Natale in bianco oro e pesca

Pubblicato da blog ospite in Case e Interni

decorazioni-natale-arredo-bianco-1

Se amate il bianco, se state sognando un “bianco Natale” amerete la casa della blogger Monika Hibbs. La casa decorata a festa ha un arredamento che mette insieme le tendenze del momento (stile shabby chic, stile scandinavo…) creando un’atmosfera fresca e luminosa anche durante le Festività.

Soggiorno e cucina sono ambienti chic e raffinati, con un grande albero di Natale innevato, che attira l’attenzione. Le decorazioni bianche, non passano mai di moda e riescono a regalare sempre un po’ di magia.

L’idea è semplice: vestire gli ambienti con oggetti natalizi total white accostati ad elementi metallizzati e luccicanti come oro, argento, vetro, cristallo.

Al bianco totale, però, la blogger introduce anche un elemento di originalità, aggiungendo una palette composta da delicatissimi color pesca, cipria, soft beige con cui tinge i pacchetti, i nastri, alcune decorazioni ed altri elementi della casa.

Lasciatevi ispirare e scoprite insieme a noi come creare un ambiente sofisticato e luminoso.

decorazioni-natale-arredo-bianco-1b

decorazioni-natale-arredo-bianco-1c

decorazioni-natale-arredo-bianco-2

decorazioni-natale-arredo-bianco-3

decorazioni-natale-arredo-bianco-4

decorazioni-natale-arredo-bianco-5

decorazioni-natale-arredo-bianco-6

[source: styleathome.com; credits: Tracey Ayton]


 
 

 
 

 
 
 

 

Riciclare con stile a Natale: centrotavola fai da te

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
dettagli home decor

Cosa ne dite di riciclare una vecchia tortiera per creare un delizioso centrotavola natalizio? Un’dea facile da realizzare e naturalmente low cost!

Ecco tutto ciò che vi servirà: Stelle di Natale mini bianche, tortiera per torte o per ciambelle, muschio, pigne, portacandele, candele e nastri.

COME FAREPulite accuratamente la tortiera e utilizzate una vernice spray bianca per dipingerla dentro e fuori, lasciandola poi asciugare completamente. Tagliate quattro blocchi di schiuma da fiorista e sistemateli in modo che siano equidistanti tra loro all’interno della tortiera. Utilizzate la colla a caldo per fissare tutti i pezzi. Inserite i candelieri sulla schiuma da fiorista. Piantate le Stelle di Natale mignon negli spazi vuoti tra un quadrato di schiuma e l’altro. Nascondete la schiuma da fiorista con del muschio ed annodare un bel nastro rosso lungo, facendo in modo che scenda da un lato, per rendere il tutto più elegante e natalizio. Tocco finale: inserite le candele all’interno dei candelieri. A piacere aggiungete qualche altro elemento decorativo, come ad esempio delle pigne. Fatto!

dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor
dettagli home decor

Un consiglio, si può avere un effetto totalmente differente usando delle tortiere con diversi formati.


 
 

 
 

 
 
 

 

Di libri e librerie

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Tra le mille attività che ormai svolgiamo con computer, smartphone e tablet ce n’è una cui non riesco proprio ad abituarmi: la lettura dei libri in formato digitale, insomma degli ebook.
Non nego la straordinaria comodità di immagazzinare il contenuto di pagine e pagine in un piccolo dispositivo (e di portarle comodamente con noi ovunque vogliamo), ma l’esperienza sensoriale offerta da un libro tradizionale, coinvolgente non solo per la vista ma anche per il tatto e l’olfatto,  perdonatemi, non la può dare la lettura di un file.

Così continuo ad acquistare e a custodire gelosamente libri in formato cartaceo che, si sa, necessitano di cure e di una collocazione adeguata.
Ecco perchè ho deciso di cimentarmi nel progetto di una nuova libreria per la mia casa, idea che da parecchio tempo mi frulla per la testa, ma fino ad ora per varie ragioni,  rimandata.

Una volta individuata la posizione della nuova libreria la domanda che mi pongo è: che impronta dare al progetto?
Al riguardo ho le idee chiare: mi piacerebbe una libreria dal disegno semplice ma non minimalista, che abbia un aspetto solido senza risultare eccessivamente imponente.
Mi accingo quindi ad impugnare la matita ma prima faccio il mio solito giretto in internet in cerca di spunti ed esempi che mi aiutino a mettere ancora più a fuoco la mia idea.
Curiosi del risultato?
Intanto posso mostrarvi le foto che ho selezionato; presto, lo spero, potrò mostrarvi la mia nuova libreria.

