Soppalco, per saperne di più leggici su MondoAbitare

Pubblicato da blog ospite in Coffee Break
Casale La Mandriola by cafelab studio
Casale La Mandriola by cafelab studio

E’ uscito oggi il nostro nuovo articolo su Mondo Abitare, stavolta dedicato al soppalco, dalla normativa alla realizzazione.

Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo completo QUI.

_________________________
CAFElab | studio di architettura

 
 

 
 

 
 
 

 

Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi

Pubblicato da blog ospite in VDR Home Design

Micro case e micro balconi: voglio farvi vedere un po’ di esempi reali, soluzioni geniali di architetti sopra le righe. Chissà mai che vi convincerete che le misure non contano.

……….

Lunedì vi ho parlato un po’ di come si possono trasformare micro balconi in spazi degni di essere vissuti durante la bella stagione. Perché anche se abbiamo poco a disposizione, non dobbiamo sentirci poveri in canna e demoralizzarci.


Bisogna sempre guardare il bicchiere mezzo pieno e farne il meglio di quello che abbiamo.
Condividi il Tweet


Siccome io lo so che siete una banda di scettici, magari pensate che una manciata di consigli così a random non siano pratici. Quindi ho pensato di fare un post un po stile ritorno al passato, ripercorrendo alcune delle micro case di cui vi ho parlato.

Chissà mai che vedendo dei progetti realizzati crediate a quello che vi ho raccontato.

MICRO BALCONI #1: A TEL AVIV

Cominciamo da Tel Aviv in un appartamento di 55 mq. Penso che questo sia in assoluto uno dei miei progetti preferiti, per l’audacia delle scelte e la perfezione del risultato finale.

L’architetto  Maayan Zusman Interior Design ha completamente riprogettato la casa, riuscendo a inserire una camera matrimoniale e 2 bagni.

Il cubo vetrato che divide camera e studio è una perla: diviso da vetri trasparenti ma schermabile al bisogno. Ma guardate il balcone: è piccolo ovviamente, ma molto accogliente. Arredi piccoli, a misura per il poco spazio e una pianta alta che aumenta il senso di grandezza.

micro

Maayan Zusman Interior Design

MICRO BALCONI #2: A MOSCA

Continuiamo con un appartamento di 40 mq a Mosca, progettato dallo studio Int2Architecture. Una piccola casa temporanea per una giovane coppia di sposi: questo ha permesso di attuare soluzioni flessibili e facili da smontare.

Lo stile anni ’70 e le mille idee salva-spazio rendono questa casa davvero incredibile. C’e posto per una lavanderia, una parete lavagna e una zona studio con la S maiuscola.

E il balcone? Piccolo e verandato, diventa una specie di zona lettura ad hoc: mensole porta libri ed una rastrelliera su misura rendono l’ambiente un piccolo paradiso in cui ripararsi.

micro

Int2Architecture

MICRO BALCONI #3: A KIEV

Spostiamoci a Kiev e continuiamo a scendere con i metri quadri a disposizione. La casa è stata progetta da Julia Trintsukova, che è riuscita a dare eleganza, modernità e minimalismo a questa casa per una giovane coppia.

Lo spazio è proprio poco e tutti gli ambienti sono a vista, ma per dei giovani non è un problema. Tantissimi armadi, un letto pedana-contenitore e un piccolo tavolo consolle su cui mangiare.

Ma la vera chicca amici è lo spazio esterno: un vero e proprio salotto, con tanto di focolare. Meraviglioso.

micro

Julia Trintsukova

MICRO BALCONI #4: FINIAMO IN SVEZIA

Con questa casa battiamo tutti i record: 16 mq. E si tratta di un Home Staging (Edward&Partners). Quindi per tutti quelli che ancora credono che sia un servizio inutile, ricredetevi.

