Idee






 
 
 

Etsy Finds of the Week: idee per la stanza dei bambini

Pubblicato da admin in Charme and More, Idee

Etsy Finds of the Week: idee per la stanza dei bambini.

Ecco alcune idee e ispirazioni per arredare e decorare la cameretta dei bambini e renderla accogliente con mobili e complementi d’arredo fatti a mano.

copia-di-etsy-finds

1.| Contenitori porta giochi in carta rifiniti con decorazioni grafiche e minimal in stile scandinavo. (Tellkiddo, € 15,91)

2.| Teepee, un’originale tenda indiana, un meraviglioso rifugio per i bambini dove possono liberare la loro immaginazione e creatività. Un luogo accogliente per giocare, leggere o riposare. (TeepeeLittleNOMAD€ 75,65 € 89,00)

3.| Sedia in legno di faggio per i più piccoli, perfetta fino ai cinque anni (TeepeeLittleNOMAD, € 49,00)

4.| Orso nella foresta, decalcomanie da muro per creare una stanza unica, magica e incredibile (DURIDO, € 33,00)

5.| Tempo di storie sotto la coperta…..che meraviglia questa coperta fatta a mano  50% lana e 50% acrilico (YarningMade, € 137,77)

6.| Lettino in stile montessoriano fatto a mano in compensato di betulla senza impiego di lacche o vernici (TeepeeLittleNOMAD, € 199,00)

Cliccate qui se siete alla ricerca di giocattoli, accessori, vestiti e calzature per i vostri bambini.

Vi è piaciuto questo post?

Condividetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.
 

L’articolo Etsy Finds of the Week: idee per la stanza dei bambini proviene da Charme and More.

Tags:

 
 

Arredare casa giorno #2: capire quale stile fa per voi

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Capire quale stile fa per voi può essere un compito arduo, soprattutto data la quantità enorme di informazioni che abbiamo. Come decifrarle?


Si parla così tanto di questi stili d’arredo ultimamente che se anche si ha un dubbio, si ha vergogna di chiederlo. Per evitare di sentirsi non aggiornati o per paura di non aver capito qualcosa che ci viene continuamente proposto.

Tantissime informazioni anche diverse, che molto spesso finiscono per crearci ancora più confusione. Per prima cosa: cos’è uno stile? Uno stile è l’insieme di scelte (nel nostro caso i colori, i materiali..) e di arredi per ricreare un certo periodo storico o luogo. Di stili d’arredo ce ne sono tanti ma i principali sono nove: classico, industriale, moderno, contemporaneo, minimal, marino, nordico, eclettico, rustico.

Come riconoscere il proprio?

Capire quale stile fa per voi cominciando dai colori…

Se leggete il blog da qualche tempo, sapete che questa è una “serie” dedicata proprio alla domanda che viene posta più spesso:da dove comincio per arredare casa? L’altro giorno tra gli altri punti, c’era quello che diceva di cercare ispirazione su Pinterest (lo conoscete, giusto?).

Il più grande motore di ricerca per immagini è il vostro più grande alleato nella ricerca delle immagini che più vi ispirano, mentre siete alla ricerca del VOSTRO stile. Cercate uno stile per volta e analizzate bene gli ambienti: vedrete che ognuno ha delle caratteristiche peculiari.

Immagini di soggiorni nei vari stili d'arredo
| Image credits: Maisons du Monde – H&M – Unsplash |

Cominciate dai colori: quali sono quelli che sentite più vostri, con cui sareste a vostro agio nell’arredare casa? Annotatevi i colori per grandi gruppi e poi con l’aiuto di una mazzetta colori (di quelle che si usano per scegliere le vernici) scendete nel dettaglio.

Nello stile minimal il bianco è il grande protagonista. Nello stile nordico invece, c’è spazio per bianchi, grigi, neri, verde salvia e blu. Vi piace lo stile moderno? Allora rosso, blu, grigio e i toni del legno sono i vostri compagni.

…Passando poi per arredi e complementi

Passate poi agli arredi veri e propri: quanti ce ne sono? Che tipi di materiali ricorrono più spesso? I legni chiari come il frassino e la betulla sono tipici dello stile nordico. I legni pregiati come il palissandro e il teak invece, sono dello stile moderno. E’ tutto bianco e non c’è quasi traccia del legno? Siete davanti allo stile minimal.

