1 Aprile 2020 / / Architettura

Zooco Estudio ha trasformato una ex stalla in una casa per le vacanze a Güemes, una piccola città a est di Santander, in Spagna.

Il progetto, che ha previsto la ristrutturazione e l’ampliamento dell’edificio esistente, riproduce fedelmente il metodo di costruzione locale, semplice e senza pretese, composto da muri in pietra che sostengono un tetto a due falde con struttura in legno e tegole.

La natura di questo intervento architettonico si basa sul rispetto assoluto verso ciò che già esiste: dall’utilizzo di materiali tradizionali alla disposizione spaziale creata all’interno della casa. Ecco perché gli ambienti principali della casa si sviluppano nel grande spazio centrale che include la ex stalla. Cucina, sala da pranzo, camino, soggiorno, ufficio e libreria si sviluppano in sequenza, ognuna con le proprie caratteristiche funzionali. Solo la camera da letto principale, nascosta dietro una libreria, è separata dallo spazio generale. La casa dispone di una seconda camera da letto accessibile attraverso le scale esterne. Per rafforzare l’idea di un piano aperto, una funzione destinata all’archiviazione è integrata nel perimetro dello spazio, mantenendo più libero l’interno ed evidenziando il tradizionale tetto in legno.

Le uniche modifiche parziali all’architettura esistente sono quelle apportate alle facciate. Le aperture esistenti sulle facciate orientate verso est e verso ovest, sono state ampliate con l’idea di portare all’interno la natura e godere delle splendide viste verso le montagne della Cantabria. Le facciate rivolte a nord e a sud erano in pessime condizioni e sono state completamente aperte. Un’altra caratteristica interessante della casa è il suo sistema di privacy costituito da feritoie scorrevoli inserite sulla facciata esposta a sud, che permette agli utenti di comunicare con l’esterno in piena libertà.

L’ampliamento dell’edificio è stato progettato da una prospettiva più razionale, erede di uno stile classico moderno. La sua forma a L e la sua posizione sul sito – quasi a contatto con l’edificio esistente, ma senza toccarlo – hanno facilitato la creazione di uno spazio aperto tra gli edifici dove si trova la piscina. Il nuovo volume comprende alloggi per gli ospiti, una sala riunioni, una sauna e una zona del portico accanto alla piscina.

L’utilizzo di materiali come legno locale, pietre della zona, facciate bianche e piastrelle, determinano l’estetica dell’edificio. La struttura in cemento e metallo offre un contrappunto contemporaneo a questo eccezionale esempio di architettura tradizionale cantabrica.

Architetto: Zooco Estudio

Fotografo: Imagen Subliminal

L'articolo Una ex stalla trasformata in casa vacanze proviene da Dettagli Home Decor.

1 Aprile 2020 / / Dettagli Home Decor

terrazza sul tetto arredata

Viaggio nell’essenza delle nuove collezioni 2020 di Unopiù pensate per gli esterni: grandi e piccoli giardini, terrazze di abitazioni così come dehors di ville immerse nel verde o vista lago, affacci in riva al mare.

Da marzo a ottobre, quando piante e fiori danno il meglio di sé e le giornate sono più calde, anche Unopiù trova il suo palcoscenico privilegiato e contribuisce con le sue collezioni a dare uno stile unico alla vita all’aria aperta, che si tratti di relax, convivialità, gioco, riflessione o solo contemplazione della bellezza che ci circonda.

Sedersi all’ombra per godere di una bella giornata o rigenerarsi alla luce del sole primaverile, ammirare un cielo stellato o gioire di una cena in giardino, per Unopiù disegnare e progettare significano interpretare le molteplici possibilità del vivere all’aperto, rappresentandone le diverse anime stilistiche e l’evoluzione delle abitudini attraverso sempre nuove collezioni, che coniugano stile, passione e ricerca.

Per scoprire insieme le SEI NUOVE LINEE DI ARREDI 2020 di Unopiù abbiamo pensato a un percorso che si snoda attraverso SEI PAROLE CHIAVE, concetti allargati che si possono applicare alla maggior parte delle proposte dell’azienda.

