18 Dicembre 2020 / / +deco

Sono cosi’ felice di mostrarvi lo spettacolare showroom De Gournay di Parigi, progettato da India Mahdavi come parte dell’evento Deco Off 2020. Solo India Mahdavi poteva creare un favoloso ed accogliente boudoir che riesce ad essere contemporaneamente molto belle epoque ed incredibilmente di tendenza. La designer ed architetto di origini iraniane-anglo-egiziane e’ indubbiamente illustre maestra nel creare associazioni di colori inaspettate e nel declinare al meglio tonalita’ brillanti e coraggiose, vestendole con dettagli femminili e con forme inusuali.

Lo showroom e’ composto da due grandi stanze. La stanza lounge con grandi sedute in velluto viola e’ imbellita dalla carta Abbasi in The Sky commissionata dallo storico atelier francese De Gournay. Il murales, parte della collezione PPP e’ ispirato dal lavoro del miniaturista Iraniano del sedicesimo secolo Reza Abbasi; la scena e’ pitturata a mano su una seta color verde acquamarina pallido . La moquette lilla, soffice e sontuosa, unisce questo spazio con la stanza adiacente tappezzata dalla versione arancio della carta Chez Nina. Immancabili nei progetti di India le poltroncine a fiore Charlotte in velluto rosa cipria.

Fotografie di Rebecca Reid (cortesia di De Gourney)

The post India Mahdavi per De Gournay appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

3 Dicembre 2020 / / Case e Interni

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

L’appartamento del tour di oggi, bello e funzionale, si trova nel cuore di Brasilia ed è di soli 45 metri quadrati. Ogni singolo mobile è stato progettato e realizzato su misura: nessuno spazio è stato sprecato.

Nel layout del mini appartamento tutto sembra organizzato e in ordine, perché gli arredi sono realizzati al centimetro con diverse soluzioni salvaspazio. In questa casa compatta e di dimensioni ridotte c’è tutto il necessario per vivere comodamente e c’è anche spazio per la convivialità. Alla giovane coppia proprietaria dell’immobile, piace cucinare e invitare gli amici a casa, così hanno chiesto allo studio brasiliano Lez Arquiteitura di sfruttare al meglio lo spazio per le loro esigenze.

Il soppalco è stato ampliato, quindi ha richiesto una ristrutturazione, ma questo ha fatto sì che la camera sia più grande e spaziosa. Così il piano superiore, ora raddoppiato, accoglie la camera matrimoniale, l’angolo studio, la cabina armadio e il bagno.

La palette di colori prevede diverse sfumature di grigio che sono state usate sia per i mobili che per i rivestimenti, una parete azzurro cenere, legno chiaro per alcuni arredi e cuoio per il divano.

L’appartamento nonostante le sue piccole dimensioni, si presenta spazioso, elegante e contemporaneo con un’atmosfera calda e piacevole.

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Due piani in 45 mq: un mini appartamento arredato su misura

Fonte e immagini: Lez Arquiteitura

Vai alla pagina Facebook di Case e Interni e segui le novità del blog!

______________________________________

Anna e Marco DMstudio – CASE E INTERNI

28 Novembre 2020 / / Interiors

Una villetta minimalista nascosta in un edificio del XVIII secolo, un tempo adibito a rimessa per carrozze. Una trasformazione firmata dall’architetto olandese Jan Evert de Brouwer.

villetta minimalista

A prima vista non si direbbe che questa elegante costruzione del XVIII secolo nasconda al suo interno una casa in stile minimalista. Eppure, appena varcata la soglia, le cornici e le modanature che decorano la facciata lasciano spazio a pavimenti in cemento e a pareti grigio chiaro.

L’edificio, un tempo destinato a rimessa per carrozze, è caratterizzato da una pianta rettangolare e si sviluppa su tre livelli, dal piano terra al sottotetto mansardato.

