4 Ottobre 2019 / / Architettura

Grande scala a chiocciola elicoidale bianca

Le scale a chiocciola rappresentano un elemento architettonico tanto funzionale quanto estetico. Funzionale, perché svolgono un compito fondamentale all’interno di qualsiasi edificio: quello di unire piani, comparti e aree di una medesima costruzione. Estetico, perché la presenza di una scala a chiocciola ha la capacità di trasformare l’ambiente in cui si inserisce, diventando così un elemento caratterizzante che conferisce un surplus di pregio all’intero spazio. A chi ha la necessità di razionalizzare i proprio spazi e allo stesso tempo di rinnovare gli interni, la scala a chiocciola può essere la soluzione più adatta: per questo vi suggeriamo un breve vademecum che vi aiuterà nella scelta della scala a chiocciola che fa al caso vostro.

Personalizzazione

Prima regola: la scala a chiocciola deve piacervi! I gusti sono personali ed insindacabili, sacrosanti in casa propria. La scala è un elemento che, una volta installato, vi farà compagnia per lungo tempo. Pertanto la scelta stilistica è di primaria importanza e diventa espressione di sé. Oggi c’è la possibilità di farsi realizzare una scala per interni su misura, perfettamente in sintonia con le proprie preferenze di stile. Il nostro consiglio è quello di dare un occhio alle tendenze del momento senza farsi influenzare troppo: l’aspetto della vostra scala a chiocciola dipende da voi.

Geometrie

Parliamo di geometrie: la scala a chiocciola è fondamentale laddove ci siano spazi ridotti, ma non solo. Anche quando lo spazio a disposizione è vasto, una scala a chiocciola diventa un elemento importante, meglio se nella versione elicoidale. Le forme rotondeggianti di una scala a chiocciola vanno disegnate con cura per inserirsi in armonia nell’ambiente circostante, seguendo l’andamento delle pareti e della stanza, come una pietra che si incastona alla perfezione. Un piccolo consiglio? Per esaltare le forme sinuose della vostra scala a chiocciola, utilizzate dei punti luci sparsi lungo essa: l’effetto scenografico è assicurato.

Materiali

Quale materiale scegliere? Le scale a chiocciola oggigiorno possono essere realizzate in diversi materiali: il legno, l’acciaio, il cemento, il vetro, il ferro battuto sono i più comuni. Tutti questi materiali assicurano un’ottima solidità, plasticità e al contempo possono adattarsi facilmente a qualsiasi tipo di contesto. Sono materiali che, anche combinati tra di loro, possono produrre qualsiasi stile desiderato: il legno è adatto ad uno stile più tradizionale, il cemento si sposa bene con ambienti raffinati e moderni, mentre acciaio e vetro vengono utilizzati in ambienti contemporanei e all’avanguardia. Un suggerimento: scegliere materiali di pregio e abili costruttori è la strada per ottenere scale a chiocciola che diventano delle vere e proprie opere d’arte.

Colori

Il bianco è un colore eterno che non passa mai di moda, per questo ancora oggi è molto utilizzato nella realizzazione di scale a chiocciola. Non solo: apprezzatissimi sono anche i colori di materiali naturali, quali le varie tonalità calde del legno, oppure la brillantezza dell’acciaio e del vetro. Le possibili tonalità non si fermano qui: le scale infatti possono essere tinte in tutta la gamma colore, dando spazio a creatività e personalizzazione. Il nostro consiglio? Scegliete colori tenui se siete indecisi, osate invece quando siete sicuri della vostra scelta.

A chiocciola o elicoidali?

Chiudiamo facendo una distinzione: quella tra scale a chiocciola e scale elicoidali. A prima vista possono sembrare uguali, in realtà differiscono negli elementi costruttivi. Se la scala a chiocciola infatti si sviluppa in verticale, attorno alla struttura centrale che fa da guida, la scala elicoidale ha una forma elica e non prevedere il palo centrale, risultando spesso più grande e voluminosa. Pertanto, sarà più facile inserire una scala elicoidale in uno spazio grande, mentre per i piccoli spazi consigliamo di optare per una scala a chiocciola tradizionale.

La scelta della giusta scala a chiocciola passa attraverso varie fasi e, spesso, non è facile capire come realizzarla nel modo giusto: per questo è importante affidarsi ad esperti nel settore. Il nostro consiglio è quello di preferire una soluzione artigianale e su misura, di qualità: Rizzi Scale opera nel settore da oltre 70 anni. L’azienda vicentina realizza scale di pregio in tutta Italia, con massima attenzione alla qualità, alla cura dei dettagli e alla soddisfazione del cliente: la realizzazione di soluzioni personalizzate è il punto di forza di Rizzi, che sa consigliare la proposta più adatta alle esigenze, ai gusti dei committenti e al contesto in cui si inserisce.

www.rizziscale.it

1 Ottobre 2019 / / Architettura

Scegliere la scala da interni giusta può essere complicato. Le scale devono soddisfare numerosi requisiti tecnici, ma sono anche elementi di arredo che incidono sull’estetica.

Scale da interni
Crediti Monica Silva su Unsplash

Le scale sono elementi architettonici che hanno la funzione di collegare ambienti posti su livelli diversi. Scegliere la scala da interni giusta può essere complicato. Le scale devono infatti soddisfare diversi requisiti: devono essere comode, sicure e adatte allo spazio a disposizione. Inoltre, le scale da interni sono elementi d’arredo che incidono sulla resa estetica dell’ambiente. Vediamo come orientarsi tra le numerose tipologie di scale per interni.

Tipologie di scale per interni

  • Scala a rampa. È la tipologia classica ad andatura lineare, e può essere a rampa unica o multipla. Nel caso delle rampe multiple, interrotte da pianerottoli o piattafome, abbiamo le scale parallele, ad angolo o a U. Alcune scale a rampa possono essere miste, costituite da tratti lineari e tratti curvilinei. Infine, possono essere inserite in un vano scale o essere a giorno, cioè senza sottoscala.
Scale da interni
Photo by Pau Casals on Unsplash
  • Scale a chiocciola. Ideali per piccoli spazi, possono essere a pianta tonda o quadrata,  e la maggior parte dei modelli si regge su un pilastro centrale. Le scale a chiocciola possono arrivare fino ad un diametro massimo di 2 metri.
Scale da interni
Photo by chuttersnap on Unsplash
  • Scale elicoidali. Simili alle scale a chiocciola, si reggono su due strutture elicoidali, una esterna ed una interna. Questo fa sì che la scala elicoidale può arrivare fino a 3 metri di diametro.
Scale da interni elicoidali rizzi scale
Scala elicoidale. Crediti Rizzi Scale

Per scegliere la tipologia giusta bisogna valutare gli aspetti tecnici (vedi ultimo paragrafo) ed estetici. La progettazione infatti può variare a seconda dei materiali che compongono le scale. In ogni caso, una volta scelto il modello, dovrete affidarvi ad una ditta specializzata, che progetterà e costruirà la vostra scala su misura.

I materiali

Analizziamo ora i materiali più usati, fondamentali per determinare lo stile dell’ambiente, soprattutto se le scale sono a vista.

