17 Luglio 2019 / / Blog Arredamento

Un arredamento moderno per gli interni è la soluzione ideale per trascorrere piacevoli giornate nel massimo comfort. Con l’arrivo della bella stagione, le giornate sono più lunghe e il sole tramonta ben oltre le 9 di sera: vale la pena di approfittare di questa occasione per rilassarsi in casa, da soli o in compagnia degli amici. E perché non farlo in giardino? La scelta dei complementi di arredo per gli ambienti outdoor, così come per gli interni, deve essere oculata e ponderata con la massima attenzione, senza trovare la scusa che la pioggia e gli altri fenomeni atmosferici potrebbero causare danni: anzi, proprio per questo motivo vale la pena di puntare su soluzioni di qualità, in grado di resistere a lungo nel tempo e di non subire le conseguenze negative dell’usura o di un clima avverso.

Uno stile moderno per gli ambienti della tua abitazione

Dai divani alle lampade, dalle poltrone ai tavoli, sono molti gli elementi che possono comporre l’arredamento di una casa moderna, e la sfida è quella di trovare il giusto compromesso tra eleganza e comfort. Chi è in cerca di consigli su come arredare una casa moderna, può fare riferimento a professionisti del settore come Artheco che, tra le altre cose, ci consiglia di tenere conto della disposizione, in quanto dovrà essere piuttosto rigorosa dal punto di vista geometrico, all’insegna di un formalismo primitivo: vale per tutti gli ambienti di casa e sia per gli elementi di arredo più importanti, come le sedie, i divani o i tavoli, sia per gli accessori più decorativi.

Anche gli spazi outdoor giocano un ruolo nella modernità

Una volta conclusa la fase di arredamento della zona giorno e della zona notte, è ora di pensare al giardino che, allo stesso modo, deve essere messo a punto e organizzato in modo da risultare coerente con lo stile del resto dell’abitazione, in modo che si crei un equilibrio armonico con gli spazi interni.
Un design contemporaneo in genere delinea, per gli spazi esterni, uno stile minimalista, ma questo non vuol dire che si debba rinunciare alla bellezza, anzi. Occorre, piuttosto, puntare su geometrie controllate e linee ben definite, che sono gli elementi peculiari di spazi minimal in cui la discrezione si sposa con la sobrietà. Anche l’illuminazione deve essere studiata in tutti i dettagli, soprattutto se si è alla ricerca di un effetto futuristico per particolari elementi di arredo. Le linee possono comunque essere sinuose: quello che conta è che rappresentino un’estensione della casa, facendo in modo che la tecnologia trovi un connubio ideale con la luce e la natura.

Quali materiali scegliere per gli ambienti esterni

Per quel che riguarda la scelta dei materiali, al di là dei gusti estetici che meritano di essere presi sempre in considerazione, il consiglio è quello di puntare su soluzioni idrorepellenti, proprio perché non si può fare a meno di valutare l’esposizione agli agenti atmosferici. L’assortimento di proposte tra cui scegliere è molto ampio, visto che si spazia dal midollino all’acciaio inox, passando per il pvc e il polipropilene, senza dimenticare il rattan e il vimini. Ci sono, poi, i grandi classici come il legno, la ghisa, il ferro e le leghe di alluminio.

Gli arredi in vimini, nello specifico, sono suggeriti a coloro che preferiscono le proposte country e caratterizzate da un tocco rustico: essi sono semplici e al tempo stesso leggeri, e in più hanno la capacità di mimetizzarsi negli ambienti in cui vengono posizionati, non risultando mai fuori luogo. Insomma, acquistando questi elementi ci si può sentire liberi di disporli come meglio si crede, anche in modo bizzarro.

Una valida alternativa può essere individuata nel rattan, un materiale innovativo che caratterizza molti giardini moderni: tra i suoi punti di forza c’è senza dubbio la capacità di resistere al sole e alla pioggia. Un altro aspetto da non sottovalutare è la sua notevole leggerezza, che si traduce in una evidente maneggevolezza: insomma, chiunque ha la possibilità di spostare gli arredi come meglio crede, anche per dare vita a salotti all’aria aperta sempre diversi.

Consigli sugli accessori da giardino

Le tende, gli ombrelloni e le vele sono altri esempi di arredi destinati a un giardino: essi consentono di usufruire di una copertura funzionale e confortevole, ma al tempo stesso assicurano una resa estetica perfetta. Da che cosa ci si dovrebbe proteggere in un giardino? Nel corso della giornata, dai raggi del sole, che possono risultare fastidiosi alla vista o addirittura pericolosi per la pelle, qualora si resti esposti per lungo tempo e non si abbia l’accortezza di applicare una crema ad hoc. Anche di sera, comunque, un gazebo può essere utile per la lotta contro l’umidità. Come si può intuire, qualunque sia il tipo di copertura per cui si opta è essenziale che essa sia impermeabile e in grado di resistere agli agenti atmosferici, così che la si possa usare anche con la pioggia.

Infine, con un giardino abbastanza grande un arredamento moderno potrebbe essere impreziosito da un pergolato: se lo spazio non manca e la metratura non consente, una soluzione di questo tipo permette di dare vita a un angolo ombreggiato, con l’aiuto di alcune piante rampicanti da mettere sul tetto. L’edera, a questo proposito, è un grande classico che non passa mai di moda. Nulla vieta, poi, di impreziosire il tutto con una o più panchine in ferro battuto o in plastica.

