BLOG ARREDAMENTO Posts

26 Ottobre 2020 / / A forma di casa

Enzo Mari è stato uno dei più grandi teorici del design in Italia, apostrofato da Alessandro Mendini come la “coscienza dei designer”, fu un grande sostenitore dell’etica del design, della cultura umanistica, del design democratico e dell’autoproduzione. Nella sua carriera ha progettato per aziende quali Danese, Driade, Zanotta, Alessi, Artemide e molte altre, vincendo ben 5 Compassi d’Oro, di cui uno alla carriera. I suoi oggetti sono stati esposti più volte in contesti nazionali ed internazionali, compresa l’ormai leggendaria mostra Italy: The New Domestic Landscape al MOMA di New York nel 1972.

Enzo Mari
Enzo Mari

Contrario alla logica del design come moda e al consumismo dei nostri tempi, Mari mette al centro dei suoi progetti non solo la funzionalità, l’aspetto estetico e l’efficienza dei materiali, ma soprattutto il metodo con cui viene definito un determinato oggetto. Per lui, il pensiero e il processo di creazione di un oggetto sono più importanti dell’oggetto stesso. Nessun oggetto deve essere fine a sé stesso o autoreferenziale, il suo compito è durare nel tempo e saper coinvolgere la persona che lo utilizza come parte attiva del processo. Progettare per Mari non è solo creare oggetti belli, ma un vero e proprio atto etico e sociale.


Oggi vorrei rendere omaggio al grande contributo che Enzo Mari ha dato al mondo del design raccontando 3 dei suoi progetti che preferisco e che dimostrano il suo approccio responsabile e appassionato al modo di pensare agli oggetti.

Il calendario perpetuo Timor

Calendario perpetuo Timor - Enzo Mari
Timor – Danese Milano

Progettato nel 1967 per Danese, si tratta di un calendario da tavolo che si oppone alla logica dell’usa e getta: è riutilizzabile ogni anno, essenziale e dal design senza tempo. Si compone di una base in ABS stampata in un solo pezzo e un perno centrale su cui ruotano delle fascette di diverse dimensioni in PVC. Sulle fascette sono stampati i mesi, i giorni della settimana ed i numeri, rigorosamente con font Helvetica di colore nero per favorire la leggibilità, senza trascurare l’estetica. L’utente, oltre ad impostare la data corretta, può muovere gli elementi che compongono questo oggetto per creare le combinazioni che desidera. Timor è una vera e propria icona del design, tuttora in produzione. Questo oggetto però presenta alcuni limiti in termini di funzionalità, come Mari stesso affermò diverso tempo dopo averlo progettato, con il consueto occhio critico anche verso i suoi stessi progetti: «I calendari perpetui presentano sempre alcune difficoltà sostanziali: occorre ricordarsi di aggiornarli ogni giorno, richiedono interazione. Inoltre, non ci si può scrivere sopra e non riportano festività o vacanze. Non voglio dovermi ricordare di cambiare ogni giorno la data!».


La sedia Sof Sof

Sedia Sof Sof - Enzo Mari
Sof Sof – Driade

Una delle mie sedie preferite in assoluto, questo oggetto è un ottimo esempio di essenzialità progettuale, sperimentazione e gusto estetico. Si tratta di una sedia progettata nel 1971 per Driade. La sua elegante struttura si compone di 9 anelli in tondino di acciaio, combinati insieme per sostenere la sedia e accogliere i cuscini della seduta e dello schienale, creando incastri geometrici dal grande effetto estetico. I morbidi cuscini sono uniti tra loro e si agganciano tramite un inserto che si avvolge su un tondino di acciaio, garantendo stabilità e maggiore comfort alla seduta. Anche questo oggetto non ha risentito del passare del tempo, rimanendo tuttora un arredo estremamente contemporaneo e adattabile a diversi contesti.


Il tavolo Frate

Tavolo Frate - Enzo Mari
Frate – Driade

Frate è un tavolo dal design essenziale e per nulla scontato, creato per Driade nel 1973 e declinabile in varie dimensioni. Il piano in cristallo appoggia su una struttura composta da due profilati in acciaio verniciato e una trave in legno massello. I profilati, che costituiscono l’appoggio del tavolo a terra, sono magistralmente pensati nella loro forma, coniugando insieme stabilità, estetica, leggerezza e vengono agganciati con sapienza ed eleganza al supporto centrale in legno. Anche questo è un esempio di come il design di Enzo Mari riesce ad essere semplice, bello e sempre attuale, perché pensato e studiato nel dettaglio con la logica di un’essenzialità che non scade mai nel banale. La stessa struttura viene ripresa anche nel tavolo Cugino e nei tavolini Cuginetto, progettati sempre per Driade, a conferma della versatilità del suo modo di concepire il design.


Enzo Mari ci ha davvero lasciato dei grandi insegnamenti in fatto di design e trovo che non si possa che apprezzare il suo spirito critico, la sua intelligenza e il suo modo di fare schietto, diretto e senza peli sulla lingua. Un grazie di cuore grande maestro!

L’articolo Il design di Enzo Mari raccontato attraverso 3 oggetti proviene da A forma di casa.

26 Ottobre 2020 / / A forma di casa

L’autunno è arrivato! Molti amano questa stagione fresca, piena di colori e profumi caratteristici. Godersi il giardino o il terrazzo in questo periodo è fantastico nelle giornate di sole, ma diventa più difficile se piove o c’è vento freddo. Per ovviare a questi inconvenienti e godersi gli spazi esterni anche se il meteo non ce lo permetterebbe, una fantastica soluzione potrebbe essere quella di creare una veranda chiusa.