L’architetto Jan Evert de Brouwer, che ne ha fatto la sua abitazione, ha collocato a piano terra la zona living, con il soggiorno da un lato e cucina con zona pranzo dall’altro, mentre la zona notte è situata ai piani superiori. 

La luce protagonista

Nei paesi nordici, si sa, la luce scarseggia, e l’architettura è influenzata da questo fattore. In questo caso l’architetto è riuscito a veicolare la luce naturale nel cuore della casa, ricavando un lucernario nella parte centrale del tetto.

Da questa apertura la luce zenitale filtra fino al piano terra, grazie alle aperture nei solai, coperte da vetri antisfondamento adatti al calpestio. Attorno a questo cuore luminoso, che accoglie i pianerottoli, si sviluppa la scala.

Le ampie finestre che si aprono tutto attorno all’edificio completano l’illuminazione naturale.

Materiali naturali per una villetta minimalista

Oltre alla luce, i protagonisti di questo progetto sono i materiali, rigorosamente naturali. Come spiega Jan Evert,

“mi piace lavorare con materiali puri come legno, metallo, pietra e cemento. I colori “reali” dei materiali sono il punto di partenza dei miei progetti”.

Ecco allora che i pavimenti del piano terra sono in cemento, mentre per i piani superiori l’architetto ha scelto il legno di rovere, che richiama le travi a vista dei solai.

villetta minimalista
villetta minimalista

In cucina campeggia il marmo, mentre nei bagni protagonista assoluta è la Pietra di Vicenza di Grassi Pietre, nella variante Grigio Alpi. Un prodotto dell’eccellenza Made in Italy che l’architetto ha scelto per i rivestimenti e i pavimenti dei bagni di servizio e del bagno padronale, dove dialoga in modo squisito con i pannelli in rovere.

villetta minimalista

Uno spazio organico

Pur essendo strutturata in spazi delimitati, questa villetta minimalista è caratterizzata da una straordinaria armonia dell’insieme. Spiega infatti Jan Evert de Brouwer che

“una casa non è costituita da più parti separate, è un insieme organico in cui è importante la sinergia tra tutte queste diverse parti. Gli spazi devono essere in relazione tra loro per far sì che la casa si percepisca come un unico spazio“.

Per ottenere questo risultato, l’architetto adotta uno stile che viene replicato in tutti gli ambienti, compresi gli esterni. Ogni dettaglio è studiato alla perfezione e deve integrarsi in modo armonioso con l’insieme. La coerenza non riguarda solo lo stile, ma investe anche i materiali e l’arredo.

Arredi ridotti al minimo

Fedele alla volontà di lasciare ai volumi, alla luce e ai materiali il ruolo di primo piano, l’architetto ha scelto pochi selezionati arredi. Tavoli, sedie e sedute, letti e qualche panca costituiscono l’esiguo arredo, mentre gli armadi a muro accolgono e nascondono al tempo stesso. La cucina è formata da tre blocchi a tutta altezza, oltre che dall’isola di marmo, e lo stesso accade nelle camere e nei disimpegni.

Nessuno spazio a giorno, nessuna anta vetrata, nessuna mensola: lo spazio è pulito e lineare. Unica concessione al “superfluo”, i sontuosi tendaggi in lino che schermano le finestre. Spetta a loro, insieme ai materiali e alla luce, il compito di riscaldare l’ambiente.

Credits PH Serge Brison // Ph courtesy Grassi Pietre

28 Novembre 2020 / / Design Ur Life

Le belle case su Instagram sono davvero tante e attraverso questi home tour cerco di esplorare, trovare ispirazione e idee di design nelle case italiane che hanno un profilo Instagram.

Oggi pubblico ultimo post della rubrica Case su Instagram, e Martedì 15 Dicembre ci sarà la casa che vincerà il premio. Ma prima andiamo a visitare la casa di Francesca (il profilo Instagram si chiama @ la_colorette). Villa Carolina era un b&b per tanti anni che due anni fa è diventata la casa di Francesca. Si trova sulle prime montagne dell’Appennino modenese.

