Impianto elettrico: che confusione!

Pubblicato da blog ospite in ArchitettaMI

Quando ristrutturo un appartamento tra i vari elaborati che consegno ai clienti c’è l’impianto elettrico. Questa tavola non è di facile comprensione e così è d’obbligo fissare un incontro in cui nello specifico vengono analizzati tutti i punti.

Mi è capitato recentemente però di dare semplicemente dei consigli sull’elettrico ad una coppia di miei clienti a cui ho consegnato un progetto on line di ristrutturazione small. I ragazzi stanno acquistando nel centro di Milano un appartamento in un palazzo di nuova costruzione, ma volevano, prima che fosse troppo tardi, rivedere la distribuzione interna e il progetto d’arredo più consono alle loro esigenze.

Avendo modificato varie zone della casa, al momento della consegna della tavola dell’impianto elettrico da parte della ditta costruttrice, si sono trovati un po’ spiazzati. Così invece di rivedere tutto l’impianto mi hanno chiesto se potevo dargli dei consigli in più rispetto a quello che vedevano sulla carta.

La mia premessa è stata innanzitutto che l’impianto elettrico va valutato sempre con il progetto d’arredo e più l’arredo è dettagliato, quindi già selezionato nella marca e nel modello, più il progetto dell’elettrico sarà preciso. Faccio un banale esempio: i punti di accensione accanto al letto matrimoniale. Prendere un letto che ha larghezza 160 cm è diverso da uno largo 180 cm. Quindi, se i punti luce a parete sono pensati per un letto da 180 e poi però compro un letto largo 160, è chiaro che risulterà troppo distante l’interruttore e sarà scomodo accendere le luci mentre sono sdraiata a letto.

Vi elenco di seguito le cose ho evidenziato ai miei clienti sperando che possano essere utili anche a voi.

Scatole di derivazione: Sono indispensabili e spesso ce ne sono parecchie. Possono essere messe in punti strategici per non farle vedere oppure possono essere nascoste da mobili. In questo caso però, visto che devono essere ispezionabili per qualsiasi evenienza, i mobili non possono costituire un ostacolo. Quindi o sono mobili piccoli o in caso di armadi, il fondo di questi va tagliato.  Bisogna però sapere come è fatto l’armadio internamente per capire dove posizionare la scatoletta, ed infine il fondo dell’armadio va ritagliato nel punto corrispondente.
– Punti tv: oltre all’antenna comune si posiziona anche quella satellitare. Ma, visto che ormai le tv vanno anche su internet, il mio consiglio è quello di far mettere la linea e nello specifico il cavo RJ45. Se volete appendere la tv le prese devono trovarsi dietro per non vedere i fili. Mentre quelle che collegano la tv ai vari dispositivi, possono essere incanalate o comunque nascoste.
tv sospessa
– Computer: anche per il computer presa RJ45. Esiste il wifi, ma è meglio avere una presa che possa garantirti stabilità nella connessione. Se avete dispositivi per diffondere la musica in ogni stanza, installare questo tipo di presa in corrispondenza della sorgente.
Armadi: si può mettere la luce negli armadi, quindi, nel caso, fatevi portare un punto luce in corrispondenza dell’armadiatura e poi chi vi monterà le lampade farà i collegamenti.
luce armadi 2
Luce esterna agli armadi: nel caso non mettiate la luce dentro gli armadi, fate in modo che la sorgente luminosa non sia dietro di voi, quando aprite l’armadio, ma che sia tra voi e questo. Naturalmente se avete della ante, fate in modo che il faretto sia centrale al modulo dell’armadio e non in corrispondenza dell’anta…
Controsoffitti: le luci inserite nei controsoffitti possono essere: faretti, strisce a led incassate o nascoste dietro a delle velette. Deciderlo in tempo prepara l’impresa alle successive lavorazioni e farà conoscere a voi quanto possono incidere queste 3 diverse applicazioni sul vostro budget.
controsoffitto con luce nascosta 5
controsoffitto con luce nascosta 2
faretti 3
Prese comodini: c’è chi posiziona le prese in basso, chi in alto dove c’è l’accensione generale della stanza, questo per avere la comodità di introdurre la presa del cellulare. Nel caso voi dormiate con il cellulare a fianco (che sconsiglio) potreste farvi mettere una presa usb, in modo da collegare il cell senza la spina. Questa presa va benissimo anche in caso di tablet.
Specchi bagno: ci sono vari modi per illuminarli, ma fate attenzione che la sorgente luminosa sia sempre tra voi e lo specchio in modo da illuminare bene il viso. Inoltre se siete tipi che perdono tante ore per il trucco o per altre cure della vostra persona, che richiedono molta luce, non fidatevi di quegli specchi che hanno l’illuminazione integrata o addirittura sul retro!
luci bagno
luci bagno 2
Prese schuko: fatele mettere in corrispondenza degli elettrodomestici, in modo da non usare riduttori. Anche i frullatori o alcune macchine del caffè hanno queste prese. Attenzione però che costano più di quelle standard.
Sottopensili cucina: fate portare un punto luce sotto i pensili della cucina (quindi va dato all’elettricista il disegno definitivo dei pensili) in modo da posizionare l’uscita nel punto esatto. Se la cappa divide in due lo spazio, fate in modo di illuminare entrambe le zone o almeno la zona più lunga (visto che la cappa è già fornita di illuminazione).
luci sottopensile 2
Prese sul piano lavoro della cucina: posizionate le prese in corrispondenza dei piani lavoro e l’interruttore per accendere i led sottopensile.
prese piano lavoro cucina
Luci sopra il tavolo pranzo: decidete dove andrà il tavolo pranzo (scelto anche nella dimensione) in modo da mettere le luci esattamente sopra questo. Se pensate di aprire il tavolo e spostarlo in caso di ospiti, non mettete luci pendenti, piuttosto dei faretti, perché rischiate di sbatterci la testa.

