Interiors






 
 
 

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

Interior Designer Annabell Kutucu was responsible for one of my favorite homes in 2016.

So it’s no surprise that I’m sharing more of her work and in one of my favourite European cities. In line with Berlin’s status as a magnet for artists and creative culture, this apartment is also a home studio. A sleek style elevates the home’s raw edges to a refined, effortless cool.

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Annabell Kutucu is an expert when it comes to balancing a home’s individual personality with an earthy, raw sensibility. Here, she strips back the apartment’s existing aesthetic to focus on the bare brick walls, ceiling beams and sprawling windows. The color palette is a staunch monochrome, the light is natural with a couple of lights to create a warm night-time glow. Herringbone timber floors and black tiles define the living and kitchen space, while the bedroom is softened with a plush charcoal carpet.

With its enormous windows, bare walls and white bricks, the living room could feel hollow, but the layered rugs, sprawling couch and bookshelves add personality. The open plan leads nicely to the kitchen, where the dark tones and modern appliances are softened by earthy crockery.

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

The studio component of the home has been integrated as separate spaces.  From the grand piano tucked around the corner of the living room to the separate music room, where keyboards and synths are each given prime position to pick and choose from. It doesn’t feel like a home where the work and play are segmented, more like different spaces to create.

While this apartment has significant cool factor, it never feels untouchable. The unpretentious design and materials let the building’s views and structure do the talking. As Annabell Kutucu has already demonstrated, doing more with less is what makes a home truly unique.

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu

Photos Claus Brechenmacher Info Est Living

The post Berlin Artist Loft by Annabell Kutucu appeared first on Nook Twelve.

Tags:

 
 

Shabby, Etnico e Bohemien Chic per l’arredamento

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Interiors

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-1

Un bel muro di mattoni, doghe di legno a pavimento e travi a vista sono gli elementi essenziali di questa casa di 400 mq di grande atmosfera.

La casa si trova in Olanda ed è raggiungibile solo tramite traghetto, molto affascinante!

Un po’ come a Venezia, l’organizzazione dei lavori di ristrutturazione ha dovuto tener conto dall’elemento acqua. Tutto ha dovuto essere trasportato con il traghetto, comprese le macerie delle demolizioni dei muri.

Gli interni sono un mix di alcune tra le più apprezzate tendenze dell’arredamento: stile Scandinavo, Shabby, Industriale, Bohemien Chic, Vintage ed Etnico. Una combinazione di vecchio e nuovo, decor e minimal, dove i proprietari e i progettisti hanno dato molta importanza ai dettagli e nello scegliere ogni pezzo e colore.

Uno stile eclettico, insomma, cui possono prendere ispirazione tutti coloro che non si identificano completamente in uno stile in particolare e desiderano ambienti unici ed accoglienti.

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-2

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-2b

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-2c

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-3

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-4

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-5

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-6

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-10

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-7

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-8

arredamento-shabby-etnico-bohemien-casa-campagna-9

Source: Vtwonen.dk
Photo: Hans Mossel
Styling: Sabine Burkunk

 

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

La casa da sogno del film "Perfetti Sconosciuti". Scenografia teatrale per un film geniale.

