6 Aprile 2021 / / Design

mobile bagno sospeso

L’economia è drasticamente cambiata negli ultimi periodi a causa della recente situazione sanitaria. Infatti, le chiusure forzate di negozi e centri commerciali hanno dato un enorme spinta in avanti al commercio on-line sui siti e piattaforme di e-commerce. Se prima della pandemia il settore andava bene, con l’arrivo del periodo più duro, è andata addirittura benissimo perché sono diventati evidenti punti di forza di questo sistema per acquistare tutto quello che serve. È vero che in generale i consumi dei cittadini hanno subito un freno, ma a ben guardare ci sono settori che sono riusciti a rispondere meglio al colpo. Si tratta proprio della Web economy che permette di acquistare ogni genere di prodotto attraverso la rete internet.

I punti di forza dello shopping on-line

Sono davvero molti i benefici e i vantaggi che hanno spinto moltissime persone a preferire lo shopping on-line, iniziando ovviamente dalla presenza di chiusure e limitazioni. A questo si aggiungono altri fattori come, per esempio, i prezzi più economici e abbordabili. Sui siti di e-commerce sarà sicuramente più facile trovare prezzi scontati che aiutano a risparmiare. Lo stesso prodotto venduto in un negozio fisico tradizionale sicuramente ha un prezzo maggiore rispetto a quello proposto dai siti di e-commerce dove spesso si trovano offerte, promozioni, sconti. Per esempio, un mobile bagno acquistato su www.importforme.it ha un prezzo migliore e più conveniente.

Non si tratta solo ed esclusivamente di convenienza economica poiché tra i punti di forza dello shopping on-line bisogna parlare anche delle tempistiche. Chi preferisce acquistare i prodotti on-line può contare oggi sulla consegna veloce e praticamente immediata. Si tratta di un vantaggio non da poco potere avere tutti i prodotti per la casa, bagno, giardino direttamente consegnati all’indirizzo indicato in appena un giorno. La velocità è un fattore che dà un’ulteriore spinta alla web economy, un settore che registra sempre maggiori introiti a causa delle chiusure che sembrano prolungarsi ancora per diverso tempo. Oggi la maggior parte del brand punta proprio sui siti di e-commerce per limitare le perdite legate alla chiusura dei vari punti vendita.

Per completare l’elenco dei punti di forza dello shopping on-line bisogna anche citare la vasta gamma di scelta e la disponibilità pressoché illimitata.

arredo bagno moderno

Assistenza post vendita per gli acquisti on-line

Nel momento in cui si sceglie di acquistare prodotti on-line sui siti di e-commerce, molte persone hanno il timore di non ricevere adeguata assistenza alla vendita e soprattutto nel post vendita. In certi casi effettivamente può accadere ma il segreto è quello di affidarsi a un partner affidabile e di grande profilo come può essere Import For Me che segue il cliente anche nella fase post vendita.

Si tratta di un enorme vantaggio di cui tutti possono beneficiare in seguito all’acquisto dei prodotti per la casa, il bagno, il giardino grazie a uno staff sempre preparato e pronto a fornire tutto l’aiuto che serve. È un valore aggiunto che assicura maggiore affidabilità.

L’articolo Acquistare arredo bagno online: non solo economico ma anche veloce! proviene da Dettagli Home Decor.

4 Aprile 2021 / / Design

Le superfici in metallo presentano una serie di caratteristiche che permettono soluzioni architettoniche con grandi potenzialità. Il metallo, materiale dalle svariate qualità, è la materia prima e primaria dei progetti Planium. E’ uno dei materiali più antichi, naturali e riciclabili, ma anche contemporanei per eccellenza, adatto a sottolineare le forme degli ambienti urbani. Pareti e pavimenti divengono arredo, impreziosendo l’ambiente con le loro texture, in un’ampia gamma di soluzioni a scelta. Ogni finitura racconta la sua storia. Matericità e sfumature creano percezioni, sensazioni che si imprimono, lasciando il segno.

Superfici in metallo

SM02 Evolution, lastre in metallo a pavimento

SM02 Evolution è un sistema di pavimentazione, autobloccante e rimovibile in modo puntuale, composto da piastrelle modulari con finitura a scelta tra un’ampia gamma di metalli. L’applicazione del sistema è a secco, semplice e veloce e avviene mediante il rapido fissaggio tra piastrelle, con viti e piastrine. I moduli sono da subito calpestabili. Il sistema si può posare su massetti, pavimentazioni pregresse o strutture sopraelevate; ha uno spessore millimetrico e un peso contenuto che consentono di rimuovere velocemente. E’ una valida opzione per ogni ambiente, anche per installazioni temporanee (per es. stand espositivi, allestimenti temporanei), in quanto può essere rimosso velocemente e riutilizzato altrove.

Superfici in metallo

Sistema MG01 Magnetic Floor Calamina

MG01 Magnetic Floor è un sistema di posa efficace e rapido. L’attrazione del sottofondo calamitato permette un appoggio statico su qualsiasi superficie ferrosa. Il design è studiato per essere funzionale, ecosostenibile e ricercato. Lo spessore millimetrico rende le piastrelle più leggere e maneggevoli anche se scelte di grandi dimensioni.

Superfici in metallo

Finitura Cemento Inossidabile

Mediante una particolare lavorazione, nascono piastre dai dettagli originali, irripetibili. Si chiama Cemento Inossidabile una finitura che sa sfruttare le caratteristiche proprie dell’acciaio, ovvero eleganza, resistenza, luminosità e igiene. Si può applicare questa finitura Cemento Inossidabile con posa tradizionale ad incollaggio, oppure con installazioni innovative totalmente a secco e, dunque, rimovibili ed sostenibili.

