16 Ottobre 2021 / / Blogger Ospiti

Dove trovare idee originali, di design, per arredare casa? O semplicemente per rinnovare con stile, cambiando o introducendo nuovi pezzi e complementi? Sicuramente il primo passo è quello di visitare siti on-line specifici, i quali forniscono numerosi spunti e opzioni originali. Uno tra i più dedicati è proprio il blog arredamento di Arredaremoderno.com, ricco di novità e consigli su come rendere i vostri ambienti unici e dallo stile di design impeccabile.

Blog arredamento: scopri tutte le novità nell’arredamento di design per uno stile originale

Il blog di arredamento su Arredare Moderno tratta tutti gli argomenti nel mondo della casa e dell’arredamento. Soprattutto consiglia i migliori prodotti di design e di alta qualità da inserire nei propri ambienti.
Ci sono articoli e sezioni dedicate per ogni singolo interesse: dai migliori materassi, alle poltrone più idonee per la sala da pranzo e soggiorno. Dalle novità nei coffee table, ai migliori complementi per arricchire le stanze.
Questo blog di arredamento è il più indicato per chi cerca non solo consigli concreti su come arredare casa con stile, in che modo e in quale posizione collocare gli arredi; ma propone delle soluzioni concrete con oggetti e mobili di design di importanti marchi italiani. È una sorta di guida, che elargisce sì idee originali per la casa, ma anche delle opzioni immediate sui migliori prodotti di design in circolazione.
Il sito di Arredare Moderno offre soluzioni per la casa a tutto tondo. Ma non solo. Validi spunti e consigli anche per l’ufficio, per donare un tocco di stile anche nell’ambiente lavorativo, oltre che per ottimizzare gli spazi e renderlo più vivibile e confortevole.
Dai piccoli spazi a quelli più ampi, gli articoli su questo blog di arredamento, vi forniranno differenti e validi prodotti per ricreare lo scenario giusto nella vostra casa. Dai divani biposto a quelli ad isola, ai tavoli consolle allungabili e ad un’illuminazione adeguata in ogni spazio della casa. Ma anche dei più particolari ed innovativi letti e lampade domotiche, per ottimizzare anche il comfort acustico e, di conseguenza, quello abitativo.
Inoltre, tratta le tendenze del momento e quelle future, descrivendo i materiali ed i colori più in voga, oltre che consigliarne i migliori abbinamenti per una resa ottimale. Infine, suggerimenti su come creare un angolo relax di stile ed il tavolo perfetto per adornare la sala da pranzo.

Il blog di arredamento Arredare Moderno e i consigli per l’outdoor

Terrazze e giardini sono parte integrante, addirittura un allungamento, dell’arredamento domestico. L’esterno viene considerato una zona importante e, come tale, ha bisogno di essere arredata e adornata, oltre che perfettamente illuminata.
Poltrone, sedie, tavoli, luci e complementi. Anche qui è possibile sbizzarrirsi con l’intento di creare un outdoor comodo e di stile.
Inoltre, su Arredaremoderno.com, è possibile trovare informazioni e proposte fra i migliori pezzi di design per l’outdoor.
Come poltrone ed oggetti – opere d’arte, in grado di decorare il giardino come se fossero delle vere installazioni. Stessa cosa per i sistemi illuminanti da esterno.
Interessanti gli articoli sulle proposte di lampade e di illuminazione per gli spazi. La luce è una componente fondamentale nelle nostre case, oltre che per l’outdoor e sul blog di Arredaremoderno.com è possibile trovare delle preziose indicazioni su come posizionare le luci e quali tipologie di lampade scegliere per l’esterno.
I contenuti nel blog arredamento di Arredaremoderno.com sono frutto di esperienza degli attori nel settore della casa e del design, mirati ad offrire i migliori standard qualitativi e prodotti validi dello scenario Made in Italy. Sempre aggiornato e pronto ad offrire le migliori proposte sul mercato, per una casa di design originale e personalizzata.

15 Ottobre 2021 / / Blogger Ospiti

Chi ha appena acquistato una casa o desidera ristrutturare la propria abitazione, deve far fronte a tutta una serie di costi e imprevisti a cui andare incontro. È per questo che il primo passo da compiere è quello di fare una stima dettagliata, con preventivi alla mano, dei costi di ristrutturazione, totale o parziale, necessari per effettuare i lavori di ristrutturazione casa.

Per calcolare il preventivo di una ristrutturazione edilizia serve un’attenta valutazione durante tutte e cinque le fasi della ristrutturazione, e cioè:

  • Sopralluogo: la ditta incaricata di effettuare i lavori di ristrutturazione, dopo aver stimato un preventivo, effettua un sopralluogo nell’abitazione per iniziare a calcolare con precisione i costi necessari, per valutare lo stato dell’immobile e la fattibilità degli interventi, per scegliere i materiali.
  • Preparazione dei documenti necessari: l’impresa specializzata a cui ci si affiderà, saprà indicare e procurare i documenti necessari per richiedere l’inizio dei lavori.
  • Inizio del cantiere: quando tutti i permessi sono stati ottenuti, si può iniziare a lavorare alla ristrutturazione edilizia.
  • Verifiche durante i lavori: il capocantiere, gli architetti e i geometri si occuperanno di supervisionare costantemente i lavori.
  • Fine dei lavori e consegna: l’ultima fase è quella più importante perché è in gioco la soddisfazione del cliente.