Case su Instagram
Lei mi racconta cosi la sua casa:

Mi sono innamorata subito della sua architettura: fuori la parte della struttura è ricoperta da enormi sassi di fiume e al primo piano c’è una splendida veranda (che mi godo tantissimo) e balconi ampi che corrono per quasi tutto il piano.Non abbiamo fatto grandi lavori di ristrutturazione perché la casa è in ottime condizioni.

Case su Instagram

Lei si definisce una sfrenata amante del vintage, Infatti, ha preferito mantenere pavimenti, infissi e spazi così com’erano. Con il fai da te e tanto tanto colore però ha completamente immaginato e rivisto gli spazi. Nel novembre 2018 aveva ripulito e dipinto tutto di bianco; poi ha cominciato a dipingere e a dar vita alla casa che aveva in mente.

La sua casa è dello stile eclettico e tutta personalizzata da lei. Le Porte, finestre, muri, mobili… non importa il supporto, il colore la fa da padrone. Insieme alle piante, molti dei mobili provengono dai negozi e mercatini vintage, che Francesca frequenta spesso.

Lei dice: Amo accostare stili diversi e alle volte in apparenza discordanti per creare il mio stile eclettico e personalissimo.

Home Tour

La casa è composta da due camere, un bagno, la sala e la cucina. Il progetto più lungo e importante che ha fatto Francesca è quello del pavimento della cucina. Ha completamente coperto con rasante e resina e ha dipinto a mano utilizzando uno stencil che simula una clementina. I mobili della cucina tutti dipinti da lei in colore rosa antico abbinato con il colore azzurro per il tavolo e alcuni mobili e il turchese per le piastrelle. Una happy house a tutti effetti!

Case su Instagram
Case su Instagram

Il bagno è molto piccolo ma in origine era completamente in color senape anni 70. Lei ha rinnovato il bagno schiarendo i mobili, il rivestimento ed anche il pavimento.

Case su Instagram

La parete rossa dietro al divano blu nella sala e il giallo delle finestre, crea un’atmosfera molto allegra. Il tocco finale del verde delle piante rende tutto armonioso e interessante.

Case su Instagram
Case su Instagram

In camera da letto invece, il punto focale è la parete dietro al letto decorata con la carta da parati dallo stile jungle.

Case su Instagram
Case su Instagram

Ogni angolo di questa casa colorata è un piacere per gli occhi e rispecchia perfettamente la filosofia del mio hashtag  che ho creato diversi mesi fa su Instagram #happycornerathome .

Entra a far parte della community di appassionati di architettura e interior design e usa l’ Hashtag #happycornerathome per pubblicare le foto di casa tua e le più belle verranno condivise nelle mie storie.

Rubrica case su Instagram e Home Tour in diretta sul mio Instagram

Se volete vedere l’home tour di questa casa oggi venerdì 27 Novembre alle 13:30 facciamo una diretta Instagram con Francesca.

Come ho già detto all’inizio questa è l’ultima casa della rubrica Case su Instagram, e il 15 di dicembre ci sarà un regalo per la casa che ha avuto più successo qui sul mio blog. Quindi, l’articolo più letto vincerà una lampada di design (scopri di più sulle mie storie Instagram). Il regalo è in collaborazione con Lampade.it e ha gentilmente offerto di premiare la casa vincitrice.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Case su Instagram, Home tour #21 proviene da Design ur life blog.

27 Novembre 2020 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

In questo articolo, raccolgo alcuni consigli che generalmente mi sento di dare a tutti coloro che si apprestano ad arredare casa.

Il colore per me va usato con parsimonia.

Un colore sbagliato o troppo acceso può rovinare anche il più bello degli ambienti!

I miei consigli ve li elenco qui di seguito, come piccole pillole di design by EasyRelooking da conservare.

Per ottenere un risultato sempre sobrio e elegante.

Valutate la luminosità naturale della stanza

Se una stanza non è molto luminosa e non sono state inserite lampade adeguate, evitate colori troppo scuri e cupi.

