15 Settembre 2020 / / Design

pareti di colore beige

Dulux UK ha decretato Brave Ground quale colore dell’anno 2021. Una tonalità naturale di beige che fornisce una solida base per il cambiamento e la creatività in casa

Dulux Color of the Year 2021: Brave Ground

Se ami i toni naturali apprezzerai il nuovo Dulux Color of the Year 2021, Brave Ground. Questa tonalità di beige ci collega alla natura e alle cose semplici della vita, aggiungendo calore agli interni. Brave Ground è un colore neutro e versatile, che si accosta perfettamente a marroni più scuri così come alle sfumature di beige chiaro e caramello.

Brave Ground cambia tonalità a seconda dell’ora del giorno e in base al suo utilizzo. “Quando si utilizza questo colore sulle pareti di casa, noteremo che di notte è piuttosto scuro e polveroso, mentre al mattino mostrerà accenni di rosa” spiega Marianne Shillingford, direttore creativo di Dulux UK.

Il colore dell’anno crea atmosfera e sensazioni. In genere, la previsione analizza le  tendenze sociali, culturali e del design di tutto il mondo, con esperti provenienti dai settori dell’architettura, del design e della tecnologia che si riuniscono presso l’AkzoNobel Global Aesthetic Center per definire il colore che rispecchia il momento.

pareti beige in camera da letto

Con la pandemia globale di coronavirus, il blocco è servito a sottolineare quanto sia diventato importante l’ambiente domestico in cui viviamo.

Continuiamo a vivere tempi incerti“, prosegue Marianne. “Nel 2021, i toni caldi e radicati di Brave Ground ci permetteranno di trovare certezza nella forza della terra sotto i nostri piedi, incoraggiandoci ad andare avanti e ricominciare a vivere nonostante la situazione che dobbiamo affrontare“.

Marianne conferma che il colore è stato scelto prima della pandemia di coronavirus e non è cambiato. “Nonostante COVID-19, il corso del nostro futuro è sempre lo stesso“, afferma “lo stato d’animo del momento è avere coraggio, il coraggio di cambiare“, conclude Marianne Shillingford.

www.dulux.co.uk

L’articolo Brave Ground è il colore 2021 scelto da Dulux proviene da Dettagli Home Decor.

15 Settembre 2020 / / Dettagli Home Decor

Yard Apartment by Qisi Design

Lo studio Qisi Design firma la ristrutturazione di una casa piccola sfruttando appieno le potenzialità dello spazio di soli 25 mq.

Qisi Design è stato incaricato di ristrutturare una casa piccola con cortile.  La casa si trova al piano terra di un edificio storico in Huaihai Road, a Shanghai.  Il nuovo proprietario desidera trasformare i soli 25 mq a disposizione, in una casa per affitti brevi. Qisi Design sviluppa il progetto, chiamato Yard Apartment, pensando a “come creare uno spazio caldo e confortevole che possa ospitare diverse attività in soli 25 metri quadrati“.

Prima di tutto, usa una tavolozza limitata di materiali e colori. In questo caso, impiallacciature in legno naturale, pareti bianche e divisori in vetro aiutano ad alleggerire lo spazio, mentre le pareti grigie del bagno open space lo rendono più accogliente.

Yard Apartment by Qisi DesignYard Apartment by Qisi DesignYard Apartment by Qisi Design

In secondo luogo, utilizza più livelli per creare separazione senza interrompere la continuità spaziale. La zona giorno incassata e la zona notte soppalcato sfruttano in modo intelligenti l’altezza generosa dei soffitti. In questo modo si può ricavare maggior spazio, dal guardaroba sotto le scale che portano al soppalco al divano in stile panca integrato nel soggiorno. La zona notte ospita anche un piccolo studio nascosto nell’angolo del soppalco, che offre una preziosa privacy in un ambiente open space. La zona bagno, completamente aperta al soggiorno, si sviluppa nello spazio sottostante il soppalco. Per avere privacy è sufficiente abbassare una tenda.

