Raimbow mania
Un meraviglioso arcobaleno acquerello in salotto per tornare bambini , romantici e poetici
  • Parete arcobaleno per rallegrare gli uffici
  • Raimbow
  • Singapore

Una bellissima carta da parati di Caselio con righe arcobaleno per l’allegro relooking di un appartamento destinato a casa vacanza, Progetto NDAA

Se anche voi amate i colori e avete un animo romantico e un po’ bambino, non potrete fare a meno di essere coinvolti anche voi dall’arcobaleno mania!

Tendenza e design

Uno dei trend allert più divertenti ed energici degli ultimi tempi è sicuramente quello che ha come protagonista l’arcobaleno in tutte le sue accezioni, una vera Raimbow mania.

Vi sarete accorti che ormai gli arcobaleni, fratelli degli amici unicorni, sono da per tutto e non solo per quanto riguarda l’arredamento e il life style dei bambini, che anche grandi aziende e designer come Patricia Urquiola e Cappellini hanno scelto di affrontare questa tematica nell’interior design.

Raimbow mania
Questa serie di imbottiti che imitano l’arcobaleno nella forma e nel colotre è stata disegnata da Lubo Majer per l’azienda slovacca di mobili DIZAJNO
  • Orijeen, studio di Seoul, ha progettato una collezione di mobili colorati,
    Color Flow collection , che sembra cambiare a seconda dell’angolo di visione come un arcobaleno.
  • Anche l’ architettura si fa arcobaleno
  • Rainbow Furniture By Patricia Urquiola
  • Cubit, modular bookcase by Mymito
  • Il famoso frigo Smeg versione multicolor
  • Il divano Air di Lago ha una modularità senza eguali,
    si possono scegliere profondità della seduta l’altezza dello schienale mescolando tessuti e colori

Pareti

Il colore influisce tantissimo sul nostro umore, la
scelta dei colori per dipingere le pareti della casa è una delle più complesse,
perché abbiamo paura di sbagliare, di stancarci, perché un conto è vedere il
colore su una mazzetta o su un campione a parete, un conto è immaginare tutte
le pareti dipinte in quella tonalità.

Insomma quando si parla di colori la situazione non è
mai semplicissima, soprattutto se si parla di muri, eppure c’è qualcuno che in
barba ad ogni timore sceglie il tema raimbow anche per dipingere le pareti di
casa e, come ci dice una briosissima stylist di Los Angles, bisogna lasciare da
parte i timori e tornare bambini!

Esistono carte da parati, spesso più adatte alla camera
dei ragazzi, raffiguranti arcobaleni o a strisce o geometrie multicolor, ma
sono meravigliose anche le fantastiche decorazioni a parete da far realizzare
da decoratori professionali o veri artisti. L’effetto sarà sorprendente e di certo
la vostra casa non sarà più la stessa se lascerete che l’arcobaleno possa entra
tra e sulle vostre mura.

Tanti modi di decorare le pareti con un arcobaleno, non solo la camera dei ragazzi: camere da letto, corridoi, salotti. Arcobaleni colorati, psichedelici, boho chic o stile seexteen ma pur sempre una ventata di energia

Raimbow design
Adesivo murale su stikid
Raimbow design
Carta da parati di Muralwallpapers
raimbow design
carta da parati di Wallpapper, si chiama invasion of the light bulb della collezione Naive ed è stata disegnata da Archmazelab
raimbow design
La casa con pareti arcobaleno di una stylist di Los Angles
Raimbow mania

Arcobaleno e stelle adesive per un angolo magico disponibili QUI

Raimbow mania

Sono piccoli e graziosissimi adesivi che trovate QUI quelli che compongono questa deliziosa decorazione a parete, ma potete applicarli anche su superfici più piccole, come quella di un mobiletto o un cassetto

righe Chevron arcobaleno per la bellissima carta da parati che trovate disponibile QUI in diversi formati

Raimbow mania

Adorabile e perfetto per rallegrare diversi angoli della casa lo stickers 84x49cm con gocce in colori pastello che trovate QUI

Raimbow mania

perché non scegliere un allegro elefante che spruzza acqua arcobaleno per decorare in modo originale la parete della cameretta? Lo trovate QUI

ARREDI

Per i meno audaci, ma in questo caso non ve ne faccio
una colpa in quanto mi rendo conto che le pareti arcobaleno siano davvero
impegnative, sia che decidiate di disegnare un vero e proprio arcobaleno,
bellissima tematica per un murales domestico, sia che utilizziate solo i colori
dello spettro dell’iride, esistono tanti divertenti complementi d’arredo a
forma di arcobaleno.

Ancora una volta si tratta di arredi ottimi per la camera dei piccoli ma che da essa possono uscire per popolare di allegria tutta la casa, come lampade, cuscini e decorazioni a parete; bellissime quelle che spopolano su ogni sito di interior design realizzate in corda e macramè.

Con lo stile raimbow potete rinnovare anche vecchi arredi o angoli della casa, come una scala o le persiane della cameretta, per portare una luce tutta nuova

Sono davvero meravigliose le decorazioni in corda Macramè raffiguranti degli arcobaleni, le potete trovare anche su Etsy realizzate da abili artigiani

Adorabili i cuscini a forma di arcobaleno, non solo per la camera dei bambini, quello a sinistra lo trovate QUI e quello a destra con nuvoletta QUI

  • di In Wood by Cun Sa Linna
  • Un modo davvero creativo di decorare le persiane e far entrare i colori in casa
  • Avete mai pensato a una scala multicolor?
  • Decorazione a parete complementi per un interno arcobaleno
  • Specchio arcobaleno di maison du monde
Raimbow style

Simpatica lampada a batteria a forma di arcobaleno, disponibile QUI

Sedie arcobaleno in sala da pranzo

Raimbow style

Federa per cuscino a colori variopinti, ottimo per ravvivare qualsiasi divano! Lo trovate disponibile QUI

In cucina

Il raimbow style è anche la scelta perfetta per l’ambiente
cucina che in molte case è la stanza più allegra e vissuta da tutta la famiglia
all’interno della casa e allora via a tovaglie, stoviglie, canovacci fino ad
arrivare a una vera e propria cucina raimbow!

Anche la cucina può essere arcobaleno

Tovaglie e tovagliette in versione arcobaleno per tutti i gusti. In alto a sinistra sottobicchieri in lana cotta, antigraffio con pom pom multicolore disponibili QUI di seguito bellissime le tovagliette con arcobaleno vintage che trovate QUI.
In basso a sinistra tovaglia multicolor QUI, al centro tovagliette perfette anche per i gusti più minimalisti, le trovate QUI e infine pois arcobaleno sulla tovaglia che potete trovare QUI insieme a tanti altri accessori per organizzare una festa perfetta

Per una tavola arcobaleno teiera tazze tazzine tovaglia e piatti

Raimbow style
La cucina arcobaleno di un influencer di Los Angles che ha scelto lo stile raimbow per tutta la sua casa

Tappeti

Anche il tappeto è un complemento d’arredo che può
aiutarci a portare l’arcobaleno in ogni stanza dal bagno al salone alle camere
da letto, per le quali potremo scegliere anche parure per il letto tema raimbow;
complementi d’arredo tessili che porteranno allegria ma che se dovessero
stancarci non ci vorrebbe nulla a sostituire.

