31 Maggio 2021 / / ChiccaCasa

Qualche mese fa la Casetta si è avviata verso un processo di transizione dalla neutralità al colore. 

Una scelta sentita dai suoi abitanti, di cui andiamo fieri! 

Pian piano abbiamo aggiunto tocchi di colore discreti e ben dosati coinvolgendo un po’ tutte le stanze della casa. 

Niente di invasivo o drastico, che avrebbe potuto turbare il nostro primo approccio al colore in casa. 

Siamo partiti dal tinteggiare un paio di pareti, poi abbiamo aggiunto cuscini colorati sui divani e qualche accessorio in palette. 

 

Dopo ogni cambiamento nel mood della Casetta, di prassi, cambiamo anche le stampe alle pareti. 

Ormai lo sai no? 


Eh sì, perché le stampe sono davvero una risorsa per rinfrescare uno spazio che non ci emoziona più. Non tornano utili solo per aggiornare la palette di un ambiente, ma anche il suo stile.  

Immagina una parete bianca. Quanto può cambiare la percezione del mood se la decoriamo con delle stampe pop anni ‘70 oppure con dei poster fotografici in bianco e nero? Totalmente! 

Tra gli spazi della casa che mancavano di cenni di colore c’è il living al piano di sopra. Questa stanza è resa interessante dai contrasti materici tra legno, pietra, velluto e paglia di Vienna. 

 La notizia è che la rivoluzione cromatica ha coinvolto anche questa zona della casa. Il merito è di Dear Sam che con i suoi poster ha dato una svolta positiva al nostro living. 


Dear Sam è uno shop online che tenevo d’occhio già da un po’. poster di Dear Sam sono esclusivi: non li trovi uguali in nessun altro negozio perché c’è un team appositamente delegato a creare arte.

 


L’obiettivo del brand è stupire oltre che andare incontro a coloro che desiderano decorare con cura i propri spazi. 

Le collezioni incontrano i gusti più svariati. Sul sito ci sono diverse categorie di arte tra cui scegliere. Ti consiglio vivamente di dare uno sguardo alle selezioni Opere d’arte famose e Premium selection che sono le mie preferite! 

Io ho centellinato ogni pagina del sito prima di decidere quali poster destinare al nostro living: un’operazione durata ben tre giorni.  


Per venirne a capo mi sono lasciata semplicemente guidare dalla palette dei nuovi colori della Casetta (salvia, rosa e giallo paglierino). La definizione delle stampe supera le mie aspettative. Ora che posso sentirli tra le mani, riesco a percepirne la qualità. In effetti sul sito di Dear Sam è specificato che la carta è di una speciale tipologia che non ingiallisce con il tempo. La stampa, invece, è effettuata con alcune delle macchine più moderne presenti in Europa. 

Ho mescolato poster di stili diversi, ma comunque molto in armonia tra loro. 

Credo sia proprio la malgama di pezzi differenti a creare uno stile personale ed unico. Io ad esempio ho fatto un pout-pourri! Ho osato mixando una stampa vintage di Rodin, una dal soggetto botanico, una fotografia pop, unstampa astratta sui toni del salvia ed un poster grafico rappresentante un limone



Insieme stanno bene perché rispondono a delle regole cromatiche ben precise e, non da meno, raccontano la stessa storia. La storia è la nostra: quella di due amanti del vintage, delle piante aracee e delle linee pulite (come quelle contenute nei due poster di arte astratta). Non ci sono enormi ricerche stilistiche dietro la combinazione di questi poster: solo una palette e noi, gli abitanti della Casetta. 

L’arte, inserita in un contesto domestico, contribuisce a rendere unico e personale lo spazio, caratterizzandolo con immagini e colori che rispecchiano chi la casa la vive. 

Oltre ai poster ho ordinato delle cornici bianche 50×70. Visto che io adoro spulciare nei dettagli, sono andata a leggermi cosa stanno a significare le voci FSC e Svanen che il sito riporta in riferimento al legno delle cornici. 

Sono entrambe voci di riferimento che riguardano l’impatto ambientale. FSC è l’insieme di una serie normative volte a proteggere la biodiversità, i monumenti antichi ed alcuni ambienti particolarmente preziosi dal punto di vista ecologico. La FSC esclude il possibile impiego, ad esempio, di legno importato illegalmente, legno proveniente da piante geneticamente modificate ed implica che esso sia tracciabile e controllato. 

Svanen ed Ecolabel invece, sono sigle che garantiscono al consumatore che il prodotto che sta acquistando è eco-friendly 

Dal punto di vista ambientale, quindi, Dear Sam ha svolto un grande lavoro, impostando la sua produzione in maniera congrua ai severi criteri delle etichette ambientali 



Dal canto mio, sto iniziando a fare più attenzione a questi dettagli, prima di scegliere di comprare da una fonte piuttosto che da un’altra. 

Ho apprezzato moltissimo anche la scatola compatta e su misura per il contenuto.  

Sono davvero felice del risultato finale. Questa zona della Casetta è anche quella in cui lavoro, quindi avere proprio qui delle fonti di ispirazione è l’ideale. 


Se ti ho fatto venire l’acquolina in bocca e vuoi anche tu andare alla ricerca di poster per le tue pareti, qui c’è un sostanzioso codice sconto per te!


Inserisci CHICCACASA35 al check out per beneficiare del 35% di sconto valido su tutti i poster.

Affrettati! Il codice è valido solo fino al 7 giugno 2021!




6 Aprile 2021 / / ChiccaCasa

corsi laboratorio terra cruda vasto vasi piante
Vaso in terra cruda - corso Boite Verde - VASTO

 Da quando il mio pollice è diventato verde, mi diverto a cercare vasi e accessori per piante che valorizzino le mie amichette green e che siano al contempo elementi decorativi.

Già da prima della mia avventura come plant-mom, il Chicca-radar aveva scovato un prodotto davvero interessante. Volevo parlartene già da tempo, ma l’ho fatto solo qualche settimana fa, menzionandolo nelle mie Ig stories, fra i prodotti che avrei voluto acquistare.

Boite Verde - corsi vasi in terra cruda

Sto parlando del kit per realizzare dei vasi in Terra Cruda, un materiale tanto antico quanto materico.

La terra cruda è composta da pigmenti minerali polverizzati e acqua, con l’aggiunta opzionale di paglia. La solidificazione di questa mescola non richiede cottura, e avviene con la sola esposizione all’aria. 

