11 Dicembre 2018 / / Blog Arredamento

Cosa c’è di più bello della luce naturale che entra da una finestra per riscaldare e illuminare una stanza?

La finestra, inclusi infissi e serramenti, sono dati talmente per scontati nell’idea che abbiamo di casa che spesso non ci si ferma a riflettere sul lavoro e sulle caratteristiche che questi elementi contengono.

Una finestra ha lo scopo di illuminare, ma non solo. Attraverso le finestre si permette il ricambio di aria e la fuoriuscita degli odori; una finestra permette di guardare il panorama circostante, allungando la vista e permettendo al cervello di ossigenare, specie se ci si trova in un ufficio. Una finestra dà anche la possibilità di isolarsi e proteggersi dal rumore eccessivo, o di non lasciare che i rumori interni disturbino chi si trova fuori o nelle vicinanze.

Last but not least, una finestra isola dalla temperatura esterna, che sia troppo fredda o troppo calda, permettendo che in casa ci sia sempre il clima ideale.

Tantissime funzioni che esplicitano molto bene perché è importante scegliere con cura tutti gli aspetti di questo elemento.

Serramenti in PVC, i più diffusi

Con serramenti si intende proprio lo scheletro nel quale l’infisso o finestra viene inserito. Il PVC è il materiale largamente più diffuso per i serramenti, ed esistono moltissimi produttori di serramenti in PVC, che si sono specializzati per rendere al meglio tutte le funzionalità dell’oggetto.

IL PVC o cloruro di polivinile, è un materiale quasi completamente naturale: è composto al 57% di sale.
Proprio per questo motivo il PVC è un materiale ecosostenibile e i produttori di serramenti in PVC sono tendenzialmente portati ad un maggior rispetto verso l’ambiente e le tematiche ecologiche.

I produttori di serramenti in PVC hanno un occhio di riguardo per il basso impatto su ambiente e la tecnologia intelligente, che riesce a contenere costi e rischi per il pianeta. Per arrivare a questo risultato è necessario affidarsi a dei veri esperti del settore, magari con anni di esperienza nel mercato e che sappiano coniugare scelte estetiche a scelte efficienti.

Come scegliere tra i produttori serramenti in PVC

Se avete bisogno di scegliere dei nuovi serramenti in PVC ma non sapete da che parte iniziare? Ecco una lista di accorgimenti da prendere per fare la scelta giusta.

  • SOSTENIBILITÀ
    è importante che il produttore di serramenti che state valutando oltre a dichiarare di essere ecosostenibile, mostri anche in che modo è sensibile verso l’ambiente. Magari utilizza materiali a basso impatto ambientale, come il PVC rigenerato, oppure devolva parte dei propri introiti a favore di attività volte alla conservazione delle risorse e della salvaguardia della natura, o magari impieghi durante le fasi di lavorazione energia da fonti rinnovabili.
  • QUALITÀ
    mai dimenticare che i serramenti sono un varco nel muro. Tra le caratteristiche principali che devono avere per essere di qualità è la resistenza e solidità, per far sì che quel varco sia completamente sicuro e valido.
  • INNOVAZIONE
    Dalla pianificazione al trasporto e posa dei serramenti in PVC, l’intero ciclo produttivo può esser reso più smart grazie all’utilizzo di impianti automatizzati di ultima generazione.
  • RAPIDITÀ
    la presenza di operatori altamente specializzati, di parti del lavoro automatizzate e di grande esperienza sul campo, snelliscono le operazioni, rendendole agili sia nel caso di interventi in ambito domestico che nell’edilizia pubblica e industriale. Il risparmio di tempo significa anche risparmio di costi e svantaggi per il cliente finale.
  • STILE ED ESTETICA
    i gusti sono gusti, non ci piove, ma scegliere serramenti di design, con la giunzione dei profili ad angolo perfettamente allineato e rifinitura liscia e senza sbavature, è una priorità per chiunque selezioni dei serramenti belli ed efficienti. Il PVC è un materiale resistente, versatile ed affidabile, che risponde sia alle esigenze estetiche che a quelle tecniche. Giostrando tra le varie caratteristiche del materiale e valutando tra le specifiche dei produttori di serramenti PVC, possono essere sormontati gli ostacoli difficili e soddisfatte le richieste più particolari.
6 Dicembre 2018 / / Architettura

serramenti bergamoserramenti bergamoserramenti bergamoserramenti bergamoScegliere i giusti serramenti per la propria abitazione è una questione delicata che deve saper coniugare stile e praticità.

