Interiors






 
 
 

WORLD 🌿 INTERIORS #27

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Interni, Paz Garden

Ma davvero il prossimo Post che scriverò sarà per salutarvi, farvi gli auguri per un luminoso periodo di Feste e darvi appuntamento al nuovo anno?
Pare proprio che la risposta sia affermativa, ma non solo. Vi prometto che l’ultimo Post dell’anno sarà ancora più ricco di bellezza, perchè non sarò sola ma in magica compagnia… curiosi vero?

Che ne dite però se prima di salutarci, ci facciamo insieme l’ultimo Home tour dell’anno?
Quando ho visto questo styling della bravissima Emma Fischer non ho saputo resistere e ho subito pensato a voi.
Le atmosfere di questa casetta in vendita in Svezia da Bjurfors, sono così eleganti, poetiche ed accoglienti, che mi hanno riempito immediatamente di Ispirazione.
La carta da parati è un colpo d’occhio grafico e super scenografico, quindi basta da solo a rendere accattivante lo spazio dedicato al soggiorno, mentre la scelta di lasciare aria e luce nelle altre stanze prediligendo i toni del bianco è altrettanto eclettica e vincente. Non regala anche a voi una sensazione immediata di calma e benessere?
Allora che ne pensate? Si comincia la settimana decisamente meglio se facciamo il pieno di bellezza, che ne dite?


Photos by Alen Cordic – Styling by Emma Fischer for  Bjurfors Göteborg 
Tags:

 
 

Arredare la camera in mansarda: prima e dopo

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Interni, VDR Home Design

Le mansarde sono belle ma difficili da arredare, soprattutto se si ha poco budget. Noi siamo riusciti ad arredare la camera in mansarda a budget ridotto.


Come fare ad arredare una camera in mansarda senza andare in bancarotta? E’ davvero molto difficile trovare armadi alti abbastanza, da permettere di sfruttare appieno le diverse altezze di queste tipologie abitative. 

O sono troppo bassi o sono troppo alti e il risultato è un sacco di spazio sprecato. Anche il letto può diventare un tasto dolente: se i punti più bassi della mansarda sono troppo bassi, si rischia di sbattere la testa quando ci si alza. 

Nel progettare la nostra camera, abbiamo pensato a più soluzioni, tutte fai-da-te a basso costo, dato il budget davvero risicato. In totale abbiamo speso intorno ai €4oo. Volete vedere com’è venuta?

Arredare la camera in mansarda, spendendo poco

Vi dico la verità: quando abbiamo comprato casa, il pensiero di arredare QUELLA camera mi ha dato non poca ansia. Soffitto altissimo, tanto spazio potenziale per gli armadi.. ma pochissimo budget. Non vedevo come avremmo fatto, nel breve periodo. 

arredare la camera in mansarda
| Il progetto|

Poi si sa che la necessità aguzza l’ingegno.. e mi sono venute in mente un po’ di idee, non facilissime da realizzare, ma che ci avrebbero consentito di risparmiare. La prima su tutti: la struttura del letto fatta con i pallet. 

Avendo già il materasso, ci mancava solo quella. Per fortuna noi siamo riusciti a recuperare i pallet (quelli da 80 x 120 cm) gratuitamente, per cui non c’è stata spesa. Solo olio di gomito per scartavetrarli e dipingerli (noi abbiamo dato solo il fondo).

arredare la camera in mansarda
|Prima e Dopo|

I precedenti proprietari ci hanno lasciato dei cassettoni bassi, per cui anche questa voce di spesa è stata eliminata (anche perché i cassetti hanno costi piuttosto elevati). Ci rimaneva da pensare all’armadio. 

