25 Novembre 2020 / / Non Ditelo all'Architetto

L’interior design, o architettura di interni, è una disciplina che consiste nella progettazione degli spazi e degli arredi all’interno di un edificio. L’interior designer si occupa perciò di definire o ridefinire, in caso di ristrutturazione, gli ambienti di una casa o di un ufficio in modo tale da renderli più confortevoli e funzionali. L’interior designer deve tenere conto anche dei gusti e dello stile di arredo scelto dal proprietario dell’edificio, offrendo soluzioni che possano conciliare estetica e funzionalità. Questa disciplina prevede perciò uno studio della struttura e degli spazi, che presuppone conoscenze di tipo tecnico e ingegneristico. L’interior designer deve anche essere in possesso di nozioni in materia di arte e architettura; oltre ad aver acquisito competenze nell’uso di specifici software di progettazione. Si tratta perciò di una figura altamente specializzata, che richiede studi di alto livello. L’interior designer non può improvvisare la propria professione, ma deve necessariamente essere in possesso di un diploma che ne attesti la preparazione.

Diventare interior designer grazie ad un corso dedicato

A questo proposito è possibile scegliere fra numerose offerte formative, universitarie e non. Molti istituti, ad esempio, mettono a disposizioni corsi di interior design rivolti a tutti coloro che desiderano lavorare nel settore della progettazione di interni e acquisire una preparazione adeguata. Questi corsi si articolano generalmente in una parte teorica e una pratica, in modo tale da permettere un reale apprendimento della materia. Al di là delle conoscenze teoriche, è molto importante che l’aspirante interior designer impari ad usare anche i software giusti e sappia confezionare un progetto da presentare al cliente. Naturalmente, in questi casi, la differenza la fa l’ente organizzatore del percorso formativo. L’efficacia di un corso di formazione deriva infatti dal modo in cui è articolato; così come dai docenti coinvolti e dal supporto fornito anche nella successiva fase di ricerca del lavoro. Prima di scegliere un corso interior design, è bene perciò prendere in considerazione tutti questi aspetti e valutare attentamente anche le prospettive occupazionali.

Corso di interior design: quale scegliere?

Queste ultime dipendono dalla capacità da parte dell’Istituto di creare un collegamento fra formazione e mondo del lavoro. Made in Italy School, ad esempio, offre un grande supporto nella ricerca e nell’inserimento nel mercato del lavoro. La scuola non si limita a formare lo studente, ma mette a disposizione un efficiente servizio di ricerca del lavoro, in modo da offrire opportunità concrete. Fra i vari corsi a disposizione, è possibile frequentare anche quello di interior design. Si tratta di un corso online rivolto a studenti con o senza esperienza, desiderosi di approfondire le conoscenze e le tecniche di questo mestiere. È quindi possibile seguire le lezioni direttamente da casa in live streaming, ma con la sensazione di trovarsi in una vera e propria aula virtuale. Le lezioni possono essere seguite individualmente o in gruppo, con classi a numero chiuso. Il corso prevede inoltre ben 530 ore di pratica formativa, che potranno essere svolte presso i migliori studi di Architettura e progettazione di interni.  

L’articolo Interior design: come diventare un professionista del settore proviene da Architettura e design a Roma.

24 Novembre 2020 / / Non Ditelo all'Architetto

Durante la posa delle piastrelle di pavimenti e rivestimenti, uno dei problemi più comuni che si riscontra è quello dell’irregolarità.

In questo articolo ci concentreremo sul lippage che è un’irregolarità di livello della superficie, risolvibile con un efficace sistema di livellatori di piastrelle.

Installare un pavimento è un’operazione che può riservare spiacevoli sorprese.

Una delle problematiche principali che un professionista si trova ad affrontare è quella di rendere regolare la superficie del pavimento evitando così l’effetto “lippage”.

Posa dei pavimenti: Cosa è il lippage?

Il lippage delle piastrelle si verifica quando queste ultime sono posizionate a un livello diverso le une dalle altre, creando irregolarità verticali della superficie del pavimento, in gergo “i denti”.

Non è un problema risolvibile con dei semplici distanziatori.

I distanziatori, come suggerisce il nome, intervengono sulla distanza tra le piastrelle ma non aiutano in alcun modo a regolarne il livello. Una volta posate, le piastrelle possono essere perfettamente distanziate ma presentare comunque un fastidioso e antiestetico gradino tra piastrelle adiacenti.

Il lippage non solo è esteticamente sgradevole ma in più porta con sé alcune problematiche.

Le piastrelle che si trovano posate a una altezza differente creano i “denti”, dislivelli nei quali è facile inciampare. Questa situazione, soprattutto se il pavimento è posato all’interno o esterno di un’attività industriale, commerciale o ancora in una struttura ricettiva o in un ambiente dove ci son bambini, può avere conseguenze anche di grave portata.

Posa dei pavimenti: perché le piastrelle possono presentare dislivelli?

La posa di un pavimento può risultare con irregolarità di livello a causa della preparazione del fondo oppure per il materiale che si posa.

La preparazione professionale a regola d’arte del fondo è molto importante perché la successiva posa venga effettuata con la massima efficacia.

Dobbiamo inoltre ricordarci che le piastrelle sono ottenute tramite pressatura e cottura in forni appositi

Piastrelle che siano poco pressate oppure con una cottura troppo veloce, saranno quindi piastrelle problematiche perché quasi sicuramente queste non si presenteranno uguali alle altre come spessore.

Per questo motivo è importante, al fine di ottenere un risultato professionale e soddisfacente, servirsi oltre che dei distanziatori per piastrelle anche dei livellatori per piastrelle e identificare il modello più adatto alle proprie esigenze.

Livellatori per piastrelle: come evitare il lippage

Per evitare l’effetto lippage, è opportuno scegliere un sistema di livellamento delle piastrelle. Questi livellatori lavorano bloccando le piastrelle in modo che la loro superficie complessiva risulti omogenea durante l’asciugatura del fondo.

I livellatori per piastrelle Profilpas per esempio, sono tra le soluzioni migliori presenti sul mercato.

Grazie a una tecnologia proprietaria, permettono di posare pavimenti senza dislivelli in poco tempo e facilmente. Caratteristiche che permettono quindi di procedere con maggiore velocità la posa, ma allo stesso tempo eseguendo un lavoro professionale e di qualità.