Avere una veranda in casa è un sogno che ho da sempre e che spero di riuscire a realizzare nel prossimo futuro, nel frattempo la sogno ad occhi aperti e mi immagino seduta in poltrona a leggere un buon libro, accarezzando il gatto, con un incenso acceso e tante piante intorno…che meraviglia! Mi vengono gli occhi a cuoricino…

veranda chiusa
Emily HendersonKelly Merchant

Una veranda chiusa permette di aggiungere spazio in più in casa e può avere diverse funzioni, che variano in base alle proprie necessità, diventando, a seconda dei casi, uno spazio dedicato al relax, alla convivialità o semplicemente una zona di servizio. Uno spazio di questo tipo può infatti fare da ingresso, da salottino o sala da pranzo, può essere uno spazio lavanderia o una serra per tenere al riparo le tue adorate piante nei mesi più freddi. E qui mi vengono subito in mente le profumatissime limonaie e aranciere di un tempo…e la voglia di mettere alla prova il mio pollice verde.

La veranda può essere sistemata in giardino, a ridosso di un muro, in terrazzo o in balcone. A differenza di quella aperta, che può essere sfruttata maggiormente con la bella stagione, la veranda chiusa ti permette di godere degli spazi esterni tutto l’anno. Per quanto riguarda gli arredi, non avrai il limite di utilizzare esclusivamente mobili da esterno, come accade per le verande aperte, ma potrai scegliere con molta più libertà materiali e finiture, come se si trattasse di una stanza interna a tutti gli effetti.

Esistono diverse tipologie di veranda chiusa che si differenziano in base alla struttura, alle funzioni e al materiale che si predilige. Legno, pvc, vetro e allumino hanno proprietà e costi diversi, che vanno valutati per bene insieme all’impresa, tenendo conto anche dell’eventuale manutenzione che potrebbe rendersi necessaria nel corso del tempo. Molte soluzioni permettono anche di sfruttare sistemi di apertura motorizzata per la ventilazione, garantendo così maggiore comfort.

veranda balcone
Casa Claudia

Per realizzare una veranda è necessario richiedere il permesso all’Ufficio tecnico del Comune di residenza e, se vivi in condominio, dovrai di norma comunicarlo anche all’amministratore condominiale. In questo ultimo caso, per non incorrere in possibili problematiche, tra cui questioni legate alla preservazione del decoro architettonico, potrebbero rendersi necessarie ulteriori approvazioni. Per approfondire questa tematica ti consiglio questo articolo in cui trovi anche due utili documenti pdf scaricabili che spiegano in dettaglio la normativa relativa alla realizzazione di verande chiuse in terrazzi e balconi condominiali.

Creare una veranda chiusa rimane comunque una soluzione fattibile in moltissimi casi, contribuendo inoltre ad aumentare notevolmente il valore dell’immobile. Questo tra l’altro è un buon periodo se hai idea di fare un intervento di questo tipo in casa, perché, in determinate condizioni che ti invito ad approfondire online, c’è la possibilità di accedere a bonus e detrazioni fiscali previsti dall’Agenzia delle Entrate.

In collaborazione con verandelombardia.it

Immagine in copertina: Broste Copenhagen

L’articolo La veranda chiusa per godersi l’esterno tutto l’anno proviene da A forma di casa.

26 Ottobre 2020 / / A forma di casa

Devi arredare o fare un restyling di casa e non sai quale stile di arredamento fa al caso tuo? Nei social, blog e riviste vedi molte cose che ti piacciono e non sai quali scegliere? Chi vive con te non ha i tuoi stessi gusti in fatto di arredo? Niente paura, in questo articolo voglio darti qualche dritta per individuare qual’è lo stile di arredamento più giusto per la tua casa, che la renderà unica, mettendo d’accordo tutti.

Capire qual’è il giusto stile di arredamento è fondamentale per creare ambienti che riflettono il proprio modo di vivere e i propri gusti personali, per riuscire ad abitare la casa come se fosse una seconda pelle che sa accogliere e mettere a proprio agio chi ci vive. Sottovalutare questo aspetto rischia di portare a risultati che non soddisfano perché spesso appaiono freddi e impersonali. Ogni persona è unica e merita di abitare in uno spazio creato apposta per lei e per la sua famiglia, senza doversi accontentare di soluzioni preconfezionate.


Crea un moodboard

Quello che ti devi chiedere prima di tutto è che tipo di atmosfera vuoi creare nelle tue stanze e che sensazioni vuoi provare al loro interno. La comprensione di questi aspetti ti farà da guida per fare le giuste scelte.

Avrai bisogno della tua immaginazione e, per aiutarti in questo, puoi fare una ricerca visuale di immagini d’ispirazione, non necessariamente di interni, puoi infatti scegliere qualsiasi tipo di immagini, come un tramonto, un paesaggio, un fiore che ami, un oggetto che hai visto in una rivista, ecc… Poi, per ogni stanza da arredare, metti insieme le immagini che secondo te raccontano l’atmosfera giusta, creando così un moodboard ispirazionale. Funzionerà quando l’insieme delle immagini riuscirà ad emozionarti e ti renderai conto di aver scelto determinate forme e colori, che saranno proprio quelle giuste per i tuoi interni.

Nel fare questo tieni conto della tua personalità, delle tue passioni, delle cose che ti piacciono e che ti fanno stare bene, di come ti piace vestirti, delle persone che frequenti e coinvolgi in questa attività anche chi vive insieme a te.

