26 Agosto 2019 / / Architettura

Un appartamento situato a Eixample il quartiere più trendy di Barcellona.

Un progetto di ristrutturazione della designer di interni Marta Castellano-Mas realizzato in collaborazione con lo studio di architettura Serrat-Tort.

Per soddisfare le esigenze e i desideri dei nuovi proprietari che cercavano spazi ampi e aperti e tanta luce, sono stati uniti due piani dell’edificio e demolite le pareti interne, lasciando integre quelle portanti.

Molti elementi originari dell’abitazione erano andati perduti durante le ristrutturazioni precedenti e si è cercato di conservare e preservare un camino nella sala da pranzo, i pavimenti a spina di pesce in rovere, nel soggiorno, le pareti in mattoni e i soffitti a volta.

Il risultato finale è un appartemento i cui interni uniscono la semplicità dello stile nordico, la forza dell’industrial e i tocchi vintage-retrò dei complementi d’arredo bohémien.

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-12

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-2

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-4

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-5

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-6

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-7

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-8

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-9

un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-10
un-appartamento-industrial-chic-a-barcellona-11

Ph via

Fatevi ispirare su Pinterest con alte idee home décor.

FirmaFellinSMALL

 

L’articolo Un appartamento industrial chic a Barcellona proviene da Charme and More.

21 Agosto 2019 / / Creative & Ordinette

Siete tornati dalle vacanze? A Roma si sente un’aria da “rientro” che dopo giorni di “desertificazione” della città, ti dà una bella sensazione. La città riprende il suo ritmo vitale e tutto ricomincia come prima. Ferragosto è lo spartiacque dell’anno e dell’estate, segna la fine dell’estate e l’inizio del ritorno alle attività normali. Ed è una bella sensazione, decisamente, quasi quanto quella che segna l’attesa delle agognate ferie. Perché in fondo stiamo sempre meglio là dove non siamo. Il posto di quest oggi ci porta ancora a Barcellona. Lasciamoci allora ispirare da questo appartamento, estivo nell’arredamento, leggero, rilassante e fresco. I colori neutri, i materiali naturali, il legno e la paglia creano quella bella atmosfera estiva che porteremo con noi fino all’arrivo dell’inverno. Buon tour!
Are back from your holidays? Did you have a great time? More on my vacations in the next posts. I have to arrange pictures and edit some of them, so stay tuned. Well, Rome has been a sleeping beauty for a while and in these days there, definitely, are some hints of awakening from that deep deep sleep of August and Ferragosto, the day that marks the end of summer and the restarting of human activities. It’s a beautiful sensation, I must have to admit. The rythm of the city with its heartbeat is a pleasent feeling. The desertification comes to an end and everything re-lives. The sensation is just as nice as the one you tend to prove while waiting your holidays to knock at the door. Anyhow, just to retain those precious holiday feelings till next years, here is a wonderful home tour in Barcelona, a very light and relaxed apartment where the neutral hues, the minimalist furniture and the natural materials remind me of beautiful summery days spent outdoor. Let yourself be inspired! 

 

20 Agosto 2019 / / ChiccaCasa

Pronti per un nuovo home tour carico di ispirazioni? 

Ecco un’altra chicca made in Göteborg. Un appartamento equilibrato e luminoso contraddistinto perlopiù da toni neutri, legno e un sacco di bianco. 
Come può un arredamento semplice, con una palette basata su delle tinte soft a risultare tanto accattivante?
Di certo i due giochi cromatici che sto per farti notare fanno la loro parte!
(TRUCCO CROMATICO NUMERO UNO) Il color cuoio è magnetico nella maggior parte delle stanze: spicca in un mood calmo fatto di grigi e di bianchi più o meno caldi. 
(TRUCCO CROMATICO NUMERO DUE) É interessante la scelta del total black per il decor e per gli accessori. Tutti gli elementi neri hanno un design filiforme: il loro compito è di apportare un aspetto definito e sofisticato all’intero mood della casa.
Questi sono tecnicismi vincenti, ma c’è da dire che a fare la differenza, in questa casina, c’è pure il fattore poesia. Quello che è fatto molto meno di criteri e molto più da emozioni.
In questo appartamento la poesia si respira eccome, nonostante viga la regola “less is more” quasi in ogni stanza (tutte, tranne la cameretta ❤️).
Gli elementi poetici, qualora ti fossero sfuggiti (ma figurati, impossibile!), sono la cassettiera chippendale in camera da letto, la carta da parati bianca e blu e tutto quello che c’è, sì, ogni singolo elemento, nella cameretta.