Corso vaso terra cruda boite verde

Si tratta del materiale da costruzione più antico utilizzato per realizzare strutture abitative. Ne abbiamo una prova tangibile proprio qui in Abruzzo, nel paese di Casalincontrada, celebre per la sua densità di edifici costruiti in Terra Cruda (informazione appresa grazie ai miei amici Garret’s Memories).

L’effetto finale è visivamente paragonabile al gesso ed al cemento. Ruvido, grigiastro, ricco di texture e polveroso al tatto. 

La differenza sostanziale rispetto a questi altri due materiali consiste nella composizione assolutamente  naturale della terra cruda e nella sua capacità di biodegradarsi in tempi brevi.

Vasto, boite verde, vasi in terra cruda, workshop vasto

Ma prima di questo focus sulla sostanza, parlavamo di vasi!

Il mio desiderio è stato presto avverato! Ho avuto da poco l’opportunità di partecipare ad un corso di Boite Verde proprio dedicato alla creazione di un vaso in Terra Cruda. 

Boite verde vasto, workshop vasto, piante vasto, terra cruda vasto

Dedicarsi ad un’attività manuale in questo periodo è stata una boccata d’aria fresca. Mi è servito per allontanarmi dalla realtà e dalla difficile situazione generale di questi ultimi due anni. In più, a fare da cornice ad un momento pressochè perfetto c’erano le piante. Non avrei potuto chiedere di meglio!

Da questa esperienza, sono tornata a casa con un nuovo ed inimitabile alloggio per una delle mie piantine.

Guidata da Emanuela di Boite Verde, ho piantato all’interno del vaso in Terra Cruda dei semini di menta, che a distanza di solo due settimane stanno iniziando a germogliare!

workshop vasi vasto ch

Se anche tu vuoi staccare la spina dedicandoti ad un’attività super piacevole come quella della costruzione di un vaso in Terra Cruda, sappi che puoi farlo immerso in una piccola giungla, situata in uno scorcio meraviglioso del centro storico di Vasto (basta fare due passi per trovarsi davanti un panorama mozzafiato da cui si vede tutta la costa, fino al Gargano!).

Di seguito trovi il calendario dei prossimi corsi. Prenota il tuo con un direct message o con un messaggio WhatsApp.

20 Marzo 2021 / / ChiccaCasa

 La mia voglia di colore resta costante e stabile. Ho recentemente selezionato una tinta da aggiungere alla palette della Casetta: il giallo, declinato nelle sue sfumature pallide o aranciate.

I colori caldi mi affascinano ogni giorno di più: li trovo avvolgenti e super energizzanti.

Dopo il restyling del soggiorno che ha visto cambiare prima il colore delle pareti e poi il divano, era arrivato il momento di scegliere anche delle stampe più vivaci.

Le stampe in tinte neutre non mi appartenevano più, quindi ho optato per una soluzione low budget per sostituirle tutte. 

Ho scandagliato tutto il web per trovare delle immagini appetibili e scaricabili gratuitamente. Ho selezionato stampe vintage nelle tinte del verde, del rosa e del giallo.

Mi è bastato accendere la stampante, attendere che i poster fossero pronti ed inserirli nelle cornici, su uno sfondo bianco.

Sono così orgogliosa del risultato finale, che ho deciso di lasciare anche a te un po’ di gioia!


Le stampe della mia gallery wall sono tutte (tranne quella extra grande a sinistra) scaricabili qui sotto:

SFONDO GIALLO CHIARO CON BOUQUET 

Flower Study (1886) by Mary Vaux Walcott

SFONDO ROSA CON FRUTTA 

Still Life with Fruit (1905) by Odilon Redon

FANTASIA FOGLIE VERDE

Willow pattern (1874) by William Morris

FANTASIA GELSOMINO FIORI ROSA

Jasmine by William Morris. Original from The Birmingham Museum.

SFONDO GIALLO CON GRUPPO DI GRU

A traditional portrait of a flock of beautiful Japanese red crown crane by Ogata Korin (1658-1716)

CIELO ROSA CON NUVOLE VERDI

Pink sky illustration from Bijutsu Sekai (1893-1896) by Watanabe Seitei

SFONDO VERDE CON BAMBINA

Young Woman in Profile (1910) by Odilon Redon. Original from the National Gallery of Art.

Cosa ne pensi del risultato? 

13 Marzo 2021 / / ChiccaCasa

La primavera è nell’aria e aggiungerei, finalmente! Le piante della Casetta sono un’esplosione di foglie nuove e dalla finestra il sole si diffonde sul parquet e sulle pareti. I raggi vengono a trovarci portando sempre un sacco di buon umore! 

Tutti questi fattori hanno scatenato in me una voglia matta di fare lunghe passeggiate con i pelosi qui in campagna e di stare il più possibile in contatto con la natura e con il verde.

Non possiamo però dimenticare la condizione pandemica fuori dalle nostre mura, che ci suggerisce di rimandare a tempi migliori le uscite. Per questo motivo ho pensato di deliziarti con 4 tips per vivere al meglio la primavera…indoor!

Ready?

1. Fai il pieno di vitamine!

I primi mesi primaverili sono il momento giusto per fare incetta di vitamine, in modo da arrivare preparati all’estate. Non so voi, ma io mi dimentico sempre questo passaggio e, puntualmente arrivo a giugno distrutta.

Apri le porte della tua cucina a frutta fresca, verdure di stagione e ortaggi nutrienti. La scelta di alimenti in linea con la stagionalità è un modo per entrare in sintonia con la natura. Sbucciare un frutto, pulire la verdura e affettare gli ortaggi, sono attività che ci fanno apprezzare i prodotti della terra. In quale altra occasione siamo in grado di notare quanti i “fiocchi” compongono un cavolfiore, e quanto l’interno di un pomodoro sia geometricamente perfetto?

Prima di consumare frutta e verdura, ricordati di farne sfoggio per godere della loro bellezza! Qui trovi un reel, con due modi originali per esporre la frutta.

Il mio suggerimento, però, non vuole essere solo prettamente legato al cibo. 

In effetti, il concetto di vitamine mi fa sempre pensare ai colori. In attesa della primavera, la voglia di colore in casa arriva, spontaneamente, in ognuno di noi. 

Approfittane! Studia un modo per includere nella tua palette una nuova tinta (o richiedimi una consulenza colore per studiare insieme una nuova color palette per i tuoi spazi!), tinteggia una parete o sostituisci cuscini e tendaggi con delle versioni più colorate.