Immagini di camere da letto nei diversi stili d'arredo
| Image credits: Ikea – Maisons du Monde – Unsplash – Kaboompics |

Il passo finale è guardare i complementi d’arredo: sono proprio loro a definire uno stile e renderlo tale. Lo stile industriale ne avrà tanti e tutti che si ricollegano al mondo delle fabbriche: tanto metallo, tanto legno grezzo, mattoni, cemento. Ingranaggi utilizzati come orologi, lampade a soffitto che sono i grandi riflettori che si usavano nei capannoni.

Per contro, lo stile minimal quasi non ne ha: l’essenzialità espressa al suo meglio. E se invece c’è qualcosa in ogni stile che vi piace? Vuol dire che siete degli appassionati dello stile eclettico: lo stile che mette insieme pezzi di stili diversi, creando ambienti raffinati e unici.

banner blog stili d'arredo

Non pensiate però che uno stile solo riesca a definirvi; come esseri umani siamo tanto complessi ed è quasi impossibile che ci sia un solo stile che racchiuda tutto quello che vi piace. Di solito solo almeno un paio ed proprio il metterli assieme che crea il vostro unico stile. Avete fatto il test?

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Arredare casa giorno #2: capire quale stile fa per voi sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

Tags:

 
 

INSPIRATION MOOD | westwing now

Pubblicato da blog ospite in Idee, Room by Room
Con l’arrivo della bella stagione ci è venuta voglia di pensare a un re-styling degli spazi esterni, che sia un terrazzo, un giardino oppure un cortile il mondo del design offre tantissime ispirazioni. Abbiamo dato un’occhiata al sito westwing, vi sono proposte di design ad prezzo contenuto ma dal gusto ricercato al passo coi tempi.

Anche le nostre tavole hanno bisogno di un occhio di riguardo, la soluzione ideale è colorarle con piatti in terracotta decorati con stampe pattern tropical.
LA POLTRONA
CROISETTE by HONORÉ DECO

Poltrona fatta a mano, i cuscini come seduta e come schienale sono rimovibili e il rivestimento è idrorepellente. Ideale per un uso esterno per dare colore e confort ad ogni spazio della casa
LA LAMPADA
LAMPADA solare LED by SONNENGLAS

Lampada solare deco LED a forma di vaso con coperchio rimovibile, composta da 4 apparecchi a LED ad alta luminosità, che vengono caricati tramite le celle solari nel coperchio. È possibile inserire oggetti decorativi nella lampada. L’aspettativa di vita della batteria è di circa 5 anni per il normale uso domestico, ideale per un uso interno ed esterno. La sua peculiarità è nell’essere un prodotto artigianale fatto in Sud Africa con il 70% di materiali locali in condizioni di commercio equo e solidale Premiato con design Awards.
IL TAVOLO
HARD & ELLEN by CINAS

Tavolo da giardino pieghevole, ideale per un uso esterno adattabile a qualsiasi spazio e stile per via del suo design minimal ma raffinato.
IL CUSCINO
ODISHA by EIGHTMOOD

Cuscino reversibile double face, perfetto per colorare dei maxi divani in terrazza grazie a innumerevoli fantasie e colori.
Tags:

 
 

Arredare un piccolo terrazzo: i mobili giusti

Pubblicato da blog ospite in Idee, La Gatta Sul Tetto

Anche un piccolo terrazzo può offrire uno spazio da vivere all’aperto comodo e funzionale. Basta scegliere gli arredi giusti.

Arredare un piccolo terrazzo: i mobili giusti Arketicom

Spesso chi possiede un piccolo terrazzo rinuncia ad attrezzarlo per via della mancanza di spazio. E’ una convinzione assai comune, infatti, che gli arredi per l’outdoor siano ingombranti e poco versatili. Niente di più sbagliato. Fortunatamente oggi esistono soluzioni intelligenti per rendere anche i piccoli terrazzi comodi e funzionali.

Organizzare gli spazi

Il primo passo da compiere è quello di organizzare gli spazi. Dopo aver valutato attentamente la metratura e la morfologia del vostro piccolo terrazzo, decidete quali e quante aree funzionali inserire.

