Stedelijk Museum – The black and white series

Pubblicato da blog ospite in Nook Twelve

Stedelijk Museum in Amsterdam has always been on my ‘to do’ list. It is an international museum dedicated to modern and contemporary art and design.

stedelijk museum amsterdam nook twelve

Stedelijk is a place where everyone can discover and experience modern and contemporary visual art and design. It is a constant source of fresh ideas and experimentation. It encourages critical discourse and a better understanding of the present through creating interactions between audiences and art.

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

When I first visited back in 2015, the timing couldn’t be more perfect. It was a rich autumn full of interesting stories behind the changing exhibitions. Pieter and Marieke Sanders, art collectors, gifted over 100 artworks to the museum on of which the photo by Stephen Waddell, Man with a heavy sack. The project ‘A year at the Stedelijk’ was led by German/English artist Tino Sehgal. He makes live art and every month engages visitors with occasional conversations and choreographed actions. It was an unexpected experience I’ll always remember.

stedelijk museum amsterdam nook twelve

Yes, I dream of a better world.
Should I dream of a worse?

Yes, I desire a wider world.
Should I desire a narrower?

–Otto Piene, “Paths to Paradise” in ZERO 3 (July 1961)

Zero is silence. Zero is the beginning.  Zero is round. Zero spins. Zero is the moon. The sun is Zero. Zero is white. The desert Zero. The sky above Zero. The night. 

–excerpt from a 1963 poem by Heinz Mack, Otto Piene, and Günther Uecker

Those are only two of the many quotes which represent the ZERO Movement.

stedelijk museum amsterdam nook twelve

In the ‘50s and ‘60s the ZERO artist’s group experimented with the most innovative materials and media. ZERO was a state of mind. The artists found each other in their search for radical new ways to make art. Their optimism can be seen in the historic survey of these timeless avant-gardes. I loved this groundbreaking presentation.

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

stedelijk museum amsterdam nook twelve

Photos by Nook Twelve

The post Stedelijk Museum – The black and white series appeared first on Nook Twelve.


 
 

 
 

 
 
 

 

Little Star Chair, una poltroncina speciale

Pubblicato da blog ospite in La Gatta Sul Tetto

Buondì cari amici, oggi voglio parlarvi di una campagna di crowfunding molto particolare, dal nome Little Star Chair, lanciata da Roberto Paoli, un designer e architetto dal curriculum di tutto rispetto, visto che ha all’attivo collaborazioni con aziende del calibro di Artemide, Fiamitalia, Nemo Cassina, e ha curato l’interior design di sedi e showroom, dislocati in tutto il mondo, di marchi come Tucano e bilancioni, solo per citarne alcuni.
I protagonisti sono i bambini, una sedia e una stella: appena ho visto il progetto mi è piaciuto moltissimo e per questo ho deciso di contribuire alla sua diffusione. Anche perché mi piace la sfida lanciata da Roberto e il suo progetto, per molti versi pionieristico, di coinvolgere il pubblico attraverso il web, cercando un canale alternativo per realizzare il suo sogno.

“Il tema del design legato ai bambini mi ha sempre affascinato ed è per questo che ho immaginato Little Star Chair, un prodotto studiato apposta per i più piccoli”, racconta Roberto Paoli. “I bambini sono le nostre stelle, delle vere e proprie celebrities ed è la forma della stella, per la sua incredibile funzionalità, che ha delineato questo oggetto: due punte possono essere stabili appoggi a terra, altre due punte dei comodi braccioli utili su cui disegnare, scrivere o giocare, mentre la quinta punta è il perfetto schienale della poltroncina”.

La poltroncina è completamente Made in Italy ed è realizzata in polietilene, un materiale che garantisce durevolezza, robustezza, leggerezza ed è anche ecologico. La seduta risulta essere completamente lavabile, resistente a basse e alte temperature e perfetta per ambienti indoor o outdoor.
Grazie alle sue linee linee dolci e arrotondate che assicurano sicurezza e comodità, è perfetta per la camera di un bambino o per il salotto, nonché per la zona giochi. Naturalmente è una seduta molto adatta anche per gli asili o per la zona ricreazione di una scuola. Little Star Chair può accogliere bimbi tra i 3 e gli 8 anni.

