Interiors






 
 
 

Ampliamento di uno chalet in legno

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
dettagli home decor

Lo studio di progettazione Elin Fossland è stato incaricato di disegnare l’estensione di un vecchio chalet costruito 30 anni fa, al fine di poter integrare una nuova zona giorno con ingresso separato.

Lo chalet è situato in posizione davvero strategica  con vista spettacolare ed emozionante, sia lungo la valle che sulle montagne, una caratteristica fondamentale per lo sviluppo del progetto. Sono state infatti aperte delle grandi finestre in quasi tutta la zona giorno ed è stato inserito un nuovo camino tra due delle nuove aperture.  In questo modo si può godere della favolosa vista stando comodamente seduti davanti al camino.
Il nuovo ingresso, situato lontano dalla direzione in cui soffia il vento freddo, dispone di una piccola tettoia sopra la porta per tenere lontana la neve durante l’inverno. 

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor


Tags:

 
 

Bunker – 50 Shades of Concrete in Hamburg

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

Have you ever slept in an actual bunker? This penthouse apartment atop a WWII above ground bunker in Hamburg, Germany is raw, warm and sophisticated.

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-10

It is a luxury, loft-style designer apartment rental on the 4th floor of a former bunker only 15 minutes from the centre of Hamburg, Germany. The space has four metre floor-to-ceiling windows and two big balconies offering amazing views over the city. The bunker is a historic place, which was built to protect the children’s hospital across the street during the war.

It is contemporary design that meets the everlasting concrete. The interior is very personal and with attention to every detail. Also it is clutter free, simple, honest and of the best materials, such as bronze, wood, pure linen, and solid marble. The kitchen is Bulthaup, which opens up towards the living area with a Saarinen table. In addition Danish swan chairs from Arne Jacobsen and a sofa from Cassina give warmth and texture to the apartment. The living area is separated by a glass door from the bedroom and bathroom.

What makes this beautiful apartment even more exciting is that it is part of the luxury vacation accommodation offered through Welcome Beyond. It’s available from March 2017.

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-4

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-5

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-7

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-6

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-11

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-1

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-2

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-3

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-8

bunker-for-rent-hamburg-nook-twelve-9

Photos and info Welcome Beyond

The post Bunker – 50 Shades of Concrete in Hamburg appeared first on Nook Twelve.

Tags: ,

 
 

Apartment of the week, nordic touches in Rome – Accenti nordici per un appartamento romano

Pubblicato da blog ospite in Creative & Ordinette, Interiors, Stili
E’ un record, lo ammetto: due post in due giorni! Quando però nella mia inbox arrivano delle mail speciali e particolarmente interessanti, non riesco a resistere e il mio istinto mi dice di condividere.  Merito, ovviamente, degli interni e dalla loro bellezza. Tra l’altro, proprio oggi stavo pensando di dedicare un post al relooking e alla ristrutturazione low-budget. E come per magia, mi è arrivata una mail dell’architetto Maurizio Giovannoni, di cui apprezzo estremamente lo stile e di cui non vedo l’ora di condividerne i lavori. L’appartamento che vi propongo è di piccole dimensioni, sono solo 63 mq ristrutturati con un piccolo budget ma di grande effetto. Si trova nei pressi di Roma, a Ladispoli, cittadina balneare che si affaccia sul Tirreno. I colori scelti per il relooking sono il grigio, il senape e il menta, una tavolozza di colori estremamente in linea con i colori della località e direi molto appropriati per una casa che funge anche da casa al mare. Dimenticavo, trovate altre foto sul prima e dopo e la bella trasformazione sul sito di Maurizio Giovannoni, www.mauriziogiovannoni.it. Buon tour!
 

Tags: ,

 
 

Bianco come la neve

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors, Stili
 

E’ bianco come la neve e l’inverno questo appartamento degli anni ’30, di circa 90 mq, recuperato a Goteborg, Svezia.
Unici tocchi di colore gli arredi metallici, color ottone o rame, a scaldare il bianco ottico che permea la casa e gli arredi e i piani di lavoro di marmo nero.

