1 Ottobre 2019 / / Dettagli Home Decor

In questa casa di 250 m2 con una grande terrazza all’aperto situata nel centro di Barcellona, è stato realizzato un progetto integrale di Interior Design, decorazione e styling. Punto di partenza un nuovo lay out studiato per adattarsi alle diverse esigenze dei proprietari.

I requisiti principali erano l’ampliamento delle aree comuni, l’apertura delle diverse zone creando distinzioni tra loro attraverso la decorazione. Lo studio di architettura catalano, The Room Studio Architecture, ha cercato di creare una casa accogliente da vivere in famiglia godendo di ogni suo angolo.

La scelta dei materiali è stata studiata nel dettaglio per creare un ambiente caldo e raffinato. I mobili recuperati sono stati mixati con altri elementi d’arredo dal gusto più contemporaneo.

Nella zona giorno si distingue l’ampio soggiorno, che comprende un’area relax e una seconda zona per lavorare con il computer. Inoltre, c’è la grande cucina con una penisola, un’area per la colazione e il soggiorno per guardare la TV insieme. Grazie al nuovo lay out è stata ricavata una lavanderia e un bagno per gli ospiti.

La zona notte è situata sull’ala opposta della casa, dove l’atmosfera è più intima e tranquilla. Ogni camera è stata creata e progettata secondo le richieste dei proprietari e dotata di elementi confortevoli ed ergonomici. L’integrazione di diversi pezzi di antiquariato ha permesso di esaltare l’architettura originale della casa. Per completare la decorazione sono state inserite anche delle opere d’arte, che aggiungono valore agli interni.

 

L’articolo Una casa accogliente da vivere in famiglia proviene da Dettagli Home Decor.

1 Ottobre 2019 / / Interiors

cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale

Proposta 1 cameretta in stile industriale per due bambine arredata con mobili ikea e Maison du Monde

cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale

Proposta 2 cameretta in stile industriale per due bambine arredata con arredi su misura

Una cameretta rock

E dopo tante principesse finalmente una coppia di sorelle rock, con la passione per le balene, per le cartine geografiche e per i viaggi.

Mi ha
contattato Anna per realizzare la nuova cameretta delle sue due bambine, ancora
piccola ma già con le idee precise e con un carattere da guerriere, niente
rosa, niente colori pastello, stile industrial e amore per la natura.

Queste erano
le caratteristiche decorative che avrebbe dovuto avere la nuova stanza che
doveva accoglierle, mentre a livello funzionale c’era bisogna di tanto, tanto
spazio per contenere.

Come di
solito faccio ho realizzato due proposte, una con arredi di produzione
industriale e una con arredi realizzati artigianalmente che è stata poi quella
prescelta.

PRIMA
PROPOSTA

Mobili di produzione industriale

La prima
proposta vedeva impiegati due blocchi a ponte della collezione Stuva di Ikea, che
prevedono letto soppalco e area studio al di sotto, il blocco comprende anche
scaffali e un armadio, che andrà integrato da altri due moduli per ogni
bambina, in questo modo ognuna delle sorelle avrà il suo spazio personale.

I colori
scelti si distinguono dai soliti e accanto al bianco ho proposto di abbinare
delle ante rosse e nere effetto lavagna, con la possibilità di disegnarci sopra
come una vera e propria lavagna.

La struttura
viene inoltre decorata con stickers cargo style, decorazioni che imitano le
scritte e i bolli postali poste sui grandi container in viaggio per mare.

Completa
l’arredamento una cassettiera di maison du monde che si rifà sempre allo stile
cargo e che piaceva molto alla committente, in legno e metallo, il metallo nero
riprende le finiture lavagna degli armadi mentre il legno riscalda e viene
richiamato dalla targa Factory di maison du monde.

cameretta in stile industriale

La sedia Tolix potete trovarla anche QUI, e QUI e QUI dei piccoli stickers che riproducono timbri postali e etichette “fragile” con cui decorare in stile cargo!

cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale

Per decorare
una delle due pareti ho scelto una meravigliosa carta da parati con megattere,
che immerge l’intero ambiente in un sogno; una volta entrati nella cameretta
sembrerà davvero di partire all’avventura per un viaggio fantastico.