  • Metallo. Le strutture in metallo sono leggere e molto versatili. E’ il materiale adatto per costruire scale scenografiche dal forte impatto estetico. Possono essere in ferro, anche verniciato in vari colori, in acciaio o in ghisa, e rifinite con materiali a scelta come il legno per i gradini e il vetro temprato per il parapetto.
  • Legno. La struttura in legno è perfetta per le tradizionali scale a rampa. Il sottoscala può essere sfruttato come ripostiglio, mentre alcuni modelli sono realizzati con mobili di legno che fungono da struttura. Anche scale a chiocciola e elicoidali possono essere costruite con struttura in legno. La scelta del legname dipende dallo stile dell’ambiente e va dal rovere al faggio, dal noce al teack per un risultato ricercato, mentre l’abete e la betulla sono adatti a stili giovani o rustici.
  • Cemento. Molto di tendenza, sia come finitura delle scale in muratura, che come materiale principale. Dalle scale a chiocciola o elicoidali fino ai semplici gradini inseriti a sbalzo nei muri portanti, il cemento è un materiale solido e versatile, e si può accostare a qualsiasi materiale.
Scale da interni elicoidali rizzi scale
Scala in cemento. Crediti Rizzi Scale
  • Muratura. Le scale in muratura sono più facili da realizzare in fase di costruzione o di ristrutturazione. La struttura viene infatti agganciata a sbalzo alle pareti portanti. Le scale in muratura possono essere a giorno o con il sottoscala tamponato, e possono essere rifinite con qualsiasi materiale, dal legno alla pietra, dal marmo al cemento. 
  • Vetro. Le scale in vetro temprato sono eteree e raffinate come opere d’arte. Usate raramente, sono perfette per ambienti poco luminosi.

Gli aspetti tecnici

Per concludere, ecco qualche cenno agli aspetti tecnici che possono influenzare la scelta delle scale da interni.

I dati da cui partire sono le dimensioni delle stanze da collegare e il dislivello tra i piani.

Per determinare quanti gradini andranno a comporre la nostra scala, bisogna rispettare il rapporto tra alzata e pedata. Bisogna inoltre rispettare le norme strutturali, ergonomiche e di sicurezza nella progettazione delle scale.

Le leggi di riferimento sono la n°13/1989, il dm 14 giugno 1989 n° 236 e il dm 10 marzo 1998, e il Regolamento Edilizio del comune di residenza.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile e la guida Kitchen Trends 2020 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

Crediti foto copertina Monica Silva

9 Maggio 2019 / / Idee

Il montascale è uno strumento fondamentale per il superamento
delle barriere architettoniche
che consente di rendere più facile la vita
delle persone anziane o di chi è affetto da una forma di disabilità che rende
difficoltosi i movimenti anche più semplici di tutti i giorni.

Un montascale non deve essere considerato come un
elemento di impaccio
ed estraneo all’arredamento
di un’abitazione
; oggi il mercato propone differenti tipologie di modelli del tutto personalizzabili e che
hanno il grande pregio di essere poco
invadenti
con l’ambiente presso il quale vengono collocati.

Quello che è consigliabile
fare è esaminare i diversi modelli di montascale proposti dal mercato, tenendo
sempre ben presente che ognuno è pensato per una sua specifica esigenza; scegliere il modello di montascale più
adatto
vi consentirà di integrarlo alla perfezione all’interno del vostro
arredo di casa.

Grazie al contributo offerto
dalla ditta di installazione, assistenza e manutenzione Montascale2C, andiamo a conoscere quali
sono le principali categorie in cui
vanno a dividersi i montascale
(o servoscala), per cercare di comprendere
quali sono gli aspetti di cui tenere conto per ognuno di essi.

Montascale a poltroncina

Quando parliamo di questi
modelli consideriamo come utilizzatore principale delle persone di età avanzata le cui difficoltà motorie non consentono di
salire e scendere le scale con facilità
(nonostante non necessitino
comunque di sedie a rotelle per camminare normalmente), risultando più che
altro un impaccio.

Il montascale a poltroncina è ottimo sia per un uso domestico, sia per
essere installato all’interno di condomini o aree esterne della casa
, come
l’ingresso con giardino o su una rampa esterna.

Installare un montascale a
poltroncina non è un’operazione particolarmente complessa in termini di tempo
impiegato; la ditta che avrete scelto
collegherà il montascale alla rampa presente, adattandosi senza alcun problema
all’andamento della scala e garantendo fluidità di manovra
, sia che si
parli di una scala rettilinea, sia che si parli di una curvilinea o di una
scala a chiocciola.

La presenza della poltroncina non crea problematiche di ingombro reale
per chi non ha necessità di doverla utilizzare, in quanto questa può essere
tranquillamente ripiegata, lasciando tutto lo spazio necessario.

Un aspetto di cui tenere conto
è che i montascale di questa tipologia possono essere installati senza effettuare dei lavori di ristrutturazione
dell’impianto elettrico
; sono inoltre dotati di un telecomando per metterlo
in funzione e per fermarlo in qualunque momento lo si desideri. Funzionano,
inoltre con batterie esterne e ricaricabili, non sono vincolate al normale
funzionamento della rete elettrica, consentendo quindi all’intero sistema di
funzionare anche in caso di blackout o cali di tensione.

Montascale a pedana

Il primo aspetto da
considerare è per quale tipologia di utenti è pensato il montascale a pedana;
principalmente stiamo parlando di persone
solitamente costrette a muoversi in sedia a rotelle
anche per i piccoli
spostamenti quotidiani. Di conseguenza, non essendoci modo di potersi sedere
autonomamente su una poltroncina, si
sfrutterà interamente la pedana che avrà la larghezza giusta per poter
accogliere una carrozzina
, consentendo di salirci sopra e di azionarla con
apposito telecomando, spostandoci di conseguenza verso l’alto o verso il basso.

I montascale a pedana sono semplicissimi da utilizzare, proprio
perché non hanno dei percorsi lunghi da completare, grazie soprattutto alla
presenza di comandi intuitivi, azionabili in totale autonomia.

Considerando che la struttura
comprende principalmente una pedana, questa ha la possibilità anche di poterne
aumentare le dimensioni se si ha necessità di avere sempre con noi un
accompagnatore, che può avere così il suo spazio.

L’affidabilità e la sicurezza di questi modelli non è mai messa in
discussione, in quanto possono funzionare tranquillamente anche in caso di
ammanco della corrente, grazie alle batterie ricaricabili che possono
consentire comunque di completare autonomamente il percorso.

Come già detto anche per i
modelli a poltroncina, quelli a pedana non devono essere considerati come un
elemento di ingombro, grazie alla possibilità di poterla richiudere.

Esiste anche un terzo modello
che possiamo suggerire per chi è in cerca di un montascale, ma in questo caso non lo possiamo definire come un elemento
di arredo per casa
, in quanto non necessitano di applicazioni fisse a
parete (e quindi non vengono installati in alcuna stanza). Si tratta dei montascale a cingoli, che vedono
l’utilizzo di una carrozzella ad autospinta, unita all’ausilio manuale di un
accompagnatore.

Consigli per un montascale coerente con l’arredamento di casa

I montascale, come abbiamo
avuto modo di vedere, non hanno particolari problematiche ad inserirsi
nell’arredamento interno di casa, l’importante è prestare attenzione ad alcuni
piccoli accorgimenti. Per poter essere dei modelli realmente adatti per stare
tutti i giorni in un appartamento, date priorità
alla personalizzazione del colore e alle finiture
(pelle o altri materiali)
del montascale, per far si che non risulti come un corpo estraneo al resto
della stanza.

Facciamo ovviamente in modo
che il montascale non sia un elemento d’ingombro, per questo diamo la preferenza ai modelli che sono retraibili o
ripiegabili
per quelle volte in cui non è necessario utilizzarli.