Se si ha la necessità di ristrutturare la propria abitazione oppure è appena capitata l’occasione di acquistare la casa dei propri sogni ma non si dispone della liquidità necessaria, è bene sempre valutare l’ipotesi di richiedere un prestito per ristrutturare casa (dettagli qui), soprattutto in questo periodo storico in cui lo Stato spesso sovvenziona bonus anche al 100%.

Le spese di ristrutturazione: cosa calcolare

Come è facilmente intuibile, dunque, non è possibile stabilire con precisione matematica quali saranno i costi per ristrutturare una casa o un appartamento, ma è possibile calcolare alcuni elementi che incidono in maniera più o meno significativa sulle spese finali.

In primis, vi sono i materiali edili utilizzati, forse tra i fattori che più incidono sul prezzo finale della ristrutturazione: se si scelgono materiali di qualità, saranno sì più cari ma soprattutto più performanti e duraturi. In questo tipo di investimento, va tenuto conto del fatto che risparmiare oggi può voler dire spendere molto di più in futuro, per ripristinare un danno del tempo o dell’usura.

Anche la posizione, e dunque l’accessibilità dell’appartamento, incide sul prezzo finale, poiché serviranno più permessi e maggiori spese di cantiere se servirà occupare il suolo pubblico per ristrutturare l’appartamento.

Nella computa del prezzo per la ristrutturazione di una casa, inoltre, non vanno dimenticati dei costi variabili, come gli imprevisti, il costo della manodopera o il possibile aumento del costo dei materiali.

Entrando più nel dettaglio, è possibile fare una stima che riguarda i costi di ristrutturazione completa di un appartamento al mq:

  • Partendo dalla fase iniziale, quella di demolizione di piastrelle, sanitari, tramezzi, pareti, porte e finestre presenti in casa, e smaltimento dei materiali di risulta in una discarica autorizzata, si considera la spesa di circa 20€/mq; questo costo viene calcolato, oltre ai metri quadri, anche in kg di materiale da portare in discarica.
  • Per costruire le pareti in cartongesso, per creare nuove stanze o cambiare la disposizione dei tramezzi, si spendono circa 35€/mq.
  • Pavimentazione, posa in opera e massetto costano circa 45€/mq, ma il costo del rifacimento dei pavimenti dipende molto dal tipo di materiale scelto (resina e grès sono quelli più economici).
  • Per quanto riguarda i costi di messa a norma dell’impianto elettrico con quadro, serve spendere circa 45€/punto luce, considerando prese, interruttori, luci.
  • Per rifare l’impianto termoidraulico con caldaia, invece, il costo medio si calcola a corpo, così come per le spese di bagno e cucina.
  • Per quanto riguarda l’isolamento e/o la coibentazione delle pareti, il prezzo varia molto in base al tipo di pannello scelto e ai materiali impiegati, per un prezzo che oscilla dai 30 ai 100€/mq.
  • La tinteggiatura e la pittura delle pareti, dopo averle rasate, costano circa 10€/mq, e consiste in tre mani di pittura; ovviamente, il costo può variare in base al particolare tipo di tinta scelta.
  • Le porte e le finestre, infine, costano circa 200€/pz se sono in legno, ma anche in questo caso il costo dipende dal montaggio, dal materiale utilizzato, dalla qualità e dalle finiture degli infissi.

A queste somme totali, va aggiunto il +10%, che corrisponde all’ammontare dell’IVA.

Questo è un esempio-tipo di preventivo rilasciato da una ditta edile, motivo per cui è sempre importante chiedere un preventivo per un lavoro di ristrutturazione per un appartamento, per farsi un’idea del budget necessario alla ristrutturazione e per confrontarlo con altri preventivi.

29 Settembre 2021 / / Blogger Ospiti

Miele è da sempre uno dei brand di eccellenza nel settore degli elettrodomestici professionali. Qualità, innovazione e tecnologia sono alcune delle caratteristiche che si associano ai suoi prodotti. Gli elettrodomestici Miele sono il risultato di un’attenzione costante alla componente ingegneristica, all’estetica e al design.
La qualità dei prodotti è data anche dai processi di produzione: le apparecchiature vengono sviluppate dagli ingegneri aziendali e prodotte internamente, infine ogni prodotto è sottoposto a un test finale per verificarne la robustezza di costruzione e il corretto funzionamento. Ogni prodotto Miele si caratterizza per gli alti standard produttivi che garantiscono elettrodomestici e componenti per la cucina qualitativamente alti.

Miele è una delle eccellenze del Made in Germany e la sua storia inizia nel 1889 come impresa familiare indipendente. Ad averla fondata furono Carl Miele e Reinhard Zinkann. Inizialmente venivano prodotti semplici centrifughe per il latte e zangole a motore elettrico, successivamente si avviò anche la produzione di lavatrici e biciclette. Nel giro di pochi anni l’azienda aumentò la sua produzione tanto da aprire un nuovo stabilimento a Bielefeld. Intanto la voglia di spingersi sempre oltre e fare meglio portò alla produzione dell’aspirapolvere nel 1927, della lavastoviglie nel 1929 e del frigorifero per uso professionale nel 1933. Dopo la seconda guerra mondiale, durante la quale la produzione fu convertita temporaneamente in semilavorati destinati al confezionamento di materiale bellico, Miele inizia ad espandersi con la produzione di cucine e l’apertura di molte filiali nei paesi europei. Nonostante la forte internazionalizzazione l’azienda tuttavia ha sempre valorizzato le sue origini e la dimensione familiare da cui è nata. Oggi la produzione si concentra principalmente negli stabilimenti tedeschi tuttavia diverse sono le sedi in Europa, In Italia ad esempio la prima filiale viene inaugurata a Bolzano nel 1961.