  

Via 


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: ,

 
 

Un bilocale dai forti contrasti

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors
Questo bilocale, composto da cucina, bagno e zona notte/soggiorno, è caratterizzato da forti contrasti cromatici, utilizzati per dare personalità agli ambienti. Le pareti grigio scuro risaltano infatti sul pavimento in legno chiarissimo e sui soffitti, imreziositi da una modanatura in gesso.
L’effetto è particolarissimo e niente affatto spiacevole e azni, amplia gli spazi non proprio grandi dell’appartamento.

 

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: ,

 
 

ILLUSTRATOR MONDAY ☆ Yuliya Gwilym

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Paz Garden

Buon Lunedì Pazzerelli belli!
E’ davvero troppo tempo che non pubblico un Post per la rubrica Illustrator Monday, vero? Che ne dite allora se oggi vi presento un’altra giovane e coloratissima illustratrice?
Lei è Yuliya Gwilym in arte yufrukt ed è di origini ucraine, anche se vive in Olanda dal 2008.
Mi è piaciuta subito perché è davvero una creativa piena di voglia di fare, disegnare e colorare il Mondo… in più ama profondamente i bambini, ai quali è dedicata quasi tutta la produzione dei suoi lavori.
Con i piccoli interagisce attraverso i suoi tanti workshop, ma sogna di aiutare quelli meno fortunati anche lavorando duramente per progetti concreti come KIDS AGAINST WAR, un progetto di arte sociale che intende aiutare le comunità di bambini vittime di una cosa orrenda come la guerra.
Potevamo noi che amiamo la Paz ( come è chiamata la Pace in spagnolo) non supportare da subito il progetto?
Correte a conoscerla meglio QUI sul suo sito, sulla sua pagina Facebook o magari seguite il suo profilo Instagram … qui sotto invece trovate le risposte alla nostra intervista :-) che sono felicissima di farvi leggere!

Enjoy your week with love!!!

1. Quando ti sei avvicinata al mondo dell’illustrazione? 

La mia storia è molto semplice: mi piaceva disegnare sin da piccola, ho frequentato una scuola d’arte e quando sono cresciuta, anche se ho studiato graphic design, ho capito che io preferisco comunicare con l’immagine, piuttosto che con il testo. Più tardi mi sono avvicinata all’ illustrazione per bambini.

2. Cosa ti piace di più del tuo lavoro?  
Mi piace che le immagini parlino nello stesso modo ad adulti e ai bambini, è una bella sensazione progettare qualcosa che tutti ‘comprendano’. La cosa che preferisco è quando un progetto richiede la nascita di un personaggio, mi piace costruire un personaggio da zero, decidendo chi e che cosa diventerà, la scelta dei colori e le forme giuste.


3. Quali sono le tre parole che meglio descrivono i tuoi lavori? 

Personaggi, Colori, Piatti

4. Puoi descriverci la tua giornata tipo? 
Cerco di iniziare il mio lavoro verso le 10 tutti i giorni, inizio rispondendo alle e-mail, poi piccoli compiti (potrebbero essere anche faccende di casa quando io lavoro da qui) e poi una volta che sono completamente sveglia mi piace iniziare con il “vero lavoro”, potrebbe essere un libro, un manifesto o qualsiasi cosa che richiede una illustrazione sul serio :) anche se sono per lo più concentrata sulla progettazione per il mercato dei bambini.
Di solito pranzo con mio marito intorno all’una e subito dopo riprendo a lavorare con un nuovo livello di energia. Sono più produttiva infatti nella seconda parte della giornata. Cerco di chiudere la mia giornata con una passeggiata o un meeting a volte, soprattutto se mi sento come se fossi bloccata o se vedo che non sono più molto produttiva. Finisco la mia giornata intorno verso le 6-7 (A meno che non vi sia una consegna e allora posso lavorare fino a tarda notte).

