Stili






 
 
 

SHABBY CHIC nella zona living!

Pubblicato da blog ospite in Stili, Voglia Casa

Lo shabby chic è uno stile di design in cui arredi e accessori e vengono scelti per il loro aspetto invecchiato e usurato, che può essere autentico o realizzato appositamente.

zona living

Nasce in Gran Bretagna e rievoca il tipo di decorazioni delle tipiche case di campagna inglesi, con divani e tende in chintz, vecchie pitture, ornamenti floreali; altri influssi  provengono dai castelli francesi, dal design americano degli Shakers (calvinisti puritani) e dalle decorazioni a dipinto svedesi.

Una tendenza che si è imposta con successo tra gli amanti dell’arte e dell’artigianato di qualità che dona un tocco di romanticismo ed eleganza a tutti gli ambienti della casa per cui viene utilizzato, dalla cucina alla camera da letto passando per il salotto.

shabby chic nella zona living

Per richiamare questo stile nella zona living, è necessario partire dal divano: un suggerimento è quello di rivestirlo con un tessuto con una delicata fantasia floreale, possibilmente dall’effetto usato, oppure con un tessuto di cotone bianco e accessoriarlo con una grande quantità di cuscini in percalle.

livingshabby chic

Per continuare l’effetto Shabby è fondamentale l’utilizzo degli accessori: appendere quadri dal tema agreste come fiori, frutta e paesaggi può essere molto utile. Orologi vecchio stile, mensole appendiabiti, piatti, applique vintage, vecchie scale…tutto contribuisce ad arricchire la zona living.

shabby

Anche i vecchi mobili possono essere riutilizzati e inseriti in un progetto di interni: quindi spazio a credenze, cassettiere, tavolini e sedie.

 

 

Tags:

 
 

Stile di campagna minimalista. Il nostro stile su misura

Pubblicato da blog ospite in Colori, Maison Rock Coucou, Stili

Alla fine di questo mese il blog acquisterà una nuova veste, con un’estetica che mi rappresenta di più.
Ma ci saranno anche delle altre novità, oltre alla nuova impaginazione.
Non le voglio rivelare subito altrimenti rischio di mandare all’aria l’effetto sorpresa, però do una piccola anticipazione.
Ci sarà una pagina dedicata alle mie progettazioni e proprio con questo post voglio introdurla.
Sai che mi piacciono le case con personalità, quelle in cui si respira l’animo di chi le abita, perché sono un’estensione di loro stessi, del loro modo di vedere e vivere la vita.
Non è importante che l’arredo sia di alta fattura e design, ma è importante il cuore che ci metti, l’emozione che trasmette, che sia funzionale alle tue esigenze.
E bastano piccoli ingredienti e suggerimenti per realizzare tanto con poco.
E il primo progetto che voglio presentare è proprio quello della nostra casa, da quale partire altrimenti?

La mia famiglia. Una mia illustrazione

Oggi non ti parlerò di planimetrie e arredi, ma ti parlerò di cosa mi piace circondarmi, di quale deve essere il filo conduttore per ogni scelta. Del primo passo che considero in una progettazione.

Può sembrare una scelta semplice, ma non lo è così tanto.
Per riuscire ad individuare il mio vero stile, e non semplicemente quello che mi piace molto, ho osservato con attenzione tutto quello che mi faceva “innamorare”, nel senso che mi creava delle emozioni (interni, stili di vita, abbigliamento), fino ad individuare uno stile base, che è quello di casa accogliente, calda, avvolgente.
Quelle case dove si coltivano le proprie passioni e si costruisce un proprio mondo fatto di profumi, famiglia e di verde.
Spazi dedicati al relax e allo studio, con linee pulite e ariose.
Fonte: 1 2 3

