Dividere due ambienti: la soluzione? Le librerie!

IL PROBLEMA
Hai da poco comprato casa e da sempre hai adorato l’idea di poter vivere in un open space. Adesso, che in quell’appartamento ci vivi per davvero, ti sei reso conto che l’organizzazione degli spazi è a dir poco vitale. Hai deciso di fare un passo indietro e stai cercando idee per separare gli ambienti senza muri, pareti o cartongesso (il solo pensiero di intraprendere lavori di muratura ti terrorizza). Scartati séparé e divisori mobili, la soluzione che cerchi deve essere su misura per te, originale, funzionale e, perché no, non definitiva.

LA SOLUZIONE
Due parole: librerie divisorie.

Sì, dividere gli ambienti della casa con una libreria è possibile (ed è anche molto di tendenza). Non ti ho convinto? Leggere per credere.

Cosa troverai in questo articolo:

Libreria divisoria di design Loft

 

Libreria per separare gli ambienti Elisabeth

Cos’è una libreria divisoria?

Innanzitutto, un po’ di chiarezza. In generale, l’espressione “librerie divisorie” è utilizzata per indicare un particolare modello di libreria che separa gli ambienti. Ecco da cosa e come riconoscerle:

  • la struttura è aperta o semiaperta, e nella maggior parte dei casi è costituita da facce accessibili da due lati; queste librerie “a scaffale” non hanno schienale né fondo, e sono conosciute anche con il nome di librerie a giorno, bifacciali, double face o bifrontali
  • la struttura può essere autoportante: in questo caso, non è richiesto fissaggio a parete o a soffitto, poiché la libreria rimane ben stabile sul pavimento; il vantaggio maggiore delle librerie da centro stanza è che non richiedono alcun posizionamento contro il muro (sono dette anche free-standing) *
  • la struttura è un vero e proprio elemento divisorio, e come tale è utilizzata per organizzare o delimitare gli spazi; la funzione di separazione ha, nel tempo, assunto un ruolo di primaria importanza, al punto che queste librerie sono dette anche “passanti”, “separé”, “separa stanza” o “dividi ambienti”

* Attenzione: non tutte le librerie divisorie sono anche autoportanti. Esistono modelli detti “con fissaggio a soffitto” che richiedono, come dice il nome, di avere un punto a cui ancorarsi. Prima di scegliere una libreria, assicurati che rispecchi al 100% le tue esigenze e che possa adattarsi alla configurazione dell’ambiente, soprattutto per quanto riguarda il suo posizionamento.

Librerie per separare gli ambienti: quale scegliere?

Proprio come le librerie classiche, anche quelle divisorie assumono forme e stili diversi a seconda del designer che le progetta o dell’artigiano che le realizza. Tendenzialmente, però, possiamo dividerle in due grandi famiglie: le librerie bifacciali e le librerie a montanti.

La libreria bifacciale è il mobile separatore per eccellenza. Può essere costituita da moduli fissi o essere realizzata su misura, motivo per cui è particolarmente adatta sia per delimitare ambienti piccoli che open space di grandi dimensioni. Il sistema di scaffalature di queste librerie a mensole può raggiungere altezze e larghezze importanti, svilupparsi in verticale o in orizzontale, ed essere attrezzato con gli accessori più diversi: ante o sportelli per ottenere nicchie, cassetti e scrivanie integrate per creare un angolo studio.

LIbreria divisoria bassa in metallo Crosser

 

Grande libreria separatore Dexe

 

Libreria a scaffale bianca Note

La libreria a montanti è una libreria divisoria costituita da pali e ripiani. È conosciuta anche come libreria terra cielo, e questo perché sfrutta tutto lo spazio disponibile in altezza, dal pavimento al soffitto. I montanti metallici funzionano come dei sistemi modulari, e come tali restituiscono una libertà compositiva eccellente (perfetta se devi organizzare un ambiente unico, come un open space).

Perché scegliere una libreria-separatore con fissaggio pavimento-soffitto? Innanzitutto, per la sua funzionalità: è pratica, occupa poco spazio in profondità ed è visivamente leggera. E poi, ammettiamolo, è praticamente impossibile resistere al fascino del design minimalista contaminato da un tocco di stile industrial (che fa tanto loft newyorkese).

Libreria a palo Tokyo

 

Librerie separa stanza: 8 idee ambiente per ambiente

Eccoci arrivati al nodo cruciale della questione: come dividere gli ambienti della casa senza muri, pareti o cartongesso, utilizzando solamente delle librerie separa stanza. Dopo la piccola panoramica sui modelli di maggior tendenza, non ci resta che passare ai fatti. Di seguito troverai esempi, soluzioni e idee per organizzare gli spazi in modo originale e funzionale – e perché no, risparmiando! Inizieremo dalla zona giorno, spesso divisa tra cucina, soggiorno, salotto e sala da pranzo, passeremo dalla zona notte e concluderemo con un approfondimento sull’ingresso.

Separare la cucina dal soggiorno

“Come posso dividere la cucina dal soggiorno?”. Il tuo progetto è chiaro: vuoi chiudere una cucina a vista senza intraprendere lavori di muratura, né perdere la luminosità nella stanza.
Hai a disposizione diverse soluzioni, da valutare in base allo spazio e all’effetto che vuoi ottenere. Te ne proponiamo due: la prima utilizza una libreria con fissaggio a soffitto, che alterna scaffali e moduli chiusi. Questa idea è ottima se hai bisogno di spazi contenitivi dove riporre provviste o utensili (in questo caso, il confine tra libreria e parete divisoria è labile). La seconda, invece, è una libreria bifacciale a ponte, adatta per coprire grandi larghezze. Più impattante e scenografica della prima, questa idea funziona, a tutti gli effetti, come una vero muro: la struttura integra un spazio vuoto per passare da un ambiente ad un altro.