I tappeti sono un bellissimo complemento d’arredo che con un gesto può portare l’arcobaleno in ogni stanza della casa dal bagno all’ingresso. In alto a sinistra zerbino d’ingresso effetto tavole di legno arcobaleno che trovate QUI, di seguito un bellissimo tappeto variopinto per soggiorno o camera da letto disponibile QUI in varie misure. Al centro a sinistra tappeto con esagoni arcobalena super trendy disponibile QUI in varie misure accanto tappetino per il bagno antiscivolo e antimuffa disponibile QUI. in basso a sinistra tappeto a forma di arcobaleno per una cameretta piena di gioia che trovate QUI; lo trovate QUI infine tappeto colorato perfetto per per ogni ambiente lo trovate QUI

  • Avete sempre sognato un pavimento multicolor? Potete risolvere con una bellissima passatoia
  • Semplici mobili bianchi e un tripudio di colore con il tappeto
  • Salotto creativo
  • Arcobaleno in salotto

Vintage

Altro particolare di questa tendenza che sembra così
millenial è che in realtà si tratta di una decorazione già molto sfruttata
negli anni ‘60’70, dunque l’arcobaleno ha anche un certo fascino vintage e questo
per non dimenticare che i grandi amori fanno dei giri immensi e poi ritrornano!

  • Anche gli arcobaleni possono essere vintage lo sapevate? io no!
  • Una cucina raimbow davvero moderna per avere 60/70 anni
  • Immagine pubblicata su Better Homes and Gardens, una vecchia rivista americana di arredamento, ricette, “come ricevere ospiti” e tutto per la casa. potrebbe essere attualissima ed invece risale al 1975
  • Bagno vintag raimbow
  • Stile anni ’70
  • Bagno arcobaleno, come se fosse stato progettato oggi
  • bellissimo questo interno sixteen con sullo sfondo la meravigliosa
    Ball Chair di Eero Aarnio

Arcobaleno e colori

L’arcobaleno in se è un fenomeno ottico, non tangibile, composto da degli archi di 7 colori, che in ordine dall’esterno verso l’interno dell’arco sono: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola.

Nelle varie decorazioni e complemento d’arredo poi potremo vedere questi colori variare a seconda del gusto del designer, decoratore ecc. fino ad arrivare a trovare delle decorazioni di arcobaleni in bianco e nero o colori neutri, molto lontani dalla realtà; arcobaleni che    comunque mantengono il fascino di questa meraviglia della natura, riconoscibile per i suoi colori, ma anche per la sua famosissima forma ad arco.

Raimbow style
Doppio arcobaleno grigio
Raimbow style
un arcobaleno soft
Raimbow style
Poster in b/n di Pixers
Raimbow style
I colori dell’arcobaleno. Poster di spreadshirt.it

Per quanto possa piacervi o appassionarvi o meno questa tendenza che voi abbiate un animo bambino o siate ormai degli adulti rigorosi e minimalisti se vedrete un arcobaleno nel cielo il vostro cuore non potrà fare a meno di sorridere.

Parola d'ordine raimbow, uno dei trend allert dell'anno più divertenti e gioiosi. La Raimbow mania ha colpito tutti, grandi e piccini, qui tante idee

L’articolo Raimbow mania proviene da Architettura e design a Roma.


lampada da autdoor

Mi è  arrivato un regalo bellissimo e inaspettato, una lampada da outdoor favolosa.

Io non amo le sorprese, perché  di solito subodori sempre qualcosa e a me viene l’ansia, ma quando la sorpresa è  riuscita suscita  davvero una bellissima sensazione!

E fu così che  mi sono vista recapitare a casa un voluminoso pacco con all’interno una meravigliosa lampada di Linea Zero, un’azienda 100% italiana in continua evoluzione dal 1973, esattamente ho avuto il piacere di ricevere tra le mie braccia Queen della nuova collezione outdoor.
Insieme alla lampada c’era una base per caricarla e un telecomando, è  stato semplicissimo capirne il  funzionamento e già  questo è stato un regalo graditissimo.

Si tratta di una lampada da esterno, impermeabile e che può  dunque essere lasciata all’aperto senza preoccupazioni, grazie al telecomando si può  impostare il timer, l’intensità della luce, si può  accendere e spegnere comodamente mentre si sta spaparanzati.

Oltre:
1) alla bellezza dell’oggetto (dimensioni, forma, proporzioni tutto magico)
2) alla qualità  dei materiali tutti certificati, per un prodotto assolutamente made in italy,

3)alla semplicità  di utilizzoo, sembrerà  sciocco ma io sono avversa a qualsiasi forma di tecnologia, invece questa lampada con le sue funzioni high tech l’ho sentita subito mia e mi ha dato una gran soddisfazione!

Oltre a tutto ciò dicevo, la cosa più  bella di questo oggetto è  che… fa subito estate!

La accendi, anche sul tuo piccolo balconcino di città  e ti sembra subito di essere in vacanza sulla terrazza di un bellissimo resort a Ibiza, in Grecia, Sardegna.

Accendi la lampada, una musica che ti piace, ti metti comoda, socchiusa gli occhi e il gioco è  fatto, l’estate, quella bella, spensierata, magica e sempre giovane, arriva tutta in un colpo e ti avvolge.

lampada da autdoor
lampada da autdoor
lampada da autdoor

Certo Queen è  perfetta per il giardino, bordo piscina, una grande terrazza ma ripeto che anche nei nostri piccoli spazi cittadini riesce ad immergerci in un’atmosfera magica.
Poiché  è alimentata da batteria a lunghissima durata possiamo anche portarla con noi in spiaggia o durante un pic nic per vivere delle esperienze bellissime con complicità  e gioia nei luoghi che amiamo.
Grazie a Queen ho potuto assaporare la magia dell’estate anche sul balconcino di casa mia ed è sempre una sensazione bellissima, se anche voi volete rendere la vostra estate più  magica potete acquistare Queen, la lampada outdoor di Linea Zero, nello shop con uno sconto del 25% inserendo il codice promo myinteriordesign2019.

Queen di Linea Zero è una luce da autdoor perfetta da portare con sè, grazie alla batteria ricaricabile a lunga durata, per creare un'atmosfera magica ovunque

L’articolo Queen lampada da outdoor per la luce d’estate proviene da Architettura e design a Roma.

26 Luglio 2019 / / Architettura

arredamenti bar a catania

STAI PER APRIRE UN BAR, MA NON SAI COME ARREDARLO? ECCO QUALCHE CONSIGLIO SULLE PRINCIPALI TENDENZE

Stai per avviare la tua attività e stai cercando informazioni sugli arredi?  Arredare un bar non è semplice come potrebbe sembrare, perché bisogna tenere in considerazione tanti fattori e soprattutto le tendenze del momento, per avviare un’attività che sia al passo con i tempi.

