La pietra a basso impatto ambientale.

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

L’azienda Grassi Pietre propone una novità in tema di materiali.

Pietranova è un agglomerato cementizio composto da graniglia di pietra di Vicenza ricavata dal riciclo di scarti di lavorazione provenienti da cave Grassi Pietre, cemento Portland bianco e acqua.

La tecnologia, la costante ricerca nell’ambito dei materiali litici e la particolare attenzione per l’ambiente del brand danno vita a questo materiale dal basso impatto ambientale , sia per il recupero degli scarti di produzione sia per la completa assenza di materiali inquinanti.

L’anima ecologica di Pietranova sposa un’elevata resa estetica e una resistenza fisico-chimica che la rende forte e compatta.

Pensata per rispondere alle richieste dell’architettura contemporanea, Pietranova è utilizzata per la progettazione di rivestimenti interni, esterni, scale e pavimentazioni risultando di facile installazione perché costante, uniforme, rettificata e, in quanto prodotto monostrato, ri-lucidabile in opera. E’ impiegata anche nella realizzazione di elementi e complementi di design.

Proposta nelle declinazioni bianco, giallo e grigio a seconda della pietra naturale utilizzata nell’impasto, Pietranova presenta 4 diverse finiture: levigata, spazzolata, bocciardata e graffiata. E’ inoltre possibile realizzare finiture personalizzate, studiate in collaborazione con i progettisti, per ottenere particolari rese estetiche.


 
 

 
 

 
 
 

 

Condizionatori per la casa: tipologie, costi e detrazioni 2019

Pubblicato da Eleonora Caseri in Blog Arredamento

C’è chi li odia e chi li ama.
Chi litiga col partner per non accenderli mai, chi non ne può fare a meno.
Chi “mi fanno venire il raffreddore” e chi “migliorano l’aria di casa”.

La verità è che i condizionatori di nuova generazione possono essere un valido aiuto nella vita di tutti i giorni.

Vediamo quali sono le tipologie e come possiamo installare l’impianto giusto.
Condizionatore nascosto e integrato in una libreria

L’ABC: differenza tra condizionatore e climatizzatore

L’impianto di condizionamento interviene sulla temperatura dell’aria all’interno dei locali e sulla velocità con cui questa viene redistribuita nell’ambiente. L’aria emessa è priva di umidità, quindi il tasso igrometrico non può essere regolato o controllato.

Il climatizzatore regola il clima all’interno di un ambiente chiuso, agendo sulla percentuale di umidità, sulla temperatura dell’aria e sulla velocità di distribuzione. Inoltre influisce sulla qualità dell’aria e sulla sua purezza attraverso appositi filtri.

Molto spesso i due termini sono usati per definire lo stesso macchinario, ma in realtà si tratta di due apparecchi diversi.

Tipologie di condizionatori

Condizionatori portatili

Sono i classici condizionatori a pavimento, più economici rispetto agli impianti di condizionamento domestico con split. I modelli più moderni sono senza tubo e si possono spostare per casa in base a dove servono.
Il fai da te qui non porta alcun problema, basta acquistare il modulo e installarlo seguendo le istruzioni del produttore. Sono una valida alternativa al ventilatore ma non sono paragonabili ai condizionatori fissi per performance.

Condizionatori fissi

L’aria condizionata fissa è quella con impianto interno a parete, a soffitto o a pavimento – detto anche “a consolle”. L’aria emessa può essere refrigerata tramite gas o ad acqua (che può essere scaldata se collegata a pompa di calore).

Può essere mono split, dual split o multi split in base alle esigenze personali e alle dimensioni della casa.
Si controlla con i tradizionali telecomandi o wifi.

Esistono poi molte varianti che differiscono per estetica, prezzo e specifiche tecniche:

  • condizionatori tradizionali on/off
  • climatizzatori inverter
  • condizionatori con motore esterno
  • condizionatori senza unità esterna
  • condizionatore canalizzato
  • condizionatore o climatizzatore a pompa di calore (caldo freddo)

Visto? Le opzioni sono tantissime ed ognuna porta con sé vantaggi, svantaggi e costi diversi.
Per questo motivo è sempre consigliabile rivolgersi ad un professionista e confrontare vari preventivi per avere un’idea chiara del rapporto costo-beneficio.