About books and Bookcases

Among the many activities that we carry out now with computers, smartphones and tablets there is anyone that I just can not get used to: the reading of books in digital format, in short,  e-books.
I do not deny the extraordinary comfort to store the content of pages and pages in a small device (and to take them comfortably with us everywhere we want to), but the sensory experience offered by a traditional book, embracing not only for the view but also for the feel and smell, forgive me, it may not give the reading of a file.

So I continue to buy and treasure books in print and they, you know, require care and a suitable placement.
That’s why I decided to design  a new bookcase for my house, idea that for some time I blend for the head, but until now for various reasons, postponed.

Once the location of the new bookcase, the question I ask is: what mark to give to the project?
In this regard I have clear ideas: I would like a library from the simple but not minimalist design, which has a solid look without being overly imposing.
So I am going to hold a pencil, but before I do my usual stroll in the Internet in search of ideas and examples that help me to put even more focus my idea.

Curious of the result?
Meanwhile, I can show you the pictures I have selected; soon, I hope, I will show you my new bookcase.

1stdibs


 
 

 
 

 
 
 

 

Di libri e librerie

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Tra le mille attività che ormai svolgiamo con computer, smartphone e tablet ce n’è una cui non riesco proprio ad abituarmi: la lettura dei libri in formato digitale, insomma degli ebook.
Non nego la straordinaria comodità di immagazzinare il contenuto di pagine e pagine in un piccolo dispositivo (e di portarle comodamente con noi ovunque vogliamo), ma l’esperienza sensoriale offerta da un libro tradizionale, coinvolgente non solo per la vista ma anche per il tatto e l’olfatto,  perdonatemi, non la può dare la lettura di un file.

Così continuo ad acquistare e a custodire gelosamente libri in formato cartaceo che, si sa, necessitano di cure e di una collocazione adeguata.
Ecco perchè ho deciso di cimentarmi nel progetto di una nuova libreria per la mia casa, idea che da parecchio tempo mi frulla per la testa, ma fino ad ora per varie ragioni,  rimandata.

Una volta individuata la posizione della nuova libreria la domanda che mi pongo è: che impronta dare al progetto?
Al riguardo ho le idee chiare: mi piacerebbe una libreria dal disegno semplice ma non minimalista, che abbia un aspetto solido senza risultare eccessivamente imponente.
Mi accingo quindi ad impugnare la matita ma prima faccio il mio solito giretto in internet in cerca di spunti ed esempi che mi aiutino a mettere ancora più a fuoco la mia idea.
Curiosi del risultato?
Intanto posso mostrarvi le foto che ho selezionato; presto, lo spero, potrò mostrarvi la mia nuova libreria.

About books and Bookcases

Among the many activities that we carry out now with computers, smartphones and tablets there is anyone that I just can not get used to: the reading of books in digital format, in short,  e-books.
I do not deny the extraordinary comfort to store the content of pages and pages in a small device (and to take them comfortably with us everywhere we want to), but the sensory experience offered by a traditional book, embracing not only for the view but also for the feel and smell, forgive me, it may not give the reading of a file.

So I continue to buy and treasure books in print and they, you know, require care and a suitable placement.
That’s why I decided to design  a new bookcase for my house, idea that for some time I blend for the head, but until now for various reasons, postponed.

Once the location of the new bookcase, the question I ask is: what mark to give to the project?
In this regard I have clear ideas: I would like a library from the simple but not minimalist design, which has a solid look without being overly imposing.
So I am going to hold a pencil, but before I do my usual stroll in the Internet in search of ideas and examples that help me to put even more focus my idea.

Curious of the result?
Meanwhile, I can show you the pictures I have selected; soon, I hope, I will show you my new bookcase.