In base alle vostre esigenze, scegliete tra le diverse possibilità: zona pranzo, zona relax,  barbecue, ripostiglio, angolo verde con fiori, piante o un orto in miniatura.

Nel posizionare le diverse aree, fate attenzione alle zone di passaggio, tra interno ed esterno e nel terrazzino stesso, in modo da lasciare uno spazio adeguato per muoversi agevolmente.

Ricordatevi che potete sempre sfruttare le pareti e il parapetto per appendere piante e oggetti.

Scegliere l’arredo giusto

L’arredo giusto per un piccolo terrazzo deve essere semplice, versatile e poco ingombrante. 

Zona pranzo

Per la zona pranzo, scegliete sedie pieghevoli, che hanno il vantaggio di occupare poco spazio quando non servono, e sgabelli impilabili, così da avere delle sedute in più per gli ospiti.

Il tavolo rotondo permette di apparecchiare per più persone, ma è meno funzionale di un tavolo quadrato. La soluzione migliore, se lo spazio lo consente, è quella di scegliere un tavolo quadrato o rettangolare allungabile.

Zona relax

Per la zona relax, vi propongo le soluzioni di Arketicom Design, un brand che mi sta particolarmente a cuore. L’anno scorso ho avuto il piacere di intervistare il co-founder Luca Micelli, e di apprezzare il progetto creativo e innovativo che c’è dietro l’azienda.

Vediamo come creare una zona relax bella, comoda e funzionale con l’aiuto dei prodotti Arketicom Design. 

Se vi piace l’idea di attrezzare la zona relax con uno o più divani, e se siete degli appassionati del riciclo e dello stile industrial, ci sono i cuscini per pallet Pallet Idro. Composti da due materassi rigidi per seduta e schienale, sono confezionati con materiali adatti all’outdoor, sono sfoderabili, disponibili in diversi colori e realizzabili anche su misura, così da adattarsi a tutti gli spazi.

Arredare un piccolo terrazzo: i mobili giusti cuscini per pallet Arketicom

I Pallet Idro, assieme alla versione più morbida Soft Pallet, sono davvero una soluzione versatile: se non avete un bancale, potete sempre appoggiarli a terra o su un altro supporto.

I pouf intelligenti

Come fare se lo spazio è davvero striminzito? In questo caso Arketicom Design ha studiato una soluzione geniale: Fu Touf, il pouf trasformabile.

Con questo oggetto veramente smart, vi bastano un bel tappeto da esterni, qualche candela o una ghirlanda luminosa, un paio di cuscini e avrete una zona relax outdoor che gli amici vi invidieranno. Potrete sedervi sul pouf, adagiarvi sulla poltrona, sdraiarvi sul materassino, a voi la scelta.

Arredare un piccolo terrazzo i mobili giusti pouf trasformabile Arketicom

Se vi piace l’idea di utilizzare i pouf per la zona relax, potete abbinare a Fu Touf il pouf su rotelle Uills, perfetto sia per l’outdoor che per l’indoor: leggero e facile da spostare , può servire sia come seduta che come tavolino d’appoggio. 

Arredare un piccolo terrazzo: i mobili giusti pouf rotelle Arketicom

Infine c’è Puffle, il pouf a forma di puzzle, il mio preferito. Allegro, originale, colorato, Puffle sta bene sia da solo che in compagnia: due Puffle incastrati tra loro formano una panca, tre fanno una panca ad angolo, quattro diventano un’isola. 

Arredare un piccolo terrazzo, trasformandolo in un’oasi all’aperto da vivere da soli o in compagnia, come avete visto, non è un sogno impossibile.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

Tags:

 
 

Home office: come arredarlo

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch, Idee

E’ da diverso tempo che pensavo di scrivere un articolo dedicato all’home office e ultimamente ho ricevuto alcune richieste di progettazione per questo ambiente quindi credo sia proprio arrivato il momento di parlarne! Sono tanti i freelance che svolgono il proprio lavoro da casa, blogger, web editor, architetti, interior. Questo articolo è dedicato a voi, indicherò alcune idee di arredo e i punti essenziali per arredare l’home office nel modo corretto.