22 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

Traslocare costa, le voci da considerare sono molteplici, presenti anche nel caso in cui si decida per il fai da te. Si deve anche valutare il fatto che quando si trasloca si devono affrontare una serie di spese riguardanti la casa. C’è chi la compra, o chi si trasferisce in un appartamento in affitto, spesso più grande del precedente. Oltre a questo è necessario attivare le nuove utenze, imbiancare o pulire la nuova casa, magari anche comprare qualche nuovo mobile, o l’intero arredamento della cucina, o degli elettrodomestici nuovi. Riuscire a risparmiare sul trasloco può quindi essere essenziale per tutti coloro che hanno già speso buona parte delle loro finanze per cambiare casa. Il risparmio in questo caso si ottiene con vari accorgimenti, partendo comunque dall’idea che molto dipende anche dal tempo libero che si ha e dalla buona volontà.

Risparmiare contattando una ditta di traslochi

In linea generale si può dire che traslocare da soli può essere più economico rispetto a farlo con l’aiuto di una ditta specializzata in traslochi. È anche vero però che si hanno comunque delle spese, oltre alle ore di tempo da impiegare in lavori pesanti e al rischio di rovinare alcuni oggetti, che andranno poi sostituiti. Per questo motivo, prima di decidere di rinunciare ad un aiuto è importante farsi fare il preventivo trasloco, volendo anche da due diverse aziende. Avremo così una chiara idea di quanto costa ogni attività, a partire dall’imballaggio dei nostri averi, per passare allo smontaggio dei mobili e al trasporto fino al nuovo domicilio. Se il preventivo dovesse sembrarci troppo elevato possiamo anche valutare di approfittare solo in alcune fasi dei servizi della ditta di traslochi. Ad esempio potremmo solo far trasportare la merce già imballata, a inscatolare tutto ci penseremo da soli. Oppure si può anche valutare l’idea di pagare per il servizio di facchinaggio. Ovviamente con il fai da te avremo comunque delle spese, come ad esempio il noleggio del furgone, o l’acquisto dei materiali da imballo.

Svuotare la casa

Spesso il periodo che precede il trasloco è caratterizzato da una serie di attività, che ci portano a non pensare alle cose più ovvie. Tra queste c’è la possibilità di non trasportare tutto ciò che si possiede, in blocco, fino alla nuova casa. Tutti in casa possiedono oggetti che non utilizzano, abiti vecchi o acquistati anni prima, mai usati o ormai fermi nel guardaroba da vari mesi, attrezzi di vario genere che non hanno mai avuto un reale scopo. Per evitare di dover spendere in modo eccessivo per il trasloco fare una bella pulizia di casa, eliminando tutte le cose inutili o superflue, è un’ottima idea. Non si tratta di eliminare ciò che ci serve e che usiamo spesso, valutando poi di doverlo sostituire con un nuovo modello spendendo ovviamente vari euro. La pulizia deve comprendere tutto ciò che non serve, che riempie cassetti e guardaroba senza avere un effettivo scopo. Tutti questi oggetti possono essere donati a chi si desidera, oppure anche venduti in un mercatino dell’usato, ricavando dei fondi per il trasloco.

19 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

La cappa è un accessorio prezioso in cucina, non solo perché cattura tutti gli odori, ma anche perchè protegge l’ambiente e lo mantiene salubre. Scegliere una cappa da cucina è un compito davvero impegnativo e fondamentale. Come scegliere la cappa perfetta? Esistono moltissime tipologie di cappa: a isola, a parete, da incasso, sotto-pensile, ad angolo, a scomparsa e a soffitto.

Nelle cucine moderne la cappa non rappresenta più un semplice strumento, ma è diventata un vero e proprio elemento di design. La scelta di un tipo di cappa può trasformare totalmente l’aspetto di una cucina. Anche i materiali con i quali le cappe vengono realizzate sono sempre di maggiore qualità e ricercatezza.

L’estetica, per quanto rilevante, deve sempre essere surrogata ad alcune caratteristiche tecniche indispensabili per il corretto funzionamento dell’elettrodomestico. I principali requisiti da controllare sono: efficienza energetica, capacità di aspirazione e ultimo, ma non meno importante, le misure delle cappe da cucina.

La capacità di assorbimento della cappa da cucina e le sue dimensioni

Il principale compito della cappa da cucina è l’assorbimento e il ricambio dell’aria, due parametri fondamentali da tenere in considerazione. La capacità di aspirazione deve essere sempre proporzionata alle dimensioni dell’ambiente dove verrà posizionata. Non solo, una delle principali variabili da tenere in considerazione è la frequenza d’uso. Infatti, la cappa deve garantire un ricambio minimo dell’aria pari a circa 6-8 volte il volume dell’ambiente, quindi, più la cucina è grande e più si utilizzano i fornelli, più dovrà essere elevata la capacità di assorbimento della cappa da cucina deve essere adeguata.

Quali misure prendere in considerazione per acquistare la cappa perfetta

Quanto deve essere grande una cappa per funzionare al meglio? La profondità, così come la sua larghezza, deve essere uguale o superiore al piano cottura che avete a disposizione. Una misura di cappa più piccola risulterebbe poco efficace e il suo funzionamento ne risentirebbe, così come i suoi effetti sull’aria. La lunghezza invece, può essere variabile e dipende dalla posizione dove si trova il foro di scarico (questo vale soprattutto per le cappe aspiranti a parete).

Quali sono le misure da prendere in considerazione prima di acquistare una cappa da cucina? La prima necessità è capire quanto dovrà essere alto il camino, è quindi indispensabile misurare la distanza che esiste tra il piano cottura e il soffitto. La seconda misura è la dimensione del piano cottura: la cappa da cucina dovrà essere uguale o maggiore. La terza misura molto importante da calcolare è il volume della cucina, questo per scegliere una cappa aspirante dalla potenza adeguata.