Un bar, inoltre, non è solo un locale commerciale, ma è soprattutto un punto di ritrovo, di aggregazione e di incontro, dove iniziare la giornata con un buon caffè oppure incontrare amici o clienti per conversare.

Di seguito potrai trovare qualche consiglio utile su come scegliere in particolare arredamenti bar a Catania. Se hai qualche minuto a disposizione, potresti trovare spunti utili per arredare un bar che riscuota successo e che attiri sempre molta clientela.

ARREDAMENTI BAR: QUALE STILE TI RAPPRESENTA DI PIÙ? ECCO 3 STILI FRA I PIÙ RICHIESTI AL MOMENTO

Se pensi agli arredamenti bar a Catania, a Roma, a
Napoli o a Milano, perché stai avviando una tua attività, il primo aspetto su
cui focalizzi la tua attenzione è certamente lo stile che preferisci dare al
locale. Quando entri in un bar, infatti, la prima cosa che noti è proprio
l’arredamento e quindi il suo stile. Un tipo di attività come quella di un bar
deve curare principalmente l’aspetto estetico, in quanto gioca un ruolo fondamentale per attirare il cliente.
Naturalmente lo stile degli arredi bar deve rispecchiare i tuoi gusti, oltre ad
essere accattivante ed avere una forte personalità.

Fra le ultime tendenze per l’allestimento bar, tre
sono quelli maggiormente diffusi, che donano al locale un tocco di personalità
e carattere tali da attirare sempre clientela se ben studiati.

1. Arredamento bar in stile “industry”

Uno stile di arredamento bar molto in voga di recente, caratterizzato da ambienti open space, arredati con elementi in ferro, legno e lavagne a parete. Questo stile predilige lampade in stile industriale, tinte scure e pavimentazione in resina o cemento.

Per i rivestimenti alle pareti ritroviamo spesso le classiche mattonelle rettangolari stile subway o ancora effetto resinato. Gli arredamenti bar a Catania in stile industry donano quel tocco giovanile e di novità al locale, offrendoti la possibilità di personalizzarli a tuo piacimento.

arredamento bar Catania
arredamento bar Catania

2. Arredamento bar in stile shabby chic

Questo stile, in voga non soltanto per attività commerciali, ma anche per arredare case e ville di campagna, ma ormai molto apprezzato anche per le case di città. E’ caratterizzato da complementi d’arredo dal gusto retrò e a tratti provenzale. Per gli arredamenti bar a Catania in stile shabby chic ti consigliamo l’utilizzo di mobili in legno naturale o bianco sporco, oggetti d’epoca e tinte pastello per le pareti.

C’è anche uno shabby rustico maggiormente caratterizzato da elementi “campagnoli” , vimini, legno grezzo e decorazioni naturali.

Arredamento bar in stile moderno

Ciò che caratterizza lo stile moderno negli arredamenti bar a Catania e nelle città di tendenza è il gusto minimal senza decorazioni, mescolato ad effetti cromatici realizzati mediante l’utilizzo di luci a led bianche o colorate. Come colore per i mobili e le pareti troviamo spesso tinte scure, colori decisi oppure bianco o nero lucido.

Se vuoi maggiori informazioni circa gli arredi bar più in voga in questo momento oppure vuoi essere seguito da un esperto per avviare un’attività di successo fin da subito, consiglio in ogni caso di rivolgersi ad aziende specializzate proprio in questo tipo di settore, che sapranno indicare con assoluta certezza quali sono gli allestimenti di un bar più adatti ai tuoi gusti e sapranno curare con particolare attenzione e professionalità la parte tecnica.

L’articolo ARREDAMENTI BAR: IDEE E SUGGERIMENTI proviene da Architettura e design a Roma.

25 Luglio 2019 / / Architettura

Finalmente vi parlo di un altro mio lavoro.

L’anno scorso è successa una cosa fighissima: che una donna fighissima mi abbia chiesto di progettare il locale che stava per aprire…in CINA!

La richiesta
è arrivata improvvisa e frettolosa ma carica di entusiasmo e di allegria e sono
stata travolta dal vortice, dall’energia, dalla caparbietà e allegria di questa
ragazza e del compagno.

In Cina a Changsha,
nella regione del Hunan, è stato realizzato un immenso e bellissimo parco a
tema ITALIA che ha inaugurato il 28 settembre scorso e questi avventurosi
ragazzi hanno deciso di aprire un locale, con prodotti tipicamente italiani o
meglio romani, all’interno del parco.

Frutto della collaborazione tra un’importante società cinematografica cinese attiva nel settore dell’intrattenimento, e la creatività degli italiani, questa nuova Little Italy è in realtà un originalissimo parco divertimenti, costruito come se fosse un borghetto nostrano con ristoranti, cafè e negozi in puro stile italiano, si chiama hb Italian town Changsha ed è dedicato alle eccellenze italiane.

Il mio
compito è stato quello di progettare il locale a distanza, supportata da tutta
la squadra di progettisti Cinesi prima ed esecutori dopo.

come arredare un locale

Roberta e il
suo compagno sono stati bravissimi nell’aiutarmi a realizzare tutto nel minor
tempo possibile, con le idee chiare e tanto entusiasmo, abbiamo progettato un
locale affascinante, funzionale, moderno, di design e che in qualche modo
richiamasse anche alcuni elementi dell’Italia come le mattonelle che imitano le
vecchie cementine e che tanto successo hanno riscosso, al punto che i
visitatori entrano per fare le fotografie e il video promozionale è stato
realizzato nel loro ristorante e le cementine immortalate!

Abbiamo
utilizzato questo rivestimento per la porzione di parete dietro al banco di
lavoro per un tappeto al centro del pavimento del locale, incorniciato da altro
gres effetto parquet e per rivestire i due parallelepipedi delle casse, una
integrata nel bancone e una all’ingresso.

  • Le cementine e il legno sono due degli elementi caratterizzanti questo locale e che vogliono ricordare l’italia e le fraschette in una veste elegante e contemporanea
come arredare un locale

Il bancone e
una lunga ed elegante boiserie in legno sormontata da tutte le vetrine e i
piani per l’esposizione e la preparazione dei cibi, al centro del locale ci sono
degli scaffali espositori, anch’essi disegnati da noi, dalla forma tondeggiante
e morbida che accompagna l’incedere dei visitatori tra gli scaffali dove si
possono acquistare prodotti tipici italiani, è presente anche il banco
gelateria, dei tavolini e piano snack per una degustazione veloce. In questo
ambiente dai tratti rustico contemporaneo, che richiama un po’ l’atmosfera
delle nostre fraschette, abbiamo inserito sgabelli e luci di design per creare il
giusto contrasto e donare il tocco di stile che ci contraddistingue.

come arredare un locale
Italian Moodboard!