Un altro modo semplice ed impattante per inserire un tocco primaverile in casa è quello di sostituire le stampe della tua gallery wall. Io l’ho fatto (ti svelerò il makeover tra qualche giorno e metterò a tua disposizione tutte le mie stam

pe!) passando da una galleria sui toni del beige e del grigio ad una a tinte pastello. Garantisco: funziona molto bene per entrare nel mood del cambio di stagione!

2. Raddoppia la quantità di luce



Dopo mesi spesi a sperare che quel raro raggio di sole entrato in casa non vada mai via, possiamo finalmente beneficiare di un po’ di luce naturale in più. La luce porta buon umore e voglia di fare, quindi perchè non farne tesoro?

Il modo migliore per “moltiplicare” la luce che filtra dalle finestre è inserire uno specchio che la rifletta.

STYLING TIP: Affinchè si percepisca un aumento di luminosità è bene posizionare lo specchio non sulla parete di fronte alla finestra, bensì su una delle pareti poste lateralmente rispetto alla fonte di luce. 


3. Fai scorta di piante e fiori

Il simbolo della primavera per eccellenza è un fiore che sboccia. I fiori sono le più semplici e genuine manifestazioni di bellezza, pertanto meritano un posto d’onore nelle nostre stanze. Un mazzo di fiori apporta immediatamente un tocco di magia in qualsiasi contesto ed è il modo più efficace ed immediato per decorare un mobile o un tavolo. 

Lo stesso vale per le piante, che oltre ad valere come un vero e proprio prezioso complemento d’arredo, sono anche in grado di soddisfare il nostro ego da plant-mom con ogni nuova crescita di foglie o fiori.

Gli acquisti green, sono per quanto mi riguarda, molto terapeutici per combattere piccole sconfitte quotidiane! 

Per chi, come me, non riesce a sopportare l’idea che i fiori freschi si sciupino, si può sempre ripiegare su bouquet essiccati. 

STYLING TIP. Se vuoi dare uno sprint primaverile al tuo bouquet essiccato, trasferiscilo in un vaso colorato!

Qui trovi una selezione di idee di elementi naturali secchi da mettere in vaso.


4. Continua a creare atmosfera


Il comfort e gli angolini “cosy” non possono mancare nella stagione che concilia i pisolini!
Per abituarti ai nuovi ritmi puoi, per qualche giorno, avvicinare la tua postazione di smart working alla finestra. Crea il tuo mini-studiosemplicemente con un tappeto, un cuscino ed un tavolino da caffè. In questo modo ti sarà più facile immaginarti seduto su un prato, all’aperto, con il tuo pc.

Continua ad accendere le candele, proprio come eri abituato a fare durante l’inverno. Sceglile magari profumate o,anche in questo caso, colorate, per una piacevole esperienza sensoriale.


I prodotti che ho fotografato per questo post sono frutto della mia ultima sessione di shopping su Kave Home.
Il bicchiere e la brocca fanno parte della nuova collezione Nausica e sono in vetro ocra. Adoro il pattern diamantato e le dimensioni xl del bicchiere! Della stessa collezione esiste anche il servizio di piatti coordinati. Come vedi, le brocche in vetro colorato, oltre ad essere un trend sulla cresta dell’onda, sono anche ottime sostituite dei classici vasi da fiori.
Lo specchio, che ora è all’ingresso, in realtà lo abbiamo pensato per la camera da letto. Finalmente ho uno specchio a figura intera e posso smettere di farmi un video mentre cammino prima di uscire di casa, solo per vedere se sono vestita in modo decente! Questa è una grande vittoria! Lui è Marco, uno specchio grande, ma non invasivo (le dimensioni sono 30×100) con un meraviglioso bordo dorato che ne definisce i contorni. Questo specchio è esattamente quello che cercavo (il rapporto qualità-prezzo è da premiare!).
Dulcis in fundo, per completare la mia shopping list, mi sono portata a casa un set di due candelieri in metallo dal design accattivante. Si tratta del set Shania. La particolarità di questi due portacandela è il piede a L che li sorregge, rendendoli più sofisticati, ma, al tempo stesso anche più facili da spostare. 


Questi quattro super-semplici suggerimenti ti aiuteranno ad accogliere a braccia aperte la stagione dei fiori in casa tua! 
E tu? Hai un “rito” che ripeti ogni anno quando arriva la Primavera? Raccontamelo in un commento!
7 Marzo 2021 / / ChiccaCasa

Immagina di essere a casa in un giorno di pioggia. All’improvviso, il campanello suona. Ti avvicini alla porta d’ingresso, la apri dolcemente, e ti sporgi verso l’esterno.

Non vedi nessuno, così, incuriosito, inizi a guardarti intorno. Lo sguardo cade ai tuoi piedi, su una scatola di cartone. Una scatola semplice, a base rettangolare, con uno stampo di cera chi tiene fermo uno spago bianco e poi una scritta: “Therapybox”.

Resti a guardarla per un po’, poi, curiosa, ti decidi a portarla dentro per scartarla. D’altronde, se qualcuno l’ha lasciata lì, il contenuto dovrà appartenerti. 

Inizi a scartarla ed ecco, una tazza! – che bel pensiero! -. La scatola però è troppo grande per un oggetto solo, quindi infili di nuovo le mani al suo interno,  ed ecco arrivare un vaso, poi un paio di cartoline illustrate, una rivista di design, un sottobicchiere..e tanti altri meravigliosi oggetti!

-Sembra una favola- ti dici. 

-Tutto per me? Chi sarà l’artefice di questo pacchetto?-. 

Nel frattempo, ti eri anche dimenticato della pioggia.

Questa non è  una storia frutto della mia fantasia da sognatrice, bensì il racconto di una mattina trascorsa a tirare fuori da una scatola miriadi di oggetti accuratamente selezionati da Manuela di Design Therapy (la testimonianza è nell’unboxing che ho salvato qui!).

Design Therapy è uno spazio virtuale che racconta di case, arredamento e design. Manuela è una collega, insomma! Il suo blog è pieno di ispirazioni di cui fare tesoro se ami particolarmente il settore “home” o se hai intenzione di rinnovare o arredare da zero i tuoi spazi. 

La Therapy box è stata pensata per deliziare gli occhi con una “dose di design”. Scartarla è davvero un’esperienza strepitosa. Una sensazione simile a quella che provavi da bambino quando qualcuno arrivava da te con un regalo.

Aprire la scatola diventa un percorso sensoriale. Tagliare lo spago è un po’ come una liberazione e sentire lo scricchiolio dell’imballaggio fa crescere le aspettative nei confronti del tanto ambito contenuto.

