18 Aprile 2017 / / Design


Foto di Arianna Battistessa 
realizzate nello Spazio di Rossana Orlandi e nella Casa degli Atellani

18 Aprile 2017 / / Design

Nuovi spazi espositivi ricavati negli ex-magazzini della Stazione Centrale, perfetti per luci e 
allestimenti spettacolari. 


giostra “Time machine” di Lee Broom 


sedie e megafoni giganti di Maarten Baas – lampade e installazioni luminose di Luca Nichetto e Ben Gorham per Salviati

Kitchen boat, bar per una sosta ristoratrice

Foto di Marzia Malli e Arianna Battistessa

18 Aprile 2017 / / Design

Festival dei Food truck in via Ventura.

Foto di Marzia Malli e Arianna Battistessa

14 Aprile 2017 / / +deco

Sono tornata da Milano dove ho speso alcuni giorni al Salone del Mobile, alla ricerca di novità ed idee originali.

Non voglio mostrarvi però immagini di mode di cui siete già al corrente, come metalli color oro e rame o la mania delle piante, mi piacerebbe proporvi alcuni idee che probabilmente non avete ancora considerato.

Ho camminato in lungo ed in largo alla ricerca di qualcosa di nuovo o non visto in blog e riviste, non un compito facile; qui sotto una selezione di idee che stimoleranno la vostra creatività.

  • MURI RETRO-ILLUMINATI

I pannelli fotografici illuminati da dietro rappresentano una sorta di finestra su un panorama o una vista fantastica.

Danno profondità alla stanza e creano un orizzonte aperto, dando nuova vita alla parete.

Per ottenere un simile risultato hai bisogno di un immagine in alta definizione (ti consiglio di scegliere una vista, niente di personale come una foto di famiglia) e una compagnia professionale specializzata nel fare questa sorta di cose. L’illuminazione led che si trova dietro è montata sapientemente, non è una cosa che si può improvvisare.

Questo look è perfetto anche per alberghi e uffici.

  • FINTISSIMI CACTAI

Le piante sono l’accessorio dell’anno. Ne vedi ovunque, vere o disegnate su tessuti e carte da parate.

Ho visto delle decorazioni di plastica a forma di cactus e  mi sono piaciute moltissimo. La versione pop delle piante, forse non molto ecologiche ma sicuramente che durano per sempre, sia all’interno che in angoli bui.

 

  • ARREDI CON SPEAKERS

Perché non incorporare gli speaker ai mobili?

Le due consolle di  Miniforms strizzano gli occhi al passato con un grosso altoparlante che mi ricorda un grammofono ma con colori e finiture contemporanee.

Qui sotto, una mia foto mentre poso (è ovvio, vero?) su una poltrona rossa con incorporati gli altoparlanti per un’esperienza intima, rilassante e dolby surround.

  • INSERZIONI DI PELLE

Abbiamo già detto che i materiali naturali sono tornati di moda e la pelle marrone è una di quelle, molto presente nella moda e negli interni in questo periodo.

Per un look diverso prendi ispirazione dalle inserzioni di pelle viste al Salone (vedi foto sottostanti).

 

Un cuscino, un bordo di una coperta o l’imbottitura di una sedia darà ai tuoi arredi un aspetto lussuoso senza scadere nel look “La Mia Africa”.

  • POLTRONE E DIVANI ROTONDI 

Più di una volta quando ero in giro per il Salone del Mobile, mi è venuto in mente il regista Stanley Kubrick. Gli anni settanta sono tornati con il loro colori, le loro atmosfere e le loro forme.

Poltrone e sofa hanno perso le loro spigolasti e gli angoli sono diventati curvi. Poltrone e divani stondati sono particolarmente adatti quando non vicini al muro o quando nel mezzo della stanza, al posto di blocchi di arredamento.

 

  • COLORE TOTALE 

Usare un colore o al massimo due per tutto nella stanza è il nuovo chic. Se il colore è luminoso o inusuale come in una foto sotto, ancora meglio.

Non è facile trovare luci dello stesso colore del resto degli arredi ma se riesci il risultato sarà da urlo. Alcuni dettagli luminosi come maniglie dorate faranno in modo che non sembri che un secchio gigante di vernice sia caduto sulla stanza.

  • ARMADI STRANI

Pensare fuori dagli schemi è un buon modo per creare oggetti originali.