Se non volete che la vostra
parete sia intaccata dalla struttura del montascale, potete optare per modelli che si possono fissare
direttamente a gradino e non a parete
; in questo modo avremo la possibilità
di lasciarla totalmente libera da fissaggi e le uniche cose che rimarranno
visibili saranno la guida metallica posta e fissata sul gradino, oltre alla
poltroncina necessaria per lo spostamento.

L’articolo Integrare un montascale per disabili ed anziani nel tuo arredamento di casa proviene da Architettura e design a Roma.

7 Maggio 2019 / / Blog Arredamento

Oggi sempre più persone hanno la necessità ad un certo punto di installare per sé stessi o per un membro della famiglia un montascale per anziani nella propria abitazione.

Il montascale esiste da molti decenni, tuttavia è solo in tempi recenti che esso ha visto un vero e proprio “boom” di installazioni nelle nostre case. La popolazione anziana è cresciuta molto numericamente negli ultimi anni, e anche la cultura si è evoluta: oggi l’anziano non solo arriva mediamente più in là con gli anni, ma c’è un’attenzione decisamente maggiore rispetto al passato rispetto a come viviamo in tutte le fasi della vita e la società è più sensibile ai temi che riguardano il benessere dell’anziano. La tecnologia poi ha fatto grandi progressi che, accompagnati dai progressi ingegneristici, hanno permesso a molte aziende di presentare sul mercato soluzioni sempre più innovative a costi sempre più accessibili. Se dunque solo dieci o vent’anni fa poteva sembrare una rarità vedere un montascale in un’abitazione, oggi pressoché tutti sanno cos’è un montascale e ne hanno sentito parlare, e molti hanno un montascale installato in casa.

Monstascale di design Style

Perché parlare di montascale in un blog che tratta di arredamento?

Il motivo è molto semplice: il montascale solitamente è un impianto che viene installato in un contesto architettonico preesistente, e si tratta quindi di un elemento nuovo che interagisce con l’ambiente e con l’arredamento, anche sotto il profilo estetico.

Quando si presenta la necessità di installare il montascale, tipicamente si chiama una ditta specializzata, dei professionisti addetti effettuano un sopralluogo e dei rilievi sul luogo dell’installazione, e laddove possibile si progetta e si installa l’impianto montascale.

L’installazione in sé e per sé di solito non è particolarmente complessa: solitamente è possibile installare un tipico montascale a poltrona per anziani in poche ore e lasciando la scala e l’ambiente puliti e in ordine.

Molte persone, in particolare coloro che tengono molto alla cura della casa e dell’arredamento, al momento di dover installare un montascale si preoccupano che questo nuovo elemento possa risultare ben inserito nell’ambiente ed esteticamente gradevole.

Un montascale bello e ben inserito nel contesto e nell’arredamento

Naturalmente la necessità di una persona anziana di poter tornare a muoversi in casa propria è ben più importante dell’estetica, ma oggi fortunatamente possiamo avere entrambe le cose.

La sempre maggior sensibilità del pubblico verso la qualità anche estetica e al design, ha spinto le aziende a competere fra di loro sempre più anche su questi aspetti, arricchendo molto il ventaglio di soluzioni sul mercato.

In Italia ad esempio, una delle più importanti aziende multimarca del settore con aziende installatrici affiliate su tutto il territorio nazionale, Centaurus Rete Italia, da tempo fra le varie possibilità del proprio catalogo distribuisce, al momento in cui scriviamo in esclusiva nazionale, un modello di montascale volutamente chiamato “Style”, con chiaro riferimento alla particolare ricerca del design. E non a caso questo particolare modello è accompagnato da diverse interessanti possibilità di personalizzazione, ad esempio nei colori della seduta e addirittura nei colori della guida (la guida è il binario installato lungo la scala su cui si muove il montascale).

Si tratta naturalmente solo di un esempio, ma è utile per capire la questione e, soprattutto, capire quali possono essere i piccoli accorgimenti da valutare bene insieme alla ditta installatrice per fare in modo che il montascale si armonizzi bene nell’ambiente e con l’arredamento.

Naturalmente quando i professionisti addetti effettuano il sopralluogo devono valutare molti aspetti, e ovviamente prima di tutto devono valutare fattori fondamentali come la fattibilità, l’idoneità ecc. ma siamo convinti che un buon installatore laddove possibile non debba trascurare di valutare come cosa complementare anche la buona riuscita “estetica” dell’impianto, consigliando e valutando insieme al cliente modelli, colori, personalizzazioni ecc.

Alcune persone hanno un arredamento moderno, altre un arredamento classico, altre ancora un arredamento country… le possibilità sono molte, ed è evidente che lo stesso identico montascale non potrà esteticamente risultare uguale in contesti così diversi.

Prima citavamo come esempio il montascale “Style” proposto da Centaurus Rete Italia, accennando al fatto che in base alle personalizzazioni può adattarsi bene in diversi ambienti. Questa stessa azienda ad esempio ha anche altre proposte altrettanto interessanti sotto il profilo dell’estetica e dell’integrazione nell’arredamento, fra cui addirittura un montascale con la seduta e i braccioli in legno di noce, oltreché configurabile con diversi colori di tessuto per l’imbottitura della seduta stessa.

Al di là comunque di aziende e modelli specifici, ciò che a noi interessa qui è delineare alcuni aspetti principali a cui prestare attenzione in fase di acquisto, consultandosi naturalmente con gli esperti dell’azienda scelta per l’installazione, che se sono abili professionisti e con esperienza sicuramente sapranno anche dare consigli validi su cosa può andar bene nel caso specifico (tenendo conto ovviamente che l’aspetto estetico è sempre subordinato all’aspetto funzionale, quindi dovranno sempre essere dei tecnici qualificati a indicare a cliente i modelli, opzioni e personalizzazioni possibili all’interno delle soluzioni adatte per il caso specifico):

  • tipologia di guida: esistono montascale con guida bitubo e montascale con guida monotubo; dal punto di vista estetico l’aspetto è abbastanza diverso, quindi può essere utile prestare attenzione a quale tipologia offre l’azienda installatrice.
  • design della seduta e del gruppo di trazione: attualmente esistono sul mercato molti modelli e a onor del vero occorre dire che l’attenzione per il design è oggi sempre maggiore.
  • possibilità di personalizzare i colori della seduta: questo è uno degli aspetti più importanti per l’estetica e l’arredamento, perché il colore della seduta è una delle cose che risalta maggiormente e una buona scelta aiuta molto ad armonizzare il tutto con l’ambiente circostante.
  • possibilità di personalizzare il colore della guida: anche questo è altrettanto importante, ed è una cosa a cui prestare attenzione, perché non tutti la offrono, mentre esteticamente può davvero fare la differenza.

Un ultimo consiglio, più generale, potrebbe essere quello di valutare di rivolgersi preferibilmente ad aziende che siano non solo serie e qualificate, ma anche multimarca: oggi infatti un grande problema nel settore dei montascale è che ancora molte aziende sono sostanzialmente monomarca, e quindi hanno solo pochissimi modelli da offrire al cliente se non addirittura uno solo, ed è quindi facile immaginare che possano voler “spingere” sui pregi di quel prodotto. Un’azienda multimarca invece ha solitamente un ampio catalogo che le consente di ricercare la migliore soluzione per il cliente all’interno di un range ampio di prodotti.

11 Dicembre 2018 / / Architettura

In questo articolo troverete alcune indicazioni e consigli su come illuminare scale e corridoi. Una delle difficoltà maggiori, quando si ristruttura e si arreda la casa, è proprio quello di illuminare nel giusto modo gli ambienti, le zone di passaggio sono quelle che creano più dubbi per la forma stretta e allungata e per la scarsa presenza di finestre e quindi di illuminazione naturale. Si tratta di zone molto importanti della casa in cui non ci si passa del tempo ma sono fondamentali, poiché sono il collegamento funzionale tra le varie aree dell’abitazione. Per questa ragione l’illuminazione gioca un ruolo fondamentale.