Bando alle ciance, gustati l’home tour e appuntati le cose da copiare per la tua casa. 


Sono sicura che hai preso un sacco di spunti. Qual è la tua stanza preferita? Chiedimi pure dove e come cercare i mobili di questa casa nei negozi online, con un commentino!

pics via stadshem


http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
6 Agosto 2019 / / Architettura

I colori del mare, il legno chiaro, i toni neutri della sabbia e tanta luce si fondono in questa casa che si affaccia su una delle bianche spiagge di Maiorca.

una-casa-al-mare-2

Una vecchia casa di pescatori ristrutturata completamente dalla designer d’interni Catalina Socias.

una-casa-al-mare-10

una-casa-al-mare-3

Le ampie finestre, le pareti rivestite con le doghe in legno aiutano gli spazi a sembrare più grandi.

una-casa-al-mare-4

una-casa-al-mare-5

Il bianco e gli azzurri del Mediterrano nelle loro declinazioni, richiamano alla calma del mare e rendono la casa  accogliente, fresca e rilassante.

una-casa-al-mare-7

una-casa-al-mare-8

una-casa-al-mare-9

Eleganza e semplicità anche per gli arredi della camera da letto padronale con letto a baldacchino e vista mare.

una-casa-al-mare-11

una-casa-al-mare-12

una-casa-al-mare-13

una-casa-al-mare-14

una-casa-al-mare-15

Il legno nello stile coastal sembra essere consumato dal tempo, sottoposto a intemperie  e alla salsedine.

una-casa-al-mare-6

Un angolo dal sapore shabby.

Una vecchia cartina geografica, un divanetto e un comodino vintage acquistati un mercatino della pulci a Parigi danno un tocco chic alla vecchia casa dei pescatori.

Ph Stella Rotger via

 

L’articolo Una casa al mare in stile coastal. proviene da Charme and More.

6 Agosto 2019 / / Architettura

Rosario House Porto depA architects

Nel quartiere più alla moda della città portoghese di Porto, Margarida Leitão  e  Luís Sobral, la coppia di architetti dello studio depA , hanno rinnovato una delle proprietà più antiche della zona per ricavare diversi appartamenti.

Situata nella parte superiore di  Rua do Rosário , da cui la casa prende il nome,  Casa do Rosário  è il tipico edificio di Porto caratterizzato da una facciata stretta che si sviluppa su tre piani con doppio affaccio.

La strada, un tempo posseduta da un commerciante locale e devoto della Madonna del Rosario, attirò molte famiglie della classe commerciale del XIX secolo di  Porto . La disposizione archetipica di queste case riflette il percorso verso la ricchezza delle famiglie:  mentre salivano di livello, i volumi aggiuntivi venivano accatastati per creare uno spazio più ampio adatto al loro status.

Gli architetti hanno affrontato il progetto di ristrutturazione cercando di mantenere intatti gli elementi originali dell’edificio.

La facciata è stata interamente restaurata e sono state recuperate le piastrelle gialle originale che hanno ispirato la combinazione di colori tenui degli interni. Entrando, una scalinata in legno circondata da pareti color crema conduce ai piani superiori.

I pavimenti di Casa do Rosario mixano delle bellissime piastrelle idrauliche gialle a motivi geometrici, con un parquet in legno di cedro che si abbina al gusto neutro dei mobili, molti dei quali sono stati progettati dagli architetti e assemblati in loco. Infine, le lamiere grecate sono state utilizzate per rivestire gli esterni dell’attico, caratteristica che aggiunge un tocco di contemporaneità all’edificio.

