creare un piano cottura personalizzato. Le colonne tecniche alloggiano una fonri extra large, mentre l’altra è attrezzata con tre cestoni interni.

www.doimocucine.it

L’articolo La nuova visione Doimo Cucine alla prossima EuroCucina proviene da Dettagli Home Decor.

25 Novembre 2019 / / Idee

Cosa c’è di più bello che respirare un’atmosfera autentica in casa propria, realizzando con le proprie mani prodotti gustosi come ad esempio il formaggio? Vivere questa magnifica esperienza nella propria cucina è possibile, basta arredarla nel modo giusto per poterla rendere il più funzionale possibile.

Per quanto
riguarda lo stile puoi sbizzarrirti come desideri, puoi spaziare da quello
moderno a quello rustico o shabby, tenendo conto dei tuoi gusto e di alcuni
dettagli che concorrono a creare equilibrio e armonia.

Anche in una cucina piccola si può trovare lo spazio per le varie attrezzature, ad esempio sviluppando gli scaffali in altezza.

Una volta
organizzata la cucina puoi inserire tutti gli attrezzi necessari per fare il
formaggio fatto in casa come quello del caseificio pugliese, squisito e
genuino, che ricorda proprio i sapori di una volta, quelli veri.

Sono questi sapori che rimangono nel cuore e nella mente, così come una bella cucina con il suo stile e i suoi complementi ti fa sentire perfettamente a tuo agio.

Scopri come arredare la tua cucina per ottenere un buon risultato!

Come arredare la cucina per renderla
funzionale

La cucina è l’angolo
della casa che esprime la personalità di chi la abita ogni giorno e quindi è
doveroso combinare gli elementi di arredo in modo da renderla il più funzionale
possibile.

Per realizzare un ambiente in cui poter dare vita anche a creazioni, artigianali come il formaggio fatto in casa e immergerci in un contesto a metà fra antico e moderno, perfetto sarebbe lo stile shabby, i cui colori caratteristici sono, come sappiamo, il bianco e le tonalità pastello.

Ma anche chi ama il gusto contemporaneo può desiderare di realizzare prodotti genuini fatti in casa ovviamente!

In questo caso si opterà per una cucina con mobili in legno laccati combinati con elementi cromati e tanto, tanto colore.

Se volete seguire la tendenza del momento non rinunciate comunque a qualche richiamo in stile retrò.

  • Modern Rustic Kitchens Photos Hgtv – Home Decor Gallery

Se poi la cucina fa parte della zona living si può completare l’ambiente, per integrarla maggiormanete alla zona giorno, aggiungendo un mobile TV che permetta di avere una buona visuale anche dai fornelli, divani e sedute di vario genere per creare un ambiente conviviale nel quale cucina insieme e trascorre allegre serate e un tappeto moderno, magari di quelli in pvc adatti anche agli ambienti più a rischio come la cucina. Ormai ne esistono di meravigliosi e molto trendy.

Come dicevo, la tendenza del momento è quella di arricchire l’arredamento anche il più moderno, con richiami vintage, come potrebbe essere una bella  consolle d’epoca o rustica, delle poltroncine di modernariato o degli specchi recuperati a casa di qualche nonna o in qualche mercatino.

Se invece amate il sapore antico delle cucine di un tempo, la scelta deve per forza essere basata su accessori e utensili che rievochino appunto il passato. In genere in una cucina antica il piano sarà in legno, pietra o marmo e saranno presenti delle bellissime pentole di rame.

Come rivestimento prediligeremo le maioliche di piccola dimensione che si utilizzavo nelle cucine di un tempo e che sono tornate tanto di moda ed, infine potremo inserire mobili come cassettiere e credenze che non possono mancare per creare un’atmosfera rustica, che rimanda alla mente immagini di un passato familiare e autentico.

Scegliere l’attrezzatura in funzione
degli arredi

Per creare
un effetto finale armonioso anche gli utensili da cucina vanno scelti nello
stile che si adatta agli arredi.

Di conseguenza, anche l’attrezzatura per fare il formaggio in casa deve rispecchiare lo stile scelto.

Quindi, puoi sistemare sul piano di lavoro gli stampi per realizzare il formaggio, il colino, lo scolapasta, ma puoi anche mettere a vista altri utensili che ti possono servire come coltelli, schiumarola e molto altro che avranno oltre all’utilità, una funzione decorativa.