17 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

Le calamite personalizzate per frigoriferi sono state brevettate per la prima volta da William Zimmerman di St. Louis, nel Missouri, nei primi anni Settanta. Egli ebbe l’idea di mettere in mostra la praticità di questi piccoli magneti colorati, se prima nessuno sapeva neanche cosa fossero, ora sono così diffusi da essere presenti nelle case di tutti.

I magneti sono realizzati esponendo metalli ferromagnetici come ferro e nichel a campi magnetici. Quando questi metalli vengono riscaldati a una certa temperatura, diventano permanentemente magnetizzati.

Attualmente sono utilizzate per “postare” oggetti o semplicemente come decorazione, le calamite personalizzate per il frigorifero sono disponibili in un’ampia varietà di forme e dimensioni e sono popolari tra i collezionisti – per esempio Louise J. Greenfarb di Henderson, del Nevada, possiede oltre 32.000 diversi magneti per frigorifero.

Decorare o non decorare i frigoriferi? Qual è la vera tendenza?

Guardando tra le immagini diffuse sulle riviste di progettazione degli spazi, ci si accorge che vengono sempre più allontanati i segni della vita reale dalle nostre case. Si vedono foto di splendide case moderne e minimaliste con i loro frigoriferi senza alcun tipo di ricordo. Niente cimeli accumulati da chi vive in quelle fredde strutture.

Eppure per annunciare una nascita, proporre un invito di nozze, inviare cartoline di viaggio, sono sempre ben accette le calamite da frigorifero e se ne trovano di tutti i tipi, così tanti da poter scegliere in che stile decorare l’arredo di casa.

Un frigorifero elegantemente decorato con i magneti rappresenta un’ottima soluzione per mantenere le cose in ordine. Infatti, le porte del frigorifero vengono spesso aperte e chiuse con un sobbalzo, c’è spesso una finestra aperta in cucina e il vento potrebbe fare volare via oggetti sospesi e bigliettini.

Il metallo della porta del frigorifero tende a essere molto sottile, per questo motivo, è importante scegliere magneti con una forza adesiva di circa 1 kg, da utilizzare per attaccare in modo sicuro cartoline, appunti, ecc.

I magneti sono ideali per decorare svariati ambienti. In cucina, non solo i magneti aggiungono personalità, ma sono oggetti pratici, che possono aderire a qualsiasi superficie metallica per conservare un promemoria quotidiano oppure le foto care di amici e parenti.

Ecco alcune idee di calamite personalizzate

L’ultima tendenza social è stampare le fotografie di Instagram direttamente sui magneti, ecco ancora una volta, un modo per esprimere a pieno il proprio stile.
I magneti arricchiscono la tua casa e possono avere forme svariate e uniche nel loro genere, per esempio: a gocce d’acqua, di pancetta, alberelli, piccole chitarre e strumenti musicali, piccoli scaffali e madie, mani, in legno, a forma di apribottiglie, con smile e con calendario.
Se sei un appassionato di interior design non puoi non pensare a questi dettagli di stile per dare vita a un tema coerente all’interno dell’ambiente. Ecco quindi alcune idee che rendono uniche le calamite da frigorifero:

  • calendari personalizzati,
  • fotografie di famiglia;
  • citazioni di ispirazione preferite;
  • magnete per identificare la lavastoviglie pulito/sporco.

A questo punto non resta che scegliere la forma e le dimensioni che dovrà avere, si trovano online svariati servizi, che permettono di realizzare calamite personalizzate (vedi Professional Pins specializzati nella produzione di questi prodotti) attraverso pochi e semplici passaggi:

  • scegli tra le forme disponibili: quadrate, ovali e rettangolari;
  • scegli tra le finiture: lucentezza originale, finitura opaca soft-touch e finitura in acetato metallizzato;
  • scegli tra le dimensioni disponibili, per esempio: tondi da 25 mm, tondi da 45 mm, tondo da 76 mm;
  • carica un’immagine, oppure sceglila tra le disponibili;
  • scegli i colori;
  • decidi un testo univoco;
  • salva il tuo lavoro;
  • decidi quanti pezzi vuoi comprare e infine acquista.

Le spille personalizzate sono considerate perfette da donare, per offrire un ricordo di una persona, di un viaggio, di un evento, insomma, di un’emozione!
di un evento, insomma, di un’emozione!

3 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

Solitamente quando si vuole riorganizzare casa o comprare qualche mobilio nuovo si pensa subito a modernizzare cucina e bagno, in quanto stanze prioritarie e di uso principale. Molti si dimenticano che è invece il salotto una delle sale principali che dovrebbe essere arredate in modo intrigante ed accattivante.
Il salotto è il biglietto da visita di ogni famiglia. La prima stanza che gli ospiti che accogliamo vedranno. Ed è proprio a seconda di com’è organizzato il salotto che gli ospiti si faranno un’idea sullo stile di vita e sul gusto della famiglia. Se rimarranno impressionati, si chiederanno in che modo siete stati in grado di creare un ambiente così confortevole ma allo stesso tempo energetico!
Prendete spunto da queste 10 idee e riorganizzate il vostro salotto nel modo in cui più vi piace, ma che soprattutto rispecchi il vostro gusto!

1. Colori tenui per accompagnare l’umore

Essendo il salotto la prima sala in cui gli ospiti vengono accolti, è bene ricordare che i colori che vedranno saranno anche quelli che influenzeranno il loro umore. Tutti noi vogliamo far sentire rilassati e a loro agio gli ospiti, giusto? Scegliete perciò qualche colore chiaro, tenue e non troppo forte. Magari una sfumatura di blu e celeste per rendere l’ambiente tranquillo e pacifico, o sfumature che vanno dal crema al grigio chiaro fino a raggiungere il bianco per dare l’impressione di trovarsi in un luogo più lussuoso.