Fonte: 1 2 3

Fonte, in senso orario: 1 2 3 4 5 6
Poi ho individuato i dettagli, in modo sempre più minuzioso.
Ed emerge sempre che mi piace la campagna. E mi piace farla entrare in casa con piante e fiori.
Una passione per i tessuti naturali e floreali, lo stile inglese fatto di tartan e mobili laccati (opachi, ovviamente!). Ma alleggerito dalle ariose tende in lino intagliato, dalle tonalità pastello sui muri e negli accessori. E dalla sensazione di pulizia e minimalismo caldo, quello tipico delle case nordiche.
Fonte: 1 2 3
Fonte: 1 2 3
Ho combinato tutti questi ingredienti tra di loro per creare uno stile molto personalizzato, che ho riassunto in una moodboard finale. 
Fonte:
tessuti 1 ; carta da parati: 2 ; tavolo antico: 3 ; Libreria: 4
La nostra casa è ancora incompleta, aggiungeremo gli arredi che mancano poco alla volta, ma quello individuato è lo stile che seguiremo in qualunque scelta che faremo. Sarà la nostra linea guida.
Nel prossimo post ti farò vedere la seconda fase della progettazione, quella in cui emozioni e desideri prendono forma.
A giovedì prossimo!

Tags:

 
 

Una casa in stile eclettico

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Stili

Soggiorno combinazione di stili

Il mondo sarebbe piuttosto noioso, se tutti avessimo lo stesso gusto nell’arredare. A noi di Case e Interni piace poter stimolare la creatività guardando anche case che si allontanano dai percorsi consueti. Questo appartamento in Andalusia (forse un render ben riuscito) in un complesso di nuova costruzione, è stato arredato con un approccio eclettico, utilizzando un mix intrigante di colori trame e fantasie per dare forma a una casa non banale.

Lo stile eclettico nell’arredamento è una combinazione di stili e periodi diversi ed offre la possibilità di mettere in mostra la propria personalità.

Certo, non è uno stile per tutti: c’è una linea sottile tra un soggiorno splendidamente eclettico e una stanza che è semplicemente caotica e kitsch. Arredare stanze in stile eclettico non significa rifiutare ogni regola. Gli spazi eclettici più riusciti riescono a mettere insieme forme, trame e colori apparentemente disparati, utilizzando alcuni trucchi per mantenere tutto in armonia.

Lo stile eclettico qui è fresco, contemporaneo ed esotico. I materiali naturali e le differenti texture aiutano a creare uno sfondo che accoglie accenti di colore e collezioni di oggetti disparati, tutti in perfetto equilibrio.

Le pareti dell’ingresso sono in verde bosco. Una parete di quel colore prosegue anche nel soggiorno, aggiungendo un tocco di fascino vintage anche grazie alle sedie spaiate e ai mobili in midollino, mentre un sottile accenno di stile industriale, viene introdotto dalle lampade. Cesti ed altri oggetti etnici trovano posto qua e là. L’angolo relax è delicatamente boho chic, accogliente e riposante.

L’appartamento richiama anche un’estetica scandinava, con il suo pavimento in legno, le pareti bianche accanto a tessuti morbidi dai disegni geometrici. Mentre l’elemento eccentrico, che in un arredamento eclettico non può mancare per attirare l’attenzione, sono la serie di fenicotteri e aironi nell’ingresso che prendono spunto dal quadro dai colori oro e malva. Grazie anche allo specchio, l’insieme crea una scenografia interessante.

Qui la creazione di una combinazione di colori comune contribuisce a creare coesione, nel gioco di legni, metalli e tessuti differenti.

Lo stile eclettico è noto anche per l’utilizzo di decorazioni uniche: collezioni di ceramiche, lampade e specchi insieme a pezzi più grandi come tappeti, quadri, sculture.

In uno stile dove ci sono molti stimoli visivi è importante anche avere spazi meno “carichi” per bilanciare. La piccola cucina, tutta bianca e dal design lineare, qui svolge questo scopo, pur mantenendo alcuni accenti di colore.

Anche la camera da letto, ha un design pulito, interrotto solo dalla testata tradizionale spagnola, che è stata dipinta di malva come il muro di sfondo, creando un piacevole chiaro-scuro. Mentre come accento troviamo i due comodini e il cuscino di un vibrante blu elettrico.

