20 Marzo 2017 / / Design

La funzione principale del packaging è quella di proteggere il prodotto ma la funzione principale del packaging design è quella di attrarre e farci innamorare!

Quando ci innamoriamo di un prodotto è quasi sempre perchè siamo attratti dalla sua confezione e il packaging design ha proprio questo scopo! Ovviamente un buon packaging deve anche rispettare la personalità del brand e comunicare l’identità del prodotto al pubblico di riferimento.
Freschezza, leggerezza, vitalità, gioia… sono spesso associati alla primavera e al risveglio della natura, concetti positivi che si possono adattare facilmente a tanti prodotti, dai profumi alla bellezza al cibo…
Vediamo quindi alcuni packaging creativi ispirati alla primavera.

Profumi

La prima cosa che viene in mente quando si pensa alla primavera sono i fiori che sbocciano col loro meraviglioso profumo. Sarà per questo che sono decine le bottiglie di profumo a forma di fiore? Il packaging design in questo caso non brilla per originalità ma ciò nonostante gli esempi interessanti non mancano, come le deliziose bottiglie della linea Daisy di Marc Jacobs.

Packaging design ispirato alla primavera - Profumo Daisy by Marc Jacobs

Il profumo Daisy by Marc Jacobs ha un packaging a ispirato alla primavera

Japanese Cherry Blossom con il tappo ispirato ai fiori di ciliegio

LEGGI ANCHE: 5 Spot per un profumo, pubblicità firmate Hollywood

Beauty

Nel mondo dei prodotti di bellezza e del make up, la primavera è sinonimo di freschezza, giovinezza e luminosità.
Il packaging design per la nuova cipria illuminante di Lancome non poteva fare di più per esprimere questi concetti, perchè ha preso alla lettera l’ispirazione primaverile inserendo una rosa di seta all’interno della confezione, i cui petali sono impregnati di polvere iridescente. La Rose à poudrer di Lancome è stata realizzata in edizione limitata solo per la primavera 2017; un oggetto prezioso e delicato che sorprende e traduce visivamente l’idea di luminosa perfezione del prodotto.

Packaging creativo ispirato alla primavera - Lancome Rose Powder

La cipria illuminante di Lancome al suo interno nasconde una rosa!

Il packaging design per la linea beauty di Occitane invece è un progetto personale della designer californiana Shanti Shiue. Prendendo spunto dal nome della linea, Bloom en Provence l’idea, bella e originale, è di creare una confezione che si apre come un fiore che sboccia, svelando al suo interno il prodotto. Un modo perfetto per rendere immediatamente visibile il concetto di fioritura espresso nel nome della collezione.

Packaging design per prodotti beauty: questa confezione si apre come un fiore che sboccia!

Food and Drink

In ambito food, soprattutto quando si parla di dolci è facile associare al packaging i colori e le sensazioni della primavera. Tinte pastello, pattern floreali, forme stondate, tutti elementi grafici che contribuiscono a rafforzare l’idea di qualcosa di dolce, tenero e appagante. Il packaging design dei Macarons Mixville da questo punto di vista è l’esempio perfetto.

Packaging creativo ispirato alla primavera - Mixville Macarons

Packaging creativo ispirato alla primavera – Mixville Macarons

Ma anche l’acqua minerale, con la sua naturale frizzantezza, l’idea di purezza che si porta dietro e la freschezza che ci ispira è uno dei prodotti ideali da declinare in tema primaverile. D’altra parte spring in inglese non vuol dire solo primavera ma anche sorgente/fonte!
Per migliorare il posizionamento dell’acqua minerale Mount Franklin Lightly Sparkling è stata pensata dall’agenzia Creative Platform un’edizione limitata dedicata ai ristoranti più esclusivi.
L’acqua è stata imbottigliata in bottiglie da Champagne con decorazioni floreali disegnate dal fashion designer Akira Isogawa, dal titolo “Bird Garden” e il risultato è decisamente affascinante!

Packaging design ispirati alla primavera - Acqua Minerale

Mount Franklin Lightly Sparkling, acqua minerale in edizione limitata “Bird Garden” disegnata da Akira Isogawa

E anche lo Champagne ci fa pensare alla primavera, con le sue bollicine che richiamano alla mente il fermento della natura che sboccia. Il concept per Estivale Champagne è della designer svedese Hanna Jansson. Questa confezione apparentemente normale si apre sbocciando come un fiore in primavera e rivela fra i suoi quattro petali quattro bottiglie mignon di Champagne. Al suo interno ha un cuore colorato, arricchito da foto e consigli di degustazione.
La designer ha risolto brillantemente il problema di trasportare le bottiglie con una confezione pratica ma elegante, perfetta anche per una scampagnata o un picnic fra amici, perchè… è sempre l’occasione giusta per brindare a Champagne!