La stanza dedicata allo studio è generalmente disposta vicino alla zona living, anche se non tutti gli appartamenti dispongono di un ambiente dedicato. Lavorare nel modo migliore e trovare la giusta concentrazione non è semplice, per questo motivo è importante arredare e decorare questa zona della casa nella maniera corretta. Sappiamo bene che arredare non è sempre una cosa semplice, sopratutto quando abbiamo a che fare con spazi ridotti e in questo caso specifico bisogna fare attenzione a diversi aspetti, uno per esempio è la luce, sia naturale che artificiale. Il colore delle pareti è altrettanto importante, non tutti i colori sono adatti ad un ambiente lavorativo.

Ikea.com

Per arredare il perfetto home office basta seguire dei semplici passi:

  1. scegliere lo stile di arredo
  2. lista degli arredi indispensabili
  3. scegliere la palette colori da seguire
  4. lista di decorazioni

Lo stile è importante, sia che si tratti di una stanza separata dal resto della casa ma sopratutto se si tratta di una zona dedicata allo studio all’interno di altre aree funzionali (come ad esempio il salotto) è fondamentale che ci sia un legame con lo stile di arredo della casa . Questo aiuterà nella scelta dei vari arredi che saranno indispensabili per la definizione dell’home office.

Pinterest.com

Ho già definito quanto la luce sia indispensabile per la defnizione del perfetto home office, infatti la zona dovrà avere un’adeguata illuminazione naturale, dei tendaggi adeguati per evitare che la luce del sole possa risultare fastidiosa durante il giorno ed avere le luci corrette per la sera, sia in quanto a posizionamento sia per quanto riguarda la tipologia ed il colore.

Maisondumonde.com

In base alla tipologia di attività il tipo di pc, sappiamo qual è lo spazio che ci occorre e che tipo di scrivania acquistare. Serve una cassettiera? Bastano alcune mensole? Per aquistare arredi e complementi consiglio di visitare alcuni siti web che io amo particolarmente, per esempio ikea, maison du monde, Westwing sono tra i miei preferiti.

Scrivania Maison du Monde
Schedario Ikea.com
Cassettiera Ikea.com

Scegliere una palette di colori vi aiuterà a non sbagliare e a scegliere nel modo corretto gli arredi e le decorazioni. Se l’arredo è bianco sarà utile utilizzare i colori per rendere più caldo e personale l’ambiente. Sono perfette le palette con azzurri, verdi, rosa, grigi. Meno adatte le colorazioni forti come rosso e arancio.

Per rendere l’home office accogliente, dopo aver arredato con gli elementi base sarà utile scegliere le giuste decorazioni. Quindi sono perfette le cornici, lampade, pouf, carta da parati, cuscini, specchi, oroogi, e tutti i vari dettagli che saranno utili per lo svolgimento del proprio lavoro e per attrezzare al meglio lo spazio sulla scrivania.

Organizer- Weswing.it
Orologio parete Lovethesign.com
Bacheca Westwing.it

Ho creato per voi una bacheca su Pinterest dove ho raccolto una serie di immagini di home office da cui predere spunto. Uso spesso Pinterest, trovo tantissime idee e spunti per acquisti online davvero interessanti.

Tags: ,

 
 

Biscotti di Pasqua di pasta frolla.

Pubblicato da admin in Charme and More, Idee

I biscotti di Pasqua sono degli ottimi dolcetti di pasta frolla; genuini e  semplici da realizzare.

Se in casa abbiamo dei bambini ci possiamo divertire con loro nel prepararli per la colazione della mattina di Pasqua o per fare dei piccoli regali a parenti e amici, come alternativa alla tradizionale colomba.

Ecco la ricetta per sei persone e le istruzioni necessarie per una veloce pasta frolla.

INGREDIENTI

300 g di farina
150 g di burro
150 g di zucchero a velo
1 uovo
2 tuorli
1 pizzico di sale

PREPARAZIONE

Per preparare degli squisiti biscotti di pasta frolla iniziate dalla lavorazione del burro  con lo zucchero a velo. Mettete lo zucchero a velo in un mixer, aggiungete il burro  appena tolto dal frigorifero e frullate fino ad ottenere un composto sabbioso.