Svetlana Eckert – Eclectic Trends

Considera il contesto

Altro aspetto da considerare è dove vivi, anzi: in che contesto hai scelto di abitare. C’è infatti un legame da mantenere tra interno ed esterno che non può essere sottovalutato. Certo, tutto si può fare, ma ti immagini un appartamento rustico al 39° piano di un grattacelo di New York? Oppure una cascina minimal-tech nel cuore della campagna toscana? Per evitare questi paradossi, pensa a cosa ti piace del luogo in cui vivi, perché lo hai scelto, e cerca di portarne il meglio nella tua casa. Questi richiami possono essere ad esempio un colore o un materiale, un oggetto o un accostamento caratteristico. Ogni luogo può regalare spunti molto interessanti, sta a te saperli cogliere e farli vivere nei tuoi ambienti.

contesto interior
Domino

Valuta cosa hai già a disposizione

Se devi fare un restyling dei tuoi arredi o se devi cambiare casa chiediti quali sono gli oggetti che vuoi mantenere nelle tue nuove stanze e cosa invece va cambiato. Stabilisci quali sono i mobili e gli accessori che ti hanno fatto compagnia finora e da cui non ti vuoi separare, perché offrono un ottimo servizio o ti piacciono particolarmente, oppure perché ne sei emotivamente legato.

Anche se devi arredare da zero un ambiente, può capitare che tu abbia ricevuto in regalo o ereditato degli oggetti a cui tieni, che magari fanno parte della storia della tua famiglia e che hai piacere di integrare nel tuo arredamento.

Questi oggetti d’arredo hanno un legame con te e nulla dovrebbe obbligarti o vietarti di inserirli nei tuoi nuovi ambienti così come sono o reinventandoli in base alle tue nuove esigenze. Questo ti permetterà di avere interni che raccontano la tua storia e che ti ricordano momenti significativi della tua vita, permettendoti anche di risparmiare in termini economici.

stile interior design

Crea il tuo stile unico di arredamento

A questo punto hai tutti gli elementi necessari per passare alla fase più creativa, quella in cui definisci lo stile unico di arredamento della tua casa. Considera le idee di tutti, cercando il giusto compromesso tra i desideri di ognuno. Individua gli stili esistenti che meglio interpretano le tue esigenze e che sanno esprimere il mood della tua casa e mettili insieme, aggiungendo alcuni tocchi personali.

Qui trovi gli articoli in cui parlo di vari stili d’arredo ambientati all’interno delle stanze della casa. Dai un’occhiata per vedere se ti sono di ispirazione e se individui quelli che fanno al caso tuo. Contemporaneo, classico-moderno, minimal, nordico, industrial, vintage, eclettico, rustico, bohèmien, shabby sono solo alcuni esempi dell’infinito mondo degli stili d’arredo da cui puoi prendere spunto per creare il tuo stile personale.

Analizzali e prendine in prestito gli aspetti che preferisci: linee, colori, materiali, luminosità, abbinamenti, ecc… Lasciati guidare dal moodboard che hai creato per la scelta degli arredi e delle finiture, fai entrare gli aspetti che ami del contesto in cui vivi e porta con te gli oggetti a cui sei legato, anche rinnovandoli se necessario.

Il segreto per uno stile davvero unico è riuscire a creare il giusto mix che riesce a valorizzare i tuoi ambienti e a far sentire chi ci vive a proprio agio in ogni momento, grazie alla sua forte impronta personale. Mi raccomando, mentre lo crei devi divertirti!

L’articolo Come creare il tuo stile unico di arredamento proviene da A forma di casa.

26 Ottobre 2020 / / A forma di casa

Inauguriamo gli home tour con una casa che mi ha davvero lasciata a bocca aperta: si tratta di una villa di nuova costruzione in stile mediterraneo situata nella Northern River australiana, proprietà della famiglia Bell. Sophie (mente creativa di Peppa Hart) e il marito Michael si sono affidati alle sapienti mani della Three Birds Renovations per realizzare la loro casa dei sogni, in cui vivere, lavorare e far crescere i loro due figli.

home tour_house 10

Immersa nel verde, questa casa non è un luogo puramente abitativo, ma è anche la sede della creative agency di Sophie. Gli spazi sono molto ampi e luminosi e lo stile è pazzesco: un mix tra il mediterraneo e il minimale, con qua e là dei tocchi bohémien che rendono gli ambienti molto personali.

Il total white materico dialoga con il legno e gli accessori in fibra naturale, facendo risaltare la luce che entra dalle ampie aperture squadrate e ad arco delle porte e delle finestre. I colori sono neutri e caldi con una prevalenza di bianco e grigio chiaro. A dare l’accento, oltre ai materiali naturali e all’ottone, in alcune parti della casa troviamo anche alcuni tocchi rosa e arancio.

La stanza principale e cuore della casa è un open space molto ampio in cui troviamo la cucina, il soggiorno e un meraviglioso angolo colazione.

home tour_house 10

La cucina a vista è molto spaziosa e dal design minimale, in cemento bianco e legno laccato, con maniglie in ottone. A caratterizzarla c’è un bellissimo paralume abbinato alle sedute in paglia degli sgabelli e due nicchie ricavate a parete. Lateralmente, un arco dà accesso ad un pratico vano cucina che contiene basi a cassettoni con maniglie in paglia, un secondo lavello e il frigorifero in nicchia.

home tour_house 10

Il tavolo da pranzo è in legno laccato bianco, con panca abbinata. Ai lati sono posizionate alcune sedie in legno curvato e paglia di vienna.

Il divano è bifacciale, in tessuto dai toni neutri, posizionato al centro della stanza a creare uno spazio molto versatile e conviviale. Sulla parete c’è un caminetto ad incasso comunicante con la stanza adiacente: la media room. Si tratta di un secondo soggiorno più appartato, in cui trovo stupenda l’idea di utilizzare il mobiletto e i tavolini con inserti in paglia di vienna.

home tour_house 10
home tour_house 10

Una delle parti di questa casa che preferisco e che mi ha fatta davvero innamorare è l’angolo colazione che si trova nell’area living. La scala in legno che sale al piano superiore si prolunga in orizzontale creando una splendida area salvaspazio. Lato parete una panca in muratura con soffici cuscini funge da seduta per il tavolo rotondo in legno, insieme agli sgabelli e alla poltroncina in cuoio. Una splendida soluzione per riempire lo spazio a disposizione in modo funzionale e allo stesso tempo decorativo.