Libreria per separare la cucina dal soggiorno Bagel

 

Libreria tra cucina e soggiorno Almond

Dividere sala da pranzo e salotto

Disponi di una cucina separata, ma la zona giorno corrisponde ad un unico ambiente?
Anche in questo caso, puoi utilizzare una libreria-separatore per riorganizzare gli spazi. Se vuoi mantenere una certa continuità visiva, puoi optare per delle librerie a montanti. Il loro impatto visivo è minimo, ma quanto a design sono impareggiabili. Discrete e funzionali, sono perfette per delimitare una piccola zona pranzo (con tavolo, sedie e tappeto) all’interno di un ambiente più ampio. In alternativa, puoi considerare una soluzione autoportante, anche di piccole dimensioni, da posizionare a centro stanza.

Libreria con fissaggio soffitto-pavimento Airport

 

Libreria a pali Airport

Separazione tra zona giorno e notte

Che tu viva in un monolocale o in un open space, potresti avere bisogno di dividere la zona notte dal resto dell’appartamento.

In alternativa alle classiche pareti divisorie mobili, puoi sfruttare a pieno le potenzialità di una libreria aperta, sia in versione scaffale che in versione bifacciale, per nascondere letto, comò e comodini. Il segreto sta nell’alternare gli spazi pieni e nel creare un effetto vedo-non-vedo funzionale e adatto alle tue esigenze. Se scegli un modello che non integra ante né pannelli, non temere: nulla ti vieta colmare i vuoti mettendo in mostra tutti i tuoi libri!

Libreria dividi ambienti Almond

 

Libreria divisoria moderna Almond

Dividere l’ingresso dal soggiorno

Oltre ad essere sempre più piccole, le case moderne hanno spesso piante aperte. Il risultato: zero corridoio, zero disimpegno.

Se non c’è l’ingresso, o se è aperto sul soggiorno, è bene crearne uno. Puoi utilizzare una libreria a giorno per delimitare una sorta di corridoio, ed evitare così di entrare direttamente nel living. Hai molti libri e preferisci una soluzione a tutta altezza, lunga o stretta? Oppure hai bisogno di un mobile divisorio basso, su cui appoggiare qualche oggetto? Ancor prima di scegliere la tua soluzione, chiarisci quali sono le tue esigenze: come vedi, le idee per creare un ingresso in un open space non mancano.

Libreria a giorno di design Tres

 

Libreria per creare un ingresso Direct

Riassumendo

In questo articolo hai scoperto che dividere due ambienti senza lavori è possibile, soprattutto se scegli di farlo con una libreria bifacciale. Ricapitoliamo in breve cosa puoi separare, cosa puoi creare e quali sono i principali vantaggi di utilizzare una libreria come elemento divisorio in un ambiente unico o in un open space.

Cosa puoi dividere con una libreria séparé

  • due ambienti: senza ombra di dubbio, le soluzioni più comuni sono quelle in cui cucina e soggiorno si trovano in un ambiente unico, piccolo o grande che sia. Seguono a grande richiesta le idee per separare sala e cucina, sala da pranzo e salotto, zona giorno e zona notte
  • un solo ambiente: un salotto molto grande, un open space, una cucina a vista… in pratica, puoi posizionare una libreria autoportante bifacciale ovunque tu voglia. Benché sia la zona giorno a richiedere più attenzione, si può ricorrere all’uso di una libreria divisoria anche nella cameretta di due ragazzi. È un’ottima soluzione per far convivere due fratelli in una stessa camera, assicurando loro tutto lo spazio e la privacy di cui hanno bisogno. Ricorda, però, in un caso come in un altro, di scegliere una libreria adatta all’ambiente, per continuare a muoverti agevolmente nella stanza.

Cosa puoi creare con una libreria divisoria

  • 2 ambienti in 1: dividi parte dell’open space e ricavane un soggiorno e una zona pranzo; puoi fare la stessa cosa separando la cucina dalla sala
  • un angolo lettura: sfrutta la superficie di un salotto grande per delimitare un angolino tutto tuo, in cui leggere, riposare o conversare con gli amici. Gli ingredienti segreti sono tre: la tua poltrona preferita, un tavolino e una lampada a pavimento
  • un angolo studio: per necessità o per zelo, poter disporre di uno spazio in cui lavorare da casa è un grande vantaggio. In questo caso, non ti serve necessariamente disporre di una libreria dividi ambienti a tutta altezza: puoi scegliere un modello basso, che alterni mensole, moduli chiusi e spazi contenitivi
  • un ingresso: se la casa non ha corridoio né disimpegno, puoi utilizzare una libreria a mo’ di muretto divisorio tra ingresso e soggiorno. Anche in questo caso, opta per un modello basso: questo ti permetterà di posizionare sul piano della libreria un grazioso svuota tasche, qualche cornice e i tuoi souvenir delle vacanze

