31 Ottobre 2018 / / +deco

E’ tempo di candele, l’orologio è tornato indietro di un’ora e siamo tutti, improvvisamente, stati catapultati in un’atmosfera invernale di nuovo.

Almeno optiamo per delle candele un punk e un pò barocche, come queste di Coreterno (o le loro stampe in edizione limitate che puoi vedere in coda del post).

Nel suo ultimo editoriale Cinzi Felicetti, l’editore di Marie Claire Maison Italia nonchè fine scrittrice, sottolinea come dovrebbe concentrarci sul lento cambiare delle stagioni e la loro magnifica bellezza piuttosto che focalizzarsi sul passare del tempo o sull’accumularsi degli anni sulle nostre spalle.

E’ un’indiscutibile verità e una piccola terapia meditativa contro le ansie.

The post Le candele punk rock di Coreterno appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

31 Ottobre 2018 / / Coffee Break

Nascosta tra i boschi delle colline torinesi, tra le nebbie quasi abituali della strada che congiunge Chieri a Pino Torinese, si erge quello che rimane di una imponente villa settecentesca chiamata Villa Capriglio.

Un esempio di barocco piemontese caratterizzato da signorili influenze juvarriane nell’architettura e nelle decorazioni interne, funestato però una storia lunga e sfortunata che inizia nel 1706 quando gli allora proprietari del terreno, i Marchisio, iniziarono la costruzione della “Vigna Marchisio” e del palazzo da utilizzare come residenza di campagna.

Questa venne ceduta ancora incompleta al Duca di Capriglio, da cui prese il nome, e passò poi al Regio Demanio: si coniò allora la battuta del suo passare “dal Demanio al Demonio”.

Si racconta che la sfortuna di Villa Capriglio iniziò nel 1800 quando un architetto, che si diceva fosse adepto di Satana, decise di costruire nei sotterranei della villa una serie di cunicoli che confluivano in una stanza nascosta dove si sarebbero celebrate messe nere. Si dice inoltre che abbia addirittura convinto i proprietari dell’epoca ad unirsi a lui in tali cerimonie perverse.

Sono di quegli anni le numerose storie di belle e giovani fanciulle prelevate dalle campagne e poi fatte sparire nel nulla.

Le messe nere richiamarono oscure presenze e quando la villa venne acquistata da un’altra famiglia, ai primi del ‘900, il capofamiglia impazzì e spinto dalle presenze maligne che albergavano in quella casa assassinò moglie e tre figli, i cui fantasmi infestano la casa.

Ancora oggi c’è chi racconta di luci all’interno dell’edificio di notte, di suoni di musica di pianoforte, di risate e figure evanescenti che si muovono nel selciato e che spariscono se si punta loro addosso una fonte luminosa.

Si dice che nelle notti invernali di plenilunio, quando cala la nebbia, la casa scompaia nel nulla per ricomparire solo al mattino…

Immagini VIA

_________________________
CAFElab | studio di architettura

22 Ottobre 2018 / / Decor

Dolcetto o scherzetto, portacaramelle o decorazioni terrificanti per la casa?

Dolcetto o scherzetto, portacaramelle o decorazioni terrificanti per la casa?


Su yellowa.it è tutto pronto per arredare gli spazi in vista di Halloween, ormai un appuntamento sempre più festeggiato anche in Italia. Per il 31 ottobre i designer, gli architetti e i fotografi del portale italiano – ideato dallo studio milanese HIT arcHITects – hanno scelto personalmente i complementi d’arredo e gli oggetti più originali e sorprendenti.