1stdibs


 
 

Di libri e librerie

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Tra le mille attività che ormai svolgiamo con computer, smartphone e tablet ce n’è una cui non riesco proprio ad abituarmi: la lettura dei libri in formato digitale, insomma degli ebook.
Non nego la straordinaria comodità di immagazzinare il contenuto di pagine e pagine in un piccolo dispositivo (e di portarle comodamente con noi ovunque vogliamo), ma l’esperienza sensoriale offerta da un libro tradizionale, coinvolgente non solo per la vista ma anche per il tatto e l’olfatto,  perdonatemi, non la può dare la lettura di un file.

Così continuo ad acquistare e a custodire gelosamente libri in formato cartaceo che, si sa, necessitano di cure e di una collocazione adeguata.
Ecco perchè ho deciso di cimentarmi nel progetto di una nuova libreria per la mia casa, idea che da parecchio tempo mi frulla per la testa, ma fino ad ora per varie ragioni,  rimandata.

Una volta individuata la posizione della nuova libreria la domanda che mi pongo è: che impronta dare al progetto?
Al riguardo ho le idee chiare: mi piacerebbe una libreria dal disegno semplice ma non minimalista, che abbia un aspetto solido senza risultare eccessivamente imponente.
Mi accingo quindi ad impugnare la matita ma prima faccio il mio solito giretto in internet in cerca di spunti ed esempi che mi aiutino a mettere ancora più a fuoco la mia idea.
Curiosi del risultato?
Intanto posso mostrarvi le foto che ho selezionato; presto, lo spero, potrò mostrarvi la mia nuova libreria.

About books and Bookcases

Among the many activities that we carry out now with computers, smartphones and tablets there is anyone that I just can not get used to: the reading of books in digital format, in short,  e-books.
I do not deny the extraordinary comfort to store the content of pages and pages in a small device (and to take them comfortably with us everywhere we want to), but the sensory experience offered by a traditional book, embracing not only for the view but also for the feel and smell, forgive me, it may not give the reading of a file.

So I continue to buy and treasure books in print and they, you know, require care and a suitable placement.
That’s why I decided to design  a new bookcase for my house, idea that for some time I blend for the head, but until now for various reasons, postponed.

Once the location of the new bookcase, the question I ask is: what mark to give to the project?
In this regard I have clear ideas: I would like a library from the simple but not minimalist design, which has a solid look without being overly imposing.
So I am going to hold a pencil, but before I do my usual stroll in the Internet in search of ideas and examples that help me to put even more focus my idea.

Curious of the result?
Meanwhile, I can show you the pictures I have selected; soon, I hope, I will show you my new bookcase.

1stdibs


 
 

Di libri e librerie

Pubblicato da blog ospite in Ecce Home
Tra le mille attività che ormai svolgiamo con computer, smartphone e tablet ce n’è una cui non riesco proprio ad abituarmi: la lettura dei libri in formato digitale, insomma degli ebook.
Non nego la straordinaria comodità di immagazzinare il contenuto di pagine e pagine in un piccolo dispositivo (e di portarle comodamente con noi ovunque vogliamo), ma l’esperienza sensoriale offerta da un libro tradizionale, coinvolgente non solo per la vista ma anche per il tatto e l’olfatto,  perdonatemi, non la può dare la lettura di un file.

Così continuo ad acquistare e a custodire gelosamente libri in formato cartaceo che, si sa, necessitano di cure e di una collocazione adeguata.
Ecco perchè ho deciso di cimentarmi nel progetto di una nuova libreria per la mia casa, idea che da parecchio tempo mi frulla per la testa, ma fino ad ora per varie ragioni,  rimandata.

Una volta individuata la posizione della nuova libreria la domanda che mi pongo è: che impronta dare al progetto?
Al riguardo ho le idee chiare: mi piacerebbe una libreria dal disegno semplice ma non minimalista, che abbia un aspetto solido senza risultare eccessivamente imponente.
Mi accingo quindi ad impugnare la matita ma prima faccio il mio solito giretto in internet in cerca di spunti ed esempi che mi aiutino a mettere ancora più a fuoco la mia idea.
Curiosi del risultato?
Intanto posso mostrarvi le foto che ho selezionato; presto, lo spero, potrò mostrarvi la mia nuova libreria.

About books and Bookcases

Among the many activities that we carry out now with computers, smartphones and tablets there is anyone that I just can not get used to: the reading of books in digital format, in short,  e-books.
I do not deny the extraordinary comfort to store the content of pages and pages in a small device (and to take them comfortably with us everywhere we want to), but the sensory experience offered by a traditional book, embracing not only for the view but also for the feel and smell, forgive me, it may not give the reading of a file.