Copia lo stile, anche solo per dare un nuovo look al soggiorno

– Mescola stili, texture e fantasie tenendo un filo conduttore nella palette di colori

– Utilizza alcuni contrasti di colore inattesi

– Dai importanza ai tessuti e non dimenticare i tappeti

– Abbellisci le pareti con collezioni di specchi, quadri o altri oggetti

– Aggiungi il tuo tocco personale con alcune decorazioni insolite

Soggiorno combinazione di stili

Soggiorno combinazione di stili

Soggiorno combinazione di stili

Soggiorno combinazione di stili

casa-stile-eclettico-arredamento (6)

casa-stile-eclettico-arredamento (7)

casa-stile-eclettico-arredamento (8)

Fonte: myramardos.com

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

Trend d’arredamento autunno / inverno: animalier o velluto?

Pubblicato da blog ospite in Stili, VDR Home Design

La stagione invernale è alle porte e con lui i nuovi trend d’arredamento per affrontare il freddo al meglio. Vediamo quali sono i trend d’arredamento autunno / inverno 2018.

……….

L’autunno è arrivato e con lui i primi freddi e i colori splendidi che questa stagione ci regala. La natura va in letargo e in realtà anche noi vorremmo seguirla, ma si sa, è solo un sogno.

Come risvegliare i sensi un po’ intorpiditi dal cambio stagione allora? Di solito il modo migliore è lo shopping ed in particolare, quello per la casa. Si sa che i mobili non si possono cambiare ogni sei mesi, per ovvi motivi economici e pratici. Quindi come fare per dare un nuovo sprint al nostro nido senza andare in banca rotta?

Cambiando i complementi d’arredo: cuscini, tappeti, lenzuola, tovaglie e tende. Potete fare il cambio complementi così come si fa il cambio dell’armadio. Vedrete che ventata di novità!

Tra i trend d’arredamento autunno/inverno 2018 ci sono l’animalier e il velluto. Quale scegliete?

TREND D’ARREDAMENTO AUTUNNO / INVERNO: ANIMALIER

Prima di tutto: cosa vuol dire animalier? Vuol dire stampe che riproducono il manto degli animali della savana (o quanto meno, di animali esotici). Quindi via libera a maculato, panterato, zebrato, pitonato, effetto pelle di giraffa. Un po’ cougar diciamo.

Sicuramente molto audace e sensuale, chi sceglie per questo trend non ha paura di osare. Il rischio di creare ambienti sovraccarichi e un po’ ridicoli, però, è dietro l’angolo. Quindi non è che tutto deve essere in animalier. Se scegliete un tappeto in questo stile, state attenti ad abbinare piccoli accessori con stampe simili. Non fate tende, tappeti e cuscini così: l’insieme diventerebbe davvero too much e poco elegante.

Abbinate le stampe animalier con complementi in tinta unita per riequilibrare e dare omogeneità.

trend d'arredamento autunno / inverno

|Image credits: H&M Home – Maisons du Monde – Zara Home|

TREND D’ARREDAMENTO AUTUNNO / INVERNO: VELLUTO

Per chi vorrebbe osare, ma non esagerare, il velluto è la scelta migliore. Elegante e sofisticato, darà un’aura molto speciale ai vostri ambienti. Li farà sembrare usciti dai saloni delle feste di altri tempi, conferendo anche un po’ di mistero all’insieme.

Si tratta di un trend già visto al Salone del Mobile, declinato davvero in mille modi diversi. Tende, completi letto, cuscini. Chi più ne ha ne metta. Anche i colori: potete scegliere i toni pastello o il più coraggioso blu ottanio. Potete anche mischiare le diverse tonalità per evitare l’effetto teatro. Ad esempio, una bella ottomana in blu ottanio con cuscini rosa pastello. Un insieme mascolino ma anche romantico. Un perfetto mix.

trend d'arredamento autunno / inverno

|Image credits: H&M Home – Maisons du Monde|

 

 

L’articolo Trend d’arredamento autunno / inverno: animalier o velluto? sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Nordico ed economico: il soggiorno perfetto

Pubblicato da blog ospite in Idee, Stili, VDR Home Design

In cerca di ispirazioni per dare un nuovo tocco in casa, in particolare al soggiorno? Un copia il look dal sapore nordico, con un occhio a budget e stile.

