Non Ditelo all’Architetto






 
 
 

Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, Non Ditelo all'Architetto

Arriva la primavera e con essa la Pasqua, due eventi accomunati a mio parere dai bellissimi rami di pesco in fiore

albero di pasquaghirlanda pasquale composizione pasquale con rami di pesco e conigli di ceramica.

cocktail pasquale

Cocktail pasquale!

centrotavola pasquale

tenere decorazioni per il pranzo di pasqua
albero di pasqua

Interpretazione romantica e moderna dell’albero di Pasqua

Graziosi rametti di fiori di pesco per composizioni pasquali… e non! Li trovate QUI

Il pesco, oltre ad essere legato all’immaginario decorativo della Pasqua, suggerisce anche atmosfere orientali ed, infatti, non tutti lo sanno, il pesco è originario della Cina!

Nasce come pianta selvatica e solo nei secoli è stato addomesticato; secondo me mantiene in sè la bellezza delicata, romantica e selvaggia della sua natura ed è davvero uno degli alberi dai fiori più belli, ancora più affascinanti quando composti in rami.

Un tè alla pesca in stile orientale con le tazza in porcellana dipinta a mano che trovate QUI
e QUI

carta da parati

Carta da parati “Sakura”, Collezione Natural Instinct su mycollection.it

decorazione

profumo d’oriente con le lanterne in di carta ed i fiori di pesco riprodotti su rametti secchi con carta velina rosa pallido. Piegate un quadrato di carta velina lungo la diagonale 3 volte così da ottenere un triangolino. Ritagliate con le forbici una forma a goccia, aprite il triangolino e voilà, il fiore è pronto. Realizzane diversi e applicali sui rami con colla a caldo.

olio su tela

Classica decorazione ad olio su tela in stile orientale con uccello su dei fiori di pesco.

stickers fiori di pesco

Di Ling@ fiori di pesco sticker da parete in pvc, disponibile QUI

I rami di pesco vengano usati in particolare per le decorazioni pasquali perché proprio in quel periodo, di solito, sono in piena fioritura gli alberi, che con i loro meravigliosi fiori sono particolarmente rappresentativi della primavera e del concetto di rinascita.

Il fiore di pesco è una decorazione particolarmente amata anche dallo stile shabby , che lo usa per composizioni d’arredo spesso utilizzando brocche e vasi di vetro , metallo o ceramica, o come stampa, stickers e decorazione per pareti e tessuti.

 

Composizioni di rami di pesco in contenitori di vetro

composizione shabby

Composizione in stile shabby in vaso dimetallo zincato

Rami di pesco in contenitori di ceramica.

ghirlanda shabby

Bellissima ghirlanda shabby perfetta non solo per la Pasqua ma per tutta la primavera.

Stickers ai fiori di pesco per tutti i gusti e tutti gli ambienti. In alto a sinistra decorazione della giapanese e korean collection che trovate su degournaycom di seguito una graziosa decorazione per la cameretta disponibile su http://www.stikid.com. In basso a destra stickers con rami di pesco ed uccelli disponibile QUI ed in fine romantica decorazione in camera da letto con lo stickers di Decoidea

stampa su tela

Una bella stampa 70x50cm rafigurante profumati fiori pesco disponibile QUI

carta da parati

Ha il sapore shabby questa bellissima carta decorativa paper Moon prfetta per rivestire mobili e cassetti o fare piccole decorazioni. fogli da 50x70cm disponibili QUI

completo letto shabby

Completo matrimoniale con fiori di pesco, per notti romantiche! Disponibile QUI
stickers shabby

Un allegro albero in fiore disponibile QUI
in due colori a soli 7.99€

Si tratta di un tema molto romantico e forse un po’ femminile, anche perché la maggior parte delle volte declinato nei colori rosati, ma se ne trovano anche versioni in bianco e delle bellissime interpretazioni contemporanee come quelle della carta da parati di Inchiostro Bianco.

minimale e contemporaneo

Composizione minimale, contemporanea, con ramo di pesco.

art

Dipinto realizzato su pannello ligneo ed impreziosito da cristalli Swarovski by superopera

carta da parati moderna fior di pesco

Carta da parati “Natzumi” di Inkiostro bianco, evocazione del giappone  

Cuscino in cotone bianco con motivo di fiori di pesco di Coin casa,  perfetto per armonizzare un salotto contemporaneo total white e dare un tocco di colore.

Una bella tovaglia per portare la primavera in casa in modo fresco e giovane, la trovate http://www.unicj.com

Molto blla la carta da parati con fiori di pesco bianchi su sfondo grigio nuvolato di domusarrdilissone

Un quadro fresco, moderno e primaverile che raffigura un ramo di pesco in fiore per portare la primavera in casa. Lo trovate QUI, 152x78cm.

Parure matrimoniale in bianco per il letto di primavera. Disponibile QUI

Il color pesca è una variante molto speciale del colore rosa, ricercata, elegante ed originale, adatta anche a chi non ama particolarmente questo colore; perfetta per creare atmosfere speciali, calde, accoglienti e ovattate.

Bellissimi gli arredi declinati in questo colore dal gusto bohemien, molto decorativi e che certamente non passeranno inosservati. Possiamo decidere di dipingere in questa tonalità un vecchio mobile e farlo rinascere a nuova vita proprio come ci insegna lo spirito della primavera e della Pasqua.

cameratta rosa pesca

Il rosa pesca è il colore perfetto per rinnovare gli arredi della cameretta delle nostre piccole principesse, più elegante e ricercato del rosa confetto.

 

Rosa pesca, più intenso o meno inteso, per ogni ambiente della casa, dalla camera da letto alla cucina.

Classico o moderno, tutti gli ambienti si sposano bene con il color pesca.  

Gli arredi rinasco a nuova vita, eccentrica, briosa e piena di gioia, con una mano di pittura color pesca.

Un piccolo ambiente minimale reso speciale dal colore.

Romantico, raffinato, elegante e speciale, è il rosa pesca, iol colore che stavamo cercando per la nostra casa.

Un abbinamento moderno? Il rosa pesca con il grigio, a dir poco perfetto!

Anche gli elementi archittetonici come una scala o la facciata della nostra casetta possono diventare speciali con un tocco di rosa pesca.

Bellissimo il pesca sugli elementi in velluto che richiamo ancora di più la trama del frutto.

In fine, questo tema è proprio perfetto per un matrimonio, con la sua fresca delicatezza, il romanticismo e il “candore” che gli appartiene; decorazioni per la chiesa, la tavola, torte, bouquet, il color pesca e i bellissimi fiori potrebbero essere la caratteristica che stavate cercando per rendere il vostro matrimonio unico!

 

Matrimonio in rosa pesca per lei e per lui. A destra cravattino by design Tie, lo trovate QUI

matrimonio rosa pesca

decorazioni.

matrimonio rosa pesca

La torta

matrimonio rosa pesca

Il rosa pesca è di certo uno dei colori più adatti al giorno del matrimoniomatrimonio rosa pesca

Suggestioni.
matrimonio rosa pesca

La tavola.

Semplici decorazioni che diventano magiche con il color pesca. A destra lanterna giapponese di carta color pesca diametro 35cm disponibile QUI a 3.59€

Tulle e nastro di raso color pesca per le vostre decorazioni potte trovarli QUI e QUI
.

Ghirlanda composta da 12 pon pon color pesca disponibile QUI a 4.99€

Lasciamoci l’inverno alle spalle e salutiamo l’arrivo della primavera con questo bellissimo fiore e il suo inimitabile colore.

L’articolo Arredare con il color rosa pesca e i rami di pesco in fiore proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Soluzione per un terrazzo ventoso.

Pubblicato da blog ospite in Design, Idee, Non Ditelo all'Architetto

 soluzione per un terrazzo ventosoimg-20160513-wa0003

Soluzione per un terrazzo ventoso

E’ arrivata la primavera e il bisogno di vivere gli spazzi aperti si fa sentire così, ancora una volta,  ci è stata richiesta la consulenza per la progettazione di una terrazza.