Sembra quasi che i designer di questi armadi li abbiano fatti a pezzi e poi riassemblati dopo qualche bicchiere di vino ma il risultato è nuovo. Sono riusciti a creare pezzi di arredamento che danno personalità ad una stanza, particolari e ben fatti.

 

The post Originale ispirazione dal Salone del Mobile appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

14 Aprile 2017 / / Design

Insieme al Salone Internazionale del Mobile e il SaloneSatellite si è sviluppato anche il Salone Internazionale del Complemento d’Arredo in cui trovare le idee più trendy e le soluzioni belle per arredare la nostra casa.

Durante questa straordinaria kermesse espositiva dell’abitare, sono stati presentati numerosi prodotti di design per l’intero sistema dell’arredamento, pensati e progettati fin nei dettagli per essere a pieno titolo una parte fondamentale nella progettazione d’interni.

Gli accessori, nella moda come in casa, sono sempre più importanti nell’immagine complessiva che andremo a realizzare e spesso sono in grado di trasformare una stanza conferendole un nuovo look anche senza cambiare gli arredi.
I complementi di arredo stanno acquisendo un carattere sempre sempre più definito, con dettagli e forme che si distinguono per unicità e stile e che finiscono per rispecchiare l’animo di chi li sceglie.

Gli accessori servono a conferire personalità, a rendere più fresco e luminoso un ambiente e anche a rinnovare facilmente gli spazi secondo le stagioni.
Quello che è emerso, nel complesso, in questa 56° edizione del Salone del Mobile è che sembra non esserci più la tendenza a selezionare specifici toni di colore per una stagione o a seguire il trend di un singolo designer in quanto “personaggio” all’interno della manifestazione.

Salone del Mobile 2017, photo Rossana Caviglioli

Ora il meccanismo è piuttosto quello di mettere in luce solo il singolo prodotto (sia esso un arredo o un complemento) per quella che è la sua unicità e versatilità, in modo da adattarsi perfettamente alle esigenze di ogni cliente.
Anche il complemento d’arredo diventa quindi sartoriale e flessibile, per una sorta di personalizzazione del design.

Altrettanto importante è l’attuale concetto di eleganza: una caratteristica che viene sempre più spesso elaborata con uno stile che oscilla tra il minimalismo e la funzionalità, attento alla qualità (soprattutto) artigianale e dove possibile anche integrato con le nuove tecnologie.

Il lusso viene definito dai materiali pregiati e dai dettagli raffinati e preziosi, mentre non manca mai uno sguardo al passato. E il passato verso cui sempre più frequentemente si guarda è quello degli anni Cinquanta, reinterpretandone lo spirito, le forme e le tonalità.

Salone del Complemento d'arredo 2017

4 soluzioni per rendere unica la vostra casa

Tra decine e decine di proposte è davvero difficile scegliere le soluzioni migliori, ma queste mi hanno colpito per tanti motivi e spero che vi saranno di ispirazione e guida per arredare la vostra casa.

Flabello

Gli specchi bifronte da tavolo sono stati realizzati dallo studio Lanzavecchia + Wai per l’azienda Gallotti&Radice. Questi piccoli oggetti scultorei hanno la duplice funzione di specchio e divisorio, ma si ispirano ai ventagli e i flabelli (ventagli cerimoniali) egiziani ed etruschi.

I Flabelli sono progettati in tre diverse forme e dimensioni per essere utilizzati da entrambi i lati dello specchio – che è fatto in cristallo – ed esaltano la bellezza delle caratteristiche acidature artigianali. Le dimensioni e la piccola base in legno o in ottone ne facilitano lo spostamento e sono un raffinato elemento ad edizione limitata.

Flabello progettato dallo studio Lanzavecchia & Wai

Beosound

Sembra un’installazione artistica invece è la nuova creazione della nota azienda Bang&Olufsen presentata alla settimana del design di Milano, ma che se sarà in vendita dall’autunno, con possibilità di personalizzazione.

Progettato dal designer Øivind Alexander Slaatto, questo speaker modulare è una vera perla in termini di prestazioni. La sua forma esagonale è una scelta ispirata alla natura in cui l’esagono compare in elementi come gli alveari, i fiocchi di neve, i cristalli di quarzo, e altri.
La sua modularità lo rende espandibile secondo gusti e necessità, perché Beosound sarà personalizzabile nella grandezza, nella forma e nel colore. Ogni modulo svolge una funzione sia come altoparlante che come amplificatore o come ammortizzatore acustico e può essere messo insieme in combinazioni e dimensioni infinite, in base anche al genere di prestazione che vogliamo ottenere.