English version >> http://bit.ly/2dayC0y

………

Siete in cerca di idee per arredare casa in stile nordico o per rifare il look al soggiorno ad esempio? Bene, siete proprio fortunelli oggi: qualche tempo fa ho trovato un’immagine che mi ha molto colpito e ho voluto condividerla con voi.

Capita spesso di vedere immagini di interni sul web e sui giornali, di spazi che sembrano molto sofisticati. Tante volte vorremmo raggiungere quello stesso stile, ma ci scoraggiamo.

Un po’ perché non si sa da che parte cominciare per scegliere gli arredi, un po’ perché alla sola idea di mettere insieme i pezzi ci viene in mente quello che spenderemmo.

Invece non è necessariamente vero; bisogna dedicare tempo alle ricerche ma ne vale la pena. Volete rimanere con me per vedere come rifare lo stile del soggiorno?

NORDICO, ELEGANTE E CON GUSTO

stile nordico

Eccola qui la mia musa ispiratrice per oggi. Colori neutri, legni dalla forte personalità che contrastano coi toni freddi dei mobili. Pochi accessori misurati, per completare il quadro.

Un insieme armonico ed equilibrato, per una zona giorno in perfetto stile scandinavo. Vi piace qualche pezzo o li volete tutti? Tenetevi pronti, stanno per arrivare lista della spesa e rendering del risultato finale!

stile nordico

Moodboard

Ecco qui il dove e quanto:

1/3. Quadri vari Bjorksta, Ikea € 39,99

2. Credenza Trocadero, Maison du Monde, € 599,90

4. Applique orientabile in ottone H 50 cm, FACTORY, Maison du Monde € 99,99

5. Copricuscino fantasia, H&M, € 4,99

6. Plaid maglia punto riso, H&M, € 49,99

7. Divano due posti Stocksund, Ikea, € 499

8. Copricuscino punto riso, H&M, € 19,99

9. Vaso grigio Atgang, Ikea, € 9,99

10. Quadro Pjatteryd, Ikea, € 9,99

11. Lampada da tavolo Tris, Made, € 55

Ora che la lista della spesa è fatta, non rimane che vedere come questi pezzi simili ma non uguali agli originali stanno insieme. Così potrete decidere se vi piace oppure no.

Ecco qui:

stile nordico

Che fate, rimodernate?

 

L’articolo Nordico ed economico: il soggiorno perfetto sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Abbinare l’animalier, uno stile dal fascino senza tempo

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano, Stili

Non è solo la Milano Fashion Week a suggerire l’eterno ritorno dell’animalier, tendenza moda sempre pronta a rientrare a gamba tesa nelle preferenze dei più grandi stilisti, ma anche la settimana della moda di Parigi appena terminata, nella quale l’animalier si è imposto trionfalmente con capi che uniscono zebrato e maculato negli stessi set oppure riproponendo scarpe maculate insieme a borse pitonate. Lungi dall’essere rielaborazione di cose già viste, l’animalier si sa sempre riproporre come una novità, ed è infatti perennemente in grado di stupire, creare dibattito e talvolta anche scandalo.

Perché l’animalier esercita sempre questo strano fascino senza tempo?

slippers maculate Amerigo Milano

Perché l’animalier, a differenza di molti altri pattern e cromie, non esce mai dai guardaroba di chi è attento ai dettami della moda o dagli spunti creativi dei più sofisticati stilisti?

I motivi sono diversi; se da un lato, come già accennato, c’è la capacità che l’animalier ha di stupire e scandalizzare sempre, attitudine intorno alla quale il mondo fashion ama gravitare, dall’altro esso è anche un porto sicuro in fatto di stili e possibilità di abbinamento.

Adatto a chi ha non solo fantasia ma anche attrazione per la sperimentazione, la tendenza moda animalier mette d’accordo sia chi vuole un “porto sicuro” in fatto di stile sia chi non vede l’ora di scandalizzare, capo dopo capo, stagione dopo stagione.

L’attività di abbinare l’animalier è il primo elemento creativo che attira così tante persone verso questo stile.

Dunque, come si abbina l’animalier?

Abbinare l'animalier_amerigo Milano

Tra i motivi per cui l’animalier torna sempre di tendenza ci sono i suoi infiniti possibili abbinamenti, sia con cose più eccentriche che con tinte classiche e più neutre.