Questa volta è stato il caso di un terrazzo molto bello, dall’insolita forma esagonale, posizionato sull’angolo dell’ edificio e molto esposto. Proprio come una nave protesa verso la sua rotta, la bellissima terrazza era anche ventosissima e questo era uno dei principali problemi da risolvere.

Si è pensato quindi di schermare con dei frangivento tutto il perimetro, lasciando comunque delle aperture in dei punti strategici, che donavano un affaccio particolarmente bello, e di coprire completamente i punti più esposti agli sguardi indiscreti dei vicini e quelli che non donavano un bel panorama.

Abbiamo consigliato con tutte le nostre forze un frangivento a doghe orizzontali, poiché per un momento l’intenzione dei proprietari era orientata verso i classici graticci intrecciati veramente troppo troppo old style e banali, fortunatamente la giovane coppia ha convenuto con noi che degli elementi orizzontali in una finitura chiara fossero più moderni, minimali e contemporanei, oltre a donare un stile seaside molto trendy.

soluzione per un terrazzo ventososoluzione per un terrazzo ventoso
soluzione per un terrazzo ventoso

Alcune delle immagini raffigurano realizzazioni dell’azienda Alfa Fasoli

Abbiamo dovuto studiare oltre alla schermatura per il vento anche le piante più adatte a popolare questo spazio aperto, che potessero contribuire ad arredare il terrazzo, ad utilizzare i vasi in ghisa preesistenti e a schermare la ringhiera presente.

Data la poca dimestichezza con le piante e soprattutto il poco tempo dei committenti ci è stato richiesto lo studio di piante che volessero poca “manutenzione”, oltre a doversi adattare al tipo di esposizione e clima. Abbiamo così optato per una serie di erbe mediche ed aromatiche che, oltre ad essere adatte a spazi ventosi e a richiedere poca acqua e poca cura, hanno anche la caratteristica di tenere lontane le zanzare, altro problema per chi ha intenzione di vivere amabilmente uno spazio all’aperto.

Un piccolo orto officinale, rigoglioso, colorato, profumato e sempreverde, formato da alti fusti e cespuglietti.

C:UsersMartaDesktopFRA&MARTAbalcone ventobalcone sez Model

buganville soluzione per un terrazzo ventoso  echinacea-640x390

Le bouganville sono state scelte per essere posizionate in un punto particolarmente critico, con lo scopo di schermare anche verticalmente la vista verso un’antenna davanti all’affaccio,grazie alla proprietà rampicante e ricadente di questa pianta si è pensato di fare una specie di tenda vegetale colorata e profumata in corrispondenza della parte da coprire maggiormente. Questa pianta può risentire in inverno del freddo e del vento anche se a Roma gli inverni sono molto miti ormai, sarà dunque necessario proteggere la pianta nei mesi più freddi con un telo di tessuto non tessuto e difendere anche le radici dal gelo con polistirolo e fogli di giornale.

L’echinacea è stata scelta per il suo bellissimo colore, si tratta infatti di una specie di margherita dal colore rosa accesso, e la facilità di coltivazione, inoltre è risultata perfetta perché resistente sia ad inverni rigidi che al vento e bisognosa di molto sole ed è dunque perfetta per una coltivazione all’esterno, senza bisogno di predisporre delle protezioni particolari.

Abbiamo scelto di inserire inoltre piante di rosmarino, decorative ed utili in cucina, l’erba aromatica per eccellenza, tra tutte le piante è una delle più resistenti e profumate.

Il rosmarino può crescere fin a 3mt ed è dunque adatto a schermare, ama il sole, l’innaffiatura deve essere sporadica e allontana le zanzare, faceva dunque proprio al caso del nostro terrazzo!

Un’altra pianta scelta è stata la melissa, anche essa sempre verde e che in estate produce dei graziosi fiorellini bianchi, le foglie ed i fiori hanno un intenso odore di limone ed oltre a tenere lontane le zanzare sono anche commestibili e possono essere utilizzate in insalata o nelle minestre.

In fine la salvia, bella, profumata ed anch’essa ottima per cucinare, va innaffiata sporadicamente ed ama il sole.

la-melissa_ng1

rosmarino2salvia-prkww5i

Per godere di questo verde, dell’aria fresca, della vista verso l’orizzonte studiata con aperture ad och nella protezione verticale, si è pensato di creare una panca bassa per sedersi comodamente, leggere un libro, fare colazione, rilassarsi…

Il risultato finale della progettazione è stato un bellissimo terrazzo mediterraneo, proteso verso il cielo al quale manca solo…il mare!

 

L’articolo Soluzione per un terrazzo ventoso. proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Falegnameria e design: Intervista a Marco Capolupo.

Pubblicato da blog ospite in Non Ditelo all'Architetto

Ho avuto il piacere di intervistare per voi Marco Capolupo: come definirlo? Non è certo semplice e molti termini potrebbero essere riduttivi, altri eccessivi, altri ancora non corretti, presi singolarmente.

Se però uniamo vari aggettivi, in una complessità di termini che si fondono l’uno nell’altro, creando qualcosa che forse ancora non ha ancora un nome univoco, possiamo dire che Marco è: un falegnamedesignerpoetainventore, che ama il colore, ha studiato e continua a studiare ogni giorno e cosa più importante è rimasto un pò bambino nell’animo.

design di arredidesign di arrediarredi di design

1) come è nata la tua passione per la falegnameria

Dall’auto-costruzione di piccoli arredi durante gli anni da studente squattrinato. Poi la passione per il disegno tecnico.

Circa 10 anni fa, chiudo un’esperienza lavorativa da ufficio e busso alla porta di un amico, falegname da sempre. Lui fortunatamente -ma con non poche perplessità- mi apre. Eugenio, il mio maestro.

Le mani fanno quello che la testa gli dice: ritrovo una passione fortissima di costruzione infantile delle cose. Con il vantaggio dello studio approfondito che ha allenato la mia testa a ragionare -su cose totalmente diverse- ho fin dall’inizio notato che l’intuito e la creatività dalla testa passavano pian piano alle mani. Capisco, così, di aver fatto una scelta azzardata ma giusta.

2) cosa ispira i tuoi lavori, tu non sei solo un bravo artigiano sei un vero e proprio designer.

Quando inizio questo mestiere artigianale capisco che devo trovare un valore aggiunto al classico lavoro da vecchio falegname. Il valore aggiunto lo trovo negli studi di architettura, interrotti ma preziosi. La mattina vado a bottega a imparare, la sera studio, leggo, visito il web.

Mi faccio ispirare dal bello dell’architettura che ci circonda. Non è raro che guardi con attenzione le linee di un palazzo -antico o moderno- e ci veda uno schema per una libreria.

Le linee concrete del design scandinavo, architetti italiani come Carlo Scarpa e la sua passione per il Giappone, le linee dell’urbanistica, provo a trasformarle in mobili.

Gli incastri e le relazioni tra il legno ed altri materiali primari, come i metalli e il vetro, sono stati mio oggetto di approfondimento che propongo nei miei lavori.

arredi di design
arredi di design arredi di design

falegnameria e design  arredi di design

3) Quale è il lavoro che hai realizzato che è rimasto di più nel tuo cuore.

Ovviamente, se non proprio il primo, uno tra i primissimi. Una struttura composta da tre librerie con quadrati concentrici. Questo è il primo amore che non si scorda mai.

Poi sono molto legato ad una scrivania leggerissima che ancora oggi è di supporto a uno studioso: sapere che quello che fai rende migliore il lavoro di chi produce intelligenza, dà grande soddisfazione.

Una stanza da letto per tre bambini: nulla di particolarissimo nella progettazione, ma sapere che hai realizzato il giaciglio dove tre bimbi vanno a riposarsi dopo le loro intense giornate piene di scoperte è qualcosa che rende giustizia alle ore e ore di fatica passate a tagliare, incollare, incastrare.

