18 Giugno 2019 / / Idee

Shopping online per la terrazza: è possibile arredare completamente una stanza della casa senza neanche andare in un negozio di arredi. Ti spiego come.


Lo shopping online è sempre visto con occhio diffidente perché il fatto di non poter vedere e toccare con mano quello per cui vogliamo spendere soldi ci crea ansia. Ansia di ricevere oggetti scadenti, di non riuscire a fare i resi, di non venire rimborsati.

Ti dico che può succedere ma solo se ti affidi a siti poco conosciuti, un po’ confusionari e che non hanno informazioni chiare e precise sul loro modo di lavorare. E’ davvero molto importante scandagliare tutto il sito web di un potenziale negozio da cui acquistare prima di procedere davvero.

Quali sono i negozi online a cui affidarsi? Come procedere prima di acquistare?

Shopping online per la terrazza: i primi passi da muovere

Il primo passo da eseguire è compilare un elenco preciso (quanto più possibile) di tutti gli arredi e i complementi (anche i più piccoli) che ti serviranno sulla tua terrazza. Aver raccolto foto ispirazione e averle poi tradotte in una moodboard ti aiuterà a focalizzare i tuoi gusti e le tue necessità.

Con una check-list dettagliata sarà più facile analizzare i siti dei potenziali negozi online per fare una scrematura di quelli su cui vorrai effettivamente effettuare acquisti. Come capire se un negozio online è credibile? Ci sono due modi.

Il primo è analizzare la parte “chi siamo” e “faq”. Nel “chi siamo” potrai leggere la storia del negozio, capire la loro filosofia in relazione ai clienti e soprattutto da quanti anni sono sul mercato. Dettaglio questo da non trascurare perché definisce la loro autorità sia in termini di posizionamento Google sia in termini di affidabilità. Nella sezione “faq” (che vuol dire le domande più richieste) invece potrai trovare risposta a tutte le questioni più frequenti. Dai metodi di pagamento, ai resi, al servizio clienti.

Focalizza bene come potrai pagare, perché sugli e-commerce si paga tutto insieme. Non c’è possibilità di rateizzare, per cui stai all’occhio. Assicurati che la tua carta sia adatta ai pagamenti online ma anche che il sito da cui vuoi comprare abbia il sistema anti-frode.

Presta particolare attenzione al trasporto: ogni sito ha un suo corriere con tempistiche e costi di consegna differenti (che incidono non poco sul conto finale). Ricordati che la consegna è sempre al piano strada, per cui poi i pacchi in casa te li dovrai portare tu. Firma sempre con riserva la bolla di consegna e conta che tutti i colli ci siano e che siano integri.

shopping online per la terrazza con casashops e i suoi arredi da esterno
| Casashops |

Gli e-commerce a cui puoi affidarti

Ora che hai più chiaro quali sono i punti di partenza di cui tenere conto, è tempo di selezionare gli e-commerce più validi. Io te ne propongo quattro da cui ho comprato o comprerei, che sono molto conosciuti e di cui potrai trovare facilmente delle recensioni. Le recensioni degli altri utenti sono fondamentali perché ti fanno capire come lavorano questi siti, se sono affidabili e come si sono trovati gli altri utenti.

Dove le trovi le recensioni? Direttamente sui loro siti, sulle loro pagine Facebook e su Instagram.

Quando hai trovato l’e-commerce che fa per te, guarda la loro selezione di arredi e stai attento alle dimensioni degli arredi ma anche ai materiali di cui sono fatti. Entrambi i punti sono necessari affinché tu sia sicuro di acquistare oggetti che vadano bene per le attività che dovrai svolgere.

Ad esempio gli arredi da esterno di solito sono in acciaio, alluminio o materiali naturali come corda o rattan. Per contenere il prezzo puoi anche optare per il polietilene. Per cui attenzione.

Ma quali sono i quattro negozi migliori per fare shopping online per la terrazza? Comincio con Casashops, che ha anche una catena di negozi fisici. Per cui se prima vuoi toccare con mano, qui puoi. Una grande selezione di arredi e oggetti per interno ed esterno, soprattutto di decor. Tanti stili diversi e prezzi davvero competitivi, per un’ottima qualità.

Il secondo negozio online è Sklum, dal quale noi abbiamo comprato le sedie del soggiorno. Tantissimi pezzi di design anche storici a dei prezzi davvero competitivi. Grande qualità e grande servizio, in tempi anche celeri. Il posto migliore se siete amanti del design ma tenete anche al vostro portafoglio.

KaveHome è un altro shop con grandissima qualità degli arredi, che rinnova molto frequentemente gli articoli in vendita. Grande attenzione alla fattura degli oggetti e design ricercato i suoi punti di forza. Dai un occhio alla sezione outlet del loro sito per trovare una chicca a prezzo imbattibile.

Infine MadeinDesign per chi non ha problemi di budget e vuole proprio un determinato arredo di design e non qualcosa di simile. E’ un paradiso per chi come me è appassionati di storia del design o di design contemporaneo, anche perché è facile trovare sconti e offerte.

E se ti iscrivi alle newsletter di questi negozi, riceverai ulteriori ribassi. Ne vale la pena no?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Shopping online per la terrazza: la guida completa sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

15 Giugno 2019 / / ArtigianaMente

Sono in procinto di partire per il mare e sono felicissima. L’estate è una stagione favolosa che ha il sapore di salsedine, colori, leggerezza. In questa prospettiva sono addirittura felice pensando al rientro: sarà divertente decorare casa. Dalla tavola alla camera da letto ci possiamo sbizzarrire con idee facili. Vediamo stanza per stanza quello che ho trovato nel web.

6 decorazioni estive facili ed economiche

  1. La tenda in bagno

Mi sono innamorata letteralmente di quest’immagine che ho trovato su Apartment Terapy.
Ci vuole davvero poco: una bella tenda che richiami le cromie vitaminiche dell’estate a cui abbinare un tappetino.
Che meraviglia!

