Crazy about…Justina Blakeney, creator e designer di The Jungalow

Pubblicato da blog ospite in Baliz Room

crazy about2

Dopo qualche mese di stop, ritorna la mia amata rubrica “Crazy about…” e sarà dedicata alla coloratissima personalità di Justina Blakeney, creatrice del brand e shop online The Jungalow.

justinablakeney-balizroom-interiorblog-portrait

 

Ho scoperto dell’esistenza di The Jungalow mesi fa, durante il mio tunnel nel mondo dell’arredamento tropical, tanto lungo da sfociare in un post sulle mie 4 mosse per una casa tropical. Se te lo sei perso, lo puoi rileggere al volo qui.

La sua chioma riccia e indomita rispecchia l’attitude di Justina Blakeney: creativa, fuori dagli schemi e un uragano di idee. Con il suo blog The Jungalow, che ha vinto diversi premi per i suoi contenuti sempre all’avanguardia, detta le tendenze di uno stile bohemien fatto di piante esotiche, pattern coloratissimi e decorazioni artigianali. Per tutti i suoi preziosi consigli, non potete non sfogliare il suo libro The New Bohemians Handbookuno dei best seller del New York Times (una bazzecola insomma!).

justinablakeney-balizroom-interiorblog-thenewbohemians

 

Visitando la gallery di The Jungalow su Instagram, che conta circa 880mila followers, ci si immerge in un affascinante mix di giungla (non a caso), ambientazioni dal gusto marocchino e texture naturali, tanto da farci quasi desiderare di partire per una meta esotica all’istante.






Questo universo selvaggio è espresso con gusto e originalità in tutti i prodotti dello shop online di The Jungalow,  composto da originali accessori per la casa e da veri e propri pezzi di arredamento. L’idea alla base delle collezioni di Justina è quella di una casa accogliente e cozy, ma estrosa e colorata, fuori da canoni estetici fatti di palette colori neutre senza guizzi di personalità.






Io sono rimasta fulminata dal turbine di creatività ed energia di Justina e mi auguro che capiti lo stesso anche a voi conoscendola e seguendo il suo mondo.

Bhe, il giro nella giungla di The Jungalow è finito,  spero che vi possa ispirare nei vostri prossimi acquisti o nel prossimo cambio stile della vostra casa!

Baci,

Baliz

 

 

 

 

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 
 

 
 

 
 
 

 

VogliaCasa.it – 22 gennaio 2018

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa


 
 

 
 

 
 
 

 

Una casa in stile provenzale.

Pubblicato da blog ospite in Le Cose Semplici

Lo stile provenzale ,ad oggi ,rimane sempre il mio preferito. Mi piace molto anche lo scandinavo, che negli ultimi anni, è diventato di gran moda. Ma rimane pur sempre uno stile lontano dalla nostra cultura e storia.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-18.jpg.pagespeed.ic.BtzroEq3gl

Se ripenso alla cucina della mia nonna, così piena di barattoli di latta e di macina caffè , non posso non associarla maggiormente allo stile provenzale che a quello scandinavo, così pulito e ligio.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-17.jpg.pagespeed.ic.bjXo_AcWde

Lo stile Provenzale innanzitutto non riguarda solo la Provenza, ma l’intera Francia. Infatti Provenzale fa riferimento alla parola ” provinciale”, di campagna. Quindi si riferisce al tipico stile delle maisons de campagne.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-8.jpg.pagespeed.ic.6oz8SfzHSY

Essendo case di campagna abitate da contadini,la loro caratteristica principale era ovviamente la semplicità, la comodità e il riutilizzo di tutto ciò che si aveva.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-6.jpg.pagespeed.ic.YAO0mf7Acm

Oggi lo stile è stato smussato, riprendendo atmosfere romantiche e poetiche.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-3.jpg.pagespeed.ic.kkSmKlnaWF

E quali sono le caratteristiche principali di queste case?

  • i colori pastello sfumati
  • la presenza di materiali rustici come pareti intonacate a calce viva o travi di legno
  • mobili in ferro invecchiato, o in noce antico e lucidato o ancora mobili dipinti chiari con effetto shabby
  • sedie impagliate e il “vimini” come cestini
  • qualche elemento di brocante
  • molto bianco e molta luce.

xSims-Hilditch-Interior-Design-Blog-Provencal-Design-Country-4.jpg.pagespeed.ic.M80P6PsKml

4

 

fonte : sims hilditch

 


 
 

 
 

 
 
 

 

Come scegliere il colore delle pareti del soggiorno

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti, Decor

I vari stili di arredamento, le dimensioni dell’ambiente e il gusto personale sono solo alcuni degli elementi fondamentali da tenere in considerazione quando si deve scegliere il colore per le pareti del soggiorno. Questa è la stanza più amata e più frequentata di tutta la casa. È qui che ci si ritaglia qualche momento di relax, ma è anche qui che si ricevono gli ospiti o si guarda la tv. Per questo è molto importante renderla calda ed accogliente.