Abbiamo escluso gli armadi chiusi classici e abbiamo optato per un armadio aperto, stile cabina. I tubi appendiabiti li abbiamo comprati su Amazon, così come le staffe reggi mensole in vetro. Originariamente volevamo ricoprire la parete con l’OSB, ma poi abbiamo deciso di andare direttamente a parete. I tubi appendiabiti sono a 120 cm di distanza, ma potete fare anche di più per i vestiti lunghi. 

arredare la camera in mansarda
|Prima e Dopo|

Il tappeto è un regalo, anche se originariamente avevamo pensato di mettere il tappeto di stracci che sto realizzando. Ma penso che andrà in cameretta 😉 

Il resto è tutta questione di accessori e contenitori per tenere ordine nella cabina armadio ovviamente, ma anche nella camera in generale. Mi raccomando, quando li scegliete attenetevi allo schema colore originale, per avere coesione e armonia. 

L’articolo Arredare la camera in mansarda: prima e dopo sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Decorazioni di Natale in una casa vittoriana a Londra

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Interiors, Interni

Decorazione di Natale in una casa vittoriana a Londra

I proprietari di questa casa vittoriana a Londra hanno vissuto cinque anni a Singapore e sono appena tornati in Inghilterra. Non vedono l’ora di trascorrere il loro primo “vero” Natale nel Regno Unito, nella nuova abitazione vittoriana. Qui tutto è pronto per intrattenere gli ospiti per le festività.

Per l’home tour di oggi, in versione natalizia, ci troviamo in una zona residenziale nel sud di Londra in una tipica villetta a schiera di epoca vittoriana.

Nella casa, completamente ristrutturata e ristudiata nella distribuzione degli ambienti, troviamo un mix di stili, accomunati da una palette di colori che comprende come toni principali il grigio e il blu scuro, e si arricchisce di accenti di tonalità turchese, verde e giallo oro.

La radicale ristrutturazione ha amplificato la luminosità degli ambienti, operazione necessaria, in quanto questa, come quasi tutte le affascinanti case vittoriane, aveva stanze piccole e buie. Sono quindi state adottate una serie di misure per rendere gli ambienti più funzionali per le esigenze di una famiglia di cinque persone.

Qualche accenno di industrial style, in questo stile eclettico, lo scoviamo nelle pareti di mattoni a vista, nelle lampade a sospensione sul bancone e nel serramento in ferro nero della parete vetrata che separa la cucina dallo studio. Questi elementi riportano gli interni vittoriani in una dimensione più contemporanea ed urbana.

Le carte da parati dai disegni esotici che vediamo in studio, in bagno o in una delle camere dei figli, aggiungono un tocco pop e di carattere.

Anche le decorazioni natalizie tradizionali (palline di Natale in vetro, lucine, addobbi) arricchite di preziosi dettagli, riprendono i colori della casa con un un effetto raffinato.

Decorazione di Natale in una casa vittoriana a Londra

Decorazione di Natale in una casa vittoriana a Londra

Decorazione di Natale in una casa vittoriana a Londra

Decorazione di Natale in una casa vittoriana a Londra

natale-casa-vittoriana-londra (2)

natale-casa-vittoriana-londra (3)

natale-casa-vittoriana-londra (8)

natale-casa-vittoriana-londra (10)

natale-casa-vittoriana-londra (11)

natale-casa-vittoriana-londra (13)

natale-casa-vittoriana-londra (7)

natale-casa-vittoriana-londra (12)

Fonte: www.livingetc.com / Fotografie: David Lovatti / Styling: Jo Bailey

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

casa LR: ristrutturazione in chiave maschile

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors, Interni

In un elegante quartiere di Roma, marmo, legno scuro, tonalità tenui e sottili tocchi d’oro si uniscono per creare un elegante appartamento dalle tonalità scure e dallo stile maschile.

Progettato dalla coppia di architetti e interior designer CAFElab architetti di Roma, casa LR è un appartamento anni ’60, al secondo piano di una strada tranquilla, di 140 metri quadrati, con grandi finestre che si affacciano sulla vicina Villa Ada.

