Se esplorando il catalogo di un negozio di rubinetteria siete rimasti colpiti dalle caratteristiche dell’idroscopino, è arrivato il momento di fare chiarezza sui pro e contro garantiti da questo prodotto, che nasce per assicurare una maggiore pulizia e un’igiene migliore ai sanitari in bagno. Si tratta di una soluzione alternativa e molto più efficace rispetto al tradizionale scovolino per il wc, specialmente dal punto di vista igienico: merito della potenza del getto dell’acqua, che consente di rimuovere con facilità lo sporco.

Certo, uno scovolino classico costa molto meno ma essendo soggetto maggiormente a usura, va sostituito molto più spesso: ecco perché l’idroscopino si fa sempre preferire. Il prezzo è variabile, si può andare da poche decine fino a un centinaio di euro.

Nel bagno di casa, la soluzione ideale è l’idroscopino a scomparsa, che assicura un impatto estetico gradevole ed è in grado di adattarsi a qualunque contesto.

Idroscopino e doccetta bidet non sono la stessa cosa

Chi è alla ricerca di un idroscopino può esplorare l’assortimento di Idroclic, negozio di rubinetteria bagno online che mette a disposizione una grande varietà di modelli per assecondare le esigenze più disparate.

In questo modo ci si può facilmente rendere conto della differenza tra l’idroscopino e la doccetta bidet: i due dispositivi, infatti, non vanno confusi, anche se hanno un aspetto piuttosto simile, e si distinguono sia in base al contesto a cui sono destinati che in base alla funzione d’uso.

L’idroscopino viene utilizzato per la pulizia del WC mentre la docetta bidet per l’igiene personale e questa è una delle differenze principali.

Per questo possiamo trovare, ed è un’ottima cosa, l’idroscopino anche in ambienti pubblici, mentre è più raro che vi sia la docetta bidet.

Comfort e praticità

Disponibili ormai in qualsiasi negozio di rubinetteria, gli idroscopini fanno della praticità e del comfort le proprie caratteristiche distintive.

In realtà sono presenti sul mercato ormai da qualche anno, ma è da poco che essi hanno iniziato a fare capolino nei bagni delle abitazioni private. Così, questi prodotti non si trovano più solo negli ambienti pubblici, ma anche in appartamenti e ville.

Paragonabili per il loro aspetto ai doccini delle docce, essi presentano un foro da cui proviene il getto dell’acqua.

Chi inizia a utilizzare l’idroscopino si rende conto di quanto sia molto più comodo rispetto allo scovolino tradizionale, obsoleto e, soprattutto, poco igienico.

Gli svantaggi correlati all’impiego del classico scopino, infatti, sono evidenti, vuoi per i cattivi odori, vuoi per il fastidio di doverlo utilizzare. Senza dimenticare lo sgocciolio, che rischia di compromettere ancora di più l’igiene del bagno.

Ovviamente un idroscopino ha un prezzo più alto, ma si tratta di un piccolo investimento economico che vale la pena compiere a fronte dei benefici che se ne possono ricavare.

Gli idroscopini a scomparsa

In un negozio di rubinetteria bagno online si possono trovare anche modelli di idroscopini a scomparsa, soluzioni moderne che limitano l’impatto estetico.

Noti anche come idroscopini a incasso, essi sono consigliati in modo particolare nei bagni arredati in stile minimal o dalle linee essenziali; vengono scelti, inoltre, da chi ritiene che sia preferibile nascondere questo accessorio alla vista.

Un esempio di idroscopino in grado di coniugare qualità e design è quello a scomparsa in acciaio, che non solo non stona nel contesto del bagno, ma addirittura valorizza la sua estetica.

… e gli idroscopini tradizionali a muro

Le varianti tra cui scegliere, comunque, sono numerose: gli idroscopini a muro, per esempio, sono dotati di un supporto a parete e sono progettati per risultare ergonomici e facili da usare.

Ci sono, poi, quelli con il portarotolo integrato. Uno dei benefici offerti dagli idroscopini va individuato nella loro versatilità: essi, infatti, possono essere installati non solo nei bagni nuovi, ma anche in quelli già esistenti, semplicemente con l’ausilio di adattatori ad hoc.

Il consiglio è di installare il dispositivo a un’altezza non superiore ai 50/60 centimetri rispetto al pavimento e a una distanza dal water di circa 10 o 15 centimetri. La predisposizione di un innesto rapido con valvola di sicurezza e di un punto acqua permette di poter già iniziare a usare l’idroscopino.

Scopino
classico o idroscopino?

Come si sarà intuito, l’idroscopino è destinato a prendere il posto del classico scovolino nel corso dei prossimi anni nella maggior parte delle abitazioni.

Questa sorta di doccetta igienica con ugello erogatore e flessibile comprende un corpo erogatore con leva e una presa d’acqua, che può essere chiusa in automatico o a mano.

Ovviamente, è importante tener presente che non si tratta di una doccetta che può essere adoperata per l’igiene personale.

Come
funziona

Per azionare l’idroscopino è sufficiente intervenire sul grilletto o sulla piccola leva presente sull’impugnatura: a quel punto l’acqua fuoriesce dal foro e può essere indirizzata nei punti da pulire.

Diversi modelli offrono una chiusura di sicurezza, che si rivela preziosa sia per scongiurare un uso indesiderato da parte dei bambini sia per evitare le conseguenze fastidiose di un guasto all’impianto.

A questo punto spero che queste informazioni siano state per voi abbastanza esaurienti e che come me abbiate ormai le idee abbastanza chiare sul mondo dell’idroscopino!

Cosa è l'idroscopino? che tipologie esistono e perchè si usa? Queste e molte altre domande troveranno soddisfazione leggendo questo articolo.

L’articolo Idroscopino bagno, a favore di una maggiore igiene e pulizia per i tuoi sanitari proviene da Architettura e design a Roma.

21 Gennaio 2020 / / Design

Cucina e soggiorno con diversi rivestimenti

In un restyling di quest’estate abbiamo donato un look del tutto nuovo a questa zona living con cucina a vista grazie al colore e, senza saperlo, abbiamo usato proprio classic blue colore pantoone 2020!Pur facendo parte dello stesso ambiente cucina e soggiorno possono essere divisi visivamente da vari accorgimenti come ad esempio un rivestimento diverso delle pareti

cucina open space

Sempre più spesso nel corso degli anni si è passati ad un tipo di progettazione che prevede la cucina a vista sulla zona giorno; i motivi sono diversi:

prima di tutto è cambiata la concezione della casa e dei suoi spazi, la zona di rappresentanza e gli ambienti di servizio, che erano nettamente divisi nelle abitazioni di un tempo, oggi si fondono in un unico living con cucina e soggiorno open space, in cui tutta la famiglia trascorre il tempo e le giornate e la cucina non è più un ambiente da dascondere, ma anzi, da mostrare, da vivere e condividere.

Inoltre con il tempo, soprattutto nelle grandi città, sono andate sempre più diminuendo le metrature degli appartamenti e, in case sempre più piccole, unire la cucina e il salotto è risultata un’ottima opportunità per avere spazi più ampi e vivere meglio la casa.

Possiamo quindi trovare frequentemente ambienti con cucina soggiorno open space di 20mq, 25 mq, fino ai più ampi cucina soggiorno open space di 30mq, 40 mq; fermo restando che secondo la normativa la superficie minima (sempre finestrata) che può occupare un soggiorno con cucina a vista è di 14mq

A seconda dello spazio a disposizione, dello stile che preferiamo e delle nostre esigenze, i modi per arredare la cucina a vista sulla zona giorno possono essere svariati.

Ultimamente mi sono trovata molto bene a lavorare con un sistema per progettare la cucina on line con grande facilità .

Mi sono
imbattuta casualmente in questo strumento davvero comodissimo che ha delle
caratteristiche fondamentali:

– è facile da usare anche per un non professionista  

– mostra subito un’idea di prezzo (che cambia poi in base alle finiture
scelte o al set elettrodomestici)  

– è comodo perché le composizioni che si creano possono essere salvate e
inviate 

Ho potuto usare questo sistema e sfruttarlo per realizzare diverse cucine a vista nelle ristrutturazioni open space che ho realizzato negli ultimi tempi, poiché l’esigenza delle famiglie moderne è sempre di più un po’ la stessa, avere un grande ambiente giorno in cui svolgere diverse attività tutti insieme, (compreso cucinare e mangiare), poiché lo spazio e il tempo da condividere è sempre meno.

Cominciamo allora ad analizzare le varie composizioni che possiamo
realizzare per allestire una cucina a vista sulla zona giorno.

In questo momento mi sto dedicando alla progettazione della cucina di una cliente molto esigente…me stessa. Anche io ho deciso di unire soggiorno e cucina e creare un unico ambiente di circa 25mq per il quale prevedo una cucina in linea

Il muro dove poggia il divano verrà eliminato (e pure il divano!!) per unire cucina e salotto e una porzione di ingresso. Il lungo corridoio verrà chiuso da una porta per dividere zona giorno e zona notte

Avevo pensato a questa cucina che mi piace molto, il legno scuro riprende il motivo del mio pavimento in gres porcellanato effetto legno, mentre trovo molto elegante la finitura opaca senza maniglie. Perfetta per soggiorno con cucina a vista

Cucina in
linea a vista sulla zona giorno:

Questo è il modo più semplice per inserire la cucina in qualsiasi living anche i più piccoli di 14/20mq poiché è sufficiente avere una parete libera su cui poter posizionare la cucina in linea, che occupa poco spazio e richiede poco ingombro al resto dell’ambiente.