Versate il composto su una spianatoia, aggiungete la farina e il pizzico di sale e formate una fontana. Rompete l’uovo e aggiungete i 2 tuorli. Iniziate a mescolare con la punta delle dita.

Lavorate l’impasto velocemente e fino ad amalgamare bene tutti gli ingredienti e formare una palla. Avvolgete la pasta frolla con la pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Trascorso questo tempo, stendete la pasta frolla (spessore di almeno 5 millimetri)  con un matterello in legno inciso con laser e formate con degli  stampini che rappresentano i classici simboli pasquali tanti biscotti, che andrete ad adagiare su una teglia foderata di carta da forno.

Cuocete in forno caldo a 200° per circa 10 minuti o fino ad una leggera doratura.

mattarello-pasqua-biscotti-frolla

Mattarello in legno di faggio inciso con il laser di GOODYWOODYcompl

biscotti-frolla-pasqua-mattarello

Mattarello piccolo perfetto per lavorare con i bambini.

https://www.awin1.com/cread.php?awinmid=9607&awinaffid=566167&clickref=&p=https%3A%2F%2Fwww.etsy.com%2Fit%2Flisting%2F670425162%2Fnuove-uova-di-pasqua-mattarello%3Fref%3Duser_profile
Mattarello inciso dal laser con decorazioni pasquali
Confezione per un simpatico regalo di Pasqua. Mattarelli di faggio incisi al laser.
Confezione per un simpatico regalo di Pasqua. Mattarelli di faggio incisi al laser.

FirmaFellinSMALL

*Questo post contiene link affiliati.

 

L’articolo Biscotti di Pasqua di pasta frolla. proviene da Charme and More.

Tags:

 
 

Dove cominciare per arredare casa: giorno #1

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Dove cominciare per arredare casa? Una delle domande più richieste, per uno dei compiti più importanti. Semplifichiamo il processo passo dopo passo.


Quando si affronta il grande passo di andare a vivere da soli/ in coppia o si acquista la nuova casa l’emozione è alle stelle. Una casa intera tutta nostra, bianca come una tela e da riempire con arredi e complementi che abbiamo sempre sognato.

Quello che fino a ieri era una emozione pura ora pian piano si trasforma un po’ in ansia: da dove comincio per arredare casa? Cosa mi servirà? Quanto spenderò? Tutte domande legittime che però se poste tutte assieme hanno come risultato finale un gran mal di testa.

Innanzitutto non auto-acceleratevi: non c’è nessuno che vi aspetta al traguardo e non c’è una scadenza oltre la quale non potete più arredare casa. Cerchiamo di fare chiarezza ed analizzare passo dopo passo il processo che vi porterà a definire l’arredo e lo stile di casa vostra.

Dove cominciare per arredare casa: non abbiate fretta

Questa frase può sembrare fuori luogo ma è il principio base con cui far pace. Pensateci bene: una volta che avete gli elementi base per vivere, non c’è fretta di avere tutta la casa arredata al completo, giusto?

Prendervi il tempo di riflettere, valutare, guardare farà sedimentare meglio le vostre scelte che saranno dettate dalle reali necessità che incontrate man mano che vivete nella vostra nuova casa. Acquistare tutto molto prima crea il rischio di avere elementi che pensavate vi sarebbero serviti o che sarebbero stati bene nel complesso, e invece no.

Aiutatevi compilando una check-list degli arredi e complementi che vi serviranno

Mettere tutto nero su bianco vi aiuterà a catalizzare l’attenzione sugli oggetti ed arredi che realmente pensate vi serviranno. Analizzate stanza per stanza definendo le attività che andrete a svolgerci e fate un elenco di arredi ed oggetti che usate abitualmente per quei compiti. Partite dai grandi arredi e scendete nel dettaglio, senza dimenticare nulla.

Questo vi permetterà di definire il numero di oggetti che vi servono, vi darà un’idea di budget e vi permetterà di cominciare a definire le priorità.

Man mano che delineate le vostre abitudini ed esigenze potrete aggiornare l’elenco aggiungendo o togliendo elementi e spuntando quelli che comprate strada facendo.

banner blog per scaricare la checklist dove cominciare per arredare casa

Pinterest lo conoscete?

Se la risposta è no, vi consiglio di correre ai ripari: Pinterest è il miglior motore di ricerca quando si è in cerca di idee ed ispirazioni.