Quanto costa installare i condizionatori

Per l’installazione e il montaggio dei condizionatori non andare al risparmio.

Per avere un buon prodotto installato in maniera professionale (quindi sicuro, performante e duraturo) è buona norma chiedere vari preventivi per condizionatori adeguati alle vostre esigenze, ovvero: alla grandezza degli ambienti, al tuo budget e ad altre particolari necessità (vuoi solo raffreddare o anche riscaldare? vuoi purificare l’aria o regolare l’umidità? quanto vuoi spendere?…).

Solo un installatore professionista potrà darti concretamente una mano nella scelta del modello più adatto.

In casi come questo il fai da te può portare a danni seri e costi aggiuntivi notevoli.
Ricorda che un prodotto di bassa qualità e per giunta installato male porta con sé difetti occulti che impattano sul tuo portafoglio.
Meglio investire di più all’inizio per evitare future spese (e fastidi) per tecnici, ricambi, guasti, accessori…!

Approfitta della detrazione condizionatori 2019

Puoi beneficiare del bonus sia per l’installazione di un nuovo condizionatore, sia per la sostituzione di un vecchio impianto.

Ecco i casi in cui puoi detrarre la spesa dalla dichiarazione dei redditi:

  • bonus con ristrutturazione edile in corso: 50% di detrazione su impianti a pompa di calore finalizzati al risparmio energetico (+ IVA ridotta al 10%). La spesa rientra nel tetto di spesa sulle ristrutturazioni di € 96.000 totali
  • detrazione condizionatore senza ristrutturazione: 65% di detrazione. Solo per sostituzione di impianti vecchi preesistenti e solo se si installa un nuovo impianto a pompa di calore o ad alta efficienza energetica (dotato di caldaie a condensazione, ibridi, geotermici, biomasse…)
  • bonus risparmio energetico: 65% di detrazione. Per sostituzione dell’impianto di riscaldamento con condizionatori con pompa di calore ad alta efficienza. Tetto di spesa € 46.145

Ricorda che il pagamento deve avvenire tramite bonifico parlante contenente l’apposita causale relativa a lavori di ristrutturazione, codice fiscale del beneficiario della detrazione, partita IVA del rivenditore. Conserva le ricevute e le fatture di acquisto.

per informazioni dettagliate e specifiche leggi la guida dell’agenzia delle entrate sulla detrazione fiscale condizionatori.

Tags:

 
 

Un cottage tradizionale in Islanda

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Oggi vi porto a visitare un cottage tradizionale in Islanda, decorato in una palette fatta di grigio, blu e materiali naturali.

Un cottage tradizionale in Islanda

L’Oggi andiamo in Islanda, un’isola aspra e inospitale dominata da una natura selvaggia. Eppure, questa terra così fredda e lontana esercita da sempre un certo fascino, per i suoi paesaggi sublimi, ma anche per la particolarità di manufatti umani. Tra questi, i cottage tradizionali, tutti in legno e dipinti con colori sgargianti, aggiungono un tocco di magia ed evocano scenari fiabeschi.

Un cottage tradizionale in Islanda

Certo, i cottage tradizionali sono costruzioni spartane, senza molte concessioni al lusso e alle frivolezze. Spesso all’interno sono dotati di tutti i confort, come il cottage che visitiamo oggi. Del resto i proprietari, gli interior designer Rut Káradóttir e Kristinn Arnarson, di stile se ne intendono, e si vede da come hanno trasformato il loro cottage.

Situato alle pendici del vulcano Hafnarfjall, il cottage tradizionale di Rut e Kristinn è completamente dipinto di nero all’esterno, così da essere facilmente individuabile nel paesaggio imbiancato.

  • L’ingresso del cottage
  • L’ingresso del cottage

Purtroppo, anche in Islanda queste strutture vengono abbandonate a favore di costruzioni moderne che poco hanno a che fare con le tradizioni locali, così i due designer hanno voluto dimostrare che anche una modesta casetta di legno può diventare moderna ed elegante.

