4 Settembre 2021 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Quando si decide di arredare ex novo la propria casa il desiderio è quello di trasmettere il proprio spirito e scegliere uno stile che possa essere gradevole sia nell’immediato sia nel lungo termine.

Lo stile classico contemporaneo è uno stile che emana eleganza senza essere ridondante.

Non si tratta affatto di un’opzione difficile da percorrere, semplicemente sono necessari una serie di accorgimenti per rendere armonica e soprattutto uniforme l’intera abitazione, stanza per stanza.

Nessuno spazio può infatti prescindere da questa nuova soluzione arredativa, così da garantirsi un risultato dall’effetto wow anche agli occhi degli ospiti ma soprattutto ai vostri, che beneficerete di vivere in un ambiente rilassante, elegante e contemporaneamente funzionale.

In questo articolo vedremo nel dettaglio come trattare una casa seguendo lo stile classico contemporaneo, soffermandoci sui dettagli che fanno la differenza e diventano veri e propri focus dello spazio circostante.

La cucina

Una cucina realizzata in stile classico contemporaneo deve necessariamente presentare una compresenza di entrambe le tendenze.
Per questo motivo via libera a uno splendido piano in gres effetto marmo Calacatta, che dona un aspetto solenne ma allo stesso tempo elegante allo spazio, indipendentemente dalla sua grandezza.

Contemporaneamente è possibile acquistare elettrodomestici di ultima generazione che possano risultare estremamente funzionali ma anche belli da vedere, magari anche neri.

Il soggiorno

Porseguiamo con la stanza più vissuta dell’intera abitazione, che può essere personalizzata attraverso una moderna boiserie dal sapore antico da porre al lato del divano o sulla parete retrostante.

Non è necessario eccedere nelle decorazioni, sarebbe preferibile scegliere degli stucchi discreti ma allo stesso tempo originali, che richiamino le epoche passate ma senza risultare eccessivamente carichi e invadenti.

Lo scopo è quello di catturare lo sguardo con discrezione e lasciare che si focalizzi sui dettagli delicati e diversi dal solito.
Ponete grande attenzione anche ai tessili, utilizzando materiali preziosi ma cromie neutre, che non creino eccessivi contrasti di colore e allo stesso tempo garantiscano un effetto classico e ordinato.

Nell’angolo del mobile TV, puoi lasciare spazio a un camino lineare inserito in una struttura in cartongesso.

La camera da letto

La camera padronale è un luogo solenne ma allo stesso tempo intimo, dove si desidera rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro.

Per questo la parete dietro al letto può essere illuminata da una serie di faretti led coperti dal cartongesso per non essere visibili, mentre i lati sono ornati di una discreta boiserie che crea un delizioso profilo.

Estremamente funzionale è la cabina armadio, da tenere sempre rigorosamente in ordine se prevede degli spazi aperti e organizzati con rigore e precisione.

Il bagno

Il bagno con tocchi di stile classico contemporaneo può prevedere dei rivestimenti in marmo, abbinato al legno.

Inserite pochi dettagli per vivacizzare lo spazio, utilizzando sempre cromie delicate e chiare per allargare l’ambiente.

L’articolo Una casa con tocchi di classico contemporaneo proviene da easyrelooking.

4 Agosto 2021 / / Design

supersalone 2021

Il “supersalone” di settembre si aprirà nel segno della sicurezza, della trasversalità progettuale e dell’impegno green. Lo animeranno oltre 423 brand e 50 designer indipendenti, 170 progetti provenienti da 48 scuole internazionali di design, 20 tra le personalità più influenti del panorama creativo odierno, 110 sedute premiate dal Compasso d’Oro, sei grandi chef, cinque opere cinematografiche selezionate dal MDFF, 200 alberi di Forestami. La piattaforma digitale del Salone permetterà di seguire gli eventi su un doppio binario, fisico e virtuale.

Proseguono senza sosta i lavori per il “supersalone” che andrà in scena dal 5 al 10 settembre 2021, affrontati dal curatore Stefano Boeri, dal team internazionale di co-progettisti – Andrea Caputo, Maria Cristina Didero, Anniina Koivu, Lukas Wegwerth, Marco Ferrari ed Elisa Pasqual di Studio Folder insieme a Giorgio Donà, co-founder e direttore di Stefano Boeri Interiors – e da tutto lo staff del Salone del Mobile.Milano con grande impegno, coraggio e, soprattutto, senso di responsabilità.

Sono oltre 423 brand di ogni categoria merceologica, distribuiti in quattro padiglioni, sicuri che il “supersalone” possa diventare simbolo di un nuovo Rinascimento. Protagonista, sarà, un prodotto sempre più innovativo, capace di rispondere adeguatamente alle trasformazioni della struttura sociale contemporanea, al conseguente rapido cambiamento del mercato dell’arredo e alle singole esigenze di ogni cliente.

Innovazione, attenzione all’impatto ambientale, creatività tout court, scambio culturale, esperienze digitali rappresenteranno il lessico di “supersalone”: un evento che attingerà alla forza dell’immaginario progettuale per farsi laboratorio di sperimentazione e contaminazione, luogo di incontro e di nuove opportunità per riflettere sul mondo del design e per conoscerne i suoi protagonisti – dal sistema produttivo dell’arredo alle scuole che formano nuove leve di designer, dai maker indipendenti alle personalità oggi più influenti in ogni campo della progettualità, dai registi cinematografici che iconizzano la capacità propria del design di plasmare mondi e raccontare storie a chi la creatività la supporta e la promuove.