LEGGI ANCHE: 10 Bellissime bottiglie per la vostra sete di Design

Packaging ispirato alla primavera - Champagne

Packaging dai colori pastello ispirato alla primavera – Estivale Champagne

Candele profumante per l’ambiente

Anche la nostra casa può rinfrescarsi in occasione della primavera, magari con qualche candela profumata per l’ambiente. Queste appaiono così fresche e colorate con i loro colori pastello che ci aspetteremmo subito di sentire i tipici aromi floreali… e invece NO!
La creatività stavolta non è solo nel design del packaging ma anche nell’idea che ha ispirato questa collezione: Daily Affection infatti è una serie di candele ai profumi strani ma attraenti che incontriamo tutti i giorni. Il designer Albert Junghwan Son ha pensato a: Strada Bagnata, Giocattolo di Plastica, Nastro Adesivo e Formaggio Puzzolente (quest’ultimo forse avrà meno successo). Insomma, tutti quegli odori che ci attraggono anche se non sappiamo perchè! Di sicuro Erba Tagliata è quella più adatta alla primavera!

17 Giugno 2016 / / Design

packaging creativo prodotti alimentari

A volte l’idea più ovvia è anche la più efficace: in questi packaging creativi la forma è ispirata alle origini del prodotto per trasmettere naturalezza e semplicità

Con un’incredibile offerta commerciale a disposizione, ormai i consumatori faticano a districarsi fra le decine di prodotti presenti sugli scaffali dei supermercati. Per un prodotto che vuole avere successo, è fondamentale quindi distinguersi dalla massa.
Ma cosa rende una confezione unica e originale? A volte l’idea più ovvia è anche la più efficace.
Ispirandosi alle origini del prodotto per rileggere in chiave creativa il processo produttivo, è possibile comunicare la naturalezza del prodotto. La forma ricorda l’origine, ecco il filo condutore di questi packaging creativi.

packaging creativi per alimenti

Exagon Honey di Maksim Arbuzov

Le forme organiche comunicano istantaneamente il senso di naturalezza del prodotto. E il miele, prodotto dalle api e immagazzinato nel favo con le sue cellette esagonali così precise, è un alimento che non ammette sofisticazioni di alcun genere. La trasparenza del vetro simboleggia la sua purezza mentre la forma esagonale, con delle apposite scanalature che la rendono impilabile, ricrea in modo fantastico la tipica struttura del favo.
Talmente bello che quasi ci aspettiamo di vedere arrivare qualche apina svolazzante…

packaging creativi succo d'arancia

Juice Juice di Preston Grubbs

Le confezioni dei succhi di frutta, pur essendo destinate ai bambini, sono tipicamente dei parallelepipedi di tetrapack piuttosto noiosi. Il designer americano Preston Grubbs ha cercato di renderle più divertenti creando una confezione multipla con la forma di un’arancia, composta da tanti spicchi singoli. Un esempio di packaging originale e creativo pur nella sua estrema semplicità.

packaging creativi olio oliva

Gino’s Garden Organic Olive Oil di Marios Karystios

Gino’s Garden è un olio d’oliva pregiatissimo prodotto con una spremitura a freddo in edizione ultra limitata. Per riflettere l’approccio organico della produzione, il designer Marios Karystios ha pensato a una bottiglia appositamente progettata per riflettere l’unicità del prodotto. Più che un packaging, una piccola opera d’arte. Una giara in terracotta a forma di oliva prodotta artigianalmente in due versioni, con finitura nera lucida oppure verde opaca. Non una semplice confezione ma anche un oggetto da mostrare e da portare a tavola.

packaging creativi gomitoli di lana

News Of The Wooled di Gwyn M. Lewis

Creando delle semplici sagome in cartoncino nero, la designer californiana Gwyn Lewis, appassionata di knitting, ha regalato al gomitolo di lana l’aspetto di una pecora. Un modo sicuro per attirare l’attenzione e interessare sempre più persone al lavoro a maglia. Questo particolare packaging protegge il gomitolo ed evita che possa sporcarsi ma soprattutto può essere utilizzato efficacemente anche per scopi espositivi.