In tutte e due
le proposte ho scelto sempre come sedie il modello Tolix versione rossa…cosa potrebbe
esserci di più industrial? Io le adoro!

Anche se
ormai potrebbero ritenersi inflazionate ritengo che si tratti di un vero
classico del design industriale che va sempre benissimo, anche per il
lampadario e le lampade da lettura e scrivania stile industriale minimal con la
serie Skurup di ikea.

cameretta in stile industriale
Carta da parati di Mr Perwall
cameretta in stile industriale

Il modello Tolix è un classico del design industriale, progetto dell’architetto e designer Jean Prouve. La riproduzione in rosso e altri colori potete trovarla disponibile anche QUI,

cameretta in stile industriale

La serie di lampade Skurup di Ikea è di marcato stile industriale e comprende sospensioni, lampade da tavolo e da terra.

SECONDA
PROPOSTA

Struttura realizzata artigianalmente su misura

Per la
seconda proposta ho realizzato un progetto su misura che prevede un blocco con uno
dei due letti posizionato sul soppalco e l’altro a pavimento.

Lo spazio
sotto al soppalco è occupato da un’ampia cabina armadio, vi sono poi due
scalette contenitore, di cui una funge anche da comodino per il letto al piano terra,
per accedere al soppalco.

Il soppalco
prevede un piccolo corridoio/ballatoio che permette di servirsi facilmente dell’ampia
parete attrezzata con libreria e pensili contenitori che arrivano fin sopra
alla porta e di rifare con semplicità il letto, comodità non indifferente.

Un unico
grande armadio alto fino al soffitto, con terminale a libreria aperta per non
bloccare la visuale appena entrati nella stanza, si occuperà di contenere tutto
il guardaroba delle bambine, anche la scrivania per le due sorelle è un unico
piano in legno davanti alla finestra, che può essere completato con mensole e
cassettiere a seconda delle esigenze.

Un progetto da completare con complemento d’arredo vezzosi come i cuscini a stelle o righe Chevron, sempre nella palette dei grigi, che trovate QUI e QUI e contenitori in perfetto stile cargo come i bauli disponibili QUI

Accessori per completare la zona studio in stile industrial come l’orologio di Maison du Monde che riprende il rosso delle sedie e il bellissimo scaffale vintage in Ferro

Oppure lo scaffale realizzato con assi di legno e tubi di ferro che trovate QUI abinato all’ orologio in metallo rosso e nero con la scritta loft disponibile QUI

Variante alla seconda proposta

La carta da
parati con la balena, che era molto piaciuta alla committenza, con il grande
armadio sulla parete a questo punto potrebbe essere un po’ sacrificata, quindi
ho suggerito la possibilità di decorare con la stessa immagine il fronte dell’armadio,
per mezzo di un disegno eseguito dalla decoratrice a regola d’arte mentre
ritroviamo carta a cartina geografica sulle pareti delle finestre più libere.

Per rompere
la monotonia del color legno alcune parti della struttura sono dipinte color
petrolio, con vernice all’acqua che lascia intravedere tutte le venature del
legno, perfetta in questo caso la scelta di un’essenza rustica e dall’aspetto
un po’ industriale come ad esempio il pino
Arauco, molto resistente ed economico. Le maniglie dell’armadio potrebbero
essere realizzate in metallo nero o dei semplici fori in cui infilare il dito
per l’apertura.

cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale
cameretta in stile industriale
Carta da parati di Muralwallpaper
cameretta in stile industriale
Maniglione in ferro nero

Il centro della stanza viene in ogni caso lasciato libero per permettere alle bambine di giocare e muoversi agevolmente magari con l’aggiunta di un soffice tappeto sul quare giocare e immaginare di salpare per fantastiche avventure.

Un tappeto è sempre un complemento d’arredo molto apprezzabile nella camera dei ragazzi, arreda, crea un’area comoda e morbida su cui giocare e rilassarsi e riscalda, permettendo di camminare a piedi scalsi piacevolmente, cosa che i più piccoli amano fare. In alto a sinistra tappeto rotonda con fantasia astratta nei toni del blu disponibileQUI in diversi diametri, di seguito tappeto gioco, color blu, raffigurante la campana, che trovate QUI e in basso tappeto rotondo grigio disponibile QUI anche in altri colori

L’articolo Cameretta in stile industriale proviene da Architettura e design a Roma.