Sfido chiunque: vedendo queste foto, non la comprereste questa casa? È microscopica, ma è curata in tutti i dettagli. Ma vogliamo parlare del letto? Io lo trovo fantastico e scommetto che qualsiasi giovane farebbe la lotta per poter vivere in una casa così.

Che dire dello spazio esterno: mobili piccoli ma dalle misure giuste, cuscini e accessori per fare atmosfera. Insomma, tutto quello che serve per sentirsi a casa.

micro

Edward&Partners

 

L’articolo Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi sembra essere il primo su VHD.


 
 

 
 

 
 
 

 

Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi

Pubblicato da blog ospite in VDR Home Design

Micro case e micro balconi: voglio farvi vedere un po’ di esempi reali, soluzioni geniali di architetti sopra le righe. Chissà mai che vi convincerete che le misure non contano.

……….

Lunedì vi ho parlato un po’ di come si possono trasformare micro balconi in spazi degni di essere vissuti durante la bella stagione. Perché anche se abbiamo poco a disposizione, non dobbiamo sentirci poveri in canna e demoralizzarci.


Bisogna sempre guardare il bicchiere mezzo pieno e farne il meglio di quello che abbiamo.
Condividi il Tweet


Siccome io lo so che siete una banda di scettici, magari pensate che una manciata di consigli così a random non siano pratici. Quindi ho pensato di fare un post un po stile ritorno al passato, ripercorrendo alcune delle micro case di cui vi ho parlato.

Chissà mai che vedendo dei progetti realizzati crediate a quello che vi ho raccontato.

MICRO BALCONI #1: A TEL AVIV

Cominciamo da Tel Aviv in un appartamento di 55 mq. Penso che questo sia in assoluto uno dei miei progetti preferiti, per l’audacia delle scelte e la perfezione del risultato finale.

L’architetto  Maayan Zusman Interior Design ha completamente riprogettato la casa, riuscendo a inserire una camera matrimoniale e 2 bagni.

Il cubo vetrato che divide camera e studio è una perla: diviso da vetri trasparenti ma schermabile al bisogno. Ma guardate il balcone: è piccolo ovviamente, ma molto accogliente. Arredi piccoli, a misura per il poco spazio e una pianta alta che aumenta il senso di grandezza.

micro

Maayan Zusman Interior Design

MICRO BALCONI #2: A MOSCA

Continuiamo con un appartamento di 40 mq a Mosca, progettato dallo studio Int2Architecture. Una piccola casa temporanea per una giovane coppia di sposi: questo ha permesso di attuare soluzioni flessibili e facili da smontare.

Lo stile anni ’70 e le mille idee salva-spazio rendono questa casa davvero incredibile. C’e posto per una lavanderia, una parete lavagna e una zona studio con la S maiuscola.

E il balcone? Piccolo e verandato, diventa una specie di zona lettura ad hoc: mensole porta libri ed una rastrelliera su misura rendono l’ambiente un piccolo paradiso in cui ripararsi.

micro

Int2Architecture

MICRO BALCONI #3: A KIEV

Spostiamoci a Kiev e continuiamo a scendere con i metri quadri a disposizione. La casa è stata progetta da Julia Trintsukova, che è riuscita a dare eleganza, modernità e minimalismo a questa casa per una giovane coppia.

Lo spazio è proprio poco e tutti gli ambienti sono a vista, ma per dei giovani non è un problema. Tantissimi armadi, un letto pedana-contenitore e un piccolo tavolo consolle su cui mangiare.

Ma la vera chicca amici è lo spazio esterno: un vero e proprio salotto, con tanto di focolare. Meraviglioso.

micro

Julia Trintsukova

MICRO BALCONI #4: FINIAMO IN SVEZIA

Con questa casa battiamo tutti i record: 16 mq. E si tratta di un Home Staging (Edward&Partners). Quindi per tutti quelli che ancora credono che sia un servizio inutile, ricredetevi.