luci tavolo pranzo 2

Queste sono alcune delle considerazioni che ho evidenziato ai miei clienti per le loro specifiche esigenze.

Se avete altri suggerimenti da fare inseriteli nei commenti. Mi fa sempre piacere leggere le vostre opinioni e le vostre esperienze ;-).


 
 

 
 

 
 
 

 

Porte in linea con l’autunno

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Il tema della settimana è l’AUTUNNO, e non poteva mancare ovviamente il luogo fondamentale di presentazione della casa: l’ingresso con relativa porta.

Utilizzare decori naturali, fai da te e a tema con la stagione, crea un’atmosfera accogliente già sull’uscio di casa e che poi continua all’interno sino al cuore dei vari ambienti che la costituiscono.     

Salva

Salva


 
 

 
 

 
 
 

 

Un appartamento fuori dall’ordinario

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor

Studioata cura la ristrutturazione di un alloggio al piano nobile di un palazzo eclettico nel centro di Torino, dando vita ad uno spazio insolito e flessibile tra preziosi elementi classici e soluzioni di design.

L’appartamento è caratterizzato da ampi saloni voltati di cui è stata preservata e valorizzata la spazialità, coniugandola con le esigenze del vivere contemporaneo.

Internamente troviamo una successione di ambienti collegati tra loro da lievi scarti di quota che si offrono a una percezione dinamica, cangiante al variare della luce e delle viste, dove lo spazio di distribuzione è ridotto al minimo. 
Le due direttrici principali, dall’ingresso alla cucina e dal terrazzo alla zona notte, si incontrano nel salone, confermandone la centralitàL’articolazione tra questo spazio, affacciato sul terrazzo e il cortile interno, e una seconda sala prospiciente la via costituisce il nodo fondamentale del progetto. Se il primo spazio è mantenuto nel suo stato originario, un setto centrale e un soppalco, leggermente discostati dal perimetro per lasciare percepire la stereometria ottocentesca, dividono il volume del secondo in tre spazi con funzioni differenti: camera da letto, sala tv e studio
Due aperture permettono di modulare la connessione funzionale e visiva tra la prima e la seconda sala e consentono, tramite una scala a sbalzo in acciaio, di accedere al soppalco

In fase di ristrutturazione è stata interamente restaurata la volta affrescata presente nel salone originale, così come i pavimenti in legno ancora esistenti. I nuovi materiali scelti sono perfettamente in armonia con gli aspetti cromatici e sensoriali originali: il pavimento in rovere massello posato a lisca di pesce integra i palchetti esistenti, mentre i pavimenti della cucina, dei bagni e del terrazzo sono in lastre di ardesia grigia.


Studioata ha curato questo progetto operando all’interno di PLAN BUY ® team di professionisti che, ottimizzando i processi, accompagna il cliente dalla scelta dell’immobile fino alla personalizzazione dei dettagli.