Il momento più bello è decisamente quello in cui afferriamo tra le mani uno dopo l’altro gli accessori e possiamo finalmente “sentirli” con il tatto, provarli e dargli un posto ed una funzione a in casa.

La Therapy box è una super scatola! Super, per via dell’insana quantità di meravigliosi oggetti al suo interno e per la squisita selezione di prodotti unici e particolari.

Prima di parlarvi di come e dove accaparrarvi un pacchetto del genere, vi lascio sbirciare un po’ al suo interno!

La tazza BFF ideata da COSE è in alluminio smaltato. Un omaggio all’amicizia, quella vera, che dura tutta la vita. La tazza BFF è già la mia preferita. Le sue dimensioni generose le permettono di contenere il mio doppio caffè mattutino!

La selezione è incentrata sulla celebrazione degli oggetti di uso comune, quelli che teniamo tra le mani ogni giorno con un umore differente. A loro è affidato l’arduo compito di facilitarci la vita con le loro funzioni, ma cosa succede se sono anche belli? Il risultato è sorprendentemente gradito. Preparare un caffè diventa una vera gioia se puoi gustarlo nella tazza che ti fa pensare alla tua best friend e la corsa verso il sottopentola, con il canovaccio avvolto tra le mani per non scottarti, è più lieve se al traguardo c’è un esagono colorato!

La vedete quella tipa che mi assomiglia? Si tratta di una cartolina di un set di due illustrata da COSE.

Le therapy box sono in edizione limitata. Ogni due mesi Manuela ce ne preparerà una nuova! 

Svelerà il suo contenuto pezzetto per pezzetto, lasciandoci un po’ sulle spine, ma noi già sappiamo con quanta cura quegli articoli saranno selezionati. Il concept della Therapy Box gioca proprio sulla sorpresa. 

Un vasetto in cartone riciclato, ideale per la semina o per il rinvaso di una talea in terra. Io ci ho piantato una baby Monstera Adansonii!

È una “coccola” per noi e per la nostra casa che possiamo concederci ogni due mesi.

Una sensazione super positiva che ci meritiamo, ogni tanto! 

Nella TB trovi anche la rivista di Design Therapy: un concentrato di ispirazioni per i tuoi interni!

È possibile abbonarsi e, quindi, affidarsi del tutto al buon gusto di Manuela oppure acquistare quando si vuole la sua scatola delle meraviglie. 

Puoi mettere le mani sulla tua box nello shop di Design Therapy

Ho un codice sconto in serbo per te! 

Inserendo il codice

 CHICCACASA10


 avrai diritto ad uno sconto del 10% sulla prima Therapy Box!


Le spedizioni sono aperte, quindi non ti resta che prenotare la tua box e scoprire gli altri 3 oggetti contenuti nella box, di cui ti ho tenuto all’oscuro in questo post!

2 Marzo 2021 / / ChiccaCasa


Da quando vi ho svelato i gesti ed i comportamenti che hanno trasformato il mio pollice nero in un pollice verde, non ho mai smesso di mostrarvi, su Instagram, le mie adorate piante.

La sensibilità nei confronti delle piante, da parte degli home lovers sta crescendo esponenzialmente, complice il momento storico, che ci tiene lontani dalla natura facendoci venire voglia di portarne un po’ idoor.

Le domande più gettonate che mi vengono rivolte in direct, infatti, sono incentrate sulla regina indiscussa delle nostre giungle domestiche: la Monstera Deliciosa.

Ho pertanto pensato di “deliziarti” con un post per conoscere questa maestosa pianta.

A proposito! Oggi, come ogni lunedì, si celebra il #monsteramonday. In questa occasione tutti gli orgogliosi proprietari di una Monstera si riuniscono virtualmente scambiandosi le testimonianze fotografiche delle crescite dei loro esemplari. Quindi, se hai una pianta del genere Monstera, posta la sua foto su Ig con il tag #monsteramonday. Segui l’hashtag per non perderti neanche una foto!

La Monstera Deliciosa è sulla bocca di tutti i plant lovers, ma lo è stata anche negli anni ‘80/’90. Gli esemplari sopravvissuti alla prima ondata del trend, hanno ormai foglie gigantesche e fenestrate. Sono proprio queste caratteristiche delle foglie a mandare in visibilio tutti gli estimatori di questa pianta. Non è un caso che il nome scientifico la ragguagli ad un mostro, un mostro meraviglioso, a quanto pare, ma molto, molto grande! L’aggettivo “deliciosa” invece, si riferisce ai frutti, commestibili e molto appetitosi che la pianta produce in natura.

La Monstera è originaria dell’America centro-meridionale, dove cresce gioiosa e bucherellata in un clima caldo e ad alto tasso di umidità. Per sostenere il suo andamento strisciante si appoggia ad alberi o altri sostegni naturali ai quali si tiene stretta mediante le sue robuste radici aeree.

Per tirare su una Monstera felice in un ambiente domestico è necessario andare incontro alle sue esigenze, trovandole un posto in cui si senta davvero a casa! Puoi ricavare uno spazio per lei, a ridosso di una finestra. La luce copiosa aiuterà a rendere la sua crescita rigogliosa. La Monstera tollera il sole diretto, basta abituarla gradualmente ad accogliere i raggi solari. 10 minuti in più ogni giorno basteranno per farle prendere confidenza con il sole. C’è da precisare, quanto, nonostante il suo amore sconfinato per la luce brillante, la Monstera riesca a vivere serena anche in un ambiente non troppo luminoso.

Nostalgica delle sue origini tropicali, necessita un buon tasso di umidità ambientale. Per ovviare all’aria delle nostre case, asciugata dai caloriferi d’inverno e dal caldo d’estate, è bene nebulizzare frequentemente dell’acqua (meglio se non calcarea) sulla sua verde chioma utilizzando un semplice spruzzino.

La pianta più cool del momento appartiene alla famiglia delle Araceae, e, come molte piante di questa specie, ha un comportamento rampicante. In casa, possiamo aiutarla ad assumere un portamento verticale inserendo nel vaso un palo muschiato al quale fissare – con del fil di ferro o dello spago – i fusti principali. Oltre alle radici “tradizionali” la Monstera sviluppa anche scenografiche radici aeree. Si riconoscono con facilità, perché più scure, ruvide e robuste di quelle da terra. In più, si manifestano palesemente con il loro andamento, che tende a fuoriuscire dal vaso o ad avvicinarsi al palo. Se queste radici indisciplinate non ti piacciono, puoi convertirle in radici da terra, infilandole con gentilezza nel panetto di terra. In alternativa puoi accorciarle leggermente o avvolgerle delicatamente attorno al palo muschiato.