Durante la campagna di raccolta fondi si potranno prenotare le Little Stair Chair al prezzo vantaggioso di 129 € ( valore calcolato al minimo possibile considerando al netto i costi dello stampo e del singolo pezzo). L’obiettivo è quello di raggiungere i 400 richieste per produrre i pezzi.

Se dopo la campagna, che scade il prossimo 3 aprile, verrà raggiunto l’obbiettivo di 400 poltroncine prenotate, potrà partire la produzione e la Little Star Chair verrà immessa sul mercato internazionale al prezzo di 240 €.
Per sostenere il progetto sui social:
#littlestarchair #designforkids #robertopaolidesign
SCHEDA TECNICA
Nome prodotto: Little Star Chair
Designer: Roberto Paoli
Anno: 2017
Materiali: polietilene 
Dimensioni: 754x582xh713 mm

Peso: circa 9 Kg


 
 

 
 

 
 
 

 

Contemporary industrial-style kitchen and living room

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking

READ IN ITALIAN

cucina_industrial

Andrea is a guy who has inherited an 60’s apartment in the province of Monza and Brianza. It had already been considered the  External Thermal Insulation Composite System, revised interior walls, fixtures replacements, underfloor heating and renovation of the rooms.
He wanted to entrust me the project of decorating the kitchen and living area, 45 sq m, with a ceiling height of 3,15meters.

The needs

Andrea has been pointed out to me the key points for its interior project:

  • absolutely not white
  • color on gray, black, earth and wood
  • open kitchen with dining area nearby
  • no snack counter

These indications led me to think of a contemporary industrial-style kitchen and living room!

The project

Pianta2DThe kitchen has available a very large space where it can be developed. But since you have to deal between costs – functionality – aesthetic I opted for a corner kitchen with island with a very matte pearl gray combined with a wall panel in dark oak wood with shelves in the same finish. The kitchen has still a very generous size.

In the planning phase I wanted to give the customer the option to close, if necessary, the local cuisine, thanks to the creation of two sliding panels covered with wallpaper.

Another thing that surprised me in this project and that until now it had never happened, was the request to avoid the TV, even in the living room. It has therefore opted for the inclusion of a nice wall library in matt black lacquered and an automated cloth hidden in the drywall lowering above the library. The projector will be leaning over the low wall behind the sofa, decorated with bronze paint effect. Interesting solution, do not you think? Perfect for industrial style!

The wall becomes a decorative element that allows you to place pictures and objects but also a functional element for both the projector and for the desk area, in front of which is obtained a restraining compartment in the wall itself.

Lights and drywall lowering

The play of light created completes the project. Thanks to the height of the ceiling of 3,15meters, I created a drywall lowering in the entrance of 30cm with LED strip, above the library with 3 spotlights and above the sliding panels. The lowering allows also to hide the existing beam between living room and kitchen and to include the tracks for the sliding panels. In the kitchen the lowering is high only 18cm due to window boxes that did not allow to lower it further. There are two lines of spots (8 spotlights in total) in the kitchen for diffuse light, and LED lights under the cabinets.

On the island and on the table, the beautiful Aplomb by Foscarini concrete effects have been included.
The Castore byArtemide supports the lights in the dining area and the AIM by Flos characterizes the work desk in the living room.

What do you think of this project for a contemporary industrial-style kitchen and living room? A project of which even I have been pleasantly surprised as it has been able to evolve and for the choices made!


All the paintings included in render are available on Arthewall! With the promotional code “easyrelooking” will have a 15% discount on all paintings and prints
The carpet and added other carpets evaluated in the course of the project are available on De Dimora, with whom I have established a partnership with discounts up to 40% for all EasyRelooking customers.

L’articolo Contemporary industrial-style kitchen and living room proviene da easyrelooking.