Molti dei mobili incorporati nell’appartamento sono stati progettati su misura
Per l’intero appartamento abbiamo adottato la nostra tavolozza dei colori personale; le pareti sono avvolte in un prezioso bianco caldo, un colore che chiamiamo Luxury White, lo usiamo spesso per la sua eleganza ei tocchi di Fine Greige e Precious Black danno un piacevole contrasto con i legni scuri e il bianco ottico utilizzato per i soffitti.

http://www.cafelab.it/contact.html

Il tema principale è stato la riprogettazione della zona living, rimuovendo le pareti semicircolari realizzate in un precedente intervento si è creata una grande area della casa con una cucina con isola inondata di luce naturale.
Un mobile bar su misura che racchiude un pilastro strutturale divide la zona cucina dalla zona divano-tv-relax.

vedi il progetto a 360 gradi

LR house: male style renovation

In an elegant district of Rome, marble, dark wood, soft hues, and subtle touches of gold come together to create a stylish apartment with dark hues and male style

Remodeled by the Rome based architecture and interior design duo Cafelab architects, Apartment LR is a 1.500 square foot, second floor 60s apartment, in a quiet street with large windows overlooking the nearby Villa Ada.

Many of the built-in furniture pieces in the apartment were custom-designed
For the entire apartment we adopted our personal color palette; the walls are wrapped in a precious warm white, a color that we call Luxury White, we often use it for its elegance and touches of Fine Greige and Precious Black give pleasant contrast with the dark woods and optical white used for the ceilings.

The main theme is the redesign of the living area, removing the semicircular walls made in a previous intervention has created a large area of the house with a kitchen with an island flooded with natural light
In the middle of the living room a custom made wet bar that encloses a structural pillar and divides the kitchen area from the sofa-tv area.

Hai bisogno di aiuto con il tuo progetto? Richiedi la nostra consulenza preliminare

_________________________
CAFElab | studio di architettura

Tags:

 
 

Duomo Verde: dormire in una casa con vista sul Duomo a Milano

Pubblicato da blog ospite in Design, Interiors, Interni, La Gatta Sul Tetto

A Milano non esiste periodo più bello di quello natalizio: la capitale italiana dello shopping vi accoglie con le sue luci sfavillanti e i negozi fanno a gara per gli addobbi più belli.

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno

A pochi passi da Piazza Duomo si trova un appartamento che fa parte della prestigiosa rete The Plum Guide, Duomo Verde: in questo articolo vi spiego come funziona The Plum Guide e cosa bisogna fare se si desidera pernottare in una delle case selezionate a Milano, Roma, Londra, Parigi, New York, Los Angeles.

Duomo Verde, la casa delle carte da parati chic

Ma torniamo al nostro nido milanese: la caratteristica di questo appartamento, che si chiama Duomo Verde, oltre alla vista sul Duomo, sono le incredibili carte da parati.

A proposito di dormire a Milano, hai visto questa casa?

The Plum Guide Milano Duomo Verde terrazzo

La casa è molto grande, e può ospitare fino a 8 persone, distribuite tra il soggiorno con divano letto e le tre camere, dotate di letti king size. L’arredamento è essenziale ma raffinato: tavolo con piano in cristallo e sedie rivestite di velluto giallo in soggiorno, divano spazioso e cucina total white attrezzata. Qualche complemento pregevole come la consolle cinese, le lampade e le sedie di design, completano il decoro della stanza. Sulla parete di fondo, la tappezzeria sembra un affresco in stile Art Déco con le sue geometrie dorate, le foglie di palma e i pappagalli multicolore.

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno

Zona notte

Passando alla zona notte, troviamo tre camere da letto matrimoniali: quella padronale ha il bagno adiacente, e sbocca sul terrazzo. Ognuna si distingue per una diversa carta da parati sulla parete della testata del letto.