La scelta di
pensili alti favorisce la disponibilità di maggiore spazio per conservare
pentole e pentoloni di varie dimensioni, che ti potranno servire anche per
preparare grandi quantità di formaggio.

Altri strumenti necessari per ottenere un buon formaggio sono anche il termometro, le fuscelle, delle teglie e una griglia che ti servirà per farlo drenare.

Ovviamente ti serviranno anche altri utensili da utilizzare quotidianamente per cucinare, e potrai sceglierli dello stesso stile per creare coordinamento nella cucina.

Lasciare alcune cose a vista contribuisce a rendere lo spazio ancora più bello e curato nei dettagli, ma anche più accogliente, vissuto e caldo, per provare sempre quella piacevole sensazione di benessere che infondono gli ambienti combinati con gusto e funzionalità, certo dobbiamo scegliere con ancora maggior attenzione colori e stile dei complementi ed utensili.

Se amate la vita casalinga e genuina allora di certo la cucina sarà uno dei vostri ambienti preferiti da arredare ed organizzare con grande attenzione.

L’articolo Amore per le cose genuine, formaggio fatto in casa, cucina con richiami vintage e utensili a vista proviene da Architettura e design a Roma.

24 Novembre 2019 / / Charme and More

Cosa ci riserva la rubrica di cucina A tavola con Babette?

Oggi Babette ci parla di zuppe e minestre facendoci fare un’esperienza emozionale.

“ La zuppa é un elemento primario della cucina. Se l’arrosto é il padre dell’arte culinaria, la zuppa ne é la madre. Da  lei derivano tutte le salse, le ratatouille, i brodi le pappe, praticamente tutto quello che viene cotto in acqua, latte e vino”

~ Dr.Hans Ottmayer, storico tedesco.

Ph via
Ph via

In tutte le cucine del mondo zuppe e minestre sono presenti in  forme diverse e ingredienti tra i più svariati.

Le loro origini si perdono “ nella notte dei tempi” e probabilmente é stata proprio una zuppa la prima pietanza cucinata dall’essere umano. La loro preparazione é un procedimento “ alchemico” dove nella pentola avviene la trasformazione di diversi elementi della  “terra”  che si mescolano e si ricompongono tra loro  tramite “l’acqua” e il “fuoco”.

Sono un piatto completo, ma soprattutto salutare non solo dal punto di vista fisiologico, ma anche dal punto di vista psicologico, infatti, hanno il potere di riscaldare e rilassare.

Non a caso, infatti, tradizionalmente le zuppe si consumano a cena, alla fine di una giornata di lavoro proprio perché la loro azione terapeutica tranquillizzante predispone al riposo.

Queste preparazioni sono sempre state  considerate ingiustamente delle pietanze povere, ma la varietà degli ingredienti e le diverse tecniche di preparazione dimostrano esattamente il contrario.

Scegliere una zuppa o una crema come primo piatto in un menù anche importante è sempre più frequente  perché, essendo generalmente leggere e delicate  sono perfette se si prevedono successivamente delle portate impegnative per il nostro stomaco.

Le minestre si portano in tavola con una zuppiera  e distribuite con un mestolo in apposite  scodelle, ciotole o piatti fondi  non troppo grandi e di materiale come porcellana o coccio perché permettono di mantenere a lungo la temperatura adeguata.

Nel servirle non dovranno mai mancare le guarnizioni che verranno consumate assieme alle minestre.

Se ne possono preparare  anche più di una e  dovranno essere sistemate sulla  tavola in  appositi contenitori  in modo tale che ogni ospite sia libero di scegliere la quantità e la qualità preferita.

Oggi, per celebrare questo cibo adatto a fronteggiare l’inverno ormai arrivato, propongo la famosa Soupe à l’oignon – Zuppa di cipolle .

Questo antico e corroborante piatto é presente in tantissime tradizioni culinarie ma questa volta ho scelto per voi  la versione francese che trovo estremamente gustosa ed anche adatta per una cena raffinata.

Si serve a tavola in pirofila di porcellana da forno o in cocotte individuali sempre da forno che ne rendono ancor più elegante il servizio.