packaging creativi bottiglia latte

Milk di Nosh Studio

La bottiglia Milk di Nosh Studio è progettata per dare un’immagine unica e personale del brand, comunicando l’idea di naturalità e freschezza del prodotto. Il vetro incarna il senso di purezza e freschezza. La forma curva che si allarga leggermente verso il basso dà la sensazione del volume e della pienezza del gusto del latte. La grafica semplice, immediata e divertente fa venir voglia di bere subito un buon bicchiere di latte!

packaging creativi di isabela rodrigues

Kräftig di Isabela Rodrigues

E infine le bottiglie di succo di frutta Kräftig create da Sweety Branding Studio della designer brasiliana Isabela Rodrigues. Packaging creativi dalle forme morbide, arrotondate e soprattutto coloratissime. Puntando tutto su forme e colori queste confezioni ricordano dei frutti giganti succosi e perfetti, un richiamo irresistibile per chiunque!

14 Marzo 2016 / / Design

packaging sostenibile

Il packaging sostenibile è il modo migliore per dimostrare la sensibilità ambientale di un brand, con l’obiettivo di arrivare a zero scarti e aiutare il nostro pianeta

Siamo tanti, troppi, sul nostro piccolo pianeta e le risorse naturali non sono infinite. E’ nostro interesse quindi favorire la sostenibilità ambientale ovvero usare le risorse naturali in modo ottimale favorendo l’uso di energie rinnovabili con l’obiettivo di arrivare a zero scarti, anche grazie a un packaging sostenibile!

La sostenibilità infatti si può ottenere in tanti modi diversi: non solo utilizzando materiali riciclati e riciclabili ma anche creando imballaggi più leggeri, ottimizzando peso e volume del packaging per ridurre la quantità dei materiali impiegati e, di conseguenza, massimizzando le quantità di prodotto trasportate per singolo viaggio.
Ormai questa è una strada obbligata che sarà sempre più battuta: basti pensare che secondo una ricerca commissionata nel 2015 da Tetrapack circa il 70% dei consumatori è disposto a spendere di più per un prodotto eco-friendly. E non solo per il prodotto in sé ma anche per un packaging sostenibile: dai prodotti alimentari, a quelli legati alla salute e bellezza, fino all’abbigliamento o gli oggetti per la casa, una confezione amica dell’ambiente contribuisce a migliorare la percezione del prodotto e a renderlo più attraente per il consumatore attento.
Ecco quindi alcuni esempi interessanti in cui il packaging ha quasi più appeal del contenuto!

Il packaging idrosolubile che si scioglie con l’acqua

DISSOLVE è un imballaggio per lo spazzolino da denti progettato dal designer canadese Simon Laliberté.
L’involucro è realizzato in PVA un composto polivinilico non tossico e biodegradabile al 100% mescolato a pasta di cellulosa, piegato e termosaldato e stampato con inchiostro nero di soia. Tutto ciò per raggiungere l’obiettivo zero scarti. Dissolve infatti è solubile in acqua in appena 10 secondi e si scioglie completamente senza lasciare tracce!

dissolve-toothbrush-packaging

THE DISAPPEARING PACKAGE è il progetto che lo studente di design Aaron Mickelson ha ideato per la sua tesi di laurea. Con l’obiettivo di ridurre al minimo la produzione di rifiuti, ha studiato ben 5 tipologie di prodotti diversi cercando di ideare dei packaging alternativi e sostenibili. Fra questi la scatola della saponetta che si scioglie sotto l’acqua della doccia. Anche in questo caso il materiale usato è totalmente naturale e non tossico, può essere lavorato sagomato e stampato e costituisce l’imballaggio perfetto per il prodotto finchè non è posto sotto l’acqua e si dissolve completamente. Problema rifiuti risolto!

disappearing-package

Il packaging riutilizzabile e multifunzione

HANGERPACK è un imballaggio da spedizione che si trasforma in stampella, cambiando funzione per ridurre gli sprechi. Quando era ancora studente, il designer newyorkese Steve Halsip ha avuto l’idea  come soluzione a un suo problema pratico: stanco di ricevere per posta t-shirt sgualcite e di avere sempre meno stampelle a disposizione nel suo armadio, ha inventato questo packaging riutilizzabile, che cambia funzione e non genera rifiuti.
Hangerpack non è in produzione ma ha vinto il D&AD Student Award in 2007.