L’abbinamento di accessori, dalle borse alle scarpe animalier, con abiti e sottovesti di seta a tinta unita o con giacche e completi palesemente classici, veicola un messaggio che vuole spezzare i riti del quotidiano, dell’eleganza formale, dell’approccio pacato e sobrio alla vita e alle relazioni.

E poi c’è la scelta animalier total look (la più in voga nelle passerelle parigine di quest’anno) che si impone come affronto ad ogni forma di monocromaticità e alla quale si orientano coloro che vogliono essere notati subito; chi indossa l’animalier total look vuole aprire l’aria in due al proprio passaggio, senza se e senza ma.

Ad entrambe le scelte, dall’animalier come infiltrazione in uno stile classico, allo sfoggio total look, si abbinano alla perfezione alcuni accessori che dell’animalier non si stancano mai, dalle borse alle cinte alle scarpe maculate.

Come nel caso delle slippers Amerigo Milano, adatte ad uno stile classico ma anche metropolitano, per un gentleman o una lady perfettamente a proprio agio nella giungla metropolitana, nella quale reintroducono classe e pacatezza, senza rinunciare al diritto all’eccentricità.

Slipeprs donna Amerigo Milano

Le slippers Amerigo Milano, in stile maculato, fanno coesistere tre provocazioni, molto care al mondo della moda:

1. la comodità che rende la città simile ad una casa, risultando perfette ai piedi di persone dal passo sicuro, in pieno controllo del proprio destino;
2. L’eccentricità della tendenza maculata;
3. La possibilità di abbinare l’animalier con vari pattern (maculato con zebrato, ad esempio), ma anche con completi classici, monocromatici tendenti all’antracite o al bianco.

Inoltre, le slippers maculate si abbinano alla perfezione con il colore tendenza top di questo autunno, cioè le sfumature di arancio e ocra carico.

Abbinare l’animalier con le mille forme del body art

abbinamento maculato body art

Siamo nell’epoca in cui non sono più solo capi ed accessori le cose da “indossare” e abbinare ma anche il proprio corpo, i propri tatuaggi, la nail-art e scelte di hairlook.

I segni e disegni che scegliamo per il nostro corpo diventano ulteriore abito, perenne messaggio del nostro modo di stare al mondo. Così, come risulta anti convenzionale e irresistibile un uomo che “indossa” i suoi dread su un completo giacca e cravatta blu notte o come aumenta il suo fascino una donna che sfoggia il suo tatuaggio tribale sulla mano ornata da un anello della linea più classica di Tiffany, allo stesso modo un accessorio animalier, come una scarpa maculata, risalta un tatuaggio sulla caviglia, il tutto sotto una rassicurante gonna anni ’50 o una sexy longuette.

Le slippers Amerigo Milano, nei loro pattern animalier, sono irresistibili per il loro essere un potenziale trait d’union tra le mille dicotomie della vita moderna, ad un confuso ma eccitante incrocio tra la ricerca di comodità e serenità casalinga e la voglia di sfidare, ogni giorno, la nostra personale giungla.

Tags:

 
 

Arredare con il velluto, protagonista della nuova stagione

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Stili
divani in velluto

Il velluto, tessuto morbido e chic, torna come trend 2018 di interior designDivani, poltrone, testiere, cuscini, tende e carte da parati, il velluto entra nelle case in tanti modi diversi ma sempre con grande stile.

Da sempre utilizzato nell’arredamento di ambienti di lusso, il velluto è un tessuto ricavato da nobili fibre naturali e disponibile in una ricca scelta di colori e nuance diverse. Esistono velluti di lana, di seta e di cotone, quest’ultimo sicuramente è il più diffuso.

tessuti di velluto collezione PRIVATE di Élitis
tessuti di velluto collezione PRIVATE di Élitis

Consigli per arredare con il velluto

Arredare con il velluto, protagonista della nuova stagione, è sinonimo di stile e ricercatezza ma poiché si tratta di un materiale che non passa certo inosservato, occorre la massima attenzione per non esagerare.
Ideale per essere inserito in ambienti luminosi, il velluto può essere accostato a diversi materiali a seconda dell’effetto desiderato. Abbinato al legno o ai metalli opachi, si otterrà un effetto più sobrio, mentre se accostato al marmo e ai metalli lucidi il risultato sarà indubbiamente più lussuoso ed elegante.

