Interiors






 
 
 

Stile nordico per un appartamento di Madrid

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Questo attico si trova in uno dei quartieri più tradizionali di Madrid ed è stato realizzato su progetto dell’architetto svedese Patrick List; i grandi spazi luminosi riflettono la personalità nordica dell’architetto.

Nordic style in a Madrid attic 

This attic is located in one of the most traditional neighborhoods in Madrid and was built on the design of the Swedish architect Patrick List; The large bright spaces reflect the architect’s Nordic personality.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura
Tags: ,

 
 

Ibiza, una piccola casa vacanza all’insegna del design

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
The little house in the campo, Ibiza

Dove un tempo sorgeva una finca costruita 200 anni fa, oggi c’è una piccola casa di soli 45 mq, chiamata The little house in the campo, il cui progetto è stato realizzato dai designer e proprietari di Ibiza Interiors insieme al team di architetti di StandardStudio.

L’edificio, inutilizzato per anni e in pessime condizioni, è stato ristrutturato conservando intatto il suo carattere originale. Una ristrutturazione eseguita attraverso l’impiego di materiali semplici, inoltre sono stati conservati e valorizzati alcuni elementi tipici come le travi a vista dei soffitti e alcuni muri in pietra


L’acqua proviene da un pozzo privato e sono stati installati dei pannelli solari sul tetto che garantiscono l’acqua calda, il riscaldamento a pavimento e la produzione di energia elettrica. La casa è quindi completamente autosufficiente e sostenibile.

Per gli interni i designer di Ibiza Interiors hanno scelto diversi brand e aziende con le quali collaborano abitualmente nella loro città natale, Amsterdam. Dai letti realizzati con materiali 100% naturali di Coco-mat alle opera della galleria Vroom & Varossieau di Amsterdam. Arredi, luci e tappeti sono del negozio-partner Modern Vintage, la cucina in acciaio con piano in marmo è firmata Eginstill e la tappezzeria è Etoffe Unique.


La cosa bella è che tutto è in vendita, tranne la casa si possono acquistare dai mobili ai complementi d’arredo e naturalmente anche i tanti oggetti decor!


The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza
The little house in the campo Ibiza


Tags: ,

 
 

Home tour a Piccola Londra

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home, Interiors
Della strada soprannominata ” piccola Londra”, e della sua eccezionalità in una città come Roma, ho già parlato qui. Oggi vi mostro l’interno di una delle case, che ho potuto visitare guidata da Simona La Cognata una delle progettiste dello studio NOS design  (fondato da Benedetta Gargiulo Morelli) che ne ha curato la ristrutturazione. L’immobile attualmente è adibito a B&B.
Gli ambienti sono arredati (ci ha tenuto a sottolineare la progettista) quasi esclusivamente con pezzi originali vintage o di recupero, tutti molto colorati; le lampade  sono invece nuove e di design.
Per quanto riguarda i pavimenti, per l’ingresso sono state scelte delle  piastrelle  effetto optical bianco-nero che creano un piacevole contrasto con il sofà in velluto giallo (simili a queste potete trovarle nella collezione “terra” della ditta Ceramiche Marca Corona 1871) . Nella zona divani, dove spicca un importante camino francese in marmo, è stato installato un parquet in rovere bombato posato a spina di pesce.
Anche la cucina al piano seminterrato è di recupero e riverniciata, come le pareti, in un bellissimo blu scuro quasi nero.
Ma nella bella stagione lo spazio più accogliente  per gli ospiti del B&B diventa il piccolo giardino sul retro, pavimentato con marmette a scacchi bianchi e neri ed arredato con mobili in ferro battuto, con un’interessante schermatura realizzata con piante di bambù.
Curato in ogni dettaglio anche il piccolo bagno accanto alla sala colazione  è rivestito con cementine Mosaic del Sur.
Per vedere altre foto dell’intervento vai qui

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags:

 
 

Ristrutturazione completa di un appartamento a Barcellona

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors

Situato nel centro di Barcellona, questo appartamento di 65 metri quadri e caratterizzato da una pianta a L, presentava un lay out concepito in modo poco funzionale, con spazi poco illuminati e difficili da arredare.

Nook architects ha eseguito una ristrutturazione completa dell’appartamento con una nuova distribuzione degli ambienti al fine di sfruttare al massimo lo spazio a disposizione e aumentarne la luminosità.