5. Come hai sistemato la tua zona di lavoro? 

Io lavoro da casa, ho una stanza libera trasformata nello studio che condivido con mio marito che è un artista e un ingegnere dei software. Ho un grande tavolo e io uso la metà di esso per cose un po’ disordinate come lavorare con le tempere, inchiostri, collage, ecc e un altro mezzo tavolo per lavorare con il mio computer e un tablet. Ho una grande collezione di pezzi di carta, vernici, matite colorate e altri materiali artistici che uso ogni tanto nel mio lavoro o solo per divertimento quando si disegna. Mi piace molto il nostro studio, è molto luminoso e accogliente, ed è bello condividerlo con un’altra persona.Ci sono anche due gatti che ci tengono compagnia.

6. Pensi che un illustratore abbia bisogno di uno stile personale? e quali sono i tuoi consigli per svilupparne uno?  

Direi che un illustratore ha bisogno di una voce che mi sembra un po’ diverso dallo stile, almeno questo è il mio modo di vedere. Io personalmente lavoro con diverse tecniche e costantemente sperimento, mi evolvo sperando di migliorare. Qualcuno potrebbe dire che avere uno stile significa utilizzare la stessa tecnica o più di una, ma io sento che in tutto quello che faccio, e comunque io sperimento un sacco di tecniche o mezzi, la mia voce è sempre presente. So che ci sono alcuni agenti o editori là fuori che vorrebbero vedere uno stile più chiaramente definito, ma penso che finché si rimane fedeli a se stessi e il tuo lavoro può essere attribuito a te allora si che stai bene :)


1. How did you get into illustration?
My story is quite simple: I liked drawing as a child, went to an art school when grew up and although I studied graphic design, I realised I prefer to communicate with image rather than with text. Later on I got into children’s illustration.

2. What do you enjoy most about your job? 
I like that pictures speak to kids and grownups alike, its a nice feeling designing something that everyone ‘gets’. My favourite thing is when a project requires a character design, I love building up a character from scratch, deciding who/what is it going to be from the inside and out, choosing right colours and shapes. 

3. What are the three words that describe your work?

characters, colours, flat

4. Can you describe on of your typical day?

I try to start my work around 10 am every day, I would start with emails and small tasks (could also be tasks around the house since I work from home) and then once I’m fully awake I’d start with the “real work”, it could be a book,  a poster or anything that requires an illustration really :) I’m mostly focused on designing for children’s market.
I usually have lunch with my husband around one o’clock and get back to work with new level of energy. I’m more productive in the second part of the day. I try to break my day with a walk or a meeting sometimes, especially if I feel like I’m stuck or if I see that I’m not being very productive. I finish my day around 6-7 (unless there is a deadline I’m not meeting, then I’d work until late night).

5. What is your working environment like?

I work from home, I have a spare room transformed into studio that I share with my husband who is an artist and a software engineer. I have a big table and I use one half of it for messy stuff like working with pain, inks, collages, etc and another half for working using my computer and a tablet. I have a big collection of paper scraps, paints, coloured pencils and other art materials I use every now and then in my work or just when drawing for fun. I really like our studio, its bright and cozy, and its nice to have another person in the room. We also have two cats that keep us company.

6. Do you think an illustrator needs a style? and what are your tips on developing an illustration style?

I would say that an illustrator needs a voice, which I think is a bit different from a style, at least the way I see it. I personally work with different techniques and constantly experiment, evolve and hopefully, grow. Some would say that if you have one style, it would include using same technique(s), but I feel that whatever I do, and however I experiment with techniques or mediums, my voice is present, because its still same old me who is trying all these different new things. I know that there are some agents or publishers out there who would like to see a more clearly defined style, but I think as long as you stay true to yourself and your work could be recognised as yours, you’re fine :) 

Tags:

 
 

In perfetto stile nordico…

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Tea Stylist


Armonia, equilibrio e bellezza sono, secondo me, le caratteristiche principali della casa che vi presento oggi. Ogni angolo e visuale suscita emozione. 