In questo caso possiamo scegliere di avere una cucina composta da sole basi (comoda per essere posizionata anche sotto alle finestre) o provvista di pensili con cappa nascosta nei pensili o a vista, a seconda se desideriamo mascherare gli elementi più facilmente riconducibili all’ambiente cucina o metterli in evidenza.

Questa doppia
alternativa vale anche per gli elettrodomestici in particolare il frigorifero, che
potrà essere ad incasso nella cucina e quindi invisibile, integrato nei mobili
oppure a libera installazione. In questo ultimo caso sceglieremo un modello
scenografico e in linea con l’arredamento, colorato, tecnologico, vintage,
lussuoso.

La scelta
dipende anche dallo stile dell’arredamento; se parliamo di un ambiente
dall’aspetto minimale, modernissimo o molto elegante allora, in linea di
massima, tenderemo a nascondere.

Se invece si tratta di un ambiente più contemporaneo, eclettico, giovane e brioso o con tocchi vintage allora propenderemo per elettrodomestici a libera installazione particolari e ricercati.

Con i giusti accorgimenti sarà possibile arredare anche una cucina soggiorno piccola.

La cucina in linea nella zona giorno può essere abbinata a mobili e armadiature che serviranno a tutto l’ambiente, con mensole per oggetti e libri e armadiature che fanno sempre molto comodo. 

Soluzione perfetta per un interno moderno scaldato dal pavimento in parquet e il rivestimento in cementine

Il sistema di progettazione on line che ho utilizzato negli ultimi progetti è stato davvero un’ottima scoperta che mi aiuta a progettare e a rendermi conto dei costi in poco tempo

Soluzione in linea con vani a giorno molto adatta per una cucina a vista sul livingroom fresca e moderna dai colori neutri per poter osare con arredi e  complementi

Anche in una piccola zona giorno, come in quella di un mio recente progetto, è possibile inserire una cucina a vista (in questo caso necessariamente in linea) per guadagnare lo spazio per una camera da letto in più, senza tralasciare di inserire qualche elemento di design come il frigo Smeg!

Bellissimo il modello in linea della cucina moderna senza maniglie Six 02 con zoccolo e gola laccati opachi in tinta alle ante effetto cemento e cappa a scomparsa proposta da Diotti.com. Perfetta per fare bella mostra di sé nel living

Composizione in linea con cappa a vista

Se optiamo per una soluzione con cappa a vista dobbiamo curare particolarmente il design di quest’ultima

Cucina in linea super easy per una casa giovane e poco impegnativa? e’ il frigo in questo caso (e in questa casa!) che fa la differenza ed è un vero elemento d’arredo perfetto anche per la zona giorno

Cucina con
Penisola

La cucina con penisola richiede un po’ più di spazio ma rientra ancora tra i modelli che potrebbero trovare facile collocazione in metrature di medie dimensioni 20/25 mq (dipende sempre dalla dimensione della penisola!).

La penisola potrebbe accogliere lavabo, fuochi o essere utilizzata come piano snack per colazioni e pranzi veloci.

Potrebbe essere necessario allestire poi, nella zona giorno, anche un’area pranzo vera e propria.

A seconda dello spazio a disposizione e del nostro gusto personale potremo optare per un tavolo quadrato, rettangolare, rotondo od ovale, meglio ancora se allungabile.

Nel caso in
cui lo spazio di cui disponiamo non sia tantissimo possiamo scegliere un tavolo
in cristallo trasparente, dall’impatto leggero e che sta bene più o meno con
tutte le finiture della cucina (legno, pietra laccatura) ma certo non è
indicato per gli amanti dello stile rustico/shabby.

Composizione con penisola

La penisola è molto utile come piano in più ed in certi casi, in cui si ha poco spazio, può essere utilizzata anche come tavolo da pranzo.

La penisola è perfetta per dividere gli ambienti di una casa giovane e dinamica. Nell’immagine Nine 04 di Diotti

Un tavolo con piano in cristallo, meglio ancora se rotondo, occupa poco spazio sia fisicamente che visivamente

il tavolo in cristallo ci permette inoltre di giocare con le sedie e sceglierne un modello particolare o colorato

Se abbiamo abbastanza spazio possiamo inserire anche un tavolo in uno stile a contrasto con quello della cucina per creare un ambiente eclettico e creativo

La penisola ci aiuta a dividere gli spazi

Senza separarli nettamente

In alto tavolo rettangolare “Basil” con piano disponibile in diversi materiali e in basso tavolo allungabile in vetro trasparente “Azimut” di cattelan entrambi disponibili su Diotti.com

Cucina con
isola

La cucina con isola in una zona giorno, a mio parere, è il massimo che si possa desiderare, sia per la disponibilità di maggior superficie che mette a disposizione, sia perché l’isola permette di dividere gli spazi, almeno visivamente, molto bene.

Certo per questa tipologia necessiteremo di un pò più di spazio poiché è necessario calcolare lo spazio occupato dall’isola e lo spazio necessario a girarci intorno e muoversi agevolmente.

L’ideale sarebbe un open space cucina soggiorno di 40 mq, ma anche 30 possono essere sufficienti!

Anche in questo caso l’isola può accogliere fuochi, lavabo o entrambi, oppure essere utilizzata come tavolo da pranzo.

In questo occasione potremmo fare a meno di inserire poi anche un altro tavolo, se l’isola è abbastanza grande e comoda per assolvere a questa funzione, risparmiando spazio e prendendo i famosi due piccioni con una fava!

Progetto di cucina con isola centrale in cui vengono posti lavandino e fuochi

Soluzione con isola centrale fornita di lavandino, piano cottura e piano snack

La soluzione con isola può essere adatta sia ambienti classici che moderni

A seconda dello spazio e delle necessità che abbiamo possiamo creare le composizioni più disparate

Anche nel caso dell’isola possiamo comunque decidere di inserire il tavolo da pranzo.Ryan Doka da Pixabay

Elegantissima la cucina con isola NINE 02 di Diotti, perfetta anche per spazi di rappresentanza

Cucina
angolare

Se non
abbiamo spazio per isole e penisole ma la cucina in linea potrebbe essere
troppo limitante per noi, potremmo scegliere una soluzione ad angolo per la quale
potremmo davvero pensare di evitare di inserire i pensili e sviluppare tutti i
vani contenitori nelle basi.

Questo per rendere la cucina nel salotto open space più leggera e inserirla meglio nel contesto della zona giorno.

progetto di cucina angolare con lavello sotto la finestra di Non ditelo all’architetto

questa era la bozza di preventivo che avevo sviluppato per la cucina angolare dei miei clienti

Meraviglioso il modello angolare Nine 05 di Diotti. dalle linee eleganti, con soluzioni a giorno ed elettrodomestici a scomparsa. Perfetta per la zona giorno

Le vetrine prendono il posto dei pensili nella cucina a vista sul soggiorno.

Cucina angolare con zona pranzo

quante volte abbiamo visto nei film queste bellissime cucine angolari? Ideali anche per la zona giorno per chi ama lo stile coutry e shabby

Qualsiasi sia la composizione di cucina a vista che sceglierete per la vostra abitazione non dimenticate che esistono tantissimi moduli a giorno e/o non prettamente arredi da cucina che potranno essere mixati con basi e pensili per creare un’ambiente sempre più integrato con il salotto.

Inoltre , pur facendo parte dello stesso ambiente, possiamo differenziare la zona giorno dalla cucina con vari accorgimenti come ad esempio un rivestimento diverso delle pareti, del pavimento, un controsoffitto o diversa illuminazione.

infine possiamo pensare di intervallare gli ambienti con il divano, il tavolo da pranzo un tappeto passatoia o un mobile basso. A voi la scelta.

Se state pensando di realizzare un soggiorno con cucina a vista vi consiglio di utilizzare il sistema per progettare on line la cucina che ho utlizzato io, semplice e gratuito.

Con questo strumento sarete in grado di fare un piccolo ma utile progetto con misure e sviluppo del preventivo.

Per composizioni più complesse potrete e dovrete certamente avvalervi anche della consulenza di n professionista.

  • divano che divide
  • tavolo che divide
Come arredare la cucina a vista nella zona giorno? Sicuramente, come prima cosa,  sarà necessario realizzare un piccolo progetto per scegliere la tipologia di cucina più adatta.
Un mobile e il rivestimento diverso dividono gli ambienti

L’articolo Come arredare la cucina a vista nella zona a giorno proviene da Architettura e design a Roma.

10 Gennaio 2020 / / Architettura

Stai cercando un modo per avere i software Adobe del 2020 gratis? Adobe è una delle società di software più famose, ma ha prezzi abbastanza alti. Tuttavia, non molti sanno che non è necessario pagare per l’utilizzo dei suoi software. In questo articolo, ti parlerò di 10 programmi Adobe che puoi utilizzare completamente gratis!