Un cottage tradizionale in Islanda
al centro del cottage è situata la grande stanza che raggruppa le aree living: cucina, zona pranzo e soggiorno
Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda

All’interno, i proprietari hanno optato per un blu-grigio quasi totale, che ricopre le pareti, le boiseries, i soffitti: eppure non sembra di entrare in un acquario, tutt’altro.

  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda

L’atmosfera è calda e accogliente grazie agli accessori e ai complementi in legno naturale, agli oggetti di artigianato etnico, ai numerosi cuscini, coperte, pelli di pecora. Se poi vengono accese le candele, l’atmosfera Hygge è assicurata.

Fonte: Skonahem

Crediti Foto: Krista Keltanen

Visita le altre case della rubrica House Tour


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:


 
 

 
 

 
 
 

 

Un cottage tradizionale in Islanda

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Oggi vi porto a visitare un cottage tradizionale in Islanda, decorato in una palette fatta di grigio, blu e materiali naturali.

Un cottage tradizionale in Islanda

L’Oggi andiamo in Islanda, un’isola aspra e inospitale dominata da una natura selvaggia. Eppure, questa terra così fredda e lontana esercita da sempre un certo fascino, per i suoi paesaggi sublimi, ma anche per la particolarità di manufatti umani. Tra questi, i cottage tradizionali, tutti in legno e dipinti con colori sgargianti, aggiungono un tocco di magia ed evocano scenari fiabeschi.

Un cottage tradizionale in Islanda

Certo, i cottage tradizionali sono costruzioni spartane, senza molte concessioni al lusso e alle frivolezze. Spesso all’interno sono dotati di tutti i confort, come il cottage che visitiamo oggi. Del resto i proprietari, gli interior designer Rut Káradóttir e Kristinn Arnarson, di stile se ne intendono, e si vede da come hanno trasformato il loro cottage.

Situato alle pendici del vulcano Hafnarfjall, il cottage tradizionale di Rut e Kristinn è completamente dipinto di nero all’esterno, così da essere facilmente individuabile nel paesaggio imbiancato.

  • L’ingresso del cottage
  • L’ingresso del cottage

Purtroppo, anche in Islanda queste strutture vengono abbandonate a favore di costruzioni moderne che poco hanno a che fare con le tradizioni locali, così i due designer hanno voluto dimostrare che anche una modesta casetta di legno può diventare moderna ed elegante.

Un cottage tradizionale in Islanda
al centro del cottage è situata la grande stanza che raggruppa le aree living: cucina, zona pranzo e soggiorno
Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda

All’interno, i proprietari hanno optato per un blu-grigio quasi totale, che ricopre le pareti, le boiseries, i soffitti: eppure non sembra di entrare in un acquario, tutt’altro.

  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda
  • Un cottage tradizionale in Islanda

L’atmosfera è calda e accogliente grazie agli accessori e ai complementi in legno naturale, agli oggetti di artigianato etnico, ai numerosi cuscini, coperte, pelli di pecora. Se poi vengono accese le candele, l’atmosfera Hygge è assicurata.

Fonte: Skonahem

Crediti Foto: Krista Keltanen

Visita le altre case della rubrica House Tour


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:


 
 

Decorazioni di Pasqua; ispirazioni da Etsy.

Pubblicato da admin in Charme and More

State cercando idee originali per le decorazioni di Pasqua con le quali abbellire la casa?

Charme and More è andata alla ricerca di ispirazioni su Etsy e nel post di oggi ne trovate alcune, una più bella dell’altra da copiare o più facile ancora da acquistare.

etsy-addobbi-pasqua-albero

Uova in ceramica smaltata, realizzate a mano da Karolart con nastro per appenderle e realizzare un Albero di Pasqua black and white.

decorazioni-rosa-e-oro-etsy

Gocce in ceramica rosa e oro realizzate da MadeByUgne, perfette per decorare l’albero di Pasqua.