Rosario House Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Rosario House a Porto depA architects

Oggi  Casa do Rosário  ospita due appartamenti grandi e alcuni monolocali destinati ad affitti a breve termine per chi desidera trascorrere una vacanza nel quartiere più alla moda di Porto.

Progetto: depA architects

L’articolo Casa do Rosário proviene da Dettagli Home Decor.

2 Agosto 2019 / / Interiors

La mia casa perfetta? Non troppo grande ma nemmeno troppo piccola, arredata con un perfetto mix di stili , per non stancarmi e non passare mai di moda.

Chi mi segue da un bel po’ sa benissimo quale è lo stile mio e del blog : un mix equilibrato e variegato che prende spunto da vari trend come lo shabby chic ,il country style, l’industriale, il brocante e lo scandinavo.

Oggi vi presento un home tour speciale perché in questo appartamento, in vendita in Svezia, ho scovato tutto questo.

Un’appartamento con giardino, piccolo ma molto curato.

Ogni dettaglio non è messo a caso, tutto deve esaltare l’atmosfera della casa: un ambiente caldo, armonioso e luminoso.


Cosa colpisce di questa casa?

Le pareti innanzitutto , dipinte alcune con colori polverosi pastello, altre tappezzate con carta da parati di design.

 

Poi le librerie presenti un po’ in tutta la casa,semplici ed essenziali.

 

Gli specchi, bellissimi, degli anni 40-50 posizionati in modo strategico per esaltare meglio la luminosità della casa stessa.

 


Partiamo dalla cucina, in perfetto stile nordico ma con qualche tocco di brocante: mi sono innamorata di questo specchio appeso sopra il lavabo.

Uno specchio vintage molto semplice ma allo stesso tempo sofisticato, a 3 cerniere.

Inusuale trovare uno specchio in cucina, per questo  riesce a dare un tocco eccentrico alla stanza, oltre ad illuminare ulteriormente l’ambiente.

Altri dettagli della cucina degni di nota sono le piastrelle color menta,che seguono i mobili, semplici, lineari, bianchi con un top nero delizioso e le maniglie color oro.

Molto carino anche il lavello.

L’illuminazione è essenziale, con dei semplici fili e lampadine a vista.

Altro particolare interessante sono le coppie di sedie spaiate al tavolo da pranzo,la meravigliosa vetrata a tutta altezza e  il parquet del pavimento chiaro che contrasta con le piastrelle bianche e nere che si affacciano all’uscita del giardino .

I mattoni rossi lasciati a vista nella zona pranzo sono un tocco in più, in questo ambiente così curato.

Lo specchio è anche un filo conduttore che lega l’ambiente cucina con il soggiorno: qui è presente un altro specchio vintage che ricorda molto il precedente.

Il salotto racchiude sicuramente una anima più Industrial chic, con i soliti mattoni a parete, questa volta verniciati di bianco,il divano di pelle accompagnato da un tavolino in linea con lo stile della stanza .

Molto bello il calorifero,posizionato a mezza altezza e sottolineato da un colore scuro.

 

Le altre pareti sono dipinte di un azzurro polvere per alleggerire il tutto o da carta da parati floreale , seguendo sempre un mood vintage anni 60-70.

La libreria che ricopre interamente una parete e che ritroviamo anche in altre stanze è la famosa String.

Bello l’effetto di contrasto che nasce dalla scala bianca, che porta ai piani superiori con la parete sottostante.

Al piano terra troviamo anche un piccolo studio, sempre dipinto di azzurro polvere e l’ingresso , tappezzato da una carta da parati importante, con tema floreale, sullo stile anni 70.

Lo studio ha una bellissima scrivania nera vintage ed è accompagnato da una sedia anch’essa nera con dettagli di legno noce.

Legno che viene sapientemente richiamato dalla scala appoggiata a parete e dalle mensole al muro.

Molto carina anche la cassettiera azzurra che rimanda al colore delle pareti.