I vari colori vanno scelti anche a seconda dell’esposizione della stanza: se l’ambiente è piccolo e poco luminoso sarà preferibile scegliere dei colori chiari e luminosi poiché le tinte cupe lo renderanno ancora più piccolo; in un soggiorno ampio e molto luminoso con varie finestre e balconi, invece, si potranno optare per delle tonalità più scure, che lo renderanno meno ampio e più accogliente. Fondamentale è optare per colori che si uniformino con tutto l’arredamento della stanza e lo valorizzino, poiché saranno proprio le pareti a realizzare il giusto equilibrio con i mobili e i complementi d’arredo e a creare un’atmosfera unica, calda e raffinata.

I colori di tendenza
La scelta della tinta per le pareti del soggiorno è molto vasta poiché oggi sono tanti gli stili di tendenza. Ogni tipologia di arredamento ha i suoi colori che lo contraddistinguono, anche se questi sono sempre influenzati dal gusto personale. Per gli arredamenti più classici c’è una vasta scelta di colori caldi, sobri e raffinati, come tutte le tonalità del giallo, del marrone, dell’ocra. Queste si integrano molto bene con il legno, con il parquet e con le luci calde e soffuse.

In arredamenti contemporanei o dallo stile minimale, i colori chiari come il bianco – in tutte le sue sfumature e tonalità – sono ideali per valorizzare gli ambienti, i mobili e i complementi d’arredo del soggiorno. Molto utilizzato è anche il grigio che si integra perfettamente con l’arredamento contemporaneo, donando all’ambiente stile e raffinata eleganza.

Le scelte più originali
Negli ambienti moderni molto di moda è creare tanti piacevoli contrasti, che renderanno ogni soggiorno di grande impatto visivo ma anche unico nel suo stile. Si possono, infatti, tinteggiare tutte le pareti di un unico colore e il soffitto di un colore diverso, per creare un contrasto originale ma anche molto raffinato. Molto di moda è anche realizzare una parete diversa dalle altre. Se si vuole realizzare un soggiorno esclusivo è possibile usare il doppio colore, anche solo su una parete, tinteggiando le altre con una sola tonalità (più chiara o più scura a seconda dei gusti). Decisamente originale è la realizzazione di una parete a righe verticali, con i colori applicabili anche in senso orizzontale così da dare alla stanza un aspetto unico.

I colori forti e il total white
La tinteggiatura con i colori forti è spesso usata in tutti qui soggiorni con arredamenti moderni. In questi ambienti di solito si preferisce il total white, poiché è capace di realizzare stupendi contrasti con gli elementi d’arredo. Ma non è da escludere l’utilizzo di tinte decise come il rosso, il nero o il viola, per creare uno sfondo utile a far risaltare ogni complemento d’arredo e regalere alla stanza una grande personalità.

Per gli arredamenti dal tono vintage e romantico, come quelli dello country o shabby, si può dare spazio alla propria fantasia e sbizzarrirsi scegliendo il total white e tutte le varianti di beige, bianco crema, miele e bianco ghiaccio. Questo tipo di arredamento del soggiorno permette anche di optare per splendidi e romantici parati dalle tinte floreali o a righe che rendono tutto l’ambiente elegante e sofisticato. Le combinazioni di colori sono infinite e, unite al gusto personale, daranno la possibilità di realizzare un soggiorno caldo e accogliente ma anche unico nel suo stile.

Tags:

 
 

Arredamento e design, le tendenze 2018

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Quali sono le tendenze in campo di arredamento di interni, per il 2018? La casa del 2018 è rivolta verso lo stile vintage e retrò, verso gli arredi di modernariato che ci riportano agli anni passati, allo stile anni ’70, un design ricercato, intellettuale e chic.

I trend che caratterizzarenno questo 2018 sono vari, alcuni erano già in voga lo scorso anno. C’è un’ attenzione verso il colore,  forte, intenso, come per esempio il rosso, il verde ed il viola, che saranno protagonisti delle tendenze in campo di design e arredo.

Il 2018, per quanto riguarda i materiali propone l’ottone anticato, sopratutto in soggiorno ed in sala living, per rendere più eleganti e raffinate le sale di relax e rappresentanza della nostra casa.

In generale le tendenze principali saranno:

-Mobili colorati

-Ottone

-Fiori Oversize

-Stile vintage

-Stile industrial

-Il velluto

-Carta da parati in bagno

Mobili colorati

Come già accennato, le tendenze si rivolgono verso gli arredi ed i complementi del passato, del design degli anni ’70, complementi e imbottiti vengono proposti in rosso, acceso e fortissimo, in viola, l’Ultra Violet, è il colore dell’anno secondo Pantone, ed in verde, elegante e rilassante.