ATTUALITA’

Unopiù cerca di interpretare i cambiamenti. In linea con i trend attuali che vedono la nascita di mobili outdoor con soluzioni tecniche e stilistiche sempre molto vicine al mondo dell’indoor, Unopiù propone la linea Deauville in nuove colorazioni. Una collezione di sedute lounge componibili, versatile ed elegante, firmata da Meneghello Paolelli Associati, che consente di creare molteplici composizioni d’arredo.

DUREVOLEZZA

Le collezioni a firma Unopiù sono pensate per durare nel tempo. La nuova e completa linea Pevero esalta tutta le qualità del teak grazie ad un design pulito ed essenziale, che ne valorizza la lavorazione a sezione circolare. Dai divani alle poltrone, passando per varie tipologie di tavoli, sedie, poltroncine, lettino e una grande isola circolare, Pevero si distingue per le linee morbide, sinuose ed eleganti, che garantiscono il massimo comfort.

COMPLETEZZA

Unopiù si distingue per la produzione di collezioni che si caratterizzano per la completezza. Quadra è una linea dal design pulito e lineare, composta da molteplici arredi, dall’inedita cuccia/lettino per gli animali domestici, a divano, sedie, poltrone, tavolo basso e lettini. Originali pannelli removibili, a forma di cornice, in allumino grey e corda, sono personalizzabili on demand attraverso la scelta di quest’ultimo materiale nei diversi colori salmone, blu, celeste, grigio o beige.

BELLEZZA

La ricerca della bellezza, attraverso il design e la qualità dei materiali, è centrale nello sviluppo dei prodotti Unopiù. Ne è un esempio la nuova ed elegante collezione C’est la vie, disegnata da Michele Bönan. Di ispirazione classica e sofisticata, C’est la vie vede l’utilizzo di una nuova tipologia di legno, il mogano lucidato, un materiale pregiato e inedito per il mondo dell’outdoor, che richiama le finiture delle navi antiche e la vita in mare aperto.

DESIGN

Unopiù si avvale della collaborazione di noti designer così come di un reparto interno di sviluppo di nuovi prodotti. La nuova collezione TLine, in alluminio bianco o grafite, porta la firma Adam D. Tihany, Tihany Product Design. TLine si ispira ai motivi del ricamo e della tessitura tradizionale, fondendoli con la struttura materica tipicamente industriale dell’alluminio. Ne risulta un design sofisticato, nato dall’incontro tra passato e futuro.

INNOVAZIONE

Saper reinterpretare la tradizione innovando fa parte dell’anima di Unopiù. La collezione Camargue richiama la tradizione e la rivisita alla luce dei nostri giorni. Le sedute Camargue vengono proposte nel 2020 con materiali innovativi, studiati per un uso outdoor: una nuova corda poliolefinica più solida e di forma piatta che viene intrecciata a mano dagli artigiani Unopiù intorno alla struttura delle sedute in ferro zincato per conferirgli il massimo comfort.

Le nuove collezioni saranno tutte disponibili sui siti E-COMMERCE (www.unopiu.it) di Unopiù entro l’estate.

L'articolo Una stanza all’aria aperta proviene da Dettagli Home Decor.

31 Marzo 2020 / / Dettagli Home Decor

In una residenza storica, sulle colline di Fiesole, Abimis con Ego trasforma l’ambiente cucina in un accogliente rifugio.

A Fiesole, in una delle più suggestive località a due passi da Firenze, con vista panoramica sulle colline, sorge una splendida villa storica, che nei materiali e nell’architettura richiama la tradizione tipicamente toscana. Sviluppata su più livelli, la villa è circondata da muretti ed elementi in pietra che si susseguono poi all’interno dei diversi spazi.

L’affascinante residenza, un tempo appartenuta a un noto pittore fiorentino, è perfettamente integrata nel contesto naturale che la accoglie e si distingue, oltre che per la posizione privilegiata, per l’immagine ricercata e contemporanea dei suoi ambienti, che creano un piacevole contrasto con la struttura esterna.

Nelle diverse stanze si respira un’atmosfera raffinata e rilassante, dove tutto è pensato per vivere nel massimo del comfort. In questo contesto storico Abimis è protagonista con Ego

L’iconica cucina è stata qui progettata completa di pensili superiori che integrano la cappa e altri elementi funzionali. Inoltre, è stata integrata con colonne di stoccaggio con ripiani rinforzati ed estraibili, perfetti per ospitare gli strumenti di ‘lavoro’ più pesanti. Insieme ai pratici piani di lavoro che si alternano tra le zone di cottura e lavaggio, il nuovo ‘concept’ di Ego è pensato per sfruttare sapientemente l’intero spazio e rendere ancora più efficiente la zona ‘operativa’.

