27 Luglio 2019 / / Case e Interni

Come rinnovare la casa con la carta da parati

Le carte da parati stanno vivendo un momento di rinascita e se continuano ad essere alla moda non c’è da meravigliarsi: sono un elemento decorativo versatile e molto utile per rinnovare un ambiente, dare una nota di colore, aggiungere personalità alla casa.

Quando vogliamo rinnovare un ambiente della casa, la decorazione delle pareti con carta da parati è una delle opzioni possibili tra le più creative. Considerata per anni una decorazione demodè (dopo il boom degli anni ’60 e ’70), la carta da parati oggi sta rientrando nelle nostre case, grazie anche alle nuove tecnologie, che le permettono di essere così varia e versatile da soddisfare tutte le esigenze.

Come rinnovare la casa con la carta da parati

Il tuo ingresso, il soggiorno e la camera da letto sono solo alcuni degli spazi della casa che possono beneficiare di un tocco di colore e fantasia dato dalla carta da parati. Quindi, scopri come intendi utilizzare la carta da parati nella tua casa a seconda dell’effetto che vuoi ottenere. Ecco le varie opzioni:

Copri tutte e quattro le pareti. Un classico e semplice disegno, come le strisce verticali, su tutte e quattro le pareti conferisce un aspetto elegante, fresco e contemporaneo.

Personalizza una sola parete. Per mettere in risalto una parete di una stanza, ad esempio dietro il divano, il letto, in ingresso o sulle scale, scegli una carta da parati decorativa, in stile con il tuo arredamento.

Carta da parati con boiserie. Per un look classico o romantico, crea un effetto boiserie con una cornice di legno o gesso che divide il muro in senso orizzontale. Puoi dipingere la parte sotto la cornice di un colore tinta unita e posare una carta da parati floreale o a righe nella parte superiore.

Nicchie o porzioni di parete. Se un intero muro tappezzato ti intimorisce o è fuori dal tuo budget, prendi in considerazione la possibilità di utilizzare la carta da parati come accento per evidenziare un’area di una stanza: una nicchia usata come libreria, una porzione di parete da usare come testata del letto. La carta da parati può anche aiutare a definire uno spazio, che ha una funzione completamente diversa, pensiamo ad esempio ad un rettangolo che permette di delimitare visivamente l’area dedicata all’angolo studio.

Carta da parati sul soffitto. In alcuni casi (soprattutto in case dai soffitti alti) la carta da parati può essere posata anche sul soffitto per ottenere un effetto decorativo particolare e d’effetto. Ma c’è da dire che non è per tutti.

Rinnovare mobili o complementi. Con gli avanzi dei rotoli di carta da parati puoi rinnovare alcuni mobili o realizzare progetti di decorazione. Un vecchio buffet, una cassettiera o uno sgabello, tutto acquisterà carattere e personalità! Per evitare che il mobile così decorato si sporchi si può proteggere con una vernice trasparente ed impermeabile. Un’altra idea decor facile è quella di incorniciare alcuni pezzi di carta da parati, che diventano creative opere d’arte. Le possibilità sono infinite!

Più che una tendenza, la carta da parati non smette mai di reinventarsi, di sorprenderci e soddisfare le nostre aspettative, così da inserirsi perfettamente negli interni contemporanei. I nuovi designer di carte da parati, anticipando spesso le nuove tendenze, creano meravigliose opere d’arte per le nostre pareti. La gamma di colori, fantasie, trame ed effetti è più ampia che mai ed aiuta a mette in risalto l’intero arredo, rafforzando lo stile della casa.

Rinnovare la casa con la carta da parati a strisce

La carta da parati a strisce chiare contribuisce a dare carattere e crea un’atmosfera raffinata e rilassante.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati geometrica

Molto trendy in questo periodo, la carta da parati geometrica. Se nei toni neutri o pastello, può accentuare lo stile nordico di alcuni mobili.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati anni 70

E se amiamo lo stile vintage possiamo arrivare ai macro disegni geometrici anni 70.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati floreale

Rinnovare la casa con la carta da parati floreale

La carta da parati floreale, è sempre molto amata e a seconda del disegno, delle proporzioni e dei colori può adattarsi ad ambienti romantici e country chic a quelli eclettici boho chic, fino a quelli più contemporanei.

 

Rinnovare la casa con la carta da parati cemento

Rinnovare la casa con la carta da parati mattoni a vista

Ci sono poi alcune carte da parati che sembrano sfondi realistici. Se ti piace, ad esempio, lo stile industriale con la carta da parati puoi arrivare ad avere un muro di mattoni o di cemento più economico, pratico e di facile manutenzione rispetto ad un muro “vero” di questo tipo.
 

Rinnovare la casa con la carta da parati design

Una carta da parati design è più contemporanea e glamour, soprattutto quando si spinge su toni scuri con dettagli lucidi e metallici di gran classe.

Infine, alcuni consigli prima di acquistare la carta da parati:

  • Richiedi un campione. Appendilo al muro per avere un’idea di come apparirà il disegno nella scala reale e a seconda della luce che lo illumina, vedrai se rispetta le tue aspettative.
  • Prova prima di acquistare. Se hai molti dubbi riguardo la carta da parati da scegliere e non riesci a prendere una decisione, fai un piccolo investimento e compra un rotolo. Appoggialo lungo la parete e guarda che impressione ti fa. E’ sempre meglio che posare la carta ovunque e scoprire poi che non è come te la immaginavi.
  • Considera lo stile della casa. Osserva bene tutto il tuo arredamento, se hai già una tavolozza di colori ben definita o fantasie evidenti su tende, copriletti e divani, per cercare di non creare troppi contrasti.
  • Pensa alla scala. In generale, un motivo della carta da parati fantasia su piccola scala crea una sensazione di spaziosità, ma può “perdersi” in stanze più grandi. Modelli in scala più grandi possono rendere la stanza più intima.