Schermata 2018-01-20 a 16.06.05

Divano POP, Kartell

Schermata 2018-01-20 a 16.15.00

Poltroncina Woopy, B-Line

Ottone

Lo scorso anno il protagonista era il golden rose, il 2018 sarà l’ottone, perfetto per i complementi e gli accessori (tavolini, lampade) molto elegante se riveste un’intera parete ( ma attenzione, solo se si tratta di ampie sale, altrimenti rischia di appesantire troppo l’ambiente).

Schermata 2018-01-20 a 16.18.24

Lampadario Bell, Discipline

Schermata 2018-01-20 a 16.19.58

Conternitore da parete Trigg, Umbra

Fiori Oversize

Se amate la natura e la carta da parati questa tendenza vi piacerà tantissimo, perchè vi permetterà di rivestire ampie superfici con fiori di grandi dimensioni. In vendita troverete tantissime soluzioni, io vi consiglio una carta da parati esclusiva di carta da parati artistica

montaggio papaveri

Papaveri, Collezione Luxury di Carta da Parati Artistica

Stile vintage

Lo stile Vintage e retrò sarà il vero protagonista di questo 2018, quindi via libera ad oggetti appartenuti ai vostri nonni, complementi di modernariato, credenze ormai dimenticate nelle soffitte, vecchi giradischi, poltrone imbottite, questo è l’anno in cui possono ritrovare una nuova vita tutti gli arredi e gli accessori del passato.

come-arredare-la-casa-in-stile-vintage_5

Stile industrial

Lo stile industrial negli ultimi anni si è diffuso sempre di più, in questo 2018 verrà valorizzato ulteriormente, indicato in una chiave più elegante e chic, meno trascurato e più minimale, niente eccessi di cemento grezzo ma ampia libertà nell’inserimento di superfici e complementi in legno e metallo, all’uso di rivestimenti del passato come le cementine, decisamente raffinate.

stile-industriale-arredamento

Il velluto

Un tessuto poco utilizzato negli anni passati, ora sarà di nuovo in voga, sopratutto per gli imbottiti, magari di recupero, che riacquisteranno carattere ed eleganza. Può esser esposto non solo in tinte neutre ma, sopratutto quest’anno, in colori forti, il rosso ne esalta la lucentezza e i contrasti.

Imbottiti-velluto-nabuk

Foto: Living4media

Carta da parati in bagno

Il bagno in questo 2018 sarà uno degli ambienti più studiati e consigliati, finalmente viene decorato e acquista carattere. La tendenza di quest’anno è quella di utilizzare le carte da parati per valorizzare questo ambiente, in commercio troviamo tantissime soluzioni perfette per il bagno, traspiranti e impermeabili, inoltre permettono si sbizzarrirsi con colori e geometrie.

montaggio fiori tropicalx

Carta da parati Tropical di Carta da Parati Artistica

Prossimamente approfondirò ogni tendenza, spero che questa piccola guida vi sia utile per avere un’idea generale di ciò che ci aspetta in campo di arredamento e design in questo 2018.

 

Fonti:

http://www.leitv.it

http://lagos.it

http://www.thatsalltrends.com

https://www.lovethesign.com

 

 


 
 

MAGIC LINEN STONE WASHED BLUE BEDDING COLLECTION!

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Una nuova e splendida scoperta nel mondo della casa. Sono recentemente venuta a conoscenza di questa meravigliosa azienda grazie alla nuova collezione 2018 presentata da poco attraverso uno shooting fotografico che lascia senza fiato. Sto parlando di Magic Linen, una piccola azienda con sede in Lituania,  dove la cultura per la biancheria, la tessitura e le tradizioni per il cucito hanno una tradizione ben radicata nel tempo. In particolare vengono prodotti tessuti per la casa in lino, dalla biancheria da letto, a quella da tavola, al bagno, alla cucina e infine anche vestiti.

[A new and splendid discovery in the home world. I recently know this wonderful company thanks its 2018 collection presented through a shooting that leaves you breathless. Magic Linen is a small company based in Lithuania, Europe, where linen growing, weaving and sewing traditions has roots from ancient times. We produce linen home textiles for bedding, table, bathroom, kitchen and clothes.]

Tutti i prodotti sono realizzati con lino europeo di alta qualità certificato OEKO-Tex®. La maggior parte degli articoli sono realizzati in lino stonewashed. È il modo moderno di ammorbidire la biancheria senza sostanze chimiche nocive rendendola estremamente morbida. Ogni pezzo è realizzato a mano con amore in un piccolo studio a conduzione familiare da sarti professionisti altamente specializzati.

[All our linen products are made of European high quality linen which is OEKO-Tex®-certified. Most of our items are made of stonewashed linen. It is the modern way of softening the linen without any harmful chemicals and making it extremely soft. Each piece is handcrafted with love in a small family run studio by professional highly skilled tailors.]

Il lino è un tessuto molto traspirante che regola la temperatura corporea creando un sensazione di freschezza nella stagione calda e comfort di calore in inverno. La biancheria assorbe bene l’umidità e allo stesso tempo il tempo la libera rapidamente, asciugandosi velocemente. Il tessuto possiede delle proprietà batteriologiche, è un antisettico naturale, uccide i batteri e fungo e riduce le infiammazioni oltre ad essere estremamente resistente.