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno camera da letto

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno camera da letto

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno camera da letto

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno camera da letto

The Plum Guide Milano Duomo Verde Soggiorno camera da letto

Cosa vedere, fare e gustare nei dintorni

Siamo nel cuore della città: in pratica si possono raggiungere a piedi la maggior parte dei luoghi di interesse, come la piazza del Duomo, la Cattedrale , Palazzo Reale e il Museo del Novecento. Dopo la sosta culturale, via per lo shopping: si comincia con La Rinascente, per poi imboccare corso Vittorie Emanuele fino a piazza San Babila. Da lì raggiungete via Montenapoleone, la via dello shopping di lusso. Tornando in Piazza Duomo da via Manzoni, ammirate il Teatro alla Scala e poi percorrete la bellissima Galleria Vittorio Emanuele, che si può visitare anche dall’alto, in un percorso con vista mozzafiato sulla città a 360 gradi.

Sosta pranzo tra nuovo e antico

Prima di pranzo, concedetevi un aperitivo al Camparino, un locale storico con decorazioni Liberty che adoro. Per la gastronomia, nei pochi chilometri quadrati che vi circondano, si trovano i locali più famosi d’Italia: cominciamo da Peck, tempio della gastronomia per gli acquisti golosi e da Cracco, il ristorante del famosissimo chef; vale la pena anche solo darvi un’occhiata, se non volete superare il budget del viaggio.

Se volete immergervi nell’atmosfera dell’antica Milano, avventuratevi nelle stradine strette e contorte della città medievale, deviando verso sinistra da piazza Cordusio: dirigetevi in via Morigi per concedervi una sosta alla Taverna Morigi, ricavata nel duecentesco Palazzo dei Morigi, dove potete gustare la cucina milanese autentica. 

Per chi ama il cibo etnico, c’è Temakinho, ristorante che fonde la gastronomia giapponese con la sudamericana; se preferite lo street food, immancabili i mitici panzerotti di Luini: attenzione, la coda è assicurata.

Informazioni

Per info sul vostro soggiorno a Milano, consultate il sito dell’Ufficio del Turismo.

Se volete saperne di più sulla casa Duomo Verde e altre case a Milano, fate un salto su The Plum Guide.


Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi: riceverai solo una e-mail mensile che riassume i post del blog.  Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 

Tags: ,

 
 

Rinnovare la camera da letto con una parete verde oliva

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Interiors, Interni

Rinnovare la camera da letto con una parete verde oliva

Nella decorazione d’interni, il verde è uno dei colori più ricorrenti in questo momento. Va detto che ha più di una virtù come quella di creare ambienti freschi e rilassanti. Anche nella tua camera da letto, il verde troverà perfettamente il suo posto per un allegro restyling. Ad esempio, utilizzato sul muro dietro alla testata, porterà una ventata di aria fresca.

Il verde oliva, ad esempio, è possibile combinarlo con mobili in legno chiaro e accessori in rattan, come nella camera da letto in stile scandinavo, che ti mostriamo oggi.

Rinnovare la camera da letto con una parete verde oliva

Ormai da qualche tempo, ci siamo accorti che lo stile scandinavo ha improvvisamente aperto le porte al colore. Del resto la natura e la nostra vita non è priva di colore!

La testata del letto di questa piccola, ma luminosa camera, è di colore nero e consente di appoggiare qualche oggetto, come una stampa e delle piantine grasse.

Un morbido copriletto trapuntato di colore rosa pastello illumina e rischiara. A dare qualche nota in più di carattere, un cuscino dalla fantasia geometrica, che riprende quel rosa e altri colori della stanza. Qualche plaid dai disegni grafici nei toni del verde e del rosa oppure un plaid a strisce bianche e grigie, aiuterà a riscaldare l’atmosfera.

Rinnovare la camera da letto con una parete verde oliva

Quindi cosa fare per inserire una parete verde nella tua camera da letto? Oppure supponiamo che tu abbia già una parete verde. Non importa se stiamo parlando del verde oliva, di quello salvia, del verde petrolio, del verde smeraldo o di un tono più pastello. Assicurati prima di tutto di capire la tonalità esatta del verde scelto (soprattutto se è calda o fredda). Poi scegli una combinazione di colori che abbia il tuo tono di verde al suo interno. Nelle bacheche Pinterest trovi infinite palette di colori che possono ispirarti.