Pubblicato da blog ospite in HomeRefreshing, Interiors
Era proprio il film che volevo vedere da tanto. 
Avevo visto i trailers, letto le recensioni e i commenti positivi, ne avevo sentito il resoconto entusiasta degli amici che erano stati a vederlo al cinema.
Ne avevo sentito parlare talmente tanto che ormai conoscevo trama, protagonisti e gags principali.
Mi mancava giusto il finale e così, quando ho saputo che finalmente davano Perfetti Sconosciuti in prima serata, ho prenotato il mio appuntamento con il divano.
Il film non ha deluso le aspettative: geniale in tutto e non aggiungo altro. Se l’avete visto capite di cosa sto parlando, se non l’avete visto non voglio rovinarvi la sorpresa.
Ma oltre la trama geniale, quello che mi ha colpito fuori misura è il bellissimo appartamento  in cui  tutte le scene del film sono ambientate (questa scelta fa sì che l’effetto sia molto simile a quello di una rappresentazione teatrale).
Dalle prime scene ho pensato: cavoli…la mia prossima casa la vorrei proprio così!
Personale, colorata e così elegantemente “disordinata”.
I padroni di casa sono Eva (psicanalista) e Rocco (chirurgo plastico)  e il loro meraviglioso appartamento fa da sfondo alla cena organizzata per i loro amici di sempre, con la scusa di ammirare l’eclissi totale di luna e conoscere la nuova misteriosa fidanzata dell’amico separato Peppe.
Quasi tutto il film, si svolge attorno al grande tavolo quadrato, circondato dalle sedie DSW  di Vitra.
Un classico parquet a spina di pesce, sul quale spicca il tappeto patchwork . 
Le grandi e luminose finestre bianche che contrastano con l’intenso blu delle pareti.
Il romantico angolino relax con la poltrona e il poggiapiedi anni ’50 in bianco e bordeaux.
E cosa dire del living, dove l’atmosfera vintage  degli arredi anni ’50 continua con la coppia di poltrone dall’insolita sfumatura viola.
Una vecchia cassetta in legno fa da portariviste. Pouf e tavolini di forme e materiali diversi sono disseminati in ogni angolo.
Un’intera parete è arredata con libri e riviste su semplici mensole.
Ancora libri e riviste sulla Nelson Bench di Vitra.
Ed ecco il controcampo del living: una coppia di cassettiere metalliche da ufficio affianca le mensole. Subito dopo un altro intimo angolo con una vecchia bergere e un tavolino illuminati da una lampada da terra e una piccola abat-jour. 
A destra della porta della cucina un’altra cassettiera, illuminata da una lampada da scrivania. 
Le luci sono le altre grandi protagoniste di questo interno. 
Ed ecco il pezzo forte, la cucina. Questa classica e allo stesso tempo non convenzionale, gigantesca cucina (dovete proprio vedere il film per sbirciarne i dettagli). 
Questa cucina che stravolge la mia predilezione per le cucine minimali in total white.
Pavimento con piccole piastrelle bianche e nere posate a disegnare un “tappeto” geometrico che incornicia l’isola operativa. Una classica boiserie bianca in perfetto pendant con le porte.
Le mensole in legno grezzo con la collezione di teiere, barattoli e libri a vista. Il tavolino con le gambe in ferro battuto. Il vecchio mobile a cassetti in legno.
L’isola centrale con il piano in marmo e  le basi , di quel sofisticato grigio, con il top in faggio, proprio sotto la grande finestra con le veneziane in legno.
E quell’intenso color marsala alle pareti (nel film Eva/Kasia Smutniak indossa una camicia dello stesso identico colore delle pareti. Questo vi fa capire come niente, in questa scenografia sia lasciato al caso…) 

E poi il bagno. Un bagno in perfetta sintonia con il resto della casa. Cementine a pavimento e piastrelle diamantate bianche fino a metà altezza. Un morbido color ottanio alle pareti e pezzi d’arredo che sembrano rubati al salotto: tavolini, abat-jour , quadri e un mobile in legno sul quale poggiare boccette di creme e profumi in apparente disordine.

Ecco,questa casa mi ha fatto esclamare “questa è la casa dei miei sogni”, con il suo raffinato disordine, i colori forti, la commistione di stili.
Anche se so che, trovandomi a riprogettare una casa per me, il lato minimal del “niente a vista” prenderebbe il sopravvento, ammetto che questi sanitari retrò e quel soggiorno allegramente sovraccarico e quella cucina da veri gourmet appassionati mi tentano terribilmente.
Questo stile potrebbe essere di ispirazione per chi si trova a ristrutturare una casa o un appartamento con dettagli d’epoca o vintage, con porte con specchiature e maniglie in ottone, soffitti alti e modanature, parquet a spina di pesce o con pose particolari, cementine o seminati alla veneziana originali.
In questi casi, dove è possibile, si può pensare di mantenere alcuni elementi  e farne il filo conduttore di un progetto di arredo personalizzato e fuori dagli schemi.
E ora un po’ di dritte per quelli di voi che volessero
Copiare questo stile
Per il blu delle pareti di sala da pranzo e soggiorno potete provare l’intenso Hague Blue di Farrow & Ball.
Hague Blue
Oppure, se non volete osare troppo, vi piacerà questa tonalità più chiara,  il Guede 46 di Caravane
Guede 46 Caravane
Se cercate delle poltroncine o delle lampade anni ’50 come quelle del film e non potete attingere al salotto della nonna, potete girovagare per i mercatini di antiquariato e modernariato (ce ne sono in ogni regione) oppure dare ogni tanto un’occhiata ai siti di Dimanoinmano e di Spazio900.
Tappeti patchwork simili a quello sotto il grande tavolo da pranzo potete trovarli QUI
E, per ricreare un perfetto bagno in stile retrò, come quello di Eva e Rocco,  potete scegliere i sanitari di Devon &Devon o di Burlington, cementine in black and white  di  Fioranese.
Cementine di Fioranese
Mentre piastrelle diamantate bianche simili a quelle del film le trovate nel catalogo Tonalite.
Enjoy Your Home!