Infine la culla e il fasciatoio delle mie due bimbe. Si capisce da se il perché (e mi è chiarissimo il perché sono gli unici due lavori che non ho mai pubblicato sul mio sito).

falegnameria e designfalegnameria e designfalegnameria e designfalegnameria e design

4) Quali sono le difficoltà di questo mestiere

La fatica fisica, tanta e quotidiana. Spesso, anche tra amici, è difficile far capire cosa significhi far un lavoro che ti prova fisicamente. Poi, il lavoro su commissione: dover essere mese per mese in attesa che qualcuno ti cerchi e ti chieda un lavoro. Poi quella telefonata, fortunatamente, arriva sempre. Ma la precarietà è snervante. E non c’è nessuno a cui rivendicare un contratto a tempo indeterminato.

5) qual’è la tua filosofia nel lavoro (e nella vita?).

La bellezza. Il bello non è un fatto estetico. Le proporzioni sono formule perfette a cui i greci hanno dato il là. Quello che realizzo lo trovo bello solo quando è pulito e proporzionato in tutte le sue linee.

La filosofia dell’intuito: capire di cosa veramente ha bisogno chi chiede a te un lavoro. Capita spesso di chiedere ai clienti di raccontarmi come vivono la stanza o la casa. Solo così capisco che quello che vogliono non è solo un tavolo ma una cosa con la forma di un tavolo ma con altre funzioni.

Il rispetto: il rispetto dei tempi di produzione e di consegna. Il rispetto dei costi. Il rispetto verso il materiale che lavoro. Ogni legno ha le sue caratteristiche.

falegnameria e design

falegnameria e design

falegnameria e design

5) che progetti hai per il futuro?

Lavoro in una bottega circondato da altri quattro falegnami, una “falegnama” e un restauratore. Ognuno ha i suoi lavori e i suoi clienti, ma spesso si eseguono lavori insieme. Questa dinamica mi ha permesso di crescere tantissimo, rubando con gli occhi l’esperienza di colleghi con ormai 40 anni di lavoro alle spalle o con una conoscenza maniacale del restauro.

La mia proiezione sul futuro è però realizzare arredi miei e non su richiesta e proporli a negozi di arredamento e poi aprire uno spazio espositivo tutto mio.

L’articolo Falegnameria e design: Intervista a Marco Capolupo. proviene da Architettura e design a Roma.


 
 

Come arredare con il jungla style

Pubblicato da blog ospite in Non Ditelo all'Architetto, Stili

Una giraffa rarefatta è stata scelta come decorazione di un ufficio di San Pietroburgo.

Simaptico stickers zebra di Groovy Magnets da abbinare alla carta da parati lavagna

Un simpatico scolaposate, ma potrebbe essere anche un portapenne, prtaspazzolinoe molto altro, a forma di elefentino. Disponibile QUI in molti colori a 13.99€

Un decoro affascinante ed elegante per una parete mobile unica.

Elegante e glamour la carta da parati zebrata nei toni chiari.

Casetta jungle un pò trash!

 

Poltrona e parete tono su tono con patchwork di cornici. A destra set di 7 cornici in legno disponibili QUI

Un tavolino realizzato con un tronco, cuscini zebrati ed è subito jungle.

Arredamento eclettico, un mix di stili equilibrato e fashion.

Arredamento minimale nell’appartamento progettato da Peter Zaytsev di Za Bor Architects a Mosca, dove i due animali sulla testata del letto rappresentano i proprietari di casa.

Ci sono gli anni in cui va di più, gli anni in cui va di meno, ma l’animalier è sempre un must, anche nell’arredamento.

C’ è chi lo ama e chi lo odia, chi lo trova fashion, chi ironico, chi trash, ma di certo in molte siamo state indotte in tentazione dalle fantasie animalier. Come direbbe la mia amica Cecilia “welcome to the jungle”, perché anche se non siamo più le gheparde di una volta c’è un po’ di leopardato in ognuna di noi!

Per quanto riguarda l’arredamento le fantasie animalier colpiscono anche gli uomini, che mi è sembrato di intuire preferiscano i pattern zebrati a quelli maculati, di certo lo zebrato black and white fa molto fashion, mentre con il leopardato e il tigrato si può rischiare di cadere nel kitch.

carta da parati zebrata. A destra lussuosa carta da parati di fine decor con trama di seta disponibile QUI. Al centro versione noire latrovate QUI e a destra interpretazione optical QUI

 

Molto elegante lo zebrato chiaro.

 

cuscini zebrati! Li trovate anche QUI la coppia 40×40 a 18.90€

 

Pouf zebrati che si intonano a qualsiasi arredamento per un tocco jungle.Ne trovate anche QUI una versione glamour su zampe di legno.

Zebra moderna e zebra classica…per tutti i gusti!

 

Testate zebrata? Una soluzione faschion per la camera da letto…di genitori e figli.

Per chi vuole uno zebrato più concettuale e contemporaneo perfette le righe bianche e nere.

Un tappeto zebrato è perfetto per ogni ambiente della casa che si desidera valorizzare.

Complementi d’arredo zebrati per un arredamento eclettico. A destra poltroncina da cocktail in ecopelle che trovate QUI

 

Eleganza zebrata a tavola con la tovaglia nei toni tortora o la tazzina da tè con piattino, fine bone china finiture in oro, che trovate QUI

Ci sono poi le fantasie meno comuni come quella giraffata, affascinante ed originale, molto jungle, non ancora inflazionata e che potrebbe piacere anche a chi non ama eccessivamente il genere. Le giraffe e gli elefanti poi saranno personaggio preferiti dai nostri bambini per arredare le loro camerette a tema safari.

Elefanti e giraffe per arredare gli spazi di grandi e piccini. A sinistra Pouf di  hkliving e a sinistri appendini giraffosi in 5 colori giraffa di Rowenandwren.

Stampa bohemien

Lampade o elefantini? A sinistra si nasconde dietro un paralume l’elefantino della lampada di Jonathan Adler. A destra un foglio di plastica piegato crea la elephant lamp nightlight.

Le meravigliose carte da parati di  Groovy Magnets sono popolate da animali africani.

Moquette, eleganti e morbidi carpet, divrtenti tappeti nell’originale fantasia giraffa!

Poltrone giraffate in diverse tonalità di marrone

Motivo giraffato realizzato da Fabio Novembre in mosaico per Bisazza

Una tenera giraffa lavagna by Snuggledust Studios

Tappeto con disegno naif di una allegra giraffa che potete trovare QUI in diversi colori

cuscini giraffati o raffiguranti una divertente giraffa occhialuta, come quello che potete trovare QUI insieme ad altri simpatici animali.

Lo jungla style quest’anno va in modo particolare, anche grazie al trend del momento dato da colori come il verde greenery, colore pantone dell’anno, caratteristico del fogliame e della natura in generale e del diffondersi dell’utilizzo di piante, anche sospese, come complemento d’arredo.

Quindi non solo pattern maculati ma tutta un’atmosfera tropicale in generale avvolgerà i nostri ambienti.

 

Una piccola giungla dal bagno al salotto.

 

Camerette in perfetto stile safari.

 

Piante verdi e lussureggianti su carta da parati e cuscini. A sinistra carta da parati di Cole & Son a destra un bellissimo cuscino in cotone misto lino con stampa di foglie di vari tipi che potete trovare QUI

Una fantastica giungla da colorare conla carta da parati interattiva “jungle duders” di Mrperswall

Mix di fantasie maculate nel colore pantone dell’anno, un bellissomo greenery

Verde come il colore pantone dell’anno, verde come le piante tropicali, verde perfetto per il nostro stile jungle!

Naja vinyl by Kravet

Il verde lussureggiante della giungla in casa con una carta da parati. A sinistra e a destra giungla tropicale di Muriva disponibile QUI.

Meravigliosa Carta da parati di Roberto Cavalli ®.  Pannello Decorativo con Fiore Zebrato e Cristalli in due teli disponibile QUI.