Yard Apartment by Qisi DesignYard Apartment by Qisi DesignYard Apartment by Qisi Design

In terzo luogo, massimizza l’uso dello spazio esterno. Questa casa piccola dispone di un cortile, ma purtroppo, facendo parte di un edificio storico, non si possono creare nuove aperture e tanto meno modificare le finestre esistenti per facilitare l’accesso. Per creare una connessione tra esterno e interno, gli architetti hanno abilmente allargato il davanzale esterno della finestra trasformandolo in un bar allo stesso livello del bancone posizionato al centro della cucina. Così facendo, quando la finestra della cucina viene spalancata, i due ambienti si collegano.

Yard Apartment by Qisi DesignYard Apartment by Qisi Design

Questa casa piccola è un ottimo esempio di come sia possibile ricavare ogni funzione anche in presenza di una superficie ridotta, grazie al design intelligente degli interni.

Con questo progetto, Qisi Design si è aggiudicato il premio Silver di A’Design Award 2020.

Fotografie di CL studio

 

L’articolo La casa piccola a Shanghai ristrutturata da Qisi Design proviene da Dettagli Home Decor.

14 Settembre 2020 / / Architettura

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

Là dove una goccia d’acqua inizia il suo lungo viaggio verso il mare, si aprono nuove prospettive: dalla nuova piattaforma sul ghiacciaio della Val Senales, lo sguardo si perde all’orizzonte e ogni pensiero scompare.

C’è qualcosa di sublime in questo luogo speciale sulla parte più alta della cresta del ghiacciaio della Val Senales, linea di confine tra Italia e Austria: da qui si gode una veduta spettacolare del paesaggio alpino, dal corso d’acqua fino alle pendici delle montagne. A rendere la posizione geografica di questo luogo così unica vi è poi un’altra peculiarità: è qui, infatti, che si decide se una goccia d’acqua dei ghiacci perenni intraprenderà il suo viaggio verso il Mar Nero o il Mar Mediterraneo.

piattaforma sul ghiacciaio della Val Senales

Conquistare la vetta

Proprio in corrispondenza dello straordinario punto in cui si incrociano i destini dei ghiacci, a 3.000 m di altitudine, troneggia l’Hotel Grawand, uno dei più alti d’Europa: ancora 50 metri e la vetta è conquistata. La vista strabiliante su un territorio così incantevole, ricco di cime innevate ugualmente ambite da escursionisti e sciatori, crea una sospensione del tempo e porta a immergersi completamente nella natura e in un panorama incontaminato, fatto di pendii scoscesi e rocciosi, vento e intemperie.

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

Come veri scalatori

Per offrire a villeggianti e turisti giornalieri non solo la salita mozzafiato alla stazione a monte, ma anche una narrazione della storia affascinante di questo luogo, noa* ha ideato un progetto straordinario: una piattaforma panoramica in acciaio corten che incorpora la preesistente croce di vetta e regala ai visitatori un’inedita esperienza di montagna. Appoggiata al terreno solo nei punti strettamente necessari, la struttura si staglia nel panorama come una costruzione sospesa, da cui abbracciare le montagne con lo sguardo e inebriarsi del profumo della libertà.

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

Un nuovo punto di vista

Caratterizzata da un’architettura di forma organica che rispecchia la topografia naturale del luogo, la piattaforma è realizzata con una pedana composta da griglie sorrette da travi sottili e circondata su tutto il perimetro da lastre verticali in acciaio corten. La disposizione degli elementi verticali, ad altezza del parapetto, segue il profilo leggermente arrotondato della struttura. L’effetto che ne deriva è magico: ruotando lo sguardo le immagini lasciano posto a nuove soggettive, invitando l’osservatore a scoprire prospettive sempre diverse. Questa dinamica stuzzica la curiosità e permette di vivere un’esperienza sensoriale che ferma il tempo per un istante e appaga più di qualunque altro souvenir.