Nel mio bagno ho da poco cambiato gli asciugamani scegliendoli color albicocca vivo: sono piccoli dettagli che cambiano l’atmosfera di una stanza.

2. La porta colorata

decorazione

Ami il fai da te e hai una buona manualità?
Allora è venuto il momento di decorare il tuo portoncino colorandolo di giallo. Non te ne pentirai, ti ricorderà l’estate anche nei mesi più grigi dell’anno e sicuramente sarai fuori dal coro.
Se però ti sembra un’idea azzardata, colora la porta sul retro {di solito triste triste} oppure quella che dà sul giardino {sicuramente meno nell’occhio di vicini e passanti}.

3. Il vaso giallo con i limoni per l’ingresso

Porta l’estate in casa: acquista un bel vaso giallo, possibilmente di ceramica {non ne possiamo più della plastica, che fa molto cheap e inquina terribilmente il nostro magnifico pianeta}, dove metterci una bella pianta di limoni.
I limoni hanno una forza decorativa intensa e un’esplosione di giallo ti darà nuova energia. Credo nella cromoterapia!

4. Il quadro con elementi gialli in cucina

Sei sempre di fretta, hai mille impegni quotidiani e quando puoi riposare non dedichi il tuo tempo alla decorazione della casa? Ti capisco. Però basta veramente poco per donare un aspetto nuovo alla tua cucina.
Aggiungi un quadro dai colori estivi – con i toni del giallo, dell’arancio, del verde, del rosso intenso – alle mensole sopra il lavandino e vedrai che si noterà donando freschezza all’ambiente.

5. I tessili in camera da letto

Giocare con le stagioni è divertente quando si tratta di home decor. In questo momento vorresti una camera da letto più estiva? Bastano un copriletto leggero, in lino o cotone, e qualche cuscino. Se non vuoi acquistarli ricicla della vecchia stoffa, se hai una tenda leggera abbastanza grande usala ai piedi del letto, confeziona da sola i tuoi cuscini.In questo caso l’unica cosa che conta è il colore e le stampe: scegline uno frizzante – il giallo ovviamente è il colore del sole, oppure i disegni con le angurie – per richiamare l’estate.

6. Il mazzo di fiori freschi, ovunque

Non c’é estate senza fiori. Raccoglili dai campi creando un bouquet dall’aria selvaggia, acquistali di tanto in tanto dal fiorista, recidi le peonie del tuo giardino e aggiungi gambi di menta come faccio io. L’importante è che siano veri, no plastica, no carta. Il potere decorativo dei fiori è immenso.

Immagini da Lonny Magazine, Domino Mag, Ida Interior Lifestyle.

 

The post 6 idee {economiche} per decorare la casa in estate appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

15 Giugno 2019 / / Colori

Come ormai saprete amo i colori,
le fantasie, tuffarmi in un mondo variopinto che si apre nelle nostre case
rendendole vive, speciali, vibranti, emozionanti!

Vi ho spesso parlato di alcuni
dei miei colori preferiti, sfumature di verdi e di blu molto particolari,
profonde, cangianti, tendenti al petrolio all’ottanio, cromie ricercate e
inusuali, spesso difficili da definire.

Abbiamo scoperto insieme il night watch, il desert sage, il blu balena, ma oggi parleremo semplicemente di come arredare con il verde.

  • Un colore per caratterizzare la stanza e donare freschezza
  • Perfetto, nelle tonalità salvia-oliva, per uno stile rustico-shabby elegante e in versione più maschile
  • Versione vintage-industrial
  • Arredare con il verde? perchè no?
  • Per un bellissimo pavimento verde scegliere il linoleum
  • Ambiente creativo ispirato alla natura
  • Il bagno moderno urban style è cemento e verde

Verde, il colore del benessere e dell’energia vitale

Il verde è stato forse il primo
colore a decorare le abitazioni dei nostri antenati, perché così presente in
natura, così vivido, vitale, energico e splendente.

Il verde richiama necessariamente natura, energia, benessere, salute e trasmette una buona atmosfera ad ogni ambiente della casa, ci concede un ambiente rilassante, rinfrescante ed energetico allo stesso tempo; potremmo dire che questo colore ci ristora proprio come un riposino sotto alle fronde di un albero, in mezzo ad un bel prato primaverile.

Certamente scegliere di arredare con il verde con complementi, mobili e decorazioni declinate in tale nuance valorizzerà ancora di più piante e fiori presenti nella nostra casa, che verranno messe in risalto e, anche se magari si tratta giusto di qualche piantina, sembrerà di stare in una bellissima serra lussureggiante

In uno dei miei progetti più belli degli ultimi tempi, la Emerald House, il verde è stato protagonista sotto tutti gli aspetti, tanto da donare il nome del verde smeraldo anche alla casa vacanza che è stato oggetto della ristrutturazione.

Il verde delle piante viene messo ancora più in risalto e valorizzato da arredi e complementi di colore verde che amplieranno la sensazione di natura verdeggiante!

Immagini della Emerald House, casa vacanza ristrutturata all’insegna del verde e alla sensazione di benessere, relax e natura che questo colore trasmette

Soffitti, pavimenti e grandi arredi

Come sempre possiamo decidere di
utilizzare il colore per le pareti della casa, i complementi o gli arredi a
seconda di quanto siamo audaci, di quanto vogliamo che il colore incida nella
scelta progettuale e di che tipo di impronta e carattere desideriamo dare.

In alcuni casi sarà sufficiente dipingere una sola parete, in altri cambiare i cuscini del divano, in altri ancora fare scelte più impegnative come un pavimento o un soffitto o i mobili di un’intera cucina.