28 Settembre 2019 / / Case e Interni

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Oggi andiamo a visitare un’abitazione accogliente da cui prendere molti spunti. Si tratta di una casa indipendente situata nella campagna olandese. Qui lo stile nordico si accompagna a tocchi rustici e naturali, anche un po’ shabby. Non mancano elementi di stile industriale e qualche accenno boho chic. Un mix di stili sobrio e ben congegnato.

La proprietaria Mariëtte ama la decorazioni d’interni e questo si percepisce dalle foto che seguono, che ci fanno intuire come abbia scelto di arredare la sua casa in stile country-chic.

E’ partita con una base bianca, anche per i mobili, mentre il pavimento in legno è molto chiaro, come nello stile scandinavo. Alcune pareti sono dipinte in grigio scuro, per creare profondità e contrasto, ma anche una certa contemporaneità.

L’aggiunta di piccoli tocchi in legno naturale fornisce il calore necessario per rendere la dimora più accogliente. Come fanno del resto anche le piante, che sono state distribuite in tutta la casa.

Il colore verde, nelle sue diverse sfumature pastello, è un altro dei protagonisti sia negli arredi che nei tessili ed aiuta a dare un’aria naturale, country e fresca a tutte le stanze.

Nella camera della figlia il rosso acceso della scrivania crea un angolo originale e giovane.

Da questa casa possiamo capire come meglio combinare lo stile moderno e quello rustico nella decorazione d’interni, senza che l’insieme appaia un miscuglio di mobili ed oggetti.

Ti lasciamo alle immagini:

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Idee da Copiare in una Casa Olandese di campagna

Fonte e Fotografia: vtwonen / Hans Mossel

Anna e Marco – CASE E INTERNI

28 Settembre 2019 / / Architettura

La casa è stata costruita dallo studio australiano CplusC Architectural Workshop ricercando una forma che naturalmente riscaldasse in inverno e raffreddasse d’estate gli interni. L’ispirazione è nata dalla forma di una cascata, con le acqua che si dividono; così le due ali delle casa e i rispettivi tetti costituiscono due volumi a se. I passaggi e gli spazi comuni, con grandi porte scorrevoli, permettono all’occorrenza di aprirsi verso l’esterno ed ampliare gli spazi.

An eco-friendly home in Sydney

The house was built by the Australian study CplusC Architectural Workshop, looking for a form that naturally warmed up in winter and cooled the interior in summer. The inspiration came from the shape of a waterfall, with the water dividing; thus the two wings of the house and the respective roofs constitute two volumes in themselves. The passages and the common spaces, with large sliding doors, allow, if necessary, open outwards and widen the spaces.

 

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura

25 Settembre 2019 / / Charme and More

La casa è il rifugio di ognuno di noi ed è per questo che è importante che rispecchi sempre i gusti e le esigenze di chi la abita. Col passare degli anni, infatti, non è raro sentire l’esigenza di fare qualche modifica in casa e farle cambiare radicalmente immagine. L’open space nella zona giorno in questo senso è un’ottima soluzione, che non a caso è sempre più apprezzata dai proprietari di casa in quanto rivoluziona completamente l’abitazione, dandole una nuova anima.

Se si considerano gli interventi necessari (soprattutto per quanto riguarda la demolizione dei muri), il principale freno per la realizzazione dell’open space risulta essere di solito il loro costo, ma bene sapere che è possibile anche ricorrere a un finanziamento per “ammortizzare” quest’ultimo; per avere un’idea più chiara a proposito può essere quindi utile approfondire quali sono i requisiti da soddisfare e capire su Facile.it quando invece non è possibile ottenere un prestito, così da valutare le probabilità che la propria richiesta venga accolta.

Vediamo quindi quali sono i motivi per cui l’open space dimostra di essere un’opzione perfetta per chi ha voglia di cambiare e quando invece sarebbe meglio mettere da parte questa possibilità.

open-space-casa-2

I vantaggi dell’open space

 Uno dei motivi che spinge molte persone a scegliere l’open space è la percezione di uno spazio più ampio, che fa sembrare grandi e rende comode anche le case di dimensioni più ridotte. La zona giorno che non è separata da pareti, poi, è decisamente più luminosa e pratica, cosa che implica anche un minore consumo di energia. Anche la possibilità di sfruttare un ambiente per diversi scopi è un grande vantaggio rispetto alle occasioni limitate che si hanno con degli ambienti separati in maniera tradizionale. Un altro elemento che va a vantaggio dell’open space è la maggiore comunicazione tra ambiente esterno e interno.