2. Evita le tende

Per rendere il salotto un luogo più tranquillo e confortevole è bene cercare di evitare le tende, in modo che la luce naturale del sole illumini e riscaldi l’ambiente. Se pensate che invece le tende siano un must del vostro arredamento, cercate perlomeno di utilizzarne poche dai colori chiari o trasparenti e soprattutto di tenerle aperte.

3. Personalizza la tua libreria

Se siete muniti di una o più librerie, o anche solo se utilizzate mensole su cui riponete i vostri libri, cercate di toglierne uno o due e di mettere al loro posto qualche statuetta, qualche altro piccolo pezzo d’arte o anche solo qualche piantina carina, così da rendere originale il vostro mobilio e dare uno stacco tra un libro e l’altro.

4. Appendi qualche specchio e massimizza lo spazio

Questo trucco non è utile solo se avete un salotto di dimensioni ridotte e piccolino, ma è un’ottima idea per qualsiasi tipo di ambiente! Appendere qualche specchio qui e lì darà l’illusione che il vostro salotto sia effettivamente più grande di quello che in realtà è, oltre a dare un tocco di eleganza e di classe alla vostra sala.

5. Disponi i tuoi mobili e facilita la comunicazione

Il salotto, oltre che il luogo in cui si accolgono gli ospiti, è anche la sala in cui si trascorre la maggior parte del tempo. É perciò particolarmente indicato fare in modo di organizzare lo spazio a disposizione così da permettere agli ospiti di poter parlare e chiacchierare in completa tranquillità. Aggiungete perciò qualche sedia o poltrona elegante che non stoni con il resto dei mobili.

6. Nascondi la televisione

Se il vostro salotto è munito di televisione è bene non lasciare che questa domini sull’ambiente con il suo colore scuro, ed è perciò consigliato di inglobarla all’interno dell’ambiente e minimizzarne la presenza.

7. Mostra piante fresche

Comprate qualche piantina o qualche fiore carino, così da aggiungere vita (letteralmente) e colore al vostro salotto.

8. Quadri grandi per salotti eccentrici

Aggiungete un quadro, comprato o fatto da voi, di grandi dimensioni ed appendetelo sopra il vostro divano. Noterete subito come la sua presenza donerà un’atmosfera più elegante e ricercata.

9. Tappezzeria

Generalmente il salotto riceve trattamenti più elaborati o formali proprio perché è la sala principale e quella in cui vengono accolti gli ospiti. É per questo che, se è di vostro gusto, potete scegliere una carta da parati che rappresenti il vostro stile e renda l’ambiente più vivace ed energetico, o addirittura antiquato ed elegante. I vostri ospiti apprezzeranno sicuramente la scelta di una carta da parati originale.

10. Una pavimentazione elegante e confortevole

Come già abbiamo ripetuto più volte, essendo il salotto l’ambiente principale in cui vengono accolti gli ospiti, sarebbe bene caratterizzarne il pavimento in modo da renderlo confortevole e morbido per i piedi. E perché no, coprirlo in modo da renderlo elegante e coordinato con il resto del vostro salotto! Se non volete sbilanciarvi troppo con i colori potete sceglierne uno neutro, così che tutta l’attenzione ricada sul resto dell’arredamento o sui vostri pezzi d’arte.

1 Ottobre 2018 / / Blogger Ospiti

I quadri sono di fondamentale importanza per completare l’arredamento della casa o dell’ufficio con gusto e originalità. I quadri moderni e di design sono ideali per ornare le pareti dell’ingresso, del soggiorno, del salotto, della cucina, della camera da letto, ma anche del corridoio e del bagno aggiungendo quel giusto tocco di colore. Quadri dallo stile moderno possono fare la differenza nel rendere elegante la sala di attesa, l’ufficio o la sala riunioni di un’azienda conferendole maggiore prestigio. Sono essenziali per rendere l’ambiente esclusivo e allo stesso tempo accogliente. Online troverete molti negozi con un’ampia scelta di quadri moderni, noi abbiamo chiesto un consiglio allo staff di mazzolaluce.com, store specializzato in prodotti di illuminazione e complementi d’arredo.

Soggetti, temi e forme differenti a seconda dei gusti

Nell’acquisto di un quadro moderno è possibile scegliere tra soggetti e temi differenti; dai quadri moderni astratti, a quelli floreali o a sfondo paesaggistico, dai soggetti pop, a quelli etnici fino alle riproduzioni su stampa di quadri famosi, il tutto per soddisfare gusti ed esigenze differenti. E’ possibile optare per quadri dai colori forti e vivaci piuttosto che tenui, dalle tonalità più calde a quelle più fredde. E’ possibile scegliere tra quadri di grandi dimensioni da appendere alle pareti di ambienti ampi, e quadri di piccole dimensioni che risultano più indicati per gli ambienti più ristretti. Si possono acquistare quadri con forme quadrate, rettangolari da appendere in verticale o in orizzontale, oppure dalle forme libere realizzate su supporti rigidi che possono essere modellati seguendo le linee dei soggetti rappresentati.