  • Una striscia verde da capo a piedi decora l’ambiente
  • Un soffitto a casettoni in veste contemporanea
  • Tutto l’ambiente si tinge di verde
  • Anche il soffitto classico con i suoi stucchi si veste di verde
  • Pavimento verde di linoleum
  • Pavimento verde di resina
  • Il pavimento in verde può essere realizzato con diverse superfici dal microcemento alla moquette
  • Una cucina tutta verde!
  • Mobili in legno dipinto di verde per la cucina classico con un tocco estroso
  • Armadio verde, imponente, dona carattere a tutta la stanza
  • Bellissima la composizione in verde di Gola di Novamobili

Il verde è ultimamente tornato di moda con tutto il filone tropical, urban jungle ecc. ma in questo articolo parlerò del semplice utilizzo del colore in ogni ambiente della casa, anche in situazioni più classiche, minimali, o dallo stile nordico.

Soggiorno

Nella zona giorno il verde è PERFETTO, un colore così ricco di energia e riequilibrante va benissimo per lo spazio in cui si svolgono la maggior parte delle attività.

Come ho accennato, potremo
sceglierlo per i mobili (divani e poltrone declinati in questo colore sono
davvero speciali), complementi (con un tappeto verde sarà davvero come avere il
prato in casa), o le pareti.

In quest’ultimo caso il verde ha tantissime tonalità, dalle più chiare alle scure e, dunque, certamente troverete quella adatta ai vostri gusti e al vostro ambiente; ci sono nuance più brillanti, più cupe, intense, fredde o calde, acide  o rilassanti, sarà impossibile non trovare quella che fa per voi. Arredare con il verde la zona giorno della casa sarà sicuramente una scelta vincente.

  • Tessili in verde
  • Carta da parati e divano verde chiaro per il salotto moderno
  • Parete verde scuro per un interno dallo stile bohemien
  • Particolare rivestimento in pelle bugnata declinato in un particolare tono di verde molto elegante
  • Avete mai pensato ad un divano verde? potrebbe essere l’elemento determinante per donare carattere al salotto
  • Interno in verde e marrone per sentirsi come dentro a un bosco
  • Il verde nelle tonalità più scure è perfetto anche per lo stile vintage-retrò

Potrebbero essere sufficienti pochi elementi, come un carrellino e dei cuscini nel giusto punto di verde, per ravvivare la zona giorno

Divani, poltrone, cuscini e tappeti in verde sono perfetti per donare freschezza, armonia e relax alla zona giorno della casa. In alto a sinistra divano con penisola reversibile su zampe di legno in stile scandinavo con rivestimento in tessuto verde, disponibile QUI  anche in altri colori, di seguito sedia a poltroncina dalle linee nordiche vintage che trovate QUI

a seguire cuscini con federe in cotone e lino 45x45cm Set di 4 con stampa jungle disponibili QUI

in diverse fantasie. In basso a sinistra poltrona di La Redoute Interieurs in velluto verde dallo stile vintage che trovate QUI

di seguito tappeto verde 70×250 a pelo lungo disponibile QUI,

anche in altri colori infine poltrona con pouf poggia piedi disponibile QUI

Cucina

I mobili da cucina verdi non sono molto comuni e potremmo scegliere questo colore per avere una soluzione davvero originale, trovando qualcosa in commercio o ridipingendo la nostra vecchia cucina e renderla completamente nuova e unica.

Per uno stile moderno ovviamente
sarà più giusto scegliere una finitura  laccata, magari in tonalità verde mele, verde
scuro o verde acido mentre nello stile shabby, rustico, ma anche nordico, molto
amati sono i colori pastello e opachi, come il salvia, il verde acqua, il verde
patina.

Certamente possiamo mixare il verde ad altri colori, in cucina uno degli abbinamenti più semplici, ma anche più vincenti è certamente quello con il bianco, per un insieme luminoso che dia una versa sensazione di pulito, energia e benessere…e vai di frutta e verdura!!

Anche in questo ambiente possiamo
scegliere il verde come semplice finitura per le pareti, sarà comunque una
soluzione vincente che renderà la nostra cucina molto interessante, oppure
declinare in questa nuance i vari complementi e stoviglie; sarà divertente
cercare piatti, tazzine, presine ed altro del punto di verde che ci piace di
più.

  • Cucina lube CREATIVA®.Un progetto pensato da Lube nell’ambito dell’ arredamento che stravolge i tradizionali canoni della cucina.
  • Parete di una bellissma tonalità verde muschio per rendere speciale la cucina minimale bianca, perfetto abbinamento per una zona giorno con cucina a vista
  • Anche le cucine in stile classico/ rustico/inglese acquistano nuova vita in verde
  • Verde acido per la cucina moderna
  • Il verde brillante, abbinato al bianco. rende la cucina luminosa, più ampia e fresca
  • Molto elegante il rivestimento in vetro laccato verde dietro al piano della cucina
  • La vecchia cucina rustica color legno ci ha stancato? ridipingiamola di una bella tonalità di verde
  • Il verde menta è un colore bellissimo perfetto per lo stile provenzale ma anche quello nordico o industriale.
  • Le pareti verdi in cucina rinnoveranno l’ambiente donando allegria e freschezza

Accessori verdi in cucina per mangiare in allegria e in modo sano. In alto a sinistra Set Mini Express Macchina per caffè Bialetti da 2 Tazze con 2 Bicchierini che trovate QUI, di seguito tovaglia cerata Rettangolare Impermeabile in Finto Lino 130 x 280 CM disponibile QUI e a destra servizio di piatti in ceramica da 18 Pezziche trovate QUI anche in altri colori . In basso a sinistra tazza Pantone in un’elegante tonalità tè verde che potete trovare QUI; a seguire un’altra divertente tazza effetto lavagna con dettagli verdi QUI e in fine servizio di piatti in vetro da 18 pz che trovate QUI

Camera da letto

Arredare con il verde la camera da letto. Stiamo parlando del colore ideale anche per la camera da letto, rilassante e disintossicante, contribuirà a rendere piacevole il nostro riposo.