Funzionano tramite incastro, riducendo al minimo la possibilità di lippage e sono anche utili nell’evitare le problematiche legate all’assestamento da ritiro. Infine, ma non per ultimo, riducono drasticamente e con risultati migliori il tempo di posa di un pavimento.

Sarà necessario adeguare il numero di componenti all’ampiezza della superficie del pavimento.

I principali metodi di livellamento per piastrelle sono

  • sistema di livellamento a cunei;
  • sistema di livellamento a morsetti.

Il sistema a cunei è perfetto per la posa a livello di piastrelle in ceramica e pietra, anche di quelle “ultrasottili”.

Il sistema a morsetti è solitamente adatto al livellamento per pavimenti e rivestimenti di vario spessore ed è particolarmente indicato per i grandi formati.

Da verificare sempre la presenza di un disco antigraffio a protezione della superficie delle piastrelle.

Con questo articolo un pò tecnico spero di avervi dato le giuste informazioni per evitare assolutamente quei fastidiosissimi “denti” che spesso ci capita di incontrare!

L’articolo Posa dei pavimenti: evita superfici irregolari grazie ai livellatori di piastrelle proviene da Architettura e design a Roma.

21 Novembre 2020 / / Idee

letti a castello in stile cuccetta nautica

Questa era l’immagine proposta dalla committente che si rifaceva ad uno stile nautico per i due letti a castello

progetto letti a castello in stile cuccetta nautica

Tavola di progetto

Vista assonometrica dell’appartamento con le due camere da letto che accolgono in tutto tre letti a castello

Quest’estate abbiamo realizzato un progetto per delle camere da letto di una casa al mare in Sardegna. Il progetto prevedeva la realizzazione di 4 letti in stile cuccetta nautica.

La cliente ci ha mandato una immagine trovata sul nostro blog, nell’articolo in cui parlavamo delle camere per ragazzi con quattro posti e con Federica di Restyling mobili abbiamo realizzato un complesso studio di fattibilità. I letti a sbalzo devono essere sicuri e supportare un peso di almeno 150kg l’uno; inoltre ci siamo occupate di trovare e selezionare le attrezzature nautiche dei tiranti, in parte con funzione estetica e in parte tecnica.

Il progetto dei letti a castello in stile nautico

Ogni letto a castello è composto da due pedane in legno smaltate di bianco di circa 200×90 cm con ancoraggi in metallo da inserire a parete per la sospensione dei due letti. Il progetto è completato da un sistema di tiranti regolabili per garantire la tenuta a parete sul lato sospeso. Il parapetto e la scaletta sono realizzati con accessori per la nautica in acciaio inossidabile (perfetti per una casa al mare).

Possibile aggiunta di una coppia di cassettoni su rotelle sotto al letto inferiore.

Per mettere ancora più in sicurezza i letti abbiamo preferito inserirli sull’angolo delle pareti in modo da avere due lati di ancoraggio; questo perché trovandosi la casa in Sardegna e non essendo stato possibile fare il sopralluogo non avevamo la certezza che tutti i muri fossero portanti.

Planimetria
tavola illustrativa

Il letti a castello vengono posizionati nell’angolo della stanza per una maggiore stabilità e per lasciare maggior spazio al centro dell’ambiente

Per il montaggio ideato una soluzione che prevedeva di realizzare un piccolo scasso a parete in cui inserire ed ancorare una barra di metallo, piatta, sui cui ancorare i letti, che sarebbe poi diventata invisibile una volta ristuccato e ridipinto il muro.

Tavola illustrativa del sistema di fissaggio a parete dei letti a castello

Questa tipologia di letti sospesi, che dà una sensazione di grande leggerezza e ariosità e minor ingombro visivo rispetto ad altri modelli, è stata scelta perché la camera della casa al mare, che deve accogliere i quattro letti, è abbastanza piccolina 14,5 mq,

ma anche dietro alle immagini più semplici di pulizia e minimalismo c’è un serio lavoro di studio della fattibilità e di ricerca delle soluzioni migliori, più sicure e più vantaggiose anche economicamente.

Abbiamo optato per la stessa tipologia di letto a castello anche per l’altra camera da letto presente in casa in modo da poter inserire un ampio armadio contenitore come nell’altra stanza.

visione d’i

L’articolo Letti a castello in stile cucetta nautica proviene da Architettura e design a Roma.

18 Novembre 2020 / / Idee

Sapete quanto io ami l’upcycling e il fai-da-te dovuto al recupero di mobili, complementi o oggetti da trasformare!

Spesso si tratta di piccoli lavoretti di bricolage che può fare ognuno di noi, che ci permetteranno di recuperare quel vecchio mobile magari ridipingendolo o rivestendolo con carta adesiva e cambiandogli semplicemente i pomelli; oppure trasformare un elemento semplice e banale in un arredo personalizzato e unico. Questi sono solo alcuni esempi di come possiamo realizzare mobili e complementi creativi e diversi da tutti gli altri, unici e pensati proprio per la nostra casa.

colla spray
colla spray
colla spray
colla spray

Io personalmente quando realizzo questo tipo di lavori mi trovo molto bene nell’utilizzare la colla spray, alcune permettono anche di riposizionare l’elemento da incollare quando l’abbiamo già applicata, per chi magari è meno preciso ed è alle prime armi, così non si rischia di fare danni “irreparabili”. La maggior parte delle colle spray è trasparente e non forma increspature creando un incollaggio. Questo tipo di colla può essere utilizzato per incollare legno, metallo, vetro, plexiglass, cartone, cuoio, sughero, gomma e diversi tipi di plastica è perfetta per noi, che ci troviamo a recuperare i materiali più svariati!

Dobbiamo ovviamente comunque controllare sempre le caratteristiche della colla che scegliamo in base alla sua applicazione.

Per utilizzare una colla spray dobbiamo preparare l’ambiente adeguatamente quindi coprire tutta la superficie del nostro piano di lavoro, metterci in uno spazio ben arieggiato e preferibilmente usare guanti e mascherina.

Le superfici da incollare andranno pulite attentamente per permettere un incollaggio perfetto.