Da un lato l’occhio vuole la sua parte, d’altra parte i serramenti devono rispondere a esigenze di sicurezza e confort ambientale.

Ma innanzitutto un chiarimento necessario: cosa si intende effettivamente per serramenti?

Cosa sono i serramenti e differenze

Se non siete esperti operatori del settore, probabilmente utilizzata le parole serramenti, infissi e finestre in modo interscambiabile. La verità è che però ci sono delle differenze tra queste parole.

Gli infissi propriamente detti sono quell’elemento rigido saldato all’edificio. Sugli infissi ci sono normalmente le ante, fissate al muro tramite cerniere, oppure elementi fissi non apribili, come vetrate o pannelli. Il telaio di un infisso può essere realizzato in diversi materiali: alluminio, pvc o legno, ed essere montato tramite tasselli e viti oppure ancorato al muro con un controtelaio.

Con la parola serramenti si intende l’elemento architettonico vero e proprio, che indicano tutti i varchi nella muratura di un edificio, comprendenti finestre, porte, vetrate, ecc. ecc. È nel telaio che vengono montati i serramenti, rendendoli sicuri e affidabili.

serramenti bergamoserramenti bergamoserramenti bergamo

serramenti bergamo

A cosa servono i serramenti

I serramenti all’interno di una casa hanno moltissime importanti funzioni – sapevatelo!

Innanzitutto, i serramenti regolano il passaggio di luce naturale in casa. Ciò significa che tanto più sono grandi e ariosi, tanta più luminosità a costo zero ne ricaveremo. Sono quindi un fattore importante da valutare in termini di risparmio energetico. Se vogliamo pensare di avere una “casa intelligente” dobbiamo tenere in considerazione anche questo importante elemento.

Altra importante funzione dei serramenti è garantire l’isolamento termoacustico dell’abitazione, garantendo sia che non si crei condensa all’interno della casa sia che all’interno sia preservata una certa quiete e distanza dai rumori e dal fastidioso inquinamento acustico esterno.

Infine: i serramenti proteggono a livello di privacy e sicurezza chi è in casa. Ecco perché devono essere sicuri, stabili e solidi.

serramenti bergamoserramenti bergamo

serramenti bergamo

Scegliere i giusti serramenti

Su un tema così specifico ci sarebbe da dire davvero tantissimo. Sottovalutare dei dettagli comporta degli errori non catastrofici, ma che sicuramente pesano moltissimo sull’economia e benessere del vivere la propria casa.
Per questo motivo le aziende produttrici di serramenti si sono molto evolute nella ricerca di materiali e soluzioni sempre più belle ed intelligenti.

L’azienda di serramenti Bergamo CFG ha ideato una linea di serramenti che presenta delle caratteristiche davvero innovative.
Infatti, quest’azienda ha creato una linea di serramenti in PVC realizzati con pvc rigenerato, con lo scopo di offrire un prodotto competitivo sul mercato ma anche rispettoso dell’ambiente e studiati per chi tiene particolarmente al recupero energetico dell’edificio. Questi serramenti sono robusti, funzionali, e razionali, sia a livello di risparmio che di rispetto ambientale, diventando una vera e propria barriera termica ed acustica tra interno ed esterno dell’abitazione.

In generale i serramenti in PVC non hanno bisogno di particolare manutenzione o assistenza, e si puliscono rapidamente con il semplice passaggio di una spugna.

serramenti bergamoserramenti bergamo

I serramenti costituiscono una parte importante del design di un edificio, di cui è meglio non sottostimare il ruolo onde trovarsi poi in situazioni spiacevoli – troppi rumori, o troppi spifferi – poco dopo averli montati.

Con il pretesto del Natale, pensate anche alla vostra casa e regalatele i giusti serramenti!