   Anna e Marco – CASE E INTERNI

26 Luglio 2019 / / Decor

Ogni anno che passa il bisogno di andare in vacanza si fa sempre più sentire… per me a dire il vero è strana questa nuova sensazione. Lavorando ai progetti che amo, da freelance, non ho qausi mai sentito in passato l’esigenza impellente di staccare, mollare tutto e mettere un pò di pensieri in stand by.
Ma la verità è che i miei piccoli mi stanno insegnando anche questo. A recepire le nuove esigenze e ad ascoltarle senza ignorarle. A fermarmi davvero per assaporare nuovi momenti o a collezionare ricordi semplici MA decisamente preziosi.
Quest’anno poi per me la novità assoluta è la riscoperta di quanto avessi bisogno di un tuffo emotivo nel Blu del mare che mi abita vicino. Per me è una presenza costante, non mi è mai mancato troppo e sono sempre stata una tipa decisamente montanara in tutto e per tutto ma… dopo aver sperimentato qualche giorno in più in campeggio in modalità wild and free… ho finalmente capito anche io quanto anche lui, il nostro amico Mare, sia fondamentale, insostituibile e unico nelle emozioni profonde che sa suscitare.
Tornata da un primo giro di ferie quindi la cosa più immediata che ho potuto fare è sentirne la mancanza. L’odore del Vento, della salsedine, la brezza fresca che profumava di macchia mediterranea. Il rumore delle onde e il profumo della pineta. Non ho mai sperimentato il perdermi nel profumo di una sfumatura olfattiva.
Perchè vi parlo di questo? Perchè lo sapete che i miei Post sono quasi tutti spontanei e liberi e nascono in risposta a quello che mi fa battere il cuore. E quest’anno, grazie a Ester, la mia amica che sa creare alchimie olfattive magiche e incredibilmente uniche (provare per credere!!!) fondatrice di CANDELILY non potevo non parlarvi del profumo di cui è fatta questa mia Estate.

Vi avevo già accennato di aver seguito e curato tutto il progetto di branding & packaging design di CANDELILY, e quindi meglio tardi che mai, non potevo proprio evitare di presentarvi la collezione ORIGAMI, in promo speciale proprio in questi giorni sullo shop di Ester.
Le fragranze sono tutti viaggi evocativi e sensoriali a dir poco stupendi. Sono sfumature di profumo che io non avevo mai sentito prima d’ora e delle quali sono già completamente dipendente!

La mia preferita in assoluto è NAMI, una candela dalle note acquatiche e fresche che ha la capacità immediata di farti volare in spiaggia, regalandoti un’ondata di freschezza e libertà davvero speciale.
Ecco come Ester ha saputo conquistarmi con il racconto di questa fragranza:

“Immagina le onde azzurre e spumeggianti perdersi nel blu sconfinato dell’orizzonte, portando i tuoi pensieri lontano e distendendo la mente e il corpo. Nami in giapponese vuol dire proprio onda e la sua fragranza al profumo di acqua di mare ti offre un’occasione di evasione e fuga dal quotidiano.”

Ed eccoci al super regalo di oggi, per festeggiare l’estate e questo nuovo shooting super profumato, tutti noi Pazzerelli abbiamo un codice dedicato del 10% valido su tutto lo shop, candele in offerta comprese!
Il codice è ORIGAMIPAZ e sarà valido fino a venerdì 2 agosto compreso.
Io ringrazio ancora una volta Ester per la fiducia e la sua grandissima professionalità, che vi garantisco potrete respirare immediatamente non appena solleverete il coperchio di una delle sue candele.

Dolcissima e avvolgente invece la candela MOMO, perfetta per te se…

“…alla fine di una giornata intensa, l’unica cosa che desideri è un momento tutto tuo, per mettere da parte le preoccupazioni e dedicarti finalmente a te stessa. La candela profumata riposante Momo ai legni aromatici e alle spezie ti aiuta a trovare questo momento, creando intorno a te un’atmosfera ideale per il relax e benessere.”

Tonificante e più pepata la candela TABI, da preferire se…
“… hai bisogno di concentrarti sul qui e ora, se devi essere lucido prima di prendere una decisione. Tabi vuol dire viaggio e la fragranza di questa candela in pura cera di soia ti predispone a incamminarti verso la tua destinazione, verso le tue scelte.

La più energizzante e positiva è YOKO, da accendere perchè…
Yoko vuol dire “figlia del sole, figlia della luce” e il suo profumo illumina e rischiara le giornate in cui si fa fatica a partire, a trovare lo slancio per portare a termine i nostri compiti.

STYLING & PHOTO by me for CANDELILY.

25 Luglio 2019 / / Blog Arredamento

Amaca: quanti e quali tipi esistono e perché ci piace così tanto

Anche voi avete sempre sognato di avere un’amaca?
Io ne sono sempre stata affascinata e da piccola desideravo averne una al posto del letto.

Sono convinta di averla vista la prima volta in Peter Pan, forse ci dormivano i bambini sull’Isola che Non C’è, sta di fatto che per me divenne una sorta di ossessione che mia mamma si è puntualmente ostinata a sabotare.

Non avendo mai avuto un giardino o un terrazzo abbastanza grandi, il mio sogno è rimasto tale (fino ad oggi!).
Crescendo mi sono resa conto che forse dormire tutti i giorni in questo giaciglio pensile può non essere così piacevole come dondolarsi qualche ora in riva al mare, magari con un cocktail gelato tra le mani…ma nonostante le avversità e i sabotaggi materni, la fascinazione per questo esotico letto sospeso è rimasta sempre fortissima.

Cosa ci piace così tanto dell’amaca?
Perché anche da adulti continua ad esercitare su di noi un’attrazione magnetica? Sarà il dondolare che ci culla verso stati di relax assoluto? Sarà che ci trasporta subito verso assolate isole tropicali e acque cristalline?

Partiamo dalla sua storia e vediamo quanti e quali modelli di amaca esistono. Preparati, perché c’è solo l’imbarazzo della scelta tra amache tradizionali, freestanding, a poltrona, a letto, giganti…

Storia

Prima cosa da sapere è come si pronuncia. L’accento va sulla seconda “a” quindi: amàca.