Progettazione: Studioata
Sviluppo: PLAN BUY ®
Progettazione terrazzo: Suingiardino




 
 

 
 

 
 
 

 

Scegliere il colore giusto per la cameretta con Color Trainer #4

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Siamo infine giunti all’ultima puntata della piccola serie di articoli dedicati alla scelta del colore giusto per le pareti di casa.

Oggi vi presento la guida Color Trainer Young Casa, irrinunciabile vademecum per chi desidera scegliere il colore giusto per la cameretta dei bambini. Vi ricordo che tutte le guide del programma sono gratuite: in questo post (color trainer #1) vi spiego come funzionano e come richiederle. La guida per le camerette è forse la più divertente, con il suo Cerchio Cromatico Chrèon Young studiato appositamente per le esigenze visive dei più piccoli e suddiviso in 12 tinte, ognuna collegata ad un frutto: un simpatico ed utile espediente che facilita le scelta del colore da parte del bimbo. Mi piace molto l’idea che i piccoli siano coinvolti attivamente nel progetto di sistemazione della propria cameretta, credo che sia un modo per responsabilizzarli e un’occasione per far loro conoscere la base della teoria dei colori.

Per i genitori e i decoratori, invece, la guida presenta interessanti dati tecnici sulla percezione del colore e dello spazio da parte dei bimbi da 0 a 36 mesi, il periodo in cui apprendono ad interagire  con l’ambiente che li circonda. Anche in questa guida, come in quelle dedicate alla casa e alle decorazioni di cui vi ho parlato nei precedenti post, una sezione è dedicata alla distribuzione della pittura sulle pareti: per esempio, per camerette buie e colme di oggetti, si consiglia di dipingere con una unica nuance luminosa tutte le pareti della stanza, soffitto compreso. La divisione in orizzontale delle pareti, invece, è consigliata per le stanze dei bebè, in quanto ridimensiona la percezione dell’altezza e aiuta il piccolo ad ambientarsi meglio.

I colori sono suddivisi in due “Matrici” generali, una per i colori Neutri e una per i colori Saturi, e altre 3 matrici, ognuna per le diverse fasce d’età del bambino. In questo modo sarà facile scegliere i colori adatti ad ogni fase di crescita. Per completare la guida, sono state allestite diverse camerette con esempi di palette e decorazioni cui ispirarsi e che possono aiutare nella scelta.

Anche per le camerette, si può utilizzare il simulatore on line: basta caricare una foto della stanza e scegliere tra i colori proposti per vedere immediatamente il risultato.

 

The post Scegliere il colore giusto per la cameretta con Color Trainer #4 appeared first on La gatta sul tetto.


 
 

Scegliere il colore giusto per la cameretta con Color Trainer #4

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Siamo infine giunti all’ultima puntata della piccola serie di articoli dedicati alla scelta del colore giusto per le pareti di casa.

Oggi vi presento la guida Color Trainer Young Casa, irrinunciabile vademecum per chi desidera scegliere il colore giusto per la cameretta dei bambini. Vi ricordo che tutte le guide del programma sono gratuite: in questo post (color trainer #1) vi spiego come funzionano e come richiederle. La guida per le camerette è forse la più divertente, con il suo Cerchio Cromatico Chrèon Young studiato appositamente per le esigenze visive dei più piccoli e suddiviso in 12 tinte, ognuna collegata ad un frutto: un simpatico ed utile espediente che facilita le scelta del colore da parte del bimbo. Mi piace molto l’idea che i piccoli siano coinvolti attivamente nel progetto di sistemazione della propria cameretta, credo che sia un modo per responsabilizzarli e un’occasione per far loro conoscere la base della teoria dei colori.

Per i genitori e i decoratori, invece, la guida presenta interessanti dati tecnici sulla percezione del colore e dello spazio da parte dei bimbi da 0 a 36 mesi, il periodo in cui apprendono ad interagire  con l’ambiente che li circonda. Anche in questa guida, come in quelle dedicate alla casa e alle decorazioni di cui vi ho parlato nei precedenti post, una sezione è dedicata alla distribuzione della pittura sulle pareti: per esempio, per camerette buie e colme di oggetti, si consiglia di dipingere con una unica nuance luminosa tutte le pareti della stanza, soffitto compreso. La divisione in orizzontale delle pareti, invece, è consigliata per le stanze dei bebè, in quanto ridimensiona la percezione dell’altezza e aiuta il piccolo ad ambientarsi meglio.