I vantaggi di usare le librerie come pareti divisorie

  • puoi dividere uno o più ambienti senza erigere muri né ricorrere a pareti di cartongesso
  • puoi separare in modo non definitivo (ovvero hai la possibilità di spostare mensole e libreria se cambi idea o devi traslocare)
  • puoi agire sull’organizzazione della casa in modo originale e funzionale, anche per creare spazi in cui dedicarti ai tuoi hobby o alla tua privacy
  • puoi separare senza schermare la luce che entra dalle finestre né bloccare il ricambio di aria
  • puoi creare delle soluzioni su misura, quasi al centimetro (ricorda che la libreria deve adattarsi a te, e non tu alla libreria!)
  • puoi sfruttare degli elementi architettonici preesistenti: colonne, pilastri e pareti (è il tipico posizionamento delle librerie interparete)

Ultimo ma non meno importante, i vantaggi estetici e quelli funzionali. Dividendo in modo parziale, le librerie séparé garantiscono la continuità visiva tra gli ambienti, un dettaglio importantissimo per non intaccare l’armonia generale della tua abitazione o, peggio ancora, restituire un senso di oppressione. Ricorda che le librerie senza schienale sono accessibili da entrambi i lati (si chiamano librerie bifacciali proprio per questo motivo), il ché aumenta in maniera esponenziale la funzionalità di questi mobili divisori.

Non solo idee: foto e immagini delle nostre librerie dividi ambienti preferite

Libreria divisorio per ingresso Almond

Libreria separatore per ufficio Almond

Libreria bifacciale dal design minimalista Hudson

Libreria a giorno componibile Lodge

Libreria separa ambienti Loft

Libreria che separa due ambienti Loft

Libreria divisoria autoportante Crosser

Libreria divisoria bianca Fun

Libreria divisoria moderna Domino

Libreria che separa gli ambienti Section

Libreria divisorio per stanza Matassa

Hai bisogno del consiglio di un professionista? Chiedi senza impegno la consulenza dei nostri decoratori!

Contatti il Servizio Clienti ArredaClick

Tags: , ,

 
 

Scaffale in metallo: ecco come coprirlo con un’idea di Arcadia Ufficio!

Pubblicato da blog ospite in Idee, Voglia Casa

L’occhio vuole la sua parte…Nulla di più vero, specialmente quando si tratta di arredo.

La bellezza, l’eleganza e il design piacciono a chiunque ma a volte non si riescono a coniugare praticità, estetica, qualità e costi.

I progettisti di ARCADIA UFFICIO del Gruppo Penta, sono riusciti a risolvere il problema, coniugando stile, trend ed efficienza.

La sfida era coprire una scaffalatura in metallo, molto utile ma visivamente antiestetica. Ecco che i migliori professionisti del settore hanno simulato un archivio compattabile.

L´interno è costituito da un insieme di scaffali con montanti e piani di metallo chiusi su un lato con pannelli lisci.

I pannelli della stessa dimensione, sono intagliati e colorati, in modo da ottenere un armadio dall´aspetto lineare ed originale. I pannelli sono in MDF da 15 mm e sono fissati alla parte posteriore dello scaffale in metallo.

I fori nella parte superiore dei pannelli, così come i numeri alla base, simulano gli archivi compattabili.

 

Tags:

 
 

L’eleganza incontra la praticità: le mille funzioni della libreria String

Pubblicato da blog ospite in Design, VDR Home Design

Vi siete mai chiesti tutti questi arredi dal fascino nordico e super funzionali, che origine hanno? Chi è stato il primo a inventarli? Vi voglio parlare di un’icona del design, che accorpa estetica e praticità. Le mille funzioni della libreria String.

……….

Quanto ci piace Ikea eh? Con il suo design accessibile a tutti, sia nei prezzi che nella forma. Linee pulite, colori freschi, tutta l’innovazione del design scandinavo alla portata di chiunque. La facilità con cui i mobili si possono montare anche da soli, la possibilità di scegliere se far tutto da se o farsi servire.

La soddisfazione che consegue la percezione di aver partecipato (seppur in minima parte) alla creazione di un pezzo di casa nostra. Vi siete mai chiesti davvero da dove arrivano queste idee geniali? Diciamo che non è proprio tutta farina del sacco di Ikea, ma che tutte queste idee traggono spunto dalla tradizione del design scandinavo, che per sua natura si è sempre distinto per essenzialità e ricerca del connubio tra forma e funzione.

In particolare c’è un’icona del design di cui vorrei parlarvi, perché penso sia davvero uno di quei pezzi che hanno cambiato la storia dell’arredo e hanno aperto l’era contemporanea: la libreria String.

LA STORIA DI UN’ICONA DEL DESIGN: LE MILLE FUNZIONI DELLA LIBRERIA STRING

Ma cos’è questa benedetta String? Si tratta di un sistema modulare di librerie, liberamente componibile. Esatto, proprio come tutti quelli che ci piacciono ora e che invadono ogni rivista di arredamento. E dove sta la novità direte voi?

Nel fatto che il sistema è stato inventato nel 1949 in Svezia e possiamo considerarlo come il padre di tutti quei sistemi venuti dopo.

Tutto comincia proprio nel 1949, quando la casa editrice Svedese Bonnier ha un’idea: dare più spazio dove riporre i libri ai clienti, di modo che possano comprarne di più. Da questo presupposto lanciano un concorso per la creazione di un sistema di librerie che fosse accessibile nei prezzi, facile da spedire, montare, installare. Al concorso partecipa (e vince) la coppia di coniugi Nils e Kajsa Strinning, con la loro soluzione geniale.

mille funzioni della libreria String

Image credits: String

mille funzioni della libreria String

Image credits: String

Vincono perché il sistema unisce eleganza, minimalismo e flessibilità sia compositiva che organizzativa. In pratica la libreria si compone di montanti di alluminio (disponibili ora in due larghezze e cinque altezze) che si possono fissare a pavimento o a parete, su cui agganciare mille accessori diversi. Mensole, cassettiere, vani con porte scorrevoli. Mensole inclinate per libri o scarpe. Tubi appendiabiti. Una scrivania, pieghevole oppure fissa.

