9 Luglio 2020 / / diotti.com

Una nuova guida per aiutarti a realizzare il tuo armadio su misura

Un guardaroba su misura al centimetro è la scelta perfetta per chi desidera uno stile impeccabile in camera da letto. Ma non solo. Armadi su misura possono essere utilizzati in molti spazi della casa. In una nicchia nel muro, all’ingresso, in un corridoio, un’anticamera o un disimpegno. Creare un armadio che si adatta perfettamente alla parete in cui viene inserito significa sfruttare al massimo lo spazio a disposizione, ottenendo al contempo un grande risultato a livello estetico.

Leggi la GUIDA COMPLETA agli armadi su misura >>

 

Ricorda: non esistono regole, nella guida trovi solo idee che derivano dall’esperienza pratica dei nostri interior designers. Ogni progetto è unico e personale, riflette gusti, esigenze e bisogni individuali.

 

Hai bisogno del consiglio di un arredatore esperto? Clicca qui sotto e raccontaci cosa stai cercando.

 

Leggi tutte le guide su come arredare casa

9 Luglio 2020 / / Decor

Restyling della casa con due piccoli cambiamenti

Cambia colore! È possibile rinnovare gli interni anche solo in due mosse? Dipende, certo, da quanto studio viene fatto su questi cambiamenti, piccoli ma in parte essenziali. Siccome la perfezione è nei dettagli, non possono essere certo trascurati quando si vuole un restyling della casa minimo ma efficace.

Per esempio, si può trasformare l’ambiente con i rivestimenti di tessuti sulle nostre sedute: sembra facile ma… lo è, e dà risultati!

Cambia colore al divano

È possibile modificare l’impatto di un ambiente come il soggiorno, grazie alla trasformazione di colore del divano. Si può fare in modo veloce, grazie alla scelta del copridivano adatto, ne puoi trovare di qualità sul sito Pettihome.shop.  Si deve capire quale sia migliore nella forma, nel colore più adeguato, nelle sfumature del tessuto. Una volta deciso il tutto, coprire il divano diventa un’idea utile per dare un tocco di rinnovamento alla living room, con poco.

Si può scegliere un tono vivace e chiaro per contrastare mobili scuri, oppure su un soggiorno bianco, inserire una “macchia” di colore squillante. Se l’arredo è già abbastanza dinamico, si può pensare ad un copridivano a fantasia che si abbini bene con gli altri complementi d’arredo.

Bastano anche pochi dettagli di colore o fantasia per creare un legame – una geometria nel copridivano può riportare alle linee squadrate della libreria accanto o nella parete opposta, ad esempio.

A volte un telo copridivano o un trapuntato, possono dare vita ad un effetto shabby oppure bohémien – chic. Ultimamente sono molto utilizzati anche i copridivani che donano un senso di “precarietà”, ossia sembra che possano essere tolti da un momento all’altro ma non accade perché il vero ospite è sempre “di casa”. Perché l’accoglienza vera è quella di chi si sente a suo agio in pochi secondi, specialmente sul divano!

cambia colore al divano
cambia colore al divano
cambia colore al divano
cambia colore al divano
cambia colore al divano
cambia colore al divano

Cambia colore alle sedie

Anche in questo caso, si può pensare di inserire dei coprisedie, ne puoi trovare di qualità sul sito Pettihome.shop, per dare un effetto di rinnovamento alle sedute, magari in accostamento con il divano, le tende, i tappeti.

Un colore deciso per le sedie di legno scuro, può creare un effetto “sontuoso” al soggiorno, oppure alla cucina. Nel caso di mobili chiari e neutri, un colore vivace sulle sedie sarà una nota utile a dare un tocco visivo nuovo in casa.

In quest’ultima eventualità, è bene pensare quale sia il colore adatto, dato che la sua vivacità può compromettere l’arredo oppure esaltarlo. Un rosso forte con mobili in legno scuri, può creare un effetto che alza i toni e dona meno serietà al living; al contrario, se il tono di rosso non è adatto, si rischia di creare un disturbo cromatico.

cambia colore alle sedie
cambia colore al divano
coordina i tessuti

Spesso la scelta del colore è consigliabile farla valutando accessori come tovaglie, cuscini, quadri, che possono creare dei rimandi. Giocare sui toni oppure riprenderli, sicuramente fa andare sul sicuro nel rinnovo della casa. Un’idea è anche quella di prendere prima i coprisedie o copridivano, e poi cambiare gli accessori di tovagliati o tendaggi intorno.