  • Work in progress e tanta polvere per gli scaffali espositori!
  • Cementine vintage e sgabelli di design
  • schema bancone

Per l’illuminazione è realizzato un controsoffitto con faretti perimetrale e specifico per illuminare la parte operativa, mentre al centro del locale sopra gli scaffali abbiamo creato due installazioni luminose originali con due vecchie scale e lampadine, anch’esso simbolo della creatività che contraddistingue l’Italia e della mia personale passione per l’upcicling!

come arredare un locale
le eleganti lampade pendenti nere illuminano e decorano il bancone, la parte retro banco è invece illuminata da faretti tecnici, che si ripetono su un controsoffitto perimetrale al locale
  • Pianta dell’illuminazione
  • Al centro del locale è stata realizzata un’istallazione luminosa creativa con scale e luci

Ho dovuto provvedere alla progettazione anche degli ambienti tecnici, bagno, spogliatoio, laboratorio ed anche se a volte la comunicazione è stata complessa devo dire che i Cinesi sono davvero ben organizzati e tutto era pianificato per poter lavorare al meglio.

Roma 900 è
così sbarcato in Cina in tutto il suo splendore e sono orgogliosa e grata ai
ragazzi di avermi dato la possibilità di fare questa esperienza e chissà…magari
di andare a Changsha a vederlo dal vivo, sarebbe bellissimo.

L’articolo Come arredare un locale…in Cina! proviene da Architettura e design a Roma.

23 Luglio 2019 / / Decor

Sapete
cosa è il wrapping?

Il
wrapping nasce come un metodo di decorazione e personalizzazione delle
automobili e delle barche, tramite l’applicazione di pellicole, ma questa
stessa tecnica si può utilizzare anche nell’arredamento

Il termine inglese “wrapping” deriva dal verbo “to
wrap”, cioè “avvolgere “e possiamo intenderlo come
rivestimento” di qualcosa, nel caso
dell’arredamento di un mobile o una qualsiasi altra superficie.

Questo tipo di metodo per rinnovare l’arredamento
offre dei risultati davvero meravigliosi con un investimento minimo, possiamo
vederlo ad esempio nel caso della cucina.

  • Car Wrapping
  • Rivestimento con pellicole professionali APA
  • Con il wrapping possiamo personalizzare tutte le superfici
  • Si tratta di pellicole autoadesive o termoformanti
Si possono rivestire tutte le superfici anche i termosifoni…
Grazie alle pellicole per il wrapping, nate per il mondo delle automobili, possiamo decorare e cambiare volto ai nostri arredi con poca spesa e poco tempo
…e le forme più particolari

Rinnovare la cucina con il wrapping

In un ambiente con mobili ingombranti come quello
della cucina abbiamo modo di cambiare facilmente il look con poche mosse grazie
al wrapping, certo una scelta molto meno dispendiosa che comprare una nuova
cucina! Con il wrapping i vostri mobili non saranno davvero più gli stessi.

Comincio con il parlare proprio dell’ambiente
cucina, poiché spesso è uno di quelli più complessi da rinnovare, perché
potrebbe non bastare sostituire qualche piccolo complemento, ma spesso di sente
il bisogno di rinnovare completamente gli ingombranti mobili che compongono
questo ambiente e allora il wrapping potrebbe essere un’ottima soluzione.

Anche il frigorifero è uno di quegli elementi che
possiamo rinnovare grazie alla pellicola autoadesiva.

wrapping su arredi

Carta adesiva in PVC specifica per l’ambiente cucina è Waterproof, Antibatterica, Antivegetativa e Anti-umidità; la trovate QUI anche in altri colori

wrapping su arredi

Mi piace tantissimo la pellicola adesiva a motivi geometrici bianchi e neri, perfetta anche per la cucina, che trovate QUI

  • con il wrapping si può personalizzare la cucina nei modi più creativi
  • DEcorazione by Demart.it
  • Decorazione a righe colorate realizzata da Demart.it
  • Bellissimo e contemporaneo l’adesivo per frigo con elementi geometrici effetto acquerello by PIXERS
  • Diamo libero sfogo alla fantasia anche in cucina grazie alle pellicole professionali e al wrapping
  • Vi piace la cucina piccante?!

Possiamo rinnovare con l’applicazione di una pellicola decotrativa anche il frigorifero. In alto a sinistra pellicola per realizzare un frigo coca cola dallo stile vintage su demart.it di seguito, per i patiti degli stati uniti, una vista NY city che trovate QUI. In basso a sinistra pellicola effetto lavagna per prendere appunti sul frigo, la trovate QUI e in fine una coloratissima decorazione disponibile QUI

Rinnovare gli armadi con il wrapping

Un altro elemento molto voluminoso e dispendioso, oltreché
scomodo da sostituire, può essere l’armadio, anche in questo caso ci potrebbe
venire in aiuto la tecnica del wrapping per rinnovarlo, anche e soprattutto nel
caso dell’armadio della cameretta dei bimbi che crescono e che hanno bisogno di
un armadio che stia al passo con i lori gusti e per il quale potrebbe essere
sufficiente cambiare il rivestimento.

  • Se abbiamo un semplice armadio da adattare alla cameretta possiamo persoanlizzarlo con il wrapping
  • Cameretta semplice, decoro speciale
  • un semplice armadio bianco diventa un murales speciale
  • Classico e moderno si incontrano con la creatività
  • Molto bello il decoro effetto acquerellato proposto da Pixers
  • Wrapping romantico!
  • L’armadio a 4 stagioni cambia completamente volto con poca fatica e poca spesa
  • E’ un lavoro di Demart.it questa della decorazione che include anche la tenda

Carta autoadesiva In Pvc Impermeabile effetto laccato adatta anche al rivestimento di armadi disponibile QUI in diversi colori

Rinnovare un’attività commerciale con il wrapping

Per quanto riguarda la mia personale esperienza con
il wrapping, grazie a questa tecnica ho potuto rinnovare con successo il
bancone di una pizza a portar via e la scala di un locale commerciale,
facendola diventare una bellissima scala di colore, nel vero senso della parola!

Questa pratica è certamente utile, infatti, anche
per rinnovare gli arredi o gli ambienti di locali commerciali che sicuramente
hanno bisogno di colpire l’occhio degli avventori e clienti, necessito di un
ottimo risultato che abbia un buon rapporto qualità prezzo e di materiali
professionali specifici per ogni utilizzo impermeabili, ignifughi, antigraffio,
antibatterici ecc.