Interamente prodotta con acciaio AISI 304, Ego rivela ancora una volta la sua anima puramente sartoriale: la particolare forma trapezoidale dell’ambiente ha reso, infatti, necessario adattare la cucina alle specifiche esigenze del progetto e renderla, così, perfettamente proporzionata allo spazio.

Le caratteristiche ante raggiate a filo battente e completamente integrate nella struttura di Ego, sono qui abbinate ad ampie maniglie con angoli smussati realizzate in un’elegante finitura ottone, ideali per assicurare la massima ergonomia.

Con Ego la cucina si trasforma, così, in un accogliente ‘rifugio’ per rendere straordinaria l’esperienza del cucinare, e conferma quel valore di attenzione al dettaglio che caratterizza l’intera residenza, rispondendo alle esigenze di comfort, praticità ed estetica richieste dall’ambiente cucina.

PHOTO CREDITS: MATTEO CIRENEI

 

 

 

L'articolo La cucina Ego di Abimis protagonista di una villa storica proviene da Dettagli Home Decor.

31 Marzo 2020 / / Dettagli Home Decor

Bricolage e fa-da-te sono diventati un passatempo sempre più gettonati dagli italiani nel tempo libero.  Stare a casa in quarantena rappresenta una vera opportunità per dare libero sfogo alla propria creatività: occorre un po’ di tempo e pazienza, ma alla fine il risultato sarà davvero eccellente. Creiamo dei manufatti originali e creativi come i tavoli in resina epossidica e di qualsiasi altro materiale. Per questo in questa guida scopriamo quali sono le istruzioni per un tavolo in resina epossidica di resin-expert.com.

Tavolo resina epossidica: scelta del legno

Un tavolo in resina epossidica è una piccola opera d’arte che combina il lusso con la modernità: si tratta di un elemento d’arredo prezioso che si inserisce nei salotti delle case e villette in stile rustico, moderno e country-contemporaneo.

La grande popolarità di Epoxy River Tables è legata alla possibilità di dare libero sfogo alla creatività nel realizzare tavoli dal design minimal e dalle tinte neutre agli elementi d’arredo dalle tinte eccentriche e trendy.

Nel realizzare un tavolo in resina epossidica è fondamentale scegliere attentamente il legno giusto ed optare per un ottimo materiale di qualità. Questo è un buon punto di inizio per creare una vera e propria opera d’arte di grande valore aggiunto.

Il legno utilizzato deve essere il più naturale possibile: per l’approvvigionamento è bene rivolgersi ad un rivenditore di legname o ad una falegnameria o ad uno store di bricolage. L’importante che il pezzo di legno sia ben essiccato, ciò consente una lavorazione migliore e di ottima manifattura.

Tavolo in resina epossidica: preparazione della tavola

Per procedere alla preparazione del tavolo in resina epossidica è necessario utilizzare una sega circolare e una pialla per produrre la lunghezza e lo spessore giusti e dividere il legno al centro.

Attenzione alle condizioni di lavoro

Durante la realizzazione del tavolo in resina epossidica è necessario tenere in debita considerazione del fatto che questo è un materiale molto sensibile. Pertanto, temperature molto elevate, freddo o umidità possono avere un effetto negativo sulle performances e sul timing di essicazione dell’elemento realizzato. La temperatura ideale per la lavorazione della resina epossidica è di 20°C. Un buon consiglio è quello di conservare la resina epossidica su un banco da lavoro o su uno scaffale.