Superfici in metallo

Tutte le finiture in metallo Planium sono riciclabili e amiche dell’ambiente. Si possono abbinare con fantasie e materiali diversi, creando accostamenti originali.

Sei un progettista, Architetto o Ingegnere? Inviami i tuoi progetti dove hai utilizzato il metallo per le superfici e pubblicherò un articolo con i progetti più belli.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato sulle novità del mondo di Architettura e Design.


L’articolo Superfici in metallo di Planium, naturali e riciclabili proviene da Design ur life blog.

2 Aprile 2021 / / Design

 

Il parquet è un tipo di pavimentazione versatile e prestigiosa con un’estetica fantastica. Esso è in grado di donare comfort e calore al luogo in cui è stato posato. L’utilizzo di questo pavimento permette di aumentare il valore dell’edificio perchè aumenta il grado di lusso. Una caratteristica fondamentale è la resistenza che rende longeva la pavimentazione , permesso però sempre dalla cura. Si dice che più passano gli anni più diventa bello perchè essendo un materiale vivo , con il passare del tempo subisce processi di ossidazione e quindi i listelli si stabiliscono. Le qualità sono molteplici , è anche un ottimo isolante sia acustico che termico , infatti nell’ultimo caso esercita una coibentazione dell’abitazione. Inoltre è resistente agli agenti atmosferici e all’acqua , creando una pellicola per l’umidità. L’unica nota dolente è il prezzo che risulta alto ma in commercio si possono anche trovare tipi di legno meno pregiati dove ovviamente il prezzo sarà minore.
 
Il laminato nasce invece  negli anni ’90 come una soluzione economica diventando uno dei materiali più diffusi. Esso è una pavimentazione a più strati , di diverso spessore e materiale saldati con delle resine attraverso un processo di pressofusione. Si divide in diverse tipologie , quella più privilegiata è : il laminato HPL che subisce una doppia pressatura mentre il laminato DPL subisce una sola pressatura donando al materiale resistenza ma al contempo scarsa qualità. Una caratteristica che accomuna tutti i tipi di laminato è sicuramente l’elevata resistenza al calpestio e all’usura.

                 MA QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA LE DUE PAVIMENTAZIONI?
La prima differenza è sicuramente il prezzo , più elevato per il parquet e meno elevato per il laminato.
La manutenzione è differente , per il parquet abbiamo bisogno di una maggiore cura.
Il parquet è realizzato con il legno con differenti tecniche mentre il laminato è un materiale sintetico composto.
L’installazione , nel caso dei laminati , è più rapida e semplice.
Il laminato , anche se di scarsa qualità ha una resistenza maggiore rispetto a qualsiasi tipo di parquet.
Il laminato non assorbe umidità ed infine non subisce variazione di colore.

ADESSO HAI LE IDEE PIU’ CHIARE? QUALE PAVIMENTAZIONE SCEGLIERAI?
M.

2 Aprile 2021 / / Design

piscina Villa Lea

La pietra sinterizzata consente una grande versatilità di impiego anche nelle piscine, dove le elevate performance del Lapitec sono portate alla massima espressione.   

Nella sua gamma di finiture sono comprese quelle extra-ruvide con alto coefficiente di attrito, mentre la sua superficie risulta in ogni caso completamente priva di pori e resistente a muffe e batteri: due proprietà che rendono Lapitec un materiale ideale per l’applicazione in outdoor e soprattutto per le piscine, dove può essere utilizzato anche in immersione.

Grazie alla sua composizione e al processo di lavorazione – coperto da 25 brevetti internazionali – la pietra sinterizzata è completamente inassorbente, ma le sue elevate performance vanno oltre: comprendono infatti la resistenza ai raggi UV – che impedisce alle lastre di subire una variazione della cromia se esposte alla luce del sole -, così come a qualsiasi temperatura, escursione termica e nebbia salina. Se impiegata come rivestimento di piscine, non viene inoltre alterata da cloro o prodotti usati per la manutenzione degli impianti e la sua facilità di lavorazione, analoga alla pietra naturale, consente di operare tagli, fresature o incisioni per l’inserimento di bocchette, apparecchi di illuminazione subacquei o per la realizzazione di bordi o scalini, dove è possibile replicare le finiture tattili della pavimentazione.

pavimentazione bordo piscina

Nell’ambito della progettazione di piscine, Lapitec viene poi apprezzato per la sua disponibilità fino al maxi-formato di 3365×1500 mm, che consente di limitare la presenza di segni di giunzione e di ridurre così gli interventi di manutenzione necessari.

pavimentazione bordo piscina

La collezione Essenza, con 11 nuance ispirate ai colori della terra (bianco, beige, marrone, grigio e nero) e realizzate con una miscela di minerali 100% naturali, risulta ideale per la progettazione di vasche e piscine, grazie alle finiture Lithos, Dune, Vesuvio e soprattutto Arena, che arriva ad avere un coefficiente di attrito pari a R13, nel pieno rispetto della normativa DIN 51130. Non mancano poi le finiture lisce lucide (Lux) e opache (Satin) che, impiegate per la pavimentazione delle vasche, regalano particolari effetti visivi grazie anche alla loro capacità d’interazione con la luce.

www.lapitec.com

L’articolo Lapitec: a bordo piscina e in immersione proviene da Dettagli Home Decor.