Lo speciale Halloween è online per trasformare la casa in modo raccapricciante ma con buon gusto: non possono mancare le classiche zucche ma invece di sceglierle tutte arancioni, yellowa.it propone di abbinarle con altre in colori più trendy, ad esempio i classici bianco o nero. Meglio ancora se sono di piccole dimensioni, meno ingombranti, più facili da posizionare sull’arredo o sui davanzali e pratiche per essere conservate fino al prossimo anno. 

zucca decorativa in bianco e nero

Per un’atmosfera generale “Halloween di design” meglio non usare più di tre colori. Se abbinati con oggetti in metallo l’effetto sarà ancora più elegante: perfetto il portagioie in alluminio di Hab&Gut con un teschio decorativo ideale per un effetto “spaventoso”. A questo proposito, altre idee fantasiose sono gli accessori a forma di teschio con varie funzioni, come lo svuotatasche, la candela o lo sgabello.

portagioie a forma di teschio
svuotatasche a forma di teschio
sgabello a forma di teschio
Immancabili i sacchetti per raccogliere i dolci, ma invece della classica zucca in plastica si può optare per delle borse in lino con decorazioni a tema, adorate dai più piccoli e dalle mamme.

borse in lino portadolci a tema Halloween
Per completare il total look, in ingresso sulla parete o sulla porta, una classica ghirlanda decorativa in toni autunnali, una catena di mini zucche illuminate e delle finte candele a prova di bambini!

ghirlanda decorativa autunnale
decorazioni per Halloween

E per l’amico a quattro zampe? Sarà di sicuro lui il protagonista della serata con la criniera cane-leone di Wilk.

criniera cane-leone per l'amico a quattro zampe

29 Ottobre 2015 / / Decor

halloween_decorazioni_esterni

Le zucche padrone di Halloween

20121015092609

Mostri porta dolcetti!

TUTTOFERRAMENTA-IDEE-DECORAZIONE-ZUCCHE-HALLOWEEN-PER-ARREDARE-CASA-ZUCCA-HALLOWEEN-NIGHT-PARTY

La zucca e le pailette…accoppiata creativa!

Se come noi siete in ritardo con gli addobbi di Halloween ecco una carrellata di idee last minute semplicissime da realixare con:

PIATTI E BICCHIERI E BOTTIGLIE DI PLASTICA

halloween

Piatti e bicchieri diventano simpatici personaggi di Halloween

come-fare-delle-eco-decorazioni-per-halloween_ee6f5ff8c0b42c88d05ccf25409ad0c9

Fantasmini o taniche di plastica?

idee-per-halloween-L-FjWu6I

I barattoli dello yogurt da bere sono perfetti per realizzare piccoli scheletri!

IMG_1899

Il fondo delle bottiglie di plastica diventa una graziosa zucchetta per contenere dolcetti

luci_halloween_ambientata_donnarita_magazine

Bottiglie dei detersivi per fantasmi e pipistrelli!

CARTONCINO

156219582

Con il cartoncino possiamo realizzare delle graziose tovagliette per la cena di halloween

IMG_2098-1

Il cartoncino del rotolo di carta igienica e il pipistrello è fatto!

origami-per-halloween

Festoni di cartoncino

photo-16 martha-stewart-halloween-bat-silhouettes

Pipistrelli!

zucca-di-halloween-con-cartoncino

Zucca di cartoncino

BARATTOLI

halloween3

Un barattolo bendato diventa una divertente mummia

ft_04halloween03_l

Dolcetto o scherzetto?

Halloween-lanterne-Tutorial

Porta candele

E MOLTO ALTRO..

Decorazioni-con-lo-spago

scheletrini di Nightmare before christmas realizzati con la tecnica dello spago e del palloncino

halloween-feste-compleanno-decorazioni-fantasma

Un sottile tessuto diventa un pauroso fantasma

Con un pò di creatrività potremo realizzare anche noi la nostra zucca di Halloween in poche mosse :)

15

Un rotolo di carta igienica diventa una bella zucchetta

68241

Zucche realizzate in cartoncino o tappi dei barattoli

halloween-decorazioni-1024x527

lampadari di carta decorati con occhi bocca e naso di cartoncino

31 Ottobre 2014 / / Coffee Break

Per i coraggiosi, ecco un elenco delle più famose case e dimore stregate d’Italia!