Tavolo in resina epossidica: istruzioni e steps

Ecco gli steps da seguire per creare un tavolo in resina epossidica:

  • Rimozione della corteccia e levigatura del legno. Per una levigatura perfetta è fondamentale utilizzare un’aspirapolvere che consente di eliminare tutti i residui. Anche un panno in microfibra permette di togliere tutti i granelli di polvere di levigatura fine.
  • Riempire le crepe, le zone porose e sigillare il legno. È possibile riempire inoltre, è possibile sigillare i bordi in anticipo con un nastro adesivo molto resistente. Il sigillante deve poi asciugare molto bene. Per questo è necessario attendere circa 5 ore.
  • Costruire uno stampo per il piano del tavolo, per questo è necessario utilizzare semplici pannelli in MDF con uno spessore di 16 mm. I pannelli laterali devono sporgere di circa 15 mm dal piano del tavolo e devono essere avvitati tra loro o uniti con colla a caldo. Si proceda poi a sigillare i bordi grazie al silicone sanitario trasparente.
  • Inserire il legno nello stampo, bisogna sempre tenere presente che qualsiasi oggetto utilizzato per fissare il legno potrebbe venire a contatto con la resina.
  • Miscelare la resina epossidica calcolando la quantità corretta di materiale adatto per il piano di lavoro epossidico. Si ricorda che le eventuali bolle d’aria, che si formano durante il processo di miscelazione della resina epossidica, possono essere facilmente rimosse con un bruciatore Bunsen o un essiccatore ad aria calda.
  • Colorazione della resina epossidica al fine ultimo di ottenere il popolare look ad acqua.
  • Produzione di un disegno con resina cristallina, oltre all’effetto acqua, ci sono diversi disegni che trasformano il tavolo fai da te in una vera e propria opera d’arte.
  • Rimozione dallo stampo ed allentare con cautela il piano del tavolo dallo stampo utilizzando uno scalpello e un martello di plastica. Successivamente, il piano del tavolo può essere rettificato con l’ausilio di una smerigliatrice eccentrica. Per lisciare i bordi è necessario utilizzare una fresatrice prima della levigatura o piallare con una sega circolare.
  • Finitura, lucidatura e oliatura del piano del tavolo. La finitura del tavolo consente di proteggere il legno, la lucidatura garantisce la rimozione di tutte le tracce di carteggiatura e applicazione dell’olio su tutto il piano del tavolo.
  • Fissare le gambe del tavolo: è possibile optare per il legno o per il metallo.

 

L'articolo Tavolo in resina epossidica di resin-expert.com: istruzioni proviene da Dettagli Home Decor.

30 Marzo 2020 / / Dettagli Home Decor

Rappresentazioni di famose opere d’arte, fotografie, creatività contemporanea e molto altro, questa è la proposta di Posterlounge che ci aiuta a dire addio a pareti tristi e troppo anonime.

Dal 2003 Posterlounge lascia spazio alla creatività di tutti rendendo possibile in modo semplice e al 100% personalizzata la decorazione degli ambienti.

Il suo negozio online di tele, stampe e poster si è ampliato negli anni per essere elastico di fronte alle richieste del pubblico in continua crescita, e che vuole colorare o semplicemente segnare con la propria firma artistica le pareti di casa.

Avevamo già incontrato Posterlounge tempo fa e abbiamo avuto occasione di toccare con mano I suoi prodotti direttamente a casa nostra. Ecco a voi la nuova idea del brand.

I nuovi materiali di Posterlounge: il plexi-alluminio

Il bagno, si sa, è diventato un ambiente da vivere, come il soggiorno, e deve garantire tutti i confort, sia funzionali sia estetici. E non solo per i fashion blogger bensì anche per  tutti noi comuni mortali.

Posterlounge risponde a tal proposito con il plexi-alluminio, la nuova tendenza per la produzione grafica. È una lavorazione elegante perchè unisce la brillantezza della lastra di vetro superficiale e vanta una maggiore resistenza data dal pannello di supporto in alluminio. Un risultato pregiato che da la possibilità di ampliare il potenziale estetico delle rappresentazioni con il bagno.

Il bagno si inserisce così nel gruppo degli ambienti in cui un quadro può resistere senza problemi che potevano essere causati dall’umidità e da schizzi di prodotti detergenti.

Uno scorcio di Paris in bagno

Abbiamo scelto uno scorcio a noi molto caro, un ritaglio della città dell’amore per il nostro bagno, che è stato appoggiato vicino allo spazio trucco, proprio a fianco del lavabo. Il pezzo Paris in plexi-alluminio di Posterlounge è la dimostrazione della qualità del prodotto dell’azieda tedesca.

Prima di tutto si tratta di un pezzo di dimensioni medio / grandi che ricrea un effetto da piccola carta da parati, oggi di gran tendenza, all’interno di uno spazio dove si cerca la tranquillità dalla vita frenetica di tutti I giorni e magari si ritrova anche un po’ se stessi.