Salita la scala  troviamo due ampie camere da letto.

Entrambe accomunate da un color rosa polvere.

Quella padronale, rivestita da una carta da parati romantica floreale con i toni di un rosa delicato .

Molto interessanti le tubature di rame a vista, che ben si sposano con il letto in ferro battuto.

 

L’arredo è un bel mix di oggetti di modernariato anni 60 ( la luce a faretto o il gancio porta grucce) con altri dalla linea più shabby chic.

 

La stanza della bambina, sempre verniciata di un rosa antico  che non stanca mai, è arricchita di piccoli dettagli fru fru, come la ghirlanda di luci  e mobili vintage.

Il piccolo bagno retrò è un gioiellino con la sua vasca a vista e le piastrelle bianche a tutta parete che contrastano con quelle bianche e nere del pavimento.

Molto carina anche la tenda doccia, con queste balze romantiche, agganciata a un vecchio anello metallico : le mensole alle pareti , in stile brocante , sono perfette per dare un tocco in più a questo ambiente vintage.

Un home tour perfetto per prendere ispirazione e per sottolineare, ancora un volta, che mixare i vari stili non è impossibile ma è, certamente, impegnativo ed occorre farlo con molta lungimiranza.

 

26 Luglio 2019 / / Creative & Ordinette

Ecco, questo è il mio ideale di casa o perlomeno lo era quando ancora vivevo da sola.
Per l’ultimo home tour della settimana vi porto a Barcellona, in questo bellissimo piccolo appartamento in cui si percepisce solo ariosità, luce e buon umore.
Adoro la cucina aperta sul piccolo soggiorno e soprattutto adoro la camera da letto posta in questo soppalco creato all’interno del loft grazie all’altezza tipica di questi spazi industriali recuperati.
Non sarebbe bello tornare indietro nel tempo e vivere in questo appartamento spagnolo, un po’ alla maniera degli studenti Erasmus che condividevano l’appartamento spagnolo del famosissimo film? Con una sostanziale differenza però. Appartamento spagnolo sia, ma da soli, liberi di ospitare chi si desidera e salvaguardare la sacrosanta privacy. Buon tour e un meraviglioso fine settimana!

26 Luglio 2019 / / Architettura

ex chiesa in Spagna trasformata in una casa

Oggi vi raccontiamo la storia di Iglesias de Tas: l’affascinante trasformazione di una chiesa rinascimentale in una casa moderna. Un progetto di Garmendia Cordero Arquitectos a Sopuerta, in Spagna.

L’intervento è stato realizzato in una piccola chiesa, non molto più grande di un eremo, costruita nella seconda metà del XVI secolo e che subì un importante rimodellamento in termini neoclassici alla fine del XVIII secolo, aumentando la sua altezza e aggiungendo, tra le altre cose, un campanile e un abbeveratoio.

Prima dei lavori l’edificio abbandonato si presentava in forte stato di degrado, privo di copertura in quanto crollata al a suo interno e con forti problemi strutturali. L’idea dell’architetto è stata fin da subito quella di procedere con un intervento “sensibile” toccando la chiesa solo se strettamente necessario per preservare il più possibile gli elementi originali.

chiesa abbandonata in Spagna

Iglesias de Tas lavori di ristrutturazione

Durante tutto l’iter progettuale, tre sono stati gli elementi che hanno guidato l’architetto: la storia dell’edificio, lo stile di vita del cliente e la destinazione d’uso insolita dell’edificio.

Nonostante la complessità dell’opera, il risultato è spettacolare. L’architetto è riuscito a trasformare e adattare lo spazio alle esigenze, ai gusti e allo stile di vita del cliente. Ha saputo rinnovare uno spazio insolito, pur mantenendo la sua storia e modernizzandola. Il design degli interni comprende opere d’arte contemporanea e pezzi iconici di design moderno, creando un contrasto con l’ambiente molto affascinante.

