3 Giugno 2019 / / News

Sempre più dettagli e installazioni stupefacenti si susseguono ad ogni sua edizione.
Sempre più talenti pronti far parlare di sè e anche tante riflessioni martellanti per chi, come me, si chiede se serva davvero disegnare o produrre l’ennesima sedia, il solito vaso etc.
Il tema Casa – Natura era praticamente ovunque e le piante protagoniste di tantissime installazioni che cercavano di trasformare gli ambienti interni in vere e proprie scenografie vegetali.
La sostenibilità si afferma e si impone come dato imprescindibile per un Designer o per un’azienda al giorno d’oggi, e sono tornata a casa con tantissime domande che sicuramente meritano risposte che non seguono solo i numeri, i fatturati o le esigenze del mercato.
Quest’anno però per me, vista la tendenza a far incontrare il Design orientale con quello Nordico,  è stato anche un susseguirsi di emozionanti colpi al cuore, giuro!!! Bellissimi e soprattutto ricchi di Poesia come mi piace pensare possa essere una Casa quando viene progettata con il cuore.
Ho raccolto non so quante millemila foto, e sicuramente questo è un riassunto poco esaustivo dei miei giorni milanesi, ma ho preso appunti e contatti importanti e quindi, più nel dettaglio, nel corso dei prossimi Post, approfondiremo moltissimi brand che mi sono piaciuti, promesso!
Intanto eccole per voi, alcune foto e collage pronti per lasciare traccia, anche qui sul blog, della mia gita pazzerella alla Milano Design Week 2019!!!
Enjoy it!!

Innamorata del tocco poetico di ARTEK 
L’essenzialità orientale di INAX per il mondo del Bagno
Il mio colpo al cuore – I progetti sostenibili di SUMITOMO FORESTRY GROUP 
Il minimalismo soft di NOOM
Arte e Ceramica di KOSE Milano
Il genio creativo di Patricia Urquiola per GAN Rugs
Palette colori morbissime nello stand incantevole di ARPER
Arredi meravigliosi by MINIFORMS
Dettagli ovunque :-)))
Il Lusso della comodità di ‘NDESIGN
Lo stile esotico e contemporaneo di MOS Design
Una Giungla urbana in casa – il Fuorisalone di TALENTI
Il bagno più stiloso del Mondo con EX. T

Lo showroom imperdibile di BOFFI – DEPADOVA in via Solferino 11
L’appartamento Parisian style di THE SOCIALITE FAMILY
La festa per gli occhi di NORMANN Copenhagen al Superstudio Più
Lo stand dal Concept fantastico by PEDRALI
PERFECT DARKNESS il Mondo incredibile creato da ELISA OSSINO insieme a Josephine Akvama Hoffmeyer
in occasione del lancio di H + O nuovo brand di ceramiche

La SLOW COLLECTION DI TINE K HOME

13 Maggio 2019 / / Design

Alla MDW 2019, una grande mostra ha raccontato al pubblico internazionale il talento creativo di Barcellona e la sua capacità di produrre un design di eccellenza, in cui si armonizzano funzionalità, emozione e i valori della capitale mediterranea. 

Una parete sinuosa di moduli in cotto, ritmata da anse arredate con sedute outdoor e vasi riempiti con erbe aromatiche: ecco il “biglietto da visita” di “Inspired in Barcelona: Mediterranean Design”, il progetto – promosso da Catalonia Trade & Investment, Ajuntament de Barcelona e organizzato da BCD Barcelona Centre de Disseny con la partecipazione di Habitat Cluster Barcelona – che ha portato alla Milano Design Week il meglio del design catalano.

Dal monumentale portone del palazzo ottocentesco di via Dante 14, infatti, si poteva scorgere l’iconica installazione curata da Emiliana Design Studio e realizzata da Ceramica Ferrés, ideata per anticipare i temi “Warm, Diverse, Open ed Emotional” attraverso i quali la mostra – articolata in due differenti sezioni -, ha trasmesso a oltre 10.000 visitatori lo spirito più autentico di Barcellona, con il suo inimitabile lifestyle e la straordinaria vivacità creativa.