Salendo al piano superiore si incontra lo studio, altra stanza molto spaziosa e inondata di luce in cui poter lavorare da casa senza farsi mancare proprio nulla. Anche qui i toni neutri la fanno da padrone, a partire dal tavolo centrale in legno chiaro contornato da una panca, sedie e sgabelli pieghevoli con sedute e schienali in pelle effetto nabuk. A parete un mobile in legno laccato bianco, con top e fianchi dello stesso materiale del piano cucina, questa volta però in versione rosa.

Proseguendo la nostra visita virtuale incontriamo la suite matrimoniale con bagno annesso. Una scelta davvero molto personale che rende questa stanza la più particolare di tutta la casa. Ambiente stanza da letto e bagno sono distinti solo da un rialzamento e cambio della pavimentazione: parquet nella zona letto e piastrelle nella zona bagno (che proseguono anche nella terrazza esterna).

home tour_house 10
home tour_house 10

Il bagno presenta una vasca in posizione centrale con miscelatore a piantana e un mobile lavabo con grandi specchi che celano l’ampia doccia che si può intravedere in foto. Il terrazzo esterno diventa un proseguo dell’interno con la colonna doccia fissata a parete. Il wc si trova in un’altra stanza vicina, insieme ad un piccolo lavabo.

Un passaggio ad arco a lato del letto fa da ingresso alla cabina armadio, allestita con mobili rigorosamente bianchi, specchio tutta altezza sempre ad arco e un angolo in pieno stile bohémien, con panca in muratura e seduta imbottita, paralume macramè e mobiletto in paglia di vienna.

home tour_house 10

Nella zona notte al piano terra troviamo la camera degli ospiti con un letto molto scenografico e decisamente femminile, con testiera personalizzata sui toni del rosa e bianco. Bellissima la scelta della panca ai piedi del letto, in legno con seduta in pelle rosa intrecciata.

Nelle tre foto sotto ti mostro alcuni dettagli delle stanze dei bambini in cui trovo molto interessante il fatto di poter ricavare delle panche nelle aperture delle finestre. Immagino i bimbi che fantasticano seduti mentre guardano fuori o leggono un libro…o scrivono messaggi in codice sui vetri con le dita.

Direi che siamo giunti al termine di questo primo home tour, ma prima di lasciarci ti voglio mostrare una carrellata di immagini dell’outdoor, in cui non manca proprio niente: ci sono la piscina, una zona per pranzare all’aperto e una cucina esterna con tanto di forno in muratura, tutto rigorosamente bianco e in stile mediterraneo.

https://www.instagram.com/aformadicasa/
home tour_house 10

Spero che questa villa minimal-chic in stile mediterraneo ti sia piaciuta quanto è piaciuta a me e che possa essere d’ispirazione per dare forma al tuo progetto di interni o anche solo per fantasticare un po’. Se vuoi scoprire quali saranno i prossimi home tour e non perdertene neanche uno, puoi seguirmi sui miei canali social Facebook e Instagram. A presto!


Photo credits: Three Birds Renovations

L’articolo Home tour #1: villa minimal-chic in stile mediterraneo proviene da A forma di casa.

26 Ottobre 2020 / / My happy place

La domanda che molti si pongono oggi è: perché acquistare un mobile su misura dal falegname se posso trovare un prodotto simile di produzione industriale?

Posso assicurarvi che fino a qualche decennio fa le persone questo domanda non se la sarebbero mai posta, era consuetudine acquistare un mobile di arredo dal falegname. L’avvento delle grandi potenze industriali ha cancellato inevitabilmente questa, a mio parere, bellissima abitudine limitando fortemente la produttività di un’intera categoria.

Quanto costa un mobile su misura?

Siamo noi di My Happy Place i primi ad avere usato per il nostro progetto di ristrutturazione mobili di Ikea (che amiamo moltissimo), compresa la cucina, e ne siamo davvero entusiasti. Il motivo per cui l’abbiamo fatto è principalmente uno, e penso sia quello che ci accomuni un pò tutti: il budget. Il fattore economico è alla base di ogni scelta ed ovviamente quando si acquista un mobile si guarda inevitabilmente anche a quello.
Ci sono degli elementi però che hanno bisogno del tocco di un esperto. Guardate i nostri armadi verdi in salotto che vi piacciono tanto… per degli elementi in quel modo, si arriva facilmente a spendere €3.000/4.000.

Le differenze tra un mobile di un falegname e un prodotto industriale

Ci sono tantissime risposte a questa domanda, ognuno può trovare un motivo valido.
Ne cito solo alcuni:

  • possibilità di personalizzazione
  • qualità dei materiali e delle finiture
  • durabilità del prodotto
  • unicità del prodotto

Se avessimo avuto un budget diverso avremmo acquistato più arredi da un falegname di fiducia?

La risposta è, sicuramente si. I nostri armadi a muro su misura sono al centro del nostro living e del nostro progetto, penso di aver pensato agli armadi e poi a tutto il resto (scherzo… ma non tantissimo). Un mobile su misura o personalizzato è quell’elemento che arricchisce e contraddistingue le abitazioni.

Sapresti indicare un falegname a Roma in grado di produrre un bel mobile su misura?

Certamente e posso dimostrare le sue capacità mostrandovi alcune delle sue realizzazioni.

consolle allungabile su misuramobile su misura falegnamemobile su misura costo

 

Durante il mio primo periodo a Roma ho avuto la fortuna di collaborare con i fantastici architetti dello studio All Project. Alessio, Armando e Giuseppe oltre ad avermi insegnato tantissimo (e in questo campo non è poi così scontato) mi hanno dato la possibilità di conoscere Fabrizio della Massarredo, un falegname con la F maiuscola. Vi riporto delle immagini di alcuni loro progetti e realizzazioni fatte su Roma.