Insomma, la possibilità di creare un sistema davvero su misura per lo spazio in questione: dalla cucina, al soggiorno, al bagno, alla camera. Non c’è fine alle possibilità con questa libreria.

Ovviamente la String divenne subito un successo e Nils divenne uno dei designer scandinavi più influenti dell’era moderna.

mille funzioni della libreria String

Photo credits: String

mille funzioni della libreria String

Photo credits: String

Ecco gli ingredienti per creare un arredo che resista al passare del tempo: intercambiabilità, continua possibilità di crescere e mutare in base alle esigenze. Eleganza e minimalismo. Estrema facilità di trasporto e montaggio, che non richiede una laurea in architettura. Andate sul sito della String per verificare coi vostri occhi.

 

L’articolo L’eleganza incontra la praticità: le mille funzioni della libreria String sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Ikea Besta protagonista in soggiorno

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI, Idee

Il mio articolo per Libreriamo è on line e vi parlerò del sistema Besta di Ikea per attrezzare una parete in soggiorno.

Una mia cliente vorrebbe una libreria a tutta parete, ma con dei cassetti nella parte bassa. Ciò che le ha preventivato il falegname è troppo costoso per una casa probabilmente transitoria, così le ho proposto di utilizzare questi sistemi componibili.

Nelle immagini di seguito trovate alcuni suggerimenti, l’articolo completo lo trovate qui ;-).

Tags: ,

 
 

5 Proposte di design per rivoluzionare l’idea di libreria

Pubblicato da blog ospite in Things I Like Today

La libreria di successo è modulare, componibile, personalizzabile e funzionale… sull’onda del trend dell’arredamento contemporaneo

Come diceva Coco Chanel, “Per essere insostituibili bisogna essere diversi” e questo vale anche nell’arredamento della casa. Per adattarsi a esigenze sempre più diverse, a spazi grandi o piccoli e a stili drasticamente diversi fra loro, designer ed interior designer cercano sempre nuove idee per creare oggetti innovativi che consentano al fruitore finale la massima libertà espressiva, la gamma più vasta di opzioni e di scelte e la possibilità di personalizzare i propri mobili di design. Come possiamo vedere in questi cinque esempi in cui è protagonista la libreria, uno degli oggetti d’arredo più caratterizzanti in una casa.

ABC Bookcase, la libreria parlante

ABC Bookcase libreria componibile by Saporiti

ABC Bookcase libreria componibile by Saporiti

La libreria ABC Bookcase di Eva Alessandrini e Roberto Saporiti è uno di quegli oggetti di design che stimolano la creatività. E’ formata da elementi componibili di 51×51 cm ciascuno a forma di lettera dell’alfabeto (o numero), così che è possibile assemblare una libreria personalizzandola con le nostre parole o frasi preferite.
Un modo originale per raccontare qualcosa di noi anche attraverso l’arredamento della nostra casa.
Gli elementi sono disponibili con diverse profondità, per la libreria da terra, per le mensole a sospensione o come “Cubotti”, elementi stand alone che possono essere utilizzati come sgabelli, comodini o piccoli tavoli da caffè.

ABC Bookcase libreria componibile

ABC Bookcase libreria componibile

Cubotti ABC

Cubotti ABC

Geometric Storage System Imeüble, la libreria optical

Geometric Storage System Imeüble, la libreria optical

Geometric Storage System Imeüble, la libreria optical

Il designer norvegese Bjørn Jørund Blikstad con la sua libreria  stravolgerà la vostra percezione prospettica.
E’ un elemento d’arredo al confine fra arte e design impossibile da guardare senza pensare ai disegni di Escher e alle sue illusioni ottiche piene di incongruenze prospettiche.
Questo oggetto di design a metà strada fra una libreria e un contenitore a parete, èformato da elementi modulari componibili a parete. I singoli blocchi hanno forme geometriche semplici che sembrano rappresentate in due dimensioni ma che si sviluppano nello spazio e sono aggregati insieme in una struttura a nido d’ape, su una griglia esagonale. Ciascun esagono è composto da tre elementi di colore diverso e il mix di geometria e colore crea un’illusione ottica piuttosto straniante, difficile da interpretare a un primo sguardo.
Guardando il video si capisce sicuramente meglio la forma reale di questa libreria che, con le parole del designer, si ispira al modo in cui il nostro cervello archivia e organizza i ricordi.

Libreria LagoLinea, per disegnare sui muri

Libreria LagoLinea

Libreria LagoLinea

LagoLinea di Daniele Lago è una elegante libreria sospesa a parete formata da un’unica linea di soli 3 cm di spessore che si muove sulla superficie senza vincoli, disegnando sagome e figure sull’onda della creatività. Una soluzione essenziale e raffinata che dà carattere all’ambiente con estrema leggerezza senza risultare invadente e consente a chiunque di sperimentare forme e motivi originali secondo il proprio gusto, quasi disegnando sul muro la propria libreria ideale!