Set di quattro addobbi composto da tre gocce rosa e una in smalto dorato.

decorazioni-di-pasqua-carta-etsy

Riciclare la carta non è mai stato cosi bello.

Meravigliosi addobbi realizzati da rennadeluxe su carta vintage proveniente da vecchi libri e stampata con diversi tipi di caratteri.

Ornamenti fatti utilizzando  vecchi libri degli anni ’30

Se vi incuriosiscono curiosate lo shop di rennadeluxe con tante idee originali.

decorazioni-carta-pasqua-etsu

Ph via
Ph via

idee-regalo-pasqua-etsy

Sacchetti da regalo in lino realizzati a mano da SiStroCraftsLinen; ideali per caramelle, cioccolatini, biscotti o come decorazioni d’interni per abbellire un angolo di casa.

pasqua-uova-filo-iuta

Addobbi pasquali in juta da da appendere alla porta o a un cancello per dare il benvenuto agli ospiti invitati per il pranzo di Pasqua.

Idee creative e ecologiche di ViViCreative 

Scoprite su Pinterest tante altre idee décor belle e originali da copiare.

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Decorazioni di Pasqua; ispirazioni da Etsy. proviene da Charme and More.


 
 

Salone del mobile 2019

Pubblicato da blog ospite in lacasadieloisa

fraufrau

Dal 9 al 14 aprile a Milano presso la Fiera di Rho si terrà  la 58esima edizione del Salone del Mobile. Dopo le settimane della moda forse l’evento internazionale più noto della città. Attorno al tema dell’abitare esporranno oltre 1400 aziende per un totale espositivo di oltre  150 mila metri quadri. Una vera mecca per gli amanti dell’arredamento e del design d’interni.

Per Milano è un anno importante che celebra i 500 anni dalla morte del genio di Leonardo da Vinci per questo motivo  la creatività, il saper fare e le invezioni  saranno i motivi ispiratori di questa edizione del Salone del Mobile.

Sono previste due grandi istallazioni, una in città per trattare le indagini scientifiche del genio, l’altra in fiera per trattare la lungimiranza nella progettazione. Queste due istallazioni sono Aqua – La visione di Leonardo, curata da Marco Balich e, De-Signo – La cultura del design italiano prima e dopo Leonardo, curata da Davide Rampello.

La fiera, come sempre sarà aperta sia ai visitatori che agli esponenti del settore, con l’obiettivo è infatti raccontare e rappresentare l’evoluzione degli ambienti di lavoro, in continuo mutamento e sempre più fluidi, basti pensare agli spazi di co-working .

Sarà poi presente un nuovo percorso espositivo trasversale dedicato ai prodotti di design e alle soluzioni decorative e tecniche del progetto d’interni: S.Project, spazio poliedrico dedicato all multi – settorialità, alla sinergia e alla qualità.

Nei padiglioni 22-24 sarà invece possibile scoprire lo spazio “Food as a design object”, che ospiterà un’interessante sfida tra  550 giovani designer che esporranno idee e prototipi per l’arredo attorno al tema del cibo e del suo futuro.

Come  sempre non mancheranno gli appuntamenti de il “Fuori salone” eventi sparsi per tutta Milano che animeranno numerosi quartieri.
20180417_103113
Quest’anno ci sarà il ” The Playful living” della zona di via Tortona con l’ allestimento di una casa pensata per le famiglie contemporanee,  Porta Venezia sarà il centro di un percorso sul Liberty, Brera Design District ospiterà il Brera Design Apartment e tutta una serie di altre manifestazioni culturali a corollario. 
 
Vi ho convinti? Ci vediamo al Salone!!

 


 
 

Nuovi infissi per risparmiare energia

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor

I serramenti devono garantire il giusto apporto di luce e aria agli ambienti, ma anche isolare dal caldo e dal freddo. Tutto questo non solo per il nostro benessere ma anche per limitare gli sprechi.

L’isolamento della finestra è un fattore fondamentale per ridurre la dispersione di calore dall’interno verso l’esterno della casa. In termini tecnici, l’infisso deve avere un basso valore di trasmittanza termica che viene indicata con la sigla Uw. Più basso è il valore Uw, maggiore sarà l’isolamento. Oltre a ciò, contribuiscono la trasmittanza termica del vetro, Ug, e quella dei profili, Uf.