Ph via Unsplash Photo by Francesca Tosolini
Ph via Unsplash
Photo by Francesca Tosolini

Una famiglia con dei bambini dovrebbe prendere in considerazione questa possibilità anche perché l’open space consente di tenerli d’occhio mentre si svolgono altre attività, senza il bisogno di installare baby monitor, ad esempio. Nel momento in cui si vorrà cambiare ulteriormente l’immagine della casa, poi, basterà spostare i mobili o aggiungerne altri per raggiungere l’obiettivo desiderato.

open-space-casa-1

Quando è meglio lasciare gli ambienti separati

L’open space non una scelta consigliabile se ci sono molte persone in casa: soprattutto nel caso in cui gli inquilini non sono molto affiatati, infatti, potrebbero nascere delle tensioni legate alla mancanza di privacy e di isolamento acustico. Anche gli odori possono diventare un problema, soprattutto se gli inquilini in questione hanno ritmi e orari diversi, utilizzando la cucina in momenti diversi. In quest’ultimo caso, però, si potrebbe ricorrere a un buon sistema di aerazione in casa e sfruttare tutti i lati positivi dell’open space.

 

 

L’articolo Come rivoluzionare casa: l’open space nella zona giorno. proviene da Charme and More.

23 Settembre 2019 / / Interiors

arredare un ristorante
arredare un ristorante

È molto bello quando i clienti tornano e devo dire che mi è
capitato spesso e mi ha dato una gioia immensa, meglio ancora quando si tratta
di clienti che devono realizzare dei ristoranti, così insieme al cuore gioisce
anche la pancia!

Uno dei primi lavori indipendenti, quando ho cominciato a
fare questo mestiere e forse non sapevo ancora che sarebbe diventata la mia
strada, è stata la progettazione della bisteccheria “EliQuin”, i cui
proprietari mi hanno recentemente ricontattata per effettuare il restyling di
un nuovo locale che avevano rilevato.

Se nel primo caso si era trattato di una ristrutturazione
completa questa volta bisognava dare il giusto look e una marcia in più ad un
locale preesistente da ampliare leggermente e perfezionare.

Una preesistenza da personalizzare

Il locale di base era molto neutro quindi una buona tavola
su cui lavorare, abbiamo seguito lo stile del primo Eliquin con un guizzo di
creatività e gusto bohemienne in più, per questo abbiamo posizionato quattro
lampadari differenti, tra cui un bellissimo chandelier con gocce di cristallo e
la stessa varietà la troviamo sulla parete a destra dell’ingresso arredata da
specchi di diversa foggia e una mensola d’appoggio sorretta da colonnine, per
brevi soste e aperitivi prima di accomodarsi al tavolo.

Arredare un ristorante utilizzando un mix & match di specchi alla parete per ampliare ed arricchire lo spazio

Arredare un ristorante con un mix e match di lampadari per movimentare il soffitto e creare aree con illuminazioni diverse

Nel nuovo Eliquin anche per i tavoli si è deciso di variare un po’ per realizzare diverse soluzioni confortevoli e accoglienti, che facessero sentire gli ospiti un po’ a casa propria, così nella prima sala troviamo un bel tavolo rotondo classico, con sedie differenti e un angolo più riservato con panca, sul quale troneggio lo stemma di Eliquin, un gioco di parole tra la parola Queen, regina in inglese e il cognome della titolare.

Accogliente come un ambiente domestico

Oltre il varco un’altra accogliente postazione è realizzata
con un antico fratino per diversificare e movimentare lo spazio, renderlo caldo
e vario proprio come una casa, per questo null’ultima sala è presente anche un
bel comò con un grande specchio, arredi che potremmo trovare anche in un’ abitazione
e qui, mescolati a perfezione tra loro in un elegante mix & match, tra
bottiglie di buon vino, una bella e semplice apparecchiatura, le luci e i
colori giusti, creano un’atmosfera perfetta per un ristorante in cui
trascorrere piacevoli ore.