Book Harp la libreria a tutta altezza fatta su misura

libreria a tutta altezza personalizzata

Hanspeter Steiger, interior designer svizzero, ha creato questa libreria nel 2009 per una residenza privata.
Book Harp è una libreria a tutta altezza pensata come elemento divisorio fra il corridoio e la scaladell’abitazione. Il mix di pieni e vuoti crea un’impressione diversa a seconda del lato da cui si guarda e l’effetto dinamico è dato anche dalle mensole per i libri montate tutte ad altezze diverse. Un’idea semplice e bella, da copiare sicuramente!

LiliLite Bookshelf Lamp, tre in uno

LiliLite mensola libreria multifinzionale

LiliLite mensola libreria multifinzionale

LiliLite, non è propriamente una libreria ma è un oggetto multifunzionale studiato appositamente per chi ama leggere a letto. Progettata dal designer olandese Thijs Smeets, è una mensola a parete per i libri ma non solo perchè è allo stesso tempo una lampada da lettura e… un segnalibro!
Il design è essenziale ed elegante in modo da integrarsi in modo invisibile in qualsiasi arredamento.
Il funzionamento è semplice e intuitivo perchè LiliLite “capisce” i nostri desideri: quando prendiamo un libro per leggere, la luce a led ci illumina con un’angolazione perfetta; quando lo appoggiamo, non solo possiamo tenere il segno della pagina ma la luce si spegne automaticamente (ma c’è anche un interruttore manuale se si desidera).
Un oggetto tre in uno davvero interessante, come si vede bene anche nel video!

Tags:

 
 

Arredamento soggiorno: meglio la parete attrezzata o la libreria?

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, Idee, Napol Arredamenti

In soggiorno è meglio avere una parete attrezzata o una libreria?

A sinistra i sostenitori della parete attrezzata, a destra quelli della libreria, al centro gli indecisi, chi vorrebbe saperne di più e chi vorrebbe rispondere “dipende” o “tutte e due”. Io mi schiero al centro e ti invito a leggere fino alla fine questo articolo per scoprire il perchè.

Le funzioni sono pressochè le stesse: contenere, organizzare, conservare, sistemare, appoggiare, arredare. Chi più sinonimi ha più ne metta. Quello che cambia è l’aspetto. La libreria è dotata di ripiani, scaffali e mensole per lo più a giorno; può cambiare la forma ma l’obiettivo è quello di lasciare molti oggetti in bella vista. La parete attrezzata è composta da un mix di elementi tra cui basi d’appoggio con cassetti o cestoni, pensili contenitori con ante, mensole, vetrinette, teche, inserti a giorno, pannelli porta tv. Insomma sia spazi contenitivi nascosti, sia spazi espositivi per oggetti da lasciare in mostra.
Non si dice forse che “la verità sta sempre nel mezzo”?! In soggiorno servono entrambe queste soluzioni, servono contenitori e ripiani, serve spazio per gli oggetti che si utilizzando quotidianamente e che è bene avere sempre a portata di mano, serve spazio gli oggetti poco usati. Nell’arredamento del soggiorno le mezze misure esistono e sono un ottimo compromesso tra funzionalità ed estetica. Chiamatela parete attrezzata con colonne libreria oppure libreria a parete attrezzata, poco cambia, quello che è certo è che se ne acquistate una non ve ne pentirete.

Come scegliere la parete attrezzata e la libreria?

VALUTA GLI SPAZI

Prendi le misure della stanza e in particolare dell’area in cui vuoi posizionare il mobile. Considera anche l’ingrombro massimo del mobile da acquistare. Ricordati soprattutto di accertarti della presenza di eventuali parti sporgenti come ad esempio le maniglie.
Qualsiasi sia lo spazio a tua disposizione esiste un mobile ideale. Se i mobili in vendita in stock non ti soddisfano acquista pareti attrezzate e librerie componibili e modulari. I mobili su misura soddisfano qualsiasi esigenza e aiutano ad arredare qualsiasi ambiente.

Libreria grande, lunga, alta per soggiorno ampio. Personalizzabile per dimensioni, materiali, colori e disposizione degli elementi.Libreria piccola e compatta per soggiorni piccoli e contenuti. Libreria componibile e modulare.

Il consiglio dell’arredatore: se acquisti un mobile di grandi dimensioni considera la possibilità di lasciare le altre pareti della stanza abbastanza libere. Non riempire troppo gli spazi, non renderli “soffocanti”, non appesantire inutilmente l’ambiente.

 

VALUTA I DETTAGLI

 – Nello spazio in cui andrai a collocare il tuo mobile ci sono prese elettriche? Sfruttale per collegare televisore, stereo o lampade.
– Sulla parete c’è un calorifero? Opta per elementi componibili e posizionabili dove preferisci e dove c’è spazio.
– Ci sono porte o finestre che si aprono verso la parete attrezzata libreria? In quella zona non inserire antine o cestoni ma prevedi solo mensole e ripiani a vista.
– I battiscopa sono facilmente rimovibili? Se non lo sono valuta soluzioni sospese a parete.
– La parete presenta colonne o elementi strutturali sporgenti? Fai in modo di nascondere questi elementi integrandoli nel mobile oppure mettili in risalto cambiandone il colore.
– La parete è abbastanza solida e stabile per sostenere un mobile sospeso e il peso degli oggetti? Se non lo è opta per soluzioni in appoggio a terra e valuta se è necessario / possibile l’ancoraggio a parete.