Quindi per chi si sta scegliendo le illuminazioni per la propria casa, qua troverete qualche piccola indicazione che potrà essere utile nella scelta delle giuste lampade per illuminare le scale e i corridoi della casa. Trattandosi di zone di passaggio, è fondamentale che ci sia una corretta visibilità, l’illuminazione adeguata ci fasentire sicuri, soprattutto la notte, quando le luci della casa sono spente. Le luci della scalae dei corridoi, se ben studiate, aiutano a creare la giusta atmosfera ed arricchiscono l’ambiente.

Il primo punto, fondamentale, è la scelta dei punti luce,con accensione automatica, per il momento di percorrenza sia della scala che del corridoio.

Per un corretto equilibrio tra luce ed ombra si consiglia di evitare luci puntiformi ma di prediligere lampade che proiettano raggi di luce diffusi, in modo da evitare le ombre dirette sui gradini che potrebbero risultare pericolose per chi percorre la scala. Stesso discorso si può riproporre per i corridoi, una luce diffusa illumina in modo adeguato, senza creare linee nette tra luce ed ombra, che andrebbero a influire sull’aspetto estetico del corridoio.

A che altezza vanno predisposte? Naturalmente dipende dal tipo di illuminazione scelta.

Se si tratta di applique, strip led, faretti a incasso o luci segna-passo l’altezza varia in modo importante.

Io naturalmente ho le mie tipologie preferite, amo le illuminazioni che creano atmosfera, per questo vi consiglio le strisce Led ed i faretti Led, ma vediamo di seguito quali tipologie possiamo trovare in commercio.

I faretti led segna-passo sono tra le più indicate per quanto riguarda la resa estetica, sono luci che creano atmosfera ed esaltano le linee architettoniche ma dal punto di vista dell’illuminazione non sono sufficienti per dare visibilità adeguata nelle ore notturne a una scala o un corridoio. Si tratta infatti di illuminazioni estetiche che creano atmosfere suggestive ed esaltano lelinee della costruzione.

Una delle soluzioni più recenti e più utilizzate dagliarchitetti sono le strisce led incassate nelle intercapedini ai lati del corridoio o della scala, in linea con il battiscopa, oppure nel bordo del gradino. Creano effetti luminosi molto interessanti, mettendo in risalto la finitura del pavimento e delle pareti.

La scelta dell’illuminazione più corretta cambia anche in base alla forma del corridoio o della scala. Se si tratta di ambienti di passaggio lunghi e stretti consiglio di utilizzare i faretti led a incasso, magari con un sensore di movimento. I faretti led, posti in linea o in diagonale, illuminando dall’alto, rendono più nitide le pareti. Le disposizioni dei faretti led a soffitto possono cambiare, in linea centrale, sui lati, seguendo una linea sinuosa, oppure in diagonale. Il progettista è libero di esprimere la sua fantasia e creatività in base al tipo di effetto che vuol creare.

Un’altra soluzione molto interessante è quella di illuminare le scale e corridoi con faretti led a parete. Creano un fascio luminoso sulle pareti, determinando un gioco di luce e d’ombra molto affascinante. Si tratta di una visione più moderna dei classici applique a parete, molto utilizzati in passato per illuminare scale e corridoi.

Spero che questo articolo vi sia stato di aiuto nella scelta dell’illuminazione per la scala e il corridoio della vostra casa, voi quale illuminazioni preferite?

Immagini:

https://mesretail.com/

17 Luglio 2018 / / Decor

scale e arredamento

Una scaletta per esporre, per riporre, per arredare e molto altro…scale e arredamento

Ci sono tanti modi per decorare in modo creativo le alzate di una scala

scale e arredamento

scala d’arredo di hkliving 

scale e arredamento

Una vecchia scala diventa nuovo, bellissimo e ingegnoso guardaroba!scale e arredamento

Progetto Mezzosangue Lab

scale e arredamento

Scale fino al soffitto!

scale e arredamento

In total white la scala diventa testata

Quante cose si possono fare con una vecchia scala? Davvero tante, io le adoro, con poca fatica ci danno la possibilità di creare dei fantastici arredi, come lampadari, testate, libreria, attaccapanni, o anche semplici decorazioni.

La vecchia scala di legno a pioli è sicuramente quella più ricca di suggestioni, io ho avuto la fortuna di trovarne una on line ed acquistarla veramente a pochissimo; veniva usata per la raccolta delle olive ed è di una bellezza estasiante, un semplice oggetto che basta appoggiare ad una parete per migliorare e far risplendere di nuova luce tutta la stanza.

scale e arredamento

Una scala a pioli ed è subito interior design con  il progetto di home stage realizzato da Non ditelo all’archietttoper una casa vacanza di Roma

scale e arredamento

Due vecchie scale diventano due moderni lampadari dallo stile creative per il restyling di un ristorante rustico a Roma

scale e arredamento

Bello, affascinante, creativo e semplicissimo da realizzare il guardaroba scala!

scale e arredamento

Un tocco rapido, speciale e creativo in camera da letto, grazie alla scala.

 

Al naturale o dipinte le scale a pioli in legno hanno davvero un gran fascino e bastano, da sole, ad arredare in modo speciale un ambiente

scale e arredamento

Sarebbe bellissimo avere una bella scala di recupero con la quale realizzare le nostre creazione, ma possiamo anche acquistarne di carinissime on line come quella al naturale QUI e quella bianca QUI

scale e arredamento

Mensola a parete…

scale e arredamento

…o testata per il letto! con una scala a pioli di legno si può fare anche questo.

Con questa tipologia di scala possiamo realizzare decorazioni, testate, attaccapanni per sostenere poco peso, come asciugamani in bagno, servomuto in camera da letto, o canovacci in cucina. Sarebbe sempre meglio fissarle a parete ma se fate attenzione può non essere strettamente necessario.

scale e arredamento

In cucina…scale e arredamento

in cameretta…scale e arredamento

in bagno…

scale e arredamento

In camera da letto come servo-muto…

scale e arredamento

…o comodino.

scale e arredamento

In bagno versione di design con la scalaportasciugamani Feridas, in cromo con quattro barre, disponibile QUI 10x44x150 cm

scale e arredamento

Una scala a pioli può diventare un comodo espositore, ad esempio per la mostra collezione di pachmine

scale e arredamento

Bellissima la decorazione per il soffitto del corridoio che crea il giusto contrasto con il lampadario con gocce di cristallo.

scale e arredamento

Ciel de lit per la camera da letto romantica.