L’articolo serramenti Bergamo CFG serramenti innovativi, informazioni e differenze in materia! proviene da Architettura e design a Roma.

1 Novembre 2018 / / Architettura

Uno dei maggiori confort che ciascuno di noi vorrebbe ottenere nella propria abitazione è una infnita fonte di luce naturale. Le grandi aperture sulle pareti in voga oggigiorno, possono adempiere molto bene a questo compito, ma quando si entra in una mansarda e non solo, la prima cosa che ci colpisce non è l’illuminazione proveniente dai lucernari nella copertura?

LUCERNARI

Le dimensioni di queste finestre per tetti possono essere differenti e variano a seconda dello spazio a disposizione e dall’inclinazione della copertura. Scegliere da soli può essere una soluzione ma è ovvio che un serio professionista potrà progettare nei dettagli questa tipologia di apertura; consigliando i materiali per il telaio, il vetro, gli eventuali oscuranti e tutto ciò che meglio si adatta per raggiungere il risultato ottimale studiato su misura per ogni progetto.

Una finestra di questo genere, oltre a far entrare più luce naturale nelle varie stanze, renderà gli ambienti più confortevoli, permettendo di recuperare aree inutilizzate del sottotetto e creare degli spazi-gioco per bambini, dei piccoli loft o delle camere per ospiti o semplicemente “rendere vivo” un corridoio o un ingresso.

Alcuni accorgimenti possono rendere ancor più piacevole la combinazione tra questi infissi e il luogo in cui vengono inseriti. Sicuramente l’utilizzo di colori neutri aumenta la luminosità dello spazio e rende ancor più gradevole la sensazione di ampiezza all’interno di una stanza.

Organizzare e sfruttare le travi a vista, per appendere oggetti, lampade, amache…può essere utile quando ogni cm è indispensabile per arredare al meglio.

Infine, creare dei balconi per sfruttare al meglio la superficie e aumentare lo spazio vivibile, è sicuramente un buon modo di investire per garantire comfort in casa.

INFORMAZIONI UTILI.
La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici, con la sostituzione di infissi, comprese le finestre per tetti, è pari al 50%, fino a un valore massimo di 60.000 euro e valida per tutto 2018 con la condizione che siano rispettati i requisiti di trasmittanza termica.

Chi desidera sostituire vecchie finestre per tetti con finestre a risparmio energetico può eseguire i lavori senza chiedere alcun tipo di permesso. L’importante è che gli infissi sostituiti siano della stessa dimensione di quelli precedenti. E’ necessaria la certificazione degli infissi da parte del produttore che può rilasciarla dopo l’avvenuto montaggio.

 

24 Ottobre 2018 / / Architettura

Una tendenza sempre più in voga in abitazioni di nuova costruzione o in case ristrutturate sia in città, montagna, mare o campagna, è quella di riuscire ad avere ampie superifici finestrate che permettano di illuminare abbondantemente gli spazi interni e al contempo lascino godere della vista di splendidi panorami.

In una CASA PASSIVA, queste finestre rivestono un ruolo fondamentale in due sensi: consentono di ridurre la dispersione del calore e permettono di recuperarlo dall’irragiamento solare.

GRANDI FINESTRE

I materiali, le dimensioni delle ampie vetrate e la qualità di posa, non solo determinano l’ingresso della luce e l’isolamento termico ed acustico ma anche l’aspetto esteriore di un edificio. Gli ambienti in&out non hanno più confini delineati e la bellezza dell’esterno dialoga e si fonde con l’interior della casa.

GRANDI FINESTRE

Nella maggior parte delle soluzioni che adottano questa tipologia di serramento,  vengono inserite delle sedute più o meno ampie, per godere al meglio della vista e rilassarsi leggendo un libro o bevendo una cioccolata calda.

GRANDI FINESTRE

GRANDI FINESTRE

Spazi inglobati nella finestra o posizionati di fronte a questa, vengono arricchiti da materassi, coperte e cuscini per completare il confort. Pur avendo dimensioni limitate, anche questo è un luogo della casa da gestire e arredare. Finiture in legno, pietra o mattoni, scelta di colori e tessuti determinano il risultato finale del progetto.