Arredare un ristorante con un mix&https://myinteriordesign.it/13901/match anche per i tavoli realizzando diverse soluzioni a seconda del tipo di cena: romantica, in famiglia, tra amici…

Alle pareti varie decorazioni studiate con grande attenzione
che vedono l’accoppiamento di quadri, oggetti, cassette di vino e di ostriche,
due dei pregiati prodotti di questo ristorante che oltre ad essere
specializzato nella carne e nella pinsa originale ha anche delle specialità di
mare.

La volontà è stata quella di recuperare e organizzare in modo
coerente tutta una serie di arredi che erano già in possesso dei proprietari
creando un look rustico chic accogliente e confortevole come il focolare
domestico e che è una delle caratteristiche distingue questo ristorante oltre
all’ottimo cibo e alla bella posizione.

Arredare un locale con un mix&match alla parete di oggetti che abbiano un filo conduttore e lo stesso sapore, accomunati dalla medesima atmosfera

Per dare un tocco di colore è stato scelto dalla
proprietaria e la figlia una particolare e bellissima sfumatura di azzurro/blu,
utilizzata per dipingere alcune sedie e rimarcare la parete del varco che
delimita il passaggio da una sala all’altra.

Lo spazio esterno

Altro pezzo forte del locale è lo spazio esterno, anch’esso
curato con attenzione e che si presta a diverse esigenze, con tavoli e un’area
salottino con divanetti per aperitivo.

Il locale è lontano dal caos, anche all’esterno sembra di stare a cena a casa in giardino da amici, lontano dalla strada e dallo smog e con un comodissimo parcheggio vicino…insomma non manca proprio nulla per passare del tempo lontano dallo stress e mangiare buon cibo in luogo curato nel dettaglio, elegante e accogliente proprio come casa vostra.

L’articolo Arredare un ristorante con mix& match shabby chic proviene da Architettura e design a Roma.

19 Settembre 2019 / / BlogArredamento Aziende

Sei alla ricerca di un armadio per la camera da letto e ti trovi di fronte al dilemma: BATTENTE O SCORREVOLE?

Come capire quale modello fa al caso tuo? Meglio uno o l’altro?


Leggi la GUIDA COMPLETA >>
L’armadio è un pezzo fondamentale dell’arredamento della zona notte e non è certo un mobile che si cambia spesso. Rappresenta una spesa che incide sul budget ma è anche uno tra gli arredi basilari di cui non possiamo assolutamente fare a meno. Un armadio “ragionato” prima di comprarlo si rivelerà un prezioso alleato per una migliore organizzazione della camera da letto, ma anche del resto della casa. Già, perché se si progettano bene dimensioni e interni questo mobile può diventare multifunzione: un guardaroba per abiti ma anche uno spazio in cui riporre biancheria, borse, scarpe, valigie e il cambio di stagione.

La grandezza della camera influisce sicuramente sulla scelta tra armadio scorrevole e armadio battente. Ma tra i vari fattori ci sono anche l’altezza del soffitto, il modo in cui si usa l’armadio, le esigenze progettuali personali…per questo motivo è molto importante conoscere tutte le caratteristiche che contraddistinguono e differenziano queste due tipologie di armadiatura.

Solo informandosi dei vari pregi e difetti sarà possibile comprare un armadio di qualità rispettando il proprio budget

Cosa troverò nella guida?

Scoprirai:

  • prezzi
  • differenze di utilizzo
  • profondità e altezza
  • flessibilità progettuale
  • estetica
  • pulizia

Insomma, tutto quello che devi sapere per scegliere consapevolmente l’armadio perfetto per le tue esigenze specifiche.

17 Settembre 2019 / / Idee

Luogo di aggregazione di ogni casa è la zona pranzo dove si può cenare in famiglia o con gli amici.

Oggi desidero proporvi alcune interessanti soluzioni per questo spazio che gli inglesi chiamano living room se si tratta di una zona aperta sul salotto o dining room se è una vera e propria sala da pranzo separata.

Come sempre vi suggerisco di scegliere lo stile che più si adatta alla vostra casa e al vostro budget ponendo attenzione agli abbinamenti di colore, all’accostamento tra tessuti e materiali e agli oggetti di design che rendono unico ciascun ambiente.