Il progetto ha previsto quindi l’eliminazione di una terza stanza, è stata invertita la posizione del living con la cucina ed è stata creata un’apertura nel muro portante che le separa, rendendo i due ambienti perfettamente comunicanti fra di loro e decisamente più luminosi.

Il living occupa ora una buona porzione di spazio e si trova in prossimità di una finestra che porta luce naturale anche alla cucina. Dietro il tavolo da pranzo è stata mantenuta a vista una bella parete di mattoni.

Nessuna porta separa il living dalla cucina ma, le ceramiche colorate che interrompono il parquet, differenziano le due zone. La cucina, pensata per offrire la massima funzionalità, dispone di mobili capienti e una pratica penisola. Per spezzare il bianco delle pareti e creare un piacevole contrasto è stato mantenuto il soffitto a volte di mattoni, inoltre icondotti di aerazione lasciati a vista aggiungono un dettaglio in perfetto stile industriale che si sposa perfettamente con il contesto. 



La camera matrimoniale è situata nella zona con pianta ad angolo smussato, separata dal living da una parete divisoria realizzata a mezz’altezza per favorire il passaggio della luce. Per garantire privacy alla camera è stata aggiunta un’ampia porta scorrevole, dipinta del medesimo giallo della parete. Una seconda camera da letto si trova invece alle spalle della cucina. Il bagno principale è stato ampliato e posizionato dove prima della ristrutturazione era collocata la cucina.


Grazie al nuovo lay out dello spazio, ora la luce naturale raggiunge ogni angolo della casa regalando una sensazione di maggiore apertura, inoltre la combinazione di colori scelta la rende particolarmente calda e accogliente.




Tags: ,

 
 

Dormire a Londra in un petit château

Pubblicato da blog ospite in Interiors, La Gatta Sul Tetto
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit château

Buon venerdì! Per la rubrica Dormire nelle case più belle di Londra, ho scelto ancora una volta una townhouse di tre piani, adatta ad ospitare due famiglie con figli. 

Onestamente, è stato il nome di questa casa ad attirarmi: Le petit château! In Effetti, vista l’abbondanza di stanze e l’arredo della spaziosa cucina in stile provenzale, questo nome le sta a pennello.
Si tratta di una villetta a schiera in stile vittoriano, con i mattoncini rossi, le colonnine bianche e i delicati decori intorno alle finestre e alle bow windows. Le petit château  si trova nel quartiere di Battersea, un’area di ex fabbriche riconvertite affacciata sul Tamigi, ricca di parchi, mercati all’aperto e soprattutto  di negozi di antiquariato ricchi di oggetti shabby chic e vintage.
Al piano terra si trova la zona living, con il doppio soggiorno dotato di camino e pianoforte, per chi ama dilettarsi con la musica; sul retro, una vasta cucina, resa luminosa dalla veranda, si affaccia sul giardino, e contiene un grande e comodo tavolo per otto persone.

Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Il piano interrato può essere definito “il paradiso dei ragazzi”, visto che ospita un’ampia sala giochi con megatelevisione, consolle playstation, videocassette e un bel tavolo da ping pong. Sullo stesso piano c’è anche una piccola camera da letto con bagno attiguo, perfetta per ospitare due adolescenti.

Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château

Al primo piano e in mansarda si trovano le altre camere: due doppie e tre con lettini e letti a castello, tutte ugualmente deliziose e arredate con gusto. Completano il quadro le finiture d’epoca, come gli stucchi sui soffitti, i pavimenti in quercia e i battiscopa di legno alti, tipicamente inglesi: una tinta grigio chiaro è stata utilizzata per le pareti, con qualche inserto di carta da parati nelle camere da letto. Il bagno in stile inglese è adorabile, con la sua boiserie grigia, il pavimento in cementine e la rubinetteria in stile. Più moderno ma ugualmente gradevole il bagno in mansarda.

Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit châteauDormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit château
Dormire nelle case più belle di Londra Le petit château

Cosa vedere nei dintorni
Il Northcote Road Antiques Market, per gli appassionati dei mercatini dell’usato, ospita una trentina di stand dove si possono trovare delle vere e proprie meraviglie.
I parchi di Clapham Common, Battersea e Wandsworth Common.
Il Chelsea Physic Garden, detto anche London’s Secret Garden, fu fondato nel 1673 per ospitare le coltivazioni di erbe medicinali, oggi ospita più di 5000 specie di piante storiche.
L’ Albert bridge, costruito nell’Ottocento, collega il quartiere di Battersea a Chelsea.
Per fare la spesa
Al “deli” Hamish Johnston trovate formaggi di tutti i tipi, confetture, salumi, salmone affumicato, sottaceti e…caffé.
Al Breadstall, in una location singolare, trovate pane fresco di tutti i tipi, panini, pizze, dolci.
Per mangiare e bere come veri londinesi
Brew cafe, per il classico brunch a base di eggs and bacon, pane tostato, carne alla griglia, cupcakes e deliziose torte fatte in casa.
Se viaggiate con bambini piccoli, il posto perfetto è Bertie and Boo, un caffè ristorante children friendly, con una zona giochi detta Adventure Island, che li terrà occupati per un’ora e mezza mentre voi vi gustate il brunch!
Non poteva mancare il pub, con ottimo cibo e birra, come il The Bank.
Infine, il locale Northcote Records, per cenare al ritmo della musica live.

Spero che Le Petit Chateâu vi sia piaciuta! Se volete saperne di più fate un giro qui:  Plum Guide. Noi ci vediamo presto con un’altra bellissima casa autenticamente londinese.

Tags: ,

 
 

Syros summer house by Block 722 Architects

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Nook Twelve

There seems to be a never-ending stream of beautiful homes from the Greek Islands just like this Syros summer house.

Just to keep us jealous when we think we’ve seen the last of them.

syros summer house greece nook twelve

The days get longer, the nights get hotter… Memories of last year’s vacaions surfaces in our minds. Summer is finally pushing away the gray clouds and we dream about sand, sun and sea all day long. We explore destinations while sitting at our desk and eventually stumble upon places like this.

syros summer house greece nook twelve

Between the idyllic blue skies and the Aegean ocean, this summer house gracefully blends in with its surrounding landscape on the Cycladic island of Syros. As a holiday home the design provides ample opportunities to unwind – whether in a hammock, stretched out across the bed or in front of the fireplace at night. Relaxation is a non-negotiable. Classic white walls are contrasted with natural stone and rough brick walls, finding a graceful balance with traditional Greek style and the rocky island landscape.

syros summer house greece nook twelve

Block 722 Architects were responsible for designing both this residence and its neighbour, ‘Syros I’, though in contrast to its sister property, the design for this building had to tackle the steep and intense topography of the site. In doing so, the design is cleanly integrated to the natural landscape with a clean, square floor plan.

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

syros summer house greece nook twelve

Design Block 722 Architects | Photos Erieta Attali and Ioanna Roufopoulou | Info Est Living

The post Syros summer house by Block 722 Architects appeared first on Nook Twelve.

Tags:

 
 

Ambientazione bohemien per una casa a Madrid

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

A quest’appartamento situato nel centro storico di Madrid il mix tra arredi vintage e di design conferisce un’aria decisamente bohemien ma non solo; l’acciaio delle strutture a vista e degli infissi che separano gli ambianti gli conferiscono infine un tocco retro industrial molto piacevole.

Bohemian touch for a home in Madrid


The mix of vintage furnishings and design gives to this apartment, in the historical centre of Madrid, a very bohemian air. Then, the steel of the exposed structures and the fixtures that separate the rooms give it a very pleasant retro industrial touch.

 

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura
Tags: ,

 
 

Bed One Block: un ostello, poco spazio e gran design

Pubblicato da blog ospite in Interiors, VDR Home Design

Voglio farvi cambiare idea sugli ostelli, perché noi italiani siamo duri da convincere del contrario, quando abbiamo le nostre idee. Vi parlo del Bed One Block Hostel a Bangok. Fatte le valigie?

………..

Qualche settimana fa vi ho portato a Valencia, alla scoperta del Valencia Lounge Hostel (niente ansia, qui il link al post). Perché davvero è tempo che noi italiani ci scrostiamo di dosso le nostre idee vecchie e stantie: gli ostelli in giro per il mondo (ma anche qui da noi) sono una figata.

Dovete smetterla di pensare che ostello = sporcizia, perché non è più così. Ormai ostello è sinonimo di prezzi bassi, progetti di interni innovativi e socialità. Ad essere sincera, mi è capitato di andare in alberghi di gran lunga più scarsi di quelli delle foto che vi faccio vedere.

Se ancora non siete convinti, allora facciamo le valigie e andiamo a Bangok.