Modificando anche questi dettagli, infatti, il gioco è fatto e un soggiorno può diventare veramente un altro spazio, per chi lo guarda con occhio attento!

cambia colore al divano
cambia colore al divano
coordina i tessuti

L’articolo Restyling della casa: cambia colore di sedie e divano proviene da Architettura e design a Roma.

8 Luglio 2020 / / Dettagli Home Decor

accessori bagno serie Elementa di Ritmonio

Ritmonio presenta ELEMENTA, la nuova serie di accessori che consente di creare ambienti bagno unici e fortemente personalizzati.

Per esaltare la libertà compositiva e rispondere alle diverse necessità del design d’interni, l’Azienda presenta ELEMENTA: una collezione inedita di accessori pensati per dare la possibilità a ciascuno di plasmare ambienti “su misura” e di creare in prima persona nuovi modi di impreziosire gli spazi dell’abitare.

Disponibili in 19 finiture e in diversi materiali, tra cui l’acciaio inox con la sua purezza e la pietra acrilica con la sua versatilità, gli accessori sono costituiti da moduli di varie dimensioni e lunghezze, assemblabili tra loro a secondo i propri gusti o in base ad esigenze estetiche funzionali.

accessori bagno design

Dinamici e trasformisti, nella loro pulizia formale i singoli elementi possono essere combinati tra loro in un gioco di incastri e forme,  per dare vita a composizioni uniche e innumerevoli tipologie di accessori. Ad esempio, i moduli porta accappatoio abbinati all’asta si trasformano in pratici porta asciugamani. Questi ultimi, uniti alle mensole in pietra acrilica – piene o forate, disponibili in diverse dimensioni – permettono di creare accessori personalizzati da coordinare o mixare per creare il bagno “su misura” per i propri desideri.

bagno ritmonio

Si potrà così dar vita a combinazioni originali e personalizzate, creando ambienti coordinati che rispettino le caratteristiche architettoniche e il mood stilistico degli spazi: dalla classica mensola porta oggetti ad elementi specifici come i porta sapone e i porta spazzolini, per un bagno che porta all’estremo il concetto di personalizzazione, sempre in sintonia con i gusti e le esigenze di chi lo vive.

accessori bagno di design

Combinabile con tutte le serie di rubinetteria Ritmonio, sia per finitura che per design, ELEMENTA dà vita ad innumerevoli scenari e configurazioni possibili.

Grazie agli innovativi elementi funzionali e alla completa adattabilità dimensionale di ELEMENTA, il total bathroom “Made in Ritmonio” si fonda su un design pulito e originale, che definisce gli spazi con personalità e ricercatezza, dove la sperimentazione diventa concreta.

accessori bagno di design

Un rivoluzionario concetto di arredo bagno che consente di rileggere completamente il luogo del benessere per antonomasia: rubinetteria e accessori non sono più soltanto dettagli, ma diventano i veri protagonisti del tuo bagno.

www.ritmonio.it

L’articolo Rendi unico il tuo bagno con questi accessori proviene da Dettagli Home Decor.

8 Luglio 2020 / / Idee

Per avere una cucina funzionale è necessario scegliere il lavello adatto,

si tratta di un elemento fondamentale , che va scelto con particolare cura.

Spesso invece ,

la scelta viene sottovalutata: “tanto uno vale l’altro”,

no

tanto è più pratico il lavello, tanto sarà più comodo lavorare in cucina.

Ne esistono di vari modelli e con diverse tipologie d’incasso:

  • SOPRA TOP
  • SOTTO TOP
  • FILO TOP

Scegliere il lavello: come lo incasso?

Lavello Sopra top:

Il classico lavello a cui sia abituati, appoggia sopra il piano di lavoro della cucina,

il bordo tende a contenere le fuoriuscite dell’acqua e la superficie del piano resta protetta .

Allo stesso tempo però ,

lo spazio tra bordo e piano , con il tempo si può sporcare con residui di cibo.

Esiste anche la versione semifilo, con spessore sottilissimo,

ma non c’è differenza, scegliere il lavello con bordo più o meno alto è solo una questione estetica.

Lavello Sotto top

Questo tipo di lavello, viene installato sotto il piano di lavoro,

il piano della cucina dovrà necessariamente essere in quarzo, marmo, granito, pietra, hpl,

comunque non in laminato o legno, perchè sono materiali non adatti che si possono gonfiare con l’acqua.