 

Stampe digitali su tela o ecopelle

Molto diffusi e con un ottimo rapporto qualità-prezzo sono i quadri moderni realizzati con stampe digitali di alta qualità su tela o ecopelle e istallati su telai in legno di forma quadrata o rettangolare. La tela presenta una superficie più ruvida data dalla tessitura del cotone o del canvas. Le linee di stampa risultano, così, meno definite e il risultato è un effetto pittorico dell’immagine come fosse dipinto a mano. L’ecopelle al contrario è caratterizzata da una superficie più liscia e lucida con il risultato di una stampa più luminosa, nitida ed elegante. L’azienda MANIE realizza numerosi quadri stampati su tela o ecopelle con la possibilità di scegliere tra numerosi formati, da quelli quadrati (30×30, 50×50, 70×70, 100×100 e 120×120 cm) a quelli rettangolari (70×40, 100×50, 140×70, 180×90 fino a 200×120 cm), con la possibilità di inserire la cornice di colore bianca e nera lucida, cromata, argento, oro e wenge lavorata vintage. Infine cosa non meno importante, su richiesta del cliente, è possibile decorare il quadro tramite l’applicazione di pennellate di colore, di glitter, di strass e punti luce realizzate a mano dopo la stampa al fine di valorizzare e personalizzare il quadro scelto. Infatti trattandosi di una lavorazione eseguita a mano libera, il quadro, frutto di una stampa digitale prodotta in serie, diventa un oggetto esclusivo ed originale che arreda ed impreziosisce l’ambiente.

Stampe su forex

Una soluzione molto originale e moderna è l’utilizzo di quadri stampati su forex. Questo è un materiale rigido dello spessore di 3-5 massimo 10 mm sul quale viene applicata la stampa digitale ad alta definizione. Il pannello in forex può essere sagomato e tagliato in modo da ottenere quadri di dimensioni e forme differenti; quadrati, rettangolari, ma anche rotondi o di forma più libera ritagliando il soggetto del quadro lungo le linee di disegno. Il risultato è un’immagine moderna, nuova e d’impatto che arricchisce la parete sulla quale viene appesa. E’ possibile scegliere tra soggetti differenti stampati a colore o in bianco e nero, decorati con resine, glitter e strass o semplicemente stampati; è il caso di molti quari prodotti da MANIE.

Quadri a taglio laser

Se invece l’obbiettivo è di impreziosire la parete con un prodotto nuovo e moderno la soluzione è certamente un quadro da parete a taglio laser su MDF di alta qualità come quelli realizzati dalla L.A.S. (LASER ART STYLE); un’azienda italiana leader nella produzione di complementi realizzati con l’innovativa tecnica del taglio e dell’incisione laser. E’ possibile scegliere tra quadri astratti, floreali e figurativi realizzati utilizzando una o più pannelli sovrapposti che vengono sagomati, incisi e colorati. Si ottengono quadri tridimensionali dove i pieni e i vuoti si alternano in modo armonioso stabilendo un rapporto diretto e intimo con la parete sulla quale sono appesi. I quadri a taglio laser sono personalizzabili nei colori e si integrano perfettamente con l’arredamento. Le vernici utilizzate per le personalizzazioni sono atossiche. Il risultato è un quadro moderno assolutamente di valore, esclusivo realizzato su misura per il cliente.

Quadri dipinti a mano su tela

Una soluzione molto raffinata per arredare le pareti della casa o dell’ufficio è data di sicuro dall’utilizzo di quadri dipinti a mano su tela. E’ il caso dei prodotti del brand italiano ART MAIORA. E’ possibile scegliere tra dipinti astratti, dipinti floreali, quadri colorati o eleganti e raffinate pitture monocromatiche dalla tonalità beige o tortora. Possono essere dipinti su tela o iuta con la tecnica del bassorilievo. Le dimensioni dei quadri sono in media di 140×70 cm compresa la cornice che può essere scelta nelle colorazioni del bianco, legno naturale, argento o oro. Ogni quadro dipinto a mano risulta diverso dall’altro e ciò lo rende ancora più bello ed importante ideale per contribuire a realizzare ambienti eleganti ed esclusivi.

Quadri artigianali intagliati

Infine è possibile acquistare quadri in rilievo, moderni realizzati artigianalmente lavorando la balsa con la tecnica dell’intaglio e decorati con glitter, applicazioni di foglia oro, foglia argento e pietre colorate. Si può scegliere tra soggetti con colori che vanno dalle sfumature del beige e del tortora a del grigio, con inserti decorativi che vanno dal rosso al giallo e al verde. E’ possibile optare tra diverse dimensioni che di norma non sono però personalizzabili.

Dove è possibile comprare quadri moderni?

Sia che si tratti di quadri stampati su tela, ecopelle o forex, piuttosto che quadri a taglio laser, intagliati o dipinti a mano è possibile acquistare i prodotti menzionati in un negozio di complementi di arredo specializzato nella vendita di quadri oppure online presso un sito e-commerce specializzato online come Mazzola Luce che offre un ampia scelta di quadri in pronta consegna con spedizione gratuite e assicurate in 24h, con garanzia 5 anni gratuita, con i prezzi più convenienti e competitivi sul mercato. Scegliere il quadro giusto non è semplice, quindi è opportuno che ci si rivolga a un rivenditore affidabile e competente che può garantire sul buon esito dell’acquisto.

 

27 Settembre 2018 / / Blogger Ospiti

La camera da letto è un ambiente importante poichè rappresenta lo spazio più intimo della casa. Essa è il luogo del riposo e merita un’illuminazione soffusa e non particolarmente forte, per creare un’atmosfera accogliente e rilassante. È importante dunque scegliere l’illuminazione corretta con punti luce specifici che tengano conto delle variazioni di luce durante la giornata e che siano funzionali a tutte le attività che sono svolte nella stanza. Dunque il primo passo è scegliere i punti luce giusti come ad esempio il lampadario a soffitto per la luce generale, quelli a parete per le applique da comodino, o per le prese delle abat-jour e i punti luce per i faretti della zona cabina armadio e specchio.

Grazie all’esperienza del team di mazzolaluce.com, uno dei maggiori e-commerce italiani dedicati all’illuminazione, abbiamo provato a realizzare una guida per l’acquisto del prodotto di illuminazione più adatto alle vostre esigenze. Sullo store online Mazzola Luce troverete inoltre un’ampia selezione di lampadari per camere da letto e di prodotti di illuminazione in generale.