Tutorial per realizzare una lampada

Brillantini e colla spray

Di seguito vi propongo alcuni facilissimi tutorial, per realizzare dei semplici (ma molto decorativi) complementi per la vostra casa, che porteranno certamente allegria, stile e personalità nei vostri ambienti.

Per una lampada sbrilluccicante, stilosa ed esuberante ho scelto il tutorial proposto da viverepiusani.it e che realizzerò a breve anche io. Questa lampada può essere perfetta per la cameretta dei bambini, per la camera da letto, ma anche per un negozio un locale o monolocale sbarazzino e pieno di sprint.

Vi servirà

  • Colla spray
  • Un lampadario in carta di riso
  • Brillantini

Prendete la lampada in carta di riso e, dopo averla posizionata su un ampio foglio di carta di giornale, spruzzate su tutta la superficie la colla spray, successivamente cospargetela con i brillantini e dopo aver lasciato asciugare una decina di minuti eliminate i brillantini in eccesso scuotendo leggermente il paralume in carta di riso sul foglio di giornale.

colla spray

Tutorial per rivestire un mobile

tessuto e colla spray

Se invece volete rinnovare e personalizzare un mobile o una libreria vi consiglio di seguire il tutorial che propone Ikea per rinnovare la famosissima libreria Billy con un tessuto a nostra scelta.

Questo tutorial può essere di ispirazione anche per rivestire altri tipi di arredi che abbiamo comunque superfici lisce e regolari.

Nello specifico occorrerà:

  • 3 m di tessuto a metraggio (per una libreria BILLY con 3 ripiani)
  • Gesso
  • Metro
  • Colla spray
  • Pinzatrice
  • forbici da tessuto

QUI trovate il tutorial per esteso.

colla spray

Abbiamo dunque visto come con un po’ di colla spray e tanta creatività possiamo realizzare semplici arredi che renderanno migliore la nostra casa e che ci faranno passare piacevoli ore in casa da trascorrere impegnati in un divertente bricolage. Buon lavoro!

L’articolo Arredi fai da te con la colla spray proviene da Architettura e design a Roma.

10 Novembre 2020 / / Idee

Design Nordico

LEGO
Anche i vasi in terrazzo sono ispirati ai LEGO nel bellissimo appartamento progettato da Hao Design studio
LEGO design
Termoarredo a forma di mattoincione by Scirocco

LEGO architettura

Design inspired by Hao Design studio

LEGO design
Anche questo interno dell’interior designer Max Kasymov è stato chiaramente ispirato dai LEGO

LEGO design

Cameretta fatta per giocare!

LEGO design
Design stile e pura creatività

LEGO design

Top Four lampada da tavolo ispirata al famoso simbolo del design nordico! Disegnata da Alberto Basaglia e Natalia Rota Nodari, la Top Four è così piccola da stare nel palmo di una mano.

LEGO arredamento

Copripiumino singolo LEGOMovie 2 reversibile su entrambi i lati. Lo trovate QUI

Simpatica striscia adesiva con stampa LEGO che può essere utilizzata anche come battiscopa. Lo trovate QUI

Uno dei trend del momento è il LEGO…i LEGO impazzano, sono di design, sono allegri, sono cool,  piacciono a tutti grandi e piccoli. Certo non è una novità, i LEGO sono un ever green ed è per questo forse che persino Ikea ha deciso per una delle sue ultime collezioni di fare una collaborazione proprio con la grande azienda danese per la sua nuova collezione di scatole a tiratura limitata BYGGLEK.

Scatola BYGGLEK di IKEA

LEGO e architettura

I LEGO non sono mai stati un gioco (solo) da bambini, sono amati indifferentemente da grandi e piccoli e adorati da architetti e designer per la loro qualità modulare che danno libero spazio alla fantasia, creatività e progettazione.
Tutti noi possiamo trarre ispirazione per i nostri interni dai negozi LEGO nel mondo. Gli showroom sono spesso arredati con soluzioni creative e colorate ispirate proprio ai famosi mattoncini declinati in versione macro, che diventano arredi, soffitti, pavimenti e altro. Hao Design studio ha realizzato un’intera casa per dei clienti, ispirandosi proprio alle costruzioni giocattolo più famose del mondo. Non è un arredamento fatto DI LEGO ma ispirato AI LEGO, colorato e surreale ma anche molto funzionale. 

Il meraviglioso, sotto tutti i punti di vista, appartamento progettato dallo studio di Taiwan Hao Design; un appartamento pensato per una giovane coppia con figli piccoli, disegnato con complementi su misura con uno stile moderno e minimale ma corredato da elementi giocosi e colorati ispirati al mondo LEGO e al tema della piscina, nel living, divertenti per grandi e piccoli.

LEGO archittettura
LEGOLEGOLEGO Group ha recentemente aperto la prima fase del suo nuovo Campus in Danimarca…ovviamente LEGO style!

Nei negozi LEGO in giro per il modo si possono trovare anche molti spunti progettuali e di interior design

LEGO e design

Diversi architetti e designer si sono sbizzarriti con i lego per i loro interni e anche qualche artista come Jan Vormann, Un artista urbano franco tedesco diventato famoso per le sue  "riparazioni" di muri urbani realizzate con i LEGO, e Dante Dentoni talento nostrano.  
LEGO Design
LEGO design

Un’intera scala con soppalco ispirata al magico mondo dei mattoncini colorati, davvero fantastica. E’ stata realizzata dagli artisti LEGO con sede a NY City in un appartamento a Soho. Per realizzare la ringhiera della scala sono stati utilizzati 20.000 mattoncini

LEGO design
cucina i cui sportelli riproducono grandi matoncini LEGO
LEGO design

Camera/studio molto creativa inspirata ai mattoncini di costruzioni più famosi del mondo!

LEGO design
Anche i più grandi amano i LEGO…perchè privarsene?!

LEGO desigfn
Pedana contenitiva con un divertente motivo per il frontale dei cassetti

LEGO design

Ed anche in bagno l’interior design ispirato ai mattoncini di costruzioni più famosi del mondo trova spazio

BELLISSIMO!

LEGO design

Addirittura un’intera parete!