Esteticamente è il più bello (almeno per quanto mi riguarda)

Scegliere il lavello sotto top facilita la pulizia del piano , perchè non ci sono bordi tra i due.

Nel punto di fissaggio tra la vasca e il piano , il foro del piano dovrà essere perfetto, altrimenti con il tempo potrebbe infilarsi lo sporco

Scegliere il Lavello: Filo top

Il lavello Filo top è una tipologia con il bordo molto sottile,

viene montato a filo del piano di lavoro.

Si tratta di un lavello che per essere incassato ha bisogno di un taglio sul piano che dovrà essere leggermente più largo , proprio per incassare il lavello e fare in modo che non resti sollevato dal piano, ma A FILO

Questo significa che nel tempo in quella fessurà si potrà infilare dello sporco

Esistono poi le vasche integrate nei piani di lavoro, ma è un’opzione condizionata dalla scelta del piano d’appoggio,

un argomento che affronterò in un altro articolo.

Se volete restare aggiornati, continuate a leggere il mio blog,

dedicherò presto un articolo su come scegliere il lavello tra i vari materiali .

L’articolo COME SCEGLIERE IL LAVELLO DELLA CUCINA proviene da Laura Home Planner.

7 Luglio 2020 / / Dettagli Home Decor

IKEA continua il proprio impegno per un mondo più sostenibile con proposte d’arredo ricavate da materiali naturali e riciclati. Ecco i nostri pezzi preferiti per il 2020.

Da molti anni IKEA fa un uso attento delle risorse e si è posta l’obbiettivo di facilitare la maggioranza delle persone a vivere una vita più sostenibile, a partire dalla casa. Scegliendo un prodotto più sostenibile, contribuiamo a creare un cambiamento positivo per le persone e per il pianeta.

Arreda con il bambù

Il bambù è un materiale bello, durevole e rinnovabile, che in natura cresce velocemente. Non solo, è anche resistente all’acqua e quindi ideale per essere inserito tutte le stanze della casa, bagno e cucina comprese.

armadio a giorno in bambù

Il guardaroba NORDKISA con ante scorrevoli realizzato in bambù unisce le linee pulite dello stile scandinavo a un design orientale. Oltre a tenere in ordine vestiti e accessori, è un elemento che dona carattere alla stanza.

lampada da terra in bambù

 

Knixhult è una lampada da terra con un impatto ambientale minimo. Usando il bambù, che altrimenti sarebbe stato scartato, per dare carattere alla lampada, sfruttiamo al massimo questa materia prima.

Scegli tessuti naturali come il lino

Il lino è un materiale naturale resistente e dalla lucentezza unica che favorisce la traspirazione, assorbe l’umidità e diventa sempre più morbido con l’uso.

copripiumino lino giallo

I copripiumini della serie PUDERVIVA sono realizzati al 100% in lino, un materiale durevole e rinnovabile che non necessita di grandi quantità di pesticidi o fertilizzanti per crescere.  Nella foto, copripiumino PUDERVIVA e 2 federe nel colore giallo chiaro

Arredi in legno riciclato o certificato FSC per il futuro delle foreste

Entro la fine del 2020, tutto il legno arriverà da fonti più sostenibili, incluso il legno certificato e riciclato FSC.

tavolo e  sedie pieghevoli da giardino

Nell’immagine TÄRNÖ Tavolo+2 sedie da giardino, nero acacia, acciaio mordente grigio tortora mordente marrone chiaro, ideale per i piccoli balconi.

Verso una plastica più sostenibile

La plastica viene utilizzata in moltissimi prodotti perché è un materiale resistente, durevole, leggero, versatile. Tuttavia è necessario trovare nuovi modi di produrla e smaltirla in modo responsabile. L’obbiettivo Ikea per il 2030 è di utilizzare nei prodotti che vende solo plastica ottenuta con materiali rinnovabili o riciclati.

accessori tavola in plastica riciclata

TALRIKA è una serie per la tavola resistente e colorata, che puoi usare sia a casa che quando fai un picnic. Realizzata con plastica PLA, innovativa e rinnovabile, rappresenta un’alternativa più sostenibile rispetto ai prodotti a base di petrolio.

cucina realizzata con materiali riciclati

La cucina BODARP favorisce uno stile di vita più attento all’ambiente grazie ai materiali riciclati con cui è realizzata, al miscelatore dotato di sensore, che ti aiuta a consumare meno acqua, e al piano cottura a induzione ad alta efficienza energetica.