Il termine deriva dallo spagnolo hamaca, di origine caraibica, e sembra derivi dal nome dell’albero fibroso che veniva utilizzato per tessere la tela (hamack).
Questo comodo giaciglio in rete o tela nasce nell’America del Sud e pare sia stata presto adottato da Cristoforo Colombo per far dormire più comodamente i marinai, ma soprattutto per evitare il contatto con i pavimenti sottocoperta, bagnati, sporchi e infestati da insetti e topi.

Probabilmente anche gli Indios dell’America Latina e dei Caraibi le usavano proprio per una questione igienica e di sicurezza contro animali, insetti e rettili. Anche la funzione termica non è da sottovalutare: con il caldo e l’umidità meglio stare sospesi dal suolo e su una superficie traspirante.
Sembrerebbe inoltre che le definissero “culle degli dei”: sarà per questo che continuano ad esercitare su tutti noi un enorme fascino?

La storia dell’amaca accompagna la nostra, la vediamo in dipinti, cartoni animati, film. Ancora oggi è sinonimo di relax e pace dei sensi, non a caso ne vediamo una stupenda nel capolavoro di Sorrentino “La Grande Bellezza”: una raffigurazione potente del “dolce far niente”.
Tony Servillo scena amaca Grande Bellezza

Materiali

Se le più antiche amache venivano prodotte con fibre naturali intrecciate (hamack tree, agave sisalana o Sisal) oggi ne possiamo trovare di tutti i tipi: cotone traspirante, corda, rete, stoffa.

Per esterni e campeggio ci sono materiali sintetici “tecnici” e performanti super robusti (ci sono lettini sospesi e tende-amaca studiati per resistere a temperature estreme e prodotte in poliammide, polipropilene, nylon).

Tipologie

Esistono due grandi famiglie:

    • amache autoportanti: si appoggiano a terra e hanno una struttura di sostegno o supporti in legno, metallo, acciaio

    • amache da appendere: le più tradizionali si sospendono agganciando le estremità a due sostegni che possono essere alberi, pali, rocce. Si possono fissare tramite nodi o con ferramenta idonea (ganci, moschettoni, corde…). Esistono inoltre le poltrone-amaca o sedie-amaca con aggancio a soffitto


Entrambe le tipologie possono essere portatili (le autoportanti dotate di struttura sono in realtà fisse e meno agevoli da spostare, ma ci sono autoportanti pieghevoli che sono invece facilmente richiudibili e spostabili).

Il giaciglio più essere inoltre dotato di bastoni alle due estremità. In questo modo il piano su cui ci si sdraia rimane teso. Quelle prive di bastone sono più avvolgenti e si adattano alle forme del corpo.

E tu che amaca vuoi?

Amaca da giardino

La più amata: torni a casa la sera dopo il lavoro e ti fiondi a rilassarti con un buon libro o con il semplice cinguettare degli uccellini (magari se ti doti di zanzariera è meglio).
In giardino puoi scegliere l’autoportante o quella più tradizionale appesa a due alberi.

Se la vuoi in terrazzo probabilmente la soluzione migliore è quella da terra con supporti free standing, oppure la poltrona-dondolo da soffitto.

Amaca matrimoniale o doppia

Soluzione maxi, l’amaca doppia o gigante ospita comodamente due persone. Non lanciarti in acrobazie perché potreste ribaltarvi in men che non si dica.
Pare esistano anche i modelli familiari per 3 o 4 persone…sinceramente io concepisco l’amaca come un angolo di relax individuale o al massimo in coppia, ma sono sicura che un pisolino all’ombra insieme ai bambini possa essere ugualmente rigenerante.

Amaca da interni

L’amaca in casa è più difficile da gestire. Dove si appende e come?
In appartamento può trovare spazio in balcone, nello studio o nella cameretta dei bambini (anche i ragazzi apprezzano). Altra opzione indoor è il salotto…ma stiamo parlando a mio parere di ambienti da rivista patinata o da Instagrammer. Anche se una valida alternativa è un’amaca o una poltrona sospesa con struttura autoportante. Comunque le ispirazioni ci sono, guarda qui sotto!

Amaca dondolo e poltrona

Ci sono quelle a sacco, i cocoon (amatissimi dai più piccoli e ideali in cameretta per costruire una “tana”) e le poltrone con aggancio a soffitto “a forma di uovo”. Solitamente possono essere in tessuto, nylon o rattan.

Amaca brasiliana

A righe o tinta unita in tela di cotone, con inserti in macramé per gli amanti dello stile boho chic.

Amaca messicana

Le migliori sono prodotte in Yucatan dove vengono tessute a mano come una volta. Sono caratterizzate da struttura a rete traspirante e sono leggerissime. Poco indicate per i bambini.

Amaca da campeggio

Non voglio entrare nei meandri del mondo outdoor, perché ne so davvero poco. La mia idea di amaca è relax a bordo piscina o in spiaggia…insomma scalate e trekking non sono il mio pane quotidiano. Mi limito a segnalare l’esistenza di modelli pazzeschi e resistentissimi, dalla semplicissima amaca da bivacco da attaccare fra due alberi, alle tende sospese, amache da 3 e 4 persone, sacchi a pelo pensili realizzati per resistere a bassissime temperature in mezzo a cime innevate.

Amaca letto

Parlando di sacchi a pelo, l’amaca può essere usata come letto. Dopotutto è la sua funzione originaria! Se intendete usarla outdoor mi affiderei ad amache come quelle appena descritte sopra: resistenti e costruite per offrire performance di alto livello. Se volete usarla in casa, optate per l’opzione matrimoniale con agganci alle 4 estremità.

Amaca da spiaggia

Se vuoi portare l’amaca in spiaggia scegli un materiale traspirante, facile da piegare e che occupi poco spazio. Attrezzati con i ganci giusti e trova l’angolo perfetto. Puoi anche optare per un modello pieghevole tipo lettino da camping. Se invece avevi in mente di stare a mollo, sappi che esistono le amache galleggianti e gonfiabili (ideali anche in piscina in alternativa al materassino).