Un perfetto tropical parti con i piatti di carta rosa zebrati a sinistra, lo shaker per cocktail
in acciaio INOX al centro e i bicchieri di carta zebrati con ibisco  a destra.

Questo stile può essere ricreato spesso in modo ironico anche con stickers e maxi stampe dei nostri amici animali. Coccodrilli, scimmie ed elefanti popoleranno la nostra casa come in un grande safari e con allegria e humor i nostri ambienti riecheggeranno di un’anima moderna, vivace e fresca e un po’ selvaggia!

Bagno decò con carta da parati rossa a zebre.

 

Bellissime le maxi stampe di  wall & decò tema “Wilde”

 

Dolcissimi animali by Inke

 

Carte da parati a tema animali esotici perfetti per la camera dei bambini ma anche per qualche interno allegro ed originale. in alto a sinistra carta da parati Carousel di fine Decor QUI a 17.00€, di seguito carta da parati che trovate su http://www.paperboywallpaper.co.uk. In basso a destra animali su fondo azzurro polvere per la carta MisMatch Collection by Kirath Ghundoo di seguito animali verdi su fondo bianco di Ferm Living e in fine “jungle animaux” di Lilipinso .

 

Stickers di giraffe per una casa jungle! Lo stickers a destra lo trovate QUI a 11.66€

jungle style

Meravigliosa e mooolto bohemien la maxistampa con zebra che trovate QUI

 

jungla style

Piccolo delizioso stickers con animaletti di Lilipinso che potete trovare QUI

Stile perfetto per la cameretta dei bambini, per chi ama gli interni eclettici e spesso ironici, popolati da complementi d’arredo dalle forme zoomorfe ed originali o da fantasie animalier declinate magari in colori anticonvenzionali. Come dicevo, nella veste più canonica e classica, può essere anche una scelta di stile molto glamour e fashion da rivista patinata!

Affascinanti bagni giraffa

 

Nursery a tema jungle style

 

Bellissimi i cuscini maculati declinati in colori POP

Tappeti moderni collezione abstract che reinterpreta lo jungle style by Niba design

Simpatiche sedute a forma di elefante. A sinistra l’adorabile sgabello disegnato per i bambini dai famosi designer americani Charles e Ray Eames, distribuito da Vitra. E’ una icona di design, ma soprattutto un simbolo di simpatia che ha più di 50 anni, ma continua a essere adorato da grandi e piccini. A destra l’affascinante  Petstools a forma di pachiderma della designer Hanna Ernsting

 

Arredi ispirati agli animali della giungla, divertenti, ironici ed eclettici. A sinistra consolle a forma di giraffa e a destra poltrona zebra by Dizajno

Spazzi eclettici, con accostamenti bizzari, pieni di energia e molto decòr.

 

Giungle cittadine con maxi peluches anche in soggiorno.

  

Simpatici arredi zoomorfi come il tavolino scultura, in brozo e cristallo, raffigurnte un ippopotamo, del designer Mark Stoddart, potte trovare anche rinoceronti, coccodrilli ed elefanti, tutti in edizione limitata. a Destra lampada, per bambini ma non solo, a forma di leone disponibile su Bassetto bimbi.

tappeto zebrato e dettagli fuxia per rendere speciale un vecchio studio.

I maculati sono sempre un grande classico mentre, tra tutti, quello che mi piace meno è il pitonato…ma è questioni di gusti!

 

Scale…

 

Sedute…

 

Tappeti. A sinistra una versione chiara molto glamour. A destra una fersione shaggy più spiritosa, disponibile QUI.

 

Perfetti i cuscini lepardati
per ravvivare salotti in bianco.

Fashion jungle vintage.

Mosaico Bisazza in versione leopard.

Snakeskin decor  PVC by Duralee in un particolare color turchese

In cucina e in bagno complementi pitonati! A sinistra piatti  by Kiln Design Studio

Arredi pitonati dal gusto colonile. A destra sgabello  Royal Python bench by Two’s Company;

Bisazza propone questo elegante rivestimento effetto rettile

In ogni stanza della casa potrete portare un tocco giungla con una fantasia animalier o la presenza di un amico a quattro zampe che può trasformarsi per l’occasione in specchio, pouf, stampa di un cuscino o di una carta da parati. Di certo dopo quest’intervento lo spazio acquisterà tutta un’altra atmosfera e non passerà più inosservato!

Anche per la nursery è perfetto lo stile animalier anche in versioni più soft e candide.jungla style

Stickers, stancil, mirales, disegni…ogni tencica per disegnare animali selvaggi sulle nostre pareti.

 

Sapete quanto io adori i finti i trofei. Versione peluches  QUI trovate elefante, QUI leone. a destra testa d’elefante in legno disponibile QUI

jungle stile

Mix di fantasie

jungle style

Carta da parati true colors di Mrperswall

Simpatici gli specchi a forma di animali su www.mungaimirrors.co.uk.

Angolo jungla style in salottojungla style

carta da parati Boa wallpaper by Osborne & Little 

Basta un tappeto zebrato e anche la stanza più anonima acquista carattere.

Se ancora non vi siete lasciati tentare e arrivato il momento di sciogliervi e di liberare la belva che è in voi!

L’articolo Come arredare con il jungla style proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Il bianco protagonista: White in the city

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Non Ditelo all'Architetto

white in the city

Ingo Maurer-Fondazione Carispezia (La Spezia)

white in the city

Minimal White

Design in bianco: lampada Smithfield di Jasper Morrison per Flos, sedia Line di Kreaty, mobile basso di Pietro Lissoni, appendiabiti Grove di Moroni Gomma   white in the city

Storica è meravigliosa serie Tulip realizzata dal designer finlandese Eero Saarinen. Il tavolo ha il piano in marmo bianco di carrara.   white in the city

Divertente progetto per un negozio, dove i designers dello studio red design group hanno interpretato le superfici come fogli bianchi su cui disegnare.white in the city Una cascata di candidi fiori di carta…ed è subito poesia.

Bohemien in bianco.

Vi ho parlato tante volte in questo blog di colore, di quanto sia importante vivere una vita a colori ed osare ma del resto: perché negare che anche il bianco è un colore? Il colore per eccellenza potremmo dire, quello senza il quale nessun altro avrebbe senso.

Il colore della purezza, dell’eleganza, del benessere, della luminosità, amato da architetti, artisti e interior designer; estremamente complesso nella sua semplicità.

Parlando di interior designer (il mio forte ma non ditelo all’architetto) è  certamente più semplice donare carattere ad un ambiente con una parete colorata o complementi ad effetto, più complesso farlo giocando con il bianco, riuscire a realizzare atmosfere rarefatte e concrete allo stesso tempo, dinamiche, energiche, affascinanti, piene di dettagli, pur utilizzando un colore che potrebbe rischiare di far apparire tutto piatto e freddo.

white in the city

Il bianco al contrario di quanto alcuni possano pensare, è un amico degli interni, porta la luce e nuova vita su qualsiasi cosa si posi. Ogni parete dipinta di bianco potrà essere arricchita in qualsiasi modo, senza correre il rischio di sbagliare e, qualsiasi arredo, per noi che amiamo il recupero, con una mano di bianco tornerà a splendere come nuovo.

Inoltre spesso le cose bianche racchiudono sorprese al loro interno e il bravo arredatore e il bravo designer lo sanno, l’effetto wow è assicurato.

Se è vero che il colore ci salverà una bella mano creativa di bianco lo farà ancora di più, come una buona medicina passerà su ogni cosa realizzando la sua magia.

Anche la gomma di una macchina in bianco è più elegante!

 

Effetto sorpresa per l’armadio di un miniloft a Trastevere progettato da Archyfacturing

Recupero di vecchi armadi con pittura bianca e carte fantasia

 

Ceramiche contemporane rese aggrazziate dal total white. A sinistra Collezione  Sauria di Seletti e a destra alzatina del servizio  Blau Blume disegnato da Tina Tsang per Undergrowth design.