Sì, perché la capitale mediterranea è un territorio sempre più affermato come distretto di riferimento mondiale nel settore design e se la scultorea scenografia di ingresso ha “acceso” la sua energia progettuale, i circa 100 prodotti di 50 aziende, presentati nei due ambiti espostivi, l’hanno fatta letteralmente esplodere: dalle mattonelle per la pavimentazione urbana agli sgabelli tipici da bistrò per gli spazi esterni, sedute per le aree lounge di uffici e alberghi, lanterne ricaricabili da usare nel proprio giardino, complementi per la sfera domestica, sino a materiali, tessuti e finiture per interni, è stato ricreato un vero e proprio spaccato concettuale della città e dei suoi valori.

Da un lato, l’allestimento curato da Emiliana Design Studio per BCD – Barcelona Centre de Disseny ha delineato in modo astratto, attraverso un percorso tra prodotti di differenti tipologie, gli spazi urbani, pubblici e residenziali. Brand celebri in tutto il mondo – come Nanimarquina, Kettal, Santa & Cole, Vibia, Mobles 114, BD Barcelona -, affiancati a marchi meno conosciuti e a un collettivo di giovani designer, hanno infatti tracciato la mappa di una Barcellona ricca di contrasti, sempre in equilibrio  tra tradizione e innovazione, concretezza e originalità, capace di rivisitare il linguaggio mediterraneo, senza perderne le regole decorative, le forme essenziali, i colori.

Dall’altro, il layout espositivo di CODIC – Col.legi de Dissenyadores d’Interiore i Decoradors de Catalunya per Habitat Cluster Barcelona si è offerto invece come un laboratorio sperimentale complementare, dove i visitatori hanno potuto respirare le finiture, i materiali più innovativi, i tessuti per l’arredamento e gli accessori indispensabili per completare un progetto, sempre improntati alla matrice comune di “mediterraneità”.

Tre differenti step espositivi, insieme a un centinaio di prodotti e il coinvolgimento di 50 brand, sono stati quindi chiamati a sintetizzare in un’unica grande mostra la complessità culturale della capitale catalana e la sua straordinaria vocazione al design, che ha catalizzato alla Milano Design Week l’attenzione di un’ampia platea internazionale.

www.inspiredinbarcelona.com

L’articolo Inspired in Barcelona: oltre 10.000 visitatori per il meglio del design catalano al Fuorisalone proviene da Dettagli Home Decor.

27 Aprile 2019 / / Design

Alla 58° edizione del Salone del Mobile, Lapalma ha presentato LAPALMA SPACES, un’esposizione di oltre 500mq dedicata a una collezione di arredi che si snoda attraverso diversi scenari, accompagnandoci nei molteplici ambienti e momenti che attraversiamo durante la giornata: dalla casa all’ufficio, durante il pranzo, nei momenti di pausa o relax, in aeroporto o davanti alla TV.

Un universo progettuale dove le differenti proposte, dotate di una propria unicità o pensate per un determinato contesto, dialogano tra loro pronte a farsi sistema, per vestire di misurata eleganza o gioioso colore ogni ambiente. Arredi italiani per la maestria artigiana delle lavorazioni e internazionali per l’essenzialità delle linee e dei disegni, pensati per gli spazi Lounge, Light Office, Home e Café di Lapalma, a cui oggi si aggiunge l’Outdoor, conferma luminosa e fresca di uno stile riconoscibile.

L’Outdoor innanzitutto, immediatamente riconoscibile poiché accolto all’interno di una vera e propria serra. Leggera e trasparente, con profili sottili, questa struttura si posiziona lungo tutta la parete di testa dello stand e si apre al centro per invitare i visitatori alla scoperta del mondo Lapalma.

Al suo interno due nuovi prodotti, espressamente pensati per l’outdoor, si combinano elegantemente con elementi già in collezione, proposti in una versione consona all’utilizzo in esterni o ripensati per garantire una elevata resistenza agli agenti atmosferici.

Tra le novità, IDA, la sedia disegnata da Anderssen & Voll, una rilettura contemporanea della classica seduta da caffè, sorprendente nell’incontro tra il metallo sinuoso della struttura e la trasparenza di una mesh in 3D che accoglie con naturalezza.