Beosound è infatti un dispositivo in grado di assorbire le onde sonore anche da spento e quindi di migliorare l’esperienza di ascolto della musica e, in generale, dell’acustica della stanza.

Beosound di Bang&Olufsen collezione 2017

Calliope

Una collezione di lampadari ispirati in parte alla calligrafia giapponese e in parte alle tradizionali lampade cinesi di cui mantengono l’impostazione con una nappa al di sotto dei globi di luce. Disegnata da Marcel Wonders per l’azienda britannica Wonderglass, questa soluzione presenta un tratto delicato con una combinazione di forme (e di elementi mobili come la nappa finale) e può essere installata singolarmente o in gruppi di lampadari secondo l’effetto desiderato.

Calliope è un lampadario creato con vetro di Murano soffiato artigianalmente per dare forma a delle serie di “bolle” che sembrano sollevarsi leggere come l’aria e luminose come solo il vetro sa essere.

L’antica cultura asiatica sposa la nobile tradizione veneziana della lavorazione del vetro e ne risulta un oggetto con una modularità che richiama più ad un senso di appartenenza che non ad una geometria. Nel complesso, quindi, il design risulta classico e contemporaneo allo stesso tempo, con un tocco innegabile di eleganza.

Lampadario Calliope di Wonderglass

Edge

Si tratta di una collezione che in realtà fu presentata già lo scorso anno per l’edizione 2016 del Salone del Mobile. A proporre la porta Edge – e a proporla ancora ampliata – è azienda Lualdi in collaborazione con Marco Piva. La caratteristica principale di questa porta è il suo design, in grado di creare volume in un corpo solitamente bidimensionale.
Questa stessa proprietà della porta viene applicata in questa edizione del Salone anche ai pannelli progettati per la boiserie, introdotta quest’anno nella collezione Edge. Piva interpreta la porta come un elemento flessibile ed innovativo, capace di espandersi alle superfici circostanti in funzione decorativa e di rivestimento.

L’effetto volumetrico ottenuto dal taglio del pannello, come fosse una cornice nella cornice, viene quindi trasmesso ora anche sulle boiserie e i rivestimenti modulari a parete, generando un delicato disegno a rilievi e geometrie che giocano con luci e ombre.

Lualdi, collezione Edge porte e boiserie

8 Aprile 2017 / / Design d' Ingegno

La settimana del Salone del Mobile sta per giungere al termine, ma quali sono le novità? Tantissime e come sempre ogni azienda propone innovazioni, design rinnovati e nuove proposte, ma come orientarsi? Abbiamo pensato allora di proporvi delle selezioni per settore, a partire dal mondo outdoor.

Gli spazi esterni sono un vero tesoro per l’abitazione, perché ci permettono di stare all’aperto senza rinunciare del tutto all’intimità domestica. Mi riferisco naturalmente a quegli ambienti con una metratura sufficiente per accogliere arredi ed elementi naturali, siano essi piccoli e grandi giardini, portici o ampie terrazze.

Quali sono le 5 soluzioni outdoor più interessanti?

Sono tanti gli stili e le idee presentate al Salone del Mobile 2017 e sicuramente tra queste soluzioni potrete trovare quelle che in grado di rispondere alle vostre necessità e i vostri gusti. Ogni collezione è fatta di tanti elementi e dettagli che la rendono unica e preziosa, ma possono anche essere una fonte di ispirazione per arredare gli spazi esterni di casa.
Ecco quindi alcuni esempi di arredo esterno che secondo me meritano la nostra attenzione per il loro design:

1. Outdoor pratico

L’azienda italiana Talenti ha presentato al Salone del Mobile due collezioni: la prima è la Soho Collection, realizzata dal designer internazionale Marco Acerbis, mentre la seconda è la Cottage Collection, creata da Ramon Esteve.

Soho è anzitutto una collezione che punta all’essenza delle linee senza rinunciare alla ricercatezza della texture e degli accostamenti tra materiali diversi. L’attenzione per i dettagli si nota subito e il design ha un carattere delicato ed equilibrato nei moduli decorativi e nella distribuzione dei materiali stessi.

L’aspetto che caratterizza questa collezione è sicuramente il “reticolo” nella parte degli schienali e dei braccioli: all’interno della struttura in alluminio verniciato si alternano con regolarità le corde verticali, unite tra loro con degli inserti orizzontali in legno. Questo gioco di materiali crea così una rete elegante e visivamente morbida che si ispira al mondo della nautica.