In questo caso possiamo decidere di concentrarci sulla parete della testata del letto, per decorarla con una sfumatura particolare di verde, o scegliere dei complementi d’arredo di questo colore, come comodini, tessili o, perché no, l’armadio.

  • Tinta unita in una bella tonalità bosco per lo stile industriale
  • Originale Boiserie verde per la camera eclettica
  • Stile Tropical
  • VErde menta e un bel quadro per chi non vuole osare troppo
  • Un mix interessante con la carta da parati in tessuto verde e la grande tela moderna
  • Anche il letto tessile può essere declinato nel nostro colore
  • Il letto che poggia su una parete dal colore importante non ha nemmeno bisogno di una testata
  • I colori della terra si abbinano benissimo tra di loro

Se vogliamo ravvivare l’arredamento della camera da letto possiamo scegliere dei comodini verdi; ne esistono di moltissimi modelli. In alto a sinistra un classico del design il mobiletto comodino de I componibili di Kartell color verde militare che trovate QUI, di seguito un comodino molto semplice in legno reso particolare dalla doppia colorazione con il verde, lo trovate QUI, a destra stile scandinavo per il comodino con cassettino disponibile QUI. In basso a sinistra linee moderne e arrotondate per il comodino basso su zampe che trovate QUI, al centro stile etnico con fantasia tropical disponibile QUI e infine design industriale che riprende quello dei container èper il mobiletto/comodino molto particolare che trovate QUI

Carta da parati con ramage di foglie e frutti su sfondo verde scuro per la Emeral house

Cameretta

Non solo la camera da letto degli
adulti ma anche la cameretta di bambini e ragazzi è uno degli ambienti più
adatti a questo colore.

Unisex, versatile, perfetto per la stanza condivisa da un maschietto e una femminuccia, il verde non è lezioso, scontato, noioso e certamente i vostri figli ne andranno pazzi. Un colore che rimanda alla natura, a spazi aperti e spensieratezza, ideale per la camera di giovani umani!

Vi piace l’idea della parete lavagna per la camera dei ragazzi ma non la volete di colore nero? Nessun problema, la pittura lavagna esiste di svariati colori e anche verde, come quella che potete trovare QUI

  • Una lavagna

    Per bambini piccoli o adolescenti il verde è il colore perfetto per la cameretta

  • Molto bello l’armadio a muro verde laccato, il vero protagonista della cameretta
  • Un vecchio mobile ridipinto si trasforma in moderno fasciatoio
  • La delicatezza e l’eleganza del bianco e del verde per una nursery rilassante curata nei dettagli
  • Uno stile un po Jungle!
  • Eclettico, fresco, rilassante, il verde è un colore davvero speciale
  • Ecco un’idea semplice da realizzare per creare una bella decorazione e un’utile libreria nella cameretta
  • Verde = Energia
  • Stile rustico in verde chiaro

divertenti accessori in verde per la cameretta: a sinistra attaccapanni di Callea Design a forma di farfalle, disponibile QUI anche in altri colori e a destra contenitore per giocattoli su rotelle, comodo anche da mettere sotto al letto, lo trovate QUI

Bagno

Anche il bagno sembra fatto a posta per essere arredato con il verde colore rilassante e rinfrescante, legato all’idea di benessere,  la farà da padrone, non solo nella versione acqua o pastello ma anche nei toni più accesi del mela e del verde acido, che renderanno questi ambiente moderno e speciale.

  • Un bagno in resina verde, moderno e colorato
  • Verde acido per caratterizzare la parete della doccia
  • Fantasie in verde
  • Rinnoviamo i vecchi arredi in legno del bagno con una mano di colore
  • Doghe verde scuro per il bagnetto curato in ogni dettaglio
  • Il verde scuro è un bellissimo colore che ben si abbina agli ambienti di sapore industriale
  • Qualche dettaglio in un verde brillante e tante piante, perfette per il bagno
  • Cristallo verde per il bagno moderno

Possiamo rinnovare il bagno con un tocco di colore anche solo sostituendo gli accessori come gli , i tappetini o lo specchio

Ingresso

Arredare con il verde anche l’ ingresso può essere un’ ottima idea. Persino in questo ambiente la nuance di cui stiamo parlando potrà essere regina, facendo risplendere e illuminando uno spazio spesso buio e poco valorizzato, facciamo entrare il colore della natura e sembrerà che anche qui possa arrivare l’aria e il sole.

  • Porta d’ingresso blindata di design ”
    Venezia ” by Oikos
    .
  • Ingresso attrezzato, superaccessiorato e dai toni natural
  • Boiserie bassa o battiscopa alto? quello che fa la differenza e il colore della parete a contrasto in questo ingresso elegante

Tra le cose che potrebbe essere utili in un ingresso e potrebbero arredarlo con una nota di colore vi sono gli attaccapanni da terra e attaccapanni da parete e le consolle come quella in ferro che trovate QUI e quella in legno disponibile QUI

L’articolo Arredare con il verde proviene da Architettura e design a Roma.

15 Giugno 2019 / / Architettura

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Colori neutri, morbidi tessuti, materiali naturali e una soluzione per separare lo spazio unico con un divisorio in ferro e vetro, sono i punti di forza dell’arredamento scandinavo di un appartamento di soli 40 mq. Tutti spunti da tenere a mente se il tuo open space risulta spoglio e freddo.

Questo monolocale svedese, grazie a piccoli accorgimenti ed interventi, è divento la casa ideale per una persona single o una giovane coppia, ma può offrire spunti anche per le piccole case di vacanza o per gli appartamenti destinati all’ affitto breve.