1. Photoshop CS2

Piattaforme: Mac, Windows

Potresti non esserne a conoscenza, ma si può evitare di pagare per l’utilizzo di Photoshop. Attualmente Adobe ti permette di scaricare il vecchio CS2 o Photoshop di quella stessa serie senza pagare un centesimo. Tuttavia, per averlo, devi comunque registrarti e creare un account Adobe.

Inoltre, Adobe ti fornisce una chiave di
attivazione, il che significa che non sarai costretto ad usare la versione di
prova. Sì, questa versione ha diversi anni e non ha diverse funzioni
dell’ultima versione ma è ancora un buon software. 

Se hai voglia invece di provare le versioni più recenti di Photoshop gratis, scopri  come avere Photoshop CS6 gratis qui http://fixthephoto.com/it/photoshop-cs6-gratis.html.

2. Photoshop Express Editor

Piattaforme: iOS, Android

Un altro modo per avere  un prodotto
Adobe gratis è Photoshop Express. È
veloce e facile da usare. Molti fotografi ed editor di foto lo usano ogni
giorno. Con questa app, puoi modificare la tua foto ad un livello professionale
sul tuo cellulare grazie al suo facile modo di funzionamento digitale con
diverse funzioni di editing
delle immagini.

Anche se Photoshop Express non ha più alcune funzioni, ti
mette comunque a disposizione molti effetti gratis e tante funzioni di modifica
delle immagini. Puoi regolare i bordi, il testo, giocare con i colori
dell’immagine, disegnare collage, eseguire correzioni rapide e migliorare
l’aspetto delle tue foto.

Scopri di più sulle alternative a Photoshop gratis.
http://fixthephoto.com/it/alternative-a-photoshop-gratis.html

3. Photoshop Fix

Piattaforme: iOS, Android

Photoshop Fix é un altro modo per avere un software Adobe gratis ed è il più grande
segreto di Adobe. Fornisce tutte le principali funzioni di editing delle
immagini di cui hai bisogno senza dover pagare e senza acquisti in-app.

L’app ti mette a disposizione tutti gli
strumenti che Photoshop ha nella sua barra: impostazioni ritaglio, vignette,
esposizione e contrasto. Photoshop Fix offre persino un noto pennello di
correzione che puoi
utilizzare per eseguire il ritocco fotografico ed eliminare gli oggetti indesiderati.

Inoltre, funziona con uno sfondo traslucido e modifica le immagini ad alta risoluzione, eliminando il limite di 2000 × 2000 pixel che trovi nella maggior parte degli altri software di editing delle immagini.

4. Adobe Color

Piattaforme: Web

La
teoria dei colori non è una cosa facile. Anche se conosci i colori
complementari standard, potrebbe essere difficile trattare triadi di colore,
sfumature e colori analoghi. Puoi invece semplicemente delegare tutto ad Adobe
Color.

Per usarlo,
devi caricare una foto per vedere i suoi colori principali oppure per
selezionarli da solo. Successivamente, il software fornirà schemi di colori
complementari, composti, analoghi, monocromatici o triadi in base a quelli
selezionati.

Con Adobe Color, puoi creare e salvare palette di colori con la possibilità di averne circa 5 in ciascuna. Inoltre, hai l’opportunità di salvare i tuoi temi nelle librerie Adobe Creative Cloud e di usarli nelle tue applicazioni desktop o mobili, come in Adobe Photoshop, Illustrator e Photoshop Sketch.

5. Adobe Acrobat Reader

Piattaforme:  Windows, Mac, Linux, Android, e iOS

Un altro modo per avere un
software Adobe gratis é Adobe Acrobat Reader. Questo software ti permette di
visualizzare, stampare ed inserire commenti in modo efficace su file PDF.

Questa è l’unico tipo tra i visualizzatori PDF che supporta tutti i tipi di file PDF, anche quelli multimediali. Non ha importanza il computer o il programma che hai inizialmente utilizzato per creare questo file, ora il file è collegato ai servizi Adobe Document Cloud. Significa che hai la possibilità di lavorare con il tuo file PDF usando uno qualsiasi dei tuoi dispositivi.

6. Photoshop Mix

Piattaforme: iOS, Android

Un’altra
alternativa di un programma Adobe gratis é Photoshop Mix. È sviluppato
principalmente per lavorare con i livelli, il che è molto importante per il
fotoritocco. Usando questa app, puoi combinare 5 livelli e creare immagini
complesse, regolare l’opacità con le Blend Modes, applicare filtri a numerosi
livelli.

Tali strumenti di fotoritocco sono generalmente disponibili su piattaforma desktop. Tuttavia, poiché gli ultimi smartphone sono molto potenti, Photoshop Mix 2 sarà molto utile per coloro che amano scattare foto. Inoltre, potrai trasferire facilmente le tue foto tra Photoshop Mix e Photoshop Fix per avere una foto completa.

7. Lightroom CC Mobile

Piattaforma: iOS, Android, tablet

Coloro a cui piace usare Lightroom saranno
felici di scoprire che possono utilizzare la maggior parte delle sue funzioni
gratuitamente, nella sua versione mobile gratis. L’app mobile Lightroom è molto
potente e ti consente di acquisire, modificare e condividere le tue immagini.

Con questa app, puoi creare foto
professionali utilizzando strumenti di editing delle immagini semplici ma
efficaci basati su Photoshop. Puoi migliorare le tue foto utilizzando uno degli
oltre 30 preset diversi, giocando con i colori, regolando la nitidezza,
aggiungendo vignette, ecc. Inoltre, puoi avere funzioni premium da gestire ed
avere un accesso più facile ai file modificati su desktop, dispositivi mobili e
web .

Scopri di più su  come avere Lightroom gratis. http://fixthephoto.com/it/lightroom-gratis.html

8. Adobe Illustrator Draw

Piattaforme: iOS, Android

Se
lavori con il disegno vettoriale, il modo migliore per avere un software Adobe gratis è Adobe Draw. Con questa app puoi disegnare,
progettare e modellare i tuoi disegni usando pennelli personalizzabili.
Inoltre, puoi utilizzare gli stancil di forme base per velocizzare il tuo
lavoro.

Questi stencil includono cerchi, quadrati, curve francesi, poligoni e  nuvolette per il testo dei fumetti. È possibile disegnare su una tela ridimensionabile stampabile fino alla risoluzione di 8k. Basta un tocco e puoi trasferire i tuoi filtri su layer direttamente ad Adobe Illustrator CC o ad Adobe Photoshop CC sotto forma di una foto piatta. Questo software offre anche una funzione video time-lapse che consente di mostrare l’intero processo di disegno.

9. Adobe Spark

Piattaforme: iOS, Android, Web

Non tutte le persone hanno un senso estetico.
Ecco perché anche se sei bravo a creare contenuti, é possibile che tu non abbia
abbastanza bravura per trasferirli con una grafica interessante su una foto o
un video. Adobe Spark elimina il divario tra contenuto e stile e lo rende
ottimo per te. Include 3 app: Spark Post, Spark Page e Spark Video.

Il primo è perfetto per lavorare con le foto, aggiungere filtri e testo. La seconda app è uno dei migliori strumenti privi di codice per la progettazione del tuo sito web assolutamente gratis. L’ultima app aggiunge effetti piacevoli al tuo video e lo vivacizza.

10. Adobe Premiere Rush

Piattaforme: iOS, Android, tablet

La
successiva opzione nella mia lista dei prodotti Adobe gratis é Adobe
Premiere Rush. È un’applicazione che ti aiuta a creare e condividere video in
modo rapido e semplice. I suoi efficaci strumenti ti permettono di realizzare
video professionali molto velocemente, in base ai tuoi gusti e preferenze.

Con
questa app, puoi organizzare i tuoi video, audio, grafica e foto utilizzando lo
strumento trascina e lascia. I suoi strumenti intuitivi ti consentono di
personalizzare l’audio, migliorare i colori, aggiungere testi, transizioni,
voci fuori campo, ecc.

Grazie
a 4 video e 3 tracce audio, avrai piena libertà di creare. Puoi pubblicare i
tuoi video e le tue foto direttamente sui social network. Inoltre, puoi usare
gratuitamente questa applicazione su tutti i tuoi dispositivi finché vuoi con
un limite di 3 esportazioni oppure fai l’upgrade per una condivisione
illimitata.

L’articolo I 10 MIGLIORI SOFTWARE ADOBE DEL 2020 proviene da Architettura e design a Roma.

8 Gennaio 2020 / / Idee

Sto effettuando la scelta di alcuni arredi di design per personalizzare e dare carattere alla zona giorno di una cliente e, analizzando il suo caso, mi sono resa conto che ci sono degli elementi che non devono assolutamente mancare in un salotto, perché questo abbia il giusto fascino, trasmetta delle buone sensazioni a noi e ai nostri ospiti e ci rappresenti al meglio.

1 punti luce da appoggio o da terra

Oltre a
studiare un ottimo progetto di illuminazione, cosa che avrete fatto o farete,
la cosa che non deve mancare nella zona giorno, e che è comunque molto più
semplice da realizzare di uno studio di illuminotecnica, sono lampade da terra
e da appoggio.