Iglesias de Tas interno

Iglesias de Tas cucina e pranzo

Iglesias de Tas la cucina illuminata

Iglesias de Tas zona pranzo

Iglesias de Tas open space con soppalco

Iglesias de Tas open space a doppia altezza

Iglesias de Tas la scala in legno artigianale

Iglesias de Tas il bagno

Iglesias de Tas - living

Iglesias de Tas  open space

Iglesias de Tas  giardino

L’idea del proprietario è che lo spazio vada oltre la casa privata. Vuole che diventi uno showroom sociale aperto che può essere visitato e che ospita , tra gli altri, eventi gastronomici e culturali .

Progetto: Garmendia Cordero arquitectos
Photography: Carlos Garmendia Fernández

L’articolo La chiesa abbandonata diventa una casa proviene da Dettagli Home Decor.

22 Luglio 2019 / / Interiors

🔸#Pagina33 del Book di Vogliacasa.it
Arte e manualità. Legno e fotografia. Elementi di design unici per arredare la casa. Eccelsi oggetti di artigianato, esclusivi nel settore dell’home decor e proposti dal brand firmato Susanne Paetsch!

📌Prenota la tua copia: vogliacasa.it@gmail.com

22 Luglio 2019 / / Architettura

vasca da bagno sulla terrazza al mare

Sulla spiaggia di Garraf, antico villaggio di pescatori vicino a Barcellona, Soho House & Co ha trasformato un edificio degli anni’50 in un hotel club per soci combinando lo stile originale dell’epoca a dettagli dal sapore mediterraneo.

Dopo aver lasciato il segno a Barcellona nel 2016 con Soho House Barcelona, ​​il marchio britannico ha consolidato la sua presenza nella capitale catalana con l’apertura del Little Beach House Barcelona, ​​uno spazio che offre ai soci del rinomato club l’opportunità di godersi il lungomare fuori dalla città dove esclusività, design e discrezione vanno di pari passo. In linea con la filosofia di Soho House & Co di trasformare gli edifici in disuso in spazi unici, il Little Beach House occupa l’ex Hotel Quim. Costruito negli anni ’50, questo emblematico edificio è situato vicino alle capanne sulla spiaggia di Garraf, a soli 20 km da Barcellona.

Soho House ha mantenuto intatta l’estetica anni ’50 dell’edificio originale e, utilizzando un’ampia gamma di materiali locali come il rattan, il legno, la iuta, la ceramica e le piastrelle di ceramica, ha creato uno spazio in stile mediterraneo.

area relax arredata con materiali naturali

area relax con vista mare

Il design con influenze spagnole e catalane riflette la combinazione cromatica delle pittoresche capanne poste lungo la spiaggia di Garraf, caratterizzate dalla tipica facciata verde e bianca. L’hotel offre 17 camere di diverse dimensioni, un bar, un ristornte, lettini e una vasca da bagno sulla terrazza.

spazi comuni Hotel Little Beach House a Garraf

Piastrelle triangolari rosse e bianche decorano le stanze, completate da tappeti su misura, lampade prodotte da un ceramista di Barcellona, ​​arazzi disegnati dall’artista Maryanne Moodie e, dalla maggior parte delle camere, si gode di una bellissima vista mare. Il ristorante, sia all’interno che all’esterno, è caratterizzato da un pavimento verde e da un bancone in legno completo di sgabelli, entrambi repliche dell’edificio originale degli anni ’50, oltre a divani e poltrone vintage realizzate artigianalmente in loco. C’è anche una cucina a pianta aperta con un forno a legna e tavoli creati utilizzando i disegni originali dell’ex Hotel Quim. Al centro della stanza si trova un camino aperto circondato da comode poltrone e decorato con una vegetazione lussureggiante, mentre, una scala a chiocciola a destra conduce sul tetto con vista sul mare e sulle verdi colline di Garraf.

camera da letto in stile mediterraneo

decorazione boho nella parete dietro il letto

pavimento ceramica con decori a triangoli di colore bianco e verde

spiaggia di Garraf

 

L’articolo Little Beach House Barcelona: estetica anni ’50 e stile mediterraneo proviene da Dettagli Home Decor.