In ottica di circolarità e sostenibilità, tutti i materiali e le componenti dell’allestimento ideato da Andrea Caputo – lunghi setti paralleli, studiati per le specifiche categorie merceologiche – e da Stefano Boeri Interiors – le aree comuni quali food court, arene, lounge – sono stati pensati, in collaborazione con Lukas Wegwerth, per poter essere smontati e successivamente riutilizzati. Lo stesso vale per i mattoni dell’allestimento di The Lost Graduation Show che sono tutti riutilizzabili; tutte le arene, panche e sedute saranno montate “a secco” e quindi smontabili e anch’esse usufruibili nuovamente in momenti e contesti differenti.

A rinforzare l’intento green di “supersalone” anche gli alberi di Forestami con un progetto ad hoc che consisterà nell’allestimento di un “bosco” di circa 100 alberi attraverso il quale i visitatori potranno giungere ai tornelli d’ingresso di Porta Est. Altri 100 alberi ad alto fusto accompagneranno poi i visitatori all’interno delle varie aree espositive e in zone living dedicate al relax. Tigli, frassini, querce, prugni da fiore saranno poi piantate nelle aree di Città Metropolitana di Milano.

Una delle mostre speciali di “supersalone”, sarà The Lost Graduation Show, a cura Anniina Koivu, che metterà in scena 170 progetti di studenti diplomatisi tra il 2020 e il 2021, provenienti da 48 scuole di design di 22 Paesi sparsi nei cinque continenti. Un unicum nella storia del Salone che vedrà coinvolti tutti i settori del furniture design, ma non solo. Incursioni nel mondo della mobilità, del design inclusivo, medico e sportivo, della ricerca sui materiali e sulla sostenibilità del progetto racconteranno lo stato dell’arte di un intero settore.

Altra importante esposizione sarà Take Your Seat / Prendi posizioneSolitude and Conviviality of the Chair / Solitudine e convivialità della sedia, a cura di Nina Bassoli, in collaborazione con ADI / Premio del Compasso d’Oro. Con 30 sedie insignite del Premio Compasso d’Oro e più di 80 menzioni d’onore, distribuite nei quattro padiglioni di “supersalone”, la mostra sarà il racconto dell’oggetto più iconico del design, la sedia appunto, in grado di sintetizzare più di qualunque altro manufatto il valore di una buona progettualità.

A cura di Maria Cristina Didero, il programma di “supersalone” sarà ricco di conversazioni, talk, lecture di designer, architetti, artisti, studiosi e manager provenienti da tutto il mondo. Tre gli appuntamenti fissi di ogni giornata: le tavole rotonde alle 12.00, i talk alle 15.00, le lecture alle 17.00. A latere, in collaborazione con il Milano Design Film Festival, tutti i giorni alle 16.00, si potrà assistere a inchieste, biopic, docufilm per un approfondimento trasversale su design, architettura e le attuali implicazioni sociali e sostenibili.

Ma il “supersalone” si apre anche e soprattutto alla contaminazione tra ambiti e linguaggi differenti, coinvolgendo nell’esposizione Identità Golose Milano – Hub Internazionale della Gastronomia: perché il cibo è un prodotto pari ad altri, che da sempre si evolve in base alla creatività e alle necessità umane. Identità Golose Food Court è il nuovo concept tailor made per “supersalone”, ideato per essere parte integrante dell’esperienza che i visitatori potranno vivere e l’occasione per gustare le ricette originali di alcuni fra i più grandi chef e artigiani italiani.

Come da tradizione consolidata, anche in occasione di questo evento speciale settembrino, il Salone del Mobile rinnoverà il dialogo con Triennale Milano, hub cittadino del “supersalone”. Triennale per l’occasione presenterà il Salone / la Città, un progetto espositivo ideato dal Museo del Design Italiano di Triennale per il Salone del Mobile.Milano e curato da Mario Piazza. La mostra racconterà le produzioni culturali del Salone in città che, nel corso degli anni, hanno comunicato il design al pubblico degli appassionati.

In questo scenario, il mix tra digitale e presenza fisica garantirà un’esperienza altamente coinvolgente e permetterà a chi non potrà essere in presenza di visionare i prodotti esposti, visitare virtualmente le mostre, assistere ai talk e alle lezioni.

Questo e molto altro ancora sarà “supersalone”: un progetto speciale grazie a cui il Salone del Mobile.Milano vuole farsi promotore e catalizzatore di azioni, pensieri, sentimenti che consentano all’intero settore e a tutta la filiera di ripartire con ottimismo, dando vita a un nuovo Rinascimento.

Per maggiori informazioni www.salonemilano.it

L’articolo Ecco cosa vedremo al “supersalone” di settembre proviene da Dettagli Home Decor.

2 Luglio 2021 / / Dettagli Home Decor

cucina in legno rovere e Fenix nero con isola snack centrale

Lombardia, zona Valdidentro a metà tra Bormio e Livigno, grande fienile in disuso convertito in abitazione moderna.
Il proprietario, un imprenditore lombardo, si è rivolto agli Interior Designer diotti.com per la progettazione della zona living e la scelta dell’arredamento della cucina. La richiesta era chiara: stile e arredamento in linea con la struttura e la storia dell’immobile, ma anche al paesaggio rurale circostante. Il risultato è una cucina su misura in legno rovere e Fenix nero con isola snack centrale.