Le colorazioni riprendono le ultime tendenze della moda delle sfumature di grigio che nel nostro bagno si ritrova perfettamente con la scelta della biancheria che declina poi sul nero.

E poi che dire? Se si vuole cambiare, basta spostare la stampa in un’altra stanza e scegliere uno sfondo nuovo per il nostro make-up! Sempre su Posterlounge!

Articolo e foto di Silvia Fabris

L'articolo Addio pareti spoglie, arriva Posterlounge proviene da Dettagli Home Decor.

30 Marzo 2020 / / Architettura

Atelierzero in partnership con l’architetto Tommaso Giunchi, ha portato a termine una nuova sfida. Si tratta della riconversione di un vecchio ufficio di Milano trasformato oggi in una residenza vintage di 140 mq con una forte personalità.

Ma andiamo con ordine: l’ufficio si è prestato per conformazione alla realizzazione di un nuovo spazio abitativo aperto, un nuovo open space insomma, dove la luce raggiunge ogni angolo della casa e dove tutto ruota attorno ad una grande scala centrale. Il volume perfettamente geometrico in legno unisce e separa zona giorno e zona notte.

Un altro elemento caratterizzate è la quinta scenica nonché una completa parete attrezzata su misura che attraversa in lunghezza soggiorno e cucina con capienza a supporto di entrambi i locali. Una parete a scomparsa in vetro e metallo, versione industrial, divide all’occorrenza la stessa cucina in caso di necessità.

La scelta stilistica è però arricchita e ben delineata anche dalla scelta degli arredi e dei materiali: lo spazio risulta caldo ed accogliente, anche intimo se vogliamo, grazie alla presenza del legno che oltre a rivestire il volume della scala si ripresenta negli arredi piccoli e grandi; le lastre di ceppo di grè a pavimento riportano in vita i ricordi di una vecchia Milano per non abbandonare mai le radici e per mantenere un legame con il passato della residenza; infine i clienti hanno optato per dettagli cromatici di carattere che vanno ad arricchire anche gli ambienti più piccoli come tocchi di verde e giallo nei bagni e in cucina.

Progetto: Atelierzero e Tommaso Giunchi / Fotografia: Simone Furiosi

Articolo di Silvia Fabris

L'articolo Da ufficio a open space, il progetto di Atelierzero e Tommaso Giunchi proviene da Dettagli Home Decor.

28 Marzo 2020 / / Architettura

Carlo Ratti Associati con Italo Rota, in collaborazione con un team internazionale di esperti, ha sviluppato il progetto CURA trasformando dei container in nuove unità di terapia intensiva.

Mentre prosegue la pandemia di COVID-19, un gruppo internazionale di designer, ingegneri, medici ed esperti militari ha unito le proprie forze per lavorare a CURA: un progetto open-source per rendere più efficiente la costruzione di nuove unità di terapia intensiva. Il primo prototipo del sistema CURA (acronimo per “Connected Units for Respiratory Ailments”, ovvero “Unità connesse per le malattie respiratorie”) è in corso di sviluppo a Milano, grazie al sostegno di UniCredit. Il progetto utilizza container riconvertiti per creare stanze di biocontenimento trasportabili in qualsiasi città del mondo, così da rispondere con prontezza alla propagazione della malattia e alla carenza di postazioni nelle terapie intensive degli ospedali.

CURA consiste in una unità compatta di terapia intensiva per pazienti con malattie respiratorie, alloggiata all’interno di un container intermodale a biocontenimento (grazie a un sistema a pressione negativa), della lunghezza di circa 6 metri. Ogni unità funziona in autonomia e può essere spedita ovunque. I container sono connessi da una struttura gonfiabile e possono generare configurazioni modulari multiple (da 4 a oltre 40 posti letto). Alcune unità potrebbero essere posizionate in prossimità di un ospedale (ad esempio in un parcheggio) per aumentare il numero di postazioni di terapia intensiva. Altre unità potrebbero essere utilizzate per creare infrastrutture autonome di dimensioni variabili.