 

Ph via
Ph via

Soupe à l’oignon – Zuppa di cipolle

Ingredienti

800 gr di cipolle ( bianche o dorate)

50 gr di burro

3 cucchiai di farina

brodo vegetale (circa 1 l e ½ )

sale, pepe

200 gr di formaggio gruyere o

altro formaggio saporito a pasta compatta

pane casereccio affettato e tostato

Preparazione

Affettate  finemente le cipolle. In un largo tegame scaldate  il burro e rosolateci velocemente le cipolle.

Con l’aiuto di un setaccio cospargeteci sopra la farina e mescolate bene salando e pepando. Aggiungete metà del brodo e fate stufare a fuoco lento per circa 15 minuti.

Unite il resto del brodo e continuate la cottura per altri 30/40 minuti.

( La consistenza deve risultare “brodosa” )

La zuppa  sarà cotta quando le cipolle risulteranno morbidissime.

( Aggiustate di sale e abbondate pure con il pepe…)

Questa fase della preparazione la potere fare anche il giorno prima o il mattino prima oppure , se ne avete la necessità, la potete congelare in appositi contenitori ed  averla pronta per l’uso.

Imburrate abbondantemente una pirofila da forno, (o più pirofile individuali,  fate  uno strato  di pane tostato a fette e versateci sopra la zuppa. Cospargete  con il gruyere tritato e mettete in forno a gratinare per circa 15 minuti a 200°

La zuppa è pronta quando sulla superficie si sarà formata una crosticina dorata.

“Babette”

Buona preparazione e buon appetito!

Provate la ricetta e lasciateci i vostri commenti, impressioni….o anche un semplice saluti.

Pubblicazioni

 

L’articolo Zuppe e minestre: comfort food in un piatto. proviene da Charme and More.

20 Novembre 2019 / / Decor

Per chi ama personalizzare la propria cucina con accessori utili, belli e di design, ecco 15 idee regalo per Natale

La cucina è il fulcro della casa. Estetica e funzionalità si fondono grazie ai tanti accessori che combinano perfettamente design e praticità, permettendoci di vivere in maniera piacevole questa stanza.

Gli accessori per la cucina non sono solo utili ma sono anche elementi decorativi preziosi che ci consentono di personalizzare al massimo questo ambiente.

Cucina: 15 oggetti di design da regalare o regalarsi a Natale

Tagliere in legno massello con manico

Xilolab WALLY Tagliere in legno massello con manico € 45,00

Wally è un simpatico tagliere di legno massello realizzato in pregiati legni di latifoli ( rovere o frassino).‎ Non è verniciato per permetterne l’utilizzo a diretto contatto con gli alimenti.‎ L’ampia coda e lo spessore importante lo rende maneggevole e permette di appoggiarlo verticalmente.‎

Sottopentola Perle 

Konstantin Slawinski Perle small in porcellana €29,90 – in legno € 25,50

Perle small è un sottopentola composto da una serie di grosse perle in porcellana che mantengono i piatti caldi a buona distanza dalla tovaglia e dalle superfici delicate.‎  Disponibile a forma di cerchio, doppio cerchio o di 8, si adatta a tutte le misure di piatti.‎

Perle Wood è il nuovo membro della famiglia Perle di Konstantin Slawinski.‎ Sottopentola che combina il design moderno con la tradizione del legno, la nuova versione è davvero un oggetto d’arte, anche nella versione small.‎

Mensola / portautensili da cucina

Gejst FLEX RAIL 60 BLACK BLACK Mensola / portautensili da cucina € 90,00

FLEX di Gejst è una collezione di accessori per la cucina e un sistema di mensole modulari.‎ Flex Rail 60 – Portautensili da cucina / mensola con barra magnetica in legno e metallo della collezione FLEX di Gejst.‎

Portafrutta in legno e vetro

PER-USEDOUBLE BOWL Portafrutta in legno e vetro € 275,00

DOUBLE BOWL è una raccolta di vassoi per la frutta.‎ Questo prodotto dal design artigianale e versatile ha una base in legno o marmo e piano in vetro che può essere utilizzato anche capovolto, come fossero due ciotole separate.‎
Disponibile in grandi e piccole versioni (diametro) e in diverse combinazioni di colori di legno / marmo e vetro.‎ La base di legno è in rovere (naturale oliato o nero), mentre la base in pietra / marmo è RUIVINA portoghese, venato nero o marmo di Carrara italiano.‎ I colori del vetro sono chiari, grigio fumo o ambra.‎