31 Marzo 2021 / / Design

divani e poltrone Gervasoni

  • Gervasoni design: stile inconfondibile per arredare ogni ambiente
  • Collezioni Gervasoni: divani e poltrone dal fascino unico
  • Tavoli e tavolini Gervasoni: tanti modelli dai design d’autore per arredare con stile
  • Gervasoni letti: arredare la camera con soluzioni affascinanti e di qualità
  • Gervasoni e Paola Navone: un’unione che ha creato uno stile unico e inconfondibile

Gervasoni design: stile inconfondibile per arredare ogni ambiente

Ogni creazione Gervasoni è sempre caratterizzata da design raffinati ed è realizzata con materiali dalla qualità eccelsa. Lo stile Gervasoni design è unico e riconoscibile, anche grazie al tocco del direttore artistico del brand: la rinomata e talentuosa designer Paola Navone. L’arredamento Gervasoni possiede uno segno distintivo unico e inimitabile, i mobili prodotti dal marchio sono in grado di conferire ad ogni spazio chiuso e all’aperto atmosfere eleganti e sofisticate, grazie ad estetiche dove shabby chic, linearità e design innovativi si sposano alla perfezione. La grande tradizione artigiana, che affonda le sue origini nel distretto del mobile friulano, è altra preponderante peculiarità di questo marchio così affermato e in attività dal 1982.

Collezioni Gervasoni: divani e poltrone dal fascino unico

Gervasoni Italia ha realizzato collezioni di poltrone e pouf di alta gamma perfette per rendere ogni zona living un ambiente affascinante ed esclusivo. Fra le linee più acclamate del brand possiamo citare la recente Loll, progettata da Paola Navone nel 2020 e contraddistinta da modelli dai look fortemente accoglienti e tutti accomunati da profili “taglia e cuci” che seguono le geometrie di tutti i divani e di ogni poltrona nel dettaglio e con raffinatezza.  La linea Loll sorprende, oltre che per il suo design, anche per essere composta da modelli creati con materiali di eccellente qualità: legno massello per le strutture di divani e poltrone, piuma d’oca canalizzata nelle imbottiture e rivestimenti sempre sfoderabili in una gran varietà tessuti pregiati in tinta unita o con fantasie di gran tendenza.

divano e poltrona Gervasoni
collezione LOLL Gervasoni design Paola Navone

Altra collezione di punta del brand Gervasoni è quella denominata Mik, presentata con gran successo al Salone del Mobile nel 2018. I divani moderni inclusi in questa pregiata linea sono un eccezionale mix fra comfort, armonia, eleganza e materiali di alta gamma lavorati con una scrupolosa perizia artigianale. Questi modelli sono la soluzione ideale per creare un arredamento per il living ricercato, di tendenza e che non passi mai inosservato.

divano marrone Gervasoni
Divano lineare Gervasoni Mik 12 tratto dal sito www.mobilidesignoccasioni.com

I Gervasoni Divani sono modelli dallo charme esclusivo e sempre riconoscibile, per chi è alla ricerca di queste soluzioni d’arredo così particolari e affascinanti il consiglio è quello di far riferimento a rivenditori affidabili del brand, come quelli che espongono i loro prodotti su MobiliDesignOccasioni, l’outlet dell’arredamento online perfetto dove trovare le Creazioni Gervasoni a prezzi scontati imperdibili e molto vantaggiosi.

Tavoli e tavolini Gervasoni: tanti modelli dai design d’autore per arredare con stile

Fra gli arredi più famosi e ricercati del marchio Gervasoni spiccano le linee dedicate a tavoli e tavolini. Sono molte le collezioni dedicate a questi arredi e ogni tavolo Gervasoni e tavolino Gervasoni sorprende grazie ad estetiche mai banali e sempre curate nel dettaglio. Sempre Paola Navone ha dato vita ad una delle collezioni più acclamate ed iconiche del brand: la linea InOut per l’outdoor che include anche tavolini e tavoli dai look sorprendenti e realizzati con materiali spesso innovativi. Fra i modelli più ricercati e che hanno catturato l’attenzione di pubblico e critica possiamo certo citare il raffinato tavolo rotondo InOut 836, elemento perfetto per portare negli spazi all’aperto tutta la bellezza di un design raffinato composto da materiali pregiati come il marmo accostato al cemento.

tavolo rotondo da esterno
Gervasoni tavolo rotondo InOut 836

Sicuramente una linea che non smette mai di stupire è la collezione Brik composta anche da tavoli con sezioni di tronco di wrightia intagliato a mano. Questo particolare albero è originario dell’Africa Tropicale, dell’Australia, cresce in India e anche in Cina e il suo pregiato legno riesce a creare ambientazioni evocanti atmosfere esotiche e lontane, chiaramente riconoscibili in ogni tavolo di design appartenente a questa acclamata collezione.

tavolo da pranzo rettangolare Gervasoni
Tavolo rettangolare Gervasoni Brik tratto dal sito www.mobilidesignoccasioni.com

Gervasoni letti: arredare la camera con soluzioni affascinanti e di qualità

La collezione Beds è esclusivamente dedicata alla stanza da letto e alla cultura del buon riposo. Anche in questo caso, ogni creazione Gervasoni è stata partorita dalla fervente mente di Paola Navone che ha dato vita ad una linea sempre in continuo aggiornamento e dove trovare tanti letti matrimoniali dalle peculiarità esclusive e dove concedersi il massimo del relax. Fra i tanti pregiati modelli di Gervasoni letti inclusi in questa fantastica collezione, il letto matrimoniale Fly ha nel suo nome tutta la sua essenza. Si tratta di un letto imbottito e sfoderabile dotato di un pratico giroletto smontabile e di una testiera imbottita composta da due morbidi e accoglienti cuscini. Tutto, in questo letto di design, invita al relax e al riposo più appagante, linee armoniose e accoglienti sono quindi un segno distintivo di un modello unico nel suo genere, sia per design che per caratteristiche tecniche.