Il motto che caratterizza Miele Elettrodomestici, “Immer Besser” ovvero “sempre meglio, è un vero e proprio manifesto che racchiude la volontà di produrre soluzioni sempre all’avanguardia in continuità con i valori e gli obiettivi che da sempre caratterizzano la filosofia aziendale e la produzione. Tra i prodotti che oggi caratterizzano il catalogo aziendale ci sono lavatrici, asciugatrici, congelatori, stiratrici, frigoriferi, e vere e proprie cucine (produzione esternalizzata), ma anche piccoli elettrodomestici come macchine per il caffè, aspirapolveri e forni a microonde. Gli elevati standard di durata, la prestazione, il comfort d’uso, l’efficienza energetica, il design sono gli elementi che caratterizzano questi prodotti e rendono il marchio sinonimo di affidabilità. Su www.miele.it è possibile conoscere e visionare il catalogo. La relazione tra componente ingegneristica e design, che contraddistingue i prodotti Miele, è stata messo in evidenza anche attraverso riconoscimenti importanti come l’Universal Design Consumer Awards nel 2017 per la lavatrice W1 Classici e il Red Hot Design nel 2017 per cinque prodotti:

  • il Blizzard CX1
  • le Lavatrici professionali serie PW 413 / 418 / 811 / 814 / 818
  • i Frigoriferi K 20.000
  • il Frigo-congelatore KFN 29283 D bb
  • il sistema TwoinOne
  • L’avanguardia, dal punto di vista tecnologico, nei prodotti

Miele si coniuga con la ricerca di una stile definito, elegante, lineare e riconoscibile.
Uno degli elementi che caratterizza la filosofia aziendale è la sostenibilità, un presupposto che si manifesta nelle pratiche e nella cultura aziendale. Miele è membro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la sostenibilità Global Compact e firmataria della “Carta della Diversità”.

7 Settembre 2021 / / Blogger Ospiti

Anche il mondo dell’edilizia segue ormai scelte sempre più green. Ultimamente, infatti, nel mondo delle costruzioni, si sta imponendo la cosiddetta bioedilizia o bioarchitettura: un modo sempre più sostenibile per concepire l’edilizia.
Il cuore del boom di questo settore è costituito senza ombra di dubbio dalle case in legno, che stanno riscuotendo un successo ogni giorno più grande, grazie ai numerosi vantaggi che offrono non soltanto in fatto di ecosostenibilità, ma anche di design e comfort. Questa enorme diffusione caratterizza ormai non soltanto le zone del Nord Europa – dove sono da sempre molto diffuse – ma anche l’Italia.

Perché scegliere una casa in bioedilizia

Guardando già l’offerta di Pineca.it, azienda italiana che da sempre si occupa di costruzioni in legno, spaziando dalle casette da giardino ad abitazioni vere e proprie, ci si rende conto di come il mondo della bioedilizia sia pieno di vantaggi, specie rispetto alla controparte in muratura tradizionale. Controlla questo sito web per scoprire modelli e prezzi.
Si guardi in primo luogo al materiale principale di queste costruzioni: il legno. Deriva da foreste giovani e certificate, segno che la sua estrazione non va minimamente a contribuire alla deforestazione, una delle piaghe che negli ultimi tempi sta colpendo il pianeta. Abete rosso e larice sono le varietà di legno più utilizzate, ottime per il loro apporto qualità/prezzo, ideali per la costruzione di queste strutture. Infatti, queste tipologie di legno sono facilmente lavorabili con delle tecniche a ridotto impatto ambientale: questo significa che scegliere una casa in legno è una decisione green sin dalla nascita.
Questo sistema di costruzione ha una notevole ricaduta anche sul prezzo: le case in legno coibentate, a parità di dimensioni, efficienza energetica e comodità, sono più economiche rispetto a quelle in muratura. Ovviamente, il prezzo resta pur sempre una variabile. Esistono, infatti, dei cataloghi di modelli prefabbricati di case in legno, che possono venire acquistati così come sono oppure essere personalizzati seguendo il gusto dei proprietari. In questo secondo caso, ovviamente, il prezzo risulterà modificato.
Tra le proprietà del legno utilizzato, due vanno assolutamente citate: l’elasticità e la flessibilità del legno, infatti, rendono le case in bioarchitettura particolarmente adatte a resistere a scosse sismiche e terremoti. La loro resistenza è notevole anche in caso di incendio: il legno, contrariamente a quanto suggerisce l’immaginario comune, a contatto con il fuoco si carbonizza, rendendo difficile la propagazione di un eventuale incendio. Come se ciò non bastasse, il legno viene sempre trattato con materiali che lo rendono ignifugo.
Il legno di queste abitazioni è preparato anche in maniera tale da essere più durevole di quando trovato in natura. I legni di abete e larice, poi, sono particolarmente resinosi, e dunque perfetti per contrastare l’azione di larve e parassiti: questi ultimi non si depositeranno nella vostra abitazione, che dunque non marcirà e non si logorerà con il tempo.
Questo tipo di legno si rivela un ottimo materiale termoisolante, garantendo dunque un minore consumo di energia per il mantenimento della giusta temperatura nelle stagioni più calde o in quelle dal clima più rigido. Implicando un minore consumo di energia, in virtù – per così dire – di un’efficienza energetica spontanea, la casa in legno rivela dunque un ulteriore vantaggio green; questo vantaggio può essere arricchito e perfezionato mediante l’installazione di pannelli fotovoltaici o pannelli solari, che garantirebbero la produzione naturale di energia elettrica o di acqua calda.
Questi ultimi accorgimenti possono essere implementati già nella costruzione della casa stessa, a patto di selezionare una consegna “chiavi in mano”. Esiste infatti la possibilità di acquistare una casa in legno più grezza, da rifinire e sistemare prima di essere resa abitabile: in quest’ultimo caso, il prezzo dell’abitazione in sé sarà più contenuto, ma il proprietario dovrà certamente affrontare altre spese per rendere perfettamente vivibile l’ambiente.
Ecco quindi le ragioni del successo di queste costruzioni in legno: anche l’Italia ha finalmente colto i vantaggi della bioedilizia, in termini di risparmio ed efficienza energetica, contribuendo dunque alla crescita inarrestabile di questo settore. Grazie a una spesa iniziale più contenuta rispetto a quella richiesta da una costruzione in laterocemento, e a parità di dimensioni, aspetto e comfort, un’abitazione in bioedilizia garantirà grande benessere ai suoi abitanti.