Nuovo anche il progetto che amplia la famiglia del PANCO, il sistema modulare di tavoli di Romano Marcato che organizza gli ambienti secondo le necessità spaziali. Si rinnova l’accostamento materico metallo-legno, ma cambiano le dimensioni e con esse la funzionalità del tavolo che, grazie ad un piano più ampio e ad una altezza ridotta, ospita comodamente una panchina realizzata negli stessi materiali, ideale completamento di una proposta outdoor dallo spirito conviviale.

Accanto alle novità, alcune proposte di Lapalma che da indoor si spostano outdoor, grazie ad un’attenta selezione e ricerca sui materiali e i rivestimenti.

Non solo Outdoor. Il Salone del Mobile è altresì l’occasione per presentare il risultato di una indagine progettuale che ha portato Lapalma ad esplorare differenti mondi e a mettere a punto proposte puntuali ad essi dedicate: Home, Office e Café.

Al Salone del Mobile una proposta completa, pronta ad arredare tutti gli spazi e a personalizzare la nostra giornata con l’elegante linearità e lo stile tutto italiano di Lapalma. E l’avvio di una nuova stagione, chiamata Outdoor.

L’articolo Il mondo Lapalma si arricchisce di un nuovo spazio: l’outdoor proviene da Dettagli Home Decor.

23 Aprile 2019 / / News

Le tendenze del Salone del Mobile di Milano 2019: cosa si è visto e cosa aspettarsi per il prossimo futuro nel campo dell’arredo casa.


Il Salone del Mobile di Milano è ormai finito da un paio di settimane ma continuiamo a parlarne e guardarne le immagini per cercare di capire quali siano le effettive tendenze che vedremo nel prossimo futuro.

Non tutto quello che viene proposto infatti prenderà piega nella vita di tutti i giorni. Ci sono però delle grandi tendenze (di cui avevamo già sentito il profumo nell’aria) che sicuramente troveranno terreno fertile.

Ne ho viste quattro molto interessanti.

Le tendenze del Salone del Mobile di Milano: a tutto colore

Addio colori pastello e neutri: il tempo della timidezza nell’uso dei colori è finito. Si osa con colori coraggiosi e pieni, che danno subito un carico di energia. Si va dal blu cobalto al malva.

Anche le accoppiate azzardate in realtà funzionano: pareti grandi protagoniste di allestimenti che attirano l’attenzione. Ma anche arredi dai materiali eco-sostenibili ed innovativi che vengono proposti in più colori. Interni assolutamente all’insegna della creatività e dell’estro.

Tendenze del Salone del Mobile: lo stand di SCAB Design
SCAB Design

Le tendenze: forme geometriche e rigore

Il tempo degli arredi ispirati alle forme organiche è lontano e si è tornati al rigore e alle forme geometriche. Sperimentazioni di forme sia negli arredi che nei complementi, che diventano così pezzi scultorei.

Elementi si funzionali, ma assolutamente d’enfasi: vere e proprie dichiarazioni di stile. In molti casi l’anniversario della Bauhaus ha sicuramente avuto un ruolo importante della progettazione di quello che abbiamo visto. Un ritorno alla progettualità ragionata che coniuga funzione ed estetica.

Tendenze del Salone del Mobile: le collezioni di FABBIAN
FABBIAN

Le tendenze del Salone del Mobile di Milano: gli splendidi anni ’50 sono tornati a salutarci

Gli anni ’50 e i grandi maestri del Design non smettono di ispirare ed insegnare. La ricerca che deve dare risposte a domande che molto spesso non sono ancora state fatte. Il continuo spostare l’asticella più in alto per trovare materiali e forme sempre più performanti.

Ma anche prodotti che suscitino emozioni, evocando memorie specifiche. Tanti aspetti che continuano ad esserci anche ai nostri giorni e che danno vita ad oggetti davvero speciali.

Tendenze del Salone del Mobile: tappeti e pouf MOHEBBAN Milano
MOHEBBAN Milano

Addio Minimalismo, benvenuto Massimalismo

Se c’è un trend su cui tutti possiamo essere d’accordo è proprio questo. Il tempo del minimalismo sembra proprio essere tramontato. Ambienti carichi di stimoli, con differenti materiali e texture che dialogano tra loro.