Rimanete sintonizzati sui nostri canali perché a breve vi parlerò di un progetto sviluppato da Fabrizio a cui ho avuto il piacere di partecipare attivamente.

L’articolo Mobile su misura o produzione industriale: la guida alla scelta proviene da My Happy Place.

26 Ottobre 2020 / / My happy place

Ormai personalizzare qualsiasi cosa si abbia in casa è diventato un vero e proprio must. Come decorare casa in modo unico? Si va dalle etichette personalizzate, agli asciugamani, agli zerbini per l’ingresso con i nostri nomi fino ai cuscini per il divano in salotto. Il nostro obiettivo è sempre quello di avere una casa che sappia raccontarci e che abbia oggetti unici.

Online troverete tantissimi siti web che permettono di personalizzare tutto quello che ci viene in mente. Noi abbiamo scelto Wanapix, che ha una vastissima selezione di oggetti per la casa oltre che di oggetti personali di qualsiasi tipo. Potrete personalizzare con un logo, una foto, una scritta o una grafica a vostro piacimento, il sito è chiaro e semplicissimo da usare.
Ecco qualche esempio di quello che si può fare per decorare la propria casa in modo unico.

Come decorare il salotto con oggetti personalizzati

 

cuscini salotto personalizzatii
decorare casa con i cuscini personalizzati

Forse la stanza più semplice da personalizzare, dove solitamente si ha più spazio per i complementi d’arredo.
Partiamo dai cuscini. Spesso siete alla ricerca dei cuscini perfetti per il vostro divano e non riuscite a trovarne in commercio, quale migliore soluzione di crearsene di personalizzati? Una fantasia, il vostro logo e il colore che tanto stavate cercando, potrete realizzarne come più preferite. Volendo potreste abbinarli ad un orologio da parete in tono con la stessa fantasia o scritta. Non correrete mai il rischio che qualcuno vi dica “bello! Ce l’ho anche io” 🙂

Come decorare la cucina in modo unico

L’ambiente di casa più vissuto e in assoluto pieno di cianfrusaglie indispensabili. Wanapix ci permette di personalizzarle tutte, dalle tazze, ai sottobicchieri, ai grembiuli fino ai taglieri. Ma la cosa che ci è piaciuta di più in assoluto sono le tovaglie. Noi non troviamo mai quella giusta e alla fine finiamo sempre per comprarne a tinta unita. Invece basta scegliere la fantasia che ci piace di più e inserirla sull’editor del sito, per creare la tovaglia perfetta per il nostro tavolo.

quadri personalizzati per casa
Stampe personalizzate online

Un must: biancheria personalizzata

Adesso i nostri bagni saranno decisamente unici, con i nuovi asciugamani personalizzati My Happy Place “Bath edition”. Tutti quelli che entrano in bagno ci chiedono “stupendi, ma dove li avete presi!?!”. Spesso anche le idee più semplici non vengono in mente finché non le si vede con i propri occhi. Quale sarà il prossimo passo? Senza ombra di dubbio il copripiumino personalizzato per la camera da letto, stiamo preparando un logo anche per la “Bed edition” e quest’inverno vogliamo dormire sonni super custom 🙂

Se state cercando di capire come decorare casa con oggetti personalizzati, per renderla unica, introdurre alcuni oggetti creati con vostre grafiche o foto nell’ambiente sarà un’ottima soluzione. Cercate un pò di ispirazione online, non rimarrete delusi.

L’articolo Come decorare casa con oggetti personalizzati proviene da My Happy Place.

26 Ottobre 2020 / / My happy place

Il battiscopa, chiamato anche comunemente “zoccolino”, è da sempre utilizzato solo per il suo scopo funzionale di giunzione parete-pavimento e protezione del muro, ad esempio da segni e colpi accidentali di aspirapolveri e spazzoloni.

Con l’arrivo dello stile moderno e lineare, e soprattutto delle porte filo muro, c’è stata l’esigenza di modernizzare anche il battiscopa: arretrandolo fino ad arrivare all’incasso a parete, è nato così il battiscopa a filo muro (o raso muro).

esempio di battiscopa a filo muro in salotto
Battiscopa a filo muro in salotto

Lo zoccolino non assolve più solo uno scopo funzionale ma è diventato un vero e proprio dettaglio di interior design per la casa.

Si può scegliere di utilizzare un colore coordinato alla parete per renderlo “invisibile”, oppure un colore in contrasto per creare soluzioni originali.

I pro e i contro

Ci sono numerosi vantaggi nell’installazione del battiscopa a filo muro:

  • pulizia estetica, soprattutto in abbinamento con porte filo muro per evitare stacchi tra la porta e il muro
  • igiene degli ambienti, dato che permette di evitare il fastidioso accumulo di polvere nella parte superiore del battiscopa
  • migliore accostamento dei mobili, facendoli aderire con più precisione alle pareti.

Di contro, invece, possiamo certamente considerare che la posa è più complessa, e quindi un po’ più costosa, rispetto a un battiscopa “classico”.

Battiscopa a filo muro: i prezzi

Il prezzo varia molto a seconda della scelta del materiale e della finitura del battiscopa vero e proprio. Se ne possono trovare in alluminio, in rovere, in noce o in wengè, ad esempio, e con diversi effetti.

In generale i prezzi possono variare dai 15 ai 30 euro al metro lineare.

Come già chiarito, un maggior costo di questa tipologia di battiscopa rispetto al tradizionale dipende dalla posa, che prevede una predisposizione della parete più complessa, quando questa è ancora grezza.

