Il “french touch” diventa slow in camera da letto

Pubblicato da blog ospite in Paz Garden

Questo è un Post che nasce dopo aver esaudito le richieste di una cliente molto esigente amante di quel “french touch” irresistibile che sa rendere subito tutto più emozionante e piacevole da vivere.
Il tutto però declinato secodo un gusto decisamente più contemporaneo e minimale per il quale anche io stravedo a dire poco e che diventa sempre più apprezzato nella decorazione della cosiddetta slow home (che però vi aspetta con un post a tema tutto suo eheheh!!!).
Ecco quindi che realizzare per lei un piccolo progetto, comprendente moodboard e shopping list da leccarsi i baffi, è diventato il pretesto per collezionare ancora più ispirazioni e per passare su Pinterest ancora più ore. Potevo quindi non mostrare anche a voi tutto quello che di bellissimo mi ha ispirato nella creazione del progetto?

Dimenticatevi lo stile francese fatto di ricercatezza del decoro, eleganza dell’arredamento e preziosità dei materiali. Questa volta io e la mia cliente abbiamo cercato di regalare poesia e leggerezza immaginandoci un risveglio felice ad ogni nuovo sorgere del sole.
Una camera che regalasse la sensazione di essere quasi in vacanza e che abbracciasse un’idea di decorazione molto semplice e naturale. Da poter cambiare spesso spostando pochissimi oggetti, per poter immediatamente riportare alla mente la straordinaria felicità di un pomeriggio in campagna, o di una chiacchierata tra amiche bevendo una limonata fresca, o ancora il ricordo del vento che ti scompiglia i capelli.

Volevamo una stanza dedicata al cuore che, nei gesti dolci che accompagnano il riposo, desse aria e spazio a tuutte le piccole cose belle accadute durante il giorno.
Queste sono le ispirazioni che ci hanno incantato. Che ne dite saranno sogni belli, vero?

PHOTO LINKS 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.


 
 

 
 

 
 
 

 

Il “french touch” diventa slow in camera da letto

Pubblicato da blog ospite in Paz Garden

Questo è un Post che nasce dopo aver esaudito le richieste di una cliente molto esigente amante di quel “french touch” irresistibile che sa rendere subito tutto più emozionante e piacevole da vivere.
Il tutto però declinato secodo un gusto decisamente più contemporaneo e minimale per il quale anche io stravedo a dire poco e che diventa sempre più apprezzato nella decorazione della cosiddetta slow home (che però vi aspetta con un post a tema tutto suo eheheh!!!).
Ecco quindi che realizzare per lei un piccolo progetto, comprendente moodboard e shopping list da leccarsi i baffi, è diventato il pretesto per collezionare ancora più ispirazioni e per passare su Pinterest ancora più ore. Potevo quindi non mostrare anche a voi tutto quello che di bellissimo mi ha ispirato nella creazione del progetto?

Dimenticatevi lo stile francese fatto di ricercatezza del decoro, eleganza dell’arredamento e preziosità dei materiali. Questa volta io e la mia cliente abbiamo cercato di regalare poesia e leggerezza immaginandoci un risveglio felice ad ogni nuovo sorgere del sole.
Una camera che regalasse la sensazione di essere quasi in vacanza e che abbracciasse un’idea di decorazione molto semplice e naturale. Da poter cambiare spesso spostando pochissimi oggetti, per poter immediatamente riportare alla mente la straordinaria felicità di un pomeriggio in campagna, o di una chiacchierata tra amiche bevendo una limonata fresca, o ancora il ricordo del vento che ti scompiglia i capelli.

Volevamo una stanza dedicata al cuore che, nei gesti dolci che accompagnano il riposo, desse aria e spazio a tuutte le piccole cose belle accadute durante il giorno.
Queste sono le ispirazioni che ci hanno incantato. Che ne dite saranno sogni belli, vero?

PHOTO LINKS 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.