[Linen is a very breathable fabric, it regulates body temperature, creates a cool feeling in hot weather and comfort warmth in winter, as flax with its very long polymers has the best heat resistance and conductivity of all the commonly used textile fibres. Linen absorbs moisture well and at the same time releases it quickly, dries out fast. Linen fabric possesses rare bacteriological properties – it is a natural antiseptic, kills bacteria and fungus, reduces inflammation. It is also extremely durable and can be passed from generation to generation.]

Ecco la nuova Collezione di lenzuola in lino lavato nella tonalità del blu. Non si sbaglia mai con un tocco di questo colore in casa. Non aggiunge solo un senso di calma e tranquillità, ma mantiene la camera da letto fresca e sofisticata. È anche un colore versatile perfetto per l’interior design modernoe adatto in ogni stagione. Tre diverse trame e tonalità di blu della collezione di Magic Linen: GREY BLUE, MELANGE BLUE, A STRISCE IN BLU E BIANCO.

[Magic Linen blue stone washed linen bed collection You can never go wrong with a touch of blue. It does not only add a sense of calm but keeps your bedroom fresh and sophisticated. It is also a versatile color perfect for modern interior design in any season. Three different textures and shades of blue from our stone washed linen bedding collection: GREY, BLUE, MELANGE BLUE, STRIPED IN BLUE AND WHITE.]

Qualche informazione.

Composizione: 100% lino, addolcito con speciale tecnica addolcente (Stone washing). Il tessuto è realizzato in Europa (Unione Europea), tinto singolarmente, realizzato con cura e attenzione. Istruzioni per la cura: lavabile in lavatrice (40 ° C / 104 ° F), asciugabiancheria (a fuoco basso), consigliato di lavare separatamente. La biancheria diventa ancora più morbida ad ogni lavaggio e non è necessario stirare, perché è dovrebbe essere naturalmente “rugoso”. Chiusura: bottoni in cocco sul fondo,

[Composition: 100% linen, softened with special softening technique (stonewashing). The fabric is made in Europe (European Union), individually dyed, made with care and attention. Care instructions: machine washable (40°C/ 104°F), tumble dry (low heat), recommended to wash separately. Linen gets even softer with every wash and wear and the best part is that there is no need to iron it, because it’s supposed to be wrinkled. Closure: coconut buttons at the bottom end or ties.]

www.magiclinen.com


 
 

Il metodo del guardaroba capsula nell’arredamento

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni, Idee

scandinavian-interiors-minimalism
Oggi vediamo come sia possibile applicare il metodo del guardaroba minimalista o capsula all’arredamento della tua casa, prendendo ispirazione anche dallo stile nordico scandinavo.

Da un po’ di tempo spopola nel web la concezione di un guardaroba composto da una selezione di indumenti che si può abbinare facilmente in molti modi diversi. Se lo componi bene, non dovrai mai stressarti su cosa indossare, perché tutto quello che tiri fuori dal tuo armadio si combinerà perfettamente insieme. Questo metodo viene chiamato “guardaroba capsula” (Capsule Wardrobe) o “guardaroba minimalista” e riguarda appunto la composizione dell’abbigliamento personale in modo pratico e funzionale. [immagine di apertura: fonte qui]

guardaroba-capsula-minimalista-organizzare-armadio
Certo è un metodo un po’ estremo, qualcuno lo considera poco creativo e proprio per questo non è adatto a tutti. Occorre pensare che non tutti abbiamo le stesse doti nell’abbinare colori e forme e questo metodo può aiutare a capire meglio come poterlo fare. Il guardaroba minimalista è, infatti, utile soprattutto per coloro che faticano a trovare gli abbinamenti giusti nella quotidianità di tutti i giorni, per non perdere tempo e risorse inutili. Inoltre spinge anche ad una maggior consapevolezza, infatti è strettamente legato al concetto di sostenibilità, puntare su qualità e non quantità, la filosofia del meno ma meglio.

E’ possibile applicare lo stesso principio al tuo arredamento? Noi pensiamo di sì e questo metodo lo troviamo molto affine allo stile scandinavo, che non a caso ha riscosso sempre più successo negli ultimi anni. Il segreto dello stile nordico si può riassumere in pochi elementi fondanti: arredi dalle linee semplici “senza tempo”, la preferenza per colori chiari e tonalità naturali, dettagli e materiali dall’aspetto caldo. Tutto questo contribuisce a creare l’atmosfera Hygge danese, una casa dal look essenziale, dal design funzionale, ma assolutamente accogliente, un minimalismo che trasmette serenità e armonia in ogni angolo della casa.