Il progetto

Da struttura per lo stoccaggio di fieno, foraggio e macchinari agricoli ad abitazione moderna e di lusso. Per realizzare il progetto i Designer hanno analizzato le tipiche caratteristiche strutturali di un vecchio fienile per proporre soluzioni che trasformassero gli spazi senza snaturarli.
Il fienile prima di ogni intervento si presenta come un ambiente unico con soffitto alto a spiovente, grande apertura d’accesso sul lato corto e altre piccole aperture ai lati.
Il progetto prevede la trasformazione in un open space con soffitto alto a spiovente con travi in legno, lucernario, grande vetrata che occupa il lato corto, finestre e porta finestre sui lati lunghi.

cucina in legno rovere e Fenix nero con isola snack centrale
Per sfruttare al meglio gli spazi e donare carattere all’ampio open space è stata prevista anche una parete divisoria in cemento a tutta altezza. Questo muro in cemento ha triplice funzione: sostegno della struttura, parete utile per l’inserimento dei mobili cucina a muro, parete divisoria.
Con questo accorgimento si assicura una corretta predisposizione degli elementi della cucina e si divide la zona living dal patio interno. Si ricava così uno spazio polifunzionale orientato verso la vetrata, da utilizzare come giardino d’inverno e zona relax.

cucina con isola snack centrale

La cucina su misura

Nello scenario appena descritto trova spazio una cucina con isola moderna che coniuga stile, eleganza e funzionalità.
L’isola con lavello integrato sul top in Fenix nero ha dimensioni generose e si presenta anche come zona dispensa contenitore e bancone snack. Da un lato ospita un lavello a una vasca con spazio laterale di lavoro, cestoni e vani contenitore chiusi con ante. Dall’altro zona snack con sgabelli per consumare colazioni, pranzi veloci e aperitivi. La parete retrostante ospita la zona operativa con piano cottura, frigorifero, forno e microonde, dispensa e contenitori.
Una cucina completa in legno e nero che si integra alla perfezione con il mood dell’ambiente e si sposa con il grigio cemento e il bianco scelti come colori predominanti.

cucina in legno rovere e Fenix nero con isola snack centrale

Kitchen Lab: la collezione cucine su misura

L’unione di bellezza, funzionalità, ergonomia e comfort è ciò che caratterizza la collezione cucine su misura Kitchen Lab diotti.com.

Cucine modellate al centimetro e personalizzabili in ogni dettaglio, da plasmare sullo spazio a disposizione e sui desideri di ciascuno. È possibile scegliere composizione, materiali, finiture, colori, ante, maniglie, top, attrezzature e elettrodomestici. Perché ogni cucina è unica e merita soluzioni uniche.
L’elevata customizzazione delle cucine Kitchen Lab richiede l’assistenza di un Interior Designer.
È possibile affidarsi alla consulenza degli arredatori via telefono, per email o di persona in showroom oppure richiedere online un progetto d’arredo completo.
Dall’Italia all’America, passando per l’Europa. diotti.com realizza progetti nazionali e internazionali, serve clienti e spedisce mobili in tutta Italia e in gran parte del mondo.

L’articolo Una cucina su misura Kitchen Lab in un fienile ristrutturato proviene da Dettagli Home Decor.

8 Giugno 2021 / / Easy Relooking

Progettare il salotto perfetto vuol dire mettere a frutto ogni centimetro di spazio disponibile e investirlo nel migliore dei modi. Spesso serve ricorrere ad alcuni trucchi di design in grado di rendere la stanza accogliente e capace di rispondere ad esigenze sempre diverse.

Ci sono alcuni complementi d’arredo che rappresentano la soluzione ideale per non creare eccessivi ingombri in ambienti cardine, come il salotto oppure la cucina.

Stiamo parlando dei tavoli allungabili, presenti nella collezione ad esempio del brand Novamobili con modelli di grido.

I tavoli allungabili sono perfetti da inserire negli appartamenti moderni che si caratterizzano per un’organizzazione degli spazi sempre più stringente. Ma come scegliere la soluzione che più fa al caso proprio? Innanzitutto bisogna mettere a fuoco l’aspetto funzionale della questione e chiedersi che tipo di utilizzo si abbia intenzione di fare del tavolo stesso.

Le dimensioni, il numero di commensali e lo stile dell’arredamento

Le sue dimensioni una volta aperto dovranno essere sufficienti ad accogliere un certo numero massimo di commensali (e lo stesso vale per quando sarà chiuso). Dimensioni del tavolo che sono anche connesse strettamente alla sua forma: si dovrà scegliere se optare per uno quadrato, rettangolare oppure rotondo.

Per scegliere il tavolo allungabile ci sono comunque altri criteri che è possibile seguire:

  • l’analisi dello stile dell’arredamento chiamato a dialogare con il nuovo complemento
  • i materiali (legno, acciaio, vetro)
  • il tipo di stanza che accoglierà il tavolo, per esempio zona pranzo, cucina o soggiorno.

Ovviamente le esigenze funzionali non potranno che fondersi anche con il proprio gusto personale in fatto di arredamento.

L’importanza di mettere a fuoco la funzionalità del tavolo

I tavoli allungabili sono ormai un vero e proprio must nelle abitazioni moderne che, diversamente da quanto avveniva con le case del passato, non possono vantare ambienti spaziosi al punto da accogliere tavoli lunghi e fissi per far accomodare un gran numero di ospiti.