 
 

 
 

 
 
 

 

Cucina e soggiorno stile industrial contemporaneo

Pubblicato da blog ospite in Easy Relooking

LEGGI IN INGLESE

cucina_industrial

Andrea è un ragazzo che ha ereditato un appartamento anni ’60 in provincia di Monza e Brianza. Erano già stati previsti  cappotto, revisione muri interni, sostituzioni infissi, riscaldamento a pavimento e ristrutturazione delle camere.

A me ha voluto affidare il compito di arredare la zona cucina e soggiorno, di circa 45mq, con altezza del soffitto di i 3,15metri.

Le esigenze

Andrea mi ha subito indicato dei punti fermi per il suo progetto di interni:

  • assolutamente no bianco
  • colori sul grigio, nero, terra e legno
  • cucina aperta con zona pranzo vicina
  • no bancone snack

Queste indicazioni mi hanno subito portato a pensare a una cucina e soggiorno stile industrial contemporaneo!

Il progetto

Pianta2DLa cucina aveva a disposizione uno spazio davvero grande dove potersi sviluppare. Ma siccome bisogna fare i conti tra costi – funzionalità – estetica ho optato per una cucina angolare con isola di un grigio perla molto opaco abbinato ad una boiserie in legno rovere scuro con mensole della stessa finitura. La cucina risulta comunque di dimensioni molto generose.

Nella fase di progettazione ho voluto dare al cliente la possibilità di chiudere all’occorrenza il locale cucina, grazie alla creazione di due pannelli scorrevoli rivestiti in carta da parati fatti creare su misura.

Un’altra cosa che mi ha stupito in questo progetto e che fino ad ora non mi era mai capitato, è stata la richiesta di eliminare la TV, anche in soggiorno.  Si è quindi optato per l’inserimento di una bella libreria a parete laccata nera opaca e un telo automatizzato nascosto nel ribassamento sopra la libreria. Il proiettore verrà appoggiato sopra il muretto dietro al divano, decorato con pittura effetto bronzo.  Soluzione interessante, non credi? questo sì che rappresenta un vero tocco industrial!

Inoltre il muretto diventa elemento decorativo che permette di appoggiare quadri e oggetti ma anche elemento funzionale sia per il proiettore che per la zona scrivania, di fronte alla quale viene ricavato un vano contenitivo nel muretto stesso.

Luci e ribassamenti

Completano il progetto i giochi di luce creati. L’altezza del soffitto di 3,15metri ha permesso di creare un ribassamento di 30cm all’ingresso con striscia led, sopra la libreria del soggiorno con 3 faretti e sopra i pannelli scorrevoli. Il ribassamento in ingresso permette di nascondere la trave portante tra soggiorno e cucina e di includere i binari per lo scorrimento dei pannelli. In cucina il ribassamento è alto solo 18cm per i cassonetti delle finestre che non permettevano di abbassarlo ulteriormente. Sono state inserite due linee di faretti (8 faretti in totale) in cucina per un’illuminazione diffusa, a supporto dell’illuminazione con luci led sotto i pensili.

Sull’isola e sul tavolo, sono state inserite le bellissime Aplomb di Foscarini effetto cemento.

La Castore di Artemide da terra supporta l’illuminazione nella zona pranzo e la AIM di Flos caratterizza la zona scrivania in soggiorno.

Cosa ne pensi di questo progetto di una cucina e soggiorno stile industrial contemporaneo? Un progetto di cui anche io sono rimasta piacevolmente colpita per come si è potuto evolvere e per scelte portate avanti!


Tutti i quadri inseriti nei render sono disponibili su Arthewall! Con il codice promozionale “easyrelooking” avrai uno sconto del 15% su tutti i quadri e stampe

Il tappeto inserito e altri tappeti valutati nel corso di progetto sono disponibili su De Dimora, con cui ho instaurato una partnership con sconti fino al 40% per tutti i clienti di EasyRelooking.

L’articolo Cucina e soggiorno stile industrial contemporaneo proviene da easyrelooking.