Le piante, quando hanno sete, cambiano aspetto. Imparerai a riconoscere con un solo sguardo il momento in cui la tua Monstera ti chiede dell’acqua. Fino a quel momento, per non eccedere con le innaffiature, potrai utilizzare un igrometro, uno strumento meccanico ed economico che conosce bene il linguaggio delle piante!

Puoi dare acqua, nel caso della Monstera, quando la lancetta scende al di sotto del livello 3. Ricorda, se sei in dubbio, che è sempre meglio dare meno acqua che esagerare. L’eccesso idrico potrebbe portare al temutissimo ed irreversibile marciume radicale. Se vuoi fare a meno dell’igrometro, lascia asciugare tutto il panetto di terra (non solo la superficie) tra un’irrigazione e l’altra.

Approfitta del momento dell’innaffiatura per fare una bella doccia alle fogliolone. Asciuga, poi, l’acqua in eccesso. Le foglie sono coperte da pori dai quali la pianta respira. È importante, dunque, che questi siano sempre liberi da polvere e sporcizia. Inoltre, le docce frequenti scoraggiano, seppure in parte la comparsa dei terribili parassiti.

Per sconfiggerli è bene adoperare prodotti specifici e prevenire attacchi futuri con trattamenti sistemici.

Come ogni mostro che si rispetti, la tua Monstera avrà fame oltre che sete! Nutrila regolarmente con del concime liquido per piante verdi. Segui sempre le istruzioni riportate sulla confezione, ma diminuisci leggermente le dosi d’etichetta.

Puoi pensare di rinvasare la tua Monstera solo quando le radici (quelle da terra, sia chiaro) escono dai fori di drenaggio del vaso (elemento assolutamente necessario per una corretta irrigazione). Scegli un vaso solo di poco più grande, la Monstera ama dimorare in contenitori di dimensioni “raccolte”.

Scegli sempre un substrato ben drenante ed arieggiato per il tuo mostro verde! Mescola al terriccio una buona parte di perlite, un po’ di argilla espansa e, perché no, qualche sfilaccio di sfagno.

Croce e delizia di questa pianta, sono le fenestrature, ovvero le tipiche aperture che caratterizzano le foglie di Monstera Deliciosa. Bene, la verità è che la pianta nasce con foglie a forma di cuore (la mia baby Monstera, nel post qui sotto)intere e non bucherellate. Solo dopo un paio di anni di età della pianta, si potrà assistere alla nascita delle prime foglie fenestrate. Più la pianta diventerà matura, più le foglie presenteranno intagli e fori. Non ci sono formule magiche da recitare per avere foglie forate, solo tanta cura e pazienza!

Se vuoi donare ai tuoi più cari amici una Monstera, a partire dalla tua pianta, puoi ricavare una talea. Ti basterà procurare un taglio netto al di sotto di un nodo (il punto di intersezione delle partenze di due foglie) ed immergere la talea così ottenuta in acqua, per qualche mese. Quando le radici saranno carnose e lunghe potrai rinvasare la tua nuova piantina e offrirla in dono a chi vuoi.


Se ti stai approcciando da poco al mondo delle piante da interno, dai un’occhiata a questo post, ricco di consigli generali per principianti o a queste stories in evidenza (in cui ti racconto in video come ho trasformato il mio pollice da nero a verde)

P.s. Quest’anno curerò una rubrica dedicata alle piante da interno sul magazine Nytliv. Le mie mini-care guides saranno accompagnate da una splendida illustrazione a cura di @illustrazionilaura. Il primo appuntamento, sul numero di Febbraio, è stato proprio dedicato alla Monstera Deliciosa. Segui @nytliv per non perdere neanche un appuntamento di #piccolabotanicaillustrata.

20 Febbraio 2021 / / ChiccaCasa

Ultimamente ho ricevuto diverse richieste di aiuto che riguardavano l’arredamento dei bagni, in particolare, di quelli con metratura ridotta.
Dunque ho deciso di dedicare un intero post agli arredi ed agli accessori che preferisco per questo ambiente.
Ho selezionato prodotti semplici e carini, che possono essere abbinati tra loro e con altri arredi, già in tuo possesso, con facilità.
L’obiettivo del post, infatti, è proprio facilitarti il lavoro se sei alle prese con l’arredamento del tuo bagno piccolo.

Ready? 

Il mobile lavabo 

L’arredo più importante della stanza è il mobile lavabo. La sua scelta non prescinde dall’immagine dei rivestimenti. Può valorizzarli, o distogliere l’attenzione da essi (se non ci fanno impazzire!).
Insomma, possiamo affermare che il mobile lavabo è l’arredo chiave di tutto il bagno.
Anche se il bagno è piccolo, la gamma di scelta è molto vasta. 
Opta per un lavabo freestanding, se vuoi che questo arredo diventi il focal point della stanza. Io ho optato proprio per questa soluzione per il bagno al piano di sotto, in cui serviva una nota caratterizzante. Pur essendo l’unico arredo del nostro spazio, Catino di Ceramica Cielo è bastato per renderlo unico e di grande impatto.
Se, invece per te conta di più lo spazio di storage, punta sul mobile contenitore, meglio se sospeso (così occupa meno spazio visivo!).
Per i più minimalisti, c’è sempre la mensola, di muratura o di legno, su cui appoggiare il lavabo. In questo caso, per rimediare all’assenza di spazio per riporre gli oggetti, puoi usare dei maxi cesti da sistemare al di sotto della mensola.
Infine, ci sono i mobili vintage, o quelli di nuova produzione, ma dal sapore retrò. Hai mai pensato di utilizzare un sideboard, o un vecchio comò pieno di fascino autentico, come mobile lavabo? Basterà praticare un foro sul piano, per far passare il sifone del lavabo ed un altro sul pannello posteriore, per i tubi di scarico.

I miei preferiti sono semplici, dal design lineare e senza fronzoli, a metà fra il retrò e lo scandinavo. Ognuno, però, ha una particolarità che lo rende speciale ed irresistibile!