E’ impossibile dunque pensare di mantenere un ingombro eccessivo e inutile ogni giorno nella propria casa: un tavolo di dimensioni ridotte – adatto a 4 persone – è più che sufficiente.

via dimensions.com

I modelli allungabili, però, sono sempre pronti a trasformarsi in pochi gesti in un tutta un’altra cosa. Come ad esempio il tavolo allungabile Stretch, offerto da Novamobili, disegnato dal duo di architetti Zaven: è un tavolo allungabile dall’aspetto solido e contemporaneo, costituito da elementi essenziali combinati tra loro in modo originale. La cornice che sorregge il top accoglie anche le gambe, posizionate agli angoli per dare vita a un disegno caratterizzante. Il tavolo, in finitura rovere carbone o noce canaletto, è pensato per gli ambienti domestici e le occasioni conviviali: allungabile fino a tre metri, può ospitare dodici persone.

Un altro esempio interessante è quello offerto dal tavolo Level, anch’esso presente nella collezione Novamobili, la cui struttura si caratterizza per linee estremamente morbide. Disegnato dal designer trevisano Matteo Zorzenoni, questo tavolo sostiene un piano sottile dagli angoli arrotondati e può essere allungato fino a due metri e mezzo, ospitando anche dieci commensali. Per rispondere a esigenze di design e arredo diverse, Level è disponibile in finitura rovere miele e rovere terra.

L’articolo Tavoli allungabili e organizzazione degli spazi nelle case moderne proviene da easyrelooking.

20 Maggio 2021 / / Interiors

Arredo Outdoor: Unopiù, azienda italiana specializzata nella progettazione e nella realizzazione di arredi per gli ambienti outdoor, ha presentato le nuove collezioni 2021.

arredo outdoor

Unopiù è un’azienda specializzata nella produzione di arredi, complementi e strutture per esterni, fiore all’occhiello del Made in Italy. 

Grazie alla collaborazione con designer e studi d’architettura prestigiosi, Unopiù raccoglie nel suo catalogo diversi pezzi iconici. Tra gli altri, possiamo citare la collezione Tweed – design Marco Paolelli e Sandro Meneghello, 2016 – vincitrice del premio ADI “Eccellenze del design” nel 2017, la lampada Aton di Marco Acerbis del 2013, anch’essa caratterizzata da un design innovativo, in anticipo sulle tendenze odierne. Tra i prodotti iconici c’è anche la linea di sedute Les Arcs, che Unopiù ha deciso di rinnovare per il 2021, insieme alla pergola Shibuya®, e in contemporanea al lancio della nuova collezione Exi.

Arredo outdoor leggero, allegro e colorato con la collezione Exi

Realizzata in alluminio, Exi é una collezione di arredo outdoor leggera, allegra e colorata. Exi si caratterizza per versatilità, praticità e modernità, grazie alla leggerezza degli elementi pieghevoli. La texture delle sedute e dei piani, che si ispira all’intreccio delle tradizionali sedie in paglia, viene realizzata attraverso un taglio laser che dona alla trama dell’alluminio un pattern moderno e geometrico.

La caratteristica forma a X data dall’incrocio delle gambe laterali degli arredi, dà il nome alla collezione che allude anche alla parola EXIT, uscita. EXI si compone di una sedia, una panca, un tavolo, uno sgabello e un tavolino da bar. Tutti gli elementi della collezione sono pieghevoli e in alluminio riciclabile: caratteristiche che la rendono estremamente maneggevole, solida e duratura. La panca è dotata inoltre di schienali rimovibili che possono essere inseriti a piacimento in diverse posizioni lungo il perimetro, permettendo di giocare con le sedute e modularle a proprio piacimento. Exi è disponibile in 6 colorazioni, dai neutri bianco e grafite, ai vivaci giallo senape, rosso, viola e blue.

La collezione iconica Les Arcs rivisitata

Progettata in collaborazione con Meneghello e Paolelli Associati, Les Arcs amplia la gamma di prodotti ma viene anche ripensata nel materiale e nella forma.

arredo outdoor

La linea, lanciata nel 2014, si distingueva per il design originale degli archi intrecciati degli schienali in morbido tessuto e corda, oltre che per la struttura in pregiato teak. La linea era composta da un divano, da una poltrona e da un tavolo basso rettangolare. Nel 2021 Unopiù propone una serie di nuovi arredi con un design fresco e contemporaneo. Per le sedute, viene conservato il segno a forma di arco che le caratterizza, ma sono rese ancora più avvolgenti, e dotate di una nuova matrice materica. Per i nuovi prodotti è stato infatti scelto l’alluminio, un materiale estremamente leggero e riciclabile, efficiente e duttile, dalle caratteristiche contemporanee e di eco-compatibilità, che rivoluziona così lo stile e la praticità di Les Arcs.

arredo outdoor

La nuova collezione si arricchisce di una poltroncina, di un divanetto e di un tavolo rotondo. La poltroncina riprende la morbidezza delle linee originali, mentre il tavolo a basamento centrale esalta il motivo decorativo degli archi intrecciati. Le sedute sono impilabili, per soluzioni salva spazio e per una maggiore praticità. Elegante e ricercata, ma al tempo stesso snella, fresca e colorata, grazie alla palette di 7 colori, Les Arc arreda con stile qualsiasi ambiente outdoor.