Ci sono poi le classiche scale autoportanti che si aprono e possono essere utilizzate per realizzare librerie e scaffalature, con l’aggiunta di mensole e ripiani saranno molto stabili e capienti.

scale e arredamento

Stile eclettico, informale e un pò gitano….elegantissimo con legerezza.

scale e arredamento

Divertente, creativa e moderna la libreria a parete realizzata con due scale e delle mensole di legno

 

Possiamo recuperare una vecchia scala o anche acquistare una scaffallatura che ispira il suo design a quello delle scale, sia versione naturale che in bianco, per ogni stanza della casa

scale e arredamento

In bagno un comodo e grazioso scaffale che assomiglia ad una scala scale e arredamento

Le scale si possono utilizzare ed interpretare in molti modi, anche per allestire un affascinante negozio  d’abbigliamento   scale e arredamento

Un metodo facile e veloce per realizzare  una scaffalatura in più?

scale e arredamento 

Credenze creative in cucina e salotto

scale e arredamento 

Angoli green

Oltre alle scale di grandi dimensioni esistono anche le scalette di legno, spesso grezze e semplici da decorare, che possono essere utilizzate come comodini o tavolinetti da appoggio.

scale e arredamento

Comodo e informale il comodino realizzato con una vecchia scaletta.

scale e arredamento

Se la scaletta non ce l’avete potete anche trivarla QUI!scale e arredamento

Una semplice scaletta diventa un grazioso e romantico comodinoscale e arredamento 

Se ti piace questa idea puoi ricrearla con la scaletta che trovi QUI
scale e arredamentoscale e arredamento

Stile industriale con le scalette in metallo

scale e arredamentoscale e arredamento 

La scaletta in legno di Ikea si trasforma in cucina gioco, coffee tablet e tavolino d’arredo

scale e arredamento

Una mensola creativa!

Utilizzare nell’arredamento di interni le scale, sfruttando la tecnica del riuso, è spesso applicato ad uno stile shabby o rustico ma non dobbiamo pensare che sia esclusivo di questi mood.

Le scale possono essere utilizzate anche in modo contemporaneo e pop, magari dipinte di colori sgargianti o laccate di bianco e ancora avere un sapore industriale, soprattutto quelle in metallo…ancora sporche della vernice del cantiere!
Anche in questo caso, poi, esistono tantissime interpretazioni di design, commercializzate da varie aziende, molto eleganti e stilose come la libreria Hô di Le Corbeille, un richiamo ironico alla scala dei pittori by Jocelyn Deris Design, oppure lo scaldasalviette di Tubes disegnato dalla designer Elisa Giovannoni.

Stile eclettico.

Industrial style con scale di metallo

 

Di recupero in stile shabby o di design come la libreria Hô di Le Corbeille?scale e arredamento

Scaletta, l’iconico scaldasalviette di Tubes con alimentazione elettrica plug&play disegnato da Elisa Giovannoni 

scale e arredamento 

Shabby in bagno…un cult!

scale e arredamento

Una bella scala di legno si può abbinare a diversi tipi di arredamento che si contraddistinguono da un carattere eclettico e creativoscale e arredamento

Una libreria creativa dal sapore industrialescale e arredamento

Stile pop per la scala trasformata in libreria con l’aggiunta di mensole e dipinta di verde bandierascale e arredamento

Anche il designer nordico Nikko Halonen ha realizzato la sua personale versione di una libreria ispirata a una scala

scale e arredamento

Lbreria simile a una scaletta da appoggio by  Cinius

scale e arredamento

Interpretazione moderna per la scala trasformata in guardaroba.

Fino ad ora abbiamo parlato di arredi ma scale sono anche quelle che ci portano da un piano all’altro (per quelli che hanno la fortuna di avere una casa a due piani!) e bene anche queste possono essere decorate e rese uniche in tantissimi modi, potremmo partire proprio da esse per dare una rinnovata alla casa, personalizzare l’ambiente rendendolo speciale.

Possiamo decorare l’alzata della scala dipingendola, utilizzando stickers o stancil o rivestendola di mattonelline, legno o carta da parati.

scale e arredamento

Volete decorare la scala con delle belle frasi QUI trovate questi begli stickers

scale e arredamento

Un murales sulla scala!

scale e arredamento

Piastrelle di ceramica…

scale e arredamento

O listelli di legno di recupero?

 

Un’idea poetica quella di decorare i gradini della scala con le frasi di una poesia o di una canzone.

Vernice lavagna per decorare la scala

 

scale e arredamento

un’idea semplice e di grande effetto…la carta da parati

 

E’ sufficiente una buona idea per rendere affascinante una scala semplice.

 scale e arredamento

Soluzioni creative per scale fantasiose!

Stancil

scale e arredamento

Giochi di ombre

Se poi siete proprio in fase di progettazione sappiate che le scale possono essere attrezzate e con la scala e il sottoscala si possono fare tantissime cose (ditelo all’architetto!).

La vostra scala si potrà trasformare in scarpiera, libreria, scaffalature e altro ancora per attrezzare al meglio la vostra casa e per renderla bella e comoda.

 

Una scarpiera nella scala!

scalee arredamento

E’ sempre difficile raggiungere i ripiani alti della libreria e questo progetto mi sembra davvero geniale!

scalee arredamento

Tanti modi di contenere grazie alle scale

scalee arredamento

Una scala con libreria a giorno per contenere in modo minimal. Perfetta per ogni ambientescalee arredamento

La scala diventa un elemento contenitivo ed espositivo, bellissima completata dalle giuste luci.

scale e arredamento

Questi kaidan dansu, mobili contenitivi tradizionali giapponesi, sono costruiti su misura ed inseriti nella scala, creati dall’architetto Kotaro Anzai sulla base dell’arte di falegnameria tipica giapponese.

scale e arredamento

Il salottino sotto la scala, realizzata in modo da non dover nemmeno rinunciare alla finrestra.

scale e arredamento

La scala che contiene è un ottima idea salvaspazio

scale e arredamento

Scala attrezzata degli architetti spagnoli BUJ + COLON . Armato solo di compensato e di un concetto creativo e cool, lo studio di architettura ha realizzato questo interessante proget

L’articolo Scale e arredamento proviene da Architettura e design a Roma.

12 Luglio 2018 / / Case e Interni

I montascale design e compattezza
Il montascale per disabili è uno strumento indispensabile per la serenità di coloro che, a causa di un’invalidità o di difficoltà motorie, desiderano raggiungere tutti gli spazi della casa in modo autonomo.

Se è la prima volta che ti trovi a dover installare un montascale in casa, sicuramente avrai notato che ne esistono di diversi tipi. Oggi vogliamo parlare dei montascale a poltroncina e di quelli a piattaforma, le due tipologie più consigliate e utilizzate, in modo da aiutarti a fare la scelta giusta in base alle tue esigenze.

È molto importante poter essere in grado di superare le barriere architettoniche, soprattutto della casa in cui si vive, e riuscirci regala un benessere psicofisico sia a coloro che sono affetti da disabilità che ai loro cari.

Se hai qualche dubbio riguardo il rischio di poter intaccare lo stile della stanza in cui sarà montato il montascale, non preoccuparti: oggi è disponibile un’ampia varietà di poltroncine e di piattaforme pensate proprio per mimetizzarsi il più possibile con l’ambiente circostante e non risultare quindi invadenti nei confronti dell’arredamento e della stanza nella quale verranno collocate.

Quali montascale si adattano meglio alla tua casa? Questo dipende dalle tue esigenze e dall’utilizzo che vorrai farne. Come vedremo tra poco, entrambe le tipologie di montascale infatti sono montabili su tutti i tipi di rampe e sia in ambienti chiusi che all’esterno. Vediamo di spiegare un po’ meglio le caratteristiche e in quali casi è meglio scegliere un montascale a poltroncina o uno a piattaforma.

I montascale a poltroncina

La prima tipologia di montascale di cui ti vogliamo parlare è quella che prevede la poltroncina, chiamata anche sedia montascale. È consigliato soprattutto per gli anziani o per chi presenta difficoltà motorie ma non utilizza una sedia a rotelle. Questo particolare montascale è indicato sia per un utilizzo domestico che per gli esterni, quindi sarà importante fare una scelta attenta dei materiali in base alle tue necessità e al luogo in cui deciderai di montarla.