7 Settembre 2021 / / Blogger Ospiti

I tappeti: elementi di arredo tanto belli, quanto preziosi e delicati. Sono dei tessuti capaci di cambiare radicalmente l’aspetto di un ambiente della casa ma, allo stesso tempo, hanno un costante bisogno di pulizia e manutenzione che richiedono tecniche e accorgimenti particolari.
I tappeti, infatti – specie quelli collocati nelle zone più affollate della casa – tendono ad accumulare polvere e sporco, compresi peli di eventuali animali. Questo vale sia per i tappeti degli ambienti interni sia per gli zerbini, ancora più esposti, all’esterno di casa (ma che proprio per questo a volte sono più semplici da lavare). Una pulizia costante e metodica è dunque più che necessaria.

Un buon aspirapolvere per pulire i tappeti

Per una corretta pulizia di un tappeto, può essere fondamentale l’utilizzo di un aspirapolvere con una bocchetta per tessuti, accessorio pensato proprio per pulire i tappeti (e altre superfici delicate) senza danneggiarli. Questo è il caso di un aspirapolvere potente come quelli della linea Roomba dell’azienda iRobot, decisamente adatto a questo tipo di superfici per potenza e caratteristiche specifiche, che permettono di aspirare lo sporco accumulato – peli di animali compresi, particolarmente insidiosi perché capaci di intrecciarsi alle fibre del tessuto –prima che insorgano cattivi odori o compaiano acari.

Attenzione alle macchie

Premettendo che ogni macchia va trattata a suo modo, la linea guida da seguire per principio è quella di intervenire il prima possibile, tamponando la macchia sul tappeto con del borotalco, senza sfregarla (altrimenti si corre il rischio assai elevato di rovinare le fibre del tessuto, rendendo la situazione ancora più grave e il danno evidente).

Pulizie approfondite

Se il passaggio dell’aspirapolvere o l’utilizzo del battitappeto sono operazioni da eseguire almeno due volte a settimana, ci sono delle forme di pulizia più profonde che andrebbero eseguite una o due volte l’anno.
Sono, in linea di massima, operazioni che possono essere svolte nell’ambito domestico, ma, in caso di tappeti preziosi o di dimensioni notevoli, potrebbe essere il caso di rivolgersi a ditte di professionisti. In linea di massima, meglio controllare sempre le avvertenze sull’etichetta del tappeto, per capire con quale criterio procedere al lavaggio.

Alcuni consigli per il lavaggio e l’asciugatura dei tappeti

Tra gli accorgimenti da adottare va certamente citato quello di testare il detergente su una piccola area del tappeto, per valutarne la reazione. Soltanto se questa si rivela positiva, si potrà estendere l’utilizzo del prodotto a tutto il tappeto.
Un altro consiglio da seguire dopo il lavaggio, invece, riguarda la disposizione del tappeto stesso per l’asciugatura: mai collocarlo in verticale, per evitare che il tappeto si deformi sotto il suo stesso peso; meglio, invece, metterlo in orizzontale.
Questi accorgimenti riguardano soprattutto i tappeti più in vista: quelli di bagno e cucina, essendo di solito più semplici e di piccole dimensioni, possono anche essere lavati in lavatrice, con un programma ad acqua fredda per capi delicati.

Pulizia e manutenzione di un tappeto pregiato

Per tappeti pregiati come quelli persiani, si rinnova il consiglio di rivolgersi a delle ditte di professionisti nella pulizia di tappeti. Il proprietario può eseguire una prima pulizia con aspirapolvere regolarmente, ma non alla massima potenza e almeno una volta ogni due settimane.
Evitare di camminarci sopra con le scarpe e ruotarlo di quando in quando, così che non ci siano aree più calpestate e logorate di altre, sono altri consigli validi. Inoltre, è meglio non esporre un tappeto di pregio alla luce diretta del sole, per evitare che scolorisca; allo stesso tempo, meglio evitare di disporlo in un ambiente umido o, ad esempio, a contatto con vasi.
È meglio evitare di utilizzare violentemente il battitappeti: può essere più saggio ribaltare il tappeto sul pavimento e poi percuoterlo delicatamente, per far staccare lo sporco, da raccogliere infine con una scopa molto morbida.
La rimozione della polvere può essere seguita da un’immersione in una vasca con una soluzione cremosa di sapone non ionico, per almeno tre o quattro ore. Un’altra passata di scopa, infine, sarà seguita dall’utilizzo di uno spazzolone a rullo, per rimuovere tutte le tracce di sapone: il risciacquo andrà effettuato più volte e sempre seguito dal passaggio dello spazzolone.