So I continue to buy and treasure books in print and they, you know, require care and a suitable placement.
That’s why I decided to design  a new bookcase for my house, idea that for some time I blend for the head, but until now for various reasons, postponed.

Once the location of the new bookcase, the question I ask is: what mark to give to the project?
In this regard I have clear ideas: I would like a library from the simple but not minimalist design, which has a solid look without being overly imposing.
So I am going to hold a pencil, but before I do my usual stroll in the Internet in search of ideas and examples that help me to put even more focus my idea.

Curious of the result?
Meanwhile, I can show you the pictures I have selected; soon, I hope, I will show you my new bookcase.

1stdibs


 
 

Arriva il Natale e tutto si tinge di rosso

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
dettagli home decor

Dal vermiglio al porpora, le collezioni Bross interpretano il Natale con le loro innumerevoli sfumature di rosso.


Dalle decorazioni che si appendono all’albero, alle corone, alla biancheria per la tavola, fino, ovviamente, alla divisa del Babbo. Il rosso è il colore cult per eccellenza e detiene questo privilegio fin dalle più remote origini. Dall’America all’Australia, ogni casa viene invasa da oggetti in questa tonalità e la medesima scelta negli elementi di arredo non fa che accentuare il piacevole clima dell’avvento.
Con le collezioni Ademar, Break e Nora, Bross regala agli spazi domestici un’atmosfera festiva, arricchita da dettagli di grande eleganza, dalla qualità di materiali e lavorazioni artigianali che caratterizzano tutta la produzione dell’azienda. 

dettagli home decor
dettagli home decor
Ademar, nella versione coffee, diventa un prezioso complemento che esprime perfettamente lo spirito di accoglienza solenne che accompagna tutto il mese di dicembre: il piano, caratterizzato da un profilo di spessore variabile, è proposto in differenti finiture, tra cui spiccano la laccatura in rosso o bordeaux

dettagli home decor
Break è invece la seduta ideale per la tavola natalizia: le sue linee armoniose e il rivestimento della scocca, impreziosito da sottili cuciture verticali, ne fanno l’arredo indispensabile per una “mise en place” impeccabile.

dettagli home decor
Nora, infine, è una poltroncina avvolgente che può diventare un comodo supporto durante una conversazione o in cui sentirsi immersi in un momento di relax. L’accostamento tra il rivestimento di colore rosso e la struttura in massello, che si estende sino a definire il profilo inferiore del bracciolo, integrato nella scocca, regala calore alla casa durante i mesi invernali.



 
 

Tante idee di arredamento personalizzato

Pubblicato da blog ospite in Blogger Ospiti

Che tu abbia comprato casa nuova o voglia modernizzare quella attuale, arriva sempre il momento in cui senti la necessità di rinnovare l’arredamento, o semplicemente disporlo in maniera differente. Solitamente, siamo tutti alla ricerca di novità o di quell’oggetto decorativo o mobile unico che pochi possono avere. O perchè no, magari qualcosa che puoi avere solo tu! Crea online dei prodotti con le tue idee originali per arredare il soggiorno, le camere da letto o qualsiasi altra stanza di casa tua. La nostra fonte d’ispirazione è un sito dove poter comprare e personalizzare online – www.fotoregalioriginali.it

Quadri, canvas personalizzati e stampe su tela

pic1

Stampando le tue tele personalizzate online puoi dare un tocco personale alla casa. Non sará piú un quadro o un poster banale che tutti possono trovare nei vari negozi di fai da te o di arredamento. Usando l’interfaccia di personalizzazione del sito puoi dare libero sfogo alla tua creativitá di fronte ad una tela bianca, da creare con il mouse e le tue foto o immagini preferite! La misura della tela la scegli tu.

Carta da parati e greche personalizzate

pic2

Se pensi in grande puoi optare per la carta da parati. Personalizzarla permette di raggiungere un risultato finale che lascia con il fiato sospeso. Quale bambino non vorrebbe una cameretta con una parete completamente personalizzata con le sue foto o con dei disegni fatti da lui?