Questa parete attrezzata sospesa è formata da elementi singoli posizionabili a piacere sulla parete.In caso di colonna in soggiorno è possibile prevedere due mobili componibili distinti, uno a destra della colonna e uno a sinistra.

 

VALUTA LE FUNZIONI

– Quanti libri hai? Fai una cernita e prevedi il giusto numero di ripiani e mensole
– In soggiorno c’è un angolo tv distinto o il televisore andrà integrato nella parete attrezzata o libreria? Preferisci un televisore sospeso o in appoggio? Vuoi un pannello tv fisso, girevole, estraibile? Ci sono gli attacchi per la corrente e l’antenna?
– Ti piacerebbe avere un piccolo angolo bar? Prevedi alla giusta altezza uno vano con anta a ribalta.
– Sei un collezionista e vuoi esporre in bella vista i tuoi oggetti preziosi? Hai bisogno di vetrinette e teche.
– Il soggiorno verrà sfruttato anche come home office? In questo caso prevedi scrivanie o scrittoi integrati, mensole e contenitori per fogli, documenti e cancelleria.

Parete attrezzata con scrivania integrata, per un angolo home office organizzato in soggiornoParete attrezzata con pannello porta tv girevole per uno schermo ben visibile da più punti della stanzaMobile soggiorno completo di colonne libreria, pensili contenitore con ante battenti e basi a terra con cestoni capienti.Arredamento soggiorno con teche in vetro con luci a led RGB colorate.

Ti sai ancora chiedendo se in soggiorno è meglio una libreria o una parete attrezzata o ti ho convinto che le risposte giuste sono “dipende” e “tutte e due”?!

Vuoi avere maggiori informazioni sui prodotti fotografati? Vuoi ricevere un preventivo? Ti piacerebbe acquistare una parete attrezzata? Vorresti ordinare una libreria? Contatta subito il Rivenditore Napol più vicino a casa tua. Consulenza e preventivo sono gratuiti.

Tags: ,

 
 

Librerie a tutta parete

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Idee
Idee e consigli per scegliere una libreria capiente

Se libri e riviste affollano ogni angolo della vostra casa è il momento di attrezzare il vostro soggiorno con una libreria a parete intera.

Componibili o fisse, modulari, autoportanti, le librerie a parete intera sono in grado di contenere moltissimi libri, riviste e oggetti decor di ogni genere, risolvendo i problemi di spazio e tenendo tutto in ordine.

Per scegliere il modello più indicato alle vostre esigenze valutate con attenzione tutto ciò che volete inserire nella libreria. Se volete ricreare una vera e propria biblioteca nel vostro soggiorno meglio optare per una libreria suddivisa in verticale da fianchi, in orizzontale da ripiani e dotate di top superiore e inferiore. Proposte nella versione componibile e modulare, permettono di realizzare composizioni quasi su misura. Poter scegliere come suddividere i diversi vani e poter abbinare moduli in differenti formati sono due importanti caratteristiche per poter contenere un maggior numero di libri e oggetti.

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
Libreria a giorno modulare in alluminio ALINA di Alias

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
 Libreria divisoria girevole VISTA Albed di Delmonte

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
Libreria modello LINE di Albed 

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
 Libreria componibile SYSTEM di Porro

Le librerie autoportanti, appoggiate alla parete o sospese, sono certamente le più pratiche e funzionali, estremamente facili da montare, smontare e quindi da spostare. Con o senza schienale, le librerie a tutta parete arredano e contengono con stile..Utilissime anche per dividere due ambienti in sostituzione di un muro, oppure per creare una quinta. 


Idee e consigli per scegliere una librerai capiente
 Libreria scaffale a giorno UNO di Fantin

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
 Libreria a parete ESPACE in legno  di Domus Arte

Idee e consigli per scegliere una libreria capiente
Libreria componibile modulare SELECTA di Lema

In legno o in metallo, dal design classico o decisamente contemporaneo, le librerie a tutta parete sono in grado di creare soluzioni compositive davvero originali e dall’effetto molto scenografico, 

inoltre, si possono ambientare facilmente nel living ma anche nello studio.


Tags:

 
 

BOOK by BOOK

Pubblicato da blog ospite in Design, Room by Room
Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia
che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.
(Carlos Ruiz Zafón)
E’ arrivata l’estate, ed è arrivato il momento dell’anno dove riempiamo casa di libri da portarci in vacanza o semplicemente per un weekend fuori porta. La lettura accompagna e arricchisce la vita di tutti noi, chi più chi meno, chi un libro chi un quotidiano… leggiamo ogni giorno qualcosa che ci portiamo dentro. Parole che ci rimangono nel cuore, libri che animano le nostre stanze, sparsi o appoggiati sui mobili di ogni camera. Ecco cosa rimane di tante storie fatte passare sotto i nostri occhi, sfogliate e scoperte parola dopo parola, pagina dopo pagina.Tutti questi ricordi devono trovare un loro posto, quasi come se li volessimo preservare da qualcosa… raccoglierli l’uno accanto all’altro e tenerli fermi nel tempo.
AMATE L’ARCHITETTURA. L’ARCHITETTURA È UN CRISTALLO di Gio Ponti
Pagine dove si susseguono piccoli brani, piccole sfaccettature luminose che raccontano tutti gli elementi architettonici in modo tanto affascinante da far innamorare anche il lettore più profano.

Gio Ponti disegna questa libreria per la sua casa milanese di via Dezza ed è stata prodotta sulla base dei disegni originali del maestro del 1956-1957.