La nuova versione della pergola Shibuya® 

Nuovo look anche per la pergola Shibuya®, un modello esclusivo brevettato da Unopiù e progettata da Ferruccio Laviani. Composta da due elementi cubici in alluminio, questa pergola offre innumerevoli possibilità di ombreggiatura, grazie all’estensibilità. La nuova versione di Shibuya ® si può addossare alla parete e può essere composta da un elemento singolo o da due moduli, di cui uno montato su ruote ed estensibile.

arredo outdoor

Viene così a completarsi la proposta, che comprendeva in origine una pergola interamente montata su ruote con due elementi traslanti. Tutte le declinazioni di SHIBUYA® possono essere completate con diverse tipologie di copertura e con tende laterali in tessuto microforato (poliestere 40% spalmato di PVC 60%) di colore canapa.

Le coperture disponibili sono in tessuto microforato, in stuoie di bambù o in listelli di legno non verniciati. Dettagli curati, finiture senza viti a vista e design snello ed essenziale rendono la pergola Shibuya® adatta a qualsiasi ambiente esterno, dal residenziale al contract.

18 Maggio 2021 / / Dettagli Home Decor

libreria modulare
photo credit Yarmush per Tylko

Questo mese siamo alla ricerca di arredi modulari, flessibili e personalizzabili, esattamente come le proposte firmate Tylko.

Per l’appuntamento con lo shopping questo mese abbiamo scelto di proporvi un’azienda che offre arredi duraturi e fatti con materiali naturali. Tylko, questo è il suo nome, produce usando legni a crescita lenta provenienti dalle foreste europee per ottenere scaffali, librerie, mobili contenitivi per ogni locale della casa e che, garantisce, vivono più a lungo degli alberi piantati per sostituire le loro stesse materie prime.

sistema arredo modulare per ingresso

Moduli, messi a fianco ad uno ad uno, per ottenere capienza e nascondere i piccoli oggetti. Ottimo all’ingresso come svuota tasche oppure a terra per riporre le scarpe. Gli elementi Tylko sono facili da posizionare ed esteticamente compatibili con ogni arredo.

madia componibile Tylko

Cambiamo la tipologia di moduli e spostiamoci in camera o in soggiorno, con un elemento d’arredo ideale per contenere qualsiasi oggetto. Grazie al configuratore online disponibile sul sito di Tylko, si può creare esattamente la struttura che si desidera, personalizzando ogni dettaglio. Inoltre, servendosi della tecnologia di realtà aumentata, è possibile vedere il risultato finale direttamente lì dove andrà sistemato l’arredo.

libreria modulare

Saliamo in altezza per realizzare una libreria con ante e ripiani. Il gioco di elementi aperti e chiusi non è mai stato così divertente. Tylko è la soluzione per chi desidera un pezzo d’arredo personalizzato e su misura del cliente perché disegnato proprio da lui.

Per saperne di più e conoscere le potenzialità dei moduli Tylko visita www.tylko.com

Articolo di Silvia Fabris

L’articolo Shopping da Tylko proviene da Dettagli Home Decor.

28 Aprile 2021 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

In questo articolo ti presento una casa con una particolarità: l’assenza della TV.

Pochi e veloci lavori hanno permesso di ristrutturare la zona giorno e la cucina, creando anche un ingresso con, alle spalle, una zona armadi.

@EasyRelooking

L’intera abitazione è caratterizzata dal sapiente uso delle luci esterne, che filtrano dalle tante finestre e dalle ampie vetrate, consentendo una grande illuminazione naturale in ogni ambiente.

La scelta di un unico pavimento conferisce grande uniformità all’insieme generale, che appare luminoso e omogeneo, rispecchiando il gusto dei committenti per gli arredi chiari.
Anche la scelta dei colori tenui per pareti e serramenti, interni ed esterni, dona omogeneità ed eleganza all’abitazione, nella quale spiccano i tocchi verde-azzurro dei complementi d’arredo.

La cucina

L’ambiente occupato dalla cucina è di dimensioni piuttosto contenute, ma la scelta di puntare su mobili bianchi dona l’illusione ottica di spazi più ampi.

La cucina è progettata ad L per sfruttare appieno la distribuzione dello spazio ed è dotata di pensili e basi con apertura a gola in laccato bianco opaco.

C’è anche un piccolo tavolo per quattro persone, inserito nel contesto grazie ad una sapiente progettazione, che punta anche sui punti luce localizzati sia lungo tutta la cucina, sia sopra al tavolo.

La zona living

L’intera zona living è dominata dalla grande luminosità degli spazi e punta su arredi su misura che rivestono in maniera quasi sartoriale l’ambiente.
Lo stile generale è moderno e punta su mobili in grado di consentire una discreta flessibilità: è il caso del modulo basso accanto alla libreria, che all‘occorrenza potrà trasformarsi in porta TV (anche se al momento, per scelta dei clienti, non è stata inserita).

Anche la consolle contenitiva di Ferm Living, presente nell’ingresso, nasce come porta piante, ma può diventare un comodo porta oggetti.

Il senso di uniformità cromatica garantito da arredi, pareti e tendaggi è spezzato solo dalle pennellate di verde-azzurro di una delle due poltrone e dei cuscini sul divano.

Gradevolissima è la soluzione data dal pannello fresato in legno realizzato su misura. Il pannello costeggia il tavolo e il divano e ospita una mensola.

Le camere da letto

La camera da letto padronale occupa un ambiente di dimensioni piuttosto modeste, ma grazie all’accurata progettazione degli arredi, risulta funzionale e d’impatto.

Anche qui è mantenuto l’accostamento cromatico dominante in tutto l’appartamento, che vede colori chiari e riposanti.