Lo stile industriale è reso romantico dai mattoncini dipinto di bianco.

I libri accomunati dal bianco diventano un originale comodino.

Un vecchio parquet imbiancato torna a nuova vita.

 

Patchwork di cornici su pareti bianche

Finiture inbianco di Oikos – group

Il bianco è poi il colore del Mediterraneo, soprattutto dell’architettura mediterranea, da sempre, da secoli e continua ad essere utilizzato in modo affascinante e coinvolgente, forse per il potere che ha di esaltare l’azzurro del cielo e del mare, forse per la forza che ha di evocare isole calde e bellissime con i loro paesini arroccati. I più grandi architetti mediterranei (e non solo) non hanno resistito spesso alla tentazione del total white e lo stesso hanno fatto i giapponesi rapiti invece dallo spirirto minimale/essenziale di questo colore.

Aires Mateus – residenze per anziani (Alcácer do Sal- Portogallo).

white in the city

Alberto Campo Baeza- Casa Guerrero (Cadice)

Alvaro Siza- Chiesa di Santa Maria (Marco de Canavezes)   Keisuke Maeda – Cosmic House (Giappone)

white in the city

Takao Shiotsuka Atelier – modern seaside house (Giappone)

Hiroyuki Unemori – casa unifamiliare (Tokyo)

Mayelle Architecture Interieur Design – interno (Parigi)

Cadaval & Solà-Morales – unflower House (Port de la Selva, Spagna)

il bianco protagonista

Paul Archer Design – Jimi House (Londra)

Il bianco è un discorso così affascinante che quest’anno sarà protagonista durante la Milano Design Week 2017 con White in the city, un bellissimo progetto che coinvolgerà alcune delle location più affascinanti e prestigiose di Milano, ognuna con una diversa declinazione e interpretazione ma legate in un unico itinerario, che racconterà il bianco nelle sue mille sfaccettature cromatiche e simboliche.

Noi parteciperemo con grande entusiasmo all’iniziativa per scoprire ancora di più questo colore tanto palese quanto misterioso.

white in the city

Allcune delle location della manifestazione White in yhe City: Accademia di Brera, San Carpofo, Pinacoteca di Brera, Palazzo Cusani.

 

 

L’articolo Il bianco protagonista: White in the city proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: , ,

 
 

Progetto per un chiosco

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

progetto per un chiosco

Vista fronte

progetto di un chiosco

Vista retro

E’ stata richiesta la consulenza di Non ditelo all’architetto per studiare il concept di un bar chiosco al centro.

Il chiosco si compone di una parte chiusa ed operativa ed una parte coperta da gazebo con i tavolini.

Tavoli e sedie avrebbero dovuto essere pieghevoli o impilabili per venir riposti durante la notte e, poichè la maggior parte del locale si sviluppa all’aperto, bisognava pensare ad una soluzione fissa, non invasiva, non asportabile e non degradabile, per quanto riguardava l’arredamento.

La scelta è dunque ricaduta sull’OSB, un materiale che come avrete capito amiamo molto! Resistente, ignifugo e, a parer nostro di design(ma non ditelo all’architetto!).

C’era la necessità di coprire una parete, valorizzare l’ambiente e trovare una soluzione che, in modo semplice ma di carattere, personalizzasse lo spazio.

Così abbiamo pensato ad una fascia continua, realizzata con l’osb che, dalla parete che bisogna rivestire, scendesse lungo il pavimento per risalire su una parte di recinzione.

In questo modo di certo l’immagine dell’esterno del chiosco, con poche mosse, può essere definita in modo forte e chiaro.

progetto per un chiosco

progetto per un chiosco

La fascia di OSB riveste parete e pavimento.

Sedia e tavolo pieghevoli “Saltholmen” di Ikea.

Sospese alla struttura in metallo della copertura a tendone del chiosco è stato proposto di appendere tutta una serie di elementi appesi, omologati dal colore bianco, difficilmente accessibili anche durante le ore notturne non controllate, come girandole, piante in vasi di recupero (ad esempio uno scolapasta) o dei macramè hanger plant annodati e ancora: lampadari realizzati con ceste e mòbile.

Sui tavoli delle grattugie diventano originali portacandele, che creano interessanti giochi di luce; le grattugie come elemento illuminante vengono ripetute nelle lampade sopra al bancone.

progetto per un chiosco

Semplici decorazioni fai da te, da appendere sospese, come un hanger plant in macramè o delle girandole.

Gabbiette e portapiante creativi.

Grattuge come lampade sospese sul bancone del bar.

 

Ancora grattuge come portacandele sui tavoli per creare giochi di luce.

Acchiappasogni creativo  lampadario cesta

Lampadario realizzato con una cesta.

Una sedia recuperata diventa un divertente portavaso all’ingresso del bagno, dove, sul ballatoio-rampa per disabili, altri vasi, ridipinti con vernice lavagna, accolgono spezie come in un piccolo orto urbano.

progetto di un chiosco

Il retro del chiosco con la rampa per disabili che porta al bagno.

le vecchie sedie dipinte di bianco rinascono e si trasformano.

I vasi che decorano la rampa sul retro possono accogliere piante officinali, spezzie ecc indicate da segnalini creativi o realizzati ad och.

Il verde del chiosco, unito al bianco degli elementi sospesi sul soffitto e al legno naturale dell’OSB, genera una sensazione di freschezza e genuinità che ritroveremo poi nel menù del locale.

Sospeso tra recupero, bio e sogno, il nuovo concept del chiosco è pronto per accogliere colazioni, brunch ed aperitivi alla maniera di Non ditelo all’architetto.

 

L’articolo Progetto per un chiosco proviene da Architettura e design a Roma.

Tags:

 
 

Arredare con il rame: The copper is the new gold!

Pubblicato da blog ospite in Decor, Idee, Non Ditelo all'Architetto


arredi rame TAVOLO RAME

Molto bello il tavolino da soggiorno in metallo ramato e Vetro, dal design vintage anni 70, con piano rotondo (85X85X49cm),lo trovate QUI

arredi rame sgabello ramecomplementi rame cesto

Complemnti d’arredo in rame: a sinistra, dal sapore industriale, reso prezioso dal metallo ramato, lo sgabello di Maison Du Monde “Sean”. a destra cesto in metallo ramato H&M home 19.99€

arredi rame attaccapanni

Appendiabit in rame di Zieta prozessdesign

Molto belli i cuscini 45x45cm dai toni ramati entrambi distribuiti da Dutch decor li trovate QUI e QUI

  complementi rame

Piccoli contenitori ramati very cool! A sinistra vaso dorato/ramato di Svenska Maklarhuset, un piccolo lusso per un grande effetto. A destra un semplice barattolo…ed è già decòr!

arredi rame sgabello

Due originali complementi: a sinistra Shoe tool di Opinion Ciatti, trattato in foglia di rame, è uno sgabello di servizio con  piano d’appoggio per attrezzi lucida scarpe e tubolare per appoggiare la scarpa…eleganza di altri tempi. A destra Scultorea e dall’aspetto artigianale la nanocrystalline Copper Chair di Max Lamb.

arredamento rame camino 

Il fascino del fuoco esaltato da elementi in rame. A sinistra la parete del camino viene rivestita con lastre di rame per enfatizzare ancora di più il calore della fiamma. A destra la canna fumaria della stufa è rivestita in rame ed è subito fashion.

complementi rame vasi design

Vasi “Sister clare” in ceramica, design by Pepa Reverter per Bosa , in bianco opaco e rame .

pentole di rame

Le vecchie pentole di rame hanno sempre il loro fascino.

Incredibile il pavimento realizzato con migliaia di penny di rame

affascinanti soluzioni realizzate con tubi di rame

Se un tempo si parlava di rame si pensava solo alle vecchie pentole della nonna, che poi sono tornate di moda anche quelle!