LA MIA OPERA. LE CORBUSIERdi Bollati Boringhieri
Le Corbusier la scrisse, disegnò e corredò di materiale fotografico, dandole un’originale forma tipografica. Egli si presenta non solo come l’architetto che ha rivoluzionato più di ogni altro le nostre concezioni dell’abitazione, ma anche come disegnatore, pittore, scultore, autore.

I Casiers Standard, sono elementi accostabili e sovrapponibili in legno, concepiti per soddisfare diverse funzioni.
IL DESIGN E GLI INTERNI DI FRANCO ALBINIdi Giampiero Bosoni e Federico Bucci
Il titolo approfondisce in modo accurato e puntuale il lavoro di designer e di architetto d’interni di Albini mettendo in evidenza i caratteri di originalità della sua opera che si distingue per la severa razionalità, il riserbo formale, l’ordine geometrico e la perfezione tecnica, qualità mai disgiunte da una “fantasia dell’arte” di grande valore poetico.

Disegnato da Franco Albini nel 1939, per la sua casa milanese, in esemplare unico, il progetto ha un alto valore sperimentale come sfida ardita alle leggi della statica.

Chiamato Veliero per l’allusione alla carpenteria nautica, questa libreria incarna la leggerezza strutturale e visiva tipica della poetica di Albini. La ricostruzione di questo modello ha restituito alla cultura del design uno dei suoi pezzi fondativi.

IO CHARLOTTE. TRA LE CORBUSIER, LEGER E JEANNERET di Charlotte Perriand
La grande esposizione dedicata alla figura dell’architetto Charlotte Perriand, inaugurata presso il Centre Pompidou, ha portato alla ribalta una donna unica per talento e anticonformismo, capace di imporre da sola la propria creatività in un ambiente all’epoca prettamente maschile.

Credenze, contenitori, librerie autoportanti, librerie a muro con appoggio a terra o appese secondo schemi simmetrici e asimmetrici. Un sistema di librerie che estremizza il concetto di modulo e libertà compositiva.

Nella visione di Charlotte Perriand, la modularità, mai rigida o asettica, fonde funzionalità ed estetica, rispondendo a tutte le necessità del fruitore.Un progetto che esprime il senso della ricerca che questa incredibile pioniera del moderno perseguì e che fu ed è “arte di costruire, arte di abitare, arte di vivere”.
Tags:

 
 

Come separare gli ambienti senza muri

Pubblicato da blog ospite in BlogArredamento Aziende, diotti.com - ArredaClick, Idee

Come separare gli ambienti di casa senza innalzare muri e senza incorrere in spese proibitive? Utilizzando una delle seguenti soluzioni:

  • tende e tendaggi
  • mobili alti
  • pannelli divisori o separé
  • porte scorrevoli
  • librerie divisorie

In questo articolo non parleremo di tutte queste soluzioni ma ci concentreremo su come dividere gli ambienti utilizzando librerie bifacciali su misura.
È infatti sufficiente schermare la visuale per dividere idealmente la stanza e creare diverse zone d’azione.

Chi deve separare gli ambienti di casa senza innalzare un muro lo fa principalmente per motivi di illuminazione e per non sacrificare preziose metrature. La caratteristica “su misura” si rivela quindi un fattore decisivo; solo gli arredi su misura garantiscono massima componibilità ed adattabilità a qualsiasi ambiente. Riuscire a sfruttare al meglio i centimetri a disposizione garantisce una miglior gestione dello spazio e una migliore fruibilità dell’ambiente.

Tra le nostre proposte di librerie bifacciali Almond, Airport e Bagel permettono massima personalizzazione. Si tratta di librerie indipendenti realizzabili nella versione double face con doppio affaccio che si prestano ad essere utilizzate come interparete per creare più ambienti in un’unica stanza.
Vediamo ora le caratteristiche di ciascun modello.

Almond
Posizionamento: a terra, in appoggio a parete o a centro stanza
Elementi: elementi libreria disponibili in 3 larghezze e 9 altezze
Accessori: ante battenti, ante a ribalta, cestoni, cassetti
Finiture: laminato, laminato effetto legno, laccato opaco

Libreria Almond in laminato bianco cera fine
Libreria Almond p.32,8

Airport
Posizionamento: a terra, in appoggio a parete o a centro stanza
Elementi: montanti, ripiani, reggiripiani
Accessori: contenitore a ribalta, scrittoio
Finiture: montanti e reggiripiani in acciaio verniciato, ripiani, contenitore e scrittoio in legno impiallacciato o laccato goffrato

Libreria a pali Airport
Libreria Airport con montanti pavimento/soffitto

Bagel
Posizionamento: a terra, sospeso
Elementi: montanti e ripiani
Accessori: contenitore, cassetti, scrittoio, scrivania, appendiabiti, specchio, pannello laterale
Finiture: montanti in metallo cromato o verniciato, ripiani e accessori in laminato effetto legno
Caratteristiche: i ripiani sono spostabili e la configurazione della libreria può essere variata nel tempo

Libreria divisoria Bagel
Libreria con montanti e ripiani Bagel

Cosa considerare prima di acquistare una libreria bifacciale?