I cuscini si appoggiano dunque su dei materiali naturali, garantendo una seduta confortevole e sempre ben areata. Il design gioca sull’alternanza tra vuoti e pieni, tra la bidimensionalità della struttura ed il volume dei cuscini, generando un risultato che è comodo, pratico e resistente.

Talenti, collezione Soho

Cottage è invece una collezione che guarda al passato, con poltrone dalle ampie sedute e schienali alti, ispirate alle dimensioni di quelle in legno che si trovavano comunemente sotto il portico dei Ranch americani nel Far West.
Il design di questa collezione mantiene l’idea delle proporzioni generose, ma lo stile rustico dell’epoca è stato reinterpretato ricercando la sintesi formale del mobile contemporaneo.

Anche qui convivono materiali diversi, ognuno con una propria funzione, ma gli equilibri delle parti rendono questa poltrona confortevole e comoda: alluminio e fasce in plastica costituiscono la struttura, mentre la corda avvolge i braccioli minimal.

Schienale e seduta sono sempre forniti di cuscini e nel complesso il design è molto semplice e gradevole per adattarsi a qualunque tipo di esterno.

Talenti, collezione Cottage

2. Outdoor romantico

A volte basta un dettaglio per fare la differenza ed è proprio questo il principio della linea Clea, realizzata dal designer Matteo Nunziati per Coro. Questa poltrona per esterni ha una struttura leggera ed essenziale in acciaio inox ed alluminio verniciato, ma tutto il resto del design è fatto dai morbidi cuscini.

Le imbottiture sono in Dryfeel, che garantiscono la massima morbidezza e sicurezza in termini di umidità e muffe, mentre il rivestimento sfoderabile è costituito da una vasta gamma di tessuti da esterno nei colori e fantasie più attuali.
Tantissime combinazioni permettono un gioco di cromie che può rendere Clea adatta a qualunque gusto ed ambiente. La struttura di questa seduta è slanciata ed elegante, ma soprattutto vibrante di varie tonalità e avvolgente nelle forme.

Coro, collezione Clea

3. Outdoor caratteristico

La collezione Kilt, di Ethimo, punta ad essere raffinata ed originale allo stesso tempo. Essenziale nelle forme snelle e minimali, questa sedia per esterni è realizzata da Marcello Ziliani e racchiude nella sua semplicità importanti caratteristiche che la rendono speciale.

Il design di Kilt si ispira alla Scozia e – più precisamente – all’abbigliamento tipico delle Highlands. Questa collezione sembra svilupparsi come un’evoluzione più delicata di Knit (sempre di Ethimo), in cui già il tessuto-corda diventava struttura e decorazione al tempo stesso. È inoltre facilmente impilabile ed è resistente agli agenti atmosferici.

Questa sedia deve le sue forme alla famosa fascia di tessuto che si avvolge attorno alla vita dei fieri abitanti scozzesi (il kilt), eppure lo schienale si avvolge attorno alla seduta quasi allo stesso modo, se non fosse per il fatto che si trova ad esserne ben separato.
Questo design che omaggia la cultura scozzese vanta un forte carattere ed una ricchezza di intrecci che riescono a valorizzare qualunque spazio esterno in cui verrà collocato.

Ethimo, collezione Kilt

4. Outdoor tra passato e futuro

L’azienda Emu, partecipa invece al Salone del Mobile con due collezioni molto diverse: una che si ispira al passato e una che guarda al futuro.

Nef è la seduta progettata da Patrick Norguet, una seduta dalle forme ampie ed avvolgenti, con un intreccio di corde tese a creare un sottile reticolo intorno alla struttura di alluminio. Il risultato è una poltrona da esterni accogliente e confortevole.

Il design è leggero e geometrico, con un chiaro richiamo alle tradizionali poltroncine da giardino degli anni ‘70, realizzate in vimini e con il tipico schienale largo a “coda di pavone”.
Allo stesso modo, Nef ci trasmette le medesime sensazioni di protezione e confort, mentre il reticolo ci permette comunque di vedere e di sentire ciò che accade intorno.

Per questa collezione sono stati utilizzati materiali vari e gli elementi che la compongono hanno diverse dimensioni e proporzioni (il gruppo dining, lounge e gli schienali a diverse altezze).

Emu-collezione-Nef

Cool-là è invece opera dello studio Chiaramonte-Marin e con questo simpatico gioco di parole ci da subito l’idea del tipo di seduta che ci aspetta. Qui mancano gli elementi naturali e la seduta è nel complesso una struttura dal design estremamente moderno ed armonioso.