A questo punto non resta che scegliere ciò che ti serve in base a questi colori: un nuovo copriletto, cuscini, plaid, magari nuove tende e se lo desideri nuovi oggetti come lampade, vasi e altre decorazioni. Se vuoi un quadro o una stampa, scegli qualcosa che abbia qualche colore dalla tua palette.

Infine, non aver paura di andare fuori dagli schemi. Personalizza la tua camera, come vuoi, aggiungendo qualche dettaglio personale. È la tua casa e deve renderti felice!

Rinnovare la camera da letto con una parete verde oliva

Foto e fonte: lisannevandeklift.nl

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

Loft: da magazzino a open space di design

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor, Interiors, Interni
loft ex magazzini generali di Venezia

Negli ultimi anni, soprattutto nelle grandi città, è aumentato notevolmente il recupero di vecchie aree industriali dismesse e la loro conversione in spazi abitativi, ad uso ufficio o commerciali.

Riqualificare un vecchio magazzino dismesso e spesso inutilizzato da tempo, richiede importanti lavori di ristrutturazione sia interna che esterna, mettendo in primo piano l’agibilità dell’edificio. In molti casi è necessario eseguire lavori di rifacimento della facciata esterna, rivedere l’impianto elettrico, idrico e di riscaldamento al fine di renderli più efficienti e adatti alla nuova destinazione d’uso.

A Venezia, lo studio Zanon Architetti Associati ha riqualificato e trasformato due loft all’interno del complesso dei vecchi magazzini generali.


I vecchi magazzini generali furono la prima zona industriale della città, nata a cavallo tra il XIX secolo e il XX secolo, ubicati tra la ferrovia e il Canal Salso, canale che collega via acqua Mestre a Venezia.

Nel 1940 i magazzini generali del cotone vennero trasformati in zona residenziale: quelli che prima erano dei capannoni in cemento armato ora sono affascinanti abitazioni. Tra queste si trovano i due loft, oggetto dell’intervento dello studio Zanon, che sorgono nell’ultimo dei cinque lotti con affaccio sul Canal Salso.


Ex magazzini generali di Venezia

Per ottimizzare lo spazio, all’interno dei due open space è stato ricavato un soppalco collegato al piano terra da una scala dal design semplice e leggera.  Al piano terra si trova un ampio e luminoso soggiorno, un bagno e una moderna cucina ad isola attrezzata. Sul soppalco, invece, sono state ricavate due camere da letto e un secondo bagno.


Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia
Loft ex magazzini generali di Venezia

Tra divani di Cassina, oggetti di Vitra e lampade di Artemide, si riflette l’arredo ricercato nel design e nel modernariato: in cucina il tavolo in legno massiccio dell’800 rende l’ambiente dinamico e mutevole, riflettendo un mix di passato e presente. 
In entrambi i loft, la gamma dei colori predilige quelli chiari, che riflettono la luce ed esaltano la luminosità delle superfici.

Progetto e fotograzie di Zanon Architetti Associati

Tags:

 
 

Arredare una casa piccola, tra soluzioni salvaspazio, luci e colori

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Dettagli Home Decor, Idee, Interiors, Interni

Luci, colori, finiture e mobili multitasking. Tutto può contribuire alla funzionalità di un piccolo appartamento.

Arredare una casa piccola molto spesso può sembrare un’impresa ardua, ma non è impossibile. Anche in un monolocale possiamo ottenere uno spazio abitabile accogliente e ricco di comfort. Basta ottimizzare la superficie a disposizione con soluzioni salvaspazio e seguire alcune semplici regole per la scelta dei colori e l’illuminazione.