I colori sono suddivisi in due “Matrici” generali, una per i colori Neutri e una per i colori Saturi, e altre 3 matrici, ognuna per le diverse fasce d’età del bambino. In questo modo sarà facile scegliere i colori adatti ad ogni fase di crescita. Per completare la guida, sono state allestite diverse camerette con esempi di palette e decorazioni cui ispirarsi e che possono aiutare nella scelta.

Anche per le camerette, si può utilizzare il simulatore on line: basta caricare una foto della stanza e scegliere tra i colori proposti per vedere immediatamente il risultato.

 

The post Scegliere il colore giusto per la cameretta con Color Trainer #4 appeared first on La gatta sul tetto.


 
 

Quattro ristoranti per celebrare l’arte dell’ospitalità firmati Piuarch

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Concept diversi che raccontano l’arte dell’ospitalità

Dall’atmosfera dorata del ristorante di Dolce & Gabbana, all’appeal da loft newyorkese di Maxim, sino al tempio della nuova tradizione gastronomica russa a San Pietroburgo e al mood internazionale della sala panoramica dell’M89 Hotel: luoghi affidati a concept diversi, dove raccontare l’arte dell’ospitalità di altrettanti protagonisti. 

La progettazione dei luoghi della ristorazione deve rivelare lo stile della cucina e dei proprietari ed è proprio questo lo spirito con cui Piuarch ha realizzato l’interior design delle location indicate. A ogni ristorante corrisponde una chiara identità, che asseconda il carattere della committenza e interpreta, allo stesso tempo, il contesto fisico di riferimento.

Ideato per Dolce & Gabbana e completato nel 2007 a Milano, Goldè stato improntato ai valori della celebre maison per proporsi come destinazione “di moda”: un gioco di sfaccettature oro definisce, insieme a inseriti in specchio e superfici preziose in marmo, gli spazi del locale. Candelabri, lampade scultoree a sospensione fatte da una nuvola di piccole sfere di vetro soffitato a mano, teche a vista dove collezionare il vino delle migliori annate, tavoli con top riflettente e quinte fatte da fili metallici comunicano la tendenza decorativa tipica del marchio, con un’enfasi di dettagli.


Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante Gold a Milano, ©Andrea Martiradonna                                              

Al contrario, il ristorante Mansarda presso il quartier generale Gazprom di San Pietroburgo e il ristorante all’ultimo livello di M89 Hotel a Milano, ultimato nel 2017, sono caratterizzati da uno stile rigoroso: l’arredo è essenziale e lascia spazio, in entrambi i casi, alla complessa geometria del soffitto e alle ampie vetrate perimetrali attraverso le quali è possibile ammirare il panorama. Entrambi, inoltre, sono valorizzati da una terrazza esterna, completata da un attento studio sulla vegetazione.

Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante Mansarda San Pietroburgo  ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Ristorante di M89 Hotel a Milano, ©Andrea Martiradonna
Maxim invece, situato all’ultimo piano di un lussuoso centro commerciale di Mosca, si propone come una destinazione “cult”, dove far rivivere l’atmosfera metropolitana newyorkese: lo spazio, fluido, è quello di un loft strutturato su più livelli, con finiture di cemento faccia a vista, grandi doghe di legno scuro a pavimento, vetro, metallo e divani in stile Chester, banconi dove si preparano i cocktail, dettagli in pelle invecchiata e tessuti tartan.


Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna
                 Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna                                     

Ristorante Maxim a Mosca, ©Andrea Martiradonna
        
Ogni ristorante offre un diverso viaggio sensoriale – tra menù innovativi, sperimentali o internazionali – cui corrisponde un analogo percorso estetico tra materiali, luci e colori, accuratamente scelti da Piuarch per interpretarne la particolare filosofia.  