Per la luce generale sospensione o plafoniera?

Per l’illuminazione generale della camera da letto è consigliabile predisporre un punto luce sul soffitto al centro della stanza, in modo da istallare un lampadario o una plafoniera da camera da letto che producano una luce non troppa forte e intensa, ma al contrario uniforme e diffusa che illumini in modo omogeneo l’intero ambiente, e che sia utile per eseguire le quotidiane operazioni di pulizia e per soggiornare nella stanza durante le ore serali.

Quando si sceglie un lampadario per camera da letto ci sono diversi fattori da tenere in considerazione. Il tradizionale lampadario a bracci è più indicato per le camere da letto spaziose e con soffitti alti; infatti staccandosi dal tetto diffonde meglio la luce su tutto l’ambiente e contribuisce a completare l’arredamento della stanza, secondo lo stile che più piace, da quello moderno dal design originale e dai materiali innovativi, a quello contemporaneo e classico a 3 o più braccia, con bocce di vetro, cristalli a goccia e pendenti o con paralumi in vetro o tessuto, per finire allo stile vintage o shabby dai colori caldi e dalle forme retrò.

Se la camera da letto è di ampie dimensioni, ad esempio sui 30 mq, è preferibile optare per lampadari di 50 o 60 cm di diametro e con portalampada con attacco e14 o similari, mentre se l’ampiezza della stanza è intorno ai 15 mq è sufficiente una sospensione di 40 cm di diametro.

Se invece la stanza da letto è di dimensioni ridotte e con soffitti bassi è consigliato l’uso di una plafoniera o sospensione senza catena, le cui forme sono in genere molto compatte.

Esse infatti non sottraggono spazio prezioso all’ambiente e arredano il soffitto senza compromettere le scelte estetiche e l’arredo della casa. L’utilizzo di plafoniere dal design minimalista consente in questi casi di illuminare la stanza in modo confortevole e funzionale e il risultato è un ambiente sobrio, elegante e dotato di grande fascino.

I lampadari nella zona notte sono concepiti per arredare e catturare l’attenzione e donare un valore aggiunto alla camera da letto; hanno forme originali, ma non predominati o estrose, caratterizzati da superfici lucide e molto riflettenti che creano giochi di luce suggestivi.

Un modo alternativo per ottenere un’illuminazione omogenea e diffusa è quello di utilizzare un sistema di faretti da incasso da istallare su controsoffittature in cartongesso o distribuire delle strisce led all’interno di cornici in cartongesso realizzate lungo tutto il perimetro delle pareti. La luce diretta prodotta dai faretti o quella proiettata sul soffitto dalle strisce led donerà chiarore a tutta la stanza.

 

Luce soffusa con abat-jour, applique e sospensioni ai lati del letto

Oltre all’illuminazione generale è necessario pensare anche a un’illuminazione più soffusa predisponendo due punti luce ai lati del letto che siano in grado di creare un’atmosfera soft per favorire il sonno e allo stesso tempo consentire la lettura di un libro sdraiati a letto senza rischiare di disturbare chi vuole dormire. Per ottenere ciò è sufficiente l’utilizzo di due abat-jour da collocare sui comodini.

In alternative alle lampade da tavolo è possibile istallare due applique da parete sopra i comodini, magari dotati di braccio snodabile in modo da dirigere la luce dove serve.

Sia che si tratti di abat-jour o applique è possibile scegliere tra sistemi a led integrato ed o con lampadine a led, con forme, dimensione e materiali differenti, dal design più semplice e elegante a quello più eccentrico ed artistico, dallo stile moderno, classico o contemporaneo, con o senza paralume. Si può scegliere tra prodotti in metallo con finitura cromata, satinata, brunita, oro, argento, nickel o di colore bianco, o versioni in vetro con finitura trasparente, satinata, cromata, nera, oro, argento, ambra, ed infine prodotti in materiale plastico realizzati con tante varianti di colori e fantasie.

Un’ultima soluzione moderna, elegante e oggi di tendenza, è data dalla scelta originale di istallare piccole luci a sospensione che dal soffitto scendono fin sopra il comodino, dalle forme più semplici, minimali e moderne a quelle più complesse, contemporanee e vintage, in metallo, vetro gesso con colori e forme diverse. Quest’ultima però è una soluzione sofisticata che pretende di essere progettata a tempo debito.

L’utilizzo di applique o di sospensioni consente di avere maggiore spazio da utilizzare sopra il comodino.

In ogni caso, qualsiasi sia scelta, tutte le lampade da comodino, trovandosi alla stessa altezza degli occhi, devono emettere una luce tenue e soffusa in modo da non provocare fastidiosi abbagliamenti. Problema che può essere evitato con l’utilizzo di lampade con paralume o vetro colorato che assorbono parte della luce, o con l’utilizzo di prodotti a led integrato dove la sorgente luminosa è di piccole dimensioni e ben nascosta alla vista.

 

Luce d’accento per armadio e specchio

In camera da letto si svolgono anche attività come la scelta dei vestiti o la necessità di truccarsi davanti uno specchio che richiedono un’illuminazione più forte e mirata. Per fare ciò sono necessari dei punti luce specifici, poco ingombranti e che producono una luce ben localizzata, collocati vicini all’armadio o all’interno della cabina armadio, oppure in prossimità dello specchio. A tal proposito un sistema di faretti a incasso è la soluzione ideale; essi sviluppano un’illuminazione d’accento proiettando la luce là dove necessario in modo pratico ed efficiente e contribuiscono inoltre a rendere l’ambiente più raffinato ed elegante. E’ possibile scegliere tra diverse forme, materiali, colori e stili. Essi si integrano perfettamente al contesto e si adattano a qualsiasi stile , sia esso classico, moderno o contemporaneo.