Sfido chiunque: vedendo queste foto, non la comprereste questa casa? È microscopica, ma è curata in tutti i dettagli. Ma vogliamo parlare del letto? Io lo trovo fantastico e scommetto che qualsiasi giovane farebbe la lotta per poter vivere in una casa così.

Che dire dello spazio esterno: mobili piccoli ma dalle misure giuste, cuscini e accessori per fare atmosfera. Insomma, tutto quello che serve per sentirsi a casa.

micro

Edward&Partners

 

L’articolo Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi sembra essere il primo su VHD.


 
 

 
 

 
 
 

 

Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi

Pubblicato da blog ospite in VDR Home Design

Micro case e micro balconi: voglio farvi vedere un po’ di esempi reali, soluzioni geniali di architetti sopra le righe. Chissà mai che vi convincerete che le misure non contano.

……….

Lunedì vi ho parlato un po’ di come si possono trasformare micro balconi in spazi degni di essere vissuti durante la bella stagione. Perché anche se abbiamo poco a disposizione, non dobbiamo sentirci poveri in canna e demoralizzarci.


Bisogna sempre guardare il bicchiere mezzo pieno e farne il meglio di quello che abbiamo.
Condividi il Tweet


Siccome io lo so che siete una banda di scettici, magari pensate che una manciata di consigli così a random non siano pratici. Quindi ho pensato di fare un post un po stile ritorno al passato, ripercorrendo alcune delle micro case di cui vi ho parlato.

Chissà mai che vedendo dei progetti realizzati crediate a quello che vi ho raccontato.

MICRO BALCONI #1: A TEL AVIV

Cominciamo da Tel Aviv in un appartamento di 55 mq. Penso che questo sia in assoluto uno dei miei progetti preferiti, per l’audacia delle scelte e la perfezione del risultato finale.

L’architetto  Maayan Zusman Interior Design ha completamente riprogettato la casa, riuscendo a inserire una camera matrimoniale e 2 bagni.

Il cubo vetrato che divide camera e studio è una perla: diviso da vetri trasparenti ma schermabile al bisogno. Ma guardate il balcone: è piccolo ovviamente, ma molto accogliente. Arredi piccoli, a misura per il poco spazio e una pianta alta che aumenta il senso di grandezza.

micro

Maayan Zusman Interior Design

MICRO BALCONI #2: A MOSCA

Continuiamo con un appartamento di 40 mq a Mosca, progettato dallo studio Int2Architecture. Una piccola casa temporanea per una giovane coppia di sposi: questo ha permesso di attuare soluzioni flessibili e facili da smontare.

Lo stile anni ’70 e le mille idee salva-spazio rendono questa casa davvero incredibile. C’e posto per una lavanderia, una parete lavagna e una zona studio con la S maiuscola.

E il balcone? Piccolo e verandato, diventa una specie di zona lettura ad hoc: mensole porta libri ed una rastrelliera su misura rendono l’ambiente un piccolo paradiso in cui ripararsi.

micro

Int2Architecture

MICRO BALCONI #3: A KIEV

Spostiamoci a Kiev e continuiamo a scendere con i metri quadri a disposizione. La casa è stata progetta da Julia Trintsukova, che è riuscita a dare eleganza, modernità e minimalismo a questa casa per una giovane coppia.

Lo spazio è proprio poco e tutti gli ambienti sono a vista, ma per dei giovani non è un problema. Tantissimi armadi, un letto pedana-contenitore e un piccolo tavolo consolle su cui mangiare.

Ma la vera chicca amici è lo spazio esterno: un vero e proprio salotto, con tanto di focolare. Meraviglioso.

micro

Julia Trintsukova

MICRO BALCONI #4: FINIAMO IN SVEZIA

Con questa casa battiamo tutti i record: 16 mq. E si tratta di un Home Staging (Edward&Partners). Quindi per tutti quelli che ancora credono che sia un servizio inutile, ricredetevi.