Dove comprare un’amaca?

La citazione tratta da I Simpson è d’obbligo: “…c’è “Amica Amaca” sulla quinta, “Amaca Magò”, “Hai mica un’amaca”. Ah già, ora che ci penso sono tutti nel DISTRETTO DELLE AMACHE!!!”

Nel mondo reale il mio consiglio è di comprare l’amaca online. I siti sono tantissimi, partendo dai grandi colossi (Amazon, ebay) fino ai portali specializzati, quindi potete trovare amache economiche e vere e proprie Rolls Royce delle amache.
Io preferisco i siti specializzati perché spesso tra questi si trovano piccole aziende che prestano maggiore attenzione alla qualità dei materiali e ai processi di produzione. Ad esempio Tropilex, da cui ho comprato la mia, si rifornisce da tessitori tradizionali colombiani e indiani, dona l’1% delle vendite a organizzazioni no profit che si dedicano alla salvaguardia ambientale ed ha certificazioni FSC® per il legno e OEKO-TEX® per i tessuti.

Misure ce ne sono di tutti i tipi. Non esiste uno standard, a meno che non siate dei puristi e non vogliate un’amaca tradizionale intrecciata a mano nello stile dei Maya…allora credo che lo standard fosse quello di un letto singolo. Oltre alle dimensioni controlla anche il peso massimo consentito, ma non ti preoccupare, ci sono anche quelle per orsi!


Foto di Chris Favero

23 Luglio 2019 / / Decor

Sapete
cosa è il wrapping?

Il
wrapping nasce come un metodo di decorazione e personalizzazione delle
automobili e delle barche, tramite l’applicazione di pellicole, ma questa
stessa tecnica si può utilizzare anche nell’arredamento

Il termine inglese “wrapping” deriva dal verbo “to
wrap”, cioè “avvolgere “e possiamo intenderlo come
rivestimento” di qualcosa, nel caso
dell’arredamento di un mobile o una qualsiasi altra superficie.

Questo tipo di metodo per rinnovare l’arredamento
offre dei risultati davvero meravigliosi con un investimento minimo, possiamo
vederlo ad esempio nel caso della cucina.

  • Car Wrapping
  • Rivestimento con pellicole professionali APA
  • Con il wrapping possiamo personalizzare tutte le superfici
  • Si tratta di pellicole autoadesive o termoformanti
Si possono rivestire tutte le superfici anche i termosifoni…
Grazie alle pellicole per il wrapping, nate per il mondo delle automobili, possiamo decorare e cambiare volto ai nostri arredi con poca spesa e poco tempo
…e le forme più particolari

Rinnovare la cucina con il wrapping

In un ambiente con mobili ingombranti come quello
della cucina abbiamo modo di cambiare facilmente il look con poche mosse grazie
al wrapping, certo una scelta molto meno dispendiosa che comprare una nuova
cucina! Con il wrapping i vostri mobili non saranno davvero più gli stessi.

Comincio con il parlare proprio dell’ambiente
cucina, poiché spesso è uno di quelli più complessi da rinnovare, perché
potrebbe non bastare sostituire qualche piccolo complemento, ma spesso di sente
il bisogno di rinnovare completamente gli ingombranti mobili che compongono
questo ambiente e allora il wrapping potrebbe essere un’ottima soluzione.

Anche il frigorifero è uno di quegli elementi che
possiamo rinnovare grazie alla pellicola autoadesiva.

wrapping su arredi

Carta adesiva in PVC specifica per l’ambiente cucina è Waterproof, Antibatterica, Antivegetativa e Anti-umidità; la trovate QUI anche in altri colori

wrapping su arredi

Mi piace tantissimo la pellicola adesiva a motivi geometrici bianchi e neri, perfetta anche per la cucina, che trovate QUI

  • con il wrapping si può personalizzare la cucina nei modi più creativi
  • DEcorazione by Demart.it
  • Decorazione a righe colorate realizzata da Demart.it
  • Bellissimo e contemporaneo l’adesivo per frigo con elementi geometrici effetto acquerello by PIXERS
  • Diamo libero sfogo alla fantasia anche in cucina grazie alle pellicole professionali e al wrapping
  • Vi piace la cucina piccante?!

Possiamo rinnovare con l’applicazione di una pellicola decotrativa anche il frigorifero. In alto a sinistra pellicola per realizzare un frigo coca cola dallo stile vintage su demart.it di seguito, per i patiti degli stati uniti, una vista NY city che trovate QUI. In basso a sinistra pellicola effetto lavagna per prendere appunti sul frigo, la trovate QUI e in fine una coloratissima decorazione disponibile QUI

Rinnovare gli armadi con il wrapping

Un altro elemento molto voluminoso e dispendioso, oltreché
scomodo da sostituire, può essere l’armadio, anche in questo caso ci potrebbe
venire in aiuto la tecnica del wrapping per rinnovarlo, anche e soprattutto nel
caso dell’armadio della cameretta dei bimbi che crescono e che hanno bisogno di
un armadio che stia al passo con i lori gusti e per il quale potrebbe essere
sufficiente cambiare il rivestimento.

  • Se abbiamo un semplice armadio da adattare alla cameretta possiamo persoanlizzarlo con il wrapping
  • Cameretta semplice, decoro speciale
  • un semplice armadio bianco diventa un murales speciale
  • Classico e moderno si incontrano con la creatività
  • Molto bello il decoro effetto acquerellato proposto da Pixers
  • Wrapping romantico!
  • L’armadio a 4 stagioni cambia completamente volto con poca fatica e poca spesa
  • E’ un lavoro di Demart.it questa della decorazione che include anche la tenda

Carta autoadesiva In Pvc Impermeabile effetto laccato adatta anche al rivestimento di armadi disponibile QUI in diversi colori

Rinnovare un’attività commerciale con il wrapping

Per quanto riguarda la mia personale esperienza con
il wrapping, grazie a questa tecnica ho potuto rinnovare con successo il
bancone di una pizza a portar via e la scala di un locale commerciale,
facendola diventare una bellissima scala di colore, nel vero senso della parola!