Se negli anni 80/90 e parte dei duemila hanno imperversato i metalli lucenti e freddi, l’acciaio lucido e tutte le superfici lisce, con il passare del tempo la moda ha virato verso mood più caldi e dunque anche i metalli hanno cominciato ad assumere toni dorati e ramati.

Il rame è sempre stato utilizzato per gli interni, ma un tempo più per funzionalità che per stile, ultimamente è tornato di moda ed è diventato molto cool, sia nella versione lucida che opaca.

Utilizzato moltissimo anche in architettura per realizzazioni scenografiche e affascinanti sia in interno che in esterno.

Negli esterni può mutare il proprio colore con l’esposizione agli agenti atmosferici, per quanto ci siano numerose tecniche per fissare la gradazione prescelta, la sua lucentezza e il colore più o meno dorato gioca con i raggi del sole avvolgendo le architetture di un manto mitico ed è anche per questo che lo studio Wave, per il suo piccolo rifugio ispirato alla leggenda nordica di Freya e Robin, ha scelto di rivestire la piccola capanna con lastre performate di una lega rame alluminio, scelte per il calore e la durevole finitura dorata, che ricorda le lacrime doro che ricoprono la capanna del mito.

architettura di rame

Nella contea di Northumberland nel Regno Unito, sulle rive del lago artificiale Kieder Water sorge la piccola architettura dello studio Wave che regala un punto di sosta a quanti visitano il lungolago.
archittetura di rame

St.Croix Chapel. In questo progetto il rame è stato scelto per la sua rappresentazione simbolica della vita. All’ inizio è luminoso e contiene tutte le promesse che la vita ha da offrire. In questa fase iniziale è facilmente influenzato da elementi esterni e riflette i colori del cielo. Subito dopo l’esposizione alla natura, il rame comincia a maturare, successivamente si trasforma , il risultato di una vita produttiva e stimolante.
architettura di rame

Murray O’Laoire Architects ha realizzato l’ istituto di tecnologia Mayo a Galway in Irlanda architettura di rame

Great James Street by Emrys Architects a Londra, un’affascinante estensione per uffici con tetto in rame.

archittettura di rame

Il nuovo centro servizi Theresienwiese a Monaco richiama alla forma di un’immensa ed unica barra di rame dello studio Volker Staab Architetti di Berlino.

La scultorea scala in rame TECU® Classic forato dall’elegante design è il fulcro di Villa Mallorca, una residenza privata nelle Isole Baleari, progettata dall’architetto di San Pietroburgo PietrSergey Mishin.
architettura di rame

Gli architetti giapponesi di Archivision Hirotani Studio  hanno realizzato questo edificio rivestito di rame, si tratta di un salone di bellezza la scelta del rame rappresenta il passare del tempo.L’edificio ha tre aperture sul tetto lucernario che forniscono la luce naturale verso l’interno del salone di bellezza.

Il rame è amato dagli architetti e dai designer oltre che per il suo colore, per le sue speciali caratteristiche: molto resistente alla corrosione è facilmente lavorabile, estremamente duttile e malleabile, può essere facilmente riciclato, è un ottimo conduttore termico, con un elevato potere antibatterico ed è facilmente assimilabile con altri metalli.

Il rame unito ad altri metalli come l’ottone o il bronzo crea, infatti, leghe altrettanto apprezzate come lo stagno e lo zinco.

Insomma questo materiale ha parecchio da dire non a caso a lui è stata dedicata una delle età preistoriche ma senza fare troppo la maestrina posso semplicemente dire che a me il rame piace moltissimo per il suo fascino vintage, le sue tonalità calde e preziose, senza essere sfacciate come quelle dell’oro.

architettura di rame

Il restauro di un cottage in Lussemburgo realizzato con il rame.

architettura di rame

Looptecture F l’edificio a prova d’onda anomala in acciaio cor-ten e rame è il centro di monitoraggio e prevenzione degli tzunami progettato dallo Shuhei Endo Architect Institute a Minamiawaji, nella baia di Osaka.

architettura di rame

Showroom milanese di Kme  lo storico marchio fiorentino, che produce semilavorati in rame. arhitettura di rame

Parete esterna

architettura di rame

Riverberi oro per i rivestimenti in marmo

La Garconniere-Marais è un appartamento di Parigi progettato dall’architetto d’interni Tatiana Nicol, reso prezioso da dettagli in rame.

Il rame ha molte qualità che lo rendono il materiale ideale per l’interior design, ha un aspetto caldo, elegante e lussuoso che si armonizza particolarmente bene con il legno, la pietra naturale e il vetro.

Se volete impreziosire, decorare e donare un complemento speciale alla vostra casa scegliete il rame che, grazie al suo potere antibatterico e le sue caratteristiche, sarà perfetto per essere utilizzato in ambienti come bagno e cucina, in cui è presente già da secoli ma non solo: ogni altro ambiente della casa potrà essere valorizzato da questo metallo.

Belissime le vasche free standing in rame che trovate su http://www.vintagetub.com

interior design rame

cucina scultorea moderna in rame.

interior design rame

mobile lavabo di Birex  cucina in rame

Cucina in stile edoardiano, mooolto affascinante!interior design rame

Modello “Cesar” di Caleido il termoarredo con  finitura rame.interior design rame

Stile etnico per questo bagno dal grande carattere.
ionterior design rame

Anche gli accessori rame rendono la cucina cool.

Rubinetti in rame in vari stili. A sinistra rubinetto monoforo modello fontana retrò che trovate QUI, al centro un modello dallo stile più contemporaneo QUI, a destra rubinetto a tre fori con manopole a stella che trovate QUI.

interior design rame

Non solo i rubinetti ma anche i lavabi possono essere realizzati in rame. QUI
catino da incasso rotondo.

 

Affascinanti e vintage i tubi in ramein bagno e cucina…e non solo

Le lampade realizzate in questo materiale creeranno un riverbero ed effetti di luce speciali, mentre l’applicazione del materiale per la realizzazione di altri arredi avrà un effetto sorprendente come nel caso della libreria realizzata dal designer Ferruccio Laviani per KME, completamente realizzata ixsn rame o la versione rame dello storico pezzo di design della serie “componibile”progettato da Achille Castiglioni nel 1977.

arredare con il rame

La storica serie “componibile” di Kartell anche in versione rame, disponibile nella versione 2 Elementi o tre elementi.

Lampade da tavolo e da soffitto di design declinate nelle sfumature del rame. A sinistra il famoso modello Bourgie di Kartell che trovate QUI. A destra la lampada tonda bicolore a sospensione di MiniSun in vetro che trovate QUI.

arredare con il rame

Se vi piace la lampada Pandoro di Lightbox il rame potete sceglierlo all’interno o all’esterno! La trovate QUI a 39.99€

Due originali tavolini entrambi caratterizzati dal rame. A sinistra copper table by Richard Ostell da New York e a destra cabinet di rame del danese David Derksen arredare con il rame

La società londinese Andrea Felice Design realizza mobili su misura come questa originale cassetteria in rame
arredare con il rame

Il designer Ferruccio Laviani ha realizzato per KME una libreria completamente realizzata in rame. E’ disponibile sia nella versione orizzontale che in quella verticale.

arredare con il rame Affascinanti e scultoree le sedute in rame: Le prime due in alto a sinistra, sedia e sgabelli, appartengono Zieta prozessdesign; di seguito Real Good Chair by Blu Dot. In basso a destra il famoso modello tolix in versione rame, di seguito la sedia TLF01 in compensato e rame di Tobias labarque e in fine coppia di sedie di TJ Volonis, artista designer specializzatonelle realizzazioni in rame.