Prima va studiata un’illuminazione adeguata a supporto del colore scuro che volete inserire. Altrimenti sarà tutto eccessivamente dark!

@EasyRelooking project
@EasyRelooking project

Colore di accento

Se inserite un colore di accento su una parete, evitate di inserire altri colori, diversi, negli arredi. A meno che non vogliate una casa stile pop.

@EasyRelooking project

Palette neutra di partenza

Se avete una stanza con una palette neutra, potete inserire un arredo colorato, che siano le sedie o una poltroncina, o sicuramente dei cuscini.

@EasyRelooking project

Colore sulle pareti

Per il colore sulle pareti, utilizzate sempre colori desaturati e mai colori troppo pieni e accesi: rischiano di stufarvi.

@EasyRelooking project

Parete colorata e mobile colorato

Parete colorata e mobile colorato? Sì, ma solo nel caso in cui quel mobile sia dello stesso identico colore della parete, con l’idea di farlo quasi scomparire con la parete stessa.

@EasyRelooking project
@EasyRelooking project

L’articolo L’uso del colore negli interni, per evitare la poca eleganza proviene da easyrelooking.

27 Novembre 2020 / / Design Ur Life

Lo sgabello da bagno può avere un ruolo molto importante sul nostro benessere fisico, ma come si dice, anche l’occhio vuole la sua parte.

Quando ho visto per la prima volta questo sgabello da bagno, non ho pensato che fosse uno sgabello, ma per me poteva essere qualsiasi altro oggetto di design. Invece, è uno sgabello da toilette che fa bene alla salute fisico. Ti starai chiedendo come? Continua a leggere il post e poi ti aspetto nei commenti per sapere la tua opinione.

Sgabello da bagno

Ci sono argomenti che sono un tabù, mentre dovrebbero essere normali e parlarne senza problemi. Come ad esempio, la salute intestinale dato dalla corretta posizione della defecazione. Nella cultura occidentale le persone sono abituate a sedersi sul gabinetto e quindi hanno una posizione a 90 gradi. Tuttavia, questa postura non è corretta e rende i movimenti intestinali difficili. Mentre usando lo sgabello da bagno sotto ai piedi aiuterebbe ad adottare una posizione naturale. Quindi, l’uso regolare ha un effetto positivo sulla nostra salute intestinale in generale.

Sgabello da bagno
Sgabello da bagno

A prima vista, lo stuul non è quindi affatto riconoscibile come sgabello da bagno e diventa un’oggetto di design per il bagno che promuove la salute. Inoltre, è prodotto in Germania con un processo 100% sostenibile. È realizzato con un materiale high-tech, 100% riciclabile, una schiuma antiparticolato ad alta densità. Questo materiale leggero e caldo è delicato sulla pelle, resiste agli urti senza danni ed è resistente alla maggior parte dei prodotti chimici.

Sgabello da bagno

Il set è composto da due sgabelli identici che possono essere incastrati uno dentro l’altro per risparmiare spazio.

Il team di designer ha già ricevuto tre rinomati premi internazionali per lo studio: l’Universal Design Consumer Award, l’IDA Design Award e il Good Design Award
Sgabello da bagno

Questo sgabello è disponibile in sei diversi colori ed è acquistabile direttamente sul sito del produttore. Oppure trovi anche su Amazon.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Sgabello da bagno di design, STUUL® proviene da Design ur life blog.

26 Novembre 2020 / / +deco

Wabi Sabi Apartment dell’architetto Ucraino Sergey Makhno presenta cosi’ tanti livelli di interpretazione che concentrarsi solo sul fatto che il progetto aggrega l’estetica Giapponese e le tradizioni Ucraine sembra non essere sufficiente. La penthouse in Kiev, dove vive Sergey con la sua famiglia, unisce coerentemente elementi dalla terra (rami, muri d’argilla), caratteristiche industriali (soffitti di cemento, una cucina grigia e austera, un letto in metallo), dettagli naturali (il giardino verticale, le piante bonsai) scelte piu’ decorative (il verde chiaro della camera dei bambini, le ceramiche nere e bianche in uno dei bagni) e molti molti pezzi interessanti di arredamento.