hangerpak

LUNCHBOX è una confezione per sandwich progettata da Emma Smart, una designer inglese che l’ha appositamente studiata per la catena di supermercati inglese ASDA. Declinata in tre diverse versioni, Healthy, Satisfying e Children, una volta aperta si trasforma in un colorato supporto per i panini, con divertenti illustrazioni che rappresentano una tavola apparecchiata. Lunchbox è un modo simpatico per riutilizzare la confezione anche dopo aperta, sfruttando al massimo il packaging e regalandogli una nuova vita.

sandwich-plate-packaging

sandwich-eco-friendly-packaging

Il packaging organico 100% riciclabile

HAPPY EGG è un packaging sostenibile che si ispira alla naturalità delle uova e al nido delle galline. Un packaging per uova realizzato in paglia pressata ideato da Maja Szczypek con l’obiettivo di minimizzare e semplificare l’impiego dei materiali naturali. Questo packaging sostenibile utilizza solo materiali naturali ed è totalmente biodegradabile oltre a ricordare al tatto, alla vista e anche all’olfatto, le origini del prodotto!

packaging sostenibile happy eggs

NATURALLY CLICQUOT 3 è l’evoluzione di due precedenti versioni di packaging sostenibile per il famoso champagne. Nemmeno la prestigiosa maison francese Veuve Clicquot è indifferente alla sostenibilità dei propri prodotti di alta gamma e, mentre Naturally Clicquot 1 e 2 erano packaging isotermici biodegradabili a base di amido di patate e carta, Naturally Clicquot 3, realizzato in collaborazione con Favini e DS Smith, è un packaging organico  fatto di un materiale derivato dagli scarti di lavorazione dell’uva. Oltre all’impiego di questa carta ecologica, sono state utilizzate vernici prive di solventi per la grafica e un composto a base di canna da zucchero per incollare l’etichetta.

packaging-biodegradabile-veuve-clicquot

Il packaging commestibile… a zero scarti

Nuovi materiali vengono costantemente studiati per poter ridurre al minimo gli scarti dei prodotti alimentari. E quale miglior soluzione se non quella di creare un packaging commestibile?

SCOFF-EE CUP è una tazzina da caffè commestibile pensata dal team del Robin Collective (un collettivo di designer, chef e artisti) per la catena KFC. Scoff-ee Cup è fatta di biscotto avvolto in un rivestimento di zucchero e uno strato di cioccolato bianco resistente al calore. Man mano che il cioccolato si scioglie il biscotto si ammorbidisce sciogliendosi in bocca ma non in mano. Le tazzine sono anche aromatizzate con diverse essenze (olio di cocco, erba e fiori) per emanare col calore profumi positivi e confortevoli associati al caldo, al sole e all’estate.
Sembra fantastica e di sicuro qui non si butta via niente! Voi che ne dite, vi piace?

edible-coffee-cup

LOLIWARE EDIBLE CUPS nati da un’idea delle designer Chelsea Briganti e Leigh Ann Tucker sono bicchieri commestibili fatti di un materiale a base di alga agar-agar ed essenze naturali a base di frutta.
Sono disponibili in diversi gusti: Yuzu Citrus, Tart Cherry, Matcha Green Tea, Vanilla Bean o naturale senza aromi e possono contenere acqua o altri liquidi a temperatura ambiente o freddi ma anche gelati o dessert.
Una volta finito il drink, Loliware si può sgranocchiare o compostare nell’umido essendo naturale al 100% e totalmente biodegradabile.
loliware-edible-cups

19 Dicembre 2013 / / Dettagli Home Decor

dettagli home decor
E’ arrivato il momento di pensare ai pacchetti di Natale!

Se volete sorprendere amici e parenti con un packaging originale, le soluzioni sono davvero infinite dalle carte regalo in tema natalizio, alla carta da pacco naturale, sacchetti in tessuto, di carta e molto altro. Per chi dispone di poco tempo le carte regalo a tema sono la soluzione ideale, in commercio si trovano proposte davvero deliziose alle quali si possono abbinare particolari nastri, magari in tessuto e, una volta realizzato i pacchetto, è possibile aggiungere una decorazione natalizia donando così un tocco personale alla confezione. Se invece preferite optare per soluzioni rigorosamente “fai da te” ci si può sbizzarrire con diversi materiali, colori e ornamenti .

Se siete a caccia di nuovi spunti lasciatevi ispirare dalla nostra selezione

dettagli home decor

dettagli home decor
dettagli home decor
immagini via Pinterest

dettagli