Il metodo “capsula” non è per chi ha già un proprio stile definito e riesce a mescolare ad arte colori, texture, materiali. Seguire queste regole, invece, ti aiuterebbe se hai difficoltà ad abbinare i colori e gli stili, se stai pensando di arredare la tua nuova casa ed hai molti dubbi, se ti capita di comprare qualcosa di nuovo, ma una volta a casa ti sembra inadatto e che non si combini con niente.
Con questo metodo è più facile poter aggiungere elementi nuovi o fare cambiamenti ogni volta che vuoi. Basta avere una collezione di arredi e complementi per la casa ben selezionati. Vediamo dunque come fare “una capsula per l’arredamento di casa”.

1. Valuta l’intero arredamento della tua casa

Questo punto vale ovviamente se una casa arredata ce l’hai già, se invece devi ancora arredare la tua casa passa al punto successivo.

Se stai prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di intraprendere questo “viaggio” ti consigliamo di annotare le tue considerazioni. Questo ti servirà anche in futuro, ti farà comprendere meglio il tuo stile e quando comprerai qualcosa di nuovo lo farai con maggiore consapevolezza.

Se vuoi accettare la sfida per impostare grandi (o piccoli) cambiamenti nell’arredo della tua casa, devi prepararti a valutare tutto quello che possiedi con occhio critico. Passa in rassegna, stanza per stanza, ogni singolo elemento (da quello più voluminoso ai complementi, fino agli oggetti decor) e annotalo in una delle tre liste degli arredi/oggetti: 1- che ami alla follia, 2- che non ti convincono molto, ma che per vari motivi non te la senti ancora di dar via, 3- che assolutamente non ti piacciono più e che puoi tranquillamente eliminare.

Annota su un foglio i pezzi che non vanno più bene per te perchè: sono molto rovinati, la fantasia o il colore non ti convincono, sono fuori moda, stanno chiusi in ripostiglio/garage/soffitta da anni senza vedere la luce del sole, sono frutto di acquisti sbagliati e del tutto compulsivi. Non importa quanto li hai pagati, chi te li ha regalati, il principio è: ti piace così com’è? E’ funzionale e lo usi? No, allora cerca di liberartene. Non significa che devi buttare tutto. Abbiamo parlato di sostenibilità, ricordi? Cosa fare dei pezzi scartati e non del tutto rovinati:

Opzione riuso: questi pezzi che avrai scartato potrai regalarli, venderli, donarli in beneficenza, portarli nei Centri del Riuso della tua zona. Così qualcun altro saprà farne buon uso o donagli nuova vita.

Opzione makeover: se ti piace dilettarti con il fai da te potrai sfruttare l’occasione per risistemare alcuni pezzi rendendoli coerenti con il resto dell’arredamento (secondo le altre regole che vedremo dopo). Infatti, se la forma è semplice e ti piace, basterà cambiare il colore con un po’ di vernice o nel caso di imbottiti e cuscini, basterà rivestirli con un nuovo tessuto.

arredare-stile-industriale-chic-10
[foto immagine qui]

case e interni - stile scandinavo - moderno - bianco (6)
[fonte immagine qui]

Infine, cerca di capire quali sono i pezzi che veramente ami e perchè ti piacciono ancora così tanto, nonostante siano passati molti anni da quando li hai portati in casa tua.

Metti una bella playlist che ti carichi e armati di scatoloni per riporre tutto ciò che andrà via. Non ti preoccupare se ad un certo punto ti sentirai sopraffatta, tieni ben in mente l’obiettivo finale. Se arriverai alla fine di questo primo passaggio, avrai eliminato una marea di oggetti che non usavi o non amavi, perchè non dicevano nulla di te e non ti rappresentavano.

2. Scegli i pezzi base

Un armadio capsula fatto come si deve si costruisce principalmente intorno ad alcuni pezzi base: una collezione di capi essenziali di abbigliamento, che non sono influenzati dalle mode. Come ad esempio un ottimo paio di jeans, una buona t-shirt bianca, un blazer. Anche per l’arredo della tua casa, ci sono dei pezzi base che dovresti scegliere di avere. Sono gli elementi essenziali per iniziare ad arredare.

Per la composizione del tuo “arredamento capsula”, noi ti consigliamo ti scegliere almeno cinque o sei elementi che abbiano come caratteristica quella di essere classici senza tempo, che possano quindi abbinarsi con ogni stile e riescano a superare mode e tendenze.

arredamento-loft-stile-shabby-industriale-2
[fonte immagine qui]

Magari questi pezzi ce li hai già in casa, come quel comò dal taglio semplice, la credenza della nonna, il tavolo di campagna della mamma, la poltrona in cuoio, quel tavolino dal design essenziale.

case e interni - ristrutturazione low budget (3)
[fonte immagine qui]

Possono anche essere poltroncine o sedie considerate icone di design, come ad esempio quelle disegnate da Charles Eames o Wegner. Non è necessario spendere un patrimonio, perchè ormai, scaduti i brevetti, sono molte le repliche sul mercato, a maggior riprova del loro grande successo, che le vede ancora protagoniste dell’arredamento contemporaneo dopo diversi decenni.

case-e-interni-zona-pranzo-03
[fonte immagine qui]

case e interni - ristrutturazione - Madrid - 80 mq - luminoso e ampio (1)
[fonte immagine qui]

Altri elementi dell’arredamento da inserire nei pezzi base possono essere lampade, tavolini, cornici, specchi ecc. Tutti oggetti funzionali da scegliere in forme semplici e lineari, magari sempre icone del design. Un buon investimento sull’arredamento può partire da qui.