Canovaccio con appendino

Geelli VOILA’ Canovaccio con appendino € 34,20

 

Voilà racchiude in un unico prodotto diverse soluzioni: l’appendino realizzato in gel poliuretanico, grazie all’adesività intrinseca del materiale, può essere fissato all’altezza e nella posizione desiderata.‎ Il magnete all’interno del gel poliuretanico, attira il “coin” in materiale ferroso posizionato all’interno di una speciale cucitura del canovacci appendere il canovaccio diventa così molto semplice perché basta avvicinarlo all’appendino.‎
Il canovaccio è realizzato in Evolon®, una speciale microfibra composta da poliammide e poliestere, con notevoli proprietà in termini di resistenza e assorbenza.‎
Il “coin” può essere tolto prima del normale lavaggio in lavatrice e riposizionato su un altro canovaccio.‎

Tovaglietta rotonda in legno bicolor

LIGNIS®NELUMBO COLORS RED | Tovaglietta rotonda in legno € 27,50

Nelumbo è il nome botanico della pianta del fiore di loto, simbolo universale di eleganza, leggerezza, vita.‎ Il profilo flessibile degli oggetti Nelumbo si apre in un segno che si ispira proprio alla foglia del loto, leggera e galleggiante, capace di adattare la sua forma al movimento dell’acqua.‎ Forma, funzione, ergonomia ed effetto sensoriale vivono insieme in questa linea di oggetti realizzati in vero legno naturale, in armonia con la natura.‎
Tovaglietta all’americana/Sottopiatto in vero legno flessibile e tessuto tecnico, morbido al tatto.‎ Essenze di legno: olmo, tulipiè rosso.‎

Cesto in canapa e neoprene

Neò CANAPA HD3 Cesto in canapa e neoprene €100,00

 

Cesto Canapa HD3, fatto a mano all’uncinetto con filo di neoprene da 8 mm e filo di canapa naturale.‎ H 18cm D24 cm Colori disponibili: Bianco, Grigio, Grigio Perla, Nero, Ecru, Blu, Rosso, Moka.‎

Portautensili da cucina in ghisa

Damiano Latini TRIGA SLIM Portautensili da cucina in ghisa € 151,00

Questo è il sottopensile più sottile della gamma Damiano Latini, costituito da una barra di alluminio alta solo 2 cm, sembra quasi sparire nella parete lasciando gli accessori sospesi a mezz’aria.‎ Le sue dimensioni ridotte lo rendono perfetto anche per cucine piccole o su misura ma non precludono la possibilità di dotarlo con tutti gli accessori standard quali ganci universali, mensole portarotolo, ed altro.‎

Tagliere rettangolare in marmo

Objets Architecturaux MARBRE | Tagliere rettangolare in marmo € 199,00

Per tagliare, proteggere, presentare, sottolineare, cucinare.‎ Grande tagliere / spianatoia in marmo.‎ Levigato.‎ In cucina, il marmo è l’ideale per lavorare con facilità e precisione cioccolato, zucchero e pasta che richiedono una certa freschezza.‎ I piani sono in quercia e le lastre di marmo proteggono il legno.‎ Finiture: Grigio Carnico, Bianco Carrara

Coprivivande in vetro

ZieherCUSPIS | Coprivivande in vetro € 71,00

Coprivivande in vetro borosilicato con base in porcellana della collezione CUSPIS, disegnata da Michael Schwarzmüller per ZIEHER.‎

Piatto piano in ceramica decorato

Kiasmo DREAMER Piatto piano in ceramica € 85,00

La collezione “Overlook” si compone di sei piatti in ceramica decorata con la tecnica della decalcomania.‎ I piatti sono prodotti in edizione limitata.‎  Tutti i disegni presenti nelle serie di piatti sono originali e proprietà della Kiasmo.‎ In ogni esemplare è certificata la qualità e la produzione totalmente italiane.‎