Un eclettismo non solo estetico e stilistico, ma anche tecnico a volte. Vetro e metallo, oro ed essenze pregiate di legno. Non c’è limite alle combinazioni, purché siano pensate con attenzione e creino unità ed armonia in un interno.

Il solo limite è la creatività.

Tendenze del salone del Mobile: lo stand Covet House.
Covet House
Pronto a diventare un esperto dell’interior design?

Rispettiamo la tua privacy.

L’articolo Le tendenze del Salone del Mobile di Milano 2019: i trend del futuro sembra essere il primo su Benvenuti sul mio blog dove l’interior design è reso facile.

17 Aprile 2019 / / +deco

Ero a Milano la settimana scorsa e come al solito ho visto molte bellissime cose ma anche la riconferma di alcune tendenze.

Questa è la mia lista di trend per la casa del 2019, dedotta da questa edizione de ISaloni.

DIVANI TONDEGGIANTI

Avevo già previsto che i divani tondeggianti sarebbero stati un grande trend nel 2017 ma probabilmente allora il mondo non era ancora pronto per questo cambiamento. Ci è voluto un pò prima che il mercato e la gente si aprisse a questa nuova tendenza. A

Al Salone del Mobile quest’anno Adrenalina , un marchio tutto orgogliosamente italiano, aveva per me i migliori esempi: fatti bene, comodissimi e originali.

Bigala di Roberto Giacomucci è un nido perfetto e viene anche con una presa elettrica e attacco usb e un tavolino.

Bixib di Luca Alessandrini cambia prospettiva a seconda dell’angolo in cui la guardi; la base è fatta di un sensuale mix di seta e bioresina.

LAMPADE DA MURO

Le lampade da muro che offrono illuminazione d’ambiente -quelle che probabilmente ti ricordi da casa di tua nonna- sono tornate di moda.

Si presentano oggi con nuovi geometrici, sexy design e con nuove efficienze.

Sono perfette in corridoi ed ingressi.

Nemo ha due modelli che mi piacciono molto, lineari ma d’effetto.

Wall Shadows di Charles Kalpakian:

E Tubes di Charles Kalpakian:

WICKER CHAIRS

Nel 2019 vedremo il ri-affermarsi di materiali naturali, specialmente il legno.

Il vimini vivrà una nuova gloria e le sedie di vimini torneranno ad arredare le nostre case ma in nuove, divertenti, forme.

Lisetta di Elena Salmistraro per Bottega Intreccio è affascinante e funky allo stesso tempo. I quattro cuscini, poi, in quattro differenti toni sono il tocco di classe.

Fratelli Boffi 5610/C LUI 5-A più che una poltrona è un trono.

Viene in diverse finiture.

CERAMICHE VERSATILI

Le ceramiche versatili possono essere mischiate e combinate per ottenere dei disegni unici, o quasi.

Le ceramiche versatili sono generalmente monocromatiche e si trovano di diverse misure. L’idea viene (ancora una volta) dal passato; basti pensare ai pavimenti di fine Ottocento o inizio Novecento.

Queste ceramiche possono essere associate per colore o forma e possono essere montate orizzontalmente o verticalmente in alcuni casi.

Micro ad esempio offre una varietà di ceramiche e mosaici micro che possono essere liberamente accostati; vengono poi venduti in blocchi.

Visita il sito di Micro per capire in pieno la varietà di possibilità che questi prodotti ti offrono.

The post I trend per gli interni 2019 (come visto a Milano) appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

9 Aprile 2019 / / GiCiArch

Ci siamo! Da oggi 9 Aprile fino a Domenica 14 potremo visitare il Salone del Mobile di Milano presso il polo fieristico Rho. L’evento è articolato in più saloni sviluppati attorno a temi ben precisi che prevedono la partecipazione di moltissime aziende.

Per avere infomazioni dettagliate sul salone del Mobile 2019 vi invito a visitare il sito ufficiale. La Milano Design Week prevede tantissimi eventi organizzati per il Fuorisalone e distribuiti in varie aree della città.