Questo appartamento e’ al tempo stesso molto maschile, molto zen e molto originale; e’ al tempo stesso molto urbano e molto Giapponese ma costellato di riferimenti estetici Ucraini.

Immagini per gentile concessione di Studio Makhno.

The post Maschile, zen ed originale appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

25 Novembre 2020 / / Interiors

L’interior design, o architettura di interni, è una disciplina che consiste nella progettazione degli spazi e degli arredi all’interno di un edificio. L’interior designer si occupa perciò di definire o ridefinire, in caso di ristrutturazione, gli ambienti di una casa o di un ufficio in modo tale da renderli più confortevoli e funzionali. L’interior designer deve tenere conto anche dei gusti e dello stile di arredo scelto dal proprietario dell’edificio, offrendo soluzioni che possano conciliare estetica e funzionalità. Questa disciplina prevede perciò uno studio della struttura e degli spazi, che presuppone conoscenze di tipo tecnico e ingegneristico. L’interior designer deve anche essere in possesso di nozioni in materia di arte e architettura; oltre ad aver acquisito competenze nell’uso di specifici software di progettazione. Si tratta perciò di una figura altamente specializzata, che richiede studi di alto livello. L’interior designer non può improvvisare la propria professione, ma deve necessariamente essere in possesso di un diploma che ne attesti la preparazione.

Diventare interior designer grazie ad un corso dedicato

A questo proposito è possibile scegliere fra numerose offerte formative, universitarie e non. Molti istituti, ad esempio, mettono a disposizioni corsi di interior design rivolti a tutti coloro che desiderano lavorare nel settore della progettazione di interni e acquisire una preparazione adeguata. Questi corsi si articolano generalmente in una parte teorica e una pratica, in modo tale da permettere un reale apprendimento della materia. Al di là delle conoscenze teoriche, è molto importante che l’aspirante interior designer impari ad usare anche i software giusti e sappia confezionare un progetto da presentare al cliente. Naturalmente, in questi casi, la differenza la fa l’ente organizzatore del percorso formativo. L’efficacia di un corso di formazione deriva infatti dal modo in cui è articolato; così come dai docenti coinvolti e dal supporto fornito anche nella successiva fase di ricerca del lavoro. Prima di scegliere un corso interior design, è bene perciò prendere in considerazione tutti questi aspetti e valutare attentamente anche le prospettive occupazionali.

Corso di interior design: quale scegliere?

Queste ultime dipendono dalla capacità da parte dell’Istituto di creare un collegamento fra formazione e mondo del lavoro. Made in Italy School, ad esempio, offre un grande supporto nella ricerca e nell’inserimento nel mercato del lavoro. La scuola non si limita a formare lo studente, ma mette a disposizione un efficiente servizio di ricerca del lavoro, in modo da offrire opportunità concrete. Fra i vari corsi a disposizione, è possibile frequentare anche quello di interior design. Si tratta di un corso online rivolto a studenti con o senza esperienza, desiderosi di approfondire le conoscenze e le tecniche di questo mestiere. È quindi possibile seguire le lezioni direttamente da casa in live streaming, ma con la sensazione di trovarsi in una vera e propria aula virtuale. Le lezioni possono essere seguite individualmente o in gruppo, con classi a numero chiuso. Il corso prevede inoltre ben 530 ore di pratica formativa, che potranno essere svolte presso i migliori studi di Architettura e progettazione di interni.  

L’articolo Interior design: come diventare un professionista del settore proviene da Architettura e design a Roma.

21 Novembre 2020 / / Idee

Il vetro è un ottimo materiale per la realizzazione di porte interne moderne, perché consente di ottenere un design impossibile da realizzare sul laminato o sul legno. Può essere trasparente o satinato e con decori che creano un effetto vedo-non vedo, rende le porte più leggere e, unito all’alluminio, anche più robuste e facili da montare.