Quando si è in procinto di acquistare nuovi infissi per risparmiare energia, questi dati sono importanti anche per usufruire dei bonus fiscali. E’ necessario, infatti, che il serramento risponda a determinati coefficienti di trasmittanza, che variano a seconda delle zone climatiche. In quelle più fredde sono richiesti valori più bassi.

Oggi, tra i materiali più utilizzati nella realizzazione dei serramenti, il PVC è quello più diffuso. I motivi sono diversi, primo fra tutti il costo accessibile, offre buone prestazioni tecniche e viene rinforzato con acciaio al fine di evitare deformazioni causate da forti sbalzi climatici. Ha un’elevata capacità isolante termica, uguale a quella del legno, e spesso superiore, secondo il numero di camere d’aria presenti all’interno dei profili, che nei serramenti di qualità possono arrivare fino a 7.

Il pvc è indicato soprattutto per le zone costiere in quanto barriera antisalsedine. La manutenzione è minima e si pulisce facilmente con detergenti neutri, inoltre, la durata è molto lunga, circa 40 anni.

serramenti pvc – Oknoplast

Caratterizzati da un’estetica moderna, gli infissi in pvc possono avere, sul lato interno, un rivestimento in vero legno che dona calore agli ambienti domestici. In alternativa possono essere rivestiti con delle pellicole che imitano l’effetto del legno. Per chi preferisce optare per una soluzione diversa, non mancano le finiture nei colori Ral o texture particolari dall’effetto decorativo e materico.

Il pvc è utilizzato per realizzare qualsiasi tipologia di serramento: finestre classiche, portefinestre e finestre per tetti,  con apertura a battente e/o basculante, oppure scorrevole. Se le ante a battente sono le più utilizzate per i normali infissi, per le portefinestre si prediligono quelle scorrevoli in quanto permettono di sfruttare al massimo lo spazio all’interno degli ambienti e di realizzare ante di grandi dimensioni.

porta finestra scorrevole – Finstral

Ma quanto costano i serramenti in pvc?

In media i prezzi degli infissi in pvc sono compresi tra 600 euro e 1.250 euro. Il costo dipende dalle scelte che si fanno, come la tipologia di serramento, le dimensioni, il sistema di apertura, la finitura dei profili e la tipologia di vetro.

Ad incidere sul costo finale è anche la manodopera per il montaggio e l’eventuale rimozione e smaltimento dei vecchi serramenti. In questo caso i costi variano a seconda dell’azienda, per questo motivo è importante richiedere sempre diversi preventivi e confrontare le tariffe al fine di poter risparmiare.

Come detto in precedenza i prezzi degli infissi in pvc sono comunque inferiori rispetto a quelli in legno e alluminio, garantiscono performance acustiche e termiche maggiori rispetto all’alluminio e in fase di acquisto si possono richiedere le detrazioni fiscali.

finestra Prolux Swing – Oknoplast

Detrazioni fiscali infissi 2019

Se stai valutando l’acquisto di nuovi infissi per risparmiare energia, devi sapere che la detrazione fiscale è pari al 50% del costo sostenuto e viene concesso quando si eseguono interventi che permettono di ottenere un miglioramento termico della casa.

Rientrano anche in questo ecobonus la fornitura e posa in opera di:

  • finestre
  • porte d’ingresso
  • scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi
  • zanzariere
  • tende da sole (a condizione che non siano orientate a nord)

Anche la sola sostituzione dei vetri rientra tra le spese agevolabili per il miglioramento delle caratteristiche termiche dei componenti vetrati esistenti.

Per avere diritto alla detrazione fiscali occorre innanzitutto effettuare il pagamento, e successivamente inviare la pratica all’ENEA.

L’articolo Nuovi infissi per risparmiare energia proviene da Dettagli Home Decor.