La sua istallazione non è per nulla problematica, non richiede molto tempo e, inoltre, non saranno necessari né interventi di ristrutturazione né lavori all’impianto elettrico. Una caratteristica da non sottovalutare è che avrai la possibilità di adattare perfettamente il tuo montascale a qualunque tipo di scala, sia essa dritta, curva o a chiocciola, perché questo seguirà perfettamente l’andamento della rampa. Anche se può sembrare strano, il montascale è un complemento non ingombrante: le scale infatti resteranno interamente utilizzabili anche per gli altri membri della famiglia che non dovessero avere difficoltà motorie, perché le poltroncine sono pieghevoli e non daranno quindi alcun tipo di fastidio visto che potrai ripiegarle ogni volta che non ne avrai bisogno.

I montascale a poltroncina sono dotati di un telecomando con il quale potrai richiamare e mandare la poltrona dove desideri. Inoltre, per la tua comodità troverai una leva di comando, con la funzione di chiave, che ti darà la possibilità di spostarti verso la cima delle scale o, viceversa, verso il fondo con assoluta naturalezza e facilità.

Come dicevamo, è possibile istallare questi montascale senza la necessità di dare inizio a lavori fastidiosi e invadenti per tutti. La struttura della sedia viene infatti montata a gradino utilizzando i supporti appositi e la rotaia può essere montata sia dalla parte della ringhiera che dalla parte del muro. Questo sistema garantisce massima stabilità, quindi non avrai motivo di temere per la tua sicurezza o per quella dei tuoi cari.

Ultima curiosità, ma non la meno interessante, è che ogni montascale a poltroncina, funzionando a batteria ricaricabile, è dotato di un sistema di sicurezza che permette alla sedia di arrivare a destinazione anche nel caso di interruzione della corrente elettrica.

I montascale a pedana

E adesso vediamo le caratteristiche e i vantaggi di un montascale a pedana, che viene chiamato, più tecnicamente, anche servoscala.

Prima di tutto è necessario specificare che la differenza principale con i montascale a poltroncina è che sono sicuramente più indicati per chi fosse costretto a muoversi in sedia a rotelle. Grazie alla struttura di questo montascale, infatti, non sarà necessario chiamare qualcuno per spostarti sulla poltroncina: basterà salire sulla pedana e spostarti verso l’alto o verso il basso. Queste pedane, infatti, sono tra le più utilizzate grazie alla loro elevata fruibilità, estrema comodità e alla loro semplicità di utilizzo.

Inoltre, la salita e la discesa risulteranno estremamente facili grazie ai comandi intuitivi ed ergonomici di cui ormai sono dotati tutti i servoscale, che donano la completa autonomia anche a coloro che dovessero soffrire di difficoltà motorie alle mani, come nel caso di chi presenta malattie reumatiche più o meno gravi.

Le piattaforme sono sempre personalizzabili, quindi potrai avere pieno potere decisionale sia per quanto riguarda la scelta dei materiali e del design, che per quanto riguarda le dimensioni della pedana, che potrà anche essere ampliata nel caso tu voglia fare spazio a un eventuale accompagnatore.

Anche i montascale a pedana sono completamente sicuri e affidabili. Prima di attivare il movimento desiderato, basta allacciare la carrozzina alla pedana e il gioco è fatto. Inoltre, grazie alla presenza di batterie ricaricabili, se dovesse verificarsi un’interruzione di corrente, la pedana ti porterebbe comunque a destinazione senza interrompere la corsa.

Come per i montascale a poltroncina, i servoscala sono installabili con estrema semplicità e in pochissimo tempo, senza che tu debba ricorrere a modifiche dell’impianto elettrico o a lavori importanti alle pareti della tua casa.

E per finire parliamo di design: anche i montascale a pedana non risultano ingombranti e possono adattarsi in modo armonioso al resto della casa. È infatti possibile richiudere la pedana e utilizzarla solo quando serve e potrai scegliere tra una vasta gamma di colori in modo da abbinare alla perfezione il tuo montascale con l’arredamento circostante.

Anna e Marco CASE E INTERNI

28 Maggio 2018 / / Blogger Ospiti

La scelta di gradini e scale in cotto da esterni è spesso trascurata e fatta in maniera superficiale.
Non c’è nulla di più sbagliato perché scale, scivoli, dislivelli e gradini rappresentano un elemento strutturale e estetico che non deve essere sottovalutato e che può rappresentare un elemento di impatto estetico decisamente importante.

Chi sta progettando una scala o dei gradini per l’esterno o una ristrutturazione dello spazio outdoor, dovrebbe considerare la possibilità di utilizzare il cotto che, oltre ad essere un materiale di grande eleganza, permetterà di donare all’ambiente esterno un fascino naturale e unico.

Per valorizzare la zona è necessario scegliere la forma più giusta da attribuire alla scala nonché la qualità di un buon prodotto che renderanno la zona trattata affascinante e pratica.

Il fascino delle scale e dei gradini in cotto

Una scalinata situata nel posto giusto e con la forma più idonea all’ambiente consentirà di ricreare uno spazio unico e raffinato. Lo scopo di una scala, infatti, non è solo quello di collegare i diversi livelli dell’abitazione, ma anche quello di dare dinamismo ed eleganza alla zona.

Quando si parla di gradini da posizionare all’esterno, inoltre, è da considerare che il cotto è capace di regalare un aspetto ancora più naturale all’ambiente che lo circonda, grazie alle sue tonalità e alla forma irregolare tipica della superficie.

Gli scalini in cotto realizzati artigianalmente possono avere diverse dimensioni per adattarsi a tutte le esigenze e possono essere abbinati a battiscopa realizzati con lo stesso materiale. In passato venivano maggiormente utilizzati in ambienti rustici come casolari e case in campagna ma, con il passare degli anni, il fascino del materiale ha fatto in modo che lo stesso venisse applicato in maniera sublime anche in ambienti più moderni e architettonici.

La particolarità di poter scegliere tra diversi formati, infatti, consente di movimentare, e soprattutto personalizzare, i vari ambienti esterni nella maniera più naturale possibile. Pur essendo fatti dello stesso materiale, infatti, le scalinate in cotto possono assumere diverse forme conferendo all’ambiente un elevato tocco di originalità. La tipica superficie irregolare, inoltre, garantisce un aspetto consumato e vissuto che si sposa in modo perfetto con i colori della natura delle zone circostanti.

Il perdurare del fascino di una scalinata per esterno realizzata in cotto è garantito dalla posa in opera realizzata a regola d’arte e dal trattamento antimacchia e idrorepellente che consente al prodotto di non temere gli agenti atmosferici. La cottura nel forno a legna per oltre trenta ore a mille gradi, inoltre, permette di garantire una capacità di resistenza del prodotto a temperature esterne molto basse.

La praticità delle scale e dei gradini in cotto

Oltre a regalare un grande fascino difficilmente uguagliabile, i gradini e le scalinate in cotto sono anche molto pratiche. Il prodotto è infatti lavorato artigianalmente, ossia realizzato dalle sapienti mani di esperti artigiani che mescolano prodotti naturali al cento per cento come acqua e argilla. La cottura nel forno a legna, inoltre, è una scelta ecologicamente sostenibile e garantisce l’ottenimento di un prodotto compatto e resistente.

Il cotto lavorato per esterni gode di determinate qualità che sono imprescindibili in ambienti esterni come l’antiscivolo e l’antimuschio. La superficie ruvida, da preferire in spazi outdoor, è la soluzione migliore per evitare il rischio di scivolate e garantire un corretto e saldo appoggio del piede.