   

Le lampade di rame creano preziosi giochi di luce. In alto a sinistra la lampada Etch, creata da Tom Dixon. Quando è accesa, la lampada Etch riflette il bellissimo motivo in maniera unica; di seguito la bellissima versione in ramedella PH Artichoke di Louis Poulsen. In alto a destra Mr. Cooper le lampade in rame di Coco Flip disegnate da Kate Stokes, che si ispirano ai primi telefoni di latta rendendo omaggio agli anni ‘ 20. In basso a destra di Metal Lux la Collezione Aria in foglia di rame e per concludere ancora Tom Dixon con le sue ormai riconoscibili sospensioni a sfara di rame.

arredare con il rame

Versione metal della lampada “Bird” disegnata da L+R Palomba per Foscarini

  arredare con il rame

Ogni ambiente può essere valorazzato da un elemento illuminante con finitura rame, angoli in salotto, il bancone della cucina o il tavolo da pranzo.

nto per le pareti? Questa è la soluzione che la designer d’interni Cynthia Prizant propone per aggiungere luce e profondità ad una stanza, rivestendo con un pannello di rame ondulato una parte di parete. Una parete di rame non richiede alcuna trattamento, non emette alcun gas tossico o nocivo, dura per un tempo molto lungo, richiede poca o nessuna manutenzione, migliora la qualità dell’aria, è riciclabile al 100% e per sempre riutilizzabile. Un muro di rame è una superficie molto igienica grazie alla esclusiva capacità naturale del rame di uccidere germi, virus, muffe e agenti patogeni, nessun altro materiale possiede questo potere unico beneficio per la salute così come il rame puro. I pannelli di rame montati a a parete possono anche aiutare a mantenere più uniforme la temperatura interna. Il rame è anche uno dei migliori materiali disponibili per il blocco o la schermatura contro le radiazioni elettroniche e interferenze.

arredare con il rame

Un bellissimo volume rame in un appartamento dagli accenni vintage.

 

Una parete rivestita in lamine di rame diventa certamente la protagonista dell’arredamento, in qualsiasi stanza si trovi.

arredare con il rame

Il rame scalda anche l’interno più freddo.

arredare con il rame

Una parete divisoria brillante e speciale. arredare con il rame

un’affascinante griglia ramata dagli accenti etnici.
arredare con il rame

Parete color rame, simile al color marsala, colore pantone del 2015arredare con il rame

Pareti di rame in bagno.

Insomma lui rame è un materiale molto antico ma continua ad essere sulla cresta dell’Onda per le sue caratteristiche fisiche e per la sua modernità.

Da qualche anno la tendenza VUOLE che il rame sia protagonista dei nostri interni ed anche nel 2017 vediamo la conferma dello splendore di questo materiale che saprà impreziosire e rendere affascinante qualsiasi interno.

arredare con il rame

arredare con il rame 

Coffee table in rame

Bellissime le maiglie che trovate su  www.ashardware.co.uk  

arredare on il rame

Meravigliosi accessori in rame per il nostro ufficio.

arredare con il rame

Gli affascinanti vasi della collezione Gaia & Gino del mitico jaime Hayon, ispirati alle maglie degli antichi cavalieri templari.arredare con il rame

Tavolino Habibi con vassoio di Philipp Mainzer

Un semplice cubo diventa un comodino speciale con il giusto rivestimento..

L’articolo Arredare con il rame: The copper is the new gold! proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Pavimenti in PVC: tre motivi per sceglierli

Pubblicato da blog ospite in Non Ditelo all'Architetto

pavimento in PVC pavimento in PVC

Conoscete i pavimenti in PVC? Molti di voi forse lo associano a palestre o ambienti ospedalieri mentre il PVC è un materiale dalle mille risorse, che oltre a poter essere utilizzato in ogni tipo di ambiente privato e perfetto per gli spazi pubblici, date le sue caratteristiche che uniscono tecnica ed estetica. Sì perché il PVC oltre ad essere un materiale molto pratico è anche bello!

Per la pavimentazione di ambienti interni destinati ad uso non abitativo, quali showroom, laboratori artigianali, piccoli magazzini e garage, c’è oggi una possibilità in più. La scelta migliore ricade sul pavimento industriale in PVC; ci sono tre buoni motivi per cambiare rotta e rendere anche gli ambienti di lavoro più belli esteticamente e più sicuri senza impattare troppo sull’interior design. Lo si può fare usando appunto le pavimentazioni in PVC, che ben sopportano umidità, sbalzi di temperatura, continue tensioni e sollecitazioni e offrono garanzia di sicurezza anche in caso di incendi.

 

pavimenti in PVC
pavimenti in PVC

pavimento in PVC

pavimenti in PVC

pavimenti in PVC

Perché scegliere un pavimento in PVC

I pavimenti o i rivestimenti di luoghi nevralgici devono rispondere a tutta una serie di requisiti tecnici e meccanici non indifferenti. Dove trovare solidità e resistenza? Dove trovare un materiale in grado di adattarsi ai cambiamenti, ma di avere una tenuta degna di lode? I pavimenti in PVC per le loro proprietà ignifughe, anti graffio e anti ammaccature, per la loro resistenza e tolleranza a sbalzi di temperatura, sollecitazioni e agenti chimici sono senza ogni ombra di dubbio la soluzione ottimale per arredare spazi interni non ad uso abitativo. Non ultimo il loro aspetto estetico, moderno e personalizzabile. Anche l’occhio, d’altronde, vuole la sua parte. I pavimenti in PVC sono disponibili in diverse fantasie cromatiche: dar colore e luminosità anche ai garage più grigi e anonimi non è più una missione impossibile, grazie al design del PVC!

Cosa rende il PVC migliore rispetto ad altre soluzioni? Oltre alla compattezza del materiale chi opta per questa scelta ha anche un vantaggio in termine di resistenza e tolleranza. A differenza della solidità del cemento, infatti, per molti luoghi adibiti a laboratorio, showroom o studio serve un materiale che possa resistere a umidità e sbalzi di temperatura senza deformarsi, un materiale tollerante alle macchie e agli agenti chimici, oltre a quelli atmosferici. I pavimenti in PVC hanno tutte queste caratteristiche.

Oltre a ciò, poi, c’è da aggiungere che la superficie ha una proprietà anti graffio e anti ammaccature. Per la sicurezza dei lavoratori offre inoltre una classe antiscivolo elevata, in grado di ridurre al minimo gli infortuni sul lavoro, oltre a proprietà ignifughe, caratteristiche queste da non sottovalutare.

Le piastrelle che compongono queste pavimentazioni, come detto, sono disponibili in più colori: il cliente può puntare sul suo colore preferito o il colore aziendali, lanciandosi anche in creative combinazioni cromatiche, come ad esempio l’effetto scacchiera. Un risultato rimarcabile, insomma, da un punto di vista sia tecnico che estetico.

pavimenti in PVC

pavimenti in PVC

Costi di posa e durata

Come se tutto ciò non bastasse è bene sottolineare come la scelta di pavimenti in PVC implichi benefici economici per tutta l’azienda. Rivestire i pavimenti industriali con pratiche piastrelle a incastro che si installano facilmente su qualsiasi superficie e senza l’ausilio di manodopera permette, in più, di abbattere i costi di posa e i tempi di lavorazione. E’ stato calcolato che in circa un’ora, infatti, si possano rivestire 50 mq.

Per quanto riguarda la durata, infine, i pavimenti in PVC offrono prestazioni molto elevate. Per fare un esempio pratico, i pavimenti in PVC Fortemix di Bricoflor sono garantiti per ben 12 anni, a riprova della longevità e resistenza dei materiali con cui sono realizzati.

Dimenticate l’idea che avevate del PVC e scoprirete un mondo di design e colore che non immaginavate.

L’articolo Pavimenti in PVC: tre motivi per sceglierli proviene da Architettura e design a Roma.


 
 

Il regalo di San Valentino per una cena o una dolce colazione con amore

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

Per un romantico brindisi calici per tutti i gusti. A sinistra personalizzabili QUI, al centro con cuoricini di vetro QUI e a destra molto eccettrinci e tempestati di cuori dorati QUI

regalo di san valentino

Tazza con impugnatura antiscivolo rossa con cuore disponibile QUI per un dolce regalo di san valentino

Segna posto per il party di san valentino disponibili QUI in varie formeregalo di san valentinoUn divertente regalo di San valentino le tazzine per il caffè di Bialetti, disponibili QUI

…E per gli amanti del design i bicchieri di Guzzini li trovate QUI

Per San Valentino volete organizzare una cena romantica, una colazione a letto indimenticabile, un aperitivo da innamorati? Di seguito troverete tante idee, piatti, tazze, tovagliette, bicchieri e molto altro, a tema San Valentino per festeggiare o da regalare al vostro innamorato.