La stessa azienda LEGO, ma non solo, ha pensato all’interior design realizzando dei complementi e degli storage, per chi desidera qualcosa di più semplice per arredare in stile LEGO, Si tratta di scatole contenitori fatte a forma di maxi pezzi lego, comprese le teste dei famosi pupazzetti. Realizzate in varie dimensioni risultano ideali non solo per la stanza dei bambini, ma per uffici, living, cucine e ogni ambiente voglia un tocco di colore e uno stile cool ma anticonvenzionale.

Scatole a forma di lego gigante di varie forme con un cassettino con 4 bottoni, doppio cassetto 8 bottonicassettone otto bottoni ed altri formati. Io le adoro e non solo per la camera dei bimbi

Si trasforma in contenitore anche la Testa dei famosi pupazzetti anche in versione zucca!

Bellissimi e adatta ad ogni ambiente .la collezione LEGO – Art quadri fai da te per veri amanti dei lego della collezione fanno parte Marilyn Iron Man e altri soggetti

LEGO design

Bellissimo il set di tre appendiabiti da parete, disponibili QUI in due abbinamenti di colori

Con la fantasia dei famosi mattoncini e personaggi troviamo poi in commercio set per il letto, carte da parati, tende doccia e cuscini. Anche con le decorazioni da parete possiamo lasciarci ispirare, esistono, tra le altre cose, i fantastici quadri 3D lego art da costruire. 
E noi stessi possiamo sbizzarrirci con un pò di creatività a creare lampade, decorazioni e chissà cos'altro!

Con i mattoncini di recupero che abbiamo possiamo anche realizzare da noi arredi creativi, come tavolini, ripiani o una lampada. Quella nell’immagine in basso a sinistra è di MR Brick Designer che trovate su Etsy

Un’idea regalo per una colazione divertente? La tazza su cui montare sopra le costruzioni! La trovate QUI in vari colori

Simpatica la tenda doccia con il pattern che si rifà a quello delle famose costruzioni colorate. La trovate QUI

Con gli stampi in silicone antiaderente si possono realizzare dolci, candele e saponette…a forma di LEGO!

Coloratissima non passerà di certo inosservata la carta da parati che trovate QUI

Cuscino fantasia 40×40

L’articolo Trend allert: LEGO mania proviene da Architettura e design a Roma.

6 Novembre 2020 / / Idee

Casita Hermosa Piante d’arredo è il nuovo brand dell’e-commerce nato appositamente per commercializzare piante di altissima qualità coltivate in Italia; accanto alla realizzazione di progetti strettamente connessi al mondo del verde ed ecocompatibili.  

All’interno di questo nuovo shop si possono scoprire diverse tipologie di piante, soprattutto quelle tropicali, verdi e fiorite, tanto da interno quanto da esterno.

Troverete in particolare come specialità, piante esemplari e composizioni di piante verdi e succulente, spesso abbinate a pregiati vasi di terracotta e ceramica; in design che ben si propongono come soluzioni per l’arredamento di piccoli e grandi spazi.

Tutte le piante sono coltivate qui in Italia e richiedono cure semplicissime, alla portata di tutti. Sarà sufficiente che dedichiate pochi minuti a ognuna delle piante, e che seguiate i consigli di coltura e manutenzione che trovate in diverse parti del sito; come nella sezione dedicata alle domande frequenti (FAQ) o nel Blog.

Oltre alla vendita online, viene offerto anche un servizio di noleggio di esemplari unici di piante, già pronte per arredare gli spazi in occasione di feste ricercate, convention o qualsiasi altro evento cui si voglia conferire un tocco originale di eleganza e bellezza.

Infine Casita hermosa piante progetta e realizza aree che vogliano vestirsi di verde, attraverso la realizzazione di giardini verticali, giardini pensili, allestimento di hall ed in generale, ambienti indoor e outdoor.

Arredare con il verde, costruirsi un piccolo giardino interno può essere un rifugio dal mondo esterno. Che viviate in un piccolo appartamento o in una grande casa, se introduciamo le piante nei nostri spazi, oltre ai benefici estetici, inizieremo a breve a notare miglioramenti nella salute e nell’umore generale; come dimostrano numerosi studi scientifici, condotti tra i primi dall’Ente Spaziale Statunitense (la NASA), che confermano come la presenza delle piante in spazi ristretti, nelle case e negli uffici, garantisca un ambiente più salubre, più ricco di ossigeno, con anche un notevole assorbimento di CO2 e di sostanze inquinanti degli ambienti interni. Studi condotti in cliniche, ospedali, case di cura e per anziani dimostrano poi, che le piante aiutano ad abbreviare i periodi di convalescenza e i periodi difficili di depressione e cattivo umore.

Inserire tipologie di piante indicate per ogni ambiente è fondamentale quando si tratta di styling del verde!

Nelle varie sezioni del sito si possono trovare le piante più adatte alle varie esigenze; Piante Fiorite da esterno o Piante Mediterranee e da Giardino, se avete uno spazio all’aperto da arredare. Piante da Interno, Cactus & Succulente, Piante aeree Tillandsia per decorare al meglio tutti gli spazi all’interno della casa.

Bonsai e Bonsai Esemplari se l’antica arte giapponese è la vostra passione. La Collezione wedding per rendere indimenticabile il giorno più bello della nostra vita. Vasi e accessori, vasi terracotta e vasi d’arredo se vuoi valorizzare al massimo le tue piante. Olivea, una linea speciale di orci in ceramica artigianali fatti e decorati a mano, con Olio d’oliva extravergine della varietà “coratina”

E, infine, Cure & Consigli per curare e mantenere al meglio tutte le piante.

Casita Hermosa… lasciati ispirare dal tuo nuovo ‘one stop shop’!

L’articolo Casita Hermosa Piante d’arredo . proviene da Architettura e design a Roma.

3 Novembre 2020 / / Idee

Tutto quello che c’è da sapere sui ventilconvettori e deumidificatori: funzioni, caratteristiche e tipologie

Il comfort termico è definito come una sensazione di benessere fisico e mentale, quando ti senti soddisfatto nei confronti dell’ambiente in cui ti trovi, ovvero non senti né troppo caldo né troppo freddo.

Per avere questo benessere termico bisogna bilanciare il calore presente e l’umidità interna del nostro corpo con l’ambiente in cui ti trovi.