Se ci fai caso, anche l’ arredamento scandinavo è costituito da mobili essenziali, alcuni del passato, che riescono a stare bene assieme superando il concetto di tempo. I materiali e le forme funzionano con tanti mood diversi. Si tratta fondamentalmente di uno stile senza tempo, caratterizzato da ambienti funzionali e confortevoli, dove i complementi di design si alternano a mobili vintage.

case e interni - stile scandinavo - urban chic - bianco (01)
[fonte immagine qui]

Sembra difficile, ma è come entrare nella mente di un collezionista. Quando crei un guardaroba capsula, crei una collezione di abbigliamento che può abbinarsi sempre e bene. Puoi fare la stessa cosa con il tuo arredamento.

Prova a fare questo esercizio: se tu dovessi esporre tutti gli arredi di casa tua in una stessa stanza, starebbero bene insieme? Tutto apparirebbe coordinato? Sarebbe possibile mixare gli elementi senza sforzo? Le risposte a queste domande ti portano a centrare l’obiettivo.

3. Scegli una tavolozza di colori

Un punto fondamentale del metodo “guardaroba capsula” prevede di scegliere una palette di colori base. Questo vale a maggior ragione per l’arredamento della tua casa ed un’altra volta troviamo un punto in comune con il design scandinavo.

case-e-interni-stile-scandinavo-arredare-monolocale-spazi-luminosi-02
[fonte immagine qui]

Se vuoi che lo stile della tua casa riesca a durare nel tempo, la tavolozza dovrebbe essere il più essenziale possibile: più riduci i colori, più sarà facile abbinarli. La combinazione “capsula” generalmente comprende al massimo 6 colori, pescando in gran parte tra i toni neutri (bianco, beige, grigio, nero) e aggiungendo solo pochi tocchi di colore più intensi a scelta. 

Non bisogna essere troppo rigidi, ma se proprio preferisci seguire delle regole, la palette “ideale” per un arredamento “capsula” dovrebbe avere 3 colori neutri e 1 o 2 tonalità luminose. Ad esempio, guardando la foto qui sotto: bianco, grigio, beige (legno) come colori neutri e verde salvia o verde menta.

arredamento-verde-grigio-stile-scandinavo-2
[fonte immagine qui]

divano-grigio-abbinamenti-4
[fonte immagine qui]

case e interni - casa Scandinava - accenti colori (1)
[fonte immagine qui]

Se mantieni una tavolozza di colori costante ed essenziale, valida per tutta la casa, puoi spostare facilmente i pezzi da una stanza all’altra senza preoccuparti dell’abbinamento. Allo stesso modo, quando vorrai fare qualche modifica per dare una rinfrescata all’arredamento, potrai aggiungere un pezzo nuovo seguendo questi criteri, sapendo che tutto si abbinerà perfettamente.

4. Aggiungi complementi, tessili ed elementi decor

Una volta stabilito l’arredamento essenziale con i pezzi base e la tavolozza dei colori, è il momento di far entrare in gioco la tua personalità. Trova elementi tra le texture e fantasie preferite, tra i colori di tendenza della stagione (vedi i report di Pantone), tra gli oggetti che preferisci, che possano essere facilmente abbinati alle basi del tuo arredo essenziale.

arredare-stile-scandinavo-bianco-grigio-legno-1
[fonte immagine qui]

Scegli con cura i quadri e le stampe, i vasi e le candele, i cuscini e i plaid, le tende e i tappeti.

case-interni-stile-scandinavo-recupero-fai-da-te-10
[fonte immagine qui]

scandinavian-interiors-minimalism-2
[fonte immagine qui]

Anche qui troviamo la similitudine con lo stile nordico scandinavo, dove si presta molta attenzione ai dettagli che danno carattere e sensazione di comfort. Proprio come il guardaroba capsula, anche lo stile scandinavo riesce a durare nel tempo senza mai stancare.

A questo punto, se scopri che ti manca qualcosa, pianifica uno shopping mirato, scegliendo i pezzi che meglio si adattano al tuo stile. E vedrai che quando avrai voglia di fare qualche modifica, ti potrà bastare pescare tra gli oggetti della tua casa, semplicemente spostandoli da una stanza all’altra, perchè tutti coordinabili fra loro.

Sobrio, elegante e ricercato, ma al contempo caldo ed accogliente, sarà questo il tuo mood.

Se ti è piaciuta questa idea di creare un “arredamento capsula” per la tua casa, allora devi leggere anche il nostro post: Arredare in stile Nordico scandinavo.