Ci sarò anche io e, come ogni anno, andrò alla ricerca di nuovi spunti e idee, raccoglierò informazioni sulle nuove tendenze riguardanti il mondo della casa e dell’arredamento. Infatti la Milano Design Week è una grande occasione per osservare tutti i cambiamenti e le innovazioni che riguardano il mondo dell’interior design, settore in continua evoluzione che cerca di rinnovarsi continuamente seguendo le innovazioni tecnologiche e modificando il modo di vivere la casa sfruttando in maniera sempre più razionale gli spazi.

Ecco come si sviluppa il Salone del Mobile 2019:

Salone Internazionale del Mobile
La più grande ed importante esposizione che raccoglie le novità del settore arredo-casa. Il punto di riferimento per gli addetti del settore di tutto il mondo, lo scorso anno sono stati registrati 300.000 visitatori.

Salone Internazionale del Complemento d’Arredo
Trova spazio all’interno del Salone Internazione del Mobile, nella Fiera Milano a Rho, si tratta di una particolare esposizione, nata nel 1989. Sono previsti 250 espositori suddivisi in circa 10 mila metri quadri dedicati a varie tipologie di prodotti tra i quali oggettistica, decoro e tessili.

EuroLuce
Si tratta della più importante esposizione dedicata al settoe Luce, è possibile trovare tantissime idee e novità riguardo agli apparecchi luminosi in ambito residenziale, negozi, uffici, hotel oltre che software per lo studio della luce.

SaloneUfficio
Si tratta di un evento collaterale del Salone del Mobile, dedicato al tema dell’ambiente di lavoro, in particolare proporrà un nuovo modo di progettare lo spazio.

SaloneSatellite
E’ una grande lente di ingrandimento che mette in risalto i giovani designer, dà loro la possibilità di espimere le loro capacità ed il talento, esponendo il loro lavoro e dandogli la possibilità di creare nuove sinergie lavorative e nuovi contatti con imprenditori e talent scout presenti a Milano in occasione dei Saloni.

Mappa del Salone del Mobile 2019

Come sono suddivisi:

  • Salone Internazionale del Mobile e Salone del Complemento d’Arredo
    1-2-3-4-5-6-7-8-10-12-14-16-18-20
  • EuroLuce
    9-11-13-15
  • Workplace3.0/SaloneUfficio
    22-24
  • SaloneSatellite
    Adiacenze ai padiglioni 22-24

Oltre al Salone sono veramente tanti gli eventi distribuiti in varie aree della città, da Via Tortona al nuovo distretto di ventura centrale. Sono oltre 1270 gli eventi presenti nel calendario del Fuorisalone, ho selezionato per voi i più interessanti!

Lego e architettura

L’appuntamento per chi come me ama i fantastici mattoncini Lego è per il 12 Aprile, davanti alla vetrina del Lego Certified Store di Piazza San Babila. Sarà presente l’artista italiano Riccardo Zangelmi, Lego Certified Professional, che realizzerà un modello in scala 1:20 della Unicredit Tower di Piazza Gae Aulenti! Dalle 17:00 alle 22:00 Venerdì 12

Design, software e sostenibilità

Si chiama Design in the Age of Experience ed è l’idea di Dassault Systèmes per il Fuorisalone. L’intallazione mostra come le scoperte e le innovazioni tecnologiche possano migliorare la nostra vita nelle attività quotidiane nel modo di utilizzare l’energia. E’ visitabile presso il SuperStudio Più di via Tortona 27. Il progetto nasce dalla collaborazione con lo studio di architettura Morphosis e gli architetti Kerenza Harris ed Eric Meyer. Viene immaginato un mondo più forte, econosotenibile e capace di rigenerarsi autonomamente, si vuol dimostrare che il design thinking può effettivamente modificare e migliorare, rivoluzionandolo, l’ambiene urbano odierno.

Il Coffee Club di Lavazza e Gufram

Dal 9 al 14 Aprile consiglio di visitare lo spazio allestito negli ex-magazzini di Ventura Centrale. Si tratta di un club metropolitano caratterizzato da arte e votato al caffè in occasione della presentazione la nuova macchina in edizione limitata Deséa Golden Touch by Gufram. Lo spazio è stato pensato proprio riprendendo le forme sinuose della nuova icona Lavazza. Nato dalla collaborazione con il celebre marchio di design, il nuovo coffe club temporaneo, è uno spazio suggestivo ed elegante. La sera sarà possibile gustare un buon caffè con accompagnamento musicale curato da Apollo Milano.