Questa pratica è certamente utile, infatti, anche
per rinnovare gli arredi o gli ambienti di locali commerciali che sicuramente
hanno bisogno di colpire l’occhio degli avventori e clienti, necessito di un
ottimo risultato che abbia un buon rapporto qualità prezzo e di materiali
professionali specifici per ogni utilizzo impermeabili, ignifughi, antigraffio,
antibatterici ecc.

  • Rinnovo del bancone di una pizzeria take away su nostro progetto con la collaborazione della decoratrice Francesca Rossetti e realizzazione di Rosso Creativo
  • Porte rinnovate per i bagni pubblici
  • Bancone e parete rinnovati con un nuovo concept realizzato da Imprinting Roma
  • Negozi ed uffici si rinnovano e personalizzano con il Wrapping
  • La parete dell’ascensore diventa molto più elegante e di rappresentanza con la finta boiserie realizzata con pellicola
  • Il relooking realizzato su nostro progetto per la scala della Factory di imprinting digitale a Milano
  • Con le pellicole decorative le pareti prendono vita
  • Il bancone è l’elemento più caratterizzante di un locale e dobbiamo dedicargli molta attenzione

Altro bancone rinnovato con la pellicola adesiva

Rinnovare gli arredi con il Wrapping

Possiamo poi procedere a rinnovare con questo metodo
qualsiasi superficie e complemento desideriamo e, anche se per i più piccoli
come cassettiere e comò può essere più rapido e semplice l’utilizzo di carta
adesiva grazie ad un divertente fai da te, certamente dovremo utilizzare
pellicole speciali e ad altissima resistenza per superfici ad alto utilizzo
come, ad esempio, i piani dei tavoli.

Possiamo davvero dare libero sfogo alla nostra fantasia e decorare come più ci piace gli arredi di casa facendoli diventare unici e creativi

Per rivestire le superfici dei tavoli, in particolare, occorrono pellicole molto resistenti: antigraffio, impermeabili e ignifughe

wrapping arredi

Rivestimento effetto legno adatto a ricoprire superfici di legno, metallo o ceramica, lo trovate QUI

Pellicole professionali

Per rivestire i mobili col wrapping ci si serve di
speciali pellicole autoadesive plastificate di altissima qualità, nei
colori e disegni più svariati. Certo a noi è spesso capitato di parlare anche
di carta adesiva per rinnovare gli arredi ma in questo caso si tratta di Pellicole adesive, impiegati per la
copertura di mobili, pareti, pavimenti e vetri dalle caratteristiche altamente
prestazionali, ogni tipo di adesivo ha la sua applicazione, le sue proprietà e la
sua resa specifica, in funzione del tipo di superficie che si vuole decorare.

Questi
nuovi adesivi hanno una tenuta ottimale, vestendo tutte le tipologie di
superfici in modo perfetto, ogni superficie può essere personalizzata a piacere
ed il risultato finale è sempre sorprendente.

I
grandi vantaggi in utilizzo degli adesivi sono senz’altro il costo ed i tempi
contenuti rispetto ad altre lavorazioni, e con poche mosse potrete rinnovare in
maniera rapida e sorprendente l’intero arredamento, soprattutto i mobili più
ingombranti per i quali pensavate di non avere speranze!

wrapping arredi

Le speciali pellicole sono adatte a rivestire anche i mobili del bagno grazie a proprietà antimuffa, impermeabile e traspiranti

Per lavori più complessi servono figura professionali ma anche per i piccoli lavoretti fai da te occorrono i giusti strumenti come quelli che trovate anche QUI

Pellicola lucida con stampa in bianco e nero, termoformabile, specifica per il car wrapping, disponibile QUI

    wrapping su arredi

    L’articolo Wrapping rinnovare gli arredi con le speciali pellicole professionali nate per la carrozzeria proviene da Architettura e design a Roma.

    23 Luglio 2019 / / Decor

    Gli arredi in metallo di CaosCreo sono icone di semplicità, design e allegria che ti faranno cambiare idea sul metallo. Nel post di oggi te lo voglio dimostrare.


    Se dico metallo tu pensi ad un industria.
    Sicuramente non ti viene in mente qualche complemento d’arredo per casa tua. 

    Nel post di oggi voglio sfatare proprio questo luogo comune parlandoti di CaosCreo.

    Ti farò vedere solo alcuni dei suoi prodotti ma saranno sufficienti a farti vedere la flessibilità di questo materiale.

    Ti consiglio di leggere fino in fondo il post, c’è un regalo che non vuoi perdere.

    Cominciamo.

    Quando il comodino non c’è ma la luce da notte sì.

    Come nel nostro caso. Si abbiamo la camera in mansarda che è grande, ma la parete su cui poggia il letto non lo è.

    Abbiamo delle cassettiere e il termosifone: resta solo lo spazio per il letto. Mettici il fatto che con i pallet l’ingombro è maggiore: il comodino salta.

    E come fai a leggere?  

    Bella domanda. Ad ora ho una luce notturna ma ovviamente non è sufficiente. Ci vorrebbe una luce piccola che si possa agganciare a parete ma che sia anche di design.

    Qui entra in azione Lampadin@: una lampada in metallo verniciato che ricalca la sagoma di una lampadina, appunto. Ci sono due sagome: la prima si può applicare al muro mentre la seconda è magnetica.

    Questa seconda silhouette ha due opzioni: puoi agganciarla a quella a parete formando una applique. Oppure puoi metterla su un qualsiasi piano da appoggio per avere una lampada da tavolo.
    Ma le chicche non finiscono qui, perché si sa che Dio è nei dettagli.

    Il cavo è in tessuto intrecciato rosso o bianco, fungendo da elemento di decoro e non di fastidio.