letto matrimoniale in tessuto di Gervasoni
letto matrimoniale FLY di Gervasoni

Anche il letto matrimoniale Cocò brilla per possedere un’estetica raffinata e invitante ad un buon riposo, senza dimenticare la qualità, data da materiali eccellenti utilizzati per la sua fabbricazione come i rivestimenti in tessuti di alta gamma o ecopelle e i piedini sono disponibili in svariate finiture del legno massello, come per esempio quelle in noce naturale.

letto matrimoniale in tessuto di Gervasoni
letto matrimoniale COCO’ di Gervasoni

Gervasoni e Paola Navone: un’unione che ha creato uno stile unico e inconfondibile

Paola Navone è un’affermata designer e architetto riconosciuta a livello internazionale e dal 1998 è a capo della direzione artistica del marchio Gervasoni. Questa unione ha dato vita a collezioni memorabili e divente vere e proprie icone dell’arredamento contemporaneo di tutti i tempi. Il genio di questa progettatrice e artista di fama mondiale è racchiuso nel suo stile di vita. Eclettica, giramondo e sempre attenta alle influenze delle culture più lontane, soprattutto quelle provenienti dalla grande tradizione Orientale. Paola Navone nei suoi tanti lavori e progetti ha sempre introdotto questi tratti della sua personalità, rivedibili sia nei design che nella scelta di materiali provenienti anche da paesi lontani, soprattutto orientali.

L’articolo Gervasoni: collezioni di tendenza per arredare con stile proviene da Dettagli Home Decor.

31 Marzo 2021 / / Design

Read Time:5 Minute

Quanto sono belle le cucine che si trovano sulle riviste di arredamento o su Pinterest? Luminose, pulite, e ordinate. Come si fa a realizzare una cucina così? Oggi ti spiego come puoi progettare e immaginare la tua cucina dei sogni, in stile scandinavo e con l’aiuto del Planner Ikea.

La cucina è il paradiso di chi ama stare ai fornelli ore e ore. C’è chi la desidera gigante e chi invece ridotta all’osso per prediligere altri spazi funzionali della casa. In ogni caso, la cucina, come tutte le stanze della casa deve sfruttare le esigenze e necessità di chi la abita.

Prima di iniziare col progetto bisogna individuare la collocazione di attacchi di gas, acqua e prese di corrente. Se non sei in fase di ristrutturazione e quindi non hai la possibilità di spostare gli impianti a tuo piacimento, sarai vincolato col posizionamento del piano cottura (a meno che non acquisti quello elettrico o a induzione), lavandino e lavastoviglie. Individuati gli attacchi impiantistici, tieni in considerazione gli elettrodomestici che dipendono da essi, dovranno essere posizionati non tanto lontani.

Per la progettazione di una cucina, può capitare di doversi affidare a professionisti per la realizzazione di mobili su misura. Il mio consiglio è quello di arrivare preparati all’incontro col professionista e avere le idee chiare. 

Avere le idee chiare aiuta sia te nel confermare e trasmettere i tuoi pensieri, che il professionista a capire con esattezza il risultato che desideri ottenere. 

Ma come si fa ad avere le idee chiare? Oggi ti insegno un metodo che ti aiuterà a ideare la tua cucina dei sogni. È un metodo che utilizzo io stessa nelle consulenze d’arredo online perchè lo trovo pratico, veloce ed efficiente. Sto parlando del Planner Ikea. Anche se non acquisterai una cucina Ikea non importa, ti consiglio in ogni caso di utilizzare questo metodo perchè, durante la composizione della cucina, puoi definire e visionare in tempo reale la struttura, la forma, i materiali, i colori e le finiture. In altre parole riesci a immaginare la tua nuova cucina e, visualizzandone il risultato, essere più convinto delle tue scelte.

Nel planner Ikea puoi disegnare la forma della tua stanza, inserendo tutti i parametri e gli elementi esistenti (porte, finestre, eventuali pilastri, ecc…), progettare la tua nuova cucina e navigarci dentro virtualmente. Fico, no? Visualizzare il risultato finale, ti aiuta a prendere coscienza delle scelte finali. Quindi progetta la tua cucina e osa, prova, sposta, cambia e ricambia (tanto è tutto gratis e veloce) finchè non arriverai al risultato finale, quello che ti convince sul serio!  

In questo articolo non ti mostrerò come si utilizza il planner Ikea, perchè è talmente semplice e intuitivo che puoi “smanettarci” da solo, oppure trovare già dei tutorial approfonditi su YouTube.

Ti voglio invece spiegare quali sono gli step fondamentali, ovvero gli 8 elementi principali necessari, per progettare la tua cucina dei sogni, in stile scandinavo, utilizzando il Planner Ikea. Come sai amo e diffondo in questo blog lo stile scandinavo, quindi le immagini qui sotto saranno in linea col mood scandinavo.  

STEP#1

Finiture ante

cucina finitura ante

Definisci il colore principale della cucina, partendo dall’elemento che ha la campitura più ampia rispetto a tutta la cucina: le ante. Possono essere laccate lucide, laccate opache, in legno naturale o impiallicciato di legno, vetro temperato. Non necessariamente devi scegliere le ante tutte uguali, ad esempio puoi differenziare le ante dei mobili base da quelle dei pensili.

STEP#2

Piano di lavoro

cucina stile scandinavo

Può essere in legno massiccio, in quarzo, in laminato (che ti sconsiglio vivamente) oppure, uscendo da Ikea, puoi optare per un bel piano in marmo o pietra naturale. Il top della cucina deve essere bello, pratico, resistente all’usura e facile da pulire. In base alla priorità che vuoi dare a queste specifiche, scegli il piano più adatto alle tue esigenze.