Ca’Ventiquattro, gli arredi ospitali

Tra le tappe che ho evidenziato per il Fuorisalone c’è Ca’ Ventiquattro, un progetto innovativo, fresco e giovane. Si tratta di un appartamento di circa 70mq, in via De Castillia, prorio al numero 24, composto da una zona centrale studiata per il dialogo e la convivialità, due camere da letto e due bagni. Nato dalla collaborazione tra la committenza, l’architetto Roberta Borrelli di MAKEYOURHOME STUDIO e le aziende che hanno contribuito con i loro arredi, il progetto è una sintesi tra una vera abitazione milanese anni ’30 ed un Boutique Hotel, nel cuore della città. All’interno è presente anche Hiro, un’azienda italiana che offre ai giovani designer la possibilità di produrre e vendere le loro creazioni che proprio grazie a Ca’ Ventiquattro potranno esporre durante la Milano design week 2019

https://www.salonemilano.it/

5 Aprile 2019 / / La Gatta Sul Tetto

Durante la MDW la città si popola di installazioni sempre più coinvolgenti e spettacolari, per veicolare messaggi o mettere in valore prodotti e progetti.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone
Maestà Soffrente – Gaetano Pesce per B&B Italia

La MDW è ormai l’evento più importante al mondo non solo per il design. Architettura, arte, fashion, food, tecnologia si incontrano per offrire esperienze sempre più coinvolgenti per il pubblico. Lo scopo è quello di mettere in valore i prodotti proposti dai brand, attirando più visitatori grazie a installazioni spettacolari.

Vediamo, a grandi linee, quali sono le installazioni da vedere durante la MDW 2019:

Raytrace – Benjamin Hubert per Cosentino

Sotto la Stazione Centrale, in via Ferrante Aporti 27, il gruppo spagnolo Cosentino presenta l’innovativo Dekton®, un materiale estremamente resistente e flessibile. Benjamin Hubert, dell’agenzia di design LAYER ha progettato un tunnel nel quale i visitatori avranno l’impressione di camminare sott’acqua.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone
Courtesy of Cosentino & LAYER

MateriAttiva – SOS – School of Sustainability e lo studio Mario Cucinella Architects per Iris Ceramica Group

Nella prestigiosa location di via Balzan/via San Marco, nel ditretto di Brera, l’azienda leader nella produzione di grès porcellanato Iris Ceramica Group presenta gli innovativi materiali realizzati con la tecnologia ACTIVE Clean Air & Antibacterial Ceramic™ in una grotta, progettata da SOS – School of Sustainability e dallo studio Mario Cucinella Architects.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone

DesignByGemini – The Pool Club

Un’installazione interattiva ispirata alla Miami degli anni ’90, con palme e colori fluo accoglierà i visitatori in un container in Piazza XXV Aprile. All’interno, gli arredi e gli elementi creati dalle designer Elena e Giulia Sella, fondatrici dello studio, e una piscina riempita di palline rosa nella quale il pubblico potrà scattare foto e stamparle in tempo reale.

MDW 2019 le installazioni da vedere al Fuorisalone

Maestà Soffrente – Gaetano Pesce per B&B Italia

Nel 50° anniversario dell’iconica poltrona UP 5 & 6 disegnata da Gaetano Pesce, l’azienda B&B installa in Piazza Duomo la sua versione gigante, trafitta da frecce: un messaggio che vuole sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne.

Interstellar – Dimore Studio

L’eclettico duo Emiliano Salci e Britt Moran, titolari del celebrato Dimore Studio, presentano la loro nuova collezione Interstellar in via Pietro Mascagni 8.

An Extraordinary World -Marc Ange

Il designer franco-italiano Marc Ange trasformerà gli spazi di Palazzo Cusani, in via Brera 15, in un mondo onirico costellato di installazioni straordinarie, tra le quali una nuova versione del celebre Le Refuge: Le Refuge de La Nuit.