Il colore grigio-verde di BODARP dà vita a un ambiente fresco e arioso e anche i materiali e il modo in cui viene realizzata l’anta sono verdi: la lamina della superficie è in plastica PET riciclata e la produzione avviene in fabbriche che usano elettricità rinnovabile.

Facciamo la differenza

In IKEA puoi trovare soluzioni che ti permettono di differenziare più facilmente i tuoi rifiuti.

contenitore cucina raccolta differenziata

I rifiuti possono diventare nuove risorse. La serie HÅLLBAR ti permette di differenziare i materiali in bidoni diversi: una semplice azione che rappresenta il primo passo verso una vita più sostenibile.

L’articolo La nostra selezione Ikea per una casa più sostenibile proviene da Dettagli Home Decor.

7 Luglio 2020 / / Dettagli Home Decor

casa illuminata

L’illuminazione è l’elemento che determina il modo in cui percepiamo lo spazio. Per questo è importante sapere come scegliere la sorgente luminosa e quali lampade la interpretano al meglio.

Un ambiente illuminato correttamente risulta più confortevole. Per sostituire la luce naturale quando è buio, occorre progettare un impianto illuminotecnico che tenga conto della dimensione delle stanze, della distribuzione degli arredi e dell’azione che un corpo illuminante deve svolgere. Ecco 10 modi per illuminare la tua casa e acquistare le lampade giuste.

Generale

È l’illuminazione di base presente in ogni stanza. Il tuo obiettivo è creare una luce uniforme e senza ombre in tutta la stanza. In questo caso sono indicate lampade a sospensione e da terra che servono per orientarci e vedere l’intera stanza.

lampade di design a LED

Ambientale

Genera una piacevole atmosfera nella stanza, ma non è la fonte di luce principale. Sebbene non abbia una funzione specifica, l’illuminazione fioca aiuta a creare una buona atmosfera e aiuta ad ammorbidire il contrasto tra un’area luminosa e un’area scura. Luci montate sul soffitto o incassate, che proiettano la luminosità verso il basso, applique da parete e lampade da terra che rischiarano pareti e/o soffitti con la loro luce. Sopra la collezione Orchid di lampade a Led di Axo Light, disponibili in diversi modelli: da terra, a sospensione, da parete e da tavolo.

Integrata

Lo sviluppo della tecnologia LED ha portato più ricchezza al progetto illuminotecnico poiché le sue dimensioni ridotte ne facilitano l’integrazione nelle superfici. Prevedendo l’installazione di luci integrate nel soffitto puoi illuminare e delimitare gli ambienti senza invadere lo spazio con le lampade. Scelta ideale in presenza di superfici ridotte.

lampada da terra per angolo lettura

Funzionale

L’illuminazione funzionale focalizza la luce in un’area circoscritta. A differenza dell’illuminazione generale, che fornisce luce ad una determinata zona in modo generale e non specifico, l’illuminazione funzionale è caratterizzata da una sorgente luminosa realizzata e destinata allo scopo di facilitare compiti specifici come l’angolo lettura o la zona conversazione. Sopra la lampada da terra Fog Plissè TEA di Morosini, caratterizzata da un design semplice ma elegante che la rende ideale per qualsiasi ambiente e stile di arredamento.

Combinata

La chiave di una stanza accogliente e funzionale sta nella combinazione di tre tipi di illuminazione: generale, ambientale e funzionale. L’ideale è alternare luci diverse in vari punti della stanza per bilanciare l’ambiente.

plafoniere moderne a soffitto

Espansiva

Come regola generale, le luci proiettate dal soffitto alzano lo sguardo verso l’alto, fornendo un senso di altezza. Se l’ambiente è piccolo, meglio evitare le lampade da terra e puntare tutto su faretti, applique e plafoniere. Se cerchi qualcosa di discreto puoi optare per  uno dei due modelli di plafoniere a Led di Antealuce: Loop, dalla forma quadrata, o Ring, dal design tondo.

lampada da scrivania orientabile

Da lettura e lavoro

Essere in grado di orientare la luce verso il libro o la scrivania, è importante per evitare di affaticare gli occhi. Nella immagine sopra, la lampada JJ T P da tavolo di Leucos, è stata concepita come una sorgente luminosa adattabile che consente di essere orientata per l’illuminazione da lettura e lavoro.

lampade a sospensione per illuminare il tavolo

Sottile e leggera

Se la luce viene proiettata in modo sottile, si crea un’atmosfera più intima e rilassata, ideale per scambiare due chiacchiere dopo cena. La lampada Pluma, progettata da Nahtrang per l’azienda Faro Barcelona, nell’immagine sopra, è realizzata in alluminio rifinito in nero-oro ed è regolabile in altezza. Cade leggermente dal soffitto e proietta la luce attraverso una fessura verticale.