Se si vuole creare qualcosa di piú sobrio si puoi scegliere un bordo adesivo da pareti per un risultato elegante e piacevole.

pic3

Tende da interni su misura personalizzate

pic4

Se devi nascondere un angolo ripostiglio, angolo lavanderia, o semplicemente avere piú privacy in casa, l’idea migliore è sicuramente l’impiego di tende. Personalizzabili con dei testi, scritte o foto, le tende personalizzate sono l’accessorio di arredamento ideale per chi cerca uno stile moderno e personale che si armonizzi con il resto della casa. Non serve essere un esperto di photoshop per crearle, l’interfaccia grafica online guidata ti permette di caricare le foto ed impostare le dimensioni che preferisci.

Cuscini di ogni forma personalizzati

Personalmente pensiamo che i cuscini debbano essere l’oggetto d’arredo piú stravagante in una casa. Ma ovviamente tutto dipende dallo stile del tuo salotto. Personalizzandoli tu stesso non corri rischi d’essere insoddisfatto del risultato. Anzi! Finalmente potrai avere i cuscini che hai sempre cercato ma mai trovato, bastano solo pochi click.

pic5

Copripiumino personalizzato e biancheria da letto

Infine, se vuoi personalizzare la camera da letto non puoi non acquistare un copripiumone personalizzato. Creane uno in stile natalizio, con le foto dei tuoi ricordi di famiglia oppure con il motivo che hai sempre desiderato. La tua camera da letto non sará piú come prima.

pic6

Visita la sezione di arredamento personalizzato cliccando qui

 

 


 
 

Jason Brooks, moda musica e viaggi nelle sue illustrazioni glamour!

Pubblicato da blog ospite in Things I Like Today

Jason Brooks Lifestyle Illustrations

L’illustratore inglese Jason Brooks ha ridefinito lo stile dell’illustrazione con le sue immagini di lifestyle glamour e patinate

Nato a Londra nel 1969, Jason Brooks come tutti i più bravi illustratori e artisti, ha iniziato a rivelare il suo talento fin da bambino. Ha studiato Graphic Design e poi ha conseguito un Master in Illustrazione al Royal College of Art. Presto ha iniziato a lavorare per Vogue come illustratore di moda vincendo anche il prestigioso Premio Cecil Beaton per la categoria Fashion Illustration. Ma presto ha iniziato ad allargare il suo sguardo, affiancando alle illustrazioni di moda, anche illustrazioni di musica e viaggi, due sue grandi passioni che hanno ispirato negli anni alcune delle sue immagini vettoriali più belle.

Jason Brooks illustrazioni glamour di moda - Lounge

Per anni, fra il 2000 e il 2010, Jason Brooks è stato il creatore delle splendide copertine dei dischi di Hed Kandi contribuendo al successo della casa discografica e codificando definitivamente il suo stile inconfondibile. Qualunque sia il soggetto infatti, Jason Brooks ci presenta un mondo patinato, in cui le aspirazioni diventano realtà: donne stupende, location mozzafiato, spiagge, feste e vita notturna, un’atmosfera sempre eccitante, piena di vita e di colori. Immagini perfette per promuovere prodotti e marchi del lusso e dello stile, che infatti sono diventati i suoi committenti privilegiati. Le illustrazioni di Jason Brooks sono state utilizzate nelle campagne pubblicitarie di Virgin Atlantic, L’Oreal, Globe Trotter, Martini, Veuve Clicquot e tanti altri…

Jason Brooks Globe-Trotter Illustrations

Da sempre appassionato di viaggi, Jason Brooks ha recentemente pubblicato Paris Sketchbook e London Sketchbook, due libri illustrati che contengono tante immagini evocative per immergerci nella vita delle due grandi metropoli. Alternando schizzi e illustrazioni, l’illustratore londinese rappresenta perfettamente la moda, l’architettura e le vie dello shopping e riesce a cogliere lo spirito urbano e gli aspetti più tipici delle due città con il suo stile glamour, sofisticato ed elegante.