Les Arcanistes – Studiopepe

Studiopepe promette una nota di misticismo nella sua installazione Les Arcanistes, che esplora il rapporto tra la materia e il potere archetipico dei simboli. Prodotti su misura e riedizioni saranno esposti in uno spazio inedito che un tempo ospitava un’officina per la produzione di oro nel 1900. In via Garofalo 24.

Vi lascio alcuni link per approfondire le informazioni:

2019.breradesignweek.it/it/

fuorisalone.it/2019/it/percorsi/zone-del-design

fuorisalone.it/2019/it/percorsi/percorsi-tematici

I miei articoli-anteprima:

mdw 2019 il design sostenibile è a lambrate

mdw 2019 focus su tortona district


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

3 Aprile 2019 / / Easy Relooking

READ IN ENGLISH

Ca’ Ventiquattro rappresenta non solo un evento del Fuorisalone 2019, che da tempo avevo segnato sull’agenda, ma anche un progetto di successo che apre le porte durante la Milano Design Week.

Per questo voluto approfondire, facendo alcune domande all’architetta che ha ideato e seguito il progetto. 

Cos’è Ca’ Ventiquattro

Ca’ Ventiquattro è un appartamento di circa 70mq, vicinissimo al Bosco Verticale. Se vuoi visitarlo, puoi scendere alla fermata Gioia della metro, sulla linea verde e dirigerti in via De Castillia, al numero 24 appunto.

La casa si presenta con una zona centrale dedicata alla convivialità, due camere e due bagni.

Perché lo considero un progetto di successo e innovativo

Si tratta di un progetto che vede come interlocutori:

  • due committenti che acquistarono l’appartamento a scopo di investimento
  • l’Arch. Roberta Borrelli, titolare di MAKEYOURHOME STUDIO
  • le aziende partner che hanno contribuito con i loro arredi

E’ un successo perché tutte queste figure possono ottenere una positiva pubblicità aprendo le porte durante il Fuorisalone di questo appartamento che poi sarà un vero e proprio Boutique Hotel.

Un Boutique Hotel per quei turisti amanti del design che vogliono rivivere una vera abitazione milanese stile anni ’30, soggiornando nel cuore della città.

Quando ho conosciuto i clienti, avevano già in mente di realizzare un bnb. Poi io ho elaborato il progetto e trasformato in qualcosa di più grande e interessante da presentare al Fuorisalone“, spiega Roberta. “Un win-win per tutti, anche per le aziende che hanno deciso di sponsorizzare con i loro prodotti“. 

L’idea è quella di coniugare il comfort di un ambiente domestico con le caratteristiche di un Boutique Hotel.

Il concept e i tempi di progetto

I clienti volevano un arredo che si ispirasse al passato, e Roberta ha trovato negli anni ’30 la scelta che l’ha ispirata al meglio. 

I clienti volevano che fosse quasi tutto Made in Italy e in Brianza ho trovato molte aziende che mi hanno ispirato“.

I tempi di progetto sono stati rapidi: i clienti han contattato Roberta a Settembre.

A Dicembre avevamo chiuso il concept, il progetto e il budget” aggiunge Roberta.

E ora, dall’8 Aprile, le porte dell’appartamento si aprono ufficialmente per la Milano Design Week!

 

 

 

L’articolo Ca’ Ventiquattro: ritorno agli anni ’30 nel cuore di Milano proviene da easyrelooking.

3 Aprile 2019 / / La Gatta Sul Tetto

Il design sostenibile, l’industria e la creatività saranno protagonisti nel Lambrate District durante la MDW 2019.

MDW 2019 design sostenibile Lambrate
Scuola Mohole//Ph Simone Furiosi

Oggi focus sul distretto di Lambrate e sui principali eventi previsti durante la Settimana del Design di Milano. Nonostante la partenza, già dal 2018, di due protagonisti di peso come Ventura Project e Ikea, il distretto continua ad attrarre news entries sia italiane che internazionali.

Ecco una panoramica su alcuni eventi :

Din-Design In

Appuntamento fisso da 7 anni, la collettiva Din-Design In organizzata da promotedesign.it nell’iconico spazio di via Massimiano 6 / via Sbodio 9, accoglie, brand innovativi, young label e marchi storici per mostrare il meglio del design contemporaneo. La visita dell’ex capannone industriale è sempre fonte di meraviglia per le audaci sperimentazioni, l’ironia e la freschezza dei progetti proposti sui temi del design sostenibile. Anche quest’anno verrà allestita l’area dedicata al relax e allo street food, per una piacevole sosta.