piattaforma sul ghiaccio della Val Senales

Immagini che fissano il tempo

A proposito del tempo: nella forma ondulata è ricavata una feritoia dalle geometrie ben definite che indirizza lo sguardo verso l’affascinante luogo del ritrovamento di Ötzi. Da qui, a pochi metri dal confine austriaco, l’angolatura della feritoia conduce sapientemente verso un viaggio ideale alla scoperta dell’uomo dei ghiacci. Anche questo elemento è realizzato in acciaio corten e, come le lastre del parapetto, è esposto all’azione delle intemperie, che ne hanno modificato la colorazione da marrone scuro a grigio e infine a nero, facendolo diventare un tutt’uno con l’ambiente circostante. La pedana termina con un parapetto in vetro sospeso nel vuoto, un invito ad abbandonare tutti i pensieri e immergersi in un’esperienza adrenalinica.

progetto studio NOA*

immagini Alex Fiz

L’articolo Ötzi Peak 3251m: Magia ad alta quota proviene da Dettagli Home Decor.

14 Settembre 2020 / / Dettagli Home Decor

scrivania di design

Da Bonaldo, i complementi home office alleati del lavoro da casa 

Lo smart working è diventato una consuetudine, ma più tempo passiamo in casa e più ci rendiamo conto che disporre di un computer e di una connessione internet non è affatto sufficiente per affrontare al meglio questa nuova realtà.

I vantaggi del lavoro da casa sono diversi, ma è importante riuscire a conciliare lavoro e vita privata partendo proprio dall’organizzazione di uno spazio adeguato che garantisca il massimo benessere estetico e funzionale. All’interno della propria abitazione i mobili dovrebbero essere studiati per assicurare il massimo del comfort, senza dimenticare un pizzico di stile ed eleganza per rendere l’ambiente accogliente e produttivo. Ecco quindi che entra in gioco l’arredamento per home office: Bonaldo, azienda di design 100% Made in Italy, propone alcuni complementi della sua nuova collezione 2020 che possono diventare dei validi alleati per il lavoro da casa, come gli indispensabili scrittoi Gauss e Scriba e la funzionale libreria Roll.

scrittoio nel soggiorno
Scrittoio GAUSS, design Mauro Lipparini

Curve funzionali

Gauss è uno scrittoio dall’aspetto morbido e funzionale: il piano curvilineo è senza spigoli, così come le gambe che lo sorreggono, che si presentano come anelli metallici dagli angoli arrotondati. Il ripiano sopraelevato crea due livelli di sviluppo, il piano principale in legno e una funzionale mensola “sospesa” in ceramica. Questa particolarità lo rende perfetto per adattarsi alle esigenze lavorative. La struttura irregolare conferisce un aspetto giovane e disinvolto alla figura, mentre le venature in legno del piano generano dinamicità grafica.

arredo design per home office
Scrittoio SCRIBA, design Mauro Lipparini

Rigorosa essenzialità

Lo scrittoio Scriba è caratterizzato da segni rigorosi che richiamano alla memoria i tipici scrittoi del passato. L’uso del legno per la base e la finitura frontale delle gambe lo rende un prodotto raffinato e lineare, adatto agli ambienti contemporanei ma anche agli spazi più ricercati. Il tocco di eleganza in più: il dettaglio della mensola in cuoio, che si fonde con la struttura conferendo un senso di sobrietà ed esclusività al complemento.

libreria modulare stile industriale
Libreria ROLL, design Dondoli & Pocci

Presenza scenica

Roll è una libreria modulare concepita per arredare gli spazi con una presenza architettonica di memoria industriale. La possibilità di fissarla a soffitto, oltre che a parete, la rende un elemento di arredo installabile anche nel centro di una stanza: un insolito separé per dividere gli ambienti e ritagliarsi il perfetto spazio per lavorare. Il fissaggio avviene tramite montanti composti da tubi metallici in finitura piombo. Ripiani e dettagli sono disponibili nella stessa finitura dei montanti, oppure in finiture diverse per un gioco di contrasti della massima eleganza. La modularità della libreria Roll la rende adatta per ogni dimensione di parete della casa o dell’ambiente ufficio.