Lo specchio

Altro elemento di spicco in un bagno piccolo è lo specchio. 
Io lo preferisco sempre di una forma stondata e più piccolo rispetto al piano del mobile lavabo. Gli specchi rettangolari, che spesso vengono venduti in abbinamento con il mobili lavabo, sono spaziosi, ma hanno poca personalità, e al contrario di quello che si è portati a pensare, non fanno sembrare l’ambiente più grande, anzi (ecco, l’ho detto).
Lo specchio va necessariamente allineato con la rubinetteria (a meno che il lavabo non sia angolare). In altre parole, va posto in posizione centrale rispetto al mobile lavabo.
In alternativa, se vuoi allargare lo spazio riflesso puoi optare per una combinazione di specchi di forme e dimensioni differenti, da appendere comunque all’interno della porzione di parete sovrastante il mobile lavabo, senza uscire dai suoi limiti.
I miei preferiti sono quelli senza cornice, o con un bordo discreto e monocromatico. 
Vuoi valorizzare uno specchio semplice e, nel contempo, aggiungere una nota scandinava? Appendilo tramite un cordino di pelle!

Da in alto a sinistra:



L’illuminazione

La stanza da bagno ha bisogno di due punti luce. Uno principale, che illumini la maggior parte dell’ambiente e l’altro secondario, ma non per importanza. Mi riferisco al punto luce da tenere vicino allo specchio, quello che sarà responsablie della buona riuscita del nostro make up, o, per i maschietti, della loro rasatura (e queste non sono cose da poco nel quotidiano!).
In realtà, di solito, quello da scegliere con maggiore cura è proprio il secondario, in quanto è  in una posizione strategica, ad altezza d’uomo, quindi risulta più in vista.
Per la luce principale, invece si può optare per una soluzione più semplice e “silenziosa”.
La luce relativa all’illuminazione della zona lavabo va posta o sopra allo specchio, in posizione centrale rispetto ad esso, o lateralmente. Molto carina, è anche la soluzione di porre due applique, intorno allo specchio, una per ogni lato.
Anche in questo ambito le proposte in commercio sono delle più svariate. 
Le mie preferite sono molto semplici, con qualche inserto in legno o in pelle, o, in alternativa, con la struttura ottone.



Lo sgabello

Uno degli accessori essenziali per un bagno di tutto punto, è lo sgabello. Un complemento pratico e multifunzionale che puoi utilizzare come seduta (per stare comoda mentre stendi lo smalto), come piano d’appoggio per asciugamani o vestiti di ricambio oppure semplicemente per dare un tocco di personalità all’ambiente.
è l’ideale anche per i bagni più piccoli perché è un arredo basso (quindi non occupa molto spazio visivo) e poco ingombrante.
Sceglilo con cura e punta su di esso per dare un tono al tuo ambiente. Dai libero spazio alle textures, ai motivi ed al colore.
Sceglilo in contrasto sia con le pareti che con il mobile lavabo, per dare carattere al tuo bagno. L’importante è che il risultato finale sia armonico ed equilibrato.
Se hai il box doccia anziché la tenda, puoi tranquillamente optare anche per uno sgabello in tessuto!
Non ho uno standard di sgabello preferito. Ne possiedo in quantità e li trovo molto comodi in tutta la casa (sarà perché sono piccolina e li uso per arrampicarmi ovunque?).
Il consiglio generale è solo quello di sceglierne uno che abbia una particolarità, una di quelle che fa innamorare!


Lo scaffale extra
Nei bagni piccoli c’è sempre bisogno di extra storage. Una soluzione discreta, che preferisco di gran lunga rispetto ai pensili, è il mini scaffale. 
Puoi appoggiarlo sulla parete di fronte al lavabo, se la pianta del tuo bagno permette, oppure inserirlo in un punto strategico in cui risalti. 
Se scegli questa soluzione, però, mi devi promettere che farai attenzione alla sistemazione degli oggetti sui ripiani dello scaffale. Promettimelo!
Lo scaffale è utile per ospitare contenitori con oggetti da tenere a portata di mano come salviettine struccanti, ovatta, cotton fioc, trucchi e profumi. Tutti oggetti che puoi organizzare in contenitori carini da lasciare a vista (io sul mio scaffale ho sistemato due vecchie zuccheriere di vetro con il tappo, in cui metto cotton fioc e dischetti struccanti.
Puoi sistemare qui anche prodotti per il corpo, ma lasciali a vista solo se le confezioni sono davvero meravigliose ed in linea con lo stile del bagno. In caso contrario, scegli un bel contenitore chiuso (in commercio esistono delle scatole da paura, quindi non hai scuse!).
Lo scaffale ha il vantaggio di essere visivamente leggero, in quanto aperto e di non avere bisogno dello spazio per l’apertura e la chiusura delle ante. Per queste ragioni è un’ottima soluzione per gli ambienti dalla metratura ristretta.



Il portasciugamani
Uno degli indispensabili del bagno è il portasciugamani, da agganciare rigorosamente alla parete, soprattutto se il bagno è piccolo. 
Lo stile lo scegli tu, in base a quello del tuo bagno. 
I miei preferiti sono queli con l’aggancio a cerchio, ma non mi dispiacciono neppure le soluzioni multigancio, soprattutto se in legno grezzo!


Da sinistra:

Cosa aggiungere per un tocco in più?


 Per vestire il tuo bagno aggiungi delle piante (vere, per carità!) e scegli con cura il vaso in cui alloggiarle. Puoi anche inserire delle stampe incorniciate da posizionare sulle pareti o sullo scaffale.
Non trascurare la scelta degli asciugamani: seleziona tessuti in palette che risultino in armonia con le tinte presenti nel bagno.
4 Febbraio 2021 / / ChiccaCasa

Nuovo anno, nuovo mood.  

Ebbene sì, non l’avrei mai detto, ma io, fedelissima sostenitrice delle palette neutrali, rese calde da abbondanti dosi di legno naturale, da un paio di mesi, non faccio altro che pensare “a colori”.  

Inizialmente mi ero convinta fosse una fase “passeggera”, poi ho capito che non c’era nulla di surreale in quello che mi stava accadendo. Gli ultimi anni hanno portato nella mia vita una serie di cambiamenti, che, inevitabilmente devono aver influenzato i miei gusti ed il mio stile personale. 

La nuova versione di me vuole apprezzare le emozioni positive e circondarsi di stimoli cromatici per dare spazio alla leggerezza ed entrare in un mood allegro e ricostituente. 

Dunque, ho di recente aperto le porte della Casetta (oltre che quelle del mio spirito) ai colori.  