Anna e Marco – CASE E INTERNI

Tags:

 
 

Una mansarda tutta per sè

Pubblicato da blog ospite in HomeRefreshing
Mi piacciono le sfide date dagli spazi piccoli, quelli che, riuscire a farci stare dentro tutto, è come risolvere un Sudoku e vado matta per le case di vacanza, quelle da arredare seguendo un gusto meno convenzionale, un po’ più libero  e sbarazzino, magari lasciandosi ispirare dall’ambiente in cui si trovano: rurale, marino o montano. Perciò capirete tra poco quale piacere può essere stato occuparmi della consulenza online per la riorganizzazione di una piccola mansarda in una abitazione unifamiliare in una piccola località montana.
La richiesta era quella di trasformare questo spazio inutilizzato in una comoda suite per la figlia dei proprietari, trasferitasi per lavoro in una grande città, durante i suoi ritorni a casa. La richiesta precisa era di avere un bagno  e la zona letto separata in modo che, durante il giorno, l’ambiente potesse avere una vera e propria area relax, senza dover necessariamente aprire e chiudere un divano letto.

Ecco alcune delle foto che mi sono state inviate dalla proprietaria, insieme alle misure dellagliate della mansarda:
Foto 1

Foto 2

Foto 3

Planimetria con coni ottici di ripresa delle foto
Fondamentale era la necessità di studiare un intervento leggero, che contenesse i costi , conservando i pavimenti originali ed evitando, per quanto possibile, il costo della rimozione della perlinatura esistente, sia per una questione di budget che per una questione di pulizia e velocità del lavoro.
Per permettere questo, l’impianto elettrico sarà a vista. Mi è stato anche chiesto di mantenere il camino, anche se non più funzionante, il lamapadario in ferro che si vede nella foto 2 e i mobili di famiglia (la libreria della foto 1, il baule della foto 2 e il bell’armadio antico con anta a specchio che vedede nella foto qui sotto). 
Ecco la proposta che è stata fatta, tenuto conto dei vincoli esistenti:

In verde sono indicati i tramezzi di nuova costruzione, che verranno realizzati in cartongesso.
Bagno: per mantenere intatto il pavimento esistente i sanitari sono stati posizionati in linea, lungo una parete in cartongesso di 20 cm di spessore che ingloba gli impianti e i supporti per i sanitari sospesi e la cassetta di scarico. Tutti gli scarichi si collegano alla colonna esistente, passando in un vano tecnico realizzato nella parte più bassa della mansarda a lato della zona letto.
Camera: la cameretta, che ha una superficie di 9.10mq, ospita solo il letto.  
Zona relax: nella zona relax trovano posto un divano comodo  e una poltroncina dallo stile retrò, un tappeto con un tavolino rotondo e tutti i mobili di famiglia. Le perline verranno semplicemente ridipinte.

 

In cameretta si è voluto lasciare tutto lo spazio a disposizione per un comodo letto, lasciando l’armadio antico appena fuori. Essendo una camera utilizzata solo durante i week end, non è necessario un grande spazio di contentimento. 

Ecco le immagini dei prodotti scelti per gli arredi e le finiture:

e i link ai quali potrete trovarli,

Divano, poltroncina, lampada da terra, tappetotavolino, cuscino eco pelliccia, cuscino cervo, cuscino blu, cuscino verde

e i link di materiali ed arredi

Specchio rotondo , Lavabo con mobile , WC sospeso , Applique , Lampadine e cavi , Cementine interno doccia , Piastrelle diamantate, Piatto doccia .

e i prodotti scelti

Letto , comodino rotondo, comodino sospeso, biancheria, tappetini in pelle di pecora, cuscini fantasia, cuscino tinta unita.

Per amalgamare arredi e ambiente ho scelto di far tinteggiare le perline esistenti di un grigio caldo e opaco che riprenda il colore del pavimento. Stesso colore per tutte le pareti della camera, esclusa quella dietro il letto per la quale ho pensato ad un verde azzurro per esaltare l’atmosfera cocoon. E’ un colore accogliente che fa risaltare i grigi di pavimento e pareti e  il legno della travatura. 
Dello stesso colore andrà tinteggiata la parete dietro al divano. Le porte interne saranno grigie, come pavimento e la maggior parte delle pareti.

             1-2-3

Lush Garden – Jotun
Il risultato, nonostante i vincoli, è un ambiente pratico e vivibile, dove convivono mobili antichi e arredi e colori in linea con le ultime tendenze. Il posto ideale per dei week end in famiglia senza rinunciare alla privacy di un mini appartamento tutto per sè. 
Enjoy Your Home!

Se vi è piaciuto questo post fate click sul pulsante g+ in cima alla pagina, a sinistra. Il pulsante g+ premia la qualità dei contenuti sul web e il lavoro di chi scrive. A chi clicca non costa nulla ma è un riscontro importante per chi pubblica. Potete anche un lasciare un commento nel form apposito. I commenti e le critiche sono i benvenuti!