31 Agosto 2021 / / Blogger Ospiti

Le porte esterne non hanno un valore importante soltanto in quanto elementi funzionali, visto che si caratterizzano anche come elementi di arredo. Possono essere considerate elementi di arredo sia per l’interno che per la facciata dell’abitazione, ecco perché dovrebbero essere sempre adeguate allo stile della casa e allo stesso tempo rispecchiare le preferenze personali. È importante che le porte esterne siano sicure a tutti gli effetti, perché rappresentano un punto di accesso all’abitazione e quindi devono essere a prova di ladro. Per questo si possono per esempio installare le porte blindate.

Perché le porte esterne sono elementi di arredo

Proprio nel nome della sicurezza è fondamentale che si provveda ad una manutenzione costante delle porte da esterno, rivolgendosi a dei professionisti come un fabbro provincia Monza o in un’altra città italiana, per riuscire ad eliminare anche quegli eventuali problemi che possono rendere le porte più accessibili ai malintenzionati.
Tutto questo naturalmente un professionista lo fa rispettando lo stile della porta stessa, considerando le varie variabili che ci possono essere per la porta in quanto elemento di arredo, a seconda per esempio che la porta faccia parte di un palazzo storico o moderno o di una casa indipendente.
In ogni caso, qualunque sia la soluzione adottata, il portone di ingresso è una struttura architettonica molto importante, che dovrebbe essere scelta in modo da essere armonica con il resto della facciata e con le finestre.
Per scegliere le porte esterne e considerare le variabili estetiche, è opportuno concentrarsi su due aspetti che sono costituiti dallo stile e dal colore. Vediamo più specificamente queste caratteristiche.

Fonte Pixabay

Lo stile e il colore per le porte di ingresso della casa

Partiamo dallo stile. Da questo punto di vista le porte di ingresso possono essere classiche o moderne. In genere sono classiche le porte che hanno una tinta unita e che possono essere lisce o intarsiate, possono avere delle linee quadrate e rettangolari oppure delle linee curve. Possono essere combinate anche con delle parti in vetro.
Le porte in stile moderno, invece, hanno solitamente delle linee semplici ma eleganti e sono studiate per combinare insieme diversi materiali. Per esempio possiamo distinguere, fra gli stili più contemporanei, anche lo stile industriale, che si rifà spesso al mix di legno e metallo.
Altra parte importante è, come abbiamo detto, il colore. Tutto dipende anche dal voler dare particolare risalto alla porta rispetto alla facciata. In questo caso allora il colore dovrebbe essere in contrasto rispetto a quello delle altre parti della facciata. Si potrebbe creare un effetto di chiaroscuro tra le pareti e la porta.
Chi preferisce invece uno stile classico potrebbe optare per il color legno, per il verde o per il bianco, in quanto, essendo molto versatile, si adatta a qualsiasi tipo di arredamento.
Ma ci sono vari stili da considerare anche in relazione al colore. Basti pensare per esempio in questo senso al tipico stile americano caratterizzato dalle porte esterne blu, mentre per esempio per gli edifici storici si può pensare a delle porte in stile liberty.
Ci sono anche coloro che vogliono dare un tocco di profonda originalità, per questo pensano ad utilizzare colori di forte impatto visivo, come per esempio il rosso o il nero lucido che rimandano direttamente ai caratteri tipici della pop art.
Altro fattore da non dimenticare è quello che è costituito dalle proprietà termoacustiche che una porta di ingresso dovrebbe avere. Infatti queste caratteristiche sono importanti per garantire il massimo comfort abitativo, non dimenticando che le porte esterne devono sempre avere la funzione di fare da barriera e da protezione. Anche da questo punto di vista si possono scegliere diverse soluzioni a seconda del budget a disposizione e a seconda delle proprie esigenze.

31 Agosto 2021 / / Blogger Ospiti

Una ripartenza nel segno dell’illuminazione a misura d’uomo progettata per durare nel tempo: Delta Light sarà protagonista del Fuorisalone 2021 presentando prodotti che danno forma alla sua innovativa visione di human-centric e future-proof design.

Presenti nel catalogo The Lighting Bible 14, gli innovativi sistemi di illuminazione della multinazionale belga saranno al centro di iniziative ospitate sia nello showroom di via Bugatti
che in diverse location del capoluogo lombardo.

Tra le attività in programma dal 4 al 10 settembre, da segnalare:

  • installazione multisensoriale #wantyouclose Fuori Salone 2021 Edition;
  • presentazione del progetto Soliscape con l’attesa presenza di Ben van Berkel, fondatore e principal di UNStudio;
  • partecipazione in qualità di lighting partner a quattro eventi speciali.