Per fortuna condivido con la mia dolce metà lo stesso desiderio di metamorfosi, pertanto, abbiamo dato il via ad una serie di progetti e di pianificazioni, volte ad inserire deliziosi elementi di spicco nei nostri spazi abitativi. 



Abbiamo deciso di enfatizzare i colori già presenti (rosa, verde salvia e terracotta), inserendo più elementi in palette ed integrandoli con due tinte in contrasto quali il viola ed il celeste chiarissimo.

Queste due tinte fredde aggiungeranno definizione e carattere ai toni caldi della Casetta, resi ancora più evidenti dall’abbondanza di legno in diverse tonalità.

Questo post vale per me come promemoria / shopping list. Potevo tenerlo per me, ma ti avrei privato della possibilità di poter spulciare tra i deliziosi accessori di Kave Home, nelle mie (nuove) tinte preferite!  

Potrai trovare, in questa palette la chiave per aprirti al colore, se anche tu fai parte del team “neutral forever”! 

A fine post trovi tutti i riferimenti per acquistare i prodotti presenti nella moodboard! 

 



Siamo ancora poco provvisti di pezzi notevoli per apparecchiare la tavola. Questa è una vergogna, per una coppia in cui lui è bravo a cucinare e lei ad apparecchiare! Per rimediare ho pensato ad una serie di acquisti dedicati alla tavola da pranzo. I tovaglioli Samay, in set di 4 pezzi, nella tinta bordeaux, realizzati in misto lino. Mi piace la texture naturale e penso sarebbero perfetti per i nostri table settings! Per armonizzare questa tonalità calda ho pensato di accostarla al viola della elegantissima brocca Rori ed alla delicatezza dei bicchieri in vetro rosa Yida.

Nella mia wishlist per gli accessori da tavola, ci sono anche i sottobicchieri in graniglia Temira, pezzi irrinunciabili in quanto richiamano il pavimento originale della Casetta. Sono in palette, poichè presentano al loro interno delle sezioni di pietre rosa. Un dettaglio easy per fare bella figura, anche servendo un semplice bicchiere d’acqua.


Per restare in tema mangereccio, ho adocchiato un grembiule in lino e cotone in una soave sfumatura di blu. A rendere speciale il grembiule Daneli, oltre al taglio super-simple è il bordino in filo, in contrasto. Lo terrei volentieri esposto in cucina, anche per apprezzare quella tinta!


Per rendere più accoglienti le sedute senza rinunciare al colore, ho pensato ad un paio di cuscini rigorosamente in palette.

La federa in velluto a coste rosa Wilma, impeccabile e sofisticata, starebbe divinamente su entrambi i divani della Casetta!

Per la sedia a dondolo del soggiorno al piano di sopra, ho pensato invece ad un bel cuscino rettangolare (Lisette), dal design essenziale, in puro cotone, nella versione verde.


Per quanto riguarda lo spazio verticale, non potevo non aggiungere alla mia wishlist il vaso da parete Aldina in una calda nuance di marrone. Si tratta di un contenitore in ceramica (resistente all’acqua) ovale che permette di sospendere una pianta, vestendo al contempo una porzione di parete. E visto che qui alla Casetta, le piante di certo non mancano, ho pensato di prenderne più di uno! Non è fantastico?

Anche se con il colore c’entra poco, non potevo non condividere in questo post la carta da parati quadrettata Saori. I quadretti, oltre alle tinte presenti nella moodboard, sono la diventati la mia nuova ossessione. Trovo questa grafica “imprecisa” molto allegra e giocosa. Non so ancora dove poterlo inserire, ma lo terrò presente per i progetti futuri della Casetta!


Infine, non potevano mancare due indispensabili nei toni del blu. Un cesto portatutto con manici in cotone e iuta, per riporre prodotti per la pulizia in bagno e una candela dai rimandi esotici per andare lontano senza uscire di casa. 



Questi sono i miei preferiti della selezione “accessori” di Kave Home. Ho già a casa un sacco di prodotti provenienti da questo store, come i comodini, le sedie e alcuni vasi, che puoi trovare nella sezione SHOP MY HOME.

E tu, fai parte del team a colori o di quello neutral?



 

8 Gennaio 2021 / / ChiccaCasa

 Ormai è di rito: la domenica è il giorno in cui dedico tutta me stessa alla Casetta. 

Mi piace staccare la spina dalle attività della settimana passata, spostando cose, aggiungendo dettagli, realizzando diy o facendo shopping per il nostro posticino.

Questa domenica, nella mia to-do list c’era da spuntare la voce  “cambiare le stampe nella gallery wall del salotto al piano di sopra”.

Dunque, ne ho approfittato per testare la mia nuova stampante, che giaceva da mesi nell’armadio, ancora inscatolata.

Ebbene sì, le nuove stampe sono uscite fresche fresche, direttamente dalla stampante!

 Ho passato gran parte della mattinata a cercare dei free printables degni di nota, che fossero in grado di caratterizzare la parete alle spalle del divanone. Volevo qualcosa di speciale, non una classica foto prodotta in serie.

La mia ricerca ha portato numerosi frutti! Sono riuscita a sostituire ben due delle stampe in salotto e ad aggiungerne un paio in bagno ed in camera.

Di seguito trovi una serie di siti da cui puoi scaricare immagini gratuite da stampare e da utilizzare come posters per le tue pareti.

 NYPL Digital Collections. Un tuffo nella libreria pubblica di New York, con vecchie copertine di magazines, stampe di pattern vintage, schizzi fatti a mano di abiti anni ’60, illustrazioni botaniche e tanto altro. Le immagini, di dominio pubblico, possono essere scaricate e stampate.

Pexels. Include fotografie, video e qualche illustrazione. I miei preferiti qui sono i pattern fotografici. Pexels mette inoltre a disposizione un sacco di foto stupende di paesaggi e soggetti naturali. Qui i creators hanno un loro profilo da cui puoi spulciare i loro portfolio. Puoi ringraziarli del loro lavoro seguendoli o sostenendoli con una donazione.

Gratisography. Una serie di foto divise per categoria. Adoro la sezione “urban”, per quanto questa sia lontana dai miei interessi, di norma. Contiene scatti deliziosamente desaturati e ricchi di dettagli architettonico interessanti. 

Il mio preferito, nonchè mia nuova ossessione è il primo. Puoi trovarci davvero dei pezzi incredibilmente unici! Io ho scaricato le copertine di vecchie riviste, un ritratto di donna, una stampa di arte giapponese e delle stampe botaniche enciclopediche.