Per maggiori informazioni www.bonaldo.com

L’articolo Il design incontra lo smart working proviene da Dettagli Home Decor.

11 Settembre 2020 / / Architettura

pavimento sopraelevato radiante

Non necessita di massetto cementizio, è totalmente ispezionabile e agevola il risparmio energetico: ecco le caratteristiche del nuovo pavimento sopraelevato radiante Diffuse di Nesite.

Distribuzione uniforme della climatizzazione e funzionamento a basse temperature sono alcuni dei vantaggi che hanno fatto dell’irradiamento a pavimento una soluzione apprezzata in contesti residenziali e collettivi. A questi vantaggi si aggiungono inoltre quelli offerti dalle soluzioni sopraelevate, che oltre a consentire una rapidità d’installazione, grazie alla posa a secco, offrono prestazioni termiche superiori, non richiedono lavori di muratura e massetti cementizi e risultano completamente ispezionabili.

Il sistema brevettato Diffuse di Nesite è composto dai tradizionali supporti di colonnine e traversi in acciaio galvanizzato e da una superficie orizzontale realizzata con un sandwich isolante di polistirene espanso, al quale viene accoppiata una lamina in alluminio sagomata per consentire la perfetta aderenza di un tubo. Qui scorre acqua (calda o fredda) che, diffondendosi attraverso l’alluminio, consente di riscaldare o raffrescare l’ambiente in modo uniforme, fino a 2,5 m di altezza. Sulla struttura vengono poi installati a secco pannelli in materiali inerti ad alta conduttività che vengono completati con piastrelle in ceramica, pietre naturali, moquette, linoleum, legni e materiali di nuova generazione, senza limiti creativi. Grazie alla scelta dei suoi materiali e alla sua speciale composizione Diffuse assicura un’inerzia termica superiore agli impianti a massetto e consente di climatizzare l’ambiente nel minore tempo possibile, con un’efficienza che si traduce in una riduzione del consumi fino al 35%.

pavimento sopraelevato radiante

Diffuse, infine, abbatte la quantità delle polveri emesse nell’ambiente, non altera la qualità dell’aria e non ne crea moti convettivi nello spazio, con conseguenti benefici per il comfort delle persone.

Per maggiori informazioni www.nesite.com

L’articolo Diffuse di Nesite, il pavimento sopraelevato radiante che agevola il risparmio energetico proviene da Dettagli Home Decor.

11 Settembre 2020 / / Design

Living Divani Gallery

Con le sue vetrine affacciate su Corso Monforte e Visconti di Modrone, in uno degli angoli più trafficati della città milanese, apre ufficialmente al pubblico dal 12 settembre 2020 il nuovo Living Divani Gallery a Milano.

Living Divani Gallery

Concepito come un contenitore di pura astrazione che condensa la quintessenza della visione di bellezza del marchio, lo showroom costituirà il nuovo avamposto milanese del brand, che si affianca allo spazio espositivo nell’Headquarters di Anzano del Parco progettato da Piero Lissoni nel 2007, proponendo allestimenti in progress e candidandosi come nuovo luogo da visitare in città, offrendo suggestioni sempre diverse non solo ai clienti ma anche ai passanti e agli amanti del design.

Da tempo desideravamo uno spazio tutto nostro su Milano, che potesse rappresentare ciò che è Living Divani oggi. Fondata nel 1969 dai miei genitori, Renata e Luigi Bestetti, come un laboratorio specializzato nella produzione di divani, a 50 anni dalla fondazione, con più di 60 dipendenti e un network globale in continua crescita, Living Divani è oggi un’azienda dalla forte reputazione internazionale in grado di offrire un vero e proprio “mondo Living Divani” completo in ogni dettaglio, che dalla zona living spazia alla sala da pranzo, la camera da letto e l’outdoor. Attraverso questo luogo vogliamo raccontare le mille sfaccettature del nostro design iconico, essenziale e sofisticato, invitando il nostro pubblico a vivere lo stile Living Divani: un brand dall’anima forte, sempre coerente con la propria filosofia di rigore, pulizia delle linee, eleganza silenziosa, che ha saputo attraversare la spirale del design rimanendo autentica e personale”- racconta Carola Bestetti.