 

Luce calda o fredda?

In camera da letto è importante avere un ambiente raccolto e a tale proposito si suggerisce di optare per lampadine a led o sistemi a led integrato a luce calda. Grazie all’utilizzo di luce calda la stanza risulterà più accogliente e sarà caratterizzata da atmosfere suggestive e rilassanti. La luce bianca, più indicata per ambienti tecnici, tende a smorzare i colori e rende la stanza più anonima e fredda.

E se la stanza è grande inserisci una piantana!

Se la camera da letto è di ampie dimensione può rivelarsi necessario l’utilizzo di una piantana per integrare l’illuminazione generale; magari per illuminare un angolo buio della stanza. La lampada da terra può essere accesa la sera insieme alle lampade del comodino per ottenere una luce soffusa, oppure semplicemente da sola per guardare la tv; ad ogni modo si consiglia di scegliere una piantana a led integrato o con sistema a portalampada dotato di dimmer in odo da consentire la gestione dell’intensità della luce a seconda delle

esigenze.

Per concludere

La camera da letto è tra gli ambienti più importanti della casa e con una giusta illuminazione la si può valorizzare nel miglior modo possibile, arricchendola con un tocco di design insieme alla quantità di luce necessaria per le molteplici attività che si svolgono in essa. Infatti oltre ad illuminare, i lampadari, le plafoniere, le abat-jour, le applique e le lampade da terra sono dei veri e propri complementi di arredo da abbinare allo stile dell’ambiente secondo i gusti di ognuno, ma senza dimenticare la praticità.

25 Settembre 2018 / / Blogger Ospiti

Il bagno è una stanza molto usata dai clienti della tua attività aperta al pubblico, quindi non puoi permetterti errori! Deve essere una stanza bella, curata e accogliente. Qui ti do alcuni suggerimenti su come fare.

Il bagno del tuo ristorante, negozio o in generale attività aperta al pubblico dice moltissimo di come lavori. Da questa stanza, i tuoi clienti carpiscono delle importanti informazioni sul tuo conto (specie se si tratta di un ristoratore): che valore dai alla pulizia e all’igiene? Quanta cura metti nell’essere accogliente nei confronti della clientela?

Questa, come puoi facilmente intuire, è una stanza che necessita di poche, ma sostanziali accortezze.
Non sto qui a ricordarti quali sono gli accessori necessari che per legge devono essere presenti nel tuo bagno commerciale, ma sono qui per parlarti di come questi possono esprimere la tua personalità e lanciare un messaggio chiaro ai clienti che vi entrano: sai essere accogliente nei loro confronti.

Il tuo bagno commerciale può parlare (bene) della tua attività, o non farlo

Ho dedicato diversi articoli all’arredo bagno, parlandoti di novità e tendenze per il bagno di casa. Ecco, il punto è proprio questo: vuoi che i tuoi clienti si sentano i benvenuti? Vuoi che si sentano a casa quando vengono nel tuo locale? Allora devi trattarlo non dico come se fossi a casa tua perché sarebbe un’esagerazione, ma con tanta cura e attenzione.

Innanzitutto ti consiglio di scegliere uno stile d’arredamento coerente con il resto del locale. Se per esempio il tuo locale commerciale è arredato in stile Shabby, con i suoi mobili vintage e le sue tinte pastello, io da cliente verrei (consapevolmente o no) delusa dal trovare un bagno minimale, ma vorrei trovarci lo stesso calore che trovo all’interno della sala.
In questo caso, potresti sorprendermi ad esempio con dell’elegante carta da parati per bagno, che sceglierai in tinta con il colore dei servizi, in modo che accolga il mio occhio e lo coccoli ancora una volta.

Con questo non voglio assolutamente dire che lo stile minimal per l’arredamento bagno sia da meno. Anzi, ci sono delle trovate veramente eleganti anche negli oggetti di uso più comune. Prendi ad esempio un “banalissimo” dispenser sapone; documentandoti scoprirai che ce ne sono di tantissimi tipi e con tantissime caratteristiche diverse: la tipologia di sapone che erogano, se sapone liquido o schiuma di sapone, il materiale in cui sono realizzati, se plastica o acciaio, la forma! Quanto è importante la forma in un oggetto d’arredamento? Moltissimo! Scegline uno che non sia fuori contesto, ma che anzi rafforzi lo stile del tuo locale.

Un consiglio per l’arredo del tuo bagno commerciale

Visto che in questa sede ho deciso di mettere da parte “l’essenziale” per occuparmi invece della cura del dettaglio, ti do qui anche alcuni suggerimenti per arredare il tuo bagno commerciale in modo fantasioso.

Oltre alle carte da parati di design di cui ti ho parlato prima, e agli oggetti indispensabili per legge, potresti abbellire ulteriormente il tuo bagno commerciale aggiungendo degli oggetti di design puramente decorativi! Questi potrebbero richiamare lo stile del tuo locale, e far sorridere o stupire i tuoi clienti.
Ti faccio un esempio pratico: mettiamo che il tuo locale sia arredato in stile provenzale, quindi tratti romantici, colori pastello tendenti al chiaro e quell’immancabile pizzico di malinconia. Non troveresti una buona idea sistemare sulle finestre dei bagni o a pavimento delle piccole fioriere e vasi in metallo che richiamino i colori della stanza? Io da cliente penserei che ci tieni davvero a farmi sentire a mio agio.

Seguendo quindi questo principio, in base al tipo di arredamento scegli anche degli accessori puramente decorativi per il tuo bagno commerciale per far sentire “a casa” i tuoi clienti.

Qui sul blog ne trovi a bizzeffe!