Qui però spezzati da elementi verde-azzurri, inseriti nella parete che incornicia il letto, dai cuscini e dalla coperta.

Due mensole che riprendono la stessa tinta del pavimento sovrastano il letto, fornendo un gradevole appoggio a libri ed oggettistica varia.

La cameretta gioca in maniera più forte con i toni dell’azzurro. Troviamo infatti la fascia di colore a mezza altezza e i disegni delle balene sopra la scrivania e sul tappeto, mantenendo comunque l’equilibrio generale. Bella è la struttura su cui poggia il lettino, che dona grande leggerezza allo spazio, consentendo anche di sfruttarne la parte sottostante come angolo giochi; sia la piccola scrivania che il guardaroba sembrano fondersi con la parete su cui poggiano, regalando un senso di maggiore profondità agli spazi.

Entrambe le camere, come d’altronde anche il resto dell’appartamento, arredano in questo modo risultano molto riposanti. Tutti i dettagli sono in armonia.

L’articolo Progetto del mese: una casa senza TV proviene da easyrelooking.

7 Aprile 2021 / / Dettagli Home Decor

balcone arredato

Come dare un valore ai balconi cittadini, spazi spesso non sfruttati o poco vissuti? URBN BALCONY nasce dall’intuizione di Unopiù, in collaborazione con i designer Meneghello Paolelli Associati, per rispondere a questa esigenza.

Sistema prodotto dal design semplice ma innovativo, URBN BALCONY si compone a partire da una struttura modulare in raffinato e resistente legno iroko, fissabile a parete o a soffitto, che fa da supporto o da contorno a una serie di accessori che permettono di creare soluzioni di micro arredamento e di svolgere più funzioni in uno spazio ridotto.

In continua evoluzione, versatile e componibile, nel 2021 URBN BALCONY si arricchisce di nuovi accessori: inediti mobili/panche contenitori multifunzionali, sistemi di tendaggi, un piccolo e raffinato treppiedi e una mini collezione di tavolo e seduta pieghevole pensata al 100% per essere riposta nei mobili contenitori URBN BALCONY.

Tavolo e seduta sfruttano la tecnologia Wood-Skin®: sulla struttura in acciaio viene adagiato un “tessuto ligneo” che si modella, diventa seduta, schienale o piano del tavolo e, grazie alla sua caratteristica di essere un “tessuto strutturale”, si arrotola nel momento in cui i mobili devono essere piegati e riposti nel mobile contenitore.

tavolo pieghevole da balconesedia pieghevole da balcone

Tavolo e seduta, così come il treppiedi, si prestano a essere utilizzati non solo sui balconi, ma in tutti quegli ambienti outdoor dove lo spazio è esiguo.

Il treppiedi Unopiù, che trae la sua ispirazione dall’arredo da campeggio ma interpretato in una veste elegante e moderna, è impreziosito da un anello che fa da perno ma al tempo stesso è decorativo. Oggetto nomade, trasportabile, di piccole dimensioni ma robusto, questo elemento d’arredo è adatto ad essere inserito all’ultimo momento su un balcone, per accomodare un amico ad esempio, così come per un picnic in un parco.

sgabello richiudibile da balcone

I mobili/panche possono diventare fioriere o contenitori; i sistemi di tendaggi donano ombra o semplice privacy a seconda delle necessità. Questi inediti accessori, configurabili a proprio piacimento, si aggiungono a fioriere, vasi, armadietti, mensole e stendibiancheria che si trasformano in piani da lavoro e viceversa.

mobili/panca da balcone

Mangiare, leggere, studiare, lavorare da casa ma all’aria aperta, stendere, prendersi cura di piante e fiori e riposarsi sono solo alcune delle attività realizzabili nello spazio ‘rinnovato’ di un balcone 2/2 che, per quanto piccolo, grazie a URBN BALCONY può essere vissuto e diventare un prezioso prolungamento della casa, quando la voglia di affacciarsi all’aria aperta, soprattutto nei centri urbani con l’arrivo delle prime belle giornate, diventa irrinunciabile.

Urbn Balcony ha ottenuto la Special Mention per il German Design Award 2021 nella categoria Excellent Product Design – Furniture.

L’articolo URBN BALCONY di Unopiù si arricchisce di nuovi accessori proviene da Dettagli Home Decor.

7 Aprile 2021 / / Idee

Appena varcata la soglia di casa il caos ti circonda… non sai dove appendere la giacca, dove appoggiare la borsa e riporre le scarpe. SOS disordine. Urge un armadio ingresso: un armadio guardaroba ma anche scarpiera, un’armadiatura con tanti ripiani e vani per riporre le scatole degli attrezzi, i contenitori dei giochi dei bambini, i detersivi per la pulizia di tutte le superfici.
Un armadio all’ingresso può essere il migliore alleato salvaspazio per sfruttare ogni centimetro e garantire ordine e rigore, soprattutto in un monolocale o in una casa piccola o piccolissima. Con un armadio capiente e ben organizzato è scongiurato il pericolo di trasformare l’ingresso in un deposito disordinato. Tutto è in ordine, tutto è nascosto dalla vista.