Grazie a Pinterest potrete trovare migliaia di immagini di case da salvare in bacheche virtuali. Il mio consiglio è di creare una bacheca per ogni stanza, così da salvare le idee con più facilità. Se non sapete da dove partire, date un occhio al mio profilo!

Ovviamente sono perfetti sia i cataloghi delle aziende di arredi che le riviste di settore: tenete da parte queste immagini per creare una tavola d’ispirazione sulla quale attaccare tutte le immagini che avete selezionato. In questo modo si comincerà a definire un gusto ed uno stile da perfezionare man mano.

La tavola d’ispirazione (anche detta moodboard) potete farla anche online, con il programma gratis online Canva. Vi basterà caricare le immagini scelte nel sito e comporle in griglie, scegliendo tra i tanti modelli disponibili. Una volta fatto, stampatelo per poterci annotare i vostri commenti e le vostre revisioni.

infografica dove cominciare per arredare casa processo in cinque passi

Dove cominciare per arredare casa: definire i colori da usare in casa

Se avete collezionato un bel gruppo di immagini di ispirazione potrete notare che ci sono dei colori che si ripetono. Questi con molta probabilità sono i colori che preferite e quindi potete cominciare a dividerli in grandi gruppi: i blu, i verdi, i grigi.. Fatto questo, potete selezionare 5 colori che andranno a formare il vostro schema colore da applicare in tutta casa.

Secondo me l’ideale è avere due colori saturi (carichi di colore), un pastello e due neutri. In questo modo avrete un buon mix di tonalità facilmente accoppiabili, che vi garantiranno un equilibrio cromatico.

Definire le priorità d’acquisto

A questo punto le idee dovrebbero cominciare a schiarirsi, ed è qui che arriva il bello. Avete stretto il campo intorno allo stile che volete dare a casa vostra, state definendo i colori che più preferite. Avete la vostra check-list di arredi e complementi da acquistare: ora dovete priorizzare gli acquisti.

Cosa vuol dire? Significa che dovete scegliere prima gli arredi senza i quali non potete vivere in casa: letto, divano, cucina. Questi sono anche gli elementi che vi prenderanno la parte più grande del budget, per cui prendetevi il tempo di selezionare i rivenditori di mobili che vi piacciono di più. Date un occhio ai loro siti e definite quelli che meritano una vostra visita in persona.

Girate, guardate, fotografate e prendete nota di dimensioni, colori, prezzi. Fate anche un secondo ed un terzo giro nei negozi, se serve. In questo modo le decisioni avranno il tempo di sedimentare e le decisioni saranno davvero semplici.

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Dove cominciare per arredare casa: giorno #1 sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

Tags:

 
 

Come rinnovare gli ambienti interni in modo rapido, economico ed efficace con i pannelli in PVC di Signorbit

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Idee
Come rinnovare gli ambienti interni in modo rapido, economico ed efficace con i pannelli in PVC di Signorbit
Le tendenze della ristrutturazione e dell’arredamento ci portano sempre nuovi modi per rinnovare con facilità. Come i pannelli in PVC: una soluzione semplice per rifinire le pareti di casa tua

Stai cercando di dare un nuovo volto alla casa? I pannelli in PVC permettono di realizzare lavori in casa senza particolari difficoltà e consentono di rinnovare gli ambienti in modo rapido e soprattutto durevole. Se non ne hai mai sentito parlare, vediamo di cosa si tratta. Gli esperti di Signorbit spiegano caratteristiche e vantaggi di questo materiale ed elencano alcune idee per utilizzare i pannelli in PVC in casa o in ufficio.

Appositamente studiati per la decorazione e per la riqualificazione delle pareti vecchie o rovinate, i pannelli in PVC godono oggi di uno straordinario successo, sia tra gli arredatori di interni che tra gli appassionati di fai da te.

Utilizzare i pannelli in finta pietra, in finto mattone o in finto legno di Signorbit, infatti, significa fare una scelta di grande impatto, economica, ecologica, durevole nel tempo, ma soprattutto intelligente: sebbene i pannelli pvc siano leggeri e abbiano uno spessore di soli 0.4 mm, essi sono resistenti agli urti ed impermeabili.