Più punti
luce nel living permetteranno di creare diverse ambientazioni adatte a diverse
situazioni o attività che si svolgono in soggiorno, inoltre le lampade sono
altamente decorative, ne esistono di bellissime di ogni genere immaginabile,
artigianali, di design, fai da te, tecniche: avete l’imbarazzo della scelta.

Divertenti e comode quelle multiuso, come la lampada da tavolo con funzione svuotatsche Piani di Flos, o come la lampada da terra che si trasforma in porta riviste “Left or Right Big”, disegnata da Julian Appelius per Slawinski.

Perfetta in ogni ambiente è anche la meravigliosa lampada da terra “Arco” sempre di Flos, con base in marmo di Carrara, ormai diventata oggetto di culto.

Su uno
scrittoio, un tavolinetto vicino al divano, un ripiano della libreria, da terra
in un angolo da impreziosire, tra le poltrone, vicino al tavolo; sono davvero
tanti gli spunti che possiamo trovare per arricchire e arredare con le lampade
il soggiorno.

2 elemento a parete
INDIMENTICABILE!

Sulle pareti della vostra zona giorno non dovrà mancare un oggetto d’arte, meglio se contemporaneo, un elemento speciale, carico di significato, che abbia un’anima e riempia lo spazio in modo profondo e indimenticabile, come ad esempio sanno fare le creazioni in metallo fuso UFO – The Art Side of the Moon .

Un’opera contemporanea si abbina benissimo
sia con un arredamento moderno, che classico, a seconda che vogliamo creare un
senso di continuità o un vero e proprio elemento a contrasto.

Senza dubbio, meglio investire su un unico
oggetto che sarà davvero determinante per le sorti del nostro living, che
disperdere le energie in tanti piccoli inutili acquisti.

3 libri,
libri, libri

Lo so che
oggi esistono gli e-book e tante altre diavolerie, lo so che magari li tenete
in un’altra stanza, lo so che avrete altri hobbies altrettanto nobili, ma una
zona giorno senza libri è davvero triste, oltre che spoglia e senza anima.

In soggiorno
DEVE esserci una libreria, grande o piccola che sia, dello stile che preferite,
sempre un’ottima scelta risultano essere le Kartell Bookworm, a mio parere.

Saranno
sufficienti qualche libro e tanti oggetti d’arredo, se proprio non sopportate
la carta, per riempire la vostra libreria e dare calore e personalità alla casa.

Esistono
comunque molti libri bellissimi che sono veri e propri oggetti decorativi,
opere fotografiche che possono essere posizionate anche in modo creativo,
artistico e decorativo, non dovete per forza immaginare la libreria del topo di
biblioteca stracolma di volumi!

4 tappeto

Dopo un lungo
periodo in cui ho avuto l’avversione dei tappeti, per una questione igienica
più che altro, riguardante soprattutto i tappeti di un tempo e di un certo tipo
(difficili da lavare e mantenere), con il tempo e facendo questo lavoro ne ho
rivalutato assolutamente in positivo la valenza.

Oggigiorno
esistono materiali assolutamente lavabile e facilissimi da mantenere fino, ad
arrivare ai tappeti di nuova generazione in pvc, come quelli di Beija Flor di
cui mi sono innamorata concettualmente ma che, effettivamente, perdono tutto il
fascino del tappeto “peloso” su cui camminare a piedi scalzi…ma ci salvano in
caso di animali.

Il tappeto
non deve avere necessariamente dimensioni giganti (era anche questo che mi
spaventava un po’ ai miei primi approcci con questo elemento), ma può servire per
creare un piccolo angolo decòr, possiamo realizzare un allestimento, un set,
sovrapporne più di uno, insomma utilizzarli in modo creativo.

Il punto è
che ormai ho capito l’importanza del tappeto, che accoglie, decora e riscalda
l’ambiente e spesso ci salva anche da un pavimento non bellissimo!

5 Tavolini

Anche in
questo caso mi domando: come si fa ad avere un salotto completamente privo di
tavolini, che oltre ad essere decorativi sono essenziali per appoggiare alcune
cose: bicchiere? telecomando? Libro? Occhiali?

Capisco che
in alcuni casi si abbia poco spazio, ma esistono modelli davvero poco
ingombranti che faranno certamente al caso nostro, come Duetto di Planca in
metallo laccato.

Il tavolino,
come tutto il resto, può essere in accordo con l’arredamento, o un elemento di
rottura.

Perfetto
praticamente in ogni ambiente è il tavolino trasparente di vetro o cristallo,
che spesso però può risultare anche pericoloso se ha angoli vivi o ci sono
bambini in casa.

Il tavolino può essere basso davanti al divano, più alto a fianco della zona conversazione o addirittura un elemento completamente diverso che possiamo utilizzare a questo scopo: cassetta di legno o del vino, sgabello, scaletta e molto molto altro, tutto ciò che la vostra fantasia vi detta.

Ora che avete questa semplice guida da seguire, andate a verificare se nel vostro soggiorno sono presenti tutti gli elementi imprescindibili e, in caso contrario, correte ai ripari!

L’articolo 5 arredi di design che non devono mancare nel tuo salotto proviene da Architettura e design a Roma.

6 Gennaio 2020 / / Idee

Buoni propositi per il nuovo anno…continuare a realizzare la cameretta perfetta, bellissima e comodissima, per bambini e genitori felici.

Questa che vi sto per raccontare è la cameretta per due bambine la cui esigenza era di avere una zona notte nella parte inferiore e una zona gioco (prima) e studio (successivamente) nel soppalco superiore.

La stanza aveva il soffitto molto alto ma non era ampissima, inoltre le due pareti lunghe erano occupate una dalla finestra e l’altra dalla porta, quindi lo spazio per posizionare un ampio armadio era limitato e la progettazione in generale ha richiesto un po’ di lavoro.

Proposta 1

Alla fine sono giunta a due proposte: una con soppalco più piccolo, scala contenitore superaccessoriata, con cassetti, libreria e comodini integrati e l’armadio posto sulla parete della portafinestra, a tutt’altezza con apertura ad ante scorrevoli, di più semplice realizzazione nel complesso.

Proposta 2

L’altra proposta prevede invece un soppalco più lungo che occupa praticamente metà stanza e l’armadio a tutta altezza e tutta parete posto sulla parete corta della camera, dietro al soppalco, accessibile sia dalla parte bassa che dalla parte alta del soppalco.

In questo modo si sarebbe riusciti ad avere un armadio e un soppalco più ampio ma certamente la struttura si rivela essere molto imponente, di complessa realizzazione e occupa più di metà stanza, si è dunque optato per la prima proposta che permette comunque di aumentare lo spazio con il soppalco e di moltiplicare i contenitori grazie alla scala.

La struttura è dipinta di bianco con piccoli dettagli rosa, per renderla piu legere e non eccessivamente leziosa.

Dettagli decorativi

La parete di fronte ai letti viene decorata da una carta da parati che riproduce una foresta incanta e da poter decorare con specchi, casette per uccelli, lampade ed elementi poco ingombranti ma molto decorativi degni di una cameretta da bosco incantato.

Trova spazio vicino alla porta finestra anche una Swing chair, realizzata in rattan, materiale naturale che ben si addice all’ambientazione, avvolgente come un nido e divertente come un’altalena.

La carta da parati Wood & stars è disponibile in vari colori, per questo progetto ho scelto il color tortora , un colore naturale e rilassante e che si abbina bene al bianco e rosa dei mobili.

Questa adorabile lampada da parete a forma di nido con due uccellini, perfetta per il concept della cameretta, la trovate QUI

Anche la carta da parati di Muralswallpaper è molto graziosa anche se più infantile rispetto alla precedente. Io ho preferito proporre uno stile meno naïf , ma per chi ama gli animaletti questa è perfetta.

Un meraviglioso angolo relax che sembra perfetto per una casetta nel bosco: 1 swing chair Oeuf Sika design, 2 casette per uccelli in legno di Maison du Monde 3 tavolino in abete a forma di tronco sempre maison du Monde

Swing Chair

Ho scelto lo storico modello Euf (Uovo) di Sica Design, disegnato nel 1959 un vero pezzo storico di design ma ne esistono di tantissimi tipi tutte molto affascinanti e confortevoli.

L’ideale è attaccare questo genere di poltrona direttamente al soffitto e solitamente non ci sono particolari problemi per farlo, a meno che non si tratti di un solaio in cemento armato cosa che di solito in un appartamento non accade, altrimenti ne esistono anche modeli con base d’appoggio a terra meno suggestivi ma comunque confortevoli.

In questo caso però, dato il poco spazio disponibile vicino alla portafinestra, dove volevamo posizionare la poltrona, la versione con base non si sarebbe potuta inserire, fortunatamente è stato possibile appenderla a soffitto.

swing chair Oeuf Sika design,

Swing chair in cotone intrecciato disponibile QUI

Poltrona sospesa con supporto disponibile QUI

Poltrona sospesa a sacco con fantasia Hello Kitty, disponibile QUI anche in altre fantasie

L’articolo La cameretta nel bosco proviene da Architettura e design a Roma.