Il prezzo della posa dovrebbe stare attorno ai 5 euro al metro lineare, ma può variare in base alle zone e alla manodopera.

Come in altri casi, è consigliabile confrontare le offerte di 2 o 3 fornitori per valutare al meglio le varie opzioni.

Montaggio del battiscopa

Ci sono numerose aziende specializzate nella creazione di profili in alluminio per l’installazione di battiscopa raso muro.

Di seguito il video di una di queste aziende su come effettuare il montaggio: in questo caso dei battiscopa della loro collezione.

In sostanza, si installa il profilo in alluminio (esiste sia per muratura che per cartongesso) sulla parete grezza, dopodiché si “finisce la parete” e si aggancia il battiscopa vero e proprio.

Ci sono diverse tipologie di battiscopa di diversi spessori ed altezze: per quelli a filo muro, andiamo dai 4 ai 10 cm in media.

Battiscopa filo muro con Led

Una delle idee più interessanti che riguardano questo elemento della casa e che possono veramente trasformarlo in un elemento di interior design, è l’utilizzo delle luci a Led.

Battiscopa filo muro con led su scale in legno
Battiscopa filo muro con led

Infatti, grazie a speciali profili, può essere anche retroilluminato con Led e fungere da segna passo o luce diffusa d’ambiente.

Come puoi vedere dall’immagine, la resa estetica di un battiscopa illuminato è molto suggestiva.

L’effetto sarà quasi scenografico, ottenendo sia una funzione di illuminazione notturna di cortesia che una vera e propria funzione di arredo.

I prezzi sono simili a quelli indicati nei paragrafi precedenti, ma possono variare in base al tipo di illuminazione e al tipo di comando (con  semplice interruttore o a distanza).

C’è anche la possibilità di aggiungere il dimmer, un dispositivo per regolare l’intensità della luce, o anche di centralizzare il comando di più battiscopa per creare dei percorsi illuminati (con una maggiorazione di circa 50-100 euro).

I profili e le varianti del battiscopa

Ad oggi sul mercato esistono diverse varianti del battiscopa filo muro.

In alternativa alla variante con led, ci sono profili che consentono al loro interno anche il passaggio di cavi, per l’installazione di nuovi punti luce o prese.

Per chi ha pareti curve in casa, è possibile richiedere profili per battiscopa a filo con un raggio massimo di curvatura di 40 cm.

esempio di una scala con battiscopa filo muro bianco
Scala con battiscopa filo muro bianco

Inoltre, si possono montare anche a lato delle scale in modo da seguire l’andamento dei gradini, tramite speciali elementi di giunzione.

Ultima chicca, per chi vuole adottare uno stile minimal e contemporaneo, spesso caratterizzato da un forte utilizzo del bianco, è possibile installare dei battiscopa total white per dare la giusta uniformità cromatica.

Spero di averti spiegato in modo semplice cosa sia e come può essere utilizzato il battiscopa filo muro.

Se hai ancora dubbi, chiedi tra i commenti e ti daremo i nostri consigli, oppure consulta i forum che puoi trovare online. Si trovano molte discussioni interessanti 😉

Ora tocca a voi fare la scelta giusta durante le vostre ristrutturazioni.

L’articolo Battiscopa filo muro: tutto quello che c’è da sapere proviene da My Happy Place.

26 Ottobre 2020 / / My happy place

Tra le richieste che ci vengono fatte, quella su come arredare casa con pochi soldi sicuramente è la più frequente.
In molti ci ritroviamo a dover completare degli ambienti a cercare il mobile perfetto con un budget ristretto a disposizione. In questi casi ci vuole pazienza, occhio clinico e un pò di fantasia per immaginare il risultato finale ma arredare casa spendendo poco è possibile e noi ne abbiamo la prova in casa nostra.
Instagram è il nostro canale principale di comunicazione con voi, ma anche un grande strumento di informazione e ricerca. E’ proprio su Instagram che abbiamo scoperto Erika, l’ideatrice de l.angolino e di un’idea molto utile per aiutarvi ad arredare con poco.
arredamento low cost ikea
Arredamento low cost Ikea

Arredare casa spendendo poco

Erika ha voluto dedicarsi alle soluzioni e andare dritta al punto, ecco che infatti ha creato la rubrica “MINI budget per MINI angolini” dove offre consulenze gratuite d’arredamento per tutti quei piccoli spazi che spesso cadono nel dimenticatoio, non vengono curati oppure non si sa come valorizzare. La particolarità delle soluzioni che trova stanno nel prezzo: infatti la prima cosa che fa durante le consulenze è la richiesta del budget minimo che si è disposti a spendere.

E’ bello vedere che questa idea risponda effettivamente ai bisogni di molte persone, non pensavo anzi ci fossero così tanti MINI SPAZI da salvare.

Erika si definisce un’appassionata. Di cosa? Di tutto quello che le cattura la mente, dall’arte alla danza, dalla fotografia alla pittura. I suoi studi non c’entrano molto con questo progetto dedicato all’interior design, che in realtà è una delle sue passioni più intime, perché legate agli spazi della sua casa, lontano dagli occhi altrui. Durante questo periodo di lockdown è riuscita a dare libero sfogo a suoi pensieri e a questo amore per l’arredo. Ecco infatti che nasce l.angolino, un’avventura attraverso cui ha deciso di raccontare di Casa attraverso le sue foto e i suoi pensieri.

Idee per arredare casa con poco

Come abbiamo scritto tutto nasce da un’esigenza. Si studiano gli spazi e il budget a disposizione cercando di valorizzare al massimo gli ambienti. Decorazioni, stampe, mensole, di solito sono pezzi a basso prezzo e che donano grande valore alle camere. Un mobile, anche se low cost, può essere valorizzato con oggettistica che ne esalti lo stile. Queste qui sotto sono alcune idee che Erika ha confezionato durante le sue consulenze.

