21 Novembre 2016 / / Design

English version > http://bit.ly/2ftBOmo

La street art da molti viene ancora collegata con quelle orrende scritte vandaliche che vediamo apparire tutti i giorni sui nostri muri e sui nostri palazzi.

Ma quella non è arte e non si tratta neanche di murales. La street art vera è meravigliosa, capace di trasformare ogni piccolo pezzo delle nostre città in una tela.

Grazie ai giusti artisti e ai giusti interventi gli angoli più anonimi dei nostri quartieri potrebbero trovare nuova vita e una nuova dignità.

STREET ART IN GIRO PER IL MONDO 

Di solito il luogo preferito degli artisti di strada sono i muri di costa degli edifici residenziali. Capita sempre più spesso che vecchi edifici vengano distrutti, lasciando spaiati quelli precedenti a fianco.

È brutto vedere queste pareti bianche, che si rovinano nel tempo. Perché non darle in mano a questi writer e artisti?

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest – © Zabou

Non sono bellissimi questi colori e questi disegni? Invece di sbattere contro una parete abbandonata queste opere ci permettono di sognare e di immaginare nuovi mondi.

Una mega parete di libri non sarebbe il sogno di tutti? In mezzo ad una città poi!

Ogni elemento disperso può contribuire a diventare un pezzo d’arte. Ecco che una telecamera diventa la testa di un robot: geniale.

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

street art

Immagini via Pinterest

Ma questi murales possono anche veicolare messaggi importanti, aforismi da ricordare e non dimenticare.

È bello vedere come da un’idea geniale venga realizzato un disegno, che ridà dignità anche ad un muro mezzo rotto, degno di nessuna importanza.

Ma anche i dissuasori del traffico diventano degli alleati artistici: che ne dite di questa Torre di Pisa?

Dobbiamo sempre guardare le cose da angolazioni diverse. E il mondo appare diverso.
John Keating (Robin Williams), in L’attimo fuggente, 1989

L’articolo #8 street art che vi faranno venir voglia di imparare a disegnare sembra essere il primo su VHD.

19 Novembre 2016 / / Design

Etam Cru street art Moonshine

Un po’ grotteschi un po’ surreali e un po’ naif, i murales del duo di street artist Etam Cru, dominano le strade con le loro dimensioni extra large, colorando le città di tutto il mondo

Etam Cru è il nome con cui è universalmente conosciuto il duo di street artist polacchi Betz e Sainer, fra i maggiori esponenti della street art a livello internazionale.
Bezt (Turek, 1987) e Sainer (Lodz, 1988) sono entrambi laureati all’Accademia di Belle Arti, dove hanno studiato pittura, serigrafia, illustrazione e design grafico. E’ lì che si sono conosciuti e hanno iniziato la loro collaborazione sotto lo pseudonimo di Etam Cru. Le due distinte personalità artistiche, sebbene diverse, si fondono perfettamente completandosi dal punto di vista estetico e tecnico. Ne deriva uno stile figurativo elegante che si compone di personaggi fantasiosi, grotteschi e un po’ naif. I loro murales surreali incorporano leggende locali, misticismo e folklore, spesso con una buona dose di spirito, e suscitano emozioni e stati d’animo contrastanti.

etam-cru-street-art-traphouse-mural

Essendo in due probabilmente raddoppiano le idee, le ambizioni e di conseguenza anche le dimensioni dei soggetti. Si perchè le dimensioni extra large delle loro opere sono un marchio di fabbrica da quando i giganteschi murales di Etam Cru colorano le facciate dei palazzi di mezzo mondo, dalla Polonia al Portogallo, dall’Italia alla Germania, Bulgaria, Norvegia, Svezia e Stati Uniti.
Lavori impegnativi, realizzati con l’uso di gru e impalcature, e che impiegano giorni e giorni di lavoro ma non deludono mai. Queste spettacolari immagini fatte di personaggi bizzarri e situazioni surreali svettano sulle strade, sono piene di colore e modificano radicalmente il panorama urbano. Coprendo intere facciate di palazzi, i due artisti polacchi trasformano le grigie strade cittadine in una galleria d’arte a cielo aperto.

Etam Cru “Coffee Break” – Pigneto, Roma 2014

Il progetto, curato dalla Galleria Varsi, è un murales di ben 32 metri d’altezza (!!) realizzato sulla facciata di un palazzo di 8 piani al Pigneto. I ragazzi di Etam Cru hanno colto alla perfezione lo spirito della città: un uomo coi baffi che spunta fuori da un cassonetto della spazzatura, sorseggiando il suo caffè… una scena che non ci stupiremmo di vedere davvero nelle strade di Roma, dove la spazzatura è ovunque!

etam-mr-rooster-mural

etam-cru-street-art

etam-cru-street-art-beztBetz – Etam Cru

etam-cru-street-art-muralsSainer – Etam Cru

etam-mind-trip-flyer