Living Divani Gallery

L’ interpretazione dello spazio viene affidata a Piero Lissoni, Art Director e principale designer del brand, che firma sia il concept generale dello spazio che il suo set up.

Non è uno showroom e non è un negozio. La nuova Living Divani Gallery vorrebbe essere uno spazio quasi teatrale, un luogo per costruire e mostrare di volta in volta delle rappresentazioni, proprio come in un teatro. Adesso nasce tutto metallico con delle luci al neon molto museali, verrà aperto con questa faccia. Ma tra qualche tempo cambieremo la scenografia e mostreremo qualcosa di differente. È uno stage teatrale dove interpreteremo Living Divani” – racconta Piero Lissoni.

Living Divani Gallery

La lamiera grecata che riveste le pareti con inserite luci al neon, che smaterializzano ulteriormente i contorni e confondono la percezione, ed il pavimento in lamiera lucida, scompongono, riflettono e rifrangono da vari punti di vista la scena dominata da una nuvola di Carbon Frog. Variante “hi tech” extra leggera in fibra di carbonio ed intreccio in poliestere, evoluzione della celebre seduta Frog disegnata nel 1995 da Piero Lissoni, le sedute Carbon Frog, verniciate in un impattante contrasto black&white con calibrati accenti di colore, sono sospese a creare un velo vaporoso che si muove nello spazio, mostrando da diverse angolazioni questa indiscussa icona visiva contemporanea.

Living Divani Gallery

Fa da contrappunto a terra il tavolo Notes di Massimo Mariani con piano in vetro trasparente, che sembra svanire nell’atmosfera eterea che lo circonda, accompagnato dalle poltroncine Maja D che rispondono alle esigenze del vivere quotidiano.

Più che un negozio lo showroom è uno statement sulla purezza, la sobrietà e l’essenza dei pezzi Living Divani e sulla potenza evocativa dell’eleganza silenziosa del brand. Arredi haute couture presentati in chiave neutra affinché ogni visitatore possa immaginarli nel suo ambiente di vita – che sia un appartamento milanese, un giardino, o piuttosto la più remota  destinazione – personalizzandoli, come una tela bianca da colorare a piacere secondo i propri desideri.

Living Divani Gallery, Corso Monforte 20 Milano

www.livingdivani.it

L’articolo Apre a Milano la Living Divani Gallery proviene da Dettagli Home Decor.

10 Settembre 2020 / / Design

stufa a pellet Regina

Le novità 2020 del  brand Sergio Leoni sono due nuove stufe a pallet disegnate da Emo Design: Regina e Costanza. 

Ai suoi esordi negli anni Sessanta, il maestro Sergio Leoni, si era ispirato alle “Stube” nordiche, impreziosendole attraverso il suo tratto elegante e gentile. Oggi, il compito di reinterpretare le stufe d’oltralpe in chiave moderna è stato affidato a Emo design. Scopriamo insieme Regina e Costanza, le nuove stufe a pellet di Sergio Leoni disegnate da Emo design.

Regina: la reinterpretazione del classico 

Regina è una stufa a pellet stagna, caratterizzata da un rivestimento in ceramica artigianale e da una potenza ridotta, ideale per i piccoli spazi o per le abitazioni ben isolate.

Regina è un oggetto che strizza l’occhio al classico, ripulito dall’eccesso di decorazioni”, spiega il team di Emo design. “È una stufa pensata per ambienti contemporanei, moderni e minimal, ma che può adattarsi a qualsiasi altro stile.”

stufa a pellet Regina di Sergio Leoni

Regina si gestisce da un pratico pannello, montato sotto il coperchio, ma è incluso di serie anche un kit Wi-Fi, che permette di comandare la stufa fuori casa attraverso il proprio smartphone. Lo scarico fumi può essere sul retro, come in foto, o superiore.