 
 

Come scegliere le tende per la casa

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Uno degli elementi che influisce sulla determinazione dello stile e dell’arredamento della casa sono le tende. Spesso vengono scelte alla fine, un piccolo tocco che dona carattere e colore agli ambienti della casa. Esistono tantissimi modelli, in base al colore, alla tipologia ed al tessuto hanno un peso molto importante sulla luminosità e l’aspetto delle stanze. La scelta non va lasciata al caso, deve essere consapevole e ponderata perchè le tipologie di tende in commercio sono varie ed è facile sbagliare.

gani-tende-scegliere-le-tende-doppie

Il primo passo da fare per scegliere le tende per la casa è decidere la tipologia o il modello. Le tende per l’arredamento della casa si dividono in:

-arricciate

-a pacchetto

-a pannello

Poichè parliamo di tende per la decorazione della casa non prendo in considerazione i modelli in tessuto tecnico, per esempio le veneziane o le tende a rullo, tendaggi più utilizzati in ambienti ad uso ufficio.

prodotti-107664-rel3f3f354f063e40b7b6f2ff5cb66d9010

Le tende arricciate

doppie-tende-arricciate-classiche-colore-contrasto-gani-tende-blog

E’ il modello più diffuso ed amato, elegante, facile da installare. Si adatta in diversi ambienti della casa, in soggiorno, in camera da letto, in cucina. Possono essere montate  su binari, che verranno nascosti completamenete dal telo della tenda, oppure con bastone che contribuisce al design, con il materiale (ferro, legno, ottone) e con il colore. La tenda arricciata permette di far filtrare la luce e ciò è determinato dal tessuto scelto, per esempio il lino, la seta, l’organza sono tessuti leggeri. L’abbinamento di tende pesanti e leggere è possibile con il doppio bastone, accostando in maniera creativa tessuti e colori differenti, sovrapponendo più teli.

Le tende a pannello

tende-a-pannello-sintesi-tende-orbasssano

Le tende a pannello si stanno diffondendo negli ultimi anni, sono perfette in ambienti dal design moderno e minimale. Si tratta di un sistema di pannelli in tessuto più o meno leggero, irrigiditi con delle stecche alle esteremità, che scorrono un un sistema a binari. Si tratta di tende che vengono utilizzate anche come elemento di separazione tra gli ambienti, oppure per schermare l’ingresso ad un ripostiglio o alla cabina armadio. In commercio si possono trovare tende a pannello di vari colori e tessuti, sicuramente i migliori fornitori sono i paesi nord europei. Anche i binari vengono prodotti in diversi materiali e colori, i più chic sono quelli cromati.

Le tende a pacchetto

soggiorno-con-tende-pacchetto-2

Per ultime le mie preferite, le tende a pacchetto. Le adoro perchè sono funzionali, semplici ed eleganti allo stesso tempo, facili da smontare e lavare. Proprio per questo aspetto vengono utilizzare come elemento di arredo in cucina, bagno ma anche nelle camerette e nelle camere da letto. E’ possibile acquistarle in diversi tessuti e fantasie, per questo possiamo adattarle perfettamente anche ad ambienti più eleganti come il soggiorno.

Il secondo passo importante per scegliere le tende dela casa è la scelta del colore e del tessuto. Ovviamente un fattore da tenere in considerazione è la luminosità e la tipologia di stanza. Infatti alcuni tessuti, più pesanti, sono più adatti nelle zone notte, dove è necessario mantenere più privacy e schermare maggiormente la luce. I colori andranno scelti in base agli arredi ma in generale consiglio tinte chiare o la gamma dei blu per la zona notte.

In sala ed in cucina è meglio optare per tessuti filtranti, che aiutino il passaggio della luce. Il colore perfetto anche in questo caso dipenderà dagli arredi e dallo stile, in generale va bene il bianco, il crema ed il giallo. Se la tenda dovrà anche essere oscurante meglio optare per tonalità fredde, quindi perfetti blu, grigi, tortora.La cucina è l’ambiente più semplice ed anche quello dove poter dar sfogo alla propria fantasia, poichè si possono adattare perfettamente svariate geometrie, disegni e colori che rendono vivace e fresco l’ambiente.