Porta trasparente in vetro
Collezione Miraquadra by Garofoli

Le porte interne a vetro sono molto versatili e possono essere inserite facilmente in qualsiasi ambiente, scegliendo il modello più adatto alle proprie esigenze che può essere scorrevole o a battente. 

Le porte interne con vetro permettono di rendere gli ambienti molto più luminosi, perché consentono alla luce di filtrare attraverso spazi senza finestre. Tra le scelte più moderne e più apprezzate, ci sono le porte trasparente in vetro con l’anta a scomparsa, ottime da utilizzare come soluzione salvaspazio.

Porta trasparente per interno: cosa sapere

Tra le tipologie di porte interne con inserti in vetro più utilizzate, troviamo la porta trasparente, spesso abbinata ad un’elegante cornice in legno o laminata. 

La porta trasparente in vetro offre il massimo della luminosità e della visione di un ambiente, che può essere visibile per tutta la sua estensione e crea una visione di open-space, per questo motivo è la porta ideale per uno stile moderno. Scopri di più sulle soluzioni di porte trasparenti del marchio Garofoli

Porta a filo muro by Garofoli

Le porte trasparenti possono essere realizzate interamente in vetro o in cristallo temperato, caratterizzati da una maggiore resistenza e brillantezza, da una superficie liscia e sottile e che si adattano a diversi tipi di ambienti.

Una porta trasparente in vetro può essere realizzata senza alcun telaio, semplice e minimal, che svolge perfettamente la sua funzione da divisorio degli spazi senza togliere luminosità in un ambiente, oppure può essere realizzata con un telaio in alluminio o legno, che la rendono più leggera e semplice da installare.

Porte trasparenti in vetro: quanto costano

Prima di acquistare una porta per interno in vetro è sempre consigliato avere un’idea dei prezzi e conoscere il proprio budget a disposizione. È bene ricordare che, al costo finale di una porta trasparente in vetro, bisogna aggiungere il costo di installazione.

I prezzi delle porte in vetro disponibili sul mercato variano dai 390 euro per i modelli più semplici con telaio in legno e inserti in vetro, fino ai 1500 euro per i modelli caratterizzati da più decorazioni. 

Le porte in vetro trasparente a battente, da utilizzare principalmente in ambienti secondari, come il bagno, hanno un costo che varia dai 250 euro ai 400 euro. Mentre le porte in vetro trasparente più economiche sono quelle da esterno muro, che si aggirano intorno ai 150/200 euro per la porta battente e intorno ai 300 euro per la porta in vetro scorrevole.  

Porta trasparente in vetro
Porta scorrevole a scomparsa collezione BISYSTEM by Garofoli

Le porte in vetro con un design specifico, caratterizzato da colorazioni e disegni vari, hanno un costo maggiore.

Le porte in cristallo sono nettamente più costose, prevedono dei costi di installazione molto alti, perché hanno elementi differenti rispetto alle tradizionali porte in vetro: la struttura della porta, stipite esterno e meccanismo.

17 Novembre 2020 / / Design Ur Life

La scelta del top cucina è molto importante perché influenza il risultato finale in termini estetici e pratici dell’intera cucina.

La cucina è l’ambiente più tecnologico e più complesso della casa. Esistono tante tipologie di cucina che ho già elencato qui. Infatti, fare la giusta scelta è molto importante. Nel post di oggi parlo del piano di lavoro. Ci sono tantissimi materiali per il top cucina, ognuno ha le sue caratteristiche. Le tecnologie permettono prodotti molto innovativi e di grande robustezza. In questo post voglio cercare di parlare delle caratteristiche di questi materiali ed elencare tutti i vantaggi e gli svantaggi. In base alle esigenze e il budget, poi sarà semplice individuare la soluzione più adatta.