  • Rinnovo del bancone di una pizzeria take away su nostro progetto con la collaborazione della decoratrice Francesca Rossetti e realizzazione di Rosso Creativo
  • Porte rinnovate per i bagni pubblici
  • Bancone e parete rinnovati con un nuovo concept realizzato da Imprinting Roma
  • Negozi ed uffici si rinnovano e personalizzano con il Wrapping
  • La parete dell’ascensore diventa molto più elegante e di rappresentanza con la finta boiserie realizzata con pellicola
  • Il relooking realizzato su nostro progetto per la scala della Factory di imprinting digitale a Milano
  • Con le pellicole decorative le pareti prendono vita
  • Il bancone è l’elemento più caratterizzante di un locale e dobbiamo dedicargli molta attenzione

Altro bancone rinnovato con la pellicola adesiva

Rinnovare gli arredi con il Wrapping

Possiamo poi procedere a rinnovare con questo metodo
qualsiasi superficie e complemento desideriamo e, anche se per i più piccoli
come cassettiere e comò può essere più rapido e semplice l’utilizzo di carta
adesiva grazie ad un divertente fai da te, certamente dovremo utilizzare
pellicole speciali e ad altissima resistenza per superfici ad alto utilizzo
come, ad esempio, i piani dei tavoli.

Possiamo davvero dare libero sfogo alla nostra fantasia e decorare come più ci piace gli arredi di casa facendoli diventare unici e creativi

Per rivestire le superfici dei tavoli, in particolare, occorrono pellicole molto resistenti: antigraffio, impermeabili e ignifughe

wrapping arredi

Rivestimento effetto legno adatto a ricoprire superfici di legno, metallo o ceramica, lo trovate QUI

Pellicole professionali

Per rivestire i mobili col wrapping ci si serve di
speciali pellicole autoadesive plastificate di altissima qualità, nei
colori e disegni più svariati. Certo a noi è spesso capitato di parlare anche
di carta adesiva per rinnovare gli arredi ma in questo caso si tratta di Pellicole adesive, impiegati per la
copertura di mobili, pareti, pavimenti e vetri dalle caratteristiche altamente
prestazionali, ogni tipo di adesivo ha la sua applicazione, le sue proprietà e la
sua resa specifica, in funzione del tipo di superficie che si vuole decorare.

Questi
nuovi adesivi hanno una tenuta ottimale, vestendo tutte le tipologie di
superfici in modo perfetto, ogni superficie può essere personalizzata a piacere
ed il risultato finale è sempre sorprendente.

I
grandi vantaggi in utilizzo degli adesivi sono senz’altro il costo ed i tempi
contenuti rispetto ad altre lavorazioni, e con poche mosse potrete rinnovare in
maniera rapida e sorprendente l’intero arredamento, soprattutto i mobili più
ingombranti per i quali pensavate di non avere speranze!

wrapping arredi

Le speciali pellicole sono adatte a rivestire anche i mobili del bagno grazie a proprietà antimuffa, impermeabile e traspiranti

Per lavori più complessi servono figura professionali ma anche per i piccoli lavoretti fai da te occorrono i giusti strumenti come quelli che trovate anche QUI

Pellicola lucida con stampa in bianco e nero, termoformabile, specifica per il car wrapping, disponibile QUI

    wrapping su arredi

    L’articolo Wrapping rinnovare gli arredi con le speciali pellicole professionali nate per la carrozzeria proviene da Architettura e design a Roma.

    20 Luglio 2019 / / News

    architettura accessibile

    Tra Firenze e Caserta, rispettivamente il 26 giugno e il 1° luglio, si sono svolti degli incontri dal titolo “Universal Design – Per un’architettura accessibile, funzionale e confortevole per tutti” durante i quali si è discusso dell’importanza di ideare e progettare gli spazi in modo tale da garantire il benessere abitativo, nonché di cambiare la forma delle città e degli edifici rendendo ogni ambiente adatto a chiunque senza alcun tipo di discriminazione. Anche la continua evoluzione della tecnologia e tutte le nuove invenzione ci vengono incontro per riuscire ad abbattere le barriere architettoniche, dalla pedana montascale ai sistemi in alluminio per finestre scorrevoli e facciate, fino ai nuovi elettrodomestici che possono essere controllati a distanza tramite apposita applicazione sullo smartphone.

    Obiettivi

    L’obiettivo dei due incontri è stato quindi quello di far capire che nella realizzazione di nuovi scenari di architettura devono essere messe al centro le persone e le loro esigenze così da realizzare spazi che siano facilmente fruibili da chiunque a prescindere dall’età, dal genere, dal background culturale e dalle capacità fisiche e sensoriali di ognuno, ma il termine Universal Design non è un’invenzione recente anzi, è stato introdotto nel 1985 da un architetto americano di nome Ronald L. Mace che, affetto da poliomielite sin da bambino, ha dedicato tutta la sua vita ai temi della progettazione accessibile.

    architettura accessibile

    Nascita dello Universal Design

    Mace, infatti, costretto sulla sedia a rotelle già a nove anni, si è sempre trovato davanti a numerose difficoltà nell’accedere a determinate strutture, comprese quelle presenti nel campus della North Carolina State University in cui si è laureato proprio in architettura. A partire dalle sue stesse esperienze, Mace introdusse il termine Universal Design e lo definì come la progettazione di prodotti e ambienti che siano utilizzabili da tutte le persone, nella misura più ampia possibile, senza necessità di adattamento o progettazione specifica. Secondo Mace, quindi, il design universale non è una disciplina che realizza degli oggetti specifici per persone con specifiche esigenze ma, piuttosto, una disciplina in grado di realizzare prodotti che siano adatti alla più ampia gamma di persone, degli spazi che possano essere fruiti, utilizzati e compresi indistintamente da tutti.

    Nella realizzazione di uno spazio non bisogna quindi rispondere ai bisogni specifici di una fetta della popolazione, o realizzare ambienti che siano destinati ad una minoranza della popolazione ma progettare spazi che incontrino i bisogni di tutte le persone che desiderano utilizzarlo.

    architettura accessibile

    I sette principi dello Universal Design

    Il design, per essere definito buono, deve creare un ambiente accessibile, utilizzabile, comodo e piacevole e, soprattutto, che può essere usato da tutti. Nel 1997 il Centre for Universal Design , composto da architetti, designers, ingegneri e ricercatori guidati proprio da Ronald L. Mace, ha definito i sette principi dell’Universal Design con lo scopo di guidare la progettazione di spazi, prodotti e comunicazione.

    I sette principi possono essere utilizzati anche per valutare i prodotti già esistenti sul mercato, per guidare il processo di progettazione e per educare architetti e design, ma anche i consumatori, sulle caratteristiche di prodotti e ambienti.​I sette principi dell’Universal Design

    1. Usabilità equa : il design deve essere utile e vendibile a chiunque. Questo significa che l’oggetto o lo spazio deve fornire lo stesso significato di utilizzo a tutti, identico se possibile o almeno equivalente. È importante quindi evitare ogni tipo di categorizzazione del fruitore.

    2. Flessibilità d’uso : il design deve sapersi adattare alle preferenze e alle abilità individuali, quindi offrire una scelta nei metodi d’uso e permettere una maneggiabilità sia sinistra che destra.

    3. Uso semplice e intuitivo : il prodotto deve risultare facile da capire, a prescindere dall’esperienza, dalla conoscenza e dalle abilità linguistiche del fruitore. È importante eliminare quindi tutte quelle complessità superflue e far corrispondere il prodotto alle aspettative di chi lo acquista.