CURA punta a migliorare l’efficienza delle attuali soluzioni per la progettazione di ospedali da campo, adattandole ai bisogni della pandemia da coronavirus. Nelle ultime settimane, di fronte alla crescita del numero di pazienti con gravi sindromi respiratorie, spesso con bisogno di ventilatori polmonari, molti ospedali nei paesi più colpiti dal COVID-19, dalla Cina all’Italia, dalla Spagna agli Stati Uniti, si sono trovati in difficoltà ad accrescere il numero delle postazioni in terapia intensiva. Comunque si evolva la pandemia nei prossimi mesi, si prevede che a livello internazionale sarà necessario un numero aggiuntivo di unità di terapia intensiva.

Il sistema CURA punta a essere rapido da installare come una tenda ospedaliera, ma sicuro per le attività mediche come un reparto di isolamento di un ospedale, grazie a dispositivi di biocontenimento. Il progetto segue le linee guida rilasciate dalle autorità cinesi per la lotta al COVID-19 negli ospedali, al contempo rendendone più veloce l’esecuzione. Ogni container CURA sarà dotato di tutte le strumentazioni mediche necessarie per accogliere due pazienti affetti da coronavirus in terapia intensiva, inclusi ventilatori polmonari e supporti per fluidi endovenosi.

Il progetto CURA è sviluppato senza scopo di lucro e secondo una modalità open-source, e invita ad ulteriori contributi e suggerimenti

Di seguito la lista di coloro che hanno contribuito fino ad oggi, in ordine cronologico:

CRA-Carlo Ratti Associati con Italo Rota (Design e innovazione), Istituto Clinico Humanitas (Ingegneria medica), Policlinico di Milano (Consulenza medica), Jacobs (Alberto Riva – Master Planning, design, costruzione e servizi di supporto logistico), studio FM milano (Identità visiva & graphic design), Squint/opera (Digital media), Alex Neame – Team Rubicon UK (Logistica), Ivan Pavanello per Projema (Ingegneria MEP), Dr. Maurizio Lanfranco – Ospedale Cottolengo (Consulenza medica).

CURA è supportato dal World Economic Forum, attraverso le piattaforme COVID-19 e Cities, Infrastructure and Urban Services.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.CURApods.org

L'articolo CURA: il progetto open-source per creare ospedali d’emergenza contro COVID-19 proviene da Dettagli Home Decor.

27 Marzo 2020 / / Design

Con la stampa 3D la startup bresciana Isinnova salva la vita a centinaia di persone

Il primo passo è stato quello di stampare in 3D 100 valvole per respiratori, ora prendono le maschere da sub in vendita da Decathlon, lavorano sul boccaglio, stampano in 3D alcuni pezzi e le trasformano in maschere respiratorie d’emergenza. In questo modo Isinnova salva moltissime persone contagiate da Covid-19 affette da gravi problemi respiratori.

 “E’ nei momenti di crisi che sorge l’inventiva”, diceva Albert Einstein. E questo Isinnova lo sa molto bene! Una realtà, quella fondata da Cristian Fracassi e Alvise Mori nel 2015, che in soli cinque anni dalla sua nascita ha già offerto i suoi servizi ad oltre 350 inventori, realizzando 80 progetti.

Ecco i dettagli del progetto raccontato da Isinnova

Nei giorni scorsi siamo stati contattati da un ex primario dell’Ospedale di Gardone Valtrompia, il Dott. Renato Favero, che è venuto a conoscenza di Isinnova tramite un medico dell’Ospedale di Chiari, struttura per la quale stavamo realizzando con stampa 3d le valvole d’emergenza per respiratori. Il Dottor Favero ha condiviso con noi un’idea per far fronte alla possibile penuria di maschere C-PAP ospedaliere per terapia sub-intensiva, che sta emergendo come concreata problematica legata alla diffusione del Covid-19: si tratta della costruzione di una maschera respiratoria d’emergenza riadattando una maschera da snorkeling già in commercio.

Abbiamo analizzato la proposta assieme all’inventore (il Dott. Favero). Abbiamo contattato in breve tempo Decathlon, in quanto ideatore, produttore e distributore della maschera Easybreath da snorkeling. L’azienda si è resa immediatamente disponibile a collaborare fornendo il disegno CAD della maschera che avevamo individuato. Il prodotto è stato smontato, studiato e sono state valutate le modifiche da fare. È stato poi disegnato il nuovo componente per il raccordo al respiratore, che abbiamo chiamato valvola Charlotte, e che abbiamo stampato in breve tempo tramite stampa 3d. Il prototipo nel suo insieme è stato testato su un nostro collega direttamente all’Ospedale di Chiari, agganciandolo al corpo del respiratore, e si è dimostrato correttamente funzionante. L’ospedale stesso è rimasto entusiasta dell’idea e ha deciso di provare il dispositivo su un paziente in stato di necessità. Il collaudo è andato a buon fine.