30 Dicembre 2019 / / Colori

Divertente e scenografica la poltrona gonfiabile glitterata che trovate QUI

Tavolo diamante di Alexandra Von Furstenberg by My Luxury

Abito Valentino

Sifà glitterato, degno di Merilyn su theglitterfurniturecompany.co.uk

Maglione di Ermanno Scervino

Una parete sparkly è sempre molto difficile da gestire ma queste realizzazioni in oro o argento sono davvero meravigliose

Moda a portata di borsa per brillare sempre e in ogni dove! In alto a sinistra Abito H&M con maniche sparkly, perfetto anche per chi ha forme più morbide. In alto a destra vetrina Pimky…toppino glitter e via e in basso bellissimo abbinamento anche da giorno, con pantalone nero t-shirt bianca e giacca nera in pailletes proposto da Sorelle Maldestre

Vans basse rosa o alte celesti, ma sempre glitter fino al numero 38

Moda sbrilluccicosa in casa e fuori

Con questo post, oltre a non dirlo all’architetto, non lo dovremmo dire nemmeno alle fashon blogger!

Che cosa? Che basta un pizzico di creatività e di buona volontà anche in campo di abbigliamento per migliorare di netto la nostra situazione!

Da sempre ho notato come i trend che ci sono nella moda spesso, se non addirittura sempre, li ritroviamo anche nell’arredamento e traggo spunto per parlarne dalla tendenza del momento, attualissima soprattutto in prossimità del capodanno.

Sto parlando della tendenza sparkly, o potremmo dire brilluccicosa, che impazza: paillettes, glitter, metallizzato e tutto ciò che luccica è il trend del momento, per il capodanno certamente, ma per la moda in generale.

Non c’è brand e vetrina che non ci mostrino capi luccicanti, da Celine a Louis Vuitton, da Chanel a Calcaterra ma anche, passando per i brand low cost, da h&m, Zara, Ovs a Stradivarius, abiti, capi e accessori luminosissimi, da sera, da giorno e anche sportivi.

Anche per le scarpe, swarovski e brilliance a più non posso, per calzature eleganti e molto femminili ma spesso dal tacco non eccessivamente alto o comunque comodo, per le donne moderne che corrono, corrono, corrono.

I più grandi stilisti nelle loro ultime collezioni hanno presentato abiti luccicanti tempestati di paillettes, strass, glitter e pietre. in ordine dall’alto: Il giovane e promettente Arthur Arbesserm, Celine, Chanel, il giovane e bravissimo Marco De Vincenzo, Elisabetta Franchi, Giorgio Armani, Givenchy, Miu Miu, Moschino, Louis Vuitton

Borsette e clutch (borse molto piccole, rigide, da portare a mano, con chiusura ad incastro o a clip) scintillanti in alto a destra portafoglio gola glitter, di seguito clutch gioiello . In basso a sinistra pochette gioiello e infine tracollina Liu Jo

Per la notte di capodanno non rinunciamo ad accessori scintillanti e super trendy come la borsina con mega paillettes bianco e oro che trovate QUI

Scarpoe eleganti e luccicanti ma con tacco comodo per le donne del nuovo millennio. Balmain, Burberry, Kane

Glitter mania anche per chi ama lo stile sportivo. Borsa Gola Midi Redford Glitter , PUMA Basket Heart Glitte, Vans glitter bimbi 0-24 per bimbi e Felpa Levi’s con scritta metalizzata

Stradivarius e OVS moda sparkly a portata di mano per grandi e piccini

Complementi d’arredo sbrilluccicosi

Questa frenesia glitterata, (che mi perseguita anche in veste di madre vista la presenza costante del cartone animato Trolls, amanti sfrenati dei glitter, nella mia vita domestica!) la possiamo riproporre anche nell’arredamento.

Certo in questo caso dovremo essere molto più equilibrati, cercare di non eccedere, ragionare attentamente su come posizionare e come dosare l’effetto sparkly che vogliamo donare alla casa, che può avvenire attraverso glitter, paillettes, swarovski, strass ed effetti metallizzati

Se scegliamo di utilizzare complementi d’arredo per arricchire e impreziosire la casa, come cuscini, vasi, stampe alle pareti, piccole lampade, possiamo sbizzarrirci un po’ di più, trattandosi di oggetti temporanei non troppo impegnativi.

Ravviviamo salotto o camera da letto con dei cuscini scintillanti. federa rosa per cuscino rettangolare 30×50, cuscini metallizzati, cuscino glitterato diversi colori, cuscino con federe metalizzate per cuscini disponibili in vari colori; federa di paillettes tinta unita in vari colori o bicolore, set federe con decori metalizzati

Un vaso scintillante, Metallizzato in Ceramica (completo di meravigliosi fiori che sembrano veri), oppure effetto mosaico craquele disponibile in vari colori o ancora il Set di 2 vasioro metallizzato, illuminerà sicuramente una mensola, un mobile e l’angola della casa che deciderete di allestire

Una composizione molto semplice da realizzare per illuminare e personalizzare una parete

Stampe a tema glitter su Desenio.it

Scegliamo una lampada speciale per rinnovare il nostro arredamento, applique, plafoniera, sospensione o da tavolo, le possibilità sono svariate e anche gli stili dalla lampada di design rivisitata al modello più classico o minimale. In alto a sinistra Applique LED in Cristallo, di seguito sospensione Cosmo su lampadevintage.it. In basso a sinistra lampada da tavolo Dalù di Artemide versione glitter argento ed infine lampada a soffitto disponibile su linkarredo

Con tanti glitter e un po’ di manualità possiamo realizzare anche tante decorazioni con le nostre mani e personalizzare alcuni elementi…come le placche degli interruttori!!

Stickers a parate, li trovate su Aliexpress ed Etsy , perfetti per la cameretta di giovani fashion addicted!

Arredi sbrillucciocosi

già se cominciamo a parlare di mobili dobbiamo dosare con sapienza la nostra frenesia luccicante per non risultare pacchiani, anche perché alcuni arredi sono parecchio costosi, come la collezione Diamond di Edra o la vasca da bagno Swarovski, dunque pensiamoci bene prima di fare l’acquisto.

Possiamo comunque scegliere anche soluzioni di riuso e trasformare un vecchio arredo in un nuovo mobile all’ultimo grido completamente rivestito di brillantini,

In un arredamento abbastanza sobrio, minimale, equilibrato, un bell’arredo sopra alle righe creerà un vero effetto WOW e sarà in grado da solo di risollevare le sorti di tutto l’arredamento.

I più bei pezzi di Edra versione Glitter per la collezione Diamond

Lampada a sospensione di cristallo disponibile in diverse dimensioni QUI

Come rinnovare una vecchia poltrona facendola tornare ad un nuovo splendore

Sofà da vera star disponibile su theglitterfurniturecompany.co.uk

bathtube da sogno by Swarovsky

La vecchia cassettiera diventa degna di una camera da favola

Le maniglie brilluccicanti ci possono aiutare a rinnovare vecchi mobili. Quelle asinistra le trovate QUI, quelle a destra sono le kristalLang made white swarovski elements

Nomen Omen! Questa poltrona in tessuto, realizzata a mano si chiama sbrillocco e la propone Gugliermetto

Poltrona Cabriolet in Pelle Artificiale Argento su vidaxl.it

Pareti sbrilluccicose

Le pareti glitterate/metalizzate & co, sono un argomento complemento a parte e che mi sta particolarmente a cuore visto che solitamente sono tutte ORRENDE.

Partiamo dalla regola base che la parete Sparkly deve essere UNA SOLA.

Che non vi venga in mente di fare effetto glitter o metalizzato tutte le pareti del soggiorno o della camera da letto a meno che non si tratti di un effetto leggerissimo, praticamente impercettibile o elegantissimo super artistico, fantasmagorico…che io dal vivo nella mia vita non ho mai visto.

La parete deve essere una, e se siete abbastanza folli potete sbizzarrirvi come meglio credete perché l’effetto sparkly è bello se ironico, eccentrico, strabordante, creativo, eccessivo…non credeteci troppo, altrimenti rischiate di fare cose davvero tremende.

Esistono tantissime vernici glitterate o glitter da aggiungere a qualsiasi tipo di pittura e carte da parati ma per una decorazione spettacolare, unica e mozzafiato in tema di pareti glitter io mi rivolgerei ad una decoratrice di interni.

Vernici glitterate

Le tecniche di pittura con glitter nel corso del tempo si sono sempre più perfezionate per garantire risultati migliori.

Un tempo i glitter in polvere che venivano aggiunti alla vernice e la polvere veniva versata direttamente nella pittura e non si amalgamava. Stendendo il prodotto sul muro si creavano delle zone con accumuli di glitter e altre totalmente sprovviste, inoltre i glitter non miscelati bene si seccavano e si staccavano facilmente dalla parete.

La svoltà è stata l’introduzione dei glitter in emulsione; praticamente i brillantini vengono versati nella pittura con una consistenza tipo gel, in questo modo rimangono “sospesi” nella soluzione per non creare antiestetici accumuli .