P.S. Le scenografie sono di Chiara Balducci che ha realizzato gli interni anche per un altro film di Paolo Genovese, “Tutta colpa di Freud“, che devo ancora vedere e a questo punto la curiosità non è solo per la trama…
Tags:

 
 

Progettare con colore

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

L’architetto Mario Ramos ha curato i lavori di ristrutturazione e decorazione degli interni di questo appartamento in Spagna, collegando gli spazi e aprendo nuove prospettive, per permettere alla luce di fluire. Il bianco onnipresente è riscaldato da tocchi di colore, che rendono gli ambienti della casa rilassanti e gioiosi. In bagno, per vivacizzarlo, l’architetto ha osato con la scelta di un rosso mattone per una parete (vi ricordate? anche noi l’abbiamo fatto in casa Appia Antica!)

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: ,

 
 

Mansarda con vista

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
dettagli home decor

Un sottotetto svedese è stato completamente trasformato in un moderno bilocale pieno di luce con una bella terrazza panoramica.

All’ultimo piano di un edificio dei primi ‘900 situato a Göteborg, si sviluppa questo appartamento di nuova costruzione e scandito da uno stile rigorosamente moderno.
Grazie ai lucernari e alle grandi vetrate, l’intero spazio abitativo è inondato da tanta luce naturale che mette in risalto gli arredi e i complementi scelti nei raffinati toni di grigio e nero combinati a dettagli esclusivi in mamo e ottone.
La zona giorno è un open space dove cucina, pranzo e living comunicano perfettamente tra loro. La zona pranzo si affaccia sulla bellissima terrazza con vista panoramica sui tetti della città e caratterizzata da una calda tonalità di rosso che crea un piacevole contrasto con il pavimento in legno.
Una porta a vetri, dal design semplice e lineare, separa la camera da letto dal resto della casa.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor


Tags: ,

 
 

Monochrome mid modern house by Serge Castella

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

French-born, Spanish-based Serge Castella’s take on mid modern is fresh, artistic and just a little quirky.

He’s the master of mixing eras, of taking a limited palette and adding richness and interest through texture and shape. His background in fashion and antiques is obvious in his interior design work. Stylish, chic and totally individual, but why is working so good?

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (3)

Monochrome schemes will always go well with classic interiors. A classic room needs to feel harmonious, warm and inviting, therefore a warmer palette will work better with white. Think about these three things when combining

Mix & match styles

The most inspiring spaces pull from so many different vibes rather than just one look. Going with one (all rustic country farmhouse, or all rock star glam) feels too one-dimensional. If you have a preferred style that’s fine, but adding in a touch of its style antithesis to make the space more intriguing. To all high-end glam, add a boho element. To all classic and traditional style add a sleek and industrial elements.

Art

Artwork as we all know adds dimension, color, and texture; enlivens blank walls and brings instant intrigue to any space. Make sure it’s hung at the right height, which usually means the middle of the painting should be at eye level. Everyone tends to hang art too high, so it feels disconnected from the room. Add sculptures, vases, plants, but without exaggerating.

Create zones in any room

No matter how big or how small your space is, try creating zones. Dividing up areas is the quickest way to transform a room into a cozy, snug inviting space. Don’t leave all the furniture skimming the perimeter of walls.  Instead create the odd seating nook for lingering with a good book or perhaps a glass of wine.