“La nostra presenza al Fuori Salone 2021 è ricca di significati e iniziative che vanno nella direzione di un futuro sostenibile e migliore” ha dichiarato Gianluca D’Avino, country manager di Delta Light Italia. “C’è bisogno di ritrovare ciò che si è smarrito durante la pandemia: riapriremo il Delta Light Studio Milano con un’installazione che è un ponte di ritrovate connessioni emotive e sensoriali, un simbolico link tra l’uomo e la natura. Estenderemo questo ponte a tutta la città di Milano, con appuntamenti ispirati alla storia, alla cultura, alla solidarietà e alla contemporaneità.”

Il Fuori Salone 2021 sarà anche una finestra sul futuro di Delta Light: “Proporremo soluzioni illuminotecniche che mostrano concretamente come migliorare la vivibilità degli spazi residenziali e lavorativi, tutelando l’ambiente e la salute delle persone senza rinunciare a raffinate soluzioni estetiche” ha dichiarato Jan Ameloot, CEO di Delta Light NV “Il nostro percorso aziendale è sempre più orientato verso una nuova sostenibilità.”

Want You Close, un’installazione multisensoriale

La partecipazione di Delta Light al Fuorisalone 2021 prenderà il via sabato 4 settembre alle ore 18.00 con l’inaugurazione di #wantyouclose Fuori Salone 2021 Edition, presso il Delta Light Studio Milano.
Simbolica rappresentazione di una ripartenza post pandemica ispirata all’uomo, alle relazioni interpersonali, ai sensi ed alla natura, l’esposizione ridisegnerà gli spazi dello showroom di via Bugatti con un percorso di profumi, colori ed emozioni: un giardino urbano indoor, illuminato dai nuovi prodotti Delta Light, guiderà il visitatore in una suggestiva esperienza multisensoriale.

“L’installazione #wantyouclose Fuori Salone 2021 Edition ci darà l’opportunità di presentare, finalmente dal vivo, le nostre più recenti creazioni, come il sistema Soliscape, realizzato insieme ad UNStudio, o come Nime di Dean Skira, un apparecchio unico, invisibile eppure tangibile” ha sottolineato Danilo Mandelli, direttore della Project Management Division Delta Light HQ. “Questo lungo periodo di difficoltà ci ha reso più forti e più creativi, consentendoci di lavorare per una migliore versatilità estetica e funzionale dei nostri prodotti.”

L’installazione #wantyouclose Fuori Salone 2021 sarà visitabile fino al 9 settembre dalle ore 10.00 alle ore 21.00 ed ancora il 10 settembre dalle 10.00 alle 14.00 con ingresso gratuito previa preregistrazione a questo link.

Ben Van Berkel presenta il progetto Soliscape

Uno dei momenti più importanti del programma di iniziative di Delta Light sarà la conferenza stampa di presentazione del sistema di illuminazione Soliscape con l’attesa e davvero speciale partecipazione di Ben van Berkel, fondatore di UNStudio; di Jan Ameloot, CEO di Delta Light NV e di Danilo Mandelli, direttore della Project Management Division Delta Light HQ.

L’incontro avrà luogo lunedì 6 settembre alle ore 16.00 presso il Delta Light Studio Milano. Frutto della stretta collaborazione tra Delta Light e il prestigioso studio di architettura e design olandese, il sofisticato sistema combina l’illuminazione con l’acustica e l’IOT, regolando il proprio funzionamento in modo dinamico ed adattativo in relazione al comportamento delle persone ed alle condizioni in cui queste operano.

Le partecipazioni sociali di Delta Light

Delta Light sarà lighting partner di diversi eventi promossi nel segno della solidarietà e della cultura.

Dal 5 al 10 settembre il Nime by Dean Skira sarà protagonista dell’iniziativa benefica “A flame for research”, promossa a favore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri. La più piccola lampada da incasso mai realizzata è stata scelta dagli organizzatori per illuminare i dieci candelabri d’autore messi in vendita presso lo studio Offstage di piazza Bertarelli. Progettata da Dean Skira, Nime è stata scelta per la sua luce drammatica e per la sua capacità di illuminazione estremamente puntuale.

L’iniziativa “Vietato l’ingresso” vedrà invece le luci Delta Light fare il loro ingresso nel Teatro degli Arcimboldi. Qui, dal 6 al 10 settembre, sarà possibile vedere come i sistemi luminosi della multinazionale belga stanno contribuendo alla ristrutturazione di 4 tra i 17 storici camerini.

Nel monumentale Palazzo Bovara, poi, Delta Light sarà unico partner di illuminazione architettonica della mostra “La casa Fluida” organizzata da Elle Decor. Visitabile dal 4 al 12 settembre, l’esposizione esplora le nuove frontiere del design residenziale, suggerendo un’idea di casa sospesa tra lavoro e tempo libero, studio e vissuto domestico.

Le iconiche Superloop, invece, daranno letteralmente luce agli ambienti espositivi di Spazio Gessi, lo showroom di 1500 metri quadri ricavato da un vecchio cinema nel centro del Distretto della Moda.

Da citare, infine, la presenza di Delta Light all’interno della meravigliosa arena del caffè in Starbucks Roastery a piazza Cordusio. In quello che è considerato il “teatro del caffè” sarà possibile scoprire le peculiarità di un sistema di illuminazione tailor-made, dominato da luci, progettate e realizzate ad hoc, la cui forma richiama la paletta usata per raccogliere i chicchi di arabica.

Insomma, Delta Light torna protagonista del Fuorisalone 2021 con una ricca offerta di soluzioni luminose, che ne conferma la leadership tecnica e creativa nei mercati internazionali e sempre più in quello italiano.