Vedremo ancora una volta, come sia possibile arredare un monolocale con successo, ponendo in stretta correlazione il soggiorno con la zona notte, pur operando una divisione delle funzioni.

Molto luminoso, grazie alle sue ampie finestre, l’appartamento ha un arredamento dai colori neutri freschi e moderni, che invitano al relax.

Le pareti sono dipinte di un grigio-beige caldo, mentre nella zona cucina troviamo un rivestimento in legno. A terra è stato posato parquet in rovere a spina di pesce, di grande classe. Il tavolo e le sedie sono dipinte di un delicato verde salvia, mentre i cuscini del soggiorno e la biancheria da letto si arricchiscono di tenui tonalità pastello.

Tutto ciò contribuisce a dare a questo spazio unico, una delicata raffinatezza. Lo stile, infatti, prevede l’utilizzo di mobili lineari e poco ingombranti, rendendo lo spazio più leggero e arioso. Tutti spunti da tenere a mente se il tuo open space risulta troppo freddo.

Oltre all’uso dei colori, l’ampio monolocale è stato trasformato in una sofisticata abitazione grazie ad una parete in ferro e vetro, che divide la zona giorno dalla zona notte, senza chiudere completamente lo spazio. In questo modo, la stanza che si crea (che non avrebbe finestre) può trarre beneficio dalla luce proveniente dalle grandi finestre.

Grazie alla creazione della parete in ferro e vetro di stile industriale, la luce diventa protagonista di tutto lo spazio, creando una sorta di dialogo tra le zone night & day pur garantendo, al contempo, il mantenimento della privacy grazie anche a comode tende a pacchetto.

La rilassante tavolozza cromatica,  il legno, i materiali naturali, la presenza di molte piante e la seducente parete vetrata trasformano questo appartamento in uno spazio pratico, confortevole e accogliente.

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Divisorio in ferro e vetro in un monolocale

Fonte: Bjurfors

Anna e Marco – CASE E INTERNI

15 Giugno 2019 / / Charme and More

Weekend Inspirations

Una gallery fotografica e alcuni link interessanti  da cui farsi ispirare durante il weekend.

Ispirazioni per il make up estivo e  oggetti dei desideri.

Fashion + Living +Lifestyle + Summer Vibes.

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

Alcuni link interessanti

* Décor: paralume di vimini intrecciato a mano [Latitude 31N]

* Accessori must-have: cappello in paglia [JustineHats]

* Moda sostenibile: abito in lino fatto a mano [KnockKnockLinen]

* Accessori per il mare o per la piscina: telo mar il lino ecosostenibile [HomeyLinenLT]

*Make up: stick beauty multiuso per labbra e guance realizzato con materiali vegetali, fiore e argilla e libero da sostanze tossiche e additivi [shopamongtheflowers]

Vi è piaciuto questo post?

Condividetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su InstagramFacebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

*Questo post contiene link affiliati.

 

 

L’articolo Weekend; ispirazioni estive proviene da Charme and More.

14 Giugno 2019 / / Idee

Illuminare correttamente la terrazza per dare rilievo ad uno spazio che ospiterà le tue serate estive. Tante idee da cui prendere spunto.


Arredare la terrazza ed organizzarla in base alle attività che ci vorrai svolgere può sembrare difficile, ma una volta trasformato il processo in una serie di passi tutto si semplifica. Il punto che merita più attenzione però è l’illuminazione.

Senza una corretta illuminazione anche il più bello degli spazi perde di armonia e coesione e soprattutto in spazi esterni, potrebbe venir meno la praticità.

Ogni attività svolta all’esterno necessita di una fonte di luce dedicata, in grado di permettere correttamente la visione senza distorcere troppo i colori. Come sapere quante e quali tipi di luci prevedere ?

Illuminare correttamente la terrazza: la temperatura colore

Il primo punto di cui parlare è la temperatura colore della luce. Cosa significa? Le fonti luminose sono classificate anche in base al tipo di colore che restituiscono mentre illuminano. Con le luci ad incandescenza questa suddivisione aveva poco senso (in quanto tutte luci calde), mentre con le luci Led questa suddivisione è quanto mai importante.

Ci sono tre tipi di temperatura colore (espresse in Kelvin): luce bianco caldo, fino a 3300 K; luce bianco neutro, da 3300 K a 5300 K; luce bianco freddo oltre i 5300 K. La luce calda è così chiamata perché restituisce un colore arancio durante l’emissione, che ricorda le candele o le lampade ad olio. La luce bianca neutra invece è quella maggiormente utilizzata ad oggi, perché restituisce un emissione quasi uguale alla luce del sole. Infine le luci fredde (opposte alle calde) che hanno una maggior emissione di colore blu e illuminano in modo netto e tagliente lo spazio.

Generalmente per spazi esterni si scelgono luci calde che creino atmosfera, evocando le vecchie lanterne. Ma rimane pur sempre un punto a preferenza personale, da definire in base ad esigenze e alle emozioni che si vogliono suscitare.

Illuminare con più fonti luminose

Il modo migliore per pensare l’illuminazione di uno spazio esterno è differenziando le fonti luminose. Un solo tipo di luce non sarà sufficiente a garantire una corretta visione, in uno spazio così esteso e che non da possibilità di riflessione della luce. Per cui come prima idea è bene focalizzarsi su fonti che generino (quanto più possibile) una luce d’ambiente.

Puoi farlo con le ghirlande di luci a bulbo da appendere ad una parete, o con più lampade di carta da dislocare in più aree della terrazza (anche in gruppi di due o tre lampade).

Per chi ha la possibilità di agganciare una lampada ad un soffitto, esistono delle luci a sospensione perfette per gli spazi esterni. Di solito restituiscono una luce neutra molto soffusa perfetta per creare atmosfera all’esterno.