Pensate ad un vaso particolare, un lampadario, una scultura vegetale, un centrotavola o qualsiasi elemento di decoro che possa rendere unico il vostro ambiente.

Eccovi numerosi esempi di zone pranzo più o meno raccolte e di diverso stile

d 3d 1d 4d 2d 29d 20d 11d 13d 12d 9d 5d 7d 8d 9d 10d 22d 21d 27d 28d 18d 17d 16d 23d 0

 

 

 

13 Settembre 2019 / / Architettura

Oggi vi voglio mostrare gli interni di due progetti di appartamenti in stile asiatico il primo più tipicamente industriale dagli spazi fluidi ed il secondo in stile contemporaneo, suddiviso in maniera tradizionale.

In entrambi gli appartamenti la palette di colore dominante è legata alle diverse tonalità di verde.  Di primo acchito entrambi i progetti vi potrebbero sembrare molto lontani dagli stili delle case a cui siamo maggiormente abituati uno fra tutti quello nordico.

Vi dò ragione ma il gusto,  deve nutrisi di stili e spunti sempre nuovi e diversi, dobbiamo lasciarci suggestionare da linee, forme, materiali e immagini  come accade quando si approccia l’arte o la musica per poi affinare il nostro  gusto e immaginare nuovi scenari.

Via libera al verde…

asian 1asian 2asian3asian 4asian 5asian 6asian 7asian8asian 10asian 11asian 13asian 14asian 15asian 17asian 20asian 1

 

 

 

9 Settembre 2019 / / Architettura

zona giorno con libreria anni 70 completamente rinnovata

A Torino, Studio Doppio firma il progetto di ristrutturazione di un appartamento di 120 mq, la cui distribuzione ruota intorno a una parete divisoria in grado di assumere diverse configurazioni a seconda dei bisogni.

Posizionata tra il soggiorno e lo studio, la parete divisoria, definita dai progettisti “macchina dello scrittore”, è una parete scorrevole con funzione di scrivania, contenitore, specchiera e lampadario. Il cliente, uno scrittore, ha subito apprezzato l’idea dei progettisti di realizzare una “macchina” mobile in grado di assumere diverse configurazioni a seconda dei bisogni: quando le ante sono aperte dalla postazione di lavoro si può godere della vista d’insieme del living, al contrario se le ante sono chiuse permettono di separare lo studio dal resto della zona giorno.

zona giorno open space appartamento ritrutturato

soggiorno con libreria che funge da parete divisoria

parete divisoria multifunzioni

La parete divisoria è composta da una struttura di ferro tamponata con pannelli in laminato e vetro bronzato; al centro ed ai lati le pareti scorrono, mentre perpendicolari alle pareti nell’intersezione con il soffitto hanno origine scatolati metallici che terminano contenendo delle luci in metacrilato sferiche che illuminano il tavolo del soggiorno. Sul retro la stessa struttura metallica diventa il supporto del piano della scrivania realizzato riutilizzando una vecchia porta la cui storia è un piccolo racconto letterario.

parete divisoria in ferro con pannelli colorati

parete divisoria in ferro e pannelli in laminato

Se al centro dell’appartamento la macchina è una presenza importante, diversamente la libreria che corre lungo la parete principale del soggiorno è volutamente minimal, ovvero sottili lame di metallo bianco che spariscono quando vengono riempite con i libri. La parete frontale del soggiorno è il risultato di un restyling di una anonima parete attrezzata degli anni 70, smontata, ridipinta e riassemblata.

zona giorno appartamento ristrutturato

pranzo e living insieme

Di fronte al soggiorno e a destra dell’entrata, dietro una porta scorrevole in ferro e vetro si trova la cucina. Diversamente dal soggiorno il pavimento è in cemento così come i piani di lavoro. Tutte le parti che la compongono, dalle ante alle mensole compreso il tavolo sono stati disegnati su misura.

porta scorrevole in ferro e vetro per la cucina

cucina con arredi su misura

Altri arredi e complementi sono stati realizzati su misura, come il tavolo e il tavolino del soggiorno, i mobiletti sotto le librerie, i piani, i mobili e gli specchi dei bagni.

www.studiodoppio.it

L’articolo Ristrutturazione appartamento per uno scrittore proviene da Dettagli Home Decor.