STEP#3

Maniglie

cucina stile scandinavo maniglie cuoio

Di varie forme, materiali, lucide, satinate, insomma ce n’è per tutti i gusti. L’ideale sarebbe recarsi in show room e provarle, per capire se sono sufficientemente ergonomiche ed esteticamente adatte al proprio gusto personale. Mi piacciono un sacco quelle in cuoio, lo so che non sono molto igieniche, ma per una cucina di una casa vacanze, di poco utilizzo, secondo me son perfette. 

STEP#4

Elettrodomestici, lavello e rubinetteria

cucina stile scandinavo

Il quarto step riguarda gli elementi funzionali della cucina: piano cottura a gas o induzione, forno elettrico, cappa, frigorifero, lavello e miscelatore. Scegli tutti questi componenti in base alle tue esigenze o abitudini.

Apro una piccola paretesi: se hai in mente di acquistare una cucina Ikea ti posso confermare, in base alla mia esperienza, che Ikea ha dei buonissimi elettrodomestici. I miei hanno superato i 10 anni e sono ancora molto validi. 

STEP#5

Paraschizzi

cucina stile scandinavo

Scegli un rivestimento in coordinato col pavimento o col top, la cucina si integrerà ancora meglio col contesto.

STEP#6

Illuminazione sottopensile

cucina illuminazione

Spesso viene sottovalutato, ma cucinare con un’ottima illuminazione è l’ideale per lavorare bene e in serenità. Esistono tantissime soluzioni a led, pratiche e a buon costo.

STEP#7

Accessori interni

cucina accessori interni

Personalmente la trovo la parte più divertente. Accessori interni ai mobili che aiutano a organizzare e sfruttare al meglio lo spazio a disposizione. Inoltre, definire fin da subito dove riporre ogni cosa, ti aiuterà nella progettazione della cucina e non trovarti con sorprese spiacevoli, quando sarà troppo tardi, a cucina già montata.  

STEP#8

Lista dei desideri

cucina stile scandinavo

Cosa vorresti che ci fosse, cosa vorresti ma non è indispensabile, cosa dovrebbe esserci perchè sarebbe davvero utile se ci fosse? Poniti queste semplici domande e crea la tua lista dei desideri. Questo step è fondamentale soprattutto per quanto riguarda i piccoli elettrodomestici, come la macchina del caffè, il Bimby, l’affettattrice, ecc… Questi elementi “ingombranti” vanno presi in considerazione durante la fase di progettazione, perchè hanno bisogno di una sua collocazione ben definita fin da subito, per non rischiare di prendere scelte affrettate, fare errori e soprattutto non essere convinti della propria cucina tanto desiderata.

Bene, ora che conosci gli elementi fondamentali che compongono la cucina, devi capire quali colori, materiali, composizioni ti piacciono e ti fanno stare bene. Per aiutarti in questo, ti propongo una selezione personale di immagini ispirazionali di cucine in stile scandinavo. Presta attenzione ai materiali, colori e abbinamenti tra loro e cerca di capire quale è più in linea coi tuoi gusti personali.

Desideri rinnovare la tua cucina? Oppure hai appena acquistato casa e devi progettarne una da zero? Spero che questo articolo ti sia stato davvero utile, lasciami un commento oppure dimmi se qualcosa non è stato chiaro.

Hai bisogno di un aiuto personalizzato per realizzare la tua cucina dei sogni? Se lo desideri, posso darti una mano io, dai un’occhiata al mio servizio di Consulenza di arredo online oppure di Consulenza Easy.

Ciao, ci vediamo alla prossima.

P.S. Il tuo amico o amica vorrebbe progettare la sua cucina? Giragli il link di questa pagina 😉


Happy

Happy

0 %


Sad

Sad

0 %


Excited

Excited

100 %


Sleppy

Sleppy

0 %


Angry

Angry

0 %


Surprise

Surprise

0 %

L’articolo Come realizzare la cucina dei sogni, in stile scandinavo e con il planner Ikea sembra essere il primo su Romina | Home Lover.

30 Marzo 2021 / / Design

sistema di arredo a scomparsa Bigfoot di Protek

Arriva Bigfoot Outdoor di Protek,  il geniale sistema di arredo a scomparsa per sfruttare al meglio lo spazio di balconi e terrazzi

Complice la bella stagione alle porte e la pandemia ancora in corso, per gli italiani alla ricerca di una nuova abitazione (la domanda di acquisto si attesta intorno al 76%), gli spazi aperti sono diventati imprescindibili e la presenza di una terrazza o di un balcone diventa un elemento fondamentale nella decisione di acquisto.

In linea con questa tendenza Protek, azienda specializzata nella progettazione e produzione di controtelai per porte e finestre scorrevoli, propone una collocazione outdoor per Bigfoot®, il sistema di arredo a scomparsa, brevettato e 100% made in Italy, che consente di recuperare e ricreare nuovi spazi anche all’interno di logge, balconi e terrazzi. Personalizzabile con diverse finiture e attrezzabile con le numerose varianti che da sempre contraddistinguono Bigfoot, per l’installazione in esterno è necessario prevedere un rivestimento con un materiale adeguato e una copertura a protezione.

sistema di arredo a scomparsa Bigfoot di Protek

Integrabile nel muro in fase di progettazione e ristrutturazione dell’immobile, in adiacenza ad una parete già esistente o indipendente e autoportante, è disponibile in due versioni, Architectural per il rivestimento in lastre di cartongesso o simili e Interior, con predisposizione per il rivestimento in boiserie o pannelli rigidi (entrambe le versioni non richiedono concessione edilizia, velocizzando e semplificando l’installazione), oltre che con diverse finiture e colorazioni, per adattarsi all’ambiente in cui viene installato, e un’ampia gamma di varianti: da elementi più tradizionali e pratici come scarpiere, librerie, tavoli, letti, dispense, cappottiere, ripostigli, fino ad applicazioni più “smart” con mobili bar, elementi per il fitness o l’entertainment, fino alle nuovissime soluzioni per lo smart-working, l’home-schooling.