Il calendario completo delle iniziative promosse è consultabile sul sito Delta Light.
Tutti gli eventi in programma si svolgeranno nel rispetto delle misure vigenti per il contenimento dell’epidemia da COVID-19.

Per informazioni: Press Office
Antonio De Guglielmo 3332374088
Romolo Napolitano 3896847010

31 Agosto 2021 / / Blogger Ospiti

Una lampada di emergenza è una fonte luminosa che si attiva quando se ne va la luce a causa di un guasto, dovuto a un cortocircuito o anche al maltempo. È indispensabile sul posto di lavoro in quanto consente ai lavoratori di individuare e raggiungere le uscite, evitando di farsi prendere dal panico e incorrere nei più disparati incidenti, allo stesso tempo permette di mettere in sicurezza anche la propria abitazione.
Nelle condizioni di scarsa illuminazione tali dispositivi sono utilissimi e anche necessari per legge, ecco perché è bene conoscerli meglio.

Come funzionano le lampade di emergenza

Le lampade di emergenza di norma, quando l’ambiente è illuminato dalle fonti di luce predisposte, sono spente, si attivano in automatico esclusivamente quando la corrente salta. Questo è possibile perché vengono alimentate con una batteria indipendente dalla rete elettrica. Affinché tali dispositivi funzionino alla perfezione devono essere collegati al sistema energetico dell’abitazione, in questo modo possono sia rilevare il guasto che ricaricarsi. Essendo spente per la maggior parte del tempo occorre sfruttare due accorgimenti per valutare se funzionano:

  • Controllare che un led luminoso colorato, presente in tutti i modelli, sia acceso quando sono in ricarica.
  • Usare le lampade con auto-tester che possono essere accese premendo un interruttore specifico collocato sul loro corpo.

È possibile acquistare le lampade di emergenza direttamente online su portali specializzati come quello di RS Components. Infatti, su questo shop online si trovano tantissimi modelli di qualità adatti a tutte le esigenze. Scegliere una realtà che opera online presenta numerosi vantaggi, il primo è sicuramente quello di avere una grandissima scelta, in secondo luogo si può fare shopping dove e quando si vuole, infine è possibile ricevere la merce direttamente all’indirizzo fornito, con un imballaggio fatto a regola d’arte, in pochi giorni.

Le varie tipologie di lampade di emergenza

Le lampade di emergenza più diffuse sono quelle descritte nel precedente paragrafo, cioè collegate all’impianto elettrico il quale consente anche di ricarica la loro batteria, ce ne sono, però, pure altri tipi indipendenti dalla rete dello stabile in quanto presentano una fonte energetica alternativa che deve essere ricaricata e sostituita. In questo caso l’istallazione sarà facilitata perché si potranno mettere proprio dove si desidera. Di solito, infatti, questo tipo di illuminazione viene collocata sulle porte o lungo le vie di esodo, per indicare ai lavoratori la strada che devono seguire per uscire dal locale di produzione e mettersi in sicurezza.
All’atto dell’acquisto bisogna considerare se si cerca un sistema che permette esclusivamente di segnalare, quindi non fa molta luce, oppure consente, grazie a grandi faretti, di scrutare tutto l’ambiente circostante.  Le lampade più diffuse sono quelle a parete che, come dice il nome devono essere fissate su un muro perimetrale o sul soffitto, a queste si affiancano i modelli a incasso le quali non sporgono all’esterno perché sono collocate in un alloggiamento nella parete, infatti la loro struttura spesso non è rifinita. In questa categoria si annoverano anche quelli portatili che possono essere rimossi dal loro alloggiamento per essere portati dove si necessita.
Attualmente tutti i sistemi sono equipaggiati di lampadine a LED le quali possono, rispetto a quelle a incandescenza che consumano molto, garantire un’illuminazione protratta nel tempo che dura fino a 3 ore, lasso temporale che permette sicuramente di sgombrare il locale o riparare il guasto.

31 Luglio 2021 / / Blogger Ospiti

L’acquisto online di articoli per l’arredamento è un trend in continuo aumento. Soprattutto quando si parla di arredo bagno, sono sempre di più le persone che scelgono di affidarsi ad e-commerce affidabili per dare nuova forma al proprio bagno.

Ma quali sono i siti a cui fare riferimento? Quando si parla di arredo bagno in Italia possiamo contare su e-shop autorevoli che guidano l’utente in ogni fase d’acquisto e propongono prodotti dei migliori brand a prezzi vantaggiosi. Tra i principali leader in Italia troviamo: Bagnolandia, Deghi Shop e Bagno Expert. Scopriamo insieme perché sceglierli per acquistare i sanitari per il tuo bagno.

Bagnolandia: i prodotti migliori a prezzi bassi

Bagnolandia è uno tra gli e-commerce specializzati nella vendita di arredo bagno più utilizzati in Italia. Al suo interno possiamo trovare numerose categorie: sanitari, rubinetteria, scarichi, mobili per il bagno, accessori per la doccia, box doccia e vasche da bagno, specchi e rivestimenti. Inoltre, propone le collezioni dei migliori brand specializzati nella produzione di arredo per il bagno.

L’e-commerce Bagnolandia è entrato nella classifica dei 500 migliori shop online del 2020.

Su questo sito è possibile contare su trasporti rapidi e sicuri, e operatori sempre pronti a guidare l’utente nell’acquisto. Con un catalogo di oltre 10.000 prodotti pronti per la spedizione è la scelta ideale per chi cerca affidabilità e sicurezza. A dirlo sono anche le recensioni dei clienti che ogni giorno scelgono Bagnolandia per trovare sanitari di qualità in poche mosse.