Il glitter rende molto bene quando è unito alla pittura sabbiata che valorizza e mette in risalto le caratteristiche del glitter.

Vernici metallizate

Esistono anche pitture metalizzate dagli effetti scintillanti, anche in questo caso vanno scelte con cura e posizionate con attenzione e soprattutto fatte stendere da professionisti del mestiere in grado di applicare queste finiture altamente decorative.

Ora che avete tutte le informazioni necessarie per essere luminosi in casa e fuori senza risultare grotteschi, correte a procurarvi anche voi un po’ di glitter.

Con la pittura, il mosaico, la carta da parati ed altre trovate creative si possono realizzare pareti scintillanti davvero scenografiche e affascinanti, dimostrando tutta la propria creatività e prorompenza senza risultare pacchiani

Vernice effetto glitter disponibile QUI in vari colori

Carta da parati glitterata disponibile QUI. Il bianco è sicuramente un’ottima scelta se non vogliamo sbagliare

La linea antico ferro di Oikos permette di ricreare l’effetto del ferro vissuto sulle pareti interne ed è disponibile nelle varianti di tendenza Corten, Battuto, Ruggine e Ossidato

Glitter a contrasto o in tinta

Concret Art è un rivestimento decorativo acril-silossanico indicato per interni e per esterni, particolare ed affascinante l’ effetto cemento metallico

La collezione di pittura metallizzata per interni Africa di Novacolor rappresenta anche l’espressione tangibile dell’anima green del’lazienda, in quanto questi colori contribuiscono alla riduzione della formaldeide in ambienti indoor grazie al legante che contengono, derivante da biomassa,
In questo modo, oltre alla riduzione della formaldeide, si salvaguardano le risorse fossili.

Dai laboratori del colore di Icorip arriva una novità i brillantini in gel da aggiungere a qualsiasi tipo di pittura

decorazione+stucco+metallizzato

Effetto metal anche nelle pitture a marchio Sikkens, altro leader internazionale del settore. Sono tre le collezioni dedicate: Alpha Design, Alpha Metallic e Estro, tutte finiture decorative all’acqua.

Fra i tanti prodotti in catalogo, il Colorificio San Marco offre Grimani, una finitura particolare per decorare gli interni in stile contemporaneo e non solo.

Q-Stars – Pittura brillantinata per pareti effetto oro o argento

Linea Splendida di adicolor

Se vi è piaciuto particolarmente quest’articolo allora leggete anche questo

L’articolo Tendenza 2020 glitter nella moda e nell’arredamento proviene da Architettura e design a Roma.

23 Dicembre 2019 / / Decor

Il rosso è sempre il colore preferito dal Natale, questa tavola è molto semplice da realizzare ma anche molto, molto natalizia

Parecchio ingombrante ma tra i miei preferiti il centrotavola che si sviluppa lungo tutta la lunghezza del tavolo, realizzato allestendo su una tavola rami, e luci

Versione glamour della precedente con pigne e vasi cilindrici

Molto scenografico l’albero a centrotavola

Anche un classico centrotavola centrale può essere davvero grazioso, carino anche come dono da portare agli ospiti

Molto attuali e semplici da realizzare, ma di grande effetto, i centrotavola in ghiaccio stile Frozen!

Siete ancora indecisi su come apparecchiare la tavola di Natale e, sopratutto, sul centrotavola da utilizzare?

Allora questo è l’articolo che fa per voi, vi parlerò di centrotavola fai de te last minute per la tavola delle feste, ormai da tempo, anche guardando i vari programmi televisivi, abbiamo scoperto la bellezza e il fascino di una tavola allestita con un bel centrotavola.

Certo a volte non credo molto nella praticità di questi, in quanto i più belli sono anche parecchio ingombranti e sulla tavola delle feste c’e sempre bisogno di molto spazio a disposizione.

Alle brutte allestiremo la tavola con il nostro scenografico centrotavola per l’aperitivo e il benvenuto agli ospiti e poi provvederemo a spostarlo per fare spazio alle portate, oppure sceglieremo tipologie poco ingombranti e ben studiate.

Centrotavola di Natale che si sviluppa in lunghezza

Parlavo di ingombro perché i centrotavola che mi piacciono di piu ultimamente, sono quelli che si sviluppano su buon a parte della lunghezza della tavola, se avete una tavola rettangolare, e dunque occupano parecchio spazio, ma li trovo davvero belli, proporzionati e accoglienti.

Rendono partecipi tutti gli ospiti, nessuno escluso, e rendono il desco una vera tavolata addobbata.

Possiamo utilizzare un lungo vassoio o una tavola di legno per allestire gli oggetti o anche organizzarli direttamente sul tavolo, magari su un runner.

Potrà trattarsi di una serie di elementi alternati come candela e palline di Natale o anche di un bell’intreccio di rami, pigne, frutti e decori (quelli che amo di più).

Trovate il tutorial di questo bel centrotavola che si sviluppa in lunghezza, con pigne, verde, cannella e fettine d’arancia , su http://www.donnad.it

Una poetica tavola che sembra un bosco

Pigne rametti di pino palline e piccole candele per questa bellissima tavola

Una bella tavola di legno è perfetta per riunire elementi come semplici candela bianche, piccole pigne e palline

Centrotavola che si estende in lunghezza, con candele bianche e bacche di pungitopo, su donna.it

Molto bello e scenografico il centrotavola che vede cachi, rametti , noci, e alte e sottili candele nere, organizzati su un runner chiaro

Una piccola foresta di abeti dorati

Elemento centrale

Esistono poi i classici centrotavola centrali, scusate il gioco di parole, perfetti per tavoli tondi, ovali o quadrati, anche rettangolari, per chi ama lo stile classico.

Sicuramente questi sono meno ingombranti e più semplici da allestire e maneggiare.

Come sempre regnano sovrani gli allestimenti con le candele che, sopratutto durante le festa, creano una bellissima atmosfera, frutti, fiori, rametti verdi, pigne e palline.

Se vogliamo possiamo realizzare però anche delle mise en place più creative allestendo, ad esempio, un vero è proprio alberello al centro del tavolo o realizzando un centrotavola in ghiaccio, bellissima novità degli ultimi tempi.

Il rosso è il colore più natalizio che ci sia, bellissimi i centrotavola declinati in questo colore con frutti e fiori su donna.it

Centrotavola aromatico

Molto bello il centrotavola rustico perfetto per un Natale in baita

QUI sul sito di casa facile trovate il tutorial per realizzare dei fantastici centrotavola di ghiaccio in pieno stile Frozen. Meraviglia per grandi e piccini.

Anche su amando.it trovate diverse realizzazioni di creazioni con il ghiaccio

Un classico alberello di Natale, posizionato in modo non convenzionale, al centro della tavola

Troviamo tre graziosi alberelli avvolti in bacche di agrifoglio, allestiti in una adorabile cassettina di legno vintage, nel progetto fai da te via thenorthendloft.com

Molto scenografico, per Natali sfavillanti

Centrotavola di Natale diffuso!

Esiste infine il centrotavola diffusso, sparpagliato per la tavola per capirci, anche se forse non è il modo più elegante per descriverlo!

Si tratta perlopiù di vasetti, distribuiti sul tavolo a contenere fiori o altre composizioni, o candelabri, realizzati in varie maniere.

Allestimenti molto semplici da organizzare, da spostare e ordinare come meglio si preferisce, per non ingombrare troppo, ma addobbare comunque tutta la tavola, sopratutto se lunga.

Decorazioni diffuse, piccoli punti luce che si richiamano e si rincorrono con delicatezza sulla tavola.

Piccoli vasetti con mughetto e candeline costellano questa elegante e candida tavola natalizia

Originale e sbarazzina la decorazione della tavola con sacchettini di carta e candelae su candelabri fai da te con le bottiglie di vetro.

Alberelli e renne sparse per la tavola in stile nordico

Candele alte e basse arricchiscono questa classica tavola in rosso e bianco

Candelabri creativi realizzati con piattini e tazzine…e fiocchi di neve

Alberelli e palline in Total white per un bianco Natale

E voi? Che tipo di decorazione preferite per la tavola delle vostre feste?

L’articolo Centrotavola di Natale last minute proviene da Architettura e design a Roma.

18 Dicembre 2019 / / Architettura

Moodboard per gli arredi della casa vacanza

Nuovo living

assonometria dell’appartamento

Grazie alla nuova progettazione della pianta ora l’appartamento è composto da due camere da letto e una zona giorno con cucina a vista. Lo sgabuzzino che era dove si trova ora il divano è stato spostato davanti al bagno

La nuova zona giorno con la nuova progettazione, comprende anche la parte dell’ingresso che diventa un salottino

Per il relooking di una casa che doveva
essere adibita a casa vacanza, abbiamo realizzato una ristrutturazione light
che ha previsto poche modifiche strutturali, che però sono state determinanti
per il nuovo look e soprattutto la fruibilità dell’appartamento.

Ogni problema ha la sua soluzione

L’immobile era composto da un ingresso con
sgabuzzino, cucina abitabile, un bagno, una camera e un soggiorno, l’intenzione
della committente era quella di avere due camere da letto e la zona giorno all’ingresso,
eliminando lo sgabuzzino e unendo l’ingresso con la cucina.