    Lampadin@ arredi in metallo casocreo
    | CaosCreo_Lampadin@ |

    Se hai qualche centimetro in più allora puoi permetterti una lampada da tavolo vera e propria, ma sempre salva-spazio.

    Come nel caso di 2.D Night: dal design puro ed essenziale, misura solo 18 cm di larghezza per 32 cm di altezza e 7 cm di spessore. Disponibile in tantissimi colori, è davvero adattabile ad ogni stile d’arredo.

    2.D Night arredi in metallo casocreo
    | CaosCreo_2.D Night |

    Gli arredi in metallo di Caos Creo e i piccoli spazi

    Quanto sono tristi le mensole che ci sono in giro?
    Sono utili certo, ma di sicuro non sono un capolavoro irrinunciabile.

    E poi esistono in misure standard da adattare allo spazio che hai a disposizione.

    Le mensole Claudette invece sono leggerissime, grazie allo spessore ridotto del metallo e sono anche molto romantiche. Riprendono la sagoma delle nuvole e sono disponibili in due misure, due versioni e tantissimi colori.

    Sono ideali sopra la testata del letto quando hai poco spazio ai lati per riporre i tuoi oggetti della buonanotte.
    Ma anche nelle camerette dei più piccoli, per portare un po’ di cielo nella loro stanza.

    Claudette arredi in metallo casocreo
    | CaosCreo_Claudette |

    Il carattere all’ingresso che ti manca

    L’ingresso di casa tua racconta al mondo la tua predisposizione d’animo verso il prossimo. Dice eloquentemente quanto ti piace aprire le porte di casa tua agli amici e ai conoscenti.

    Insomma, è il biglietto da visita tuo ma anche della tua casa.

    Qual è l’elemento che proprio non può mancare?

    Ovviamente l’appendiabiti. A me sarebbe piaciuto poterne averne uno di quelli da terra, di quelli che non sai se è una scultura o un pezzo d’arredo.

    Che fa sentire gli ospiti benvoluti, perché c’è spazio per le loro giacche, i loro cappotti, le loro borse e anche i loro caschi.

    Come ad esempio l’Appendiabiti Roger, composto da 3 moduli disposti a 360 gradi e uniti tra di loro con un rapido raccordo a vite. Spiritoso e dal design giovane, è sicuramente un pezzo da poter avere in casa.

    Appendiabiti Roger arredi in metallo casocreo
    | CaosCreo_appendiabiti Roger |

    Ti ho convinto un po’?

    Penso proprio che a questo punto tu ti sia un po’ ricreduto sul metallo e le sue applicazioni. Grazie agli arredi in metallo di Caos Creo hai visto quanto sia flessibile e come si presti perfettamente ad ambienti dal design giovane, ma anche a piccoli spazi.

    Hai visto qualcosa che ti piace e vorresti comprarlo?

    Ho quello che stavi cercando: uno sconto del 50% sui prezzi di questi prodotti, per 30 giorni a partire da oggi.

    Cosa aspetti?

    Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

    Rispettiamo la tua privacy.

    L’articolo Allegria, originalità e freschezza le parole chiave degli arredi in metallo di CaosCreo sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

    23 Luglio 2019 / / Creative & Ordinette

    Oggi vi presento una dei miei ultimi ritrovamenti. Passeggiando per strada, mi sono imbattuta in questa vecchia damigiana malmessa, abbandonata in un angolo della casa. E non potete neanche immaginare la mia gioia. La cercavo da tempo immemorabile, ho mobilitato amiche che vivono in campagne per farmele portare e non vedevo l’ora di averne una in casa ed eccola la, sola e abbandonata che aspettava di vivere la sua seconda vita. L’ho disinfettata, ripulita ed eccola lì, nell’angolo vuoto accanto al divano. La damigiana decorativa usata come vaso ha trovato la sua collocazione ideale in questo angolo del soggiorno. Non mi dispiacerebbe avere una collezione intera, magari anche di altri colori e raggrupparle tutte insieme o utilizzarle in diversi modi, magari creando anche delle lampade come nelle foto che vi propongo. Divertitevi a cercare vecchi tesori nelle cantine dei nonni e vedrete che aggiungerete dei pezzi di carattere anche ai vostri soggiorni più moderni, minimalisti e contemporanei. Un bel martedì a tutti! 
    Try to just figure out my joy when, the other day, coming back home, I stumbled upon this vintage, dirty, laidback bottle of wine that was waiting to be picked up and live her second life in my home. I was looking for a vintage bottle of wine to use as a decorative piece since ages, I had told about this search of mine friends who have cottages and have solicited them to find a vintage bottle for me. And there it was, unexpectedly, in the corner of the street, just waiting for me. I cleared it up and there it was, renewed and ready for my corner of the livingroom. I would really love to have a collection of vintage bottle of wines, in different colors and use them for different purposes. And why not, create a lamp just like the pictures I am posting. I have so much fun finding vintage objects that add some character to a modern and contemporary interior. Happy Tuesday! 

    20 Luglio 2019 / / Decor

    area relax su yacht al mare

    La collezione del brand Made in Italy Sans Tabù, alto di gamma, è la giusta proposta per l’arredo di hotel, dimore e yacht privati.

    La flessibilità e l’estrema personalizzazione per decoro e misure rendono Sans Tabù il perfetto partner. Non solo per l’ampia scelta di fantasie ma anche per la capacità creativa e produttiva di affrontare ex novo il briefing del cliente per un progetto taylor made, traendo spunti e riferimenti da un immaginario ludico, raffinato e sensuale per arricchire stanze e spazi comuni dedicati ad un’accoglienza contemporanea e di qualità.