Con l’utilizzo di impianti di climatizzazione come deumidificatori e ventilconvettori, si può controllare la qualità dell’aria e soprattutto la temperatura e l’umidità presente negli ambienti.

Ventilconvettori o fan coil: cosa sono e come funzionano

si usano per produrre sia aria calda che aria fredda. All’interno sono formati da una o due batterie di scambio termico aria/acqua, un ventilatore, un filtro dell’aria e una vaschetta per la raccolta della condensa.

Il ventilconvettore prende l’aria dell’ambiente, tramite un’apertura posta in basso, una volta entrata l’aria è prima filtrata e poi spinta verso la batteria di scambio termico. Per convenzione forzata questa scambia calore con l’acqua. In base se serve per il riscaldamento o raffrescamento il calore viene prelevato o ceduto.

Non sai dove posizionare il tuo fan coil? Ecco tutte le tipologie differenti e il posizionamento

Le varie tipologie di ventilconvettori si differenziano in base a dove vengono posti.

  • Ventilconvettori ad incasso: l’impianto non si vede perché viene nascosto dalla struttura del fabbricato
  • Ventilconvettori a parete: ideali per l’ambito residenziale e a livello commerciale per chi ha spazio come uffici, negozi ecc…
  • Ventilconvettori a soffitto: molto funzionali se si vuole risparmiare spazio. Grande vantaggio è che rende la diffusione della temperatura in modo perfettamente omogeneo

Quali sono i vantaggi del ventilconvettore?

Tanti punti di forza per quanto riguarda i fan coil e ora te li presentiamo tutti:

  • Miglior livello di comfort grazie ad un riciclo sempre presente di aria
  • Maggior pulizia e igiene nell’ambiente
  • Assenza di stratificazioni di correnti fredde
  • Possibilità di avere la regolazione manuale della temperatura
  • Facilità di installazione

Oltre a questi prodotti, per saperne di più sulla climatizzazione, ne puoi trovare tanti altri nell’e-commerce Tavolla.

Deumidificatori: elimina l’umidità in eccesso presente nella casa

L’umidità fa sì che si creino delle macchie scure negli angoli delle tue stanze e che ci siano delle gocce sui vetri delle finestre in inverno.

Il deumidificatore è un apparecchio che serve per togliere la troppa umidità presente negli ambienti. Avere una quantità elevata di umidità nell’aria non va bene per la salute delle persone e può causare la formazione di muffe nelle stanze. Inoltre hanno una duplice funzione di inverno servono per togliere l’umidità e d’estate svolgono la funzione benefica di contrasto al calore eccessivo.

Modelli differenti di deumidificatori

Esistono varie tipologie di deumidificatori in base a differenti caratteristiche:

  • Deumidificatori fissi e portatili
  • Deumidificatori incasso o professionali

Pro e contro dell’avere un deumidificatore in casa

L’umidità ha colpito casa tua? Il deumidificatore è la soluzione che fa per te, ti aiuterà a risolvere il problema dell’umidità.

  • Controlla il livello di umidità
  • Aiuta la prevenzione della muffa: i soffitti e gli angoli delle tue stanze non saranno neri
  • Benessere e salute: togliere l’eccessiva umidità in casa ti aiuta a prevenire i malanni

Esistono anche alcuni svantaggi nell’utilizzare il deumidificatore:

  • Mai fare uso eccessivo perché come in tutto le cose il troppo poi storpia, un uso eccessivo di deumidificatore porta poi a problemi di salute
  • Non sono tutti silenziosi

Il deumidificatore è un dispositivo efficace perché aiuta a contrastare l’aria troppo carica di acqua che può causare svariati problemi, ma nonostante questo non bisogna abusarne.

L’articolo Casa fredda, umida e invivibile? Utilizza i deumidificatori e i ventilconvettori proviene da Architettura e design a Roma.

27 Ottobre 2020 / / Idee

Le scale per interni sono uno degli elementi cardine dell’abitazione: senza di essa non si potrebbero collegare i vari ambienti della casa, che rimarrebbero irraggiungibili. La loro funzionalità è dunque evidente, anche se non bisogna dimenticare il lato estetico, ormai diventato fondamentale per ciascun elemento delle nostre dimore. L’obiettivo è quello di creare armonia con tutti gli altri pezzi d’arredo della casa. Le scale per interni hanno anch’esse un ruolo in questo senso, apportando valore aggiunto alle stanze in cui si colloca. Inoltre va progettata seguendo specifiche normative in materia di sicurezza per poter adempiere al meglio al suo scopo. Spesso ci troviamo di fronte a larghezze, altezze e profondità da rispettare per quanto riguarda la scala o i suoi componenti.

Prima di costruire una scala interna va considerata la posizione in cui si collocherà e il suo utilizzo, che andrà a condizionare i materiali che verranno impiegati per la sua realizzazione. Una scala sottoposta a un calpestio frequente dovrebbe avere un rivestimento più resistente, un materiale che richieda poca manutenzione.

Scale per interni prefabbricate o in muratura

Le scale per gli interni possono essere in muratura, costruite quindi in corso d’opera. La loro caratteristica principale è la solidità, anche se possono risultare ingombranti in determinati contesti, inoltre necessitano di punti di fissaggio per essere costruite. Tuttavia nel caso in cui si voglia arredare un’abitazione dalle dimensioni importanti, rappresenta la soluzione più adeguata in grado di valorizzarla. Ci sono inoltre materiali in grado di conferire leggerezza alla struttura, come metalli o piastrelle dagli spessori minimi. Il principale svantaggio di una scala in muratura è il costo; essa richiede un progetto di realizzazione e, qualora volesse essere sostituita, anche un importo considerevole per consentirne la demolizione.

Se l’ambiente in cui vorrà essere collocata la scala sarà invece ridotto, meglio optare per una scala prefabbricata, dal gusto minimal e leggero. Ciò non significa che la qualità sia inferiore a quella di una scala in muratura, perché negli anni è incrementata considerevolmente l’estetica delle prefabbricate. Inoltre hanno un livello di personalizzazione elevato, anche se possono essere più soggette all’usura.