Top cucina

Top cucina in pietra naturale

Marmo e granito sono pietre molto belle e sicuramente funzionale e resistenti. Infatti, queste pietre naturali eleganti e prestigiose, continuano ad essere molto apprezzate per la loro unicità.

Vantaggi:

  • Resistenti al calore.
  • Robusti e durevole nel tempo.
  • indicati per le cucine classiche e si accostano molto bene con i mobili di legno.

Svantaggi:

  • Non sono un materiale economico.
  • non sono impermeabili e sopratutto il marmo è molto poroso e va trattato con prodotti specifici. Vanno puliti subito se cadono gocce di caffè, il vino e tutto quello che può formare le macchie.
  • Quindi, manutenzione attenta e continua
Top cucina

Top in laminato

Un materiale molto usato per il top della cucina è il laminato, un materiale versatile con tanti i risvolti positivi.

Vantaggi:

  • È un materiale versatile, con una vasta scelta di finiture e i colori, in grado di imitare materiali come il legno e il granito.
  • È igienico e facile da mantenere pulito.
  • Resistente a urti e graffi.
  • Idrorepellente e non scolorisce con i raggi solari.
  • Si adatta con ogni stile
  • Ha un prezzo accessibile ai budget limitati.

Svantaggi:

  • Il calore può rovinare la superficie, quindi consiglio di non poggiarci sopra pentole oppure oggetti caldi.
  • Non è un prodotto monolitico

Laminato HPL

HPL, Hight Pressure Laminate, laminato stratificato ad alta pressione, è ottenuto per mezzo di una tecnica che permette di compattare e indurire in modo più incisivo, rispetto al laminato normale, il mix di più strati di carta impregnati dalle resine termoindurenti.

Vantaggi:

Ha tutti vantaggi del laminato, ma è più robusto, con migliori performance nei confronti del calore ed è resiste anche a temperature di 180°.

Svantaggi:

  • Non è un prodotto monolitico

Fenix, laminato con le nanotecnologie

Un materiale di ultima generazione è proprio Fenix, realizzato con le nanotecnologie che uniscono in modo innovativo a resine acriliche.

Vantaggi:

  • Ha una texture morbida e setosa con una superficie opaca.
  • Termo- riparazione: cioè, la possibilità di ripristinare l’integrità della superficie in caso di graffi o tagli grazie al calore. Basta un panno e passare il ferro da stiro sopra.
  • non rimangono impronte sulla superficie.
  • È antimuffa, antibatterico e antiriflettente.
  • È igienico e si pulisce facilmente.
  • Il fenix non è un prodotto pericoloso per la salute dell’uomo e può stare a contatto con gli alimenti.
  • Fenix grazie al contenuto di cellulosa può essere riutilizzato come recupero energetico, alla fine del suo ciclo di utilizzo, in inceneritori per i rifiuti urbani.

Svantaggi:

  • Non è un prodotto monolitico
  • Il Fenix ha una “direzione”, quindi se utilizzi lo stesso materiale sul piano bisogna stare molto attenti che chi progetta la cucina disponga la lamina nella stessa direzione. 

Quarzo o l’Okite

L’okite non è altro che una combinazione di materiali differenti: la componente principale è il quarzo, che troviamo presente in maggiori quantità, fino al 93%. Insieme a questo però nell’okite troviamo anche resina, poliestere e alcuni pigmenti naturali che servono a conferire al piano l’aspetto desiderato. La superficie che si può ottenere con l’okite vanta delle caratteristiche molto interessanti, non solo dal punto di vista estetico ma anche e soprattutto funzionale.

Vantaggi:

  • l’okite è resistente non solo ai graffi ma anche al calore e alle macchie.
  • Lunga durata e grande durezza, l’okite è 5 volte più forte del granito ed è quindi estremamente resistente.
  • facilità di pulizia: non necessita infatti di una manutenzione specifica
  • È un materiale impermeabile.
  • È un materiale ecosostenibile.