Un disimpegno e un corridoio si prestano ad essere arredati con un armadio più o meno grande a seconda dello spazio a disposizione. Se l’ingresso è piccolo o il corridoio è lungo e stretto scegli armadi ad ante scorrevoli che permettono di guadagnare spazio in apertura: le ante scorrono su binari paralleli al muro, non prevedono apertura frontale, il loro ingombro da aperte è praticamente nullo.
Se invece la porta d’ingresso si affaccia direttamente sulla zona living e non ci sono i presupposti per inserire un armadio il nostro consiglio è comunque quello di non rinunciare ad un contenitore chiuso dove riporre tutti gli accessori che non si vogliono (o non si possono) lasciare in bella vista. Il contenitore può essere un mobiletto multiuso capiente che non sembra quello che in realtà è. Un armadietto alto e stretto magari con anta a specchio, una scarpiera slim con ante a ribalta, un contenitore scarpiera che sembra una credenza ma che è dotata internamente di griglie per le scarpe. Oppure potresti optare per un pannello specchiera e guardaroba: pannello con specchio sul davanti e asta per grucce nascosta sul retro. Se lo spazio è proprio ridotto o se queste idee non ti convincono potresti scegliere semplicemente mensole e cassetti svuotatasche per appoggiare mazzi di chiavi, occhiali e portafogli.

Gli armadi per ingresso più richiesti

Alias quello che gli Italiani digitano di più su Google in fatto di armadi da ingresso.
6 ricerche, 6 soluzioni firmate Maconi.

Armadio ingresso poco profondo

Mobile ingresso profondo 30 cm con due armadietti che contengono appendiabiti, ripiani, kit postazione stiro.

Composizione ingresso con armadietti e pannello centrale con specchio e mensole

Armadio guardaroba ingresso

Armadio guardaroba poco profondo con colonne contenitore, specchio, asta appendiabiti, panca-scarpiera.

Armadio con specchiera e tubo per grucce appendiabito

Armadio appendiabiti ingresso

Armadio guardaroba a due ante e tre cassetti. Ganci appendiabiti nascosti nell’armadio.

Armadio ingresso con cassettiera inferiore e pannello laterale

Armadio ingresso con specchio

Grande armadio ingresso a 6 ante. Le due ante centrali sono a specchio.

Armadio ingresso a 6 ante con ante centrali a specchio

Armadio ingresso con scarpiera

Mobile ingresso con due armadietti e un pannello centrale attrezzato. Un armadietto è organizzato con ripiani porta scarpe.

Armadio ingresso con ante scorrevoli

Mobile ingresso con due armadietti sospesi con ante scorrevoli.

Armadio ingresso con armadietti contenitore e pannello centrale appendiabito

Come organizzare internamente un armadio ingresso

Scegli un armadio componibile o su misura con attrezzature interne personalizzabili. I nostri armadi sono composti da moduli liberamente abbinabili tra loro. Con gli elementi a disposizione puoi creare veri e propri armadi, cappottiere, armadietti per giacche, con vani scarpiera e spazi per borse e accessori, ma anche ripostigli per detersivi e prodotti di pulizia o per attrezzature sportive, postazioni con asse da stiro. Inoltre tutti i moduli possono essere posizionati a terra o agganciati a parete, per il massimo della personalizzazione. Grazie alla profondità limitata i nostri armadi sono i validi alleati di ingressi piccoli. Armadi slim e salvaspazio con profondità di soli 30 cm, minimo ingombro ma grande spazio contenitivo.

Gli elementi indispensabili più richiesti e più sfruttati in un armadio da ingresso sono due: appendiabiti e ripiani. Ganci o aste appendiabiti per giacche, cappotti, sciarpe; ripiani per scarpe, scatole, organizer vari. Se l’armadio all’ingresso ha questi due elementi la maggior parte dei tuoi problemi di organizzazione è risolta.
Se c’è spazio extra o se hai particolari esigenze potresti scegliere anche griglie in metallo per scarpe, cassetti singoli o cassettiere, specchi, kit per predisporre una postazione stiro. Questi elementi sono utili ma non indispensabili, se ci sono ne guadagna l’organizzazione e la praticità.

Se hai giacche, cappotti e impermeabili lunghi prevedi una vera e propria cappottiera, ovvero un armadio con anta verticale alta per appendere tutto in altezza, scongiurando il pericolo di avere vestiti piegati o stropicciati. Se hai poco spazio non esagerare con il numero di capi da appendere all’ingresso, piuttosto riponi qui quello che usi quotidianamente e sfrutta l’armadio della camera per il cambio di stagione. Se invece all’ingresso vuoi appendere solo capispalle e soprabiti corti come giubbotti, giacche di jeans, chiodi o bomber hai bisogno di meno spazio e puoi optare quindi per un guardaroba a mezza colonna. La parte superiore di una colonna armadio puoi destinarla appunto al guardaroba, la parte inferiore puoi organizzarla con ripiani multiuso per scarpe o borse.
E le scarpe? Lasciare le scarpe in bella vista non è un’ottima idea, nè per estetica nè per igiene, soprattutto se hai bambini piccoli che gattonano e toccano tutto quello che trovano alla loro altezza. Per riporre scarpe da ginnastica, stivaletti, ballerine, tacchi ma anche ciabatte e pantofole bastano dei ripiani (ricoprili con carta da giornale per non rovinarli) oppure delle griglie in metallo fatte apposta per ospitare le calzature.
I ripiani, must have indispensabili per riporre in modo ordinato tantissimi oggetti, anche la borsa che usi quotidianamente e qualche immancabile sacchetto shopper.
Se avanzano centimetri preziosi o se proprio non riesci a trovare uno spazio in casa per l’asse da stiro puoi scegliere di posizionarla nell’armadio da ingresso. Puoi attrezzare una colonna armadio con un kit con asse a ribalta da aprire all’occorrenza e ripiani per appoggiare il ferro da stiro, i vestiti da stirare o quelli appena stirati o uno spray appretto.