    Lino, cotone, canapa e lana merinos sono i materiali protagonisti dell’arredo outdoor, letto, bagno, tavola e per un’ampia scelta di complementi di arredo.

    zona relax yacht al mare

    sedute esterne Wally Yacht Marco Zanuso Jr

    A sorpresa i decori Sans Tabù possono essere riprodotti su richiesta anche per rivestimenti murali in fibra naturale (lino, cotone o seta) o in TNT, moquettes, porcellane. Per un lifestyle dalle chiare suggestioni: ora un’esplosione di colore e di cromie arcobaleno, ora romanticamente hot o inusuali con accostamenti geometrici macro.

    carta da parati con decori di colore sabbia e corallo

    carta da parati Butterflies Majolica

    camera da letto dai colori naturali e corallo

    Policromi – Marco-Zanuso jr Zanotta SPA

    carta da parati geometrica

    carta da parati Vynil

    Dichiara Luisa Bezzi, anima creativa del brand “Sans Tabù progetta e crea prodotti su misura per una clientela che ama l’unicità e l’artigianalità, l’edizione limitata senza stagionalità. Ogni progetto diventa così un originale”.

    www.sanstabu.com

    L’articolo Sans Tabù. La soluzione lifestyle per il contract. proviene da Dettagli Home Decor.

    14 Luglio 2019 / / Charme and More

    Etsy Finds of the Week: volti astratti.

    I volti incontrano le forme geometriche e fanno capolino su complementi d’arredo, accessori e t-shirt.

    Ispirati all’arte figurativa lineare di artisti del calibro di Picasso, Magritte e Matisse vestono la casa donandole fascino personale.

    I pattern geometrici astratti sono fra i trend moda della primavera estate 2019 da indossare su accessori e capi da mixare con estro.

    Da Etsy ecco di seguito la selezione della settimana; dettagli di stile  per rinnovare il look e complementi d’arredo per dare personalità e atmosfera alla casa.

    volti-astratti-etsy

    1.| Piatto minimalista in argilla modellato e decorato a mano da TheSoberBamboo (€ 13,88+)

    2.|Un piccolo e prezioso ritratto di donna realizzato a mano in filo di ferro, una scultura che può essere collocata con facilità a casa o in ufficio. Morphingpot (€ 58,00)

    3.| T-shirt unisex oversize con stampa dipinta a mano con inchiostri organici e vegani. WilloandIrisVintage (€ 25,45)

    4.| Poster di arte minimalista © 2019 FLOWERLOVESTUDIOS che combina tecniche tecniche di pittura classica e strumenti digitali. (€ 9,25+)volti-astratti-etsy3

    5.| Vasi in ceramica per la casa moderna realizzati a mano da myflowercrush (€ 14,71)

    6.| Borsa Tote in cotone con illustrazione originale di Depeapa serigrafata della collezione “Girls just wanna have fun”. (€ 16,19 € 20,23)

    7.| Eleganti orecchini realizzati a mano in argento sterling 925 ricoperti con sottili strati di oro. Aggiungeranno un tocco di stile ad ogni outfit e saranno gli accessori da indossare da mattina a sera. TwelveSilverTrees (€ 79,82)

    8.|Ritratto astratto realizzato con vernice spray nero da BorianaM (€ 68,97+)

    Vi è piaciuto questo post?

    Condividetelo sui vostri canali social usando uno dei tasti qui sotto e seguitemi  su Instagram , Facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornati.

    *Questo post contiene link affiliati.

     

     

    L’articolo Etsy Finds of the Week: volti astratti. proviene da Charme and More.

    14 Luglio 2019 / / ArtigianaMente

    Un mix di natura e cultura, di opere d’arte ed eventi di spessore, di gusto e di raffinato artigianato. Vedo così la Sicilia. Un po’ ne ho vista, ma vorrei tornarci magari sulla costa orientale, dove conoscere spiagge e città da favola, insieme ad attività di artigianato a dir poco sorprendenti.

    In Sicilia credo che si possa andare in qualsiasi stagione: d’autunno per il tepore permette di visitare luoghi bellissimi, durante i ponti di primavera per regalarsi la fioritura mediterranea con un sole già caldo per abbronzarsi su spiagge poco affollate o semplicemente camminare, magari accompagnati da guide ambientali.

    Un viaggio in Sicilia presuppone una valigia leggera.

    Non riempitela di cose che non utilizzerete in modo da lasciarvi abbastanza spazio per gli oggetti che troverete nelle varie attività artigianali locali, e ricordate di portare con voi tutto l’indispensabile per una vacanza al mare, come il costume da bagno, un abito prendisole, ottimo per restare fresche in spiaggia, una bella scorta di crema protettiva e scarpe leggere e comode, per visitare le riserve naturali del mare.

    Le spiagge della Sicilia orientale

    Molti già lo sanno, ma questa parte della Sicilia è un vero incanto per quanto riguarda mare e spiagge,con luoghi assolutamente imperdibili. Uno di questi è la spiaggia di Letojanni, frequentata per la sua vicinanza a Taormina; da qui – se la giornata è particolarmente bella e il cielo abbastanza limpido – è possibile intravedere le vicine coste della Calabria.

    Sempre vicino Taormina c’è la spiaggia di Isola Bella, paradiso per gli occhi con la sua spiaggia di pietre e sassi e con il suo mare blu intenso e i faraglioni, alti e appuntiti scogli di nero basalto di fronte ad Aci Trezza. Ed è proprio grazie ai sassi che potrete ammirare uno dei più bei fondali della zona, con colori che non potranno che conquistarvi.

    Spiaggia di Isola Bella

    Chi preferisce rilassarsi su una spiaggia con la sabbia candida e sottilissima, invece, dovrebbe andare sulla spiaggia di Calamosche, presso la riserva di Vendicari, che con il suo paesaggio marino da cartolina non ha davvero nulla da invidiare alle spiagge caraibiche.

    Sicilia e artigianato

    Le bellezze della Sicilia orientale non finiscono con le sue spiagge.

    Durante una vacanza di questo tipo, infatti, sarebbe un vero peccato non visitare città splendide come Catania oppure i piccoli centri appena fuori città come Vizzini, una tappe imperdibili per chi ama le creazioni in ceramica insieme a Caltagirone, dove potrete ammirare anche la Scalinata di Santa Maria al Monte realizzata con tessere di maiolica decorata.