Costanza: il futuro che viene dal passato 

Costanza è una stufa stagna ventilata dalla profondità ridotta (meno di 28 cm), ideale per corridoi e spazi ristretti.  “Costanza è il futuro che viene dal passato, l’essenza del classico reinterpretata in un’ottica fortemente minimal”, racconta il team di Emo design.

stufa a pellet Costanza di Sergio Leoni

Lo scarico fumi può essere sul retro, come in foto, o superiore, per ridurre ancora di più l’ingombro complessivo. Costanza si gestisce da un pratico pannello, montato sotto il coperchio, ma è incluso di serie anche un kit Wi-Fi, che permette di comandare la stufa fuori casa attraverso il proprio smartphone.

Per maggiori informazioni www.sergioleoni.com

L’articolo Le nuove stufe a pellet di Sergio Leoni disegnate da Emo design proviene da Dettagli Home Decor.

10 Settembre 2020 / / Dettagli Home Decor

House MF studio Deferrari e Modesti

Spazio e qualità sui navigli per un appartamento ristrutturato dallo studio Deferrari e Modesti di Firenze.

House MF è un progetto che ha visto il rinnovamento di 250mq di questo appartamento milanese disposto su due livelli ed affacciato sui Navigli. Uno spazio davvero invidiabile vista la location e vista la quantità di spazio.

House MF studio Deferrari e Modesti

Lo studio Deferrari + Modesti ha affrontato questo progetto puntando sulla valorizzazione della base storica, l’abitazione risale ai primi del Novecento, ma allo stesso tempo un effetto caldo ed accogliente che spesso si perde negli ambienti troppo grandi. I mobili di famiglia conservati hanno aiutato in tal senso.

Infatti la residenza si divide tra un piano inferiore dove si trova la zona giorno con sala da pranzo e un bagno di servizio e un piano superiore con ben 4 camere da letto.

House MF studio Deferrari e Modesti

House MF studio Deferrari e Modesti

Dicono dei progettisti: “Lo studio crea spazi in cui le persone siano a proprio agio. Fondamentale per questo, è una profonda comprensione di come verrà utilizzato o vissuto uno spazio. Il nostro approccio è inclusivo e collaborativo, promuove il dialogo” e possiamo dire che questo dialogo avvenga anche tra gli arredi.

House MF studio Deferrari e Modesti

Protagonisti assoluti i pezzi di design – scelta sicuramente ereditata dalle esperienze collaborative dei progettisti con Enzo Mari, Manuel Gausa e infine con Stefano Boeri. Gli arredi sono stati selezionati da showroom e negozi moderni e sparsi per la casa: dal divano Cassina alla radio Brionvega passando per la scelta della libreria DePadova e il letto Flou. Arredi integrati poi con elementi studiati ad hoc per il progetto.

House MF studio Deferrari e Modesti

Il tutto è illuminato da pezzi di vero stile con lampade, tra le altre, di Flos e Gubi.

Articolo di Silvia Fabris

L’articolo Ristrutturazione sui Navigli proviene da Dettagli Home Decor.

9 Settembre 2020 / / Dettagli Home Decor

fiorire in metallo per la casa

Design Studio 28 progetta Wink la fioriera furba per l’indoor di Ronda Design

Piante e fiori donano un tocco in più all’ambiente, lo rendono fresco, più gradevole e accogliente e la scelta di appropriate fioriere di design esalta l’effetto scenografico dell’ambiente. Wink è la nuova attraente collezione di fioriere per l’indoor di Ronda Design, proposta in metallo verniciato – in undici diverse opzioni – e disponibile nelle versioni quadrata o arrotondata.

Le fioriere furbe che fanno la differenza

L’impostazione modulare di Wink permette di utilizzarla sia singolarmente che in composizione grazie anche alla sua facilità nella movimentazione. Lineare e dall’impatto estetico flessuoso, l’elegante Wink sta bene in ogni tipo di living e può essere scelta sia nella variante da terra con ruote a scomparsa sia rialzata su uno slanciato telaio caratterizzato da un profilo in metallo squadrato.