Scelta dei colori

Scegliere i colori giusti per una casa piccola è fondamentale. Meglio quelli acromatici, perché influiscono positivamente sulla percezione dello spazio. Le tonalità più accese e vivaci, che possono contribuire a dare carattere all’ambiente, vanno utilizzate solo per i tessuti e gli accessori.


scelta dei colori

Pavimenti e Rivestimenti

Anche per le finiture vale la stessa regola, niente colori scuri. Inoltre, utilizzare la medesima finitura in tutte le stanze, contribuisce a creare un’uniformità che si traduce nella sensazione di ambienti più ampi.


scelta di pavimenti e rivestimenti

Porte scorrevoli

Per una casa piccola meglio scegliere le porte scorrevoli, preferibilmente i modelli a scomparsa interno muro, che lasciano libere le pareti per l’arredamento. Questa tipologia di porte è disponibile anche nella versione con controtelai in grado di sostenere il peso di eventuali mensole e pensili, adatte sia per muri intonacati che per pareti in cartongesso.


porte scorrevoli a scomparsa

Sfruttare l’altezza

Quando possibile è sempre bene sfruttare l’altezza per creare un controsoffitto portante da utilizzare come zona di stoccaggio oppure per ricavare la zona notte o lo studio. Anche le nicchie, se presenti, vanno sfruttate: illuminate bene, possono rivelarsi ottimi elementi decorativi.


sfruttare l'altezza per ricavare un soppalco

Arredi, rispettare le proporzioni

Una casa piccola ha bisogno di elementi d’arredo in scala oppure a scomparsa, mobili salvaspazio e trasformisti. Vanno benissimo i letti a ribalta, divani letto, tavoli e sedie pieghevoli, piccole librerie autoportanti e double face, cucine monoblocco che all’occorrenza scompaiono dietro ante scorrevoli e tante altre soluzioni salvaspazio.


arredi salvaspazio

Luci

L’illuminazione è un altro elemento utile per definire il taglio degli interni. La tipologia di lampade salvaspazio è quella delle applique, perfette per ogni stanza. Quando lo spazio è poco, non bisogna arredare tanto con le lampade, quanto con la luce stessa! Bisogna valorizzare l’ambiente circostante e renderlo più confortevole piuttosto che puntare solo sull’impatto estetico. Meglio una stanza sobria, ma ben illuminata che ostentare un lampadario di design bello, ma ingombrante e poco funzionale!


illuminazione casa piccola

Tags:

 
 

Londra, FORMstudio sceglie HI-MACS® per il progettto Artillery Mansions

Pubblicato da blog ospite in Architettura, Design, Dettagli Home Decor, Interiors, Interni
appartamento ristrutturato nel complesso residenziale Artillery Mansions

FORMstudio ha riconfigurato e ristrutturato un appartamento residenziale di Londra utilizzando HI-MACS® nella tonalità Alpine White.

Negli anni sono cambiati i modi di vivere la casa e di conseguenza è cambiato anche il modo di interagire con le singole stanze; per questo motivo, in fase di ristrutturazione, oggigiorno spesso si procede a ridistribuire i differenti ambienti.


È ciò che è successo anche nel caso delle Artillery Mansions, case costruite negli anni novanta nella zona sud-ovest di Londra e recentemente ristrutturate grazie all’intervento di FORMstudio. Stando al progetto iniziale, le unità abitative infatti mancavano di ariosità e di fruibilità: la porta d’ingresso, ad esempio, conduceva in un corridoio a L senza finestre e… con porte antincendio!


zona giorno open space

Malcolm Crayton, Direttore di FORMstudio, dichiara: “È dovere degli architetti valorizzare gli ambienti, creando spazi di vita compatti e idonei al loro utilizzo. Non hanno alcun senso le grandi superfici sacrificate da una scarsa progettazione. Meglio piccolo, ma ben organizzato, che grande e disorganizzato”.

home office in solid surface

Lo studio di progettazione, in collaborazione con il socio Mike Neale, hanno scelto HIMACS ® nella tonalità Alpine White per dare vita a un elemento fondamentale per la definizione e la separazione degli ambienti: un blocco centrale che nasconde al suo interno una pratica postazione home office, con scrivania e mensole in solid surface con illuminazione LED integrata. Con grande immaginazione, così, lo spazio di passaggio che prima era scuro e poco sfruttato, è diventato luminoso e soprattutto utile alla vita dell’appartamento.