Illuminare correttamente la terrazza con ghirlande di luci, lampade di carta, lanterne e vasi da esterno illuminati
| Dall’alto a sinistra: Lights$Fun | Vasi da esterno illuminati colorati VG New Trend | Vasi da esterno illuminati ViaDurini Lighting |

Una volta che hai definito la luce generale d’ambiente puoi concentrarti su quella di “dettaglio”, che andrà a fornire illuminazione alle varie aree del tuo spazio esterno. Di solito infatti la luce generale serve ad illuminare la parte più consistente, ossia quella in cui si svolgeranno attività come il mangiare o il leggere (che richiedono un’illuminazione più potente).

Per le zone relax in cui ci si riposerà o si converserà amabilmente, puoi pensare a delle luci calde come le lanterne con le candele, in grado di dare calore mentre illuminano in modo discreto. Ma anche delle “luci da fata”, ossia le piccole catenelle di luci perfette per sottolineare un angolo speciale. Se vuoi unire due funzioni, ti consiglio i vasi da esterni illuminati.

Ne esistono più formati e con differenti tipi di luci: quelli di ViaDurini Ligthting ad esempio emettono una luce neutra in grado di illuminare molto bene una zona con divani, ad esempio. Quelli di VG New Trend invece emettono luce colorata e sono perfetti come luce d’accento da dislocare in tutta l’area.

Tu hai già pensato a come illuminare la tua terrazza?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Illuminare correttamente la terrazza con queste idee sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

11 Giugno 2019 / / Idee

Organizzare la terrazza partendo dalla moodboard è un modo utile per definire le zone d’attività e capire lo stile con cui arredarla.


Arredare una terrazza, piccola o grande che sia, non è mai un’impresa semplice. Può sembrarlo di primo impatto, solo che poi quando si passa alla pratica si incappa in una serie di imprevisti che non si erano calcolati.

Primo fra tutti i costi che hanno gli arredi da esterni: per avere pezzi d’arredo resistenti alle intemperie e al tempo, si deve investire una buona parte del budget. Secondo, definire esattamente cosa si vuole mettere sulla terrazza.

E’ sempre utile ragionare a priori su quelle che sono le nostre necessità quotidiane, per definire un elenco di attività che con molta probabilità trascorreremo sulla nostra terrazza. Da qui è buona conseguenza stilare un elenco dettagliato di tutti gli arredi e complementi che prevedrai di usare, così da cominciare a fare ricerche d’acquisto.

Ma dove trovare le idee per arredare le varie zone funzionali della terrazza? Un buon modo è creando una moodboard. Ti faccio vedere quella che ho realizzato io, per arredare la nostra terrazza.

Organizzare la terrazza aiutandosi con la moodboard

Se ti stai ancora chiedendo così sia la moodboard, te la spiego semplice: un collage di immagini d’ispirazione. E’ utilissima per avere ben chiaro lo stile che vuoi realizzare e per perfezionare magari la ricerca.

Capita molto spesso di raccogliere moltissime immagini che però sono in contrasto tra di loro, per realizzazione o per tipo di decorazione. Se raccogliendo le (massimo) dieci immagini ti rendi conto che ce ne sono un paio che litigano tra loro, scegli quella che davvero senti potresti traslare nei tuoi spazi.

Da li raffina la ricerca individuando le idee che combaciano con le tue dimensioni reali e i tuoi gusti.

organizzare la terrazza soperta utilizzando la moodboard
| 1- fun.it.online | 2- Ikea | 3 – designmag | 4- Hitta Hem | 5- archindugio.wixsite.com | 6- westwing | 7- ideadesigncasa |

Nel nostro caso disponiamo di una terrazza di ben 35 mq, per cui non abbiamo problemi particolari a organizzare più aree funzionali. Al momento sappiamo che vogliamo una zona per pranzare e una per chiacchierare, una zona barbecue e una zona più pratica, in cui ci sono i bidoni della spazzatura.

Al momento abbiamo già un piccolo divano fatto di pallet e un tappeto da esterno, per cui ho tenuto conto di questi dati quando ho cominciato la mia ricerca. Il risultato lo vedi qui sopra: sette immagini che ti danno l’idea di come vorrei che risultasse alla fine la nostra terrazza.

Dall’animo eclettico, come il resto di casa nostra. Vorrei sfruttare la grande parete che abbiamo appendendo dei cesti di vimini che conto di trovare in un mercatino delle pulci. Magari aggiungendo qualche stampa o qualche quadro. Il tutto sarà appeso o con washi-tape o con i ganci adesivi invisibili, perché avendo il cappotto non è possibile forare.

Li sotto ci sarà il nostro divano di pallet, a cui aggiungeremo qualche poltrona e magari un dondolo. Per definire la zona conversazione il tappeto è l’ideale perché sancisce dei limiti precisi all’interno di un’area più ampia. Tavolini bassi, candele e lanterne non potranno mancare.

Avendo molto spazio a disposizione non c’è bisogno di usare i tavoli pieghevoli, per cui ci piacerebbe avere un tavolo grande, da almeno otto persone, da tenere al di fuori. Così da poter organizzare pranzi, cene ed aperitivi sotto le stelle. I tavoli in ferro sono i migliori, ma per motivi di costi è meglio optare per quelli in plastica. Sono comunque durevoli e ultimamente la ricerca estetica ha fatto passi da gigante.

Per finire, avremo l’area barbecue e l’area verde. Per il barbecue ovviamente si tratterà di un modello di quelli elettrici e movibili, così da spostarlo all’occorrenza. Vorremmo schermarlo con delle rastrelliere (da appoggiare alla balaustra del balcone) su cui far crescere delle rampicanti: risultato pratico ed estetico insieme. Mi raccomando se anche stai pensando alla zona cucina sulla terrazza, controlla sempre prima il regolamento condominiale, per evitare spiacevoli inconvenienti.