Nel contempo, assicurano una reale resa estetica sulla parete del materiale selezionato (a scelta tra pietra, mattone e legno) ed un effetto 3D di grande impatto visivo.

Come rinnovare gli ambienti interni in modo rapido, economico ed efficace con i pannelli in PVC di Signorbit

Ma se i pannelli pvc sono ottimi per decorare praticamente qualsiasi tipo di ambiente (dalle abitazioni in città, agli uffici, ai locali pubblici e commerciali, fino alle case vacanza stanziate in località balneari e alle SPA), sono anche particolarmente indicati per “mascherare” in modo rapido, efficace e permanente, problemi legati a muffa ed umidità delle pareti, ma anche difetti e irregolarità delle mura, nonché segni e macchie lasciate dai bambini.

Si tratta infatti di pannelli flessibili, applicabili a tutti i tipi di superfici (verniciate o grezze) ed in grado di nascondere perfettamente le irregolarità del muro su cui vengono posti.

Utilizzati addirittura per scenografie e stand, i pannelli in pvc di Signorbit ti consentiranno di risparmiare denaro, in quanto il loro montaggio non richiede alcun tipo di manodopera specializzata: la posa è talmente facile e veloce che può essere effettuata praticamente da chiunque.

Basterà utilizzare un taglierino o una forbice per tagliare il pannello nelle dimensioni desiderate e della colla di montaggio (millechiodi, polymax, saratoga) che sarà applicata, in parte sulla superficie del muro da ricoprire, in parte sul pannello stesso. E il gioco è fatto! Seguendo pochi semplici passaggi potrai realizzare una parete molto simile ad una parete in vera pietra o con finta pietra ricostruita. Con il vantaggio ulteriore che i pannelli non richiederanno alcun tipo di stuccatura.

Come rinnovare gli ambienti interni in modo rapido, economico ed efficace con i pannelli in PVC di Signorbit

Ma non è finita qui: i pannelli pvc, che grazie al materiale con cui vengono realizzati non producono batteri, non richiedono particolare cura dopo la loro applicazione, né alcun tipo di manutenzione. Per quanto riguarda la pulizia, sarà sufficiente passare sulla superficie un panno umido per rimuovere la polvere e i pannelli lavabili torneranno come nuovi!

Infine, questo tipo di pannelli sono anche molto semplici da rimuovere, il che consente di utilizzarli, per esempio, anche nelle case in affitto. Praticamente, quindi, non vi è un ambiente interno in cui non sia possibile applicare i rivestimenti in pvc di Signorbit. Una scelta moderna, economica, semplice e utile per coprire imperfezioni o macchie sui muri.

E a proposito di muffa… prima di montare i pannelli in pvc di Signorbit sulle pareti affette da queste spore, è consigliabile fare un semplice trattamento antibatterico homemade. Basta semplicemente indossare precauzionalmente una mascherina protettiva, passare energicamente un panno umido per rimuovere la parte più superficiale della colonia batterica, dopodiché spruzzare un mix di acqua e candeggina al 50% , nebulizzandolo in maniera uniforme sulla parete. Dopo 24/48 ore il muro sarà asciutto e disinfettato, quindi ripassare un panno pulito e procedere con il montaggio dei pannelli. La parete tornerà ad avere un aspetto totalmente rinnovato e i pannelli in pvc di Signorbit fungeranno da sigillante.

Si possono montare i pannelli in pvc di Signorbit, anche guardando i nostri video tutorial!

Video Installazione:

 

CASE E INTERNI – blog

Tags:

 
 

Lo spazio minimo per una lavanderia: trovare un angolo in bagno, corridoio o cucina

Pubblicato da blog ospite in Idee, VDR Home Design

Qual è lo spazio minimo per una lavanderia? Come e dove ricavare un angolo per disporre al meglio la lavatrice e tutto quello che serve in questo spazio.


La lavanderia è uno spazio fondamentale in ogni casa, anche se quasi sempre per mancanza di spazio diventa l’angolo più disorganizzato e anti-estetico della casa.

Eppure lo spazio necessario per avere una lavanderia organizzata e funzionale non è tanto e si può ricavare un angolo in bagno, in cucina o in fondo al corridoio.