Con l’arrivo dell’autunno tutti abbiamo voglia di rinnovare i propri interni, cosa ne dite di aggiungere qualche elemento in velluto?

Il velluto è infatti il tessuto perfetto per un restyling autunnale e per aggiungere un tocco glamour agli ambienti, sia nei colori vivaci che nelle tonalità pastello o neutre. Inoltre, nonostante la sua anima vintage, si tratta di un materiale versatile utile per impreziosire ogni ambiente, dal classico al contemporaneo.

Le attuali proposte d’arredo in velluto spaziano dai divani ai letti, ma anche poltrone, pouff, sedie e tanti altri complementi come cuscini d’arredo, tende e persino carte d parati o raffinate boiserie per rivestire con classe le pareti di casa.  
Basteranno pochi elementi in velluto per donare alla stanza un’atmosfera calda e accogliente.



divano in velluto MOON - Dall'Agnese
divano in velluto MOON Dall’Agnese
poltrone in velluto di MisuraEmme
poltrone in velluto di MisuraEmme
tenda coprente in velluto di H&MHome
tenda coprente in velluto di H&MHome
cuscini d'arredo in velluto di H&MHome
cuscini d’arredo in velluto di H&MHome
sedia in velluto modello ASANA di Ronda Design
sedia in velluto modello ASANA di Ronda Design
letto in velluto modello CHARLOTTE di Emmebi
letto in velluto modello CHARLOTTE di Emmebi
cuscini d'arredo in velluto HAPPY FRAME di LO DESIGN
cuscini d’arredo in velluto HAPPY FRAME di LO DESIGN
coprpiumini e tende in velluto di H&MHome
coprpiumini e tende in velluto di H&MHome


Pulizia del velluto

Il velluto è un materiale delicato, la cui manutenzione varia a seconda del filato, anche se oggi, grazie alle nuove tecnologie produttive, è diventato più performante di un tempo. Il velluto in seta richiede un lavaggio a secco, al fine di mantenere inalterate le sue caratteristiche di lucentezza e l’effetto cangiante. Per  il velluto in lino o cotone l’ideale basta tamponare con un panno imbevuto d’acqua e asciugare, oppure utilizzare una spazzola, anche contropelo.



Tags: ,

 
 

Slippers, le scarpe da gentleman arrivano in ufficio

Pubblicato da blog ospite in Amerigo Milano, Stili

Slippers, la nuova tendenza per il gentiluomo

In Inghilterra, le slippers le conoscono da sempre. I veri gents infatti le indossano proprio come si indossa una smoking jacket o un papillon. Per chi non lo sapesse, le slippers sono una tipologia di calzatura dall’animo vintage, ma che nel corso degli ultimi anni è tornata fortemente di moda. Qualcuno le confonde con le più tipiche “friulane”, ma in realtà sono due mondi davvero diversi. A partire dalla tomaia per poi arrivare fino alla sagomatura che segue il piede.

Slippers eleganti, ma soprattutto di tendenza

Che tu sia a bordo di una Porsche 356 o di un motoscafo Riva, la slipper diventa l’oggetto comodo ed elegante, che ti permette di essere sempre preciso anche quando la situazione è poco formale. Per questo vengono definite calzature eleganti, anche se l’uomo ha riscoperto questo tipo di calzatura da poco tempo, la slipper da uomo è considerata un cult di altri tempi.

SCOPRI AMERIGO MILANO

STILE UNICO E INCONFONDIBILE

Insomma, se state cercando un elemento che vi renda inconfondibili, la slipper da uomo forse è proprio quello che state cercando. Nella nostra collezione abbiamo deciso di dare spazio alla creatività, rendendo tutte le nostre slippers da uomo, calzature uniche perché fortemente personalizzabili. Proprio con l’arrivo della stagione fredda, la versione di velluto potrebbe essere perfetta, per mantenere il confort e l’eleganza che solo un vero gentleman è in grado di raccontare, con i suoi gesti e movimenti.