GRANDI FINESTRE

GRANDI FINESTRE

FINESTRE

 

8 Ottobre 2018 / / Architettura

Le porte finestre scorrevoli valorizzano l’ambiente conferendogli uno stile unico.

Porte finestre scorrevoli una scelta di stile

La scelta delle finestre per la propria casa è sempre un passo importante e spesso definitivo. Oltre all’impegno economico, la posa ex novo o la sostituzione degli infissi coinvolge altri aspetti, pratici, estetici e tecnici. Tra le diverse opzioni, quella delle finestre scorrevoli è indubbiamente una scelta di stile, soprattutto nel caso di ambienti che si affacciano su un bel panorama, e diventano un must se danno accesso a una veranda, a un giardino o a un terrazzo. Naturalmente sto parlando di finestre di grandi dimensioni e a tutta altezza, che si possono installare in costruzioni relativamente recenti, svincolate dai sistemi strutturali in muratura portante.

Se si desidera installare delle finestre scorrevoli, è necessario valutarne i pro e i contro e conoscere tutte le tipologie presenti sul mercato.

Pro e contro delle finestre scorrevoli

Le finestre scorrevoli hanno molti vantaggi: maggiore luminosità dell’ambiente, continuità tra interno ed esterno, minore ingombro rispetto alle finestre a battente. Se poi si scelgono serramenti di ultima generazione dai telai sempre più sottili, l’effetto scenografico è assicurato.

Porte finestre scorrevoli una scelta di stile

Tra i contro, possiamo citare il problema sicurezza, risolvibile grazie ai vetri anti-sfondamento ed eventualmente installando un sistema di allarme. Un’altra criticità è rappresentata dal costo, indubbiamente superiore a quello di una finestra a battente; infine, potrebbero esserci problemi di dispersione termica. Per evitare questo inconveniente è importante che il serramentista e il muratore si coordinino per assicurare che il fissaggio del controtelaio al muro avvenga a regola d’arte: per questo si consiglia di affidarsi a professionisti esperti che sappiano affrontare tutte le problematiche del caso.

Tipologie di finestre scorrevoli

Sul mercato sono disponibili diverse tipologie di finestre scorrevoli, a due o più ante, tutte apribili o in combinazione con ante fisse. In base ai sistemi di scorrimento abbiamo:

  • Parallelo semplice: le vetrate scorrono su binari in parallelo. L’inconveniente di questo sistema è che non consente l’apertura integrale di tutto il vano finestra.
  • Traslante: in questa soluzione l’anta mobile trasla verso l’interno per poi scorrere sovrapponendosi all’anta fissa. Anche in questo caso l’apertura del vano finestra non è completo. Il vantaggio rispetto al sistema parallelo semplice è la maggiore maneggiabilità.

Porte finestre scorrevoli traslanti

  • Alzante: adatto per vetrate di grandi dimensioni, consente lo scorrimento grazie ad un comodo sistema a leva che solleva l’anta su appositi rulli. Lo scorrimento poi avviene in parallelo con sovrapposizione su un’anta fissa.

Porte finestre scorrevoli alzanti

  • A Libro: le ante vengono ripiegate a pacchetto si lati dell’apertura: questo sistema ha il vantaggio di aprire tutto il vano finestra.
Porte finestre scorrevoli a libro

Project Designer: Jose Garcia Design//Photographer: Ryan Kurtz

Le finestre scorrevoli possono anche essere a scomparsa: le ante scorrono all’interno del muro, lasciando l’apertura completamente sgombra. Nei modelli di ultima generazione, il telaio è ridotto al minimo e il binario di scorrimento é integrato nel soffitto e nel pavimento, così da formare una superficie unica che collega interno ed esterno. Sicuramente una soluzione di alto livello estetico, che ha l’unico inconveniente di essere la più costosa.

Porte finestre scorrevoli telaio invisibile

Per quanto riguarda i materiali, vedi questo post.