Lo stile nordico è fortemente riconoscibile ed è una casa / manifesto che può fungere da fonte di ispirazione: le grandi finestre che illuminano e mettono in risalto arredi, oggetti e piante; i colori tenui accompagnati dai dettagli in legno chiaro; i poster, le piante librate in aria come lampadari vegetali. Tutto è pensato in un equilibrio eccezionale e tutto è organizzato per implementare la bellezza del “vivere quotidiano la casa”. 

Giuseppe

Via delle foto: Tng


Tags:

 
 

Un loft industriale dal sapore vissuto

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
dettagli home decor

A Milano in zona Navigli, Maurizio Pellegrini e Cinzia Bertocchi, coppia di imprenditori  nel campo della moda e ideatori dei marchi Local e B’Sbee , hanno trasformato un vecchio loft industriale prima nel loro studio e successivamente anche nella loro abitazione.
In fase di restauro lo spazio era un ampio stanzone vuoto con grandi vetrate che creavano fantastici giochi di luce, ed è stato necessario costruire ogni cosa dagli impianti alla cucina, così come i bagni. Durante la ristrutturazione i proprietari hanno recuperato tutto ciò che poteva essere conservato come le bellissime mattonelle nere, resinate a mano una a una, così come i muri fané che mantengono l’aspetto vissuto.
L’arredamento è un suggestivo mix di mobili di recupero combinati a qualche elemento dal design contemporaneo, soluzioni di riciclo e oggetti décor provenienti da tutte le parti del mondo.
Durante i periodi di campagna vendite, la casa si trasforma in uno showroom estremamente particolare e alternativo, con spazi di lavoro e privati separati solo da un sipario di tende bianche. 

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
immagini via remodelista


Tags: ,

 
 

Bosphorus Apartment: A penthouse with a view

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

The gorgeous Bosphorus apartment, situated in the Istanbul neighbourhood of Bebek, combines breath-taking views with a minimalist aesthetic and a sense of understated luxury.

bosphporus-apartment-nook-twelve-3

The 330-square-meter family apartment, part of a modest 1970’s building, is strategically located on the city’s European side, on a sheltered bay with sweeping views of the waterway. In order to take full advantage of the apartment’s position and its panoramic views, the designers fromthe London-based design studio 1508 London have opted for an open plan interior for the communal spaces. They strategically placed mirrored walls, frameless floor-to-ceiling windows that wrap the perimeter of the house and a glass seamless balustrade on the balcony. The designers were so careful not to obstruct the view in any way that even the corners of the windows were especially designed and constructed in order to appear seamless. As a result, the uninterrupted, commanding vistas become a continuous, scenic wall that becomes part of the décor.

bosphporus-apartment-nook-twelve-4

The apartment’s interior has been purposely kept sparse and uncluttered, with almost no decorative elements and all secondary features tucked away. Ceilings have been spared of most apertures, the kitchen stripped of sink and storage spaces —these were hidden behind seamless mirrored doors canvassing the entire back wall— and most of the lighting has been concealed. The “cleansed” interior thus serves as a neutral backdrop for the art but also for the vibrancy of the Bosphorus “tableau vivant” outside.

The sparseness of the interiors is also counterbalanced by the luxuriance of the materials selected, most of which were locally sourced, as well as by some intricate detailing. The off-white Turkish stone flooring for the communal spaces continuing out onto the terrace, the lacquered wood for the niche display wall and the blue onyx for the kitchen island, visually reverberating the colour of the Bosphorus waters, all add an earthy richness.

bosphporus-apartment-nook-twelve-5

bosphporus-apartment-nook-twelve-1

bosphporus-apartment-nook-twelve-2

All photos and info: Yatzer

The post Bosphorus Apartment: A penthouse with a view appeared first on Nook Twelve.

Tags: ,

 
 

Il loft in una ex fabbrica in Germania

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors
Questa ex fabbrica tedesca è stata recuperata e trasfrormata in un loft dallo stile industriale e contemporaneo, quasi monocromatico.

  

Via


_________________________

CAFElab | studio di architettura


Tags: , ,

 
 




Torna su