Nonostante le apparenze, non è un vero e proprio dondolo, perché non ne ha la stessa ampiezza di movimento, ma non è nemmeno un semplice divano poiché si muove seppure poco. È un moderno ibrido che ci accoglie come un rifugio (proteggendoci dal sole diretto) e ci coccola come una culla.

La sua struttura è in acciaio, con il sedile in lamiera stirata – creando una rete sottile, ma estremamente resistente alle forze e alle intemperie – ed una copertura in poliestere. I cuscini sono naturalmente una vostra aggiunta in totale libertà e secondo i gusti.

Emu, collezione Cool-là

5. Outdoor moderno

La collezione Blau dello Studio Gandiablasco è realizzata interamente in alluminio, con un design lineare, fluido e leggero. Creata dal designer Fran Silvestre, questa collezione si propone di sviluppare la tradizione dell’arredamento per esterni legandosi all’architettura e al modo di abitare tipici del Mediterraneo, con una forte attenzione alla luce e alla continuità fra interno ed esterno.

La struttura è realizzata con un sistema di assemblaggio di profili estrusi in alluminio ed è fatta utilizzando una soluzione per il raccordo che congiunge e nasconde i perni che fissano i profili.
Blau comprende una serie di oggetti diversi dal design raffinato: poltrone, divani, sedie, sdraio, sgabelli, poggiapiedi, tavoli e una lampada a forma d’albero. Tutti insieme costituiscono un set completo di arredi per esterno la cui struttura portante è concepita da pezzi ortogonali, mentre i sedili hanno una geometria più curva, che ricorda le sedie in tela da esterni.

L’uso della lamiera perforata consente alla luce di attraversare gli arredi, ma non permette all’acqua di depositarsi sulla superficie orizzontale. Il loro aspetto, inoltre, cambia in base all’angolo da cui si guardano e il loro stile è versatile e facilmente integrabile in qualsiasi ambiente.

Gandiablasco, collezione Blau

4 Aprile 2017 / / Design

Schermata 2017-04-04 a 12.18.01

Da oggi, 4 Aprile, fino a Domenica 9 sarà possibile visitare il Salone del Mobile di Milano, al Rho Fiera Milano, arrivato alla sua 56esima edizione. Si tratta di un grande evento del settore arredo, sono presenti oltre 2000 espositori. Gli eventi collaterali sono tantissimi e tutti come tema hanno proprio l’abitare in tutte le sue sfacettature e stili, da quello classito al più attuale.

L’apertura agli operatori del settore sarà tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30, il pubblico potrà entrare sabato e domenica negli stessi orari.

Da vedere Euroluce, la biennale dedicata al settore illuminazione, Il SaloneSatellite che celebra i nuovi talenti, Workplace3.0, lo spazio dedicato all’ufficio.

Si tratta di un appuntamento must del settore, dove è possibile trovare le ultime novità e innovazioni del design riaffermando il ruolo di capitale del design di Milano.

Ecco una selezione di alcuni prodotti che saranno i protagonisti di questa edizione del Salone del Mobile.

Da Euroluce


Lampadario Tato Flower Power- VG – VGnewtrend

Schermata 2017-04-04 a 11.58.51

Lampada da tavolo Aella di Leucos, design Toso & Massari

Schermata 2017-04-04 a 12.01.14

Lampada da parete Kool di Ideal Lux . Applique realizzata in vero cemento, posizionato su una struttura metallica interna.

Dal Salone del Mobile

Schermata 2017-04-04 a 12.05.25

Poltroncina Chignon di Luca Pevere per Gebrüder Thonet Vienna GmbH (GTV)

Schermata 2017-04-04 a 12.07.35

Madia Dama di Citco

Schermata 2017-04-04 a 12.09.06

Poltroncina Carmen di Very Wood disegnata in collaborazione con l’architetto Matteo Thun

Schermata 2017-04-04 a 12.10.43

Mensola Nubila di B-line

Schermata 2017-04-04 a 12.11.38

Tavolino Ninfea di Daa Italia

Schermata 2017-04-04 a 12.12.57

Divano Lovely Day di Désirée del Gruppo Euromobil

fonti:

http://www.cosedicasa.com

http://www.repubblica.it

http://www.platform-ad.com/it/salone-del-mobile-2017-milano-capitale-del-design-dal-4-al-9-aprile/

3 Aprile 2017 / / Design

Cominciamo la settimana carichi: inizia la Milano Design Week e bisogna programmare bene gli eventi. Oggi vi porto in zona Sant’Ambrogio.