La praticità di scegliere un prodotto di qualità sta anche nel fatto che non saranno necessari interventi di manutenzione perché, grazie al trattamento specifico, la scalinata e i gradini in cotto non subiranno l’attacco di muschi, efflorescenze, macchie e umidità.

23 Aprile 2018 / / Blogger Ospiti

Quando si possiede una casa a due o più piani, si ha la necessità di collegare le diverse zone. Per questo motivo sono necessarie delle scale per interni. Queste devono rispettare, oltre il gusto del proprietario, anche una serie di caratteristiche che vanno dal design: la scala interna deve risultare il più vicino possibile al resto della casa; fino alla praticità: la scala deve permettere di muoversi da un piano all’altro con facilità. Molto spesso, infatti, le case sono strutturate in modo tale che nel piano superiore sono disposte le camere e in quello inferiore la zona living. Il passaggio da una zona all’altra deve risultare comodo e pratico.

Una caratteristica che una scalinata interna deve rispettare, inoltre, è quella della sicurezza. Devono essere a norma e in linea con le leggi vigenti: questo permetterà di non incorrere in problemi legati ai rischi e pericoli futuri.

In commercio esistono una varietà infinita di scale per interni e di solito sono suddivise in due tipologie: muratura o prefabbricate. Vediamole nel dettaglio.

Scale in muratura e prefabbricate

Le scale per interni in muratura utilizzano, per la struttura, il cemento armato. Questo consente di renderle molto sicure e meno soggette alle sollecitazioni. Queste sono particolarmente indicate quando si ha molto spazio a disposizione e quando si devono collegare zone della casa che possono risentire delle varie intemperie. Se per esempio si ha la necessità di collegare la casa con la cantina o il garage sottostante, una scala in muratura è la scelta più giusta. Molto spesso, questa tipologia di scala non gode di ottima fama per quanto riguarda l’estetica ma, grazie all’avvento delle nuove tecnologie di costruzione che hanno fatto fare passi avanti alla progettazione e costruzione di scalinate, si possono trovare in commercio scale per interno in muratura dotate di un design moderno e accattivante. Possono, per esempio, essere utilizzati scalini o corrimani in legno.

Se la scelta, per i motivi sopra esposti, ricade su una scala in muratura occorre ricordare che questa richiede un investimento più grande rispetto a un’altra. Il maggior esborso di denaro è dovuto alla progettazione. Una scala di questa tipologia, infatti, necessita di un progetto, da parte di un professionista, per essere realizzata, oltre che dei costi relativi agli operai che lavoreranno per la costruzione. In secondo luogo occorre ricordare che una scala in muratura è eterna. Se da un lato questo rappresenta un vantaggio, dall’altro può comportare un’ulteriore uscita di denaro nel caso in cui si voglia procedere a un riammodernamento. La scala andrebbe demolita e i materiali non potrebbero essere riutilizzati.

Le scale prefabbricate sono molto più facili da costruire, altamente personalizzabili e funzionali. Si adattano ad ambienti più piccoli e possono essere smontate e rimontate senza problemi utilizzando gli stessi materiali. Essendo molto leggere, inoltre, permettono di non appesantire l’arredamento della casa. Prima di acquistare una scala prefabbricata, tuttavia, è bene che il rivenditore faccia un sopralluogo sulla zona dove dovrà essere montata perché ci sono molti elementi che vanno tenuti in considerazione al momento della posa. Tra questi elementi, per esempio, c’è quello della stabilità. Le scale per interni prefabbricate Fontanot, sono molto pratiche da montare, anche mediante il fai-da-te, hanno costi vantaggiosi, sono ecologicamente sostenibili perché pensate con materiali riciclabili e possono essere personalizzate anche grazie all’apposito configuratore scale on-line.

Le altre tipologie: scale a rampa, a chiocciola, a giorno e salvaspazio

Le scale, come detto precedentemente, si suddividono in due grandi macro-categorie: in muratura e prefabbricate. All’interno di queste, tuttavia, si possono inserire una serie di soluzioni adattabili.

Le scale a rampa sono l’eccezione più comune, solitamente lineari sono perfette per collegare due piani. Vengono utilizzate da chi ha la necessità di sfruttare un angolo e quando la scala deve essere addossata a una parete. Oltre all’andamento lineare possono assumere anche diverse forme, curvilinee o a ventaglio. Possono essere continue o interrotte da un pianerottolo. Fontanot, all’interno della propria collezione, presenta diverse tipologie di scale interne a rampa, fabbricate con materiali diversi che si adattano quindi a ogni esigenza, abbracciando innovazione, design e tradizione.

Le scale a chiocciola, dette anche elicoidali o circolari per la loro forma, vengono utilizzate soprattutto in zone dove lo spazio è poco. Si adattano con facilità a essere installate in stanze. È una soluzione che si adatta a chi ha esigenze di spazio e a chi vuole dare un tocco di modernità alla casa perché possono essere realizzate anche su misura. Le scale a chiocciola possono essere di due tipi: con i gradini agganciati a un elemento centrale fissato a terra e a soffitto oppure senza sostegno centrale, in questo caso la struttura è assicurata a terra e al punto di arrivo. Va ricordato che per legge, la rampa deve essere di almeno 80 centimetri, nelle scale a chiocciola invece, il diametro deve essere almeno di 110 centimetri. Possono essere realizzate con diversi materiali. Se siete tradizionalisti, nella collezione Oak di Fontanot, potrete scegliere tra scale a chiocciola con pedata in legno e struttura in metallo, per avere così un prodotto che racchiude tradizione e modernità. Le scale a chiocciola di questa azienda, inoltre, possono essere realizzate completamente in metallo.

Le scale a giorno, o a sbalzo, sono una soluzione molto apprezzata nell’era moderna. Permettono di collegare due piani con una perfetta e totale pulizia perché non presentano strutture portanti troppo pesanti. Possono essere scelte da chi ha una casa dal design moderno o da chi vuole che l’aspetto della stanza dove viene sistemata la scala sia arioso. Possono essere senza sostegno laterale o appoggiarsi a muri perimetrali. I gradini possono essere a giorno o appoggiarsi alla struttura della scala. Particolarmente adatte a chi ama uno stile minimalista ma ricercato sono le scale della collezione Wall di Fontanot in cui anche i gradini sono personalizzabili, l’altezza da uno all’altro, infatti, può essere scelta dall’acquirente. È bene ricordare che, se si opta per questa tipologia di scala, va richiesta una consulenza da un tecnico specialista che sia in grado di verificare che la parete sia idonea a sopportare il peso degli scalini.

Scale salvaspazio

Le scale per interni salvaspazio sono necessarie quando lo spazio a disposizione è davvero poco. Si adattano in quegli ambienti dove il dislivello da un piano all’altro non supera i 290 centimetri. Sono altamente personalizzabili e possono dare un tocco di raffinatezza e modernità a una determinata zona. Tra le scale salvaspazio rivestono importanza le scale retrattili necessarie per collegare due livelli solo in determinate occorrenze; particolarmente indicate, quindi, per il collegamento con mansarde e soffitte. Grazie a un particolare meccanismo, le scale in oggetto, si ripiegano su sé stesse e si inseriscono in un vano e solitamente sono fabbricate con materiali leggeri come alluminio o acciaio zincato. Fontanot, nella collezione di scale salvaspazio ha un prodotto che si può adattare anche alle esigenze più disparate. Il modello Zooom, infatti prevede un meccanismo di movimento manuale o addirittura motorizzato.