Castello di Montebello a Torriana
Il Castello di Montebello a Torriana, (Rimini) secondo la leggenda è abitato da Guendalina Malatesta, detta Azzurrina.
La bimba, detta Azzurrina poichè albina, giocava quando il 21 giugno del 1375 perse il suo gioco nelle scale che portavano nei sotterranei. Da allora, si dice che spesso la si sente piangere…

Torre del Diavolo, Castello di Poppi a Camaldoli
Il Castello di Poppi si trova in Toscana, non lontano da Arezzo. Nella così detta Torre del Diavolo di Camaldoli, si dice che si possa incontrare Matelda, la donna che uccise il suo amante dopo una notte di passione e scoperta, è stata murata viva. In realtà, la vicenda di Telda o Matelda risale al 1200 e pare che la donna uccise l’amante solo per risparmiarsi la vita.

I giardini botanici di Lucca
Il fantasma della nobildonna Lucida Mansi si aleggia nei giardini botanici di Lucca, realizzati durante il regno dei Borboni nel 1820. Si narra che Lucida visse nel Seicento e che, per rimanere sempre giovane, vendette la sua anima al diavolo.  Al momento della riscossione, tentò di salvarsi, ma Satana la fece annegare in un lago del parco a bordo della sua carrozza infuocata. Da allora, secondo la leggenda, il suo fantasma si aggira nel parco e basta immergere l’acqua in quella fonte per vedere il suo volto eternamente giovane.

Casa delle Anime, Voltri (Genoa)
La Casa delle Anime o Cá de Anime si trova a Voltri, in provincia di Genova ed è uno dei posti più spaventosi d’Italia. L’edificio ospitava una vecchia taverna gestita da uomini senza scrupoli che attaccavano, derubavano e uccidevano i clienti più facoltosi, poi i loro corpi senza vita venivano gettati in una fossa comune. La casa è stata riabitata  ma gli inquilini narrano di strani fatti, fra cui la presenza di una ragazza, nelle notti di luna, che chiedeva del suo fidanzato scomparso.

Monastero di Sant’Anna a Foligno
Monastero pare abitato dal fantasma di suor Teresa Margherita Gesta, morta qui il 4 novembre 1895.

Maniero della Rocca di Moncalieri
Questa pare sia il posto più infestato d’Italia, dove si dice siano stati visti e talvolta fotografati vari fantasmi di dame, cavalieri, fanti, un boia, un gatto che ride, un ciclista e un monaco seduto.

Castello Aragonese, Pizzo Calabro
Qui il 1815 venne ucciso il re Gioacchino Murat, dopo la sconfitta di Napoleone. Da allora pare che lo spirito del generale cerchi vendetta.

Monastero Santa Radegonda, Milano
La leggenda racconta che in questo monastero nella seconda metà del XV secolo, fu rinchiusa Bernarda, la figlia di Bernabò Visconti, per adulterio. Morta dopo qualche mese, appare ora nel chiostro della chiesa milanese, dove si possono udire le sue urla contro il padre.

Ca’ Dario, Venezia
La leggenda che aleggia intorno a questo palazzo è davvero noir: tutti i proprietari di questo splendido edificio su Canal Grande sono stati colpiti da una maledizione e sono morti di una morte violenta. Costruito nel 1400, è stato ideato da Giovanni Dario, che perse suo figlio per un omicidio e la figlia per un suicidio mentre vi abitava. Si ricordano fra i vari proprietari morti il conte della Lanza fu ucciso, il manager dei Who, Kit Lambert,che si tolse la vita lanciandosi giù per le scale, e anche Raul Gardini si uccise in circostanze misteriose.

Castello di Fénis, Aosta
Pare sia posseduto da alcuni fantasmi: molti visitatori giurano di sentire dei rumori provenire dal piano di sopra. Il castello di Fénis era la residenza della famiglia Challant-Fénis.

Villa Magnoni a Cona, Ferrara
Quattro ragazzi vogliono dormire in una casa abbandonata da tempo nel ferrarese, qui trovano – secondo racconti – una vecchia che li insulta, sentono le urla di bambini e una volta deciso di abbandonare l’edificio, si perdono le loro tracce.