Ribadiamo che l’idea si rivolge a strutture sanitarie e vuole aiutare a realizzare un maschera d’emergenza nel caso di una conclamata situazione di difficoltà nel reperimento di fornitura sanitaria ufficiale, solitamente impiegata. Né la maschera né il raccordo valvolare sono certificati e il loro impiego è subordinato a una situazione di cogente necessità. L’uso da parte del paziente è subordinato all’accettazione dell’utilizzo di un dispositivo biomedicale non certificato, tramite dichiarazione firmata.

Stante la bontà del progetto, abbiamo deciso di brevettare in urgenza la valvola di raccordo, per impedire eventuali speculazioni sul prezzo del componente. Chiariamo che il brevetto rimarrà ad uso libero perché è nostra intenzione che tutti gli ospedali in stato di necessità possano usufruirne.”

Isinnova ha deciso di condividere liberamente il file per la realizzazione del raccordo in stampa 3d. A differenza della valvola dei respiratori, si tratta di un raccordo di facile realizzazione, quindi è possibile per tutti makers provare a stamparlo. Le strutture sanitarie in difficoltà potranno acquistare la maschera Decathlon e accordarsi con stampatori 3d che realizzino il pezzo e possano fornirlo.

Non resta che dire GRAZIE a tutto il team di Isinnova!

Per informazioni e contatti www.isinnova.it

L'articolo Isinnova trasforma le maschere da sub in respiratori ospedalieri proviene da Dettagli Home Decor.

27 Marzo 2020 / / Dettagli Home Decor

Le nuove tecnologie sono ormai talmente diffuse che hanno fatto il loro pieno ingresso nelle nostre case. Pensiamo agli smartphone e alle tivù digitali, ma anche agli elettrodomestici, alle lampadine, ai termostati e persino ai rubinetti intelligenti che oggi sono stati sdoganati. Infatti, questi accessori non costano poi così tanto, ma sono diventati alla portata di tutti. Grazie ad essi la casa diventa non solo più confortevole ma anche più sostenibile: vediamo quali sono 5 modi in cui la tecnologia può dare una grossa mano all’ambiente.

Elettrodomestici smart

Ormai tutti gli elettrodomestici di ultima generazione sono dotati di un sofisticato sistema di controllo che è in grado, in maniera autonoma, di governare cicli di lavorazione e funzioni. Un’apparecchiatura capace di modificarne l’attività, in base ad alcuni parametri rilevati autonomamente. Si tratta in pratica di una serie di sensori, collegati a dei sistemi di controllo, in grado anche di decidere come impostare la centralina elettronica. E così la lavatrice si regola in funzione del peso della biancheria, il forno gestisce da sé tempi e temperature in base alla pietanza, e lo scaldabagno si accende in dipendenza della frequenza con cui viene usato. Inoltre, i nuovi elettrodomestici sono anche a basso consumo e permettono così di ridurre gli sprechi, abbassando di conseguenza anche i costi.

Materiali green per la casa

Ma se la tecnologia aiuta a gestire la casa e a risparmiare, scegliere dei materiali di ultima generazionerispettosi dell’ambiente è altrettanto importante. Quindi anche la scelta dei mobili dovrà essere orientata in questa direzione e vanno preferiti quelli realizzati con materiali ecosostenibili. Gli arredi in legno, ad esempio, per quanto classici sono ottimi e vengono prodotti in maniera sempre più responsabile e attenta al fenomeno del rimboschimento. Per non parlare dell’arredo con il vetro che risulta perfetto trattandosi di materiale totalmente riciclabile e realizzato con tecniche innovative. E c’è anche chi per costruire adopera il cartone pressato, che è un’ottima maniera di riciclare la carta, oppure altri materiali riciclati come ad esempio i pallet, che ora sono di gran moda.