Sfido chiunque: vedendo queste foto, non la comprereste questa casa? È microscopica, ma è curata in tutti i dettagli. Ma vogliamo parlare del letto? Io lo trovo fantastico e scommetto che qualsiasi giovane farebbe la lotta per poter vivere in una casa così.

Che dire dello spazio esterno: mobili piccoli ma dalle misure giuste, cuscini e accessori per fare atmosfera. Insomma, tutto quello che serve per sentirsi a casa.

micro

Edward&Partners

 

L’articolo Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi sembra essere il primo su VHD.


 
 

Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi

Pubblicato da blog ospite in VDR Home Design

Micro case e micro balconi: voglio farvi vedere un po’ di esempi reali, soluzioni geniali di architetti sopra le righe. Chissà mai che vi convincerete che le misure non contano.

……….

Lunedì vi ho parlato un po’ di come si possono trasformare micro balconi in spazi degni di essere vissuti durante la bella stagione. Perché anche se abbiamo poco a disposizione, non dobbiamo sentirci poveri in canna e demoralizzarci.


Bisogna sempre guardare il bicchiere mezzo pieno e farne il meglio di quello che abbiamo.
Condividi il Tweet


Siccome io lo so che siete una banda di scettici, magari pensate che una manciata di consigli così a random non siano pratici. Quindi ho pensato di fare un post un po stile ritorno al passato, ripercorrendo alcune delle micro case di cui vi ho parlato.

Chissà mai che vedendo dei progetti realizzati crediate a quello che vi ho raccontato.

MICRO BALCONI #1: A TEL AVIV

Cominciamo da Tel Aviv in un appartamento di 55 mq. Penso che questo sia in assoluto uno dei miei progetti preferiti, per l’audacia delle scelte e la perfezione del risultato finale.

L’architetto  Maayan Zusman Interior Design ha completamente riprogettato la casa, riuscendo a inserire una camera matrimoniale e 2 bagni.

Il cubo vetrato che divide camera e studio è una perla: diviso da vetri trasparenti ma schermabile al bisogno. Ma guardate il balcone: è piccolo ovviamente, ma molto accogliente. Arredi piccoli, a misura per il poco spazio e una pianta alta che aumenta il senso di grandezza.

micro

Maayan Zusman Interior Design

MICRO BALCONI #2: A MOSCA

Continuiamo con un appartamento di 40 mq a Mosca, progettato dallo studio Int2Architecture. Una piccola casa temporanea per una giovane coppia di sposi: questo ha permesso di attuare soluzioni flessibili e facili da smontare.

Lo stile anni ’70 e le mille idee salva-spazio rendono questa casa davvero incredibile. C’e posto per una lavanderia, una parete lavagna e una zona studio con la S maiuscola.

E il balcone? Piccolo e verandato, diventa una specie di zona lettura ad hoc: mensole porta libri ed una rastrelliera su misura rendono l’ambiente un piccolo paradiso in cui ripararsi.

micro

Int2Architecture

MICRO BALCONI #3: A KIEV

Spostiamoci a Kiev e continuiamo a scendere con i metri quadri a disposizione. La casa è stata progetta da Julia Trintsukova, che è riuscita a dare eleganza, modernità e minimalismo a questa casa per una giovane coppia.

Lo spazio è proprio poco e tutti gli ambienti sono a vista, ma per dei giovani non è un problema. Tantissimi armadi, un letto pedana-contenitore e un piccolo tavolo consolle su cui mangiare.

Ma la vera chicca amici è lo spazio esterno: un vero e proprio salotto, con tanto di focolare. Meraviglioso.

micro

Julia Trintsukova

MICRO BALCONI #4: FINIAMO IN SVEZIA

Con questa casa battiamo tutti i record: 16 mq. E si tratta di un Home Staging (Edward&Partners). Quindi per tutti quelli che ancora credono che sia un servizio inutile, ricredetevi.