Svantaggi:

  • Non è un materiale economico come il laminato, ma rispetto ad una pietra naturale come il marmo e granito è molto più conveniente.

Il top cucina in Dekton

Una miscela di materiali tra cui vetro, quarzo, materiali ceramici, sono alla base del Dekton, costruito con una lavorazione chiamata Tecnologia di Sinterizzazione delle Particelle, cioè pressioni e temperature molto elevate che in pochi minuti realizzano modifiche metamorfiche negli elementi.

Vantaggi:

  • È ultra compatto, privo di difetti o porosità, il che lo rende igienico e impermeabile.
  • Risulta assai resistente a graffi, abrasioni, calore, macchie.
  • Non scolorisce.
  • non si lascia attaccare da impronte o aloni.
  • imita superfici di marmo, granito, quarzo e dispone di numerosi colori, finiture, misure.
  • Si lava con una spugna morbida e detergente liquido, asciugando subito dopo.

Svantaggi:

  • Il prezzo non esattamente accessibile.
  • Nonostante la sua durezza, una certa fragilità agli urti nelle zone degli angoli.
top cucina

Top cucina in acciaio inox

Il top da cucina in acciaio inox dà all’ambiente un’atmosfera professionale e solitamente lo consiglio a chi piace cucinare oppure nelle case degli chef.

Vantaggi:

  • resistente a urti, macchie, calore;
  • durevole nel tempo;
  • riciclabile al 100%;
  • facilmente lavabile;
  • integrabile perfettamente a lavelli e piani di cottura.
  • È garanzia di igiene, poiché non si lascia attaccare dai batteri e non arrugginisce, grazie alla notevole percentuale di cromo presente nella lega metallica di cui è formato.

Svantaggi:

  • Si riga facilmente, per cui attenzione a non trascinarci sopra oggetti e a non lavarli con prodotti aggressivi o detersivi in polvere.

Il top in ceramica e grès porcellanato

Vantaggi del top in ceramica:

  • Resistenza ai liquidi e agli sbalzi di temperatura.
  • Facilità di pulizia, con una semplice passata di un panno inumidito in acqua e aceto.
  • Durata nel tempo.
  • Vasta disponibilità in fatto di colori e decori.
  • Minori costi rispetto ai top in granito o marmo.

Svantaggi:

  • La superficie lucida che lo rende leggermente più debole rispetto a quelle opache, perché con il passare del tempo le abrasioni potrebbero vedersi.
  • Un altro punto debole lo troviamo sui frontali, negli angoli e tra le giunture di un top e l’altro.

Una soluzione che mette insieme gli stessi elementi della ceramica è il grès porcellanato, composto da argille, sabbie e minerali con l’aggiunta di pigmenti, un insieme che viene sminuzzato, polverizzato, compattato, pressato e lavorato ad alta temperatura fino a 1.200°C ottenendo per il top della cucina una superficie:

  • Molto resistente a graffi, usura, urti, calore e umidità.
  • Impermeabile all’acqua e alle macchie.
  • Non soggetta a muffe o funghi e che non scolorisce alla luce del sole.
  • Si pulisce con panno umido, intervenendo subito sullo sporco, e asciugando infine la superficie.

Svantaggi:

  • Non è un materiale ripristinabile
  • Gli spigoli fragili e si rompono facilmente
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è cucina1-1024x725.jpg
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Click-to-shop-e1443285989732.jpg

Nel prossimo post parlerò di Come scegliere il colore della propria cucina. Invece, se vuoi sapere le varie tipologie della cucina clicca qui e leggi questo post. Se vuoi una cucina con stile, leggi questo post.


Se l’articolo ti è piaciuto, è stato utile e hai trovato le informazioni che stavi cercando, allora condividilo utilizzando uno dei tasti qui sotto. Puoi anche iscriverti con la tua e-mail al blog per non perderti i post e seguirmi su Instagram , facebook e Pinterest per rimanere sempre aggiornato.


L’articolo Top cucina, come scegliere il materiale più adatto proviene da Design ur life blog.