Infissi conformi per maggiori prestazioni

Dal 2010, tutti i serramenti prodotti nell’Unione Europea devono essere marcati CE, ovvero conformi al Regolamento Prodotti da Costruzione (UE) n.305/2011 e alla norma di prodotto UNI EN 14351-1A1:2010. Semplificando, il produttore deve dichiarare il valore prestazione del serramento nei confronti della sicurezza, della permeabilità all’aria,  all’acqua e alla trasmittanza termica. Per quanto riguarda quest’ultima prestazione, importante ai fini dell’isolamento termico, conviene optare per finestre a taglio termico e vetri isolanti. Al momento dell’acquisto degli infissi, controllate che siano a norma, quindi provvisti della marcatura CE completa di tutte le classi prestazionali previste dal regolamento.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

27 Settembre 2018 / / Architettura

Se si decide di trasformare un sottotetto in una mansarda, si possono mettere in pratica alcune accortezze per renderla più luminosa possibile, per creare uno spazio gradevole e accogliente. Si tratta in particolare di sfruttare la luce naturale che filtra dalle finestre, ottimizzando gli spazi e massimizzando comfort e vivibilità.

Finestre e luce naturale

I tipici soffitti bassi delle mansarde restringono gli ambienti, che hanno quindi bisogno di essere resi più ariosi, ed a questo scopo non c’è nulla di più valido della luce naturale. Per portare in mansarda la luce naturale si deve ricorrere alle finestre per tetti, e bisogna scegliere finestre di qualità, che ottimizzino la luce proveniente dall’esterno e aggiungano fascino e valore allo spazio.

Laddove non fosse comunque sufficiente la luce naturale, ci sono dei piccoli trucchi che aiutano a dare luminosità agli ambienti. In particolare, si possono utilizzare il bianco e i colori chiari per gli interni, perché il bianco riflette maggiormente la luce. Si possono, ad esempio, dipingere di bianco le pareti e il soffitto, preferire pavimenti chiari, dare il bianco anche alle travi di legno a vista, se presenti.

Arredi minimali e specchi

Bianchi, o comunque chiari, devono essere anche mobili, arredi e infissi – e anche questo regala luce agli spazi, contribuisce all’illusione ottica. La tipica struttura obliqua delle pareti di una mansarda rende necessario scegliere mobili bassi che non occupano molto spazio visivo, arredi su misura e altri sistemi per ottimizzare gli spazi.

Il consiglio è quello di preferire un arredamento minimale, con linee pulite che aumentano la sensazione di luminosità, che armonizzano i volumi architettonici e assecondano le pendenze del tetto. Anche gli specchi aiutano molto, perché riflettono la luce e danno la sensazione di essere in ambienti più grandi, quindi aggiungerli alle pareti e agli arredi è sicuramente un’ottima idea.

Con le giuste finestre – come, ad esempio, quelle proposte dal brand Sidel – e gli altri accorgimenti indicati, lo spazio ottenuto risulterà infine sicuramente accogliente, gradevole, invitante. La nostra mansarda offrirà un ambiente curato esteticamente e contraddistinto da luminosità ed eleganza.

31 Luglio 2018 / / Idee

Che tipo di serramenti scegliere per la propria abitazione3

I serramenti costituiscono una parte fondamentale delle spese da sostenere al momento della costruzione o del rinnovo di un’abitazione:

scegliere quelli giusti è molto importante, visto che possono incidere in maniera significativa sulla qualità della vita degli abitanti della casa. I materiali utilizzati comunemente per la realizzazione degli infissi sono il legno, l’alluminio e il pvc, ognuno dei quali ha una serie di vantaggi estetici e strutturali e un certo numero di svantaggi.

Quali funzioni svolgono i serramenti?

A livello tecnico si definiscono serramenti gli elementi architettonici realizzati per la chiusura delle aperture ricavate nella muratura. Sono composti quindi di un controtelaio e di un telaio: il primo è costituito dalla cornice fissata al muro alla quale sono a loro volta fissate le parti mobili, ovvero i telai destinati a reggere i vetri. Le funzioni principali degli infissi sono l’isolamento termico e acustico, nonché in seconda battuta la sicurezza degli abitanti della casa. I materiali e le tecniche utilizzate per realizzare e fissare i serramenti influiscono enormemente sulla loro resa a livello di efficacia e di durata.