I materiali più adatti a seconda dell’abitazione

I materiali con cui costruire una scala interna sono innumerevoli, non si è vincolati dall’elevata usura che inevitabilmente col passare del tempo causano gli agenti atmosferici sulle scale esterne. Il legno è considerato intramontabile, adatto a un ambiente classico o nordico. Solitamente è utilizzato per realizzare le strutture portanti della scala, così come il metallo, il quale però si sposa alla perfezione con un arredamento più moderno. Per costruire i gradini si opta spesso per la pietra o per il marmo, lasciandoli grezzi o lavorati a seconda dello stile della casa. In un’abitazione moderna sono spesso apprezzati anche quelli in vetro, abbinati solitamente a una struttura in acciaio. Per quanto riguarda la ringhiera ci possono essere varie scelte, tra cui anche quella di non metterla proprio. L’idea è rendere la scala leggera ed esaltare la sua esteticità al massimo mettendola in mostra. Nel caso della mancanza del corrimano ovviamente bisogna prestare maggiore attenzione alla sicurezza della struttura, sconsigliata ad esempio se ci sono bambini in casa. Un altro modo per rendere visibile la bellezza della scala sono i pannelli in vetro. Se l’abitazione ha uno stile minimal si può pensare di realizzare una ringhiera con sottili tubi di metallo, che vanno dal pavimento al soffitto, per tutta la lunghezza della scala.

Tipologie di scale per interni

Le combinazioni tra i vari materiali possono essere innumerevoli, così come i modi di presentarsi delle scale interne. Le scale a sbalzo offrono un senso di leggerezza grazie ai loro gradini sospesi, i quali danno proprio l’idea che l’intera struttura galleggi nell’aria. I gradini devono essere necessariamente fissati a un muro portante per poter essere considerati a norma. La scelta di queste scale sospese viene fatta soprattutto per ambienti in cui regnano sovrani i concetti di modernità ed eleganza.

La soluzione salva-spazio per eccellenza è rappresentata dalle scale a chiocciola. Esse, grazie alla loro conformità, consentono di ridurre al minimo l’effetto ingombrante che potrebbero avere altri tipi di scale, senza rinunciare all’estetica. Solitamente è una scala che viene apposta in ambienti meno frequentati della casa, come per esempio in prossimità di un solarium o di un sottotetto, anche se sta assumendo sempre più centralità e viene messa più in evidenza anche in altri ambienti della casa. Le scale a muro rappresentano la tipologia più diffusa all’interno delle abitazioni. La loro caratteristica principale è quella di avere una struttura portante ben visibile posta al di sotto delle stesse. La loro configurazione più classica è quella dritta e lineare, anche se si sono diffuse forme più particolari come quelle elicoidali. Un elemento che non manca mai per questo tipo di scala è la ringhiera, prodotta in diversi materiali a seconda delle esigenze estetiche dell’ambiente. A differenza delle scale a chiocciola, quelle a muro sono frequentemente intervallate da pianerottoli di riposo o direzionali.

Anche in questo caso vi ho fornito una piccola guida, che spero vi abbia chiarito le idee in materia di scale per interni e vi possa aiutare nella scelta migliore per la vostra casa

L’articolo Scale per interni: il tocco in più per una perfetta abitazione proviene da Architettura e design a Roma.

25 Ottobre 2020 / / Interiors

Anche nel caso di questo appartamento, sono stata chiamata per riorganizzare l’arredamento insieme ai proprietari e donare, con la progettazione d’interni dei complementi, un po’ più di personalità ad una casa nuova, già ben distribuita, con dei bei pavimenti, ma alla quale mancavano ancora tutti i dettagli, quadri, lampadari, complementi d’arredo. Tutti quegli elementi, insomma, che fanno la differenza in un arredamento.

Era importante dare colore, carattere e organizzare gli spazi nel modo migliore possibile, all’interno dell’appartamento di questa famiglia con una bambina piccola.

L’arrivo di un bimbo in casa concentra tutte le nostre forze e ci porta a tralasciare tanti dettagli, che sul momento non sembrano importanti. Poi però, passata la confusione del momento, è bene riprendere subito in mano le redini della situazione, prima di venire travolti dagli eventi!

Progettazione d’interni: bagno

Abbiamo cominciato dal bagno, perché a tutti gli effetti, alla fine dei conti, sembra sempre essere la stanza più importante della casa! La richiesta principale era quella di sostituire il mobile bianco a giorno con un altro, magari chiuso (e colorato è stato il mio suggerimento).

Partendo dallo scaffale ho impostato una visione decorativa di questo ambiente; il mobile e lo specchio potevano essere i due elementi che avrebbero portato il colore e la personalità nel bagno già molto bello. In un ambiente così ampio ci siamo poi potuti divertire a scegliere i complementi, come si fa per qualsiasi altro ambiente della casa: quadri, tende, tappetino, mensole ed un bel lampadario.

Le tre proposte cromatiche sono state l’arancione, per una versione più pop e contemporanea; il tortora per una versione più neutra e la resina effetto oro materico per una versione preziosa, elegante e unica, che è stata poi quella scelta .

Per delineare gli spazi di questo ampio bagno abbiamo anche pensato ad un controsoffitto, che coinvolgesse l’area della doccia. Trovata per ribassare il soffitto è permettere successivamente l’inserimento di un soffione da incasso magari con luce, per realizzare un’area intima, elegante e ricercata.

Soffione da incasso con luce di Fantini Rubinetti Acquadolce – L041
opzioni controsoffitto
verdsione con mobile arancio
versione con mobilein resina materica oro
versione con mobile tortora

A sinistra specchio All Saints di Kartell in versione arancione che trovate anche QUI, al centro specchio tortora di su mistelight.it. A destra specchio bianco di Maison du Monde

Dettagli mobile e specchio realizzati su misura in resina artistica

Cucina

Successivamente siamo passati nella grande cucina, sulla quale affaccia anche la porta di ingresso. Questo ambiente era arredato con una soluzione angolare con isola centrale e lo spazio rimanente era ancora molto. Oltre a scegliere i complementi d’arredo, lampadario, decorazioni a parete, arredi per l’angolo relax davanti alla porta finestra accanto alla stufa, soluzione svuota-tasche accanto alla porta di ingresso, abbiamo anche optato per la realizzazione di un tavolo di legno da collegare all’isola presente.