Deghi Shop: semplice e intuitivo

Il sito offre un’ampia scelta di elementi per il bagno, dai sanitari agli accessori per il bagno, dai mobili lavabo ai prodotti per la lavanderia. Anche qui possiamo trovare informazioni dettagliate sulle condizioni di pagamento e sulle agevolazioni, con una chat a disposizione degli utenti che hanno bisogno di assistenza per l’acquisto.

Oltre all’arredo bagno, su Deghi Shop possiamo trovare diversi complementi d’arredo per l’esterno, per godersi al massimo il proprio giardino e ricreare delle piccole oasi di relax.

Bagno Expert: disponibilità e cortesia

Un altro e-commerce interessante per l’arredo bagno online è Bagno Expert che da oltre 35 anni nel mercato soddisfa le esigenze del consumatore. Le recensioni dei clienti si soffermano in particolare sulla disponibilità e la cortesia degli operatori che si occupano dell’assistenza online. Tra le categorie presenti sul sito troviamo gli elementi per il bagno, ma anche articoli per l’idraulica e per la zona lavanderia.

Anche su Bagno Expert le informazioni importanti per l’acquisto sono ben espresse e consentono all’utente di conoscere nel dettaglio le condizioni per l’acquisto.

Quali requisiti non possono mancare?

Abbiamo individuato per te 3 portali affidabili e sicuri, ma quali sono i segnali che dobbiamo cercare quando si deve scegliere un e-commerce di arredo bagno? La serietà e la solidità dello store devono essere messi al primo posto. Seguono poi la semplicità nell’utilizzo della piattaforma, la disponibilità degli operatori, le condizioni di acquisto e di recesso, ma soprattutto le recensioni dei clienti.

Prima di affidarsi all’acquisto online, non solo quando si parla di sanitari per il bagno, è essenziale verificare i requisiti del portale scelto. E se qualcosa non va, si è sempre in tempo a cambiare e-commerce!

(Copyright immagine)

30 Luglio 2021 / / Blogger Ospiti

Progettare il restyling o la ristrutturazione di un appartamento vuol dire entrare nel mondo dell’interior design dalla porta principale. Non si tratta soltanto di pensare le stanze e i diversi ambienti nel nome del dinamismo e con l’intento di suscitare l’effetto wow. Vuol dire anche metterne a fuoco la funzionalità, concentrandosi sugli aspetti strutturali e – soprattutto – sull’arredamento. E’ la casa che, insomma, deve adattarsi alle persone che la vivono a seconda di quelle che sono le loro preferenze e necessità. E’ per questo che la cosa migliore da fare sarà sottoporre il piano strutturale degli architetti a un esperto di interior design. Una regola che vale doppio in alcune stanze che si pongono come vero e proprio crocevia all’interno della casa, come ad esempio il soggiorno. Si devono scegliere i colori dominanti, il tipo di illuminazione e soprattutto selezionare i complementi d’arredo, con un occhio di riguardo per ciò che concerne sia i materiali che i tessuti.

Made in Italy, ecco perché rappresenta un valore aggiunto

Sempre più spesso si sceglie di optare per prodotti di brand made in Italy, che assicurano versatilità e durevolezza. Questo tipo di arredi, proprio per l’intrinseca qualità che li contraddistingue, finiscono inoltre per veder aumentare il proprio valore nel tempo. Artigianalità e innovazione si fondono, dando vita a pezzi unici che impreziosiscono le stanze. Il settore è in continua espansione ma è possibile indicare alcune realtà leader, come ad esempio B&B Italia. L’azienda, fondata a Milano nel 1966, si offre quale sinonimo di gusto targato made in Italy da oltre 50 anni. Sia che si tratti di pensare le stanze che rappresentano il cuore pulsante della casa, come il soggiorno o la camera da letto, o che si debbano definire gli spazi outdoor dunque scegliere gli arredi da giardino, gli amanti del bello e delle cose preziose potranno trovare sempre la soluzione migliore sfogliando il catalogo aggiornato. L’azienda si è saputa distinguere fin da subito per l’approccio innovativo e industriale della produzione, infatti all’epoca il settore del mobile era orientato ancora verso realtà artigiane di dimensioni ridotte. Furono, peraltro, i celebri architetti Renzo Piano e Richard Rogers a progettare l’iconica sede centrale nel 1972.

I migliori consigli in fatto di consulenza e progettazione

Abbiamo accennato all’importanza della progettazione degli spazi, intrecciata alla definizione del perfetto arredo casa per migliorare la qualità della vita tra le mura domestiche. Il fai da te è sempre sconsigliato in questo contesto e, anzi, la cosa migliore da fare sarà affidarsi per tutto ciò che concerne idee, progetti e aspetti tecnici a un team di esperti come quello offerto da Cavallini1920. Si tratta di una realtà che è punto di riferimento da un secolo per quanto riguarda l’arredamento made in Italy ed è rivenditore ufficiale di molti brand di grido tra i quali, peraltro, c’è anche B&B Italia. Viene offerto un servizio di consulenza ad hoc il cui obiettivo è soddisfare le aspettative e le necessità di chi per la propria casa vuole solo il meglio. Il team, step by step, si occupa di affiancare il cliente nella definizione di atmosfere sempre diverse e raffinate oltre che accoglienti.