Diverse soluzioni per diversi spazi: lo spazio minimo per una lavanderia

Cominciamo con chi ha lo spazio ultra risicato e può permettersi giusto un mobile per coprire la lavatrice. Da Leroy Merlin c’è il modello Strong RollUp Kit che è dotato di una pratica serranda da chiudere una volta che lavatrice ha fatto il suo dovere. Misura 67,5 cm di larghezza, per circa 60 cm di profondità e 91,5 cm di altezza. Perfetto per chi ha un piccolo bagno, magari l’unico della casa e non vuole avere la lavatrice in vista.

Se avete comunque poco spazio ma potete permettervi una piccola colonna, allora vi consiglio il modello Symbiosis Click. Dotata di uno scomparto chiuso in cui riporre i detersivi e di due scomparti aperti, è davvero piccola.

Ideale per chi ha un piccolo bagno o magari un angolo in fondo al corridoio, da rendere funzionale. Vi basteranno 19 cm di profondità per 64 cm di larghezza.

Spazio minimo per una lavanderia: mobili coprilavatrice a colonna, base o pensile per ogni necessità.
| 1. Coprilavatrice Strong RollUp Kit | 2. Colonna Symbiosis Click | 3. Armadio Remix | 4.5. Pensile e base coprilavatrice Remix |

Avete un secondo bagno o magari una grande cucina? Allora potete optare per un pratico armadio a due ante, come quello del modello Remix in rovere (disponibile anche in bianco). E’ disponibile in due misure: con profondità 53 cm e 72 cm (L 75 x H 197). In questo modo tutto rimarrà all’interno, permettendo all’armadio di mimetizzarsi col resto dei vostri arredi.

Ma c’è anche la possibilità di avere la base coprilavatrice col suo pensile in combinato. Anche qui più finiture e profondità, da scegliere in base alla vostra disponibilità di spazio e alle vostre finiture.

Gli ultimi tre mobili sono larghi solo 75 cm ma sono disponibili in due profondità (53 cm e 72 cm) e e il pensile anche in due altezze (60 cm e 104 cm). Come vedete per avere un angolo organizzato non serve tantissimo spazio:

Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Lo spazio minimo per una lavanderia: trovare un angolo in bagno, corridoio o cucina sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

Tags:

 
 

Pattumiere Brabantia – Il nuovo pezzo di design

Pubblicato da blog ospite in Creative & Ordinette, Idee
Ebbene sì, parliamo di pattumiere della spazzatura, belle, colorate e di design. Perché l’oggetto ecologico per eccellenza ha trovato in cucina e ovunque lo si adopera, una sua dignità, meritata e ben definita.

In un’epoca in cui gli argomenti che riguardano la green economy, l’ambiente e l’inquinamento sono sempre più attuali e riguardano tutta la popolazione globale, l’oggetto in questione acquista una nuova importanza ritrovata e diventa un pezzo di design, da esporre, da abbinare ai colori della cucina, e non certo da nascondere sotto il lavandino.  La pattumiera acquista inoltre, nuove forme, diventa oblunga, acquista la forma del parallelepipedo perfetto da incastrare in uno spazio definito, trasformandosi quindi nel nuovo pezzo imprescindibile di design, della vostra cucina e non solo. Grazie alle nuove forme, la pattumiera può diventare un vero e proprio mobile di appoggio, nell’ingresso, ma anche nella sala da pranzo. Grazie ai doppi scompartimenti interni delle nuove pattumiera,  le bottiglie appena stappate possono essere divise in vetro e plastica, senza neanche fare un passo in cucina. Inoltre, le aperture soft – touch ne rendono perfetto l’utilizzo.

E parlando di pattumiere, quale miglior scelta di Brabantia? I colori alla moda e la qualità di alta gamma, ne fanno degli oggetti da avere a tutti i costi. Avreste mai pensato ad una pattumiera color rosa quarzo? Il colore meno aspettato per un oggetto che fino a ieri era considerato un oggetto da nascondere e di terz’ordine. Non vedo l’ora di sostituire la mia vecchia pattumiera di plastica sotto il lavandino con una bella, nuova e allegra pattumiera di design firmata Brabantia. Eccovi alcune foto per lasciarvi ispirare! 

Tags:

 
 




Torna su