Con i propri moduli, Bigfoot® offre soluzioni inedite di arredo, sia dal punto di vista estetico che funzionale, combinando design, creatività ed innovazione, rispondendo alle esigenze dei diversi settori: residenziale, contract, hotellerie, nautica e tanti altri ambiti in cui il muro non è più solo un muro, ma diventa un elemento di arredo che non si immaginava di avere, completamente personalizzabile a seconda delle specifiche esigenze.

 

L’articolo Balconi e terrazzi: sfrutta al meglio lo spazio con Bigfoot Outdoor di Protek proviene da Dettagli Home Decor.

29 Marzo 2021 / / Design

divano angolare beige

Il divano è un elemento fondamentale del salotto, il vero e proprio protagonista dello spazio. Non può mai mancare un divano nel living per creare un angolo conversazione, magari abbinato a una poltrona, oppure davanti a una parete attrezzata che sopita la televisione schermo piatto. Quando ti trovi alle prese con la scelta del divano, potresti trovarti un po’ spaesata, visti i tanti aspetti da considerare: misura, forma, tessuto, colore, stile… c’è davvero da perderci la testa! Inizia però con calma valutando anzitutto il tipo di divano. Esistono diversi modelli che possono fare al caso tuo: lineare classico, angolare, che si trasforma in letto o dal design particolare.

divano velluto trapuntato ecrù
divano lineare LIAM di Maisons du Monde

I divani lineari: i più classici di sempre

Il divano lineare è il più classico di tutti con sedute parallele. Può essere a due, tre o più posti in base al tipo allo spazio che hai a tua disposizione. I divani su maisonsdumonde.com sono in grado di fornirti una vasta gamma di scelta per trovare la soluzione che fa al caso tuo. Con linee semplici e lineari, sono adatti a uno stile minimal e moderno; con un tessuto floreale si adatta bene a un design shabby chic; con le sedute trapuntate è perfetto per un accenno retrò anni 70.

divano angolare in tessuto grigio
divano angolare LOFT di Maisons du Monde

I divani angolari: a forma di L

Se hai poco posto a tua diposizione, potresti prendere in considerazione un divano angolare. Ha una forma a L e permette di sistemare più sedute, anche se non hai un living di grande metratura. Oltre al divano con angolo, ci sono modelli con chaise longue che sono i più comodi in assoluto perché ti permettono di alzare le gambe e assumere una posizione perfetta per il tuo relax serale mentre leggi un libro o guardi un bel film.

divano letto 2 posti azzurro
divano letto NIO di Maisons du Monde

Il divano che si trasforma in letto

Prendi invece in considerazione il divano letto che trasforma le sedute in un pratico letto per gli ospiti. Se sei solita ospitare parenti o amici da fuori città che vengono in visita, è la soluzione che fa al caso tuo. Si tratta di un divano molto pratico che può avere diversi sistemi di apertura: a libro, a ribalta, a sezioni… da valutare in base alla praticità e comodità. Non appena gli ospiti se ne vanno, il letto si chiude e non occupa tanto spazio. Un modello di questo tipo non è destinato solo ed esclusivamente alla zona living ma tante volte viene utilizzato in una stanza per gli ospiti affinché l’ingombro sia minimo.

divano crema stile Mid Century
divano design 3/4 posti di Maisons du Monde

I modelli di design: soluzioni dalla forma particolare

Infine, esistono anche modelli di divani realizzati con un design particolare. Fanno parte di questa categoria tutti i divani di forma particolari come rotondi e dalle linee tondeggianti. Sono soluzioni da inserire in un contesto dove il design riveste un ruolo particolare. Fanno al caso tuo solo se hai un living con un’estetica molto ricercata che punta tutto sullo stile.

L’articolo Divano per il living: quale modello fa per te proviene da Dettagli Home Decor.

29 Marzo 2021 / / Design

gres porcellanato effetto legno

Continua la nostra collaborazione con l’architetto Antonio Felicetti per approfondire l’argomento ristrutturazione casa. Dopo averci dato dei consigli sui primi passi da muovere prima di iniziare una ristrutturazione, in questo articolo ci parla di una delle prime scelte da fare: i pavimenti.

Quando si è in procinto di ristrutturare casa la prima domanda che molti mi pongono è se lasciare il pavimento esistente oppure sostituirlo posando un nuovo rivestimento in gres porcellanato, laminato, parquet oppure optare per una superficie continua in resina. In questo articolo cercherò di darti tutte le risposte necessarie per aiutarti nella scelta.

Pavimento esistente lo lascio o lo rimuovo?

Nella maggior parte dei casi quando si esegue una ristrutturazione il pavimento esistente può essere lasciato, andrà rimosso solo nei seguenti casi:

  • il pavimento appare visibilmente rovinato o gonfio;
  • ci sono problemi con il sottofondo e la superficie non è perfettamente complanare, regolare e integra;
  • la ristrutturazione prevede anche il rifacimento di tutti (o quasi) gli impianti.

Ovviamente qui parliamo soprattutto di case vecchie costruite intorno agli anni 70 o prima.