Jason Brooks - Paris sketchbook + London Sketchbook

Moda, musica, viaggi e lifestyle: il glamour nelle illustrazioni di Jason Brooks

Jason Brooks illustrazioni glamour - Remix

Jason Brooks Illustrazioni Glamour - Montcarlo

jason-brooks-illustration

Jason Brooks Hedkandi cover illustrations

Jason Brooks Illustrazioni glamour, moda, bellezza

Jason Brooks racconta la sua esperienza come illustratore per Hed Kandi


 
 

Panche e panchette per la casa: dove metterle, perché averle, come usarle

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende

Panche e panchette sono complementi d’arredo dalla linee semplici e versatili, poco presenti nelle case moderne per via dei ridotti spazi a disposizione e delle poche funzioni che vengono loro attribuite. Sbagliato! Una panca può stare dappertutto in casa, è disponibile in molti modelli che si adattano allo stile di qualsiasi ambiente, può essere utilizzata come seduta o come appoggio per oggetti vari. Non ci credete? Continuate a leggere e soprattutto lasciatevi catturare e ispirare dalle immagini.

Panchetta da ingresso

Panca per l’ingresso di casa da utilizzare per liberare le mani, svuotare le tasche, appendere le giacche, appoggiare i sacchetti e la borsa. Per il massimo della funzionalità è consigliato scegliere una panca contenitore con cassettoni o piano alzabile. In questo spazio è possibile riporre tutto quello che si vuole avere a portata di mano prima di uscire e una volta rientrati.
Se l’entrata è abbastanza spaziosa si può completare la panchetta con portaombrelli, appendiabiti a piantana, ganci appendiabiti, scarpiera slim poco profonda e specchio da parete.

Panchetta da ingresso in legno e vetro Nouvelle

La panchetta Nouvelle è larga cm 90, 120 o 150, profonda cm 40 e alta cm 40. Piano disponibile in rovere tinto, rovere nodato o laccato opaco con bordo dritto o scortecciato, gambe in vetro trasparente naturale, extrachiaro, fumè o bronzato.

Panchetta per sala da pranzo

La panca entra anche in sala da pranzo, sostituisce le classiche sedie, diventa la seduta principale per i commensali e si fa portavoce di uno stile originale, unico ed inaspettato. Non pensate alle panche con gambe richiudibili e dal design poco invitante che vengono utilizzate nelle sagre di paese, esistono panche per la sala da pranzo di tutto rispetto che catturano l’attenzione. Immaginate una panca in legno affiancata ad un tavolo da pranzo in legno, riconoscerete anche voi il particolare e piacevole tocco che dona all’ambiente.
Se proprio volessimo trovare dei difetti possiamo elencarne due: quando la panca viene utilizzata da più persone contemporaneamente e difficile che ciascuno trovi la distanza ottimale panca/tavolo; è necessario adottare una via di mezzo e adattarsi. Restare tanto tempo seduti su una panca senza un appoggio per la schiena potrebbe risultare scomodo per chi preferisce avere un sostegno.
Consigli d’utilizzo: nascondete la panchetta sotto il tavolo quando non la utilizzate, in questo modo non si occupa spazio inutilmente. In caso di tavolo rettangolare disponete due panche lungo i lati lunghi e due sedie a capotavola: l’abbinamento di arredi molto diversi tra loro dà vita a look sorprendenti.

Panchetta per sala da pranzo in legno e metallo Colorado

La panchetta per sala da pranzo Colorado misura 160 x 33 h.45,5 ed è formata da una seduta in legno massello di larice spazzolato finito a cera d’api e quattro gambe in metallo verniciato a polvere color grigio antracite.

Panchetta per camera da letto

Una panca è ideale anche in camera per appoggiare vestiti o coperte e trova la sua collocazione ideale ai piedi del letto. Può tornare utile la sera per appoggiare i vestiti usati oppure quelli puliti pronti ad essere indossati la mattina seguente. Si può anche utilizzare per appoggiare la coperta da farsi scivolare addosso nel pieno della notte se ci viene freddo o tutti quegli oggetti che si vuole sempre avere a portata di mano.
Per inserire una panchetta in camera da letto è necessario che le dimensioni della stanza siano abbastanza generose; la panca non deve infatti intaccare la percorribilità dell’ambiente, soprattutto se posta davanti al letto, in una posizione di passaggio obbligato.
Chi dispone di un’ampia cabina armadio può pensare di inserire la panchetta all’interno.
Panchetta per camera da letto BeTwo BeThree

La panchetta per camera da letto BeTwo BeThree è disponibile in diversi modelli e dimensioni, con o senza braccioli, con seduta unica o doppia. Struttura in rovere, noce o laccato opaco. Seduta imbottita, rivestita in tessuto, ecopelle, pelle, sfoderabile.