Illuminazione intelligente

Ovviamente non può mancare in una casa moderna l’illuminazione che, grazie a dei sensori, si accende quando riconosce la presenza di persone nella stanza e si spegne appena si svuota, consentendo di ridurre notevolmente lo spreco di energia elettrica. Si tratta di un ottimo modo per ottimizzare i consumi elettrici e risparmiare, ma non è l’unico. Abbiamo già parlato degli elettrodomestici di categoria superiore che permettono un grande risparmio, mentre un’altra soluzione consiste nell’attivare offerte per la luce e il gas con gestori tipo Acea, che propongono soluzioni vantaggiose a seconda delle esigenze. Se sommati tra loro, questi sistemi possono fare davvero la differenza. Per risparmiare ulteriormente si può anche pensare di gestire l’illuminazione a distanza, montando una serie di dispositivi in grado di dialogare con lo smartphone tramite la rete, con un app gestionale capace di regolarle in funzione della luce esterna.

Controllo della temperatura

Anche la temperatura di casa può essere automatizzata tramite un termostato intelligente, capace di regolare l’impianto in funzione del calore di ogni stanza. Ma si può ottenere molto di più variando i parametri tramite una app, scaricabile sul cellulare, capace di regolare la luce e le altre risorse domestiche anche in funzione degli orari di rientro a casa.

Riduzione degli sprechi di acqua

Infine, si può risparmiare e rispettare l’ambiente riducendo il consumo dell’acqua, anche grazie agli elettrodomestici intelligenti, capaci di dimensionarne la quantità in base al carico e ai programmi. Ma la tecnologia interviene anche sui rubinetti green, sia con i frangigetto e i riduttori di flusso, che i miscelatori termostatici che regolano la temperatura dell’acqua calda mentre esce dai rubinetti.

 

L'articolo Come rendere la casa più green e tecnologica in 5 mosse proviene da Dettagli Home Decor.

27 Marzo 2020 / / Design

Saper stupire con prodotti esclusivi di straordinaria eleganza e ricercatezza è da sempre nel DNA di Ritmonio che arricchisce la propria offerta di rubinetteria con nuove suggestive finiture di design, ricercate e senza tempo.

La ricerca stilistica dell’Azienda – sinonimo di eccellenza del design made in Italy nel mondo –  e l’attenzione alle esigenze di un mercato dell’home decor sempre più internazionale, l’hanno portata a varcare nuovi orizzonti e a proporre interpretazioni inedite dello spazio bath & shower.

Una storia di “straordinaria” bellezza, che riflette l’evoluzione del bagno all’interno delle abitazioni – in passato inteso come uno spazio esclusivamente di servizio – in un ambiente completo per il relax e il benessere tout court.

Ritmonio arricchirà la propria offerta con nuove finiture preziose e inedite, dal design ricercato e senza tempo. Se fino a pochi anni fa il classico ottone cromato era una scelta quasi scontata per i rubinetti, oggi il colore e la finitura definiscono l’ambiente bagno. La rubinetteria si abbina dunque alle scelte cromatiche dell’intero progetto d’interni e diventa elemento d’arredo coordinato, la cui scelta si rivela fondamentale per il risultato estetico finale.

La Finishes Selection di Ritmonio si compone, oltre alle finiture già presenti nella gamma attualmente disponibile, di sei nuove cromie: oro rosa lucido, spazzolato e satinato; bronzo scuro spazzolato; cromo nero satinato e champagne satinato. Sedici le finiture così disponibili, ottenute con lavorazioni speciali in impianti di nuova generazione a basso impatto ambientale e tecnologicamente all’avanguardia, che andranno a impreziosire le serie Glitter, Pois, Haptic, Taormina, Reverso e Diametro35, dando vita a innumerevoli configurazioni possibili.

Le “selezioni” Ritmonio sono pensate e progettate per dialogare con forme architettoniche, gusto personale ed esigenze funzionali, in una costante ricerca estetica e tecnologica. Questo ampliamento della gamma finiture rende l’Azienda un partner ancora più strategico per tutti coloro che desiderano un ambiente bagno fortemente distintivo e di carattere, dove il dettaglio diventa protagonista.

Per maggiori informazioni www.ritmonio.it

L'articolo Rubinetteria bagno: Ritmonio presenta 6 nuove finiture preziose e inedite proviene da Dettagli Home Decor.