Da non dimenticare

In commercio esistono le scale in Kit: pezzi che possono essere montati anche senza l’aiuto di un tecnico. Le scale in Kit di Fontanot sono disponibili a chiocciola, a rampa e salvaspazio. Perfette per gli amanti del fai-da-te.

28 Marzo 2018 / / Design

Le scale da interni di tendenza scala a chicciola

Per abitazioni a più piani, per soppalchi, mansarde, attici o sopraelevazioni è necessario adottare scale da interno. Queste non solo sono indispensabili per predisporre un adeguato e funzionale collegamento verticale, ma anche per contraddistinguere gli ambienti e per renderli ancora più belli e personalizzati. In commercio sono infinite le proposte stilistiche e prestazionali, che possono anche ottimizzare lo spazio e rendere pratico anche l’ambiente più ridotto.

Scegliere il modello giusto è fondamentale e ci si potrà orientare sui modelli più di tendenza, perfetti per assolvere alle esigenze pratiche ed estetiche dettate dalla vita frenetica moderna.

Le scale a giorno o a rampa 

Le scale a giorno, comunemente conosciute anche con il nome di scale a rampa sono sostanzialmente modelli prefabbricati ideali per arredare internamente la casa e renderla funzionale e sicura. Si tratta di una tipologia di scala senza tempo e che le aziende di settore rendono sempre più all’avanguardia sfruttando materiali tecnologici e performanti e naturalmente belli ed accattivanti alla vista. Non solo, possono essere a rampa unica o a L, in particolare questo modello è adatto in contesti in cui ci sono problemi di spazio. Si trovano proposte realizzate con struttura portante propria in legno, metallo o altri materiali, oppure queste scale possono poggiarsi direttamente alle pareti perimetrali. Altri elementi che contraddistinguono i vari stili e modelli sono la ringhiera, il parapetto ed i gradini, questi possono esser a sbalzo, poggianti sulla struttura portante o agganciati alla parete. In via generale le scale a rampa offrono grande comodità, versatilità nella scelta dello stile d’arredo da abbinare, spaziosità e praticità d’uso ed infine grande adattabilità delle soluzioni architettoniche indipendentemente dai materiali scelti. Tra le finiture più di tendenza citiamo i modelli che combinano il legno all’acciaio o al metallo ed anche le versioni in vetro e acciaio, dal design leggero e che sembrano quasi fluttuare nell’aria.

Le scale da interni di tendenza scala a giorno

Le scale a chiocciola

I modelli di scale definiti a chiocciola hanno un design particolare e si sviluppano su se stesse, proprio per questo sono scelte anche in caso di spazi ridotti. Queste sono nate per ridurre al minimo l’ingombro di collegamento tra due piani, ma ad oggi si trovano anche modelli dall’impatto scenico e spaziale notevole e che uniscono funzionalità ad un aspetto accattivante e quasi virtuosistico. In via generale in base al diametro dell’apertura muraria cambia anche l’angolo di apertura dei gradini e i cm corrispondenti all’alzata. La pianta delle scale a chiocciola è subito riconoscibile in quanto è un cerchio suddiviso in spicchi triangolari, con un angolo di circa 30 gradi a gradino. L’uso di questa tipologia di struttura verticale non è però sempre comodo, soprattutto se i fruitori hanno problemi motori o se si tratta di persone anziane. In commercio si trovano scale a chiocciola di ogni tipo, realizzate con i materiali più diversi e capaci di dare quel tocco in più a qualsiasi stile d’arredo, da quello classico a quello iper-moderno. Rientrano a pieno diritto tra i modelli di scale più di tendenza per l’aspetto scenografico, per la facilità di posa e per la capacità di ottimizzare gli spazi anche ridotti. Molti brand offrono proposte davvero all’avanguardia e decisamente accattivanti e facili da installare come quelle sullo store Fontanotshop, Scale in kit prefabbricate, modulari, moderne e pronte da montare. Tra le altre versioni acclamate dagli interior designer di tutto il mondo ci sono quelle con gradini in vetro o plexiglass, complete di illuminazione ad hoc e che garantiscono effetti di luce davvero unici e in grado di valorizzare le altezze e gli spazi. Evergreen invece sono i modelli in legno, perfetti per gli ambienti dal gusto classico e ideali per le stanze moderne solo se fanno pendant con il parquet, sempre secondo alcuni designer d’interni.

Le scale da interni di tendenza scala a chicciola e salvaspazio

Le scale retrattili e salvaspazio

Tra i modelli di scale di tendenza e salvaspazio non mancano quelle retrattili e le miniscale. Queste sostituiscono la versione a chiocciola e infatti assomigliano ai modelli a rampa ma in versione molto più ridotta a livello di ingombro. Sfruttando questi modelli si può colmare una quota di circa 290 cm, sfruttando un ingombro da terra di 150 cm. Al di là del design proposto la loro struttura è composta da moduli adattabili alle più diverse esigenze e sono la scelta migliore per congiungere le mansarde ed i soppalchi, ottimizzando lo spazio e dando anche un look tecnologico o vintage a seconda del materiale realizzativo. Altrettanto salvaspazio sono el già citate scale retrattili che non hanno un ingombro fisso in quanto appunto si richiudono su se stesse. Si usano per raggiungere mansarde o solai che non sono punti focali della vita quotidiana in casa e che al contrario vengono raggiunti sporadicamente. In alcuni casi però quest’aspetto industriale e spartano ha dato particolari spunti agli arredatori di interni che le hanno scelte per arredare loft con soppalchi e lasciate aperte praticamente quasi tutti i giorni. Esistono modelli a soffietto, pieghevoli, motorizzati che ad apertura e chiusura manuale. Hanno tutti strutture leggere e facili da maneggiare, ma non sono indicate per chi ha difficoltà motorie. Come nel caso delle versioni a chiocciola è necessario prendere in considerazione la realizzazione di una botola nel soffitto del piano da raggiungere. Le scale a scomparsa sono nonostante l’aspetto grezzo considerate di tendenza e perfette in ambienti country, industry, minimal chic e radical chic: affermazione degli interior designer più acclamati del momento e che realizzano le dimore dei VIP.

Le scale di design

Infine sempre più di tendenza sono le scale definite di design, che indipendentemente dal tipo di struttura vengono considerate vere opere d’arte. Oltre a fornire infatti il raggiungimento agevole dei piani, l’impatto estetico e la bellezza dei materiali e delle lavorazioni contraddistinguono queste strutture e le rendono riconoscibili a colpo d’occhio. Davvero interessanti sono le versioni autoportanti e che assomigliano a blocchi unici e intagliati in strutture di legno o altri materiali. Ad esempio esistono produzioni artigianali che uniscono soppalco realizzato inserendo un cubo che funge da stanza ed utilizzabile sulla parte superiore, già dotato di scala integrata. Questo forse è un esempio virtuosistico, ma che ben presenta l’aspetto stravagante e nel contempo pratico e minimale di questi modelli di scale all’avanguardia. Le finiture, le ringhiere e i gradini vengono anche coinvolti attivamente nella resa estetica finale e ogni dettaglio sembra partecipare in un unico disegno progettuale: un insieme di linee curve o dritte che enfatizzano l’ambiente e ne sottolineano la bellezza. I materiali sono i veri protagonisti di queste scale moderne ed insieme a loro anche gli accessori illuminanti, come i faretti o le strisce a led che sono parte attiva del modello. Non è raro infatti trovare in commercio scale con faretti incassati sui gradini o luci che corrono sui parapetti e che garantiscono massima sicurezza d’uso anche al buio o in caso di scarsa visibilità e grande aspetto scenico.