  • misura l’effettivo spazio a tua disposizione
  • valuta le tue reali esigenze
  • pensa a quale sarà il futuro utilizzo della libreria (solo per libri, multifunzione, con accessori vari)
  • confronta le possibilità arredative che ciascun modello di libreria offre
  • scegli il modello di libreria a seconda del suo aspetto e dei tuoi gusti

Misure indicative
In genere, per libri tascabili è necessario considerare ripiani profondi minimo 20 cm, per i libri rilegati e cartonati minimo 25/30 cm, libri d’arte ed enciclopedie richiedono invece una profondità minima di 35 cm.

 

Tags: ,

 
 

Le migliori librerie per la casa di un lettore accanito

Accumulatori seriali di libri, bibliofili convinti, lettori accaniti, collezionisti di romanzi di ogni genere… conosciamo i vostri segreti!
Siete affetti da bibliofilia: la passione che nutrite per la lettura è talmente grande da farvi amare incondizionatamente i libri e da spingervi ad acquistarne in modo compulsivo una quantità quasi infinita.
Siete affetti da tsundoku: parola di origine giapponese che può essere spiegata come la frenesia di alcune persone nell’acquistare libri, accumularli ed impilarli, spesso senza nemmeno leggerli.

Ma dove archiviate tutti i libri? Vi servono delle librerie!
Date un’occhiata al nostro ampio catalogo e trovate la libreria che fa al caso vostro. Non tutti i libri sono per tutti e nemmeno tutte le librerie posso andar bene per tutti e per tutte le case. (Concedetemi il gioco di parole.)
Chi invece preferisce continuare nella lettura di questo articolo troverà tante foto di mobili libreria.

Tu che tipo di lettore sei?

1. Se vai in libreria torni a casa con decine di libri nuovi …la tua libreria è FUN

Tanto spazio per mettere in bella mostra i tuoi ultimi acquisti; grande massimo 120 cm in larghezza e fino a 2 metri in altezza. Da non sottovalutare l’effetto dinamico e stravagante che crea il gioco di “pieni e vuoti”.

Libreria bianca grande Fun

2. Ami leggere a letto prima di addormentarti …la tua libreria è TROLLEY

Una piccola, bassa e compatta colonna libreria a due ripiani con base circolare girevole. Occupa poco spazio, è ideale vicino al divano e al letto ed è perfetta per ospitare il libro che stai leggendo in questo periodo.

Libreria piccola bassa Trolley

3. Sei solo al primo capitolo ma già ti immagini come sarà il finale …la tua libreria è ALMOND

Hai un animo creativo, la tua fantasia non ha limiti, ti piace progettare qualsiasi cosa. Puoi comporre questa libreria come meglio preferisci, scegli tu l’intera configurazione, dalle dimensioni ai materiali e i colori, dalla disposizione delle antine all’aggiunta di eventuali cestoni e cassetti.

Libreria componibile e personalizzabile Almond

4. Sei geloso dei tuoi libri e non vuoi prestarli a nessuno …la tua libreria è PIQUANT

È più sicuro nasconderli, fidati! Scegli una libreria con ante battenti o scorrevoli e appoggia li i tuoi libri intoccabili. Tutti gli altri possono essere lasciati in bella vista, ricorda che anche i libri possono essere usati come oggetti d’arredamento.

libreria con ante Piquant

5. Preferisci “andare sul sicuro” e leggere i libri che ti consigliano amici e parenti …la tua libreria è BOOKWORM

Progettata dal designer Ron Arad per Kartell, è famosa e conosciuta. È inoltre altamente flessibile e personalizzabile: è formata infatti da tanti reggilibri affiancati e appesi al muro.

Libreria di design componibile Bookworm di Kartell

6. Appena finisci il libro vuoi guardare il film …la tua libreria è TREE

Non guardi il film prima di aver finito il libro perchè non vuoi rovinarti la magia e le sensazioni che solo la lettura sa dare. Sei talmente preciso ed ordinato che vuoi posizionare il libro vicino al dvd corrispondente.

Libreria a forma di albero Tree

7. Vorresti spargere libri in tutti gli angoli di casa …la tua libreria è EXPANSION

Il modulo più piccolo misura cm 20 p.16 h.22 e sta bene ovunque: all’ingresso vicino al citofono, in camera da letto di fianco all’abat-jour, in soggiorno dietro il tavolo e anche in bagno sopra il gancio portasciugamano. Se hai più spazio a disposizione affianca più moduli.

Libreria componibile a parete Expansion

8. Quando inizi a leggere non riesci più a smettere …la tua libreria è DNA

Alcuni libri ti ipnotizzano e ti tengono incollati alle pagine, un po’ come questa libreria free-standing. Più la guardi più non riesci a capire come è fatta e come fanno i libri a non cadere.

Libreria di design autoportante Dna

9. Sei un amante dei libri ma anche un appassionato di design …la tua libreria è CURVY

Le tue due passioni sono lettura e arredamento e se trovi il modo per unirle sei la persona più felice di questo mondo. Questa libreria è esclusiva, pregiata e di grande qualità; i cubi girevoli sono il vero dettaglio di classe e sono perfetti per contenere i tuoi libri preferiti.

Libreria bifacciale di design in noce canaletto Curvy

 

10. Ti innamori di un libro solo guardando la copertina…

…scopri il nostro catalogo di librerie e lasciati conquistare dalle immagini. Tra le oltre 90 proposte troverai sicuramente la libreria dei tuoi sogni!

 

Il 23 aprile si celebra la “giornata mondiale del libro e del diritto d’autore”, approfittane per farti un regalo e scegliere una nuova libreria. Assicurati di avere lo spazio sufficiente per tutti i tuoi libri.

Tags: ,

 
 




Torna su