    4. Informazione percettibile : il design deve saper comunicare efficacemente tutte le informazioni necessarie al fruitore, a prescindere dalle sue abilità sensoriali. Il prodotto deve quindi offrire metodi diversi per poter presentare le informazioni essenziali, a livello visivo, tattile, ecc. e deve saper differenziare le informazioni essenziali da quelle secondarie. È fondamentale la leggibilità delle informazioni e che il prodotto sia compatibile con una varietà di tecniche o dispositivi usati dalle persone con limitazioni sensoriali.

    5. Tolleranza per gli errori : è importante minimizzare i rischi o le conseguenze accidentali pericolose. È fondamentale quindi prevedere eventuali errori e pericoli ma anche scoraggiare l’utilizzo scorretto del prodotto.

    6. Sforzo fisico contenuto : il design può essere utilizzato efficientemente e comodamente con il minimo sforzo. Per poter essere universalmente utilizzabile, il prodotto deve permettere una posizione neutra del corpo durante il suo utilizzo, con il minor sforzo fisico possibile e col minor numero di azioni ripetitive.

    7. Dimensione e spazio per approccio e uso : dimensione e spazio devono essere garantiti per poter utilizzare il prodotto, indipendentemente dalle dimensioni del corpo, dalla postura e dalla mobilità fornendo allo stesso tempo una chiara visualizzazione e il facile raggiungimento degli elementi da cui è composto, offrendo quindi anche lo spazio necessario per gli ausili o il personale d’assistenza. ​

    architettura accessibile

    L’articolo Universal Design: l’evento dedicato all’architettura accessibile proviene da Architettura e design a Roma.

    18 Luglio 2019 / / Idee

    Come ogni anno l’estate è la stagione delle grandi opere in giardino, anche questa volta mi sono convinta che bisogna darsi una mossa per riprendersi quello che la natura ci ha strappato durante i mesi freddi. Quest’anno l’edera che si arrampica sul muro dietro casa ha conquistato la totalità della parete, fino ad arrivare a toccare la facciata, dando alla villetta al mare un’aria quasi selvaggia. I rami degli alberi attorno a casa hanno invaso il portico all’entrata e anche se portano una piacevole ombra non voglio immaginare quando inizieranno a perdere le foglie, sarà a dir poco un’avventura spazzarle via tutte.

    Un’altra
    cosa che avrei tanto voluto fare ma non ho mai avuto il tempo, era costruire
    una tettoia per la mia auto, che come ogni estate prende sole tutto il giorno,
    pioggia quando questa si alterna al sole, grandine, neve e chi più ne ha più ne
    metta. Per fortuna ho scoperto che con una spesa ridotta è possibile farsi
    spedire una tettoia prefabbricata e risolvere il problema una volta per tutte.

    tettoia di legno

    I lavori in giardino possono essere affrontati in vari modi, ci sono quelli che li vedono come un passatempo a cui dedicare la mezz’oretta che passa tra l’arrivare a casa e che sia pronta la cena, altri invece prendono quest’hobby come una vera e propria professione. Veniamo quindi ad un aspetto del giardino che spesso viene trascurato, soprattutto in quelle proprietà in cui si trascorre poco tempo e le vacanze sono sempre troppo corte per fare lavori importanti. Sto parlando di una tettoia per la vostra auto.

    Molti
    nemmeno si pongono il problema di come starà il nostro veicolo parcheggiato
    sotto il sole per due settimane o più, altri addirittura preferiscono abbandonare
    l’auto in parcheggi di fortuna, spesso a rischio multa, danni o addirittura
    sparizione. Insomma il parcheggio davanti a casa se si ha un giardino è
    qualcosa che andrebbe riconsiderato, soprattutto se siamo di quelli che appena
    vedono un  benché minimo graffio sulla
    carrozzeria inneggiano subito alla tragedia.    

    tettoia di legno

    Non
    sai costruire una tettoia? Comprala già fatta spendendo davvero poco

    Come
    fare però se non si ha il tempo di costruire una tettoia, non si possono
    affittare garage perché troppo cari e magari lontani, il problema sembra quindi
    risolvibile attraverso un’unica via, ricorrere ad una tettoia prefabbricata che
    possa fungere sia da riparo per i nostri veicoli che da gazebo per le nostre
    giornate in famiglia o con gli amici all’aria aperta.

    Ovviamente
    ci sono modelli per tutti i gusti in modo da soddisfare le esigenze di quelli
    che cercano sempre il massimo ed anche di coloro che si accontentano di
    qualcosa di semplice. Il concetto fondamentale quando si cerca una tettoria
    prefabbricata è che questa eserciti al meglio la funzione per cui la stiamo per
    acquistare. Vale a dire che non avrebbe senso cercare un prodotto dal prezzo
    elevato se poi non abbiamo mai intenzione di utilizzarlo per quello che
    vorremmo. Immaginiamo per esempio di comprare una tettoia con pareti e
    finestre, alzando quindi il prezzo, ma poi ci rendiamo conto che vista la
    posizione di casa nostra rispetto alla strada, ci saremmo trovati molto meglio
    con una tettoia totalmente aperta ai lati, in modo da potervi accedere da varie
    direzioni.

    Come
    in tutte le attività che si possono realizzare in giardino, anche in quella di
    piazzare una tettoia ci vuole un certo impegno 
    e sicuramente un rapido calcolo preventivo. Il primissimo fattore su cui
    concentrarsi infatti è lo spazio a disposizione, a seconda che noi abbiamo un
    terreno di piccole dimensioni oppure un ettaro intero, restiamo ancorati al
    primo consiglio dato in precedenza. Che uso faremo della nostra tettoia? Ecco
    che entrano in gioco i vari modelli disponibili capaci di sopperire le
    necessità dei più esigenti e allo stesso tempo di venire incontro a chi non
    richiede particolari attenzioni. Se sei interessato, compralo qui

    Non
    tutti i legni sono uguali, cerca prodotti certificati FSC

    Se cerchi per esempio una casetta che faccia da magazzino per gli attrezzi a cui può essere collegata  una tettoia sotto la cui ombra posteggiare l’auto, potresti essere interessato ad un modello garage in legno + tettoia, in modo da godere della comodità di un parcheggio proprio affianco al garage o capanno degli attrezzi. Ci sono poi quelli che necessitano solo di una bella e robusta tettoia, che sia aperta e leggera, capace però di resistere alle intemperie.

    Ovviamente a seconda del veicolo, anzi dei veicoli che vorremmo ospitare cambiano le misure disponibili, in ogni caso potrete contare meglio puntare su legni ottenuti da pino nordico a crescita lenta, uno dei migliori legni provenienti da foreste accuratamente certificate. Come risaputo le conifere danno un tipo di legno particolarmente rinomato per la costruzione, basti pensare a tutti i paesini di montagna in cui il principale materiale di costruzione è in moltissimi casi il legno delle foreste circostanti, quasi sempre di pino o di abete.