Uniforme e localizzata

Nei diversi ambienti è possibile utilizzare una sorgente luminosa che fornisce una luce uniforme con un carattere localizzato e flessibile, che si concentra dove serve

Esterno

Per illuminare gli spazi outdoor il consiglio è di utilizzare i sensori di movimento per illuminare le aree di passaggio in modo che la luce si accenda solo per alcuni minuti quando qualcuno passa. In questo modo si risparmia energia e può essere utile allontanare gli intrusi. Nell’immagine sopra i paletti da giardino della serie Nanda di Faro Barcellona, caratterizzati da una luce a LED calda, struttura in alluminio grigio e diffusore in policarbonato.

Grazie a queste informazioni puoi acquistare le lampade senza commettere errori e regalare ad ogni stanza la luce giusta.

 

L’articolo 10 modi per illuminare la tua casa proviene da Dettagli Home Decor.

6 Luglio 2020 / / Dettagli Home Decor

Il Decreto Rilancio sarà trasformato in legge entro il 18 Luglio 2020. Vediamo le novità introdotte per l’ecobonus 110 per cento, che interessa i lavori di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza degli edifici.

Ecobonus 110 anche sulla seconda casa

L’emendamento sulla seconda casa dell’ecobonus 110%, estende la possibilità di accedere all’ecobonus anche per tutte le seconde case e le villette a schiera, mentre vengono escluse le abitazioni di tipo signorile, le abitazioni in ville e castelli, che rientrano nelle categorie catastali A1, A8 e A9.

Limite massimo di accesso al bonus 110% è per massimo due unità immobiiari. E’ possibile accedere al superbonus anche per edifici appartenenti a organizzazioni senza scopo di lucro, organizzazioni di volontariato e associazione di promozione sociale del terzo settore, oltre alle associazioni e società sportive non dilettantistiche (ASD), ma solo per gli interventi che riguardano gli spogliatoi.

Interventi di demolizione e ricostruzione

L’ecobonus 110% si potrà utilizzare anche per gli interventi di demolizione e ricostruzione.  Per quanto riguarda la messa in sicurezza antisismica, rientrano nel sisma bonus 110% la realizzazione di sistemi di monitoraggio strutturale continuo, che siano effettuati di forma congiunta agli interventi di miglioramento o adeguamento antisismico.

Tetti di spesa per ecobonus 110%

I tetti di spesa saranno più bassi e differenziati a seconda della tipologia degli edifici. I nuovi tetti di spesa previsti sono 50mila per gli edifici unifamiliari, 40mila per i condomini fino  a otto unità familiari e 30mila euro per i più grandi – moltiplicati per il numero di unità familiari che compongo l’edificio.

Per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti centrali a condensazione è previsto un tetto di spesa di 20mila euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, nei condomini fino a otto unità immobiliari. Per gli edifici con più unità immobiliari, il tetto di spesa sarà di 15mila euro.

Coibentazione del tetto con bonus 110

Il bonus 110 potrà essere sfruttato anche per la coibentazione del tetto, ovvero per le superfici opache inclinate.  Inoltre, per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale nel condominio potranno essere utilizzati anche gli impianti a collettori solari. Nei Comuni montani, la detrazione 110 vale anche per l’allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente.

Efficientamento immobili vincolati

La detrazione 110 varrà per gli immobili vincolati per tutti gli interventi di efficientamento energetico in grado di produrre un miglioramento della prestazione energetica di due classi o il raggiungimento della classe energetica più alta.

Come anticipato il ddl sarà trasformato in legge entro il 18 luglio, quindi i decreti attuativi saranno pubblicati entro il 18 agosto.

L’articolo Ecobonus 110 per cento: le novità previste nel decreto rilancio proviene da Dettagli Home Decor.

4 Luglio 2020 / / Case e Interni

Con l’arrivo dell’estate ci ripetiamo che è il momento di uscire dal letargo (leggi: dal divano in cui siamo rimasti sprofondati per mesi) e trascorrere più tempo all’aria aperta. Se stai cercando idee su come arredare il tuo piccolo balcone, sei nel posto giusto!