Se non ci sono problemi ma il pavimento esistente non rispecchia il tuo gusto o lo stile che vuoi dare alla casa, puoi risolvere in modo più economico e veloce posando le nuove piastrelle sopra quelle vecchie oppure su un altro tipo di superficie. Naturalmente, in questo caso, la scelta dovrà ricedere su piastrelle dallo spessore sottile così da mantenere gli stessi livelli delle porte e/o altre aperture presenti. 

Tipologie di pavimenti: la guida per scegliere

Quando si ristruttura casa, la scelta dei pavimenti è sempre una delle più difficili. Oggi in commercio esistono molte soluzioni decorative in grado di offrire anche elevate prestazioni tecniche. Dai più economici in laminato, ai più preziosi parquet; dai più tradizionali come le piastrelle in gres ai più moderni in resina o microcemento. Dal punto di vista pratico, ciò che si chiede in generale a questi materiali è che siano resistenti, igienici, facili da pulire e non attraggano polvere. Vediamo nel dettaglio le caratteristiche principali di ciascun pavimento.

finiture gres porcellanato
gres porcellanato – Atelier di Casalgrande Padana

Pavimenti in Gres Porcellanato

Le piastrelle in gres porcellanato sono indubbiamente quelle più diffuse. Effetto marmo, legno, pietre, tessuti e trame: sono tante le potenzialità espressive del gres porcellanato. E non solo per quanto riguarda gli effetti decorativi e la capacità di imitare alla perfezione altri materiali. Tra i prodotti ceramici, è quello che offre maggiore resistenza meccanica, all’usura e alle sostanze chimiche utilizzate per la pulizia. Ma soprattutto è idrorepellente e ingelivo, perciò adatto anche all’esterno.

A seconda delle caratteristiche fisiche le piastrelle in gres possono essere naturali o smaltate. La differenza principale tra le due è che uno possiede un ulteriore strato superficiale (lo smalto), l’altro no.  Questa differenza tecnica e produttiva ne implica molte altre anche a livello pratico. Ad esempio, il gres porcellanato naturale, avendo la piastrella in superficie, permette di ridurre al minimo i danni nel caso che questa si scheggi. Questo scenario però è abbastanza raro, in quanto il gres porcellanato è un materiale molto resistente e difficile da scalfire. Lo strato di smalto nel gres porcellanato smaltato, invece, permette di nascondere le imperfezioni della ceramica in sé, il che si riflette anche sul prezzo, generalmente più basso, anche a fronte di una lavorazione in più.

pavimento gres porcellanato beigegres porcellanato – Beton di Casalgrande Padana

In base al trattamento superficiale della piastrella, il gres può avere 3 finiture: Naturale, Lappato o Lucida. La piastrella in gres con finitura naturale appare di colore beige chiara, con una superficie opaca e leggermente ruvida al tatto, ma è la più resistente all’usura e all’assorbimento dell’acqua. La lappatura, invece, è una lavorazione che rende più liscia la superficie della piastrella in gres. In questo modo il pavimento risulterà liscio, luminoso e priva di qualsiasi irregolarità. La lucidatura di una piastrella in gres porcellanato è lo step successivo alla lappatura: la superficie viene resa talmente liscia che riflette.

pavimento gres effetto marmo
pavimento gres effetto marmo di Ceramiche Keope

Un effetto molto bello e ricercato per imitare i marmi, ma in questo caso estrema attenzione alla pulizia!

Pavimenti in laminato

I pavimenti in laminato sono i più apprezzati per la ristrutturazione. La loro diffusione si deve ai tanti vantaggi come lo spessore minimo, la resistenza ai graffi e all’usura, all’acqua e allo sporco. A questi vantaggi tecnici, si aggiunge la resa estetica di molti prodotti, che riproducono fedelmente le caratteristiche tipiche delle essenze naturali del legno. Inoltre, non va sottovalutato l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Naturalmente il costo dipende dalla qualità del materiale in superficie, che è quello che fa la differenza.

pavimento in laminato
pavimento laminato Clap di Déco Decking

Come anticipato, questa tipologia di pavimenti permette di risolvere i problemi della ristrutturazione grazie allo spessore minimo che permette la posa sopra una superficie esistente in tempi più brevi, inoltre una volta posato è subito calpestabile. Il pavimento in laminato è anche inossidabile, per cui non subisce variazioni di colore o invecchiamento nel tempo. Un ulteriore plus è dato dal fatto che può essere posato anche in caso di riscaldamento a pavimento.

Pavimenti in Parquet: massello o prefinito?

Il parquet è un classico senza tempo che si adatta perfettamente all’arredamento moderno così come a quello classico e lo si apprezza anche con qualche segno di usura, che gli conferisce un aspetto vissuto ed evocativo.

Il parquet può essere in legno massello o prefinito. Il primo è quello più tradizionale, totalmente realizzato in legno nobile. Pregiato è privo di colle e viene fornito grezzo. Una volta posato il parquet viene levigato, pulito e rifinito a cera, olio o con vernice. Il vantaggio è che può essere levigato più volte e si presta a infinite finiture superficiali.

pavimento parquet massello
parquet Listone Giordano

Il parquet prefinito invece viene fornito già pronto per la posa. Ogni lista è formata da uno strato di materiale nobile a vista e da un supporto a più strati che la rende stabile. I vantaggi nello scegliere un parquet prefinito sono la velocità di posa e la grande resistenza, grazie ai numerosi strati di vernice.