Tra le proposte fatte, abbiamo scelto la più elegante, raffinata e di design. Questo perchè la cucina è praticamente l’ambiente principale della casa e con il nuovo tavolo si potranno anche organizzare cene con ospiti. Come lampadari, dunque, abbiamo la bellissima Caboche di Patricia Urquiola e come sedie le gosth di Kartell, per continuare a giocare con le trasparenze e con un design moderno ma non troppo invasivo.

Proposta con trasparenze glamour
Proposta con complementi in ferro battuto
Proposta con complementi in rattan
Proposta con complementi shabby
La Caboche della Urquiola è perfetta anche in cucina

Progettazione d’interni: camera da letto

Per quanto riguarda la camera da letto ho proposto di valorizzarla con la carta da parati (che come sapete adoro). Anche in questo ambiente, per le lampade sui comodini, ho proposto dei modelli di design, in questo caso vere e proprie icone.

In questa stanza, come nelle altre, ho cercato di creare un ambiente eclettico e personale; ciò avviene attraverso la commistione equilibrata di diversi stili, classico, rustico e moderno; scelta che rispecchia l’animo di questa famiglia giovane, elegante e piena di energia.

tav 1 proposte camera da letto
Tav 2 proposte camera da letto

Icona del design la lampada da tavolo Nesso disegnata da Giancarlo Mattioli nel 1967., scelta per i comodini della camera da letto. La trovate anche QUI

Carta da parati di Caselio, coordinata in fantasia e tinta unita, per dare personalità alla camera da letto romantica

Progettazione d’interni: zona giorno

Nella zona giorno, composta da un ampio salone con camino, dove si trova la zona pranzo, la zona relax e il bar, mi erano stati richiesti dei mobili in legno rustico da abbinare al tavolo con sedie e al divano preesistente.

Ho voluto aggiungere un tocco prezioso di oro con il lampadario e le mensole e decorativo con la carta da parati a rigoni per la parete lungadel camino. Anche qui, infine, un esempio di icona del design rappresentato dalla lampada da terra arco di Castiglioni. Una bella casa, grazie ai complementi e alla cura dei dettagli, diventa unica e magica

Tavola complementi zona giorno

Per la parete lunga della zona giorno carta da parati a rigoni di Wallcover

pianta e assonometria living. I due tappeti svolgono due funzioni diverse: uno delinea l’area conversazione dei divani, l’altro riempie il vuoto della zona di mezzo tra le due aree agli antipodi dell’ambiente

L’area pranzo e l’area relax con i divani, caratterizzati dalla nota di colore dei cuscini rossi, davanti al camino sono separati dalla zona con il mobile bar e la libreria con scaletta.

La parete davanti al divano è arridata con un mobile basso porta TV e una vetrinetta

L’articolo Progettazione d’interni proviene da Architettura e design a Roma.

15 Ottobre 2020 / / Idee

infissi in pvc a palermo

Eccomi con un’altra utilissima guida che ci aiuterà a capire meglio come effettuare le scelte giuste nel caso di una ristrutturazione.

Vi ho già parlato in passato dell’argomento “infissi”, ma è un tema che voglio approfondire ancora meglio, per capire quali sono gli infissi migliori, poiché proprio da questi elementi dipende gran parte del risparmio energetico e protezione di una casa; senza tralasciare la componente estetica. Diciamo che cambiando gli infissi di casa (porte e finestre) e procedendo ad una bella tinteggiatura, con la giusta scelta dei colori per le pareti e magari qualche dettaglio decòr, come una carta da parati, siamo già più che a metà dell’opera per un restyling, che renda la nostra casa bella e confortevole.

infissi in pvc a palermo

La giusta scelta degli infissi ci offre:

  • un vantaggioso risparmio energetico dato dall’isolamento termico;
  • un benessere indoor garantito dall’isolamento acustico;
  • una maggior luminosità quando, come nel caso degli infissi Drutex, forniti da Sicilinfissi, in cui abbiamo profili stretti che agevolano l’ingresso della luce naturale all’interno dell’abitazione;
  • risparmio di energie garantita dalla facilità di manutenzione;
  • resa estetica donata da un ottimo design.

Gli infissi possono essere realizzati in diversi materiali; ognuno di essi ha caratteristiche e prestazioni specifiche, tutte valide, ma da considerare secondo le proprie necessità.

Ovviamente dovremo scegliere un rivenditore affidabile e che ci sappia consigliare al meglio su quale sia la tipologia migliore di infissi per le nostre esigenze.

Sicilinfissi realizza infissi di alta qualità, garantiti da una certificazione energetica e certificazione dei materiali utilizzati. Grazie a questo tipo di documentazione è possibile ottenere la detrazione fiscale del 55% per interventi che consentono di ridurre le dispersioni termiche.

Ma vediamo quali tipi di infissi esistono in commercio

infissi in pvc a palermo

Infissi in PVC

Il PVC è un polimero termoplastico che diventa viscoso quando viene riscaldato per essere estruso e trasformato in profili, per realizzare porte e finestre dalle elevate prestazioni isolanti e conseguente risparmio energetico.

Il PVC è un materiale usato frequentemente anche per la sua compatibilità ambientale, è infatti un materiale ritenuto ecologico in termini d’impatto sull’ambiente, per tutto il suo ciclo di vita.

Alcuni infissi in PVC più performanti, come quelli forniti da Sicilinfissi, garantiscono anche un maggiore risparmio energetico, grazie alla guarnizione in EPDM e alle canaline termiche in acciaio zincato.
  
Il PVC ha senza dubbio numerosi vantaggi tra cui:

  • elevata prestazione a costi accessibili
  • essere un materiale isolante, stabile e versatile
  • resistenza anche al fuoco (il PVC è un materiale autoestinguente che non alimenta le fiamme)
  • essere durevole, è igienico
  • riciclabilità.

Tutto ciò lo rende un materiale perfetto per i serramenti, essendo anche il meno sensibili alle infiltrazioni d’acqua. Molto resistente alle intemperie, all’inquinamento e agli attacchi della salsedine, perfettamente adatto, quindi, alle zone di mare come quelle presenti nella maggior parte della Sicilia e in numerose parti di Italia per questo infissi in PVC a Palermo e altre città di mare possono risultare utilissimi.