9 Settembre 2018 / / Blogger Ospiti

Sono di ritorno i grandi lampadari, quelli imponenti, che troneggiano in genere sopra il tavolo da pranzo o al centro della stanza. Ma non sempre è possibile installare un punto luce a soffitto di questo tipo. Senza contare che per distribuire bene i punti luce è sempre consigliabile fare ricorso alle plafoniere.
Un tetto spiovente, una mansarda ad esempio, non permettono di fare ricorso al lampadario classico: per arredare con stile la casa si può ricorrere ai punti luce a parete che sono tanti e offrono molti spunti per idee originali. Stanno ad esempio tornando in uso le plafoniere in ferro battuto, un classico che i designer stanno rivisitando per creare tante soluzioni di arredo.
Si tratta di soluzioni che abbinano il classico con le nuove tecnologie, come l’illuminazione LED creando un giusto equilibrio tra classico e moderno.

  1. Per gli amanti del classico
    Una soluzione ideale per chi ama le linee classiche è la plafoniera EMMA, realizzata tutta in Italia e disponibile nella versione a 5 o a 8 luci. La montatura è in metallo e i diffusori sono in vetro trasparente mentre la legatura della struttura è in oro trasparente.
    I cristalli trasparenti e color ambra danno alla lampada una luce particolare e donano allo stesso tempo un’illuminazione originale all’ambiente. La plafoniera EMMA, soprattutto nella versione a 8 luci, si presenta come protagonista della stanza e può essere abbinata ad altri prodotti della serie come lampade a sospensione, applique e abat jour.

  2. Per gli amanti del moderno
    Chi invece ama le linee più contemporanee e vuole una plafoniera moderna da mettere al centro del proprio soggiorno, può fare ricorso alla lampada ARIA, disponibile sia a sei che a nove luci. Una struttura di metallo cromato lucido e diffusori in vetro disponibili in 5 diverse colorazioni tra bianco, nero, ambra, ciliegia e magenta.
    Si tratta di una plafoniera che può essere installata come una lampada da soffitto e che grazie ai suoi bracci modellabili ricorda l’effetto estetico di un lampadario a sospensione.

  3. Il ferro battuto fiorentino
    Quando si parla di ferro battuto fiorentino si parla di artigianato made in Italy di qualità. Una plafoniera in ferro battuto fiorentino è quasi sempre decorata a mano e presenta diverse colorazioni.
    Grazie alle sue linee e alla lavorazione dello stesso metallo, una plafoniera di questo tipo diventa un vero e proprio oggetto d’arredo.
27 Agosto 2018 / / Blogger Ospiti

Purtroppo i furti in appartamento sono ancora una realtà molto diffusa. Soprattutto chi vive in alcuni quartieri di città e paesi teme di lasciare la casa vuota per le vacanze estive, o anche che gli intrusi penetrino quando la famiglia è impegnata tra scuola e lavoro. Fortunatamente oggi rendere più sicura la casa è un gioco da ragazzi, grazie ai prodotti di nuova generazione. Basti pensare agli allarmi Iren Casa Sicura, sistemi modulari wireless, da installare senza l’aiuto di un tecnico.

Di cosa si compone un sistema d’allarme moderno

Un sistema d’allarme è costituito da un’unità centrale, da posizionare in casa in un luogo poco visibile, che contiene un cicalino, oppure una SIM card impostata per contattare alcuni numeri di telefono nel caso in cui in casa ci siano degli intrusi. Il proprietario può gestire la SIM come vuole, quindi può inviare messaggi a se stesso, a parenti e amici, o anche direttamente un’allerta alle forze dell’ordine. L’unità centrale può essere cablata alla rete elettrica di casa, ma per evitare spiacevoli inconvenienti di solito è munita di una batteria che ne consente il funzionamento per lunghi periodi di tempo. A questa unità sono connessi, in modalità wireless, quindi senza cavi, sensori di vario genere, che aiutano a monitorare gli accessi alla casa e
le presenze lungo i confini.

Quali sensori

Esistono in commercio diverse tipologie di sensori; i più classici sono i sensori che si posizionano sugli accessi alla casa, porte e finestre, che si attivano ogni volta che avviene un’apertura degli stessi. Sono di dimensioni contenute e facili da posizionare dove si crede. Oltre a questi sono molto facili da trovare anche i sensori di movimento, che controllano la presenza di persone lungo il perimetro esterno della casa. Il posizionamento di questi sensori dipende dalla conformazione della casa, ma è possibile utilizzarli in modo che tutti gli accessi e tutte le pareti esterne della casa siano costantemente monitorati. Volendo si possono installare anche sulla porta di ingresso o sul cancello, sempre che non si trovi ad eccessiva distanza dall’unità centrale.

Le telecamere

Visto che ormai la tecnologia moderna consente di produrre anche fotocamere e telecamere di piccole dimensioni a costi decisamente affrontabili, oggi molti sistemi di allarme possiedono questo tipo di accessori. La fotocamera si attiva al passaggio di qualcuno, ma volendo la si può anche comandare da App, dallo smartphone o dal computer. Questo permette di visualizzare le zone inquadrate dalla fotocamera in ogni momento, e anche mentre si è lontani, ad esempio in ufficio o in vacanza.

Senza cavi

L’importante innovazione degli ultimi anni sta nel fatto che tutte queste apparecchiature oggi sono disponibili anche senza cavi; funzionano grazie alla presenza di batterie, da controllare periodicamente, e si connettono alla rete internet di casa e in modalità senza cavi all’unità centrale. Questo permette un’installazione molto semplice, effettuabile in pratica da chiunque. Non serve infatti modificare l’impianto elettrico o cablare alcuna componente dell’impianto. Questo consente anche di aumentare il numero dei sensori ogni volta che lo si ritiene opportuno.