Ci piacciono i barbecue e le cene nel giardino degli amici o i pic-nic fuori porta, ma a volte un posto tranquillo, privato e, soprattutto, senza uscire di casa è tutto ciò di cui abbiamo bisogno durante le nostre settimane lavorative.

L’unico inconveniente è che non molti degli abitanti delle città hanno effettivamente uno spazio esterno degno di questo nome. Francamente a me e a Marco ci piange il cuore vedere i balconi, anche grandi, trascurati ed usati come ripostigli. Anche un piccolo balcone in città è una grande risorsa e credo che, dopo che siamo rimasti per lungo tempo a casa per il lockdown, molti di noi se ne siano resi conto.

Eppure spesso è uno spazio a cui si dedica poco tempo, con la scusa che non si ha il pollice verde, che non si ha tempo o che non si ha spazio in casa, frequentemente viene trasformato in un ripostiglio con bidoni della spazzatura, armadi, scope, stendibiancheria, scale, biciclette e persino scatoloni con le decorazioni natalizie o vecchi arredi di cui ci si deve liberare prima o poi. Certo per chi abita di fronte non è un bello spettacolo, ma noi ci chiediamo perché non liberarsi finalmente delle cose di troppo e non trasformare quello spazio in un posto rilassante dove poter passare del tempo libero quando finalmente la stagione lo permette?

Quindi, se sei uno dei fortunati a vivere in un appartamento con un balcone, anche piccolo e non stai sfruttando al massimo ogni centimetro, è arrivato il momento di porvi rimedio. Spesso non ci si rende conto di quanti modi versatili ci siano per arredarlo e decorarlo.

Sia che lo spazio all’aperto dei tuoi sogni sia fatto per la socializzazione o per il relax, questi 12 piccoli balconi sono pieni di idee. Ci siamo rivolti a Pinterest per un po’ di ispirazioni ed abbiamo pensato di condividere qui sul blog le nostre immagini preferite di piccoli balconi meglio arredati! Andiamo fuori a dare un’occhiata!

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[fonte qui]

[Foto d’apertura; fonte non certa – Purtroppo su Pinterest non sempre è possibile risalire alle fonti originarie]

Leggi anche qualche consiglio su come arredare un piccolo balcone:
7 piccoli balconi perfetti per la stagione estiva

______________________________________
Anna e Marco DMstudioCASE E INTERNI

4 Luglio 2020 / / Idee

Divano con penisola o divano angolare? Divano con sedute estraibili o divano con pouf? Scegliere il divano a volte è un dilemma

La maggior parte delle volte mi trovo davanti ad una coppia in cui ,

lui vuole il televisore 65 pollici ed un divano ampio, comodo e con penisola ,

invece lei ,

che odia le manie di grandezza di lui ,

preferisce dare spazio alla madia e ridurre le misure del divano.

In realtà,

per scegliere il divano è necessario tener conto:

  • della conformazione della stanza,
  • dell’altezza di chi ne fruirà
  • dello stile che vogliamo
  • delle esigenze che abbiamo

A meno che voi decidiate di non guardare il televisore in soggiorno,

il divano per logica va posizionato di fronte al tv,

la distanza tra i due dovrebbe essere direttamente proporzionale alla dimensione del tv e inversamente alla sua definizione,

Inoltre

Il divano non dovrebbe essere sistemato davanti ad una finestra, ma possibilmente di lato, per evitare che il monitor venga abbagliato dalla luce.

come scegliere il divano : lo spazio

Se lo spazio a disposizione è poco, l’opzione migliore è un divano lineare,

due o tre posti dipenderà dalla misura della parete a cui andrà appoggiato, o della stanza in cui verrà alloggiato,

a tal proposito ,

per alcuni modelli di divani , è possibile definire la dimensione in base alla tipologia di bracciolo scelto,

come nelle immagini qui sotto

con un bracciolo Large la misura del divano 2 posti sarà L164 cm, con quello Small L142 cm, mentre nella versione Slim L144 cm

in questo modo cambierà solo l’ingombro del divano e non la seduta disponibile , che sarà la stessa per tutti e tre i modelli.

Se invece lo spazio è considerevole, la scelta potrà ricadere su un divano con penisola, un divano angolare o sulla disposizione di più divani

Un aspetto importante da considerare nella scelta del modello di divano , è : chi lo utilizzerà?