Un altro grande vantaggio del PVC è quello di essere un materiale leggero e quindi maneggevole; ideale per la realizzazione e conseguente installazione di infissi di grandi dimensioni.

infissi in pvc a palermo

Alluminio

L’alluminio è un materiale che garantisce:

  • durata nel tempo data dall’alto grado di resistenza dell’alluminio all’ossidazione;
  • resistenza meccanica elevata e possibilità di creare anche finestre di grandi dimensioni;
  • necessità di una scarsa manutenzione;
  • possibilità di creare finestre dal design minimal per godere di un effetto tutto vetro
  • combinazioni di colore infinite: l’alluminio permette un’estrema personalizzazione delle superfici che possono essere dipinte di qualsiasi colore della mazzetta RAL ed imitare anche l’effetto del legno.

Un tempo, tra i difetti degli infissi in alluminio, c’era quello di avere un’elevata conducibilità termica. Ciò giocava a discapito dell’isolamento termico, cosa ormai del tutto superata. Questa problematica è stata ridotta notevolmente grazie agli infissi in alluminio a taglio termico, forniti di profilo in alluminio suddiviso tra interno ed esterno, mediante l’interposizione di poliammide.

Inserendo questo materiale con conducibilità termica ridotta, sono stati diminuiti notevolmente i valori di trasmittanza termica che ormai eguaglia praticamente quella del PVC. Quanto appena detto ha portato alla realizzazione di infissi in alluminio di nuova generazione, che nulla hanno a che vedere con quelli de passato.

infissi in pvc a palermo

Infissi legno e alluminio

Le finestre realizzate con materiali combinati, come nel caso del legno e dell’alluminio, permettono di sfruttare le caratteristiche migliori di entrambi i materiali. Questo permette di ottenere risultati ottimi sia dal punto di vista estetico che tecnico.

Le soluzioni combinate sono le migliori quando si hanno esigenze diverse per quanto riguarda l’infisso nella parte interna all’abitazione e quella esterna, sulla facciata dell’edificio.

Una combinazione ottima e tra le più richieste, è quella che prevede il legno all’interno dell’abitazione, che garantisce un pregio e un’estetica senza paragoni; mentre all’esterno troviamo l’alluminio, un materiale dalle ottime caratteristiche di resistenza meccanica e tenuta nel tempo agli agenti atmosferici.

La cura dei dettagli caratterizza, inoltre, gli infissi di qualità, come ad esempio:

  • il listello fermavetro
  • le soglie del telaio e i bordi inferiori delle ante dotate di gocciolatoi in alluminio, che armonizzano i contorni delle finestre, facilitando anche il drenaggio dell’acqua
  • i listelli in alluminio che proteggono il legno dai raggi UV.

Tutte accortezze che possiamo trovare negli infissi forniti da Sicilinfissi

infissi legno e alluminio

Legno

Gli infissi in legno sono senza dubbio i più pregiati ed eleganti e in grado di donare calore alla casa.

Ci sono però numerose remore verso gli infissi in legno, ma per lo più si tratta di false convinzioni come:

  • vanno riverniciati tutti gli anni
  • hanno bisogno di continua manutenzione
  • si rovinano facilmente

Il fatto che gli infissi in legno siano particolarmente delicati non è assolutamente vero anzi.  Il legno è uno dei materiali più resistenti, duraturi e meno corruttibili al mondo. Possiamo notare infatti come esistano palazzi storici che presentano ancora oggi le loro antiche finestre in legno.

Un infisso in legno che si rovina dopo poco tempo, è semplicemente un infisso di scarsa qualità, realizzato con materiale di basso livello e/o non trattato con le dovute precauzioni.

Il legno per infissi deve essere specifico per questo utilizzo:

  • adatto per l’esterno
  • stagionato
  • ben essiccato
  • verniciato con pitture idonee
  • La realizzazione deve avvenire senza saltare alcun passaggio nella lavorazione come ad esempio la preparazione del legno alla verniciatura.
  • Il serramento deve essere sottoposto a più cicli di verniciatura per assicurare un’ottima resistenza al tempo.

Dunque tutto sta nell’acquistare infissi di qualità.

Inoltre, un danno ad una finestra di legno può essere facilmente e in poco tempo riparato anche sul posto, cosa che non può avvenire con altri materiali, per i quali in alcuni casi e quasi impossibile ripristinare anche un piccolo graffio. 

Abbiamo visto, dunque, come la maggior parte le nostre paure, riguardo gli infissi in legno, siano frutto di falsi miti, come quello di dover ridipingere gli infissi ogni anno.

Sarà sufficiente effettuare una buona manutenzione che consisterà in una pulizia con un panno morbido e acqua e sapone neutro. inoltre, poiché il legno è un materiale naturale, avrà bisogno di essere nutrito per mantenersi in forma. Esistono in commercio dei prodotti specifici da applicare su tutta la superficie del legno per nutrirla e renderla più durevole.

infissi in legno

Infissi in acciaio

Gli infissi in acciaio permettono la realizzazione di porte e finestre con superfici vetrate e profili con spessore fino a 2 mm. essi hanno caratteristiche di grande robustezza e garantiscono estrema sicurezza e resistenza ai tentativi di effrazione.  

L’acciaio, inoltre, è un materiale leggero ma anche molto resistente; la forza di questo materiale si presta anche a sostenere il peso di grandi realizzazioni vetrate.

Come abbiamo visto le possibilità sono numerose e tutte valide; basta analizzare attentamente il tipo di utilizzo e l’ambiente in cui dovremo andare a posizionare il nostro nuovo infisso, per fare la scelta migliore per noi.

L’importante è acquistare prodotti di qualità e garantiti presso rivenditori affidabili, come Sicilinfissi, che ci permette di realizzare ambienti a basso impatto ecologico, consentendo il risparmio dell’energia e migliorando la qualità della vita in un ambiente.

Infissi che garantiscono, con una minima manutenzione, un’alta resa in termini di sicurezza e protezione degli ambienti, unitamente ad una ottima resa estetica.

infissi in pvc a palermo

L’articolo Guida agli infissi proviene da Architettura e design a Roma.