 
 

FIORI PRESSATI – POESIA E BELLEZZA DA CUSTODIRE

Pubblicato da blog ospite in Paz Garden

Da quasi due anni ormai, ho iniziato a raccogliere centinaia di ispirazioni su cosa potrei realizzare con tutti i miei fiori pressati, custoditi con tanto amore tra le pagine dei miei libri.
Oltre ad aver raccolto un immaginario di possibilità davvero incredibile, ho cominciato a pensare che sarebbe stato un buon punto di partenza per la creazione, finalmente, di un prodotto in perfetto stile Paz Garden.
Uno strumento utile, che potesse anche veicolare un messaggio a cui credo molto, con tutta me stessa.

Photo by CARY BATES

Graphic artwork by EVIE SHAFFER

Tutto è cominciato raccogliendo piccoli fiori di campo, poi è arrivata una grafica che avete tanto amato su Instagram, ve la ricordate QUESTA?
Il resto è una storia che vi racconterò il primo giorno di primavera ;-))))

Inutile dirvi che tutto questo avrà a che fare con i Fiori, le bellissime sensazioni che sanno regalarci e anche, un po’ con l’arte dello Slow Living attraverso la riscoperta di hobbies e attività manuali che richiedono un po’ di pazienza in più!
C’è qualcosa di più rigenerante di una passeggiata in mezzo alla Natura? Qualcosa di più poetico che comprarsi un bouquet come promemoria di quanta Bellezza esista?
Quanti ricordi legati ad un momento possiamo conservare tra le pagine di un libro? Io non vedo l’ora che la Primavera arrivi, con il suo carico di vibrazioni frizzzanti e positive. Ricche di Vita, colore, profumi. E insieme, finalmente, un pezzo tangibile di questo Giardino pazzerello che tanto amo perchè ricco ormai della nostra Amicizia.
Io ritorno ad organizzare al meglio questa nuova settimana ma intanto, per voi, qualcuna delle immagini che ho collezionato e che mi hanno ispirato in questo percorso!!!

PHOTO CREDITS 1 – 2 – 345678

 
 

Una nuova concezione di spazio per il bagno!

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Per il 2019, VITRA, azienda leader nel settore bagno, propone tante novità in termini di accessori ma soprattutto di ottimizzazione degli spazi grazie a complementi d’arredo funzionali e all’avanguardia. Oggi parliamo di FRAME, una nuova espressione del bagno moderno.

Frame: la rivelazione del pensiero limpido

Un design autentico e una perfetta funzionalità che si sposano in un’unica collezione con particolari ben studiati e sapientemente realizzati. La sua palette colori, composta da nero, rovere bianco e beige, è l’espressione di un linguaggio contemporaneo, fatto di bordi sottili e linee levigate. Con semplici gesti, si attiva l’opzione per l’illuminazione a LED sui mobili , creando un’atmosfera calda e attraente. Questa applicazione pratica della tecnologia d’avanguardia sottolinea ulteriormente la modernità dello spazio.

Particolari che catturano l’attenzione e colori eterni

Il mobile lavabo presenta una superficie laccata con frontale termoformato che riproduce i motivi del legno naturale, per portare in bagno l’atmosfera intima del living. Inoltre i componenti di questo arredo bagno sono trattati con la tecnologia “soft-touch” resistente a macchie, polvere e graffi.

FRAME plasma lo spazio da bagno non convenzionale, conferendogli allo stesso tempo un senso di benessere accogliente.


 
 

Fashion Editorial|Txema Yeste for Harper’s Bazaar with Nina Marker

Pubblicato da admin in Charme and More

Fashion Editorial|Txema Yeste for Harper’s Bazaar with Nina Marker

Photography: Txema Yeste. Styled by: Patrick Mackie. Hair: Ali Pirzadeh. Makeup: Frankie Boyd. Model: Nina Marker.

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-8

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-9-837x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-6-837x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-5-835x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-4-837x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-3-837x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-2-837x1024

txema-yeste-harpers-bazaar-nina-marker-1-837x1024

Ph via

 

L’articolo Fashion Editorial|Txema Yeste for Harper’s Bazaar with Nina Marker proviene da Charme and More.


 
 
               

Torna su