Bottiglia in vetro soffiato 

Atipico TORRI Bottiglia in vetro soffiato € 128,10

Caraffa in vetro soffiato a mano, disponibile in due dimensioni.‎

Portauovo in calcestruzzo 

CO33OPUS PATERA | Portauovo Portauovo in calcestruzzo € 102,42

Non solo per Pasqua, ma anche per qualsiasi altra mattina, questo portauova CO33 ha il pezzo superiore in acciaio inox satinato smontabile.‎ Sotto il portauova, il feltro assicura la la protezione delle superfici.‎

Contenitore per alimenti in diatomite

soil FOOD CONTAINER Contenitore per alimenti in diatomite €75,00

Contenitore per alimenti interamente realizzato in diatomite.‎ Disponibile con forma cilindrica o quadrata e nei colori bianco, rosa o verde.‎

Portabottiglie in gel poliuretanico 

Geelli PORTABO Portabottiglie in gel poliuretanico € 74,50

Elegante portabottiglia che, grazie alla bassa conducibilità termica del materiale, mantiene la bevanda fresca molto più a lungo di altri materiali come vetro, metallo, ecc.‎  Sfruttando la proprietà adesiva del gel poliuretanico, può aderire alla superficie del tavolo riducendo al minimo il rischio di rovesciamento della bottiglia anche su piani inclinati o instabili.‎

Gli accessori per la cucina in questa shopping list di Natale sono stati selezionati nel portale di design Archiprosucts dove è in arrivo il BLACK WEEKEND! Dal 29/11 al 2/12 potrai usufruire di uno sconto del 25%

 

L’articolo SOS regali di Natale: 15 idee per la cucina proviene da Dettagli Home Decor.

20 Novembre 2019 / / Dettagli Home Decor

Elegante, moderna e raffinata: Zetasei è l’innovativo programma cucine di Arredo3, un progetto che risponde alle tendenze estetiche contemporanee e si distingue per la diminuzione dello zoccolo in favore delle dimensioni di basi e colonne, conferendo un aspetto più slanciato e una capienza maggiore.

Il programma Zetasei è composto da un’ampia e accurata selezione di finiture: fenix, materici, PET, laminato legno, laminato pietra, laccati lucidi e opachi con la possibilità di aggiunta del programma Factory, che ribadisce la propria vocazione per lo stile industriale.

Arredo3 presenta sei differenti composizioni Zetasei

Ogni composizione è caratterizzata da uno spazio ampio e rappresentativo, integrato con l’architettura circostante e che crea continuità visiva e stilistica con la zona living.

Zetasei 1

Zetasei 1 è una cucina armoniosa in cui protagonista è il contrasto tra il laccato lucido grigio topo delle colonne, la finitura laminato pietra nero delle basi, del top e dell’isola e il laminato eucalipto noce degli elementi a giorno. Caratterizzante è la gola continua che percorre tutti i lati dell’isola centrale e che, in continuità visiva con lo zoccolo di soli 6 cm, regala una proporzione elegante ed una geometria allungata.

Zetasei 2

Scenografica e di grande impatto è Zetasei 2, una composizione che regala un gioco di volumi verticali grazie alla parete di colonne in finitura rovere biondo dona un aspetto solido e concreto alla struttura. L’ampia isola con zona cottura e lavaggio è in laccato metallizzato ossidato, mentre gli elementi a giorno Air sono in finitura metal.

Zetasei 3

Zetasei 3 è la cucina dark per eccellenza: basi, top e alzata sono in fenix nero ingo, colonne e boiserie in noce bruno, gole, vani giorno e zoccolo in brunito. L’eleganza è data dalla continuità di utilizzo del materiale su più elementi, per un effetto monolitico dal forte impatto estetico. Il fenix è altamente performante per l’ambiente cucina: è anti impronte, piacevolmente soft touch, resistente ai graffi e agli urti, ha un’alta attività di abbattimento della carica batterica che lo rende igienico e facile da pulire.

Zetasei 4

Il concetto di isola viene destrutturato: Zetasei 4 è una cucina informale, perfetta per uno stile fresco e giovane. Le colonne e il piano snack sono in eucalipto noce, gli elementi a giorno Air in brunito, mentre le basi e i pensili in maxximat bianco. Ante, top e schienale sono in laminato pietra, disponibile in cinque differenti finiture.