Ho rinnovato, quindi, una parte della mia gallery (le vecchie stampe erano state riadattate a questa zona della casa, quindi non mi piacevano lì…).

Ho stampato su dei semplici fogli A4, impostando la stampa su “verticale” (puoi impostarla su “orizzontale” se la tua immagine ha un portamento orizzontale).

Per incorniciarle per bene e riadattarle alle mie cornici, ho pensato di costruire dei pass partout.

Qui di seguito trovi un reel in cui ti spiego come puoi farlo anche tu!

Per adattare il foglio A4 alla cornice 40×50, invece, ho costruito un passpartout più grande rispetto alla stampa e riempito lo spazio in eccesso con un foglio di carta mooolto vintage (era la base di un vecchio quadro). Ho quindi centrato la stampa fissandola con un pezzetto di scotch.

Puoi usare la stessa tecnica sostituendo la carta vintage con un campione di carta da parati o un cartoncino della tinta che preferisci, meglio se in accordo con i colori della tua stampa.

Per non lasciarti a bocca asciutta, e anche per non contagiarti con la mia nuova dipendenza, ho selezionato per te le mie stampe preferite!

Per averle ti basterà seguire le istruzioni sotto questo post di Instagram.

6 Dicembre 2020 / / ChiccaCasa

Sentite anche voi uno scampanellìo?
Sarà mica Santa Claus che parte dal Polo con le sue renne?

Sì, il Natale si avvicina, e che voi siate elfi o grinch, ci sono delle cose imprescindibili a cui pensare.
Il menu di Natale è una di quelle. Io sono preoccupatissima per i miei esigui commensali, perchè quest’anno, per la prima volta, ai fornelli ci sarà proprio la sottoscritta. Solo al pensiero, mi sale un’ansia!

Per fare bella figura sto pensando di ripiegare su una cosa che mi riesce molto meglio: l’allestimento della casa!
Non vedo l’ora di mettere le mani su ghirlande profumate, festoni di fettine di arance e lucine intermittenti.

Ho già le idee molto chiare su dove andranno gli addobbi e quale sarà il main theme dello styling natalizio. 
C’è solo un “dettaglio” che non ho ancora pianificato: la tavola di Natale!
Ebbene sì, ho un evidente rifiuto psicologico per tutto ciò di inerente il cibo. Sarà che il lockdown ci ha già “saziati” con il profumo del pane appena sfornato e le torte ogni settimana?

Per fortuna, alla mise en place ci hanno già pensato Rebecca di Biancorosso Design e la designer e flower stylist Daria Massetani!


Queste due professioniste del settore “casa”, quest’anno hanno unito le forze per facilitarci i preparativi per il grande giorno. Hanno, dunque, pensato di inscatolare tutto il necessario per apparecchiare e decorare le nostre tavole di Natale!

Le “Christmas Box” sono disponibili in 3 varietà, per calzare a pennello con i modelli estetici di ogni casa italiana!
In particolare, le proposte acquistabili sono: traditional, glamour e – dulcis in fundo – scandinavian. 

Ma scendiamo nel dettaglio, aprendo, virtualmente, ognuna delle box per scoprirne il contenuto!

TRADITIONAL: una box per gli amanti del Natale tradizionale, quello colorato di rosso e verde bosco ed impreziosito da dettagli luccicanti. Questa box e composta da un runner in lino verde abbinato ad un set di tovaglioli in pendant, dei sottobicchieri circolari in massello di acacia, dei portacandele in vetro e dei portatovaglioli in metallo a forma di cuore. La parte floreale di questo set è tutta incentrata sugli elementi naturali più emblematici come pino, bacche rosse e pigne. Compresi nella box ci sono, infatti, una ghirlanda e dei segnaposti (con tanto di cartoncino su cui scrivere il nome del commensale!) con cui rendere davvero speciale la mise en place.


GLAMOUR: la versione “glamour” è quella che fa per te se non resisti al fascino dell’oro ed ami una tavola colorata ed elegante. Questa box, infatti, è composta dalla combo cromatica blu + gold per un risultato pieno ed appagante. La glamour box ha al suo interno tovaglioli e runner blu scuro in lino, portatovaglioli ad anello in ottone e sottobicchieri in metallo dorato. L’allestimento botanico è incredibilmente variegato, anche dal punto di vista olfattivo! La ghirlanda centrotavola ed i segnaposto, sono infatti costituiti da eucalipto, achillea, gypsophila e fiori di eryngium. 



SCANDINAVIAN: la scandinavian box, è quella più fresca e young di tutte, basata su una semplicità delicata ed essenziale che esalta l’aspetto naturale. La combinazione cromatica è neutra ed incorniciata dalla tinta neutra del runner e dei tovaglioli in misto lino. Nel set sono compresi dei portatovaglioli in ecopelle con inserto dorato, dei portacandela cilindrici effetto corteccia e dei sottobicchieri in marmo con disegno geometrico. La ghirlanda ed i segnaposto sono contraddistinti da elementi di spicco  che rompono la base green: si tratta di soffici “fiori” di cotone e di aromatiche fettine di arancia essiccata.

In ogni box, tralaltro, sono presenti le istruzioni per apparecchiare la tavola come un vero esperto di bon ton! 

Inutile star qui a precisare quale sia la mia variante preferita, perchè probabilmente lo avrai già capito! 😉

Ognuna delle box, quindi, incarna uno stile ben preciso, che però ha il vantaggio di non essere standardizzato, in quanto ognuno ha la facoltà di personalizzarlo con textures e colori differenti, sfruttando i le stoviglie e le posate a sua disposizione. Non rischieremo, quindi, di pubblicare sui nostri social, i flatlays di tavole-cloni, ma ci assicureremo senz’altro di fare le cose in grande stile.

Se da una parte il Natale a venire sarà un po’ anomalo per via delle restrizioni Covid, dall’altra, mai come quest’anno avremo la giustificata causa di dover sfruttare il potere consolatore della bellezza, circondandoci di cose assolutamente meravigliose!

Insomma, dopo un anno epico, non ce la meritiamo una tavola di Natale favolosa e di buon auspicio per il 2021?

Non c’è granchè da pensarci su, anche perchè ho qui tra le mani un codice sconto del 10% di cui omaggiarti! Puoi acquistare la tua box qui entro il 10 dicembre (così ti arriva in tempo per Natale!) pagandola il 10% in meno del suo costo utilizzando il mio codice 

CHICCABOX10
E tu, di che stile sei? Traditional, glamour oppure scandinavian?