  • adulti
  • bambini
  • persone anziane
  • animali domestici

Lo so , magari starete pensando “ma cosa centra?”

Vi assicuro che fa la differenza

Gli adulti in generale, hanno esigenze diverse rispetto ad un bambino o ad una persona anziana,

infatti,

solitamente si tratta di persone che utilizzano in modo diverso il divano:

  • cè chi si sdraia
  • chi ci lavora
  • qualcuno ci dorme
  • il bambino ci salta
  • chi ci sta seduto tutto il giorno

quindi ,

a seconda delle esigenze è possibile decidere se completarlo con:

  • un meccanismo relax
  • sedute estraibili
  • penisola o pouf con contenitore
  • un letto estraibile
  • schienale con meccanismi poggia testa
  • luci
  • cuscini poggia testa
  • rivestimenti anti macchia

Una volta considerate tutte queste cose vi chiederete:

quindi

come scegliere il divano?

modelli, idee e consigli

Se state cercando un divano , la prima cosa da fare è avere le idee chiare:

Divano moderno o divano classico?

La differenza tra i due :

  • linee squadrate e minimal del primo
  • bracciolo tondeggiante e linee morbide del secondo

Definito lo stile, ci saranno tante altre varianti di cui tener conto

Per comodità oggi vi darò qualche dritta basandomi sullo stile moderno:

  • 1)perchè è il più venduto
  • 2)perchè un divano moderno puoi avere anche una linea classicheggiante, quello classico invece resta tale.

Bene, abbiamo deciso lo stile del divano,

ma adesso come lo scegliamo?

  • COMODO

perchè un divano sia comodo deve necessariamente avere queste caratteristiche:

  • l’imbottitura della seduta deve essere tanto morbida quanto resistente al peso di chi lo utilizza

ovvero,

gran parte dei divani hanno la seduta in polurietano espanso indeformabile, un materiale di cui vi ho parlato in questo articolo,

maggiore è la densità del polurietano che compone l’imbottitura, maggiore sarà la sua resistenza al peso

il poliuretano espanso può avere diversi gradi di densità, considerata già buona quando è di circa 35 kg/mq , anche se si può arrivare a  50 kg/mq.

per questo motivo, morbido non è sinonimo di comodità.

  • l’altezza della della seduta deve essere tale da permettere di appoggiare i piedi per terra

Sembra una banalità , ma in realtà se siete un pò bassetti come me, una seduta troppo alta e un divano troppo profondo sono sinonimo di SCOMODO

Infine

  • lo schienale non dovrebbe essere troppo basso

lo schienale dovrà permettervi di appoggiare la spina dorsale, e possibilmente anche la testa

  • SFODERABILE O COMUNQUE LAVABILE

Il rivestimento è la parte che tocchiamo , su cui ci sediamo, insomma quella più soggetta ad usura

pertanto sceglierlo con caratteristiche qualititative alte è importante.

  • BELLO

ovviamente è un aspetto soggettivo:

  • con piedi alti, comodo per la pulizia e dall’aspetto elegante ,
  • a terra
  • con bracciolo tondo e morbido oppure dritto e squadrato
  • con un mix di colori

insomma,

ce ne davvero per tutti i gusti

Vi lascio un qualche immagine per lustrarvi gli occhi , e se volete qualche informazioni in più sui divani pubblicati in questo articolo contattatemi

L’articolo Come scegliere il divano: idee e consigli proviene da Laura Home Planner.

3 Luglio 2020 / / Design

accessori cucina ecologici

Sei prodotti di uso quotidiano che ti permetteranno di ridurre l’uso della plastica in cucina per la salvaguardia degli oceani

La plastica sta uccidendo il nostro pianeta, infatti solo nel 2020 6,389,331.3 tonnellate di rifiuti di plastica sono finiti  negli oceani . Quotidianamente un camion della spazzatura contenente materiali plastici viene scaricato nei nostri mari ogni minuto, di questo passo entro il 2030 saranno due camion al minuto, entro il 2050 saranno ben quattro. Ciò significa che gli oceani ospiteranno più plastica che pesci.

Sai quanto tempo impiega la plastica presente in mare a biodegradarsi completamente? Le stime vanno da 450 anni a mai!

Cosa possiamo fare per ovviare a tutto ciò? Abbandonare la plastica e passare a prodotti biodegradabili, partendo ad esempio dalla cucina dove il consumo di materiali plastici è maggiore.