 
 

 
 

 
 
 

 

Il “french touch” diventa slow in camera da letto

Pubblicato da blog ospite in Paz Garden

Questo è un Post che nasce dopo aver esaudito le richieste di una cliente molto esigente amante di quel “french touch” irresistibile che sa rendere subito tutto più emozionante e piacevole da vivere.
Il tutto però declinato secodo un gusto decisamente più contemporaneo e minimale per il quale anche io stravedo a dire poco e che diventa sempre più apprezzato nella decorazione della cosiddetta slow home (che però vi aspetta con un post a tema tutto suo eheheh!!!).
Ecco quindi che realizzare per lei un piccolo progetto, comprendente moodboard e shopping list da leccarsi i baffi, è diventato il pretesto per collezionare ancora più ispirazioni e per passare su Pinterest ancora più ore. Potevo quindi non mostrare anche a voi tutto quello che di bellissimo mi ha ispirato nella creazione del progetto?

Dimenticatevi lo stile francese fatto di ricercatezza del decoro, eleganza dell’arredamento e preziosità dei materiali. Questa volta io e la mia cliente abbiamo cercato di regalare poesia e leggerezza immaginandoci un risveglio felice ad ogni nuovo sorgere del sole.
Una camera che regalasse la sensazione di essere quasi in vacanza e che abbracciasse un’idea di decorazione molto semplice e naturale. Da poter cambiare spesso spostando pochissimi oggetti, per poter immediatamente riportare alla mente la straordinaria felicità di un pomeriggio in campagna, o di una chiacchierata tra amiche bevendo una limonata fresca, o ancora il ricordo del vento che ti scompiglia i capelli.

Volevamo una stanza dedicata al cuore che, nei gesti dolci che accompagnano il riposo, desse aria e spazio a tuutte le piccole cose belle accadute durante il giorno.
Queste sono le ispirazioni che ci hanno incantato. Che ne dite saranno sogni belli, vero?

PHOTO LINKS 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.


 
 

 
 

 
 
 

 

Una villa nel blu di Mykonos

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

In vista del weekend oggi voliamo a Mykonos, per esplorare Villa Paraga Estate, in affitto su Airbnb; la casa, davvero affascinante, è costruita con una vista spettacolare sul mare blu dell’isola ma se il mare non bastasse, dispone di una piscina molto particolare, con lato in vetro. Gli interni, in stile casa vacanze greca, sono arredati con gusto neorustico, con parquet a terra e soffitti in legno.

A villa into the blue in Mykonos

In view of the weekend we fly to Mykonos to explore Villa Paraga Estate, for rent on Airbnb; the house, really charming, is built with a spectacular view of the blue sea of the island but if the sea was not enough, has a very special pool, with glass side. The interiors, in the style of a Greek holiday home, are furnished in a neo-rustic style, with wooden floors and wooden ceilings.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

Una villa nel blu di Mykonos

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

In vista del weekend oggi voliamo a Mykonos, per esplorare Villa Paraga Estate, in affitto su Airbnb; la casa, davvero affascinante, è costruita con una vista spettacolare sul mare blu dell’isola ma se il mare non bastasse, dispone di una piscina molto particolare, con lato in vetro. Gli interni, in stile casa vacanze greca, sono arredati con gusto neorustico, con parquet a terra e soffitti in legno.

A villa into the blue in Mykonos

In view of the weekend we fly to Mykonos to explore Villa Paraga Estate, for rent on Airbnb; the house, really charming, is built with a spectacular view of the blue sea of the island but if the sea was not enough, has a very special pool, with glass side. The interiors, in the style of a Greek holiday home, are furnished in a neo-rustic style, with wooden floors and wooden ceilings.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

Una villa nel blu di Mykonos

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

In vista del weekend oggi voliamo a Mykonos, per esplorare Villa Paraga Estate, in affitto su Airbnb; la casa, davvero affascinante, è costruita con una vista spettacolare sul mare blu dell’isola ma se il mare non bastasse, dispone di una piscina molto particolare, con lato in vetro. Gli interni, in stile casa vacanze greca, sono arredati con gusto neorustico, con parquet a terra e soffitti in legno.

A villa into the blue in Mykonos

In view of the weekend we fly to Mykonos to explore Villa Paraga Estate, for rent on Airbnb; the house, really charming, is built with a spectacular view of the blue sea of the island but if the sea was not enough, has a very special pool, with glass side. The interiors, in the style of a Greek holiday home, are furnished in a neo-rustic style, with wooden floors and wooden ceilings.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

Una villa nel blu di Mykonos

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break

In vista del weekend oggi voliamo a Mykonos, per esplorare Villa Paraga Estate, in affitto su Airbnb; la casa, davvero affascinante, è costruita con una vista spettacolare sul mare blu dell’isola ma se il mare non bastasse, dispone di una piscina molto particolare, con lato in vetro. Gli interni, in stile casa vacanze greca, sono arredati con gusto neorustico, con parquet a terra e soffitti in legno.