English version >>http://bit.ly/2oNYOAE

………

Anche quest’anno ci siamo, la Milano Design Week sta per cominciare. È vero, quest’anno è un po’ in anticipo rispetto al solito, ma diciamo che Pasqua ha avuto la meglio.

Io però un mesetto fa vi avevo avvertito e avevo cominciato a raccontarvi qualcosa di questo Salone (e Fuorisalone) del Mobile 2017: va bè, se ve lo siete persi potete andare a questo link.

Diciamo che questo post era solo un assaggio, concentrato principalmente sulla Fiera. Se però come me non siete amanti del Salone (però non ditelo a nessuno), ma preferite girare a zonzo per Milano, i post di questa settimana sono per voi.

Ho scelto alcuni appuntamenti a cui spero proprio di andare, interessanti per gli spunti di riflessione proposti e per i pezzi in esposizione. Ma anche perché in questi luoghi si mangerà e berrà come si deve 🙂

Perché siamo sinceri: la settimana del Design è anche un’occasione per divertirsi e godersi la nostra amata Milano.


Il design è uno stato a sé. E Milano è la sua capitale. @iSaloniofficial
Condividi il Tweet


SI COMINCIA: 2 APPUNTAMENTI DA NON PERDERE IN ZONA SANT’AMBROGIO

Vi dirò la verità: tanti impazziscono per zona Tortona (che mi piace e di cui vi parlerò nei prossimi giorni), però il posto d’onore nel mio cuore ce l’ha zona Sant’Ambrogio.

Innanzitutto per tutti gli edifici storici meravigliosi che potrete vedere anche solo passeggiando per le strade del quartiere. Monumenti che testimoniano una Milano Romanica forse poco conosciuta.

Proprio in uno di questi splendidi luoghi c’è il quartier generale della zona: la corte dell’ex-convento di S. Vittore, numero 49.

Proprio qui avrà luogo per tutta la settimana DOUTDESIGN, giunto ormai al suo 5° anno. I protagonisti sono i designer under 35 e le startup innovative del settore.

Un occhio di riguardo come sempre a sostenibilità sociale ed ambientale: il ciclo di vita dei materiali e dei prodotti, l’impatto ambientale della produzione sono temi cari agli organizzatori.

I giovani designers sono i prescelti in quanto maggiormente in confidenza con le nuove tecnologie: una confidenza che si traduce in sperimentazione e immaginazione di un futuro sempre più iper-connesso e accessibile.

zona Sant'Ambrogio

http://zonasantambrogio.com | Caotè – food truck

zona Sant'Ambrogio

http://zonasantambrogio.com | DOUTDESign

Continuiamo con INHABITS – Milano Design Village, prima edizione di un’esposizione dedicata al design e all’architettura, che si svolgerà per tutta la settimana in Piazza del Cannone, in Parco Sempione.

I protagonisti dell’allestimento sono 5 moduli abitativi o Living Units (italiani e internazionali) realmente utilizzabili, smontabili e trasportabili; spazi urbani itineranti, progetti dedicati alla sostenibilità urbana e all’energia rinnovabile.

Il filo conduttore sono le abitudini che cambiano, così come l’attualità socio-politica; cambiamenti che richiedono una riflessione attenta sul modo di vivere e sulla percezione dello spazio pubblico cittadino.

INHABITS sarà un punto di incontro tra progettisti e istituzioni, per scoprire soluzioni e tecnologie che cambieranno i nostri modi di vivere.

zona Sant'Ambrogio

http://zonasantambrogio.com | INHABITS

VOGLIAMO PER CASO NON PARLARE DELLA TRIENNALE?

Immancabile l’esposizione annuale della Triennale di Milano, che ha aperto i battenti il primo aprile. Quest’anno la mostra è dedicata ai bambini e all’infanzia e conseguentemente al mondo del design e dell’architettura che hanno lavorato per loro.

Si comincia con un ouverture a cura di Stefano Giovannoni, che è anche Direttore Artistico della mostra; ouverture dedicata al design ludico con una forte anima figurativa e pop. Si continua con suggestioni visive e percettive che guidano i visitatori nelle sezioni tematiche della mostra: arredi, giochi, architetture, animazioni e strumenti.