Ricordate che anche l’amicizia è amore; io ho spesso ricevuto regali dalle mie amiche a San Valentino e sono stati graditissimi.

Buon San Valentino per un mondo d’amore (tutti i giorni) a tutti voi.

regalo san valentino

Il tea è più piacevole se accompagnato da biscotti e servito in tazze a forma di cuore! Queste le trovate QUI

regalo san valentino

Il pranzo con le amiche o la colazione per la famiglia numerosa saranno dolcissimi con il set di 10 tovagliette e sottobicchieri che trovate QUI

Volete fare un dolce per San Valentino, dovrà avere certamente la forma di un cuore! Chene dite di un tiramisù nel piatto in ceramica a forma di cuore in un bellissimo color azzurro che trovate QUI

regalo di san valentino

Sarà un gradito ed originale regalo di san valentino lo scaldatazze di Bialetti co pulsante a cuore che trovate QUI
a 15.30€
regalo san valentino

Perfetti per organizzare un party di san Valentino sono i 50 Picks con cuore rosso che trovate QUI a 3.30

regalo di san valentino

Cenetta romantica e gourmet con il pirottino in ceramica a forma di cuore che trovate QUI
cena di san valentino

Anche una cena con i piatti di carta può essere romantica e grazie grazie ai piatti quadrati con cuoricini grigi che trovate QUI

regalo di san valentino

La tazza per chi ha deciso di stare insieme tutta la vita è un perfetto regalo di San Valentino. la trovate QUI

regalo di san valentino

Eleganti, per gli amanti del design i due sottopiatti in ardesia a forma di cuore che trovate QUI

regalo di san valentino

La caffettiera degli innamorati è quella proposta da galileo che potete trovare QUI
a 11.78€

rgalo di san valentino

Piatto da portata dal gusto shabby con pois e cuore grigio.  cm 30,5 in Ceramica lo trovate QUI

regalo di san valentino

Confezion regalo per la mug con peluches che trovate QUI a 12.49€

Ancora mug per un San Valentino geek con la tazza con cuore pixelato di Kekkerland che trovate QUI a 11.71€

regalo di san valentino

Per un’ottima zuppa o una tazza di cerali è perfetta la ciotola con sottopiatto a forma di cuore che trovate QUI
regalo di san valentino

Piatto centrotavola artistico realizzato a mano con pietra rustica della maiella by Luigi D’Alimonte. disponibile QUI

regalo di san valentino

Alzatina per un te con biscotti pieno d’amore! Di Maxwell & Williams con due  ripiani a forma la trovate QUI in confezione regalo

Romantici e shabby i complementi per la tavola grigio tortora. A sinistra mug di porcellana con manico a cuore disponibili QUI e a destra tovaglietta di Angelica Home & Country che trovate QUI

regalo di san valentino

Tazza, piatto e cucchiano per un cuore candido, disponibile QUI
cena di san valentino

Piatti a forma di cuore per la cena di San Valentino QUI

regalo di san valentino

un set da tavola pieno d’amorequello composto da 16 pezzi che trovate QUI
regalo di san valentino

Due tazze per due cuori. Le trovate QUI

regalo di san valentino

Dolcissima la tazza termica da asporto coffee to go. La trovate QUI

Tazzine a forma di cuore per cominciare bene la giornata. A sinistra rossa come la passione con cucchiaino QUI, al centro con piattino e cucchiaino disponibile anche in rosa e celeste QUI e a destra per gli amanti del design le romantiche tazzine di Guzzini QUI

Per San Valentino organizzate una romantica e dolcissima colazione con la mug che con il calore scopre il vostro messaggio d’amore QUI e un dolce a forma di cuore con la tortiera di Tescoma che trovate QUI

 

Bellissime e romantiche le tovagliette a forma di cuore in stile shabby di Mariclò QUI ecrù con bordino in pizzo sangallo e QUI grigia.
regalo di san valentino

Per gli stuzzichini dell’aperitivo di San Valentino con le amiche è perfetto il set con forchettine in porcellana e bambu che trovate QUI a 7.96€

Romantici taglieri: a forma di cuore a sinistra e fatto a mano con intaglio a cuoricino a destra

regalo di san valentino

Un bel regalo di san valentino il kit per il te composto  da tazza, infure e selezione di te, disponibile QUI

 

Infusori romantici, un grazioso regalo di san valentino. A sinistra due cuori trafitti da una freccia QUI, al centro due colini con ciondolo QUI, a destra colino da te a cucchiaino in confezione regalo QUI a 14.99€.

 

L’articolo Il regalo di San Valentino per una cena o una dolce colazione con amore proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 

Il bisogno di proteggere la propria casa

Pubblicato da blog ospite in Idee, Non Ditelo all'Architetto

allarme per casa

allarme per casa

L’altro giorno ero all’Ikea e, vedendo così tanta gente intenta a prendere misure, acquistare complementi, guardare mobili, riflettevo sull’amore che proviamo per la nostra casa, il nostro nido, la voglia e il piacere che proviamo nell’arredarla, personalizzarla…farla nostra.

Tra questi pensieri mi è dunque sorto un sentimento di protezione che raramente avevo sentito prima. Il bisogno di proteggere ciò che si ama è una emozione naturale e spontanea e non bisogna necessariamente avere un castello o un attico miliardario, ne nascondere in casa il tesoro della corona; la nostra casa è sempre e comunque preziosa per noi e va protetta, quindi ho cominciato a documentarmi.

Ho scoperto su internet, devo dire che non lo sapevo (scusate l’ignoranza e non ditelo all’architetto!), che esistone un allarme per casa wireless, dal montaggio semplicissimo e per i quali non è necessario alcun intervento murario. Un’installazione rapida e indolore che metterà in un attimo in sicuro la nostra casa.

Ovviamente si può anche sempre optare per il classico allarme filare, ma devo dire che la possibilità del wireless ha accorciato ancora di più le distanze tra me e il desiderio di mettere in sicurezza la mia casa. Ovvimente tutti i sistemi sono gestibili anche da smartphone.

allarme per casa allarme per casa allarme per casa allarme per casa

Ancora più tranquillità mi ha trasmesso il sapere che ci sono società come Verisure che assicurano un servizio h24 con personale qualificato ed esperto in sicurezza, oltre ad essere collegati ad una centrale operativa.

Ogni casa è diversa, le esigenze di ognuno di noi sono diverse e dunque un buon antifurto deve essere studiato su misura per noi proprio come un abito; dobbiamo sceglierlo con attenzione e la stessa cura con cui abbiamo deciso il resto dell’arredamento.

A seconda che si viva in un monolocale, una villa, un appartamento, che si abbia da proteggere un una casa, un garage o un negozio le esigenze saranno diverse e in molti casi, come ho visto sul sito di Verisure, vengono effettuati degli studi di sicurezza gratuiti, sia per l’interno che per l’esterno, in cui un esperto analizza la casa per capirne i punti di debolezza.

Tra le altre cose, affacciandomi a questo mondo, mi sono resa conto che un allarme non serve solo per tenere lontani i ladri ma anche per scongiurare incidenti domestici o se qualcuno a bisogno di aiuto e mi son sempre di più convinta che non ci sia un attimo di più aspettare per dotare di un sistema di sicurezza la mia casa.

Acquistiamo televisori, stereo, cellulari, computer ma non tutti acquistano un allarme per casa, questa cosa è strana…sarà che non sono di design? Certamente il design lo proteggono!

 

L’articolo Il bisogno di proteggere la propria casa proviene da Architettura e design a Roma.

Tags: ,

 
 




Torna su