A villa into the blue in Mykonos

In view of the weekend we fly to Mykonos to explore Villa Paraga Estate, for rent on Airbnb; the house, really charming, is built with a spectacular view of the blue sea of the island but if the sea was not enough, has a very special pool, with glass side. The interiors, in the style of a Greek holiday home, are furnished in a neo-rustic style, with wooden floors and wooden ceilings.

Via

_________________________
CAFElab | studio di architettura


 
 

Icone del design: i tavolini di Paul McCobb

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

tavolini di Paul McCobb poltrona pot

Imitatissimi, ricercati, eleganti: i tavolini della collezione Planner tornano in produzione, a partire dal prossimo settembre, nella riedizione curata dal marchio Republic of Fritz Hansen.

Fedele alla sua filosofia, che pone al centro il rispetto del progetto originale, l’azienda danese ripropone questi oggetti, disegnati nel 1953 dal designer americano Paul McCobb, perché aderiscono perfettamente ai criteri progettuali del design scandinavo: lineare, minimalista, funzionale.

Poltrona Egg con tavolino Planner McCobb

Paul MacCobb, cresciuto nel New England, deve aver sicuramente apprezzato lo stile d’arredo locale, ispirato agli shaker, i coloni puritani che avevano bandito ogni sorta di fronzolo dalle loro case e inventato mobili funzionali e durevoli nel tempo.

Lune sofa Planner tavolino Fritz Hansen

Il design di McCobb si allinea a quello scandinavo anche per quanto riguarda la scelta dei materiali, naturali e di eccellente qualità, e per l’accuratezza della lavorazione: i tavolini Planner hanno una sottile struttura in acciaio sulla quale poggia il piano, dallo spessore di soli 20 mm, che può essere in marmo nero o color crema. Il risultato è un oggetto semplice, leggerissimo, che pare quasi planare all’interno della stanza, come evocato dal nome scelto per la collezione.

Come spiega Christian Andresen, Art Director di Fritz Hansen

”Il design di Paul McCobb’s è sofisticato, semplice e quasi fluttuante nella sua delicatezza. La sua anima è senza tempo ma contemporanea, in quanto mantiene inalterati nel tempo certi principi estetici. Credo che l’estetica del design di  McCobb rappresenti realmente ciò che chiamiamo icona di design”.

Una curiosità: come riconoscere un autentico tavolino McCobb? Dal suo tratto distintivo, ovvero la strozzatura dell’acciao al piede del tavolino.

tavolini di Paul McCobb dettaglio piede

 

La collezione di tavolini Planner™ sarà presentata in tre versioni : quadrata, circolare e rettangolare, nelle seguenti dimensioni:

Rotondo diametro cm 80 x h cm 40; Rettangolare cm 45 x cm 75 h cm 40; Quadrato cm 80 x cm 80 h cm 40

tavolini di Paul McCobb collezione Planner

Per saperne di più:  fritzhansen.com/en

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 
 

Icone del design: i tavolini di Paul McCobb

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

tavolini di Paul McCobb poltrona pot

Imitatissimi, ricercati, eleganti: i tavolini della collezione Planner tornano in produzione, a partire dal prossimo settembre, nella riedizione curata dal marchio Republic of Fritz Hansen.

Fedele alla sua filosofia, che pone al centro il rispetto del progetto originale, l’azienda danese ripropone questi oggetti, disegnati nel 1953 dal designer americano Paul McCobb, perché aderiscono perfettamente ai criteri progettuali del design scandinavo: lineare, minimalista, funzionale.

Poltrona Egg con tavolino Planner McCobb

Paul MacCobb, cresciuto nel New England, deve aver sicuramente apprezzato lo stile d’arredo locale, ispirato agli shaker, i coloni puritani che avevano bandito ogni sorta di fronzolo dalle loro case e inventato mobili funzionali e durevoli nel tempo.