La casa del violinista a Scogna Sottana, La Spezia
A Scogna Sottana in una casa abitava un violinista, dopo la sua morte moltissimi giurano di sentirlo ancora suonare o di averlo visto tranquillamente uscire dalla sua abitazione.

Villa Clara, Malvasia (Bologna)
Triste la storia di Clara, una bimba chiaroveggente; il padre, stanco delle sue stranezze la murò viva e pare che ancora oggi si possano sentire la sua voce o vederla giocare nel giardino della casa.

Villa Foscari, Mira (Venezia)
La Malcontenta, dichiarata patrimonio dell’Unesco, pare che debba il suo soprannome a una donna  molto viziosa che abitò qui secoli fa. Nessuno la visitò, nessuno l’ha mai vista uscire dalla Villa e in molti si chiedono come sia sopravvissuta. Pare che il suo fantasma si aggiri ancora per la Villa, secondo alcuni veste di bianco, secondo altri di nero, ma si tratta di una donna bellissima. Pare che la Malcontenta fosse Elisabetta Dolfin, vedova di un Pisani, andata sposa a Nicolò Foscari nel 1555.

Via Il Ghirlandaio


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2014 / / BlogArredamento Aziende

Halloween tutto l’anno? Andare in ufficio travestiti da zombie, spettri, streghe e altre mostruosità…non è proprio una buona idea. Un giorno va bene, tutta la settimana “anche no” (passatemi la tipica espressione milanese).
Se siete degli appassionati di questa festività anglosassone e le atmosfere scure sono quello che fa per voi, in casa potete sbizzarrirvi con colori cupi, arredi in stile gotico e giochi di luce dal fascino tenebroso.Letto matrimoniale tessuto scuro WingPrimo ingrediente essenziale sono le pareti nere o in colori scuri come il viola, su cui giocare con quadri a tema o specchi collocati per creare effetti stranianti.Specchi Diamante cornice bianca o nera
Specchio moderno cornice barocca Madame Altro elemento caratterizzante è il ritratto: sarà per il celebre libro di Wilde, sarà per i numerosi racconti e film horror old school in cui siamo abituati a vedere il protagonista spiato da dietro gli occhi dei ritratti antichi appesi alle pareti di case tipicamente vittoriane. Mobili soggiorno PremiereTavolo elegante pendenti cristalloLa luce gioca un ruolo fondamentale: meglio d’atmosfera, niente faretti dalla luce troppo chiara, da preferire l’illuminazione soffusa. Perfette le lampade da terra e le abat jour con paralume in tessuto che scherma la luce diretta, diffondendola delicatamente all’interno della stanza.Libreria modulare KubicaPouf design luminosi MufficStile principe è senza dubbio il gotico con influenze barocche. Via libera alle strutture lavorate e ai dettagli “timburtoniani” (dal regista che per eccellenza ci ha raccontato la parte più fiabesca di questa festività pagana: Tim Burton).Poltron Proust Mendini MagisPoltrona barocca moderna HappyhourInfine…Halloween è oggi più che mai una festa dedicata ai bambini: siamo sicuri che questi due moderni Hansel e Gretel (favola decisamente horror!) sapranno insegnare una lezione alla strega con l’aiuto di un piccolo esercito di Puppy, magici cagnolini di design creati dal celebre designer Eero Aarnio.Pouf design bambini Puppy Magis

31 Ottobre 2014 / / Coffee Break

C’era una volta La Popular, un negozio di abiti da sposa a Chihuahua in Messico; un giorno, nel lontano 1930, comparve nella vetrina del negozio un manichino molto particolare…
La storia sembra aver inizio il giorno della nozze di Pascualita, la figlia di Pascuala Esparza, la proprietaria di un noto negozio di abiti da sposa di Chihuahua (Messico), quando, si narra che la giovane poco prima di recarsi in chiesa  venne morsa da una vedova nera e morì a causa del terribile veleno di questo ragno. 
Secondo la leggenda, Pascuala fece imbalsare il corpo della bellissima figlia e successivamente lo portò al suo negozio, dove dal 25 marzo 1930 venne utilizzato come manichino da esposizione.