L’area verde oltre a decorare, creare un oasi di relax e depurare l’aria, ci servirà anche per celare la zona dei bidoni della spazzatura. Utilizzando scaffali da esterno e vasi autoportanti ad incastro è possibile creare delle schermature piacevoli alla vista oltre che funzionali. E poi a chi non piace l’angolo delle spezie?

La tua moodboard come sarà?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Arredare ed organizzare la terrazza partendo dalla moodboard sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

11 Giugno 2019 / / Idee

Per dormire bene in estate, è importante scegliere la biancheria da letto giusta. Perfetti i tessuti in fibre naturali, lavorati in trame leggere e resistenti allo stesso tempo.

La biancheria da letto giusta per dormire bene in estate

Finalmente la pazza primavera 2019 sta per finire. Ora che il caldo sta per arrivare, insieme alle temute notti torride, è il momento di tirare fuori dall’armadio la biancheria da letto per l’estate. Dopo un rapido controllo, mi rendo conto che alcune lenzuola sono un po’ consumate e che il look in generale è un po’ datato. Questo probabilmente accade alla maggior parte di voi. Forse il cambio di stagione è il momento giusto per rinnovare il look della camera da letto, e per scegliere la biancheria adatta per l’estate. La qualità e la tipologia del tessuto è fondamentale per un riposo confortevole, e per ogni stagione è importante selezionare fibre e lavorazioni adeguate.

I tessuti adatti per l’estate

Il cotone è indubbiamente la fibra più indicata per i mesi estivi, sia per l’abbigliamento che per la biancheria da letto. Il cotone è un tessuto naturale che fa respirare la pelle e aiuta ad assorbire il sudore; più morbido del lino, può essere più o meno leggero, a seconda della lavorazione.

Nel nostro armadio non devono quindi mancare almeno 4 parure complete in cotone leggero, in voile o percalle.

La biancheria da letto giusta per dormire bene in estate

Il voile di cotone è un tessuto dalla trama leggera e velata, ma resistente. Perfetto per le notti più afose, visto che risulta fresco e asciutto al contatto. Più consistente del Voile, il cotone percalle è un tessuto pregiato: liscio e setoso al contatto, dona sensazioni di leggerezza e freschezza.

Il mio consiglio è quello di acquistare biancheria da letto di qualità, morbida e leggera, e allo stesso tempo resistente ai numerosi lavaggi. In estate, infatti, per forza di cose siamo costretti a cambiare spesso le lenzuola e le federe, per via del sudore.

Vi avevo già parlato della qualità dei materiali e della lavorazione di Dramin’101, azienda italiana leader nella produzione di piumoni in piuma d’oca, ma forse non vi avevo presentato anche le parure letto. 

In catalogo potete trovare le lenzuola in leggerissimo voile di cotone, perfetto per le notti più calde, oppure in cotone percalle, da completare con le federe abbinate e il pratico lenzuolo di sotto con gli angoli.

La biancheria da letto giusta per dormire bene in estate

E visto che anche i colori influenzano la percezione della temperatura, vi consiglio di scegliere il bianco o colori pastello come il rosa, l’azzurro o il verde acqua.

Infine, per completare il look estivo della camera da letto, scegliete un copriletto elegante, magari abbinato ad una coperta più pesante, nel caso di improvvisi sbalzi di temperatura. Il Gran Foulard di Dreamin’101, disponibile in rosa, grigio e azzurro, si abbina perfettamente ai colori delle lenzuola: disponetelo ai piedi del letto e la vostra stanza acquisterà subito un’atmosfera elegante e raffinata.

La biancheria da letto giusta per dormire bene in estate

I cuscini Dreamin’101

Anche la qualità dei cuscini è importante per conciliare un sonno tranquillo. Forse vi sembrerà strano, ma per dormire bene anche con il caldo, il materiale migliore per le imbottiture è la piuma d’oca. Esattamente la stessa che si usa per imbottire i piumoni che ci tengono al caldo in inverno. Come vi avevo già spiegato in questo articolo, la piuma d’oca ha molte qualità:

  • ha una funzione termoregolatrice naturale
  • è leggera
  • ha una funzione termoisolante
  • è traspirante 
  • è efficace contro le allergie. 

I cuscini in piuma d’oca di Dreamin’101 sono soffici come una nuvola pur offrendo il giusto sostegno per testa e collo. Potete scegliere il tipo e il peso dell’imbottitura, tra il formato rettangolare o quadrato, ma non solo. Pensate che gli esperti di Dreamin’101 hanno creato guanciali con caratteristiche diverse per ogni postura.

Per chi dorme a testa in su, per esempio, c’è il cuscino Soft, imbottito con il giusto mix di soffice piumino e di piumette, che contribuiscono a dare più consistenza.

Per chi dorme invece a testa in giù, il guanciale adatto è Cloud, imbottito al 100% con piumino, quindi morbidissimo.

Infine, il cuscino Royal, che offre tutta la morbidezza del piumino d’oca e il massimo confort per tutti i tipi di postura, grazie al cuore interno imbottito di piumette.

Dreamin’101 è un brand di Minardi Piume, un’azienda con oltre cent’anni di esperienza nella produzione e nella lavorazione della piuma d’oca. L’azienda è membro di EDFA (European Down and Feather Association), che tutela gli interessi dei consumatori, ma anche degli animali. Questo assicura che nessuna piuma è prelevata da animali vivi e che la materia prima è un sottoprodotto dell’industria alimentare.

Interessante la politica sui prezzi portata avanti dall’azienda, che mira ad abbattere i costi grazie alla produzione interna e alla  distribuzione diretta attraverso lo shop on line.