Sfido chiunque: vedendo queste foto, non la comprereste questa casa? È microscopica, ma è curata in tutti i dettagli. Ma vogliamo parlare del letto? Io lo trovo fantastico e scommetto che qualsiasi giovane farebbe la lotta per poter vivere in una casa così.

Che dire dello spazio esterno: mobili piccoli ma dalle misure giuste, cuscini e accessori per fare atmosfera. Insomma, tutto quello che serve per sentirsi a casa.

micro

Edward&Partners

 

L’articolo Micro balconi e micro case: #4 esempi pratici a cui ispirarsi sembra essere il primo su VHD.


 
 

Mini casa al mare con vista

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Case al mare

Situata tra Bordighera e Sanremo, questa piccola casa, di soli 48 mq, è stata pensata per veri amanti del mare.  La coppia di architetti monegaschi Emil Humbert e Christophe Poyet , hanno infatti concepito questo progetto di interior design proprio con lo scopo di creare uno spazio semplice dove poter vivere in stretta relazione con il mare.


Esternamente il bianco candido è perfetto per esaltare il blu intenso del mare che si può ammirare dalla piccola ma ben attrezzata terrazza. In soli 3 metri per 2 è stato collocato un pianoforte e una comoda amaca dove rilassarsi.


case al mare
All’interno lo spazio è stato sfruttato in modo funzionale e curato in ogni più piccolo particolare, con mobili salvaspazio e tanti elementi ispirati alla nautica che creano la giusta atmosfera.

La zona giorno ospita una bella cucina open space, naturalmente vista mare, caratterizzata inoltre dai tanti dettagli in ottone e marmo di Carrara, un tavolo e un divano ad angolo che funge anche da seduta per i pranzi e le cene.


case al mare
case al mare
case al mare
Case al mare

Per sfruttare al massimo ogni centimetro a disposizione, la scala, che conduce alla camera e al bagno, contiene al suo interno dei comodi e pratici cassetti, inoltre sotto il letto è stato inserito un capiente armadio. 

Case al mare
Case al mare
Case al mare

 case al mare

case al mare


 
 

ISLAND PARADISE by PANTONE

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Island Paradise è un colore “acquatico” rinfrescante che richiama alla mente un cambiamento di scenario. Una fresca tonalità verde – blu, presentata da Pantone, che esalta il sogno della grande fuga verso un’isola paradisiaca dalle impostazioni tropicali, dove viene esaltato il desiderio assoluto di rilassarsi. Perchè non utilizzarlo in casa per ricreare le medesime sensazioni?

Salva


 
 

Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto
Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte scrivania

Buondì cari amici. Ho da poco scoperto il sito dello studio d’architettura e decorazione Royal Roulotte a Parigi, e me ne sono innamorata immediatamente. Ciò che mi ha colpita è la coerenza che si coglie in tutte le realizzazioni proposte, che si tratti di uno studio di 55 mq, come quello che vi presento oggi, o di una dimora di 300 mq. 

Lo stile è particolare e ben riconoscibile, caratterizzato dal contrasto tra bianco e nero, da una giusta dose di design in equilibrio con elementi classici e dall’inserimento di pezzi di recupero reinterpretati con maestria.
In questo appartamento parigino, l’intervento degli architetti aveva come obiettivi la creazione di una camera da letto separata e l’illuminazione di tutti gli spazi con la luce naturale proveniente dalle finestre collocate lungo un’unica parete. Per questo, sono state rimosse tutte le pareti divisorie, eccetto quelle dell’ingresso e del bagno,  sostituite poi da pareti vetrate per delimitare cucina, soggiorno e camera da letto.
Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte progetto
La palette dei colori è selezionata e rigorosa: sullo sfondo bianco i decoratori hanno dipinto con tocchi di nero, grigio, rosa pallido e inserito elementi di legno grezzo, creando un piccolo capolavoro di stile e funzionalità.
Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte cucinaUn appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte tavolo pranzo

Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte tavolo pranzo

Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte scrivaniaUn appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte vetrata

Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte armadioUn appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte camera da lettoUn appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte bagno

Idee salva spazio: l’armadio a tutta altezza per sfruttare ogni spazio. La panca contenitore addossata al muro nella zona pranzo, al posto delle sedie.
Mi piace: la piccola porzione di carta da parati nera con i fiori, che ricorda tanto il mio amato William Morris.
Un appartamento di 55 mq a Parigi firmato Royal Roulotte carta parati
Fonte: Royal Roulotte-Décoration et architecture d’intérieur


 
 

Scopri le novità di IKEA

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Mobili e complementi per una casa che cambia

I nuovi prodotti IKEA portano nella tua casa una sensazione di freschezza e leggerezza, proprio come la primavera.
Una delle novità principali è un assortimento di mobili multifunzionali dal design industriale, progettato per una casa in continua evoluzione. Ma non finisce qui.
IKEA ha pensato anche all’organizzazione dello spaziocon nuovi scaffali e soluzioni per l’ingresso, tra cui un guardaroba in tessuto e originali cestini.

Sono molte le novità per quanto riguarda gli articoli per l’illuminazione: dalle lampade a sospensione a quelle da tavolo, abbiamo soluzioni perfette per ogni stile.
I bambini si divertiranno con i protagonisti di una nuova collezione di peluche, che popolano biancheria da letto e cuscini. Per una coordinazione perfetta, abbiamo pensato anche a una collezione per i più grandi e a una serie di articoli di cartoleria.
Per finire, dai un’occhiata ai nuovi pomelli e maniglie, pensati per la cucina ma utilizzabili in tutte le stanze della casa per rinnovare i tuoi mobili e aggiungere un tocco di personalità.

Mobili e complementi per una casa che cambia
La panca VEBERÖD, dotata di un cuscino trapuntato, si può usare come poggiapiedi, tavolino, comodino o soluzione per l’organizzazione nell’ingresso di casa.

Mobili e complementi per una casa che cambia
Progettata per una casa in continua evoluzione, la serie VEBERÖD include mobili multifunzionali dallo stile industriale, realizzati in compensato e metallo.

Mobili e complementi per una casa che cambia
EKEBOL è un divano completamente personalizzabile: puoi verniciare il legno, tingere la fodera e decorare la rete metallica.


Mobili e complementi per una casa che cambia
Futuristica e divertente, la lampada da tavolo TVÄRS è facile da spostare dove serve e ha un prezzo davvero imbattibile. La lampadina a LED RYET permette a tutti i clienti di risparmiare sulla bolletta e salvaguardare l’ambiente. Tutto questo a un prezzo incredibilmente basso.


Mobili e complementi per una casa che cambia
Gioca con le forme e i colori dei pomelli e delle maniglie BAGGANÄS. Progettati per i frontali delle cucine, si adattano perfettamente a qualsiasi ambiente della casa.


Mobili e complementi per una casa che cambia
Lo stile di una casa si vede anche dai dettagli più piccoli, come il gancio SKUGGIS in bambù, dalla forma originale.


Mobili e complementi per una casa che cambia
SVALNÄS è una serie in bambù dallo stile minimalista che nasce dall’unione tra il design scandinavo e quello asiatico.


Mobili e complementi per una casa che cambia
Semplice, compatta e facile da montare, la serie MACKAPÄR ti aiuta a organizzare anche gli ingressi più piccoli. I cestini in feltro grigio PUDDA, dallo stile contemporaneo, ti aiutano a tenere in ordine i piccoli oggetti. 


Mobili e complementi per una casa che cambia
I nuovi personaggi della collezione LATTJO invitano i bambini a raccontare le proprie storie ispirandosi ai peluche, ai disegni sulla biancheria da letto e a molti altri giochi divertenti.