Tags:

 
 

Alexander Lamont Collezione Pleiades

Pubblicato da blog ospite in Design, Room by Room, Stili
Collezione Pleiades
le tradizionali tecniche di lavorazione europee del metallo
incontrano le tecniche di laccatura giapponesi
Questa è la storia della creazione di una collezione di vasi che è stata nel cuore e nella mente di Alexander Lamont per molti anni. Da tempo infatti desiderava cimentarsi nella progettazione di oggetti sinuosi e intriganti usando tecniche che sposassero le tecniche e lavorazioni europee e giapponesi.
Alexander è stato profondamente ispirato dalle tecniche di Jean Dunand, visto prima al Musée des Arts Decoratifs di Parigi, e più tardi nelle gallerie di Rue de Seine e alla famosa casa d’asta Christie durante la quale, nel 2009, venne battuta la collezione personale di Yves Saint-Laurent. La produzione artistica di Jean Dunand include molteplici esempi di vasi dalle forme semplici, decorati con metalli preziosi, patinature e, in seguito, dopo che Eileen Gray presentò Dunand all’ artista giapponese Sugiwara, con l’urushi e il guscio d’uovo, tipici della tradizione asiatica.
Alexander dichiara:
“Lavorando con lacca e guscio d’uovo, ho scoperto modi per riprodurre pianeti, costellazioni e carte celesti su vasi. Da soli, in gruppo e come coppie, evocano la leggerezza e l’oscurità dei cieli notturni. “
Alexander Lamont
Tags:

 
 

Un arredo (made in Italy) di grande impatto per ogni stile

Pubblicato da blog ospite in ChiccaCasa, Stili
Molto spesso capita che, nonostante tu abbia scelto uno stile specifico per la tua casa, il suo mood ti appare poco definito. 
Sei sicuro di aver scelto arredi e decor coerenti con i tuoi gusti e con lo stile che più ti rappresenta, eppure, hai la sensazione di non aver riprodotto l’atmosfera del genere di abitazione che avevi in mente.

Niente paura! 

Probabilmente, quello che manca ai tuoi spazi è la presenza di un focal point: un elemento di spicco che faccia la differenza.
In soldoni, un arredo iper-tipico dello stile che hai deciso di sfoggiare, che diventi il cuore di un ambiente.

Ecco, quindi, una serie di mobili che devi assolutamente avere se hai scelto uno di questi stili per la tua casa.

Hey, tutti gli arredi che ho scelto, sono made in Italy!


Il wabi sabi, più che uno stile è un concetto estetico: l’arte della bellezza imperfetta. 
I suoi principi chiave sono: “niente finisce, niente è finito, niente è perfetto”. Ha a che fare con l’accettazione del ciclo naturale della vita e con la ricerca della bellezza nelle cose naturali.
Applicato all’interior design, questo concetto si manifesta con la semplicità degli arredi, con materiali naturali, con pareti grezze o incomplete e con un’atmosfera Zen. 
Puoi decorare un ambiente in stile wabi sabi con pezzi handmade, oggetti presi al mercatino delle pulci, fiori di campo e lampade in carta di riso.
Un letto Zen non può proprio mancare se hai scelto il wabi-sabi per i tuoi spazi. 
Deve avere il giro-letto basso e più largo rispetto al materasso (che lasci pensare che il letto stia fluttuando su una lastra sottile) e la struttura in legno. 

Nella moodboard, il letto in tessuto Plaid risponde a queste caratteristiche, ma in più, è rivestito da una stoffa che sui bordi resta aperta e libera. La sensazione che il lavoro sartoriale sia incompiuto lo rende in perfetta sintonia con la filosofia wabi-sabi!