Spero che questa piccola guida vi abbia chiarito un pò le idee su come scegliere le tende per la casa!

fonti:

http://www.mottura.com

http://www.ganitende.com

http://www.sintesitende.it

http://www.zagaratendaggi.it

 

 


 
 

Come scegliere le tende per la casa

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Uno degli elementi che influisce sulla determinazione dello stile e dell’arredamento della casa sono le tende. Spesso vengono scelte alla fine, un piccolo tocco che dona carattere e colore agli ambienti della casa. Esistono tantissimi modelli, in base al colore, alla tipologia ed al tessuto hanno un peso molto importante sulla luminosità e l’aspetto delle stanze. La scelta non va lasciata al caso, deve essere consapevole e ponderata perchè le tipologie di tende in commercio sono varie ed è facile sbagliare.

gani-tende-scegliere-le-tende-doppie

Il primo passo da fare per scegliere le tende per la casa è decidere la tipologia o il modello. Le tende per l’arredamento della casa si dividono in:

-arricciate

-a pacchetto

-a pannello

Poichè parliamo di tende per la decorazione della casa non prendo in considerazione i modelli in tessuto tecnico, per esempio le veneziane o le tende a rullo, tendaggi più utilizzati in ambienti ad uso ufficio.

prodotti-107664-rel3f3f354f063e40b7b6f2ff5cb66d9010

Le tende arricciate

doppie-tende-arricciate-classiche-colore-contrasto-gani-tende-blog

E’ il modello più diffuso ed amato, elegante, facile da installare. Si adatta in diversi ambienti della casa, in soggiorno, in camera da letto, in cucina. Possono essere montate  su binari, che verranno nascosti completamenete dal telo della tenda, oppure con bastone che contribuisce al design, con il materiale (ferro, legno, ottone) e con il colore. La tenda arricciata permette di far filtrare la luce e ciò è determinato dal tessuto scelto, per esempio il lino, la seta, l’organza sono tessuti leggeri. L’abbinamento di tende pesanti e leggere è possibile con il doppio bastone, accostando in maniera creativa tessuti e colori differenti, sovrapponendo più teli.

Le tende a pannello

tende-a-pannello-sintesi-tende-orbasssano

Le tende a pannello si stanno diffondendo negli ultimi anni, sono perfette in ambienti dal design moderno e minimale. Si tratta di un sistema di pannelli in tessuto più o meno leggero, irrigiditi con delle stecche alle esteremità, che scorrono un un sistema a binari. Si tratta di tende che vengono utilizzate anche come elemento di separazione tra gli ambienti, oppure per schermare l’ingresso ad un ripostiglio o alla cabina armadio. In commercio si possono trovare tende a pannello di vari colori e tessuti, sicuramente i migliori fornitori sono i paesi nord europei. Anche i binari vengono prodotti in diversi materiali e colori, i più chic sono quelli cromati.

Le tende a pacchetto

soggiorno-con-tende-pacchetto-2

Per ultime le mie preferite, le tende a pacchetto. Le adoro perchè sono funzionali, semplici ed eleganti allo stesso tempo, facili da smontare e lavare. Proprio per questo aspetto vengono utilizzare come elemento di arredo in cucina, bagno ma anche nelle camerette e nelle camere da letto. E’ possibile acquistarle in diversi tessuti e fantasie, per questo possiamo adattarle perfettamente anche ad ambienti più eleganti come il soggiorno.

Il secondo passo importante per scegliere le tende dela casa è la scelta del colore e del tessuto. Ovviamente un fattore da tenere in considerazione è la luminosità e la tipologia di stanza. Infatti alcuni tessuti, più pesanti, sono più adatti nelle zone notte, dove è necessario mantenere più privacy e schermare maggiormente la luce. I colori andranno scelti in base agli arredi ma in generale consiglio tinte chiare o la gamma dei blu per la zona notte.

In sala ed in cucina è meglio optare per tessuti filtranti, che aiutino il passaggio della luce. Il colore perfetto anche in questo caso dipenderà dagli arredi e dallo stile, in generale va bene il bianco, il crema ed il giallo. Se la tenda dovrà anche essere oscurante meglio optare per tonalità fredde, quindi perfetti blu, grigi, tortora.La cucina è l’ambiente più semplice ed anche quello dove poter dar sfogo alla propria fantasia, poichè si possono adattare perfettamente svariate geometrie, disegni e colori che rendono vivace e fresco l’ambiente.