Photos and info Serge Castella

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (2)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (4)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (5)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (1)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (6)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (7)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (8)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (10)

Serge Castella Monochrome house Nook Twelve (9)

The post Monochrome mid modern house by Serge Castella appeared first on Nook Twelve.

Tags: ,

 
 

Un loft dai decori geometrici

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Questo loft è stato recuperato da Shoko Design, uno studio polacco di architettura; interessanti gli spunti decorativi, a tema geometrico, realizzati con la pittura e con i rivestimenti. L’effetto è molto attuale e dai toni soft, facilmente adattabile ad ogni tipo di ambiente e tuttavia facilmente personalizzabile.

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: ,

 
 

Interior Design Trends 2017- il mio contributo

Pubblicato da blog ospite in +deco, Interiors

La redazione prestigioso sito The Lux Pad  mi ha chiesto, insieme ad altri influenti bloggers, quali saranno i trend nell’interior design per il 2017.

Questo è il mio contributo:

Nel 2017 la gente dimostrerà una maggiore coscienza nell’approccio al consumismo, preferendo soluzioni di qualità e materiali naturali. Le piante saranno l’arredo indispensabile per la casa e ispireranno la gamma di colori per le pitture murarie insieme all’Africa (ocra, ruggine, bordeaux). Il legno sarà largamente usato, bilanciato da materiali naturali come il marmo e il plexiglass. Gli anni novanta sono tornati con il velluto, le forme geometriche e i tartan.”

Leggi l’intero articolo qui.

+deco_green_wood

Immagine da www.vtwonen.nl

The post Interior Design Trends 2017- il mio contributo appeared first on Plus Deco – Interior Design Blog.

Tags: ,

 
 

Un loft su due livelli

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Quando, come in questo caso, ci si trova a ristrutturare un loft, cioè un ex edificio con funzione industriale (in questo caso risalente al 1914), con pochi mq ma grande altezza, la soluzione migliore è inserire un soppalco con struttura metallica, che ne duplichi gli spazi.

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: ,

 
 

Chalet a Femunden

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
dettagli home decor

Sulle rive del lago Femunden, in Norvegia, AslakHaanshuus Arkitekter ha rinnovato e ampliato questo chalet che coniuga perfettamente tradizione e modernità.

Originariamente il sito ospitava due piccole casette di legno, di circa 15 mq ciascuna, che il proprietario ha voluto integrare nel nuovo progetto.
Il nuovo edificio si armonizza ai precedenti grazie al medesimo metodo di costruzione e l’uso di legno delle stesse dimensioni. I tre volumi sono collegati tra loro dal prolungamento del tetto, che li rende parti di una nuova e unica struttura.
Tutti i volumi poggiano su una piattaforma a sbalzo sollevata da terra di circa 50 cm, caratteristica che fa sembrare che l’edificio “galleggi” sopra la vegetazione selvaggia del luogo, inoltre protegge il terreno circostante dall’usura.
La copertura del tetto è formata da una combinazione di lamiere in acciaio ondulato e pannelli traslucidi, anch’essi ondulati e della stessa dimensione. I pannelli di copertura traslucidi sono posizionati tra i volumi interni, al fine di rendere più luminose le aree esterne coperte, e sfalsati rispetto a porte e finestre, riducendo così al minimo la perdita di illuminazione interna dovute alle ombre proiettate dalle gronde sporgenti.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

Le due strutture in legno originali sono servite per creare la camera per gli ospiti e un ripostiglio, mentre la nuova costruzione ospita la zona giorno e altri locali. L’ampliamento è costituito da due ali, collegate da un ampio ingresso a cui è possibile accedere direttamente dalla corte coperta. Nell’ala ovest si trovano il bagno, la sauna, i servizi igienici e un locale tecnico.
L’ala principale, da cui si può ammirare una splendida vista verso le montagne e il lago, ospita invece la zona giorno con camino e cucina attrezzata. All’estremità sud si trova la camera da letto principale.
L’arredamento è stato interamente realizzato su misura, con i giunti e le pareti della struttura utilizzati per l’ancoraggio del bancone della cucina, di letti e scaffali.

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
Fotografie di Tom Gustavsen

Tags: ,

 
 




Torna su