E che ci vuole direte voi? L’impresa è invece risultata molto più complessa di quello che poteva sembrare, in quanto unendo le aree dell’ingresso, dell’ex sgabuzzino e della cucina la superficie risultava essere troppo ampia per essere servita dalla sola finestra della cucina, in poche parole non rispettava i criteri di aeroilluminazione richiesti dagli standard abitativi e dunque non sarebbe risultata a norma e non sarebbe stata accettata né la scia urbanistica né la scia turistica.

Urgeva trovare una soluzione! Con l’aiuto
anche di alcuni amici architetti specializzati in aspetti burocratici abbiamo
trovato un interessante escamotage; abbiamo ribassato con un controsoffitto l’area
all’ingresso corrispondente al perimetro dello sgabuzzino. Quella porzione di spazio
a questo punto ha un’altezza di 2.40, che caratterizza e definisce gli ambienti
di passaggio (corridoi disimpegni ecc.) in questo modo siamo riusciti ad
eludere quell’area da quella totale, alla quale a questo punto risulta sufficiente
la finestra della cucina.

Con gioco di altezze abbiamo definito aree
e ambienti diversi pur trattandosi in sostanza dello stesso ambiente. È vero
che ora nell’area che corrisponderebbe come altezze ad un disimpegno è stato
posizionato il divano…ma cosa impedisce a qualcuno di mettere il divano in
corridoio?!

Il rapporto di aeroilluminazione è il rapporto tra la superficie del pavimento e quella della finestre e non deve essere inferiore a 1/8. Il che significa che un locale di 40 metri quadrati dovrà avere una superficie vetrata minima di 2,5 metri quadrati.

LO spazio che ora occupa il divano ed entra a far parte della zona giorno, originariamente era chiuso ed era uno sgabuzzino

E’ stato eliminato lo sgabuzzino per ampliare la superficie dell’area giorno che ora è diventata un salottino ed è delimitata da un controsoffitto con faretti

L’area che sulla carta risulta essere una zona di passaggio, un disimpegno, poiché ha un’altezza di 2.40 e dunque non fa parte della zona giorno e non necessita di finestra, viene occupata da un divanetto, ma un divanetto può stare anche anche in un disimpegno 😉

Nuova organizzazione e nuovo bagno

Adesso subito all’ingresso agli ospiti di questa casa vacanza, si presenta una bellissima ed accogliente zona di benvenuto con divanetto Maison du Monde e carta da parati a righe di Caselio

La casa ora ha due camere da letto che sono state riammodernate nell’arredamento, pur mantenendo diversi vecchi mobili che sono stati riusati, la zona giorno con cucina e un bagno completamente rinnovato, moderno, elegante e accogliente.

IL bagno è stato completamente ristrutturato con i rivestimenti in blu e grigio di Marazzi

Schema di posa del rivestimento del bagno

Onde blu per il nuovo look del bagno

Carta da parati a righe

Per caratterizzare la casa si è scelta con
la committente una carta da parati a righe multicolore di Caselio, che abbiamo
posato in maniera orizzontale invece che verticale e per la posa della quale c’è
stato bisogno di un vero maestro della carta da parati!

Non tutto quello che sembra semplice lo è
davvero, ma alla fine ce l’abbiamo fatta anche grazie alla determinazione della
committente, una donna piena di grinta, energia e positività, che ha fortemente
voluto questa carta, posata in questo modo!

Si tratta effettivamente di un elemento
davvero caratterizzante, speciale e che dona un gran carattere agli ambienti,
rendendoli accoglienti pieni di gioia e curati nei dettagli.

La carta da parati che caratterizza gli spazi di questa casa vacanza la ritroviamo all’ingresso nella zona giorno…

Nella camera da letto matrimoniale…

e nella camera doppia

una carta da parati che sicuramente ha donato alla casa buone vibrazioni!

La cura dei dettagli è molto importante

Good vibs

Gli arredi delle camere da letto

Per le camere si sono scelti accessori colorati a contrasto, la camera con i mobili bianchi è stata caratterizzata dall’inserimento di elementi gialli e grigio, mentre nella stanza con i mobili marroni sono stati inseriti elementi rosa antico e verde oliva.

Per la camera doppia sono stati scelti dettagli in giallo e grigio

Poltroncine di Maison du Monde e tavolino ikea per la colazione in camera

La camera doppia è molto ampia e vi trova spazio anche un pouf che si trasforma in letto di Ikea e una scrivania

Progetto della camera doppia con angolo studio

Per la camera doppia dettagli in giallo e grigio. Testata ikea, lampadine da lettura e lampadario giallo di Maison du Monde

per la camera matrimoniale arredi verde oliva, come la bellissima sedia Master di kartell che trovate anche QUI e rosa antico

Vista 3d

Angolo relax, comodo per fare la colazione in camera, allestito con tavolino e sedie Kartell

Basta poco per donare un nuovo look affascinante

Il risultato è stato davvero soddisfacente
e, già dall’ingresso ora si respira un’aria del tutto nuova, grazie al divanetto
elegante e decòr di maison due monde che si staglia sulla parete a righe e la
parete con mensole, che potranno accogliere guide di Roma, biglietti da visita
e altri supporti per gli ospiti. Sulla parete davanti al divano viene posizionata
la tv, mentre davanti al bagno è stato creato un armadio a muro che viene
utilizzato dalla proprietaria, al posto dello sgabuzzino, per i cambi della
casa vacanza prodotti per la pulizia ecc. Il controsoffito a due altezze con i faretti
crea un bell’ambiente curato, studiato e progettato con attenzione e la cucina,
rimasta invariata, ora si apre sulla zona giorno e si integra piacevolmente al
resto.

Sulle mensole del salottino all’ingresso trovano spazio libri su Roma, stampe e oggetti vari.

Divano Maison du Monde Isberg blu petrolio

Le stampe presenti nelle immagini sono di Posterlounge

Visuals by Posterlounge

L’articolo Ristrutturazione strategica di una casa vacanza proviene da Architettura e design a Roma.

17 Dicembre 2019 / / Architettura

Le porte a scomparsa rappresentano la soluzione perfetta per risparmiare spazio all’interno della propria abitazione con un risultato esteticamente gradevole.

Porte a scomparsa

La scelta di porte a scomparsa è molto ampia, si possono ordinare da casa, evitando lunghe ed estenuanti visite presso i punti vendita fisici.

L’acquisto di porte online è una valida alternativa a questi ultimi, in quanto è possibile sia risparmiare consistenti somme di denaro, sia ricevere degli articoli di qualità anche superiore rispetto alle grandi catene di distribuzione presenti in migliaia di città italiane.

Inoltre è presente un’eccellente guida alla rilevazione precisa delle misure ed alla configurazione perfetta dell’infisso.

Come scegliere la porta a scomparsa

Quando sorge la necessità di acquistare una porta a scomparsa, bisogna far sì che essa si adatti perfettamente allo stile dell’arredamento e all’ambiente.

Se questi sono minimali, si può optare per una colorazione ed un materiale in contrasto, in caso contrario meglio scegliere una porta ben abbinata, magari provvista di una maniglia impreziosita che la renda unica e originale.

Per avere un’ulteriore illuminazione in corridoi e disimpegni, si consiglia invece di optare per una variante dotata di vetro.

Le soluzioni con specchio si rivelano perfette per impreziosire una cabina armadio o una camera da letto, specialmente se di piccole dimensioni.

In quest’ultimo caso, grazie ad una porta a scomparsa, sarà infatti possibile avere uno specchio a figura intera senza rubare centimetri preziosi.

Tutti i vantaggi delle porte scorrevoli

Oltre al già menzionato risparmio di spazio, le porte scorrevoli hanno diversi vantaggi, in primis la capacità di unificare ambienti diversi e creare continuità fra di essi, ma quando occorre più privacy bastano pochi gesti per chiuderle.

Altri due benefici di questa tipologia di infissi sono l’aggiunta di un tocco moderno all’abitazione ed il risparmio energetico, poiché basterà farlo scorrere per evitare dispersione di calore.

Non bisogna poi trascurare la possibilità di usufruire dei benefici fiscali da parte dello Stato, il quale prevede un rimborso fino al 50% delle spese sostenute per le opere di ammodernamento edilizio.

Come contattare compraporte

Esistono diversi modi per contattare Compraporte, ossia inviare una mail all’indirizzo info@compraporte.it, chiamare il numero 0521-712637 o visitare personalmente lo show room di Parma in Via Emilia Ovest, 77/A.

Perché scegliere compraporte

Compraporte è un’azienda che rispetta sempre i tempi di consegna, cosa davvero molto importante quando si effettua una ristrutturazione, e propone un’ampia e diversificata offerta di articoli volti a soddisfare tutte le necessità, sia in termini estetici che economici.

Infine le porte, pur avendo dei prezzi molto vantaggiosi, sono di pregevole fattura.

Per saperne di più visitate il sito http://www.compraporte.it dove troverete un vasto assortimento di soluzioni per la vostra casa ed esaurienti informazioni riguardanti il rilievo delle misure, le tipologie ed i materiali .