Ogni sezione è intervallata da un approfondimento su un professionista della storia del design e dell’educazione: Bruno Munari e Riccardo Dalisi, per citarne alcuni.

1 APRILE 2017 – 18 FEBBRAIO 2018 

TRIENNALE DESIGN MUSEUM

zona Sant'Ambrogio

www.triennale.org | © Gianluca Di Ioia – La Triennale

L’articolo Milano Design Week: gli appuntamenti da non perdere in zona Sant’Ambrogio e in Triennale sembra essere il primo su VHD.

3 Aprile 2017 / / Design

©SalonedelMobile
Buon inizio settimana cari amici! Per gli amanti del design e per i professionisti del settore quella che inizia oggi non è una settimana qualsiasi: la Milano Design Week apre ufficialmente i battenti domani, martedì 4 aprile, per chiudere domenica 9 aprile.
Attorno al fulcro tradizionale del Salone del Mobile a Rho si sviluppa il Fuorisalone, una girandola di eventi, mostre, cocktail, feste, incontri che coinvolge tutta la città in una festa unica al mondo.
Visto che molti eventi prevedono una pre-iscrizione, vi consiglio di visitare uno per uno i siti dei distretti, per non avere sgradite sorprese.
Come promesso nel mio precedente articolo, ecco una veloce panoramica sui distretti del design:
BRERA DESIGN DISTRICT
Il tema di Brera Design District 2017 è una citazione di Bruno Munari: “progettare è un gioco, giocare un progetto”.  Tappa “obbligata” del tour, piacevole isola di palazzi vecchia Milano circondata ormai da grattacieli in vetro e acciaio, un po’ boho chic, è un fazzoletto di pochi isolati ad alta densità artistica.
Si comincia con la visita alla Pinacoteca, all’Accademia di Belle ARti e alla bellissima chiesa sconsacrata di San Carpoforo, per l’evento White in The City, con installazioni ed esposizioni sul tema del bianco proposte da architetti e designer di fama internazionale. Da non perdere!
La notte bianca del quartiere, la Brera Design Night si svolgerà venerdì 7 aprile con l’apertura prolungata degli showroom e una serie di eventi speciali che animeranno il distretto.
Progetti speciali:
The Visit è un appartamento in via Palermo 1 allestito da Studiopepe per celebrare il rito della visita, proponendo un’esperienza che narra storie, stili, e ricerche in una certa atmosfera milanese. Visitabile solo su appuntamento. Per info: welcome@thevisit.it
Brera Design District diventa una cartolina grazie all’app gratuita Artwalks. Camminando per Brera durante il Fuorisalone sarà possibile creare cartoline personalizzate da inviare e condividere sui canali social.
Sito ufficiale: breradesigndistrict
brera design district
©BreraDesignDistrict
LE 5 VIE
E’ il cuore antico di Milano, tra i reperti della città romana, le chiese e i chiostri medievali, architettura moderna e nuovi spazi in via di recupero. Un dedalo di vie strette e contorte tra Via Santa Marta, Via Santa Maria Podone, Via Santa Maria Fulcorina, Via Bocchetto e Via del Bollo.
Oltre agli eventi in programma, godetevi lo spettacolo del trompe l’oeil dipinto dal Bramante nella centralissima chiesa di Santa Maria presso San Satiro, opera unica e imperdibile. 
Sito ufficiale: 5vie
TORTONA DESIGN WEEK
Il logo rappresenta il profilo di una fabbrica, e non potrebbe essere altrimenti per un quartiere fatto di vecchie manifatture in disuso, oggi ambiti gioielli di archeologia industriale recuperati e riconvertiti in laboratori artigiani, show room, case di moda e ristoranti chic. A un passo dal Naviglio grande, questo distretto è uno dei più importanti, con oltre 180 eventi previsti, e merita una giornata intera, con sosta serale nella movida dei Navigli.
Da non perdere, in via Tortona 27, il Superdesign Show di Superstudio, il luogo iconico del design a Milano, 17.000 mq di spazi espositivi tra industrial design, art-design, artigianato d’autore, tecnologia, automotive, oggettistica per la casa il lavoro i viaggi l’intrattenimento, tessile, decorazione, stampa 3D e tutto ciò che il design propone al passo con i tempi.
Sito ufficiale con lista degli eventi: Tortona Design Week Milano
©Superstudio
VENTURA LAMBRATE E VENTURA CENTRALE
Nato nel 2010 su iniziativa di Ventura Project, l’organizzazione che promuove eventi temporanei nella zona di Lambrate, alla periferia est di Milano, questo distretto si propone come hub sperimentale, fucina di talenti creativi. Per il 2017 il tema centrale sono le nuove tecnologie che cambieranno il futuro.
A Ventura Lambrate sarà protagonista anche la Svezia con parte del programma Swedish Design Moves. Tra le tante partecipazioni rilevante quella di Ikea che organizza un festival Ikea, con la presentazione di 6 nuove collezioni.
La novità di quest’anno è il nuovo progetto Ventura Centrale, che aprirà al pubblico per la prima volta i locali degli ex magazzini Raccordati, collocati sotto i binari della stazione Centrale, con un’esposizione che presenterà una selezione di design di altissimo livello.
Sito ufficiale:venturaprojects
©VenturaProject
PORTA VENEZIA IN DESIGN
Questo è il mio quartiere del cuore, quello in cui sono cresciuta e dove ho vissuto per tanti anni. Tra bellissimi palazzi in stile Liberty, l’elegante corso Venezia e le sue facciate neoclassiche, i giardini pubblici e quelli nascosti, un percorso che valorizza negozi e aziende di design e, in contemporanea, i locali e i ristoranti del circuito food&wine, con la creazione di menu speciali e mostre legate al food design.
Sito ufficiale: portaveneziaindesign
©DoveViaggi
SANTAMBROGIO DESIGN DISTRICT
Uno dei distretti più recenti, giunge alla quinta edizione. La zona è centrale, tra piazza Sant’Ambrogio, dove sorge la basilica intitolata al patrono di Milano, e il Parco Sempione. 
In particolare presenta:
INHABITS Design Village, la prima edizione dell’evento dedicato ai moduli abitativi, al Parco Sempione.
DOUTDESign, la collettiva di giovani designer under 35, in via San Vittore 49.
EAT URBAN Street Food Festival, nell’affascinante giardino del quarter generale di Zona Santambrogio Design District, in via San Vittore 49: una selezione del miglior street food su ruote tra apecars e automezzi vintage, posizionati tra alberi e vialetti, che propongono pietanze gourmet italiane e internazionali. Ogni giorno sarà possibile far colazione, brunch, pranzo, aperitvo e cena. Eat Urban sarà il luogo ideale dove mangiare durante la settimana del Fuorisalone di Milano. 
Sito ufficiale: zonasantambrogio
©Zonasantambrogio
Muovendovi verso il parco Sempione, prevedete poi una sosta alla Triennale, nel bellissimo palazzo ai bordi del parco, fulcro culturale della città dal 1923. Tra le esposizioni in programma, ho scelto la mostra di ceramiche coreane presentata dalla Korea Craft & Design Foundation.
©Korea Craft & Design Foundation
Oltre a questi distretti storici, debuttano quest’anno l’Isola design district, sotto i nuovi grattacieli di Porta Nuova, Sarpi Bridge nel quartiere cinese con l’oriental Design Week e Design Cadorna.
LINK UTILI
Salone del Mobile Milano sito ufficiale
Gli espositori del Salone incontrano la città: appuntamenti dal salone alla città.