Le 11 diverse finiture del metallo disponibili sono in linea con tutto l’ampio catalogo arredo dell’azienda e offrono l’interessante opportunità di coordinarle con i diversi elementi e complementi d’arredo della casa di Ronda Design.

fioriere di design

Con Wink, continua il percorso di ricerca di Ronda Design che amplia costantemente il servizio e l’offerta di prodotti focalizzati su un design innovativo, sulla qualità dei materiali e sullo studio della massima libertà espressiva dei fruitori. La filiera produttiva è totalmente Made in Italy.

Per maggiori informazioni vai su www.rondadesign.it

L’articolo La fioriera furba per l’indoor si chiama Wink proviene da Dettagli Home Decor.

9 Settembre 2020 / / Architettura

pubblic garden in Montreal

Il team di ADHOC Architects presenta il progetto Your Place at the Table! a Montreal fino a ottobre 2020 a Sainte-Catherine Ouest, angolo Clark. Il progetto è stato realizzato con la collaborazione dei grafici Maude Lescarbeau e Camille Blais.

L’installazione colorata è stata concepita per accogliere e attirare in sicurezza i cittadini dopo diverse settimane di reclusione a causa della pandemia di COVID-19. Il layout è progettato per offrire ai passanti uno spazio per passeggiare o per sedersi e rilassarsi nel rispetto delle attuali norme igienico-sanitarie e del distanziamento sociale.

Riappropriarsi del centro di Montreal con l’aiuto del design 

Il tuo posto a tavola lo trovi in uno dei 3 TULIP, ovvero i tre spazi pubblici nel centro di Montreal, che sono stati ripensati grazie alla dedizione di studi di architettura e rinomati designer.   I TULIP consentono alle persone di approfittare del piacevole clima estivo e autunnale per riscoprire la loro città. Fino a ottobre 2020, il pubblico è invitato a esplorare questi nuovi servizi urbani animati da un programma culturale e da una moltitudine di iniziative spontanee.

Ripensare un parco noto per le sue qualità ecologiche aggiungendo una componente sociale  

Il team di ADHOC architectes ha ricevuto il mandato di ripensare il parco Hydro-Quebec progettato da Claude Cormier et Associés (2008-2012), che ha ricevuto numerosi premi per le sue peculiarità ecologiche. Gli architetti ADHOC hanno aggiunto una componente sociale allo spazio di 3260 mq trasformandolo in una nuova terrazza urbana. Un “tavolo urbano lungo 100 metri è stato installato con precisione tra gli arredi esistenti e gli alberi, che perforano la griglia metallica angolare rialzata al centro dello spazio. Il tavolo ondeggia sotto la chioma degli alberi, lasciando i visitatori alla scoperta di un susseguirsi di messe in scena e di atmosfere variegate.

Un’esperienza piacevole e sicura 

Una segnaletica dalla grafica vivace e personalizzata e un’illuminazione incantevole illuminano questo ambiente solitamente piuttosto buio, creando un’atmosfera accogliente durante il giorno e la notte. Il colore giallo è protagonista di questa installazione tono su tono. Una tavolozza di colori festosa, gioiosa e luminosa attira gli sguardi dei passanti e introduce un netto contrasto con le tonalità monocromatiche del parco.

Una grande struttura e una freccia posta all’ingresso del parco segnala l’inizio del progetto. Il pubblico è quindi invitato a scoprire tutta la lunghezza del tavolo e le ambientazioni caratterizzate dalla presenza di oggetti di recupero posizionati con criterio per favorire un distanziamento sociale intuitivo. Lo spazio ridisegnato propone 80 posti a sedere e incoraggia il supporto diretto di 22 ristoranti locali.

In conclusione, questo progetto ci suggerisce un nuovo modo di condividere la tavola in totale sicurezza.

fotografie di Raphaël Thibodeau

L’articolo L’arte della tavola per riappropriarsi dello spazio pubblico proviene da Dettagli Home Decor.