Superfici continue: Resina e Microcemento

Resina e microcemento sono materiali sottili e versatili adatti per rivestire pavimenti e pareti sia all’interno che all’esterno, ma anche mobili, scale e sanitari.  Il risultato sarà una superficie continua senza fughe e senza le interruzioni dei tradizionali pavimenti in piastrelle. Sono soluzioni particolarmente adatte per le ristrutturazioni in quanto permettono di rinnovare velocemente qualsiasi superficie.

Resina e microcemento sono apparentemente simili anche se in realtà sono diversi, infatti la resina è un materiale sintetico frutto di particolari processi chimici di sintesi, mentre il microcemento è naturale.

superfici continue HD Surface
microcemento HD Sruface

Entrambi i materiali permettono una semplice e rapida pulizia delle superfici oltre a scongiurare il rischio di infiltrazioni d’acqua, inoltre sono molto resistenti ai graffi e all’usura.

Vastissima la gamma dei colori nelle finiture lucide, satinate e opache. Grazie alla combinazione di colori diversi, lavorazioni e additivi, resina e microcemento possono dar vita a disegni astratti, effetti graffiati, spatolati e chiaroscuri per reinventare qualsiasi ambiente della casa.

Antonio Felicetti – Architetto Milano

info@antoniofelicetti.com

L’articolo Ristrutturazione: guida alla scelta dei pavimenti proviene da Dettagli Home Decor.

28 Marzo 2021 / / Design

Enigma fra tutti gli enigmi: meglio cucina a vista o separata?

In questa terza parte della mia guida per arredare casa vi darò qualche dritta su questo argomento.

Se fino a qualche anno fa , la risposta quasi scontata era “cucina a vista

oggi il discorso è decisamente cambiato.

Smart working,

non si parla di altro,

ormai da un anno a questa parte il lavoro per molti è diventato “lavoro da casa ” , conseguenza di una rivoluzione nella divisione degli spazi abitativi.

E si perché ,se fino a poco tempo fa, prima della pandemia ,la casa era luogo di convivialità e d’incontro per parenti e amici , oggi è per tanti luogo di lavoro ,

perciò

la necessità di avere uno spazio utile a svolgere la propria attività, ha priorità sul resto.

Meglio cucina a vista o separata?

Dipende,

dalle dimensioni e dalla disposizione degli ambienti.

Di sicuro in una casa di piccole dimensioni l’Open space è un ottimo modo per far percepire un volume più ampio del locale,

oggi giorno però l’esigenza di ritagliarsi un’area per il proprio lavoro, ha cambiato le cose.

Pensiamo ad una famiglia tipo

Casa di 80 mq,

a causa della zona rossa condividono lo spazio abitativo :

la moglie impiegata in smart working, il marito docente che lavora con didattica a distanza , due figli , uno a casa dalla scuola materna e l’altro dalla scuola primaria con didattica a distanza .

Cosa ne pensate?

Meglio cucina a vista o separata?

È ovvio che in questa condizione la soluzione migliore è quella di avere degli spazi divisi e ben distinti,

adatti a far svolgere ad ognuno le proprie attività .

Per questo motivo, In questo caso, la mia risposta è meglio cucina separata.

Come per tutte le cose però ,è necessario tener conto di vari aspetti.

Pertanto,

per aiutarvi a dare una risposta a questo enigma, prenderò in considerazioni uno spazio di circa 55 mq , interpretandolo in tre modi diversi .

LA PIANTA DELL’AMBIENTE

SOLUZIONE A : CUCINA A VISTA

In questa prima soluzione gli ambienti sono uniti,

la zona pranzo, il living e la cucina, condividono lo stesso ambiente , ciò nonostante ogni spazio è ben distinto,

La cucina è delimitata dalla grande isola su cui sono stati inseriti i fuochi,

la zona pranzo ha un’area riservata rispetto al resto , definita dal grande tavolo rettangolare,

mentre lo spazio per la zona relax è occupato da un divano angolare .

All’ingresso, grazie all’aiuto di una parete divisoria , da un lato è stato posizionato il mobile tv,

dall’altro lato invece, un armadio in nicchia.

MOODBOARD ISPIRAZIONALE CUCINA A VISTA

SOLUZIONE B: CUCINA A VISTA O SEPARATA?

In cucina è stato scelto un modello angolare con tavolo a penisola.

In questo modo, nonostante la cucina sia a vista rispetto all’ingresso e alla zona living, il suo ambiente è ben delimitato.

L’angolo cucina, sviluppato grazie ad una parete divisoria posta al limite della porta finestra, ha permesso di creare nella zona precedentemente occupata dal tavolo, un angolo studio, parte integrata della parete soggiorno

Il divano, con la sua importanza, crea il perimetro dell’area relax.

MOODBOARD ISPIRAZIONALE CUCINA A VISTA MA SEPARATA

SOLUZIONE C: CUCINA SEPARATA

Definire lo spazio con le pareti,

questa opzione crea ambienti ben distinti,

ad ogni locale è dedicata un ‘area:

  • il relax
  • lo studio
  • la cucina e il pranzo

Questa divisione degli spazi è la scelta per chi ha bisogno di zone ben separate,

ambienti spaziosi , ma separati tra di loro .

In cucina è stato inserito un tavolo rotondo, che crea un’ambiente intimo ed informale.

In entrata è stata nuovamente inserita una parete divisoria per inglobare un mobile ingresso.

La zona studio ora ha una stanza dedicata,

mentre la zona relax resta a vista sull’ingresso.

MOODBOARD ISPIRAZIONALE CUCINA SEPARATA

Conclusione,

nell’arredare casa, ciò che è meglio , dipende soltanto da noi e dalle nostre esigenze.

L’articolo Meglio cucina a vista o separata ? proviene da Laura Home Planner.