    Qui la lavorazione dell’argilla ha storia antica e affonda le sue radici nelle botteghe arabe, che le fecero meritare il nome di “Rocca dei Vasi”, grazie ad una lavorazione a smalto di particolare pregio.

    Lavori dei ceramisti siciliani Stefania Boemi e Alessandro Iudici

    Infine, al limite delle province di Messina e Palermo, c’è Santo Stefano di Camastra, la città famosa in tutto il mondo per i suoi piatti e i suoi vasi in ceramica, che potrete ammirare e acquistare in una delle tante botteghe artigiane presenti.

    Santo Stefano di Camastra è una tappa dell’iniziativa “Buongiorno Ceramica”, che si tiene annualmente nei luoghi simbolo di questa bellissima arte che è appunto quella della ceramica.

     

     

    The post Itinerario in Sicilia orientale tra spiagge e artigianato appeared first on Artigianamente Blog – artigianato, stile & design.

    10 Luglio 2019 / / Decor

    Quanto è difficile avere un giardino rigoglioso? Con queste piante da appartamento che necessitano di poche cure hai la soluzione.


    Quanto è sopravvissuta la tua ultima pianta?

    Ti capisco bene dato che la mia ultima pianta in fiore è durata si e no qualche mese. E vedrai questo risultato ripetersi, se ti ostini a scegliere le piante sbagliate.

    Infatti ci sono determinate specie di piante da prediligere, soprattutto se hai poco tempo o sei sbadato, che sopravvivono a tutto.

    Te ne parlo oggi.

    Piante da appartamento che necessitano di poche cure: le specie per tutta la famiglia

    Le piante hanno un quantitativo di benefici non indifferenti. Tra i più importanti, il fatto che ci permettano di scaricare lo stress e tornare in pace col mondo.

    Il verde è l’ambiente in cui siamo nati come specie e verso la quale tendiamo sempre. Per cui perché non condividere la cura delle nostre amiche verdi con tutta la famiglia?

    Prendendocene cura un giorno a testa saremo sicuri di non dimenticarcele e anche il carico di doveri sarà più leggero.
    Quali sono le piante per tutta la famiglia?

    • Aloe: adatta sia all’esterno che all’interno, è una rilevatrice dello stato dell’aria. Se sulle foglie vedete comparire macchie marroni, vuol dire che l’aria non è pura. Amante della luce diretta, ha bisogno di acqua solo quando il terreno è secco.
    • piante aromatiche: questi arbusti si adattano bene anche ai vasi ed ai balconi piccoli. L’esposizione al sole dipende dal tipo di pianta. Ma come regola generale scegliete un buon terriccio ed innaffiate spesso.
    • Cactacee: decisamente le più semplici da curare, con la loro scarsa necessità di acqua. Non esponetele a luce troppo forte o deperiranno.
    • Yucca: con la sua chioma rigogliosa ti riempirà casa. Resisterà alle tue dimenticanze perché necessita di poca luce e poca acqua.
    • Ananas: la prossima volta che lo compri, metti in vaso il ceppo di foglie e aspetta che metta radici. Per veder crescere la pianta ci vorranno anni, ma non è difficile da seguire. Necessita di tanta luce e acqua regolarmente.
    Piante da appartamento che necessitano di poche cure: aloe, aromatiche, cactacee, yucca, ananas

    Le piante da appartamento da evitare

    Questo punto è sottovalutato da molti, soprattutto chi ha bimbi o animali. Si sa che tendono a mettere tutto in bocca, per cui è doveroso essere sicuri di portare in casa specie che non nuocciano alla salute.

    Ce ne sono 8 a cui non penseresti mai, perché sei abituato a vederle in appartamento.

    Vuoi sapere quali sono?

    • Azalea, Clivia, Calla, Oleandro, Gelsomino: ebbene si, belle da vedere ma meno da avere in casa. Foglie e fiori di queste piante causano problemi di diarrea, nausea e vomito se ingerite. Nei casi più gravi si hanno disturbi alla vista, al fegato e problemi respiratori.
    • Stella di Natale: provoca lacrimazione eccessiva, stomatiti, congiuntiviti.
    • Ficus Elastica: intossicazione da contatto o da ingestione, con irritazione cutanea e della gola.
    • Edera: se le foglie vengono ingerite, provocano nausea, diarrea, vomito e tremori.
    Infografica delle piante da appartamento che hanno bisogno di poche cure

    Le piante perfette per bagno e cucina

    Anche per questi due ambienti un po’ difficili esistono le piante perfette. Ovviamente si tratta di piante per la maggior parte di origine tropicale, che non si spaventano dell’umidità.

    Ce ne sono 7 in particolare che hanno bisogno di pochissime cure e che depurano anche l’aria:

    • Felce: amanti dell’umidità, hanno bisogno di poca luce e poca acqua.
    • Orchidea: ama gli ambienti umidi e luminosi, ma non la luce diretta. Da annaffiare preferibilmente con acqua poco calcarea, come quella piovana.
    • Aloe
    • Catcacee
    • Dracena: con la sua chioma è la pianta decorativa per eccellenza. Bisognosa di luce non diretta e poca acqua, assorbe le particelle di fumo.
    • Photos: come l’aloe depura l’aria dai compositi inquinanti. Cresce anche con poca luce e va innaffiata solo quando il terreno è secco.
    • Ficus: un’altra meravigliosa pianta che ama l’umidità ma che potrà crescere rigogliosa con scarsità di acqua e luce.

    Hai le idee più chiare?

    A questo punto dovresti avere le idee più chiare per quanto riguarda le piante da scegliere per casa tua. Sii onesto e definisci il tempo che tu e famiglia potete dedicare alle amiche verdi, così da comprare specie adatte a voi.

    Quali tra le piante di cui ho parlato ti piacerebbe avere? Ce n’è qualcuna che ho dimenticato?

    Fammelo sapere nei commenti!

    Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

    Rispettiamo la tua privacy.

    L’articolo La guida completa alle piante da appartamento che necessitano di poche cure sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.