MDW 2019 design sostenibile Lambrate

Hotel Regeneration

Mi ha incantata l’anno scorso, e scopro con piacere che presto assaporerò il bis di questa mostra-agorà, dedicata alla dimensione Social.

Accanto agli ambienti futuristici e hi-tech immaginati dall’architetto Simone Micheli per Officina Ventura 14, spicca l’avanguardistico recupero della zona bagno, fruibile anche dopo la conclusione della MDW.

Per tutta la settimana, lo spazio sarà animato da un ricco programma di convegni, speech e meeting intorno al mondo del design e dell’hospitality.

MDW 2019 design sostenibile Lambrate hotel regeneration

Convent suites Renaissance 2.0

Nello studio dell’Architetto Simone Micheli in via G. Ventura 6, si potrà ammirare il progetto di due suite immaginate per l’ex Convento Seicentesco nella Fattoria di Maiano di Fiesole. Attraverso le installazioni interattive il pubblico potrà visitare le due suite virtualmente.

MDW 2019 design sostenibile Lambrate

Colour Match

Per chi ama i colori come me, l’evento organizzato da NCS Colour Centre Italia potrebbe essere interessante. Per farvi un’idea, NCS è l’acronimo di Natural Colour System®©, un sistema messo a punto in Svezia negli anni ’60 che ordina i colori in base a come sono percepiti. Come per Pantone, NCS è uno strumento utile per progettisti e creativi. Nel cortile di Via Ventura 6(b), presso la Galleria Monopoli, vedremo 15 opere cromatiche esposte in una scatola bianca.

Non fare il barbone… vieni al Fuorisalone!

Organizzata da DommDeMilan, la mostra Case molto milanesi mette in scena la casa dei sogni. Sono molto incuriosita di visitarla perché, attraverso una serie di risposte a domande specifiche degli organizzatori, ho partecipato alla progettazione della casa dei sogni. In via Massimiano 25.

Fuorisalmone

Sempre in via Massimiano 25, espongono i designer “controcorrente” di Fuorisalmone, un network che crea sinergie tra i creativi e le aziende.

Questi sono solo alcuni dei numerosi eventi in programma a Lambrate. Per approfondimenti vi invito a visitare il sito del distretto di Lambrate e il Fuorisalone Magazine.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi, riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog, e la guida Interior Trends 2109 in regalo. Basta cliccare sul link qui sotto e inserire il tuo indirizzo e-mail:

2 Aprile 2019 / / Design tra le Righe

Chi mi segue da anni sa bene che per la zona del Brera Design District ho una particolare propensione. È il distretto a cui dedico ad ogni edizione tanto tempo rispetto ad altre parti della città e della fiera (che visito sempre ma mi priva dell’effetto a sorpresa che il fuori salone invece mi regala).

Proprio nel cuore di Brera a fianco della meravigliosa Chiesa di Santa Maria del Carmine vi segnalo un evento che vede coinvolte due importanti realtà italiane nel segmento dell’arredo bagno: Ideagroup e Rubinetterie Treemme.

Dal 9 – 14 aprile 2019 in Via del Carmine 11 a Milano | Brera Design District l’installazione Riflessi Materici racconterà un nuovo modo di vivere l’ambiente bagno.

Matericità, innovazione, colore e design in uno spazio emozionale ed evocativo.

L’evento Riflessi Materici è ideato per esprimere una visione innovativa dell’ambiente bagno, attraverso moderne prospettive che mettono in evidenza l’elemento materico che si trasforma e si evolve nel tempo.

L’allestimento racconta una nuova esperienza sensoriale tra suggestioni scenografiche che vedono protagoniste esclusive collezioni delle due aziende, alcune realizzate ad hoc per questo evento.

Entrambe le realtà rappresentano un’eccellenza nel settore arredo bagno e in occasione del fuori salone 2019 si sono unite per sostenere e dare maggiore visibilità alla qualità della produzione made in Italy.