L’articolo Porte a scomparsa salva spazio proviene da Architettura e design a Roma.

10 Dicembre 2019 / / Decor

Vassoio regalo di Natale per piccoli supereroi disponibile QUI

Quadrato, rettangolare, tondo, ovale o dalle forme più svariate, con i manici o senza, con i bordi o senza, di plastica, metallo, legno e chissà quanti altri materiali…sto parlando del vassoio, contenitore per eccellenza, forse uno degli accessori per la casa tra i più antichi che esistano.

Dunque perché non prendere ispirazione proprio dal vassoio per un un bel regalo di Natale? Potrebbe sembrare una scelta banale? Di certo non lo è, prima di tutto perché il vassoio è comodo in qualsiasi famiglia e in qualsiasi casa, quindi comunque regalerete qualcosa di utile e, in secondo luogo ne esistono davvero di bellissimi, originali, particolari e preziosi.

Un regalo perfetto per una famiglia di amici, per i single che stanno arredando con cura la propria casa, per la mamma, la sorella o la nonna.

Bellissimi, comodi e perfetti come regalo di Natale i vassoio in metallo di Alessi declinati nei colori Natalizi argento quello con bordo alto diametro 21cm che trovate QUI e rosso Quello con bordo basso diametro 40cm disponibile QUI

Sono in legno impiallacciato di Betulla sostenibile made in Svezia, i vassoi progettati dall’artista e designer svedese Nadja Wedin. Il regalo di Natale ideale per un’amica importante. Farfalle, Gatto , Gufo , foglie, uccelli

“Portatore di vassoio” museo archeologico nazionale di napoli

Vassoio etrusco

Sembra antico il vassoio rettangolare in ottone anticato su trouva.com

Disponibile in diversi colori il vassoio di ZAK Designs dimesnione 32,5 x 26 cm. Lo trovate QUI, perfetto per un piccolo regalo di Natale informale

Se ci piace il legno possiamo scegliere una versione più raffinata, di design e decorativa, come il vassoio Adamo a forma di foglia di Legno art che vedete a sinistra oppure una versione più rustica e casereccia come il vassoio/tagliere corteccia a destraa che trovate QUI . Dipende sempre dal destinatario del regalo

Anche per gli amanti dello stile orientale ci sono varie possibilità più o meno accessibili…in alto due pezzi di design che superano ampiamente i 300€: a sinistra Nonogiorno è un vassoio realizzato con legni di acero, ulivo, pero, noce con bordatura e piedini in wengé e a destra Sami_Wave S in cipresso Hinoki di Marta Laudani per Hands su Designpiù. In basso due modelli più accessibili a sinistra uno in stile giapponese laccato in nero che trovate QUI e a destra uno in stile cinese per la cerimonia del tè disponibile QUI.

Battista è un vassoio dal design moderno, realizzato in metallo e disegnato dalla giovane designer Antonella di Luca per l’azienda MR. LESS & MRS. MORE

Possiamo realizzare anche un vassoio regalo con le nostre mani, sarà certamente un dono gradito

Piccoli allestimenti

Un regalo davvero trasversale, dicevamo, che negli ultimi anni, con l’amore per l’home decor e l’home staging, viene sempre più utilizzato come elemento decorativo, per creare piccoli set e allestimenti su mensole e mobili.

I suoi utilizzi possono essere molteplici: in cucina come base per barattoli ed elettrodomestici ed ovviamente per portare vivande, servire il tè, fare colazione a letto o pasti veloci, magari sul divano guardando la TV (un viziaccio è vero ma chi è che non lo ha mai fatto?!).

Il vassoio però esce anche dalla cucina entrando prima di tutto nel salotto, per andare a creare la base di piccoli allestimenti (ricordate la regola del 3?!) accogliendo vasetti, soprammobili, cornici.

Possiamo utilizzare un bel vassoio ampio
anche per realizzare un piccolo angolo bar con le bottiglie più pregiate e qualche
bicchiere bello e particolare, per arricchire un mobile o proteggere un piano
delicato e, in fine, persino per decorare una parete

Una bella composizione mix & match di vassoi per decorare la parete

In cucina o in salotto possiamo utilizzare i vassoi per contenere tazzine e bottiglie con funzione sia decorativa che utile, all’occorrenza. Il vassoio nell’immagine lo trovate QUI, è in legno 40×40 con piano decorato

Molto bello e perfetto per creare scenografici allestimenti il vassoio con bordo in metallo e piano specchiato che trovate QUI

Piccolino elegante e che si presta a tanti utilizzi, è il vassoietto ovale dorato che trovate QUI

Il vassoio può essere un’ ottima base per un allestimenti che preveda delle candele, composizione elegante e perfetta per creare la giusta atmosfera.meglio ancora se il vassoio e come quello in alto a sinistra che trovate disponibile QUI, con bordo argento e base specchiata

Stile shabby

Classico in argento

Minimale in legno

Elegante composizione per la cucina o il salotto con il vassoio minimal chic in marmo

Rustico

Salotto contemporaneo

Vassoio per bambini

Il vassoio può essere un regalo di Natale utile e grazioso anche per i bambini, esistono piatti/vassoio di tutti i tipi per imparare a mangiare da soli giocando, vassoio da auto e da viaggio e graziosi vassoio per arredare la cameretta, accogliere barattoli, portapenne e contenitori di vario genere,

Tanti adorabili piatti/vassoio per i bambini che faranno felici sia i piccoli che i loro genitori. In alto a sinistra macchinina, di seguito dinosauri, in basso a sinistra animaletti e infine una divertentissima pista

Comodissimo vassoio da viaggio per Auto disponibile in rosa, celeste e verde

Questo tenero vassoio in legno pensato per i più piccoli lo trovate su lecasediela.it

Si chiama Kaeido il vassoio squadrato, laccato disponibile in vari colori di mojoo, secondo me perfetto per la camera dei bambini

E’ di Stokke il tri trap table top.

Svuotatasche

Il vassoio, sia all’ingresso, che in salotto può essere utilizzato anche come comodo svuotata tasche per raccogliere monete, chiavi, bollette, cellulare e varie.
In questo modo gli oggetti vengono tenuti in ordine in un contenitore grazioso e che può essere facilmente e velocemente spostato all’occorrenza con il suo contenuto, se dovesse servire fare un po’ d’ordine in vista di ospiti speciali!

Anche in camera da letto il vassoio può avere una funzione di svuota tasche sul comò o comodino, o di base d’appoggio per profumi e cosmetici; oltre al classico utilizzo per servire la colazione a letto o lavorare, leggere e scrivere con il computer comodamente sulle ginocchia.

Rotary tray design by Jasper Morrison distribuito da Vitra è un vero pezzo di design. Si tratta di un vassoio con ripiano superiore girevole comodo anche come svuota-tasche.

Per gli amanti dello stile nordico c’è il vassoio in laminato di betulla verniciato con motivo geometrico di Ferm Living

Una picola vaschetta organizer utilissima come svuota tasche, la trovate disponibile QUI in vari colori

Classico vassoio da letto in bambù, per augurare dolci risvegli Lo trovate QUI

Grazioso vassoio con cuscino imbottito comodo da tenere sulle ginocchia. Disponibile QUI

E’ della giovane designer francese Margaux Beja il Vassoio Poket in rovere, organizer perfetto come svuota tasche e porta documenti

Toletta in bianco e nero

Eleganza minimalista in camera da letto ma con un’estrema cura ai dettagli

Stealth by Caoscreo è un vassoio, design Manolo Bossi, realizzato in metallo verniciato con spazio sottostante adatto ad accogliere riviste, tovagliette etc, ideale per la colazione a letto

Basta una cassettina di legno per realizzare un adorabile vassoio in stile shabby per i momenti speciali.

In bagno

Non dimentichiamo poi l’ambiente bagno, dove un vassoio potrà accogliere saponi, spazzole o altre accessori per rendere lo spazio più curato, ordinato ed elegante.

Un bel regalo di Natale potrebbe essere, inoltre, uno di quei vassoi da vasca da bagno che ci permettono di leggere, mangiare o bere un bicchiere di vino nell’acqua della vasca, per un vero momento di relax.

Potrebbe essere il regalo di Natale che stavate cercando il vassoio da vasca da bagno come quello in bambù che trovate QUI

L’attenzione ai dettagli è importante in tutti gli ambienti, Insegnatelo anche ai vostri cari regalandogli il vassoieto organizer che trovate QUI

Bathroom Vanity Tray Decor Childs Bathroom Photos Hgtv Green Home 2009 Hgtv Green Home 2009 Best Style – Home Interior Decorating Ideas

Insomma, il vassoio potrebbe davvero essere un regalo di Natale, adatto a tutti e a tutte le esigenze.

Ne esistono modelli di design davvero belli e preziosi, versioni originalissime, multiuso, divertenti, di ogni colore e materiale, dal marmo, alla plastica, dal metallo al legno fino ai materiali più strani.

Un regalo gradito, ancor di più se
sapremo suggerire tutti gli utilizzi creativi ed alternativi che abbiamo
imparato esistere!

L’articolo Vassoio: regalo di Natale adatto a tutti proviene da Architettura e design a Roma.