Vediamo ora degli esempi di organizzazione interna degli armadi da ingresso. Lasciati ispirare e ricordati che possiamo realizzare soluzioni su misura e predisporre gli elementi come preferisci tu.

Colonne e vani contenitore per prodotti per la pulizia di casa, asta portagrucceColonne scarpiera, vani per scatole e contenitore, ripiano ad uso seduta, asta per grucce portabito

Ingresso con armadio…ma non solo

Un armadio all’ingresso di casa è una delle migliori soluzioni contenitive possibili ma se l’armadio non basta, se vuoi qualcosa di più di un contenitore o se lo spazio lo consente, puoi affiancare altri elementi altrettanto funzionali. Per esempio un pannello a muro con ganci, specchio, mensole e cassetti, oppure cassetti e mensole singole. I pannelli possono anche essere dotati di asta per grucce portabito, per appendere pochi capi selezionati. Sempre utile: uno specchio. Oltre a donare luminosità e profondità all’ambiente, permette di darsi un’ultima occhiata prima di uscire di casa. Lasciati ispirare.

Ingresso con armadio a specchio e pannello con mensole e cassetto.


Ingresso sospeso con armadietto e pannello con ganci appendiabiti, specchio, mensole.


Ingresso con armadietto guardaroba chiuso, contenitori modulari, panchetta, pannelli con aste portabito a vista.


Ingresso con armadietto guardaroba, cestoni modulari, pannello con appendiabiti, specchio, cassetti.


Ingresso sospeso con armadietto ad anta scorrevole a specchio, pannello con mensole.

Le soluzioni mostrate in questo articolo ti hanno colpito? Ti piace qualche armadio fotografato e pensi che starebbe proprio bene all’ingresso di casa tua? Vuoi personalizzare una soluzione ingresso? Cerca il rivenditore Maconi più vicino a casa tua e contatta o visita di persona il negozio. Un arredatore ti aiuterà a realizzare l’armadio ingresso perfetto.

Rivenditori scarpiere Maconi

Potresti essere interessato a…

7 Aprile 2021 / / Interiors

 

Vi siete mai chiesti come arredare un bagno rettangolare? Bene , oggi voglio parlarvi e darvi qualche consiglio in merito. Vi è mai capitato di avere delle forme ridotte per il vostro bagno o avere una forma appunto particolare? E’ importante però che prima di procedere nella costruzione o ristrutturazione della vostra stanza , conosciate il regolamento edilizio e le norme necessarie. Come prima cosa , l’altezza della stanza deve essere pari a 240cm , invece per quanto riguarda le norme igieniche , la stanza deve essere dotata di un wc , un lavabo , un bidet ed una vasca da bagno o doccia. Per quanto riguarda la finestra non è necessaria se avete un’aspirazione meccanica ma necessario invece è l’antibagno (in particolare per edifici non adibiti ad abitazione). Si seguono delle distanze minime tra un oggetto ed un altro e finalmente potrete iniziare la progettazione del vostro bagno particolare!
Un must che ormai è presente in tutte le case moderne e di nuova costruzione sono i sanitari sospesi , che a mio dire anche da un punto di vista igienico sono la scelta più opportuna. Se lo spazio non è abbastanza , il bidet e il wc possono essere posizionati uno di fronte all’altro , lasciando ovviamente uno spazio tra essi. Per usufruire di ogni angolo , un consiglio è quello di utilizzare lo spazio sottostante al lavabo come mobiletto contenitore , quindi per asciugamani o piccola dispensa , che può essere sia aperto che chiuso , con ripiani e non , insomma a vostro piacimento. Inserire la doccia invece nella parte finale della stanza o meglio in un angolo (scegliendo un piatto doccia angolare) , permette di ricavare ulteriore spazio ; se invece preferite inserire uno rettangolare è bene posizionarlo sul lato più lungo della stanza. ATTENZIONE! Se siete comunque alla ricerca di relax e proprio non potete farne a meno la sera di mettervi a bagno con candele e nel più totale silenzio , esistono anche modelli di vasca di dimensioni ridotte che si possono utilizzare in questi tipi di ambiente. 
Sicuramente vi è capitato di vedere a casa di amici o parenti o anche in hotel 
i termosifoni al muro. Ecco , questa soluzione garantisce ancora ulteriore spazio da poter ricavare e se utilizziamo una forma come quella della foto a sinistra , permette di avere una doppia funzionalità 
ovvero di poterli utilizzare come poggia-asciugami.
Una cosa importante da valutare in questi ambienti è l’uso del colore delle pareti. Come sappiamo il bianco è il colore per eccellenza che rende la stanza più luminosa e spaziosa, ma ciò non vuol dire che altre tonalità non siano ammesse , anzi di solito quelle color pastello sono le più richieste!
Infine , per quanto riguarda l’illuminazione , se non c’è l’opportunità di avere quella naturale e bisogna ricorrere a quella artificiale , ciò che consiglio è l’utilizzo dei faretti a led o applique da muro.
Non dimenticate di inserire qualche pianta che dona freschezza alla stanza. E soprattutto ricordate che l’uomo deve rapportarsi con lo spazio e l’oggetto , perciò fate scelte corrette.
E TU POSSIEDI UN BAGNO CON FORMA PARTICOLARE?

M.