    Un consiglio generico ma molto importante rispetto al legno riguarda l’impregnate, fondamentale soprattutto se ci troviamo in località particolarmente soggette ad intemperie. Le tavole spesse in alcuni casi oltre 20 cm saranno così isolate e non rischieranno di assorbire l’umidità presente nell’aria oltre che all’acqua diretta quando piove, garantendo così una durabilità maggiore.

    Un
    altro aspetto di cui tenere conto è la possibilità di adattare la struttura
    alle esigenze del terreno e dei nostri veicoli. Se per esempio ci interessa una
    tettoia con doppia entrata, oppure una che ci garantisca un tetto rinforzato
    per darci un maggior senso di sicurezza.

    tettoia di legno

    Le
    tettoie realizzate con legno proveniente da foreste certificate devono essere
    approvate dal processo di certificazione FSC, un esigente processo di
    monitoraggio che permette agli addetti di controllare periodicamente che le
    foreste o comunque le aree in cui vengono reperiti i materiali legnosi
    rispettino gli standard per dimostrare che si opera in modo responsabile dal
    punto di vista ambientale, economico e sociale, questo significa che una
    certificazione FSC permette al cliente di confidare in un materiale che
    proviene da una foresta gestita secondo principi responsabili.

    Ci sono infatti dieci regole principali a cui i richiedenti certificazione FCS devono attenersi, ad esempio l’organizzazione richiedente la certificazione deve dimostrare di operare rispettando tutte le leggi ed i regolamenti ambientali della zona in cui è situata, cercando inoltre di mantenere o migliorare il benessere sia dei propri lavoratori che delle comunità locali, in questo modo si crea un ambiente responsabile in cui non si assiste a sfruttamento delle materie prime e soprattutto delle persone.

    tettoie in legno

    L’articolo Smetti di lasciare l’auto alle intemperie, anche lei merita una tettoia proviene da Architettura e design a Roma.

    12 Luglio 2019 / / Idee

    Cambiare casa è il sogno 
    di tutti. Cerchiamo ad ogni costo un nido che sia più confortevole, più
    luminoso, più spazioso, più vicino al centro. Insomma, più. Ovviamente però ciò
    di cui dobbiamo occuparci qualora dovessimo cambiare casa è il trasloco del suo
    contenuto.

    La maggior parte di coloro che si trasferiscono da una casa all’altra è presa da stress e nervosismo per la miriade di cose da fare. Ci sono pacchi da fare, da trasportare, misure da prendere nella nuova casa, senza poi contare l’iter burocratico, la questione delle utenze domestiche e così via.

    Due tra le mie più care amiche negli ultimi mesi si sono trovate ad affrontare un trasloco molto impegnativo e quindi, anche se di riflesso, ho vissuto da vicino questo evento molto importante e stressante.

    La cosa migliore è cercare di gestire l’ordine e la sistemazione di ogni cosa da spostare così che nella nuova casa avremo tutto a portata di mano. Ma come fare ad organizzare un trasloco nel migliore dei modi.

    La fase dell’impacchettamento

    Durante il trasloco la prima cosa che bisogna fare è impacchettare tutti i nostri effetti personali.
    Anche i mobili vanno incellofanati, cosi come elettrodomestici e biancheria,
    bisogna curare tutto nei particolari.

    Il che significa solo una cosa. Ovvero muniamoci di
    scatoloni, scotch da imballaggio e tanta dose di pazienza e iniziamo a mettere
    a posto! Potrebbe essere importante catalogare ogni scatolone così da sapere in
    ognuno di essi cosa c’è.

    • transport cardboard boxes with books and clothes, relocation concept

    Il trasporto

    Se intendiamo risparmiare sulla fase di trasporto potremo
    noleggiare anche un furgone nelle agenzie apposite. Anzi più nello specifico se
    abbiamo una casa dal primo piano in poi per trasferire gli scatoloni da su a
    giù, possiamo noleggiare anche le piattaforme
    aeree per traslochi
    . Si tratta di mezzi molto importanti e maneggevoli
    facili da usare, che possono rendere più facile e agevole lo spostamento dei
    pacchi da un piano al furgone.

    Le piattaforme aeree risultano uno strumento estremamente utile e sfruttare appieno la loro tecnologia ci faciliterà nelle operazioni di trasloco e ridurrà drasticamente anche alcune operazioni che a volte possono essere pericolose da sostenere manualmente. (su centroelevatori.com ci sono molti modelli di piattaforme aeree usate e nuove disponibili  per organizzare il tuo trasloco al meglio)

    Le piattaforme aeree per traslochi

    La piattaforma aerea per traslochi aiuta a trasportare oggetti molti grandi e pesanti
    che sono impeditivi da spostare lungo porte o scale strette. Per cui essa rende
    più facile e veloce il trasloco,
    spostando le merci attraverso una finestra o un balcone. L’uso di tale
    attrezzatura è anche sicuro, poiché i pacchi non vengono sballottati e quindi
    non si rischia che qualcosa si rompa.

    Grazie alla piattaforma aerea si possono trasportare anche i materiali da lavoro
    durante una ristrutturazione, come calce, cartongesso, cemento e le piastrelle.

    Comunque sia,  tornando
    ai traslochi, ai questo punto siamo pronti a mettere tutto nel furgone per
    andare all’avventura verso la nostra nuova casa.

    Affidarsi ad un’agenzia di trasloco

    Ed invece per tutti coloro che non vogliono in alcun modi
    stressarsi con l’organizzazione del trasloco, ci sono a disposizione molte
    agenzie di trasloco in grado di occuparsi praticamente di tutto.

    Dopo aver effettuato un preventivo per sapere quanto più o
    meno si intende spendere, l’azienda di trasloco si impegna anche ad occuparsi
    della questione degli scatoloni. Dopo aver riposto tutto negli scatoloni
    (previamente dati da loro) gli addetti faranno il resto.

    Si occuperanno con estrema cura dei nostri pacchi facendo
    attenzione alla fragilità eventuale del suo contenuto quando li trasportano.

    Tra l’altro quel la piattaforma
    aerea per traslochi
    è un mezzo d’obbligo per colori che intendono
    trasportare per via aerea i pacchi dalla casa al furgone. In tal modo il
    trasloco non sarà mai stato così semplice e così conveniente, per il godimento
    di una casa nuova che allo stesso tempo avrà tutti i confort possibili.

    L’articolo Organizzare un trasloco: ecco come fare proviene da Architettura e design a Roma.

    8 Luglio 2019 / / Decor

    Finalmente
    stanno per arrivare le tanto sospirate ferie e anche per chi parte a giugno, a
    settembre o preferisce altri mesi dell’anno, idealmente luglio e agosto sono il
    periodo vero e proprio della vacanza, quando le scuole chiudono e, un tempo, le
    città diventavano deserte.