BED ONE BLOCK HOSTEL: POCO SPAZIO, TANTA CREATIVITÀ

Siamo a Bangok come vi dicevo, in un lotto piccolissimo: in un’area di mt di larghezza per 16 mt di profondità sorgerà l’ostello Bed One Block. Il nome stesso richiama la forma dell’edificio, un blocco unico appunto.

Lo spazio è poco, ma le richieste sono le stesse di un progetto con i metri quadrati standard, niente sconti. Gli architetti dello studio A Millimetre devono trovare il modo di farci stare quanti più posti letto possibile, tutte le comodità di una struttura ricettiva e un buon equilibrio tra pubblico e privato.

Impossibile direte voi. E qui viene il bello. Una zona comune è stata progettata sulle scale che collegano il piano terra col mezzanino: un luogo in cui riposarsi ma anche ritrovarsi per lavorare.

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Oltre a questa zona comune, in tutti dormitori c’è una piccola zona relax dove fermarsi, chiacchierare o sistemare i bagagli. Il contrasto tra rovere naturale e toni del bianco, grigio e nero rende l’ostello moderno ed accogliente.

Lo stile è minimale ma contemporaneo, al passo coi tempi.

La facciata è progettata per rispondere a diverse esigenze; da una parte serviva uno schermo alle apparecchiature tecniche, come i condizionatori. Dall’altro però doveva attirare l’attenzione ed essere l’anima del progetto già dall’esterno.

Gli architetti hanno quindi pensato a lastre d’acciaio perforate con fori di diversi diametri, che creano un pattern leggero ma distintivo. In questo modo la struttura rimane protetta dai curiosi, permettendo a luce e aria di entrare.

Ecco l’obiettivo del Bed One Block Hostel: un buon servizio e un gran progetto di design per accogliere i turisti.

Bed One Block

Project: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Blcok

Project: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Project: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Project: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

 

 

L’articolo Bed One Block: un ostello, poco spazio e gran design sembra essere il primo su VHD.

Tags:

 
 

Una mansarda di montagna che coniuga tradizione e innovazione

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor, Interiors
Casa FWH di Jab Studio

Situata nel centro storico di Vipiteno e progettata dagli architetti di JabStudio, Casa FWH e’ una mansarda di montagna dove tradizione e innovazione sono messe in continua relazione. L’uso del legno rimane il protagonista della casa, ma si declina con finiture e schemi di posa che arrivano da tendenze decisamente più attuali.

La progettazione dell’interno si basa sugli allineamenti che scandiscono lo spazio dal punto di vista formale e funzionale, visibili come segni a pavimento e a soffitto.
Il disegno a pavimento giocato su diverse dimensioni e versi di posa del legno di abete permette di creare un livello di lettura superiore dello spazio interno.
Gli allineamenti principali partono da elementi fisici dello spazio, come le dimensioni dei principali blocchi funzionali, bagno e cucina, e posizione delle travi esistenti.


Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio

Uno spazio a doppia altezza pensato come un ambiente unico, nel quale le relazioni visive e la continuità spaziale tra le parti trovano collocazione. In 46 mq si sviluppano le fasi dell’abitare di un giovane ragazzo: il soppalco con l’affaccio sulla zona giorno principale, la flessibilità della stanza degli ospiti/living che si connette o separa dalla zona giorno a seconda delle esigenze. 

Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio

Per accedere alla zona notte soppalcata, è stata realizzata una scala geometrica dalla struttura semplice di metallo, i cui gradini sono formati da assi di legno. 

Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio

Ogni dettaglio è stato studiato nei minimi particolari, come ad esempio l’inserimento del legno di abete nel bagno, usato come profilo di stacco tra la piastrella e l’intonaco.


Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio
Casa FWH di Jab Studio

Tutti i lavori sono stati eseguiti da artigiani locali che hanno realizzato gli arredi su misura con maestria.


Tags: ,

 
 

Moderno ma con un tocco rustico

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break, Interiors

Questo moderno appartamento svedese, è caratterizzato dal tocco rustico degli arredi in legno recuperato e dalla pavimentazione in parquet a spina di pesce in legno dall’aspetto vissuto.

Modern but with a rustic touch

Questo moderno appartamento svedese, è caratterizzato dal tocco rustico degli arredi in legno recuperato e dalla pavimentazione in parquet a spina di pesce in legno dall’aspetto vissuto.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura
Tags: ,

 
 




Torna su