Lune sofa Planner tavolino Fritz Hansen

Il design di McCobb si allinea a quello scandinavo anche per quanto riguarda la scelta dei materiali, naturali e di eccellente qualità, e per l’accuratezza della lavorazione: i tavolini Planner hanno una sottile struttura in acciaio sulla quale poggia il piano, dallo spessore di soli 20 mm, che può essere in marmo nero o color crema. Il risultato è un oggetto semplice, leggerissimo, che pare quasi planare all’interno della stanza, come evocato dal nome scelto per la collezione.

Come spiega Christian Andresen, Art Director di Fritz Hansen

”Il design di Paul McCobb’s è sofisticato, semplice e quasi fluttuante nella sua delicatezza. La sua anima è senza tempo ma contemporanea, in quanto mantiene inalterati nel tempo certi principi estetici. Credo che l’estetica del design di  McCobb rappresenti realmente ciò che chiamiamo icona di design”.

Una curiosità: come riconoscere un autentico tavolino McCobb? Dal suo tratto distintivo, ovvero la strozzatura dell’acciao al piede del tavolino.

tavolini di Paul McCobb dettaglio piede

 

La collezione di tavolini Planner™ sarà presentata in tre versioni : quadrata, circolare e rettangolare, nelle seguenti dimensioni:

Rotondo diametro cm 80 x h cm 40; Rettangolare cm 45 x cm 75 h cm 40; Quadrato cm 80 x cm 80 h cm 40

tavolini di Paul McCobb collezione Planner

Per saperne di più:  fritzhansen.com/en

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 
 

Icone del design: i tavolini di Paul McCobb

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

tavolini di Paul McCobb poltrona pot

Imitatissimi, ricercati, eleganti: i tavolini della collezione Planner tornano in produzione, a partire dal prossimo settembre, nella riedizione curata dal marchio Republic of Fritz Hansen.

Fedele alla sua filosofia, che pone al centro il rispetto del progetto originale, l’azienda danese ripropone questi oggetti, disegnati nel 1953 dal designer americano Paul McCobb, perché aderiscono perfettamente ai criteri progettuali del design scandinavo: lineare, minimalista, funzionale.

Poltrona Egg con tavolino Planner McCobb

Paul MacCobb, cresciuto nel New England, deve aver sicuramente apprezzato lo stile d’arredo locale, ispirato agli shaker, i coloni puritani che avevano bandito ogni sorta di fronzolo dalle loro case e inventato mobili funzionali e durevoli nel tempo.

Lune sofa Planner tavolino Fritz Hansen

Il design di McCobb si allinea a quello scandinavo anche per quanto riguarda la scelta dei materiali, naturali e di eccellente qualità, e per l’accuratezza della lavorazione: i tavolini Planner hanno una sottile struttura in acciaio sulla quale poggia il piano, dallo spessore di soli 20 mm, che può essere in marmo nero o color crema. Il risultato è un oggetto semplice, leggerissimo, che pare quasi planare all’interno della stanza, come evocato dal nome scelto per la collezione.

Come spiega Christian Andresen, Art Director di Fritz Hansen

”Il design di Paul McCobb’s è sofisticato, semplice e quasi fluttuante nella sua delicatezza. La sua anima è senza tempo ma contemporanea, in quanto mantiene inalterati nel tempo certi principi estetici. Credo che l’estetica del design di  McCobb rappresenti realmente ciò che chiamiamo icona di design”.

Una curiosità: come riconoscere un autentico tavolino McCobb? Dal suo tratto distintivo, ovvero la strozzatura dell’acciao al piede del tavolino.

tavolini di Paul McCobb dettaglio piede

 

La collezione di tavolini Planner™ sarà presentata in tre versioni : quadrata, circolare e rettangolare, nelle seguenti dimensioni:

Rotondo diametro cm 80 x h cm 40; Rettangolare cm 45 x cm 75 h cm 40; Quadrato cm 80 x cm 80 h cm 40

tavolini di Paul McCobb collezione Planner

Per saperne di più:  fritzhansen.com/en

 

Ti é piaciuto questo post? Allora non perderti i prossimi, iscriviti alla newsletter de La gatta sul tetto: niente paura, non ti inonderò di messaggi. Riceverai una email mensile che riassume i post del blog ma non solo: la newsletter sarà arricchita da contenuti riservati solo agli iscritti, come mood board su colori, materiali, arredi e complementi, infografiche con idee e suggerimenti per disporre mobili e oggetti, DIY e ispirazioni. 
Basta cliccare qui e inserire il tuo indirizzo e-mail:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


 
 
               

Torna su