Che tipo di serramenti scegliere per la propria abitazione sezioni

La struttura di diversi tipi di profili vista in sezione

L’isolamento acustico

L’isolamento acustico offerto dai serramenti dev’essere in grado di consentire agli abitanto della casa un riposo adeguato, quindi deve essere proporzionale al grado di rumorosità della zona in cui si trova l’abitazione. Anche l’altezza dell’appartamento influisce non poco sulla rumorosità di una casa. Per poter godere di un sonno profondo e di un sonno ristoratore, il cervello umano ha bisogno di riposare a una soglia massima di 30dB. Oltre tale soglia il riposo non è efficiente e le condizioni di vita peggiorano sensibilmente.

L’isolamento termico

I serramenti devono essere in grado di assicurare una buona tenuta termica dell’abitazione, soprattutto nelle zone più fredde o soggette a forti escursioni termiche da una stagione all’altra. Questo perché attraverso le finestre e gli infissi avviene una parte consistente della dispersione energetica di un’abitazione: riscaldare una casa costa, e una parte consistente del denaro speso in energia potrebbe andare letteralmente al vento se i serramenti non sono in grado di tenere il calore generato dall’impianto di riscaldamento all’interno della casa.

Caratteristiche dei serramenti in legno

Il legno è il materiale tradizionale per la realizzazione di serramenti. E’ uno dei migliori isolanti naturali conosciuti, ha un’altissima sostenibilità ambientale e un’ottima resa estetica. A fronte di questi vantaggi è indubbio che gli infissi in legno sono piuttosto costosi e che necessitino di una manutenzione frequente, soprattutto se l’abitazione che li ospita è esposta ad agenti aggressivi e corrosivi come la salsedine o una continua esposizione al sole. I serramenti in legno offrono in generale un isolamento acustico migliore rispetto a quelli realizzati con tecniche più moderne ma con materiali metallici che permettono un più facile passaggio delle onde sonore. Questo tipo di finestre è particolarmente adatto a case antiche o che si trovino in un centro storico, non particolarmente esposte alle intemperie.

Che tipo di serramenti scegliere per la propria abitazione

Caratteristiche dei serramenti in alluminio

I serramenti in alluminio sono molto meno costosi di quelli in legno, necessitano di pochissima manutenzione e sono facilmente realizzabili in qualsiasi dimensione e con qualsiasi tipo di finitura, che però non assicurerà mai una resa estetica piacevole come quella offerta dal legno. L’alluminio è inoltre un materiale economico, leggero e riciclabile al 100%. Tra gli svantaggi di questo tipo di infissi c’è però lo scarso isolamento acustico e termico, dovuto al fatto che l’alluminio è un ottimo conduttore: talvolta il problema dello scarso isolamento acustico viene risolto con un’appropriata progettazione e realizzazione degli stessi, all’interno dei quali vengono inserite parti in legno per spezzare la continuità del materiale conduttore.

Che tipo di serramenti scegliere per la propria abitazione

Caratteristiche dei serramenti in PVC

Nel caso di infissi realizzati in PVC, le caratteristiche isolanti dipendono in massima parte dalla qualità degli infissi e dall’accuratezza della loro posa in opera, quindi soltanto marginalmente dalla conduttività del materiale. l’inserimento di vetri doppi all’interno dei telai consente di migliorare sensibilmente le prestazioni degli infissi in termini di isolamento. La resa estetica del PVC è indubbiamente migliore rispetto all’alluminio, mentre il prezzo è leggermente maggiore rispetto a quest’ultimo ma comunque minore rispetto al legno.

Che tipo di serramenti scegliere per la propria abitazione5


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

28 Luglio 2018 / / Idee

Le finestre e porte che vengono abbandonate al loro destino, e lasciate con poca o nessuna manutenzione, possono spesso portare a costose e precoci sostituzioni e come sapete noi amiamo , invece, conservare le cose! Il nostro suggerimento è quello di procedere a una costante manutenzione di infissi e serramenti con Yougenio, scoprendo quanto sia possibile risparmiare nel breve e nel medio lungo termine attraverso un intervento professionale e affidabile.

manutenzione di porte e finestre

Ancor prima di attendere l’intervento di un professionista, ci sono comunque una serie di accorgimenti che potreste prendere in considerazione per mantenere le finestre e le porte in buone condizioni, e ridurre così la portata di ogni intervento.