Zetasei 5

Zetasei 5 propone uno spazio operativo generoso, sul quale si affaccia un’intera parete di colonne Factory con vetro fumé e telaio brunito, che assicurano un effetto scenico senza rivali. Le colonne e l’isola sono in un delicato laccato verde oliva e la boiserie è in noce Italia con mensole in alluminio. I telai in finitura metal e brunito associati al vetro retinato, possono essere abbinati al vetro fumé e ad una vera e propria lavagna, che ogni giorno può essere personalizzata con scritte e disegni diversi.

Zetasei 6

Zetasei 6 si riconosce per le colonne e il tavolo in rovere cuoio, il top in acciaio inox spazzolato, le basi in laccato ferro, ma soprattutto per l’elemento fioriera, creato con due pannelli in laminato accostato all’isola e al bancone.

Per tutte le informazioni visita www.arredo3.it

L’articolo Zetasei di Arredo3, una cucina contemporanea in sei differenti composizioni proviene da Dettagli Home Decor.

9 Novembre 2019 / / Case e Interni

Cucina con tocchi pastello

I dettagli sono tutto in una casa. Oggi il nostro suggerimento sugli abbinamenti cromatici prevede l’uso di colori neutri (chiari e scuri) in contrasto con pezzi color pastello. Ecco come creare un’atmosfera leggera e accogliente allo stesso tempo.

Nella piccola cucina con le basi in legno scure e il piano di lavoro bianco, spicca il mini-frigo rosa, che porta subito allegria. Oggetti come come brocche e vassoi creano una deliziosa tavolozza di colori pastello.

La parete vetrata, che unisce visivamente, pur dividendo gli spazi, aggiunge un tocco industriale all’ambiente.

La casa è di Caroline Gomez, designer, fotografa, art director, che vive e lavora in un grazioso appartamento a Bordeaux, in Francia.

La nostra palette di colori di oggi dimostra come rinfrescare l’ambiente cucina senza troppa fatica: basta scegliere i colori giusti e aspettare il risultato!

fotografia: Julien Fernandez

tocchi pastello

Appunta le immagini di questo post sulla tua Pinterest board preferita o stampale ed usale nella tua moodboard. E non dimenticare di guardare le nostre bacheche di Pinterest per ulteriori idee e ispirazioni per la casa, così come la nostra pagina Facebook.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

5 Novembre 2019 / / Colori

Un colore particolare e delineato da un’infinità di sfumature.

Non gradito a tutti, trova secondo me, un valore aggiunto se inserito nel modo corretto in un ambiente di casa dove la maggior parte di noi trascorre il suo tempo: la cucina.

Che sia contemporanea, vintage o classica, riesce ad esaltare un tono “un pò difficile” come il verde.

Non ci credete? Guardare per credere.

Per soluzioni e idee progettuali per il vostro ambiente: vogliacasa.it@gmail.com

24 Ottobre 2019 / / Design

I favolosi anni ’50. Quelli che hanno visto la rinascita dal dopo guerra con il boom economico, la voglia di rinnovamento e l’esigenza di quel pizzico di leggerezza in più, fattori che hanno inevitabilmente influenzato l’arredo.

Sono proprio questi gli anni dove le case iniziano a riempirsi di elettrodomestici, di colore, di linee arrotondate moderne e accattivanti.

Per i nostalgici di questa epoca e per gli amanti del vintage, Marchi Cucine propone il modello Saint Louis.

Un programma di cucine che reinterpreta alla perfezione l’interior design degli anni ’50 con tutto il suo fascino e la sua storia, declinandolo secondo un gusto e uno stile abitativo attuale.

Candide laccature, colori tenui e pastello, profili morbidi e armoniosi, Saint Louis è un originale modello contraddistinto da linee retrò ma che al tempo stesso possiede la cura e l’innovazione di una proposta contemporanea.

L’alluminio millerighe, finitura che conferisce alla cucina quel sapore vintage, può vestire con eleganza molti dettagli: la cappa, il top e varie tipologie di ante.

Il bianco, il rosa e l’azzurro sono i colori scelti da Marchi Cucine per questa linea, tonalità leggere che ben si sposano con la filosofia del modello.

Stile e funzionalità uniti alla cura artigianale, l’ingrediente principale di Marchi Cucine, rendono Saint Louis un vero e proprio oggetto del desiderio.