La comparsa di questo nuovo “manichino”, veramente molto realistico, nella principale vetrina del negozio, non passò però inosservata…la gente cominciò a farsi domande e naturalmente, cominciò a fare congetture…
Nel giro di poco tempo la situazione degenerò: per molti, il manichino altri non era che la figlia di Pascuala imbalsamata!
Quest’ultima, pressata da proteste e rimostranze, rilasciò una dichiarazione ufficiale sostenendo che quello era solo un semplice manichino (per quanto bello e sofisticato) ma era ormai troppo tardi, per tutti quella in vetrina era Pascualita vestita da sposa.

 
Gli anni passarono e  La Popular, il negozio di abiti da sposa, cambio’ molte volte, ma Pascualita rimase sempre al suo posto, nella vetrina principale. Negli anni, è divenuta una vera e propria celebrità, meta di turisti e curiosi, che vengono ad osservarla dal vero per capire se sotto il vestito si cela il corpo imbalsamato di Pascualita!
Addirittura le vengono attribuiti dei miracoli…

Tuttavia, anche se sembra che il manichino sia proprio tale, fatto di cera da un artista francese, chiunque lo guarda rimarrà colpito dai serici capelli, dall’incarnato di pesca, dalle dettagliatissime mani…addirittura si dice tra coloro che lavorano al negozio, che la notte il manichino si muoverebbe cambiando da solo posizione e pare che gli addetti a cambiarle l’abito…bè siano a disagio a restare soli con lei!

Via La Tela Nera


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2014 / / Coffee Break

Solo per Halloween, direttamente da TripAdvisor, ecco alcuni hotel dove passare la notte richiede molto coraggio!
Fantasmi, urla nella notte, presenze nelle camere…sono i 10 hotel (fra cui addirittura una nave!) più infestati del mondo!

Port Arthur Motor Inn – Tasmania, Australia
Stanley Hotel – Colorado, Stati Uniti 
Ballygally Castle – Ballygally, Irlanda del Nord

 Tulloch Castle Hotel – Dingwall, Scozia 
Ballyseede Castle – Tralee, Irlanda

Fort Garry Hotel – Manitoba, Canada 

 Hotel Galvez & Spa – Texas, Stati Uniti
The Queen Mary – California, Stati Uniti

  Warner Leisure Hotels Littlecote House – Hungerford, Inghilterra
 Q Station Sydney Harbour National Park – Nuovo Galles del Sud, Australia

 Via TripAdvisors


_________________________

CAFElab | studio di architettura


31 Ottobre 2014 / / Creative & Ordinette

Halloween coincides with the Ognissanti religious recurrence, but for all the Anglosaxons visiting Rome in this time of the year I just feel I have to suggest a wonderful place to visit. It is the Diocletian Public Baths complex, which obviously nowadays has been transformed into a few amazing museums on ancient Rome. This one is just two steps away from the Termini train station, in the center of Rome, just two steps away from the Museum of Roman art and the Santa Maria degli Angeli Basilica, where the genial Michelangelo worked and spent a lot of time and energy to repropose it in its actual shape. The complex has been wonderfully preserved and this one is just a place to see. It’s paths, the scent of fresh cut grass, the wonderful statues and the beautiful sarcophages and tombs are just a place to see not only during Halloween. Here are some pics, hope you enjoy them. Happy and fun Halloween! Buon Ognissanti!

30 Ottobre 2014 / / Mommo Design

Un DIY last minute per domani: festeggiamo Halloween con questa ghirlanda di occhi di mostro! Servono palline da ping pong, pennarelli colorati, e il solito filo di lucine LED.

Last minute Halloween DIY: monster eyes light garland!
You’ll need ping pong balls, permanent markers and a string of LED lights.

by mommo design