Il mid century glam è una rielaborazione del vintage anni 50′ che prevede l’inserimento di materiali e finiture dall’aspetto lussuoso, come il color oro, il velluto ed il marmo.
Uno stile elegante e ricercato, costituito da comode sedute imbottite, lampade retrò, accessori glamour, decorazioni semplici ed impeccabili e colori pastello desaturati.
Gli spazi sono vestiti da materiali di pregio e arredi dall’aspetto fresco e moderno. 
In un contesto simile non può di certo mancare un tavolino da caffè con piano in marmo. 
Nella moodboard, il tavolino da salotto Tray di Meme design è costituito da una struttura in metallo in tinta con il piano in marmo nero Marquinia, dalla base rettangolare, con gli angoli smussati.
Il mood rustico è perfetto sia da solo che abbinato ad altri stili. è straordinariamente valorizzante se inserito in contesti country, industrial, ma anche vintage e scandinavo.
Pensa ad un cottage, uno chalet o una casa in campagna. Il legno grezzo è alla base di questi ambienti ed è anche il loro punto di forza.
Il fulcro dello stile rustico è proprio lui, il legno, con venature a vista e tutte le imperfezioni che lo rendono tanto affascinante.
Dà il meglio di sé, abbinato a pareti in pietra, travi del soffitto a vista e decorazioni artigianali come oggetti di ceramica, cesti di vimini e coperte di lana grossa intrecciate a mano. Le piante aromatiche sono ideali per completare questo mood.
Non può proprio mancare, in un ambiente rustico, un tavolo in legno massello, meglio se usurato o non del tutto rifinito. I segni del tempo oppure i solchi del legno, non fanno altro che accrescerne il valore.
Nella moodboard, il tavolo Jaguar ha il piano ricavato da un unico tronco di quercia secolare. La sua naturalezza si fa evidente grazie alle venature ed ai bordi, volutamente non trasformati in angoli, ma lasciati grezzi ed ondulati.


Lo stile scandinavo è tipico dei Paesi del nord Europa quali Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia.
Alla base, ci sono il candore e la luce, in principio scelti per godere al meglio della luce, che in alcuni periodi dell’anno, in queste zone, dura solo poche ore, poi diventati un trend universale.
Gli arredi sono realizzati con materiali naturali, e spesso si tratta di mobili di riciclo. Il mood è minimalista e la palette di colori è neutra. Gli spazi sono decorati secondo il concetto di hygge, legato alla comodità, al relax, al distacco dagli impegni lavorativi ed alla condivisione. Non è raro trovare, quindi, angoli dedicati alla lettura, calde coperte disposte assieme ai cuscini sul divano e fiori di campo che rendono l’atmosfera delle case scandinave bella e confortevole.
In una casa in stile scandinavo, deve assolutamente esserci un divano dalle linee pulite, rivestito in tessuto, comodo e ben imbottito. Meglio se di un colore neutro, e con le cuciture in evidenza, come il divano Bolb, nella moodboard.

Lo stile etnico è ideale per i viaggiatori e per gli spiriti liberi.
Racchiude in sé l’essenza di tante culture diverse facendo sì, che la casa prenda le sembianze del perfetto nido per un cittadino del mondo.
Un ambiente in stile etno chic, è composto da uno sfondo bianco e mobili, spesso antichi, provenienti da posti differenti e mixati tra loro.
Grande importanza è attribuita ai tessili, rigorosamente fatti a mano e dotati di nappe, pom pom e motivi tribali.
I materiali più gettonati sono lana, legno e bamboo, ma sono ammessi anche tutti gli altri materiali naturali purché il design degli arredi sia originale e artigianale.
Un mobile indispensabile per creare questo mood è una madia, sulla quale esporre piante esotiche e decorazioni.
La madia Renate nella moodboard è realizzata a mano. La particolarità sta nelle ante, lavorate con un motivo geometrico.


Dove ho scovato i mobili protagonisti di queste moodboard? Su Arredo Design Online, un negozio digitale super assortito di mobili made in Italy e personalizzabili.

E tu? Di che stile sei? 

Fonti delle foto nelle moodboard (in senso orario, partendo da in alto a sinistra): 
Moodboard wabi sabi 1. 2. 3. 4. 
Moodboard mid century glam 1. 2. 3. 4.
Moodboard rustico 1.  2. 3.  4.
Moodboard scandinavo 1. 2. 3. 4.
Moodboard etno chic 1.  2.  3. 4.
http://chiccacasa.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss
Tags:

 
 




Torna su