    Certamente
    vacanza chiama mare o montagna, ma anche viaggi in bellissime città europee ed
    estere; io personalmente adoro le capitali europee, perché credo che anche
    vicino a noi ci siano dei posti, delle culture e tanta storia e natura da
    scoprire, ma ovviamente come non amare le grandi metropoli del mondo che si
    trovano in oriente, America o Australia, ad esempio?

    L’amore per le città, per la geografia e le capitali, lo trasporto anche nell’arredamento della casa, con la passione per le mappe e le cartine geografiche, perfette per decorare gli interni dei nostri appartamenti, tanto che dedicai a questo tema un post post molto dettagliato qualche tempo fa.

    Oggi vorrei soffermarmi in in particolare sulle stampe decorative, che hanno come tema proprio mappe e piantine, le trovo davvero graziose e fresche, ideali per l’arredamento della casa contemporanea e adattabili a diversi stili, oltre ad essere idonee ad ogni ambiente dalla zona notte, alla zona giorno e persino in bagno.

    Su Stiledo, un sito di poster, quadri e carta da parati on line, molto ben fornito e con ottimi prodotti, ho trovato la serie dei quadri mappamondo della quale mi sono innamorata; io ho scelto la dark map of London, una stampa su tela nera della mappa di Londra, una delle città più affascinanti del mondo.

    Ho
    trovato proprio quello che mi occorreva, poiché cercavo il modo di decorare la
    mia parete effetto lavagna in cucina, non riuscendo sempre a disegnarci e
    scriverci in modo adeguato, cercavo qualcosa che la arredasse, rispettando il
    concetto di lavagna e non lasciandola spoglia mai, su Stiledo ho trovato la
    soluzione che desideravo.

    Ho scelto il la stampa su tela dark map of London per farla integrare a perfezione alla parete lavagna della mia cucina…

    …ma quando la lavagna è occupata, ho già pronto il piano B! Non trovate che la tela nera stia benissimo con i mobili bianchi e le sedie gialle?

    Oltre al tipo di stampa che ho scelto io, moderna e minimal, ci sono anche tipologie più rustiche, come i planisferi che sembrano raffigurati su tavole di legno o più artistiche, a colori, in bianco e nero o seppia, stilizzate o molto realistiche.

    Oltre
    ai vari planisferi, presentati davvero in ogni modo e per tutti i gusti anche
    nella versione a tre pannelli, ampie e molto scenografiche, perfette per il
    soggiorno e la parete della testata del letto, come dicevo, quella che mi ha
    colpito è la serie delle capitali.

    Queste tele, come tutte quelle presenti sul sito, sono disponibili in diversi formati, queste in particolare però, a mio parere, si prestano a rendere molto anche sul piccolo formato, per decorare proprio quegli angoli spogli che non sapevamo come valorizzare.

    È la cura dei piccoli dettagli a fare la differenza e, dunque, anche una paretina del bagno o del disimpegno o della cucina o della cameretta hanno la stessa necessita di essere arredate con la stessa attenzione di ogni angolo della casa, anche perché contribuiranno anch’esse al valore complessivo dello stile di tutto l’appartamento.

    Se
    anche voi come me amate arredare con le mappe e le
    cartine  geografiche
    lasciatevi ispirare da una città che
    vorreste visitare e cominciate a sceglierla per decorare le pareti della vostra
    casa…poi, comprate un biglietto e partite!

    Buone
    vacanze a tutti

    L’articolo Voglia di viaggi con i quadri mappamondo di Stiledo proviene da Architettura e design a Roma.

    5 Luglio 2019 / / Idee

    Se c’è una cosa che non può mancare fuori dalla propria casa è lo zerbino. Lo zerbino permette di proteggere la casa dall’ingresso di sporco e di eventuali agenti esterni, permettendo a tutti di pulirsi adeguatamente le scarpe prima di fare ingresso nei locali. 

    Ma lo zerbino non è solamente un
    utile prodotto per pulirsi le scarpe prima di entrare in casa, è anche una
    sorta di “benvenuto” che è possibile personalizzare

    Per rendere davvero unico lo zerbino
    della propria casa, ma anche della propria attività commerciale, esiste la
    possibilità di richiedere uno zerbino personalizzato. Scopriamo come e a chi rivolgersi.

    Zerbini
    personalizzati online

    Grazie alla possibilità di
    personalizzare il proprio zerbino, gli zerbini classici, anonimi e tristi
    stanno scomparendo.

    Diverse attività online come, Tuttozerbini.it permettono di
    personalizzare il proprio zerbino in ogni piccolo dettaglio:

    • grandezza
    • materiale
    • colori
    • loghi
    • frasi
    • immagini

    Ci sono veramente moltissimi aspetti
    da poter scegliere e personalizzare per dare un tocco di colore alla casa, oppure
    fornire un po’ di professionalità in più all’azienda.

    Uno zerbino personalizzato può
    rendere un ingresso davvero unico e
    sempre accogliente sia se si tratti
    di un’abitazione privata, sia se si tratti di un’attività commerciale o di un
    ufficio.

    Inoltre, uno zerbino personalizzato,
    proponendolo come simpatico ed utile regalo,
    può rappresentare una buona ed originale idea in ogni occasione.

    Affidandosi ad aziende del settore che creano prodotti ad hoc zerbini personalizzati con materiali di altissima qualità, sia per uso domestico sia per uso aziendale, ordinare uno zerbino unico è davvero semplicissimo. Grazie ai servizi offerti online è possibile scegliere ogni dettaglio dello zerbino comodamente da casa e farlo spedire, direttamente, nel luogo in cui è destinato ad essere esposto.

    Come si personalizza uno zerbino

    Lo zerbino può essere personalizzato
    in molti modi diversi, ad esempio con un marchio
    particolare, con un’immagine, con
    delle scritte ma anche con tanti colori differenti che rendono davvero
    unico lo zerbino personalizzato. È
    possibile, in questo modo, realizzare uno zerbino che sia in tono con la
    propria casa oppure scegliere colori che meglio si abbinino con il logo
    aziendale.

    La
    prima scelta da fare è sul materiale
    che si vuol impiegare per realizzare il proprio zerbino.
    Questa scelta varia in base all’uso cui è destinato lo zerbino stesso: esistono
    moltissimi e diversi materiali che si adattano a prestazioni diverse e devono
    essere scelti in base al fatto che lo zerbino sia d’interno o d’esterno.

    A
    seguire, dev’essere fatta la scelta della grandezza dello zerbino (che può
    anche essere su misura) e del colore che si preferisce.

    Ma
    le scelte sono tantissime: si può far scrivere una frase simpatica, il proprio
    nome o quello della famiglia; si può far stampare una fotografia o un’immagine;
    si può scegliere anche solo un pattern come quello a pois oppure far scrivere
    un logo aziendale o una frase di benvenuto.

    In questo modo, si potrà avere in poco tempo uno zerbino personalizzato davvero unico che arredi con originalità la zona esterna ed interna della propria casa.

    L’articolo Zerbini personalizzati online: un’idea originale per arredare casa proviene da Architettura e design a Roma.