Spero che questa piccola guida vi abbia chiarito un pò le idee su come scegliere le tende per la casa!

fonti:

http://www.mottura.com

http://www.ganitende.com

http://www.sintesitende.it

http://www.zagaratendaggi.it

 

 


 
 

Come scegliere le tende per la casa

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Uno degli elementi che influisce sulla determinazione dello stile e dell’arredamento della casa sono le tende. Spesso vengono scelte alla fine, un piccolo tocco che dona carattere e colore agli ambienti della casa. Esistono tantissimi modelli, in base al colore, alla tipologia ed al tessuto hanno un peso molto importante sulla luminosità e l’aspetto delle stanze. La scelta non va lasciata al caso, deve essere consapevole e ponderata perchè le tipologie di tende in commercio sono varie ed è facile sbagliare.

gani-tende-scegliere-le-tende-doppie

Il primo passo da fare per scegliere le tende per la casa è decidere la tipologia o il modello. Le tende per l’arredamento della casa si dividono in:

-arricciate

-a pacchetto

-a pannello

Poichè parliamo di tende per la decorazione della casa non prendo in considerazione i modelli in tessuto tecnico, per esempio le veneziane o le tende a rullo, tendaggi più utilizzati in ambienti ad uso ufficio.

prodotti-107664-rel3f3f354f063e40b7b6f2ff5cb66d9010

Le tende arricciate

doppie-tende-arricciate-classiche-colore-contrasto-gani-tende-blog

E’ il modello più diffuso ed amato, elegante, facile da installare. Si adatta in diversi ambienti della casa, in soggiorno, in camera da letto, in cucina. Possono essere montate  su binari, che verranno nascosti completamenete dal telo della tenda, oppure con bastone che contribuisce al design, con il materiale (ferro, legno, ottone) e con il colore. La tenda arricciata permette di far filtrare la luce e ciò è determinato dal tessuto scelto, per esempio il lino, la seta, l’organza sono tessuti leggeri. L’abbinamento di tende pesanti e leggere è possibile con il doppio bastone, accostando in maniera creativa tessuti e colori differenti, sovrapponendo più teli.

Le tende a pannello

tende-a-pannello-sintesi-tende-orbasssano

Le tende a pannello si stanno diffondendo negli ultimi anni, sono perfette in ambienti dal design moderno e minimale. Si tratta di un sistema di pannelli in tessuto più o meno leggero, irrigiditi con delle stecche alle esteremità, che scorrono un un sistema a binari. Si tratta di tende che vengono utilizzate anche come elemento di separazione tra gli ambienti, oppure per schermare l’ingresso ad un ripostiglio o alla cabina armadio. In commercio si possono trovare tende a pannello di vari colori e tessuti, sicuramente i migliori fornitori sono i paesi nord europei. Anche i binari vengono prodotti in diversi materiali e colori, i più chic sono quelli cromati.

Le tende a pacchetto

soggiorno-con-tende-pacchetto-2

Per ultime le mie preferite, le tende a pacchetto. Le adoro perchè sono funzionali, semplici ed eleganti allo stesso tempo, facili da smontare e lavare. Proprio per questo aspetto vengono utilizzare come elemento di arredo in cucina, bagno ma anche nelle camerette e nelle camere da letto. E’ possibile acquistarle in diversi tessuti e fantasie, per questo possiamo adattarle perfettamente anche ad ambienti più eleganti come il soggiorno.

Il secondo passo importante per scegliere le tende dela casa è la scelta del colore e del tessuto. Ovviamente un fattore da tenere in considerazione è la luminosità e la tipologia di stanza. Infatti alcuni tessuti, più pesanti, sono più adatti nelle zone notte, dove è necessario mantenere più privacy e schermare maggiormente la luce. I colori andranno scelti in base agli arredi ma in generale consiglio tinte chiare o la gamma dei blu per la zona notte.

In sala ed in cucina è meglio optare per tessuti filtranti, che aiutino il passaggio della luce. Il colore perfetto anche in questo caso dipenderà dagli arredi e dallo stile, in generale va bene il bianco, il crema ed il giallo. Se la tenda dovrà anche essere oscurante meglio optare per tonalità fredde, quindi perfetti blu, grigi, tortora.La cucina è l’ambiente più semplice ed anche quello dove poter dar sfogo alla propria fantasia, poichè si possono adattare perfettamente svariate geometrie, disegni e colori che rendono vivace e fresco l’ambiente.