home office in solid surface

 Il cliente ci aveva richiesto una scrivania robusta, ma in grado di inserirsi perfettamente nella candida e raffinata estetica moderna dell’appartamento, così abbiamo pensato a questa soluzione in HI-MACS®, completamente su misura, visivamente leggera e soprattutto incredibilmente resistente” spiega Mike Neal “Perché HI-MACS®? Non è un semplice fattore estetico o di su misura… ma dal momento che le scrivanie sono spesso esposte a graffi e macchie, si rendeva necessario l’utilizzo di un materiale facilmente pulibile e molto resistente. HI-MACS® era senza alcun dubbio la scelta più indicata”.

home office in solid surface

Il blocco in solid surface si pone tra la cucina abitabile, e il passaggio che collega la porta d’ingresso alla restante zona giorno. L’assenza di pareti divisorie, così, genera luminosità e ariosità, ma la presenza della postazione home office mitiga l’effetto dispersivo tipico dei grandi loft.

Nel rispetto del progetto iniziale e delle norme dell’edificio, è stata comunque rivolta particolare attenzione alla sicurezza antincendio, ma questa volta con due porte a tutt’altezza e complanari alle pareti, perfettamente integrate nell’architettura dello spazio.


Concludono il progetto i bagni, rifiniti con un mosaico di tasselli in vetro grigio che, in contrasto con il pavimento in abete bianco Douglas-Larice, crea un ambiente avvolgente, caldo ed estremamente elegante.


camera da letto
camera da letto con bagno
camera da letto con bagno

Grazie alla nuova configurazione degli spazi, l’intero appartamento è oggi più consono alle esigenze e allo stile di vita del proprietario.

Tags: ,

 
 

Mix di stili e low budget (e i consigli per copiare lo stile)

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Idee, Interiors, Interni, Stili

Mix di stili e low budget

Ecco nuove ispirazioni e spunti per arredare una casa funzionale e moderna, ma con un tocco chic ed un budget ridotto.

Oggi andiamo in Danimarca a visitare la casa di Christina L. Jensen, che pur abitando nel nord Europa, è un’amante dello stile del sud della Francia. Quello Brocante, in particolare, che utilizza oggetti e piccoli mobili d’epoca recuperati nei mercatini delle pulci, per arredare la casa.

E proprio per questo è difficile ricondurre ad uno stile unico tutto l’arredamento della casa, che è un mix di funzionalità scandinava, stile industriale e tocco provenzale. Quello che ne esce fuori è uno stile personale, rustico-metropolitano chic con l’attenzione al recupero, al riuso e alle soluzioni economiche o fai da te.

Leggi fino in fondo il post per trovare i consigli per copiare lo stile!

I colori prevalenti dell’appartamento cittadino sono il bianco e il grigio (chiaro e scuro), che si sposano magnificamente con i materiali naturali, come il cuoio, il legno, il metallo invecchiato, il vimini e il verde delle piante.

L’architettura della casa d’epoca ha pareti bianche e luminose e un parquet in legno di abete sbiancato, tipico delle case nordiche. I mobili e gli oggetti provengono dai mercatini delle pulci locali o francesi, dai negozi dell’usato, dagli shop franchising economici o addirittura dai centri del riuso.

Nel soggiorno l’arredo è molto semplice e la zona relax prevede un divano di forma classica appoggiato ad una panca recuperata, che accoglie alcune piante, lo stereo e un dipinto che è opera di Christina. Entrambe le lampade da terra provengono da Casa shop, catena economica belga, presente anche in Italia. In un angolo vicino alla finestra, una vecchia poltrona di pelle vintage e un altro quadro della proprietaria. Sul davanzale della finestra trova posto una collezione di vasi, dai toni verdi e neri.