 
 

Porta blindata da interni Neko: personalizzazione e sicurezza

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Pensare alla nostra casa evoca le sensazioni più piacevoli. Il “nido” dove vivono i nostri affetti.

La tranquillità di esprimere le nostre emozioni. Il calore e la simpatia delle serate divertenti. L’entusiasmo di concepire nuovi sogni da realizzare. Studiare per prepararsi al futuro. La nostra casa, dove riposare sereni e sentirsi protetti.

Una porta blindata riesce a garantire tutto ciò.

NEKO

ALBA DOORS propone NEKO, un nuovo concetto di protezione che nasce dall’esigenza di offrire in casa, un sistema di sicurezza che abbia la stessa efficacia di una vera porta blindata unita all’eleganza ed allo stile di una porta d’interni.

neko1

Nonostante le sue ridotte dimensioni riesce a vantare una resistenza all’effrazione CLASSE 3 ed un isolamento acustico di ben 38 dB (Neko Plus).

Questo tipo di porta offre sicurezza con un semplice click. Alzando verso l’alto la maniglia interna, il meccanismo attiva i catenacci in acciaio della serratura che vanno a posizionarsi all’interno del telaio.
Dall’esterno risulterà bloccata a doppia mandata, ma abbassando la maniglia interna la porta si aprirà in maniera semplice e rapida.
neko2
neko4
NEKO è disponibile in quattro diversi allestimenti: Neko Privacy, Neko Secure, Neko Glass e Neko Plus.
neko3

Salva


 
 

Concorso idee The Future of Urban Lighting

Pubblicato da blog ospite in Luxemozione

Link all’articolo originale: Concorso idee The Future of Urban Lighting
articolo scritto da: Giacomo

La luce può essere un  potente strumento di design e riqualificazione degli spazi della città, ma solo se ben progettata. I canoni di progetto della luce in ambito urbano vanno ben oltre le sole tabelline di excel,  che oggi van tanto di moda, e che parlano solamente di “efficientamento” (parola che suona orrenda così come il valore che ne riferisce).

Per esser chiari, il risparmio energetico è nulla senza controllo, la progettazione mirata, coordinata, pianificata  ed intelligente è la chiave. Basta fare un giro per “Milano  illuminata a LED” per chiarirsi le idee e comprendere come, al contrario, può essere brutta l’illuminazione urbana se non progettata a regola d’arte.

La luce nella città è un tema a me molto caro, titolo tra le altre cose della mia tesi di laurea, entro la quale (quasi un ventennio fa) si parlava di mancanza, in Italia, di vere strategie di progettazione della luce in ambito urbano.

A ben vedere è stato anche il tema cardine del Light Ride Milano che ho organizzato, assieme ad Helena Gentili , in occasione dell’ International Year of Light indetto da Unesco nel 2015.

Su luxemozione sono state pubblicati diversi articoli sull’argomento, a cui vi rimando per non dilungarmi troppo ed arrivare velocemente al punto.

International Design Ideas Competition

Questa preambolo per presentarvi un concorso indetto dall’organizzazione di PLDC 2017  Professional Lighting Design Convention, che avrà luogo a Parigi il prossimo Autunno.

La competizione internazionale, dal titolo The future of urban lighting, ha come tema cardine proprio l’illuminazione, progettata, in ambito urbano.

Come saranno le città del futuro? Su questo argomento sono invitati ad intervenire, con progetti mirati, Lighting Designer, Architetti, ingegneri, uniti possibilmente in team multidisciplinari di progettazione.

La modalità rimanda, molto chiaramente, al concorso Urban Lightscape, che si è svolto in occasione della scorsa edizione di PLDC 2015 a Roma.

Concorso vinto dal team di amici e colleghi composto da Helena Gentili, Daria Casciani e Carlo D’Alesio. Vi rimando in merito alla bella intervista che pubblicai subito dopo la premiazione.