Panchetta imbottita e rivestita


Dalle immagini mostrate fino ad ora è possibile intuire che non esiste un materiale sempre utilizzato per la realizzazione di una panca. Scorrendo le foto infatti si nota che la prima panchetta è realizzata in legno e vetro, la seconda in legno e metallo mentre la terza è fatta in legno e tessuto, pelle o ecopelle. Le panchette possono essere realizzate in molteplici materiali, anche abbinabili tra loro.
Per scegliere la panca ideale per la casa è consigliato partire dai propri gusti personali, valutare gli arredi già presenti nell’ambiente, puntare prima sulla scelta del materiale (o dei materiali) e poi sul colore.
La fotografia qui sotto mostra un pouf / panchetta bassa con imbottitura interna in poliuretano e rivestimento esterno in tessuto o pelle disponibili in diversi colori e completamente sfoderabili.

Panchetta imbottita e rivestita Arch

La panchetta in tessuto colorato Arch è disponibile in forma rettangolare o quadrata in tessuto o pelle completamente sfoderabili. Può essere utilizzata anche come pouf, comodino o seduta aggiuntiva in caso di ospiti.

Panchetta in legno e vetro

Un altro abbinamento degno di nota è il legno + vetro, un connubio che non conosce crisi, arreda la casa da tempi immemori e si declina in numerosi stili. Due materiali così tanto diversi tra loro dialogano alla perfezione: il legno caldo, resistente e tenace accompagna il vetro freddo e delicato. La panchetta di design in legno e vetro mostrata nell’immagine qui sotto presenta due gambe in vetro cristallo extrachiaro trasparente e una seduta in legno a scelta tra legno nobilitato materico, legno nobilitato laminato, legno essenza abete, noce o rovere, legno laccato a poro aperto colorato.

Panchetta in legno e vetro Glassy

La panchetta in legno e vetro Glassy è rettangolare, lunga cm 160 / 180 / 200 / 220 e alta cm 45. Perfetta in abbinamento al tavolo omonimo che presenta le stesse caratteristiche.

Panchetta in stile minimal

Per dimostrarvi che non stavamo né scherzando né esagerando quando all’inizio abbiamo scritto che “la panca può essere utilizzata ovunque in casa” e che “la panca si adatta allo stile di qualsiasi ambiente” abbiamo raccolto altre due immagini di panchette per la casa.
La prima è una panca a 1 o 2 posti in stile minimal / industriale realizzata in tondino d’acciaio con seduta imbottita e rivestita. La struttura essenziale in materiale metallico è perfetta in ambienti moderni e contemporanei.
La seconda è una panca classica, continuate a leggere per scoprirne di più.

Panchetta in stile industriale Traffic

La panchetta in stile minimal Traffic ha una seduta imbottita in tessuto o pelle e una struttura in tondino d’acciaio verniciato. Panca di design disegnata da Konstantin Grcic, fa parte di una collezione che comprende anche divano, chaise longue e tavolino.


Panchetta classica

Le panche oggi in commercio toccano tutti gli stili d’arredo conosciuti e non si fanno mancare un tuffo nel passato. Lo stile classico ispira la panchetta presentata qui sotto: legno massello scolpito con intarsi realizzati a mano, passamaneria e imbullonatura del rivestimento, materiali di alta qualità, lavorazione artigianale e cura sartoriale. Chi ama questo stile saprà coglierne tutti i dettagli.

Panchetta classica Sissi

La panchetta classica Sissi ha una seduta sfoderabile in tessuto, ecopelle o pelle e una struttura in legno massello finemente lavorato ed intagliato. Perfetta per ambienti classici e tradizionali.

 

Consigli d’utilizzo: la panchetta può essere utilizzata anche come…
…seduta!
Se hai tanti ospiti e poche sedie sfrutta la panchetta come seduta. A seconda della sua lunghezza può far posto a una o più persone.

 

Hai visto l’immagine di una panchetta che ti piace? Desideri maggiori informazioni su un prodotto? Vuoi conoscere i prezzi?
Clicca sull’immagine qui sotto e chiedi aiuto ad un nostro esperto arredatore.
PS: il servizio è gratuito e senza obbligo d’acquisto!


 
 
               

Torna su