L’angolino dimenticato di Laura è stato impreziosito da un semplicissimo tappeto in juta, specchi, macramé, pouf vasi e una bellissima sedia a dondolo. Stile boho a basso prezzo e il suo spazio ha cambiato radicalmente aspetto.

idee arredamento casa spendendo poco
Il mini angolino di Laura

Virginia ha invece un budget di € 300,00. Erika è riuscita a trovare la soluzione perfetta per il suo angolino con soli €180,00. Utilità e design a basso costo, è possibile. Una scarpiera slim in legno di Ikea, un pouf e degli accessori nero e oro per un angolo dal gusto chic e contemporaneo.

come arredare casa spendendo poco
L’angolino di Virginia

Arredare casa senza architetto

Con Erika stiamo pensando di organizzare delle dirette/consulenze proprio sul nostro canale Instagram, per poter rispondere alle esigenze di chi sta cercando un aiutino. Vi dimostreremo che non sempre c’è bisogno di un architetto per arredare una casa e soprattutto non c’è bisogno di un big budget per farlo con gusto.
Cosa farà l.angolino insieme a My Happy Place?
Dare alle persone la soluzione ad un loro problema; vedendolo avrebbero capito il necessario gioco di equilibri, di scelte consapevoli e di capacità di “vedere oltre” che sta alla base dell’arredamento; il tutto….a basso costo!

L’articolo Come arredare casa con pochi soldi: l’idea de l.angolino proviene da My Happy Place.

26 Ottobre 2020 / / My happy place

Quanti di quelli che stanno pensando di ristrutturare casa o arredare casa vorrebbero dei render che li aiutassero ad avere un’idea più chiara? Bene, se vi dicessimo che è possibile creare dei bellissimi render anche senza essere un architetto, e che esiste più di un programma per arredare casa gratis e molto semplice.
Un vero architetto si starà rigirando nel letto leggendo questo articolo, però ognuno cerca di fare quel che può 🙂
In questo articolo vogliamo mostrarvi qualche esempio (creato con le mie manine) di quello che si può fare con questi programmi per arredare casa, e vi diamo una lista dei migliori programmi di design disponibili.

Quale programma usare per arredare casa?

homestyler render salottoHomestyler render cucinaprogramma arredamento gratis

Da un pò di tempo è possibile creare dei render online, che vi aiuteranno a capire meglio come disporre i mobili in casa vostra e che effetto avranno posizionandoli direttamente in una camera della vostra casa.
Questi programmi sono disponibili per i più esperti, che ne fanno un uso molto semplicistico, e per i più dilettanti, curiosi e fantasiosi. Sono abbastanza semplici da usare, una volta presa la mano, in poco tempo riuscirete a creare le vostre stanze, vi basterà la giusta dose di creatività per un buon risultato. Uno dei nostri preferiti è utilizzabile direttamente online, ma la maggior parte dei programmi di arredamento sono gratis e scaricabili dal web.

Come arredare casa: il programma giusto

Pronti per cominciare? Ecco la nostra selezione con cui potrete disegnare la piantina di casa online e gratis e arredare casa in 3d in tutta semplicità.

Homestyler

render arredamento salotto moderno
Render creato con Homestyler

Utilizzabile direttamente online, Homestyler è a nostro parere una delle migliori applicazioni per creare render online semplici e di alta qualità. Basta creare un account (solo se si ha necessità di salvare i progetti) e si è subito proiettati all’interno del proprio account, dove si può partire con il primo progetto di arredamento. Potete creare la pianta di casa con l’aiuto di un disegno esistente da ricalcare, scegliere pavimenti, rivestimenti, infissi, porte e tutto il necessario per dar vita ad una vera e propria casa. Potete spostare gli elementi sulla pianta o visualizzando il progetto in 3d e poi scattare delle vere e proprie foto, dopo aver scelto luce, prospettiva e paesaggio esterno, che diventeranno in un attimo dei render da poter scaricare.

Arredare casa con Sweet Home 3d

programma arredamento sweet home 3d
Sweet Home 3d piantina progetto

Programma compatibile sia con Windows che Mac e scaricabile gratuitamente da loro sito. Un pò in stile windows ’98, ma fa il suo dovere 🙂 . Anche qui è possibile importare e disegnare la piantina della propria casa. Si inizia poi a disegnare i muri con le giuste misure riportate in mq. La cosa più bella che manca ad Homestyler è che in Sweet Home 3d si possono scaricare oggetti e inserirli nel proprio progetto, la libreria quindi può essere ampliata, scaricando direttamente dal loro sito librerie di oggetti. In questo modo potrete capire se quel tavolo che vi piace tanto, di quella bellissima marca, effettivamente è delle dimensioni giuste per il vostro spazio e si addice con il resto dell’arredo esistente.

Space Designer 3d

render online space designer 3d
Render armadio realizzato con Space Designer 3d

Anche questo è uno dei migliori programmi per progettare casa in 3d. Potete utilizzarlo direttamente online, potete registrarvi e salvare il vostro lavoro. A nostro avviso non è completo come Homestyler, le librerie di oggetti non sono cosi vaste, ma la visualizzazione 3d anche qui è fatta molto bene. Ci sono molti dettagli da poter settare e da qualche tempo è possibile dedicarsi anche agli spazi esterni, cosa che fino a qualche anno fa non era inclusa. Anche con Space Designer 3d potete dare spazio alla fantasia e creare i vostri progetti di arredamento online.