·         Intervista a Genius Luci vincitori di Urban Lightscape

I dieci migliori progetti d’idea inviati, con proposte di soluzioni innovative ed intelligenti, in supporto e sviluppo degli spazi sociali della città, verranno mostrati in occasione di PLDC, durante la settimana di convention parigina dal 27 ottobre, al 5 novembre prossimi.

I primi tre progetti selezionati saranno premiati con 5000€, 3000€ e 1500€ rispettivamente, ed i nominativi saranno annunciati alla serata conclusiva di Gala il 4 di novembre 2017.

prize PLC Professional Lighting Design Convention

Il concorso di idee è globale ed aperto a tutti, il bando di partecipazione può essere scaricato liberamente cliccando qua

per accedere al concorso è necessario versare:

  1. per i professionisti, una quota di iscrizione di 75€,
  2. per studenti 35€ più tessera di riconoscimento.

Per le sottoscrizioni dev’esere utilizzato il form di registrazione accessibile al seguente link entro il  31 di marzo ed inviare i materiali non oltre la mezzanotte del 15 maggio 2017.

prize PLC Professional Lighting Design Convention

Sono partner dell’evento

prize PLC Professional Lighting Design Convention

Mi raccomando, participate numerosi!

Puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo in parte e fornendo un link all’articolo originale.
Link al post originale: Concorso idee The Future of Urban Lighting pubblicato su Luxemozione Luxemozione – News dal mondo della luce

Copyright © Giacomo Rossi.


 
 

Fiori freschi: un tocco di colore in casa

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor
Decorare casa con i fiori freschi

I fiori freschi sono un elemento decor in grado di vivacizzare e valorizzare qualsiasi ambiente o angolo della casa.

Con l’arrivo della primavera scatta in tutti noi la voglia di aggiungere qualche nuovo dettaglio decor alla nostra casa, e allora perché non scegliere una bella composizione di fiori freschi? Con i loro colori e profumi porteranno certamente una ventata di freschezza dentro le mura domestiche.


Rose, peonie, ranuncoli, tulipani, si può scegliere di fare un bel mix di fiori freschi in diverse tipologie e colori, oppure optare per una sola varietà e nel colore che più si intona alle tonalità già presenti nella stanza. 

La soluzione più classica e veloce è certamente quella di creare una bella composizione da mettere in un vaso da collocare sopra una madia, al centro del tavolo da pranzo, in un angolo della cucina e così via. Se invece desiderate qualcosa di più originale e meno scontato, potete ad esempio riciclare dei barattoli di vetro da cucina e appenderli, oppure creare una cascata di fiori appesi al soffitto!


Decorare casa con i fiori freschi è il modo più semplice e anche il meno costoso, inoltre con la giusta dose di creatività e un po’ di ingegno si possono realizzare composizioni floreali davvero uniche.

Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
Decorare casa con i fiori freschi
immagini via Pinterest




 
 

Un’oasi minimalista

Pubblicato da blog ospite in Voglia Casa

Una ristrutturazione effettuata 15 anni fa in questa bella e tranquilla villetta ad Anversa, in Belgio.

Un modernismo senza tempo. Pur essendo tutto pensato e studiato all’insegna del minimalismo, guardandola la si può davvero definire CASA!

VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox01 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox02 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox04 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox05 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox06 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox07 VVDII-Residence-Antwerp-Belgium-sunday-sanctuary-oraclefox08

Salva


 
 

5 comodini salvaspazio per camere piccole

Pubblicato da blog ospite in ArredaClick, BlogArredamento Aziende

Le dimensioni standard di un comodino sono: larghezza 45-50 cm, profondità 30-40 cm, altezza 40-50 cm. Queste misure indicative si rivelano molto lontane dalla realtà quando si deve arredare una camera da letto piccola o piccolissima. E allora cosa usare al posto dei comodini quando le dimensioni della camera sono davvero ridotte? Per aiutarti a risolvere i problemi di spazio abbiamo selezionato 5 comodini salvaspazio per camere da letto piccole. Queste cinque proposte non sono veri e propri comodini ma possono essere affiancati al letto e utilizzati come se lo fossero. Sono poco ingombranti, occupano uno spazio davvero ridotto, sono piccoli ma tanto utili e funzionali.