6 prodotti per ridurre il consumo di plastica in cucina

Come detto la cucina è senza dubbio l’ambiente della casa dove si concentra maggiormente l’uso della plastica: bottiglie, contenitori per alimenti, pellicola trasparente e molto altro ancora. Oggi, però, puoi rendere la tua cucina plastic free scegliendo soluzioni alternative naturali e non inquinanti. Ecco una selezione di prodotti per dire addio alla plastica!

prodotti ecologici per il lavaggio delle stoviglie

Kit pulizia piatti No Tox Life

La soluzione ideale per lavare i piatti in modo 100% ecosostenibile e plastic free!

Il kit comprende 7 articoli: Un detersivo solido per piatti – No Tox Life – 215g; una spugna lavabile e compostabile Scrubbies (colore/design casuale); una spazzola in fibra di cocco; una spazzola lavapiatti; una ricarica per la spazzola lavapiatti; una spazzola naturale per pentole e padelle; e una grande borsa in cotone biologico (30cm x 30cm).

articoli ecologici per la cucina

Kit pulizia cucina 

Se hai deciso di eliminare la plastica dalla tua cucina e non sai da dove iniziare, questo kit fa al caso tuo.

Il kit comprende 7 articoli : una spazzola lavapiatti; una ricarica per la spazzola lavapiatti; una spugna abrasiva in fibra di cocco; una spazzola naturale per pentole e padelle; un cubo di Marsiglia 300g – Sapone solido La Corvette, a scelta tra profumazione Olive o Vegetale; una spazzola in fibra di cocco; e una grande borsa in cotone biologico (30cm x 30cm).

prodotti ecologici per la cucina

Kit Kiss my kitchen

Il kit Kiss my kitchen è l’ideale per iniziare a ridurre i rifiuti e la plastica nella tua cucina. Cosa c’è di più bello di una cucina plastic free? Dai un’occhiata ai diversi design disponibili. Potresti sfruttarla anche come idea regalo…Siamo sicuri che conquisterà anche i più scettici!

Il kit include: pacco da 3 panni in spugna ; rotolo di scottex riutilizzabile; spazzola naturale per piatti; spazzola in fibra di cocco; spazzola naturale per pentole e padelle.

involucri biodegradabili per alimenti

Involucri per alimenti Beebee Wraps

Gli involucri in cotone biologico e cera d’api sono la perfetta alternativa riutilizzabile e compostabile alla pellicola in plastica e in alluminio usa e getta. Lavabili con acqua fredda e sapone hanno una durata di un anno e sono compostabili.
Questo set include: 2 fasce da 33 x 33 cm, 2 fasce da 26 x 26 cm, 1 fascia da 18 x 18 cm

borse in cotone biologico per alimenti

Borse per alimenti in cotone biologico

Queste borse in cotone biologico sono un’eccellente alternativa alle buste in plastica usa e getta e sono estremamente utili per ogni tipo di negozio, dal mercato al negozio sfuso, dal negozio di alimentari e al supermercato. Le borse in cotone sono perfette per noci e frutta secca, pasta, avena, riso, fagioli, caramelle, cioccolato e semi. Possono naturalmente essere utilizzate anche per frutta e verdura, ma in questo caso le borse a rete sono migliori per la loro traspirabilità.

filtri naturali per acqua del rubinetto

Filtri per acqua in carbone di bambù

Questi filtri per l’acqua completamente naturali, a base di carbone di bambù, possono essere riutilizzati molte volte, per circa 2 mesi. Posiziona i filtri in una caraffa o bottiglia di vetro riempita con acqua di rubinetto e filtreranno lentamente le impurità come cloro e clorammine. Inoltre, ha anche un effetto remineralizzante.

Questo set da 8 pezzi è adatto a filtrare 2 litro d’acqua. Per 1 litro d’acqua utilizzare 3-4 filtri; per 2 litri utilizzare 6-8 filtri.

Dopo 2 mesi di utilizzo, possono essere riutilizzati per diversi altri scopi ed infine compostati. Ad esempio, possono essere utilizzati per prevenire la muffa, rimuovere umidità e cattivi odori dagli angoli più umidi della casa, oppure essere tenuti in frigorifero per mantenere freschi i prodotti.

I prodotti che abbiamo scelto sono in vendita da greentribu.it , l’e-commerce che propone articoli sostenibili, ecologici e plastic free!

L’articolo Le soluzioni per una cucina plastic free proviene da Dettagli Home Decor.