Mobili e complementi per una casa che cambia
Vuoi organizzare una festa per i tuoi bambini? Lascia che sia la serie SPRUDLA, con i suoi articoli perfettamente coordinati, ad occuparsi di ogni dettaglio!


Le novità di IKEA sono disponibili in tutti i punti vendita!



 
 

I professionisti delle ristrutturazioni: tutti i costi

Pubblicato da blog ospite in Mayday Casa Blog

Bentrovati a tutti, dopo una lunga assenza rientro partendo dall’abc cercando di fare chiarezza sui costi che una ristrutturazione comporta.

Individuare tutte le singole voci di spesa di una ristrutturazione è uno dei punti fondamentali per avere tutto sotto controllo quando si iniziano dei lavori. Un intervento di ristrutturazione vede l’impiego di diverse figure professionali oltre che di diverse documentazioni necessarie e materiali indispensabili. Per non ritrovarsi con spiacevoli sorprese in termini di costi a fine ristrutturazione è buona norma avere chiaro in mente ogni elemento di spesa.

                        Definire un Budget per la Ristrutturazione

Prima di avventurarsi in importanti interventi di ristrutturazione è fondamentale che il proprietario dell’immobile in oggetto definisca la spesa massima che può o vuole sostenere. A questa cifra è buona norma applicare un 10% circa di  budget da destinare alle spese impreviste, che, come ben sappiamo, possono sempre insorgere. Prevedere le spese impreviste è una parte fondamentale del processo di ristrutturazione, in modo particolare quando si deve richiedere un prestito alla banca per effettuare i lavori.

Quando ci si reca da un’azienda di ristrutturazione è importante chiedere un preventivo dettagliato di tutti i costi in modo da avere una panoramica completa e specifica di tutte le spese da sostenere. La soluzione più semplice per una ristrutturazione senza pensieri è quella di affidarsi alle ditte che offrono opere chiavi in mano, occupandosi della ristrutturazione a 360 gradi e coordinando direttamente tutti gli interventi necessari.

In aggiunta alle spese previste per le opere, per le figure professionali e per i materiali e la rispettiva riserva del budget per gli imprevisti è importante tenere in considerazione anche tutti i costi a livello tecnico, ovvero quelli destinati a geometri, architetti o altri professionisti, l’Iva e le spese connesse alla burocrazia.



                        I Costi Specifici di una Ristrutturazione

Il progetto, realizzato da un professionista, è una necessità per tutti gli interventi di ristrutturazione. In linea generale (può anche accadere di fare solo il progetto pattuendo una somma in base all’impegno) i tecnici che si occupano di questa attività prevedono il pagamento di una percentuale sull’opera realizzata. Per rilievi, progettazioni e pratiche un tecnico chiede circa il 4-5% della stima dei lavori. A questo si devono aggiungere il 3-4% per la direzione e la chiusura dei lavori e per l’agibilità. Quando si presentano situazioni particolari o consulenze aggiuntive la percentuale può essere maggiorata. Il controllo della sicurezza di un tecnico nel cantiere costa circa 5% dell’importo totale della ristrutturazione.

Per ottenere una certificazione circa il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’immobile il tecnico emette una parcella di circa 1.000 euro.

I costi non sono uguali in tutte le città. Ad esempio un idraulico a Bolzano sarà meno costoso di uno a Roma.

Costi fissi per le certificazioni energetiche che sono in genere compresi tra 200 e 400 euro. Per accatastare le nuove piantine nel caso di interventi che modifichino l’immobile e la sua disposizione interna il tecnico chiede un prezzo di circa 300 – 400 euro.

                        La fattura del tecnico

Particolare attenzione va posta alla fattura del tecnico che si sceglie per la ristrutturazione. All’interno della fattura sono previsti: il 4% dell’imponibile come contributo previdenziale e l’IVA al 22%.

Ecco chiariti nel dettaglio tutti i costi dei professionisti che un intervento di ristrutturazione comporta.

Archiviato in:interiors design


 
 
               

Torna su