Per esempio, per le finestre e porte incorniciate in legno, abbiate cura di effettuare una ispezione regolare, per vedere se ci sono crepe nel rivestimento esterno. Tenete in considerazione, infatti, che una fessura nella vernice espone il legno all’umidità, favorendo la decomposizione del legname. Se invece avete finestre e porte in alluminio, siete già a buon punto: le finestre e le porte in alluminio richiedono meno manutenzione e sono perfette per diverse tipologie di proprietà. Sarà sufficiente lavare le finestre esterne, il telaio e le cerniere di apertura un paio di volte all’anno. In questo modo, eviterete accumuli di sporcizia e di umidità (particolarmente importante nelle aree costiere) che possono determinare scolorimenti e danni a lungo termine.

Un cenno specifico è poi legato alle c.d. “strisce meteorologiche”, o più comunemente alle guarnizioni in gomma attorno a porte e finestre: non richiedono manutenzione oltre alla normale pulizia, quando necessario. Utilizzate un panno con un prodotto per la cura del silicone per assicurarsi che le strisce rimangano morbide. Se le strisce diventano rigide, c’è la possibilità che possano perdere la loro efficacia o diventare fragili e, dunque, rompersi.

Passiamo poi alle parti mobili, come le cerniere e le serrature. Assicuratevi di lubrificare tutte le parti mobili un paio di volte all’anno, per potersi assicurare che continuino a muoversi senza intoppi. Se non sono lubrificate, possono deteriorarsi e diventare difficili da utilizzare, portando infine alla possibilità che non funzionino e debbano essere sostituite. Anche in questo caso è molto importante aumentare la frequenza di pulizia nelle zone costiere, in quanto l’umidità marina favorisce l’accumulo di ruggine.

Passiamo poi alla pulizia dei vetri delle finestre. Il nostro suggerimento è quello di usare acqua saponata delicata, una spazzola morbida e un tergipavimento per pulire i vetri delle finestre, in quanto così facendo riuscirete a mantenere l’aspetto originale, garantendo una massima visibilità attraverso le finestre.

manutenzione di porte e finestremanutenzione di porte e finestremanutenzione di porte e finestre

Dunque, giungiamo alle strutture esterne. Pulite i telai esterni due volte all’anno. Aprite le finestre e lavate tutte le superfici disponibili, gli angoli e tutti i pertugi dove gli insetti amano nascondersi. Teneteli puliti per evitare il degrado generale della struttura, considerando che gli insetti possono mangiare la guarnizione della gomma attorno al telaio, favorendo le correnti d’aria e l’afflusso della pioggia. In linea generale, rimuovete le ragnatele, che con il tempo si installeranno inevitabilmente negli angoli e che possono bloccare il drenaggio automatico dell’acqua e la ventilazione naturale attorno al telaio.

manutenzione di porte e finestre manutenzione di porte e finestremanutenzione di porte e finestremanutenzione di porte e finestre

 

Se avete delle finestre in legno e avrete saputo conservarle nel modo giusto, anche nel caso in cui doveste sostituirle con modelliin alluminio o pvc potrete utilizzare per arredare la casa con tante soluzioni di recupero!

riuso porte e finestreriuso porte e finestreriuso porte e finestreriuso porte e finestreriuso porte e finestre

L’articolo Consigli per una corretta manutenzione di porte e finestre proviene da Architettura e design a Roma.

14 Marzo 2018 / / Blogger Ospiti

L’abito non fa il monaco, un libro non si giudica mai dalla copertina…dicono! Tutti sappiamo che spesso non funziona così e che, anzi, non c’è una seconda occasione per fare una buona impressione. Potrebbe sembrare strano, ma a rifletterci bene questo vale anche per le porte e le finestre di casa. Come scegliere i serramenti?

 

I serramenti possono essere di diverse tipologie, i tre leader di mercato in ordine di popolarità, sono: pvc, legno e alluminio. Variante degli ultimi anni è la combinazione di legno e alluminio.