Spero che questa piccola guida vi abbia chiarito un pò le idee su come scegliere le tende per la casa!

fonti:

http://www.mottura.com

http://www.ganitende.com

http://www.sintesitende.it

http://www.zagaratendaggi.it

 

 


 
 

Come scegliere le tende per la casa

Pubblicato da blog ospite in GiCiArch

Uno degli elementi che influisce sulla determinazione dello stile e dell’arredamento della casa sono le tende. Spesso vengono scelte alla fine, un piccolo tocco che dona carattere e colore agli ambienti della casa. Esistono tantissimi modelli, in base al colore, alla tipologia ed al tessuto hanno un peso molto importante sulla luminosità e l’aspetto delle stanze. La scelta non va lasciata al caso, deve essere consapevole e ponderata perchè le tipologie di tende in commercio sono varie ed è facile sbagliare.

gani-tende-scegliere-le-tende-doppie

Il primo passo da fare per scegliere le tende per la casa è decidere la tipologia o il modello. Le tende per l’arredamento della casa si dividono in:

-arricciate

-a pacchetto

-a pannello

Poichè parliamo di tende per la decorazione della casa non prendo in considerazione i modelli in tessuto tecnico, per esempio le veneziane o le tende a rullo, tendaggi più utilizzati in ambienti ad uso ufficio.

prodotti-107664-rel3f3f354f063e40b7b6f2ff5cb66d9010

Le tende arricciate

doppie-tende-arricciate-classiche-colore-contrasto-gani-tende-blog

E’ il modello più diffuso ed amato, elegante, facile da installare. Si adatta in diversi ambienti della casa, in soggiorno, in camera da letto, in cucina. Possono essere montate  su binari, che verranno nascosti completamenete dal telo della tenda, oppure con bastone che contribuisce al design, con il materiale (ferro, legno, ottone) e con il colore. La tenda arricciata permette di far filtrare la luce e ciò è determinato dal tessuto scelto, per esempio il lino, la seta, l’organza sono tessuti leggeri. L’abbinamento di tende pesanti e leggere è possibile con il doppio bastone, accostando in maniera creativa tessuti e colori differenti, sovrapponendo più teli.

Le tende a pannello

tende-a-pannello-sintesi-tende-orbasssano

Le tende a pannello si stanno diffondendo negli ultimi anni, sono perfette in ambienti dal design moderno e minimale. Si tratta di un sistema di pannelli in tessuto più o meno leggero, irrigiditi con delle stecche alle esteremità, che scorrono un un sistema a binari. Si tratta di tende che vengono utilizzate anche come elemento di separazione tra gli ambienti, oppure per schermare l’ingresso ad un ripostiglio o alla cabina armadio. In commercio si possono trovare tende a pannello di vari colori e tessuti, sicuramente i migliori fornitori sono i paesi nord europei. Anche i binari vengono prodotti in diversi materiali e colori, i più chic sono quelli cromati.

Le tende a pacchetto

soggiorno-con-tende-pacchetto-2

Per ultime le mie preferite, le tende a pacchetto. Le adoro perchè sono funzionali, semplici ed eleganti allo stesso tempo, facili da smontare e lavare. Proprio per questo aspetto vengono utilizzare come elemento di arredo in cucina, bagno ma anche nelle camerette e nelle camere da letto. E’ possibile acquistarle in diversi tessuti e fantasie, per questo possiamo adattarle perfettamente anche ad ambienti più eleganti come il soggiorno.

Il secondo passo importante per scegliere le tende dela casa è la scelta del colore e del tessuto. Ovviamente un fattore da tenere in considerazione è la luminosità e la tipologia di stanza. Infatti alcuni tessuti, più pesanti, sono più adatti nelle zone notte, dove è necessario mantenere più privacy e schermare maggiormente la luce. I colori andranno scelti in base agli arredi ma in generale consiglio tinte chiare o la gamma dei blu per la zona notte.

In sala ed in cucina è meglio optare per tessuti filtranti, che aiutino il passaggio della luce. Il colore perfetto anche in questo caso dipenderà dagli arredi e dallo stile, in generale va bene il bianco, il crema ed il giallo. Se la tenda dovrà anche essere oscurante meglio optare per tonalità fredde, quindi perfetti blu, grigi, tortora.La cucina è l’ambiente più semplice ed anche quello dove poter dar sfogo alla propria fantasia, poichè si possono adattare perfettamente svariate geometrie, disegni e colori che rendono vivace e fresco l’ambiente.

Spero che questa piccola guida vi abbia chiarito un pò le idee su come scegliere le tende per la casa!

fonti:

http://www.mottura.com

http://www.ganitende.com

http://www.sintesitende.it

http://www.zagaratendaggi.it

 

 


 
 
               

Torna su