Se vi ho incuriositi, ecco il link al sito e allo shop di Dreamin’101.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

9 Giugno 2019 / / Idee

Grosse macchie di muffa nelle pareti, intonaco scrostato o muri fatiscenti: l’umidità può creare fastidiosi nonché pericolosi problemi per la tua abitazione. È noto infatti come non soltanto le strutture risentano della presenza della muffa e dell’umidità, ma anche l’ambiente diventa malsano per la diffusione di odori e di muffe\funghi nocivi.

Per trovare soluzioni
per l’umidità
è necessario prima capire la causa di questi e da dove
hanno inizio. Ecco le 4 principali
cause dell’umidità negli edifici:

  1. Umidità di risalita: nel momento in cui le
    strutture murarie o i pavimenti presentano una impermeabilizzazione non
    adeguata è facile per l’acqua presente nel terreno risalire per capillarità e
    intaccare le strutture. Oltre i danni estetici si parla dunque di problemi
    strutturali per cui sostituire semplicemente gli intonaci non risolve il
    problema!
    Per procedere a rintracciare i rimedi
    all’umidità di risalita
    bisogna conoscere la quantità di umidità dentro le
    murature e verificare le cause di quel fenomeno. È necessario inoltre
    accertarsi che non vi siano perdite idrauliche. Per fare ciò bisogna affidarsi
    ad un tecnico esperto specializzato che possa produrre un piano di risanamento
    come soluzione all’umidità di risalita
    e, conseguentemente, dare avvio all’eliminazione delle cause. Tra le soluzioni
    troviamo il classico taglio meccanico
    delle murature
    con inserimento di fogli impermeabilizzanti (anche se ormai
    illegale in Italia per ragioni legati agli eventi sismici); la barriera
    chimica: cioè un liquido iniettato nelle murature che crea un vero e proprio
    ostacolo per l’acqua in risalita; infine l’installazione di dispositivi
    deumidificatori all’interno della muratura.
  2. Infiltrazione laterale: ancora una volta è la
    mancanza di efficiente impermeabilizzazione la causa dell’infiltrazione
    dell’umidità. L’infiltrazione può essere generata da differenti ragioni: il
    muro non ha un’adeguata impermeabilizzazione verticale esterna oppure le
    impermeabilizzazioni non sono state applicate in modo corretto o si sono
    deteriorate nel tempo. Alcune volte la motivazione non riguarda la struttura
    bensì l’innalzamento delle falde acquifere o ad impianti idraulici guasti. In
    quest’ultimo caso la soluzione prevede la riparazione dell’impianto idraulico.
    Negli altri casi le soluzioni sono svariate. Uno dei rimedi è l’isolamente
    verticale della muratura a partire dalle fondamenta, sicuramente dispendioso e
    di difficile attuazione. Vi sono poi le iniezioni di materiale chimico isolante
    ed impermeabilizzante.
  3. Umidità da condensa: questo tipo di umidità si
    sviluppa principalmente negli angoli delle stanze o nelle pavimentazioni, cioè
    in quei luoghi che presentano i cosiddetti ponti termici con una temperatura
    diversa rispetto alle altre zone. Più grande è la differenza di temperature tra
    le zone maggiore sarà la quantità di umidità ambientale depositata.
    Strettamente collegata all’ umidità da condensa è la comparsa della muffa sui
    muri.Utilizzare però un semplice
    veleno antimuffa non risolverà il problema alla radice, dunque ancora una volta
    è consigliabile rivolgersi ad un tecnico specializzato che possa debellarne la
    causa principale analizzando la temperatura dell’aria interna, quella del muro
    e il tasso di umidità dell’ambiente. Migliorando ciascuno di questi fattori si
    riuscirà a risolvere il problema.
  4. Umidità residua da lavori edili: questo
    problema è collegato alle lavorazioni edili dove, come è normale che sia, viene
    utilizzata in grande quantità l’acqua. Se però quest’acqua non viene trattata
    in maniera opportuna, i materiali edili continueranno a trattenere tali liquidi
    e non avranno modo di asciugarsi smaltendone l’umidità residua.
    L’unico rimedio a questo tipo di problematica è individuare il problema esatto
    ed attendere la naturale deumidificazione delle pareti.

L’importanza di
informarsi, leggere e contattare tecnici professionisti del settore è
fondamentale per la risoluzione dei problemi legati all’umidità. A sua volta
porre rimedio a tali problematiche derivanti dalla presenza di umidità, sia
essa di risalita, da condensa, da infiltrazione o residua, porterà a degli
ambienti più sani e dunque ad una salute migliore, non solo per gli edifici, ma
anche per l’uomo.

L’articolo Il problema dell’umidità in casa e come risolverlo proviene da Architettura e design a Roma.

8 Giugno 2019 / / Charme and More

Una gallery fotografica e alcuni link interessanti da cui farsi ispirare durante il weekend.

Fashion + Living +Lifestyle.

Spunti  e dettagli di stile per vivere l’estate.

Ovunque voi andiate e qualsiasi cosa facciate vi auguro un incantevole weekend.

Ph via
Ph via
Ph via
Ph via

weekend-idee-e-suggerimenti-dettagli-bianco-e-oro

La stagione calda è l’occasione ideale per sfoggiare un maxi dress in cotone, perfetto per una giornata di shopping o per un weekend fuori porta.

Vestito a portafoglio in cotone di BLUEBLUEUS

weekend-idee-e-suggerimenti-travel

weekend-idee-e-suggerimenti-dettagli-bianco

Shopping bag in cotone riciclato realizzata a mano secondo criteri etici e sostenibili nel sud dell’India e colorate in Francia. Perfette per dire no alla plastica. CaeliDeco

Ph via @mandy_p
Ph via
@mandy_p
Ph via
Ph via

weekend-idee-e-suggerimenti-vimini

In città e in spiaggia la borsa di vimini è un mai senza dell’estate che si abbina sia con gli outfit da giorno che da sera.

weekend-quotes

Buon weekend a tutti.

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Weekend: Idee & Suggerimenti proviene da Charme and More.