Scegliere serramenti in pvc

Scegliere un serramento in pvc è l’ideale per chi è alla ricerca di una casa funzionale e pratica. I condomini di recente costruzione, le case al mare, montano questo genere di serramenti. Questo perché porte e finestre in pvc si adattano bene a climi rigidi o particolarmente caldi, resistendo alle intemperie. Questa scelta di serramenti è dovuta inoltre al fatto che la resistenza di questi infissi è davvero ottima, durano a lungo. Molte abitazioni oggi installano questi serramenti per la loro resa estetica buona e soprattutto per il loro essere economici. In fatto di ricercatezza ed estetica c’è, però, ancora della strada da fare, le pellicole applicate su questi infissi che regalano l’effetto legno, non ingannano per niente un occhio attento e amante di design e arredo.

Come scegliere un serramento in legno

Se desiderate che la vostra casa trasmetta calore, abbia un richiamo alla natura o se semplicemente ancora non sapere rinunciare al classico e affascinante infisso in legno, dovete esattamente sapere come sceglierlo. Le tipologie di legno per infissi più utilizzate sono rovere, mogano, douglas, larice e castagno. Legno chiaro o legno scuro, spetta a voi la scelta di ciò che meglio si addice a spazi e arredo. Scegliere un serramento in legno significa, oltre che dare una marcia estetica in più alla propria casa, dover prendere in considerazione una spesa per la manutenzione. Sebbene vengano trattati con vernici ad acqua che li proteggono da pioggia e sole, il serramento in legno è naturale e a lungo andare potrebbe marcire per le continue piogge o bruciare sotto il sole pieno.

Scegliere l’alluminio per i serramenti

Pratico, indistruttibile e duraturo. I 3 punti di forza di un serramento in allumino. La resa “industriale” lo rende l’alleato perfetto di spazi urban; un vero peccato non scegliere questo serramento per un loft in centro città con tocchi di nero e illuminazione calda. Scegliere un serramento in alluminio per una casa ad alcuni potrebbe ancora suonare una scelta strana ma così non è. Leggero e senza necessità di manutenzione può essere installato in città, in montagna e al mare. L’unico gap che l’alluminio è chiamato a colmare con pvc e legno è la conducibilità termica; sebbene negli ultimi anni stia facendo passi da gigante, in fatto di dispersione di calore ed efficienza energetica non è ancora a pieno regime.
Il viaggio nel mondo dei serramenti si è concluso… hai capito cosa considerare per scegliere i serramenti?

15 Febbraio 2018 / / Design

Un vasistas è una tipologia di serramento apribile verso l’interno dell’edificio in cui le cerniere sono posizionate sul traverso inferiore e la chiusura, detta cricchetto, su quello superiore.
E’ un sistema che permette all’anta di ruotare verso il basso e l’apertura viene delimitata da appositi fermi, chiamati bracci limitatori d’apertura.
Non va confuso con l’abbaino e con la finestra a sporgere, che apre verso l’esterno.
Ai suoi albori, questo tipo di apertura si utilizzava prevalentemente in quelle finestre che non necessitavano di essere aperte completamente, ma che venivano utilizzate soprattutto per lo scarico di fumi o per il ricambio di aria. Erano tipicamente posizionate nelle parti alte delle pareti e in luoghi difficilmente raggiungibili, pertanto comode da lasciare costantemente aperte.
Nelle abitazioni di oggi è oltremodo semplice trovarle nella stanza da bagno e in cucina, dove si possono arieggiare gli ambienti senza dover completamente dischiudere l’apertura finestrata.
Infatti l’infisso viene installato con un doppio meccanismo di chiusura, uno convenzionale (apertura sul lato lungo della finestra), e uno sul lato corto. In questo modo è possibile utilizzare la finestra aprendo completamente l’anta, oppure mantenendo aperto un semplice spiraglio.
E’ tuttavia consueto che questo sistema venga introdotto dove i padroni di casa lo ritengono necessario e non vi sono limitazioni alle dimensioni delle aperture stesse.
I costi non sono così maggiorati rispetto alla spesa per un serramento tradizionale, ma i vantaggi che ne derivano sono sicuramente da tenere in cosiderazione e farsi consigliare da esperti del settore è sempre utile e proficuo.