 
 

WORLD 🌿 INTERIORS #24

Pubblicato da blog ospite in Interiors, Paz Garden

Per festeggiare insieme l’arrivo del weekend, niente di meglio che… un gior virtuale tra le mura di una casa oggetto di una ristrutturazione meravigliosa grazie al progetto dello studio di architettura Gommez-Vaëz Architecte con base a Parigi.

Un lavoro che riesce ad armonizzare sapientemente i tratti principali dello stile nordico, ma anche a fondere il genius loci (non dimentichiamoci che la casa in oggetto si trova in Francia ed è una 

longère, ovvero la tipica casa rurale lunga e bassa che si trovano in Bretagna) e i tratti di una dimensione più country attraverso dettagli e una palette colori incredibilmente piacevole e rilassante, che (come ormai ben saprete) è anche la mia preferita in assoluto!!!
Il pavimento in pietra è un altro dettaglio che mi ha subito piacevolmente colpito, considerato che è anche un pavimento usato moltissimo da noi in Puglia e che spesso tende a prevalere sull’atmosfera generale della casa, richiamando sempre l’appeal della Masseria anche quando magari l’effetto non è voluto.
In questo caso invece il pavimento risulta quasi discreto e anzi, aggiunge quel giusto tocco di Mediterraneo alle scelte cromatiche degli ambienti.
Le piante poi rendono tutto lo spazio piacevolmente vitale e fresco, come sempre la loro presenza in un interno è davvero sinonimo di benessere sia per gli occhi che per la mente!!!
Che ne pensate poi della cucina e della sua tonalità di colore? Non sono bellissimi i dettagli in legno scelti per la postazione ad isola?
Io spero che questo Home tour vi abbia riempito di freschezza e voglia di Natura, e nel frattempo vi auguro di cuore buon weekend Pazzerelli!!! 
All the photos are from Gommez-Vaëz Architecte HOUZZ

Tags:

 
 

Henge inaugura a Cortina d’Ampezzo

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
L’Ambiente showroom

Cortina d’Ampezzo, luogo affascinante circondato dalle Dolomiti, ospita il nuovo progetto abitativo di L’Ambiente showroom, dove le tradizioni e le innovazioni dialogano in un efficace equilibrio di soluzioni e forme, con l’obiettivo di mostrare proposte contemporanee di arredo perfettamente integrate nel paesaggio.

Henge è sinonimo di artigianalità attraverso un’attenta e costante ricerca dei materiali: legni, metalli, pietre naturali, pelli, dalla cui forza espressiva nascono progetti di notevole impatto. Ciascun processo di lavorazione nasce dalla fusione tra tecnologia e antiche tradizioni, con l’aggiunta di mani sapienti che rendono i prodotti Henge espressione del vero Made in Italy. Per ogni materia vengono realizzate diverse finiture naturali secondo le specifiche esigenze di personalizzazione: valore che testimonia l’incessante attività di ricerca svolta nel campo delle lavorazioni per offrire ai clienti la più ampia gamma di possibilità.


L’Ambiente showroom

Tra le collezioni esposte, il nuovo tavolo Saetta racchiude perfettamente il lavoro di sperimentazione di Henge: il top di forma rettangolare è realizzato in legno di abete proveniente dagli antichi Tabià, mentre la struttura è in bronzo realizzata con la tecnica sand casting; il cabinet Slim Side realizzato anch’esso nel ricercato legno di abete degli antichi Tabià con inserti in pietra di Castellavazzo.

L’Ambiente showroom
Nella zona living sono inserite la libreria componibile in ottone brunito a mano Bistro S, la libreria Cage B con divisori in legno di Olmo di Palude e struttura in acciaio brunito nero e la libreria da parete Style Set, interamente realizzata in legno di abete degli antichi Tabià con elementi interni in ottone brunito nero e acciao brunito nero.


L’Ambiente showroom
L’Ambiente showroom
Ad illuminare gli ambienti la composizione di sospensioni con finitura in argento e ottone brunito nero Light Ring Horizontal e la Flat Lamp Table con struttura tubolare in ottone brunito nero a mano e contrappeso in pietra Titanium.


L’Ambiente showroom
L’Ambiente showroom

Il concept dell’allestimento è stato realizzato dallo Studio Gherardi Architetti per L’Ambiente, consolidato riferimento nel mondo dell’interior design, con protagonisti la pietra di Castellavazzo ed il legno di abete degli antichi tabià, costruzioni tipiche cortinesi, rivisitati in chiave contemporanea mantenendo le tradizioni, e integrandosi attraverso lo studio e la ricerca di nuove finiture a questi affascinanti elementi costruttivi.

L’Ambiente showroom

L’Ambiente, azienda fondata nel 1990 in provincia di Treviso con lo scopo di sviluppare e promuovere un portfolio selezionato di brand italiani di interior design di fama mondiale, rappresenta con più di cinque showroom in Italia un’importante punto di riferimento per la progettazione di interni.



 
 
               

Torna su