Nello studio lo schedario è perfetto per conservare documenti e piccoli oggetti ed aggiunge un tocco industriale all’ambiente.

Nella ristrutturazione, la piccola zona pranzo è stata unita alla cucina, eliminando la parete che le divideva e aumentando così visivamente lo spazio. Anche qui troviamo un arredo informale: le sedie Tolix di metallo e il tavolo da pranzo dal design semplice, personalizzato da Christina con un paio di ruote.

I mobili della cucina (senza pensili), sono stati disposti lungo la parete sotto la finestra. Ad un’estremità troviamo una parete dipinta con vernice effetto lavagna, dove Christina ha disegnato lo schema con i tagli di un bovino. Di fianco troviamo una porzione di parete con mattoni lasciati a vista (ancora un dettaglio rustico/industriale).

Sotto l’altra finestra, il padre della proprietaria ha realizzato una bella panca, che, resa accogliente da morbidi cuscini, diventa il posto ideale per bere una tisana o leggere un libro.

Il sogno di una cabina armadio è stato in cima alla lista dei desideri di Christina. Ecco che è riuscita a realizzarlo, anche in una camera da letto dalle piccole dimensioni e con un budget molto ridotto!

Un muro basso fa da testata per il letto (una semplice rete). Sopra sono state montate delle vecchie finestre acquistate a basso prezzo in un centro per il riuso. La separazione della camera da letto dalla cabina armadio con questa parete vetrata di recupero, risulta di grande impatto e funzionale per mantenere la giusta dose di luce naturale in entrambi gli spazi. Per l’attrezzatura della cabina armadio, la proprietaria si è rivolta all’immancabile Ikea.

Il bagno, su cui non sono stati fatti grandi interventi di ristrutturazione, presenta ancora il pavimento “terrazzo” originale e le classiche piastrelle bianche. Per questo motivo, la sostituzione dell’impianto è stata lasciata a vista, cosa abbastanza impensabile qui da noi. Più stile industriale di così!

Nonostante siano stati utilizzati differenti stili d’arredamento e diversi mobili a basso costo o recuperati, questo mix&match riesce a dare alla casa un aspetto raffinato e allo stesso tempo informale e accogliente.

Consigli per copiare lo stile:

  • Per un arredamento mix&match sobrio come questo, occorre mantenere una palette di colori chiari e neutri, con alcuni accenti scuri, che aiutano a dare profondità e rendere più interessante l’insieme.
  • Se hai un budget limitato, punta su pochi pezzi buoni e di carattere (come un bel divano, lo schedario…).
  • Le opere d’arte aiutano molto a caratterizzare un ambiente, ma se non sei un’artista, come la proprietaria di questa casa, puoi cercare stampe che mantengano la stessa palette di colori e lo stile. Puoi anche incorniciare alcuni vecchi tessuti o ricami, se trovi delle trame e fantasie adatte.
  • I mercatini delle pulci, i negozi dell’usato, le catene economiche e i centri del riuso (ci sono anche in Italia in molte città) sono tutti posti dove guardare con interesse se si ama questo stile personale e low cost.
  • L’uso di pareti vetrate l’abbiamo visto spesso nelle case francesi, presentate nel nostro blog. Un espediente, utile soprattutto nei  locali di piccole dimensioni, che aiuta a separare senza dividere otticamente. Qui si è risparmiato un po’ utilizzando finestre di recupero, quindi tieni d’occhio i vicini di casa, che stanno sostituendo gli infissi! Se hai timore di mostrare il disordine, puoi anche prevedere una tenda a rullo.
  • Se ci fai caso, questa casa ha piante verdi in ogni stanza, che aiutano dare una nota di colore viva e fresca.
  • Presta attenzione ai dettagli: candelabri, vasi, scatole, bauli, cesti…

Guarda le foto e prendi ispirazione!

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

arredare-mix-stili-economico (9)

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Mix di stili e low budget

Fotografie: Lars Kaslov

Fonte: boligmagasinet.dk

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo su Facebook!

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 




Torna su