1 Aprile 2017 / / Design

Manca veramente poco all’inizio delSalone del Mobilee alFuori Salone… Due giorni per preparare gli ultimi dettagli e pianificare ilTOURdi ROOM by ROOM tra le vie di Milano.
Ecco una piccola anticipazione dei luoghiCULTche andremo a visitare dal4al9 aprilee che vi consigliamo:
CC-TAPIS|INVENTORY by FAYE TOOGOOD |Piazza Santo Stefano 10
BAXTER CINEMA| THE CUBE MAGAZINE | Largo Augusto 1
28 POSTI| DESIGNER IN CUCINA | Via Corsico 1
WHITE IN THE CITY| WHITE SOCIAL | Palazzo Cusani, Via Brera
ARCHIPRODUCTS|THE DESIGN EXPERIENCE | Via Tortona 31
DEESUP| ENTRA NEL SALOTTO DEESUP |Via Tortona 31
DIMORE STUDIO| CORRISPONDENZA by Dimore Studio | Via Solferino 11
Non dimentichiamoci di scoprire le mille novità che saranno in mostra anche in questi distretti:
BRERA DESIGN DISTRICT
DURINI DISTRICT
ZONA TORTONA
Seguiteci su tutti i nostri canali social per rimanere sempre aggiornati e al passo con tutte le nuove proposte dal mondo del design.
Salva