1. Comodino / mensola sospesa
Quando lo spazio è davvero risicato (o quando si preferisce occupare i pochi centimetri a disposizione con soluzioni minimaliste) è consigliato optare per mensoline sospese da integrare alla struttura e al giroletto dei letti HomePlaneur.
Il piano d’appoggio è molto esiguo ma d’altronde il comodino dovrebbe servire ad appoggiare solo quei piccoli e pochi oggetti che si vuole avere a portata di mano durante la notte, non sei d’accordo?

Mensola sospesa Plano per letti HomePlaneur

 

2. Comodino integrato nella struttura del letto
Due in uno, il letto si trasforma anche in comodino. La struttura imbottita del letto con comodini integrati Tokyo ha dimensioni generose, maggiori rispetto a quelle del vano rete e del materasso. Il piano d’appoggio può essere utilizzato per appoggiare libri, occhiali, smartphone e acqua.

Letto Tokyo con comodini integrati nella testiera e giroletto largo

 

3. Comodino servetto
Si può pensare di sostituire il classico comodino a cassetti con un tavolino servetto da posizionare al fianco del letto. Piccolo, compatto, leggero, maneggevole e facile da avvicinare o allontanare quando serve, questo comodino a giorno sagomato ha un piano leggermente ruotato rispetto alla base.

Comodino tavolino servetto Duffy, leggero e facile da spostare

 

4. Tavolino ad uso comodino
Libero sfogo alla fantasia e alle soluzioni d’ingegno. Se scegli di affiancare al letto un tavolino ad uso comodino puoi essere certo di avere un arredo di tendenza, flessibile e versatile. Quando vorrai cambiare il look della camera potrai semplicemente spostare il tavolino in soggiorno e sostituire i comodini. Attenzione: ricordati di scegliere un modello dalle dimensioni compatte, meglio se con sviluppo in altezza.

Tavolino rotondo uso comodino Banks

 

5. Comodino ricavato da una nicchia nel muro
Il comodino non esiste, è completamente sostituito da una nicchia nel muro attrezzata con mensole e ripiani. Creare un vano con piani d’appoggio richiede una progettazione preliminare della stanza e qualche lavoro di costruzione ma si rivela un’alternativa valida ed intelligente per sfruttare al meglio lo spazio… soprattutto quando è poco.

Nicchia nel muro attrezzata con mensole lineari su misura Alma

 

Cosa pensi di questi comodini salvaspazio? Se desideri maggiori informazioni sui prodotti o un preventivo personalizzato clicca sul banner qui sotto.
Se non hai ancora trovato il comodino giusto per la tua camera da letto piccola chiedici aiuto. I nostri esperti arredatori ed architetti sapranno consigliarti delle valide alternative.


 
 

Oh My Bosch! Un piccolo monolocale a Lublin

Pubblicato da blog ospite in Dettagli Home Decor

Un appartamento di 30 metri quadrati scandito da un piacevole mix di stile classico, design ricercato e soluzioni salvaspazio originali.

Amiamo molto i progetti d’interior design che riguardano i piccoli appartamenti perché sono sempre pieni di sorprese, e questo spazio è davvero straordinario! 

La progettazione di un monolocale richiede sempre l’inserimento di soluzioni originali per ottimizzare al massimo ogni centimetro a disposizione, sfruttando anche lo spazio in altezza se possibile, ad esempio creando un soppalco per la zona notte.  

In questo caso, grazie all’ampia altezza del soffitto, è stato possibile ricavare un suggestivo soppalco “total green” per la camera da letto e dedicare maggior spazio all’ambiente cucina e anche al bagno.

Le scelte d’arredo e le preziose finiture in legno e marmo, sono in perfetta sintonia con lo stile classico dell’appartamento.

progetto di:  Home and Wood


 
 
               

Torna su