Ikea Home Planner

ikea home planner cucina
Ikea Home Planner programma

Se avete in mente di arredare una casa con mobili Ikea, non potete non fare un giro tra le possibilità che la stessa Ikea offre per arredare casa online. Organizza e definisci i tuoi armadi Pax, seleziona il divano e il colore per il tuo salotto, crea la tua cucina in base alle tue necessità, tutto con i mobili che poi troverai in negozio.
Noi stessi abbiamo progettato e ordinato la nostra cucina e il nostro armadio, definendone anche il minimo dettaglio, quasi come fossero su misura. Ci vuole un pò di pazienza, a volte i programmi si bloccano, a volte il drag & drop non funziona molto bene e bisogna prendere la mano con tutto, ma infondo, ne vale la pena.

 

L’articolo Programma per arredare casa fai da te proviene da My Happy Place.

26 Ottobre 2020 / / Blogger Ospiti

Un buon materasso, si sa, è il punto di partenza fondamentale per un corretto riposo. È dunque importante acquistare un modello di alta qualità, adatto alle nostre esigenze, scegliendolo tra le diverse tipologie oggi presenti sul mercato, che vanno dal materasso in lattice a quello a molle insacchettate fino a quello realizzato con materiali memory foam.
Poiché il buono stato del materasso incide anche sulla nostra salute (a livello di qualità del sonno, di postura corporea e di salubrità dell’aria) e che l’acquisto di un materasso è anche un investimento di tipo economico, è bene seguire alcune semplici regole per tenerlo costantemente pulito e per farlo durare il più a lungo possibile (la vita media di un materasso ben conservato oscilla infatti tra gli 8 e i 10 anni). Se inoltre possedete un materasso che non utilizzate quotidianamente, oltre alla adeguata manutenzione è importante anche saperlo riporre correttamente in attesa dell’utilizzo successivo.
Questi 12 consigli sono semplici accorgimenti che però, se non seguiti con costanza, possono portare a un deterioramento rapido anche dei materassi più pregiati. Vediamo dunque come conservare correttamente il vostro materasso.

Come tenere correttamente pulito il materasso

Nel caso del materasso che utilizzate quotidianamente, è importante rispettare queste regole per mantenerlo nel suo stato ottimale:

  • Usare il coprimaterasso: è infatti fondamentale rivestire il materasso con un coprimaterasso in cotone per preservarlo dall’azione dannosa e aggressiva di acari, polvere, umidità corporea e sporcizia. Il coprimaterasso dovrà essere lavato con regolarità, e durante questi momenti è bene far prendere aria al materasso tenendo le finestre aperte per consentire l’adeguato ricircolo d’aria e la traspirazione del tessuto. Nel caso del materasso per bambini è possibile scegliere un coprimaterasso impermeabile, che ha un lato in cotone e uno in tela cerata, per isolare il materasso dall’eventuale pipì notturna.
  • Evitare di stendersi sul materasso dopo un allenamento sportivo o dopo una giornata particolarmente intensa senza essersi prima fatti la doccia: il sudore, infatti, può penetrare all’interno del materasso danneggiandolo.
  • Pulire regolarmente il materasso con un panno umido (utilizzare solo acqua o al massimo del sapone neutro) e, in caso di cattivi odori, cospargerlo di bicarbonato di sodio per eliminare questi ultimi. Dopo 24 ore, procedere con l’aspirazione della polvere di bicarbonato. In caso di mancanza di questo apposito prodotto, si può utilizzare del talco, della fecola di patate o del sale, tutte sostanze in grado di eliminare le inestetiche tracce dovute all’umidità.
  • Aspirare con regolarità la superficie del materasso con una spazzola anti-acari. È importante eseguire questa operazione frequentemente, nonostante ormai i materassi più moderni siano realizzati in materiali e tessuti antiacaro.
  • Girare il materasso a ogni cambio di stagione: se il materasso è a molle o molle insacchettate, allora possiede un lato invernale e uno estivo: in questo caso dev’essere rivoltato da sopra a sotto, per rendere omogenea la superficie utilizzata. Se possiede anche un lato in memory foam, allora bisogna invertire anche il lato della testa con quello dei piedi.
  • Se il materasso è sfoderabile, lavare la fodera con regolarità seguendo le istruzioni riportate sull’etichetta per igienizzarla e per far prendere aria alla superficie esterna del materasso.

Come riporre correttamente il materasso

In caso di un materasso che viene utilizzato saltuariamente, ad esempio in una casa di villeggiatura o in un letto destinati agli ospiti, è importante riporlo adeguatamente, seguendo alcuni passaggi:

  • Pulire e igienizzare il materasso come spiegato nei punti precedenti
  • Impacchettare il materasso in un telo o in un sacco di plastica o di cellophane, sigillandolo bene con del nastro adesivo o con della carta gommata, prestando attenzione a non lasciare alcuna parte di superficie scoperta in modo che non si sporchi e non prenda polvere o umidità
  • È ancora più efficace mettere il materasso sottovuoto tramite un apposito sacco, che lo isoli completamente dagli agenti esterni
  • In alternativa si può posizionare il materasso in un apposito contenitore rigido o all’interno di una fodera isolante
  • Se possibile, durante il periodo di non utilizzo è bene aprire comunque la confezione del materasso per fargli prendere aria, stando poi attenti a risigillarlo con cura
  • Sarebbe importante non posizionare il materasso in posizione verticale, né tantomeno piegato, per evitare di deformare la sua struttura interna: la soluzione migliore è dunque posizionarlo in orizzontale, stando attenti anche a non collocare nessun oggetto al di sopra di esso. Naturalmente questo richiede uno spazio adeguato, quindi è importante scegliere un luogo adatto a questo scopo, che sia un garage, un solaio o una cantina. L’ideale sarebbe comunque utilizzare un locale adeguatamente climatizzato, che non sia troppo umido, e potrebbe essere utile inserire della naftalina con funzione protettiva.